Navigation – Plan du site

AccueilNuméros132-1Le projet ANR CaecinaL’évolution de la langue étrusqueLa «base de données Beige»: un ca...

Le projet ANR Caecina
L’évolution de la langue étrusque

La «base de données Beige»: un caso d’applicazione pratica

Relazioni tra l’onomastica personale sabina, sabellica ed etrusca
Edoardo Middei
p. 157-168

Résumés

Cette recherche est destinée à montrer comment appliquer les nouvelles données aujourd’hui disponibles sur la base de données Beige, qui rassemble les inscriptions pré-latines appartenant à différentes traditions linguistiques de la péninsule ibérique, italienne, et de la Gaule. Cette enquête est circonscrite au corpus épigraphique du centre de l’Italie, ainsi qu’à celui du Picenum, d’Ombrie, des Abruzzes et du Latium. Les langues analysées ici sont les variétés sudpicène et sabine, ainsi que les dialectes ombriens et d’autres dialectes sabelliques centraux, en particulier le hernicain, le pélignien, le marrucinien, le vestinien et le marse. Le document se concentre sur certains aspects des contacts entre le monde étrusque et le monde sabellique à travers l’analyse des anthroponymes. Il est intéressant de noter qu’un grand nombre de bases onomastiques apparaissent dans les deux langues. Les études morphologiques et lexicales intégrant des informations géographiques et chronologiques nous permettent d’identifier la paternité de noms de personnes et de clarifier cet important aspect de la koinè étrusque-italique.

Haut de page

Texte intégral

Presentazione della «base de données Beige»

1BEIGE (Base Épigraphique Italie/Gaule/Espagne) è uno strumento di grande utilità che fonde le esperienze specifiche di catalogazione di dati, in questo caso delle iscrizioni delle lingue preromane, di regioni circoscritte del Mediterraneo antico, in un unico grande atlante, utile per archeologi e linguisti, poiché ambisce ad essere comprensivo di quasi la totalità delle iscrizioni dell’antica Europa. I database considerati e inglobati da BEIGE sono EPIPOLES, sotto la direzione di M.-L. Haack che raccoglie le iscrizioni funerarie etrusche e BDD-Ibère, sotto la direzione di C. Ruiz Darasse, che raggruppa le iscrizioni iberiche paleo-ispaniche. Queste esperienze di catalogazione di dati sono debitrici dell’esperienza de l’Atlas et la Base de l’Âge du Fer Européen sviluppati dall’UMR AorOc con l’obiettivo di geolocalizzare con precisione i siti archeologici europei durante l’età del ferro attraverso l’uso di carte dettagliate.

2Le regioni su cui Beige si concentra sono tre: la penisola Iberica, la Gallia e l’Italia, con una sensibilità trasversale a lingue diverse anche genealogicamente, andando dall’iberico al celtico, dalle lingue sabelliche all’etrusco. La catalogazione di queste iscrizioni fonde insieme la prospettiva della ricerca archeologica e culturale con quella linguistica. Ciò emerge a partire dalla struttura stessa del database (fig. 1) poiché le iscrizioni sono sottoposte a diversi filtri di interpretazione:
a) Si presta grande attenzione alla zona geografica del ritrovamento, definendone esattamente il luogo, indicando il toponimo moderno e, quando presente, quello antico. Si specifica il sito archeologico, al fine di introdurre l’iscrizione all’interno del suo contesto culturale, con una precisione tale da poter segnalare, ad esempio, nel caso di una necropoli la tomba specifica del rinvenimento.
b) Un secondo filtro è l’analisi del supporto che può essere di tipologie molto diverse tra loro: vasellame ceramico, tavolette metalliche, cippi di confine. In questa sezione sono specificati anche i processi materiali di fabbricazione dell’iscrizione.
c) Una terza parte è quella dedicata al testo a partire dall’aspetto prettamente editoriale relativo alla lettura dell’iscrizione con l’inserimento delle diverse letture. Segue l’analisi linguistica e grafica dell’iscrizione e l’inserimento della lingua e della varietà alfabetica di riferimento. Infine, c’è la possibilità di selezionare alcuni elementi specifici del testo, come nel caso dei nomi propri (antroponimi, teonimi, toponimi) e di indicarne le loro diverse funzioni.
d) L’ultima sezione è destinata alla bibliografia in cui sono inserite le raccolte delle iscrizioni utilizzate, gli studi specifici su singole iscrizioni o parole e anche quelli di carattere più generale su alcune regioni o lingue del mondo antico.

