Navigation – Plan du site

AccueilNuméros29L’eterno raffreddore di Tarquinia...

L’eterno raffreddore di Tarquinia Molza. Natura e storia delle catastrofi nell’opera di Francesco Patrizi da Cherso

Le rhume éternel de Tarquinia Molza. Nature et histoire des catastrophes dans l’œuvre de Francesco Patrizi da Cherso
The eternal cold of Tarquinia Molza. Nature and history of catastrophes in the works by Francesco Patrizi of Cherso
Michele Merlicco

Résumés

Le processus qui conduit à la dégénérescence d’un corps, d’un système politique ou de toute autre forme d’organisation culturelle peut sembler inévitable. Pourtant, selon Francesco Patrizi da Cherso (1529-1597), il existe des moyens de minimiser ses conséquences. Dans cet article, en partant du cas étrange du rhume éternel de Tarquinia Molza, nous retracerons l’histoire du concept de catastrophe dans la philosophie de Patrizi, en nous concentrant en particulier sur les différentes formes de « corruption » qui rythment la vie d’un seul corps autant que celle de l’univers entier. À partir de la lecture de trois textes composés sur une période de plus de quarante ans – la Città felice (1553), les Dialoghi della historia (1560) et les Paralleli militari (1594-1595) – nous verrons comment la dimension conceptuelle de la catastrophe, du point de vue de Patrizi, oscille entre nature, histoire et mythe ; et comment, dans un entrelacement complexe de médecine, d’histoire et de philosophie, Patrizi recherche les conditions permettant à l’homme de prévoir (et donc, dans une certaine mesure, de contrôler) le cours inaltérable de la nature et de s’y adapter.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 F. Patrizi, Lettere ed opuscoli inediti, edizione critica a cura di D. Aguzzi Barbagli, Firenze, I (...)

1Il 17 ottobre del 1578, mentre si trovava a Ferrara, Francesco Patrizi (1529-1597) scrisse una lettera all’allora sua allieva Tarquinia Molza, nella quale spiegava che tra un piccolo fastidio ad una gamba, la mancata riscossione di «non so che denari dal comune»1 e l’inizio delle lezioni nello Studio ferrarese non sarebbe riuscito a recarsi dalla sua destinataria, a Modena, prima di Natale. Inoltre, con un misto di preoccupazione e di irritazione, Patrizi era venuto a conoscenza del «freddore» che in quei giorni teneva costretta a letto la Molza – dovuto, a detta sua, ad una certa noncuranza nei confronti dei cambi di stagione:

  • 2 Loc. cit.

Eccellentissima Padrona,
per la lettera di Mr. Vittorio ho inteso che Vostra Signoria era nel letto con freddore grande, il che, sì come mi ha dato non poco dispiacere, così mi ha fatto mezo entrare in contesa seco, poiché in queste mutationi di tempi sempre siamo a questo solo, perché Ella non si ha cura, et venendo il freddo, sta leggera di panni come di state, et certo a me pare che la sua filosofia dovrebbe pure giovare a se stessa. Mi passerà la colera quando intenderò che questo freddore sarà passato, tosto come preso.2

  • 3 Ivi, p. 20.

2Nel seguito della lettera le preoccupazioni di Patrizi lasciano spazio all’oggetto della lezione del giorno. Con l’obiettivo di illustrare alla sua allieva «tutto quello che si può dire per comprendere delle cose del cielo»3, dopo un rapido accenno alla composizione dei moti «eccentrici» e «concentrici» dei corpi celesti, lo scritto si conclude con un riferimento alla nota teoria astronomica dell’«anno grande». Ogni trentaseimila anni, scrive Patrizi, tutto ciò che esiste, dalla conformazione fisica dell’universo alle vicende di ogni singolo essere umano, è destinato a ripetersi:

  • 4 Loc. cit., corsivo mio. Su Tebit, ovvero Thābit ibn Qurra, vedi la nota al testo a cura di D. Aguz (...)

La sphera stellata, che è sopra Saturno, di proprio suo moto si muove da oriente in occidente in hore ventiquattro, che è un giorno naturale di un dì e una notte, e rapisce tutti gli altri orbi de’ pianeti inferiori e compresi da lei, seco ha un altro moto da occidente a oriente, che chiamano di trepidatione, col quale si move ogni cento anni un grado, et quando haverà caminato tutti li trecentosessanta gradi del Zodiaco haverà fornito trentaseimila anni, che è l’anno che si chiama grande, nel quale torneremo ad essere come siamo, et Vostra Signoria col medesimo freddore […]. Di questo moto è rapito il cielo stellato da un altro superiore, che viene ad essere il nono, et dicesi primo mobile, trovato da Tebit, astronomo arabo.4

3Non è difficile immaginare che la lettura di questi passaggi abbia suscitato nella Molza qualche perplessità. Come avrebbe potuto comportarsi diversamente se il «medesimo freddore» che l’aveva colpita era destinato a ripetersi per l’eternità? Purtroppo non possediamo (al momento) una risposta, né un chiarimento di Patrizi in merito; ma possiamo ipotizzare che la Molza, davanti a questa apparente contraddizione, si sia anzitutto chiesta se il contenuto della lezione di Patrizi corrispondesse alla sua visione del cosmo, o se si trattasse semplicemente dell’esposizione di dottrine altrui.

4In effetti, circa diciotto anni prima, in un passaggio dei suoi Dialoghi della historia (1560) Patrizi aveva già fatto riferimento alla teoria platonica dell’anno maggiore. Anche in quell’occasione egli sosteneva che, col passare di «trenta sei migliaia de’ minori [anni], viene con la corrottion di tutte le cose à fine»:

  • 5 F. Patrizi, Della historia diece dialoghi, ne’ quali si ragiona di tutte le cose appartenenti all’ (...)

Dopo la quale, riposato mille anni il Chaos, et ringravidato da capo dal primiero mondo, et informato delle sue primiere forme, rincomincia di nuovo il cielo il suo rivolgimento […]. Et questo fa infinite volte il mondo, nella infinita eternità del suo fattore.5

  • 6 Ivi, f. 15v.
  • 7 Ivi, f. 16r.

