Navigation – Plan du site

AccueilNuméros28Textes et documentsOperaie in casa, Operaie in fabbrica

  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon
Textes et documents

Operaie in casa, Operaie in fabbrica

Ouvrières à la maison, Ouvrières à l’usine
Workers at home, Workers at the factory
Maurizia Morini

Résumés

Dans les années 1970, les traits du féminisme italien varient beaucoup d’une ville à l’autre. Ils reflètent les différences entre les histoires sociales, politiques et culturelles des territoires. À l’intérieur du mouvement des femmes sont nés différents groupes, si bien que l’on parle de « féminismes ». Ces groupes ont témoigné de leur existence à travers la publication de revues, parfois de numéros uniques. Thèmes communs : la santé, la connaissance de son propre corps, la contraception, l’IVG, les services sociaux. Ces thématiques ont marqué des différences entre les groupes : émancipation/libération, spécificité/égalité, salaire pour le travail domestique, travail rétribué. En Émilie, terre d’émancipation et de travail des femmes, les groupes pour l’obtention d’un salaire domestique ont eu une vie brève et limitée, mais c’est dans les réalités padovanes et napolitaines que les femmes se sont le plus fortement et durablement engagées dans la campagne pour le salaire domestique. Ce portfolio commenté illustre ce combat et ces différences.

Haut de page

Notes de l'auteur

* Tutte le riviste citate appartengono all’archivio personale di Maurizia Morini.

Texte intégral

1Può sembrare un paradosso ma ciò che caratterizza il femminismo italiano è insieme unicità e diversità. L’esperienza varia a seconda che essa avvenga al nord o al sud dell’Italia, nelle grandi città o di piccole dimensioni, nelle campagne, ma gli argomenti sono per lo più comuni a tante donne del movimento, contemporaneamente. Mi interessa focalizzare l’attenzione su alcune riviste pubblicate in Veneto e in Emilia Romagna. Si tratta di un campione limitato rispetto alla quantità di materiale presente online e nelle Biblioteche civiche e, probabilmente, anche nelle librerie domestiche delle donne che hanno conservato memoria degli anni del femminismo militante, ma ugualmente significative come testimonianza e memoria. Ho scelto nel mio archivio personale alcune riviste dell’autonomia femminista del Gruppo Redazionale del Comitato per il Salario al Lavoro Domestico di Padova, del Salario contro il lavoro domestico di Silvia Federici, prodotto negli Stati Uniti e curato dal Collettivo Femminista Napoletano per il Salario al Lavoro Domestico e il numero unico del Coordinamento Emiliano per il Salario al Lavoro Domestico. Un’ulteriore batteria di riviste che qui intendo mettere a confronto riguarda le pubblicazioni dei Coordinamenti delle Delegate sindacali e dei Corsi delle 150 ore per sole donne svoltisi a Reggio Emilia. Graficamente sono riviste fatte con il ciclostile, tranne gli opuscoli delle 150 ore, corredate di disegnini e fotografie, con nomi (senza cognomi) e telefoni fissi della redazione e, ovviamente, in Lire o gratuite.

2Il femminismo si manifesta con tempi e modalità differenti in regione: a Bologna, città capoluogo, nel 1971 nascono i Collettivi, inizialmente legati a Potere operaio, allo PDUP, a Lotta Continua, in seguito autonomi; nel 1977 viene aperta la Libreria femminista e nel 1980 il Centro di documentazione, ricerca e iniziativa delle donne. A Piacenza si sente maggiormente l’influsso dell’area milanese, a Ferrara di Padova, a Modena si apre una Casa delle donne. A Reggio Emilia la presenza dei gruppi è particolarmente incisiva nella partecipazione ai Comitati di gestione dei Consultori, aperti nel 1975, e nel Coordinamento unitario sindacale che promuove i Corsi 150 ore per sole donne e gestisce attività separate all’interno delle strutture sindacali. Come si vedrà negli opuscoli, veramente importanti sono stati i Seminari monografici che hanno toccato i vissuti femminili in relazione al corpo, alla sessualità, alla scelta di maternità e hanno contribuito a mettere in discussione molti tabù relativi alla famiglia e ad una divisione sessuale dei ruoli.

Salario al lavoro domestico

Padova

Figura 1. le operaie della casa, Gruppo redazionale del Comitato per il Salario al Lavoro Domestico di Padova (a cura del), Venezia, Settembre-Ottobre-Novembre-Dicembre 1976 (DR)

Figura 1. le operaie della casa, Gruppo redazionale del Comitato per il Salario al Lavoro Domestico di Padova (a cura del), Venezia, Settembre-Ottobre-Novembre-Dicembre 1976 (DR)

