Navigation – Plan du site

AccueilNuméros27DossierTestimonianza. Diario collettivo ...

  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon
Dossier

Testimonianza. Diario collettivo ai tempi della pandemia: Griseldaonline, 3-15 aprile 2020

Témoignage. Journal collectif à l’époque de la pandémie : Griseldaonline, 3-15 avril 2020
Testimony. Collective diary during the pandemic: Griseldaonline, 3-15 April 2020
Elisabetta Menetti

Résumés

L’article présente le Diario da una quarantena publié sur Griseldaonline du 3 au 15 avril 2020 et aborde quelques questions sur l’enseignement à distance dans les écoles et les universités italiennes pendant le premier confinement dû à la pandémie de Covid-19.

Haut de page

Entrées d'index

Parole chiave :

pandemia, diario, Griseldaonline
Haut de page

Texte intégral

  • 1 Diario da una quarantena, «Griseldaonline. Il Portale di letteratura», 3-15 aprile 2020. Online: [(...)
  • 2 S. Lubello, Nuovo lessico famigliare: le cento parole della pandemia, « Treccani », 25 maggio 2020 (...)

1Il mio intervento prenderà spunto dal diario che alcuni docenti dell’università e della scuola hanno condiviso sul sito della rivista Griseldaonline nel mese di aprile 2020, in piena pandemia Covid-191. Si tratta di un diario scritto a caldo nei giorni più traumatici dei primi mesi di chiusura generale e che al momento nessuno sapeva ancora come definire: diario di quarantena, ma quante sarebbero state le quarantene e che cosa erano esattamente? Era tecnicamente una quarantena o un isolamento preventivo? Solo successivamente su tutti i social e i giornali italiani ha avuto successo una parola icastica inglese, lockdown: una parola che ha assorbito magicamente tutte le altre2.

2Il diario è stato scritto e pubblicato in diretta, è rimasto aperto solo pochi giorni (dal 3 al 15 aprile 2020) e non è mai stato rivisto o riscritto successivamente dagli autori. Si è cercato, così, di conservare il carattere di testimonianza diretta e spontanea di chi osserva il fenomeno mentre si rivela giorno dopo giorno nella sua incredibile potenza evocativa.

3Nel momento di emergenza, Griseldaonline ha raccontato e condiviso un trauma collettivo che ha portato tutto il mondo della formazione scolastica e universitaria a confrontarsi con la didattica a distanza: per lunghissimo tempo, come sappiamo, è stato l’unico momento di socialità concessa ai bambini ed ai giovani3. Quelle testimonianze mi aiutano a sollevare alcune questioni che sono state affrontate nei mesi successivi tra il mondo della università e quello della scuola: un collegamento (scuola/università) oggi più che mai fruttuoso per comprendere le nuove dinamiche formative in corso.

4Anticipo i titoli delle questioni, che sono emerse nel diario: la nuova organizzazione delle piattaforme digitali; le modalità di trasmissione dei contenuti (programmi e metodi); il nuovo orizzonte editoriale, in altre parole la diffusione dei contenuti editoriali tradizionali e innovativi (dal libro di carta a quello digitale) attualmente disponibili per la nostra disciplina (tra risorse in rete, biblioteche digitali, biblioteche reali).

5I docenti che hanno scritto nel diario di Griseldaonline durante la chiusura o lockdown o «confinamento» hanno all’unanimità condiviso due problemi: l’impossibilità di ricorrere ad un linguaggio empatico, gestuale e fisico e la necessità (a volte l’angoscia) di riempire vuoti e silenzi di una aula popolatissima ma inerte. Quasi tutti hanno raccontato la fatica di organizzare in tempi strettissimi i corsi online su piattaforme sconosciute in un clima domestico di generale incertezza e precarietà. Alcuni italianisti che lavorano negli Stati Uniti hanno descritto più positivamente l’insegnamento «da remoto» come una condizione già da tempo sperimentata e sostanzialmente accettata4. E, in generale, quasi tutti hanno convenuto che in piena emergenza la didattica a distanza fosse la soluzione migliore per garantire in modo soddisfacente la continuità formativa in un ambiente protetto.

