Navigation – Plan du site

AccueilNuméros26DossierRelazioni e rispecchiamenti. Un d...

  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon
Dossier

Relazioni e rispecchiamenti. Un decennio di femminismo italiano in prospettiva internazionale (1868-1877)

Relations et effets miroirs. Une décennie de féminisme italien dans une perspective internationale (1868-1877)
Relationships and reflections. A decade of Italian feminism from an international perspective (1868-1877)
Liviana Gazzetta
Traduction(s) :
Relations et effets miroirs. Une décennie de féminisme italien dans une perspective internationale (1868-1877)

Résumés

Cette contribution étudie les relations entre le premier féminisme italien et les expressions féministes internationales dans les années 1870, considérées par l’historiographie comme le début de l’internationalisation du mouvement des femmes. En analysant en détail les revues La Donna (1868-1891) de Gualberta Alaide Beccari et Cornelia (1872-1880) d’Aurelia Cimino Folliero, l’article montre que les périodiques ont en quelque sorte joué en Italie un rôle de substitut, en l’absence d’organisations associatives jusqu’aux années 1880, pour faire le lien avec les initiatives internationales. De l’étude, il ressort en outre que, si les deux revues étaient en relation avec le mouvement pacifiste européen de l’époque, leurs positions étaient clairement différentes dans le domaine de la lutte contre la prostitution réglementée. On remarque enfin que, dans ces polémiques, les spécificités nationales étaient souvent invoquées comme raison pour ne pas adhérer à la Fédération britannique, continentale et générale pour l’abolition de la prostitution de Josephine Butler.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 K. Offen, Le féminisme s’internationalise, 1870-1890, in Id., Les féminismes en Europe, 1700-1950  (...)
  • 2 R. Macrelli, L’indegna schiavitù: Anna Maria Mozzoni e la lotta contro la prostituzione di stato, (...)
  • 3 F. Pieroni Bortolotti, Emancipazione femminile e democrazia nell’Italia contemporanea, in Id., Sul (...)

1Gli anni Settanta rappresentano una tappa fondamentale per l’internazionalizzazione del movimento femminista. Secondo Karen Offen, si tratta addirittura del vero e proprio avvio di questi processi a livello europeo, come titola il capitolo dedicato a tale decennio nel suo Les féminismes en Europe1. Dopo lo choc della Comune, secondo Offen, la direzione del movimento europeo passa dalle francesi alle anglosassoni: riprende il lavoro di Maria Goegg e della sua associazione internazionale per i diritti femminili; si avvia la campagna eurofemminista – secondo l’espressione di Rina Macrelli2 – contro la regolamentazione pubblica della prostituzione; nel 1878, infine, si svolge a Parigi, parallelamente all’esposizione universale, il primo congresso internazionale per i diritti femminili. Alla fine del congresso, Theodore Stanton intraprende la sua inchiesta sulla condizione delle donne in Europa, che sarà pubblicata nel 1884 col titolo di The Woman Question in Europe: A Series of Original Essays. A dire il vero, nella ricostruzione di Offen gli intrecci con la realtà italiana risultano piuttosto deboli o quasi assenti, in analogia con buona parte della storiografia internazionale sul primo movimento delle donne, che avvalora l’immagine di un sostanziale ritardo del primo femminismo italiano, eccezion fatta per alcune, isolate, punte d’avanguardia. Questo assunto, in realtà, contrasta in modo palese con quanto emerge nella – peraltro non ricca – storiografia italiana su questo terreno: risale allo storico giudizio di Franca Pieroni Bortolotti la tesi secondo cui nella seconda metà dell’800 le italiane svolsero nel processo di coagulo del movimento europeo di emancipazione un ruolo notevole, addirittura superiore a quello che gli internazionalisti italiani svolsero nella prima Internazionale3.

  • 4 Rinvio qui, anche per le categorie utilizzate, al mio Orizzonti nuovi: storia del primo femminismo (...)
  • 5 Tradotte da Maddalena Gonzenbach, le sei lettere alle donne di Lewald (1811-1889) furono pubblicat (...)
  • 6 H. Dhom, I diritti della donna, trad. di M. Malliani Traversari, Milano, Hoepli, 1878. Dohm (1831- (...)
  • 7 J. S. Mill, La servitù delle donne, trad. di A. M. Mozzoni, Milano, F. Legros, 1870; contemporanea (...)
  • 8 Luisa Tosco (1815-1888?), inizialmente attratta dalla vita monastica, si era poi avvicinata all’ex (...)
  • 9 Secondo Oscar Greco la traduzione del testo fu autorizzata dall’autrice, ma non trovò poi un edito (...)

2In effetti, già sulla base delle ricostruzioni esistenti si può sostenere che il primo femminismo4 italiano si collocò abbastanza presto in un quadro transnazionale, quanto meno sul piano della circolazione delle idee: Fanny Lewald5 e Hedwig Dhom6 sono prontamente tradotte in Italia; il noto testo di John Stuart Mill, The Subjection of Women, fu presto disponibile in due traduzioni, l’una delle quali dovuta direttamente al lavoro di Anna Maria Mozzoni, protagonista assoluta del movimento italiano fino all’età giolittiana7; la libera pensatrice Luisa Tosco8 tradusse il famoso La femme affranchie di Jenny d’Héricourt9. Si sviluppano da subito rapporti col movimento americano di Julia Ward Howe e con quello francese di Léon Richer (1824-1911) e Marie Deraismes (1828-1894). Il contributo italiano al movimento abolizionista iniziato da Josephine Butler fu considerato rilevante, al punto che si decise di tenere il secondo congresso della sua Federazione Britannica e Continentale contro i regolamenti sulla prostituzione proprio a Genova (29 settembre-4 ottobre 1880).

3Per quanto concerne la stampa, pur nella difficoltà degli inizi e nella relativa povertà di mezzi, le due principali riviste femministe del decennio – La Donna e Cornelia – mostrano un approccio alla questione dell’emancipazione femminile aperto alla dimensione internazionale. Da una parte, infatti, anche il moderato quindicinale di Aurelia Cimino Folliero si sintonizzava con la mobilitazione pacifista, mentre si orientava a sostenere l’uguaglianza dei diritti tra uomo e donna dentro la famiglia; dall’altra, il periodico di Gualberta Beccari, oltre l’adesione alla causa pacifista, conobbe uno snodo importante della sua evoluzione con la militanza nella battaglia abolizionista innescata da Butler.

4Facendo perno su entrambe le riviste, questo contributo propone un approfondimento sui legami tra la realtà italiana e i primi due organismi del femminismo internazionale: l’Association internationale des femmes promossa a Ginevra da Maria Goegg nel 1868, e la British, Continental and General Federation for the Abolition of Prostitution di Josephine Butler. L’indagine sarà condotta su due prevalenti piani d’analisi: da una parte, una ricostruzione degli scambi con i gruppi, le riviste, le iniziative del femminismo estero nel corso di circa un decennio, compreso tra il 1868, anno d’avvio del periodico La Donna e dell’associazione femminista ginevrina, e il 1877, anno del primo congresso internazionale dell’organismo abolizionista. Dall’altra, ci si propone di verificare in quali termini il confronto con le altre realtà sviluppasse la riflessione sulle specificità derivanti dalla tradizione culturale e dai processi socio-politici nazionali, consentendo di individuarne alcune peculiarità in relazione col femminismo internazionale.

Legami transnazionali: uno sguardo d’insieme

  • 10 G. Bock, Le donne nella storia europea: dal Medioevo ai nostri giorni, trad. di B. Heinemann, Roma (...)
  • 11 Sul giornalismo femminista italiano tra Ottocento e Novecento si vedano alcuni saggi di sintesi: A (...)
  • 12 Su questo rinvio ancora al mio Orizzonti nuovi; per una biografia della Mozzoni si veda S. Murari, (...)

5Come afferma Gisela Bock, nella maggior parte dei paesi europei i movimenti delle donne nacquero negli anni Sessanta dell’Ottocento e si raccolsero innanzitutto intorno ad alcune testate giornalistiche10. Il movimento delle donne, infatti, per le sue caratteristiche intrinseche è generalmente preceduto da fenomeni relativi al dibattito delle idee, perché le sue origini si confondono nella nota querelle des sexes e, ancor più, nello sviluppo di una sempre maggiore presenza femminile nel mondo della cultura. Da questo punto di vista ciò che accade in Italia sembra in linea con tutta una serie di realtà europee, dato che – a parte la brevissima esperienza de La voce delle donne (1865-1866)11 – la prima testata giornalistica del movimento fu costituita dal longevo La Donna (1868-1891), e a distanza di qualche tempo nacquero poi altri fogli, tra cui Cornelia (1872-1880) diretta da Aurelia Cimino Folliero, il più significativo per durata e tipo di collaborazioni. Come si vedrà, questi periodici risultano fondamentali non solo per conoscere la realtà del primo movimento delle donne a livello nazionale, ma anche per ricostruire la presenza italiana nel femminismo europeo e internazionale, dato che in Italia bisognerà attendere fino agli anni Ottanta per veder nascere la prima struttura associativa del femminismo: la Lega promotrice degli interessi femminili, sorta per iniziativa di Anna Maria Mozzoni nel 188112.