3Nella rivista Le operaie della casa, bimestrale nn. 2-3, 1976, gli articoli non sono firmati, a testimonianza di ciò che viene definito come un giornale-collage collettivo di parole, di disegni e di fotografie. Stampato con il ciclostile, costa 500 Lire. La copertina verde riporta il logo femminista con all’interno una mano che stringe denaro, disegni di volti femminili su uno sfondo di parole. La quarta di copertina, sempre verde, riporta in corsivo la scritta «anche l’amore materno? è lavoro domestico». I gruppi del Salario per il Lavoro Domestico (SLD) con linguaggi più o meno forti e incisivi si caratterizzano per la convinzione che le mansioni domestiche siano lavoro non retribuito, quindi una forma di oppressione e sfruttamento di genere, tipico del capitalismo. I lavori domestici, avere figli, crescerli, e tutte quelle attività essenziali che permettono di essere nutriti, al sicuro, curati, non sono riconosciuti dall’economia come valori. E anche per questo, secondo l’SLD, la lotta femminista è una lotta anticapitalista, per cui diventa necessario cambiare le istituzioni e il sistema politico ed economico per potere cambiare la vita quotidiana delle donne. Qui, con tutta evidenza, il tema di fondo resta la retribuzione per tutta l’attività domestica svolta gratuitamente e non riconosciuta, a cui si aggiungono argomenti comuni ad altre istanze femministe: le pessime condizioni nei luoghi di lavoro, compreso il lavoro a domicilio, la violenza, la salute, l’aborto (ricordo che in Italia la depenalizzazione dell’aborto e la disciplina per l’interruzione volontaria di gravidanza diventerà legge nel 1978). La rivista, oltre a fornire consigli di letture, cita la presenza di altre realtà nazionali e internazionali poiché riporta recapiti di sedi femministe da Londra, New York, Toronto, Ginevra, Zurigo. In particolare si nomina Il Collettivo Internazionale Femminista, fondato a Padova nel 1972, che sviluppa e mantiene contatti che tendono ad un’azione comune superando i confini nazionali.

Figura 2. le operaie della casa, direttrice responsabile Valeria Numerico Venezia, Gennaio-Febbraio-Marzo-Aprile 1977 (DR)

Figura 2. le operaie della casa, direttrice responsabile Valeria Numerico Venezia, Gennaio-Febbraio-Marzo-Aprile 1977 (DR)

4Nel numero speciale/documento mille fiori sbocciano appassiti della rivista dell’autonomia femminista padovana n. 4, 1977, si parte da una constatazione precisa, per la quale «grande è il disordine nella testa dei compagni, la situazione è dunque preoccupante». È stampato con il ciclostile, contiene foto, disegni e costa 500 Lire. La copertina rossa riporta, come di consueto il logo femminista, con il denaro, e un disegno in cui una donna stilizzata brucia il mantello, decorato con falce e martello, di un panciuto capitalista riverito da due uomini (Fig. 2) La quarta di copertina è rossa. Con la pubblicazione del documento speciale, le autrici intendono aprire un dibattito sulle prospettive politiche della sinistra rivoluzionaria sia all’interno del movimento femminista sia nei confronti dei militanti “di base”, poiché si intravvede un progetto politico che «sotto l’apparenza del salto rivoluzionario, ripropone tutti i temi e gli obiettivi del socialismo classico… con un linguaggio fumoso e intimidatorio».

5Nella rivista si riprende il tema centrale del SLD, vale a dire il rifiuto delle donne a erogare lavoro domestico, compreso il lavoro sessuale, non pagato, e si citano esempi internazionali come “il salario familiare” in Francia e la lotta delle prostitute di Lione che si sono organizzate, hanno occupato chiese, scioperato per non essere rinchiuse negli Eros Centers e per potere tenere con sé i propri figli, dimostrando che la prostituzione è la prova del rifiuto del lavoro sessuale non retribuito. Ed ancora sostengono che la famiglia, luogo di eccellenza dello sfruttamento femminile, deve essere il luogo primario di lotta di ogni donna, rifiutando il lavoro domestico. La stessa lotta dentro la famiglia è anche contro lo Stato, come la lotta fuori è contro lo Stato: due facce nella stessa direzione di una pratica che è considerata come lotta di classe, di una classe sfruttata. Si tratta di posizioni che dovrebbero coinvolgere tutte le componenti del Movimento femminista, comprese le compagne dell’autocoscienza, una pratica non proponibile però come strategia.

6Le pagine finali della rivista-documento, infatti, precisano analiticamente per punti la strategia del salario al lavoro domestico e che qui riporto invece in sintesi:

  1. L’obiettivo del salario al lavoro domestico richiede una mobilitazione di massa per cui il lavoro politico delle compagne va concentrato su questo;
  2. Le singole azioni non sostituiscono il livello della mobilitazione di massa;
  3. Una decisa presa di posizione nell’ambito della medicina contro la donna, quando con processi, denunce, lotte specifiche contro ginecologi sadici che mantengono un clima terroristico sull’aborto e sul modo di partorire.