5Inoltre, sempre nei suoi Dialoghi, Patrizi si era soffermato sulla natura di guerre, carestie, epidemie, terremoti, diluvi e incendi, che «non solo […] corrompono gli huomini, ma corrompono et gli animali tutti, et le piante, et le città, et l’arti, et i paesi interi»6, comportando la distruzione di intere civiltà e il sorgerne di nuove, a loro volta destinate a ripetere, a grandi linee, le vicende dei loro predecessori. Le «corrottioni degli huomini violente», spiegava Patrizi, determinano le «mutationi della civile vita, nella selvaggia, et nella fiera; et poi della fiera, et silvestre, nella cittadinesca et gentile», che «in ogni distruggimento del mondo così fatto, avvengono»7. Di catastrofe in catastrofe, tutto sembra destinato ad estinguersi e rinascere.

6A giudicare da questi passaggi sembrerebbe che la storia, agli occhi di Patrizi, sia cadenzata da cataclismi del tutto indipendenti rispetto al sapere e al volere degli esseri umani. Malgrado le sue sollecitazioni, nessuna «filosofia» avrebbe potuto sottrarre la Molza dal «freddore grande» che l’aveva colpita. Ma questo, come tenteremo di mostrare nel presente contributo, non è che un aspetto di un problema ben più complesso.

7In questo contributo ripercorreremo la storia del concetto di catastrofe nel pensiero di Patrizi, mostrando come corrottioni e ruine, che ritmano tanto la storia dell’uomo quanto quella dell’universo, assumano sfumature concettuali diverse a seconda del contesto teorico nel quale le si colloca. Basandoci sulla lettura di tre testi composti nell’arco di più di quarant’anni – la Città felice (1553), i Dialoghi della historia (1560) e i Paralleli militari (1594-1595) – scopriremo come, dal punto di vista di Patrizi, il tema della conservazione dei corpi ‘corrotti’ si articoli su almeno tre livelli di analisi. Anzitutto, la corrottione dei corpi si delinea come un problema di natura medico-politica: è una patologia dei corpi dei cittadini che si riflette sulla salute generale dello Stato, alla quale si può rimediare con una buona dose di prevenzione. In secondo luogo, corrottioni universali e ruine simboleggiano insieme il momento di passaggio tra due cicli storici e cosmici ed il materiale a partire dal quale l’umanità plasma l’immaginario relativo alle proprie origini. Infine, vedremo come la decadenza degli Stati italiani moderni, del tutto in balìa di potenze straniere, sia dovuta, secondo Patrizi, allo stato di «corruzione» delle proprie milizie, e come la storia possa indicare una via d’uscita da questa condizione.

8Il tema della gestione delle crisi politiche e della prevenzione dei cataclismi naturali costituisce, infatti, un leitmotiv del pensiero patriziano, nel quale si intrecciano problemi di natura ben più ampia – dal rapporto tra natura e storia alla dialettica tra libertà umana e determinazione naturale.

Corruzione e conservazione del corpo politico: la Città felice (1553)

  • 8 F. Patrizi, La città felice; Dialogo dell’honore, il Barignano; Discorso della diversità de’ furor (...)
  • 9 Non bisogna dimenticare che, dopo un’infanzia trascorsa fronteggiando i turchi sulle galee venezia (...)

9Anche il corpo di uno Stato, come ogni altro corpo, rischia di ammalarsi. Per evitare che cataclismi e crisi politiche o economiche lo facciano precipitare verso la «totale ruina sua»8, è necessaria una buona dose di prevenzione. In primo luogo, le condizioni ambientali e la collocazione geografica dello Stato giocano un ruolo determinante in caso di incendi, diluvi, carestie o epidemie. Le leggi, coadiuvate dai culti, possono inoltre evitare sedizioni e inimicizie tra cittadini. Infine, l’esercito, organizzato e condotto con criterio, può salvaguardare il corpo dello Stato da pericoli provenienti da altri corpi politici. Con queste ed altre osservazioni, la Città felice di Patrizi – composta nel  1551 e pubblicata nel  1553 – ci mette di fronte ad una prima declinazione della dialettica tra corruzione e conservazione dei corpi nella filosofia patriziana. Prima di diventare oggetto di indagine storica e astronomica, la corrottione, come vedremo, rappresenta per Patrizi una disfunzione del corpo politico9.

  • 10 F. Patrizi, La città felice, cit., sig. A3.
  • 11 Ivi, f. 4r. Corsivo mio.
  • 12 Loc. cit.

10L’obiettivo della Città felice, come possiamo leggere sin dalla dedica a Urbano Vigerio e a Girolamo della Rovere, consiste nel recare «grande giovamento» a coloro che «hanno ad essere felici et hanno a governare città e popoli»10. Chi governa, scrive Patrizi, dovrebbe anzitutto garantire alla popolazione il necessario per sopravvivere. L’essere umano, infatti, «di commune consentimento de’ filosofi, ha dell’essere suo due parti principali»: l’anima e il corpo. Mentre l’anima è «immortale e incorrottibile, sola a se stessa è bastante», il corpo «non è sofficiente egli solo alla propria conservatione, ma molte cose estrinseche a ciò gli sono necessarie»11. La conservazione dei singoli corpi dipende pertanto da una comunità, la quale può far sì che ad ogni membro del gruppo «non […] manchi il mangiare et il bere, et habbia da coprirsi contra i freddi et caldi, et contro le altre qualità dell’aria che potessero fargli danno»12. La scienza politica non può che basarsi su principi di natura medica: il primo compito di chi governa consiste nel porre le condizioni affinché i corpi dei cittadini, prima delle loro anime, si mantengano in salute.

  • 13 Ivi, f. 6r.
  • 14 Loc. cit.
  • 15 Ivi, f. 6v.
  • 16 Ivi, ff. 7v-8r.
  • 17 Ivi, f. 9r.

