Navigazione – Piano del sito

HomeNuméros24

  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon

24/2020
Écritures de la déportation

Scritture della deportazione
Deportation Literature
Sotto la direzione di Enrico Mattioda

Al di là del successo tardivo di Primo Levi, la testimonianza letteraria in Italia sull’esperienza della Shoah o della deportazione è stata condotta da un numero significativo di uomini e donne. Le testimonianze iniziarono fin dal 1945 e alcune di queste sono dovute a donne straniere che assunsero l’italiano come lingua per narrare l’esperienza dei Lager e che hanno insistito sugli aspetti della deformazione del corpo, del cibo, del rapporto con la madre e del rifiuto della maternità. Non mancano le narrazioni di bambini nascosti per farli scampare alla cattura e alla morte; o esperienze uniche di chi, come Luce d’Eramo, volle provare volontariamente la vita dei Lager, o, come Helga Schneider, ha scoperto di essere figlia di una criminale nazista. Ma oltre allo sterminio degli ebrei anche i deportati politici fecero sentire la loro voce, con generi letterari diversi, dall’autobiografia alla fiction; e anche i reportages dal ghetto di Varsavia o i romanzi sulla retata nel ghetto di Roma hanno contribuito a inserire la Shoah nella memoria culturale italiana. Ci sembra importante tornare su questi temi nei nostri tempi, quando la verità storica viene messa in dubbio dal razzismo e dagli artifici retorici della post-verità.

Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search