7Riporto, infine, una parte dell’ultimo articolo, non chiedeteci il lutto: «Per noi la lotta non può essere che liberazione. Per noi donne ora la nostra vita è morte ma di fronte a questo voi (uomini) siete muti, sordi e ciechi. Si dice che viviamo più di voi. È perché non possiamo permetterci di morire finché tutto non è a posto. Dobbiamo andare all’ospedale degli anziani ad assicurarci che non marciate gli ultimi mesi o anni nel piscio, a imboccarvi, curarvi, consolarvi, pulirvi, proteggervi adesso voi vecchi e senza potere, dagli altri uomini, dottori, passando le notti sedute sulle sedie, sapendo che mai nessuno farà per noi quello che noi abbiamo fatto per voi.»

Napoli

Figura 3. Collettivo Femminista Napoletano per il Salario al Lavoro Domestico, Napoli, 1976 (DR)

Figura 3. Collettivo Femminista Napoletano per il Salario al Lavoro Domestico, Napoli, 1976 (DR)

8La rivista-opuscolo a cura del Collettivo Femminista Napoletano per il Salario al Lavoro Domestico, datato del 1976, pubblica in Italia, con un’introduzione, il documento prodotto negli Stati Uniti da Silvia Federici dal titolo: Salario contro il lavoro domestico. La rivista non ha firme individuali e non presenta disegni o foto, costa 300 Lire. La copertina riporta frasi simboliche del SLD con un disegno di donne in marcia con il pugno alzato in una manifestazione. Le femministe napoletane ribadiscono i concetti di base del SLD, affermando che la lotta per il salario al lavoro domestico non vuole dire «istituzionalizzare il ruolo» di casalinga ma significa potere usare un potere fondamentale in mano alle donne per tutti quei non salariati come anziani, bambini, malati che dipendono dal lavoro delle donne. Inoltre, si afferma che quando le donne hanno iniziato ad avere un ruolo pubblico, parlando nelle assemblee di fabbrica, di condominio, di scuola e cominciando ad organizzarsi autonomamente in commissioni e gruppi di studio, hanno assunto un ruolo e una prospettiva politica. Ne è una conferma, ad esempio, la manifestazione avvenuta a Padova il 5 giugno 1973 contro un processo per aborto in cui le femministe napoletane gridavano: «o è un figlio per lo Stato, o è aborto ed è reato», «fare l’amore è lavoro domestico… chiediamo allo Stato un’indennità per ogni volta che restiamo incinte contro la nostra volontà oltre che il risarcimento danni per ogni aborto che siamo costrette a subire»! Occorre ricordare che negli anni Settanta in Italia si stima che si praticassero ogni anno 3 milioni di aborti, in clandestinità e con gravi rischi per le donne, prima dell’approvazione della Legge 194 che regolamenta l’interruzione volontaria di gravidanza in strutture sanitarie. L’introduzione della rivista-opuscolo termina con l’elenco di altre manifestazioni come quella dell’8 marzo 1974 a Mestre, la prima per il salario al lavoro domestico preteso dallo Stato a cui è seguita il primo maggio 1975 la prima manifestazione internazionale in Italia, Inghilterra, Svizzera, Canada, Stati Uniti. Si sollecita infine la presenza a quella prevista nel primo maggio 1976, sempre di lotta per il salario al lavoro domestico, a Napoli, con l’invito a tutte le donne a partecipare numerose.

9Nella seconda parte della rivista Silvia Federici, storica femminista a favore del SLD, elabora i temi di fondo, diventati in seguito il programma fondamentale delle donne a favore del salario domestico. Può apparire sorprendente che ancora oggi la studiosa, molto attiva e dagli Stati Uniti, dove tuttora vive, ribadisca «l’idea che le mansioni domestiche siano un lavoro non retribuito… e che le società capitaliste non riconoscono né supportano il lavoro riproduttivo […] e che i dati dimostrano che in ogni paese il lavoro femminile non retribuito costituisce una fetta enorme dell’attività economica» ed ancora «non possiamo cambiare la nostra vita quotidiana senza cambiare le istituzioni e il sistema politico ed economico in base al quale sono strutturate» (Internazionale, n. 1405, 16 aprile 2021, pp. 72-75).

Emilia Romagna

Figura 4. Coordinamento Emiliano per il Salario al Lavoro Domestico. Gruppi femministi di Bologna, Ferrara, Modena, Ravenna, Reggio Emilia. Bologna, 1976 (DR)

Figura 4. Coordinamento Emiliano per il Salario al Lavoro Domestico. Gruppi femministi di Bologna, Ferrara, Modena, Ravenna, Reggio Emilia. Bologna, 1976 (DR)

10Il numero unico del Coordinamento per il SLD rappresenta ed è scritto dai gruppi femministi di Bologna, Ferrara, Modena, Ravenna, Reggio Emilia. È stampato con il ciclostile, ha foto e disegni, costa 350 Lire, editato nel 1976. Il bollettino riporta sulla copertina blu l’indice degli articoli, in grande evidenza il logo femminista con la mano che stringe banconote e l’obiettivo della pubblicazione che trascrivo: «Sono ancora molte le donne che considerano le Femministe organizzate esaltate e aggressive. Questo perché alla stampa fa comodo presentarci per quello che abbiamo di diverso non per quello che ci unifica tutte. Non bastano le lotte individuali. Con questo primo bollettino vogliamo chiarire alle altre donne: chi siamo, perché ci organizziamo fra sole donne, perché riteniamo importante impegnarci in una campagna per il salario al lavoro domestico» (Fig. 4).

