Navigation – Plan du site
  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon
Dossier

Da Antonello Petrucci a Vito Pisanello: alcune considerazioni sui primi segretari regi nella Napoli Aragonese (1458-1501)

D’Antonello Petrucci à Vito Pisanello : considérations sur les premiers secrétaires royaux dans la Naples aragonaise (1458-1501)
From Antonello Petrucci to Vito Pisanello: about the king’s first secretaries in the Aragonese Naples (1458-1501)
Alessio Russo

Résumés

Cet article, à travers l’analyse des différents personnages qui se sont succédé dans la charge, offre un nouveau cadre interprétatif intégral, bien que non exhaustif, de la personne du premier secrétaire dans le royaume aragonais de Naples du XVe siècle et du début du XVIe siècle.

Haut de page

Texte intégral

1Nel meridione come altrove si delinea, nel Quattrocento e nel primo Cinquecento, nelle funzioni di segretario, un’articolazione tra logica tradizionale – più tecnica – di cancelleria e nuove esigenze di rappresentanza e gestione degli affari di Stato, alla quale contribuiscono risvolti specifici dipendenti dalla struttura istituzionale del Regno, profondamente segnata dall’avvento e dal radicamento della dinastia aragonese.

2In questo contributo, piuttosto che soffermarsi su di un singolo personaggio, si tratterà quindi di offrire un quadro interpretativo integrale, per quanto naturalmente non esaustivo, della figura del primo segretario nel Regno di Napoli del secondo Quattrocento, allo scopo di rendere conto di una fusione singolare di tradizione e di novità. Ci si soffermerà dunque in paricolare sulle distinzioni e similitudini fra i tre casi, più rilevanti, di Antonello Petrucci, Giovanni Pontano e Vito Pisanello.

  • 1 In particolare, per il regno di Ferrante, si vedano: F. Storti, «El buen marinero»: psicologia pol (...)

3Il Regno di Napoli, bisogna aggiungere, è troppo spesso stato marginalizzato, quando non ignorato del tutto dai lavori di carattere comparativo, nonostante, a partire dagli ultimi anni, un rinnovato filone di studi stia sempre più facendo emergere la sua assoluta centralità nell’ambito dei processi europei di sviluppo culturale, ideologico e istituzionale1. Inoltre, la storiografia napoletana che pur si è occupata del segretario aragonese, non ha mai sviluppato una riflessione generale su quella figura dalle origini del dominio indipendente del Regno, con Ferrante I (1458-1492), alla fine, determinata dalla conquista franco-spagnola.

  • 2 Si veda a tal proposito R. Delle Donne, Le cancellerie dell’Italia meridionale (secoli XIII-XV), « (...)
  • 3 G. Vitale, Sul segretario regio al servizio degli Aragonesi di Napoli, «Studi storici», a. XLIX, n (...)
  • 4 Ibidem, p. 295.
  • 5 Ibidem, p. 298.

4Nel Regno aragonese di Napoli, nella seconda metà del secolo XV, operavano per conto del sovrano, Ferrante I, diversi segretari regi, ufficialmente funzionari della cancelleria secondo la tradizione burocratica2. Tra questi vi era poi un primo secretario, un capo della segreteria, dunque, che assunse particolari funzioni non certo circoscrivibili al solo ambito dell’elaborazione e della registrazione delle lettere regie e degli atti. Sulle sue attribuzioni e caratteristiche specifiche, in età aragonese, si è soffermata in primo luogo Giuliana Vitale, che in uno studio del 2008 analizza le figure degli eminenti segretari di re Ferrante, Antonello Petrucci e Giovanni Pontano3. Il segretario, scrive, «svolse funzioni talora di grande responsabilità, impegnandosi anche nella conduzione di audaci e difficili operazioni diplomatiche, nella ricerca originale di percorsi politici, di scelte strategiche di governo di grande respiro, nell’esercizio di capacità di “persuasione” del principe e di “intermediazione” fra i soggetti politici interni al regno e con quelli esterni»4. Il contemporaneo Troiano Caracciolo (metà del sec. XV-1520), d’alto canto, osservava già che re Ferrante, «cum statuisset uni tantumres suas credere, hunc potissimum elegit, qui et aurium et oris eius fungeretur vicibus»5.

5Fu creato, dunque, una sorta di alter ego del sovrano. Lo notava anche Giovanni Cassandro, le cui considerazioni, così come quelle del Caracciolo, Giuliana Vitale ha provveduto a sottolineare. Qui sembra tuttavia doveroso riproporle, data la loro efficacia:

  • 6 G. Cassandro, Lineamenti del diritto pubblico del Regno di Sicilia citra Farum sotto gli Aragonesi(...)

Importante funzione compì sotto gli Aragonesi il Segretario. […] Segretari ve ne erano in vario numero: certo variabile ad arbitrio del Sovrano; troviamo però, fra essi, un capo col nome di primo segretario. A nostro parere, però, questa fu una carica relativa più alla persona del Re che allo Stato. Quindi a rigore il Segretario non fu un officiale della Corona. Ed è appunto questo carattere personale dell’officio, che, se da un canto rese il Segretario quasi un alter ego del sovrano, d’altra parte impedì che le sue attribuzioni si fissassero con precisione.6

  • 7 Ibidem, p. 321.
  • 8 Per la biografia del Pontano si veda: B. Figliuolo, Pontano, Giovanni, in Dizionario biografico de (...)
  • 9 G. Vitale, Sul segretario regio..., cit., p. 321.

