Navigation – Plan du site

AccueilNuméros28DossierIntroduzione

  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon
Dossier

Introduzione

Introduction
Introduction
Marie Fabre, Corinne Manchio, Beatrice Manetti et Francesca Sensini
Cet article est une traduction de :
Introduction

Résumés

Ce dossier de Laboratoire italien fait suite à un numéro consacré aux Voix et parcours du féminisme dans les revues de femmes (1870-1970) et propose un premier état des lieux des revues féministes italiennes depuis les années 1970 jusqu’au tournant numérique du nouveau millénaire et à la dimension transnationale des féminismes contemporains.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 L'espressione è di Biancamaria Franbotta, citata nel suo articolo da Chiara Mattesini -un'occasion (...)

1Questo nuovo fascicolo di «Laboratoire italien» segue un primo numero dedicato a «Voci e percorsi del femminismo nelle riviste femminili (1870-1970)». È a partire dagli anni Settanta e dal neofemminismo che riprendiamo questo lavoro per condurlo fino ai giorni nostri, più che mai fiorenti di pubblicazioni femministe. Mentre le curatrici del primo numero potevano ancora esitare sull’uso di questo aggettivo, preferendo per ragioni storiche quello di «riviste femminili», noi studieremo effettivamente le riviste femministe, nate sulla scia di un movimento di liberazione delle donne che continua tutt’oggi, dopo aver attraversato riflussi, riprese e metamorfosi. La scommessa di questo numero è proprio l’ipotesi che le riviste, più di altri materiali d’archivio, delineino i contorni di una storia polimorfa, a volte conflittuale, colta nel suo aspetto più vivace, quello di un «romanzo di formazione collettivo»1 che parla sempre al presente, dal cuore delle pratiche. Ed è proprio a partire da questa ipotesi di una continuità tra pratiche femministe e forme delle riviste che abbiamo cominciato a lavorare, interrogandoci sulla maniera in cui il lavoro di creazione, di fabbricazione e di diffusione si iscrive nelle relazioni tra donne, continuamente discusse e ricreate, oggetto di una riflessività del tutto particolare del movimento nel suo insieme. La rivista non solo come oggetto, dunque, ma anche come luogo, di militanza, di vita: chiunque ne ha fatto l’esperienza sa che l’oggetto spesso è solo la parte emersa dell’iceberg. L’oggetto rivista si porrebbe quindi nell’interfaccia tra due tipi di legami, quelli modellati dal lavoro collettivo e quelli che si formano attraverso la circolazione della rivista stessa, con il pubblico che legge fedele o volubile, anonimo o partecipe. Il modo in cui questi legami sono pensati e agiti attraverso questo work in progress che è l’oggetto-rivista definisce in se stesso una pratica politica di cui la rivista è lo spazio virtuale e materiale. Questa importanza, ai nostri occhi, della dimensione collettiva ci ha peraltro portate a fare una serie di scelte metodologiche, che comprendono l’esclusione di forme contemporanee più individuali come i blog.

  • 2 Per chi volesse ampliare il panorama delle riviste femministe italiane, si veda per esempio il sit (...)

2Entro questi limiti cronologici e con un indice composto (e decimato) in piena crisi pandemica da Covid-19, ogni pretesa non solo di esaustività ma anche di una qualche forma di completezza doveva essere messa da parte in favore del dissodamento, attualmente unico in Francia, di un terreno ancora largamente da esplorare2. Una cartografia completa delle riviste femministe porterebbe in effetti a disegnare una sorta di geopolitica in movimento, capace di collegare le realtà più locali, che hanno formato il terreno fertile di femminismi italiani molto diversificati, a problematiche sempre più transnazionali, e addirittura globali, come rivela oggi l’ecofemminismo. Le riviste possono dunque valere sia come mezzo di espressione e strumento di fortificazione di un gruppo concreto e determinato, sia come vettore di scambi teorici o di condivisione di esperienze transculturali, e vedremo fino a che punto il loro ruolo è stato importante in questo senso. Questo per quanto riguarda la geografia. Per quanto riguarda la politica, ci è parso che separatismo, autonomia e autocoscienza, che potevano inizialmente definire la specificità delle riviste femministe, aprissero a nuove configurazioni, interpretazioni o compromessi a mano a mano che ci inoltravamo nel XX secolo e poi nel XXI secolo. L’incursione nell’attualità delle riviste femministe ci stava a cuore, non solo perché ci sembrava inconcepibile tagliarsi fuori dal momento presente, ma anche perché volevamo verificare sul campo le linee di continuità e di rottura dagli anni Settanta ai femminismi di oggi. Sull’ultra contemporaneo e su quest’ultimo punto, due articoli e un’intervista permettono non tanto di offrire un quadro completo, quanto di tracciare qualche linea, tra femminismo, intersezionalità, sanità ed ecofemminismo.

3Infine, un ultimo punto metodologico da ricordare è forse quello del carattere situato della ricerca, poiché una parte delle collaboratrici di questo numero ha partecipato o partecipa a una rivista femminista, non sempre quella di cui parla, peraltro – e questa partecipazione passata o presente ci sembra, evidentemente, un arricchimento più che un limite, o addirittura un invito a incrociare le esperienze e le scritture di una stessa storia plurale.

  • 3 Su questo argomento, si veda ad esempio P. Stelliferi, “Una originaria, irriducibile asimmetria”. (...)

