Navigation – Plan du site

AccueilNuméros26DossierLa Difesa delle Lavoratrici: soci...

  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon
Dossier

La Difesa delle Lavoratrici: socialiste a confronto

La Difesa delle Lavoratrici : confrontations entre femmes socialistes
La Difesa delle Lavoratrici: confrontations between socialist women
Fiorenza Taricone

Résumés

L’article analyse La Difesa delle Lavoratrici, le premier périodique national des femmes socialistes, fondé par Anna Kuliscioff et publié en Italie entre 1912 et 1925. Dans la revue, les principales représentantes du socialisme de l’époque prennent la plume et discutent en tant membres du Parti socialiste italien et d’associations proches du PSI ; cependant, on y trouve aussi des témoignages de travailleuses qui écrivent des lettres au journal pour parler des problèmes de leur vie quotidienne. On peut considérer les journalistes de la revue, qui accomplissent une tâche fondamentale de propagande auprès des femmes italiennes quasiment analphabètes, comme des pionnières de la politique dans le premier parti de masse. Les discussions entre interventionnistes et pacifistes et la controverse sur l’autonomie des sections féminines par rapport aux sections masculines sont particulièrement intéressantes.

Haut de page

Texte intégral

Obiettivi e buoni propositi

  • 1 La Difesa delle Lavoratrici è stato ripubblicato in tutte le annate, dal 1912 al 1925: reprint a c (...)
  • 2 E. Caldara, Il socialismo municipale: sei anni di amministrazione socialista, Milano, M&B Publishi (...)
  • 3 Su questi periodici, M. P. Bigaran, Per una donna nuova: tre periodici di propaganda socialista tr (...)
  • 4 Lo afferma C. Casalini, La signora del socialismo italiano: vita di Anna Kuliscioff, Roma, Editori (...)

1La Difesa delle Lavoratrici, primo periodico delle donne socialiste su scala nazionale, esce per la prima volta il 17 gennaio del 19121; la redazione e l’amministrazione sono a Milano, città dove per la prima volta, due anni dopo l’uscita del giornale, si sperimenterà con Emilio Caldara2 un’amministrazione socialista dal 1914 al 1920. Bimensile, settimanale dal 1921, con diffusione irregolare tra il 1923 e il 1925, La Difesa delle Lavoratrici è stata diretta per i primi due anni da Anna Kuliscioff, la quale dovrà poi limitarsi al ruolo non meno prezioso di consigliera, per motivi di salute. Il progetto dichiarato di unire le forze per una maggiore incisività è confermato anche dalla notizia, apparsa nel primo numero della rivista, che Su Compagne, fondato da Angelica Balabanoff, si era fuso con la La Difesa delle Lavoratrici. Inoltre, il giornale si presentava almeno idealmente come l’erede maturo di precedenti pubblicazioni: Eva, nata per iniziativa di Rina Melli, promotrice di leghe di resistenza nel ferrarese, che assicurò con grande spirito di sacrificio la sopravvivenza del giornale, e La donna socialista, fondata da Ines Oddone Bitelli nel 19053. Già nello stesso anno 1912, Kuliscioff decise di cedere ad Angelica Balabanoff la direzione del giornale; a partire dalla fine dell’anno l’editoriale era, quindi, firmato dall’infaticabile propagandista russa4.

  • 5 Sull’associazionismo di area, in particolare sulle donne socialiste: F. Taricone, Politica e citta (...)
  • 6 Giuseppe Scalarini, artista, disegnatore, autore di satira politica, nasce a Mantova nel 1873 e mu (...)
  • 7 Indici del periodico «La Difesa delle Lavoratrici», a cura di D. Di Gravio, O. Furlani e M. Mingar (...)

2Il giornale ha un’articolazione diversificata, ricca di articoli, quasi tutti a firma femminile, non solo di iscritte al Partito socialista italiano (Psi), militanti e funzionarie, ma anche di simpatizzanti che sono attive in un associazionismo di area, vicino al Psi5. Alcuni articoli sono firmati da organizzazioni sociali, politiche e sindacali; compaiono anche fotografie, vignette di Giuseppe Scalarini6, e disegni7.

  • 8 [La Redazione], Una forza nuova, «La Difesa delle Lavoratrici», a. I, n. 1, 7 gennaio 1912.

3Anna Kuliscioff è certamente l’ispiratrice dell’articolo iniziale, a firma della redazione, dal titolo Una forza nuova: «Non siamo agli inizi né veniamo come delle intruse, questa iniziativa che, altra volta avrebbe incontrato il sorriso scettico dei nostri stessi compagni nasce oggi con ben migliori auspici»8. Esplicitamente quindi La Difesa si attribuisce fin dall’inizio come progetto editoriale una maturità politica, sia rispetto alla questione femminile, sia rispetto al ventennio di propaganda socialista, a partire dalla nascita del Psi nel 1892. Le 60 000 donne organizzate nei sindacati e nelle federazioni, continua l’articolo, in maggioranza lavoratrici dei campi, devono diventare molte di più e godere, come gli uomini, dei diritti politici, che guadagnano con il lavoro. Il risveglio e l’educazione politica di sei milioni di lavoratrici rappresenteranno la forza nuova per la vittoria su tutte le ingiustizie. Queste premesse spiegano anche perché l’organizzazione e la propaganda siano i punti fermi del giornale, e su queste convergano molti sforzi. Con voto unanime, del resto, il Congresso della Confederazione Nazionale del Lavoro aveva invitato i lavoratori a fare opera di propaganda e di organizzazione fra le loro compagne di lavoro; lo stesso Psi, nel suo ultimo congresso a Modena nel 1911, constatando l’identità degli interessi del proletariato femminile e di quello maschile, riteneva dovere del partito organizzare i lavoratori e le lavoratrici in sindacati femminili o misti.

  • 9 Al Congresso, l’Unione Nazionale Femminile Socialista propone di ridurre la tassa d’iscrizione al (...)
  • 10 Abigaille Zanetta, Ille per gli amici, nasce a Suno Novarese nel 1875 da padre notaio, democratico (...)
  • 11 Giselda Brebbia nasce nel 1878 a Comabbio (Varese), da Pietro, possidente e da Carolina Berrini, m (...)
  • 12 «La Difesa delle Lavoratrici», 19 aprile 1914.

4Nel Congresso del 1912 a Reggio Emilia vengono gettate le basi dell’Unione nazionale delle donne socialiste9; nel primo Convegno provinciale femminile socialista milanese, le relazioni principali sono due e vertono l’una sull’organizzazione economica, affidata ad Abigaille Zanetta10, e l’altra su quella politica, affidata a Giselda Brebbia11. Alla fine dei lavori si propone che il partito, le Camere del Lavoro e le singole organizzazioni sostengano finanziariamente i gruppi femminili contribuendo così alla nascita della figura di una propagandista retribuita, dedicata in modo esclusivo al suo lavoro12.

Organizzazione e propaganda: una convivenza difficile

  • 13 [s.n.], Conferenza di Carmela Baricelli: sul Basso Polesine, «La Difesa delle Lavoratrici», 16 mar (...)

5Ne La Difesa delle Lavoratrici si loda senza mezzi termini il lavoro, non di rado appassionato, che le propagandiste svolgono in prima persona. Questo processo dinamico e relazionale scaturisce in un reciproco riconoscimento fra donne, nel quale una parte delega all’altra la rappresentanza dei propri interessi. Sembrerebbe a prima vista esserci un’incompatibilità, per le propagandiste, fra le caratteristiche femminili tradizionali quali l’estraneità al «pubblico» e il parlare in riunioni affollate; la morale religiosa, comunque rispettata, non vede di buon occhio una donna dal comportamento sconveniente, che si muove pressoché sola in ambienti maschili, «eretica» nei suoi ideali politici e sopra le righe rispetto a modelli moralmente consolidati. Che cos’è dunque che sconfigge la diffidenza e rende via via più folto il pubblico femminile che ascolta e applaude le propagandiste de La Difesa? Forse la commistione di un elemento simbolico con uno concreto: una donna del tutto simile a loro, un’immagine speculare, parla alle donne, interessandole a problemi concreti quali il lavoro, la fatica quotidiana, la cura e la custodia dei bambini. Le donne che vanno ad ascoltare le propagandiste sono probabilmente spinte dall’aspirazione a una vita diversa e migliore, di cui intuiscono la possibilità. A dare su La Difesa una vaga idea di quello che le propagandiste affrontano è, ad esempio, Carmela Baricelli, maestra pavese, a sua volta fondatrice di un giornale, L’Alleanza13, se non ufficialmente di ispirazione socialista, quanto meno di area, che narra le circostanze di una sua conferenza nel basso Polesine. Arrivata di notte, a lume di candela, attraverso argini e canali asciutti, Baricelli annota:

  • 14 Su C. Baricelli e su L’Alleanza, M. Tesoro, Presenza delle donne nei partiti politici 1890-1914, « (...)

