Navigation – Plan du site

AccueilNuméros28Textes et documents«In realtà tutto è personale e tu...

  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon
Textes et documents

«In realtà tutto è personale e tutto è politico, l’arte, l’editoria»: un’intervista alla rivista Frute

« En réalité tout est personnel et tout est politique – l’art, l’édition » : un entretien avec la revue Frute
“In reality everything is personal and everything is political—art, publishing”: An interview with Frute magazine
Marie Fabre, Corinne Manchio et Cecilia Cappelli

Résumés

En lien avec le dossier du numéro 26 portant sur les revues féministes italiennes des années 1970-2020, les coordinatrices proposent un entretien avec Cecilia Cappelli, fondatrice de la revue Frute, une jeune revue féministe née en 2018 et localisée dans le Frioul.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 Per capire il percorso che ha portato alla creazione di Frute, vedasi l’articolo di Cecilia Cappel (...)

1Frute si presenta come un magazine indipendente che si occupa di «trans-femminismo intersezionale e [di] confini di genere, relazioni, sessualità», con una linea editoriale che gravita «intorno al mondo del racconto personale e dell’attivismo», una forma a metà strada tra fanzine e rivista, e una veste grafica molto curata e contemporanea. I sei numeri già pubblicati sono disponibili in formato cartaceo sul sito (https://frute.bigcartel.com/​) o in alcune librerie italiane. La rivista, nata nel 20181, è anche molto presente sui social media e propone sulle proprie pagine Facebook e Instagram dei contenuti non solo legati alla rivista ma anche ai vari eventi a cui partecipa (letture, workshop, performance e collaborazioni per promuovere riflessioni sulle questioni legate al genere fluido, alla queerness, all’accettazione del proprio corpo, ecc.). Proponiamo qui un’intervista a Cecilia Cappelli, fondatrice di questa rivista che ci sembra molto rappresentativa di una generazione femminista.

Ci potete raccontare la nascita di Frute, come collettivo e come rivista? Entrambi si costituiscono in pieno #MeToo: c’è un legame tra la rivista e alcune realtà militanti o contesti particolari?

Il magazine è nato come conseguenza della mia tesi specialistica all’ISIA Urbino, che studiava il rapporto tra editoria periodica e giovani donne in Italia, soffermandosi sulle pubblicazioni femministe. Si sottolineava il fatto che i periodici fossero molto divisi tra meramente accademici, appartenenti all’underground (fanzine) oppure mainstream, e che quindi non ci fosse una sorta di metà strada, come invece succedeva negli anni ’70 con riviste come ad esempio Effe, che era politica, femminista, ma parlava a tutte. Frute all’inizio era stampato in pochissime copie, e la volontà di farlo diventare una pubblicazione reale è arrivata insieme a Lucia Gasti.

In effetti Frute è nata proprio nell’anno del MeToo. Da un certo punto di vista è una casualità, ma dall’altra no, perché la presa di coscienza dell’ultima ondata femminista è arrivata nel mondo “mainstream” proprio in quell’anno. È un discorso molto complesso. C’è stata un’esplosione di consapevolezza nelle donne, soprattutto nelle millennials dopo i primi anni ’10. Questa consapevolezza si è allargata ai media, attraverso serie TV, editoria, progetti indipendenti più o meno famosi, arrivando a parlare a tutte/i. Il MeToo è stato il boom quasi iniziale di un fenomeno che poi ha imperversato e sta continuando a esistere, l’ultima ondata del femminismo. Noi ci siamo trovate all’inizio di tutto questo e senz’altro il contesto ci ha abbracciate – anche se non dobbiamo cantare vittoria, è pur sempre una nostra bolla. Il mondo là fuori rimane assolutamente patriarcale.

Come funziona la rivista a livello di collettivo editoriale, e come viene finanziata?

Siamo una redazione fluida, ovvero siamo due persone fisse e per ogni uscita i/le collaboratori/ici cambiano per cercare ogni volta dei mix diversi. Rispetto al finanziamento, l’idea è che la rivista si regga sulle proprie gambe, quindi con le entrate delle vendite di un numero, si riesce a finanziare quello successivo.

Dal primo all’ultimo numero c’è un’evoluzione, da un formato fanzine a numeri più sostanziosi, com’è avvenuto questo cambiamento?