Fig. 1 – ET Po 2,22: un esempio di analisi.

Fig. 1 – ET Po 2,22: un esempio di analisi.

Inserito su BEIGE da M. L. Haack

Le iscrizioni dell’Italia centrale

  • 1 Sull’identità culturale delle iscrizioni sabelliche arcaiche dell’Italia centrale si può fare rife (...)

3Il contributo qui proposto prende spunto dai risultati ottenuti in seguito alla mia partecipazione a Beige nell’ottica più vasta del progetto ANR CAECINA (2013-2017) che ha permesso la creazione di atlanti archeologici ed epigrafici nell’Europa del primo millennio a.C. Grazie al coordinamento con i ricercatori impegnati nell’implementazione della raccolta di iscrizioni (AOrOc) si è deciso di indagare l’area specifica dell’Italia centrale che va dal Piceno, attraversa l’Umbria e l’Abruzzo e raggiunge l’area laziale, culturalmente definibile grande Sabina arcaica1.

4Le lingue delle iscrizioni oggetto della mia attenzione sono varie, differenziate sia geograficamente sia cronologicamente. Sono qui considerate infatti le varietà paleo-sabelliche, sudpiceno e sabino (VII-V sec. a.C.), l’umbro e le varietà sabelliche centrali, dall’ernico al peligno, dal marrucino al vestino e marso (V-I sec. a.C.). É compreso anche il capenate (IV-III sec. a.C.), etichetta di un piccolo gruppo di iscrizioni a confine tra realità sabellica, falisca e etrusca.

Le iscrizioni lette attraverso il filtro dell’onomastica personale

5Nella cornice del tema di questo convegno Contacts et Acculturation dans l’Étrurie Classique : Images, Notions, Artefacts l’indagine ha considerato l’elemento più ricorrente delle iscrizioni preromane cioè il dato onomastico, che può fornire, attraverso un confronto trasversale alle lingue, una cornice dei contatti sviluppatisi nell’Italia centrale, in particolare nell’Etruria classica. La mia attenzione è stata rivolta all’analisi di particolari basi onomastiche, identificate attraverso il motore Beige, che sono condivise dalle tradizioni linguistiche italiche (sabelliche e latino-falische) e dall’etrusco. Il criterio di selezione di queste basi si fonda sulla loro attestazione nel corpus documentario sabellico arcaico dell’Italia centrale il quale costituisce in tal modo il principio sovraordinato per i confronti nelle altre tradizioni linguistiche. Nei casi di iscrizioni non presenti in Beige si è fatto ricorso ad altre raccolte: gli ET per l’etrusco e l’AF per il falisco. Va sottolineato che le basi onomastiche oggetto di analisi non sono condivise dalle altre tradizioni sabelliche meridionali se non in periodi recenti.

6L’arco cronologico dell’indagine va dal periodo arcaico alla fine dell’età repubblicana, un periodo di circa cinque secoli. Le basi onomastiche condivise sono esaminate attraverso l’analisi morfologica, mettendo in evidenza sia le dinamiche evolutive interne a ciascuna lingua interessata sia i mutamenti dovuti a fenomeni di contatto con le lingue vicine. Avendo isolato un numero definito di antroponimi condivisi da lingue tanto diverse, lo strumento dell’analisi linguistica (fonetica, morfologica, lessicale e semantica) permette di produrre ipotesi di pertinenza linguistica della base onomastica e, quindi, di capire la direzione dei contatti e delle influenze reciproche soprattutto tra l’Etruria e il mondo italico.

