Navigation – Plan du site
Dossier
Contrepoint

Lingua e stile nella predicazione dei gesuiti missionari in Italia (xvi-xviii secolo)

Alcune riflessioni
Langue et style de la prédication des missionnaires jésuites en Italie (xvie-xviiie siècle). Quelques réflexions
Lengua y estilo en la predicación jesuita en Italia (siglos xvi-xviii). Algunas reflexiones
Language and style in the preaching of the Jesuit missionaries in Italy (16th-18th centuries). Some thoughts
Bernadette Majorana
p. 133-151

Résumés

Les jésuites qui effectuent des missions dans les zones rurales de l’Italie ne traitent presque jamais explicitement la question de la communication linguistique. Les sources permettent cependant de reconstruire la conscience qu’ils avaient des problèmes qu’elle posait. À l’époque moderne, le pays est fragmenté en dialectes, les campagnes sont analphabètes et l’italien n’est qu’une langue littéraire. Selon les sources, les missionnaires sont italophones et n’utilisent pas les dialectes locaux, ce qui suscite des interrogations qui intéressent de manière générale l’expérience missionnaire des jésuites entre les xvie et xviiie siècles. Dès le xviie siècle, les missionnaires italiens les plus capables envisagent des solutions : ils associent au langage verbal un langage physique et figuratif, combinant geste et parole. Cette sorte de lingua franca se fonde sur la pratique spirituelle et comportementale de l’accomodatio et a recours à la culture dramatique jésuite.

Haut de page

Texte intégral

  • 1  La Compagnia di Gesù viene approvata da Paolo III nel 1540 (bolla Regimini militantis Ecclesiae) e (...)

1Sul territorio italiano, tra la seconda metà del xvi secolo e la sopressione dellantica Compagnia di Gesù1, la missione interna gesuitica è retta da uno sforzo continuo di definizione di tecniche condivise, che si vanno lentamente ordinando intorno a unesigenza di metodo sempre più avvertita. Questo orientamento porta alla formazione di una cultura missionaria specializzata e di un numero limitato di individui, particolarmente adatti alla vita e alla predicazione nelle campagne e disposti più di altri confratelli a maturare competenze pastorali adeguate alle esigenze di un ufficio difficile.

2Questi missionari non affrontarono quasi mai esplicitamente l’argomento della comunicazione linguistica. Tuttavia le fonti dirette — come si vedrà — consentono di ricostruire la consapevolezza de facto del problema e le soluzioni individuate e via via fissate.

3A quest’epoca il territorio italiano è linguisticamente frammentario. Non c’è una lingua sovraregionale e la maggior parte dei parlanti usa dialetti particolari, diversi fino al punto da non permettere la comunicazione. Il processo di unificazione linguistica viene avviato al principio del ‘500 in ambito letterario, distinguendo tra il parlato e lo scritto e individuando in alcuni modelli volgari toscani la forma dell’italiano canonico. La questione si mantiene vincolata al dibattito intellettuale e alla sperimentazione letteraria, tra molte controversie; mentre la Chiesa non vi prende posizione, benché sia un agente determinante della comunicazione in volgare, a maggior ragione per il ruolo assunto, col xii secolo, dagli ordini mendicanti nella comunicazione religiosa e, dopo l’avvento della stampa, per la quantità di testi d’ambito religioso che si andavano pubblicando nelle lingue volgari.

4Il traguardo verso una lingua unitaria è reso difficile per secoli da ragioni politiche, culturali e sociali, e si accompagna a un analfabetismo profondo: alla unificazione politica del Paese, che si realizzerà dopo la metà del xix secolo, i parlanti italofoni sono quantificabili nel 10% circa della popolazione; mentre le persone completamente analfabete toccano l’80% (cioè quindici milioni di individui adulti su venti milioni); e la cifra supera il 90% nel meridione d’Italia, dove raggiunge quasi il 100% quanto alla popolazione femminile.

  • 2Librandi, 2006, pp. 115-118, Trifone, 2006, pp. 27-32; e si vedano anche Coletti, 1983, Librandi, (...)

5In età post-tridentina il numero di persone in grado di leggere, capire e riprodurre, nello scritto e nel parlato, una lingua comune è imprecisato; è imprecisato anche il numero di coloro che si collocano sul confine tra oralità e scrittura. Gli abitanti delle aree rurali sono per la massima parte analfabeti2.

Prediche, dottrina, missioni

  • 3  «La predicazione è stata lo strumento di comunicazione di massa che più a lungo e capillarmente ha (...)

6L’attenzione della Chiesa a sviluppare strategie comunicative e forme espressive che consentissero l’apprendimento e il rafforzamento delle verità di fede corrispondeva alla volontà di compiere un’azione diffusa, col fine di fornire i fedeli dell’essenziale per la salvezza dell’anima: i mezzi principali per ottenere questi risultati erano le prediche e la dottrina cristiana, operanti le une mediante processi discorsivi, l’altra mediante processi prevalentemente ripetitivi e memorativi. Di fronte all’assenza di significativi processi istituzionali di acculturazione linguistica delle masse dei poveri, esse rappresentarono in età moderna un tessuto importante di trasmissione dei volgari, che si sarebbero progressivamente incorporati nella lingua italiana3.

  • 4 Coletti, 2011
  • 5 Si vedano al riguardo i recenti quadri riassuntivi di Librandi, 2006, Id., 2010, Coletti, 2011.

7Quanto allo svolgimento di tale funzione pastorale, gli storici della lingua italiana hanno recentemente associato all’uso dei due mezzi tradizionali anche le missioni interne: «grande invenzione4» gesuitica del secondo Cinquecento, apostolato sistematico, rivolto ad aggregazioni di battezzati caratterizzati dall’analfabetismo, oltre che dalla ignoranza religiosa e dalla povertà, abitanti le aree extra-urbane, si attribuisce alle missioni grande efficacia per l’acquisizione, tra il xvi e il xix secolo, di una lingua comune in ogni parte d’Italia5.

  • 6 In particolare sull’adattamento della predicazione alla realtà linguistica dei destinari si veda (...)

8La predicazione, la catechesi, le missioni non includevano tuttavia unopzione linguistica da parte della Chiesa: proibito laccesso diretto dei fedeli alla Bibbia e stabilito luso del latino nella liturgia, essa non affrontò in sede teorica o precettistica la questione della promozione di un volgare rispetto a un altro, mentre pose la più viva attenzione alla comprensibilità. Si prospettava perciò un impegno cospicuo di adeguamento alle lingue parlate nei territori e negli ambienti in cui si operava e alle effettive capacità dei de-stinatari6: non si trattava di parlare la lingua dei fedeli, ma una lingua commisurata ai fedeli, e tale da assicurare la coerenza tra il magistero ecclesiastico e la persuasività dellopera missionaria.

Questioni oratorie

9Benché le difformità linguistiche e l’ignoranza diffusa del Paese fossero evidenti, i gesuiti non ricevevano nessuna preparazione specifica per affrontare le missioni interne: quella linguistica pareva, nelle missioni d’Italia, una nulla quaestio.

  • 7 Rimando a Prosperi, 1982, nonché a Id., 1996, pp. 554-561.
  • 8 Landini a Loyola, 7 febbraio 1553, in Epistolae mixtae, 1900, p. 116.

10La nozione di Indie europee7 — che orientò spiritualmente già il primo gesuita missionario nelle regioni cattoliche, quel Silvestro Landini (1503?-1554) che nel 1553, a proposito della Corsica dove si trovava, scrive a Loyola: «questa isola sarà la mia India8» — alludeva alla ignoranza semi-pagana dei poveri delle aree rurali, montane o marine, ma senza accendere nella Compagnia un’attenzione sistematica sul problema della comunicazione verbale, benché la difficoltà di mettere in opera i consueta ministeria gesuitici, tutti legati alle parole, potesse vanificare tanto l’ortoprassi missionaria quanto quegli atti sacramentali, come la confessione, che comportavano il ruolo attivo del fedele e la reciproca comprensione dei parlanti.

  • 9 Per esempio Landini a Loyola, febbraio 1549, probabilmente da Modena, in Litterae quadrimestres, (...)