Figura 5. Coordinamento Emiliano per il Salario al Lavoro Domestico. Gruppi femministi di Bologna, Ferrara, Modena, Ravenna, Reggio Emilia. Bologna, 1976 (DR)

Figura 5. Coordinamento Emiliano per il Salario al Lavoro Domestico. Gruppi femministi di Bologna, Ferrara, Modena, Ravenna, Reggio Emilia. Bologna, 1976 (DR)

11Gli articoli del bollettino sono scritti dalle femministe delle diverse province. Il gruppo di Modena riferisce di un’inchiesta sul lavoro domestico che si conclude con consigli pratici. Per esempio «non far caso ai musi lunghi del marito e dei figli che vogliono le tagliatelle fatte in casa, la camicia stirata a puntino», «prendere la pillola anche se lui è contrario, dire di no al proprio uomo se non si ha voglia di fare l’amore», «decidere di non sposarsi, di vivere da sole o con altre donne». Queste, già rilevanti, sono però considerate lotte individuali, che costano molto e rendono poco. Le donne, tutte, devono lottare insieme, organizzarsi, perché la società nel suo insieme deve cambiare. Il problema diventa di conseguenza politico e sociale.

12Le femministe di Bologna, per la maggior parte studentesse, nel loro articolo sottolineano come abbiano spesso sperimentato subalternità nelle organizzazioni politiche maschili. I compagni, scrivono, con atteggiamento paternalistico le considerano come un piccolo harem in cui trovare conforto e chiedono loro solo di ciclostilare, fare volantinaggio e pulire le sedi. Le militanti dicono che, pur continuando a partecipare alle riunioni dei compagni, avvertivano in modo preciso il disagio e l’estraneità dalle scadenze che venivano imposte. Riportano anche l’episodio in cui compagni di Lotta Continua hanno picchiato due compagne del movimento femminista che avevano risposto a pesanti apprezzamenti. Le studentesse bolognesi scrivono che per la prima volta considerano «le questioni» in quanto donne e parlandone insieme si rendono conto che tutto il ruolo di donna e la vita femminile sono effettivamente un lavoro; da qui la prospettiva dei soldi come l’unica in grado di risolvere le contraddizioni vissute all’interno della famiglia.

13Le donne del SLD di Ferrara scrivono sul bollettino emiliano in merito a quanto accade all’Ospedale cittadino Sant’Anna nel reparto di Maternità e Ginecologia, dove si riscontrano inadeguatezza qualitativa e quantitativa del personale e delle attrezzature, lesioni gravi a neonati per un decorso anomalo del parto, utilizzo della struttura pubblica per visite private a pagamento, commercio abusivo della placenta. Dopo l’esposto delle donne ferraresi sono iniziati due procedimenti penali. Queste donne hanno anche denunciato le carenze del reparto di Maternità e Ginecologia intervenendo al dibattito sull’aborto organizzato dal PCI nel gennaio 1976.

14Nel bollettino del Coordinamento Emiliano le femministe del SLD di Reggio Emilia, Modena, Ravenna si esprimono in merito alla funzione dei Consultori ginecologici, aperti da un anno in regione. Avanzano richieste chiedendo di essere coinvolte nella gestione per potere ottenere la contraccezione gratuita, un’adeguata preparazione alle donne gravide, assicurare alle donne in menopausa un’adeguata terapia ormonale, possibilità di imparare ad autovisitarsi con lo speculum, preparazione di gruppo, gestita dalle donne, alla visita ginecologica, aborto libero e gratuito con anestesia, adeguata assistenza a chi ha subito uno stupro. Si vuole pure che il consultorio si occupi dei bambini durante le ore di visita e di discussione delle madri.

15Le ultime pagine del bollettino forniscono bibliografia e materiale femminista disponibile nelle sedi del SLD e la pubblicazione di lettere di «un’emancipata», di una casalinga e la registrazione di una discussione sui servizi sociali in Emilia, che comunque, si afferma, non liberano la donna dal lavoro domestico.

Le 150 ore sindacali a Reggio Emilia

Figura 6. Condizione femminile, Coordinamento Delegate Sindacali CGIL-CISL-UIL. Centro stampa della Camera Confederale del Lavoro di Reggio Emilia, 1978 (DR)

Figura 6. Condizione femminile, Coordinamento Delegate Sindacali CGIL-CISL-UIL. Centro stampa della Camera Confederale del Lavoro di Reggio Emilia, 1978 (DR)

16L’opuscolo 1979/1 Condizione femminile ad opera del Coordinamento delegate CGIL-CISL-UIL dal titolo La donna che lavora: soggetto politico o figura subordinata? pubblica i contenuti del seminario monografico 150 ore sulla condizione femminile svoltosi all’Istituto tecnico femminile (ITF) di Rivalta-Reggio Emilia dall’11 ottobre al 4 novembre 1978. Con copertina azzurra e un totale di 76 pagine, è stampato presso il centro stampa della Camera Confederale del Lavoro della stessa città.

