Navigation – Plan du site

AccueilNuméros27DossierDad-aismo. La scuola e la didatti...

  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon
Dossier

Dad-aismo. La scuola e la didattica a distanza

Dad-aïsme. L’école et l’enseignement à distance
Dad-aism. Schools and distance learning
Bruno Moroncini

Résumés

La thèse développée dans cet article est que l’enseignement à distance représente une étape importante dans le processus de dé-fondation de l’espèce humaine, restaurant son nomadisme primitif, désormais transformé par les autoroutes de l’information et les réseaux numériques. Cette dernière forme de libération de la tyrannie du lieu suit la fin du servage et du hic et nunc dans la jouissance des œuvres d’art. Elle modifie également les relations de pouvoir qui ont été consolidées dans l’école moderne et libère l’apprentissage de l’étroitesse de la salle de classe. L’auteur reprend la critique de l’école moderne réservée à différentes personnalités comme Pasolini et Ivan Illich, pour qui l’objectif de l’éducation n’était pas l’acquisition de connaissances qui rendraient libres les classes subalternes, mais la création d’un conformisme de masse non exempt de tentations criminelles.

Haut de page

Entrées d'index

Haut de page

Texte intégral

Critica della stanzialità

1Non ho avuto la fortuna o la disgrazia di fare l’esperienza della didattica a distanza. Ormai in pensione come professore universitario mi è mancata l’occasione di capire i vantaggi e gli svantaggi di una forma dell’insegnamento che utilizza la dimensione della rete per trasmettere conoscenze e abilità. In compenso ho partecipato a molte iniziative culturali, organizzate o da sedi universitarie o da associazioni private, che utilizzavano la rete come unico mezzo di comunicazione. Tra il 2020 e il 2021 conto due convegni on line della Società Italiana di Filosofia Morale, un seminario proprio sugli effetti della Dad organizzato dall’Università di Sassari, un lungo seminario su Psicologia delle masse e analisi del’io in occasione del centenario della pubblicazione dovuto alla cura dell’European Journal of Psychoanalysis, il seminario annuale della Associazione Italiana Walter Benjamin, un seminario sulla letteratura ideato da un gruppo di docenti dell’Università di Napoli Federico II, alcuni seminari dell’Istituto Italiano per gli studi Filosofici «Gerardo Marotta», lezioni dell’Istituto per la clinica dei legami sociali, una scuola psicoanalitica lacaniana fra le migliori che operano in Italia, qualche presentazione di libri. Dimentico certamente qualcosa ma già da questo elenco fatto alla rinfusa si può apprezzare la quantità e la qualità di questo lavoro culturale svoltosi integralmente in rete e grazie ad essa. Non v’è dubbio che le ragioni di una simile scelta siano state contingenti, dovute alla necessità di contrastare il contagio del Covid-19, ma non credo di sbagliare se, come penso, molto presto l’uso della rete per le iniziative culturali del tipo che ho descritto diventerà normale. Già da adesso, quando timidamente gli incontri si ricominciano ad organizzare in presenza, gli organizzatori degli eventi si trovano costretti a lasciare a chi vuole la possibilità di connettersi a distanza. Tra breve non ci sarà più l’alternativa e tutto si terrà a distanza.

2E ciò perché i vantaggi sono più che evidenti. In primo luogo l’azzeramento dei costi: per organizzare un evento culturale in presenza, a meno che non ci si voglia accontentare dei soli residenti, bisogna pagare viaggio e permanenza agli ospiti provenienti da altre città o da altri paesi, e lo stato di penuria finanziaria delle Università, ma in generale delle Istituzioni culturali, rende tale obbligo difficile se non impossibile. Ma ciò vale anche per coloro che vengono invitati, che a parte i casi in cui, partecipando ad un convegno, si fanno una vacanza gratis, non sempre possono o vogliono affrontare un viaggio lungo e affaticante, oppure hanno un tempo limitato, sufficiente per essere presenti quando debbono parlare, ma non per stare due o tre giorni lontano da casa o dal luogo di lavoro. Nei casi che ho elencato prima, in condizioni normali avrei potuto essere presente solo quando sarebbe toccato a me fare la conferenza o tenere, come si dice, la lezione magistrale, e in qualche caso, come ad esempio andare a Sassari, non nego che essere lì in carne e ossa mi sarebbe costato, ma sicuramente non avrei potuto partecipare agli altri incontri in cui intervenivano amici e colleghi che avevo voglia di ascoltare e con i quali ero sicuro che sarebbe stato piacevole discutere. In quali altre situazioni sarebbe possibile ascoltare qualcuno che se ne sta a New York, in Inghilterra o in Francia – è esattamente quello che mi è accaduto – mentre io sto a Napoli e il collegamento è fatto da Roma? Ed è falso dire che la qualità culturale di questi incontri a distanza fosse bassa. Al contrario, in tutti i casi che ho elencato, sono state altissime l’attenzione e la concentrazione dei partecipanti quasi mai venute meno, complessivamente più costanti di quelle che si ottengono in presenza. E nessun ritardo nella comunicazione: a parte i casi in cui per imperizia dell’utente o per arretratezza della rete la connessione cade, tutto avviene, come si dice, «just in time», le distanze spaziali abolite, i tempi sincronizzati, il rumore ridotto quasi a zero.

