Navigazione – Piano del sito

Home

  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon

Présentation

Laboratoire italien si propone di costituire un luogo di riflessione e di dibattito per chiunque nutra interesse per l’Italia come laboratorio politico. Presupporre un «laboratorio politico» italiano significa considerare l’Italia, nella sua pluralità e diversità, dal Medio Evo ai nostri giorni, come un luogo di realizzazioni e di riflessioni politiche specifiche che abbiano avuto una certa importanza al di là delle frontiere della penisola. Concepire l’Italia come un «laboratorio» significa anche, da un punto di vista metodologico, promuovere delle analisi fondate tanto su esperienze quanto su testi e concetti. Non si tratta soltanto di far dialogare gli autori ma di iscriverli nella storia scottante della loro città e, al contempo, nelle tradizioni testuali - giuridica, letteraria, filosofica, ecc. - che essi modificano o arricchiscono, di dar vita alle loro parole e di ricollocarli nel campo degli obiettivi a cui tendono e delle questioni che rivelano.

Ogni numero di Laboratoire italien comprende un dossier monografico, articoli di varia, pubblicazioni di testi e documenti inediti, letture di opere pubblicate recentemente.

Laboratoire italienè una rivista pubblicata da ENS Éditions, che beneficia del sostegno dell’UMR 5206 Triangle (ENS di Lione/Università di Lione) e del Dipartimento di scienze giuridiche dell’Università di Trento.

Nouvel emplacement de la rubrique « Lectures »

La rubrique Lectures, qui contient les comptes rendus désormais publiés au fil de l'eau, figure dans l'onglet Compléments, à gauche de l'écran, sous la liste des numéros disponibles.

 

Ultimo numero online
26/2021
Voix et parcours du féminisme dans les revues de femmes (1870-1970)

Voci e percorsi del femminismo nelle riviste delle donne (1870-1970)
Voices and Paths of Feminism in Women’s Magazines (1870-1970)
Sotto la direzione di Laura Fournier-Finocchiaro, Liviana Gazzetta e Barbara Meazzi

Tra Ottocento e Novecento, il femminismo italiano trovò il suo spazio naturale nella stampa periodica, che fu il suo principale strumento di dibattito e di coagulazione. Le riviste femminili hanno avuto un ruolo cruciale nelle relazioni delle donne italiane con le associazioni femministe internazionali, e illustrano la complessità delle motivazioni e delle lotte femministe, che non possono essere ridotte alle sole rivendicazioni suffragiste e di uguaglianza giuridica. Così, a partire dal primo femminismo, è possibile identificare nella stampa una prospettiva più ampia di trasformazione della società e della famiglia, così come un’attenzione alla questione sociale e alla politica, che anticipa e prepara i movimenti delle donne della fine del Novecento. Il volume, che cerca di decostruire la rigida opposizione tra il «femminismo borghese» e l’antifemminismo dei partiti operai, dedica particolare attenzione alle riviste femminili legate ai gruppi socialisti, anarchici e comunisti, evidenziando la loro partecipazione rilevante alla lotta per l’emancipazione delle donne italiane.

Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search