Navigation – Plan du site

AccueilNuméros26TémoignageL’esperienza della rivista femmin...

  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon
Témoignage

L’esperienza della rivista femminista Marea: intervista a Monica Lanfranco

L’expérience de la revue féministe Marea : entretien avec Monica Lanfranco
The experience of the feminist magazine Marea: interview with Monica Lanfranco
Monica Lanfranco et Francesca Irene Sensini

Résumés

Grâce aux propos de Monica Lanfranco recueillis dans cet entretien, nous avons l’opportunité de parcourir l’histoire de la pensée féministe des cinquante dernières années en Italie à travers l’histoire de la revue Marea, fondée et dirigée par l’activiste, journaliste et essayiste génoise depuis 1994. De la difficulté de revendiquer ouvertement le positionnement féministe de la revue jusqu’aux questionnements de l’éco-féminisme, en passant par le débat lancé par la revue à l’occasion du G8 de 2001 et le focus sur la laïcité au sein d’une partie du mouvement féministe international, dans lequel Marea se reconnaît, Monica Lanfranco nous permet de faire le point sur le présent ainsi que de comprendre l’importance des élaborations de la pensée féministe face aux défis de l’avenir de toutes et tous.

Haut de page

Texte intégral

Francesca Irene Sensini: Marea ha una bellissima storia. Le sue copertine segnano con potenza visiva i temi trattati e timbrano, in qualche modo, lo stato dell’arte in Italia, e non solo, sulle tematiche del femminismo. La rivista è fondata a Genova nel 1994, ben dopo il grande sommovimento degli anni Settanta, in un periodo di riflusso, sotto certi aspetti di vero e proprio backlash del dibattito femminista. Sei d’accordo con questa caratterizzazione del periodo? Marea nasce, tra le altre ragioni, anche in risposta a questo?

Monica Lanfranco: Sì, in parte sì. In parte il bisogno era di colmare un vuoto e tornare a dare luce ai contenuti dei decenni precedenti. C’erano ancora tante testate, anche cartacee, espressione di gruppi presenti nelle varie città e con una storia di movimento femminista ma Genova non ne aveva mai avute, come non ha mai avuto un sacco di cose o le ha avute in ritardo rispetto ad altre città, come Torino, Milano, Roma, Bologna. Da una parte, quindi, il bisogno era di riconoscere questa fase storica e la fine, ormai da almeno una decina di anni, delle riviste degli anni Settanta, che tanto hanno contribuito ad una disseminazione del femminismo, come Effe, DWF, Lapis, Grattacielo, e che sono state, e restano, la base del dibattito teorico del femminismo italiano. Marea cosa vuol dire in questo frangente? Intanto cerca di sanare una mancanza locale e prova a coprire un campo che in realtà non era stato preso in considerazione, ovvero quella della distanza lunga di riflessione rispetto al dibattito dei decenni precedenti. Abbiamo avuto molti mensili, anche settimanali; pensiamo a Noi donne che parte dopo la guerra, nel 1944, in clandestinità, per poi fondarsi come la rivista che mette insieme per la prima volta, nella storia del femminismo e della stampa italiana, la sinistra, il femminismo, il movimento delle donne istituzionale e quello non istituzionale.

Il ragionamento alla base della periodicità di Marea è stato: non possiamo reggere la tempistica né di un settimanale, tipo Quotidiano donna, fondato nel 1978, né di un mensile. Proviamo dunque con un trimestrale, identificando ogni anno le quattro parole chiave che «segnano» il momento storico presente. Ovviamente occorre deciderle prima, immaginando quello che può essere, a partire dalle suggestioni del presente, un futuro ipotizzabile di concetti e di bisogni che derivano da queste parole, per condividere le analisi su di esse. Il sottotitolo di Marea è infatti Ormeggi, rotte, approdi: per raccontare la storia, i desideri e la realtà delle donne. Quindi nasciamo in un periodo in cui le riviste storiche non c’erano più, in cui iniziava già una sofferenza della stampa femminista come Noi donne e Quotidiano donna, o anche l’esperimento mainstream fallimentare di Effe. Noi di Marea cercavamo quindi di colmare questo gap: da una parte i mensili che stavano di più sulla cronaca, dall’altra mancavano riviste di approfondimento. C’era già lo spazio sulla letteratura, con le riviste Tuttestorie del 1990 e Leggendaria del 1997, dove ho lavorato agli inizi. Ecco, noi ci siamo poste il compito di colmare il bisogno di riflessione teorica e politica femminista non cadendo però nel linguaggio accademico e specialistico.