7Lo studio diacronico e contrastivo dell’onomastica personale permette di ripercorrere non solo la storia di un singolo nome, ma anche, talvolta, le storie personali degli individui che lo portano. Il nome personale, infatti, denuncia spesso la provenienza ed è indice della mobilità individuale, talvolta di famiglie e gruppi più ampi, testimoniando la loro integrazione nei luoghi di arrivo. Il nome proprio, quando accolto dalle altre lingue, può subire proprio come i prestiti linguistici processi di acclimatamento e adattamento, sia fonetico sia morfologico.

  • 2 Untermann 1959-61.

8Nello studio onomastico, soprattutto in quest’ottica di mappatura geografica, occorre tener presente che l’arealità linguistica (Sprachgebiet) non coincide necessariamente con l’arealità onomastica (Namengebiet2), come si verifica anche in tante altre situazioni del mondo tanto antico quanto moderno. Il nome proprio, infatti, ha uno statuto che è, in parte, autonomo dalle lingue, perché dipende da fattori storico-culturali che possono investire trasversalmente le comunità di parlanti e possono dipendere da fatti circostanziali, come i contatti, le emigrazioni, le mode.

  • 3 Sulle nozioni di koiné e di lega linguistica applicate all’Italia antica cfr. Triantafillis 2005. (...)
  • 4 Per una sintesi della problematica cfr. Schmitt 1995.
  • 5 Sull’origine del sistema gentilizio ancora valido è il lavoro di Rix 1972.

9Inoltre uno studio di basi onomastiche trasversale all’Etruria e alle tradizioni italiche si inquadra all’interno dei processi di convergenza propri dei fenomeni di lega linguistica e di koiné3. Il fenomeno più vistoso che unisce lingue diverse della Penisola, di origine indoeuropea e non indoeuropea, è l’istituzione della formula binomia costituita da prenome e gentilizio. Questo è sicuramente un dato innovativo e caratterizzante l’Italia antica rispetto alla quasi totalità degli ambienti indoeuropei (e anche non indoeuropei dell’antichità) che non prevedono che un nome unico (idionimo), spesso trasparente semanticamente (perché formato da un composto nominale), seguito dal nome paterno al genitivo o dall’aggettivo patronimico dello stesso4. La nuova formula onomastica ha una rilevanza sociale ed istituzionale, perché con l’elemento gentilizio dava più peso all’ appartenenza dell’individuo ad una gens, una struttura clanica, organizzata al proprio interno su cardini di diritto ereditario per linea maschile. Tale sistema onomastico, in pratica, definisce e inquadra l’individuo in rapporto alla sua posizione nell’organizzazione socio-giuridica del sistema gentilizio prima ancora che nella sua dimensione individuale e in quella dei rapporti familiari5. Questo nuovo sistema appare fin dagli albori della documentazione sia in Etruria sia nelle lingue italiche, cioè nell’ambito latino e sabellico, sebbene con formularità inizialmente non standardizzate, con differenziazioni interne e dinamiche evolutive varie, anche in relazione ai diversi contesti di occorrenza, circostanza che ha, perfino, indotto a pensare che agli albori della documentazione scritta questo sistema binomio non si fosse ancora consolidato.

Le basi onomastiche presenti in Etruria e nell’Italia centrale sabellica e latina

  • 6 Si ringraziano K. Gruel e E. Tribouillard per la realizzazione delle mappe geografiche. Nelle mappe (...)

10Andando ora ad osservare le basi onomastiche condivise, la procedura utilizzata è stata quella di censire e di mappare attraverso ATLAS6 le arealità onomastiche in questione, il che ha permesso di visualizzare la distribuzione geografica dei nomi.

11Il dato geografico così ottenuto incrociato con il dato cronologico è utile, sia pure in diversa misura, per stabilire la pertinenza di alcune forme onomastiche nei casi, ad esempio, in cui l’analisi morfologica non riesce ad assegnare ai nomi una precisa appartenenza linguistica.