6Per quanto riguarda le caratteristiche dei primi segretari regi, e le ragioni della loro selezione, Giuliana Vitale fa notare come, nel passaggio da Antonello Petrucci a Giovanni Pontano, rispettivamente primi segretari dal 1462 (circa) al 1486, e da quest’anno al 1495, vi furono due sostanziali cambiamenti: il Pontano fu in primo luogo selezionato come successore del Petrucci in quanto «estraneo alla realtà feudale e addirittura all’ambiente napoletano»7, che avevano invece corrotto il Petrucci portandolo persino a tradire il sovrano per i propri interessi patrimoniali (e non solo)8, a trasformarsi «paradossalmente da strumento della volontà regia in suo oppositore»9. Questa lettura mi sembra del tutto ineccepibile, se si considera il trauma provocato dal tradimento del Petrucci nella corte napoletana e nella persona dello stesso sovrano, a lui legato da un rapporto di fiducia e stima di lungo corso. Un trauma che a corte, per qualche tempo, portò persino a far pensare che il re volesse tornare indietro rispetto alle passate sperimentazioni, accentrando maggiormente il potere nelle proprie mani, e distribuendo diversamente le funzioni del primo segretario a beneficio di più d’un funzionario. Vitale sottolinea inoltre il fatto che Antonello Petrucci era un tecnico della cancelleria, dove si era formato sin dagli anni giovanili ricoprendo vari incarichi (scrivano, segretario semplice, sigillatore e percettore dei diritti del regio sigillo maggiore, conservatore dei registri, portiere, luogotenente del Gran Cancelliere), mentre il Pontano si sarebbe presentato come uomo di levatura culturale e autorevolezza di gran lunga maggiore.

  • 10 Queste notizie biografiche sono naturalmente tratte dalle due voci del Dizionario biografico degli (...)

7La grande fama del Pontano umanista fu un elemento di spicco, ma sembra tuttavia abbia in qualche modo inficiato la visione d’insieme, mettendo per così dire in ombra fondamentali elementi di continuità. Pontano, infatti, prima ancora di essere elevato a indiscussa autorità letteraria, era anch’egli un impiegato della cancelleria regia (scrivano nel 1451, poi segretario semplice, infine, dal 1460, luogotenente del protonotaro Onorato Caetani), ed era stato sottoposto al Petrucci – col quale doveva avere dunque grande familiarità, oltre a condividere con lui le specifiche competenze d’ufficio –, non solo qui, ma anche nel massimo ufficio amministrativo del Regno, la Camera della Sommaria (organo di revisione di tutti i conti dello Stato). Lì, d’altro canto, Petrucci era presidente dal 1460, e nel 1465 Pontano risulta essere impiegato come consigliere10. Questi sono dati di non poco conto: cancelleria e sommaria erano, potremmo dire, canali privilegiati di conoscenza delle procedure amministrative e delle dinamiche interne al Regno, luoghi di potere che formavano i futuri primi segretari, i quali, è bene ricordarlo, dovevano divenire in un disegno coerente quasi degli alter ego del re, capaci di districarsi nelle più varie situazioni, dalla conduzione di importanti negoziati, sia all’interno che all’esterno del Regno, alla discussione di rilevanti affari di Stato, concernenti le finanze, il governo, la politica estera.

  • 11 F. Storti, Riflessioni sul ruolo politico di Giovanni Pontano a partire da alcune considerazioni d (...)

8Tali considerazioni sulla formazione cancelleresca e amministrativa del Pontano, messa in ombra dalla sua fama umanistica, sono in realtà già anticipate in uno studio di Francesco Storti (2018)11, dove si legge:

  • 12 Ibidem, p. 4.

È in realtà, a non voler banalizzare e dar per scontati i fatti, questo della scelta di Pontano come primo segretario e consigliere, un argomento quasi mai veramente discusso, probabilmente a causa dell’eminenza stessa del personaggio, che ha eluso inconsciamente, per così dire, la necessità di una riflessione.12

  • 13 Su Maso da Girifalco si vedano anche le considerazioni di F. Storti nel suo «El buen marinero»..., (...)

9A questo punto un salto all’indietro permette di cogliere i più profondi criteri di selezione che portarono all’ascesa del Petrucci, primo personaggio, come si è detto, ad essere interessato dalle sperimentazioni del sovrano sulla figura del segretario regio. Con la successione al trono di Ferrante (1458) ci si trovò in questa situazione: l’ufficio di segreteria era stato comprensibilmente italianizzato, in conseguenza della parallela rimozione di gran parte degli ufficiali di provenienza iberica, e si attesta l’effettiva concentrazione delle funzioni di primo segretario nelle mani di due uomini: il siciliano Tommaso di Girifalco, detto Maso13, e, appunto, il Petrucci.

  • 14 F. Senatore, Parlamento e luogotenenza generale..., cit.