4Il fascicolo del numero 26 terminava con un’apertura sul neofemminismo, con un articolo di Chiara Martinelli sui rapporti complessi tra il movimento del 68 e il femminismo. I primi fermenti del neofemminismo erano precedenti a questa data, con la creazione del gruppo Demau a Milano a partire dal 1966. L’articolo di Martinelli esplorava gli elementi di un linguaggio trasversale del Movimento nel suo modo di collocare l’individuo e la sua liberazione al centro dell’agire politico – tuttavia, come sappiamo, la diffusione del neofemminismo è caratterizzata da un fenomeno di «doppia militanza» che finirà nell’esplosione dei gruppi extra parlamentari, segno di un conflitto irriducibile. Esso prende forma dalla consapevolezza di una condizione di doppio sfruttamento – dal sistema capitalistico, da una parte, e dalla dominazione maschile, ad esso funzionale, dall’altra – e dal mancato riconoscimento di questa specificità da parte del fronte maschile della lotta. Così, le donne non possono fare altro che staccarsi dal resto del movimento ed elaborare strategie proprie contro l’oppressione di sistema e di genere. D’altra parte, in seno al movimento, esse venivano relegate per lo più al ruolo di «angeli del ciclostile» – versione moderna e militante dell’angelo del focolare – in pratica “segretarie” degli uomini, i soli e veri cervelli pensanti. Al desiderio di formare gruppi separati ed autonomi risponde non di rado l’ostilità da parte dei compagni, che accusano le donne di disertare la lotta comune; eppure, fu proprio questo ‘tradimento’, questa sofferta e necessaria conquista di autonomia, a dare il via a innovative ed importantissime elaborazioni teoriche e pratiche, che confluiscono nell’esperienza delle riviste3.

5La presa di distanza del femminismo degli anni Settanta avviene sia nei confronti della storia precedente dei movimenti femminili – l’emancipazionismo – sia (ma anche in questo caso con notevoli differenze) rispetto alla sinistra rivoluzionaria dello stesso decennio. La cifra più forte è senz’altro il separatismo rispetto a quella rivoluzione che non voleva farsi carico di un cambiamento del rapporto tra i sessi. Il separatismo si esprime soprattutto nella ricerca di un’autonomia profonda da modelli interiorizzati e dalla visione del mondo costruita dagli uomini. Si tenta di fondare una socialità tra donne non mediata dallo sguardo maschile, che ha visto le donne solo in ruoli ancillari, «mogli di», «madri di». L’analisi del dominio maschile si sposta così dalla scena sociale, in cui era stato considerato una «questione femminile» fatta di discriminazioni e svantaggi, alla storia e al vissuto personale: il corpo, la sessualità – e con essa, la maternità – diventano il terreno originario di espropriazione di esistenza, del corpo come delle proprie capacità creative.

6Questa riappropriazione del corpo voleva dire riconoscersi una sessualità propria, ma anche sottrarre il problema della salute all’invadenza della scienza medica. La volontà delle donne di prendere la parola partiva e teneva sempre sulla linea del suo orizzonte questa aderenza al corpo e all’interiorità, elementi politici essi stessi perché marcati dalla storia dagli uomini. Così, per decostruire la civiltà dell’uomo e le sue strutture portanti – la famiglia in primo luogo – le pratiche del femminismo degli anni Settanta partono dall’impasse del dualismo, incistato nel pensiero occidentale, alla ricerca dei legami tra sessualità e politica, sessualità e simbolico, smascherando il lavoro gratuito della cura e illuminando le contaminazioni sempre esistite tra una realtà e l’esperienza personale. L’articolo-portfolio di Maurizia Morini, nella rubrica «Textes et documents», ci introduce a queste tematiche e soprattutto al modo in cui sono state concretamente discusse e affrontate localmente da alcuni gruppi attraverso le riviste, in pubblicazioni in cui affiorano spesso le parole non solo del gruppo ma anche delle singole donne, lavoratrici, operaie – parole situate anche geograficamente, nel Veneto, a Napoli o in Emilia Romagna. Le riviste femministe degli anni Settanta devono essere collocate nell’ecosistema rigoglioso delle forme editoriali dell’epoca, che vede, insieme con la moltiplicazione dei gruppi, la proliferazione di volantini, di riviste, di numeri unici, spesso creati artigianalmente e prodotti in autogestione – una letteratura militante che si caratterizza appunto per la diversità delle identità locali.

  • 4 Una trattazione più ampia della parabola di «Differenze» è offerta sempre da F. Paoli nel volume P (...)

7L’articolo di Martinelli ripartiva da una rivista femminista nata nel dopoguerra e storicamente legata al PCI, «Noi donne», e dal suo rapporto con il neofemminismo, per arrivare a due delle riviste più importanti degli anni Settanta, «Effe»(1973-1982) e «Sottosopra» (1973-1976). Quest’ultima riflette particolarmente bene la continuità ricercata tra la forma-rivista e le pratiche che caratterizzarono questa stagione del femminismo, con il tentativo di rintracciare un flusso continuo in cui si susseguono testi personali, trascrizioni di riunioni, resoconti d’esperienza di circoli o «piccoli gruppi», con l’idea di ricreare su carta il processo d’autocoscienza. Da questa prevalenza delle pratiche parte anche Federica Paoli nel suo articolo su «Differenze» (1976-1982), che nasce da un contesto romano particolarmente ricco di cui la rivista intende farsi cassa di risonanza, includendo anche le sue differenze costitutive (da qui il titolo) e persino i suoi conflitti. Dall’autocoscienza alla pratica dell’inconscio, «Differenze» trasforma concretamente lo spazio della rivista in «luogo di pratiche e relazioni tra donne»4. La continuità tra azione politica e vita quotidiana era peraltro già presente a diversi livelli, per esempio all’interno di una rivista antiautoritaria come «L’erba voglio» (1971-1977), dove le questioni legate all’educazione in rapporto alle istituzioni scolastiche hanno un ruolo fondamentale, così come il rapporto con la psicanalisi, di cui il femminismo si riappropria in maniera autonoma. L’articolo firmato da Monica Pacini riprende l’intero arco di vita del periodico, dedicando particolare attenzione alle condizioni artigianali della sua fabbricazione, all’interazione della rivista con il contesto, ai percorsi accidentati di coloro la cui vita personale è stata il primo terreno sperimentale di un cambiamento globale possibile (si noti, in particolare, il bel ritratto di Lea Melandri, figura imprescindibile che ritroveremo all’origine di «Lapis»). Secondo la felice formulazione di Pacini, i vari fascicoli di quegli anni costituiscono, persino nella grafica, «una fenomenologia del desiderio di rottura e sperimentazione». Dunque, i titoli limitati che presentiamo sono sempre da intendersi sullo sfondo di una produzione informale, indipendente e autogestita, frutto di un lavoro militante che delinea tutto un «arcipelago» di riviste, librerie, piccole case editrici, centri, in ascensione vertiginosa fino al 1977.