17Nella prefazione, si precisa che il Seminario monografico di 72 ore di lezione, con frequenza trisettimanale, è rivolto a lavoratrici di diverse categorie, a delegate sindacali ed ha coinvolto anche funzionarie del sindacato, insegnanti e studentesse. In alcuni casi il padronato ha rifiutato la concessione dei permessi retribuiti e questo fattore ha diminuito la partecipazione delle iscritte.

18Due i filoni tematici principali: Donna e famiglia – Donna e lavoro, affrontati con un metodo teso a favorire al massimo il superamento della difficoltà delle partecipanti a parlare di sé e dei propri bisogni. Il primo giorno di lavoro di ogni settimana è stato dedicato all’introduzione da parte di un esperto sull’argomento conduttore della settimana, riservando al secondo giorno l’approfondimento di un tema specifico, partendo proprio dall’esperienza delle lavoratrici presenti. Il sabato è sempre stato dedicato al «tirare le somme» dell’intera settimana.

19Dai risultati di un’indagine svolta nel Comprensorio delle ceramiche si evidenzia come in queste fabbriche l’indice di abortività spontanea sia alto e in particolare nel reparto scelta delle piastrelle, dove vi sono molte lavoratrici, si riscontrano pesanti danni per le funzioni di maternità. Queste le condizioni nocive: fatica fisica, prolungata stazione eretta, posizioni obbligate, esposizione a sostanze tossiche, eccessi microclimatici, ritmi elevati, rumore intenso. La lezione espositiva dell’indagine si conclude sottolineando la necessità di migliorare le condizioni ambientali per tutti e non un ritorno a casa per le lavoratrici che invece devono acquisire maggiore professionalità e svolgere mansioni ritenute erroneamente solo maschili. Le corsiste intervenute su questi argomenti sottolineano che non solo le ceramiche sono ambienti malsani poiché gli aborti bianchi sono presenti anche in molti altri settori e occorre che le lavoratrici siano solidali fra loro e non temano di mostrare debolezza. Essenziale anche che la maternità non sia considerata una questione individuale ma che le venga riconosciuto il valore sociale che ha.

20Una parte significativa del seminario è stata dedicata all’organizzazione del lavoro e professionalità femminile; relatrici le medesime partecipanti che hanno denunciato come le lavoratrici pur numerose in alcuni settori, come il tessile e il commercio, sono inquadrate in qualifiche inferiori a quelle dei lavoratori e spesso, quando una donna esce dal lavoro in azienda, viene sostituta da uomini. Frequente, inoltre, la scelta del padronato di assumere donne oltre i 40 anni che difficilmente si sposano e hanno figli, a scapito quindi di assunzioni di ragazze.

21Sono stati soprattutto gli altri argomenti come la famiglia, la sessualità e contraccezione, l’uso dei consultori familiari, a far superare la paura dell’intervento e ad esprimersi – come dicono le stesse partecipanti – constatando che alcuni problemi sono comuni a tutte le donne e parlando ci si sente capite. Concludo con le parole di Miriam, operaia in una fabbrica tessile: «Non sono una delegata sindacale e ho fatto fatica a partecipare, all’inizio avevo delle titubanze; poi mi sono trovata molto bene ed ho capito che questi momenti sono indispensabili per la nostra crescita di donne. Mi sento più matura ora rispetto al rapporto con mio marito e mi sento forte perché so di non essere sola e sono convinta che è giusto che noi donne parliamo anche delle nostre cose».

Figura 7. Condizione femminile, Coordinamento Delegate Sindacali, 1979/3 (DR)

Figura 7. Condizione femminile, Coordinamento Delegate Sindacali, 1979/3 (DR)

22Un secondo opuscolo, 1979/3, dal titolo Condizione femminile. La contraccezione: strumento di prevenzione e di benessere per le donne è presentato come materiale di informazione dal Coordinamento intercategoriale delle donne del Sindacato, ha la copertina di colore viola, con 65 pagine. È un vero e proprio strumento di informazione su sessualità e contraccezione, sul ciclo mestruale, sulla fecondazione, sugli anticoncezionali (ampia illustrazione dei diversi metodi anche con gli effetti collaterali), con glossario e con un elenco finale dei Consultori socio-sanitari aperti in provincia di Reggio Emilia. L’opuscolo è corredato da disegni e tabelle esplicative, tratte dal libretto sulla contraccezione del Consorzio Socio-Sanitario della provincia e più in generale dai Quaderni della salute n. 1, «Anticoncezionali», a cura del Gruppo femminista per la salute della donna di Roma.