3Nel caso della connessione in rete lo spazio, inteso come ciò che, con la sua lunghezza o con i suoi percorsi accidentati, fa resistenza alla rapidità della comunicazione, è neutralizzato: la distanza misurabile in chilometri fra chi vive a New York e chi a Napoli che fino all’altro ieri rendeva disagevole la comunicazione – solo con il telefono e non subito è stato possibile comunicare in contemporanea, ossia ascoltare l’altro mentre parla e rispondergli non appena ha finito di parlare (alle volte anche prima) facendosi sentire da lui –, con la rete e la trasmissione simultanea dell’immagine e del suono, non funziona più da impedimento. Comunichiamo a distanza e sempre meglio, con minor disturbo – le lettere en souffrance recapitate a distanza di anni, il gracchiare delle radio di una volta, il fruscio della puntina sul disco di vinile, l’interferenza esasperante delle centraliniste dei servizi telefonici –, quanto più le distanze spaziali tendono a divenire ininfluenti sui mezzi di comunicazione. Ciò sembra contrastare con l’invito che si è tramutato in un’ingiunzione di dover applicare il cosiddetto distanziamento sociale, ossia di mantenere fra di noi almeno un metro di distanza per evitare di trasmettere il contagio. Qui lo spazio sembra riacquistare realtà e consistenza ed è anche vero che siamo stati costretti a rimanere a casa fino ai limiti della claustrofobia. Ma ciò che può sembrare una contraddizione – da un lato la distanza spaziale è abolita in quanto impedimento alla fluidità della comunicazione, dall’altro imposta come un toccasana – si rivela in realtà un paradosso costruttivo: all’apparenza venivamo consegnati mani e piedi alla nostra stanza, nella realtà questa stessa stanza, per mezzo della rete, si dissolveva, si trasformava in un fuori-stanza, si apriva e diventava mondo. Prima di tutto è necessario distinguere lo spazio dal luogo. A venir meno nella comunicazione a distanza permessa dalla rete non è infatti lo spazio che continua a separare i luoghi ma la tirannia di questi ultimi: ossia o che io sia costretto a restare dove sono per l’impossibilità materiale – durata, difficoltà del percorso, costi – di recarmi in un luogo altro e distante o che, superando tutti gli ostacoli descritti, affronti le asperità del viaggio e mi trasferisca. Come avrebbe detto Benjamin a proposito della perdita dell’aura è il dominio dell’hic et nunc ad essere dissolto dai nuovi mezzi di riproducibilità tecnica. Non devo andare in quella chiesa o nei tempi moderni in quel museo per vedere un certo quadro: basta avere la fotografia e oggi vederla ingrandita sullo schermo dello smartphone.

4A finire – ma la sua fine è incominciata tanto tempo fa – è la stanzialità, l’essere costretti a restare fissi in un luogo senza potersi muovere o muovendosi con difficoltà. La specie sembra ritornata a stadi molto precoci della sua comparsa sulla terra, a un certo nomadismo dei nostri antenati raccoglitori prima che diventasse sedentaria in seguito all’invenzione dell’agricoltura. Certo le vie da attraversare non sono più sentieri appena abbozzati e pieni di pericoli, ma autostrade informatiche, lisce e immateriali: non si spostano i corpi ma gli avatar, ci si muove da fermi, la realtà è virtuale.

  • 1 M. Blanchot, La conquista dello spazio, in id., Nostra compagna clandestina: Scritti politici (195 (...)

5Questo lungo processo di destanzializzazione ha avuto inizio quando l’agricoltura è stata soppiantata dall’industria manufatturiera come fonte della ricchezza necessaria alla riproduzione della specie. Ma il vero atto di nascita va ravvisato nella espulsione nell’Inghilterra del tardo settecento dei contadini dalle loro terre e nel loro trasferimento nelle città dove si trasformarono nella forza lavoro che si vende liberamente sul mercato. Non erano più servi della gleba, non più legati, incatenati, alle leggi della terra. Già Marx nel Manifesto fa vedere la forza deterritorializzante del capitalismo in cui la forma del legame sociale che pure produce sfruttamento non richiede però più una stanzialità coatta. I primi viaggi nello spazio – quello ad esempio di Gagarin letto da Maurice Blanchot come uno svincolamento dalla tirannia del luogo, coincidente in questo caso con il pianeta terra1 – rappresentano la seconda tappa di quel processo di destanzializzazione della specie che oggi si completa nella rete.