8La spinta all’emancipazione crea anche le premesse per fondamentali conquiste giuridiche. In Italia vengono poste negli anni Settanta le basi normative per una profonda trasformazione della mentalità e per una rivoluzione culturale che, di fatto, è ancora in corso e lungi dall’essere compiuta: dalla promulgazione della legge sul divorzio (1970) al nuovo diritto di famiglia (1975), dalla istituzione dei consultori familiari (1975) alla legge di regolamentazione dell’aborto del 1978, confermata con referendum nel 1981, fino alla legge del 1977 sulla parità nel lavoro. Il legislatore, dunque, lavora seguendo l’onda della rivolta, mentre la società e i partiti politici mostrano tutto il loro affanno, per usare l’espressione di Carla Lonzi, con le loro specifiche istanze dentro istituzioni tradizionali come la famiglia, la scuola, l’università, i partiti.

9Nella grande originalità e creatività del suo “separatismo” rispetto al movimento del 68, il femminismo degli anni Settanta ha segnato la prima radicale rottura con la pretesa di un unico soggetto universale motore della storia – quello maschile – ponendo le basi per un’estensione della critica dal maschilismo all’occidentalismo, negli studi post-coloniali o cultural studies, e da quest’ultimo all’antropocentrismo, gettando i fecondi semi di tematiche centrali nel femminismo intersezionale contemporaneo.

  • 5 Un sintetico bilancio del femminismo degli anni Settanta, che apre interessanti prospettive storio (...)
  • 6 Cfr. F. Paoli, Diversità fantastiche. Periodici del femminismo romano nei primi anni Ottanta, «Zap (...)

10La vicenda delle riviste rappresenta anche un indice particolarmente efficace delle trasformazioni che investono il movimento femminista nel passaggio dagli anni Settanta al decennio successivo. Si tratta di un momento di snodo cruciale, in cui alla crisi dei collettivi e dei piccoli gruppi, alle lacerazioni e alle contraddizioni aperte dal dibattito sull’aborto e più in generale alla progressiva chiusura degli spazi pubblici di rinnovamento politico e sociale, si accompagnano il declino dei principali periodici legati al movimento e la comparsa di testate che esprimono una diversa concezione della pratica politica delle donne5. La chiusura di «Effe» e di «Differenze» nel 1982 e la nascita di «Memoria» nel 1981 rappresentano in questo senso un passaggio di testimone, tanto simbolico quanto fattuale, che apre una fase del femminismo più direttamente implicata nelle istituzioni culturali e nella valorizzazione dell’intellettualità femminile6: dove il ripensamento dei saperi disciplinari è condotto però proprio a partire dalla principale novità delle pratiche sperimentate nei collettivi e nei gruppi di autocoscienza, ossia la scoperta dell’inscindibilità del vissuto personale, dei corpi e degli immaginari sessuati nella costruzione dei paradigmi conoscitivi.

11A «Memoria» è dedicato in questo numero il saggio di Michelle Zancarini-Fournel, che sottolinea il difficile equilibrio ricercato dalla rivista tra un marcato orientamento disciplinare, inteso a legittimare la storia delle donne nell’ambito accademico, e una continuità altrettanto esibita di pratiche femministe che implicano una sfida alle strutture tradizionali di elaborazione e diffusione della ricerca scientifica. L’avventura di «Memoria», che si dispiega nell’arco di un decennio, è emblematica non solo dell’affermarsi della Gender History in Italia, ma anche della progressiva consapevolezza, da parte di alcune protagoniste del movimento, del valore di una propria storia da custodire e trasmettere.

  • 7 E. Cirant, L’avventura di dwf (un tuffo in archivio), 2015, online sul sito dell’Unione femminile (...)

12Dopo la creatività delle pratiche e la forte spinta sperimentale, condotta sul campo, del movimento femminista degli anni Settanta, gli anni Ottanta si presentano dunque come un decennio di analisi, con l’ingresso degli studi di genere nel mondo accademico, l’intensificarsi della produzione culturale e più in generale la «trasformazione del femminismo da movimento politico di massa ad agenzia culturale diffusa»7. Nascono dipartimenti di Women’s e Gender Studies, in particolare nel Nord America e nel Nord Europa, e il femminismo, lato sensu, comincia a essere riconosciuto una branca del sapere accademico. In Italia si registra una contrazione, quanto meno apparente, del femminismo come movimento sociale organizzato, a fronte di un intensificarsi della discussione teorica, animata da un bisogno diffuso di valorizzazione e riconoscimento culturale e politico da parte delle donne. In tutto il paese si assiste alla creazione di nuove riviste e all’apertura di biblioteche, librerie, centri di documentazione (come il Centro di Documentazione Donna di Bologna, da cui si svilupperà la biblioteca), associazioni culturali e cooperative dedicate alla conservazione e alla valorizzazione dei saperi delle donne.

  • 8 A. Rossi-Doria, art. cit., p. 14.
  • 9 Chi, per chi, come. La ricerca scientifica dalla parte della donna – dibattito tra le redattrici, (...)