12*Als-(i̭o)- (fig. 2).
• Sudpiceno: Alsies esum (ST Sp TE 4 = ImIt Interamnia Praetuttiorum 6), VII-VI a.C.;
• Etrusco: mi ves: Arpaś Alśies (ET Cl 2.48), VII a.C., (dall’area falisca) miAlsitis mi (AF Etr XL = ET Fa 2.16), IV a.C., mulvanice Alśaianasi (ET Cr 3.15), VII-VI a.C, altri recenti;
• Latino: Alsinaeus (CIL I2 3176), Alsinia (CIL I2 2723) rep., Alsius (CIL V 1813) periodo imperiale. 

13La base attestata è in un’iscrizione sudpicena da Campovalano, dall’antico ager Praetuttianus ed ha la prevalenza di attestazioni in Etruria (Chiusi, Tarquinia e Siena), a Corchiano in un’iscrizione etrusca rinvenuta nel territorio falisco.

  • 7 Salomies 1987, p. 13.
  • 8 Schulze 1904, p. 534.

14L’attestazione sabellica, presente nel corpus sudpiceno, è arcaica, in linea con l’antichità di quelle etrusche. Nell’analisi morfologica del gentilizio latino Alsinia attestato a Caere7 e Alsinaeus, della prima età repubblicana, si profilano due ipotesi interpretative: la prima riconosce una morfologia etrusca, isolando il formante *–na- con la cumulazione dei suffissi indoeuropei *–i̭o- e *-ai̭o-. Una seconda linea esplicativa è il riconoscimento di un morfo *–īn(o)– presente in varie lingue indoeuropee ed utilizzato in latino e nelle lingue sabelliche come formante di etnonimi che consentirebbe di spiegare *Alsino- come etnonimo o correlato al toponimo Alsium. La coincidenza di antroponimi e poleonimi è ben nota in etrusco (come mostrano i nomi di Caere, Tarquinia, Vulci, ecc.). Un ulteriore parallelo è fornito dal poleonimo Sutrium in evidente relazione con i gentilizi, etrusco Sutrina e lat. Sutrius: Sutrium8.

  • 9 Montenegro Duque 1949, p. 31.

15Le incertezze dell’analisi linguistica nell’attribuire la pertinenza sono confortate dai dati delle fonti antiche che sono altrettanto incerti nell’attribuzione tra ambiente etrusco e italico. Dionigi di Alicarnasso, infatti, riferisce che la città di Ἄλσιον fu fondata dall’unione dei Pelasgi e degli aborigeni, proiettando, così, con il riferimento alle due componenti, l’origine del sito ad una fase protostorica comune che vede coinvolti il mondo etrusco (dando credito all’accenno ai Pelasgi) e quello italico (a cui farebbe riferimento la menzione degli Aborigeni). La stessa base onomastica si trova anche in Virgilio nell’antroponimo del pastore Alsus a cui si attribuisce il ruolo di capostipite di una gens autoctona9.

16L’arealità geografica, la cronologia delle attestazioni e le possibili tracce di morfologia etrusca nei nomi presenti in altre lingue (a cui si può cautamente aggiungere anche la testimonianza di Dionigi di Alicarnasso) sembrano portare con buona probabilità alla definizione dell’origine etrusca della base, entrata debolmente nelle tradizioni linguistiche indoeuropee finitime già nelle fasi più arcaiche, come mostra la testimonianza del sudpiceno.

  • 10 Baldi 2002, p. 381

17L’unico tentativo di ricondurre la base a termini di etimologia indoeuropea, anche considerando la presenza dell’antroponimo nell’iscrizione sudpicena, è l’accostamento all’elemento lessicale alsius “gelido” collegato con la serie di algidus, -a, -um e algeō (perf. alsi)10 su cui però gravano incertezze (EDL, p. 33) sia nell’ipotesi di un tema in –s sia nella ricostruzione di una forma *algso- (LEW, p. 32). La valenza semantica della serie lessicale latina legata al freddo potrebbe accordarsi con la sua presenza in alcuni idronimi di area nord-orientale come Alsa (Plin., Nat. Hist. 3, 126; cfr. ThLL, p. 1723) e dall’area etrusca Alsietinus (Frontin., Aq., 11).

Fig. 2 – *Als-(io̭ )-.

Fig. 2 – *Als-(io̭ )-.

AOrOc-CNRS-ENS, K. Gruel, E. Tribouillard.

