Navigation – Plan du site

AccueilNuméros132-1Le projet ANR CaecinaSociétés étrusque et celteLa necropoli celtica di Montefort...

Le projet ANR Caecina
Sociétés étrusque et celte

La necropoli celtica di Montefortino d’Arcevia

Nuove ricerche
Maurizio Landolfi et Paola Piana Agostinetti
p. 95-113

Résumés

Il progetto CAECINA ha consentito di realizzare l’edizione critica della necropoli celtica di Montefortino d’Arcevia, scavata in tre tappe (fine del 1894,1895-1896 e 1899) sul sito di un abitato dell’età del Bronzo e pubblicata da E. Brizio nel 1901. Tuttavia, una completa edizione scientifica di questi importanti ritrovamenti non ha mai visto la luce. Questo contributo, che è firmato dai due coordinatori ma che riassume o riporta integralmente anche quelli elaborati dai 18 membri del gruppo di ricerca, si compone di tre parti. Nella prima parte sono presentati gli aspetti geografici e storici del sito di Montefortino, la storia delle scoperte e degli scavi e quella degli studi. Nella seconda parte si espongono le tappe della ricerca svolta nell’ambito del progetto CAECINA e i primi risultati ottenuti riguardo alla comprensione degli aspetti topografici e dello studio delle categorie di oggetti presenti nei corredi tombali. Nella terza parte si anticipano alcune conclusioni riguardanti la cronologia e la natura della necropoli che ha accolto defunti di un ceto sociale preminente, in vicinanza di luoghi ricchi di acque, connotati da offerte votive.

Haut de page

Notes de l’auteur

Il gruppo di ricerca è costituito da archeologi che attualmente afferiscono o hanno fatto parte in passato di Enti italiani e francesi di ricerca archeologica e di tutela: Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio delle Marche (M. Cruciani, F. Grilli, M. Landolfi, N. Lucentini, M. Mancini, F. Milazzo), Soprintendenza Speciale per i Beni archeologici di Napoli e Pompei (P. G. Guzzo), Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio delle province di Catanzaro, Cosenza e Crotone (S. Morsiani); CNR (L. Ambrosini), CNRS (V. Jolivet, Th. Lejars), Università di Bologna (A. Gaucci), Università di Roma La Sapienza (P. Piana Agostinetti), Polo Museale delle Marche (K. Ferrari, N. Frapiccini) e da altri studiosi attivi in campo geologico (S. Gelsi) e archeologico (R. Bernadet, B. Ficcadenti, S. Fréret, B. Houal, M. Sclafani, C. Tavolini, L. Tribellini). La presente relazione è frutto della collaborazione di tutti, come attestano le sigle apposte in calce ai singoli contributi. Il coordinamento è stato curato da M. Landolfi e P. Piana Agostinetti.

Texte intégral

  • 1 Brizio 1901.
  • 2 Come ha notato Th. Lejars, G. de Mortillet, già aveva identificato come celtici alcuni oggetti con (...)

1Negli anni 1894, 1895-1896 e 1899, a Montefortino di Arcevia (AN) fu scavato un gruppo di tombe ad inumazione di cui una cinquantina, ritenute galliche, furono pubblicate nel 1901 da E. Brizio nel IX volume dei Monumenti Antichi dei Lincei1. Erano trascorsi quasi trent’anni dal 1871, anno in cui, nel corso del V Congresso internazionale di Antropologia e d’Archeologia preistorica, svoltosi a Bologna, G. de Mortillet e E. Desor avevano identificato tra i materiali di Marzabotto (BO), le tracce archeologiche della presenza di popolazioni celtiche di cultura La Tène a sud delle Alpi, fino ad allora attestata solo dalle fonti letterarie antiche2. Quando furono messe in luce le tombe di Montefortino, E. Brizio (1846-1907) ne attribuì la maggior parte ai Galli Senoni benché i loro corredi contenessero solo poche categorie di oggetti di tipologia La Tène. La loro pubblicazione consacrò questa attribuzione, facendo diventare la necropoli un punto di riferimento imprescindibile dell’archeologia dei Celti d’Italia. A quasi 120 anni di distanza, il lavoro di Brizio doveva essere ripreso, corredato di una adeguata documentazione grafica degli oggetti e aggiornato alla luce delle conoscenze acquisite nel frattempo. Nel 2014 la pubblicazione dell’edizione critica della necropoli è entrata a far parte del progetto italo-francese CAECINA. Grazie a questo progetto è stato possibile disporre delle risorse necessarie a disegnare tutti i materiali, restaurare alcuni di quelli di ferro e organizzare un gruppo di specialisti in grado di condurre a termine un’impresa complessa. (M.L. e PPA)

La posizione geografica (fig. 1)

Fig. 1 – Aspetti geomorfologici delle Marche con le valli fluviali e i passi appenninici.

Fig. 1 – Aspetti geomorfologici delle Marche con le valli fluviali e i passi appenninici.

Elaborazione di Ferrari e Gaucci sulla base DTM Regione Marche.

  • 3 Secondo la ricostruzione proposta da P. Sommella, il luogo in cui fu combattuta la battaglia di Se (...)

2Montefortino è attualmente un nucleo di case di una delle numerose frazioni del comune di Arcevia, antica Rocca Contrada, entrambi nomi che sottolineano la loro posizione naturalmente difesa e di controllo di vie di comunicazione in direzione N-S e E-O. Arcevia si affaccia sulla vallata del Rio della Fanella, affluente del fiume Misa che, 40 km a valle, sbocca nell’Adriatico, in corrispondenza di Senigallia, prima colonia fondata dai Romani nell’ager Gallicus su un più antico insediamento. Alle sue spalle, lungo il crinale appenninico, è localizzato il passo di Scheggia, dal quale si scende su Gubbio, nella valle del Tevere. Il territorio circostante è ricco di rinvenimenti archeologici distribuiti in un arco di tempo che va dal Paleolitico superiore al Medioevo e, per quanto riguarda la presenza celtica, include due luoghi di particolare notorietà, Sentino e Civitalba. A Sentino, presso l’odierna Sassoferrato, nel 295 a.C., fu combattuta l’omonima battaglia che sancì la sconfitta dei Galli Senoni e a Civitalba, circa un secolo più tardi, quella vittoria romana fu celebrata edificando un tempio in cui i Galli erano raffigurati in veste di sacrileghi predatori di un luogo sacro3.

3L’origine dell’abitato di Montefortino sembra risalire non oltre l’età medievale ma nel suo territorio sono venuti in luce materiali archeologici di carattere cultuale e funerario che attestano una frequentazione di gran lunga più antica. Quelli di carattere cultuale sono stati rinvenuti in due punti in prossimità dell’attuale villaggio e sono databili dal VI secolo a.C. all’età imperiale; quelli di carattere funerario provengono soprattutto dalla necropoli localizzata ai piedi della collina, in un pianoro denominato I Pianetti, che fu frequentato in modo continuativo dal IV sec. a.C. alla completa romanizzazione dell’ager Gallicus. (LT)

Le scoperte e gli scavi della necropoli dei Pianetti di Montefortino4 (fig. 2-3)

  • 4 Per la descrizione delle scoperte, avvenute inizialmente in modo fortuito nel corso di lavori agri (...)

Fig. 2 – Carta topografica di Montefortino con localizzazione della necropoli dei Pianetti e delle aree con depositi votivi (in giallo) : 1. della necropoli dei Pianetti ; 2. e 3. delle aree con depositi votivi .

Fig. 2 – Carta topografica di Montefortino con localizzazione della necropoli dei Pianetti e delle aree con depositi votivi (in giallo) : 1. della necropoli dei Pianetti ; 2. e 3. delle aree con depositi votivi .

Elaborazione L. Tribellini e N. Lucentini.

Fig. 3 – Veduta dei Pianetti di Montefortino.

Fig. 3 – Veduta dei Pianetti di Montefortino.

Foto L. Tribellini.

  • 5 Gli scavi della necropoli furono eseguiti dai proprietari dei terreni Anselmo Anselmi, Ispettore o (...)
  • 6 E. Brizio è stato Regio Commissario degli Scavi di Antichità per l’Emilia e le Marche, ricoprendo (...)
  • 7 Coloro che riuscirono a recuperare i materiali di Montefortino tra il 1910 e il 1928 furono, quind (...)
  • 8 I materiali delle t. XXXIX, XL, XLVI, donati da A. Anselmi, e quelli della t. XLVII, acquistati ne (...)

4Dopo alcuni rinvenimenti occasionali avvenuti nel corso di lavori agricoli (1884) e scavi eseguiti dai proprietari dei terreni senza controllo scientifico (1894), nel 1895 iniziarono le ricerche condotte sotto la sorveglianza di Luciano Proni5, inviato dal Regio Commissariato di Bologna, con il controllo, a distanza, di Edoardo Brizio6. I primi oggetti, venuti in luce nel terreno di proprietà dei coniugi Costantino e Albina Marcellini e da loro scavati, furono acquistati quasi tutti dall’Ispettore onorario Anselmo Anselmi ed entrarono a far parte della sua collezione insieme ad altri rinvenuti nel terreno di sua proprietà e nella zona circostante e successivamente furono ceduti al Museo Archeologico di Ancona. Allo stesso modo, quelli venuti in luce nel terreno confinante di proprietà di Giuseppe Giampieri Carletti furono conservati per alcuni anni dal proprietario e autore dello scavo e successivamente entrarono a far parte delle collezioni del Museo archeologico di Ancona (t. XXXIX, XL, XLVI), in parte come dono e in parte perché acquistati dallo Stato nei decenni successivi. Ebbero altra destinazione oggetti di particolare rilevanza, come due elmi in ottimo stato di conservazione, rinvenuti nel terreno dei Marcellini, che furono venduti a Roma nel 1895 sul mercato antiquario, e il prezioso servizio da vino d’argento della t. XXXIII che, dopo il fallimento della trattativa con lo Stato italiano, nel 1908 entrò a far parte delle collezioni del Metropolitan Museum di New York. Tra il 1910 e il 1928, per interessamento del Direttore del Museo Archeologico di Ancona, Innocenzo Dall’Osso e dei suoi successori, lo Stato acquistò la maggior parte degli oggetti di cui erano proprietari A. Anselmi7, G. Giampieri Carletti e i coniugi Marcellini ma alcuni dei materiali di maggior pregio, tra cui la situla bronzea della t. XXXV e pochi altri, sono da tempo irreperibili. Durante la Prima e la Seconda guerra mondiale e durante il terremoto del 19728, gli oggetti esposti nel Museo di Ancona furono messi entro casse di legno e spostati nei magazzini, dove alcuni di quelli che non erano stati adeguatamente documentati, persero il riferimento ai corredi tombali di appartenenza e risultano attualmente dispersi. (ML e PPA)

Gli studi

  • 9 Vedi nota 1.
  • 10 Bianchetti 1895.
  • 11 Déchelette 1902, p. 278-283.
  • 12 I decenni successivi alla proclamazione dell’Unità d’Italia, furono contrassegnati dalla necessità (...)
  • 13 Secondo Déchelette, infatti, «létruscomanie» aveva indotto Brizio a conclusioni non corrette rigu (...)
  • 14 Già nell’anno accademico 1907-1908, la necropoli e le problematiche storico-culturali che essa pon (...)

5La pubblicazione di Brizio nel IX volume dei MAL, corredata da 31 figure nel testo e dalla riproduzione grafica di circa 200 reperti, ha fatto conoscere la necropoli in campo nazionale e internazionale, inserendola tra le scoperte di maggior interesse dell’archeologia celtica9. Già nell’anno seguente (1902), J. Déchelette, grande conoscitore dei materiali dell’età di La Tène, commentando la pubblicazione di Brizio, analizzava le sue importanti scoperte che, insieme a quelle della necropoli di Ornavasso, messa in luce anch’essa in quegli anni (1890-1893)10, gli avevano consentito di delineare la cronologia dell’intera età di La Tène a sud delle Alpi11. Egli, però, contestava l’interpretazione del collega italiano, evidentemente condizionata dal momento storico post-unitario in cui era stata formulata12, secondo la quale tutti i tratti caratteristici della cultura materiale dei Celti adriatici erano riconducibili ad imprestiti dal mondo etrusco-italico13. Il lavoro di Brizio fu fondamentale: senza il suo intelligente e accorto intervento, protrattosi dalla fine del 1894 al 1899 tra difficoltà di vario genere, oggetti e dati scientificamente preziosi sarebbero andati irrimediabilmente persi. In qualità di Soprintendente agli scavi dell’Emilia-Romagna e delle Marche, infatti, egli ottenne tre importanti risultati: innanzitutto il recupero dei materiali, favorendone l’acquisto, in più riprese, da parte dello Stato e impedendone la dispersione; in secondo luogo la conservazione, per quanto possibile, delle associazioni degli oggetti di corredo, facendo eseguire anche numerose planimetrie delle tombe, con la posizione degli oggetti, che completano quella dell’intero sepolcreto; in terzo luogo, la divulgazione delle scoperte in ambito scientifico che riguardò anche la didattica universitaria14.