11Il tema della conservazione dei corpi dei cittadini rappresenta dunque il principio della dottrina politica patriziana. «È opinione di Platone, di Aristotele et di tutti gli altri filosofi et medici», scrive Patrizi, che la vita di un corpo animale si estenda sino a che non si spezzi il «vincolo» con la propria anima, e che tale vincolo sia garantito dalla presenza degli «spiriti» vitali13. Affinché gli spiriti dei corpi dei cittadini non si «corrompano»14, è indispensabile che la città disponga «di territorio di terra tanto, quanto sia bastante a produrre»15 il nutrimento necessario per tutti, e che vi siano agricoltori, «molinai», fornai, macellai e cuochi in grado di sopperire con l’arte alle mancanze del territorio. Per non «disperdere», poi, gli spiriti che reggono la vita umana, è importante che la città venga collocata in un luogo neutro dal punto di vista climatico, e che l’arte dei muratori e degli architetti metta al riparo i cittadini dai fenomeni atmosferici16. Epidemie e pesti si evitano mantenendo la città lontana da «paludi» e da «altre acque stagnanti et fangose», e si curano mediante la presenza di «medici fisici» e di chirurghi17. Un’altra minaccia per la salute dei corpi deriva da tumulti e sedizioni interne o esterne, che vanno affrontate «col timore delle leggi sacrosante» e la presenza di giudici, magistrati e sacerdoti da una parte, e con l’organizzazione di un esercito composto di cittadini dall’altra.

  • 18 Ivi, f. 13v.
  • 19 Vedi L. Bolzoni, L’universo dei poemi possibili. Studi su Francesco Patrizi da Cherso, Roma, Bulzo (...)

12In estrema sintesi, la corruzione degli spiriti che mantengono in vita i corpi dei cittadini, nella Città felice di Patrizi, si combatte con una serie di scelte accurate sin dalla fondazione dello Stato, e con la presenza, insieme ai medici, di sei macro-gruppi: contadini, artigiani, mercanti, guerrieri, magistrati e sacerdoti18. I membri dei primi tre gruppi non potranno tuttavia dirsi cittadini a pieno titolo, poiché non avranno il diritto di governare (siamo di fronte, com’è noto, ad un modello ideale di Stato di stampo apertamente aristocratico)19. La cura del corpo riguarda tutti coloro che partecipano alla vita della città, ma solo i protagonisti della sua gestione politica avranno il diritto di godere del benessere proveniente dall’organizzazione razionale del corpo politico.

  • 20 Su questo tema, vedi J.-L. Fournel, Les guerres de l’utopie. Considérations sur Thomas More, Franc (...)

13Sorvolando sulle ragioni storiche che abbiano condotto Patrizi ad elaborare un ideale politico così rigido e ingiusto, e sorvolando sul problema del possibile collocamento della sua città tra i modelli utopici rinascimentali20, ciò che dobbiamo mettere in luce per chiarire il significato medico-politico della corruttione in questa prima fase della produzione filosofica patriziana è l’uso del ragionamento logico-deduttivo, e l’impiego di nozioni (e metafore) mediche, quali strumenti per tenere in vita e in salute il corpo della comunità politica. Intrecciando filosofia e medicina, Patrizi pensava ad un apparato politico in grado di minimizzare lo spazio per l’imprevisto e riportare nelle mani dei governanti il controllo sul benessere dello Stato. Vi sono catastrofi naturali e travolgenti crisi politiche che, una volta in atto, non possono essere gestite; non resta, quindi, che anticiparle.

Un’archeologia della catastrofe: i Dialoghi della historia (1560)

  • 21 F. Patrizi, Della historia diece dialoghi, cit., f. 15v.

14Nei Dialoghi della historia, pubblicati a Venezia nel 1560, il motivo della catastrofe viene analizzato da Patrizi da una nuova prospettiva, nella quale si mescolano storia, mito e filosofia della natura. Le corrottioni ‘parziali’ della Città felice, che riguardavano il corpo politico, i suoi membri e i suoi organi, lasciano il posto alle «corrottioni generali»21 dell’intero universo, ai disastri politici e naturali che determinano l’estinguersi d’intere civiltà e all’eterno ritorno di generazioni e corruzioni che ritmano la vita di qualsiasi organismo – dal corpo, appunto, al mondo.

  • 22 Ivi, sig. A2.
  • 23 Loc. cit.

15In continuità con la Città felice, l’intento dei Dialoghi della historia è quello di contribuire alla dottrina del buon governo. Il loro contenuto, scrive Patrizi, risulterà «molto giovevole a tutte le sorti degli huomini, ma molto più a coloro che sono nati per governar altrui»22. Ma questa volta l’oggetto d’indagine non è (solamente) lo Stato, bensì «tutte le cose appartenenti all’historia, et allo scriverla, et all’osservarla»23. La forma stessa del dialogo, che era già stata impiegata da Patrizi nel Dialogo dell’honore del 1553, ci mostra il tema della catastrofe sotto una nuova luce. In un vorticoso gioco dialettico tra simulazione del dialogo interiore (l’autore, in veste di personaggio dei propri dialoghi, si ritrova spesso a dialogare col proprio animo), conversazioni tra i vari personaggi e meta-comunicazione con il lettore, Patrizi – che in questo registro retorico dà il meglio di sé – riflette sulla «corrottion di tutte le cose» da una prospettiva che oscilla tra la desolazione suscitata dalla contemplazione di un mondo in rovina ed il senso di pace derivante da uno sguardo sulle catastrofi e sulle miserie umane sub specie aeternitatis.

  • 24 L. Bolzoni, L’universo dei poemi possibili. Studi su Francesco Patrizi da Cherso, cit., pp. 63-95.
  • 25 F. Patrizi, Della historia diece dialoghi, cit., ff. 1r-6r.
  • 26 Ivi, f. 12r.
  • 27 Ivi, f. 18rv.
  • 28 Ivi, f. 12v.
  • 29 Su questo tema, vedi A. L. Puliafito Bleuel, Between res and verba: The use of Myth in Francesco P (...)