6La didattica, però, appariva fin da subito sottoposta ad un cambiamento dai contorni ancora poco chiari ma che chiamava in causa l’esame ravvicinato di un’altra parola-chiave di questi ultimi tempi: piattaforma (Zoom, GMeet, Teams e molte altre). E le domande ricorrenti riguardavano il cambiamento percepito come inevitabile: sulla piattaforma in streaming stavamo facendo le stesse lezioni di sempre oppure il contenitore stava cambiando il nostro contenuto?

7Il luogo della lezione è l’aula fisica, concreta, reale ma può essere virtuale, intesa come un luogo del pensiero in cui si incontrano anche a distanza il docente e lo studente. Insomma, l’obiettivo appariva lo stesso ma qualcosa, ovviamente, non tornava: pochi riuscivano ad attivare uno scambio reale, un dialogo. Eppure nel momento dell’emergenza del 2020 i giovani si aggrappavano alle piattaforme come i naufraghi alle zattere e quel naturale processo di fiducia reciproca tra docente e studente veniva cercato e protetto, risultando più o meno dinamico a seconda di molteplici fattori che hanno avuto a che fare con la comune esperienza traumatica e il senso di responsabilità5.

  • 6 Mi riferisco ai recenti studi su questi argomenti. Molto utile per una riflessione sul mezzo: S. G (...)

8A distanza di più di un anno da quell’esperienza emergenziale una cosa risulta oggi abbastanza chiara: la difficoltà delle università di muoversi su un terreno comune sul piano del rilancio della didattica (in streaming, mista o solo in presenza) a partire dalle potenzialità dei nuovi mezzi che sono stati sperimentati. Forse la didattica è già cambiata da tempo, perché da tempo sono cambiati gli strumenti di ricerca, i riferimenti culturali, come le numerose riviste accademiche (digitali e online) hanno dimostrato in questi ultimi anni6.

  • 7 E’ il titolo del Convegno Telematico Internazionale, Bologna 1 e 2 ottobre 2020 del quale Griselda (...)

9L’italianistica digitale7 è una realtà complessa, ricchissima e in espansione continua, che va dalla edizione digitale delle opere letterarie alla diffusione online della saggistica universitaria nelle riviste e nei siti (come academia.edu) a libero accesso. La pandemia ha accelerato un processo già in corso, come ha scritto Paola Italia nel Diario: il lettore Google e il docente Google – forzatamente – si sono incontrati in questi mesi nell’aula virtuale universitaria italiana e , insieme, sono stati in grado di riannodare fili spezzati, di focalizzare gli obiettivi formativi e di trovare nuove forme di condivisione:

La didattica digitale che – chi prima, chi poi – da qualche settimana stiamo praticando, rende di grande attualità le riflessioni che da qualche tempo, nella comunità scientifica di chi si occupa di Digital Humanities, sono maturate sui cambiamenti imposti dal mondo digitale, e che forse, fino ad ora, sono stati considerati temi per specialisti o per entusiasti delle innovazioni digitali. Per la velocità con cui, purtroppo, questi cambiamenti si sono verificati, e per avere coinvolto tutta la comunità scientifica (e non solo chi già da prima era interessato a progetti digitali), si è capito che sono temi con cui tutti ci dobbiamo confrontare, e che il 2020 segnerà una data irreversibile, anche per le forme della didattica, per la ricerca, per le relazioni tra editoria e accademia.8

  • 9 D. Weinberger, La stanza intelligente. La conoscenza come proprietà della rete, Torino, Codice, 20 (...)

10Gli studiosi (e quindi i docenti) sono abituati già da molto tempo a lavorare su due fronti (digitale e fisico) e da tempo hanno sviluppato abilità di ricerca nella rete. Anche gli studenti della scuola e dell’università si documentano ormai prevalentemente su siti didattici che offrono sintesi e documenti in rete, variamente organizzati o complessi, come ad esempio POK, acronimi di Power ok Knwledge (Pok scuoladigitale.it)9.