Guai se avessi avuto le vesti lunghe in mezzo a quei sassi, poi certi boschi mi fecero ricordare i lupi e infine vidi come un’oasi ed una gran luce, era la Casa del Popolo, passammo il Po con una barchetta da contrabbandiere e infine arrivai.14

6Le ostilità maschili sono consistenti: nella vita privata così come all’interno del partito, i compagni poco o nulla si curano della sensibilizzazione alla politica delle donne.

  • 15 R. Rigola, La donna nei corpi tecnici dello stato, «La Difesa delle Lavoratrici», 3 marzo 1913.

Finché la donna si manterrà appartata anche da quella vita collettiva che le è consentita oggi, è dubbio se essa perverrà mai a eguagliare l’uomo; c’è un femminismo vano e frivolo nelle classi cosiddette superiori il quale non si propone altro che di conquistare il diritto di scimmieggiare il maschio, ma ce n’è un altro, sano e consistente che erompe dai dolori della moltitudine proletaria femminile, vittima di una doppia oppressione di classe e di sesso. Per questa via la donna acquista non pure il diritto ma financo la capacità di partecipare alla vita pubblica.15

7Ad attenuare le polemiche è la necessità di un’unione di tutte le forze, sia maschili che femminili, necessaria in un anno cruciale per il diritto di voto come il 1912, fra il progetto di Giolitti per il cosiddetto suffragio universale e le polemiche con l’associazionismo di stampo borghese, non ostile a un eventuale allargamento del diritto di voto alle donne con adeguato livello d’istruzione. A distanza di pochi mesi dall’uscita del giornale, il quarto governo Giolitti approva la legge n. 666 del 30 giugno 1912, che modifica la legge elettorale del 1882. Il diritto di voto è esteso a tutti i cittadini maschi di 30 anni che paghino un’imposta diretta annuale di 19,80 lire, o abbiano conseguito la licenza elementare, o ancora abbiano prestato il servizio militare: tali misure hanno come effetto un aumento sostanzioso della percentuale degli aventi diritto al voto che dal 7% rappresentano oramai il 23,2% della popolazione. Si parlò erroneamente di suffragio universale e i criteri, peraltro, sebbene modificati, non avrebbero avuto conseguenze sul corpo elettorale femminile, escluso per genere.

Le ostilità di partito

  • 16 E. Mariani, Associazioni femminili, «Flora Letteraria», n. 10, dicembre 1892, p. 73.

8La Difesa delle Lavoratrici trova nella tradizionale diffidenza femminile verso gli strumenti associativi un duro ostacolo; già nel 1892, la socialista Emilia Mariani scrive: «Io pensavo con rincrescimento come da noi non vi fosse nemmeno l’ombra di questo movimento, dacché lo spirito di associazione, questa leva del miglioramento sociale moderno, non è conosciuto ed apprezzato dalla più gran parte dell’elemento femminile in Italia»16.

  • 17 M. Goia, La cooperazione e la donna, «La Difesa delle Lavoratrici», 4 febbraio 1912. Maria Goia, n (...)

9Maria Goia, propagandista del ferrarese, tentando di capire la diffidenza, osserva che le donne sono nemiche delle leghe di resistenza perché tutto ciò che è nuovo urta la loro anima conservatrice. In compenso, però, le donne sono più pratiche di quel che si pensi e privilegiano il lato utilitario, ed entrano allora nelle Leghe quando comprendono che sarà meno faticoso ottenere il pane. Delle cooperative di consumo, invece, ancora non afferrano l’importanza, non hanno ancora del tutto compreso che le cooperative, nei momenti di lotta, sono non solo luogo di riunione dei lavoratori, ma anche «quello dove fiorisce la solidarietà, sostegno degli scioperanti perché offre il credito negato dai bottegai»17. Anche Sofia Avoni, bibliotecaria della sezione delle Biblioteche Popolari a Milano, scrive che le donne sentono ben poco il dovere di solidarietà:

  • 18 S. Avoni, Il dovere delle organizzate, «La Difesa delle Lavoratrici», 16 marzo 1913; anni dopo, co (...)

attirate nell’organizzazione per l’attiva propaganda dei nostri compagni e tenutevi più che tutto dal miraggio di possibili miglioramenti economici della propria categoria, esse restano estranee o quasi allorché s’intraprendono agitazioni di carattere generale.18

  • 19 [s.n.], Congresso socialista di Ancona. II convegno nazionale delle donne socialiste, «La Difesa d (...)
  • 20 La Difesa delle Lavoratrici del luglio 1916 riporta un elenco delle sezioni femminili, tutte dislo (...)
  • 21 Ada Pandolfi torna ancora sulla questione femminile con un articolo intitolato proprio La donna me (...)

10Riaffiorano sistematicamente ne La Difesa delle Lavoratrici le puntualizzazioni sull’autonomia dei Gruppi femminili socialisti federati all’Unione femminile nazionale socialista, che in nessun caso vanno considerati come sezioni femminili del partito e sono costituiti solo da donne iscritte nella locale sezione, mentre alle minorenni simpatizzanti è riservato il Circolo giovanile. Dai Gruppi così strutturati nascono le propagandiste che, essendo contemporaneamente iscritte alle Leghe e alle Camere del Lavoro, avrebbero fatto opera di proselitismo fra le classi lavoratrici. Nella relazione presentata al Convegno nazionale delle donne socialiste, Carlotta Clerici rassicura apertamente i compagni: nessuna ha intenzione di creare un femminismo socialista incompatibile colla natura dei movimenti di classe19. Di fatto, però, il dilemma nei confronti di una maggiore autonomia (che qui non possiamo approfondire) rimane un problema spinoso. Alla fine del 1914, le sezioni femminili sono 65, e ancora si discute se debbano o no esser fuse con quelle maschili20. Nel tumultuoso 1921, il bilancio sull’efficacia della propaganda non è particolarmente positivo; Ada Pandolfi, che si è occupata a più riprese della condizione femminile nell’Italia meridionale21, scrive che

  • 22 A. Pandolfi, Per la propaganda femminile, «La Difesa delle Lavoratrici», 11 giugno 1921.

il movimento evoluzionistico femminile abbastanza rapido nell’Italia settentrionale, lento nell’Italia centrale, va gradatamente spegnendosi per morire del tutto nel meridione [...]. Per la propaganda femminile, cosa è stato fatto e che sarà fatto? Emerge quindi l’assoluta necessità di comizi di carattere prettamente femminile che tentino di farsi strada direttamente nei cervelli, che secoli di ignoranza ha reso ottusi, piccini e qualche volta cattivi.22

11Una sferzata in materia di organizzazione viene nel 1922 da una penna maschile, quella di Pietro Pietrobelli, che in verità esordisce condannando la noncuranza dei compagni verso il movimento socialista femminile, frutto di una sorta di tacita intesa fra uomini atta a sabotarlo. Per uscire dall’impasse, Pietrobelli suggerisce il riconoscimento della necessità della gerarchia maschile:

La donna ha bisogno assoluto di essere educata e guidata da chi per ragioni di cultura ed esperienza si trova nella condizione di poter rendere con profitto questo speciale e utilissimo servizio. A che valgono, infatti, le riunioni domenicali delle donne simpatizzanti se in queste riunioni manca la parola della fede e il consiglio fraterno di chi conosce già la teorica socialista?

  • 23 P. Pietrobelli, Ai margini del movimento femminile socialista. Una lacuna da colmare, «La Difesa d (...)

12Pietrobelli propone di creare una Federazione femminile socialista con un proprio rappresentante nella Direzione del Partito che, a sua volta, avrebbe chiesto a ogni segretario di sezione di presenziare alle «adunanze delle donne»23. Gli risponde aspramente Tilde Momigliano, in uno dei suoi rari scritti:

  • 24 T. Momigliano, Non precipitiamo! A Pietro Pietrobelli, «La Difesa delle Lavoratrici», 25 marzo 192 (...)

