Navigazione – Piano del sito

Home

  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon

Présentation

Laboratoire italien si propone di costituire un luogo di riflessione e di dibattito per chiunque nutra interesse per l’Italia come laboratorio politico. Presupporre un «laboratorio politico» italiano significa considerare l’Italia, nella sua pluralità e diversità, dal Medio Evo ai nostri giorni, come un luogo di realizzazioni e di riflessioni politiche specifiche che abbiano avuto una certa importanza al di là delle frontiere della penisola. Concepire l’Italia come un «laboratorio» significa anche, da un punto di vista metodologico, promuovere delle analisi fondate tanto su esperienze quanto su testi e concetti. Non si tratta soltanto di far dialogare gli autori ma di iscriverli nella storia scottante della loro città e, al contempo, nelle tradizioni testuali - giuridica, letteraria, filosofica, ecc. - che essi modificano o arricchiscono, di dar vita alle loro parole e di ricollocarli nel campo degli obiettivi a cui tendono e delle questioni che rivelano.

Ogni numero di Laboratoire italien comprende un dossier monografico, articoli di varia, pubblicazioni di testi e documenti inediti, letture di opere pubblicate recentemente.

Laboratoire italienè una rivista pubblicata da ENS Éditions, che beneficia del sostegno dell’UMR 5206 Triangle (ENS di Lione/Università di Lione) e del Dipartimento di scienze giuridiche dell’Università di Trento.

Nouvel emplacement de la rubrique « Lectures »

La rubrique Lectures, qui contient les comptes rendus désormais publiés au fil de l'eau, figure dans l'onglet Compléments, à gauche de l'écran, sous la liste des numéros disponibles.

 

Ultimo numero online
27/2021
A distanza

À distance
Distance learning
Sotto la direzione di Jean-Louis Fournel e Matteo Palumbo

L’università ha sempre ipotizzato incontri, faccia a faccia, presenze, attraversamenti: la «distanza», quando veniva pensata, era soprattutto una questione di metodo, di problematizzazione che consentisse la costruzione di un punto di vista originale: la distanza era feconda quando si accontentava di essere metaforica. Al contrario, quella che si è imposta nel marzo 2020 è stata proprio una distanza di brutale concretezza. Nascono neologismi e sigle barbariche come la coppia «présentiel» / «distanciel» in francese o la DAD (didattica a distanza) in italiano. Un elemento che era ovvio, la presenza, è diventato una semplice opzione, che può essere scartata, donde nuove pratiche accademiche. A causa dell’impossibilità di viaggiare, la pandemia ha anche sconvolto i giochi di scala che solitamente interessano le università (a livelli locali nazionali e internazionali). Anche se la generalizzazione del distanziamento ha portato a sofferenze, individuali e collettive, la questione della distanza non può essere affrontata unicamente sulla base di reazioni affettive o tecnofobiche. Si tratta, al contrario, di stabilire osservazioni, di analizzare le conseguenze, di individuare le proiezioni, di tenere conto dei possibili «interessi» occasionali per i vari attori, a cominciare da quelli che governano l’università, a livello locale e nazionale. Questo è ciò su cui questo dossier vorrebbe avviare una discussione aperta.

Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search