10Tommaso di Girifalco, già notaio e funzionario della Sommaria, aveva cominciato la sua carriera da segretario direttamente al servizio di Ferrante, quando questi era ancora duca di Calabria, titolo destinato, nel Regno, all’erede al trono. Egli era dunque il suo primo segretario personale, e potrebbe pertanto sembrare ovvio che fosse, in virtù di quel ruolo, oltre che più legato al nuovo re rispetto al Petrucci, anche più addentro agli affari di Stato. Ma non è così: ce lo suggerisce lo studio approfondito di Francesco Senatore sulla figura stessa del primogenito e sul suo reale peso istituzionale all’epoca di Alfonso il Magnanimo14, dove emerge il fatto che un effettivo ruolo di alter ego del re, di co-reggitore dello Stato, fu affidato all’erede al trono, in qualità di luogotenente/vicario generale, solo a partire dal regno di Ferrante I, il quale modificò coscientemente il modello paterno di gestione del potere nell’ambito della famiglia reale. Modello che prevedeva, in sostanza, un netto accentramento di quello nelle mani del sovrano, una scarsa condivisione delle responsabilità di governo con i membri della famiglia reale, e dunque con il primogenito.

11Così riporta ad esempio Antonio da Trezzo, ambasciatore sforzesco a Napoli, in una ormai ben nota lettera del 14 dicembre 1458, in cui re Ferrante si riferisce al ruolo futuro del figlio primogenito, Alfonso II:

  • 15 Antonio da Trezzo a Francesco Sforza, Teano, 14 settembre 1458, in Dispacci sforzeschi da Napoli, (...)

Se esso suo figliolo serà virtuoso et da bene come spera, non lo tegnerà così basso né remesso come la maestà del signore re condam suo padre l’ha tenuto luy e li soy, che gli darà le imprese et gli remetterà la mazore parte de le facende del stato.15

12Se Ferrante era stato tenuto, come egli stesso confessa, basso e remesso, escluso in parte dalle facende del stato, risulta dunque evidente che tale condizione abbia interessato anche il suo segretario personale, Tommaso di Girifalco, il quale si trovò dunque in uno stato di subordinazione nei confronti del Petrucci, funzionario di spicco presso il Magnanimo (era fra l’altro allievo del suo influente segretario, Giovanni Olzina), capace di garantire maggiore continuità ed esperienza governativa.

13Una volta che Ferrante ebbe accordato al proprio primogenito un maggior ruolo nella gestione dello Stato, tuttavia, come dimostrato da Senatore, uno dei criteri principali di selezione del primo segretario regio divenne, come è ben facile intuire, proprio la sua vicinanza all’erede al trono, che di per sé comportava una vicinanza privilegiata al vertice del potere. Sia in termini di legame fiduciario, che di esperienza effettiva, quella condizione divenne dunque un pilastro nella struttura del segretario, nel suo curriculum, potremmo dire.

  • 16 F. Storti, Riflessioni sul ruolo politico di Giovanni Pontano..., cit.
  • 17 P. Magistretti, Lutto e feste della Corte di Napoli: relazione diplomatica dell’ambasciatore milan (...)
  • 18 Loc. cit.
  • 19 Loc. cit. Sul de Scorciatis si veda in particolare: B. Pio, Scorciatis, Giulio de, in DBI, vol. XC (...)

14Il Pontano – che era stato precettore del giovane Alfonso II a partire dal 1463 (al posto dell’ormai anziano Panormita, Antonio Beccadelli), poi primo segretario della moglie di quello, Ippolita Sforza (dal 1475 al 1480), e infine nuovamente passato al servizio del duca di Calabria, stavolta come primo segretario, appunto, dal 1481 – fu dunque il candidato ideale per sostituire il traditore Petrucci, decollato l’11 maggio 1487, come nota già Francesco Storti nel suo studio16. Egli, in virtù della vicinanza all’erede al trono, sopravanzò anche candidati altrettanto esperti e in vista come il potente e dotto giusperito Giulio de Scorciatis, il quale, come annotava l’oratore sforzesco Antonio Stanga, aveva così «grande auctorità che l’haveva de expedire quasi tutte le facende del Regno et essere quodammodo secondo re»17. Costui, che era inoltre un alto funzionario della Sommaria, si ritrovò quindi «assai abbattuto», mentre il Pontano divenne, come primo segretario regio, «quello che intervene alla expedicione de tutte le faccende»; «et niuno è che», conclude Stanga, «post la persona del Re, habia magiore concurso, né auctorità de lui»18. Mi sembra tuttavia doveroso accogliere e ribadire l’appello di Giuliana Vitale e di Ernesto Pontieri, che già hanno sottolineato come il de Scorciatis, «complessa, vivace, spregiudicata personalità», meriterebbe di essere oggetto di una specifica indagine19.

  • 20 Si veda F. Nicolini, Altilio, Gabriele, in DBI, vol. II (1960).

15Ad ogni modo, il modello incarnato dal Pontano tese a divenire strutturale nella definizione della fisionomia di primo segretario regio aragonese, persino in un momento di profonda crisi politica. Ferrante II (detto Ferrandino), successore di Alfonso II, dovendo nel 1495 sostituire un Pontano ormai anziano, e per giunta compromesso con gli invasori francesi, che aveva accolto al loro arrivo a Napoli guidati da Carlo VIII, non a caso scelse, come proprio primo segretario regio, Gabriele Altilio: un ecclesiastico umanista membro dell’Accademia del Pontano, che tuttavia era stato soprattutto suo precettore e segretario personale quando era ancora principe di Capua e poi duca di Calabria, e che in tale veste lo aveva seguito in guerra e nelle difficili trattative diplomatiche degli anni Ottanta e Novanta del Quattrocento20.

16Anche su quest’ultimo andrebbe ampliata l’indagine, soprattutto per capire i motivi che lo spinsero in sostanza a lasciare la carica (o ad esservi allontanato) dopo l’invasione francese, per non farvi più ritorno. Si ritirò infatti nel suo vescovato di Policastro, da cui non volle muoversi nemmeno quando Ferrandino ebbe riacquisito il Regno.