Abbiamo la sensazione di aver raggiunto l’età delle maggiorenni [...], vi fu tempo già in cui le donne furono sole, dissero le loro ragioni, scesero nelle vie e nelle piazze, fecero i loro congressi. Parvero forti e forse troppo baldanzose e venne il deliberato della Direzione del Partito e disse che le donne dovevano far parte cogli uomini delle sezioni e che i Circoli (da non confondersi con i Gruppi) femminili dovevano sciogliersi. Ciò, caro compagno Pietrobelli, è già nell’archivio. Personalmente non voglio dire più che gli uomini ci trascurano, benché io abbia assistito a un Congresso del Biellese in cui gli uomini vollero l’alzata di mano per deliberare se le donne avessero diritto al voto come gli uomini in seno al Partito! È proposto da voi che il segretario o chi per esso, presenziasse alla seduta delle donne. Ove questo rappresentante sia ben accetto e serio, approvato. Molte volte però un uomo di mezzo pelo è già scettico, tanto più se si tratta di noi, e il più delle volte se è brizzolato, si crede poi un gallo nel pollaio, l’esperienza insegna.24

13Si sviluppa poi, nell’immediato dopoguerra, all’interno dei Gruppi femminili, quella che viene definita la «questione morale». Ad aprirla è Clelia Montagnana, sorella di Rita Montagnana Togliatti, che ritiene necessari criteri precisi per l’iscrizione delle socie. Clelia Montagnana sostiene che la poca onestà di alcune si accompagna inevitabilmente

al mercimonio [...], e poiché qualunque istituzione allacciantesi al nostro partito deve essere un focolare di forze morali tali da provocare il rispetto degli avversari stessi, io non credo si debba accettare nei nostri gruppi donne la cui moralità sia dubbia.

  • 25 C. Montagnana, Ritornando sulla questione morale, «La Difesa delle Lavoratrici», 11 marzo 1917.

14Poiché non si può superare la morale borghese in libertà, Montagnana sostiene che si debba però superare in materia di serietà, precisando che non intende affatto riferirsi alle libere unioni, ma alle donne poco «oneste» e, più precisamente, «le zitelle che cambiano amante, o anche magari solo il flirt come la cosa più naturale del mondo, che maritate ingannano il marito ed unite liberamente tradiscono il compagno, o l’abbandonano per passare da un amore all’altro». La sua ammirazione va a quelle donne che, tradite dal marito, «invece di perdonar sempre come vuole la morale corrente, hanno il coraggio di separarsi da chi non è degno di loro»25.

Il lavoro al centro

15Il lavoro occupa naturalmente un considerevole spazio nelle pagine del giornale e s’identifica talvolta con l’organizzazione stessa del movimento femminile: Camere del Lavoro, Sindacati, Leghe, Società di mutuo soccorso, Cooperative, Biblioteche popolari, associazionismo di area socialista; l’intento non è solo di tutelare le lavoratrici e migliorarne le condizioni, ma anche stimolare in loro un sentimento di orgoglio nei confronti del contributo economico dato alla nazione rispetto ai ceti parassiti e naturalmente agli sfruttatori capitalisti.

16È soprattutto attraverso la rubrica intitolata Lotte e difesa del lavoro che si illustrano le condizioni di vita e i problemi delle donne lavoratrici, ma il tema è comunque presente anche quando si affrontano problematiche più generali, collegate al suffragismo e ai diritti civili. La Difesa segue soprattutto le rivendicazioni e i bisogni di alcune categorie che la legge sul lavoro delle donne e dei fanciulli del 1902 ha escluso, ovvero i lavoratori della terra e il lavoro a domicilio. Difficilmente quantificabile, quest’ultimo impiega lavoratrici che difficilmente si prestano a essere raggiunte dalla propaganda socialista, a sviluppare una solidarietà di classe e, di conseguenza, a essere politicizzate. La Difesa, fin dal suo esordio, affronta comunque coraggiosamente il problema, citando per l’Italia due inchieste: una condotta a Milano per conto dell’Umanitaria, e una effettuata a Torino dall’Unione donne cattoliche. Emerge, dalla prima inchiesta, che le madri di famiglia lavorano 14-15 ore e sono pagate 4-5 lire la settimana. A Torino, le cucitrici in bianco devono detrarre una parte del salario per le cosiddette «spedizioni» (bottoni, aghi, filo, consumo della macchina). Questa sembra essere solo la punta dell’iceberg, tuttavia: La Difesa si propone di condurre un’inchiesta globale sulle forme svariatissime del lavoro a domicilio in Italia.

  • 26 [s.n.], Il lavoro a domicilio in Italia. Un appello alla Confederazione Generale del lavoro e alle (...)

L’inchiesta dovrà penetrare nelle campagne in una vera e propria opera di esplorazione nazionale [...], preparare questionari, moduli, trovare dappertutto informatori scrupolosi e scuotere le organizzazioni operaie; per parte nostra, metteremo a disposizione della Confederazione del lavoro tutto l’entusiasmo delle poche pioniere del movimento socialista.26

  • 27 «La Difesa delle Lavoratrici», 6 ottobre 1912. Vengono anche riportati i nomi e la data della sua (...)

17I settori lavorativi che suscitano più sospetti per le collusioni coll’apparato e la classe borghese sono quelli impiegatizi, dell’insegnamento e quelli attinenti alle libere professioni. Tuttavia, a parte qualche eccezione, ne La Difesa c’è sostanzialmente un’apertura piuttosto che una chiusura verso il ceto impiegatizio e piccolo borghese, anche per la presenza massiccia di maestre fra le stesse socialiste. Un riscontro politico positivo, del resto, c’è: ne La Difesa viene dato, infatti, l’annuncio della costituzione di una Sezione femminile nell’Unione fra impiegate di aziende private e commessi di studio, creata per convincere le donne della necessità dell’organizzazione, promuovendo discussioni e conferenze27.

  • 28 C. Azimonti, Lotte e difesa del lavoro, «La Difesa delle Lavoratrici», 16 febbraio 1913.
  • 29 [s.n.], Mondarisi leggete!, «La Difesa delle Lavoratrici», 1o giugno 1913.

18La Difesa sollecita anche, in ogni modo, una modifica della legge sulla risaia del 1907, la quale ha fissato un tetto di nove ore di lavoro per le locali e dieci per le mondariso immigrate, ponendole in contrasto tra loro, perché quelle che pernottano sul fondo possono tollerare un’ora di lavoro in più. Il memoriale curato dalla Federazione nazionale dei lavoratori della terra propone, inoltre, l’obbligatorietà del contratto scritto per tutte le squadre di mondariso, la trasformazione delle Commissioni di conciliazione in Collegi di probiviri permanenti, un indennizzo alle famiglie dei mondariso che muoiono durante la monda, la Cassa di maternità per le risaiole, e un risarcimento nel caso si contragga la malaria, considerata come infortunio sul lavoro28. Con appelli continui si sollecitano le mondariso a scrivere alla Federazione nazionale contadini per segnalare soprusi e consentire così l’invio di ispettori: «Non muovetevi da casa se non avete in mano il contratto scritto, attenti alle sanguisughe». I dormitori devono inoltre offrire garanzie precise: essere coperti, forniti di reticelle per le zanzare, e di locali separati per i due sessi; devono, inoltre, essere distribuiti cibi sani, acqua potabile e chinino gratuito come cura preventiva. Gli emigranti non devono lavorare più di dieci ore e i locali nove e riposare almeno 24 ore di seguito. I fanciulli minori di 14 anni e le donne prima di un mese dal parto non possono lavorare29.

19Frequente, anche se a volte ridotto a pochi trafiletti, l’aggiornamento sui provvedimenti legislativi come, per esempio, quelli riguardanti le operaie delle industrie stagionali, per le quali è stato esteso l’articolo 40 del Regolamento del 26 novembre 1911 sulle Casse di maternità: tale provvedimento prevede il diritto al sussidio anche per le donne che abbiano abbandonato il lavoro, o siano state licenziate negli ultimi due mesi di gravidanza, anche nel caso che nei due mesi non siano state occupate in industrie soggette alla legge sul lavoro delle donne e dei fanciulli.

  • 30 L. Malnati, Lo sciopero delle operaie addette alla Manifattura Tabacchi, «La Difesa delle Lavoratr (...)
  • 31 Id., Il bacio della morte, «La Difesa delle Lavoratrici», 19 luglio 1914.