Da un lato il progetto è maturato insieme a noi, sia dal punto di vista grafico-comunicativo, che da quello dei contenuti. Non avevamo esperienza di redazione e lavorando al magazine ce la siamo fatta: questo ci ha permesso di ragionare lavorando, crescendo. Anche la decisione di uscire una volta all’anno invece che due ci ha permesso di concentrarci di più e lavorare sui contenuti in maniera più verticale. In ogni caso, anche quando il formato era più fanzine, abbiamo sempre cercato di costruire un ambiente professionale, pagando i/le contributors, e lavorando con professionisti/e, non amatori.

Nella sua presentazione, Frute rivendica «una riflessione sull’editoria indipendente come strumento sociale di aggregazione territoriale»: potete dirci qualcosa di più su questa affermazione? Il lavoro della rivista è articolato in diverse pratiche e comunità locali?

Sì, prima della pandemia l’esistenza della rivista era legata al nostro territorio: ci piaceva l’idea di portare questo tipo di argomenti anche nella realtà, usando il magazine come unione e creazione di un network. In questo senso il nostro lavoro continuava attraverso l’organizzazione e la curatela di laboratori, talk, presentazioni, serate musicali. Per fortuna adesso si sta muovendo qualcosa, e in collaborazione con il Far East Film Festival di Udine abbiamo curato le scelte artistiche di una serata legata al festival, a fine aprile.

Inoltre, il fatto di essere volontariamente decentrate, per noi è motivo di rivendicazione. Il Friuli Venezia Giulia è terra di contaminazioni e apertura verso l’esterno, e la questione territoriale diventa ancora più centrale quando nasce da una regione così peculiare.

La rivista è rivolta prima di tutto «alle ragazze», il che presuppone una forte coesione anagrafica sia del nucleo che ha creato la rivista, sia del pubblico – c’è l’ambizione di rappresentare anche un fatto di tipo generazionale? Il corollario di questa domanda è forse: viene pensato anche un legame con le altre generazioni, e/o con alcune tradizioni del femminismo?

In realtà no, e in effetti l’essere rivolte o meno alle ragazze è sempre stato motivo di dubbio da parte nostra. Non lo scriviamo più nelle bio. Ci piacerebbe essere lette anche da persone più adulte e non per forza donne. Forse il termine “ragazza” era più legato al sentirsi tale. Ci è sempre stato naturale proporci a persone relativamente giovani per il nostro immaginario artistico di riferimento – penso banalmente anche al design della rivista e al linguaggio, al tono di voce. Inoltre credo che sia più semplice per una ventenne/trentenne percepire il femminismo come un mescolarsi di discorsi politici, attualità, e contemporaneità, piuttosto che come “discorso accademico” o testo politico, come erano abituate persone più grandi. Rispetto al collegamento con le tradizioni del femminismo, invece, il legame c’è ed è molto intenso, il femminismo di seconda-terza ondata ci interessa moltissimo e ci ispira. Infatti ci sono stati alcuni momenti di confronto, nella nostra città, anche con gruppi femministi di donne molto adulte, di vecchio stampo. Siamo riuscite a costruire con loro delle presentazioni, insieme ad Arcigay, e questo ci ha reso molto felici. Non è banale riuscire a collegare realtà così simili, ma diverse anagraficamente. La chiave sta proprio nel cercare di inserire un tipo di contenuto forte, politico, in un linguaggio contemporaneo.

L’ultimo numero mette l’anticapitalismo al centro: in che senso questa lotta si articola nella vostra linea editoriale, attraverso quale tipo di intersezionalità?

L’anticapitalismo si colloca al livello di tutti i valori che hanno a che fare con l’intersezionalità: l’anti-razzismo, l’antispecismo, l’anti-abilismo, l’anti-fascismo, la lotta LGBT+ e le lotte contro le discriminazioni, in generale. Anche se non siamo un magazine che si occupa principalmente di questi ragionamenti, è naturale collegarcisi e affrontarli, ampliando il discorso femminista. Non avrebbe senso parlare di parità di genere senza includere questi altri tipi di lotta.

Sareste d’accordo nel dire che una rivista come la vostra è anche un oggetto che permette di esplorare il binomio arte/politica in modo specifico?