11Nella incertezza dei propri mezzi e degli esiti, il ricorso alla convinzione di essere soltanto strumenti della potenza di Dio poteva offrire ai missionari una solida sponda spirituale, a cui fare riferimento sia dinanzi al rischio di fallimento sia dinanzi al successo della loro comunicazione (una prospettiva che si traduce presto in un topos della narrazione edificante missionaria). Tale convinzione è testimoniata in molte fonti, a cominciare dallo stesso Landini9; e centocinquant’anni dopo, giunge fino ad Antonio Baldinucci (1665-1717), il missionario fiorentino che, con la stesura dei suoi Avvertimenti per i confratelli, fu anche il solo ordinatore di un quadro precettistico della prassi missionaria gesuitica definitasi sul territorio italiano. Circa nel 1705 scrive:

  • 10 Baldinucci, Avvertimenti a chi desidera impiegarsi nelle missioni, ms., Opp. Nn. 299, 1705 ca., fi(...)

E qui conviensi osservare quel celebre asseoma del santo patriarca Ignatio, il quale diceva che dobbiamo talmente fidarci di Dio, come se del nostro non ci fosse afatto nulla, ma insieme con tanta diligenza ed accortezza operare come se Iddio lasciasse far tutto a noi: perché noi senza Iddio siamo un mero nulla, ma dallaltro lato vuol egli che dal canto nostro facciamo quello che possiamo per cooperare alla sua gratia. Delluno e dellaltro ci dà egli sovente singolari esempij nelle missioni, nelle quali talvolta con le stesse prediche ed altre funtioni, riuscite efficacissime in altri luoghi, non si cava alcun frutto, benché il popolo sia ugualmente disposto; e quando ci crediamo di non far nulla, si vedono mirabili le conversioni de traviati, perché vuol farci chiaramente conoscere che egli è quello che fa e non siamo noi10.

  • 11 Costituzioni, parte X, §§813-814, in Ignazio di Loyola, Gli scritti, pp. 646-647.
  • 12 O’Malley, 1999.
  • 13 Epistola R.P.N. Claudii Aquavivae ad patres Societatis. De fervore et zelo missionum (1594), in Ep (...)

12Le Costituzioni, daltronde, stabilivano che «la dottrina fondata e solida e il modo di proporla al popolo» dovevano essere i mezzi che, insieme con la carità, permettevano al gesuita di congiungersi alla «mano divina» per farsene docile e umile «strumento» nellopera di redenzione11. A questo riguardo, un forte richiamo programmatico viene, nel 1594, dalla lettera del preposito generale Claudio Acquaviva (1581-1615) De fervore missionum, lunga esortazione allopera missionaria in cui profondere tutta intera la ricchezza personale derivata a ciascun gesuita dai talenti elargiti da Dio e fatti fruttare in abbondanza, in molti anni di studio: il generale richiama appunto i ministeri che i padri dovevano esercitare a tale scopo (dottrina cristiana, prediche, lezioni sacre, esercizi spirituali, ascolto delle confessioni, amministrazione della comunione e di altri sacramenti: i consueta ministeria gesuitici appunto12) e contestualmente ricordava loro che qualunque frutto avessero ottenuto, esso non proveniva dalle loro capacità e dal loro industriarsi, bensì dalla mano di Dio13.

  • 14 Concilium Tridentinum, sessione V, 17 giugno 1546, Decretum super lectione et praedicatione, §11, (...)
  • 15 Los ejercisios espirituales. Autografo, in Ignazio di Loyola, 1995, p. 88.
  • 16 Majorana, 2003, pp. 194-198, e Id., 2011, pp. 333-345.

13Insieme con i ministeri propri della Compagnia, i missionari disponevano di criteri generali di apostolato: la semplicità e la chiarezza della predicazione, specialmente in vista dei più bisognosi, plebes e parvuli, statuita già in sede conciliare nella sessione quinta del 154614. Per parte sua, come è noto, Loyola aveva fatto della cura spirituale delle «personas más rudas o sin letras15» — dai bambini fino agli analfabeti (i rudes e i pueri della Formula Instituti e delle Costituzioni) — una chiave di volta dell’impegno gesuitico, associata alla nozione di accommodatio mediante la umiltà e la povertà, a cui i membri della Compagnia dovevano sempre attenersi16.

  • 17 Epistola R.P.N. Claudii Aquavivae ad patres et fratres Societ. Jesu. De renovatione spiritus, et c (...)

14In questo quadro, tra la fine del xvi secolo e il principio del xvii, il generale Acquaviva mosse critiche severe alla predicazione in voga, ornata, letteraria, carica di erudizione e tanto distante dalla lingua parlata da rischiare di non poter essere effettivamente istruttiva e rilevante per la vita pratica dei fedeli; richiamò severamente i gesuiti perché vi rinunciassero17.

15All’interno della Compagnia di Gesù, il confronto tra oratoria cittadina e oratoria missionaria, cioè tra i due diversi ministeri gesuitici, si era fatto costante e a ben vedere è qui che converge la maggior parte delle riflessioni inerenti allo stile e alla lingua della predicazione rurale. Gli stessi missionari interni, infatti, contestavano ai confratelli che andavano a predicare nelle campagne occasionalmente, e senza la necessaria esperienza, di non cogliere la specificità di quell’ufficio presso i poveri e gli ignoranti e di compiere esibizioni oratorie come quelle che offrivano al pubblico di intenditori curiosi e plaudenti della città, col risultato di mostrarsi superbi, indifferenti alle vere esigenze e capacità dei destinatari, e per di più di riuscire incomprensibili, dissuadendo l’uditorio dall’ascolto attento e partecipe della predica.

16Per i missionari la predicazione doveva essere caratterizzata dalla inscindibilità di forme e scopi, generata da una concezione profondamente unitaria e fortemente orientata in senso apostolico, dove la cultura dei gesuiti si mettesse interamente al servizio degli ignoranti.

  • 18 Epistola R.P.N. Claudii Aquavivae ad provinciales Societatis. De jubilaeo et missionibus, in Epist (...)

17Tali asserzioni coincidevano con la assegnazione di una funzione pedagogica e dottrinale alle prediche (che nel corso delle missioni erano sempre parallele al catechismo, svolti le une e l’altro giornalmente). Si guardava alle pratiche popolari di esemplari predicatori francescani e domenicani: non è raro, infatti, che questa tradizione sia richiamata dalle fonti missionarie gesuitiche, dove tali riferimenti sono certamente supportati dalla istruzione De jubilaeo et missionibus del 1590, in cui Claudio Acquaviva, nel condannare la predicazione altisonante e le argomentazioni sottili e complicate, aveva fatto, all’opposto, un esplicito riferimento allo stile di Vincenzo Ferrer perché i missionari rurali vi si conformassero in tutto e per tutto18.

18In particolare, per i gesuiti missionari il contrastare le ricercatezze retoriche era indispensabile per condurre un’esperienza concreta di umiltà, di povertà e di accomodamento: il modello apostolico della missione ai poveri, lo statuto di inviati, la qualità essenzialmente penitenziale e popolare della predicazione, l’abbandono delle aspirazioni mondane e una abnegazione che coincideva con la disponibilità all’offerta della propria intera vita, già incarnati da alcuni grandi santi del passato, si trasformarono presso i missionari interni della Compagnia di Gesù in una specializzazione ministeriale moderna, che rispondeva alle asseverazioni tridentine sulla predicazione, al consolidamento delle azioni antiereticali, all’istanza missionaria universale e particolarmente a quella del sostegno religioso nelle aree rurali cattoliche. Si era reso indispensabile, per perseguire in prospettiva gesuitica gli obiettivi della Chiesa militante, rivedere tali antichi modelli e aggiustarli a condizioni nuove e a una vocazione missionaria specifica.

Prossimità ed estraneità dei missionari

  • 19 Bartolini, Relatione delle missioni fatte su le montagne di Modona, p. 11.

19Alcune testimonianze ci dicono quale fosse lo stile oratorio dei missionari. Una di quelle relative a Paolo Segneri seniore (1624-1694), risalente al 1672, riferisce per esempio di «un dire tutto apostolico, sostantioso, vivissimo, fervoroso, penetrante ogni più duro cuore; di una voce chiara, sonora e grata; di una lingua facile, intelligibile e franca; di un gesto manieroso, nobile e degno; di un portamento sostenuto, ma dolce, ma efficace; di una materia ben pratica, ben morale e altretanto ancora necessaria19».