6A questo processo l’università e gli istituti dell’alta formazione non possono sfuggire. Faccio mia, a tal proposito, una profezia di Sergio Benvenuto, che a differenza di altre si realizzerà e credo anche in tempi brevi. All’intelligenza luciferina di questo filosofo/psicoanalista lacaniano si deve infatti l’ipotesi più radicale sull’affermazione della dad. Nel pieno del secondo lockdown dovuto alla pandemia da coronavirus, mentre le scuole e le università erano costrette all’insegnamento a distanza, sul sito web dell’European Journal of Psychoanalysis, il 4 gennaio del 2021, Sergio Benvenuto ha pubblicato un intervento intitolato Lettera aperta ai giovani che aspirano all’insegnamento superiore.

7Contro l’atteggiamento politicamente corretto che si ritiene debba aversi nei confronti dei giovani – blandirli, accarezzarli, sostenere ogni loro fantasia facendogli credere che sia tutto facile –, Sergio Benvenuto li scoraggia dall’intraprendere una carriera universitaria, soprattutto nelle aree umanistiche, a meno che non ritengano di essere degli individui eccezionali, degli splendidi insegnanti e, almeno in prospettiva, dei venerabili maestri. Altrimenti lascino stare e si occupino di altro.

8Perché questo invito a lasciar perdere? Perché contro il lamento assordante dei sepolcri imbiancati, dei filosofi invecchiati, dei politici da strapazzo, degli intellettuali da salotto, nei confronti della didattica a distanza, bisogna avere il coraggio di affermare che questa rivoluzione mediatica delle forme dell’insegnamento, prodottasi certo per cause contingenti, è in realtà definitiva, durerà e non si tornerà più indietro. Ad esclusione forse delle scuole elementari e delle medie inferiori, già i licei, per non parlare dell’università, superate le difficoltà iniziali, opteranno sempre di più per un insegnamento in streaming. Anche perché, come già si è detto, i vantaggi cominciano ad essere evidenti: non si è più costretti alla stanzialità, al dominio del luogo. Da dove sto, fosse il più sperduto paesino della terra, posso collegarmi con qualunque sede universitaria, fosse anche situata all’altro capo del mondo. L’insegnamento sarà delocalizzato e deterritorializzato; per fare gli esempi di Sergio Benvenuto «potrò essere un cinese di Nanchino e iscrivermi ad Oxford in UK, potrò essere un paraguayano di Asunción e iscrivermi a corsi di matematica a Paris-Saclay. Per limitarci all’Italia, se sono una ragazza che abita a Roccasecca, provincia di Frosinone, non sarò costretta a trasferirmi nella costosa Milano per iscrivermi alla Bocconi e prendermi una laurea in Economia».

9Ma l’effetto più importante di questa didattica a distanza è che saranno finalmente gli studenti a scegliersi i professori e non i professori a decidere in anticipo quanti studenti debbano seguirli. Liberati dal vincolo della stanzialità, gli studenti si sceglieranno i professori semplicemente accendendo un computer o spegnendo una connessione. E finiranno per scegliere i migliori, condannando i mediocri all’inattività. Intanto sceglieranno quelli che sapranno insegnare, che posseggono il sapere e sono in grado di trasmetterlo. Ma si può sperare che andando avanti incontrino e scelgano i maestri, ossia quelli che, insegnando, accendono il desiderio della verità e invitano a non accontentarsi del sapere, fosse pure quello costruito nel modo più corretto ed elegante. E le università secondo Benvenuto saranno costrette se non vogliono perdere credito e prestigio ad accaparrarsi i professori più seguiti e più bravi. Forse qualcuno penserà che gli studenti andranno dietro a chi gli prometterà carriere fulminanti o successi a poco prezzo, a chi assomiglierà di più ad un influencer in un social media. Forse all’inizio potranno esserci sbandate, errori, sopravvalutazioni. Ma col tempo emergeranno quelli veramente bravi perché è esperienza comune che gli studenti riconoscano a naso il professore bravo e quello che fa finta e rispettino il primo e sfottano il secondo.

10Si ripristinerebbe così attraverso la tecnologia digitale quello che si racconta nei libri di storia sulle università medievali: che gli studenti sequestravano i professori bravi e li costringevano a seguirli perché diventassero i loro maestri. Con quale felicità da parte di questi ultimi non è difficile immaginare, ma con quale profitto per i primi anche questo è facilmente ipotizzabile. Forse il futuro dell’università sta nel ritorno del passato – in fondo questo e non altro sono le rivoluzioni -, in un nuovo medioevo solo con qualche tecnologia in più.

La scuola come luogo di socializzazione

  • 2 G. F. W. Hegel, Fenomenologia dello spirito, ed. it. a cura di V. Cicero, Milano, Rusconi Libri, 1 (...)

