Navigazione – Piano del sito

HomeNuméros27

  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon

27/2021
A distanza

À distance
Distance learning
Sotto la direzione di Jean-Louis Fournel e Matteo Palumbo

L’università ha sempre ipotizzato incontri, faccia a faccia, presenze, attraversamenti: la «distanza», quando veniva pensata, era soprattutto una questione di metodo, di problematizzazione che consentisse la costruzione di un punto di vista originale: la distanza era feconda quando si accontentava di essere metaforica. Al contrario, quella che si è imposta nel marzo 2020 è stata proprio una distanza di brutale concretezza. Nascono neologismi e sigle barbariche come la coppia «présentiel» / «distanciel» in francese o la DAD (didattica a distanza) in italiano. Un elemento che era ovvio, la presenza, è diventato una semplice opzione, che può essere scartata, donde nuove pratiche accademiche. A causa dell’impossibilità di viaggiare, la pandemia ha anche sconvolto i giochi di scala che solitamente interessano le università (a livelli locali nazionali e internazionali). Anche se la generalizzazione del distanziamento ha portato a sofferenze, individuali e collettive, la questione della distanza non può essere affrontata unicamente sulla base di reazioni affettive o tecnofobiche. Si tratta, al contrario, di stabilire osservazioni, di analizzare le conseguenze, di individuare le proiezioni, di tenere conto dei possibili «interessi» occasionali per i vari attori, a cominciare da quelli che governano l’università, a livello locale e nazionale. Questo è ciò su cui questo dossier vorrebbe avviare una discussione aperta.

Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search