16I Dialoghi della historia rappresentano la prima tappa di una riforma generale del linguaggio alla quale Patrizi dedicò parte della sua produzione filosofica24. Il loro obiettivo principale consiste nel definire cosa sia la storia, e in questa prospettiva Patrizi tenta di edificare una nuova relazione, fondata scientificamente, tra eventi storici e strumenti storiografici. Mentre i primi due dialoghi sono dedicati ad una disamina critica delle definizioni classiche della storia (Cicerone, Luciano, Giovanni Pontano e, sullo sfondo, Francesco Robortello)25, nel terzo dialogo Patrizi ritrova l’essenza della storia mediante un processo di introspezione. La risposta alle proprie domande, scrive Patrizi, non va ricercata nei «libri di fuori», scritti dagli uomini, bensì nel «libro dell’anima», scritto da Dio26. Si scopre, così, che la storia non è altro che «memoria delle cose»; o, nel caso specifico della storia umana, «memoria delle cose umane»27. Inoltre, nel tentativo di «scorzare» il libro dell’anima – nel quale, «nel modo che sono i libri di quelli del Giapan et della China […] ogni lettera […] vuol dire una cosa»28 – Patrizi si ritrova ad esporre, sotto forma di ricordo, una serie di racconti relativi alle rivoluzioni dell’universo e ai cicli delle civiltà. Nell’interstizio tra la molteplicità delle parole e l’unità dell’idea s’insinua il mito, che assume nella filosofia e nella retorica patriziana la dimensione di raccordo tra concetto – inesprimibile nella sua purezza – e immaginazione29. È questo, nei Dialoghi della historia, lo spazio della catastrofe.

  • 30 Sulle fonti dei miti patriziani, vedi M. Muccillo, Età dell’oro e tempo ciclico in Francesco Patri (...)
  • 31 F. Patrizi, Della historia diece dialoghi, cit., f. 15v.
  • 32 Ivi, f. 16rv.

17Della storia che Patrizi riferisce agli altri interlocutori del dialogo, Giorgio e Paolo Contarini – ripresa dal Timeo (22a-23c) e dal Politico (268d-274e) di Platone e da motivi classici della tradizione ermetica30 – ci interessa in particolare un aspetto. Antonio Marcello, fratello del padre di Patrizi, si stava recando in Terra Santa, quando una tempesta dirottò la nave sulla quale si trovava verso le sponde dell’Egitto. Qui, egli incontrò un «romito egiziano» di nome Hammun, il quale gli narrò la storia «di due universali corrottioni e di due universali rinascimenti di tutta la machina mondana»31. Hammun spiegò ad Antonio Marcello come ogni società umana – ad esclusione della civiltà egizia – prosperi fino al sopraggiungimento di crisi di tipo politico o ambientale, le quali conducono non solo alla conclusione di un ciclo storico, ma spesso persino al disfacimento di ogni memoria del passato. L’Egitto, a differenza dell’Europa, essendo immune da ogni corrottione (grazie alla propria collocazione geografica e alla presenza del Nilo, che lo difendono rispettivamente dai diluvi e dagli incendi) è pertanto portatore di una memoria «d’infinite migliaia di anni», laddove gli europei «non [hanno] memoria più vecchia, che di quattro o di cinquemila anni»32.

18L’aspetto che qui più ci interessa riguarda il tema (di sapore sia platonico che veterotestamentario) del ‘residuo’, ossia di ciò che deve necessariamente resistere ad ogni crisi storica affinché l’universo non perda il proprio equilibrio:

  • 33 Ivi, f. 16r.

Et anchor che queste universalissime ruine sieno di tutte le cose di qua giuso, non però corrompono tutti intieri i legnaggi degli huomini, né dell’altre cose. Et ciò è per cagione, che venendo elle dagli influssi et da i lumi de i cieli […] essi procedendo dalle forme intelligibili del primo mondo, il quale pieno di tutte le cose, è fondato in istabilità; è necessario che stabili et incorrotti restino di tutte le spetie quegli individui soli, i qual bastino a conservare il corporale mondo, conforme col suo essempio […]. Quando adunque l’incendio corre alla distruttione del mondo, si salvano di quegli huomini, i quali habitano vicino al mare et à gran fiumi; defendendo loro l’acqua dalla violentia del fuoco. Ma quando pe’l contrario il diluvio porta gli huomini et le cose del mare, si salvano di coloro, che vicini sono agli alti monti. La qual cosa diede materia di dire à Greci che Deucalione et Pirra sopra à monti si salvassero; facendo a loro uso favola, di cosa vera.33

19A proposito di ciò che resta «incorrotto» malgrado le «universalissime ruine […] di tutte le cose di qua giuso», possiamo fare due considerazioni. Da una parte, è chiaro che per Patrizi – come sarà per Giordano Bruno – crisi, cataclismi, catastrofi di ogni tipo rientrano nel quadro di un equilibrio generale inalterabile. Il mondo, con i suoi disfacimenti e le sue rinascite locali o universali, non è che l’emanazione apparentemente caotica del «primo mondo» ideale; ruine e corrottioni rientrano dunque a pieno titolo nella catena degli eventi, non alterando in alcun modo l’«istabilità» globale delle cose. In secondo luogo, come nel caso della «favola» di Deucalione e Pirra, la memoria pubblica del passato, dopo aver attraversato il trauma della rovina, si trasforma in mito.

  • 34 Vedi M. Merlicco, A Recurring Image in Francesco Patrizi of Cherso: the Ruins, «Esercizi Filosofic (...)
  • 35 Vedi A. Grafton, What was history? The Art of History in Early Modern Europe, Cambridge, Cambridge (...)

20Come ho tentato di mostrare altrove34, ruine e «rottami» costituisco l’elemento d’indagine privilegiato della storiografia patriziana. Attraverso il tema del ‘residuo’ Patrizi si fa interprete di un nuovo modo di fare storia, basato sulla lettura critica dei miti classici e sulla ricerca di testimonianze che oggi definiremmo ‘archeologiche’. È per questo motivo che storici come Anthony Grafton e Peter Miller hanno messo in relazione, con grande intelligenza, la teoria della storia patriziana con la diffusione della ricerca antiquaria nel tardo Rinascimento35. Persino le memorie dell’immutabile Egitto – dice Hammun ad Antonio Marcello – resistono sotto forma di reperti da riscoprire:

  • 36 F. Patrizi, Della historia diece dialoghi, cit., f. 16v.

anchor che i Romani della vostra Europa, et gli Arabi dell’Asia, et i Mori dell’Affrica, et altre genti, habbiano più volte per lo passato corso il nostro paese con l’armi, et col fuoco, et distrutte molte delle memorie delle cose antiche non è però, che molte non ce ne sien rimase, et molte non ne stien sotterra.36

  • 37 Sul tema della ‘storia del futuro’ in Patrizi, vedi P. R. Blum, Francesco Patrizi in the “Time-Sac (...)