  • 20 Muratori, La vita del padre Paolo Segneri, pp. cxxvi-cxxvii.

20Lodovico Antonio Muratori conduce unampia riflessione sui caratteri della eloquenza di Paolo Segneri iuniore (1673-1713), delle cui missioni del 1712, nella diocesi di Modena, era stato testimone: Muratori afferma che la predicazione del giovane Segneri era un modello di pienezza e rappresentava la «buona e perfetta rettorica», come dimostravano gli effetti che era capace di produrre sui sentimenti e sulle menti dei fedeli più umili; la chiarezza e laffabilità, la semplicità essenziale, la serietà di ragionamento, la sollecitudine — lo zelo — nel persuadere e parlare ai cuori facevano sì che i fedeli arrivassero infine a «sentirsi […] istruiti, dilettati, commossi e compunti. Il che — aggiunge, rincarando autorevolmente la comparazione a sfavore di certa oratoria sacra — troppo di rado succede in ascoltar tanti altri, benché sì eloquenti, banditori della parola di Dio20».

  • 21  Questa definizione di «lingua standard» è di Trifone, 2006, p. 32; e si veda Berruto, 2010.

21Tuttavia, nonostante il rigore delle posizioni missionarie a favore di una predicazione interamente evangelica e perciò comprensibile anche ai meno dotati, predicatori e fedeli non avevano una lingua condivisa, non disponevano di un grado comune di espressione standard, quello che permette «di esprimere con naturalezza ed efficacia il senso di appartenenza dei parlanti a una medesima comunità21». Questa condizione, determinata dalla situazione linguistica italiana, fa sì che lestraneità del missionario rispetto alla comunità nella quale egli arrivava e dove si fermava a operare, cercando di fare un tuttuno con essa nei sette-dieci giorni della missione, non sia soltanto una estraneità personale, ma anche una estraneità linguistica. Missionari e fedeli non parlavano una lingua comune.

  • 22 È stato ipotizzato, ma senza il sostegno di documenti, che durante le sue missioni in Sicilia il (...)

22Daltra parte le fonti non paiono documentare luso dei dialetti, nemmeno in modo occasionale22. I gesuiti applicati alle missioni rurali venivano inviati in una certa diocesi o territorio politico per vari motivi (la notorietà, la negoziazione con un vescovo, ragioni politiche), ma non in grazia dellaffinità linguistica tra loro e le comunità di destinazione.

  • 23 Vignuzzi, 2010.
  • 24 Scaramelli, Lettera a Girolamo Febei, 29 ottobre 1722, da Ascoli, ARSI, ms., Rom. 183, 1722, fº 71 (...)

23I due Segneri per esempio, di origine e formazione romane, fecero missioni nell’area di Genova come in quella di Modena, dove la distanza dei dialetti locali rispetto alla loro provenienza era molto consistente. Per contro, una delle rarissime testimonianze esplicitamente riferite alla comprensione linguistica riguarda Gian Battista Scaramelli (1687-1752), di nascita marchigiana, residente a Roma, che nel 1722 stava compiendo una missione nella sua stessa regione, le Marche appunto, le quali formano storicamente una unità dialettale con l’Umbria e il Lazio, dai cui confini è però esclusa l’area più a Sud, quella di Ascoli Piceno23. Proprio qui, sulle montagne dell’Appennino, si trovava Scaramelli quando scrive sconsolato al superiore della Provincia Romana che non soltanto la povertà di quei luoghi e delle genti era inimmaginabile, ma che a essa si associava anche una spaventosa «corruzione della lingua», fino al punto che per i missionari «il tormento maggiore» era «quello di confessare», poiché non riuscivano a capire ciò che i fedeli dicevano24. Persino per Scaramelli, missionario di grande esperienza, fonologicamente appartenente a una zona contermine (marchigiano-umbro-romanesca), la comunicazione orale era quasi impossibile, tanto da mettere a rischio la legittimità dell’assoluzione.

  • 25 Ximénez, Lettera a Clemente VIII, senza luogo e data (ma circa 4 ottobre 1596), ARSI, ms., Rom. 12 (...)

24Non sono fatti nuovi. Alla fine del 1596, Diego Ximénez (1530 ca.-1596), segretario generale sotto Acquaviva, sottoponeva a Clemente VIII la gravissima situazione delle popolazioni «su le porte di Roma nelle montagne, incominciando da Tivoli per tutto l’Abruzzo», dove, sottolinea, i «contadini […] sono la gente più rozza et bisognosa di dottrina christiana» di tutta l’Europa; anche lì i missionari s’interrogano sulla legittimità dell’assoluzione sacramentale. Lo stato di quelle genti era causato, scrive Ximénez, dalla «povertà e miseria de’ popoli, de’ curati, et anco de’ vescovi» e dal «non poter essere coltivati et insegnati sufficientemente nella gioventù»; vi sarebbe stata necessaria — afferma — la guida di almeno due missionari, attivi in ogni villaggio per un mese o due e comunque fin quando i bambini «habbino molto bene imparata la dottrina». Altrimenti, seguitava, «è impossibile» che «l’imparino mai più», perché, non appena hanno l’età e le forze per potere lavorare, immediatamente lasciano i villaggi e vanno a Roma per «procacciarsi il vivere». In questo modo — conclude — per l’abbrutimento intellettivo, «la rustichezza d’ingegno che di poi sopraviene con l’età e con lo stento del vivere ad agli et cipolle», non c’è più alcun mezzo per far loro «imparare tre parole della dottrina. Et così restano selvatici et quasi infedeli». Infatti, calcolava Ximénez nella lettera al pontefice, delle oltre «centomila anime» che abitavano attorno a Roma, non più di quindici-ventimila avevano «fede esplicita, come è necessario che l’habbino per salvarsi25».

  • 26  Oltre alle epistolae di Acquaviva citate, si vedano quelle di Carafa, De mediis conservandi primae (...)

25Ximénez indica dunque tre condizioni generali relativamente alla necessità d’intervento in quelle parti: l’ignoranza del clero dai vertici fino alla base, l’interdipendenza di povertà materiale e ignoranza religiosa, la necessità di insegnare la dottrina sul posto a menti ancora giovani, pronte a memorizzare e ad apprendere i rudimenti della fede. Affronta poi tre questioni riguardanti propriamente la Compagnia: l’intempestività degli interventi missionari, il numero ridotto delle forze impiegate, la durata insufficiente dell’azione. Nessuno di questi problemi sarà mai risolto. I missionari interni continueranno a operare in un quadro istituzionale e organizzativo incompiuto e per certi versi velleitario, data anche la abituale resistenza opposta dalla maggior parte dei gesuiti validi ad applicarsi alle missioni interne, ministero ritenuto ingrato, faticoso, privo di risonanza negli ambienti colti e mondani delle città26.

26A partire dal xvii secolo, certo sulla scorta dell’impulso dato dalle direttive di Acquaviva, quelli che si distinsero per la loro dedizione alla missione interna si basarono sulla chiara determinazione a compiere scelte che compensassero nel modo più efficace possibile le carenze organizzative della Compagnia, allo scopo di non tradire il fine della salus animarum, che doveva coincidere con l’itinerario di perfezione spirituale che ciascun di loro avrebbe tracciato per sé, secondo l’antica Formula e le Costituzioni.

Quale lingua per la salvezza delle anime

27Le parole sono dunque importanti, come sottolinea la preoccupazione teologico-dottrinale di Ximénez riguardo alla necessità della fede esplicita: la mancanza di parole coincide con la mancanza di fede e di possibilità di redenzione.

28Pur in assenza di riflessioni in materia, l’evoluzione metodologica e stilistica dei missionari si deve ritenere fondata sulla consapevolezza di tali difficoltà, sperimentate sul campo: nell’ammaestramento e nella conversione dei poveri le parole rappresentavano la strada maestra; ma rivelatasi questa via incerta e intricata, si era mostrato presto necessario intraprenderne un’altra, che non esautorasse la parola, ma supplisse all’inadeguatezza comunicativa fra le persone, favorendo la comprensione essenziale e persino l’esperienza individuale, immediatamente afferrabile dal cuore e dalla mente — non meno che dal corpo sensibile — dei benefici della fede.