  • 13 Sul periodico, ampiamente studiato (anche se quasi inesauribile fonte di notizie), rimando nuovame (...)
  • 14 Varietà, «La Donna», Padova, 10 maggio 1868 e 10 gennaio 1869.
  • 15 A. Bosquet, L’assoggettamento delle donne. (Traduzione di Ulisa), «La Donna», Padova, 31 ottobre 1 (...)

6Unica rivista, in questa fase, interamente gestita da donne e a carattere politico, La Donna13 di Gualberta Alaide Beccari (1842-1906) mostra subito un’apertura internazionale: dai primissimi numeri sono, infatti, presenti diversi riferimenti alle iniziative di deputati suffragisti inglesi14; fin dall’ottobre 1869, inoltre, viene tradotto – non avendo ancora a disposizione il saggio di J. S. Mill sull’«assoggettamento delle donne» – un intervento di presentazione tratto dal francese Le Droit des femmes, senza peraltro dimenticare gli scritti di André Léo15.

  • 16 R. Pesman, Mazzini in esilio e le inglesi, in Famiglia e nazione nel lungo Ottocento: modelli, str (...)
  • 17 Ne parlo, all’interno di una più ampia analisi, nel saggio Nel campo della lotta: organizzazioni f (...)
  • 18 Cfr. [G. A. Beccari], Una spiegazione al Direttore dell’Avenir des femmes, «La Donna», Venezia, 10 (...)
  • 19 Cfr. Varietà. L’Avenir des femmes, «La Donna», Venezia, 10 marzo 1873.

7D’altra parte, la direttrice del giornale rientrava a pieno titolo nella rete transnazionale del mazzinianesimo femminile: una rete composta da un cospicuo numero di donne, soprattutto inglesi, di orientamento radicale, che avevano sostenuto le iniziative mazziniane in Italia e in Inghilterra (oltre a Giorgina Craufurd Saffi e a Jessie White Mario, le sorelle Ashurst, Arethusa Milner Gibson, Linda White Villari, Clementia Taylor), e che avevano finito per rappresentare una contestazione del modello femminile prevalente in Italia16. A ciò si aggiunga il fatto che la rivista fu da subito aperta sostenitrice del metodo educativo froebeliano, per il quale lavoravano fianco a fianco le prime esponenti del femminismo italiano e alcune donne di fede evangelica ed ebraica, per lo più di provenienza inglese, americana o tedesca17. Era poi il ruolo di direttrice di un periodico che aspirava a svolgere un ruolo nazionale a mettere la Beccari, già nel decennio di cui ci occupiamo, nella condizione di creare legami costanti con una rete di «emissarie», se così si può dire, anche fuori d’Italia: un gruppo di conoscenti e corrispondenti che le segnalavano le più importanti iniziative estere e che trattavano della situazione italiana sui giornali di altri paesi, anche se non sempre in linea con l’impostazione del foglio. Nei fraintendimenti che la distanza fa talora nascere, la direttrice è sempre preoccupata che i giudizi non diano un ritratto troppo negativo del paese: le precisazioni vanno fatte «per debito di giustizia e perché all’estero non si concepisca sugl’italiani una falsa opinione circa il progresso delle loro idee, oltre alle tante che più o meno ingiustamente pesano su loro […]»18. Non manca, peraltro, neppure il rapporto diretto con la direzione di periodici esteri, come L’Avenir des femmes, dagli inizi del 1873, o lo Women’s Journal di Boston19.

  • 20 Sul periodico si vedano: M. Pacini, Giornali femminili toscani dell’Ottocento: presenze, scritture (...)
  • 21 Apparteneva a una di quelle famiglie che, come suggerisce Pieroni Bortolotti, «fanno catena»: dall (...)
  • 22 Ne parla in particolare P. Guida, La rivista post-unitaria «Cornelia»: donne tra politica e scritt (...)
  • 23 Su E. Fuà Fusinato si veda l’interpretazione di N. M. Filippini, Amor di patria e pratiche di disc (...)

8L’apertura alla dimensione transnazionale svolge un ruolo significativo anche nel quindicinale fiorentino Cornelia dal 1872 fino al 188020. La sua direttrice, Aurelia Folliero (1827-1895)21, veniva da alcuni anni vissuti in esilio a Londra col marito, l’avvocato Giorgio Cimino, il quale nel 1848 era stato uno dei 200 volontari napoletani al seguito di Cristina Belgiojoso. Ritornata in Italia, prima a Napoli e poi a Firenze, Aurelia Cimino Folliero era diventata corrispondente e collaboratrice di varie riviste, tra cui la prestigiosa Rivista europea di Angelo De Gubernatis, l’americano The Revolution di Elizabeth Cady Stanton e il francese Le Droit des femmes22. Non va poi dimenticato che Aurelia Cimino Folliero parteciperà alla delegazione ufficiale del governo italiano al Congresso Internazionale per i diritti delle donne, svoltosi a Parigi dal 25 luglio al 10 agosto 1878. A differenza de La Donna, il periodico diretto da Cimino Folliero era generalmente su posizioni moderate in fatto di emancipazione femminile, come indica il nome scelto per la testata e come lascia intendere la tipologia delle collaborazioni: dal famoso giurista C. Francesco Gabba, notoriamente contrario all’uguaglianza di diritti anche se non all’ampliamento dell’istruzione femminile, a Dora d’Istria e soprattutto a Erminia Fuà Fusinato, che non a caso vi esercitò una notevole influenza23.

  • 24 Vi fu una diminuzione di abbonamenti dopo che la direttrice sostenne alcune aperture in favore del (...)
  • 25 Non va poi dimenticato che nel volume di T. Stanton, The Woman Question in Europe, pubblicato nel (...)

9In un giornale in cui la direttrice stentava ad affermare il taglio rivendicativo24, spesso fu proprio l’apertura alle realtà internazionali a offrirle la possibilità di indicare strade nuove: il giornale ospita regolarmente la rubrica Cosa facciano le donne nel vecchio e nel nuovo continente che, oltre a informare su attività e tematiche, ha chiaramente la funzione di dimostrare la praticabilità delle richieste emancipative. Diversi articoli, inoltre, portano la firma di Malvida von Meysenburg, Francesca Power Cobbe, Julie Salis Schwabe, Tatiana Svetoff, Giulia Ward Howe25. Interessata all’istruzione professionale e alle scuole agricole femminili, seguì le iniziative di Elisa Lemonnier fino a farne una professione dopo la fine della sua esperienza giornalistica, nel gennaio 1880, con l’apertura a Cesena di un istituto agrario.

  • 26 A. Cimino Folliero, L’indolenza in Italia e le donne italiane, «La Donna», Venezia, 1o gennaio 187 (...)
  • 27 Id., L’indolenza in Italia e le donne italiane, «La Donna», Venezia, 5 febbraio 1871; un giudizio (...)

10Come e più di Beccari, in virtù della sua conoscenza di altre realtà nazionali, la direttrice di Cornelia sviluppa una riflessione sulla specificità italiana e in particolare sull’indolenza come carattere tipico del Bel paese, a fronte di «tanto acume di mente, a tanta vivacità di parole ed ardimento di idee»26. Persiste – accusa la direttrice – una propensione all’inattività che costituisce un vero e proprio dramma storico del popolo italiano, perché «Una Nazione che ha volontà incerta e scarsa energia, ha bisogno di chi pensi per essa, e le comandi e revochi a sé ogni iniziativa»; in questa situazione «l’esistenza sociale della donna» è ridottissima, come se la sua vita coincidesse solo con le funzioni cui può dedicarsi quando è più giovane e desiderata27.

  • 28 A. Cimino Folliero, Le italiane nella quistione femminile, «Cornelia», Firenze, 1o febbraio 1873.
  • 29 Su questi temi si vedano, in particolare, gli studi di Silvana Patriarca, a partire da Italiani/It (...)