  • 15 Brizio 1896, p. 3-13.
  • 16 Barnabei 1895, p. 408-413.
  • 17 Pigorini 1896, p. 68-69.
  • 18 Solo l’ultima di questo primo gruppo di sette tombe, appunto la t. VII, è stata scavata sotto il c (...)

6La monografia del 1901 fu preceduta da una relazione riguardante le prime otto tombe che lo stesso Brizio aveva inviato al Ministero della Pubblica Istruzione alla fine del 1895 la cui pubblicazione in Notizie degli Scavi di Antichità, avvenuta nel 189615, fu preceduta e preannunciata da quelle in cui, nella stessa sede, F. Barnabei (1895)16 e L. Pigorini (1896)17 esprimevano le proprie interessanti considerazioni sulla scoperta. Tra la relazione pubblicata in Notizie degli Scavi (Brizio 1896) e il testo pubblicato nei Monumenti Antichi dei Lincei (Brizio 1901) si rilevano alcune discrepanze, spiegabili con la travagliata storia dei recuperi e degli scavi, controllati soltanto in parte e in un secondo momento dal Regio Commissario Luciano Proni. Si può calcolare che, nella fase iniziale, sia stato danneggiato almeno un terzo delle sepolture e che il recupero degli oggetti provenienti da sepolture «frugate» abbia comportato dispersioni non solo di singoli oggetti ma anche di interi contesti il cui numero non è quantificabile con precisione. Compito di questo lavoro di filologia archeologica, arduo ma non irrealizzabile se attuato con rigoroso e sistematico metodo scientifico, è rendere ragione delle scelte operate dal loro primo editore, perfettamente consapevole delle problematiche dell’intera questione. Per descrivere questi primi rinvenimenti, infatti, egli dovette basarsi sulle notizie fornitegli da coloro che avevano effettuato gli scavi18 e sulle note che due di essi avevano pubblicato nel frattempo: Anselmo Anselmi nel 1894, 1895, 1897 e Giuseppe Giampieri Carletti nel 1896.

  • 19 Frothingham 1896, p. 271-173.
  • 20 Scott 1898, p. 1-14.
  • 21 AJA 5-4, 1901, p. 479-480.
  • 22 Fowler 1902, p. 483.
  • 23 Reinach 1902, p. 267-272.
  • 24 Reinach 1906, p. 347; la critica è commentata alla nota 14. Déchelette 1914, p. 1161, nota 1.
  • 25 Montelius 1904, vol. 2.1, pl. 151-156.

7Dall’esame della bibliografia appare evidente che l’impatto della scoperta della necropoli sugli studi archeologici è stato immediato e ha riguardato sia l’ambito nazionale sia quello internazionale. La notizia si diffuse negli Stati Uniti d’America già nel 1896 su segnalazione di A.L. Frothingham19 e nel 1898 in Inghilterra, grazie ad un articolo in cui L. Scott20 riproponeva quanto G. Giampieri Carletti gli aveva riferito riguardo alla t. VIII, rinvenuta nel terreno di sua proprietà. La pubblicazione della monografia fu segnalata nello stesso anno (1901) ai lettori di lingua inglese21, ai quali pervenne, l’anno seguente (1902), anche il riassunto di H.N. Fowler del commento pubblicato da J. Déchelette22. Si data al 1902 l’articolo di S. Reinach, La nécropole gauloise de Montefortino23 cui seguì, nel 1906, L’épée de Brennus con la menzionata critica di “etruscomanie24. Nel 1904, G.O. Montelius, in La civilisation primitive en Italie riproduceva, in una nuova veste grafica, i disegni di una serie di oggetti particolarmente significativi della necropoli25.

  • 26 Alcune tombe, presentate alla mostra I Galli e l’Italia tenutasi a Roma del 1978, sono illustrate (...)

8Alla necropoli e ai suoi corredi hanno fatto riferimento un gran numero di pubblicazioni sia di ambito celtico che ellenistico. Tra i lavori ad essa specificamente dedicati si menzionano quelli di M. Landolfi, sia di sintesi (1978) che relativi a singoli contesti (1993 e 2002)26, quello di J. Lavrsen (1981), dedicato all’analisi dei corredi, di V. Kruta (1981) centrato sulla cronologia, argomento trattato anche da R.C. de Marinis (1987), M.T. Grassi (1991) e, più recentemente, da L. Ambrosini (2002), S. Sisani (2007) seguito da M. Silani (2017) e Kruta (2008). Su questi lavori si tornerà nel paragrafo dedicato alla cronologia.

9Le scoperte di Montefortino hanno esercitato grande influenza anche nello sviluppo degli studi sulle singole categorie degli oggetti presenti nel sepolcreto, utilizzati per confronti tipologici e per agganci cronologici. La loro disamina, che sarebbe troppo lungo commentare in questa sede, sarà presentata nell’edizione critica della necropoli. (ML)

Il progetto CAECINA

Le tappe delle nuove ricerche

  • 27 M. Mancini, della Soprintendenza Archeologica delle Marche, Sez. Archeologia, Servizio Inventario, (...)
  • 28 Le armi sono state disegnate da Th. Lejars, i calderoni da F. Grilli, gli spiedi e gli alari da M. (...)
  • 29 R. Bernadet ha eseguito una campagna fotografica RTI (Reflectance Transformation Imaging); B. Houa (...)
  • 30 Le analisi metallografiche di recipienti in lega a base rame, eseguite a titolo gratuito nei labor (...)
  • 31 Le radiografie dei reperti di ferro sono state eseguite da Fabio Milazzo presso il Laboratorio di (...)
  • 32 Le indagini tomografiche sono state eseguite presso il Laboratorio Tec-Eurolab di Modena.
  • 33 Il restauro delle armi e di un braccialetto di ferro è stato eseguito da R. Bernadet.

10Terminata la ricognizione sui materiali conservati nei Musei statali di Ancona e di Arcevia, sono iniziate la nuova schedatura, l’organizzazione dei documenti d’archivio con l’informatizzazione e la trascrizione dei diari di scavo27, la documentazione grafica28 e fotografica29, le analisi RDF sulla composizione delle leghe a base di rame30, le radiografie31 e le tomografie32 preliminari agli interventi di restauro33 (fig. 4-5). Gli esami radiografici ai quali sono stati sottoposti alcuni oggetti di ferro, spesso in frammenti e in condizione di grande fragilità, hanno evidenziato particolari non altrimenti rilevabili sotto lo strato di corrosione attiva che li ricopriva. In occasione di vecchi restauri, infatti, alcuni di essi erano stati ricomposti unendo parti di oggetti diversi.

Fig. 4 – Ricomposizione di un elmo prima del restauro.

Fig. 4 – Ricomposizione di un elmo prima del restauro.

Foto R. Bernadet.

Fig. 5 – L’elmo della t. IV-V prima e dopo il restauro.

Fig. 5 – L’elmo della t. IV-V prima e dopo il restauro.

Foto R. Bernadet.

  • 34 Buona parte del complesso lavoro di incrocio dei dati è opera di N. Lucentini che ha collazionato, (...)

11Il confronto tra la documentazione d’archivio (fig. 6), le pubblicazioni di A. Anselmi, G. Giampieri Carletti e le due diverse redazioni dello stesso Brizio, ha fatto emergere discordanze che solo con un paziente lavoro di incrocio dei dati è stato possibile identificare e in parte ricomporre34. L’esame autoptico eseguito sugli oggetti ha consentito di verificare ed eventualmente correggere l’attribuzione ai rispettivi contesti.

Fig. 6 – Pianta della t. VIII di Montefortino, disegnata da C.M. Trebbi nell’agosto 1898.

Fig. 6 – Pianta della t. VIII di Montefortino, disegnata da C.M. Trebbi nell’agosto 1898.

Archivio della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio delle Marche.

  • 35 Il nuovo catalogo delle tombe fa riferimento a quello pubblicato da Brizio nel IX volume dei MAL m (...)

12Parallelamente a queste indagini, si è proceduto alla preparazione dell’edizione scientifica della necropoli. La prima parte del volume è dedicata alla presentazione della necropoli e al suo contesto geografico e storico, la seconda alla storia delle scoperte e degli studi con particolare attenzione agli aspetti topografici e cronologici, la terza alla classificazione e al commento delle principali categorie di oggetti che compongono i corredi [A21] [A22] e la quarta al catalogo delle tombe [A23] [A24]35. (ML e PPA)

Gli aspetti topografici (fig. 7)

Fig. 7 – Planimetria della necropoli dei Pianetti di Montefortino.

Fig. 7 – Planimetria della necropoli dei Pianetti di Montefortino.

Rielaborazione N. Lucentini.

  • 36 Roma EUR ACS AA BB AA II verso I serie e MIBACT BIASA, Inventario del Fondo Felice Barnabei III. 1 (...)
  • 37 La documentazione conservata presso l’Archivio della Soprintendenza e l’Archivio di Stato di Ancon (...)
  • 38 La pianta della ricchissima t. VIII è documentata in diverse versioni non tutte coincidenti.
  • 39 Alcuni autori ritengono che questi recipienti siano louteria o labra, ovvero bacili per il lavaggi (...)
  • 40 Tribellini 2006, p. 168-180.

13La raccolta, la trascrizione e il riordino della notevole massa di materiale documentario conservata negli archivi romani36 e anconitani37, hanno consentito di recuperare, tra l’altro, gli schizzi delle piante di diciannove tombe38 e diversi abbozzi di planimetrie di scavo dell’assistente Proni, poi confluite, con alcune contraddizioni, in quella complessiva rielaborata dal Brizio e dal disegnatore Trebbi nell’edizione dei Monumenti Antichi. Il confronto tra le fonti relative alle diverse fasi di scavo (Anselmi per i primi scavi non controllati del 1894; Proni e Anselmi per gli scavi eseguiti sotto sorveglianza nell’autunno 1895 – primavera 1896; Anselmi e Giampieri per gli scavi condotti autonomamente da quest’ultimo nel 1896) ha consentito di far emergere le contraddizioni presenti nella documentazione e, spesso, di offrire una ricostruzione filologica, ricostruendo la sequenza originaria dei dati e proponendo una edizione critica della planimetria. Si è chiarito, ad esempio, l’identità della misteriosa tomba 0, segnata nella planimetria edita ma ignorata nel testo di Brizio del 1901, e sono stati recuperati i dati di alcune tombe rimaste inedite (t. Xbis, XIIbis, XXIIbis, XXXVbis, XLVIII). Il materiale documentario ha consentito, inoltre, di ricomporre e integrare le sommarie citazioni di tombe «romane» frammiste e perfino sovrapposte alle tombe di età precedente e dei votivi in terracotta, rinvenuti in esse o nell’area della necropoli ma fuori contesto, recuperando un elemento chiave per la lettura della fase finale del complesso archeologico. Il lavoro d’archivio è stato affiancato da sopralluoghi per verificare il rapporto topografico della necropoli con aree vicine che hanno restituito documentazione archeologica. L’area dei Pianetti, infatti, è inserita in un contesto territoriale notevolmente ricco di rinvenimenti. Nessuno di essi, almeno per ora, sembra essere collegato ad un abitato di epoca La Tène o del periodo della romanizzazione mentre sono state identificate tracce di almeno due luoghi di culto. Il primo, dove sono stati rinvenuti figurine antropomorfe in lamina bronzea, statuette in terracotta e vasi cordonati su alto piede [A25] [A26]39, è localizzato in prossimità della confluenza dei due ruscelli che formano il Fosso di Montefortino che costeggia la necropoli. Il secondo è situato alle pendici del monte che sovrasta Montefortino, dove sono segnalati resti di strutture murarie antiche e un pozzo/cisterna, all’interno del quale furono trovate arule di tipo Esquilino [A27] [A28]40. (NL)

I materiali archeologici

  • 41 Lo studio dei materiali archeologici è stato suddiviso tra diversi membri del gruppo di ricerca, a (...)

14Lo studio dei materiali è stato organizzato per classi nell’ambito delle categorie funzionali: oggetti di vestiario e di adorno, oggetti per la cura della persona, piccoli strumenti per lavori femminili, elementi da gioco, armi, oggetti da mensa e per la preparazione dei cibi, oggetti vari41.

  • 42 Per i confronti con gli esemplari della necropoli di Monte Bibele e la bibliografia sugli oggetti (...)

