Navigazione – Piano del sito

Home

  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon

Présentation

Laboratoire italien si propone di costituire un luogo di riflessione e di dibattito per chiunque nutra interesse per l’Italia come laboratorio politico. Presupporre un «laboratorio politico» italiano significa considerare l’Italia, nella sua pluralità e diversità, dal Medio Evo ai nostri giorni, come un luogo di realizzazioni e di riflessioni politiche specifiche che abbiano avuto una certa importanza al di là delle frontiere della penisola. Concepire l’Italia come un «laboratorio» significa anche, da un punto di vista metodologico, promuovere delle analisi fondate tanto su esperienze quanto su testi e concetti. Non si tratta soltanto di far dialogare gli autori ma di iscriverli nella storia scottante della loro città e, al contempo, nelle tradizioni testuali - giuridica, letteraria, filosofica, ecc. - che essi modificano o arricchiscono, di dar vita alle loro parole e di ricollocarli nel campo degli obiettivi a cui tendono e delle questioni che rivelano.

Ogni numero di Laboratoire italien comprende un dossier monografico, articoli di varia, pubblicazioni di testi e documenti inediti, letture di opere pubblicate recentemente.

Laboratoire italienè una rivista pubblicata da ENS Éditions, che beneficia del sostegno dell’UMR 5206 Triangle (ENS di Lione/Università di Lione) e del Dipartimento di scienze giuridiche dell’Università di Trento.

Nouvel emplacement de la rubrique « Lectures »

La rubrique Lectures, qui contient les comptes rendus désormais publiés au fil de l'eau, figure dans l'onglet Compléments, à gauche de l'écran, sous la liste des numéros disponibles.

 

Ultimo numero online
25/2020
Mots et gestes dans l’Italie de la Renaissance

Parole e gesti nell’Italia del Rinascimento
Words and Gestures in Early Modern Italy
Sotto la direzione di Jean-Louis Fournel e Corinne Lucas Fiorato

La prima modernità pone in vari modi il problema della diversità del linguaggio non verbale: naturale e non controllato, oppure costruito e codificato. Con quali parametri e con quali obiettivi ci si interrroga su quella cifra del mondo che, attraverso segni non verbali – diretti o indiretti – viene percepita come un mezzo di comunicazione universale, o viene pazientemente imparata per raggiungere una padronanza tecnica (dal pittore al chirurgo, dal cortegiano all’attore, dal predicatore al giurista o al diplomatico)? Nella profonda mutazione dei codici, indotta dall’emergenza di nuovi saperi (archeologia, filologia) e dagli sconvolgimenti politico-religiosi, le interazioni tra la parola e l’immagine introducono forme inedite di percezione di quel che si è visto e di quel che si dice o si scrive, secondo nuove articolazioni. La fissità dello scritto come del disegno, rivendicata ed estesa ad un pubblico più largo grazie alle stampe e alle incisioni, come la labilità insita nel gesto, a volte fugace, spesso temporanea, danno orgine ad un attrito delle parole contro i gesti, ad un gioco di apparenze e segni, di superficie e profondità, con nuovi statuti per l’immagine (la devozione combinata con l’illustrazione) e molteplici dispositivi di parole, gesti e voci nell’inventività del teatro profano, o ancora nelle pratiche diplomatiche e giuridiche, nutrite dall’abbondante e tentennante diversità delle parole per veicolare le sfumature dei gesti.

Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search