Navigazione – Mappa del sito

Home

Présentation

Laboratoire italien si propone di costituire un luogo di riflessione e di dibattito per chiunque nutra interesse per l’Italia come laboratorio politico. Presupporre un «laboratorio politico» italiano significa considerare l’Italia, nella sua pluralità e diversità, dal Medio Evo ai nostri giorni, come un luogo di realizzazioni e di riflessioni politiche specifiche che abbiano avuto una certa importanza al di là delle frontiere della penisola. Concepire l’Italia come un «laboratorio» significa anche, da un punto di vista metodologico, promuovere delle analisi fondate tanto su esperienze quanto su testi e concetti. Non si tratta soltanto di far dialogare gli autori ma di iscriverli nella storia scottante della loro città e, al contempo, nelle tradizioni testuali - giuridica, letteraria, filosofica, ecc. - che essi modificano o arricchiscono, di dar vita alle loro parole e di ricollocarli nel campo degli obiettivi a cui tendono e delle questioni che rivelano.

Ogni numero di Laboratoire italien comprende un dossier monografico, articoli di varia, pubblicazioni di testi e documenti inediti, letture di opere pubblicate recentemente.

Laboratoire italienè una rivista pubblicata da ENS Éditions, che beneficia del sostegno dell’UMR 5206 Triangle (ENS di Lione/Università di Lione) e del Dipartimento di scienze giuridiche dell’Università di Trento.

Ultimo numero online
28 | 2022
« Un roman de formation collectif ». Les revues féministes en Italie des années 1970 à nos jours

«Un romanzo di formazione collettivo». Le riviste femministe in Italia dagli anni Settanta ad oggi
“A collective Bildungsroman”. Feminist magazines in Italy from the 1970s to the present day
A cura di Marie Fabre, Corinne Manchio, Beatrice Manetti e Francesca Irene Sensini

Dagli anni Settanta del secolo scorso, il movimento femminista ha fatto delle riviste non solo uno strumento di espressione e di elaborazione teorica, ma uno spazio di militanza, di ripensamento delle relazioni tra donne e di sperimentazione di nuove pratiche politiche. La forma rivista ne è uscita quindi trasformata sia nelle sue modalità di produzione e diffusione sia nel rapporto con lettori e lettrici, e rappresenta oggi, più di qualsiasi altro materiale d’archivio, un osservatorio privilegiato per riattraversare le trasformazioni del femminismo italiano dagli ultimi trent’anni del Novecento alla contemporaneità. Questo fascicolo di «Laboratoire italien», che fa seguito a un numero dedicato a «Voci e percorsi del femminismo nelle riviste delle donne (1870-1970)», offre una prima ricognizione, senza pretese di esaustività, della multiforme produzione editoriale femminista nelle sue diverse fasi e nelle sue specificità: dalla forte spinta sperimentale degli anni Settanta, all’intensificarsi della discussione teorica e della produzione culturale nel decennio successivo, fino alla svolta multimediale del nuovo millennio e alla dimensione transnazionale dei femminismi contemporanei.

  • Logo Université de Lyon
  • DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search