21La storia, per Patrizi, non è «narrazione», bensì «memoria»; e l’origine della memoria storica di un popolo risale precisamente all’ammasso di macerie lasciate indietro dalle corrottioni universali. Ma se tutto si ripete, seppur a grandi linee, rovine e frammenti diventano segni non solo di un inizio, ma anche di una fine: è per questo motivo che l’indagine sulle ruine viene paragonata da Patrizi ad una sorta di attività profetica. La scienza del passato, indagando fenomeni destinati in qualche modo a ripetersi, prefigura la scienza del futuro37.

  • 38 Vedi F. Patrizi, Della retorica dieci dialoghi, nelli quali si favella dell’arte oratoria con ragi (...)

22La ricostruzione storica delle cause e delle conseguenze delle catastrofi risulta inoltre di fondamentale importanza ai fini di una gestione politica virtuosa. È il principale strumento che il politico «prudente» possa adottare per prevenire ed eventualmente sanare il corpo dello Stato, in caso occorrano eventi di simile portata. Così, mentre nella Città felice la corrottione veniva studiata da una prospettiva medica, i Dialoghi della historia – in questo supportati dai Dialoghi della retorica del 156238 – propongono una nuova lettura della catastrofe come oggetto archetipico della memoria. L’obiettivo, in entrambi i testi, è il medesimo, paradossale tentativo di controllare il futuro. Prima col supporto della medicina e ora della storia, Patrizi vuole stabilire dei precetti che permettano di prevenire – o ‘profetizzare’, secondo il lessico dei Dialoghi – eventi che, per loro natura, sembrano resistere a qualsiasi forma di previsione.

Vecchie e nuove corruzioni: i Paralleli militari (1594-1595)

  • 39 F. Patrizi, Della historia diece dialoghi, cit., f. 53r.

23Il tema dell’utilità della storia ai fini della conservazione di una comunità politica comincia ad emergere nella seconda parte dei Dialoghi della historia. Due o più eventi storici, scrive Patrizi, non possono che essere fra di loro «medesimi», «diversi», «contrari» o «somiglianti»39. Non si può dare scienza della diversità, essendo questa «infinita». È invece del tutto legittimo stabilire dei nessi tra eventi che hanno medesima causa e medesimo effetto (per quanto ovviamente si producano in contesti diversi), ed è ugualmente lecito paragonare tra loro vicende «somiglianti» o «contrarie».

  • 40 Ivi, f. 39r.
  • 41 Ivi, f. 45rv: «Io dico, che essi sono eccellentissimi Stati in tante maniere, quanti sono i manegg (...)
  • 42 Ivi, f. 32v.

24Un’azione, ad esempio, a prescindere dal soggetto che la compie, sarà sempre composta dai medesimi elementi: «attore, cagione, tempo, luogo, modo et istromento»40. Ciascuno di questi elementi viene poi sottoposto da Patrizi ad un processo di scomposizione «anatomica», al fine di mostrarne la struttura ontologica. La stessa operazione può essere condotta sul ‘corpo’ dello Stato: non esistono che cinque possibili forme di Stato41 ed ognuna di esse non può che percorrere i medesimi «gradi» che scandiscono la vita di qualsiasi altro organismo: «principio», «accrescimento», «stato», «declinatione» e «fine»42. Nella storia degli esseri umani, come nella storia della natura, esistono dei patterns, e sono proprio queste invariabili a rendere del tutto legittimo, secondo Patrizi, il paragone fra presente e passato.

  • 43 Ivi, ff. 53v-54r.

25I risultati di questa metafisica della storia comparata sono direttamente legati all’esigenza di rendere il passato utile in un percorso di ricerca della pace politica. Patrizi insiste nel mostrare come i grandi condottieri del passato abbiano stabilito la propria strategia politica e militare sulla base di riflessioni nate dalla lettura dei testi di storia: Filopemene, ad esempio, si formò sulla lettura della storia di Alessandro, il quale a sua volta s’ispirava ad Omero; Scipione l’Africano, dal canto suo, rifletteva spesso sugli scritti di Senofonte43. Gli stessi esempi di uso virtuoso del parallelo storico verranno adottati da Patrizi, a distanza di più di trent’anni, nel suo ultimo grande testo di teoria e storia della milizia.

  • 44 F. Patrizi, Paralleli militari, nei quali si fa paragone delle milizie antiche in tutte le parti l (...)
  • 45 F. Patrizi, Paralleli militari, cit., sig. †2r.
  • 46 Loc. cit.

26«Non è tra gli huomini mestiere nessuno, Eccellentissimo Signor Duca, il quale, non saputo, più rovina, e saputo più salute apporti che quello della guerra»44: si aprono così, con questa dedica a Giacomo Boncompagni, i Paralleli militari (1594-1595), pubblicati a pochi anni dalla morte di Patrizi. Ignorare i principi dell’arte della guerra, scrive Patrizi, «a perdita de’ beni, della libertà, della vita e dell’honore, tutti ci conduce», mentre una buona conoscenza della storia e della scienza della milizia «non solo le suddette cose ci conserva, e d’ogni timore di perderle ci libera, ma anche di tutti i beni de nemici nostri ci può impadronire»45. Che l’organizzazione razionale della milizia rappresenti la condizione principale per ottenere la tanto agognata pace politica appare, agli occhi di Patrizi, abbondantemente provato dalle «sperienze tutte, in tutte le nazioni, che da tempi di Nembrote a noi si sono continuamente fatte vedere, e vedere si fanno tuttavia»46. L’Italia stessa, nel suo passato recente, ha subito le potenze straniere proprio per mancanza di tale dottrina:

  • 47 Loc. cit.

Percioché ne prossimi passati anni dalla discesa in Italia di Carlo VIII, Re di Francia, ne seguenti non più di LX ci hanno con nostri molti guai, fatto sentire il rivolto sozzopra di tutta essa, sì fattamente che non è in lei stata né casa né villa, né castello, né fortezza, né città (fuor che Vinegia, Ferrara e Mantova), né provincia, né stato veruno, che più volte non habbia mutato e rimutato signoria, con tante miserie e tante morti de poveri popoli, e con tanti estermini de prencipi e prencipati loro, che passano il numero di XXII […]. E di ciò cagione altra non fu, se non perché gli Italiani meno seppono di guerra di coloro che d’oltra monti a battere gli vennero in casa loro.47

27La decadenza degli Stati italiani è direttamente proporzionale al livello di ‘corruzione’ dei loro eserciti. Le storie di Scipione e di Quinto Cecilio Metello insegnano che la corruzione delle milizie può essere «corretta»; ma, ancora una volta, Patrizi vuole stabilire una scienza che anticipi il momento della decadenza, piuttosto che curarla:

  • 48 Ivi, II, pp. 290-291. Corsivo mio.