  • 27 Majorana, 1999.

29Un fervore di idee, tentativi, esperimenti caratterizzò sin dal principio la predicazione di missione, consolidandosi via via in proposte durevoli, sottoposte alla verifica personale di chi le attuava. Il modo retorico proprio dei gesuiti missionari nelle campagne, l’improvvisazione, la predicazione a braccio (vale a dire l’assenza di formalizzazione preliminare scritta e di adesione letterale della performance orale a un testo mandato integralmente a memoria), costituiva il corrispettivo tecnico dell’intima opposizione spirituale e morale dei missionari alle esibizioni recitative proprie dell’oratoria sacra di moda nelle città27. Frutto di antica competenza, maturata sin da Landini e diventata prassi comune dei missionari, da loro mai disattesa, l’improvvisazione fu anche la condizione perché la predica missionaria si andasse lentamente organizzando in una forma oratoria singolare, sopravvenuta solo nei primi anni settanta del ‘600 nell’ambiente dei missionari appartenenti alla Provincia Romana.

30Si trattava di un procedimento suscettibile di variazioni e di incrementi, secondo l’occasione o la necessità e lo stile personale, ma sempre contrassegnata dalla tensione verso un’acme visiva e verbale che s’imponesse ai sensi degli astanti su più piani (la vista e l’udito), rendendo inevitabile la comprensione del nucleo istruttivo e compuntivo di ogni intervento missionario nella sua interezza. Era breve e intensa, concepita e compiuta in modo tale che il significato si potesse interamente riassorbire nel suo segno. Il quale doveva rendere evidente l’intenzione — spirituale, morale e pastorale — secondo cui il sacerdote missionario lo produceva, non meno che la competenza che egli doveva applicarvi per rendere presente quel segno in mezzo al popolo.

31Tale soluzione consisteva di una combinazione di parola e azione, posta a segmento interno o conclusivo delle prediche, imperniata sul corpo e la voce del missionario. Le parole vi erano proclamate in modo struggente e patetico e a un tempo veemente, pressante: riguardavano la necessità di pentirsi e la promessa di non peccare più; ma poi il discorso si apriva inatteso sulla proclamazione, da parte del predicatore, della sua propria colpevolezza e del suo proprio bisogno di pentirsi offrendo a Dio la volontà di redimersi nella penitenza. Alle parole si univa subito la flagellazione che egli s’infliggeva fino al sangue. L’atto della disciplina, calibrato a misura della violenza del gesto, veniva preannunciato dallo speciale abito che subito prima il missionario aveva mostrato di indossare, facendo cadere ad arte la tonaca da prete, e rivelando al di sotto una vesticciola povera e stracciata, i piedi nudi, le spalle scoperte, pronte a ricevere il flagello: mentre venivano pronunciate, le parole si andavano perciò integrando rapidamente con l’aspetto penitenziale assunto dal predicatore in brevissimi e abili movimenti, ulteriormente qualificato da una corona di spine che egli si calcava sul capo, una corda stretta attorno al collo e intrecciata sul petto fino alla vita, da flagelli di corda o di ferro dei quali si armava e con i quali infine si batteva sul dorso, per il tempo di un Miserere. Mentre i fedeli, dall’essere in ascolto della predica dinanzi alla sua figura composta e sobria si trovavano tutto a un tratto nel vortice di quell’azione imprevista, ma magistralmente condotta (persino bella nella sua perfetta esecuzione, come non mancano di sottolineare alcuni testimoni, che vi vedevano una perizia propria ed esclusiva dei missionari gesuiti), fedelmente ripetuta di predica in predica lungo la missione e alla cui vista, al cui clamore sonoro e vocale nessuno dei presenti avrebbe potuto sottrarsi. Piangevano, allora, gridavano invocando misericordia per il missionario e pietà per loro pure, mentre molti, fra gli uomini, prendevano a battersi a propria volta. E non era raro che si spostassero da un luogo all’altro, da un ciclo missionario all’altro, per potervi assistere di nuovo.

32Sembrava dunque ai gesuiti che con quest’azione, posta al cuore dell’atto oratorio e capace di esprimere la sua potenza nell’hic et nunc della relazione stringente tra il missionario che agiva e i fedeli che assistevano, l’intera predica potesse assumere un valore pregnante, consegnandosi immediatamente — senza le operazioni intellettivo-riflessive obbligate dell’ascolto della sola parola — ai sensi e agli affetti dei fedeli e poi persino alla loro volontà, quando essi pure, eccitati da quella vista e invitati all’imitazione, si univano alla penitenza del predicatore e alla invocazione di perdono. Più che nelle parole, la sapienza dei poveri risiedeva nei sensi, e l’improvvisazione favoriva la definizione di un linguaggio multiforme, che de-gerarchizzava il primato razionale della sola parola pronunciata.

33Col ‘600 inoltrato, dunque, la lunga ricerca di un linguaggio che garantisse la comprensione e la mobilitazione degli affetti e della volontà, anche lì dove le parole predicate rischiavano di non essere comprese, era arrivata a una svolta decisiva. La formula descritta, che è il nucleo di tale acquisizione, si doveva alla densa sperimentazione condotta da Paolo Segneri seniore, tra il 1671 e il 1672: la soluzione che egli mette a punto in quei mesi diventò subito un modello condiviso, persistente, trasmesso da missionario a missionario, caratterizzando prima le sole prediche a tema penitenziale e dopo l’intero ciclo, dalla predica d’apertura fino a quella di congedo, ed estendosi anche ad altri precisi momenti della missione. A seconda delle capacità e della sensibilità di ciascun gesuita, la predica poteva includere ulteriori ausilii materiali e sonori ed elementi figurativi, dipinti e scolpiti, che vi assumevano il ruolo di personaggi, di interlocutori del missionario, in azioni congegnate in forma largamente drammatica.

  • 28 Mi riferisco qui alla nozione di performative secondo la teoria degli atti linguistici formulata (...)

34Alla comunicazione verbale, si univano dunque azioni extra-verbali, altamente espressive, ma mai esornative o estranee alle parole e al contenuto della comunicazione; anzi, come si è detto, i missionari si preoccupavano di realizzare un’unità indistinguibile di atti e parole, che esprimesse esattamente e inequivocabilmente il valore dell’azione: penitenza e promessa. Non ci troviamo insomma né dinanzi a un atto descrittivo, né dinanzi a una rappresentazione, bensì dinanzi a un’azione performativa, che nel suo stesso farsi determina ciò che enuncia ed è costitutiva della realtà nella quale opera28.

  • 29 Baldinucci, Ragionamenti per la missione, ARSI, ms. apografo, Opp. Nn. 211, sec. xviii, fº 5ro.

35Al principio del xviii secolo, sulla base di una esperienza pluridecennale, i missionari sapevano ormai con certezza che «per convertire popoli nelle missioni, più giovi battere la fantasia e la volontà che l’intelletto», come verso il 1705 scrive Baldinucci. Il quale continua affermando che «in una predica» il solo ragionare sia «simile al corso dell’onde nei fiumi»: così come «un’onda caccia l’altr’onda» anche «una ragione caccia l’altra dalla mente di uditori rozzi», i quali nelle missioni sono sempre i più numerosi. Invece, è mediante l’uso di «varie specie sensibili» che una «verità» o una «massima cristiana» pronunciata dal predicatore «s’imprime» più e meglio in loro, in quei «rozzi»: tale operazione è necessaria, poiché essi non riescono a star dietro a «un discorso non popolare» e senza la «varietà» di «specie sensibili» la missione fallisce, il popolo se ne va via «tale quale è venuto29»: i partecipanti non sarebbero stati persuasi e perciò ricondotti alla fede, mentre dovevano giungere alla confessione e alla comunione sacramentali, a cui l’intervento dei missionari intendeva condurre il maggior numero di persone di ciascuna comunità visitata.