Il nucleo promotore è stato infatti un gruppo di donne delle quali solo due erano giornaliste professioniste; le altre venivano dalla cosiddetta società civile – insegnanti, sindacaliste, attiviste, studenti –, un gruppo eterogeneo. Nel 1994, facevamo la rivista ancora con i computer «a vapore» e si scriveva con la macchina elettrica, o quella tradizionale a tasti, la famosa lettera 32. C’era ancora una tecnologia estremamente rudimentale e questo aspetto, per paradosso, si avvertiva anche nelle forme di impaginazione, nell’immaginare cosa doveva essere affiancato ai pezzi, che tipo di disegni o di segno grafico. Non c’erano foto: la copertina era un reticolato grafico, una sorta di tessuto in stile vagamente africano. Fino al 1999, Marea è stata una rivista di formato grande perché non ci piaceva assomigliasse ad un libro, era importante che ricalcasse l’editoria delle riviste storiche, come Effe, Grattacielo, Lapis. In copertina sceglievamo ogni volta una frase dedicata al tema, tratta da una dichiarazione o un pensiero di una filosofa, scrittrice, attivista. È stato subito chiaro che le parole chiave di ogni numero avrebbero interrogato l’ambito della sessualità ma anche quello delle relazioni, politiche e private, e delle emozioni rivisitate attraverso il femminismo. Questo è stato un aspetto a mio parere prezioso. Perché se i temi ricorrono nel tempo, il punto di novità e innovatività sta nell’angolazione attraverso cui guardi una parola, un concetto, come lo illumini, e l’idea di fare quattro numeri all’anno cercando di ipotizzare i temi e gli argomenti che avrebbero interessato quell’anno, il mondo delle donne e il femminismo a noi era parsa la cosa giusta da fare, che colmava un’assenza nel panorama editoriale.

Francesca Irene Sensini: Hai parlato del femminismo degli anni Settanta. Ci interesserebbe sapere qual è l’eredità di quel momento storico, che cosa resta, viene ripreso e rielaborato del femminismo degli anni Settanta, delle sue pratiche e teorizzazioni, in Marea.

  • 1 Femminista ed ecologista, Laura Cima ha partecipato al movimento antinucleare ed è stata eletta de (...)

Monica Lanfranco: Tantissimo rispetto alla posizione di partenza, alla scelta dello sguardo. Meno rispetto alla questione tematica delle rivendicazioni, nel senso che noi eravamo figlie del momento storico nel quale sono state costruite la maggioranza delle leggi che hanno rivoluzionato le relazioni tra i sessi, mi riferisco al periodo degli anni Settanta, che in Italia ha significato l’ottenimento massiccio di leggi sui diritti fondamentali di metà della popolazione, le donne. Io sono nata nel 1959; quindi alla fine degli anni Settanta avevo vent’anni, e ho cominciato molto presto ad essere femminista: da ragazzina facevo una trasmissione in una radio dietro casa che si chiamava Spazio donna, titolo banalissimo, ma avevo sedici anni. Ciò significava che in una città chiusissima e ottusa come Genova, in ritardo su quasi tutto, un piccolo gruppo di giovanissime faceva un passo in avanti rispetto all’elaborazione, alla postura delle madri simboliche, le emancipazioniste: eravamo nella zona teorica della liberazione e stavamo andando verso la differenza. Dagli anni Settanta, Marea eredita il fortissimo posizionamento, che magari oggi potrà apparire banale: il dirsi «rivista femminista» non era affatto scontato, né è indolore oggi. Se penso che nel 2012 Il Fatto quotidiano mi chiese di aprire un blog sulla sua pagina web e io decisi di presentarmi scrivendo «giornalista femminista e formatrice», ricordo bene come quella parola, «femminista», abbia scatenato un’ondata di hate speech e di misoginia: da questo episodio ci rendiamo conto come dagli anni Settanta, attraverso gli Ottanta e fino a oggi, il cambiamento nella mentalità corrente è pari quasi a zero quando ragioniamo di femminismo. All’epoca, quindi, posizionarsi e dirsi trimestrale femminista non era certo un’agevolazione nello stare nel mondo, presentare la rivista come femminista era uno stigma e lo è ancora. Perché non parlare solo di donne ma dirsi espressamente femminista? Perché questo concetto è una traccia forte della propria radice, che ciascuna di noi che ha lavorato dentro la redazione e chi ha collaborato sentiva il bisogno di rimarcare: non come una delimitazione, ma come un richiamo preciso al contenuto della propria scrittura e del proprio posizionarsi nel mondo. Dal 2017, abbiamo grande successo con il numero finale dell’anno della rivista: i primi tre numeri dell’anno sono tematici, come al solito, ma concludiamo l’anno con Grazie a lei, a cui hai collaborato anche tu. Il numero Grazie a lei nel sottotitolo spiega che non si tratta di omaggiare e raccontare una donna importante per chi scrive, ma di ringraziare la propria femminista di riferimento. Puoi decidere di parlare della tua mamma che magari femminista non è, ma questa specifica asserzione non è banale, perché significa richiamare lo stare dentro una genealogia che è politica, e di dare a questa politica il nome di femminismo. Questa è un’eredità degli anni Settanta, e come spesso accade può apparire una definizione di chiusura, un recintare. Al contrario, io penso che sia l’unica vera apertura perché resto convinta che l’ecofemminismo sia l’unico pensiero autenticamente inclusivo e salvifico per il mondo, come continua a ripetere in Italia Laura Cima1. Vediamo bene che piega ha preso il mondo nelle maglie di un sistema ideologico ed economico improntato ai rapporti di dominio e allo sfruttamento dell’umanità e della terra.