23La presentazione pone l’accento sulla necessità di considerare la donna lavoratrice come soggetto complessivo e non solo come lavoratrice. Da qui la necessità di trattare aspetti spesso offuscati o taciuti come la sfera dell’affettività e della sessualità, anche per poter vivere con consapevolezza la maternità decidendo quando e se diventare madri. Le donne dell’Intercategoriale ribadiscono, nella presentazione del libretto, di essere consapevoli, affrontando argomenti insoliti, di provocare problemi e conflitti all’interno della classe operaia e del sindacato, tuttavia credono che un contributo reale delle donne alla strategia del movimento sindacale possa avvenire solo affermando le proprie specificità. Sostengono che solo prendendo coscienza di tutte le contraddizioni che le donne vivono dentro e fuori la fabbrica, si potrà raggiungere una parità reale che non significa essere uguali agli uomini ma affermare la propria «diversità».

24Un altro Seminario monografico 150 ore è stato organizzato dal 17 marzo all’11 aprile 1979 e la relativa pubblicazione è la seguente: Condizione femminile. La salute in mano alle donne, Coordinamento delegate sindacali, 1980/1, Contenuti del Seminario monografico 150 ore tenutosi all’Istituto Professionale Femminile (IPF) di Rivalta-Reggio Emilia. La copertina è gialla, le pagine 50. Hanno partecipato delegate sindacali ed operaie insieme a funzionarie sindacali, studentesse e insegnanti dell’IPF.

25La presentazione dell’opuscolo, scritta da due partecipanti al seminario, riprende quanto già osservato in precedenza, vale a dire la possibilità offerta alle lavoratrici di prendere la parola in un clima di reciproca intesa su temi «difficili» come la sessualità. Positiva la possibilità di maturare la coscienza della propria condizione che ha permesso il collegamento dei problemi della fabbrica con quelli legati alla condizione sociale delle donne e la considerazione delle donne come soggetti complessivi nel lavoro, nella famiglia, nella sessualità. I corsi, si continua nella presentazione, offrono «la possibilità di prendere in esame, criticamente, e mettere in discussione diverse questioni, tra l’altro lo stesso modo di fare politica anche dentro l’organizzazione sindacale». Dopo ogni relazione è previsto lavoro di gruppo e discussione delle partecipanti.

26Giudizio finale molto positivo da parte delle partecipanti per il confronto di esperienze comuni, la possibilità di parlare ed anche di potere ascoltare e per la presenza di tecnici-donne. Forte è anche la volontà di proseguire con iniziative analoghe coinvolgendo altre come le casalinghe. Una studentessa, pur sentendosi in difficoltà nell’intervenire per la differenza di età con le altre corsiste, sottolinea l’importanza dell’avere incontrato una realtà diversa dalla sua, una realtà di donne che lavorano e di avere continuato a parlarne in classe.

27I seminari monografici 150 ore per sole donne hanno avuto un’eco che è proseguita anche negli anni successivi; ne abbiamo la testimonianza in due riviste pubblicate in occasione dell’8 marzo nel 1981 e nel 1982.

Figura 8. Quale donna, Coordinamento sindacale delle delegate cgil*cisl*uil (r.e.), Centro stampa della Camera Confederale del Lavoro, Reggio Emilia, 1981 (DR)

Figura 8. Quale donna, Coordinamento sindacale delle delegate cgil*cisl*uil (r.e.), Centro stampa della Camera Confederale del Lavoro, Reggio Emilia, 1981 (DR)

28Prima, questo speciale 8 marzo! Quale donna?, n. 1, marzo 1981, Lire 400 è a cura del Coordinamento sindacale delle delegate cgil*cisl*uil (r.e.) con la copertina e i caratteri verdi, consta di 20 pagine, corredata con disegni e stampata presso il Centro stampa della Camera Confederale del Lavoro di Reggio Emilia.

29L’editoriale ricorda com’è nata la ricorrenza dell’8 marzo quando nel 1908 a Boston le operaie morirono bruciate, poiché rinchiuse nella fabbrica dal padrone; quindi non solo festa ma una giornata di lotta e liberazione e nella città di Reggio tutte le donne sono invitate in piazza sotto la tenda, nell’arco di una settimana per giocare a tombola, per fare musica, per parlare di lavoro e salute.

30Il tema centrale della rivista è il lavoro, il lavoro delle donne rispetto all’apertura in settori e orari tradizionalmente maschili come l’edilizia e l’orario notturno. In entrambi i casi le donne del Coordinamento intendono discuterne sia con le lavoratrici, sia nel sindacato, ciò che interessa è non subire le decisioni del padronato in termini di peggioramento delle condizioni di lavoro. Si ribadisce, inoltre, il concetto più volte espresso, di considerare la donna nel suo complesso con il carico di lavoro familiare e materno troppo spesso lasciato solo a suo carico e di non assumere come esistente il lavoro non retribuito della casalinga. Le sindacaliste non ne vogliono la retribuzione monetaria ma una maggiore considerazione e cambiamento verso una reale parità. Anche nel sindacato, si sottolinea ancora nella rivista, vi sono evidenti segni di «patriarcalismo» poiché non si vuole capire la discriminazione che nasce in famiglia, dai ruoli che questa determina e si considera la donna solo come lavoratrice uguale agli altri ma un po’ meno uguale perché mette al mondo dei figli, quindi va tutelata. I Coordinamenti hanno tentato, nel sindacato, di rompere mentalità arretrate ma nei primi anni ottanta sono ad un punto di svolta e si chiedono quanto poco sia cambiato nella struttura e nella considerazione dei funzionari.