13Si può leggere retrospettivamente questa transizione come il sintomo di una perdita della tensione politica che aveva animato il movimento nella prima metà degli anni Settanta o come il tentativo di reinvestire quella stessa tensione sul piano “simbolico” del lavoro culturale; come una faglia o come un necessario adattamento al mutato contesto storico-politico. Resta il fatto, però, che l’esigenza di coniugare militanza e riflessione teorica in un circolo virtuoso di pratiche e saperi è avvertita precocemente e trova la sua formulazione più significativa già nel periodo del «movimento di massa»8, come testimonia l’esperienza pionieristica di «DWF. DonnaWomanFemme», la prima rivista italiana di Women’s Studies, fondata a Roma nel 1975 e promotrice due anni dopo del centro studi omonimo. Nel suo saggio, Nadia Setti ne ricostruisce la traiettoria in parallelo con quella di altre due riviste dalla lunga vita editoriale: «Via Dogana», edita dalla Libreria delle Donne di Milano, e «Leggendaria», nata come supplemento di «Noi Donne» e diventata testata autonoma nel 1997, a testimonianza del policentrismo e dell’eterogenea connotazione ideologica, anche su base geografica, dei movimenti femministi italiani. Nella sua proposta di una revisione critica dell’immagine della donna creata dalla cultura maschile, così come nell’affermazione delle «implicazioni politiche del lavoro scientifico effettuato dalle donne […] in un sistema disciplinare concepito esclusivamente da uomini»9, «DWF» condivide con «Memoria» la sfida lanciata ai saperi accademici e il difficile equilibrismo tra la conservazione delle pratiche collettive dei movimenti e la valorizzazione delle professionalità individuali.

  • 10 Kimberlé Crenshaw introduce nell’ambito accademico il concetto di intersezionalità nel 1989 nell’a (...)

14Un altro elemento di continuità, riscontrabile non a caso in quasi tutti i saggi di questo numero, è la dimensione internazionale del femminismo italiano, determinante sia per le esperienze dell’autocoscienza e della pratica dell’inconscio sia per la circolazione dei testi e delle idee. Nel 1976, la seconda serie di «DWF» cambia il proprio sottotitolo da «Rivista internazionale di studi antropologici storici e sociali sulla donna» a «Quaderni di studi internazionali sulla donna», come a ribadire l’importanza del lavoro di mediazione e traduzione grazie al quale la rivista ha introdotto nel contesto femminista italiano i testi più significativi del pensiero americano ed europeo (Gayle Rubin, Donna Haraway, Adrienne Rich…). Un’attenzione analoga per le ricerche in corso all’estero caratterizza anche l’attività editoriale di «Memoria», alla quale si deve l’ingresso precoce dei concetti di genere e di intersezionalità10 nel dibattito teorico, e di «Leggendaria», che nel corso degli anni Novanta dedica diversi fascicoli alle lotte e alla produzione culturale e artistica delle donne di paesi extraeuropei, dall’Africa all’Argentina all’India. Ma il fenomeno investe il campo editoriale nel suo complesso, come emerge dal saggio di Fanny Mazzone nella rubrica «Varia» di questo numero, che nel ricostruire il quadro dell’editoria femminista italiana offre anche un primo bilancio degli scambi culturali con la Francia attraverso la “politica delle traduzioni”.

15Sempre a partire dagli anni Ottanta, il femminismo italiano sembra massivamente orientarsi verso la ricerca di definizioni e di una sorta di (ri)fondazione, in termini il più possibile oggettivi e univoci, del movimento delle donne e delle donne stesse, unitamente a quella di una metodologia, di studio e di azione, unificatrice, destinata idealmente a rafforzare la posizione delle donne nel corpo sociale.

16Tra gli avvenimenti spartiacque di questo decennio spicca la pubblicazione, nel gennaio del 1983, del documento Più donne che uomini a cura delle femministe della Libreria delle donne di Milano. In questo testo viene sviluppato un concetto, «l’affidamento», che, ribadendo la natura sessuata del pensiero, presuppone l’esistenza di un legame simbolico e di una «genealogia» tra donne e definisce un legame postulato come a-conflittuale, grazie al quale una maestra-guida (una madre) trasmette saperi ed esperienza a una discendente più giovane (una figlia).

  • 11 Diotima, Il pensiero della differenza sessuale, Milano, La Tartaruga, 1987 [nuova edizione 2003]; (...)

17Nello stesso anno nasce la comunità di filosofe Diotima presso l’Università di Verona, che integra anche donne esterne alla stessa università. Adriana Cavarero, Luisa Muraro e Chiara Zamboni sono le fondatrici più note. Nel primo periodo di questa esperienza, il richiamo al pensiero della differenza sessuale di Luce Irigaray e alle elaborazioni teoriche della Libreria delle donne di Milano risulta centrale. Pur partendo dal pensiero della differenza sessuale di matrice internazionale, il gruppo Diotima assume una posizione di chiusura rispetto alla radicalità del pensiero femminista italiano degli anni Settanta, escludendo a priori l’approdo a un pensiero della post-differenza, intersezionale11.

18In realtà, già alla fine degli anni Settanta il rapporto madre-figlia era stato riconosciuto come un nodo chiave nella relazione tra donne, da sciogliere in vista di una socialità libera dal peso di quei ruoli. Era apparso in effetti evidente come il legame madre-figlia portasse con sé un passivo di conflittualità, poiché la madre trasmette la legge del padre e perché le donne hanno parlato a lungo la lingua del dominio maschile, introiettato come naturale. Queste acquisizioni teoriche, riconosciute dalla stessa Libreria delle donne di Milano, sono accantonate dal gruppo Diotima negli anni Ottanta, insieme all’autocoscienza e alla pratica dell’inconscio che avevano intrecciato psicanalisi e politica. Il nuovo obiettivo è lavorare sul piano del simbolico per avviare un’emancipazione “dall’alto” e fondare una soggettività femminile culturalmente forte. La proposta divide le stesse femministe.