Francesca Irene Sensini: Marea esiste da oltre 26 anni. Hai fatto qualche accenno al suo funzionamento materiale. Ci piacerebbe saperne di più.

Monica Lanfranco: Delle fondatrici di quell’epoca (eravamo in nove all’inizio, nell’era prima di internet), siamo rimaste due. L’avvento di internet ha fatto la differenza: la tecnologia ha dato un’impronta nuova e radicalmente diversa al mondo della comunicazione, della scrittura, dell’editoria e ha ampliato le possibilità di collaborazione, coinvolgendo persone lontane fisicamente, anche se tutte, almeno una o due volte, ci siamo incontrate di persona. La rete ci ha dato un impulso enorme, con la costruzione del sito della rivista2 e poi anche quello del podcast Radio delle donne3, è stata esponenziale la possibilità di essere conosciute e di ricevere proposte di collaborazione: ogni settimana, dagli anni Duemila, ci sono giovani che ci scrivono via mail proponendo articoli, e abbiano anche avuto delle stagiste e tesiste che hanno realizzato lavori di fine carriera universitaria sulla rivista, la sua peculiarità e i temi che tratta. Oramai le riunioni di redazione si fanno on line con brainstorming collettivi sulle parole chiave per i numeri in preparazione: molte volte la parola è stata decisa ad Altradimora4, durante i seminari annuali, perché molte collaboratrici che gravitano intorno a Marea partecipano anche agli incontri e ai seminari di Altradimora. Come tutti i giornali, lavoriamo costruendo il menabò che segue il tema centrale: agli esordi, nel 1994, abbiamo creato una sorta di tormentone legato all’acqua, al mare, all’elemento liquido per costruire le varie rubriche. Il tema centrale si chiama Orca. La presenza maschile è stata prevista, sin dalle prime uscite di Marea nel 1995, nella rubrica Delfino, il luogo dove gli uomini ragionano di sessualità e di politica. La sezione Medusa presenta un focus dedicato al corpo. Conchiglie ospita le recensioni dei libri. Faro è la zona dedicata all’attualità e alle notizie del momento. Ci furono diversi anni in cui proponemmo una rubrica sulla comicità femminile che si chiamava Flusso trimestruale, che fece conoscere al pubblico l’acume tagliente di Daniela Rossi5. Nel corso del 2021 riprenderemo sicuramente il risultato delle elezioni negli Stati Uniti e faremo un focus su Susan Moller Okins6, di cui ricorre l’anniversario della morte – una delle autrici meno citate e più boicottate nell’universo accademico e politico femminista – per il suo schietto posizionamento critico verso il multiculturalismo, e abbiamo aperto l’anno 2021 con un numero speciale dedicato a tutti i contributi scritti su Marea dal 1996 al 2016 da Lidia Menapace7, la mia grande maestra. La nota dolente è che non abbiamo mai decollato in termini economici per trasformare, almeno in parte, la rivista in un lavoro retribuito. La rivista è ancora oggi dopo 26 anni in attivo perché nessuna di noi è pagata; tutto il lavoro è gratuito. Ci sono stati dei punti molto alti nella storia della rivista, perché Marea ha promosso decine di incontri, convegni e appuntamenti di grande prestigio, il tutto senza risorse economiche adeguate. Siamo state la prima rivista d’Italia, sicuramente l’unica testata femminista, a promuovere la critica al multiculturalismo invitando esperte e attiviste di fama internazionale nel periodo di pieno «scontro di civiltà»: nel 2006 a Genova organizzammo le due giornate de La libertà delle donne è civiltà8, il cui senso fu quello di dire forte e chiaro che eravamo contro la logica dello sconto di civiltà, intesa come contrapposizione di Occidente e Oriente, ma anche assolutamente lontane dalla deriva relativista che metteva in dubbio l’universalità dei diritti, nel nome del rispetto acritico delle culture e delle fedi religiose diverse, legittimando in tal modo antiche e nuove forme di marginalizzazione dei diritti delle donne. Nelle due giornate nel 2006, abbiamo discusso di libertà delle donne come fondamento dei diritti universali, di civiltà, di laicità dello stato come base della democrazia. Sono stati tre giorni straordinari per livello del dibattito e per partecipazione, il tutto registrato e disponibile su Arcoiris.tv.