15Gli oggetti di vestiario sono rappresentati quasi esclusivamente dalle fibule, presenti in soli sei esemplari. Tre di essi rientrano nel grande gruppo delle fibule Certosa, presenti in ambito piceno fino al IV sec. a.C., e gli altri tre sono di schema La Tène antico con molla bilaterale e piede della staffa non fissato all’arco che rimanda all’area transalpina e, secondo l’interpretazione più diffusa, all’Altopiano svizzero [A29]42. (PPA-BF)

  • 43 Coen – Micheli 2012, p. 158-161.
  • 44 La prima menzione esplicita di mercenari celti in Grecia appare nelle Elleniche di Senofonte che e (...)
  • 45 Il migliore confronto è lo splendido esemplare di corona rinvenuto in una tomba a camera di Arment (...)
  • 46 Hautenauve 2005, p. 261-262 fig. 358, tipo III d e p. 261 fig. 357, tipo III d.
  • 47 L’esemplare noto più vicino a quello della t. VIII proviene da Rutigliano (Bari), fuori contesto, (...)
  • 48 Probabilmente a Taranto c’era una produzione di gemme incise: cf. Guzzo, 1994, p. 33-34, con discu (...)
  • 49 In Brizio e nella bibliografia successiva si parla di terminazioni dei braccialetti a protome di s (...)
  • 50 La forma degli orecchini configurati a cavallo alato ha una distribuzione prevalente in Asia Minor (...)
  • 51 Hauteneuve 2005, p. 262, fig. 47.

16Tra gli ornamenti, assumono particolare rilievo quelli d’oro, presenti in quattro corredi (t. VIII, XXIII, XXX-XXXbis, XXXII), tutti femminili. La loro manifattura, generalmente allogena, non esclude interventi di botteghe centro-italiche43. Dalle fonti storiche apprendiamo che i Celti, insediati nel Piceno nel corso del IV sec. a.C., prestarono servizio mercenario al soldo dei tiranni di Siracusa, combattendo in Epiro [A31] [A32]44. È possibile che a questa attività sia legata la presenza a Montefortino di diversi esemplari di alta oreficeria importati da aree trans-adriatiche. Le tre splendide corone della t. VIII, delle quali solo una era indossata (fig. 8-9) e le altre due erano state deposte aperte sul petto della defunta a guisa di pettorale, furono probabilmente prodotte in Grecia settentrionale un paio di generazioni prima di essere interrate [A33] [A34]45. Analoga provenienza è ipotizzabile per i torques delle t. VIII e XXIII, per gli orecchini con pendente a piramide della t. XXIII, con assonanze puntuali lungo le coste del Mar Nero [A35] [A36]46. Gli anelli a castone hanno confronti in esemplari diffusi in Italia meridionale e soprattutto in Puglia [A37]47, anche se lo stile con cui sono incisi i castoni di quelli delle t. VIII, XXIII e XXXbis, rimanda all’Italia centrale [A38]48. I braccialetti a spirale delle t. VIII e XXIII appartengono ad una foggia notevolmente diffusa in epoca ellenistica ma si distinguono per le terminazioni a testa di uccello acquatico al posto delle consuete teste di serpente [A39] [A40]49. Non si può precisare la loro area di produzione che, come per gli orecchini modellati a cavallo alato della t. XXXbis, appare, però, di ambito mediterraneo e di datazione tra il III e il II sec. a.C. [A41] [A42]50 (fig. 10). Il collare d’oro di sottile fettuccia ritorta della t. XXXbis, invece, potrebbe essere stato realizzato dai Celti adriatici [A43] [A44]51. (PGG)

Fig. 8 – Corona che ornava il capo della defunta della t. VIII.

Fig. 8 – Corona che ornava il capo della defunta della t. VIII.

Foto R. Bernadet.

Fig. 9 – Particolare del fogliame della corona indossata dalla defunta della t. VIII.

Fig. 9 – Particolare del fogliame della corona indossata dalla defunta della t. VIII.

Foto R. Bernadet.

Fig. 10 – Uno dei due orecchini indossati dalla defunta della t. XXXII.

Fig. 10 – Uno dei due orecchini indossati dalla defunta della t. XXXII.

Foto R. Bernadet.

  • 52 I due torques d’oro delle t. VIII e XXIII non sono di foggia tipicamente lateniana (vedi supra).
  • 53 Tarpini 2007, p. 9-14 con discussione sull’origine e la cronologia del tipo.
  • 54 La forma del braccialetto, circolare con estremità sovrapposte avvolte a viticci, ha un’ampia diff (...)
  • 55 Lollini 1979, p. 59, 69, 79, tav. VIII B (Camerano t. 57 area Scandalli) e tav. XI A (Numana Sirol (...)
  • 56 Confrontabile con esemplari di Casalecchio di Reno t. 38 e di Spina Valle Trebba t. 485, Cornelio (...)
  • 57 Tra quelle con decorazione ad occhi, la cui diffusione è amplissima, vi è un vago con decorazione (...)
  • 58 Martellone 2011, p. 308-327.

17Agli ornamenti d’oro si affiancano quelli in argento, bronzo e ferro, metalli di cui sono fatti i braccialetti e gli anelli digitali presenti nei corredi di defunti di entrambi i sessi e quelli di vetro e d’ambra esclusivi di quelli femminili. I gioielli di tipologia La Tène sono pochi. Al collare di fettuccia d’oro ritorta (t. XXXbis), già menzionato52, si affiancano tre braccialetti: il primo, di vetro trasparente con fondo giallo (t. IX), la cui origine transalpina, però, è stata messa in discussione53, è stato rinvenuto in associazione con un esemplare con capi a viticci, foggia ampiamente diffusa in ambito mediterraneo ma presente frequentemente anche nelle tombe celtiche transalpine della media e tarda età di LT (t. XXXbis) [A45] [A46] [A47]54; il secondo (t. XXI), di filo d’argento, ha la caratteristica piegatura ad otto e le estremità aperte spiraliformi che lo accomunano ad esemplari presenti in corredi senoni e piceni del IV e III sec. a. C.55, e il terzo, purtroppo adespota, è costituito da un filo d’argento che delinea un meandro continuo [A48] [A49]56. La categoria dei braccialetti è rappresentata anche da un esemplare d’avorio (t. XXXbis), materiale prezioso di provenienza orientale con cui sono stati realizzati anche i due pettini delle t. VIII e XXXbis. Di pasta vitrea sono, invece, i numerosi vaghi, provenienti anche dal Vicino Oriente o dalle isole greche [A50] [A51]57, che componevano le collane deposte in alcuni corredi femminili, talvolta alternati a pendenti metallici di tipologia mediterranea e a elementi in ambra di provenienza baltica. Due grossi elementi con decorazione ad occhi e a tubercoli grandi e piccoli (t. IX), rinvenuti in vicinanza di due piccoli fusi d’osso, sono di manifattura fenicio-punica [A52] [A53]58. (BF)

  • 59 Landolfi 1997, p. 40-43.

18Tra gli oggetti per la cura della persona, quelli maggiormente rappresentati sono gli strigili, deposti in trenta corredi sia maschili che femminili, per lo più in associazione con contenitori di olii o di sostanze detergenti, costituiti da un sacchetto in materiale deperibile chiuso da un’imboccatura metallica, che è l’unica parte che si è conservata. La provenienza da Praeneste di una parte almeno di questi servizi per la cura del corpo attesta che, tra l’ultimo quarto del IV ed il primo quarto del III sec. a.C., vi erano contatti tra le comunità celtiche dell’Adriatico e l’importante città laziale59. (VJ)

  • 60 Landolfi 1997, p. 34 e passim.

19Esclusivi delle tombe femminili sono invece gli specchi di bronzo con decorazione incisa di manifattura etrusca che, come le fiaschette metalliche porta-unguenti finemente decorate, testimoniano il flusso di questi prodotti di lusso dall’Etruria verso il Piceno lungo direttrici trans-appenniniche [A54] [A55]60. (LA)

  • 61 Harden 1981, p. 52-53, 60; più prudente Grose 1989, p. 109-110; Arveiller-Dulon - Nenna 2000 p. 15
  • 62 Colivicchi 2007, p. 5; Pensabene 2013, p. 188-189.
  • 63 Tra le sepolture di Spina significative per la concentrazione di unguentari in pasta vitrea spicca (...)

20Gli unguentari di pasta vitrea, provenienti dell’area [A56] [A57] greco-orientale all’interno della quale particolarmente attiva sembra essere stata Rodi61 e quelli in alabastro, originari dell’Egitto e importati in Etruria, Magna Grecia e Sicilia già dal VII sec. a.C. grazie ai rapporti commerciali con l’emporio di Naucrati e Rodi62 [A58], hanno probabilmente raggiunto Montefortino attraverso gli Etruschi di Spina63, le cui aristocrazie avevano più facilmente accesso a questi prodotti. Prevale la forma dell’alabastron, sia in alabastro che in pasta vitrea. Considerato che, fatta eccezione per un esemplare in terracotta del corredo maschile della t. XXXIV, tutti i balsamari appartenevano a corredi femminili, dove sono presenti in sei sui sedici di quelli identificati come femminili (t. VII, IX, XX, XXIbis, XXVII, XXX), è probabile che costituissero un oggetto identificativo di genere come i pettini d’avorio e i porta-aghi d’osso. (MS)

  • 64 Brizio 1901, p. 756-758.
  • 65 Déchelette, 1902, p. 246.
  • 66 Lollini 1979, p. 59-60.
  • 67 Lejars 2017, p. 580 che li data alla fase La Tène B1.
  • 68 t. XXV, XXXIII e XXXIV. Della t. XXXIV non resta che un frammento di fodero di spada non databile (...)
  • 69 Landolfi per elmo t. XXV.
  • 70 Confermata dai recenti ritrovamenti subacquei di Gela e delle Egadi (Coarelli 2014, p. 99-114, sop (...)
  • 71 Mazzoli Paribeni 2010, p. 27 dove è datato tra la fine del La Tène B2 e l’inizio del La Tène C1, d (...)
  • 72 Per le armi di Monte Bibele, cfr. Lejars 2008, p. 134-135.

21 Le armi di tipologia La Tène rinvenute a sud delle Alpi, che Brizio considerava influenzate da modelli peninsulari [A59] [A60]64, col tempo sono diventate molto più numerose che in precedenza e la loro ascendenza celtica non è più in discussione65, anche se è indubbio che siano state utilizzate anche dai guerrieri piceni stanziati lungo costa [A61] [A62]66. Nella necropoli di Montefortino si contano ben 25 contesti con armi (pari al 50% delle tombe), 17 dei quali contenevano anche l’elmo. La spada è presente in 18 contesti, esattamente come le armi d’asta, costituite da lance da fermo o da getto, alle quali bisogna aggiungere un’ascia con manico perpendicolare alla lama (t. XXVIII), da usare come arma o come utensile. Si conservano solo sette delle diciotto spade menzionate da Brizio, descritte per lo più come intere, ma ora generalmente in frammenti, per il restauro delle quali sono utilissimi i disegni eseguiti da L. Trebbi, su incarico di E. Brizio. Gli scudi, o meglio le guarnizioni degli scudi, sono del tutto assenti. Dai dati archeologici, quindi, si ricava un’immagine riduttiva rispetto a quella fornita dalle fonti letterarie antiche e quindi a fortiori dalla realtà. Riguardo all’armamento, la più documentata è la combinazione di elmo-lancia-spada, talvolta con uno o due esemplari di pilum (12 occorrenze) e quando è costituito solo dalla spada (4 casi) o solo da un elmo (1 caso), si può ipotizzare che, in corso di scavo, sia stata recuperata solo una parte del corredo, come nelle t. XXIV e XXIX. La deposizione di una sola lancia, invece, è del tutto plausibile. La collocazione delle armi nella sepoltura, quando è descritta, sembra essere stata molto varia (testa, parte superiore destra o sinistra, petto, piedi). Gli elementi relativi all’armamento giunti fino a noi sono stati tutti disegnati e sono stati analizzati anche quelli venduti o perduti (in particolare gli elmi) documentati da disegni d’archivio, tenendo conto dei danni prodotti dalla corrosione soprattutto di quelli in ferro. Gli oggetti meglio conservati sono stati radiografati per esaminarne la struttura e individuare eventuali precedenti assemblaggi. Un esame approfondito dei precedenti restauri (elmi delle t. II, IV-V e XXVI; foderi di spada delle t. IV-V, XIII e XVIII) ha consentito di identificare alcuni montaggi erronei o di fantasia (come per il fodero della t. XVIII), di studiarne la morfologia e gli aspetti tecnici e di rivelare la presenza di decorazioni. Dal punto di vista della cronologia, tenuto conto dello stato residuale di una buona parte di spade, foderi e lance di ferro, è difficile ottenere risposte definitive da queste categorie di oggetti. Solo gli elmi, in bronzo e in ferro, potrebbero fornire qualche elemento utile, se abbastanza ben documentati e con confronti precisi in altri esemplari [A63] [A64]. Gli elmi ornati da motivi a treccia e con paragnatidi trilobate delle t. III e XVIII consentono di datare i loro contesti di appartenenza alla stessa epoca di quelli di Filottrano e Moscano di Fabriano [A65] [A66]67 e, quindi, alla prima metà del IV sec. a.C. e quello in bronzo della t. XXV, fornisce un terminus ante quem per la serie delle tombe con armi della fase più recente della necropoli68. La datazione della t. XXV alla seconda metà del III sec. a.C., proposta da M. Landolfi [A65]69 sulla base della forma evoluta dell’elmo di «tipo Montefortino» (Coarelli tipo D), si basa sul confronto con l’esemplare rinvenuto a Pizzighettone, ritenuto il sito dell’antica Acerrae e, pertanto, collegato agli avvenimenti storici del 222 a.C.70. A questo elmo si può ora affiancare quello con paragnatidi a incavi molto marcati rinvenuto nella t. 5 di Pulica [A68] [A69]71, al confine tra Toscana e Liguria, associato ad una spada, piegata nel suo fodero, con catena metallica di sospensione e datato alla metà del III sec. a.C. La spada della t. XXV di Montefortino, ancora relativamente corta e con lama a sezione lenticolare, trova confronto, però, negli esemplari recenti di Monte Bibele [A70]72, datati all’inizio del La Tène C1 e, quindi, non più tardi del secondo quarto del III sec. a.C. (TL)

  • 73 Nel BAPD è palese la duplicazione (26160 e 230801) della lekanis dell’Otchet Group dalla t. IV-V, (...)
  • 74 L’attribuzione al Pittore di Vienna 155 in Landolfi 1991, p. 81.
  • 75 Moore 1997, p. 285.