19Il 26 aprile 1986 l’esplosione nella centrale nucleare di Cernobyl, in Ucraina, diventa l’emblematica esemplificazione di un sistema di dominio che il movimento delle donne conosceva benissimo e di cui torna ad additare la non neutralità, cioè il segno sessuato, maschile. Il disastro nucleare risolleva dunque il problema del reale potere delle donne, del loro peso politico e l’urgenza di una trasformazione del mondo. Il 24 maggio in piazza Esedra a Roma i vari gruppi femministi organizzano una manifestazione che pone le basi di «un patto tra donne», necessario per contare politicamente, e della Carta delle donne. Dalle donne la forza delle donne. Carta itinerante. Idee proposte interrogativi è infatti il titolo del documento che, a novembre di quello stesso, le donne del PCI avrebbero pubblicato, allo scopo di imporre le loro istanze all’interno del partito, in processo faticoso e non indolore di riconoscimento. Emergono due strategie prevalenti: quella della Carta, che intende scardinare il mondo maschile, in particolare il dogma marxista, dal suo interno, e quella culturale-simbolica della Libreria delle donne di Milano e di Diotima. Prodotto della prima strategia è la rivista «Reti. Pratiche e saperi di donne», alla quale è dedicato l’articolo di Maria Chiara Mattesini. Fondata nel 1987 sotto la direzione di Maria Luisa Boccia, essa, di fatto, rappresenta il pensiero delle femministe gravitanti intorno al PCI.

  • 12 Gli atti dei due convegni sono raccolti rispettivamente in La ricerca delle donne: studi femminist (...)

20A pochi messi dalla pubblicazione della Carta, un altro avvenimento di grande rilevanza fu il convegno del 6-7 marzo 1987 sugli «Studi femministi in Italia», organizzato da Maria Cristina Marcuzzo e Anna Rossi Doria e promosso dal Dipartimento di Economia Politica dell’università di Modena. Durante il convegno, che segue di pochi mesi il primo convegno internazionale sugli Women’s Studies nelle università italiane, svoltosi a Roma nel dicembre 198612, si profilano due orientamenti: uno interessato a un lavoro di decostruzione delle discipline tradizionali medianti saperi esterni ad esse, in continuità con il femminismo degli anni Settanta; l’altro aspirante a portare avanti la fondazione di un soggetto femminile forte, riconducibile alle elaborazioni del gruppo Diotima. In questa occasione, alcune intellettuali esterne al mondo accademico, come Lea Melandri, ma anche delle rappresentanti dell’università, come Marina Zancan, evocano il rischio di un’espropriazione di un patrimonio di pratiche, cultura e consapevolezza da parte delle istituzioni tradizionali, organiche a un sistema di pensiero e di potere incompatibile con le istanze del movimento femminista. L’aspirazione a quello che Raffaella Lamberti, dell’Associazione Orlando, definisce, in quell’occasione, «un pendolarismo tra dentro e fuori l’università» fa fatica ancora oggi a realizzarsi.

21Anche allo scopo di arginare il disinnesco delle potenzialità rivoluzionarie del pensiero delle donne, accolto come contenuto disciplinare nuovo, certo, ma neutralizzato nel quadro accademico, nasce a Milano, sempre nel 1987, la rivista «Lapis. Percorsi delle riflessioni femminile», diretta da Lea Melandri e studiata in questo numero da Francesca Sensini. «Lapis», inoltre, intende superare quelle che vengono viste come le contraddizioni del pensiero della differenza sessuale interpretato dalla Libreria delle donne di Milano e da Diotima. Se il pensiero della differenza ha risignificato il genere femminile, liberandolo dal disprezzo, dalla minorità, dalla svalutazione a cui l’ordine del mondo patriarcale lo ha sottoposto, esso appare in qualche modo imbrigliato dal pensiero dicotomico dei padri, di cui riproduce la polarità, seppure invertendola: insistendo sulle genealogie femminili e «l’ordine simbolico della madre» – titolo di un saggio fondativo di Muraro del 1991 – ripete per analogia l’impostazione del pensiero dominante maschile.

  • 13 Sull’affermazione e la presenza degli studi di genere nelle università italiane e sul dibattito ch (...)

22Nel dibattito sul rapporto tra saperi femministi e discipline accademiche sono in gioco non solo le opposte alternative dell’assimilazione e dell’autonomia della produzione culturale delle donne in rapporto alle istituzioni scientifiche e culturali (una contrapposizione che può forse contribuire a spiegare la peculiarità del caso italiano rispetto ai paesi anglosassoni)13, ma anche la questione della trasmissione (o della trasmissibilità) di un patrimonio di acquisizioni che proprio per il loro nesso indissolubile con il vissuto non sono interamente riconducibili all’interno dei confini disciplinari; e ad essa si accompagna la difficoltà delle più giovani a riconoscersi nell’esperienza di una generazione accomunata dalle stesse origini politiche e dalle stesse forme di militanza. Il dialogo, talvolta il conflitto, intergenerazionale diventa così, almeno a partire dalla metà degli anni Novanta, uno dei punti chiave dell’agenda femminista, mentre la ricerca di forme autonome di protagonismo politico da parte delle donne più giovani fa sì che emergano nuovi temi o che vecchi temi vengano riformulati in una chiave diversa: la questione del lavoro in un contesto di neoliberismo globale, ad esempio, o la necessità di leggere l’intersezione di razzismo e sessismo come un unico dispositivo di dominio.