11L’accelerazione impressa dall’emergenza ha reso necessario lo sviluppo di biblioteche digitali, come dimostra anche la realtà emiliana (ma nazionale e globale) della biblioteca Media Library Online: una piattaforma di prestito digitale con la più ampia collezione di contenuti per le biblioteche e per le scuole e le università italiane con un sito dedicato e anche attraverso una mobile app10. MLOL è una biblioteca virtuale italiana che si è affermata in questi ultimi mesi come una eccellenza nell’ambito della diffusione di prodotti editoriali in rete: all’interno di questo vero e proprio «incubatore» sono nati progetti molto articolati grazie allo sviluppo della piattaforma III I F (acronimo di International, Image, Interoperability Framework) che consente la visualizzazione, la comparazione e l’annotazione condivisa con la comunità scientifica di documenti antichi conservati nelle biblioteche. Un progetto molto interessante che si sta realizzando a Modena, grazie alla collaborazione tra MLOL e la Biblioteca Estense: la Estense Digital Library11.

  • 12 Impossibile citare tutti i progetti, ma abbiamo raccolto tutti i dati aggiornati su Griseldaonline (...)

12Nell’era pre-covid, insomma, la ricerca italianistica era già cambiata grazie a una tecnologia digitale umanistica avanzata e presente fin dagli albori della rivoluzione digitale (dalla più anziana Informatica umanistica a cavallo degli anni Duemila alle giovanissime Digital Humanities di oggi) e, parallelamente, anche la didattica e-learning aveva già maturato piattaforme didattiche digitali più o meno articolate o sofisticate negli stessi anni (specialmente Moodle, che esiste da almeno venti anni sul mercato a libero accesso)12. Senza contare che anni fa alcuni di noi potevano già sperimentare le famose (ma scomodissime e obsolete) lavagne multimediali.

13Ad ogni modo, l’emergenza Covid ha promosso la condivisione di queste due nuove dimensioni del sapere (ricerca e didattica con i nuovi strumenti digitali) con una aggravante non di poco conto: e cioè l’impossibilità di integrare con equilibrio i due processi didattici in presenza e a distanza.

14Non c’è dubbio che l’aula virtuale universitaria, creata durante l’emergenza in tutte le classi d’Italia, ha fatto riflettere sulle opportunità ma anche assolutizzato alcune criticità e cioè problemi di organizzazione interna (specialmente nella preparazione dei compiti scritti), di argomentazione dei contenuti e di ridefinizione degli obiettivi della nostra disciplina, che è, bisogna ricordarlo, la letteratura italiana. Come faceva notare Paola Italia nel Diario, la versione digitale dei volumi cartacei è una opportunità positiva da sfruttare per la propria didattica, ed ecco un esempio concreto:

Se, per fare un esempio, inserisco nel programma di Letteratura italiana una raccolta di saggi su Manzoni, con la versione digitale – magari offerta in aggiunta alla versione cartacea a un prezzo lievemente superiore – potrò fare in modo che gli studenti possano vedere tutte le immagini dei Promessi sposi citate nel volume e non solo quelle selezionate per la stampa cartacea. I due supporti potrebbero essere non più o non solo in alternativa fra loro, ma come il completamento l’uno dell’altro, e il combinato disposto cartaceo/digitale potrebbe diventare una risorsa per il mercato del cartaceo contro l’incultura della fotocopia, non come l’attentato del digitale al mondo analogico. L’editoria accademica pubblica e quella privata (che guarda però attentamente al mercato dell’accademia) potrebbero approfittare di questa forzata digitalizzazione delle risorse didattiche per sperimentare delle buone pratiche editoriali. E fare di necessità digitale, virtù analogica.13

15Il dibattito, quindi, si è aperto immediatamente e spontaneamente anche sulla fase post-emergenziale con una riflessione metodologica sulle opportunità didattiche vissute da tutti durante l’esperimento in cattività e sui rischi sociali di una didattica a distanza futura. E le domande che si leggono nel Diario sono quelle che ci stiamo ponendo in questi mesi di ripresa della didattica in presenza: l’università telematica sarà il futuro anche delle università cosiddette tradizionali?