11Per quanto riguarda il movimento femminile, Aurelia Cimino Folliero sembra intendere come fisiologico e nel complesso non negativo un certo ritardo italiano rispetto ad altri paesi, sottolineando che «Purchè si progredisca, l’andare a rilento è un vantaggio, perché ci mette in grado di adattare ai nostri bisogni e alla nostra indole nazionale le innovazioni che ci dà la civiltà»28. Dove le peculiarità nazionali diventano un vero e proprio gap da superare, a suo dire, è nel livello di cultura e d’istruzione, soprattutto in quella formazione che compete alle famiglie o alle singole. La mancanza di cultura si traduce in un fattore generale di disparità, perché solo la donna istruita potrà liberarsi dal «triplice flagello» della noia, dei pregiudizi e del bisogno e guardare «ai grandi modelli dell’antichità» italica. Fino a questo punto l’analisi della direttrice sembra in linea con molti topoï del discorso risorgimentale sul carattere degli italiani e delle italiane29, ma nella prospettiva comparativa dell’articolo troviamo altre implicite ammissioni. Aurelia Cimino Folliero sostiene infatti che, a paragone col femminismo estero, in Italia manca il fermento sul piano delle associazioni, delle attività, delle manifestazioni: cosa che peraltro non si sente di biasimare, tenuto conto che il movimento non è di per sé sinonimo di progresso e che le italiane non hanno, a suo dire, maggiori motivi di insoddisfazione, quanto a cittadinanza. Si tratta, come si può notare, di una conferma indiretta di ciò che abbiamo già segnalato come sostanziale assenza di dimensione organizzativa alle origini del femminismo in Italia; capiamo, inoltre, che ciò che più fa problema, anche agli occhi di una liberale come Cimino Folliero, è soprattutto la presenza femminile fuori dalla sfera privata, ritenuta giustificabile forse in altri contesti, ma certo non auspicabile in Italia:

  • 30 A. Cimino Folliero, Le italiane nella quistione femminile, art. cit.

Con le nostre abitudini di vita facile ed indolente, e con istinti naturali più conservatori che progressisti, noi italiane non potremmo certo comprendere né ammirare quell’attività inquieta, quella vita a dimostrazioni pubbliche, a lotte, ad ardimenti, di alcune donne, il cui tipo incontrasi più di frequente in America, e che diremmo fuori del loro naturale elemento.30

12Che il collegamento con le realtà del femminismo transnazionale avvenga in questa fase soprattutto o quasi esclusivamente sul piano della circolazione delle idee sembra, a questo punto, un dato non contingente, né di natura esclusivamente temporale: si tratta piuttosto di un aspetto legato alla mentalità e al rapporto tra sfera pubblica e sfera privata nel contesto socio-culturale italiano.

Un pacifismo progressivo

  • 31 Su questi temi, come sulle iniziative di Maria Goegg, si veda A. Anteghini, Parità, pace, libertà: (...)

13Se è difficile affermare, come farebbe intendere Offen, che la Comune abbia avviato l’internazionalizzazione del femminismo a livello europeo, è vero però che lo choc della guerra franco-prussiana rappresentò una fonte di catalizzazione del movimento a partire da una più articolata riflessione sulla pace e sulle relazioni internazionali. Qualche tentativo di creare associazioni pacifiste si era avuto anche nei decenni precedenti: Eugénie Niboyet aveva cercato di fondare nel 1844 una Société de la paix a Parigi, e un primo congresso pacifista, in cui non era mancata la partecipazione femminile, era stato organizzato a Bruxelles nel 184831. Successivamente, in collegamento con la nascita nel 1867 della Lega per la pace e la libertà, si erano avviate le prime iniziative di pacifismo femminile, come la creazione dell’Association internationale des femmes guidata da Maria Goegg, su cui torneremo. Questo tipo di iniziative conobbe un nuovo slancio in quel periodo segnato dal trauma della guerra nel cuore dell’Europa. Ed è esattamente questo slancio che si prolungherà fino alla seconda metà degli anni Settanta, connettendosi idealmente e fattualmente alla campagna per l’abolizione della prostituzione patentata.

  • 32 G. Bath, Resoconto del discorso di Maria Goegg pronunciato il 24 luglio 1870 a Basilea, «Le Droit (...)

14La matrice su cui poggiano nel complesso le iniziative pacifiste di questi decenni decisivi del XIX secolo è il collegamento agli ideali democratici e umanitari che legavano le lotte per l’emancipazione femminile alla battaglia per il progresso dei popoli e dell’umanità. Un nesso che risulta ancor più evidente se si considerano i legami tra pensatori politici della democrazia ottocentesca a livello europeo (Leroux, Cabet, J. S. Mill, Mazzini) e associazionismo femminile a carattere emancipativo. Quando scoppia il conflitto tra Francia e Prussia, infatti, la protesta immediata delle realtà femminili s’incardina – più o meno apertamente – sulla tesi secondo cui la guerra sarà inevitabile finché continueranno ad esistere dei regimi monarchici. Poiché l’interesse del sovrano non coincide affatto con quello della patria, dice ad esempio Maria Goegg, ogni cittadino è chiamato a distinguere in modo deciso: «Ciò che manca al soldato è sapere che egli innanzitutto è un uomo e che la sua vita è sacra e se è suo dovere sacrificarla per respingere un’invasione straniera, non è più così quando si tratta di combattere per il capriccio o l’ambizione di un re.»32

  • 33 G. A. Beccari, La guerra, «La Donna», Venezia, 7 agosto 1870.
  • 34 Ibid.
  • 35 Id., Il 24 giugno 1870, «La Donna», Venezia, 3 luglio 1870.
  • 36 E. Ostacchini, Colla Prussia o con la Francia?, «La Donna», Venezia, 7 agosto 1870.
  • 37 Tra le varie iniziative, segnalo che la contessa De Gasparin spronava le donne a interporsi fra le (...)

15L’orizzonte ideale è sostanzialmente lo stesso per il periodico della mazziniana Beccari, che il 7 agosto 1870 dava la «triste nuova» del conflitto33. Pur sostenendo l’abolizione degli eserciti permanenti e l’ideale di una federazione europea di stati, la direttrice distingueva le guerre di aggressione dalle guerre di liberazione «perché riconosciamo giusta la guerra solo quando è fatta da un popolo che non voglia né debba tollerare la preponderanza d’un altro […]»34. In questa situazione il ruolo femminile è quello di far nascere o sviluppare il sentimento di solidarietà tra i popoli, in modo tale che, «per ordine progrediente delle cose»35, nel futuro divenisse possibile anteporre l’umanità alla patria. Così Elvira Ostacchini invitava le italiane a preparare bende e filacce da distribuire «in parti uguali» agli eserciti delle due nazioni, sottolineando come i valori nazionali nel conflitto venissero usati come pretesto36, mentre il giornale riportava notizie, interventi, appelli di donne italiane e straniere contro la guerra franco-prussiana37.

  • 38 Una cittadina svizzera, La missione della donna. Articolo tratto dal giornale Les États-Unis d’Eur (...)
  • 39 Su questi temi si veda Les États-Unis d’Europe : un projet pacifiste, a cura di M. Petricioli, D.  (...)
  • 40 M. Goegg, Lettera e statuti dell’Associazione internazionale delle donne, «La Donna», Padova, 27 s (...)
  • 41 Dopo Le Droit des femmes, collegato all’Association pour le droit des femmes, Léon Richer, detto i (...)
  • 42 [s.n.], Associazione internazionale femminile di Ginevra, «La Donna», Venezia, 13 febbraio 1870. I (...)
  • 43 [s.n.], Discorso pronunciato dalla signora Maria Goegg nella seduta del 27 marzo tenuta dall’Assoc (...)

16Anche prima della guerra, però, questi temi erano stati presenti nel periodico grazie ai legami con l’Association internationale des femmes38. Primo organismo femminista internazionale di cui si abbia notizia, l’associazione era nata nel 1868 sul terreno di una comunanza di idee e valori con la più nota Lega per la pace e la libertà, una struttura associativa pacifista ed europeista costituitasi ufficialmente nel 1867 a Ginevra, appoggiata da Garibaldi e da Hugo e guidata da Charles Lemonnier, la cui fisionomia si era definita anche in virtù del progressivo distacco dall’Associazione Internazionale dei Lavoratori. Nel complesso si trattava di un’associazione di orientamento democratico, in cui trovavano spazio le idee kantiane per la pace perpetua e il modello del federalismo americano; senza escludere il radicamento nei valori patriottico-nazionali, inoltre, il suo pacifismo aspirava al raggiungimento della pace attraverso l’evoluzione del diritto internazionale e la creazione di un organismo di arbitrato per la composizione delle vertenze tra stati39. Come sezione della Lega per la pace e la libertà, appunto, su proposta di Maria Goegg (1826-1899) era sorta un’associazione femminile tesa alla mobilitazione congiunta per la pace e per i diritti femminili40. L’associazione femminile, resasi via via più autonoma dall’equivalente maschile, trovò aderenti in molti paesi europei: in Francia André Léo, ma anche il gruppo di Léon Richer e Marie Deraismes con L’Avenir des femmes41; in area tedesca Rosalia Schonwasser e successivamente Henriette Goldschmidt; negli Usa Elisabeth Cady Stanton e Pauline Davis; in Inghilterra Josephine Butler, che sarà poi protagonista assoluta della lotta abolizionista. In Italia fu appunto Gualberta Beccari a raccogliere nel 1868 l’appello pacifista, insieme ad altre figure meno note legate agli ambienti mazziniani del Patto di fratellanza, come la torinese Greca de Benedetti e successivamente «la vedova» Varesi Garavaglia di Milano42. Occorre sottolineare che la concezione dei rapporti tra i due sessi espressa da Goegg, basata sull’uguaglianza nella complementarietà, era molto vicina a quella circolante nel femminismo transnazionale di matrice mazziniana: «L’uomo e la donna sono destinati dalla natura a formare un’unità; epperò essi devono far risultare l’armonia dalla discordanza e dovranno, per la felice congiunzione delle loro differenti qualità e particolarità, intendere insieme all’opera generosa del progresso umanitario, verso cui ci sentiamo sospinti dalla nostra natura perfettibile»43.