23Per quanto riguarda il periodo contemporaneo, i saggi mettono in luce gli effetti dello sviluppo di internet e dei social media: quella che viene identificata da alcune teoriche come “quarta ondata” del femminismo12 è segnata dallo sviluppo dell’attivismo digitale e quindi dalla nascita di riviste digitali. Quest’ultime non sono semplicemente l’espressione di un’evoluzione nei modi di comunicare legata all’esplosione di internet e non segnano tantomeno il passaggio omogeneo dal formato cartaceo a quello digitale (poiché molte delle riviste propongono entrambi i formati); offrono piuttosto un complemento e risorse per diversificare i punti di vista e creare nuovi tipi di interazione all’interno della fittissima rete di blog, siti e social media14. Fra le problematiche che ritroviamo quasi intatte nelle riviste cartacee così come in quelle digitali, vi è la questione economica che non a caso viene trattata nella totalità dei saggi del volume. Tuttavia, si notano clamorose differenze sia nell’evoluzione dal lavoro concepito come fonte di emancipazione femminile negli anni Settanta all’emergenza o la riformulazione di analisi sulla precarietà del lavoro (fra cui le questioni del lavoro gratuito e del lavoro di cura invisibile). Inoltre, i saggi affrontano due problemi diversi: da un lato le condizioni economiche di sopravvivenza delle riviste e dall’altro la retribuzione del lavoro delle redattrici. Appare interessante notare che quest’ultima segna anche un’evoluzione nel modo di concepire l’attività femminista, militante fin dagli esordi e che può oggi a volte essere concepita come un’attività professionale (più o meno) redditizia. Anche se il lavoro di redazione nel campo femminista rimane oggi un lavoro militante, la cui sopravvivenza è garantita per lo più dal lavoro gratuito volontario, la riflessione sul peso, la distribuzione e il riconoscimento di questo tipo di lavoro sembra farsi sempre più acuta e scottante.

  • 15 Cfr. L’ecofemminismo in Italia: le radici di una rivoluzione necessaria, a cura di F. Marcomin e L (...)
  • 16 Dictionnaire des féministes. France – XVIIIe-XXIe siècle, a cura di C. Bard e S. Chaperon, PUF, Pa (...)

24In ogni caso, appare chiaro che le riviste femministe non possono essere ridotte ed appiattite ad una forma unica e coerente anche se gli anni 2000 segnano un cambiamento di dimensioni nelle tematiche affrontate, e a più livelli: la multimedialità crescente avvia un superamento dei confini regionali e nazionali (identificabile anche nella lingua con l’uso dell’inglese accanto all’italiano) creando maggior spazio per preoccupazioni transnazionali. Il saggio proposto da Francesca Maffioli è paradigmatico da quel punto di vista poiché ci racconta il percorso che ha fatto sì che la rivista storica «Aspirina», nata nel 1987 presso l’emblematica Libreria delle donne di Milano, sia diventata l’attuale «Erbacce» che propone un approccio ecofemminista, la cui prospettiva è radicalmente globale e influenzata dall’attivista e ambientalista indiana Vandana Shiva15. L’elemento cruciale in mezzo all’eterogeneità dei contenuti sta forse proprio nello sviluppo di un femminismo di massa, più accessibile, che non richiede di essere militante e che spesso riparte dalla cultura popolare (il cosiddetto pop femminismo16) o dall’esperienza quotidiana e individuale. In effetti, quando non affrontano questioni globali, le riviste degli ultimi decenni si concentrano sull’emancipazione individuale e la volontà di rimettere al centro il proprio corpo, la propria sessualità e le proprie esperienze in un’ottica massimamente inclusiva. Il saggio di Alison Carton-Kozak si concentra sulla rivista «Frisson. Oltre il piacere», che è nata nel 2019 e propone un doppio formato, sia digitale che cartaceo. Ci permette di osservare in che modo la rivista mischia i codici per incentrare il proprio messaggio sull’affermazione di valori positivi, quali i movimenti body-positive e sex-positive, in quanto forme di promozione dell’inclusività e della fluidità, anche per superare il modello dell’etero-normatività e creare spazi in cui ognunə ha il suo posto senza dover etichettarsi.

  • 17 Per una visione di largo respiro sui dibattiti ultra-contemporanei del femminismo, rinviamo alla r (...)

25Si diffondono anche problematiche che non appartengono in primis alla sfera collettiva bensì a quella individuale. Tale evoluzione non è inedita poiché gli anni Settanta corrispondono anch’essi all’affermazione della propria soggettività e viene proposta un’articolazione nuova tra individualità e soggetto politico collettivo; infatti il femminismo si definisce proprio da quell’articolazione tra esperienza individuale e esperienza collettiva sin dagli esordi fino ad oggi. Ciò che sembra però acquistare maggiore peso nelle riviste contemporanee è la centralità della prospettiva individuale (spesso a scapito di quella collettiva) la cui compatibilità con alcune delle espressioni del sistema neoliberale sembra confermata anche dallo sviluppo di un cosiddetto «femminismo capitalista». Più che mai, la questione dell’articolazione delle lotte femministe con proposte politiche antagonistiche sembra scottante, come si vede anche dai dibattiti sul velo islamico, che ad ogni episodio ravviva linee di frattura sia ideologiche che generazionali. Questi dibattiti avvengono in un contesto del tutto diverso da quello degli anni Settanta rispetto alla politicizzazione de* nuov* protagonist*, con una socializzazione politica che ben spesso si fa direttamente attraverso le questioni di genere e/o di razza in senso lato, e solo marginalmente all’interno di ambienti legati alla politica intesa in modo più classico17.

26L’identità sembra quindi acquistare un peso rilevante non solo in quanto individualismo positivo, ma anche come condizione liminare di accettazione dell’altro: i corpi così come le scelte in materia di sessualità, di apparenza e di stile di vita sono quasi sempre coniugati al plurale ma in una prospettiva individuale. La volontà di decostruzione delle norme societali sfocia su un orizzonte individuale e soggettivo come misura (o assenza di misura) del mondo. Inevitabilmente, le riviste degli ultimi anni mettono quindi in luce alcune collusioni esistenti tra il sistema capitalista e un certo tipo di femminismo di massa, apolitico e che appare relativamente vicino ad un “life style” consumistico. Sarà questo il prezzo da pagare per una maggiore accessibilità e diffusione (poiché Beyoncé tocca un pubblico incredibilmente più largo di qualsiasi testo universitario o militante)?