  • 30 Ximénez, Lettera a Clemente VIII, senza luogo e data (circa 4 ottobre 1596), ARSI, ms., Rom. 127/I (...)

36Il nucleo di questa predicazione singolare riuniva dunque i temi della colpa e del debito dei peccatori nei confronti di Gesù fattosi uomo, crocifisso e morto per la redezione dei peccatori, uniti ai segni espliciti della compunzione e della promessa di conversione a Dio. Si trattava, a ben vedere, della sostanza della fede esplicita necessaria alla salvezza, quella a suo tempo messa da Ximénez al centro della lettera al pontefice («la distinzione delle persone della s.ma Trinità, dei loro nomi, della unità della natura divina, dell’incarnazione del Verbo eterno, del merito e della efficacia della sua santa passione e della comunicazione di quella per mezzo dei s.mi sacramenti30»).

  • 31 Majorana, 2001.
  • 32 Di Elia, Relatione di una missione; Relatione della missione, 1650; Curtopassi, Relatione di una m (...)

37La formula oratoria elaborata da Segneri è una vera e propria invenzione missionaria gesuitica, generatasi in un ambiente propizio, operante già dal principio del xvii secolo, quando i missionari romani, forse su modello delle mortificazioni corporali in uso nelle congregazioni mariane da poco istituite, avviarono una sistemazione progressiva di atti penitenziali, pubblici e collettivi, tra i fedeli partecipanti alle missioni31. Inoltre, si deve presumere che la individuazione di atti potentemente incisivi e affettivamente mobilitanti sia stata ulteriormente favorita dagli usi invalsi prima della metà del secolo nelle missioni della Provincia Napoletana, dove non soltanto i fedeli, ma anche i gesuiti che guidavano le devozioni penitenziali si producevano in mortificazioni pubbliche esemplari, collegate alla devozione all’immagine del Cristo morto: le relazioni e le biografie dei missionari napoletani circolavano numerose, rendendo note queste pratiche presso i confratelli32.

  • 33 Majorana, 2009.

38Tuttavia — e la differenza è cruciale — in nessuno di questi casi il missionario si flagellava pubblicamente nel corso delle prediche. La combinazione di parola predicata e disciplina cruenta cui invece giunge Segneri non è soltanto il mezzo per indurre nei fedeli un esercizio devozionale: il principio che la regola, fin nell’aspetto del sacerdote e nella dinamica degli atti che compie, è il riconoscimento delle proprie colpe da parte del missionario e l’assunzione su di sé delle colpe dei fedeli peccatori a imitazione di Cristo. L’esaltazione delle specie sensibili, per ripetere le parole di Baldinucci, è dunque in questa azione, non meno che in quelle successive che da questa derivano, sorvegliatissima e motivata sotto il profilo teologico-dottrinale — come d’altra parte sosterrà al riguardo Segneri iuniore, difendendosi dalle critiche mossegli da Muratori proprio per tali scelte di predicazione33.

  • 34 Per esempio Luigi La Nuza nella Provincia Sicula (Frazzetta, Vita e virtù del venerabile servo di (...)
  • 35 Per questa definizione mi rifaccio all’idea di hiéroglyphe animé elaborata da Antonin Artaud e sv (...)

39Si può inoltre ritenere che questa forma oratoria fosse anche il risultato del ben ponderato slittamento nella dimensione pubblica di un atto penitenziale personale e privato, legato alla predicazione cittadina e documentato per molti gesuiti (tra cui lo stesso Segneri): vale a dire la disciplina che essi si infliggevano prima di pronunciare una predica cittadina ex pulpito34, collocando l’esperienza oratoria nell’alveo della penitenza e dell’umiltà, per il carico di responsabilità magisteriale di cui il sacerdote-ministro della parola era investito dalla Chiesa e, al contempo, per il rischio di vanità e compiacimento che tale ministero poteva suscitare in lui. Il passaggio dal tempo che precede la predica alla predica stessa (cioè dalla preparazione all’azione) e dall’ascesi personale a un atto visibile ai fedeli, spiegherebbe anche la spinta impressa all’oratoria missionaria penitenziale, dallo stesso Segneri, verso una attuazione molto formalizzata (che invece, in condizioni di riservatezza, sarebbe del tutto inessenziale all’atto del darsi la disciplina) e verso una rigorosa stilizzazione (la retorica della combinazione parole-azioni penitenziali, la veste non sacerdotale ma quella di penitenza, i flagelli, gli attributi richiamanti quelli della Passione di Cristo, il tempo, fissato nella recita di un Miserere): un geroglifico vivente, si potrebbe definirlo35, accessibile ai poveri e agli ignoranti.

  • 36 Per il legame fra emblemi e rappresentazione teatrale in ambito gesuitico si vedano gli spunti pr (...)

40Probabilmente, inoltre, contribuirono a formare lo stile missionario di cui parliamo due esperienze propriamente retoriche ed entrambe polisemiche: da un lato la consuetudine con la cultura gesuitica degli emblemi, prodotti incisorii e editoriali, frutto dell’unione di parola e figura in un significato simbolico coerente e nella loro evidenza suggestiva accessibili anche agli illetterati36; dall’altro il teatro, l’attività nella quale gli studenti gesuiti mettevano pubblicamente alla prova le capacità oratorie acquisite e apprendevano a comporre — nel personaggio e nella relazione scenica tra personaggi— le parole, il corpo, la voce, il portamento, l’aspetto, misurandosi con un sistema di rappresentazione complesso e con tecniche recitative avanzate, che dovevano rendere manifesto il fondamento edificante ed esemplare della esperienza attoriale, eletta a tradurre il contenuto pedagogico della scena, catturando i sensi e gli affetti anche del pubblico incolto. Competenze, queste, estratte tutte dall’alta formazione scolastica e culturale ricevuta, ma trasferite dai missionari dall’alveo cittadino alla campagna e piegate — vale a dire accommodatae — alle necessità dei poveri.

Come una lingua franca

  • 37 Minervini, 2010. Mi riferisco all'accezione in cui ne tratta il glottologo Hugo Schuchardt nel suo (...)

41Proprio in virtù del radicarsi della formula segneriana nelle pratiche gesuitiche e del suo precoce costituirsi a perno oratorio e a modello suscettibile di varianti, a soluzione diffusa e stabile nel tempo, possiamo paragonare questa forma di mediazione oratoria tra missionari colti e fedeli illetterati a una lingua franca, lingua veicolare basata sull’italiano, che dal tardo ‘500 metteva in relazione con le popolazioni locali — arabofone, turcofone o berberofone — gli europei che viaggiando nel Mediaterraneo per ragioni marittimo-mercantili e diplomatiche toccavano i porti nordafricani: dotata di ben individuate, inequivoche funzioni comunicative, era una lingua di ampiezza contenuta, strutturalmente semplice, semanticamente fluida37.

  • 38 Prodi, 1965, e Menozzi, 1991.