  • 44 V. Grossi, Le pacifisme européen : 1889-1914, Bruxelles, Bruylant, 1994; L. D’Angelo, Il pacifismo (...)
  • 45 G., Fede e bellezza, «La Donna», Padova, 26 luglio 1868.

17La Donna si può, quindi, considerare afferente all’area del pacifismo democratico che giustamente è stato anche definito patriottico44, dal momento che conciliava l’umanitarismo in prospettiva universale e il patriottismo di matrice romantica. Un pacifismo non integrale e che si ricollegava latamente ai valori del cristianesimo, sia pure non identificabile con nessuna confessione in particolare, in cui il femminismo vedeva un compito preciso, quello dell’educazione dei popoli, che si sarebbe potuta compiere «coi mezzi di cui sola può disporre la donna, e che nessun libro potrà sostituire giammai»45.

  • 46 G. Ward Howe, Appello alle donne dei due mondi, «La Donna», Venezia, 10 maggio 1871.

18Il richiamo al ruolo materno ed educativo andava di pari passo col radicamento religioso in quasi tutte le iniziative pacifiste femminili coeve. La posizione di Julia Ward Howe, direttrice del Women’s Journal di Boston, era fortemente ispirata da valori religiosi, tanto da incorrere in critiche di misticismo e di pacifismo sentimentale. Dopo aver pubblicato L’Appello alle donne dei due mondi di Ward Howe, datato settembre 187046, Beccari presentava come «sublime teoria» la proposta della pacifista statunitense, e la difendeva dalle accuse di utopismo inefficace:

  • 47 G. A. Beccari, Di un Congresso femminile per la Pace, «La Donna», 25 aprile 1873.

L’idea della Ward Howe armonizza colle aspirazioni dell’umanità. Non è figlia di un sentimento, ma del raziocinio illuminato dalle dottrine radicali del secolo. Il Congresso proposto darebbe novello e più potente impulso al santo principio, che fu il concetto Cristo e il sogno vagheggiato dal Cristo dell’era moderna, Giuseppe Mazzini.47

  • 48 Figlia di un giudice, autrice di poesie e romanzi, aveva fondato un’associazione con cui intendeva (...)
  • 49 E. Mariani, Congresso femminile per la pace, «La Donna», Venezia, 10 giugno 1873; Mariani sarà una (...)
  • 50 G. Ward Howe, Festa della Pace, «La Donna», Venezia, 10 settembre 1873.

19Beccari, quindi, si rivolgeva ad Atenaide Zaira Pieromaldi perché desse vita in Italia all’associazione corrispondente alle sollecitazioni dell’americana e che personalmente non sentiva di poter sostenere. Da pochi mesi, infatti, la giovane diciassettenne aveva fondato una Società cosmico-umanitaria che aveva come motto: «guerra alla guerra, al militarismo, alla pena di morte, al duello»48. Non è noto se Pieromaldi abbia aderito alla proposta americana; sappiamo però che da Torino offrì il suo contributo Emilia Mariani49, e che successivamente La Donna pubblicò delle proposte di Ward Howe, come nel caso della festa per la pace promossa a Boston50.

  • 51 [s.n.], La Solidarietà. Associazione per la difesa dei diritti delle donne, «La Donna», Venezia, 2 (...)

20La Donna rimase per anni in collegamento con tale movimento, anche quando dal nucleo originario dell’associazione internazionale, dopo lo choc della guerra, le diatribe sulla Comune e una serie di fratture interne, si svilupparono due diversi orientamenti: la prima, guidata dalla moderata Marie Faucon, col periodico Espérance; la seconda, l’associazione per la difesa dei diritti della donna, guidata da Marie Goegg, col bollettino Solidarité. Fondata a Berna nel 1872, quest’ultima fu attiva fino al 1880, quando per decisione della stessa fondatrice venne riconosciuta la sua inadeguatezza rispetto alle trasformazioni in atto. La nuova associazione di Maria Goegg trovò anch’essa il supporto del periodico di Beccari, che risultò ancora membro del comitato aderente dall’Italia, insieme alla signora Varesi. È bene sottolineare il fatto che il corrispondente comitato inglese era rappresentato ancora da Josephine Butler, in qualità di presidente dell’associazione del Nord Inghilterra per l’educazione della donna, con sede a Liverpool51.

  • 52 Pubblicazioni estere, «Cornelia», Firenze, 16 agosto 1873.
  • 53 Cosa facciano le donne nel vecchio e nel nuovo continente, «Cornelia», Firenze, 16 settembre 1873.

21Quando nasce, alla fine del 1872, Cornelia aveva ormai alle spalle la mobilitazione connessa alla guerra franco-prussiana; si era già prodotta, inoltre, anche la spaccatura all’interno dell’associazione internazionale delle donne. Essa continuò, comunque, a fornire notizie sulla presenza femminile nelle società per la pace, radicandosi ugualmente nel richiamo al materno e in ideali di tipo religioso, in quella che viene definita la «dottrina di pace del Cristo»52. Poco o nulla interessata all’elaborazione politica, Cimino Folliero segnala tutta una serie di iniziative, in particolare nella rubrica Cosa facciano le donne nel vecchio e nel nuovo continente, pur mantenendo una chiara preferenza nei confronti delle associazioni più moderate: benché per esempio accenni, nel settembre del 1873, ai lavori dell’assemblea annuale di Solidarité53, non risulta avervi aderito, come invece aveva fatto Beccari, e semmai propose a sua volta di creare un’associazione internazionale delle donne in Italia.

  • 54 Cosa facciano le donne nel vecchio e nel nuovo continente, «Cornelia», Firenze, 16 giugno 1873.
  • 55 [s.n.], Le donne innanzi al congresso internazionale, «Cornelia», Firenze, 16 dicembre 1873.
  • 56 Cosa facciano le donne nel vecchio e nel nuovo continente , «Cornelia», Firenze, 16 maggio 1874.
  • 57 A. Cimino Folliero, La donna e la pace, «Cornelia», Firenze, 16 giugno 1874.
  • 58 Cosa facciano le donne nel vecchio e nel nuovo continente, «Cornelia», Firenze, 16 settembre 1873.

22Uno spazio viene offerto ai gruppi inglesi, come per esempio la Società femminile per la pace54, ma soprattutto la Peace Society guidata da Henry Richard (1812-1888), tra l’altro collegata alla Société française des amis de la paix. In effetti l’iniziativa di questo parlamentare, protagonista nel Parlamento inglese di proposte a favore dell’arbitrato internazionale, occupa uno spazio di rilievo nella rivista55. Sulla scia dell’attività di Richard, nell’aprile del 1874 era sorta un’altra società femminile per la pace, che affermava che la guerra fosse «inammissibile con lo spirito del Cristianesimo e i veri interessi dell’umanità»56. Così, nel giugno dello stesso anno, la direttrice pubblica in prima pagina il suo La donna e la pace, in cui Pasquale Stanislao Mancini è indicato tra i fautori del movimento accanto a Hugo, Richard, Lemonnier e che si conclude con un appello all’iniziativa femminile57. Quando all’ottavo congresso della Lega per la pace e la libertà Victor Hugo si rifiuterà d’intervenire, sostenendo il diritto della Francia di riconquistare le province perdute a Sedan, la rivista sosterrà la necessità di cercare altri metodi di rivendicazione58. Facendo appello al sentimento materno, la rivista annuncia il congresso internazionale della Società per il miglioramento delle condizioni dei prigionieri di guerra di Henry Dunant e Gustave Moynier, noti protagonisti della fondazione della Croce Rossa e dell’Istituto di diritto internazionale di Gand.

Ritardi o specificità?

  • 59 Cfr. J. Jordan, Josephine Butler, Londra, Murray, 2001.

23Il campo della mobilitazione per la pace costituisce, dunque, un terreno comune alle due riviste, anche se Cornelia risulta poco impegnata sul piano politico e non organicamente collegata alla struttura associativa attiva in questo campo, l’Association internationale des femmes. Una diversità ancora più accentuata emergerà nei confronti dell’organismo internazionale per la lotta alla prostituzione: in Inghilterra l’iniziativa era stata catalizzata dalla Ladies’ Association for the Repeal of the Contagious Deseases Act, guidata da Josephine Grey Butler (1828-1906), profondamente legata agli ambienti evangelici e antischiavisti59, e che contava tra le sue aderenti Florence Nightingale, Harriet Martineau, Mary Carpenter, oltre che Mazzini, Mill e Hugo. Sorta nel 1869, dopo che anche in Inghilterra tra il 1864 e il 1869 erano state adottate tre diverse norme contro il contagio delle malattie veneree, che prevedevano il controllo sanitario delle prostitute nelle aree del paese caratterizzate dalla presenza di guarnigioni militari.