27La rivista «Frute», nata nel 2018, fa parte delle testate che affrontano alcune di queste contraddizioni. Nell’intervista alla redazione con cui si chiude questo numero emergono le tracce delle lotte della cosiddetta “terza ondata” come la parità di retribuzione o i diritti delle persone trans e delle minoranze, insieme alle tematiche portate dai movimenti LGBTQIA, fra cui la lotta contro le discriminazioni, il razzismo, le violenze di genere e per l’inclusività e il cambiamento di sguardo su certe categorie sociali e professionali (si pensi ad esempio alla sensibilizzazione sulle condizioni di lavoro delle lavoratrici del sesso o al movimento post-porno che cerca di ripoliticizzare la pornografia). Tuttavia, osservando quelle riviste assai recenti, non è sempre facile identificare quali siano i rapporti che esse intrattengono con i pensieri femministi anteriori, quali siano i loro riferimenti pur notando che alcuni concetti sviluppati durante la “terza ondata” sono quasi automaticamente mobilitati (all’insegna dell’intersezionalità).

28In una fase di effervescenza femminista in cui di nuovo si moltiplicano riviste, fanzines, siti e iniziative individuali e collettive varie, una fase in cui una nuova generazione si socializza di nuovo attraverso problematiche di genere si esprime, anche attraverso i nuovi media, nel dibattito legato alle problematiche di genere? È nostro dovere aprire più che concludere questa introduzione. Lo facciamo con un duplice invito: invito alla lettura di questo numero e di riviste femministe ormai spesso disponibili online; invito alla (ri)scoperta di un passato prossimo e di una produzione contemporanea rigogliosa.

Haut de page

Notes

1 L'espressione è di Biancamaria Franbotta, citata nel suo articolo da Chiara Mattesini -un'occasione per rendere omaggio alla poetessa scomparsa nel maggio del 2022.

2 Per chi volesse ampliare il panorama delle riviste femministe italiane, si veda per esempio il sito Vitamine vaganti, e gli articoli di M. Banci, Le riviste femministe in Italia, 2019. Online: [https://vitaminevaganti.com/2019/11/23/le-riviste-femministe-in-italia/] (consultato il 13 giugno 2022).

3 Su questo argomento, si veda ad esempio P. Stelliferi, “Una originaria, irriducibile asimmetria”. Il rapporto della nuova sinistra con i femminismi in Italia (1972-1976), «Italia contemporanea», Genere e culture politiche dagli anni Settanta a oggi, n. 2, 2018, pp. 15-43.

4 Una trattazione più ampia della parabola di «Differenze» è offerta sempre da F. Paoli nel volume Pratiche di scrittura femminista. La rivista «Differenze» 1976-1982, Milano, Franco Angeli, 2011; sulla riviste e sul contesto in cui nasce si veda anche P. Stelliferi, Il femminismo a Roma negli anni Settanta. Percorsi, esperienze e memorie dei collettivi di quartiere, Bologna, BUP, 2015.

5 Un sintetico bilancio del femminismo degli anni Settanta, che apre interessanti prospettive storiografiche, è offerto da A. Rossi-Doria, Ipotesi per una storia che verrà, in Il femminismo degli anni Settanta, a cura di T. Bertilotti e A. Scattigno, Roma, Viella, 2005, pp. 1-23.

6 Cfr. F. Paoli, Diversità fantastiche. Periodici del femminismo romano nei primi anni Ottanta, «Zapruder. StorieInMovimento», a. VIII, n. 21, gennaio-aprile 2010, pp. 24-40. Online: [http://storieinmovimento.org/wp-content/uploads/2014/10/Zap21_3-Zoom2.pdf] (consultato il 19 marzo 2022).

7 E. Cirant, L’avventura di dwf (un tuffo in archivio), 2015, online sul sito dell’Unione femminile nazionale, che conserva l’archivio storico della rivista: [https://unionefemminile.it/lavventura-di-dwf/] (consultato il 19 marzo 2022).

8 A. Rossi-Doria, art. cit., p. 14.

9 Chi, per chi, come. La ricerca scientifica dalla parte della donna – dibattito tra le redattrici, «Nuova DWF. DonnaWomanFemme», n. 1, 1976, p. 3.

10 Kimberlé Crenshaw introduce nell’ambito accademico il concetto di intersezionalità nel 1989 nell’articolo Demarginalizing the Intersection of Race and Sex: A Black Feminist Critique of Antidiscrimination Doctrine, Feminist Theory and Antiracist Politics, «University of Chicago Legal Forum», vol. 1, n. 8, p. 139-167. Si veda K. Crenshaw, Cartographies des marges : intersectionnalité, politique de l’identité et violences contre les femmes de couleur, «Cahiers du Genre», n. 39, 2005 [1991], pp. 51-82.

11 Diotima, Il pensiero della differenza sessuale, Milano, La Tartaruga, 1987 [nuova edizione 2003]; Eadem, Oltre l’uguaglianza. Le radici femminili dell’autorità, Napoli, Liguori, 1994.

12 Gli atti dei due convegni sono raccolti rispettivamente in La ricerca delle donne: studi femministi in Italia, a cura di M. C. Marcuzzo e A. Rossi-Doria, Torino, Rosenberg & Sellier, 1987; Gli studi sulle donne nelle università: ricerca e trasformazione del sapere, a cura di G. Conti Odorisio, Napoli, Edizioni scientifiche italiane, 1988.