16Tutti hanno condiviso il senso di una mancanza, come ha scritto Franco Tomasi:

La «classe» è una comunità: che sia tradizionale, capovolta o «flippata», «smartizzata», come dicono quelli che se ne intendono, è pur sempre un gruppo di persone che condivide uno spazio, nel quale i ruoli sono stabiliti e che, nei casi più felici, è unita da un percorso di formazione, il famoso «programma». La didattica a distanza crea, è vero, una comunità, una classe, ma toglie alcuni degli elementi di forza della lezione in presenza, che sono così irrimediabilmente perduti. La smaterializzazione, l’assenza dei corpi genera un effetto di plastificazione, di realtà simulata e, quello che mi sembra il vero pericolo, di standardizzazione: la lezione rischia di non essere più una occasione di incontro, legata a un tempo e un luogo stabiliti, determinata dalla singola situazione, ma un evento ripetibile all’infinito con le stesse, identiche modalità. È la stessa differenza che passa, per dirlo alla buona, tra andare a vedere uno spettacolo a teatro e vederne la registrazione video seduti sul divano di casa nostra. La registrazione è un eccellente modo per tenere traccia, per conservare, ma non è mai comparabile alla partecipazione diretta e fisica dello spettacolo.14

17Ma al contempo alcuni si sono domandati fin da subito se questo è stato un segno del cambiamento che abbiamo intrapreso da tempo e al quale ci stiamo adattando:

Ogni volta che il progresso tecnologico compie i suoi balzi in avanti, si tratta pur sempre ancora oggi di fare quello che sempre è stato fatto: adattare e adeguare gli strumenti ai fini, e ogni volta ripensare i fini in relazione agli strumenti: nulla è mai stato, né mai sarà, mai come prima, l’eterno ritorno dell’identico è una posizione metafisica, non storica.
Perciò credo che la riflessione più urgente in questo momento non sia tanto quella che affronta il «che fare?» da un punto di vista integralistico (didattica a distanza sì o no?), bensì quella che si impegna a ridefinire obiettivi e contenuti, non per adattarli alle nuove tecnologie, ma per riaffermarli in forme nuove nelle mutate condizioni e tenendo conto, di volta in volta, dei nuovi vincoli.15

18Per molti siamo ancora nella tempesta perfetta: in presenza ma in modalità «mista» con videolezione sincrona o asincrona su Zoom su Meet su Teams su Moodle Collaborate con lezioni-slides registrate o in diretta. Insomma, il diario di Griseldaonline, scritto in una situazione d’emergenza, offre molti spunti di riflessione ma anche un campionario della nostra creatività e delle nostre capacità di reazione.

19Le piattaforme didattiche digitali si sono dimostrate una efficace estensione e, in alcuni casi, un completamento della formazione ma non possono assolutamente sostituire una lezione in presenza: completano, espandono, aiutano ma sono letteralmente un semplice «mezzo». Se utilizzate bene, con competenza e con una certa organizzazione condivisa magari con i colleghi queste risorse (e gli esempi sono tantissimi) possono ampliare il necessario processo di collaborazione tra docente e studente attraverso alcuni mezzi che aiutano la collaborazione e la condivisione di contenuti: come gli wiki, che possono essere utilizzati per lavori d’aula di alto pregio.

20Il punto alla fine è questo: le disparità e le disuguaglianze tra noi e tra le singole università sono forse inevitabili ma restano molte cose da fare, se davvero vogliamo cogliere un insegnamento da quello che abbiamo passato:

  1. Che forma e che contenuto bisogna dare a questi nuovi contenitori formativi, di cui sarà difficile fare a meno (e tantomeno ignorare) in futuro?
  2. Quali disparità e disuguaglianze si possono creare tra noi e tra gli studenti, a seconda dell’Università o della scuola che svilupperà un buon lavoro didattico con nuovi strumenti digitali?
  3. E infine: quale editoria digitale potrà fare da supporto (con manuali adeguati alle nuove piattaforme digitali) a questa nuova dimensione didattica?