Così Scipione, co l’opporre a piaceri, de’ quali l’esercito era stato corrotto, i contrari dispiaceri, il corresse. E lo stesso fece Q. Cecilio Metello […]. Ma i nostri eserciti sono pieni di meretrici, e di altro peggiore, e si mangia, si bee, si crapula, si giuoca, si dorme, si veste sontuoso, si danno a tutte le delicie, e privati soldati, e più i capitani per migliore esempio. Non maraviglia dunque se i nostri eserciti […] non mai da loro superiori ricorretti, non ardiscono di vedere il nemico in faccia, non che di affrontarlo. Ma l’opera di Scipione, e di Metello, furono un medicare i già feriti. E meglio fora di assai, il non gli lasciar prima ferite, per dargli poi la medicina, ma conservargli intatti e sani tutto il tempo, che alla guerra deono servire. E questa conservazione in certe leggi proposte in pubblico, et eseguite, o dal capitano, o da maestrati e ministri a ciò destinati.48

  • 49 Nel seguente passaggio dei Paralleli militari troviamo, ad esempio, un riferimento esplicito alla (...)
  • 50 Cfr. C. Vasoli, Francesco Patrizi da Cherso, cit., pp. 229-259.

28La «scienza della milizia» di Patrizi, riprendendo il filo di un discorso iniziato con la Città felice, riunisce alcuni dei principi cardine della Nova de universis philosophia49 – la grande sintesi filosofica del pensiero patriziano, pubblicata nel 1591 – con l’uso della storia teorizzato nei Dialoghi del ‘60. Non è possibile, qui, condurre un’analisi approfondita del testo, la quale richiederebbe uno studio a parte sui legami – evidenti, per quanto mai del tutto espliciti – con il pensiero politico di Machiavelli50; ma sin da questi brevi accenni alla nuova teoria militare di Patrizi possiamo notare come la semantica della corruzione si sia evoluta lungo tutto l’arco della sua opera, adattandosi a contesti diversi dal punto di vista sia storico che teorico.

29Dalla Città felice ai Paralleli militari, la corruzione rappresenta tanto un processo di degenerazione fisiologica dei corpi umani e politici quanto il principio della memoria collettiva europea. Dal punto di vista medico-politico, attraverso strategie di «conservazione» dei corpi politici sempre più complesse, Patrizi elabora dei modelli ideali (lo stato perfetto, la milizia invincibile) in grado di sopperire, nei limiti del possibile, all’inevitabile processo di decadimento che colpisce tanto i singoli Sati quanto il complesso della società umana. In questa prospettiva, la logica inoppugnabile della filosofia e le esperienze derivanti dalla storia convergono verso un medesimo obiettivo: minimizzare il caos, ossia riportare ogni causa esterna (e quindi incontrollabile) al ‘principio’ della mente umana.

Conclusione

  • 51 Cfr. F. Patrizi, Della retorica dieci dialoghi, cit., ff. 5r-8r.
  • 52 F. Patrizi, La città felice, cit., f. 4v.

30In un mondo perfetto, come l’età dell’oro descritta nel primo dei Dialoghi della retorica51, le catastrofi non solo non esisterebbero, ma risulterebbero persino impensabili. Se l’essere umano fosse a conoscenza di tutto, qualsiasi evento, anche il più drammatico, gli apparirebbe come un momento necessario a mantenere l’ordine generale dell’universo. Ma il punto è che l’essere umano, dal punto di vista di Patrizi, non è affatto perfetto; ed è proprio dall’imperfezione costitutiva della sua mente, incapace di identificarsi completamente con la logica divina, che si apre lo spazio concettuale per la catastrofe. L’umanità, «per la corrotta natura sua»52, non può infatti che trasmettere il proprio difetto originario nel mondo culturale, sociale e politico che da essa trae origine. Per la mente umana, tra il concetto e la realtà – aspetto sul quale Patrizi insiste sin dai suoi Dialoghi del ‘60 e del ‘62 – esiste sempre uno iato. La Città felice, la storia perfetta e la milizia invincibile rappresentano dei modelli; l’umanità, essendo per sua natura corrotta, può tendere verso questi ideali, ma non identificarsi con essi. La catastrofe, dunque, può essere pensata come il simbolo di questo ‘vuoto’: è la prova che esista una distanza tra fatti e concetti, la quale, senza togliere dignità alla ricerca filosofica, può essere colmata solo in parte. Ed è per questo motivo, forse, che il mito, in qualità di luogo intermedio tra concetti e parole, venga prescelto da Patrizi nei suoi Dialoghi come il luogo ed il tempo delle catastrofi.

  • 53 Cfr. F. Patrizi, Panarchia, in Nova de universis philosophia, in qua aristotelica methodo non per (...)

31In conclusione, possiamo supporre che, dal punto di vista di Patrizi, il «freddore» di Tarquinia Molza, una volta in atto, fosse destinato a ripetersi; ma ciò non significa che fosse inevitabile. Per risolvere il paradosso della Molza è infatti necessario articolare lo spazio di interazione tra libertà umana e determinazione naturale su diversi livelli. Da una parte, come sembra emergere dai Dialoghi della historia e come si deduce dal secondo libro della Nova de universis philosophia53, nella metafisica patriziana tutto procede per gradi. Ogni corpo, sia fisico che sociale, è destinato a ripetere il medesimo ciclo vitale. Ma ad ogni corpo corrisponde un’anima, la quale, essendo per costituzione incorrottibile – e quindi indifferente rispetto ai cicli della materia – può porre in atto le condizioni affinché il corpo si adatti all’ambiente che lo circonda. La libertà umana, che ha sempre in Patrizi una connotazione negativa – è sempre libertà da, piuttosto che libertà di – si fonda nella capacità di prevedere il momento del declino. Il decorso della natura non può in alcun modo essere alterato, ma con una buona preparazione – medica, storica e scientifica – ci si può adattare ad esso, minimizzandone le conseguenze. Nel suo piccolo, l’eterno raffreddore di Tarquinia Molza, derivando da un mancato adeguamento alle «mutationi [dei] tempi», riflette, così, il principio di qualsiasi altra forma di corruzione, sia fisiologica che culturale.