24Negli anni Settanta, la Ladies’ Association aveva esteso l’iniziativa oltre l’ambito inglese, divenendo Fédération Britannique, Continentale et Générale, con sede a Ginevra, in un paese cioè che vantava non solo l’assenza di un esercito permanente – fattore considerato tra i più deleteri in rapporto alla prostituzione –, ma anche un efficace controllo sui costumi pubblici e privati affidato alle autorità locali. A partire dal 1875, l’organismo internazionale ebbe una sua pubblicazione ufficiale nella rivista Le Bulletin continental.

25Nella rubrica Notizie e cose varie, Cornelia non omette di dare qualche informazione, sia pure con molti filtri concettuali e linguistici, anche sulla battaglia abolizionista, ma più per rispondere a un’accusa di scarso interesse che per trattare apertamente l’argomento. E la cosa risulta tanto più degna di nota, se si pensa che la principale protagonista della campagna abolizionista, a livello europeo, era quella stessa Butler di cui la rivista aveva dato variamente notizia, in quanto rappresentante dei comitati inglesi aderenti all’Association internationale des femmes di Maria Goegg. Al punto che, in una lettera alla Solidarité, Josephine Butler in persona aveva accusato il periodico fiorentino di non voler affrontare la spinosa questione.

26In tale vertenza, Aurelia Cimino Folliero si sottrae alle critiche, invocando la specificità italiana:

  • 60 Notizie e cose varie, «Cornelia», Firenze, 16 settembre 1873.

Non è il coraggio che manca alla Cornelia, poiché essa sa che non vi è cosa spiacevole che non possa sapersi dire, ma è la convinzione di non fare nessun bene. Prima di fare accettare tali riforme in Italia, bisogna che entri nella mente dei più che i costumi vanno mutati. Quando lo spettacolo del vizio non chiamerà più il sorriso sulle labbra dei giovani, ma velerà la loro fronte di quel rossore, che Diogene chiamava il colore della virtù, la riforma che chiede la signora Butler potrà ottenersi con minor lotta.60

  • 61 Sulla battaglia abolizionista in Italia restano imprescindibili gli studi di M. Gibson, Stato e pr (...)
  • 62 Cosa facciano le donne nel vecchio e nel nuovo continente, «Cornelia», Firenze, 16 luglio 1875.
  • 63 Loc. cit.
  • 64 Notizie e cose varie, «Cornelia», Firenze, 16 giugno 1876.

27In effetti, in Italia la battaglia per l’abolizione della prostituzione patentata diventa uno dei terreni principali di divisione all’interno del movimento, vero e proprio indice delle diversità sussistenti sin dalle origini tra le diverse anime del femminismo italiano61. Nell’estate del 1875, però, Cimino Folliero è costretta a tornare sulla questione. A catalizzare il dibattito nell’opinione pubblica è il giro di conferenze che Butler sta conducendo, accompagnata da Giuseppe Nathan, dopo aver trovato sostegno negli ambienti del mazzinianesimo e in generale in personalità e organismi dell’opposizione, che vedevano nel regolamento Cavour del 1860 un riflesso della logica compromissoria con cui le forze moderate conducevano tutta la politica nazionale. Dal 1875, infatti, l’organismo internazionale ebbe una sua sezione in Italia guidata dallo stesso Nathan, diventato presidente del neonato comitato centrale italiano contro il regolamentarismo. In tale contesto, il 16 luglio 1875, il quindicinale Cornelia dà brevemente conto della «crociata» di Butler in Italia, ma ribadisce di non poter prendere parte alla discussione «per ragioni che tutti comprendono»62. E precisa ulteriormente: «L’Italia non è paese in cui l’apostolo di una nuova teoria trovi duri avversari, ma anco partigiani devoti. Da noi l’indifferentismo paralizza la coraggiosa iniziativa»63. Questa sarà la linea su cui il giornale si attesterà anche nei mesi successivi, pur offrendo ancora qualche notizia sulla battaglia abolizionista, in particolare nel giugno dell’anno 187664. Il tema del carattere nazionale, che tanto interesse aveva sollevato a partire dalla seconda metà del Settecento e per tutto il Risorgimento, tornava qui declinato in prospettiva femminile a giustificare le remore e le differenze, sul piano politico-ideale, tra le diverse componenti del movimento.

28Al contrario, La Donna e la sua direttrice entrarono appieno nella mobilitazione nazionale e internazionale contro la prostituzione di stato, facendone un terreno d’elezione sostenuto malgrado le numerose defezioni. Erano in gioco sia le convinzioni personali del nucleo centrale delle collaboratrici del periodico, sia l’osmosi che si creò su questo terreno tra i diversi gruppi mazziniani e il comitato centrale italiano della Federazione abolizionista. Nella campagna contro la prostituzione di stato, infatti, il movimento repubblicano e democratico fu attivamente mobilitato, trovandovi un’ideale continuazione della battaglia risorgimentale per la rigenerazione morale della nazione, per la dignità femminile e per il miglioramento delle classi popolari.

  • 65 A. M. Mozzoni, Sul regolamento sanitario della prostituzione. Lettera alla signora J. Butler, in R (...)
  • 66 Cfr. Varietà, «La Donna», Venezia, 10 giugno 1872.

29Gualberta Beccari non aveva atteso il viaggio di Butler per affrontare l’argomento. Aveva pubblicato uno scritto dell’autorevole Anna Maria Mozzoni, Sul Regolamento sanitario della prostituzione, uscito precedentemente su La Riforma del secolo XIX: oltre a fornire dati e analisi sulla situazione nazionale, Mozzoni illustrava qui la tesi secondo cui la regolamentazione della prostituzione istituzionalizzava la schiavitù femminile, senza peraltro bloccare la diffusione delle malattie: «I fattori della prostituzione sono la povertà della donna, il celibato dell’uomo»65. Gualberta Beccari aveva poi dato qualche altra notizia in tema, come ad esempio quella di un comitato femminile di Cincinnati, che aveva promosso una petizione affinché anche «gli uomini dissoluti», che frequentavano i bordelli, fossero iscritti nei registri di polizia66.

  • 67 G. A. Beccari, Un dovere imprescindibile, «La Donna», Venezia, 25 maggio 1875.
  • 68 Nata a Venezia da ricca famiglia borghese di origine triestina, da autodidatta costruì una prepara (...)
  • 69 G. A. Beccari, Diversità di pareri fra due distinti campioni dell’emancipazione femminile, «La Don (...)
  • 70 Conferenziera in prestigiose istituzioni culturali, dentro e fuori il Regno, tra cui l’Ateneo Vene (...)
  • 71 M. Frank, Mogli e mariti, Venezia, Coen, 1872, p. 15.

30Dalla primavera del 1875, tuttavia, il tema assume ben altro rilievo: Un dovere imprescindibile è il titolo dell’intervento con cui la direttrice fa sua la causa dell’abolizionismo, riportando i primi documenti del Comitato centrale italiano67. In questa fase fa da «apri-pista» un intervento di Malvina Frank (1830-1892) 68, intellettuale di punta del periodico, «onore del sesso»69, per dirla con le parole della direttrice. Tra le pioniere di un discorso pubblico femminile dotato di autorevolezza culturale e politica, Frank70 nel saggio Mogli e mariti del 1872 aveva teorizzato l’esistenza di un tempo in cui la donna «occupava un posto ben altrimenti alto e rispettato che non occupi adesso anche nelle meglio incivilite nazioni»71 e in cui l’uguaglianza nella differenza tra i sessi non era ancora stata corrotta dai sistemi patriarcali: senza mai citare esplicitamente Bachofen (il cui noto Das Mutterrecht era stato pubblicato nel 1861), Frank aveva sposato l’ipotesi di un matriarcato originario, ben più egualitario dei sistemi subentrati successivamente.

  • 72 Su questo tema rinvio alle sintetiche ma chiare indicazioni di M. Barbagli, Comprare piacere: sess (...)
  • 73 M. Frank, I comitati per l’abrogazione delle leggi sulla prostituzione e l’apostolato della signor (...)
  • 74 G. A. Beccari, Una voce nel deserto, «La Donna», Venezia, 25 luglio e 10 agosto 1875.
  • 75 M. Frank, Della prostituzione considerata specialmente nei suoi rapporti colle leggi di polizia po (...)
  • 76 Id., Una lettura del dott. E. Fazio, Sull’abrogazione dei regolamenti di sorveglianza sulla prosti (...)
  • 77 G. A. Beccari, Nota a M. Frank, Una lettura del dott. E. Fazio, ibid.