  • 21 C. Cantalupi, Il declino degli Aragonesi di Napoli nel Libro de la Methamorphosi di Benet Garret, (...)

17Al suo posto subentrò dunque il catalano Benet Gareth (o Garrett), detto il Cariteo, che era tuttavia giunto a Napoli in giovane età, presumibilmente tra il 1466 e il 1468, divenendo accademico pontaniano e soprattutto entrando a far parte della cancelleria regia (prima come scrivano, poi come successore del Petrucci in qualità di percettore delle entrate del regio sigillo). Le attuali notizie biografiche sul Cariteo non permettono di stabilire con certezza se egli fosse stato precedentemente segretario o precettore presso Ferrandino, come l’Altilio, ma possiamo certamente affermare che ebbe un legame di lungo corso con quello sin da quando era principe di Capua, cioè figlio dell’erede al trono Alfonso II: lo attesta, fra l’altro una sua Canzone politica in lode del serenissimo signor principe de Capua21.

  • 22 Su Federico d’Aragona mi permetto di rinviare al mio A. Russo, Federico d’Aragona (1451-1504): pol (...)
  • 23 Si veda il già citato I. Parisi, Un informatore del Cattolico..., cit.

18Federico d’Aragona, ultimo re della dinastia aragonese di Napoli22, che successe al nipote Ferrandino, morto prematuramente di malattia nell’ottobre del 1496, non riconfermò il Cariteo nella sua veste di primo segretario, pur lasciandogli lo stipendio a mo’ di risarcimento onorifico. Scelse invece il proprio segretario personale, Vito Pisanello. Questo cambio al vertice può essere dovuto al fatto che il Cariteo era già di per sé un rimpiazzo momentaneo del più competente Altilio, oramai ritiratosi, o potrebbe anche avere le sue radici nei rapporti del catalano con la corte spagnola23, che indussero il prudente Federico, che già nella difficile fase della sua successione aveva dovuto sventare i possibili colpi di mano del partito filospagnolo a Napoli, a relegarlo ai margini della politica.

19Ad ogni modo, Vito Pisanello non rappresentò una scelta di rottura con il passato. Anzi, egli era stato appunto segretario personale di Federico quando questi non solo era principe di Altamura, ma soprattutto luogotenente generale del regno per conto di Ferrandino. In questa fase Federico era praticamente un co-reggitore dello Stato, così come lo era stato Alfonso II per il padre, Ferrante, tanto che proprio Alfonso, nel suo testamento, ribadiva al giovane figlio di avvalersi costantemente dell’esperienza di governo dello zio:

  • 24 G. Gallo, Diurnali, e altre tre scritture pubbliche dell’anno 1495, a cura di S. Volpicella, Napol (...)

Item detto signor Re ordina, et commanda al predetto suo Primogenito, che si voglia ben portare con l’Illustrissimo Principe d’Altamura suo zio, e tenerlo come à Padre, et mantenerli lo stato, dignitate, officii, preminentie, quale la bona memoria del signor Re loro Padre et sua Maestà 1’hanno dato et concesso; et cosi debbia ascoltare li suoi ricordi come di Padre, perché sua Maestà sape che detto Prencipe lo ama come proprio figlio, et per questo esso voglia tenerlo ben contento, et compiacerli in ogni cosa possibile.24

  • 25 A. F. Parisi, I capitoli concessi da Federico d’Aragona all’università di Maida, «Archivio paleogr (...)
  • 26 Nel 1496 si pensava anche di inviarlo a Milano, in qualità di oratore, ma poi re Federico decise d (...)
  • 27 Si vedano in particolare: Regis Ferdinandi primi istructionum liber, 10 maggio 1486-10 maggio 1488(...)

20Vito Pisanello aveva sopravanzato altre figure di segretari principeschi che avevano accompagnato il giovane Federico nella sua lunga esperienza da comandante militare, feudatario, rappresentante della Corona all’interno e all’esterno del Regno; figure anche molto legate a Federico e che saranno da questo, una volta salito sul trono, largamente impiegate, come consiglieri e diplomatici, al servizio dello Stato. Si pensi al napoletano Antonio de Gennaro, già dal 1485 (e fino almeno alla primavera del 1492) consigliere di Federico principe di Taranto e di Squillace25, e durante gli anni di regno utilizzato come suo oratore in Spagna (dal 1497)26. Oppure si prenda ad esempio Troiano de Bottunis, esperto giusperito, che, prima di comparire come segretario personale di Federico (in un breve scorcio del 1478), addirittura era stato al servizio, come auditore, di più principi-luogotenenti di Ferrante I, come Enrico d’Aragona e Alfonso II, nonché dello stesso sovrano, ed era stato per di più presidente della Camera della Sommaria (1479), ambasciatore a Ferrara, Firenze, Roma e Milano, e anche commissario regio in Abruzzo (1486)27.

  • 28 Pisanello riscosse il suo primo stipendio da segretario il 31 agosto del 1497, di 264 ducati, spet (...)
  • 29 Si veda: M. Camera, Memorie storico-diplomatiche dell’antica città e ducato di Amalfi, Salerno, St (...)
  • 30 Loc. cit.
  • 31 E. Pèrcopo, Le rime di Benedetto Gareth detto il Chariteo: secondo le due stampe originali, Napoli (...)
  • 32 G. Ambrogi, Per la reintegra al Regio demanio chiesta dalla città di Montelione…, Napoli, [s. n.], (...)
  • 33 O. Mastrojanni, Sommario degli Atti della cancelleria di Carlo VIII a Napoli, «Archivio storico pe (...)
  • 34 R. Delle Donne, Burocrazia e fisco..., op. cit., p. 77.