Haut de page

Notes

1 F. Patrizi, Lettere ed opuscoli inediti, edizione critica a cura di D. Aguzzi Barbagli, Firenze, Istituto Nazionale di Studi sul Rinascimento, 1975, p. 18.

2 Loc. cit.

3 Ivi, p. 20.

4 Loc. cit., corsivo mio. Su Tebit, ovvero Thābit ibn Qurra, vedi la nota al testo a cura di D. Aguzzi Barbagli (ivi, p. 20, n. 1).

5 F. Patrizi, Della historia diece dialoghi, ne’ quali si ragiona di tutte le cose appartenenti all’historia, et allo scriverla, et all’osservarla, Venezia, Andrea Arrivabene, 1560, f. 16v.

6 Ivi, f. 15v.

7 Ivi, f. 16r.

8 F. Patrizi, La città felice; Dialogo dell’honore, il Barignano; Discorso della diversità de’ furori poetici; Lettura sopra il sonetto del Petrarca La gola, e’l sonno, e l’ociose piume, Venezia, Giovanni Griffio, 1553, f. 10r.

9 Non bisogna dimenticare che, dopo un’infanzia trascorsa fronteggiando i turchi sulle galee veneziane e dopo un breve periodo di studio ad Ingolstadt (nel mezzo del conflitto tra Carlo V e i principi protestanti), Patrizi studiò medicina a Padova, prima di dedicarsi alla filosofia. Nella celebre lettera autobiografica spedita a Baccio Valori nel gennaio del 1587, tra i maestri dello Studio patavino ricordati da Patrizi con favore troviamo non filosofi, ma medici. Giovanni Battista Monte, il quale «gli piacque per il metodo di trattar le cose», e Bassiano Lando, «di cui fu scolare mentre stette in istudio», incisero sulla formazione di Patrizi più del Genua (l’averroista Marco Antonio de’Passeri) e del Tomitano (F. Patrizi, Lettere ed opuscoli inediti, cit., p. 47). Sul rapporto tra medicina e politica nella Città felice, vedi S. Gómez López, Medicina y política en Francesco Patrizi: el cuerpo de La Ciudad Feliz, «Asclepio», vol. LXVII, n. 1, 2015 [https://doi.org/10.3989/asclepio.2015.15]; M. Muccillo, Dall’ordine dei libri all’ ordine della realtà: ordine e metodo nella filosofia di Francesco Patrizi, in Francesco Patrizi: Philosopher of the Renaissance. Proceedings from The Centre for Renaissance Texts Conference (24-26 April 2014), a cura di T. Nejeschleba e P. R. Blum, Olomouc, Palacký University, 2014, pp. 9-61 (17-20); C. Vasoli, Francesco Patrizi da Cherso, Roma, Bulzoni, 1989, pp. 1-24.

10 F. Patrizi, La città felice, cit., sig. A3.

11 Ivi, f. 4r. Corsivo mio.

12 Loc. cit.

13 Ivi, f. 6r.

14 Loc. cit.

15 Ivi, f. 6v.

16 Ivi, ff. 7v-8r.

17 Ivi, f. 9r.

18 Ivi, f. 13v.

19 Vedi L. Bolzoni, L’universo dei poemi possibili. Studi su Francesco Patrizi da Cherso, Roma, Bulzoni, 1980, pp. 38-46.

20 Su questo tema, vedi J.-L. Fournel, Les guerres de l’utopie. Considérations sur Thomas More, Francesco Patrizi et Tommaso Campanella, «Laboratoire italien», n. 10, 2010, pp. 129-154. [http://journals.openedition.org/laboratoireitalien/531].

21 F. Patrizi, Della historia diece dialoghi, cit., f. 15v.

22 Ivi, sig. A2.

23 Loc. cit.

24 L. Bolzoni, L’universo dei poemi possibili. Studi su Francesco Patrizi da Cherso, cit., pp. 63-95.

25 F. Patrizi, Della historia diece dialoghi, cit., ff. 1r-6r.

26 Ivi, f. 12r.

27 Ivi, f. 18rv.

28 Ivi, f. 12v.

29 Su questo tema, vedi A. L. Puliafito Bleuel, Between res and verba: The use of Myth in Francesco Patrizi’s Dialoghi della retorica (Venice, 1562), «Análisis», vol. IV, n. 2, 2017, pp. 243-263.

30 Sulle fonti dei miti patriziani, vedi M. Muccillo, Età dell’oro e tempo ciclico in Francesco Patrizi, in Utopia e modernità. Teorie e prassi utopiche nell’età moderna e postmoderna, 2 vol., a cura di G. Saccaro del Buffa e O. A. Lewis, Gangemi, Roma-Reggio Calabria, 1989, II, pp. 785-825; ead., Francesco Patrizi: dalla storia alla natura, in Natura e storia, a cura di G. Coccoli, C. Marrone, F. Ratto, G. Santese, Roma, Sestante, 1996, pp. 21-51; C. Vasoli, Francesco Patrizi da Cherso, cit., pp. 25-90.

31 F. Patrizi, Della historia diece dialoghi, cit., f. 15v.

32 Ivi, f. 16rv.

33 Ivi, f. 16r.

34 Vedi M. Merlicco, A Recurring Image in Francesco Patrizi of Cherso: the Ruins, «Esercizi Filosofici», vol. XVII, n. 1, 2022, pp. 22-36 [http://hdl.handle.net/10077/33868].

35 Vedi A. Grafton, What was history? The Art of History in Early Modern Europe, Cambridge, Cambridge University Press, 2007, pp. 130-132; P. N. Miller, Peiresc’s Orient: Antiquarianism as Cultural History in the Seventeenth Century, Farnham, Ashgate, 2012, pp. 8-9, 30-31.