31Sul terreno della lotta alla prostituzione di stato, tuttavia, Malvina Frank non abbraccia completamente le posizioni dell’abolizionismo inglese, mostrando che anche tra le collaboratrici di La Donna le diversità sono consistenti. La direttrice manifesta un’evidente affinità con l’impostazione di Butler, che coniugava la cultura dei diritti individuali, propria della tradizione politica anglosassone, con il richiamo ai valori evangelici e al movimento per la purezza sociale72. Su questa lunghezza d’onda si esprimeva anche l’autorevole voce di Giorgina Craufurd Saffi, che cercava di avviare in Italia una riflessione sull’educazione sessuale maschile. Malvina Frank, invece, pur non sottraendosi alla mobilitazione, non manca di sottolineare le specificità del contesto nazionale e «la suscettività dimostrata da taluno» a fronte degli interventi pubblici della Butler: questione linguistica e soprattutto di mentalità, che Frank consiglia di tenere presente, anche se non condivide73. Frank convince varie lettrici ad aderire all’iniziativa della Federazione britannica, come lascia intendere la direttrice del giornale in Una voce nel deserto74; ma le sue posizioni restano, nel complesso, più in linea con le tesi della cultura ufficiale del paese. Le sue idee sono vicine a quanti, in quel dibattito, si dicevano favorevoli all’eliminazione dei regolamenti vigenti, ma per sostituirli con altri più «adatti alla civiltà, alla umanità, alla morale»75: erano, queste, le tesi dell’avvocato rodigino Antonio Veronese, che sosteneva la necessità di sottoporre a visita – indipendentemente dal sesso – tutte le categorie sociali considerate a rischio di contagio delle malattie veneree. A sorpresa anche Malvina Frank sembrava orientarsi in questo senso, affermando esplicitamente: «sarò tra la prime a schierarmi cogli abolizionisti di ogni sorveglianza, cioè per la libertà assoluta, il giorno felice in cui vedrò tanto radicata e diffusa la virtù, quanto lo è ora il vizio»76. Un punto di vista che a Beccari appariva compromissorio, tanto da indurla a pubblicare una lunghissima postilla al testo della sua illustre collaboratrice77.

  • 78 G. C. Saffi, lettera premessa a Sunto di un discorso pronunciato da Giuseppina Butler a Sheffield (...)

32Il dato di rilievo è che anche in questa discussione affiora la peculiarità della situazione italiana a frenare alcune adesioni. Riprendendo le tesi di Giorgina Saffi sulla priorità dell’intervento educativo, ma senza spingersi a sollecitare il coinvolgimento maschile nel ripensamento della sessualità78, Malvina Frank afferma:

  • 79 M. Frank, Una lettura del dott. E. Fazio, art. cit.

A tali parole, che sì bene armonizzano col genio italiano, il quale – e chi nol sa? – dispiega bensì cupidamente il volo dell’ideale che brilla nel cielo del sentimento e dell’arte, ma sa pure serbarsi nella vita pratica positivo e sintetico, ripeto ch’io, con pienezza di convinzione, soscrivo. […] il miglior modo, e il più sicuro, perché le leggi oppressive sieno abrogate, è il fare che manchino, o almeno gradatamente scemino, le ragioni o i pretesti di esercitarle.79

Conclusioni

33Già largamente fatte oggetto d’indagine su altri piani d’analisi, abbiamo qui proposto la lettura delle due riviste sotto il prisma dei rapporti coi coevi organismi del femminismo internazionale e del riflesso che tali rapporti producevano nell’autocoscienza del movimento italiano. Da questa indagine emerge non tanto il ritardo sul piano della nascita di un dibattito ideale o dei collegamenti transnazionali, quanto piuttosto il ruolo di supplenza esercitato dal giornalismo femminista, in mancanza di realtà associative con cui il confronto delle idee potesse trovare concretizzazione. È in questa situazione che il periodico di Beccari diviene struttura di appoggio e di riferimento anche organizzativo rispetto alle due strutture indicate, l’Association internationale des femmes e la British, Continental and General Federation for the Abolition of Prostitution. Sul tema della pace, inoltre, anche la rivista Cornelia, pur da posizioni di generale moderatismo, si pone in una prospettiva transnazionale.

34È pertanto possibile affermare che, negli anni 1870, in assenza di un vero e proprio associazionismo, il femminismo italiano si trova a esser collegato agli organismi internazionali esistenti grazie alle sue riviste. Tale constatazione consente di ribadire che, per il movimento italiano, esistettero da subito terreni di mobilitazione in chiave transnazionale, pur nelle difficoltà di una situazione politico-sociale che aveva da poco acquisito una sua dimensione unitaria; in tale contesto, è il pacifismo, inteso in senso progressivo e religiosamente ispirato, a costituire il terreno più condiviso.

35Il dato forse più inatteso riguarda l’effetto di rispecchiamento che a questa mobilitazione si accompagnava, in continuità con la riflessione sul «carattere degli italiani» che aveva segnato soprattutto il processo risorgimentale: in un rimando di riferimenti sulle specificità dell’indole nazionale e di sostegno alla rigenerazione del paese, le caratteristiche dell’italianità vengono spesso utilizzate in chiave politica.

36Nelle aree moderate del femminismo italiano, le caratteristiche nazionali divengono chiaramente un motivo di giustificazione della mancata adesione alle cause considerate più radicali o ancora immature, oppure troppo esposte alla dimensione pubblica. Quasi al contrario di quanto pensava una femminista come Julia Ward Howe, in un testo intitolato Le italiane, tradotto da Beccari:

  • 80 G. Ward Howe, Varietà. Le italiane, «La Donna», Venezia, 25 ottobre 1873.

Cosa non ci è dato sperare per questo paese, adesso che le sue donne potranno prendere la parte che loro si compete nel suo movimento progressivo! […]. Attraverso lunghi anni di cattività e di lotta, vi è stato sempre nel popolo un profondo amore di libertà e una fede inconcussa nella sua possibilità, ed adesso che il tallone ferrato dell’oppressione non pesa più sopra il seno del paese, noi vedremo le madri italiane emulare la gloria severa delle romane matrone, con una bellezza non meno forte e molto più tenera, quella della saggezza previdente e della grazia cristiana.80

Haut de page

Notes

1 K. Offen, Le féminisme s’internationalise, 1870-1890, in Id., Les féminismes en Europe, 1700-1950 : une histoire politique, trad. di G. Knibiehler, Rennes, Presses universitaires de Rennes, Dinan, Terre de brume, 2012, pp. 203-243.

2 R. Macrelli, L’indegna schiavitù: Anna Maria Mozzoni e la lotta contro la prostituzione di stato, Roma, Editori Riuniti, 1981, p. 97.

3 F. Pieroni Bortolotti, Emancipazione femminile e democrazia nell’Italia contemporanea, in Id., Sul movimento politico delle donne: scritti inediti, a cura di A. Buttafuoco, Roma, Utopia, 1987, p. 25.

4 Rinvio qui, anche per le categorie utilizzate, al mio Orizzonti nuovi: storia del primo femminismo in Italia (1865-1925), Roma, Viella, 2018; una discussione su concetti e categorie usati dalla storiografia per indicare questa fase del movimento in P. Willson, Confusione terminologica:“femminismo” ed “emancipazionismo” nell’Italia liberale, «Italia contemporanea», n. 290, 2019, pp. 209-229.
Online: [http://ojs.francoangeli.it/_ojs/index.php/icoa/article/download/8296/442] (consultato il 30 marzo 2021).

5 Tradotte da Maddalena Gonzenbach, le sei lettere alle donne di Lewald (1811-1889) furono pubblicate dapprima dalla Rivista europea di de Gubernatis (M. Gonzenbach, Rivista dell’istruzione femminile, «Rivista europea», a. I, n. 1, 1o giugno 1870) e successivamente dal periodico di Beccari. Cugina di Ludmilla Assing, Fanny Lewald (1811-1889) fu tra le più famose autrici ottocentesche di romanzi, nonché mediatrice culturale tra Germania e Italia: cfr. A. M. Voci, Intellettuali tedesche per l’Italia tra 800 e 900, «L’Acropoli», a. XVIII, n. 3, 2017, p. 275. Online: [http://lacropoli.eu/articolo.php?nid=1207] (consultato il 30 marzo 2021).

6 H. Dhom, I diritti della donna, trad. di M. Malliani Traversari, Milano, Hoepli, 1878. Dohm (1831-1919) era una nota scrittrice e giornalista tedesca, oggi considerata tra le più importanti esponenti del femminismo radicale ottocentesco. Polemica con le maggiori forme scientifiche dell’epoca, come le scienze naturali, la teologia, la filosofia per le loro presunte giustificazioni della subordinazione femminile, nelle sue opere formula il nucleo teorico cui attingerà il movimento femminista nei decenni successivi, esprimendo anche simpatie pacifiste. Per alcuni dati sulla sua figura rinvio a S. Kinnebrock, Anita Augspurg (1857-1943): Feministin und Pazifistin zwischen Journalismus und Politik. Eine kommunikationshistorische Biographie, Herbolzheim, Centaurus, 2005, pp. 98-99.