Questo appuntamento è stato il seguito naturale di un altro momento fondativo per Marea, ovvero la sua presenza durante il G8 a Genova nel 2001. All’epoca ero una delle venti persone portavoce del Genoa Social Forum: capimmo come attiviste che mettere in programma un appuntamento femminista sulla globalizzazione a luglio 2001 dentro il gigantesco serbatoio dei dibattiti avrebbe annacquato e reso meno forte il messaggio. Decidemmo così di anticiparlo a giugno, e abbiamo condotto una riflessione profetica (a settembre ci sarebbero stati gli attentati alle torri gemelle) sull’intreccio tra genere e globalizzazione. Furono tre giorni di dibattito con 1500 donne da tutto il mondo ma soprattutto da tutti gli ambienti, dalle ragazze dei centri sociali alle suore comboniane. Ne ho scritto nel libro Voi siete in gabbia, noi siamo il mondo. PuntoG. Il femminismo al G8 di Genova (Vanda Edizioni), che uscirà il 1o luglio 2021 in occasione del ventennale del G8. Ricordo che a casa mia, allora, c’erano quelle che la mattina andavano a messa e le altre che «peggio mi sento» a parlare di religione; eppure tutte riuscivano ad avere punti in comune. In quei tre giorni, abbiamo anticipato un tema che oggi è di una attualità persino dolorosa dopo la pandemia: uno dei seminari era infatti «globalizzazione e sentimenti».

  • 9 «Venti – Vent’anni di Marea rivista femminista dal 1994, la mostra e gli eventi, 18-28 marzo 2015, (...)

Ci ridevano dietro, i nerborutissimi maschi del movimento, che si chiedevano da dove mai ci venisse l’idea di coniugare la globalizzazione con i sentimenti. E invece ci avevamo preso, perché parlare di globalizzazione e sentimenti significava anticipare il disastro del neoliberismo: avevamo già capito, intuendolo, che la globalizzazione avrebbe cambiato per sempre le relazioni umane, perché il mercato cominciava a diventare il paradigma dominante al loro interno. Quelli sono stati i due momenti chiave nella storia della rivista fino ad oggi. Abbiamo avuto anche un altro evento nel quale ci sono stati dati un po’ di fondi per organizzarci e pubblicare gli atti delle giornate, ed è avvenuto in occasione del ventennale della rivista nel 20149. È stato lì che abbiamo celebrato l’elezione della prima femminista al Parlamento europeo, Soraya Post, del Partito femminista svedese, un sogno durato gli anni della sua presenza in Europa, e poi purtroppo finito.

  • 10 Attivista femminista, sopravvissuta alla prostituzione e giornalista, è co-fondatrice dell’associa (...)

Quando provi a immaginare i temi che potrebbero essere interessanti per il prossimo anno, così da chiedere alle collaboratrici di scrivere, fai uno sforzo col quale non stai solo pensando a una parola o a una frase che sintetizza l’argomento; stai ipotizzando come la realtà potrebbe configurarsi. In questo, secondo me, siamo state spesso capaci di intercettare gli interessi, a volte centrando i punti di criticità, a volte proprio anticipandoli. Adesso, per esempio, infuria un sanguinosissimo dibattito sulla prostituzione. Abbiamo fatto un numero speciale sul tema, anche in conseguenza del seminario ad Altradimora nel quale invitammo l’attivista Rachel Moran, autrice di Stupro a pagamento10. Questo libro è uno spartiacque e separa, senza sfumature, anche le femministe. Del resto, i temi legati all’intreccio tra sessualità, denaro e dominio creano conflitto. Le sfaccettature possono esserci, ma sono temi che chiamano a posizionarsi, ad assumere visioni chiare. Quello che ci è stato criticato, per paradosso – non a caso dalla Libreria delle donne – è l’impostazione che Marea ha adottato nel dare spazio, e parola, a visioni che non condividi in pieno, a dichiarare la propria ma a provare a dialogare. Questa scelta – lo dico anche da giornalista – mi sembra sia un bonus che Marea testimonia, un tratto di disponibilità che dice: non è detto che siamo d’accordo, ma aprire uno spazio e tentare anche, a volte, una mediazione di ascolto, è importante, soprattutto rispetto ai giovani e agli uomini. Sintetizzando, direi che in Marea c’è un doppio binario che ci caratterizza quanto a offerta di dialogo anche conflittuale: le donne giovani e i maschi. Se vuoi riaprire il tavolo e imbandirlo, pur continuando a discutere, penso si debba procedere così.

Francesca Irene Sensini: Volevamo proprio chiederti della vitalità del femminismo e dei conflitti, che creano rotture e schieramenti, anche dogmatici. Come possiamo descrivere la situazione oggi e come si posiziona Marea in mezzo a queste opposizioni, spesso ruotanti intorno al tema della libera scelta e della scelta personale come autodeterminazione assoluta, decontestualizzata dalla materialità dei rapporti con cui, nostro malgrado, dobbiamo fare i conti.