18*Atr-(on)-(i̭o)- (fig. 3).
• Umbro: A]hatrunie.[- (ST Um 21= ImIt Ameria 1), IV-III a.C.;
• Falisco: Teti Atroni (AF MF 32), medio falisco;
• Etrusco: mi Atrus (ET Ru 2.5), VI-V a.C., Aθ. Cae. Atruniaś (ET Cl 1.1347), periodo recente, Lθ. Atru. Satnal (ET Cl 1.1298), periodo recente;
• Latino: Atronius (CIL III 7437), periodo imperiale.

19L’elemento onomastico *atr-ōn- è costruito sulla base *atr(o)- a cui si aggiunge il suffisso *–ōn. La pertinenza areale come si vede è prettamente centrale e la documentazione etrusca mostra esempi di alta arcaicità, rilevabile anche dalla formula di posesso mi+nome proprio. La base *atr(o)- è presente anche nella forma umbra, che dal punto di vista morfologico si costituisce come una cumulazione suffissale –ōnio̭-, riflessa anche dalla forma falisca e dal latino Atronius. Tale combinazione morfologica si rileva anche in alcuni nomi etruschi recenti, come Atrunias.

  • 11 Rix 1963, p. 191-192.

20Osservando, invece, le attestazioni etrusche più arcaiche, che sono anche le più antiche in assoluto, la base *atr- è integrata nell’elemento morfologico -u, morfo etrusco presente in appellativi individuali (soprannomi) arcaici divenuti poi cognomi, rideterminati successivamente come gentilizi11, spesso come restituzione del morfo indoeuropeo *-ōn-.

21Sebbene le attestazioni più antiche del nome siano quelle etrusche, la base *atr(o)- è probabilmente un prestito dalle tradizioni linguistiche indoeuropee, presumibilmente latine o sabelliche, integrato in etrusco fin dagli albori delle attestazioni. Questa ipotesi si basa sul confronto con il lessema latino e sabellico legato al concetto di oscurità: lat. ater «scuro, fosco» corrispondente all’umbro atru, adro adrir (abl. plur. n.) (TI VIIa 9,10, 21; WdOU, p. 55). La base si ritrova anche nel toponimo osco Aderl: *ātrolā- (LEW, p. 75). Allo stesso modo gli antroponimi lat. Atrius (CIL I2 1252) e osco Aadíriis (ST Po 34, 35= ImIt Pompei 2, 3) sembrano connessi con il lat. āter (DELL, p. 54) e possono essere confrontati con i gentilizi etruschi tipo Atrus.

Fig. 3 – *Atr-(on)-(io̭ )-.

Fig. 3 – *Atr-(on)-(io̭ )-.

AOrOc-CNRS-ENS, K. Gruel, E. Tribouillard.

22*Ap-ōn-i̭o- (fig. 4).
• Sudpiceno: Apúnis (ST Sp AP 3 = ImIt Falerio 1), VI-V a.C.;
• Peligno: St. Apunies T. l. (ST Pg 49 =ImIt Corfinium 17), II-I a.C.;
• Etrusco: Apunas Veleθnalas (ET Cr 3.17), VI a.C., Mamarce Apuniie Venala (ET Ve 3.5), VI a.C. V]el. Apnas Larθia[l. cla]n (ET Ta 1.83), III a.C., La. Apunial (ET Pe 1.815), II a.C.;
• Latino: Aponius (CIL VI 218, ecc).

23La struttura *Apun- (*ap-/appa-ōn-i̭o-) è una base secondaria ben testimoniata in Italia centrale con attestazioni in sudpiceno (Belmonte) e in peligno (Corfinio), nel CIL VI, e in etrusco, con la stessa forma presente a Tarquinia, a Caere e a Perugia.

  • 12 La questione è stata affrontata da Marinetti 1982, da Prosdocimi 2009, anche congiuntamente (2011) (...)