31L’ultima pagina della rivista termina con una poesia, scritta da una lavoratrice:

Figura 9. Quale donna, Coordinamento sindacale delle delegate cgil*cisl*uil (r.e.), Centro stampa della Camera Confederale del Lavoro, Reggio Emilia, 1981 (DR)

Figura 9. Quale donna, Coordinamento sindacale delle delegate cgil*cisl*uil (r.e.), Centro stampa della Camera Confederale del Lavoro, Reggio Emilia, 1981 (DR)

32Una seconda rivista: donna persona, n. 0, 8 marzo 1982, a cura del Coordinamento delle delegate FULC (Federazione Unitaria Lavoratori Chimici), territorio Sassuolo-Scandiano, ha copertina e caratteri di colore turchese, 16 pagine, è corredata con disegni e stampata dal Centro stampa della Camera del Lavoro Territoriale Reggio Emilia. Anche in questo che le delegate definiscono un giornalino, si ribadisce che l’8 marzo non è solo «un giorno di festa ma una giornata di lotta per far sì che non si aspetti questo giorno per parlare di NOI».

33Di nuovo e ancora i temi centrali della rivista riguardano l’occupazione femminile in Italia, intesa come quantità e qualità, l’orario di lavoro con l’obiettivo di ridurlo e la salute delle donne. Su quest’ultimo argomento si riprendono i contenuti del seminario la salute in mano alle donne che ho citato in precedenza. La rivista-giornalino pubblica, anche, un articolo Le donne – la pace per ricordare come in recenti manifestazioni si è protestato contro lo stoccaggio, nell’ambito dell’alleanza NATO, di missili a testata nucleare CRUISE nell’aeroporto di Comiso in Sicilia. Il concetto di fondo è che le donne con il loro lavoro e le loro idee contribuiscono «a costruire un progetto di vita nel quale alla logica del profitto come unico valore si sostituisca l’idea di solidarietà tra i Popoli».

Considerazioni finali

34Le riviste che ho analizzato seguono emblematicamente il percorso e l’evoluzione del movimento delle donne. Quelle padovane risentono, in parte, del clima politico che si respirava nel 1977 in città, luogo di formazione di gruppi dell’Autonomia come Autonomia operaia e Potere operaio e altri Collettivi della sinistra extra-parlamentare, fortemente attivi con manifestazioni, contestazioni, scontri violenti con la polizia e con i gruppi di estrema destra.

35Le femministe del SLD, con molta incisività e chiarezza, entrano nel merito delle prospettive politiche della sinistra rivoluzionaria con un’ottica militante e femminile, criticando sia il linguaggio fumoso e intimidatorio contenuto nelle riviste dell’Autonomia sia il comportamento maschilista tenuto verso le compagne. Le donne che hanno fatto del salario al lavoro domestico un obiettivo prioritario, non tralasciano, comunque, temi comuni del movimento quali la salute, l’aborto, la cura del corpo femminile, le condizioni del lavoro, compreso quello a domicilio.

36Le femministe napoletane per il salario, nella loro pubblicazione, riprendono il tema di fondo del SLD, insistendo sul principio che non si intende istituzionalizzare il ruolo di casalinga retribuendolo ma è il significato politico che va messo in evidenza. Retribuire il lavoro casalingo significa riconoscere anche il ruolo dei non salariati che dipendono dal lavoro delle donne come i bambini, i malati, gli anziani. Inoltre le donne di Napoli insistono sulla necessità di collegarsi con altre donne sia in Italia che all’estero per una lotta comune attraverso letture, informazioni, manifestazioni pubbliche.