36 F. Patrizi, Della historia diece dialoghi, cit., f. 16v.

37 Sul tema della ‘storia del futuro’ in Patrizi, vedi P. R. Blum, Francesco Patrizi in the “Time-Sack”: History and Rhetorical Philosophy, «Journal of the History of Ideas», vol. LXI, n. 1, 2000, pp. 59-74; M. D. Couzinet, History and Philosophy in Francesco Patrizi’s Dialoghi della istoria (1560), in Francesco Patrizi: Philosopher of the Renaissance. Proceedings from The Centre for Renaissance Texts Conference (24-26 April 2014), cit., pp. 62-88; S. Plastina, Gli alunni di Crono. Mito, linguaggio e storia in Francesco Patrizi da Cherso (1529-1597), Soveria Mannelli, Rubbettino, 1992.

38 Vedi F. Patrizi, Della retorica dieci dialoghi, nelli quali si favella dell’arte oratoria con ragioni repugnanti all’openione che intorno a quella hebbero gli antichi scrittori, Venezia, Francesco Senese, 1562 [rist. anast. a cura di A. L. Puliafito Bleuel, Lecce, Conte, 1994], ff. 5r-8r.

39 F. Patrizi, Della historia diece dialoghi, cit., f. 53r.

40 Ivi, f. 39r.

41 Ivi, f. 45rv: «Io dico, che essi sono eccellentissimi Stati in tante maniere, quanti sono i maneggi de governi civili, i quali, si come voi saper potete, sono cinque: Regno, Tirannide, Ottimati, Pochi, et Popolo».

42 Ivi, f. 32v.

43 Ivi, ff. 53v-54r.

44 F. Patrizi, Paralleli militari, nei quali si fa paragone delle milizie antiche in tutte le parti loro con le moderne, 2 vol., Roma, Luigi Zannetti, 1594-1595, I, sig. †2r. Patrizi aveva già pubblicato un breve testo sulla storia della milizia: cfr. F. Patrizi, La militia romana di Polibio, di Tito Livio e di Dionigi Alicarnaseo … dichiarata, et con varie figure illustrata. La quale a pieno intesa, non solo darà altrui stupore de’ suoi buoni ordini, e disciplina. Ma ancora, in paragone farà chiaro quanto la moderna sia difettosa e imperfetta, Ferrara, Domenico Mammarelli, 1583. Sulla ripresa della dottrina militare di Polibio da parte di Patrizi e sul suo legame con il De militia romana (1595) di Giusto Lipsio, vedi A. Momigliano, Essays in Ancient and Modern Historiography, Oxford, Blackwell, 1977 [1a ed. 1947], pp. 91-92.

45 F. Patrizi, Paralleli militari, cit., sig. †2r.

46 Loc. cit.

47 Loc. cit.

48 Ivi, II, pp. 290-291. Corsivo mio.

49 Nel seguente passaggio dei Paralleli militari troviamo, ad esempio, un riferimento esplicito alla dottrina del rapporto tra unità e molteplicità esposta nella Nova de universis philosophia: «Ogni moltitudine dal suo uno, per accrescimento di altri uni, ha suo nascimento. E si come ella dall’uno viene, ha anche dall’uno dipendenza, e all’uno si riduce, e di lui partecipa, e da lui, ogni sua virtù prende, come da radice sua naturale. Le quali cose havendo noi, nella nostra nuova filosofia, provate a pieno, senza più tornare a ridimostrarle, come di dimostrate, ci serviremo nel proposito presente di quelle, ch’uopo ci fia» (ivi, I, p. 43).

50 Cfr. C. Vasoli, Francesco Patrizi da Cherso, cit., pp. 229-259.

51 Cfr. F. Patrizi, Della retorica dieci dialoghi, cit., ff. 5r-8r.

52 F. Patrizi, La città felice, cit., f. 4v.

53 Cfr. F. Patrizi, Panarchia, in Nova de universis philosophia, in qua aristotelica methodo non per motum sed per lucem, et lumina, ad primam causam ascenditur. Deinde propria Patricii methodo, tota in contemplationem venit Divinitas. Postremo methodo platonica, rerum universitas, a conditore Deo deducitur, Ferrara, Benedetto Mammarelli, 1591, ff. 1r-48r (il primo libro del volume, intitolato Panaugia, ha una numerazione autonoma).

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Michele Merlicco, « L’eterno raffreddore di Tarquinia Molza. Natura e storia delle catastrofi nell’opera di Francesco Patrizi da Cherso »Laboratoire italien [En ligne], 29 | 2022, mis en ligne le , consulté le 23 mai 2024. URL : http://journals.openedition.org/laboratoireitalien/9350 ; DOI : https://doi.org/10.4000/laboratoireitalien.9350

Haut de page

Auteur

Michele Merlicco

Université Paris 1 Panthéon-Sorbonne ● Michele Merlicco est doctorant en philosophie à l’Université Paris 1 Panthéon-Sorbonne (ISJPS), en cotutelle avec l’Université de Gênes (FINO-Northwestern Italian Philosophy Consortium), sous la direction de Marie-Dominique Couzinet et Guido Giglioni. Entre 2019 et 2022, il a enseigné l’histoire de la philosophie moderne et contemporaine à l’université Paris 1 Panthéon-Sorbonne. Ses recherches portent sur l’histoire de la philosophie à la Renaissance. Parmi ses publications principales : « Francesco Patrizi e l’arte del linguaggio », Bruniana & Campanelliana, vol. 28, no 1, 2022, p. 119-213 ; « A recurring image in Francesco Patrizi of Cherso: The ruins », Esercizi filosofici, vol. 17, no 1, 2022, p. 22-36 [http://hdl.handle.net/10077/33868] ; « Il ruolo dell’immaginazione nel Liber de sensu di Charles de Bovelles », Bruniana & Campanelliana, vol. 24, no 2, 2018, p. 461-474 ; avec G. Giglioni, « Un’anatomia cardiocentrica nel Rinascimento: il Liber de Corde di Charles de Bovelles », Bruniana & Campanelliana, vol. 24, no 2, 2018, p. 499-510.

Haut de page

Droits d’auteur

CC-BY-NC-ND-4.0

Le texte seul est utilisable sous licence CC BY-NC-ND 4.0. Les autres éléments (illustrations, fichiers annexes importés) sont « Tous droits réservés », sauf mention contraire.

Haut de page
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search