20La classe magistrale femminile è sensibilizzata su La Difesa nella Rubrica Scolastica soprattutto da Linda Malnati, che tuttavia si occupa anche di altre categorie lavorative, per esempio le operaie della Manifattura Tabacchi30. Emotivamente coinvolgente, tra l’altro, l’articolo Il bacio della morte che Malnati dedica alle tessitrici: il titolo non allude già al famoso romanzo di Carolina Invernizio, bensì all’operazione compiuta dalle lavoratrici (e illustrata su La Difesa) che, per estrarre il capo del filo di un nuovo rocchetto, devono ogni volta accostare alle labbra la navetta; «così facendo, aspira[no] energicamente un’aria carica di pulviscolo, rischiando il contagio di tutte le malattie immaginabili, dall’eczema alla sifilide»31.

21Nel periodo bellico e nell’immediato dopoguerra lo spazio che La Difesa dedica al lavoro può essere rappresentato dalle due facce di una stessa medaglia: da una parte, l’impiego massiccio negli anni «caldi» di manodopera femminile, dall’altra, l’espulsione dal mercato del lavoro una volta cessata l’emergenza della produttività bellica e tornati gli uomini dal fronte.

  • 32 [s.n.], Il problema del lavoro delle donne. Sull’impiego della manodopera femminile e giovanile ne (...)

22Nel 1916, una disposizione del Sottosegretariato per le Armi e Munizioni fa obbligo agli industriali di sostituire con donne e ragazzi parte del personale maschile entro il mese di dicembre, con percentuali che oscillano tra il 50% l’80%; poiché, però, a causa dell’emergenza bellica, è sospesa l’applicazione della legge sul lavoro delle donne e dei fanciulli, La Difesa interviene più volte per segnalare la gravità delle condizioni di lavoro per le lavoratrici, private di ogni tutela ed esposte a ogni tipo di arbitrio. Si sollecita fra l’altro il ripristino delle funzioni dell’Ispettorato del lavoro e, per le mogli dei richiamati, il mantenimento del diritto alla riscossione dei sussidi percepiti, pur svolgendo degli impieghi32.

  • 33 [s.n.], Pel proletariato femminile industriale e agricolo, «La Difesa delle Lavoratrici», 11 febbr (...)

23Nel 1917, al Convegno nazionale socialista di Roma, si fa il punto sulla duplice mobilitazione femminile, industriale e agricola: il richiamo alle nuove classi è infatti esteso fino ai 42 anni di età e le donne di tutta Italia sono allora sollecitate per supplire anche ai contratti agricoli. Con il pretesto di un minore rendimento, le paghe per i lavori più faticosi, riservati fino ad allora agli uomini (zappatura, mietitura, trebbiatura, fienagione, ammassamento e scarico del fieno), sono però inferiori a quelle maschili: il Gruppo parlamentare alla Camera deve, quindi, reclamare provvedimenti per far sì che a uguale lavoro corrisponda eguale salario33.

  • 34 Ne dà un primo annuncio Enrica Viola Agostini, in Donne e mutilati, «La Difesa delle Lavoratrici», (...)

24A guerra conclusa, il ritorno delle donne a casa non è certo indolore; tuttavia Clelia Montagnana prende posizione su La Difesa per il rientro come antidoto contro lo sfascio delle famiglie. A Roma, i reduci e i mutilati sfilano al grido di «Via le donne, dateci lavoro, mandate a casa le gonnelle, siamo stanchi di elemosinare»34. Maria Coppini Zanini condanna aspramente l’anacronismo dei cortei:

  • 35 M. Coppini Zanini, Mutilati e donne impiegate, «La Difesa delle Lavoratrici», 23 aprile 1921. Si v (...)

[…] ma non vi siete accorti che tra quelle signorine che avete cacciate dagli uffici erano le numerose mamme chiamiamole così dei telegrafi, dei telefoni? Donne che da oltre quarant’anni logorano la vita sugli apparati telegrafici, che hanno decine d’anni in qualità di supplenti o d’avventizie e quindi non calcolati per la pensione […], non per divertimento, non per sport, ma perché la macchina riduceva il guadagno al padre, ai fratelli, perché la madre capiva che non si poteva più allevare delle ragazze in attesa del marito, perché il progredire delle industrie e dei commerci esigeva sempre nuova massa di proletari pronti ai voleri del capitalismo […]; con noi, col socialismo, è il vostro posto o reduci di guerra!35

Voto di genere o di classe?

25La rete del movimento femminil-femminista nel primo decennio del Novecento è ormai molto estesa e svolge propaganda con ogni mezzo per l’emancipazione della donna attraverso la conquista dei diritti civili e politici. Dal 1904, in collegamento con la presentazione della proposta dell’on. Roberto Mirabelli, si sono costituiti i Comitati pro-Voto a Napoli, a Roma, a Milano e a Torino. Nella capitale, poi, ha preso vita il Comitato Nazionale Pro-Suffragio, che fa capo all’Alleanza internazionale pro-Suffragio; le prospettive legate alla proposta di riforma elettorale del governo Giolitti alimentano comizi, conferenze e articoli.

  • 36 [s.n.], La riforma elettorale e le donne. Perché le donne saranno escluse dal diritto di voto, «La (...)

26L’editoriale del 7 aprile 1912 occupa l’intera prima pagina ed è dedicato appunto a quella riforma elettorale che avrebbe escluso, se immodificata, assieme ai minorenni, ai dementi e ai criminali, una massa costituita da sei milioni di donne; non regine della casa, ma lavoratrici nelle officine, nei campi, negli uffici, nell’insegnamento, nel commercio. In conclusione, si afferma che con «l’entrata della donna nella politica, la società comincia veramente a diventare la madre, e non più la matrigna di tutti i cittadini che hanno bisogno delle sue cure»36.

  • 37 Le socialiste de La Difesa hanno ben chiaro il valore contrattuale del voto nella società. Laura C (...)

27A dividere il genere femminile, sopraggiunge anche la polemica che coinvolge, da un lato le socialiste, e dall’altro le cosiddette «femministe borghesi», accusate di volere un diritto di voto ristretto ad alcune categorie di donne, seguendo in ciò la logica conservatrice degli schieramenti politici ai quali, di fatto, esse appartengono37. Tra le più esplicite è Giselda Brebbia, che rimprovera alle femministe borghesi un’apoliticità di fondo, aggiungendo che se esse fossero costrette a una scelta partitica, questa sarebbe sicuramente di tipo conservatrice:

  • 38 G. Brebbia, Le signore suffragiste, «La Difesa delle Lavoratrici», 4 febbraio 1912.

Vi sono delle signore che domandano il voto, esse lo chiedono per un concetto di giustizia astratta. Dicono anche di voler combattere certe diseguaglianze del codice e hanno ragione, ma in politica si professano conservatrici […]. No, noi non ce ne sentiamo la voglia. Sappiamo già che se domani voi andaste al Comune o alla Camera fareste il vostro e non il nostro interesse. Capitela una volta, noi vogliamo il voto per combattere l’arca santa delle attuali istituzioni, per colpire tutti i privilegi e con essi tutti gli interessi borghesi. Per noi il voto non è un fine, ma semplicemente un mezzo.38

  • 39 Id., Le signore suffragiste, «La Difesa delle Lavoratrici», 7 aprile 1912. Dello stesso tono un su (...)

28È sempre Brebbia, firmandosi G.B., a pubblicare un successivo articolo di protesta nei confronti di una petizione della Federazione pro-Suffragio sul diritto di voto per alcune categorie di donne, diplomate e laureate39. A nome del Comitato nazionale delle donne socialiste compare un appello alle donne perché intensifichino la propaganda elettorale nell’imminenza delle elezioni anche se ne sono escluse, per il semplice fatto che solo il Psi reclama il diritto al voto anche per loro; la lotta a fianco del proletariato maschile è in questo senso giustificata.

29La polemica tra femminismo socialista e femminismo borghese raggiunge l’acme in occasione del Convegno pro-Suffragio del 1913. Il Gruppo femminile socialista di Milano impone a Linda Malnati e Carlotta Clerici, che hanno intensi rapporti con varie associazioni femminili in cui prevale un’alleanza interclassista, di prendere le distanze dai movimenti di carattere borghese: entrambe ottemperano, dando prova dalla loro abnegazione.