22Il vasellame da mensa comprende oggetti metallici e ceramici di importazione e di manifattura locale. La ceramica attica figurata è rappresentata da quattro esemplari accertati che, anche se poco numerosi, offrono preziose indicazioni cronologiche sull’epoca in cui furono prodotti ovvero entro il secondo quarto del IV sec. a. C. (Jacobsthal 1939 [A71]). Essi sono: un askòs a figure rosse (inv. n. 1916) dalla t. II che è datato al 400-300 a.C. (Beazley Archive 46278 [A72]), una lekanìs a figure rosse (inv. n. 1935) dalla t. IV-V, attribuita a Ochtet Group e datata al 370-350 a.C. (Beazley Archive 230801 [A73])73, che trova confronto in un esemplare di Moscano di Fabriano; una kylix a figure rosse (inv. n. 2139) dalla t. XVIII, attribuita da M. Landolfi al Pittore di Vienna 155, datata al 370-350 a. C. (Beazley Archive 46279 [A74)74 e confrontabile con un frammento di lekanìs del Pittore di Vienna 155 dall’Agorà di Atene (P 23279), datato da McPhee al secondo quarto del IV sec. a. C. [A75] [A76]75. Ad essi è da aggiungere lo skyphos del Gruppo del Fanciullo Grasso (inv. n. 1952) dalla t. IV-V non riportato nel BAPD.

  • 76 Felletti Maj 1958, p. 292.
  • 77 La prudente posizione di F. D’Andria (2002), in merito alle difficoltà di interpretazione delle fo (...)

23 Le ceramiche cosiddette alto-adriatiche sono più numerose di quelle attiche figurate. Tra queste, nell’ambito di quello definito «Gruppo Spina-Numana» [A77] [A78]76, si distingue un sottogruppo (skyphoi, oinochoai, piattelli e coppette su piede a figure rosse con immagini intere o di profili muliebri che può essere definito «Gruppo Numana-Montefortino», perché costituito da esemplari rinvenuti quasi esclusivamente in questi due luoghi. Gli esemplari di Montefortino provengono dalle t. IV-V, IX, e da una tomba manomessa non numerata, e tra i materiali adespoti figurano anche alcuni frammenti di lekanides (inv. n. 4746 e 4699). Il cratere delle t. IV-V, e soprattutto il sopracitato skyphos con giovane ammantato, trovano confronti significativi oltre che a Numana-Sirolo e a Senigallia (abitato preromano di via Cavallotti), anche sull’opposta sponda dell’Adriatico [A79], in Croazia a Sutilija presso Trogir e a Nesazio77. (ML)

  • 78 Montagna Pasquinucci 1972, p. 275, 278-280.
  • 79 Dall’inizio alla fine del II sec. a.C., la standardizzazione diventa sempre più evidente, ma con e (...)

24Il vasellame ceramico a vernice nera è il più numeroso, essendo rappresentato da 236 esemplari, prevalentemente di forma aperta, corrispondenti all’83,7 % del totale (72 coppe, 65 coppette, 45 patere, 9 piattelli su piede, 6 kylikes, 4 scodelle-mortaio). Meno numerose sono le forme chiuse corrispondenti al 12,9% del totale (9 skyphoi, 7 kantharoi, 5 brocchette-attingitoio, 4 balsamari, 3 bicchieri senza anse e bicchieri biansati, 2 anforette e 1 krateriscos; al 3,3% del totale corrispondono 8 frammenti di forma poco o per nulla definibile. Tra la fine del IV e gli inizi o la metà del III sec. a.C., il vasellame a vernice nera è ancora relativamente poco numeroso e di alta qualità ed è importato dall’Attica o dall’Etruria settentrionale, in particolare da Volterra [A81] [A82]78. Dalla metà del III fino alla metà-fine del II sec. a.C. diventa numericamente più consistente, con forme standardizzate e di qualità scadente; prevalgono gli esemplari prodotti nei centri di Ariminum (268 a.C.) e di Aesis (247 a.C.) che si ispirano liberamente alle produzioni dell’Etruria, del Lazio e della Campania [A83] [A8]79. (CT)

25Il vasellame ceramico d’impasto grigio consta di 113 esemplari costituiti soprattutto da coppe su alto piede (50% del totale) seguite dai piattelli, in genere anch’essi su alto piede (40%), mentre è esiguo il numero di recipienti di altre forme (askoi, kylikes, crateri, skyphoi pari al 3,5%). La classificazione compiuta nell’ambito degli esemplari di Montefortino rappresenta un importante contributo ad una migliore organizzazione di questa classe ceramica, di cui non esiste ancora una tipologia consolidata. Poiché gli esemplari di Monefortino provengono da contesti chiusi, questa loro classificazione costituirà la base per una loro migliore collocazione cronologica. (SM)

  • 80 Un esemplare è forse individuabile tra gli oggetti adespoti conservati nei magazzini del Museo Arc (...)
  • 81 Weber 1983, p. 442.
  • 82 La t. 178, esposta al Museo archeologico nazionale delle Marche di Ancona è inedita, mentre per la (...)
  • 83 Adembri 1982, p. 80-81 con rimandi bibliografici anche per la situla di Todi.
  • 84 Sui bronzi di queste tombe cf. Hostetter 2001, p. 302-305 e Beck – Stewart 1994 p. 211-225.
  • 85 Kruta 2000, p. 620-621 con bibliografia.
  • 86 Krauskopf 1980 p. 15, nota 42.

26Il vasellame bronzeo legato al servizio da mensa è costituito da 48 oggetti deposti in tredici sepolture di cui sei con corredo femminile (t. VIII, XXIII, XXVII, XXX-XXXbis, XXXII, XXXIX) e sei o sette con armi (t. XXV-XXVI, XXXIII-XXXV, XLVI e forse XLVII, manomessa). Le forme presenti riguardano prevalentemente il servizio da vino e sono: nove colini, nove kyathoi, sei situle, quattro teglie, uno stamnos, un caccabus, una patera ombelicata, un kyathos a corpo ovoide e una grattugia; otto olpai e otto «padelle» costituivano, verosimilmente in coppia, il servizio per le abluzioni connesse al banchetto e al simposio. Sono assenti, invece, i kyathoi a rocchetto80, le oinochoai a bocca trilobata di forma 2 Beazley, inseribili nel tipo Weber A. Etr. b81, i podanipteres, le situle stamnoidi decorate da perlinature e motivi a guilloche finemente incisi. Queste forme, considerate di produzione medio-tiberina, in prevalenza falisca (Krauskopf [A85] [A86]), sono significativamente presenti in alcune ricche tombe della fine del V sec. a.C. della necropoli picena di Sirolo Numana (t. 64 e 178 di area Quagliotti [A87] [A88])82 e compaiono anche a Todi e in Etruria padana [A89] [A90]83, a Spina nella t. 128 Valle Trebba e nella t. 136 Valle Pega [A91] [A92]84 come pure nelle tombe isolate dei «basilikoi» di Moscano di Filottrano e di Santa Paolina di Filottrano [A93] [A94]85. Come sottolinea la Krauskopf, i motivi a guilloche ritornano sugli elmi celto-italici, presenti anche a Montefortino86. (ML)

  • 87 «Il cibo dei Galli si compone di un po’di pane e di tanta carne, tanto bollita quanto arrostita su (...)
  • 88 La sua forma, infatti, trova confronto in un noto esemplare proveniente dal sito di La Tène e oggi (...)

27I calderoni, utilizzati prevalentemente (ma non esclusivamente) per la cottura delle carni e dei cibi in occasione dei banchetti87, sono presenti in undici corredi dell’ultima fase della necropoli. Nell’ambito di questi recipienti, sono stati individuati sei tipi. Due di essi sono più antichi e potrebbero derivare da forme già presenti sul territorio. Tre tipi, rappresentati da un buon numero di esemplari prodotti poco prima del loro interramento nelle tombe della fase più recente della necropoli, sembrano essere, invece, forme specifiche di area senone. L’esemplare bimetallico della t. XXV, infine, sembra essere stato importato in Piceno dall’area transalpina e qui riadattato prima di essere deposto nella tomba [A95]88. (FG)

  • 89 Frey 1992, fig. 9, con carta di distribuzione degli spiedi in ambito medio-adriatico e nella regio (...)
  • 90 Baldelli – Buranelli 2001, p. 347.

28Gli spiedi e gli alari, notevolmente meno numerosi dei calderoni, occupano un posto di particolare rilievo nel servizio da cucina89. Di lunghezza sempre superiore al metro, gli spiedi, riuniti in gruppi di sei o di otto elementi, facevano parte di quattro corredi femminili (t. VIII, XXIII, XXXII, XXXIX) e di quattro maschili (t. XXXIII, XXXIV, XLVI e XLVII); ad essi vanno aggiunti due altri esemplari appartenenti al corredo maschile della t. II, dei quali se ne è conservato solo. Le coppie di alari compaiono solo in tre corredi (t. VIII con due coppie, t. XXIII e XLVII con una coppia). Questi utensili non erano stati utilizzati per il pasto funebre, che con ogni probabilità aveva avuto luogo in occasione del seppellimento, ma dovevano simboleggiare nell’aldilà il rango di coloro che, in vita, avevano potuto offrire banchetti a numerosi invitati, offrendo grosse porzioni di cibo arrostito. Anche nel caso del servizio per la cottura e l’arrostimento delle carni si possono cogliere assonanze con l’ambiente locale, dove spiedi in fasci o singoli in ferro e anche in bronzo, come nel caso di Monteroberto, sono attestati fin dal VI sec. a.C.90 (MC)

Prime riflessioni sui risultati

La cronologia

  • 91 Pol., Hist., 2, 19; Liv., 10, 17-30.
  • 92 Vitali 2004, p. 326. Landolfi 1993, p. 219-235, che riprende Zuffa 1971 e 1978, p. 154, note 17-18
  • 93 Dopo aver effettuato un riesame dei 47 corredi sulla base della pubblicazione di E. Brizio, V. Kru (...)
  • 94 Kruta 2000, p. 204.
  • 95 L’attribuzione delle tombe alle fasi è stata ricavata dalla pianta. Le tombe della prima fase sono (...)
  • 96 Le tombe della seconda fase sono: XI, XIII, XVII, XXI-XXII, XXVI, XXIX.
  • 97 Le tombe della terza fase sono: VIII, XXIII, XXV, XXXII-XXXIV, XXXIX-XL, XLVII, cf. de Marinis 199 (...)
  • 98 De Marinis 1997, p. 142. La fase è caratterizzata dalla ceramica attica etrusca e falisca a vernic (...)
  • 99 De Marinis 1997, p. 146.
  • 100 Ambrosini 2002, p. 360, note 140-143, sulla base dei thymiatheria della t. VIII (p. 362-363, note (...)
  • 101 Sisani 2007, ripreso da Silani 2017.