Monica Lanfranco: Provo a spiegare la visione – e insisto sulla parola visione – che mi anima nel proporre in Marea alcuni argomenti che sappiamo urticanti. Tutti questi argomenti, a mio parere, sono apparentati dalla frequente intromissione di una parola: scelta. Partire dalla «scelta», parola ultimamente molto religiosa (dicendo «è la mia scelta», «è la sua scelta», spesso si vuole bloccare ogni ulteriore discorso e/o obiezione), come se la scelta fosse qualcosa di avulso e distaccato da tutto il resto, non coniugandola con la responsabilità, è un mantra che spesso è legato (anche se non è solo una questione generazionale) al posizionamento della generazione intorno ai quarant’anni. Lo troviamo infatti in particolare dentro il movimento Non una di meno, ma non solo lì. Per paradosso, questo tipo di visione è molto neoliberista (nonostante gli ambiti nei quali si insiste sulla sacralità della scelta siano fortemente antiliberisti): si urla contro il neoliberismo in economia e nella gestione delle migrazioni ma si applica uno strano parallelismo quando siamo in presenza del corpo femminile. I temi cardini nei quali il neoliberismo introiettato viene assunto anche a sinistra e da pezzi di femminismo sono tre: il multiculturalismo (quindi l’uso politico della religione nello spazio pubblico), la prostituzione e la GPA (gestazione per altri, come la si chiama per renderla una pratica accettabile, o «utero in affitto», che è quello che di fatto accade). In questi due ultimi due casi c’entra il denaro, e sappiamo bene quanto l’intreccio tra corpo, sessualità e denaro gravi in maniera asimmetrica nelle relazioni tra i sessi. Non può sfuggire che nell’intreccio tra sessualità e denaro è il potere che fa da collante: questo aspetto lascia abbastanza senza fiato se ci entriamo dentro davvero: come può essere che in nome della libera scelta comprare un corpo di donna sia pensato come un lavoro? Sia nella prostituzione che nella GPA c’è in gioco il corpo, il corpo riproduttivo e sessuale. Ricordo molto bene come nel 2001 si urlava che «questo mondo non è in vendita»: il mondo non è in vendita ma i corpi delle donne possono esserlo senza che ciò sia avvertito come una stridente contraddizione?

«My body my choice» è una bellissima espressione ma occorre chiederci di che corpo parliamo e in che ambito nasca la presunta scelta, in quali condizioni e in quale contesto socio-economico-culturale. Per quanto riguarda gli altri due temi, prostituzione e GPA, è come se sparisse il fortissimo impatto del neoliberismo perché, nel primo caso, mi pare abbastanza evidente che stiamo parlando di un’oppressione, di un dominio manifesto: fuori dai denti, al di là delle «magnifiche sorti e progressive» di chi può guadagnare anche 1000 € per un’ora, comunque sei al servizio di chi ti compra, e non stai lavorando, sei in una condizione di schiavitù de-umanizzante. C’è dunque una problematica legata al possesso e al denaro in connessione con la sessualità. Anche nel secondo caso, a meno che non ci sia la gratuità assoluta, come potrebbe avvenire tra due amiche o due sorelle, c’è la forte pressione del denaro e la spersonalizzazione, una sorta di de-umanizzazione dell’esperienza della maternità e della generatività. Certamente ci siamo evolute e siamo diventate capaci di separare i sentimenti dalla sessualità, ma qui si parla di essere incubatrici, e non si considera il prodotto della contrattazione, ovvero un nuovo essere umano.

Per quanto riguarda la questione del multiculturalismo, penso siamo in presenza, a sinistra e in parti di pensiero femminista, di un diffuso relativismo rispetto a una religione in particolare, l’Islam, mentre non ci sono problemi nel criticare il cattolicesimo o l’ebraismo. È come se, in qualità di femministe e di sinistra occidentali, avessimo giganteschi sensi di colpa ancestrali rispetto alla presunta «religione delle vittime». Le nostre amiche antifondamentaliste e non multiculturaliste ci dicono senza mezzi termini: «Ma che cosa avete nella testa? Noi non consideriamo il mondo occidentale, o l’Europa, un tutt’uno unico, quindi in quanto occidentali e quindi europei tutte e tutti cattolici e credenti: perché voi ci considerate solo come islamici?». Lo stereotipo della donna velata e dell’uomo barbuto alimenta l’invisibilità di donne e uomini laici che lottano, anche a costa della vita, per la laicizzazione di società nelle quali la religione è ancora l’unica legge e il modello dominante per il comportamento delle donne, la loro libertà e i loro diritti. È inaccettabile se sei femminista e di sinistra.