21Vediamo allora nel dettaglio chi era questo semisconosciuto Vito Pisanello28: il segretario non risulta avere alcun legame con la cultura umanistica dell’epoca, né con la grande nobiltà napoletana; è un giusperito funzionario di cancelleria, figlio di un notaio di Amalfi, Andrea, e notaio a sua volta (così come altri suoi stretti parenti)29. Il padre era tuttavia stato già segretario personale di Isabella di Chiaromonte, prima sposa di Ferrante I, il che non è di poco conto, visto l’effettivo potere luogotenenziale esercitato dalla regina, la quale poté avvalersi di Andrea Pisanello nel governo di Napoli30. Anche due suoi fratelli, Giovanni e Teseo, erano certamente impiegati nella cancelleria. Il primo poiché insieme a Vito ricevette denari per la sua «andata in Puglia, appresso lo signor Pontano secretario della maestà del signor re»31; il secondo, in quanto nel 1497 lo troviamo già titolare della carica di conservatore dei memoriali che «si spedivan dal re»32. La carriera di Vito nella cancelleria regia, che come si è detto era dunque ufficio caratterizzato dal consistente radicamento familiare, è così riassumibile: scrivano intorno al 1480, segretario semplice circa dal 1490 al 1495, quando opera ancora nella cancelleria sotto Carlo VIII, che lo interpella per dirimere alcune questioni relative all’assegnazione di rendite e feudi a nobili francesi giunti nel Regno al suo seguito33. Non è certo che abbia avuto ruoli anche all’interno della Sommaria prima del regno di Federico (che lo immise nella Camera in qualità di presidente non serviente), ma di sicuro ne aveva il fratello, Pirro, che figura tra i presidenti servienti già dal 149534. Possiamo dunque affermare che Pisanello corrispondeva a una fisionomia di segretario aderente per molti aspetti a quel modello in formazione che si sta analizzando nel presente dossier di Laboratoire italien: estraneità alla grande feudalità regnicola e napoletana, stato di servizio come segretario presso il principe durante la sua luogotenenza generale, lunga esperienza cancelleresca, estesa anche a molti membri della sua famiglia.

  • 35 Il 18 agosto del 1499, ad esempio, nel pieno di una frenetica trattativa con lo scopo di ricevere (...)

22Tuttavia, presenta delle specificità: egli si configura, infatti, come una figura, per così dire, mediana. Mediana rispetto agli estremi rappresentati dai suoi possibili «concorrenti», l’eminente giurista Troiano de Bottunis, e il grande diplomatico e consigliere di politica estera Antonio de Gennaro. Una figura che ricalca inoltre significativamente quella del già ricordato Maso di Girifalco, notaio anch’esso, utilizzato da Ferrante durante la difficile fase della Guerra di Successione al trono di Napoli. Un segretario adatto ad affrontare l’emergenza, dunque. Non a caso Federico, effettivamente in grande difficoltà, utilizzerà il suo Vito Pisanello in quanto ottimo burocrate e giusperito, capace di garantire continuità e stabilità amministrativa sul fronte interno, nonché di occuparsi di alcuni importanti affari diplomatici35, pur non potendo ricevere nelle sue mani, come era stato ad esempio per il Pontano, praticamente tutti gli affari di governo.

  • 36 Si veda G. d’Agostino, La capitale ambigua: Napoli dal 1458 al 1580, Napoli, Società editrice napo (...)
  • 37 Si pensi ad esempio, fra gli altri, al camerlengo Antonio Grisone, il quale «erat de primis apud d (...)

23Quello che si può notare da una lettura dei dispacci diplomatici dell’epoca (effettuata nella citata monografia su re Federico), è infatti una riduzione dell’intervento attivo del segretario sia nella gestione della politica interna, fatta eccezione per la cura di particolari questioni, e soprattutto dei confitti socio-istituzionali tra Universitas del Popolo e Universitas dei nobili nella capitale36; sia nella gestione della politica estera, nella quale concorrono in primo piano altri consiglieri del re37, la cui influenza è maggiormente sottolineata dagli osservatori esterni, che erano abituati invece a un ruolo ormai preminente del secretario aragonese sotto Ferrante I.

  • 38 Per questa situazione si veda il già citato A. Russo, Federico d’Aragona (1451-1504): politica e i (...)

24Un re minacciato e debole come Federico, con poche risorse economiche e militari, «ostaggio» di alleati con il coltello piantato nel fianco della Corona, messo alle strette dalla propria capitale tumultuosa, attiva e riorganizzata38, necessitava infatti di fare un passo indietro in quanto a delega di responsabilità e concessione di libertà operativa al proprio segretario/alter ego. Egli doveva il più possibile offrire una rappresentazione forte dell’autorità regia in prima persona.

25Ciò si tradusse, sul fronte della politica estera, ad esempio, nella riduzione dei filtri tra sé e gli operatori diplomatici stranieri. Lo fece d’altro canto nei riguardi degli ambasciatori milanesi, a cui concesse, contro la prassi dinastica, di presentarsi al suo cospetto ogni volta che ne avessero avuto la necessità, senza essere domandati o formulare una richiesta preventiva di udienza.