11Prevedo l’obiezione: potrai pure aver ragione sull’università e sull’alta formazione in genere, ma con l’insegnamento secondario, medie e licei, istituti tecnici e professionali, per non parlare della scuola elementare, come la mettiamo? Lì la dad non funziona nemmeno in tempi eccezionali e non può in nessun caso funzionare. La giovanissima età in un caso, quella fatta tutta di transiti dell’adolescenza, età in cui non si è né carne né pesce, non più bambini, ma non ancora adulti, nell’altro, fanno della dad una scelta controproducente rispetto ai fini dell’educazione complessiva della gioventù. In quel caso sia la relazione verticale, quella fra l’insegnante e gli allievi, che l’orizzontale degli allievi fra di loro, richiedono la presenza simultanea di più corpi nella stessa stanza nella convinzione, non del tutto sbagliata, che la soggettivazione passi attraverso i movimenti di attrazione-repulsione dei corpi, secondo un modello che non è molto distante dalla lotta di puro prestigio che Hegel ha immortalato nella figura fenomenologica della lotta fra le autocoscienze per il riconoscimento. La facilità con cui gli adolescenti mettono a repentaglio la propria e l’altrui vita è la dimostrazione che per divenir soggetto è necessario provare a se stessi e agli altri che la vita non è il bene supremo, che ben più importante è il potervi rinunciare, e che insomma, come avrebbe detto Hegel, la vera vita spirituale «non è quella che si riempie d’orrore dinnanzi alla morte e si preserva integra dal disfacimento e dalla devastazione, ma è quella che sopporta la morte e si mantiene in essa»2. A questo fine la presenza dei corpi è necessaria perché a vivere e a morire, in fin dei conti, è il corpo, e l’anima, se c’è, si limita a seguirlo. La consapevolezza della forza della spinta a conservarsi in vita come d’altronde quella della propria vulnerabilità e fragilità passano attraverso il corpo, fosse pure nelle modalità della vergogna e del pudore.

12Anche qui, come nel caso dell’università, nessuna esperienza diretta da parte mia. Semmai indiretta e quindi valida solo fino a un certo punto. Per due anni, da marzo a giugno del 2020, e poi da ottobre dello stesso anno fino al giugno di questo ancora in corso, ho ascoltato, lavorando nel soppalco che mi fa da studio, le lezioni a distanza che mia moglie, insegnante di liceo classico di filosofia e storia, sotto di me – nessun muro ci divide solo una scala e un corrimano – teneva ai suoi studenti. Le due tranches di didattica a distanza sono state molto diverse fra di loro, quasi eroica la prima, pesantissima e stancante la seconda. Nella prima si trattava, utilizzando mezzi di fortuna (le scuole non erano attrezzate) in primo luogo di conservare un rapporto coi ragazzi, nell’intento soprattutto di aiutarli ad affrontare una situazione del tutto inaspettata, specie per il fatto di trovarsi carcerati in casa propria, elaborarla e incomiciare a digerirla. Prima di tutto si trattava di capire cosa stesse succedendo, cosa era un virus, cosa una pandemia, come farvi fronte e così via. Mia moglie ricorse a una soluzione che metteva insieme la necessità di proseguire un insegnamento e quella di stare, come si dice in gergo giornalistico, sul pezzo. Fece leggere e commentare agli studenti I promessi sposi di Manzoni e non solo la parte sulla peste di Milano così simile a quello che si poteva leggere sui giornali in quei momenti, ma tutto il romanzo (che a quanto pare non si legge più per intero nella scuola italiana) per il ruolo e la funzione che ricopre nella storia, non solo culturale, dell’Italia per effetto dei quali la sua lettura può aiutare a capire il presente. Non fece solo questo ovviamente ma di questa lettura manzoniana ho il ricordo più vivo.

13La seconda tranche di didattica a distanza è stata invece tutta un’altra cosa. Che sia stato perché ci si era illusi durante l’estate del 2020 che la pandemia fosse finita e il risveglio fu traumatico, o perché il diventar routine da parte della dad ne mostrasse più facilmente i limiti, quel che è certo è che questa seconda esperienza è stata micidiale. Tutti gli inconvenienti sono venuti in primo piano: difficoltà di connessione, e non solo perché non tutti vivono in zone collegate e non tutti possiedono uno o più personal computer funzionanti e attrezzati, ma anche perché le piattaforme usate dalle scuole in molti casi si sono rivelate pessime; resistenza da parte dei docenti che nella loro maggior parte si vedevano sottratti quello che a ben vedere sembra essere l’ultimo beneficio rimasto nell’essere professori di liceo in Italia, ossia il potere di controllo sui discenti che va dall’assoluto dominio nelle quattro mura dell’aula (messo in discussione dalla dad: il docente è a casa propria esposto anche lui allo sguardo degli altri mentre insegna: genitori e in fin dei conti chiunque passi davanti allo schermo del computer) al paternalismo, o maternalismo, spinti al momento degli esami di stato; l’atteggiamento ribellistico ma sostanzialmente colludente coi propri professori da parte degli studenti che si concretizzava nella mancata accensione del video, nello svegliarsi tardi per partecipare alle lezioni, nel presentarsi in pigiama o in tuta da ginnastica che è lo stesso, in un rivendicazionismo da quattro soldi che è d’altronde la cifra dei «movimenti studenteschi» (o di quel che ne resta) negli ultimi trent’anni.