Francesca Irene Sensini: Quali sono i rapporti di Marea con il femminismo internazionale?

  • 11 Inna Shevchenko è una femminista ucraina, leader delle Femen. Perseguitata dai servizi segreti bie (...)
  • 12 Giornalista e scrittrice nata in Uganda da famiglia di origine indiane ed egiziane, ed attualmente (...)

Monica Lanfranco: I nostri rapporti internazionali ci legano in particolare alle attiviste della Secular conference, lo straordinario gruppo che lavora in un’ottica anti multiculturalista anche con l’associazione Secularism is a women issue (Siawi): parlo di Maryam Namazie, Marieme Helie Lucas, Gita Sahgal, Inna Shevchenko e molte altre. In particolare, Inna Shevchenko11 è stata per me una folgorazione alla Secular conference del 2014, quando la incontrai di persona e decisi di portare in Italia con grande fatica, in una corsa ad ostacolo, il suo libro Anatomia dell’oppressione, scrivendone la prefazione. Questo testo è a mio parere di straordinaria importanza perché è una pietra miliare che testimonia la forza della genealogia e il passaggio di testimone tra femministe di diverse generazioni: Anatomia dell’oppressione, come il titolo stesso suggerisce, critica infatti le tre religioni, islam, cattolicesimo e ebraismo, guardando alla violenza che tutti i fondamentalismi mettono in atto concretamente sul corpo delle donne: velo, niqab, burka, mito della verginità, colpevolizzazione e divieto sulla sessualità, parto, contraccezione, interruzione di gravidanza, matrimoni forzati. In Italia, il libro ha avuto pochissima eco, lo stesso fenomeno di invisibilizzazione che ha subito anche il best seller internazionale Quando abbiamo smesso di pensare di Irshad Manji12, primo libro in assoluto nel quale una fedele dell’islam (laica e lesbica) chiede al mondo musulmano di prendere posizione contro l’islamismo per costruire una società laica e di assumersi delle responsabilità sul consenso occulto al fascismo islamico. E altrettanto è accaduto, nonostante sia andata anche con ottimo successo al salone internazionale di Torino, con Anatomia dell’oppressione, tradotto nelle lingue più diverse. In Italia, ingenuamente, io pensavo che case editrici legate a movimenti laici, come ad esempio Uaar (Atei e agnostici razionalisti), che pure hanno di recente tradotto Il vento nei capelli della giornalista iraniana Salwa Salem, potessero avere interesse in Anatomia dell’oppressione. Invece c’è stato un muro assoluto. Poi ho trovato una casa editrice piccola che ha fatto un ottimo lavoro, questo per dirti quanto sia faticoso portare il testo non certo di un’emerita sconosciuta, perché Inna Shevchenko è notissima ed è uno degli elementi di punta della Secular conference e del gruppo Femen. Il muro veniva dal fatto che è nettamente obiettante e critica nei confronti di tutte le religioni, e non solo di cristianesimo ed ebraismo. Non ce l’aveva solo col Papa e il cattolicesimo, contro l’ebraismo e i cattivi israeliani ma anche contro l’islam, dove ancora il conflitto Stato/organismi religiosi non è affrontato.

  • 13 Fisica quantistica ed economista militante ambientalista indiana, Vandana Shiva è la teorica più n (...)

Quello che mi è parso davvero straordinario è come questo saggio testimoni davvero che, quando il femminismo semina, lo fa in maniera ampia e apertissima. Anatomia dell’oppressione è un concetto analogo a quello che è alla base del movimento contro la globalizzazione neoliberista di Vandana Shiva13, perché il suo celebre Monoculture della mente: biodiversità, biotecnologia e agricoltura scientifica, che ha iniziato la protesta contro la Monsanto e contro le coltivazioni intensive, comincia proprio dalla disamina di come le multinazionali della soia transgenica stiano distruggendo la coltivazione tradizionale della senape e approfondisce il legame tra coltura e cultura del dominio. La stessa cosa fa anche Anatomia dell’oppressione, partendo da un’oppressione che non è solo simbolica ma è dentro al corpo, mentre Vandana comincia da un seme per descrivere lo scempio della distruzione della biodiversità. Il libro passa allo scanner le donne dalla testa ai piedi e prende in considerazione tutto quello che le religioni – tutte e senza sconti a nessuna – impongono alle donne di violento e umiliante (il sangue mestruale visto come impuro e l’ossessione per la purezza, per citarne una). Ecco una bella prova che il femminismo è vivissimo. C’è e prende strade a volte inattese.

Francesca Irene Sensini: In Italia la situazione, globalmente, come ti appare rispetto ai temi sollevati dal pensiero femminista?

  • 14 D. Ackerman, A Natural History of the Senses, New York, Random House, 1990, trad. it. edita da Fra (...)