26Lo sforzesco Francesco da Casate, in un dispaccio dell’8 ottobre, scrive infatti che Federico,

  • 39 Francesco da Casate al duca di Milano, Napoli, 8 ottobre 1496, in Archivio di Stato di Milano, Sfo (...)

se ben per costume de questa casa li oratori non andaveno alli re passati se non per facende, o domandati, […] del mandatario de monsignore vostro fratello [Ascanio Sforza] et mi non solo voleva che fossemo fora de questo conto, ma ne pregava che volessemo andarli ad ogni hora, perché haveria gratissimo che intervenessimo a tutto, et lo consigliassemo et dicessemo el parere nostro quando ne paresse che ‘l dovesse fare cosa alchuna.39

  • 40 A. Russo, Federico d’Aragona (1451-1504): politica e ideologia nella dinastia aragonese di Napoli, (...)

27Naturalmente questa situazione rappresenta un estremo, ed era dovuta alla specifica volontà di Federico di ricostituire l’antico asse Napoli-Milano, che per molti anni aveva garantito la protezione del Regno e del ducato sforzesco nei confronti della sempre presente minaccia francese; tuttavia altre lettere, che non è il caso di riportare integralmente, testimoniano il fatto che Federico mostrava sin da subito «piacere grande de dare conto de le actione sue», e che era molto «piacevole de audientie» e spazava «tutte le facende del Regno» in prima persona40.

  • 41 Francesco da Casate al duca di Milano, Napoli, 3 febbraio 1498, in ASM, SPE, Napoli, 1243, s. n.

28Atteggiamenti analoghi sono riscontrabili anche sul difficile fronte interno. In alcune circostanze, però, la figura del segretario risultava ancora di grande rilevanza dal punto di vista rappresentativo. Ad esempio il Pisanello fu inviato dal re in sua vece a sedare le agitazioni a Napoli nel febbraio del 1498, in quanto la sua stessa presenza, come quella del sovrano in persona, rifletteva il saldo controllo della Corona sulla capitale regnicola41.

  • 42 G. Vitale, Sul segretario regio..., cit., p. 321.

29Insomma, negli ultimi anni del dominio aragonese su Napoli, la sperimentazione sul segretario regio, avviata con Ferrante I, in alcuni ambiti fece necessariamente spazio a una sperimentazione che investiva invece la stessa autorità regia, e che aveva l’obiettivo di adeguarla per prima alla difficile congiuntura attraversata dal Regno. Non si ebbe tuttavia una rottura con il passato, dal punto di vista strutturale: il primo segretario continuò ad essere percepito e utilizzato all’occorrenza come alter ego del sovrano, e la sua selezione continuò a dipendere dal valore dell’esperienza amministrativa e governativa fatta al servizio della famiglia reale, e da un’indiscussa qualità, originata e convalidata dal regio servizio nei principali uffici del Regno. Così come per altre questioni di natura istituzionale e ideologica, l’analisi della fine del Regno di Napoli, dei suoi ultimi, travagliati anni di lotta per la sopravvivenza, aiuta dunque lo studioso a valutare la portata e la consistenza delle innovazioni precedenti, avvalorando d’altro canto le parole di Giuliana Vitale, la quale, in conclusione al suo citato studio sul primo segretario, considerava l’intero arco del dominio aragonese indipendente come una «fase caratterizzata da tentativi di sperimentazione di nuove forme d’esercizio del potere regio, che, tuttavia, non ebbero la possibilità di essere pienamente attuate, perché sopravanzate dai mutamenti introdotti dall’instaurarsi del dominio spagnolo»42.

Haut de page

Notes

1 In particolare, per il regno di Ferrante, si vedano: F. Storti, «El buen marinero»: psicologia politica e ideologia monarchica al tempo di Ferdinando I d’Aragona re di Napoli, Roma, Viella, 2014; R. Delle Donne, Burocrazia e fisco a Napoli tra XV e XVI secolo: la Camera della Sommaria e il Repertorium alphabeticum solutionum fiscalium Regni Siciliae Cisfretanae, Firenze, Firenze University Press, 2012; F. Senatore, Parlamento e luogotenenza generale. Il regno di Napoli nella Corona d’Aragona, in La Corona de Aragón en el centro de su Historia 1208-1458: la Monarquía aragonesa y los reinos de la Corona, a cura di J. Á. Sesma Muñoz, Zaragoza, Prensas de la Universidad de Zaragoza, 2010, pp. 435-478; E. Sakellariou, Royal justice in the Aragonese kingdom of Naples: theory and the realities of power, «Mediterranean Historical Review», vol. XXVI, n. 1, 2011, pp. 31-50; E. Scarton e F. Senatore, Parlamenti generali a Napoli in età aragonese, Napoli, FedOA-Federico II University Press, 2018. Sull’ultima fase del regno aragonese, mi si consenta il rimando ad: A. Russo, Federico d’Aragona (1451-1504): politica e ideologia nella dinastia aragonese di Napoli, Napoli, FedOA-Federico II University Press, 2018.

2 Si veda a tal proposito R. Delle Donne, Le cancellerie dell’Italia meridionale (secoli XIII-XV), «Ricerche storiche», a. XXIV, n. 2, 1994, pp. 362-388.

3 G. Vitale, Sul segretario regio al servizio degli Aragonesi di Napoli, «Studi storici», a. XLIX, n. 2, 2008, pp. 293-331.