7 J. S. Mill, La servitù delle donne, trad. di A. M. Mozzoni, Milano, F. Legros, 1870; contemporaneamente Giustiniano Novelli pubblicava un’altra traduzione del saggio per la casa editrice napoletana Jovene. Bisognerà comunque attendere l’edizione Carabba del 1907 perché il nome di Mozzoni compaia nel frontespizio.

8 Luisa Tosco (1815-1888?), inizialmente attratta dalla vita monastica, si era poi avvicinata all’ex sacerdote Ausonio Franchi, che proprio dalle colonne del suo La Ragione aveva per primo fatto conoscere in Italia la polemica Proudhon-d’Héricourt. La pensatrice avviò così la sua collaborazione con il giornale Il Libero Pensiero e, usando spesso lo pseudonimo di To-sko, anche con La Donna di Beccari, che pure in più occasioni se ne dissociò. In seguito raccolse buona parte dei suoi interventi nel volume La causa della donna. Le sue posizioni razionalistiche e di radicalismo libertario rimasero sostanzialmente senza seguito all’interno del movimento italiano: si veda G. Biadene, Primato della ragione e doppia morale. «La causa della donna» di Luisa Tosco, «Memoria. Rivista di storia delle donne», n. 1, 1981, pp. 87-93 e, più in generale, F. Taricone, Democrazia e socialismo nell’Ottocento: le “libere pensatrici”, «Giornale di storia contemporanea», a. IV, n. 2, 2001, pp. 27-49.

9 Secondo Oscar Greco la traduzione del testo fu autorizzata dall’autrice, ma non trovò poi un editore: O. Greco, Bibliobiografia femminile italiana del XIX secolo, Mondovì, Tip. Issoglio, 1875, pp. 481-485.

10 G. Bock, Le donne nella storia europea: dal Medioevo ai nostri giorni, trad. di B. Heinemann, Roma-Bari, Laterza, 2000, p. 203.

11 Sul giornalismo femminista italiano tra Ottocento e Novecento si vedano alcuni saggi di sintesi: A. Buttafuoco, Cronache femminili: temi e momenti della stampa emancipazionista dall’Unità al fascismo, Arezzo, Università degli Studi di Siena, 1988; Bibliografia dei periodici femminili lombardi: 1786-1945, a cura di R. Carrarini e M. Giordano, Milano, Lampi di stampa, 2003; Donne e giornalismo: percorsi e presenze di una storia di genere, a cura di S. Franchini e S. Soldani, Milano, Franco Angeli, 2004; La stampa periodica delle donne in Italia: catalogo 1861-1985, a cura di R. De Longis, Roma, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, 1986.

12 Su questo rinvio ancora al mio Orizzonti nuovi; per una biografia della Mozzoni si veda S. Murari, L’idea più avanzata del secolo: Anna Maria Mozzoni e il femminismo italiano, Roma, Aracne, 2008.

13 Sul periodico, ampiamente studiato (anche se quasi inesauribile fonte di notizie), rimando nuovamente al mio Orizzonti nuovi per una presentazione generale; più nello specifico si veda di G. Biadene, Solidarietà e amicizia: il gruppo de «La Donna» (1870-1880), «Nuova DWF», n. 10-11, 1979, pp. 48-79; B. Pisa, Venticinque anni di emancipazionismo femminile in Italia: Gualberta Alaide Beccari e la rivista «La Donna» (1869-1890), Roma, FIAP, 1982.

14 Varietà, «La Donna», Padova, 10 maggio 1868 e 10 gennaio 1869.

15 A. Bosquet, L’assoggettamento delle donne. (Traduzione di Ulisa), «La Donna», Padova, 31 ottobre 1869.

16 R. Pesman, Mazzini in esilio e le inglesi, in Famiglia e nazione nel lungo Ottocento: modelli, strategie, reti di relazioni, a cura di I. Porciani, Roma, Viella, 2006, pp. 55-82.

17 Ne parlo, all’interno di una più ampia analisi, nel saggio Nel campo della lotta: organizzazioni femminili evangeliche e movimento delle donne in Italia tra ‘800 e ‘900, «Cristianesimo nella storia», vol. XXXVII, n. 1, 2016, pp. 121-145.

18 Cfr. [G. A. Beccari], Una spiegazione al Direttore dell’Avenir des femmes, «La Donna», Venezia, 10 maggio 1873.

19 Cfr. Varietà. L’Avenir des femmes, «La Donna», Venezia, 10 marzo 1873.

20 Sul periodico si vedano: M. Pacini, Giornali femminili toscani dell’Ottocento: presenze, scritture e modelli, in Scritture femminili e storia, a cura di L. Guidi, Napoli, ClioPress, 2004, pp. 121-137; E. Marvelli, Aurelia Cimino Folliero de Luna: giornalismo al femminile per «una forte e morale generazione», Firenze, Centro editoriale toscano, 2005; per il saggio di Patrizia Guida si veda la nota 22.

21 Apparteneva a una di quelle famiglie che, come suggerisce Pieroni Bortolotti, «fanno catena»: dalla madre, la letterata napoletana Cecilia De Luna, socia corrispondente di varie accademie d’Italia, alla figlia Emilia Cimino, pittrice di fama nei primi decenni del ’900 e a sua volta esponente suffragista: M. Rascaglia, Da madre a figlia: percorsi ottocenteschi del sapere di genere, in Scritture femminili e storia, op. cit., pp. 173-190.

22 Ne parla in particolare P. Guida, La rivista post-unitaria «Cornelia»: donne tra politica e scrittura, Milano, Franco Angeli, 2012, pp. 18-20.

23 Su E. Fuà Fusinato si veda l’interpretazione di N. M. Filippini, Amor di patria e pratiche di disciplinamento: Erminia Fuà Fusinato, in Di generazione in generazione: le italiane dall’Unità a oggi, a cura di M. T. Mori, A. Pescarolo, A. Scattigno et al., Roma, Viella, 2014, pp. 73-86.

24 Vi fu una diminuzione di abbonamenti dopo che la direttrice sostenne alcune aperture in favore del divorzio: si veda in Donne e giornalismo, op. cit., p. 336.

25 Non va poi dimenticato che nel volume di T. Stanton, The Woman Question in Europe, pubblicato nel 1884 a New York, fu Aurelia Cimino Folliero a rappresentare il contributo italiano.

26 A. Cimino Folliero, L’indolenza in Italia e le donne italiane, «La Donna», Venezia, 1o gennaio 1871.

27 Id., L’indolenza in Italia e le donne italiane, «La Donna», Venezia, 5 febbraio 1871; un giudizio non molto diverso da quello che, qualche tempo prima, aveva espresso Jessie White Mario: J. White Mario, La condizione sociale delle donne in Italia (2 dicembre 1869), in La «Nuova Italia» nelle corrispondenze americane di Jessie White Mario (1866-1906), a cura di I. Biagianti, Firenze, Centro editoriale toscano, 1999, p. 93.

28 A. Cimino Folliero, Le italiane nella quistione femminile, «Cornelia», Firenze, 1o febbraio 1873.

29 Su questi temi si vedano, in particolare, gli studi di Silvana Patriarca, a partire da Italiani/Italiane, in Atlante culturale del Risorgimento: lessico del linguaggio politico dal Settecento all’Unità, a cura di A. M. Banti, A. Chiavistelli, L. Mannori et al., Roma, Bari, Laterza, 2011, pp. 199-213.

30 A. Cimino Folliero, Le italiane nella quistione femminile, art. cit.

31 Su questi temi, come sulle iniziative di Maria Goegg, si veda A. Anteghini, Parità, pace, libertà: Marie Goegg e André Léo nell’associazionismo femminile del secondo Ottocento, Genova, Name, 1998, pp. 53-55.

32 G. Bath, Resoconto del discorso di Maria Goegg pronunciato il 24 luglio 1870 a Basilea, «Le Droit des femmes», 7 agosto 1870, citato da Anteghini, Parità, pace, libertà, op. cit., p. 57.

33 G. A. Beccari, La guerra, «La Donna», Venezia, 7 agosto 1870.

34 Ibid.

35 Id., Il 24 giugno 1870, «La Donna», Venezia, 3 luglio 1870.

36 E. Ostacchini, Colla Prussia o con la Francia?, «La Donna», Venezia, 7 agosto 1870.

37 Tra le varie iniziative, segnalo che la contessa De Gasparin spronava le donne a interporsi fra le due nazioni belligeranti; a Treviso era sorto un comitato femminile e la stessa Beccari annunciava di aver intrapreso una raccolta di firme: G. A. Beccari, La contessa De Gasparin e le donne Trevigiane, «La Donna», Venezia, 4 dicembre 1870.

38 Una cittadina svizzera, La missione della donna. Articolo tratto dal giornale Les États-Unis d’Europe e tradotto da G. A. Beccari, «La Donna», Padova, 18 ottobre 1868.

39 Su questi temi si veda Les États-Unis d’Europe : un projet pacifiste, a cura di M. Petricioli, D. Cherubini e A. Anteghini, Berna, Peter Lang, 2004.