Monica Lanfranco: Anche in ragione del contesto pandemico, oggi si prova a ragionare sulle opportunità di una grande crisi come questa. È una crisi inedita: la crisi economica, quella finanziaria, le cosiddette «bolle» che hanno approfondito la povertà nel pianeta, anche in occidente, le avevamo già sperimentate. Questa invece è una pandemia e si configura come una sorta di prova generale, prima che sia troppo tardi per l’umanità. Vorrei essere positiva, anche rispetto ai movimenti, per l’accensione di attenzione sull’unico pensiero che davvero ci può salvare: si evoca, senza nominarlo, facendo riferimento alla nuova politica e al nuovo pensiero sulla cura, che in realtà è un pensiero antichissimo, è il pensiero ecofemminista, ma non si dice perché il femminismo è divisivo (sospiro). Cosa posso dire? Non sono certa che il mondo umano sia pronto a fare un salto di paradigma, mettendo al centro la cura dei corpi e quindi mettendo in atto una riorganizzazione sociale che parta dalla riproduzione della specie e non dalla produzione – cosa che dicevano già le grandi del femminismo degli anni Settanta, e Lidia Menapace per prima: sembra un fatto complicatissimo, ma in fondo è tanto semplice da capire. Ma parliamo di progettualità: per il 2021, vorremmo lavorare sulla parola Sensi, che sarà il secondo numero del 2021. Per me è una grande opportunità perché c’è un testo, che ho usato all’università di Parma quando ho insegnato teoria e tecnica dei nuovi media, Storia naturale dei sensi di Diane Ackerman14, che considero uno dei testi più importanti scritti nel secolo passato. Da lì partiremo, perché la tecnologia è un campo di prova della capacità di tenere a mente che la prima téchne è nostro corpo. Tutto il resto, straordinario, potente, meraviglioso, è al servizio del nostro corpo. Ecco la scommessa di Marea per il 2020 e il 2021.

Francesca Irene Sensini: Grazie Monica. Ricordiamo che il numero 1/2021 di Marea, anziché essere dedicato alla parola Sensi, è incentrato sull’eredità lasciataci da Lidia Menapace (1924-2020), luminosa protagonista della storia italiana, femminista, partigiana, politica e saggista, tra le grandissime figure che questa pandemia ci ha sottratto. Ricordiamo, tra i tanti contributi disseminati in giornali, riviste e saggi, la sua presenza in Donne disarmanti, a cura di Monica Lanfranco e Maria G. Di Rienzo, Intra Moenia, 2003.

Haut de page

Notes

1 Femminista ed ecologista, Laura Cima ha partecipato al movimento antinucleare ed è stata eletta deputata nei Verdi nel 1987, diventando in seguito presidente di un direttivo di sole donne. Confermata alla Camera dei Deputati coi Verdi nel 2001, diventa sindaca di Moncalieri nel 1993. Ha fatto parte della Commissione per la partià della Presidenza del Consiglio ed è stata consigliera di parità per la Provincia di Torino. Per Il Poligrafo ha curato con Franca Marcomin L’ecofemminismo in Italia: le radici di una rivoluzione necessaria (2017). Il suo blog è [www.lauracima.it] (consultato il 28/04/2021).

2 Online: [http://www.mareaonline.it/] (consultato il 28/04/2021).

3 Online: [http://www.radiodelledonne.org/] (consultato il 28/04/2021).

4 Online: [http://www.monicalanfranco.it/altradimora/] (consultato il 28/04/2021).

5 Daniela Rossi è psicologa, giornalista e pittrice. Ha collaborato con Repubblica, Cosmopolitan, Marea, Viversani, Il Lavoro, Donna e mamma. Il suo primo libro è il mémoire Il mondo delle cose senza nome (Fazi, 2004; Bompiani, 2010), vincitore del Premio Anima per la letteratura e tradotto in tedesco, da cui sono stati tratti l’omonimo spettacolo prodotto dal Teatro dell’Opera di Roma e il film per la RAI Tutti i rumori del mondo, interpretato da Elena Sofia Ricci e Gioele Dix. Tra le altre pubblicazioni i romanzi Il merlo indiano (Aragno, 2007), Il sacerdote e il kamikaze (Salerno 2008), la raccolta di racconti Le ragazzone (Redazione, 2013), La scelta imperfetta (Historica, 2017) e Materia che sogna (Anima edizioni, 2019).

6 Susan Moller Okin (1946-2004) è una filosofa, scrittrice e femminista radicale nata in Nuova Zelanda, ha insegnato Scienze politiche alla Stanford University. Tra i suoi saggi ricordiamo Is Multiculturalism Bad for Women?, Princeton, Princeton University Press, 1999.

7 Lidia Menapace (1924-2020) è stata partigiana, femminista, donna politica e saggista. Tra le sue opere più recenti ricordiamo A furor di popolo, Genova, Marea, 2012; Io, partigiana: la mia Resistenza, San Cesario di Lecce, Manni, 2014.