14Nonostante tutto questo tendo a pensare che anche nelle scuole secondarie la dad alla fine si imporrà come un metodo d’insegnamento valido: non so in che termini e in quali percentuali, ma certamente diventerà un’opzione normale. Come d’altronde il lavoro a distanza. Su cui i soliti luddisti da strapazzo (che purtroppo stanno più a sinistra che a destra) non hanno mancato di far sentire la loro voce: il lavoro a distanza impedirebbe la socializzazione operaia e di conseguenza le possibilità di lotta. Come se nelle fabbriche esistesse ancora la catena di montaggio e i lavoratori potessero ancora guardarsi faccia a faccia e non fossero invece chiusi ognuno nel proprio box a sovraintendere ad una macchina complessa, come se, insomma, la parcellizzazione del lavoro non fosse già del tutto realizzata nei luoghi ad esso deputati come la fabbrica o l’ufficio.

  • 3 Su questo punto l’importante studio di Adolfo Scotto Di Luzio, Nel groviglio degli anni Ottanta, P (...)

15Anche per il mondo della scuola secondaria una delle ragioni più gettonate per combattere la dad è stata quella secondo la quale la scuola non è soltanto il luogo dell’apprendimento e della formazione ma soprattutto quello della socializzazione. Il che è del tutto vero. Solo che si potrebbe incominciare a ribaltare l’argomentazione: se la scuola è, se non l’unico, certamente il più importante luogo di socializzazione dell’infanzia e dell’adolescenza, questo è il risultato dell’importanza sempre più crescente che gli stati moderni hanno dato, per motivi che in gran parte erano e sono di ordine economico, ai progetti di alfabetizzazione prima e di acculturazione dopo dei loro cittadini rendendo la scuola obbligatoria ed estendendo questa obbligatorietà, se non per forza di legge, sicuramente per necessità sociale, anche ad età avanzate, quelle stesse che cent’anni prima coincidevano con la maturità di una persona e l’inizio dell’invecchiamento, e che oggi sono considerate ancora giovanili. Si potrebbe anche dire, e sarebbe un paradosso, che l’allungamento dei tempi della formazione che occupano adesso almeno tre età della vita, – infanzia, adolescenza e giovinezza e qualche volta sforano nell’età matura – vada di pari passo con il restringimento delle esperienze di vita che si possono fare con i propri pari e con gli adulti, e che di conseguenza, se non fossero costretti ad andare a scuola, gli adolescenti contemporanei passerebbero tutto il loro tempo – cosa che accade in parte già adesso – barricati nelle quattro mura della loro stanza, della stanzetta «tutta per sé»3. Il risultato è che, mentre si rifiuta la dad perché impedirebbe la socializzazione, si accetta di fatto che gli adolescenti passino il tempo che residua dalla scuola attaccati ad uno smartphone. Mi ha sempre colpito leggendo l’autobiografia di Benvenuto Cellini che il grande orafo e scultore a quindici anni andasse in giro già con lo spadino e si battesse a duello per le strade rischiando la vita, cosa che facevano d’altronde anche personaggi di fantasia (ma poi lo sono veramente?) come Tebaldo, Mercuzio e Romeo che s’innamorava pure e di questo amore contrastato ci moriva. Oggi gli adolescenti sono conservati sotto vetro, vanno tenuti alla larga dalle spiacevolezze della vita, protetti il più possibile non solo dai pericoli, ma anche dagli scacchi, dai rifiuti, dal peso della scelta e dalla necessità della rinuncia. Solo che tutta questa protezione è controproducente e facilmente accade che quando finalmente mettono il naso fuori della stanza gli adolescenti assumano comportamenti quasi-criminali su cui si abbatte immediatamente la riprovazione di quegli stessi adulti che pur di salvaguardarli dalla vita vera vanno a fare una passeggiata quando ai loro figli viene voglia di fare sesso, sesso che ovviamente si fa nella «stanzetta».

  • 4 P. P. Pasolini, Due modeste proposte per eliminare la criminalità in Italia, in Lettere luterane, (...)

16Nel 1975, il 18 ottobre, quindi pochi giorni prima di morire, sul Corriere della sera Pasolini pubblicò un articolo, poi ristampato in Lettere luterane, in cui, per contrastare quello che definiva «un modo di essere criminale diffuso e profondo: di massa»4, proponeva due rimedi drastici: accanto all’abolizione della televisione quella della scuola media dell’obbligo. Ovviamente non era nulla più di una boutade, di una stoccata fatta così per finta, di un sasso scagliato nello stagno o anche di un corpo gettato nella lotta, simile ai «processiamoli tutti» o «conosco i nomi, ma non ho le prove». Dubito che ci credesse veramente all’ipotesi di abolirli del tutto. Ma allora in che senso contribuivano (e contribuiscono) alla criminalità diffusa, alla criminalità di massa? Nella costruzione di un conformismo altrettanto di massa. Ossia di un conformismo che non è più appannaggio della borghesia e dei fascisti ma si è esteso anche a quelle classi e ceti che prima ne erano immuni: contadini, classe operaia e sottoproletariato. Vera o falsa che questa tesi sia sul piano strettamente storiografico, limpida invece è la funzione che è chiamata a giocare nel discorso di Pasolini: il vecchio fascismo non riusciva ad omologare se non superficialmente le classi popolari, il nuovo (che forse non è più fascismo, o forse sì) le uniforma sotto la comune etichetta di un’ansia consumistica. Tutti vogliono tutto e subito, e questa brama trasformata in diritto diventa criminale.