37Se a Padova era nato il gruppo fondatore del SLD, si ritrova una sua diffusione capillare in altri territori. È il caso delle città dell’Emilia Romagna: nella rivista emiliana è presente la denuncia di studentesse di Bologna per le modalità con cui i compagni di Lotta Continua le considerano, ma è soprattutto evidente, a mio parere, l’impronta di praticità, tipica delle donne della regione. Si è infatti spesso parlato, nelle ricerche e negli studi sulla storia delle donne in Italia, del cosiddetto «modello emiliano», che non sarebbe tale senza l’apporto delle donne. Occorre, per capire meglio, risalire all’esperienza socialista degli inizi del Novecento, all’antifascismo, agli anni della Resistenza, all’impegno nella costruzione di un welfare sociale in cui vi è stata una forte presenza delle donne nelle associazioni femminili, nella politica, nelle istituzioni. Un solo esempio è rappresentato dall’istituzione in Emilia Romagna, prima delle relative leggi nazionali, dei Consultori familiari, degli asili nido, delle scuole per l’infanzia e in questo un ruolo fondamentale lo hanno esercitato le donne. In Emilia Romagna, come nel resto del paese, la nascita e la crescita visibile del movimento femminista segna comunque un cambiamento considerevole nel rapporto delle donne con le istituzioni, con il modo di fare politica, con gli uomini, con se stesse.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Figura 1. le operaie della casa, Gruppo redazionale del Comitato per il Salario al Lavoro Domestico di Padova (a cura del), Venezia, Settembre-Ottobre-Novembre-Dicembre 1976 (DR)
URL http://journals.openedition.org/laboratoireitalien/docannexe/image/8569/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 1,9M
Titre Figura 2. le operaie della casa, direttrice responsabile Valeria Numerico Venezia, Gennaio-Febbraio-Marzo-Aprile 1977 (DR)
URL http://journals.openedition.org/laboratoireitalien/docannexe/image/8569/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 736k
Titre Figura 3. Collettivo Femminista Napoletano per il Salario al Lavoro Domestico, Napoli, 1976 (DR)
URL http://journals.openedition.org/laboratoireitalien/docannexe/image/8569/img-3.jpg
Fichier image/jpeg, 485k
Titre Figura 4. Coordinamento Emiliano per il Salario al Lavoro Domestico. Gruppi femministi di Bologna, Ferrara, Modena, Ravenna, Reggio Emilia. Bologna, 1976 (DR)
URL http://journals.openedition.org/laboratoireitalien/docannexe/image/8569/img-4.jpg
Fichier image/jpeg, 917k
Titre Figura 5. Coordinamento Emiliano per il Salario al Lavoro Domestico. Gruppi femministi di Bologna, Ferrara, Modena, Ravenna, Reggio Emilia. Bologna, 1976 (DR)
URL http://journals.openedition.org/laboratoireitalien/docannexe/image/8569/img-5.jpg
Fichier image/jpeg, 1,4M
Titre Figura 6. Condizione femminile, Coordinamento Delegate Sindacali CGIL-CISL-UIL. Centro stampa della Camera Confederale del Lavoro di Reggio Emilia, 1978 (DR)
URL http://journals.openedition.org/laboratoireitalien/docannexe/image/8569/img-6.jpg
Fichier image/jpeg, 581k
Titre Figura 7. Condizione femminile, Coordinamento Delegate Sindacali, 1979/3 (DR)
URL http://journals.openedition.org/laboratoireitalien/docannexe/image/8569/img-7.jpg
Fichier image/jpeg, 671k
Titre Figura 8. Quale donna, Coordinamento sindacale delle delegate cgil*cisl*uil (r.e.), Centro stampa della Camera Confederale del Lavoro, Reggio Emilia, 1981 (DR)
URL http://journals.openedition.org/laboratoireitalien/docannexe/image/8569/img-8.jpg
Fichier image/jpeg, 522k
Titre Figura 9. Quale donna, Coordinamento sindacale delle delegate cgil*cisl*uil (r.e.), Centro stampa della Camera Confederale del Lavoro, Reggio Emilia, 1981 (DR)
URL http://journals.openedition.org/laboratoireitalien/docannexe/image/8569/img-9.jpg
Fichier image/jpeg, 348k
Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Maurizia Morini, « Operaie in casa, Operaie in fabbrica », Laboratoire italien [En ligne], 28 | 2022, mis en ligne le 20 juillet 2022, consulté le 09 août 2022. URL : http://journals.openedition.org/laboratoireitalien/8569 ; DOI : https://doi.org/10.4000/laboratoireitalien.8569

Haut de page

Auteur

Maurizia Morini

Maurizia Morini, enseignante en lycée et à l’université de Modène et Reggio d’Émilie, a enseigné l’italien et l’histoire à l’université Lyon 3 et à l’École normale supérieure de Lyon. Elle collabore actuellement avec l’Institut culturel italien de Lyon. Membre fondateur de la coopérative réservée aux femmes Lenove, pour l’étude et la recherche sociales, elle a publié en 2003 le rapport de recherche Violenza contro le donne e risposta delle istituzioni nel distretto di Correggio. Avec la Coopérative Lenove, elle a collaboré à la rédaction de Se manca il tempo. Come le donne vivono tempi e orari della città (Comune di Reggio Emilia, 1989), I percorsi del cambiamento: ricerca sui comportamenti contraccettivi in Emilia Romagna (Rosemberg & Sellier, 1989), La presenza delle donne nelle aziende cooperative in Emilia Romagna (Lega Coop, 1987), Giochi di equilibrio.tra lavoro e famiglia le donne della cooperazione nel Modello Emiliano (FrancoAngeli, 1985), Donne a scuola. Bisogno di conoscenza e ricerca d’identità (Il Mulino, 1981).

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Laboratoire italien – Politique et société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search