Skip to navigation – Site map

HomeNuméros50-2Actualité de la rechercheDébats. Archéologie et diplomatie...II. — Regards croisés sur l’actio...Italie

Actualité de la recherche
Débats. Archéologie et diplomatie européenne en Méditerranée
II. — Regards croisés sur l’action des pays européens face à la crise libyenne [entretiens]

Italie

Entretien
Luisa Musso
p. 371-374

Full text

Prima della crisi

Potrebbe darci una panoramica delle ricerche archeologiche condotte dall’ Italia in Libia a partire dagli anni 2000?

Fino a un decennio fa, l’Italia contava ben 20 missioni archeologiche attive in Libia, distribuite in Tripolitania, Cirenaica e Fezzan. Due di queste missioni, facenti capo l’una all’Università di Urbino (Cirene), l’altra alla Sapienza Università di Roma (Tadrart Acacus e Messak), furono istituite già negli anni Cinquanta del secolo scorso. In molti altri casi si tratta invece della gemmazione da missioni «storiche».

Il ventaglio degli interessi e i programmi delle missioni sono molto differenziati. Si passa da un forte radicamento nel territorio, come nel caso delle missioni preistoriche (Acacus e Djebel el-Gharbi), a missioni che privilegiano lo studio e la pubblicazione dei monumenti scavati nel periodo coloniale e/o che fondano il proprio impegno in attività di restauro nei principali centri antichi: Cirene, Leptis Magna, Sabratha. Fino agli inizi del nuovo millennio l’interesse preponderante è stato quello dello studio dell’impianto urbanistico e degli edifici più rappresentativi — vale a dire essenzialmente i monumenti ufficiali — dei siti archeologici maggiori. Il cambio generazionale avvenuto nella direzione di molte missioni ha comportato un riassetto degli interessi scientifici: è cresciuta l’attenzione per l’evoluzione del paesaggio, la ricostruzione dei modelli insediativi, l’organizzazione dello sfruttamento del suolo, avvalendosi in qualche caso di innovative tecnologie di indagine.

Da quanto tempo lavora in Libia? Su quali progetti?

Come responsabile della Missione Archeologica facente capo all’Università Roma Tre sono attiva in Libia (Leptis Magna e Tripoli) a partire dal 1995, quantunque abbia iniziato la mia attività sul posto dal 1984, grazie alla collaborazione con la Missione Archeologica «Tempio Flavio» operante a Leptis Magna. Gli ambiti di interesse della nostra missione sono numerosi: studio delle ville marittime (punto focale nel complesso di Silin) e ricognizione del territorio costiero facente capo a Leptis Magna; analisi delle dinamiche di occupazione e sfruttamento dell’ager leptitano dal ii secolo a.C. al xii-xiii secolo d.C.; indagine dell’organizzazione del suburbio occidentale di Leptis con particolare attenzione allo spazio funerario; studio sistematico della scultura e degli apparati musivi delle ville. La missione si è fatta inoltre carico dell’allestimento del Museo di Leptis Magna e di quello, sempre a Leptis Magna, del c.d. «Museo delle Ville». Grazie a un progetto speciale del Ministero degli Affari Esteri — Direzione Generale della Cooperazione allo Sviluppo, la missione ha in corso un progetto di inventariazione digitalizzata dei materiali conservati nei musei e nei magazzini dei musei della Tripolitania e loro ricontestualizzazione grazie all’interfaccia con i dati reperibili dalla documentazione di archivio.

Potrebbe descrivere in cosa consisteva la collaborazione con i rappresentanti dell'archeologia libica?

Il Dipartimento delle Antichità della Libia (DoA) ha costantemente richiesto alle missioni archeologiche un loro impegno «al plurale», un impegno cioè che contempli la trasmissione in contesto locale del necessario know-out tecnologico, ma anche la presa in carico del restauro non solo dei monumenti portati in luce da quando esse sono state istituite, ma anche di quelli scavati nel periodo coloniale. È infatti convinzione diffusa che a farsi carico di questi restauri debba essere il Ministero degli Affari Esteri, attraverso il finanziamento concesso alle missioni.

Fino al 2010, la progressiva apertura della Libia a un turismo «culturale» aveva comportato la crescente sensibilizzazione delle competenti autorità nei confronti della valorizzazione delle aree archeologiche. Emblematico il caso della villa di Silin, considerata un punto di forza dell’offerta culturale/turistica di Leptis Magna. Salvaguardia, conservazione e restauro di questo fragile monumento, soggetto a rapido deterioramento a causa della sua posizione che lo rende facilmente aggredibile dagli agenti atmosferici, sono pertanto considerati dalla missione un impegno prioritario.

Dopo la crisi

Nel 2011, nel momento in cui è scoppiata la guerra in Libia, aveva previsto di partire in missione?

Già dalla fine del 2010 la missione ha ripreso le attività sul posto, portando a compimento, nei mesi successivi, il restauro di un importante mosaico messo in luce in una villa prossima a Leptis Magna; ha continuato la ricognizione del suburbio meridionale di Khoms; ha proseguito il programma di inventariazione digitalizzata dei reperti conservati a Tripoli. Dopo un’interruzione protrattasi dal 2014 al 2018, la missione è ritornata tre volte in Libia (2018 e 2019), soggiornando esclusivamente a Tripoli. Al momento è infatti preclusa l’attività sul campo e i musei sono inaccessibili. Questa situazione non ha tuttavia impedito la cooperazione a distanza, sia sostenendo, sotto il profilo progettuale e finanziario, attività che potevano essere realizzate sotto la supervisione del DoA (come è avvenuto per la nuova copertura della villa di Silin), sia attraverso la promozione di convegni internazionali (Mausolea and funerary landscape of ancient North Africa: acculturation and regional identity, Roma, 26-27 ottobre 2017) e di incontri, come nel caso del workshop Tripoli Red Castle and Museums of Tripolitania, Zarzis (Tunisia), 8-11 giugno 2015.