17Per il Pasolini del 1975, l’ideologia dell’antifascismo su cui sono attestate le forze di sinistra ma anche i democristiani è non solo del tutto superata – antistorica ormai – ma anche e soprattutto solidale con la nuova faccia del potere che si poggia non sulla vecchia repressione ma sulla moderna tolleranza: ogni nuance del desiderio cui corrisponde un oggetto di consumo è legittimata e pur di soddisfare la prima attraverso il possesso del secondo si può anche uccidere.

  • 5 Ibid., pp. 690-691.
  • 6 Ibid., p. 691.
  • 7 Lo stesso che Pasolini dice dell’insegnamento della storia si può dire oggi di quello dell’educazi (...)

18Poiché la scuola dell’obbligo italiana (allora elementari e medie) fonda la sua legittimità sull’antifascismo e sui valori della repubblica fondata sul lavoro essa aiuta a non vedere le mutazioni delle forme del potere innescate dalle trasformazioni del capitalismo in senso consumista. «La scuola d’obbligo è una scuola di iniziazione alla qualità di vita piccolo-borghese – scrive Pasolini –, vi si insegnano delle cose inutili, stupide, false, moralistiche, anche nei casi migliori (cioè quando si invita adulatoriamente ad applicare la falsa democraticità dell’autogestione, del decentramento ecc.: tutto un imbroglio)»5. Segue un esempio illuminante: ampliare il raggio delle nozioni è in sé un bene. Ma esse marciscono se non hanno un futuro. Così ad esempio per quanto riguarda l’insegnamento della storia che non serve a nulla se non «si proietta nel futuro la possibilità di una reale cultura storica»6. Insomma ben venga il sapere in più anche per le classi subalterne ma solo se s’iscrive nella direzione di un loro possibile riscatto, altrimenti meglio l’ignoranza, parola sotto cui si nasconde un sapere altro e non omologato7.

19La scuola dell’obbligo, così com’è, produce nella gioventù solo presunzione e frustrazione: presunzione perché il poco di sapere in più che riesce ad inculcargli la fa sentire superiore a tutti gli altri, frustrazione perché quello stesso sapere la pone di fronte alla sua più profonda ignoranza. Ed è proprio il contrasto ma anche la profonda affinità fra presunzione e frustrazione a rendere gli adolescenti e i giovani italiani dei criminali potenziali. Ci fosse un’altra scuola Pasolini estenderebbe l’obbligo anche alla quindicesima classe, ma essendo quella che è meglio abolirla. Quello che non è possibile è riformarla, da sinistra.

  • 8 E oggi reso di nuovo disponibile da Mimesis (Milano, 2019). Non si sa per certo se Pasolini avesse (...)
  • 9 I. Illich, Descolarizzare la società. Una società senza scuola è possibile?, op. cit., p. 36.

20Forse ad influenzare Pasolini in questo aspro giudizio sulla scuola è stato Ivan Illich che nel 1971 aveva pubblicato Descolarizzare la società. Una società senza scuola è possibile? (tradotto in italiano già nel ’728). Autore oggi un po’ dimenticato, forse a causa della sue posizioni francamente conservatrici e passatiste (ma non più di quelle di don Milani invece citatissimo), Illich, come spesso accade ai reazionari intelligenti (come le osservazioni a una fascista di Claudio Giunta), rivela il lato oscuro dei processi storici che ai progressisti giulivi come oche rischia quasi sempre di sfuggire. La scolarizzazione di massa ha un risvolto amaro che se viene ignorato vanifica tutti i vantaggi che pure è in grado di produrre. In primo luogo un’osservazione che testimonia della cultura storica di Illich: la scolarizzazione è un dispositivo che, lungi dall’essere applicato ad una fanciullezza già esistente, in realtà la produce ex novo (a questo proposito Illich cita l’Ariès di Padri e figli nell’Europa medievale e moderna): «fino al secolo scorso i “bambini” della borghesia si formavano a casa, con l’aiuto di precettori e di scuole private. Solo con l’avvento della società industriale divenne possibile, e fu messa a disposizione delle masse, la produzione in serie della “fanciullezza”. Il sistema scolastico è un fenomeno moderno come la fanciullezza che produce»9.

  • 10 Ibid., pp. 39-40.
  • 11 Come tale anche arbitraria e unilaterale: come quando si stigmatizza l’abitudine degli studenti di (...)