30Fallita nel dopoguerra la lotta per l’approvazione di una legge per il diritto di voto per tutte le donne, nel 1923, Abigaille Zanetta prende posizione sul progetto di voto amministrativo. Mussolini in persona, al Congresso dell’Alleanza internazionale pro-Suffragio svoltosi a Roma, di fronte a duemila donne, italiane e straniere, dichiara l’impegno del governo a favore di questa nuova legge elettorale che riguarderebbe, tuttavia, solo alcune categorie socio-professionali: le insegnanti, le possidenti, le commercianti, le madri e le vedove di guerra purché soggette a imposta. Scrive a tale proposito Abigaille Zanetta:

  • 40 A. Zanetta, A proposito del voto amministrativo alle donne, «La Difesa delle Lavoratrici», 25 giug (...)

Dinanzi a questa novità legislativa, dato uno sguardo d’insieme al progetto ministeriale ci convinciamo subito di due cose: che la legge mira ad aumentare i voti delle classi borghesi in quanto richiede dei titoli di cultura e vuole valorizzare ancora una volta la guerra, favorendo le decorate al valor militare e le madri dei caduti in guerra […]. Siamo lontane da una concessione decente […]. Tuttavia, riteniamo che sia norma di buona disciplina di classe qualunque sia la nostra personale passione, positiva o negativa per l’esercizio del voto in regime borghese, interessarci attivamente della cosa, perché non vada perduto nemmeno uno dei voti proletari femminili.40

31Il progetto, dopo aver percorso tutto l’iter parlamentare, sarà trasformato in una legge che, approvata nel mese di novembre e pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 9 dicembre 1923, verrà successivamente annullata dalle leggi istitutive del regime podestarile promulgate tra il febbraio e il settembre del 1926.

Guerra e dopoguerra: opinioni a confronto

32Su La Difesa si fronteggiano posizioni molto diverse rispetto alla guerra: il dibattito è tanto più interessante se messo in relazione alle posizioni di neutralità assunte ufficialmente dal Psi dopo il 24 maggio 1914 con la nota formula «né aderire, né sabotare».

33Accanto ad argomentazioni di tipo tradizionale, secondo cui la donna addetta alla trasmissione e alla conservazione della vita è «naturalmente pacifista», ce ne sono altre di sapore più strettamente politico: tra queste, ad esempio, l’interventista Giselda Brebbia, la moderata Perotti Bornaghi e la pacifista Abigaille Zanetta. In risposta a una lettera del compagno G. Casali, che non simpatizza per la Francia perché repubblicana solo di nome, in un articolo firmato con le iniziali G.B., Brebbia, esprimendosi a nome de La Difesa, afferma di condividere in generale le idee pacifiste, anche se le sembra opportuno approfondire la questione. La maggiore provocazione è venuta dall’Austria, consenziente la Germania: fatto che giustifica la ribellione, anche perché c’è stata un’aperta violazione dei patti internazionali.

  • 41 G. Brebbia, Le nostre discussioni intorno alla guerra, «La Difesa delle Lavoratrici», 4 ottobre 19 (...)

La nostra patria è il mondo, verissimo, è nei nostri fini, ma se un’invasione di eserciti avvenisse sul nostro suolo (nostro per modo di dire) la accoglieremmo bene, fratellevolmente, se portasse dei cioccolatini, ma se come generalmente avviene un esercito arriva ubriacato di conquista lanciandosi sui nostri averi, pochi o molti che siano, sulle nostre fanciulle, sulle nostre abitudini, la reazione avviene naturalmente e l’internazionalismo diventa teoria troppo astratta per essere invocata.41

  • 42 M. Perotti Bornaghi, Ancora in tema di guerra, «La Difesa delle Lavoratrici», 6 dicembre 1914.

34Maria Perotti Bornaghi distingue, invece, tra guerra di conquista e di espansione coloniale, quale quella della Libia, avversata dai socialisti, da quella cui non si può negare una solidarietà almeno ideale, come il conflitto che oppone il Belgio e la Francia alla Germania. Chi può negare a questi due paesi il diritto e il supremo dovere della vita? Due, in questo caso, sono i sentimenti contrapposti: l’avversione irriducibile per la guerra di aggressione, la simpatia e la solidarietà nei confronti del popolo che si difende42.

  • 43 A. Zanetta, La nostra commemorazione dei morti, «La Difesa delle Lavoratrici», 1o novembre 1914. N (...)

35La pacifista Zanetta, dal canto suo, biasima la confusione fatta tra guerra e rivoluzione. Ai socialisti nessuno ha mai insegnato il «socialismo di razza o il socialismo patriottico […], questa guerra non può essere nostra […], noi siamo del socialismo che deve vivere per fare un’altra storia»43.

  • 44 Enrica Viola Agostini, in occasione del XVII Congresso Nazionale del Psi, critica il cosiddetto nu (...)

36Subito dopo la fine della guerra, La Difesa delle Lavoratrici comincia un’opera di ristrutturazione: si inviano appelli per il rilancio del foglio, e proprio mentre si cerca di decifrare le incognite di un’inquieta società post-bellica, la scissione di Livorno e i rapporti con la Russia rivoluzionaria impongono di affrontare i rapporti con le compagne secessioniste. A Enrica Viola Agostini44, che manifesta il proprio dissenso nei confronti del comportamento delle comuniste, risponde il Comitato di propaganda femminile torinese:

Siamo comuniste secessioniste non per asservimento al verbo di Lenin, ma perché riteniamo che i 21 punti di Mosca non solo siano applicabili al movimento socialista italiano, ma anche perché rappresentano l’unico mezzo per togliere il nostro partito dal caos in cui si dibatte da qualche anno.

  • 45 [s.n.], Il pensiero delle donne socialiste. Perché siamo comuniste secessioniste, «La Difesa delle (...)

37Ritenendo che la scissione non indebolisca le forze, l’articolo in sintesi liquida il Psi, giudicato non all’altezza del suo compito: si tratta di un partito di teorici e non d’azione, che ha dato alle agitazioni politiche solo una valenza economica, prendendo scarsamente sul serio i consigli di fabbrica. Gli argomenti dei compagni unitari non reggono; essi accusano i compagni russi di cecità, accampano come giustificazione la psicologia del popolo italiano che non tollererà una dittatura come quella russa45. Nel 1921, l’urgenza di uno schieramento nelle lotte di frazione del Psi, sia quello per Azione unitaria, centrista rispetto alla Concentrazione di destra, o per la frazione massimalista, fa probabilmente rientrare anche le spinte femminili eccessivamente «indipendentistiche». Il Convegno nazionale delle donne socialiste tenutosi a Milano nel 1921 approva l’ordine del giorno, richiamandosi alla deliberazione della direzione del partito sulla soppressione dei Circoli e delle Sezioni femminili separate da quelle maschili. Dal dolore e dalla lungimirante preoccupazione per le conseguenze della secessione delle compagne comuniste ai parziali fallimenti della propaganda, alle violenze fasciste, il tono de La Difesa si fa sempre più intensamente espressivo. Così esordisce l’editoriale, a metà del 1921:

  • 46 [s.n.], Resistenza passiva, «La Difesa delle Lavoratrici», 30 luglio 1921. Si susseguono con regol (...)

Siamo angosciate! I problemi urgono, legge sulla ricerca della paternità, disoccupazione femminile in rapporto ai provvedimenti governativi, contro rivoluzionari preparanti un nuovo attacco alla Russia dei Soviet, Congresso del Partito, ma tutto ciò si smorza tristemente nella penna. Troppo sangue, troppe rovine, troppi dolori incombono sui nostri fratelli.46

  • 47 Linda Malnati, di professione maestra nel comune di Milano, nasce nel 1855. Promuove con Anna Kuli (...)
  • 48 [s.n.], Milano proletaria piange la compagna Malnati, «La Difesa delle Lavoratrici», 1o ottobre 19 (...)