40 M. Goegg, Lettera e statuti dell’Associazione internazionale delle donne, «La Donna», Padova, 27 settembre 1868.

41 Dopo Le Droit des femmes, collegato all’Association pour le droit des femmes, Léon Richer, detto il padre del femminismo, con Marie Deraismes ridiede vita al periodico sotto il meno compromettente titolo de L’Avenir des femmes, puntando sull’acquisizione di diritti civili prima che sulla cittadinanza politica: su questa esperienza associativa e giornalistica A. Jacquemart, Une histoire genrée des mouvements suffragistes, «Vingtième Siècle. Revue d’histoire», n. 133, 2017, pp. 3-14; L. Klejman e F. Rochefort, Le féminisme sous la Troisième République : 1870-1914, «Matériaux pour l’histoire de notre temps», n. 1, 1985, pp. 8-11.

42 [s.n.], Associazione internazionale femminile di Ginevra, «La Donna», Venezia, 13 febbraio 1870. Il nome della vedova Varesi Garavaglia non è specificato.

43 [s.n.], Discorso pronunciato dalla signora Maria Goegg nella seduta del 27 marzo tenuta dall’Associazione internazionale delle donne in Ginevra, «La Donna», Venezia, 10 aprile 1870.

44 V. Grossi, Le pacifisme européen : 1889-1914, Bruxelles, Bruylant, 1994; L. D’Angelo, Il pacifismo democratico italiano dalla fine dell’Ottocento alla prima guerra mondiale, in Pensare il Novecento: fatti, problemi e idee di un secolo denso di suggestioni storiche, a cura di O. De Rosa e D. Verrastro, Roma, Bari, Laterza, 2013, p. 283.

45 G., Fede e bellezza, «La Donna», Padova, 26 luglio 1868.

46 G. Ward Howe, Appello alle donne dei due mondi, «La Donna», Venezia, 10 maggio 1871.

47 G. A. Beccari, Di un Congresso femminile per la Pace, «La Donna», 25 aprile 1873.

48 Figlia di un giudice, autrice di poesie e romanzi, aveva fondato un’associazione con cui intendeva aiutare i famigliari delle vittime di guerra, porre fine alla pratica del duello e lavorare per la solidarietà internazionale e per la pace: si veda A. Anteghini, Parità, pace e libertà, op. cit., pp. 88-89.

49 E. Mariani, Congresso femminile per la pace, «La Donna», Venezia, 10 giugno 1873; Mariani sarà una figura di riferimento del femminismo italiano di matrice democratica, che si aprirà poi al socialismo.

50 G. Ward Howe, Festa della Pace, «La Donna», Venezia, 10 settembre 1873.

51 [s.n.], La Solidarietà. Associazione per la difesa dei diritti delle donne, «La Donna», Venezia, 25 agosto 1872.

52 Pubblicazioni estere, «Cornelia», Firenze, 16 agosto 1873.

53 Cosa facciano le donne nel vecchio e nel nuovo continente, «Cornelia», Firenze, 16 settembre 1873.

54 Cosa facciano le donne nel vecchio e nel nuovo continente, «Cornelia», Firenze, 16 giugno 1873.

55 [s.n.], Le donne innanzi al congresso internazionale, «Cornelia», Firenze, 16 dicembre 1873.

56 Cosa facciano le donne nel vecchio e nel nuovo continente , «Cornelia», Firenze, 16 maggio 1874.

57 A. Cimino Folliero, La donna e la pace, «Cornelia», Firenze, 16 giugno 1874.

58 Cosa facciano le donne nel vecchio e nel nuovo continente, «Cornelia», Firenze, 16 settembre 1873.

59 Cfr. J. Jordan, Josephine Butler, Londra, Murray, 2001.

60 Notizie e cose varie, «Cornelia», Firenze, 16 settembre 1873.

61 Sulla battaglia abolizionista in Italia restano imprescindibili gli studi di M. Gibson, Stato e prostituzione in Italia: 1860-1915, trad. di C. Soda, Milano, Il Saggiatore, 1995 e di R. Macrelli, L’indegna schiavitù, op. cit.; sulle divisioni in tema di prostituzione mi permetto di rinviare al mio Giorgina Saffi: contributo alla storia del mazzinianesimo femminile, Milano, Franco Angeli, 2003, pp. 99-113.

62 Cosa facciano le donne nel vecchio e nel nuovo continente, «Cornelia», Firenze, 16 luglio 1875.

63 Loc. cit.

64 Notizie e cose varie, «Cornelia», Firenze, 16 giugno 1876.

65 A. M. Mozzoni, Sul regolamento sanitario della prostituzione. Lettera alla signora J. Butler, in R. Macrelli, L’indegna schiavitù, op. cit., p. 71.

66 Cfr. Varietà, «La Donna», Venezia, 10 giugno 1872.

67 G. A. Beccari, Un dovere imprescindibile, «La Donna», Venezia, 25 maggio 1875.

68 Nata a Venezia da ricca famiglia borghese di origine triestina, da autodidatta costruì una preparazione culturale di tutto rispetto che coltivò per tutta la vita, anche dopo il matrimonio con un ufficiale civile austriaco, col cui cognome cominciò a firmare i sui scritti: O. Greco, Bibliobiografia femminile italiana, op. cit., ad vocem; Donne del giornalismo italiano: da Eleonora Fonseca Pimentel a Ilaria Alpi. Dizionario storico bio-bibliografico, secoli XVIII-XX, a cura di L. Pisano, Milano, Franco Angeli, 2004, ad vocem.

69 G. A. Beccari, Diversità di pareri fra due distinti campioni dell’emancipazione femminile, «La Donna», Venezia, 10 giugno 1874.

70 Conferenziera in prestigiose istituzioni culturali, dentro e fuori il Regno, tra cui l’Ateneo Veneto di Venezia, il Gabinetto letterario e scientifico di Gorizia, il Circolo filologico di Milano. Alla Conferenza Beatrice del 1890 Frank tornerà a prendere la parola per sostenere il legame profondo tra moralità e letteratura: M. Frank, Connessione degli studi letterari colla morale: pensieri e desideri, in A Beatrice Portinari nel VI centenario della sua morte. Il IX giugno MDCCCXC, Firenze, Le Monnier, 1890, pp. 194-212.

71 M. Frank, Mogli e mariti, Venezia, Coen, 1872, p. 15.

72 Su questo tema rinvio alle sintetiche ma chiare indicazioni di M. Barbagli, Comprare piacere: sessualità e amore venale dal Medioevo a oggi, Bologna, Il Mulino, 2020, pp. 414-416.

73 M. Frank, I comitati per l’abrogazione delle leggi sulla prostituzione e l’apostolato della signora Butler, «La Donna», Venezia, 25 maggio 1875.

74 G. A. Beccari, Una voce nel deserto, «La Donna», Venezia, 25 luglio e 10 agosto 1875.

75 M. Frank, Della prostituzione considerata specialmente nei suoi rapporti colle leggi di polizia politica e sanitaria. Studio critico dell’avv. Antonio Veronese. Lettera a Gualberta Beccari, «La Donna», Venezia, 10 e 25 ottobre 1875.

76 Id., Una lettura del dott. E. Fazio, Sull’abrogazione dei regolamenti di sorveglianza sulla prostituzione e sull’Igiene pubblica, «La Donna», Venezia, 25 dicembre 1875 e 10 gennaio 1876.

77 G. A. Beccari, Nota a M. Frank, Una lettura del dott. E. Fazio, ibid.

78 G. C. Saffi, lettera premessa a Sunto di un discorso pronunciato da Giuseppina Butler a Sheffield in Inghilterra, «La Donna», Venezia, 10 e 25 ottobre 1875.

79 M. Frank, Una lettura del dott. E. Fazio, art. cit.

80 G. Ward Howe, Varietà. Le italiane, «La Donna», Venezia, 25 ottobre 1873.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Liviana Gazzetta, « Relazioni e rispecchiamenti. Un decennio di femminismo italiano in prospettiva internazionale (1868-1877) », Laboratoire italien [En ligne], 26 | 2021, mis en ligne le 06 juillet 2021, consulté le 16 octobre 2021. URL : http://journals.openedition.org/laboratoireitalien/6900 ; DOI : https://doi.org/10.4000/laboratoireitalien.6900

Haut de page

Auteur

Liviana Gazzetta

Institut pour l’histoire du Risorgimento italien, comité de Padoue • Liviana Gazzetta a soutenu sa thèse de doctorat en histoire sociale européenne à l’université Cà Foscari de Venise. Elle est professeure de lycée et a donné des cours d’histoire des femmes à l’université de Venise. Son activité de recherche s’est développée principalement dans le domaine de l’histoire des mouvements féminins à l’époque contemporaine. Sur ces thèmes, elle a publié divers articles et quelques monographies, dont notamment Orizzonti nuovi: storia del primo femminismo in Italia (1865-1925) en 2018. Elle est présidente de l’Institut pour l’histoire du Risorgimento italien de Padoue.

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

CC 3,0

Haut de page
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search