21A questa produzione della fanciullezza – ma un discorso analogo si potrebbe fare per l’adolescenza e la giovinezza – sovraintende l’insegnante che una scuola, per sua natura rivolta «a rivendicare e assorbire il tempo e le energie di chi ne fa parte», tende a trasformare in un custode, predicatore e terapeuta» o, detto in altro modo, in un «giudice, ideologo e medico»10. Sebbene la figura dell’insegnante abbia subito, rispetto ai tempi di Illich e Pasolini, un profondo ridimensionamento, che abbia perso nel tempo il suo ruolo sociale e il suo prestigio e che venga in larga parte screditata, non toglie che la sua funzione ideologica almeno fra le quattro mura della stanza (aula) sia rimasta immutata. Chiusa la porta, l’insegnante ritorna ad essere quel che era da sempre: un giudice (quando elargisce i voti), un ideologo (quando si fa, volente o nolente, interprete del discorso dominante che ancora oggi è l’antifascismo di maniera, il rispetto formale della costituzione, i valori democratico-borghesi), un medico (dell’anima ovviamente, ma qualche volta anche del corpo, rispettato a parole, ma controllato di fatto). Su questi ruoli si fonda, secondo Illich, l’autorità, simile a quella della sovranità assoluta ancien régime11, dell’insegnante sui suoi poveri studenti.

  • 12 I. Illich, Descolarizzare la società. Una società senza scuola è possibile?, op. cit., pp. 40-41.

22Fra le immagini anche forti con cui Illich scolpisce lo statuto della scuola spicca quella dell’utero: «l’obbligo della frequenza, scrive, fa sì che l’aula scolastica funga da magico utero, dal quale il bambino è periodicamente rilasciato al termine della giornata e dell’anno scolastico, finché non sarà definitivamente espulso nella vita adulta»12. Non si poteva usare immagine più icastica per descrivere lo stato di (quasi-) eterna fanciullezza in cui la scuola deve mantenere il più a lungo possibile le nuove generazioni ritardando ad libitum il loro ingresso nel mondo della vita adulta e responsabile.

  • 13 Ibid., p. 45.
  • 14 Ibid., p. 49.

23A che fine? È qui che le tesi di Illich e di Pasolini convergono: la scuola moderna non forma un cittadino consapevole e tantomeno istruito, il suo obiettivo è formare un consumatore, la scuola, scrive Illich, «inizia al mito del consumo illimitato»13. Qui Illich prende posizione non tanto contro la crescita economica in sé stessa, quanto contro la sua riduzione a «consumo illimitato» ed «eterno progresso», notando che in questo caso essa non «non potrà mai portare alla maturità»14.

24Con Illich mi fermo qui e anche con questo discorso sulla scuola. Come è ovvio, credere che la dad da sola scardinerà questo sistema potente e autoritario che è l’insegnamento nella modernità è aspettarsi troppo e pretendere altrettanto. Ma se la dad contribuirà ad aprire la scuola al mondo, a far irrompere il mondo dentro l’aula, ben venga. Se attenuerà il potere dell’insegnante accrescendo quello dello studente di potersi scegliere i suoi maestri, sia la benvenuta. Infine se la dad porterà un po’ di dad-aismo nelle scuole e nell’università, ciò non potrà che essere un bene.

Elogio della distanza

  • 15 I. Kant, La metafisica dei costumi, tr. it. a cura di G. Vidari, Bari, Laterza, 1970, p. 346.
  • 16 G. Bruno, La cena delle ceneri, in id., Dialoghi italiani: dialoghi metafisici e dialoghi morali, (...)

25Per finire due richiami storici sul valore della distanza e dello stare a distanza. Il primo è Kant che, parlando nella Metafisica dei costumi, dell’amicizia come della perfetta unione dell’amore e del rispetto (Achtung), dopo aver chiarito che una persona che dimostri di amarne un’altra con ardore non è autorizzata con questo a mancarle di rispetto, precisa che «si può considerare l’amore una specie di attrazione, e il rispetto come una specie di repulsione, così ché il principio della prima esige l’avvicinamento, mentre quello della seconda richiede che ci si tenga ad una distanza (Abstand) conveniente l’uno dall’altro». In conclusione la massima cui dovrebbe attenersi la nostra volontà sarebbe questa: «nemmeno i migliori amici debbono trattarsi troppo familiarmente»15, soprattutto se sono anche dei «familionari». Il secondo è Giordano Bruno che dà alla distanza una portata cosmica: parlando nella Cena delle ceneri della «provida potenza del dio» che vuole portar pace fra i suoi sublimi figli, ossia gli astri nel cielo, nota che essi «non si confondeno insieme, ma con certe distanze gli uni si moveno circa gli altri»16. E se lo possono fare gli astri, figuriamoci noi, abitatori periferici dell’universo che girano intorno ad una stella in via di spegnimento.

Haut de page

Notes

1 M. Blanchot, La conquista dello spazio, in id., Nostra compagna clandestina: Scritti politici (1958-1993), ed. it. a cura di C. Colangelo, Napoli, Cronopio, 2004. Su questi temi rinvio al mio Corpo e terra, in AA. VV., Per Alberto Abruzzese, Roma, Sossella Editore, 2002, pp. 260-276, edizione fuori commercio.