38In un clima appesantito da soprusi, sanguinosi pestaggi, imboscate fasciste, quasi a suggellare la drammaticità del momento, sopraggiunge la morte di Linda Malnati, emblema di un socialismo dal volto umano e dal grande rigore morale. Divenuta un simbolo ancora prima di morire, Malnati è stata un infaticabile punto di riferimento per la propaganda e l’organizzazione del movimento socialista femminile, e per le lotte della categoria magistrale di cui lei stessa faceva parte, in quanto maestra47; è stata un punto di riferimento per quante condividevano quella sua silenziosa ma tenace azione di cerniera fra l’intransigentismo classista e l’associazionismo femminile di area socialista, sempre attentissima al problema della sensibilizzazione politica dei ceti medi femminili, consapevole della loro importanza in un assetto sociale futuro. Nubile, era vissuta in una solidarietà di ideali e di lotte con Carlotta Clerici, alla quale sono indirizzate le condoglianze. Così si esprime per esempio Maria Giudice: «A Carlotta Clerici della quale indovino il doppio dolore, un bacio di sorella […]; ricordiamo che fra le ultime parole della nostra grande scomparsa vi erano parole che raccomandavano a tutte noi la sua compagna della vita Carlotta Clerici, a noi il saper lenire il grande dolore che l’ha colpita»48.

  • 49 [s.n.], Per la settimana di propaganda, «La Difesa delle Lavoratrici», 25 giugno 1923.
  • 50 A. Balabanoff, La Difesa è morta, evviva La Difesa, «La Difesa delle Lavoratrici», 25 giugno 1923.

39Intanto, sul partito si addensano minacciose quelle nubi che ne cambieranno la fisionomia e che avranno una ripercussione anche sul giornale. Un numero unico de La Difesa delle Lavoratrici esce nel 1923: il Gruppo femminile socialista milanese, che si prodiga per dar nuova vita al giornale, suggerisce di ricostituire i gruppi in tutte le sezioni dove siano presenti più di cinque donne49. Nello stesso numero, Angelica Balabanoff, in uno scritto dal tono ottimistico, spiega che la sospensione del periodico è stata imposta al Psi «dalla selvaggia sopraffazione del nemico […]»50. La tiratura quindicinale de La Difesa riprende quindi dal gennaio del 1924, ma non avrà lunga vita. Nel mese di giugno, la redazione de La Difesa si domanda:

  • 51 [s.n.], La Direzione del Partito per La Difesa delle Lavoratrici, «La Difesa delle Lavoratrici», 1(...)

I fascisti hanno iniziato la costituzione dei Gruppi Femminili, i cattolici continuano la loro propaganda, i comunisti hanno con loro forti nuclei giovanili, inquadrato non poche giovani operaie e i socialisti cosa fanno? Gli unitari stanno raccogliendo adesioni e indirizzi per un eventuale lavoro di propaganda delle idee socialdemocratiche.51

  • 52 Su Giacomo Matteotti, si vedano i numerosi scritti a cura Stefano Caretti, tra cui G. Matteotti, S (...)

40Dopo l’assassinio di Matteotti, il giornale dedica un intero, mestissimo numero al deputato ucciso, con molte foto, sue e della famiglia. Dal 14 al 21 settembre si svolge una settimana di propaganda per le donne socialiste allo scopo di intensificare il reclutamento dei Gruppi femminili (sono ormai sufficienti tre compagne per costituirne uno), rafforzare i sindacati di mestiere e aiutare la stampa socialista. L’anno è infausto, e oltre all’efferato assassinio del deputato socialista52, scompaiono due protagoniste della prima ora del giornale, Carlotta Clerici e Maria Goia.

41La Difesa viene sequestrato nel gennaio del 1925; usciranno ancora alcuni numeri, nel corso dell’anno, e nel maggio del 1925 verrà data notizia di una sezione femminile a Treviso, grazie agli sforzi dell’insegnante Maria Ferrari. A ridosso della proclamazione delle leggi eccezionali, La Difesa è ancora lontana dalla resa politica. Il 6 luglio, durante una riunione di compagne e compagni nei locali della sezione socialista, a Roma, si decide di costituire una Federazione femminile unita al Partito con un Comitato centrale che coordini tutto il lavoro e l’azione femminile socialista, chiedendo, inoltre, a ogni sezione di costituire un Gruppo femminile e di sottoscrivere un abbonamento. Non ci sarà, però, modo di informare le lettrici degli sviluppi sulle iniziative prese.

42Un singolare destino accomuna Anna Kuliscioff e il periodico da lei tenacemente voluto: il 1925 è per tutt’e due l’anno della scomparsa dalla scena pubblica, dopo avere, però, lasciato tracce indelebili non solo in tutte quelle donne che facevano parte del movimento femminile socialista e dell’associazionismo di area, ma anche nella vita politica italiana. La Difesa delle Lavoratrici è stato indubbiamente, per le militanti e per le simpatizzanti socialiste, un punto d’incontro insostituibile per scambi d’idee, proposte organizzative, instaurazione di rapporti con movimenti e associazioni fuori del Psi. La consapevolezza di costituire un modello per le donne italiane, come militanti del primo partito di massa, è andata crescendo, e il periodico ha mantenuto per tutta la sua durata un ruolo evidente nel definire i tratti di una primogenitura femminile nella politica partitica. In quelle che scrivono e in coloro che rispondono nelle rubriche e nelle corrispondenze ha accresciuto la padronanza di un lessico politico e insieme l’acquisizione della specificità del proprio genere; ha favorito l’autonomia di pensiero rispetto ad alcune posizioni dottrinarie troppo rigide, per esempio la vicinanza alle lavoratrici delle classi medie; altresì rilevante è stata, infine, la consapevolezza fra le redattrici, le lettrici e le simpatizzanti, di un socialismo che necessariamente doveva andare oltre i confini nazionali.

Haut de page

Notes

1 La Difesa delle Lavoratrici è stato ripubblicato in tutte le annate, dal 1912 al 1925: reprint a cura di G. Polotti, pref. P. Pillitteri, intr. F. Taricone, Milano, Istituto Europeo di Studi Sociali, 1992.

2 E. Caldara, Il socialismo municipale: sei anni di amministrazione socialista, Milano, M&B Publishing, 2005.

3 Su questi periodici, M. P. Bigaran, Per una donna nuova: tre periodici di propaganda socialista tra le donne, «Nuova DWF», n. 21, 1982, pp. 53-72. Su Ines Oddone Bitelli, che orientò la pubblicazione su posizioni sindacaliste rivoluzionarie, Ines Oddone Bitelli: una donna, un giornale, a cura del Club Olympia di Bologna e della Provincia di Bologna, Bologna, Cappelli, 1993.

4 Lo afferma C. Casalini, La signora del socialismo italiano: vita di Anna Kuliscioff, Roma, Editori Riuniti, 1987, p. 233. Per una rassegna bibliografica: M. Degl’Innocenti, F. Taricone, P. Passaniti e L. Tomassini, Anna Kuliscioff: il socialismo e la cittadinanza della donna, Roma, Agra Editrice, 2015, la bibliografia sintetica a mia cura; e M. Degl’Innocenti, L’età delle donne: saggio su Anna Kuliscioff, Manduria, Piero Lacaita, 2017. Su Balabanoff: A. La Mattina, Mai sono stata tranquilla: la vita di Angelica Balabanoff la donna che ruppe con Mussolini e Lenin, Torino, Einaudi, 2011.

5 Sull’associazionismo di area, in particolare sulle donne socialiste: F. Taricone, Politica e cittadinanza: donne socialiste fra Ottocento e Novecento, Milano, Franco Angeli, 2020.

6 Giuseppe Scalarini, artista, disegnatore, autore di satira politica, nasce a Mantova nel 1873 e muore a Milano nel 1948. La Fondazione Anna Kuliscioff gli ha dedicato una prima mostra per i 70 anni dalla nascita, intitolata Il segno intransigente, tenutasi presso il Museo del Novecento di Milano, dal novembre 2013 al marzo 2014.

7 Indici del periodico «La Difesa delle Lavoratrici», a cura di D. Di Gravio, O. Furlani e M. Mingardo, in «La Difesa delle Lavoratrici», reprint, op. cit.

8 [La Redazione], Una forza nuova, «La Difesa delle Lavoratrici», a. I, n. 1, 7 gennaio 1912.

9 Al Congresso, l’Unione Nazionale Femminile Socialista propone di ridurre la tassa d’iscrizione al Psi per le donne che lavorano e un sussidio finanziario alla propaganda nel proletariato femminile, annunciando anche che la direzione del partito ha messo a disposizione la somma di 250 lire.