Certo, più che arte/politica direi personale/politico. Questa visione per noi è molto vicina. «Il personale è politico» era uno slogan femminista di seconda ondata in cui ci rivediamo molto: il personale va rivendicato, riaffermato, per poter parlare di politica e dare importanza alle singolarità. L’origine politica, sociale o economica delle nostre problematiche è riconducibile alla vita privata, e viceversa, nel nostro caso portiamo questo aspetto attraverso temi come la sessualità, ad esempio. Rivendicare la propria scelta sessuale è l’atto più personale e politico possibile. Ma il ruolo stesso che ricopre la figura femminile nella società, l’idea dell’esistenza delle due sfere separate: quella del lavoro maschile e quella della casa (privata, il lavoro di cura) femminile è la rappresentazione più chiara possibile della lotta personale e politica femminista. Ma in realtà tutto è personale e tutto è politico, l’arte, l’editoria.

Che tipo di relazioni avete con le altre riviste femministe che sono nate negli ultimi 10 anni? Avete l’impressione che ci sia stato recentemente un cambiamento profondo nel modo di concepire e trasmettere le idee e le lotte femministe?

Frute è nata come conseguenza italiana allo sviluppo di magazine femministi di altissimo livello, in Europa e in America. In Italia all’epoca (parliamo del 2017) non c’era nulla né autoprodotto né più “patinato”. C’erano delle fanzine nell’ambiente underground, ma quelle ci sono sempre state.

Negli ultimi anni sono nate delle riviste per certi aspetti simili alla nostra, e ovviamente è una cosa positiva. Personalmente la vedo come una crescita. L’importante è che i progetti vadano oltre l’immagine, l’estetica instagrammabile, e facciano ragionamenti di vero cambiamento.

Haut de page

Notes

1 Per capire il percorso che ha portato alla creazione di Frute, vedasi l’articolo di Cecilia Cappelli Frute: perché ho deciso di creare una rivista femminista nel 2018, pubblicato sul sito dell’associazione no profit Bossy, beyond stereotypes. In linea: https://www.bossy.it/perche-ho-deciso-di-creare-una-rivista-femminista-nel-2018.html (consultato il 22 guigno 2022).

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Marie Fabre, Corinne Manchio et Cecilia Cappelli, « «In realtà tutto è personale e tutto è politico, l’arte, l’editoria»: un’intervista alla rivista Frute », Laboratoire italien [En ligne], 28 | 2022, mis en ligne le 20 juillet 2022, consulté le 09 août 2022. URL : http://journals.openedition.org/laboratoireitalien/8674 ; DOI : https://doi.org/10.4000/laboratoireitalien.8674

Haut de page

Auteurs

Marie Fabre

ENS de Lyon • Marie Fabre est maîtresse de conférences à l’ENS de Lyon. Spécialiste de littérature italienne du XXe siècle, elle s’intéresse aussi au cinéma et à la traduction. Son principal axe de recherche a trait à l’articulation entre littérature et politique, notamment à travers les œuvres d’Elio Vittorini, Italo Calvino, Elsa Morante, Pier Paolo Pasolini ou encore Amelia Rosselli. Elle a également traduit certains de ces auteurs (Vittorini, Pasolini, Rosselli), ainsi que récemment Cesare Pavese (Dialogues avec Leuco, Trente-trois morceaux, 2021). Ses activités personnelles la portent aussi bien vers l’écriture que vers la fabrication de revues.

Articles du même auteur

Corinne Manchio

Université Paul-Valéry Montpellier 3 • Corinne Manchio est maîtresse de conférences à l’université Paul-Valéry Montpellier 3. Elle a soutenu une thèse sur la langue de Machiavel et l’écriture de la politique (1498-1512), sous la direction de Jean-Louis Fournel et la codirection de Francesco Senatore à l’université de Naples « Federico II ». Ses recherches portent sur la pensée politique italienne de la première modernité et sur le développement des méthodes computationnelles en histoire. Elle est coresponsable scientifique de l’outil d’analyse textuelle Machiato avec M. Lasson.

Articles du même auteur

Cecilia Cappelli

Fondatrice de la revue féministe Frute.

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Laboratoire italien – Politique et société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search