42Quella formalizzata da Segneri non è, infatti, una trovata individuale estemporanea e transitoria, ma l’esito di una necessità di comunicazione lungamente considerata in ambito missionario, fondata sulla convinzione — largamente sostenuta dalla riflessione cristiana, anche post-tridentina38 — della universalità di comprensione determinata dalle immagini rispetto alla parola e della loro funzione di chiave d’accesso ai contenuti religiosi specialmente presso i poveri e gli ignoranti; una prospettiva teorico-pratica che postula la scelta missionaria di ricomporre la parola predicata nei valori espressivi di corpo, voce, azioni, figurazioni. La soluzione oratoria segneriana, con le successive, è inoltre una costante comunicativa condivisa da un gruppo (la maggior parte dei missionari provenienti dalla Provincia Romana della Compagnia tra il 1670 e la metà del ‘700 all’incirca), adottata generazione dopo generazione e di luogo in luogo (è testimoniata regolarmente in tutta l’area battuta da questi gesuiti: Lazio, Abruzzo, Marche, Toscana, Romagna, Emilia, Liguria, Lombardia), una risorsa tutelata e perfezionata dai missionari, continuamente provata e misurata negli esiti (una opzione che non di rado suscitò clamori e qualche attacco, proprio per la dominante visibilistica e drammatico-teatrale che la caratterizzava). Benché risponda a una specifica istanza di comprensione da parte delle popolazioni delle campagne, è il frutto di finissime competenze, di un dominio attuativo e di una dottrina che non appartengono all’universo rurale: nelle campagne essa viene introdotta dall’esterno, essendo appunto il risultato di una operazione culturale squisitamente gesuitica, di un processo di semplificazione e di intensificazione della predica appositamente studiato per comunicare ai «rozzi» un contenuto di fede elementare e tanto semplice da metterli in condizione di potervi corrispondere ricorrendo a un linguaggio del corpo simile, che li inducesse alla compunzione e infine a manifestare la propria esperienza di conversione entro la fine della missione. Tale atto oratorio resta appannaggio dei gesuiti, che non ne trasmettono la pratica ai sacerdoti locali; e resta limitato al tempo straordinario della missione, senza trasferirsi, indipendentemente da questo, né nella vita religiosa ordinaria delle aree di campagna, né nella predicazione cittadina. È confrontabile con la lingua franca a maggior ragione perché risponde a esigenze essenziali e particolari: l’atto oratorio penitenziale — le «specie sensibili» che «battono», «la volontà e la fantasia» dei rozzi, all’opposto di «ragionamenti» che parlerebbero, inutilmente, al solo «intelletto» — viene investito dai gesuiti della funzione di significare il senso della missione, il cui intero complesso sistema, nei sette-dieci giorni di svolgimento, si articola in diverse parti, dove la predica — e in essa l’atto oratorio penitenziale di cui parliamo — è segmento quotidiano e apicale.

43Per rendere comprensibile ed efficace la predicazione i missionari non cercano dunque di ricorrere alle lingue — ai dialetti — parlate dalla comunità presso cui vanno a operare. Il modo che integra parole e azioni in una formula oratoria costante, e contrassegna il linguaggio missionario avanzato, si configura tuttavia come una risposta al problema grave (e ignorato dalla Compagnia in sede istituzionale) della comunicazione nell’apostolato condotto dai gesuiti in un’Italia linguisticamente disomogenea. Non siamo in grado di quantificarne il risultato pastorale e nemmeno quello linguistico, ma riusciamo a valutare lo sforzo in questa direzione compiuto da alcuni membri della Compagnia di Gesù per affrontare il loro compito al di fuori dei confini cittadini e colti.

Haut de page

Bibliographie

Fonti

Baldinucci, Antonio, Avvertimenti a chi desidera impiegarsi nelle missioni, Archivum Romanum Societatis Iesu (ARSI), ms., Opp. Nn. 299, 1705 ca., fi 1-66.

Baldinucci, Antonio, Ragionamenti per la missione, ARSI, ms. apografo, Opp. Nn. 211, sec. xviii, fi 1-211.

Barnabei, Felice, Lettera in memoria di Paolo Segneri, senza destinatario, 31 dicembre 1694, da Roma, ms., ARSI, Vitae 135, ff. 37ro-48vo.

Bartolini, Lodovico, Relatione delle missioni fatte su le montagne di Modona dalli Molto RR.PP. Paolo Segneri e Gio. Pietro Pinamonti della Compagnia di Giesù l’anno 1672, Modena, 1673.

Curtopassi, Modesto, Relatione di una missione fatta da due Rev. Padri della Compag.a di Giesù, nella città di Andria del Regno di Napoli, ARSI, ms., Neap. 74a, fasc. 2, 1646, fi 179ro-214vo.

Di Elia, Giovanni Battista, Relatione di una missione fatta da due rever. padri della Compagnia di Giesù nella città di Bitonto del Regno di Napoli nell’anno MDCXLI, Trani, 1646.

Epistolae mixtae ex variis Europae locis ab anno 1537 ad 1556 scriptae nunc primum a patribus Societatis Jesu in lucem editae, t. III, Madrid, 1900.

Epistolae praepositorum generalium ad patres et fratres Societatis Jesu, t. I, Gand, 1847.

Epistolae selectae Praepositorum generalium ad superiores Societatis, Roma, 1911.

Frazzetta, Michele, Vita e virtù del venerabile servo di Dio p. Luigi La Nusa [sic] della Compagnia di Giesù, Palermo, 1677.

Litterae quadrimestres ex universis praeter Indiam et Brasiliam locis in quibus aliqui de Societate Jesu versabantur Romam missae, t. I, Madrid, 1894.

Maiullari, Bartolomeo, L’arcano della perpetuità, co’l racconto della missione fatta da tre Reverendi Padri della Compagnia di Giesù nella città di Bitonto del Regno di Napoli, nell’anno MDCLXXIX, Napoli, 1680.

Massei, Giuseppe, Breve ragguaglio della vita del padre Paolo Segneri della Compagnia di Giesù, Parma, 1701.

Muratori, Lodovico Antonio, La vita del padre Paolo Segneri juniore della Compagnia di Gesù, in Paolo Segneri iun., Opere postume del p. Paolo Segneri juniore della Compagnia di Gesù raccolte e per la prima volta pubblicate dall’abate Francesco Carrara, t. I, Bassano, pp. iii-cxcv, 1795 (1a ed. Modena, 1720).

Paolucci, Scipione, Missioni della Compagnia di Giesù nel Regno di Napoli, Napoli, 1651.

Patrignani, Giuseppe Antonio, Della vita del padre Antonio Tommasini [sic] della Compagnia di Giesù, Firenze, 1719.

Relatione della missione fatta da’ padri della Compagnia di Giesù nella città di Castell’a mare di Stabia l’anno 1649, nel mese d’aprile, Napoli, 1650.

Scaramelli, Gian Battista, Lettera a Girolamo Febei, 29 ottobre 1722, da Ascoli, ms., ARSI, Rom. 183, ff. 71ro-72vo.

Ximénez, Diego, Lettera a Clemente VIII, senza luogo e data (ma circa 4 ottobre 1596), ms., ARSI, Rom. 127/II, ff. 306ro-307vo.

Bibliografia

Artaud, Antonin (1966), Le Théâtre et son double, Paris (1a ed. Paris, 1938).

Austin, John Langshaw (1962), How to Do Things with Words, Oxford.

Baffetti, Giovanni (2009), «Teoria e prassi dell’oratoria sacra nella Compagnia di Gesù», in Maria Luisa Doglio e Carlo Delcorno (eds), La predicazione nel Seicento, Bologna, pp. 149-168.

Berruto, Gaetano (2010), «Italiano standard», in Enciclopedia dell’Italiano, Istituto della Enciclopedia italiana, <http://www.treccani.it/enciclopedia/italiano-standard_(Enciclopedia_dell’Italiano)/>.

Cambria, Florinda (2001), Corpi all’opera. Teatro e scrittura in Antonin Artaud, Milano.

Catto, Michela (2003), Un panopticon catechistico. L’Arciconfraternita della dottrina cristiana a Roma in età moderna, Roma.

Coletti, Vittorio (1983), Parole dal pulpito. Chiesa e movimenti religiosi tra latino e volgare, Marietti.

Coletti, Vittorio (2011), «Predicazione e lingua», in Enciclopedia dell’Italiano, Istituto della Enciclopedia italiana, <http://www.treccani.it/enciclopedia/predicazione-e-lingua_(Enciclopedia-dell’Italiano)/>.

Conciliorum œcumenicorum decreta, ed. di Giuseppe Alberigo, Bologna, 1991.

Delcorno, Carlo (1974), La predicazione nell’età comunale, Firenze.

Filippi, Bruna (1996), «Le Théâtre des emblèmes. Rhétorique et scène jésuite», Diogène, 175 (juillet-septembre), pp. 63-78.

Fragnito, Gigliola (2005), Proibito capire. La Chiesa e il volgare nella prima età moderna, Bologna.

Ignazio di Loyola (1995), Esercizi spirituali. Ricerca sulle fonti, con testo originale a fronte, ed. di Pietro Schiavone, San Paolo.

Ignazio di Loyola (1977), Gli scritti, ed. di Mario Gioia, Torino.

Librandi, Rita (1993), «L’italiano nella comunicazione della Chiesa e nella comunicazione religiosa», in Luca Serianni e Pietro Trifone (eds), Storia della lingua italiana, t. I: I luoghi della codificazione, Torino, pp. 335-381.