13 Sull’affermazione e la presenza degli studi di genere nelle università italiane e sul dibattito che le ha accompagnate, cfr. Gli studi delle donne in Italia, a cura di P. Di Cori e D. Barazzetti, Roma, Carocci, 2001. Nel 2013 «Cahiers d’études italiennes» hanno dedicato alla questione un numero monografico dal titolo «On ne naît pas… on le devient». I gender studies e il caso italiano, dagli anni Settanta a oggi, «Cahier d’études italiennes», n. 16, 2013. Online: [https://journals.openedition.org/cei/1049] (consultato il 19 marzo 2022).

14 Ad esempio, vedasi la piattaforma collettiva «Non una di meno» (2016) [https://nonunadimeno.wordpress.com/] che si ispira al gruppo argentino «Ni una menos» (2015) e raduna un gran numero di gruppi (con posizioni a volte molto distanti) nella lotta contro le violenze fatte alle donne e/o alle persone LGBTIQA+. Vedasi, in una prospettiva individuale, ma con la stessa volontà di federare e creare uno spazio di espressione alternativo, il blog di Eretica Whitebread «Abbatto i muri» [https://abbattoimuri.wordpress.com/].

15 Cfr. L’ecofemminismo in Italia: le radici di una rivoluzione necessaria, a cura di F. Marcomin e L. Cima, Padova, Il poligrafo, 2017 e S. Federici, Reincantare il mondo: femminismo e politica dei commons, Verona, Ombre Corte, 2018.

16 Dictionnaire des féministes. France – XVIIIe-XXIe siècle, a cura di C. Bard e S. Chaperon, PUF, Paris, 2017. Online: [http://blog.univ-angers.fr/dictionnairefeministes/2017/01/30/pop-feminisme/] (consultato il 13 giugno 2022).

17 Per una visione di largo respiro sui dibattiti ultra-contemporanei del femminismo, rinviamo alla recentissima sintesi di B. Pavard, F. Rochefort, M. Zancarini-Fournel, in Ne nous libérez pas, on s’en charge. Une histoire des féminismes de 1789 à nos jours, Paris, La Découverte, 2020, pp. 387-417. Sebbene parli piuttosto del contesto francese, il libro permette di orientarsi nelle problematiche di un movimento ormai globale. Sulla prospettiva globale, vedere anche F. Rochefort, Histoire mondiale des féminismes, Paris, PUF, coll. « Que sais-je ? », 2022, et sa traduction italienne, Femminismi, Uno sguardo globale, L. Falaschi trad., Laterza, 2022.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Marie Fabre, Corinne Manchio, Beatrice Manetti et Francesca Sensini, « Introduzione », Laboratoire italien [En ligne], 28 | 2022, mis en ligne le 18 juillet 2022, consulté le 10 août 2022. URL : http://journals.openedition.org/laboratoireitalien/8054 ; DOI : https://doi.org/10.4000/laboratoireitalien.8054

Haut de page

Auteurs

Marie Fabre

ENS de Lyon • Marie Fabre est maîtresse de conférences à l’ENS de Lyon. Spécialiste de littérature italienne du XXe siècle, elle s’intéresse aussi au cinéma et à la traduction. Son principal axe de recherche a trait à l’articulation entre littérature et politique, notamment à travers les œuvres d’Elio Vittorini, Italo Calvino, Elsa Morante, Pier Paolo Pasolini ou encore Amelia Rosselli. Elle a également traduit certains de ces auteurs (Vittorini, Pasolini, Rosselli), ainsi que récemment Cesare Pavese (Dialogues avec Leuco, Trente-trois morceaux, 2021). Ses activités personnelles la portent aussi bien vers l’écriture que vers la fabrication de revues.

Articles du même auteur

Corinne Manchio

Université Paul-Valéry-Montpellier 3 • Corinne Manchio est maîtresse de conférences à l’université Paul-Valéry-Montpellier 3. Elle a soutenu une thèse sur la langue de Machiavel et l’écriture de la politique (1498-1512), sous la direction de Jean-Louis Fournel et la codirection de Francesco Senatore à l’université de Naples « Federico II ». Ses recherches portent sur la pensée politique italienne de la première modernité et sur le développement des méthodes computationnelles en histoire. Elle est coresponsable scientifique de l’outil d’analyse textuelle Machiato avec M. Lasson.

Articles du même auteur

Beatrice Manetti

Université de Turin • Beatrice Manetti enseigne la littérature italienne contemporaine à l’université de Turin, où elle a dirigé le Centro interdisciplinare di ricerche e studi delle donne e di genere (CIRSDE ; Centre interdisciplinaire de recherches et d’études sur les femmes et le genre) de 2019 à 2022. Elle a rédigé des essais et dirigé des ouvrages collectifs sur les principaux auteurs féminins du XXe siècle, d’Anna Maria Ortese à Paola Masino, Natalia Ginzburg, Anna Banti, Elsa Morante, Cristina Campo, en privilégiant la perspective des gender studies.

Francesca Sensini

Université Côte d’Azur • Francesca Sensini est maîtresse de conférences en études italiennes à l’université Côte d’Azur de Nice, membre du laboratoire de recherche CMMC (Centre de la Méditerranée moderne et contemporaine) et de l’équipe ExFem (projet IDEX « Cent ans d’expressions féminines 1918-1968-2018 ») de la même université. Comparatiste de formation, elle consacre principalement ses recherches aux réécritures et à l’herméneutique de l’Antiquité classique entre le XVIIIe et le XXe siècle en Europe ainsi qu’aux représentations littéraires et culturelles liées au genre. Parmi ses récentes publications : Pascoli maledetto (Il Nuovo Melangolo, 2020) ; La lingua degli dei. L’amore per il greco antico e moderno (Il Nuovo Melangolo, 2021) ; M. Ferro, Le romantiche, F. Sensini éd. (Succedeoggi, 2021) ; Non c’è cosa più dolce. Giovanni Pascoli ed Emma Corcos, lettere (Il Nuovo Melangolo, 2022).

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Laboratoire italien – Politique et société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search