4 Ibidem, p. 295.

5 Ibidem, p. 298.

6 G. Cassandro, Lineamenti del diritto pubblico del Regno di Sicilia citra Farum sotto gli Aragonesi, Bari, Tip. Cressati, 1934, p. 31. Cfr. G. Vitale, Sul segretario regio..., cit., p. 293.

7 Ibidem, p. 321.

8 Per la biografia del Pontano si veda: B. Figliuolo, Pontano, Giovanni, in Dizionario biografico degli italiani, vol. LXXXIV (2015). Per quanto riguarda il Petrucci, si veda invece: A. Russo, Petrucci, Antonello, in DBI, vol. LXXXII (2015).

9 G. Vitale, Sul segretario regio..., cit., p. 321.

10 Queste notizie biografiche sono naturalmente tratte dalle due voci del Dizionario biografico degli italiani summenzionate, che costituiscono ricostruzioni molto affidabili e particolareggiate.

11 F. Storti, Riflessioni sul ruolo politico di Giovanni Pontano a partire da alcune considerazioni degli oratori fiorentini a Napoli, in La letteratura italiana e le arti: atti del XX Congresso dell’ADI – Associazione degli Italianisti (Napoli, 7-10 settembre 2016), a cura di L. Battistini, V. Caputo, M. De Blasi et al., Roma, Adi editore, 2018.

12 Ibidem, p. 4.

13 Su Maso da Girifalco si vedano anche le considerazioni di F. Storti nel suo «El buen marinero»..., op. cit.

14 F. Senatore, Parlamento e luogotenenza generale..., cit.

15 Antonio da Trezzo a Francesco Sforza, Teano, 14 settembre 1458, in Dispacci sforzeschi da Napoli, vol. II: 4 luglio 1458-30 dicembre 1459, a cura di F. Senatore, Salerno, Carlone, 2004, p. 123.

16 F. Storti, Riflessioni sul ruolo politico di Giovanni Pontano..., cit.

17 P. Magistretti, Lutto e feste della Corte di Napoli: relazione diplomatica dell’ambasciatore milanese al duca di Bari (1494), «Archivio storico lombardo», serie I, vol. VI, fasc. 4, 1879, p. 692, cit. in G. Vitale, Sul segretario regio..., cit., p. 302.

18 Loc. cit.

19 Loc. cit. Sul de Scorciatis si veda in particolare: B. Pio, Scorciatis, Giulio de, in DBI, vol. XCI (2019).

20 Si veda F. Nicolini, Altilio, Gabriele, in DBI, vol. II (1960).

21 C. Cantalupi, Il declino degli Aragonesi di Napoli nel Libro de la Methamorphosi di Benet Garret, il «Cariteo», «eHumanista/IVITRA», vol. VII, 2015, pp. 21-41. Sul Cariteo si vedano anche: I. Parisi, Un informatore del Cattolico: Benet Garret detto il Cariteo, in G. d’Agostino e G. Baffardi (a cura di), La Corona d’Aragona ai tempi di Alfonso II el Magnanimo: i modelli politico-istituzionali, la circolazione degli uomini, delle idee, delle merci, gli influssi sulla società e sul costume, Napoli, Paparo, 2000, vol. II, pp. 1553-1562; A. Asor Rosa, Gareth, Benet, in DBI, vol. LII (1999).

22 Su Federico d’Aragona mi permetto di rinviare al mio A. Russo, Federico d’Aragona (1451-1504): politica e ideologia nella dinastia aragonese di Napoli, op. cit.

23 Si veda il già citato I. Parisi, Un informatore del Cattolico..., cit.

24 G. Gallo, Diurnali, e altre tre scritture pubbliche dell’anno 1495, a cura di S. Volpicella, Napoli, Tipografia Largo Regina Coeli, 1846, p. 33.

25 A. F. Parisi, I capitoli concessi da Federico d’Aragona all’università di Maida, «Archivio paleografico italiano. Bollettino», n. s., vol. II-III, 1956-1957, p. 263.

26 Nel 1496 si pensava anche di inviarlo a Milano, in qualità di oratore, ma poi re Federico decise di tenerlo presso di sé (al suo posto andò Giovan Battista Brancaccio), sottolineando l’importanza del personaggio nella corte napoletana: «Questo re […] alla excellentia vostra manda el Padoano, quale è molto amato da lei dopoi che lo gustò in Puglia, per farli monstrare el core per uno che parimenti sii grato a l’uno et l’altro, che questo proprio termino usò quando me lo dissi, et questo fin a tanto che haverà facto ellectione de ambasciatore honorevole quale li vole omnino mandare. Haverà etiam commissione el Padoano de visitare la Cesarea Maestà, et messer Antonio de Zenaro non venerà più, per deliberare sua Maestà de tenerselo apresso» (Francesco da Casate al duca di Milano, Napoli, 10 ottobre 1496, in Archivio di Stato di Milano, Fondo Sforzesco Potenze Estere, Napoli, 1241, s. n.). Numerose sono poi le istruzioni di Federico al de Gennaro in qualità di suo oratore in Spagna, appunto dal 1497. Per quanto riguarda l’invio del Brancaccio a Milano, si veda invece: Francesco da Casate al duca di Milano, Capua, 28 ottobre 1496, in Archivio di Stato di Milano, Fondo Sforzesco Potenze Estere, Napoli, 1241, s. n.).