Librandi, Rita (2006), «La lingua della Chiesa», in Pietro Trifone (ed.), Lingua e identità. Una storia sociale dell’italiano, Roma, pp. 113-141.

Librandi, Rita (2010), «Chiesa e lingua», in Enciclopedia dell’Italiano, Istituto della Enciclopedia italiana, <http://www.treccani.it/enciclopedia/chiesa-e-lingua_(Enciclopedia-dell’Italiano)/>.

Majorana, Bernadette (1999), «Missionarius/concionator. Note sulla predicazione dei gesuiti nelle campagne (xvii-xviii secolo)», Aevum, 73 (3), pp. 807-829.

Majorana, Bernadette (2001), «Le missioni popolari dei gesuiti italiani nel xvii secolo. Il teatro della compassione», in Christian Sorrel e Frédéric Meyer (eds), Les Missions intérieures en France et en Italie du xvie au xxe siècle, Chambéry, pp. 87-102.

Majorana, Bernadette (2003), «“Schola affectus”. Persona e personaggio nell’oratoria dei missionari popolari gesuiti», in Alessandro Pontremoli (ed.), Il volto e gli affetti. Fisiognomica ed espressione nelle arti del Rinascimento, Firenze, pp. 183-251.

Majorana, Bernadette (2009), «Immagini predicazione teatro: Muratori e Segneri iuniore a confronto (1712)», in Gabiella Zarri, Raimondo Michetti e Bruno Pellegrino (eds.), Ordini religiosi, santi e culti tra Europa, Mediterraneo e Nuovo Mondo (secoli xv-xvii), Galatina (Lecce), t. I, pp. 135-164.

Majorana, Bernadette (2011), «“Siendo y mostrándose”. Silvestro Landini missionario gesuita: fondamenti spirituali di un modello di apostolato (1540-1554)», in Guido Dall’Olio, Adelisa Malena e Pierroberto Scaramella (eds), Per Adriano Prosperi, t. I: La fede degli italiani, Pisa, pp. 333-345.

Marazzini, Claudio (2010), «Cristianesimo e lingua», in Enciclopedia dell’Italiano, Istituto della Enciclopedia italiana, <http://www.treccani.it/enciclopedia/cristianesimo-e-lingua_(Enciclopedia_dell’Italiano)/>.

Menozzi, Daniele (1991), Les images. L’Église et les arts visuels, Paris.

Minervini, Laura (2010), «Lingua franca, italiano come», in Enciclopedia dell’Italiano, Istituto della Enciclopedia italiana, <http://www.treccani.it/enciclopedia/lingua-franca-italiano-come_(Enciclopedia_dell’Italiano)/>.

Naro, Cataldo (1996), «Un predicatore gesuita nella Sicilia del Seicento: Luigi La Nuza», in Giacomo Martina e Ugo Dovere (eds), La predicazione in Italia dopo il Concilio di Trento, Roma, pp. 333-345.

O’Malley, John W. (1999), I primi gesuiti, Milano (ed. or. Cambridge, Ma, 1993).

Olaizola, Ruth (2008), «L’Acteur-image ou l’élève des collèges jésuites», in María Cruz de Carlos, Pierre Civil, Felipe Pereda e Cécile Vincent-Cassy (eds), La imagen religiosa en la Monarquía hispánica. Usos y espacios, Madrid, pp. 119-133.

Pierssens, Michel (1988), «Écrire en langue : la linguistique d’Artaud», Langages, 23e année, 91, pp. 111-117.

Pozzi, Giovanni (1995), «L’italiano in Chiesa», in Id., Grammatica e retorica dei santi, Milano, pp. 3-46.

Prodi, Paolo (1965), «Ricerche sulla teorica delle arti figurative nella Riforma cattolica», Archivio italiano per la storia della pietà, 4, 1965, pp. 121-212.

Prosperi, Adriano (1982), «“Otras Indias”: missionari della Controriforma tra contadini e selvaggi», in AA.VV., Scienze, credenze occulte, livelli di cultura, Firenze, pp. 205-234.

Prosperi, Adriano (1996), Tribunali della coscienza. Inquisitori, confessori, missionari, Torino.

Raimondi, Ezio, Battistini, Andrea (1990), Le figure della retorica. Una storia letteraria italiana, Torino.

Ruffini, Franco (1996), I teatri di Artaud. Crudeltà, corpo-mente, Bologna.

Trifone, Pietro (2006), «L’italiano. Lingua e identità», in Pietro Trifone (ed.), Lingua e identità. Una storia sociale dell’italiano, Roma, pp. 11-40.

Turrini, Myriam (1982), «“Riformare il mondo a vera vita christiana”. Le scuole di catechismo nell’Italia del Cinquecento», Annali dell’Istituto italo-germanico in Trento, 8, pp. 407-489.

Venier, Federica (2012), La corrente di Humboldt. Una lettura di La lingua franca di Hugo Schuchardt, Roma.

Vignuzzi, Ugo (2010), «Italia mediana», in Enciclopedia dell’Italiano, Istituto della Enciclopedia italiana, <http://www.treccani.it/enciclopedia/italiano-regionale_(Enciclopedia_dell’Italiano)/>.

Zanardi, Mario (1982), «Sulla genesi del “Cannocchiale aristotelico”», Studi secenteschi, 23, pp. 3-61.

Haut de page

Notes

1  La Compagnia di Gesù viene approvata da Paolo III nel 1540 (bolla Regimini militantis Ecclesiae) e soppressa da Clemente XIV nel 1773; fu ricostituita nel 1814 da Pio VII.

2Librandi, 2006, pp. 115-118, Trifone, 2006, pp. 27-32; e si vedano anche Coletti, 1983, Librandi, 1993, e Marazzini, 2010.

3  «La predicazione è stata lo strumento di comunicazione di massa che più a lungo e capillarmente ha operato in Europa e in Italia, importante sia come veicolo di conoscenza religiosa e orientamento morale, sia come guida culturale e linguistica, essendo stata a lungo l’unica scuola frequentata da tutti»: così sintetizza Coletti, 2011. Per il valore attribuito alla dottrina cristiana nei processi di alfabetizzazione e istruzione delle diverse regioni d’Italia, si vedano Turrini, 1982, e Catto, 2003. Librandi, 2006, pp. 117-118, confuta la posizione di Fragnito, 2005, p. 148 e passim, la quale ritiene invece la predicazione e la catechesi insufficienti a determinare effetti di comprensione e assorbimento linguistico, a causa dei limiti di una comunicazione orale e di un ascolto passivo rispetto alla necessaria assimilazione attiva della lingua comune e del suo radicamento su un territorio multidialettale.

4 Coletti, 2011

5 Si vedano al riguardo i recenti quadri riassuntivi di Librandi, 2006, Id., 2010, Coletti, 2011.

6 In particolare sull’adattamento della predicazione alla realtà linguistica dei destinari si veda Pozzi, 1995.

7 Rimando a Prosperi, 1982, nonché a Id., 1996, pp. 554-561.

8 Landini a Loyola, 7 febbraio 1553, in Epistolae mixtae, 1900, p. 116.

9 Per esempio Landini a Loyola, febbraio 1549, probabilmente da Modena, in Litterae quadrimestres, 1894, p. 139: «En las prédicas fué tan eficaz la gracia del S.or, que los oyentes, hombres y mugeres, […] son venidos á confesarse y rogarme que cada ocho dias les quiera comulgar»; e Landini a Loyola, 16 marzo 1553, da Bastia, in Epistolae mixtae, 1900, pp. 167-168: «Il frutto [che] fa N.S. et ha fatto et spero farà, vince ogni eloquentia. L’operatione divina vince l’humana […]; non manca materia, per la qual cosa tutti, dotti et indotti, stanno stupefatti».

10 Baldinucci, Avvertimenti a chi desidera impiegarsi nelle missioni, ms., Opp. Nn. 299, 1705 ca., fi 9ro-vo.

11 Costituzioni, parte X, §§813-814, in Ignazio di Loyola, Gli scritti, pp. 646-647.

12 O’Malley, 1999.

13 Epistola R.P.N. Claudii Aquavivae ad patres Societatis. De fervore et zelo missionum (1594), in Epistolae praepositorum generalium, 1847, pp. 240-243.