2 G. F. W. Hegel, Fenomenologia dello spirito, ed. it. a cura di V. Cicero, Milano, Rusconi Libri, 1995, p. 87. Anche di fronte al covid si può osservare un atteggiamento spavaldo da parte dell’adolescenza che si assembra e non usa mascherine come se volesse sfidare il virus e la sua potenza. Anche se poi gli stessi adolescenti vanno a vaccinarsi in massa: non si dovrebbe mai dimenticare che la lotta a morte è pur sempre di puro prestigio, vale a dire è una parade. Ma funziona lo stesso! D’altronde la lotta per il riconoscimento non deve necessariamente aver la forma di un duello all’arma bianca, coi coltelli, o della gara di velocità fra le automobili su chi va per primo a schiantarsi contro un muro, può più semplicemente risolversi con il gioco incruento del chi ride per primo o, se si tratta di maschietti, con quello di chi piscia più lontano.

3 Su questo punto l’importante studio di Adolfo Scotto Di Luzio, Nel groviglio degli anni Ottanta, Politica e illusioni di una generazione nata troppo tardi, Torino, Einaudi, 2020.

4 P. P. Pasolini, Due modeste proposte per eliminare la criminalità in Italia, in Lettere luterane, Torini, Einaudi, 1976, ora in id., Saggi sulla politica e la società, a cura di W. Siti e S. De Laude, Milano, Mondadori, 1999, pp. 687-692, la citazione a p  687. L’episodio da cui partiva la riflessione di Pasolini era il massacro del Circeo.

5 Ibid., pp. 690-691.

6 Ibid., p. 691.

7 Lo stesso che Pasolini dice dell’insegnamento della storia si può dire oggi di quello dell’educazione civica su cui si veda il recente intervento, ampiamente condivisibile, di Claudio Giunta, «Ma se io volessi diventare una fascista intelligente?» L’educazione civica, la scuola, l’Italia, Milano, Rizzoli, 2021.

8 E oggi reso di nuovo disponibile da Mimesis (Milano, 2019). Non si sa per certo se Pasolini avesse letto il libro di Illich. Di sicuro ha recensito La convivialità, citato anche in Gennariello. Ma non si può escludere, anzi considerando il numero delle somiglianze è altamente probabile. Un discorso più o meno simile si può fare per l’adolescenza su cui si veda il sempre valido Tiqqun, Elementi per una teoria della Jeune-Fille, Torino, Bollati Boringhieri, 2003.

9 I. Illich, Descolarizzare la società. Una società senza scuola è possibile?, op. cit., p. 36.

10 Ibid., pp. 39-40.

11 Come tale anche arbitraria e unilaterale: come quando si stigmatizza l’abitudine degli studenti di indossare nei mesi più caldi bermuda e pinocchietti ma ci si reca a scuola con gli infraditi come se si stesse in una stazione balneare. Per non parlare degli zainetti e del vestire casual dei docenti maschi.

12 I. Illich, Descolarizzare la società. Una società senza scuola è possibile?, op. cit., pp. 40-41.

13 Ibid., p. 45.

14 Ibid., p. 49.

15 I. Kant, La metafisica dei costumi, tr. it. a cura di G. Vidari, Bari, Laterza, 1970, p. 346.

16 G. Bruno, La cena delle ceneri, in id., Dialoghi italiani: dialoghi metafisici e dialoghi morali, Firenze, Sansoni, 1972, p. 124.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Bruno Moroncini, « Dad-aismo. La scuola e la didattica a distanza », Laboratoire italien [En ligne], 27 | 2021, mis en ligne le 31 janvier 2022, consulté le 22 mai 2022. URL : http://journals.openedition.org/laboratoireitalien/7468 ; DOI : https://doi.org/10.4000/laboratoireitalien.7468

Haut de page

Auteur

Bruno Moroncini

Université de Salerne • Bruno Moroncini a enseigné la philosophie morale, l’anthropologie philosophique et la psychologie clinique aux universités de Messine et de Salerne. Il s’occupe principalement de philosophie moderne et contemporaine, avec un accent particulier sur la relation entre la philosophie et la psychanalyse. Il a notamment écrit : Il discorso e la cenere, Il compito della filosofia dopo Auschwitz (Quodlibet, 2006) ; L’autobiografia della vita malata. Benjamin, Blanchot, Dostoevskij, Leopardi, Nietzsche (Moretti & Vitali, 2008) ; Walter Benjamin e la moralità del moderno (Cronopio, 2009) ; Sull’amore. Jacques Lacan e il Simposio di Platone (Cronopio, 2010) ; Il lavoro del lutto. Materialismo, politica e rivoluzione in Walter Benjamin (Mimesis, 2012) ; Lacan politico (Cronopio, 2014) ; Perdono giustizia crudeltà. Figure dell’indecostruibile in Jacques Derrida (Cronopio, 2016) ; La morte del poeta. Potere e storia d’Italia in Pier Paolo Pasolini (Cronopio, 2019).

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Laboratoire italien – Politique et société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search