29La riflessione sulla cronologia delle tombe galliche di Montefortino è stata inizialmente condizionata da quanto affermato dalle fonti letterarie91, secondo le quali, dopo la vittoria dei Romani a Sentino (295 a.C.), la fondazione di Sena Gallica (283 a.C.) e di Ariminium (268 a.C), i Senoni erano stati sterminati o espulsi dal territorio in cui erano precedentemente insediati. Di conseguenza, la necropoli non sarebbe stata più utilizzata come loro luogo di sepoltura. Le attestazioni degli storici antichi, però, non concordano con i dati desumibili dalla documentazione archeologica. Dall’inizio degli anni Settanta, numerosi studiosi italiani si sono espressi a favore di una utilizzazione della necropoli anche dopo il 268 a.C. Tra questi M. Landolfi che si è occupato di Montefortino fin dal 1978 e ha pubblicato a più riprese i corredi delle tombe più significative, proponendo, per un buon numero di esse, una datazione che scende anche alla seconda metà del III sec. a.C. [A97] [A98]92 Nel 1981, sulla base della composizione dei corredi ma cercando di tenere conto anche della testimonianza delle fonti letterarie, V. Kruta ha proposto una cronologia articolata in tre fasi all’interno di una fascia temporale estesa dalla seconda metà del IV sec. a.C. al 268 a.C. [A99] [A100]93. Lo studioso ha sottolineato che, tra le armi dei Senoni, non sono presenti gli umboni di scudo metallici e i sistemi di sospensione delle spade a catena metallica, di cui pone l’inizio nel secondo decennio del III sec. a.C. [A101] [A102]94. Successivamente, R.C. de Marinis (1997), analizzando nuovamente i corredi, ha approfondito lo studio delle categorie di oggetti di cui Brizio aveva fornito il disegno e ha proposto una nuova lettura dello sviluppo topografico della necropoli. Seguendo la partizione in fasi di V. Kruta, lo studioso ha attribuito alla fase più antica otto tombe95 localizzate nella parte centrale e occidentale della necropoli, datandole alla seconda metà del IV sec. a.C.; alla fase intermedia sette tombe, localizzate a nord e ad est del nucleo più antico, caratterizzate dalla presenza di strigili di bronzo, due dei quali con bollo Apolloôrô (t. 17 e 22) che consentono di datare la fase al primo venticinquennio del III sec. a.C.96; alla terza fase, nove tombe datate tra il 275 e il 225 a.C.97. La necropoli si sarebbe sviluppata, quindi, tra la metà o l’ultimo quarto del IV sec. a.C.98 e la seconda metà del III sec. a.C.99. Più recentemente L. Ambrosini ha confermato uno sviluppo della necropoli anche nella seconda metà del III sec. a.C.100 e Sisani è ritornato sulla questione pronunciandosi a favore di una possibile sopravvivenza della componente gallica anche in presenza di coloni romani e dell’avvio della romanizzazione dell’ager Gallicus101.

  • 102 I contesti sono quattro, se le t. IV e V sono da interpretare come una sola sepoltura bisoma, oppu (...)
  • 103 La loro esistenza e posizione topografica è testimoniata dai documenti d’archivio.

30Il riesame dei dati archeologici effettuato nell’ambito del progetto CAECINA ha consentito di ampliare l’arco di tempo nel quale distribuire le tombe della «fase celtica» della necropoli. Il suo inizio appare contraddistinto, come era già stato notato, dalla presenza di ceramiche figurate attiche nelle t. II, IV-V e XVIII e di quelle cosiddette alto-adriatiche nelle t. IV-V e IX e in quella tra le t. IX e X, non numerata perché manomessa. Poiché sono state rilevate strette affinità con le ceramiche figurate dei più ricchi corredi di S Paolina di Filottrano e di Moscano di Fabriano, sembra di poter dedurre che l’inizio della necropoli sia da datare, come quelle tombe, alla prima metà del IV sec. a.C.,rialzando in tal modo la cronologia dei contesti che le contengono102. La fine del periodo gallico della necropoli resta ancora non ben definita, anche perché non è ancora del tutto chiaro il rapporto tra le tombe identificate da E. Brizio come «galliche» e le altre da lui definite «romane». Queste, costituite da una dozzina di sepolture con copertura a cappuccina, sono menzionate ma non descritte singolarmente e nemmeno riportate nella planimetria ufficiale del sepolcreto103. Se si accetta l’ipotesi che vi sia stata una discontinuità tra una fase identificata come «celtica» ed una definita «romana», il termine inferiore più convincente appare quello proposto da R.C. de Marinis e da M. Landolfi che comprende almeno la seconda metà del III sec. a.C. Gli elementi a favore di questa datazione «bassa» sono costituiti dagli specchi con la raffigurazione delle Lase, dai thymiateria, dall’unico balsamario di terracotta e, soprattutto, dal numeroso vasellame in ceramica a vernice nera e in impasto grigio che ne imita le forme, che trova confronto a Suasa e a Iesi, antica Aesis, dove fu prodotto alla fine del III e durante il II sec. a.C.

31Lo studio delle combinazioni dei tipi degli oggetti nei corredi, ancora non è stato completato, fornirà i dati sull’articolazione cronologica interna alla necropoli.

La peculiarità della necropoli

32Tra le necropoli dell’Italia preromana del IV e del III sec. a.C., quella dei Pianetti di Montefortino si distingue per aver restituito la più alta percentuale di deposizioni con armi, ventisei su una cinquantina di tombe, cioè oltre il 50% delle sepolture. Di queste, ben diciassette contenevano un elmo metallico, elemento di grande pregio che in genere connota, almeno nell’ambito dei gruppi celtici, gli individui di status sociale preminente. Su circa cinquanta inumati di entrambi i sessi, trenta erano accompagnati dagli strigili e spesso anche da contenitori per unguenti o sostanze detergenti. La cura del corpo, come cosmesi forse più che come esercizio fisico legato alla palestra, quindi, era diffusa e accomunava. Anche il numero degli individui di entrambi i sessi sepolti con vasellame metallico destinato al banchetto e al simposio è molto alto: su un totale di ventisei inumati con armi si contano ben sei deposizioni con vasellame bronzeo e sei su sedici con corredo femminile. Associato al vasellame da banchetto e da simposio, il servizio da gioco, di cui restano i dadi e le pedine di vetro, documenta la forte acculturazione in senso etrusco-italico dei Senoni dell’Adriatico, integratisi bene e in poco tempo nell’ambito culturale che contraddistingueva gran parte della Penisola italiana tra IV e III sec. a.C.

  • 104 Kruta 2000, p. 817, s.v. Serra San Quirico con la menzione delle due località Ponte e Trivio con t (...)
  • 105 Ibid., p. 80, con bibliografia.
  • 106 Ibid., p. 741, con bibliografia.
  • 107 Ibid., p. 620-621, con bibliografia.
  • 108 Nella pubblicazione inglese, L. Scott definì la t. VIII «tomba degli ori della sacerdotessa» (Scot (...)
  • 109 Stone 2015 p. 101, nota 105 (con bibliografia).

33Se confrontate con quelle del vicino sito di Serra San Quirico [A103] [A104]104 con le due località Ponte di San Vito [A105] [A106] e Trivio, le tombe dei Pianetti di Montefortino sembrano accogliere non tanto i defunti di un gruppo umano corrispondente ad un singolo insediamento, quanto i membri dell’aristocrazia di gruppi insediati in un ampio territorio di cui è difficile ipotizzare l’estensione ma che certamente non era limitata ad una sola valle fluviale. Mancano, però, per le fasi iniziali, le tombe con corredi di eccezionale ricchezza come quelle, isolate, di San Ginesio (MC [A107] [A108])105 e di Fabriano [A109] [A110] località Moscano (AN [A111] [A112])106 o inserite in una necropoli come quella di Ripabianca di Santa Paolina di Filottrano (AN)107, riferibili a vere figure di «basilikoiî» e di «basilissai» dell’inizio del IV sec. a.C. A Montefortino, solo tre tombe, della fase finale della necropoli, hanno corredi con caratteristiche analoghe. La defunta della t. VIII era stata sepolta, nella seconda metà del III sec. a.C., con oggetti degni di una donna di altissimo rango per la quale sono stati ipotizzati anche ruoli sacerdotali [A113] [A114]108. Ad essa si avvicinano solo il corredo della t. XXXbis corredata da oggetti di notevole pregio, tra cui un bruciaprofumi, posta al disotto della t. XXX in cui era deposto un cavallo con un proprio corredo funerario, e quello della t. XXXIII, maschile, del quale faceva parte un prezioso servizio potorio d’argento di manifattura forse siciliana con probabili derivazioni da esemplari dalle tombe regali della Macedonia di età tardo classica ed ellenistica109. Gli altri corredi, però, che comprendono vasellame bronzeo e strumenti per la cura del corpo di forme standardizzate e, si suppone, economicamente più accessibili rispetto a quelli delle tombe «principesche», sembrano da riferire ad una aristocrazia di rango inferiore e documentare, quindi, un’articolazione sociale dei Senoni cisalpini relativamente complessa.

Haut de page

Bibliographie

Adembri 1982 = B. Adembri, Schede, in Pittura etrusca a Orvieto, le tombe di Settecamini e degli Hescanes a un secolo dalla sua scoperta. Documenti e materiali, Roma, 1982, p. 82-83.

Ambrosini 2002 = L. Ambrosini, I thymiateria etruschi in bronzo di età tardo classica, alto medio ellenistica, Roma, 2002.

Anselmi 1894 = A. Anselmi, Antichità scoperte in Arcevia, in Nuova Rivista Misena, 7, 11-12, 1894, p. 189-191.

Anselmi 1895-1896 = A. Anselmi, Il sepolcreto gallico di Montefortino di Arcevia, in Nuova Rivista Misena, 8-9/10, 1895-1896, p. 131-137.

Anselmi 1897 = A. Anselmi, Gli elmi di Montefortino di Arcevia, in Nuova Rivista Misena, 9-1/2, 1897, p. 32.

Arveiller – Dulon – Nenna 2000 = V. Arveiller-Dulon, M.-D. Nenna, Le verres antiques I. Contenants à parfum en verre moulé sur noyau et vaisselle moulée VIIe siècle avant J.-C.-Ier siècle après J.-C., Parigi, 2000.

Baldelli – Buranelli 2001 = G. Baldelli, F. Buranelli, Bronzi etruschi da contesti piceni nel Museo Gregoriano Etrusco, in L. Franchi dell’Orto (a cura di), Eroi e regine, Piceni popolo d’Europa, Roma, 2001, p. 346-347.

Barnabei 1895 = F. Barnabei, Montefortino (frazione del comune di Arcevia). Di un sepolcreto gallico scoperto nella contrada denominata “Il Pianetto” ai piedi dell’abitato, in NSA, 1895, p. 408-413.

Bianchetti 1895 = E. Bianchetti, I sepolcreti di Ornavasso, in Atti della Società di Archeologia e Belle Arti per la Provincia di Torino, 4, 1895.

Brizio 1896 = E. Brizio, Montefortino (frazione del comune di Arcevia). Sepolcreto gallico scoperto in vicinanza dell’abitato, in NSA, 1896, p. 3-13.

Brizio 1901 = E. Brizio, Il sepolcreto gallico di Montefortino presso Arcevia, in MAL, 9, 1901, col. 617-808.

Ceka 2002 = N. Ceka, I riflessi della politica di Dionisio il Grande nel territorio dell’attuale Albania, in N. Bonacasa, L.Braccesi, E. De Miro (a cura di), La Sicilia dei due Dionisî, Roma, 2002, p. 78-79.

Challet 1997 = V. Challet, Les bijoux de la nécropole de Monte Bibele (Monterenzio, BO), in D. Vitali, S. Verger (a cura di), Tra mondo celtico e mondo italico. La necropoli di Monte Bibele, Bologna, 1997, p. 61-76.

Coarelli 2014 = F. Coarelli, I quaestores classici e la battaglia delle Egadi, in M. Chiabà (a cura di), Hoc quoque laboris, Scritti in onore di Gino Bandelli, Trieste, 2014, p. 99-114.

Coen – Micheli 2012 = A. Coen, M.E. Micheli, La fortuna delle oreficerie in area picena tra modelli allogeni e tradizione locale, in Officina di Etruscologia, 7, 2012, p. 155-175.

Cornelio Cassai 1993 = C. Cornelio Cassai, Il corredo della tomba 83, in F. Berti, P.G. Guzzo (a cura di), Spina, storia di una città tra Greci ed Etruschi, Ferrara, 1993, p. 325-326.

Cornelio et al. 2017 = C. Cornelio, R. Curina, P. Desantis, L. Malnati, V. Manzelli, M. Miari, I Celti e le altre popolazioni preromane a Sud del Po tra IV e III secolo: una nuova prospettiva di indagine, in P. Piana Agostinetti (a cura di), Celti d’Italia. I Celti dell’età di La Tène a Sud delle Alpi, Roma, 2017, p. 79-137.

Curti 1993 = F. Curti, Tombe di IV secolo a.C., in Spina, storia di una città tra Greci ed Etruschi, Ferrara 1993, p. 292-293 e 302-307.

D’Andria 2002 = F. D’Andria, L’Adriatico. I rapporti tra le due sponde: stato della questione, in N. Bonacasa, L. Braccesi, E. De Miro (a cura di), La Sicilia dei due Dionisî, Roma, 2002, p. 127-129.

Déchelette 1902 = J. Déchelette, Montefortino et Ornavasso. Étude sur la civilisation des Gaulois cisalpins, in RA, 1902, p. 245-283.