21Se ogni nostro corso avrà una sua piattaforma didattica questo significa che ognuno di noi potrà gestire contenuti digitali in autonomia, potrà costruire prodotti didattici dalla complessità impressionante (testi, videolezioni, link, wiki) e a libero accesso: libri digitali, virtuali ad espansione continua, che potranno essere rimessi a posto e aggiornati per anni. Una sorta di meta-corso in progress in cui gli studenti potranno creare a loro volta contenuti complessi, persino pubblicazioni che nascono da lavori comuni e condivisi sulla piattaforma, come avviene del resto già nel mondo del lavoro. Un corso sempre attivo e sempre rinnovabile, dove la carta esiste (il manuale di carta) ma convive con il digitale.

22Per gli studenti, ovviamente, questa sarebbe una prospettiva allettante: un corso di italianistica in presenza con raffinati strumenti digitali (opere scaricabili online) adeguati e filtrati dalle nostre competenze e dalla nostra preparazione (e non semplicemente cercati autonomamente online) e continuamente rinnovati e aggiornati.

23Ma non tutti i nostri studenti sono smart e non tutti i Millennials sono digital: non basta suggerire loro di andare a cercare le informazioni online ma siamo noi a dover gestire la loro preparazione digitale, offrendo il repertorio più aggiornato e sicuro scientificamente sia per quanto riguarda le edizioni dei testi sia per quanto riguarda la presentazione di guide o video-lezioni già presenti nella rete.

24Per concludere voglio ricordare le parole degli studenti, registrate nel Diario. Quelle di Letizia di Udine che scrive durante l’isolamento: «alla fine di una DAD resta una sensazione inquietante, la paura di non poter fuggire». E quelle di Martina di Parma: «Cambiamento non è solo l’assenza di un abbraccio, ma capire chi saremo dopo»16. Le domande dei nostri studenti devono trovare in noi delle risposte adeguate, all’altezza delle loro paure e delle loro aspettative per il futuro.

  • 17 Si veda su questo: P. Italia, Editing Duemila. Per una filologia dei testi digitali, Roma, Salerno (...)

25La letteratura italiana e la saggistica accademica sono già state riconfigurate dalle Digital Humanities. Ora si tratta semplicemente di usare queste stesse risorse anche nelle nostra pratica quotidiana di insegnanti, cercando di promuovere nei nostri studenti la fiducia che noi stessi mettiamo nei nostri progetti accademici, che sono moltissimi. E sperando, infine, che anche l’editoria universitaria possa seguirci nel percorso che ci attende nel nostro immediato futuro17.

Haut de page

Notes

1 Diario da una quarantena, «Griseldaonline. Il Portale di letteratura», 3-15 aprile 2020. Online: [https://site.unibo.it/griseldaonline/it/diario-quarantena] (consultato il 26 novembre 2021). A questo Diario scritto dai docenti si è affiancato un Diario scritto da alcuni giovani universitari.

2 S. Lubello, Nuovo lessico famigliare: le cento parole della pandemia, « Treccani », 25 maggio 2020, Istituto della Enciclopedia Italiana. Versione online: [https://www.treccani.it/magazine/lingua_italiana/articoli/parole/lessico_famigliare.html] (consultato il 26 novembre 2021).

3 Il diario degli studenti: [https://site.unibo.it/griseldaonline/it/diario-quarantena/giovani-parole-pandemia] (consultato il 26 novembre 2021) e in particolare il diario della mia aula durante il lockdown: [https://site.unibo.it/griseldaonline/it/diario-quarantena/ai-giovani] (consultato il 26 novembre 2021).

4 Massimo Riva: [https://site.unibo.it/griseldaonline/it/il-punto-critico/massimo-riva-meglio-remoti-mascherati] (consultato il 26 novembre 2021); Valerio Cappozzo: [https://site.unibo.it/griseldaonline/it/diario-quarantena/valerio-cappozzo-ogni-studente-isola] (consultato il 26 novembre 2021).