27 Si vedano in particolare: Regis Ferdinandi primi istructionum liber, 10 maggio 1486-10 maggio 1488, a cura di L. Volpicella, Napoli, Pierro, 1916, p. 287; S. Morelli, Gli ufficiali del Regno dì Napoli nel Quattrocento, «Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa. Classe di lettere e filosofia. Quaderni», serie IV, n. 1, 1997, pp. 297-298.

28 Pisanello riscosse il suo primo stipendio da segretario il 31 agosto del 1497, di 264 ducati, spettantegli per l’ufficio esercitato a partire dal dicembre del 1496 (N. Barone, Intorno allo studio dei diplomi die re aragonesi di Napoli, «Atti dell’Accademia Pontaniana», vol. XLIII, 1913, p. 19).

29 Si veda: M. Camera, Memorie storico-diplomatiche dell’antica città e ducato di Amalfi, Salerno, Stabilimento tipografico nazionale, 1876, vol. I, p. 622.

30 Loc. cit.

31 E. Pèrcopo, Le rime di Benedetto Gareth detto il Chariteo: secondo le due stampe originali, Napoli, [s. n.], 1892, vol. I, p. XXI.

32 G. Ambrogi, Per la reintegra al Regio demanio chiesta dalla città di Montelione…, Napoli, [s. n.], 1805, p. 80.

33 O. Mastrojanni, Sommario degli Atti della cancelleria di Carlo VIII a Napoli, «Archivio storico per le province napoletane», a. XX, 1895, p. 581.

34 R. Delle Donne, Burocrazia e fisco..., op. cit., p. 77.

35 Il 18 agosto del 1499, ad esempio, nel pieno di una frenetica trattativa con lo scopo di ricevere sostegno militare da Federico contro i francesi, l’oratore sforzesco sottolinea come il segretario regio fosse stato malato, per cui non si era potuto provvedere a nulla, in quanto «niuno altro manegia queste cose salvo luy» (Corrado Stanga al duca di Milano, Napoli, 16 agosto 1499, in ASM, SPE, Napoli, 1245, s. n.).

36 Si veda G. d’Agostino, La capitale ambigua: Napoli dal 1458 al 1580, Napoli, Società editrice napoletana, 1979, p. 86. Nel 1498, per dirimere i conflitti sociali e politici della capitale, Federico nominò una commissione di delegati regi, tra i quali figurava anche Vito Pisanello in qualità di segretario, oltre al duca di Calabria e primogenito don Ferrante, e ad altri eminenti consiglieri regi.

37 Si pensi ad esempio, fra gli altri, al camerlengo Antonio Grisone, il quale «erat de primis apud dictum regem, et sue Majestati valde gratus, et de bonis dicti regis Federici disponebat pro libito voluntatis: et dictus rex Federicus omnia agebat ad consilium dicti Antonii et ei communicabat omnia, et sciebat omnia secreta dicti regis Federici» (L. Volpicella, La fine del Regno di Napoli in un processo della Sommaria, in Id., Federico d’Aragona e la fine del Regno di Napoli nel MCI, Napoli, R. Ricciardi, 1908, p. 102).

38 Per questa situazione si veda il già citato A. Russo, Federico d’Aragona (1451-1504): politica e ideologia nella dinastia aragonese di Napoli, op. cit.

39 Francesco da Casate al duca di Milano, Napoli, 8 ottobre 1496, in Archivio di Stato di Milano, Sforzesco Potenze Estere, Napoli, 1241, s. n. La decisione di Federico è ribadita anche in una lettera successiva dell’oratore: «[…] havendo sua maestà facto dire al mandatario de monsignore vostro fratello et a mi che quantumcha la usanza de questa casa fusse che ambasciatori non andasseno da sua maestà se non domandati, tamen ne pregava che nui dui volessemo esserli continuo apresso perché ogni cosa sua voleva che fosse commune et intesa da la excellentia vostra et monsignore.» (Francesco da Casate al duca di Milano, ex Castellono, 1o novembre 1496, in Archivio di Stato di Milano, Sforzesco Potenze Estere, Napoli, 1241, s. n.).

40 A. Russo, Federico d’Aragona (1451-1504): politica e ideologia nella dinastia aragonese di Napoli, op. cit., p. 268.

41 Francesco da Casate al duca di Milano, Napoli, 3 febbraio 1498, in ASM, SPE, Napoli, 1243, s. n.

42 G. Vitale, Sul segretario regio..., cit., p. 321.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Alessio Russo, « Da Antonello Petrucci a Vito Pisanello: alcune considerazioni sui primi segretari regi nella Napoli Aragonese (1458-1501) », Laboratoire italien [En ligne], 23 | 2019, mis en ligne le 24 octobre 2019, consulté le 13 novembre 2019. URL : http://journals.openedition.org/laboratoireitalien/3366 ; DOI : 10.4000/laboratoireitalien.3366

Haut de page

Auteur

Alessio Russo

Alessio Russo est docteur en histoire (titre obtenu en cotutelle entre l’université de Naples Federico II et l’université Paris 8) et titulaire d’une bourse d’études auprès de l’Istituto Storico Italiano per il Medioevo. Sa thèse de doctorat et ses études concernent notamment l’histoire politique et institutionnelle du royaume aragonais de Naples. En particulier, il a publié une biographie du dernier roi aragonais de Naples, intitulée Federico d’Aragona (1451-1504): politica e ideologia nella dinastia aragonese di Napoli (FedOA-Federico II University Press, 2018).

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Laboratoire italien – Politique et société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page