Déchelette 1914 = J. Déchelette, Manuel d’Archéologique préhistorique, celtique et gallo-romaine. II, I, Archéologique celtique ou protohistorique, Troisième partie. Second âge du fer ou époque de La Tène, Parigi, 1914.

De Marinis 1997 = R.C. de Marinis, La tomba gallica di Castiglione delle Stiviere (Mantova), in NotABerg, 5, 1997, p. 115-176.

de’ Marinis 2005 = G. de’ Marinis, Il “problema Civitalba”, in Id. (a cura di), Arte romana nei Musei delle Marche, Roma, 2005, p. 3-7.

Desantis 1993 = P. Desantis, Altre tombe di IV secolo a. C., in F. Berti, P.G. Guzzo (a cura di), Spina, storia di una città tra Greci ed Etruschi, Ferrara, 1993, p. 308-309.

Felletti Maj 1958 = B.M. Felletti Maj, Alto-Adriatica, Ceramica, in Enciclopedia dell’Arte Antica, 1, 1958, p. 290-293.

Fowler 1902 = M.H. Fowler, Archaeological News General and Miscellaneus, in AJA, 6-2, 1902, p. 483.

Frey 1992 = O.H. Frey, I Galli nel Piceno, in La Civiltà picena nelle Marche, Studi in onore di G. Annibaldi, Ripatransone, 1992, p. 364-381.

Frothingham 1896 = A.L. Frothingham, Archaeological news, Italy. Montefortino near Arcevia, in AJA, 1896, p. 271-273.

Gebhard 1989 = R. Gebhard, Pour une nouvelle typologie des bracelets celtiques en verre, in M. Feugère (dir.), Le verre préromain en Europe occidentale, Montagnac, 1989.

Giampieri Carletti 1896 = G. Giampieri Carletti, La tomba più importante e più ricca del sepolcreto Gallico di Montefortino di Arcevia (Italia) scoperta il 1 settembre 1895 nella Proprietà Giampieri Carletti, in Ordine di Ancona, 1896.

Gill 2008 = D.W. Gill, Inscribed silver plate from Tomb II at Vergina, in Hesperia, 77, 2008, p. 335-358.

Grassi 1991 = M.T. Grassi, I Celti in Italia, Milano, 1991.

Grose 1989 = D.F. Grose, The Toledo Museum of Art. Early ancient glass, New York, 1989.

Guzzo 1993 = P.G. Guzzo, Oreficerie dalla Magna Grecia. Ornamenti in oro e argento dall’Italia Meridionale tra l’VIII e il I secolo, Taranto, 1993.

Guzzo 1994 = P.G. Guzzo, Oreficerie dalla Lucania antica, in Boll. Stor. Basilicata, 10, 1994, p. 25-48.

Guzzo 2009-2010 = P.G. Guzzo, Sulla corona di Armento, in RIASA, 64/65, 2009-2010, p. 9-35.

Harden 1981 = D.B. Harden, Catalogue of Greek and Roman glass in the British Museum, Londra, 1981.

Hautenauve 2005 = H. Hautenauve, Les torques d’or du second âge du fer en Europe : techniques, typologies et symbolique, Rennes, 2005.

Hostetter 2001 = E. Hostetter, Bronzes from Spina II, Magonza, 2001.

Hostetter et al. 1994 = E. Hostetter, C.W. Beck, D.R. Stewart, A bronze situla from Tomb 128, Valle Trebba: Chemical evidence of resonated wine at Spina, in SE, 59, 1994, p. 211-225.

Jacobsthal 1939 = J.P. Jacobsthal, Recensione a E. Baumgärtel, The Gaulish Necropolis of Filottrano in the Ancona Museum, in JRS, 29-1, 1939, p. 98-102.

Kirigin 2013 = B. Kirigin, Il Castelliere di Sutilija sopra Trogir e i rinvenimenti di ceramica del tipo Alto Adriatico antico, in Hesperia, 30, 2013, p. 847-872.

Krauskopf 1980 = I. Krauskopf, La ‘Schnabelkanne” della collezione Watkins nel Fogg Art Museum e vasi affini, in Prospettiva, 20, 1980, p. 7-16.

Kruta 1979 = V. Kruta (a cura di), Les mouvements celtiques du Ve siècle avant notre ère, Parigi, 1979, p. 55-79.

Kruta 1981 = V. Kruta, Les Sénons de l’Adriatique d’après l’archéologie (prolegomènes), in Études Celtiques, 18, 1981, p. 7-38.

Kruta 1999 = V. Kruta, Senoni nel Piceno, in G. Colonna, L. Franchi Dell’Orto (a cura di), Eroi e regine. Piceni, Popolo d’Europa, Roma, 1999, p.174-176.

Kruta 2000 = V. Kruta, Les Celtes. Histoire et dictionnaire des origines à la romanisation et au christianisme, Parigi, 2000.

Kruta 2008 = V. Kruta, Les Sénons dans les Marches aux IVe et IIIe siècles av J.-C. État de la question, in Études Celtiques, 36, 2008, p. 7-20.

Landolfi 1978 = M. Landolfi, Il sepolcreto di Montefortino d’Arcevia, in I Galli e l’Italia, Roma, 1978, p.168-175.

Landolfi 1987 = M. Landolfi, Presenze galliche nel Piceno a sud del fiume Esino, in D. Vitali (a cura di), Celti ed Etruschi nell’Italia centro-settentrionale dal V secolo a.C. alla romanizzazione, Imola, 1987, p. 443-468.

Landolfi 1993 = M. Landolfi, I Senoni dell’Adriatico dopo la battaglia di Sentinum, in V. Kruta (a cura di), Les Celtes au IIIe s. av. J-C., Parigi, 1993, p. 219-235.

Landolfi 1994 = M. Landolfi, Le terrecotte di Civitalba di Sassoferrato, in Ostraka, 3-1, 1994, p. 73-91.

Landolfi 1997 = M. Landolfi, Montefortino di Arcevia, in M. Pacciarelli (a cura di), Acque, grotte, dei. 3000 anni di culti preromani in Romagna, Marche e Abruzzo, Imola, 1997, p. 172-179.

Landolfi 1998 = M. Landolfi, Tomba 64 (area Quagliotti), scavo 1965 e Tomba 2 area Coloredo di Codroipo) scavo 1911, in E. Percossi Serenelli (a cura di), Museo Archeologico Nazionale delle Marche, sezione protostorica, I Piceni, Falconara, 1998, p. 141 e 167.

Landolfi 2000 = M. Landolfi, I Galli e l’Adriatico, in M. Landolfi (a cura di), Adriatico tra IV e III sec. a.C. Vasi alto-adriatici tra Piceno Spina e Adria, Roma, 2000, p. 19-46.

Landolfi 2011 = M. Landolfi, Elementi del corredo della tomba II necropoli gallica di S. Paolina di Filottrano, in F. Marzatico, R. Gebbard, P. Gleirscher (a cura di), Le grandi vie delle Civiltà, Relazioni e Scambi fra Mediterraneo e il Centro Europa dalla Preistoria alla Romanità, Trento, 2011, p. 541.

Lavrsen 1981 = J. Lavrsen, Montefortino, in NotMilano, 27-28, 1981, p. 4-26.

Lejars 2008 = Th. Lejars, Les guerriers et l’armement celto-italique de la nécropole de Monte Bibele, in D. Vitali, S. Verger (a cura di), Tra mondo celtico e mondo italico. La necropoli di Monte Bibele, Bologna, 2008, p. 127-222.

Lejars 2017 = Th. Lejars, Le armi e l’armamento dei Celti d’Italia, in P. Piana Agostinetti (a cura di), Celti d’Italia. I Celti dell’età di La Tène a sud delle Alpi, Roma, 2017, p. 555-607.

Lollini 1979 = D. G. Lollini, I Senoni nell’Adriatico alla luce delle recenti scoperte, in P.-M. Duval, V. Kruta (a cura di), Les mouvements celtiques du Ve au Ier siècle avant notre ère, Parigi, 1979, p. 55-61.

Mansuelli 1984 = G.A. Mansuelli, L’Archeologia Etrusco-italica a Bologna, in C. Morigi Govi, G. Sassatelli (a cura di), Dalla Stanza delle Antichità al Museo Civico, Storia della formazione del Museo Civico Archeologico di Bologna, Bologna, 1984, p. 41.

Martellone 2011 = A. Martellone, Vetri fenici in Abruzzo, in Pinna Vestinorum, Roma, 2011.

Mazzoli – Paribeni 2010 = M. Mazzoli, E. Paribeni, Die ligurisch-apuaniche Nekropole von Pulica, die Bewaffnung aus Gräbern 1 und 5, in M. Schönfelder (a cura di), Kelten! Kelten! Keltische Spuren in Italien, Magonza, 2010, p. 24-27.

Montagna Pasquinucci 1972 = M. Montagna Pasquinucci, La ceramica a vernice nera del museo Guarnacci di Volterra, in MEFRA, 84-1, 1972, p. 269-498.

Montelius 1904 = G.O. Montelius, La civilisation primitive en Italie depuis l’introduction des métaux, II, Stoccolma, 1904.

Moore 1997 = M.B. Moore, Athenian Agora, XXX, Attic Red-Figured and White-Ground, Princeton, 1997.

Muggia 2004 = A. Muggia, Impronte nella sabbia. Tombe infantili e di adolescenti dalla necropoli di Valle Trebba a Spina, Firenze, 2004 (Quaderni di Archeologia dell’Emilia-Romagna, 9).

Neuburg 1949 = F. Neuburg, Glass in the Antiquity, Londra, 1949.

Panichi 2000 = R. Panichi, Balsamari in vetro di Spina, Valle Trebba, in Annales du 14ème Congrès de l’Association Internationale pour l’histoire du verre, Venezia-Milano, 1998, p. 39-41.

Parrini 1993 = A. Parrini, Il corredo della tomba 128, in Spina, storia di una città tra Greci ed Etruschi, Ferrara,1993, p. 287-291.

Pensabene 2013 = P. Pensabene, Vasi in alabastro, in A. Capodiferreo (a cura di), Museo Nazionale Romano. Evan Gorga. La collezione di archeologia, Milano, 2013, p. 185-211.

Pernet – Carlevaro 2006 = L. Pernet, E. Carlevaro (a cura di), La necropoli di Giubiasco (TI), II. Les tombes de La Tène finale et d’époque romaine, Zurigo, 2006.

Pigorini 1896 = L. Pigorini, Elmi di bronzo da Montefortino (prov. Ancona), in BPI, 1896, p. 68-69.

Reinach 1902 = S. Reinach, La nécropole gauloise de Montefortino, in L’Anthropologie, 13, 1902, p. 267-272.

Reinach 1906 = S. Reinach, L’épée de Brennus, in L’Anthropologie, 17, 1906, p. 343-358.

Reinach 1914 = S. Reinach, Joseph Déchelette, in RA, 1914, p. 315-327.

Sassatelli 1987 = G. Sassatelli, Les Gaulois de la frise de Civitalba, in Dossiers Histoire et Archéologie, janvier 1987, p. 56-63.

Scott 1898 = L. Scott, A Gallic Necropolis in Italy, in J.R. Allen (a cura di), Reliquary and Illustrated Archaeologist, 4, 1898, p. 1-14.

Silani 2017 = M. Silani, Città e territorio: la formazione della città romana nell’ager Gallicus, Bologna, 2017.

Sisani 2007 = S. Sisani, Fenomenologia della conquista: la romanizzazione dell’Umbria tra IV sec. a.C. e la guerra sociale, Roma, 2007.

Stone 2014 = S.C. Stone, The Hellenistic and Roman fine pottery, Princeton, 2014 (Morgantina Studies, 6).

Susini 1966 = G. Susini, Coloni romani dal Piceno al Po, in Studia Picena, 33-34, 1965-66, p. 82-143.

Tagliamonte 2018 = G. Tagliamonte, Sanniti nella Penisola Balcanica?, in Realtà medioadriatiche a confronto, contatti e scambi tra le due sponde, Campobasso, 2018, p. 47-56.

Tarpini 2007 = R. Tarpini, Braccialetti vitrei di tipo celtico dalla necropoli di Spina: inquadramento tipologico ed analisi dei contesti, in D. Ferrari, A.M. Visser Travagli (a cura di), Il vetro nell’alto Adriatico, Imola, 2007, p. 9-18.

Tribellini 2006 = L. Tribellini, Montefortino d’Arcevia. Ricostruzione di una straordinaria scoperta archeologica, Arcevia, 2006.

Vitali 1988 = D. Vitali, Elmi di ferro e cinturoni a catena, nuove proposte per l’archeologia dei Celti in Italia, in JRGZM, 35, 1988, p. 239-284.