Da un punto di vista di finanziamento della ricerca, riceve ancora un sostegno da parte del suo paese (MEAR, università e/o altri) per portare avanti la cooperazione? L’importo ha subito modifiche?

La Missione ha potuto contare, in maniera continuativa, sul sostegno finanziario del Ministero degli Affari Esteri, al quale si è aggiunto, nel caso di progetti speciali come quello della realizzazione della copertura della villa di Silin, un finanziamento straordinario da parte di una fondazione privata.

Prospettive future

Nel caso in cui la Libia nei prossimi anni rimanga un terreno inaccessibile, come pensa di mantenere i rapporti di cooperazione scientifica con i colleghi del paese ospitante?

La situazione è al momento molto fluida ed è difficile poter fare pronostici sugli sviluppi da oggi a pochi mesi. Prevediamo comunque di proseguire la cooperazione a distanza, impegnandoci a sostenere la richiesta del DoA relativa alla messa in sicurezza degli edifici che hanno subito danni nell’ultimo decennio — principalmente a causa delle difficoltà che i locali dipartimenti hanno avuto ad operare sul campo —, situati nelle aree archeologiche di Cirene, Leptis Magna e Sabratha, facenti parte dei siti UNESCO dichiarati in stato di pericolo.

Il DoA richiede inoltre un impegno attivo e costante nel contrasto al traffico illecito dei reperti, attraverso la segnalazione degli oggetti presenti sul mercato antiquario illegalmente usciti dalla Libia.

Sul versante delle pubblicazioni scientifiche, le missioni italiane sono impegnate a cooperare alla pubblicazione di Libya Antiqua, organo ufficiale del DoA, e della rivista Quaderni di Archeologia della Libya.

Secondo Lei, quali soluzioni a breve e lungo termine possono essere prese in considerazione per non interrompere la cooperazione scientifica e promuovere la trasmissione delle conoscenze e la salvaguardia del patrimonio?

A dettare l’agenda delle priorità, caso per caso, è il DoA, che non ha mai interrotto i rapporti con la le missioni archeologiche. Le voci prioritarie di questa nuova agenda sono: monitoraggio e tutela del territorio, conservazione (un tema «drammaticamente» attuale), formazione. Oltre a ciò, oggi si deve contribuire alla migliore conoscenza (e contestualizzazione) di un patrimonio mobile mai compiutamente inventariato e tanto meno catalogato, nonché al riordino della documentazione archivistica. Il DoA ha inoltre indicato come urgente la riproduzione digitalizzata degli archivi delle missioni archeologiche operanti in Libia (non esclusivamente di quelle italiane), da trasmettere all’archivio centrale di Tripoli, al fine di garantirne l’accessibilità ai ricercatori libici.

In generale, è auspicabile che le missioni facciano uno sforzo per uscire dall’hortus conclusus dei propri specifici interessi, al fine di promuovere la messa in atto di un proficuo dialogo anche tra gruppi di nazionalità diversa nel quadro del consolidamento di un’indispensabile architettura di cooperazione internazionale, così da facilitare quella collaborazione necessaria per venire incontro alle esigenze del DoA. Prioritari appaiono oggi l’elaborazione di progetti che possano essere realizzati in Libia con una consulenza a distanza (come nel caso del sistema di monitoraggio attraverso l’elaborazione di immagini satellitari) e, parallelamente, la messa in cantiere di una robusta e qualificata formazione — a breve, medio e lungo termine — dei quadri scientifici e del personale tecnico del DoA. L’attività di formazione è stata puntualmente segnalata tra i «topics» in occasione dell’incontro tra i rappresentanti del DoA e le missioni archeologiche italiane, organizzato a Roma dall’Ambasciata libica in Italia il 12 settembre 2019. I campi in cui è opportuno venga attuata questa politica di formazione sono quelli della gestione dei siti, dei musei e dei magazzini; l’incremento delle capacità linguistiche e di quelle informatiche; la conservazione degli edifici e il restauro dei manufatti (mosaici, affreschi, ceramica, carta, fotografie su vetro e pellicola).

Top of page

References

Bibliographical reference

Luisa Musso, “Italie”Mélanges de la Casa de Velázquez, 50-2 | 2020, 371-374.

Electronic reference

Luisa Musso, “Italie”Mélanges de la Casa de Velázquez [Online], 50-2 | 2020, Online since 01 October 2020, connection on 14 May 2021. URL: http://journals.openedition.org/mcv/13162; DOI: https://doi.org/10.4000/mcv.13162

Top of page

About the author

Luisa Musso

Università di Roma Tre

Top of page

Copyright

Licence Creative Commons
La revue Mélanges de la Casa de Velázquez est mise à disposition selon les termes de la Licence Creative Commons Attribution - Pas d’Utilisation Commerciale - Pas de Modification 3.0 France.

Top of page
  • Logo Casa de Velázquez
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search