8 Vedi online: [http://www.universitadelledonne.it/progrgenova.htm] (consultato il 28/04/2021).

9 «Venti – Vent’anni di Marea rivista femminista dal 1994, la mostra e gli eventi, 18-28 marzo 2015, Palazzo Ducale di Genova». Vedi online: [http://www.mareaonline.it/wp-content/uploads/2015/02/pieghevole-mostra-20.pdf] (consultato il 28/04/2021).

10 Attivista femminista, sopravvissuta alla prostituzione e giornalista, è co-fondatrice dell’associazione SPACE International. Il suo Paid for: My Journey through Prostitution è stato pubblicato in inglese nel 2013 e tradotto in italiano nel 2017 per Round Robin (traduzione di I. Maccaroni e C. Carpita).

11 Inna Shevchenko è una femminista ucraina, leader delle Femen. Perseguitata dai servizi segreti bielorussi, Shevchenko ha ottenuto asilo politico in Francia dove continua la sua attività. Tra le sue ultime pubblicazioni ricordiamo Eroiche: amazzoni, peccatrici e rivoluzionarie, trad. di F. Leto, Roma, Perrone, 2020.

12 Giornalista e scrittrice nata in Uganda da famiglia di origine indiane ed egiziane, ed attualmente residente in Canada, Irshad Manji pubblica in Canada nel 2004 The Trouble with Islam Today, una critica coraggiosa dell’Islam conservatore, tradotto in breve tempo in 30 lingue. Il titolo italiano è Quando abbiamo smesso di pensare? Un’islamica di fronte ai problemi dell’Islam (Guanda, 2004).

13 Fisica quantistica ed economista militante ambientalista indiana, Vandana Shiva è la teorica più nota dell’ecologia sociale. È conosciuta grazie al successo di Monocolture della mente (1995), un best-seller in tutto il mondo, e in Italia anche grazie al documentario Terra Madre di Ermanno Olmi (2009), che mostra la raccolta del riso, nei pressi della fattoria Navdanya nella valle del Doon, dove sono custoditi i semi delle varietà locali di riso, tramandati di generazione in generazione.

14 D. Ackerman, A Natural History of the Senses, New York, Random House, 1990, trad. it. edita da Frassinelli nel 1992.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Monica Lanfranco et Francesca Irene Sensini, « L’esperienza della rivista femminista Marea: intervista a Monica Lanfranco », Laboratoire italien [En ligne], 26 | 2021, mis en ligne le 06 juillet 2021, consulté le 16 octobre 2021. URL : http://journals.openedition.org/laboratoireitalien/6945 ; DOI : https://doi.org/10.4000/laboratoireitalien.6945

Haut de page

Auteurs

Monica Lanfranco

Monica Lanfranco est journaliste, formatrice dans le domaine de la différence sexuelle et du conflit féministe, directrice du trimestriel féministe Marea, fondatrice d’Altradimora, centre féministe de rencontres et séminaires au Piémont. Parmi ses publications les plus récentes : Crescere uomini: le parole dei ragazzi su sessualità, pornografia, sessismo (Erickson, 2019) ; Donne dentro: detenute e agenti di polizia penitenziaria raccontano (Settenove, 2018) ; Parole madri. Ritratti di femministe: narrazioni e visioni sul materno (Marea edizioni, 2016) ; Uomini che (odiano) amano le donne. Virilità, sesso, violenza: la parola ai maschi (Marea edizioni, 2014). ) ; Voi siete in gabbia, noi siamo il mondo. Punto G. Il femminismo al G8 di Genova (2001-2021) (Vanda edizioni, 2021). Site web : [http://www.monicalanfranco.it/].

Francesca Irene Sensini

Université Côte d’Azur • Francesca Irene Sensini est maîtresse de conférences en études italiennes à l’université Côte d’Azur de Nice, membre du laboratoire de recherche CMMC (Centre de la Méditerranée Moderne et Contemporaine) et de l’équipe ExFem (projet IDEX « Cents ans d’expressions féminines 1918-1968-2018 ») de la même université. Comparatiste de formation, elle consacre principalement ses recherches aux réécritures et à l’herméneutique de l’Antiquité classique entre le XVIIIe et le XXe siècle en Europe ainsi qu’aux représentations littéraires et culturelles liées au genre. Parmi ses récentes publications : F. Lorenzi et F. Sensini éd., Una donna moderna del secolo trascorso: Marise Ferro giornalista (Aracne, 2020) ; M. Ferro, La guerra è stupida, F. Sensini éd. (Gammarò, 2020) ; M. Ferro, Le romantiche, F. Sensini éd. (Succedeoggi, 2021).

Haut de page

Droits d’auteur

CC 3,0

Haut de page
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search