Vitali 1998 = D. Vitali, I Celti e Spina, in F. Rebecchi (a cura di), Spina e il delta padano. Riflessioni sul catalogo e sulla mostra ferrarese, Roma, 1998, p. 253-273.

Vitali 2004 = D. Vitali, I Celti in Italia, in F. Marzatico, P. Gleirscher (a cura di), Guerrieri, principi ed eroi fra il Danubio e il Po dalla Preistoria all’Alto Medioevo, Trento, 2004, p. 315-329.

Vitali 2006 = D. Vitali, Cavalli in tombe. Tombe di cavalli in necropoli lateniane d’Italia, in Id. (a cura di), Animali tra uomini e dei. Archeozoologia del mondo preromano, Bologna, 2006, p.127-137.

Weber 1983 = T. Weber, Bronzekannen. Studien zu ausgewahlten archaischen und klassischen Oinochoenformen aus Metal in Griechenland und Etrurien, Francoforte, 1983.

Williams – Ogden 1994 = D. Williams, J. Ogden, Greek gold jewellery of the Classical World, Londra, 1994.

Zuffa 1971 = M. Zuffa, I Galli sull’Adriatico, in Introduzione alle Antichità Adriatiche, Chieti, 1975, p. 97-159.

Zuffa 1978 = M. Zuffa, I Galli sull’Adriatico, in P. Santoro (a cura di), I Galli e l’Italia, cat. di mostra, Roma, 1978, p. 138-162.

 

Haut de page

Notes

1 Brizio 1901.

2 Come ha notato Th. Lejars, G. de Mortillet, già aveva identificato come celtici alcuni oggetti contenuti in contesti etruschi di Marzabotto e aveva espresso quest’idea in due articoli, pubblicati nel 1871.

3 Secondo la ricostruzione proposta da P. Sommella, il luogo in cui fu combattuta la battaglia di Sentino è da localizzare tra Sentino e Civitalba. L’insediamento umbro di Sentino non è stato ancora individuato, forse perché coincidente con l’odierna Sassoferrato. G. Sassatelli (1987, p. 58) ritiene possibile indentificare Sentinum tardo-repubblicana con Civitalba, ipotesi menzionata da M. Landolfi (1994, p. 90) e respinta da G. de’ Marinis (2005, p. 3).

4 Per la descrizione delle scoperte, avvenute inizialmente in modo fortuito nel corso di lavori agricoli e poi condotte in modo mirato da parte dei proprietari dei terreni, si veda Anselmi 1894, 1895 e 1896, Giampieri Carletti 1899, Brizio 1896 e 1889.

5 Gli scavi della necropoli furono eseguiti dai proprietari dei terreni Anselmo Anselmi, Ispettore onorario, Giuseppe Giampieri Carletti, sindaco di Arcevia, e Costantino ed Albina Marcellini con operai propri. Il controllo da parte dello Stato avvenne dopo il ritrovamento delle t. VII e VIII.

6 E. Brizio è stato Regio Commissario degli Scavi di Antichità per l’Emilia e le Marche, ricoprendo anche l’incarico di Direttore del Museo Archeologico di Ancona.

7 Coloro che riuscirono a recuperare i materiali di Montefortino tra il 1910 e il 1928 furono, quindi, Innocenzo Dall’Osso e Giuseppe Moretti.

8 I materiali delle t. XXXIX, XL, XLVI, donati da A. Anselmi, e quelli della t. XLVII, acquistati nel 1899, sono stati danneggiati nel 1915, durante la Prima guerra mondiale, quelli acquistati dopo tale data, hanno subito danni a causa dei bombardamenti della città di Ancona nel corso della Seconda guerra mondiale e in occasione del terremoto del 1972.

9 Vedi nota 1.

10 Bianchetti 1895.

11 Déchelette 1902, p. 278-283.

12 I decenni successivi alla proclamazione dell’Unità d’Italia, furono contrassegnati dalla necessità di costruire l’identità nazionale: l’apporto delle scoperte archeologiche era molto utile a questo scopo.

13 Secondo Déchelette, infatti, «létruscomanie» aveva indotto Brizio a conclusioni non corrette riguardo alle comunità galliche insediatesi nell’Italia centrale adriatica alle quali non veniva riconosciuto alcun carattere proprio, nemmeno nell’ambito delle armi e degli ornamenti che sono, invece, tipicamente lateniani (Déchelette 1902, p. 250-263). Solo nel 1911 e nel 1914, a distanza di circa un decennio dalla pubblicazione della necropoli, quando Brizio era prematuramente scomparso, Déchelette e Reinach formularono, sia pure in nota, un riconoscimento dell’alto valore scientifico del lavoro del collega italiano (Reinach 1914, p. 324, nota 2 e infra).

14 Già nell’anno accademico 1907-1908, la necropoli e le problematiche storico-culturali che essa poneva divennero oggetto di insegnamento nell’ambito del corso di Antichità umbro-etrusco-galliche della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Bologna, tenuto dal Prof. Gherardo Gherardini (Mansuelli 1984, p. 41).

15 Brizio 1896, p. 3-13.

16 Barnabei 1895, p. 408-413.

17 Pigorini 1896, p. 68-69.

18 Solo l’ultima di questo primo gruppo di sette tombe, appunto la t. VII, è stata scavata sotto il controllo di Luciano Proni, presente ai lavori protrattisi dal 3 al 6 maggio 1895. Fatti contingenti, purtroppo, non hanno permesso né al Sovrastante Regio, L. Proni, né all’Ispettore, A. Anselmi, di assistere al ritrovamento e allo scavo della t. VIII, messa in luce il 1settembre 1895. La documentazione relativa a questo importantissimo ritrovamento dipende in toto da quanto raccolto, rilevato e pubblicato da parte del sindaco di Arcevia, G. Giampieri Carletti, proprietario del fondo e responsabile del relativo scavo, in parte visionato da E. Brizio in persona, casualmente presente ad Arcevia per un sopralluogo calendarizzato in quei giorni.

19 Frothingham 1896, p. 271-173.

20 Scott 1898, p. 1-14.

21 AJA 5-4, 1901, p. 479-480.

22 Fowler 1902, p. 483.

23 Reinach 1902, p. 267-272.

24 Reinach 1906, p. 347; la critica è commentata alla nota 14. Déchelette 1914, p. 1161, nota 1.

25 Montelius 1904, vol. 2.1, pl. 151-156.

26 Alcune tombe, presentate alla mostra I Galli e l’Italia tenutasi a Roma del 1978, sono illustrate nel catalogo relativo; in seguito l’autore ha commentato, in diverse sedi, i corredi di singole tombe e singoli oggetti.

27 M. Mancini, della Soprintendenza Archeologica delle Marche, Sez. Archeologia, Servizio Inventario, ha raccolto, informatizzato e organizzato la cospicua documentazione conservata presso il Servizio Inventari e presso l’Archivio Fotografico e Disegni della Soprintendenza. N. Lucentini ha elaborato una tabella riassuntiva di tutta la documentazione esistente, lavoro che ora rende agevole il reperimento dei documenti, e ha trascritto i testi dei diari di scavo e dei documenti manoscritti rendendo possibile il confronto incrociato dei dati.

28 Le armi sono state disegnate da Th. Lejars, i calderoni da F. Grilli, gli spiedi e gli alari da M. Cruciani, tutti gli altri oggetti da C. Tavolini.

29 R. Bernadet ha eseguito una campagna fotografica RTI (Reflectance Transformation Imaging); B. Houal le scansioni 3D di alcuni oggetti di particolare interesse scientifico.

30 Le analisi metallografiche di recipienti in lega a base rame, eseguite a titolo gratuito nei laboratori dell’Istituto Professionale di Stato di Ancona nel 2016, hanno consentito di individuare due blocchi di oggetti di composizione notevolmente diversa per percentuale di rame, stagno e piombo.

31 Le radiografie dei reperti di ferro sono state eseguite da Fabio Milazzo presso il Laboratorio di restauro della Soprintendenza Archeologica delle Marche.

32 Le indagini tomografiche sono state eseguite presso il Laboratorio Tec-Eurolab di Modena.

33 Il restauro delle armi e di un braccialetto di ferro è stato eseguito da R. Bernadet.

34 Buona parte del complesso lavoro di incrocio dei dati è opera di N. Lucentini che ha collazionato, trascritto e analizzato le diverse pubblicazioni dell’epoca e soprattutto i documenti d’archivio esistenti presso la Soprintendenza e nell’Archivio di Stato che, con la loro documentazione grafica, spesso hanno fornito dati fondamentali per identificare gli oggetti e conoscere la loro posizione all’interno delle tombe.

35 Il nuovo catalogo delle tombe fa riferimento a quello pubblicato da Brizio nel IX volume dei MAL ma è ovviamente più sviluppato: ogni scheda comprende l’analisi critica del contesto, con tutti i dati che lo riguardano, i riferimenti ai documenti d’archivio e lo studio dei singoli oggetti che compongono il corredo, con i confronti e il rimando alle classificazioni che nel frattempo sono state elaborate. Le illustrazioni sono tratte dalla documentazione esistente, con le piante delle sepolture e eventuali schizzi degli oggetti eseguiti all’epoca della scoperta e la documentazione grafica eseguita recentemente.

36 Roma EUR ACS AA BB AA II verso I serie e MIBACT BIASA, Inventario del Fondo Felice Barnabei III. 1.2. 4 e 21 e V 4.

37 La documentazione conservata presso l’Archivio della Soprintendenza e l’Archivio di Stato di Ancona è cospicua e ha richiesto un notevole impegno di raccolta e di organizzazione. Data la mole se ne prevede la pubblicazione informatizzata in appendice al volume.

38 La pianta della ricchissima t. VIII è documentata in diverse versioni non tutte coincidenti.

39 Alcuni autori ritengono che questi recipienti siano louteria o labra, ovvero bacili per il lavaggio delle mani dei sacerdoti (Susini 1965-1966, p. 89-90).

40 Tribellini 2006, p. 168-180.

41 Lo studio dei materiali archeologici è stato suddiviso tra diversi membri del gruppo di ricerca, ai quali fanno riferimento le sigle che sono state apposte in calce ai singoli contributi. Vestiario e adorno: ornamenti d’oro (P.G. Guzzo), fibule e oggetti d’ornamento in altri materiali (P. Piana Agostinetti e B. Ficcadenti); oggetti per la cura della persona: strigili e contenitori di unguenti o sostanze detergenti (V. Jolivet), unguentari metallici (L. Ambrosini), balsamari vitrei, d’alabastro e ceramici (M. Sclafani), specchi (L. Ambrosini); armi (Th. Lejars); oggetti per la preparazione e il consumo del cibo e arredi: vasellame metallico (M. Landolfi), calderoni (F. Grilli), alari e spiedi (M. Cruciani); bruciaprofumi (L. Ambrosini), vasi ceramici figurati (M. Landolfi), a vernice nera (C. Tavolini), di impasto grigio e comune (S. Morsiani); piccola plastica (S. Féret).

42 Per i confronti con gli esemplari della necropoli di Monte Bibele e la bibliografia sugli oggetti di vestiario e d’adorno presenti in tombe celtiche peninsulari, vedi Challet 2008, p. 61-76. Per una discussione sulle fibule La Tène di quest’area e la loro area di produzione Ibidem, p. 72-75.

43 Coen – Micheli 2012, p. 158-161.

44 La prima menzione esplicita di mercenari celti in Grecia appare nelle Elleniche di Senofonte che era comandante di mercenari greci. Reclutati da Dionisio di Siracusa, probabilmente nel porto di Ancona, i mercenari celti combatterono nel 368-369 a.C., a fianco degli Spartani nella campagna contro i Tebani: Kruta 2000, p. 59.

45 Il migliore confronto è lo splendido esemplare di corona rinvenuto in una tomba a camera di Armento – Guzzo 2009-2010, con bibliografia.

46 Hautenauve 2005, p. 261-262 fig. 358, tipo III d e p. 261 fig. 357, tipo III d.

47 L’esemplare noto più vicino a quello della t. VIII proviene da Rutigliano (Bari), fuori contesto, per quanto verosimilmente da tomba: è tuttavia diverso il rapporto lunghezza/larghezza. Cf. Guzzo 1993, p. 166: A. III B 1.

48 Probabilmente a Taranto c’era una produzione di gemme incise: cf. Guzzo, 1994, p. 33-34, con discussione sul rapporto di questa con le produzioni «etrusche»; Micheli 2012, p. 76-77, n. 1 per il confronto con l’esemplare della t. XXIII.

49 In Brizio e nella bibliografia successiva si parla di terminazioni dei braccialetti a protome di serpente ma la loro modellazione è certamente ornitomorfa per la presenza della carena longitudinale al centro del becco, della doppia incisione che segna la base del becco e gli occhi laterali.

50 La forma degli orecchini configurati a cavallo alato ha una distribuzione prevalente in Asia Minore, Grecia settentrionale, Cipro e con quest’unica attestazione in Italia centrale, da datarsi tra III e II secolo, cfr. l’esemplare da Panticapeo (Williams – Ogden 1994, p. 161, n. 101).