5 G. Alfano, Al tempo della distanza. Online: [https://site.unibo.it/griseldaonline/it/diario-quarantena/giancarlo-alfano-tempo-distanza] (consultato il 21 novembre 2021).

6 Mi riferisco ai recenti studi su questi argomenti. Molto utile per una riflessione sul mezzo: S. Giusti, Didattica della letteratura 2.0, Roma, Carocci, 2015; G. Roncaglia, L’età della frammentazione. Cultura del libro e scuola digitale, Bari, Laterza, 2020 (ma la prima edizione è del 2010). Sempre utile di P. Ferri: Nativi digitali, Milano, Bruno Mondadori, 2011.

7 E’ il titolo del Convegno Telematico Internazionale, Bologna 1 e 2 ottobre 2020 del quale Griseldaonline pubblicherà gli atti nel fascicolo di dicembre 2021 (fasc. 2/2021). Si veda anche il sito con la registrazione del convegno: [https://italianisticadigitale-unibo.github.io/] (consultato il 26 novembre 2021).

8 Online: [https://site.unibo.it/griseldaonline/it/diario-quarantena/paola-italia-studente-docente-google] (consultato il 26 novembre 2021).

9 D. Weinberger, La stanza intelligente. La conoscenza come proprietà della rete, Torino, Codice, 2012.

10 Si rimanda al sito di MLOL: [https://www.medialibrary.it/home/index.aspx] (consultato il 26 novembre 2021).

11 Ecco il sito che è già attivo anche per il nuovo sistema di condivisione dati: [https://edl.beniculturali.it/home/cover] (consultato il 26 novembre 2021).

12 Impossibile citare tutti i progetti, ma abbiamo raccolto tutti i dati aggiornati su Griseldaonline/strumenti per l’italianistica digitale: [https://site.unibo.it/griseldaonline/it/strumenti/strumenti-italianistica-digitale] (consultato il 26 novembre 2021).

13 Paola Italia, Lo studente (e il docente) Google. Online: [https://site.unibo.it/griseldaonline/it/diario-quarantena/paola-italia-studente-docente-google] (consultato il 26 novembre 2021).

14 Franco Tomasi, Il senso di una mancanza. Online: [https://site.unibo.it/griseldaonline/it/diario-quarantena/franco-tomasi-senso-mancanza] (consultato il 26 novembre 2021).

15 Andrea Tabarroni, A distanza ma presenti a se stessi. Online: [https://site.unibo.it/griseldaonline/it/diario-quarantena/andrea-tabarroni-distanza-ma-presenti-se-stessi] (consultato il 26 novembre 2021).

16 Ecco il bellissimo diario dei giovani: [https://site.unibo.it/griseldaonline/it/diario-quarantena/giovani-parole-pandemia].

17 Si veda su questo: P. Italia, Editing Duemila. Per una filologia dei testi digitali, Roma, Salerno 2020.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Elisabetta Menetti, « Testimonianza. Diario collettivo ai tempi della pandemia: Griseldaonline, 3-15 aprile 2020 », Laboratoire italien [En ligne], 27 | 2021, mis en ligne le , consulté le 22 mai 2022. URL : http://journals.openedition.org/laboratoireitalien/7368 ; DOI : https://doi.org/10.4000/laboratoireitalien.7368

Haut de page

Auteur

Elisabetta Menetti

Université de Modène et Reggio d’Émilie • Elisabetta Menetti enseigne la littérature italienne à l’université de Modène et Reggio d’Émilie. Elle a fondé la revue et le portail Griseldaonline, qu’elle dirige actuellement avec Gian Mario Anselmi et Giuliana Benvenuti. Parmi ses travaux récents, nous pouvons citer la rédaction de La realtà come invenzione. Forme e storia della novella italiana (Milan, FrancoAngeli, 2015) ; la direction scientifique du collectif Le forme brevi della narrativa (Rome, Carocci, 2019) et son livre dédié à Gianni Celati, Gianni Celati e i classici italiani. Narrazioni e riscritture (Milan, FrancoAngeli 2020).

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Laboratoire italien – Politique et société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search