10 Abigaille Zanetta, Ille per gli amici, nasce a Suno Novarese nel 1875 da padre notaio, democratico risorgimentale, e dalla madre Filomena, di famiglia aristocratica e reazionaria. Maestra, insegna nelle scuole comunali di Milano fino all’esonero disposto dalle autorità fasciste nel 1927. Di formazione cattolica, si avvicina progressivamente alle idee socialiste; svolge dopo il 1910 un’intensa attività all’interno del movimento femminile socialista. Fa parte anche della Commissione Esecutiva della Camera del Lavoro di Milano. Pacifista, subisce per le sue idee riprovazioni e condanne. Dopo la guerra contribuisce alla costituzione di un’Internazionale socialista della scuola. Dopo il 1921, si schiera con la frazione terzinternazionalista, sostenendo la fusione con i comunisti. Dopo essere entrata nel Pci nel 1924, fa parte del direttivo della Federazione comunista di Milano.

11 Giselda Brebbia nasce nel 1878 a Comabbio (Varese), da Pietro, possidente e da Carolina Berrini, maestra; insegnante elementare, collabora all’Avanti! ed è tra le fondatrici de La Difesa. Nel 1916 esce dal Psi, legandosi ai gruppi interventisti mussoliniani de Il Popolo d’Italia. Nel 1918 aderisce all’Unione Socialista Italiana e come sua rappresentante partecipa alla riunione per la fondazione dei Fasci di combattimento; alla frenetica attività politica e giornalistica cominciano ad accompagnarsi turbe mentali: lasciato l’insegnamento, si toglie la vita dandosi fuoco nella sua casa milanese, nel 1920. Su di lei, M. Tamborini, Giselda Brebbia, in Dizionario biografico delle donne lombarde, a cura di R. Farina, Milano, Baldini e Castoldi, 1995.

12 «La Difesa delle Lavoratrici», 19 aprile 1914.

13 [s.n.], Conferenza di Carmela Baricelli: sul Basso Polesine, «La Difesa delle Lavoratrici», 16 marzo 1913. C. Baricelli nasce nel 1861 a Casalbuttano in provincia di Cremona. È segnalata nel 1898 come organizzatrice di una Lega di resistenza femminile; insegnante nelle scuole Normali, fonda e dirige a Pavia il giornale L’Alleanza, dove nel 1907 si dichiara apertamente socialista rispondendo ad un gruppo di compagne di Torino che l’accusano di eccessiva condiscendenza verso le femministe aristocratiche e borghesi.

14 Su C. Baricelli e su L’Alleanza, M. Tesoro, Presenza delle donne nei partiti politici 1890-1914, «Storia e problemi contemporanei», vol. II, n. 4, 1989, pp. 53-86. Sulla propagandista attiva nell’Italia meridionale Rita Majerotti, poi diventata comunista, R. Majerotti, Il romanzo di una maestra, a cura di L. Motti, Roma, Ediesse, 1995, principalmente basato su fonti d’archivio inedite.

15 R. Rigola, La donna nei corpi tecnici dello stato, «La Difesa delle Lavoratrici», 3 marzo 1913.

16 E. Mariani, Associazioni femminili, «Flora Letteraria», n. 10, dicembre 1892, p. 73.

17 M. Goia, La cooperazione e la donna, «La Difesa delle Lavoratrici», 4 febbraio 1912. Maria Goia, nata a Cervia di Romagna nel 1878, si iscrive al Psi nel 1898 e diventa poi segretaria della Camera del lavoro di Cervia e Faenza. Quella di Suzzara è fondata da lei con Maria Biggi, moglie di Angelo Cabrini e successivamente compagna di Meuccio Ruini; entra nel 1906 a far parte della Commissione nazionale femminile del Psi. Fonda e dirige il periodico Il Seme; pacifista, viene arrestata e confinata; dopo la scissione di Livorno rimase attiva nel partito, riuscendo a mantenere in vita l’organizzazione socialista locale fino alla sua morte avvenuta nel 1924.

18 S. Avoni, Il dovere delle organizzate, «La Difesa delle Lavoratrici», 16 marzo 1913; anni dopo, concorda con lei Abigaille Zanetta a proposito degli ostacoli frapposti dalla mentalità femminile all’associazionismo: «La donna ha più acuta la gelosia dell’iniziativa ed è anti federalissima in massa. È generalmente miope di fronte ai grandi vantaggi delle alleanze e degli accordi federali. La sua società è la società che non ha nulla a che vedere con le altre. La donna teme la coercizione collettiva sul suo pensiero, sulle libertà della sua coscienza e non confida nella costituzionalità della vita di associazione», F. Fabbri, Ruolo e presenza delle donne nella storia del movimento cooperativo italiano (1886-1925), in S. Bartoloni, G. Bonfante, A. Buttafuoco et al., L’Audacia insolente: la cooperazione femminile 1886-1986, Venezia, Marsilio, 1986.

19 [s.n.], Congresso socialista di Ancona. II convegno nazionale delle donne socialiste, «La Difesa delle Lavoratrici», 5 aprile 1914.

20 La Difesa delle Lavoratrici del luglio 1916 riporta un elenco delle sezioni femminili, tutte dislocate nell’Italia centro-settentrionale.

21 Ada Pandolfi torna ancora sulla questione femminile con un articolo intitolato proprio La donna meridionale, 13 agosto 1921 e uno successivo del 5 novembre, La donna meridionale e i piedini cinesi.

22 A. Pandolfi, Per la propaganda femminile, «La Difesa delle Lavoratrici», 11 giugno 1921.

23 P. Pietrobelli, Ai margini del movimento femminile socialista. Una lacuna da colmare, «La Difesa delle Lavoratrici», 18 marzo 1922.

24 T. Momigliano, Non precipitiamo! A Pietro Pietrobelli, «La Difesa delle Lavoratrici», 25 marzo 1922.

25 C. Montagnana, Ritornando sulla questione morale, «La Difesa delle Lavoratrici», 11 marzo 1917.

26 [s.n.], Il lavoro a domicilio in Italia. Un appello alla Confederazione Generale del lavoro e alle organizzazioni proletarie, «La Difesa delle Lavoratrici», 8 settembre 1912. Nelle forme di lavoro a domicilio messe sotto accusa compaiono anche quelle svolte all’interno dei conventi, dove le ricoverate lavorano senza essere pagate. È l’Unione femminile nazionale, vicina per molti versi agli ideali socialisti, a scendere in campo per aiutare la Confederazione Generale del Lavoro nel 1914 a ottenere una legge sul lavoro a domicilio per tutte le numerosissime donne occupate nella realizzazione di merletti a mano e filatura della seta: [s.n.], Lavoro a domicilio, «La Difesa delle Lavoratrici», 19 luglio 1914. Sull’Unione femminile nazionale, Attraversando il tempo: centoventi anni dell’Unione femminile nazionale (1899-2019), a cura di S. Bartoloni, Roma, Viella, 2019 e F. Imprenti, Alle origini dell’Unione femminile: idee, progetti e reti internazionali all’inizio del Novecento, Milano, Biblion, 2012.

27 «La Difesa delle Lavoratrici», 6 ottobre 1912. Vengono anche riportati i nomi e la data della sua costituzione alla Camera del Lavoro, il 22 settembre.

28 C. Azimonti, Lotte e difesa del lavoro, «La Difesa delle Lavoratrici», 16 febbraio 1913.

29 [s.n.], Mondarisi leggete!, «La Difesa delle Lavoratrici», 1o giugno 1913.

30 L. Malnati, Lo sciopero delle operaie addette alla Manifattura Tabacchi, «La Difesa delle Lavoratrici», 1o maggio 1914.

31 Id., Il bacio della morte, «La Difesa delle Lavoratrici», 19 luglio 1914.

32 [s.n.], Il problema del lavoro delle donne. Sull’impiego della manodopera femminile e giovanile nella fabbricazione di armi e munizioni, «La Difesa delle Lavoratrici», 8 ottobre 1916. Anche Abigaille Zanetta denuncia più volte la circostanza per cui le donne impiegate in alcune fabbriche si rendono colpevoli di diserzione se lasciano il lavoro, A. Zanetta, Diritto e rovescio, «La Difesa delle Lavoratrici», 22 ottobre 1916.

33 [s.n.], Pel proletariato femminile industriale e agricolo, «La Difesa delle Lavoratrici», 11 febbraio 1917.

34 Ne dà un primo annuncio Enrica Viola Agostini, in Donne e mutilati, «La Difesa delle Lavoratrici», 2 gennaio 1921.

35 M. Coppini Zanini, Mutilati e donne impiegate, «La Difesa delle Lavoratrici», 23 aprile 1921. Si veda anche il trafiletto che appare su La Difesa del 21 maggio 1921 dal titolo Le associazioni femminili in difesa della donna lavoratrice e Lotte e problemi del lavoro. La concorrenza femminile del lavoro, 2 luglio 1921.