51 Hauteneuve 2005, p. 262, fig. 47.

52 I due torques d’oro delle t. VIII e XXIII non sono di foggia tipicamente lateniana (vedi supra).

53 Tarpini 2007, p. 9-14 con discussione sull’origine e la cronologia del tipo.

54 La forma del braccialetto, circolare con estremità sovrapposte avvolte a viticci, ha un’ampia diffusione che interessa gran parte del Mediterraneo e dell’Europa centrale, in un arco di tempo che va dal II sec. a.C. al I sec. d.C. Per un primo censimento degli esemplari in ambito La Tène cf. Pernet, Carlevaro 2006, p. 119-120.

55 Lollini 1979, p. 59, 69, 79, tav. VIII B (Camerano t. 57 area Scandalli) e tav. XI A (Numana Sirolo t. 61); Landolfi 1996, p. 115.

56 Confrontabile con esemplari di Casalecchio di Reno t. 38 e di Spina Valle Trebba t. 485, Cornelio et alii 2017, p. 84, fig. 2 e 3, che hanno, però ondulazioni semplici e non a meandro.

57 Tra quelle con decorazione ad occhi, la cui diffusione è amplissima, vi è un vago con decorazione “piumata” a fondo nero con filamenti bianchi e rossi (t. VII); questa decorazione, che comincia ad essere utilizzata sugli oggetti in pasta vitrea tra il IV e il III sec. a.C. ha probabilmente come centro di produzione sulle coste del Mediterraneo orientale (Neuburg 1949, pl. XXXII, n. 113).

58 Martellone 2011, p. 308-327.

59 Landolfi 1997, p. 40-43.

60 Landolfi 1997, p. 34 e passim.

61 Harden 1981, p. 52-53, 60; più prudente Grose 1989, p. 109-110; Arveiller-Dulon - Nenna 2000 p. 15.

62 Colivicchi 2007, p. 5; Pensabene 2013, p. 188-189.

63 Tra le sepolture di Spina significative per la concentrazione di unguentari in pasta vitrea spiccano le t. 83 e 406 di Valle Trebbia, datate tra il tardo IV e la metà e l’inizio del III sec. a.C. (Cornelio Cassai 1993, p. 325-326; Vitali 1998, p. 276; Panichi 2000, p. 15; Muggia 2004, p. 57-58; Tarpini 2007, p. 11-12, 15) e per quelli in alabastro la 1131 di Valle Trebba (Desantis 1993, p. 309).

64 Brizio 1901, p. 756-758.

65 Déchelette, 1902, p. 246.

66 Lollini 1979, p. 59-60.

67 Lejars 2017, p. 580 che li data alla fase La Tène B1.

68 t. XXV, XXXIII e XXXIV. Della t. XXXIV non resta che un frammento di fodero di spada non databile e le armi della t. XXXIII, documentate da un disegno antico, sono scomparse.

69 Landolfi per elmo t. XXV.

70 Confermata dai recenti ritrovamenti subacquei di Gela e delle Egadi (Coarelli 2014, p. 99-114, soprattutto p. 102, note 20-21).

71 Mazzoli Paribeni 2010, p. 27 dove è datato tra la fine del La Tène B2 e l’inizio del La Tène C1, del III sec. a.C.

72 Per le armi di Monte Bibele, cfr. Lejars 2008, p. 134-135.

73 Nel BAPD è palese la duplicazione (26160 e 230801) della lekanis dell’Otchet Group dalla t. IV-V, in quanto pur con denominazione diverse e con numeri di inventario diversi, in bibliografia sono contraddistinte dallo stesso rimando alla stessa tavola e allo stesso numero della pubblicazione di Brizio 1899 (1901).

74 L’attribuzione al Pittore di Vienna 155 in Landolfi 1991, p. 81.

75 Moore 1997, p. 285.

76 Felletti Maj 1958, p. 292.

77 La prudente posizione di F. D’Andria (2002), in merito alle difficoltà di interpretazione delle fonti, soprattutto Strabone, e all’assenza o meglio all’avarizia di evidenze archeologiche di età dionigiana ad Ancona e dintorni, viene ora indebolita dai ritrovamenti di ceramica figurata nelle isole (Issa e Pharos), e sulle coste della Dalmazia, (Castelliere di Sutilija) (Kirigin 2013). Questi ritrovamenti, trovando riscontri puntuali in esemplari affini o simili da Montefortino di Arcevia e soprattutto dalle necropoli picene di Numana-Sirolo, ripropongono la questione del ruolo dei Siracusani nella formazione e circolazione delle ceramiche alto adriatiche, a partire dagli inizi del IV sec. a.C. Un quesito simile posto, in Albania, dalla circolazione di ceramiche proto-lucane e locali a figure rosse a partire dalla fine del V sec. a.C., è stato chiarito a favore del ruolo dei Siracusani, grazie all’azione di Dionisio il Grande, con ricadute nella sfera dei rapporti e scambi commerciali tra le due sponde dell’Adriatico (Ceka 2002). In merito alle ricadute sul piano militare degli interessi dionigiani in ambito adriatico, con possibili coinvolgimenti di contingenti dei Galli dell’Adriatico, vedi Tagliamonte 2018 che, oltre a diverse armi di tipo sannita, segnala nella Penisola Balcanica anche la presenza di un giavellotto di tipo italico in ferro in una tomba della necropoli di Issa.

78 Montagna Pasquinucci 1972, p. 275, 278-280.

79 Dall’inizio alla fine del II sec. a.C., la standardizzazione diventa sempre più evidente, ma con esemplari meno numerosi e spesso riferibili alle manifatture di Aesis, di Ariminum e di alcuni centri produttivi di area umbra della fine del II sec. a.C.

80 Un esemplare è forse individuabile tra gli oggetti adespoti conservati nei magazzini del Museo Archeologico Nazionale di Ancona.

81 Weber 1983, p. 442.

82 La t. 178, esposta al Museo archeologico nazionale delle Marche di Ancona è inedita, mentre per la t. 64 vedi Landolfi 1998 p. 141. Questi due esemplari numanati sono privi della decorazione a treccia incisa riportata sul labbro e presso la base come negli esemplari dalle t. 128 V.T. e 58 C V.P. di Spina.

83 Adembri 1982, p. 80-81 con rimandi bibliografici anche per la situla di Todi.

84 Sui bronzi di queste tombe cf. Hostetter 2001, p. 302-305 e Beck – Stewart 1994 p. 211-225.

85 Kruta 2000, p. 620-621 con bibliografia.

86 Krauskopf 1980 p. 15, nota 42.

87 «Il cibo dei Galli si compone di un po’di pane e di tanta carne, tanto bollita quanto arrostita sulle braci o con gli spiedi», secondo la testimonianza di Ateneo in Poseidonio (Deipn.,. 4, 151).

88 La sua forma, infatti, trova confronto in un noto esemplare proveniente dal sito di La Tène e oggi nella collezione Schwab (Lejars 2013, vol. 2, p. 199, n. 3292, pl. 85 e 164).

89 Frey 1992, fig. 9, con carta di distribuzione degli spiedi in ambito medio-adriatico e nella regione della Marna.

90 Baldelli – Buranelli 2001, p. 347.

91 Pol., Hist., 2, 19; Liv., 10, 17-30.

92 Vitali 2004, p. 326. Landolfi 1993, p. 219-235, che riprende Zuffa 1971 e 1978, p. 154, note 17-18.

93 Dopo aver effettuato un riesame dei 47 corredi sulla base della pubblicazione di E. Brizio, V. Kruta ne ha selezionati 27, di cui 17 con armi e 10 con ornamenti e utensili tipicamente femminili, escludendo gli altri venti di composizione incerta o problematica. Lo Studioso ha sintetizzato i dati sulla composizione dei corredi in due tabelle, di cui una dedicata ai contesti con armi e l’altra a quelli con ornamenti ed utensili femminili. In entrambe le tabelle sono rappresentati tre gruppi di corredi, ciascuno dei quali si distingue dagli altri due per la presenza di alcune categorie di oggetti e l’assenza di altre. Questi tre gruppi sono stati interpretati come appartenenti a tre fasce cronologiche distinte. Pur con qualche cautela, V. Kruta ha ipotizzato che quasi tutte le tombe di Montefortino fossero posteriori al terzo quarto del IV sec. a.C. e quindi più recenti di quelle della necropoli di Filottrano, attribuite prevalentemente al secondo quarto del IV secolo e solo in piccola parte al venticinquennio successivo (Kruta 1981, p. 34). Per la fine delle sepolture «galliche», V. Kruta ha proposto una data anteriore alla metà del III sec. a.C.

94 Kruta 2000, p. 204.

95 L’attribuzione delle tombe alle fasi è stata ricavata dalla pianta. Le tombe della prima fase sono: I-V, IX, XII, XIX.

96 Le tombe della seconda fase sono: XI, XIII, XVII, XXI-XXII, XXVI, XXIX.

97 Le tombe della terza fase sono: VIII, XXIII, XXV, XXXII-XXXIV, XXXIX-XL, XLVII, cf. de Marinis 1997, p. 144-145, fig. 21.

98 De Marinis 1997, p. 142. La fase è caratterizzata dalla ceramica attica etrusca e falisca a vernice nera e a figure rosse.

99 De Marinis 1997, p. 146.

100 Ambrosini 2002, p. 360, note 140-143, sulla base dei thymiatheria della t. VIII (p. 362-363, note 160-161) e della t. XXXbis (p. 360 e 362-363).

101 Sisani 2007, ripreso da Silani 2017.

102 I contesti sono quattro, se le t. IV e V sono da interpretare come una sola sepoltura bisoma, oppure cinque, se queste sono due sepolture appaiate; ad esse è possibile aggiungerne un’altra, individuata tra le tombe manomesse recuperate nello spazio tra le t. IX e X.

103 La loro esistenza e posizione topografica è testimoniata dai documenti d’archivio.

104 Kruta 2000, p. 817, s.v. Serra San Quirico con la menzione delle due località Ponte e Trivio con tombe e corredi di carattere lateniano e la bibliografia relativa.

105 Ibid., p. 80, con bibliografia.

106 Ibid., p. 741, con bibliografia.

107 Ibid., p. 620-621, con bibliografia.

108 Nella pubblicazione inglese, L. Scott definì la t. VIII «tomba degli ori della sacerdotessa» (Scott 1898, p. 1-14).

109 Stone 2015 p. 101, nota 105 (con bibliografia).

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 – Aspetti geomorfologici delle Marche con le valli fluviali e i passi appenninici.
Crédits Elaborazione di Ferrari e Gaucci sulla base DTM Regione Marche.
Titre Fig. 2 – Carta topografica di Montefortino con localizzazione della necropoli dei Pianetti e delle aree con depositi votivi (in giallo) : 1. della necropoli dei Pianetti ; 2. e 3. delle aree con depositi votivi .
Crédits Elaborazione L. Tribellini e N. Lucentini.
Titre Fig. 3 – Veduta dei Pianetti di Montefortino.
Crédits Foto L. Tribellini.
Titre Fig. 4 – Ricomposizione di un elmo prima del restauro.
Légende Foto R. Bernadet.
Titre Fig. 5 – L’elmo della t. IV-V prima e dopo il restauro.
Crédits Foto R. Bernadet.
Titre Fig. 6 – Pianta della t. VIII di Montefortino, disegnata da C.M. Trebbi nell’agosto 1898.
Crédits Archivio della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio delle Marche.
Titre Fig. 7 – Planimetria della necropoli dei Pianetti di Montefortino.
Crédits Rielaborazione N. Lucentini.
Titre Fig. 8 – Corona che ornava il capo della defunta della t. VIII.
Crédits Foto R. Bernadet.
Titre Fig. 9 – Particolare del fogliame della corona indossata dalla defunta della t. VIII.
Crédits Foto R. Bernadet.
Titre Fig. 10 – Uno dei due orecchini indossati dalla defunta della t. XXXII.
Crédits Foto R. Bernadet.
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Maurizio Landolfi et Paola Piana Agostinetti, « La necropoli celtica di Montefortino d’Arcevia », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité, 132-1 | -1, 95-113.

Référence électronique

Maurizio Landolfi et Paola Piana Agostinetti, « La necropoli celtica di Montefortino d’Arcevia », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 132-1 | 2020, mis en ligne le 07 décembre 2020, consulté le 26 janvier 2021. URL : http://journals.openedition.org/mefra/10043 ; DOI : https://doi.org/10.4000/mefra.10043

Haut de page

Auteurs

Maurizio Landolfi

già Direttore del Museo Archeologico Nazionale delle Marche — archeo.landolfi@gmail.com

Paola Piana Agostinetti

INASA, Istituto Nazionale di Archeologia e Storia dell’Arte — p.pianagostinetti@gmail.com.

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search