14 Concilium Tridentinum, sessione V, 17 giugno 1546, Decretum super lectione et praedicatione, §11, in Conciliorum œcumenicorum decreta, 1991, p. 669. E si vedano i riferimenti al decreto in Epistola R.P.N. Claudii Aquavivae ad patres et fratres Societatis. De renovatione spiritus (1583), in Epistolae praepositorum generalium, 1847, p. 118.

15 Los ejercisios espirituales. Autografo, in Ignazio di Loyola, 1995, p. 88.

16 Majorana, 2003, pp. 194-198, e Id., 2011, pp. 333-345.

17 Epistola R.P.N. Claudii Aquavivae ad patres et fratres Societ. Jesu. De renovatione spiritus, et correspondentia cum Deo (1604), in Epistolae praepositorum generalium, 1847, pp. 292-325; e, sempre di Acquaviva, si vedano anche Epistola de formandis ac bene instituendis nostris contionatoribus (1599), ibid., pp. 279-282, e Epistola monita complectens de formandis contionatoribus accommoda (1613), ibid., pp. 338-359. Sulle posizioni di Acquaviva riguardo alla predicazione Zanardi, 1982, e Baffetti, 2009.

18 Epistola R.P.N. Claudii Aquavivae ad provinciales Societatis. De jubilaeo et missionibus, in Epistolae praepositorum generalium, 1847, §4, p. 227. E si veda, per esempio, Curtopassi, Relatione di una missione fatta da due Rev. Padri della Compag.a di Giesù, nella città di Andria del Regno di Napoli, ms., Neap. 74a, fasc. 2, 1646, fi 193ro-vo: «Or veggano i predicatori che vanno appresso a lusingare l’orecchio con la sceltezza del favellare, poco curandosi di ferire i cuori co’ la fermezza delle ragioni, onde l’uditorio resta più dotto ma non diviene migliore. Le prediche di oggidì comunemente dilettano ma non giovano. Cose aborrite da’ primi di quest’arte che furo un Domenico, un Antonio da Padova, un Berardino da Siena, un Saverio, un Vincenzo Ferrerio, un Giovanni Capistrano, un Giacopo della Marca e tanti altri, de’ quali un solo convertiva un regno et ai tempi nostri seicento predicatori non convertono una città.» (il testo appena citato nel manoscritto è cancellato); nonché similmente Frazzetta, Vita e virtù del venerabile servo di Dio, p. 32, e Massei, Breve ragguaglio, p. 32. Sulla importanza di tali modelli tardo-medievali Delcorno, 1974.

19 Bartolini, Relatione delle missioni fatte su le montagne di Modona, p. 11.

20 Muratori, La vita del padre Paolo Segneri, pp. cxxvi-cxxvii.

21  Questa definizione di «lingua standard» è di Trifone, 2006, p. 32; e si veda Berruto, 2010.

22 È stato ipotizzato, ma senza il sostegno di documenti, che durante le sue missioni in Sicilia il siciliano Luigi La Nuza (1591-1656) predicasse in dialetto (Naro, 1996, pp. 342-343). Non presenta nessuna indicazione in tal senso la biografia di Frazzetta, 1677.

23 Vignuzzi, 2010.

24 Scaramelli, Lettera a Girolamo Febei, 29 ottobre 1722, da Ascoli, ARSI, ms., Rom. 183, 1722, fº 71vo.

25 Ximénez, Lettera a Clemente VIII, senza luogo e data (ma circa 4 ottobre 1596), ARSI, ms., Rom. 127/II, fi 306vo-307ro.

26  Oltre alle epistolae di Acquaviva citate, si vedano quelle di Carafa, De mediis conservandi primaevum spiritum (1646), in Epistolae praepositorum generalium, 1847, pp. 434-471, e De praefecto missionum in singulis Provinciis constituendo (1647), in Epistolae selectae Praepositorum generalium, 1911, pp. 198-199.

27 Majorana, 1999.

28 Mi riferisco qui alla nozione di performative secondo la teoria degli atti linguistici formulata da Austin, 1962.

29 Baldinucci, Ragionamenti per la missione, ARSI, ms. apografo, Opp. Nn. 211, sec. xviii, fº 5ro.

30 Ximénez, Lettera a Clemente VIII, senza luogo e data (circa 4 ottobre 1596), ARSI, ms., Rom. 127/II,, fº 306vo. Nel dibattito tradizionale sui rudimenti della fede, sono considerati da apprendere irrinunciabilmente il decalogo, il Credo, il Pater noster; sono rilevanti anche i sette peccati capitali, i sette doni dello Spirito santo e l’Ave Maria. Riferendosi alla prima settimana degli Esercizi spirituali, i gesuiti vi uniscono le opere di misericordia corporale e spirituale e l’uso dei cinque sensi (O’Malley, 1999, pp. 97-98).

31 Majorana, 2001.

32 Di Elia, Relatione di una missione; Relatione della missione, 1650; Curtopassi, Relatione di una missione fatta da due Rev. Padri della Compag.a di Giesù, nella città di Andria del Regno di Napoli, ARSI, ms., Neap. 74a, fasc. 2, 1646, fi 194vo-195ro; Maiullari, L’arcano della perpetuità, pp. 27-28; Paolucci, Missioni della Compagnia di Giesù, pp. 47-50. In questi casi si tratta di missioni svolte all’interno di città alquanto cospicue, ma dal citato Paolucci, gli esercizi di mortificazione dei gesuiti di fronte al Cristo morto sono illustrati come pratica consueta delle missioni sia rurali sia cittadine. Si veda Majorana, 1998-1999, pp. 219-221.

33 Majorana, 2009.

34 Per esempio Luigi La Nuza nella Provincia Sicula (Frazzetta, Vita e virtù del venerabile servo di Dio, p. 33), Onofrio Saraco (1605-1650) nella Napoletana (Paolucci, Missioni della Compagnia di Giesù, p. 282), Paolo Segneri e Antonio Tomassini (1632-1717) nella Romana (Patrignani, Della vita del padre Antonio Tommasini, p. 24; Massei, Breve ragguaglio, pp. 30-31; Barnabei, Lettera in memoria di Paolo Segneri, senza destinatario, 31 dicembre 1694, da Roma, ARSI, Vitae 135, fi 39ro-40vo).

35 Per questa definizione mi rifaccio all’idea di hiéroglyphe animé elaborata da Antonin Artaud e sviluppata particolarmente in alcuni suoi scritti dei primi anni trenta del ‘900, raccolti nel 1938 nel volume Le Théâtre et son double (Artaud, 1966). E si vedano Ruffini, 1996; Pierssens, 1988; Cambria, 2001, pp. 163-182.

36 Per il legame fra emblemi e rappresentazione teatrale in ambito gesuitico si vedano gli spunti presenti in Raimondi e Battistini, 1990, pp. 177-178; nonché Filippi, 1996; Olaizola, 2008.

37 Minervini, 2010. Mi riferisco all'accezione in cui ne tratta il glottologo Hugo Schuchardt nel suo Die Lingua franca (1909), di cui si veda la traduzione italiana e l'analisi in Venier, 2012.

38 Prodi, 1965, e Menozzi, 1991.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Bernadette Majorana, « Lingua e stile nella predicazione dei gesuiti missionari in Italia (xvi-xviii secolo)  »,Mélanges de la Casa de Velázquez, 45-1 | 2015, 133-151.

Référence électronique

Bernadette Majorana, « Lingua e stile nella predicazione dei gesuiti missionari in Italia (xvi-xviii secolo)  », Mélanges de la Casa de Velázquez [En ligne], 45-1 | 2015, mis en ligne le 01 janvier 2018, consulté le 25 avril 2018. URL : http://journals.openedition.org/mcv/6163 ; DOI : 10.4000/mcv.6163

Haut de page

Auteur

Bernadette Majorana

Università degli studi di Bergamo

Haut de page

Droits d’auteur

© Casa de Velázquez

Haut de page
  • Logo Casa de Velázquez
  • OpenEdition Journals