36 [s.n.], La riforma elettorale e le donne. Perché le donne saranno escluse dal diritto di voto, «La Difesa delle Lavoratrici», 7 aprile 1912.

37 Le socialiste de La Difesa hanno ben chiaro il valore contrattuale del voto nella società. Laura Casartelli, riferendosi all’emigrazione femminile, scrive: «La verità è che la donna per sua disgrazia è un’unità economica, ma non un’unità politica. Nel campo politico siamo zero; a sinistra dove c’è un emigrante, c’è un elettore, dove c’è una donna […]», L. Casartelli, L’emigrazione femminile, «La Difesa delle Lavoratrici», 6 ottobre 1912.

38 G. Brebbia, Le signore suffragiste, «La Difesa delle Lavoratrici», 4 febbraio 1912.

39 Id., Le signore suffragiste, «La Difesa delle Lavoratrici», 7 aprile 1912. Dello stesso tono un successivo pezzo, sempre a firma G.B., A proposito di un comizio femminista a Milano, «La Difesa delle Lavoratrici», 8 dicembre 1912.

40 A. Zanetta, A proposito del voto amministrativo alle donne, «La Difesa delle Lavoratrici», 25 giugno 1923.

41 G. Brebbia, Le nostre discussioni intorno alla guerra, «La Difesa delle Lavoratrici», 4 ottobre 1914.

42 M. Perotti Bornaghi, Ancora in tema di guerra, «La Difesa delle Lavoratrici», 6 dicembre 1914.

43 A. Zanetta, La nostra commemorazione dei morti, «La Difesa delle Lavoratrici», 1o novembre 1914. Nello stesso numero sono pubblicate lettere di rimostranza per gli scritti di Mussolini sull’Avanti!; l’editoriale è intitolato Ancora e sempre per la neutralità.

44 Enrica Viola Agostini, in occasione del XVII Congresso Nazionale del Psi, critica il cosiddetto nullismo, cioè la mancata azione rivoluzionaria, precisando però che la sua posizione rimane unitaria; nata nel 1881 e scomparsa nel 1935, assume a 38 anni la direzione de La Difesa delle Lavoratrici. Si occupa di propaganda femminile assieme ad Abigaille Zanetta e a Tilde Momigliano. Ancora nel 1925 insegna in una scuola per propagandiste sorta a Milano nel 1921 con lo scopo di trasmettere la cultura socialista: E. V. Agostini si propone di insegnare «a comunicare giustamente le idee, facendo vincere il timore del pubblico». Su di lei, F. Pieroni Bortolotti, Enrica Viola Agostini, in Il movimento operaio italiano: dizionario biografico, 1853-1943, a cura di F. Andreucci e T. Detti, Roma, Editori Riuniti, 1975, vol. I, rettificando là dove si dice che nel 1924 costituisce i Gruppi femminili socialisti, già sorti da tempo.

45 [s.n.], Il pensiero delle donne socialiste. Perché siamo comuniste secessioniste, «La Difesa delle Lavoratrici», 9 gennaio 1921. Sull’argomento, T. Detti, La frazione terzinternazionalista e la formazione del P.C.I, «Studi Storici», a. XII, n. 3, 1971, pp. 480-532; M. Quirico e G. Ragona, Socialismo di frontiera: autorganizzazione anticapitalismo, Torino, Rosenberg & Sellier, 2018.

46 [s.n.], Resistenza passiva, «La Difesa delle Lavoratrici», 30 luglio 1921. Si susseguono con regolarità le descrizioni delle violenze fasciste. In tale clima non stupisce che nel 1922 si apra sul giornale, nella rubrica Dibattiti, una significativa riflessione sul tema della violenza e le donne, cui contribuiscono anche uomini.

47 Linda Malnati, di professione maestra nel comune di Milano, nasce nel 1855. Promuove con Anna Kuliscioff i primi nuclei di donne lavoratrici aderenti alla Camera del Lavoro, fondandone poi la sezione femminile, tra il 1890 e il 1891, con Giuditta Brambilla e Carlotta Clerici; è Presidente della Lega per la tutela degli interessi femminili e, come sua delegata, entra a far parte del Consiglio di amministrazione delle Opere Pie. Alterna l’attività politica con quella di conferenziera, propagandista, pubblicista e attivista nella lotta per il suffragio. Al Congresso nazionale delle Donne Italiane del 1908 propone l’aconfessionalità della scuola e l’insegnamento comparato di storia delle religioni nelle scuole superiori. Si veda F. Taricone, Linda Malnati, in Dizionario biografica delle donne lombarde, op. cit.

48 [s.n.], Milano proletaria piange la compagna Malnati, «La Difesa delle Lavoratrici», 1o ottobre 1921. Maria Giudice nasce a Codevilla (Voghera); di professione insegnante elementare, aderisce giovanissima al Psi dedicandosi alla propaganda fra le contadine. Diventa segretaria della Camera del Lavoro di Voghera nel 1902 e inizia la sua attività di giornalista: alcuni suoi articoli le costano una denuncia per propaganda antimilitarista. In Svizzera lavora con Balabanoff, tenendo conferenze allo scopo di incentivare l’organizzazione di operai tessitori e tintori. Convive con l’anarchico Luigi Civardi, con il quale ha sei figli. Allo scoppio della guerra, s’impegna nella campagna pacifista ed è più volte arrestata. Su di lei, la biografia di V. Poma, Una maestra tra i socialisti: l’itinerario politico di Maria Giudice, «Rivista milanese di economia», n. 20, 1991.

49 [s.n.], Per la settimana di propaganda, «La Difesa delle Lavoratrici», 25 giugno 1923.

50 A. Balabanoff, La Difesa è morta, evviva La Difesa, «La Difesa delle Lavoratrici», 25 giugno 1923.

51 [s.n.], La Direzione del Partito per La Difesa delle Lavoratrici, «La Difesa delle Lavoratrici», 1o giugno 1924.

52 Su Giacomo Matteotti, si vedano i numerosi scritti a cura Stefano Caretti, tra cui G. Matteotti, Scritti e discorsi vari, Pisa, Pisa University Press, 2014 e Id., Un anno e mezzo di dominazione fascista, Pisa, Pisa University Press, 2020, oltre alla Collezione Giacomo Matteotti (1885-1924), conservata presso la Fondazione di Studi Storici F. Turati.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Fiorenza Taricone, « La Difesa delle Lavoratrici: socialiste a confronto », Laboratoire italien [En ligne], 26 | 2021, mis en ligne le 06 juillet 2021, consulté le 16 octobre 2021. URL : http://journals.openedition.org/laboratoireitalien/6920 ; DOI : https://doi.org/10.4000/laboratoireitalien.6920

Haut de page

Auteur

Fiorenza Taricone

Université de Cassino • Fiorenza Taricone est professeure d’histoire des doctrines politiques à l’université de Cassino, où elle enseigne également la pensée politique et la question féminine. Au sein de l’université, elle a été présidente du Comité pour l’égalité des chances, du Centre universitaire pour les personnes handicapées, et, actuellement, du Comitato unico di garanzia (CUG). De 1994 à 1996, elle a fait partie de la Commission nationale pour l’égalité des chances de la présidence du Conseil des ministres italien. Elle est l’auteur d’essais et de monographies sur l’associationnisme en Italie entre le XIXe et le XXe siècle, sur l’évolution des droits civils et politiques, l’interventionnisme et le pacifisme. Elle est membre du comité scientifique de la fondation Turati, de la fondation Anna Kuliscioff et de la fondation Nilde Iotti. Parmi ses publications : Teoria e prassi dell’associazionismo italiano nel XIX e XX secolo (Università degli studi di Cassino, 2003) ; G. Conti Odorisio et F. Taricone, Per filo e per segno: antologia di testi politici sulla questione femminile dal XVII al XIX secolo (Giappichelli, 2009) ; Louis Blanc e Mme d’Agoult (Daniel Stern): socialismo e liberalismo (Centro editoriale toscano, 2014) ; Politica e cittadinanza: donne socialiste fra Ottocento e Novecento (Franco Angeli, 2020).

Haut de page

Droits d’auteur

CC 3,0

Haut de page
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search