24In merito alla sua segmentazione si aprono possibilità diverse:
a) Ap-ōn-i̭o- a partire da una radice indoeuropea difficilmente definibile con chiarezza. Se è una base nominale, il candidato più probabile potrebbe essere *h2ep- «acqua», che ha avuto vari esiti, anche onomastici, in diversi ambienti linguistici indoeuropei. È presente tanto nel latino quanto nelle lingue sabelliche, come mostra l’osco aapa «acqua», ma anche in itt. ḫāpp «dal fiume», ved. áp-, av. ap-, a. pers. ap-, toc ap-, a. irl ab-, (NIL, p. 312);
b) *Ap(pa)-ōn-i̭o-, a partire da una base *appa-, che può essere immediatamente avvicinata ad un gruppo nutrito di basi lessicali con caratteristiche ricorrenti (presenza della vocale di timbro –a e geminazione consonantica):12 si tratta di *appa-, *atta-, *anna- e *amma- e *acca- su cui si costruiscono molti termini legati alla sfera semantica della parentela.

  • 13 Marinetti – Prosdocimi 2011, p. 214.

25Accettando l’ipotesi di un’origine da *appa- (b) è impossibile individuare un ambito linguistico di origine poiché queste particolari basi sono presenti universalmente nelle lingue del mondo come strutture di formazione lessicale e onomastica. Nel nostro caso (*appa-) si citano gli esempi dell’etrusco apa «padre» e Apas «di Apa» e o degli appellativi piceni apaes a metà tra lessico e onomastica che si riferiscono a un «padre della comunità», a un «avo di rispetto»13. Si trova infine come base di antroponimi in umbro Apiaes (Screhto est 66), falisco Apa. (AF Cap 457=ET Fa 6) e latino Appius (CIL I2, 813), Appaius (CIL IX, 4757)

26Data la situazione di sostanziale omogeneità, sia geografica sia cronologica, delle attestazioni in etrusco e nel mondo italicorestano valide le seguenti spiegazioni:
a) un appellativo etrusco in -u: tipo Apu, che potrebbe essere implicato anche da Apulas, di una iscrizione etrusca dalla Campania. Apu sarebbe provvisto del suffisso derivazionale *–na-, presente nella forma di Perugia Apunas, forma che sarebbe passata poi nelle lingue sabelliche e in latino assoggettandosi ad una rimorfologizzazione secondaria -i̯o-, cioè *Apōn-i̯o-;
b) Con un percorso inverso la forma *Apōn-i̯o-sarebbe, invece, genuinamente sabellica che trasferendosi in etrusco sarebbe rispecchiata da Apuniie. Resta, però, in questo caso scoperto il fianco alla forma etrusca Apunas.

Fig. 4 – *Ap-ōn-io̭ -.

Fig. 4 – *Ap-ōn-io̭ -.

AOrOc-CNRS-ENS, K. Gruel, E. Tribouillard.

27*Blais- (fig. 5).
• Sabino: Paqis Blaisiís (HdiD Ve 513= ImIt Sabini 2), VI-V a.C.;
• Osco: Maras Blaisiis Marahe[i]s (ST Cm 14= ImIt Cumae 8), III-II a.C.;
• Etrusco (a partire da una base *Blais(o)-, probabilmente entrata in etrusco e adattata alla fonetica e alla morfologia etrusca): mi Larisa Plaisinas (ET Vs 1.89), VI/V a.C., La: Plaisaś (ET Li 2.6), IV a.C., mi Venelus Plaisenas (ET Vs 1.18), VI-V a.C., La: Plais (ET Li 0.6), V a.C.;
• Latino: Blaesius (CIL I2, 254), ecc.

  • 14 Salomies 2012, p. 146.
  • 15 Steph.Byz. s.v. Kαπρίη ; Kaibel 1899.

28La base *Blais- è attestata in Sabina e in Campania, considerando le testimonianze osche di Cuma, che trovano continuazioni nell’onomastica latina a Benevento e a Ercolano14. L’antroponimo è presente anche in tre iscrizioni etrusche da Volsini e in Liguria. Il dato cronologico indica una maggiore antichità in Italia centrale e in Etruria. Dalla Campania si registra anche la forma greca Βλαῖσος, nome trasmesso da Stefano di Bisanzio, come autore di commedie, originario di Capri15. Il nome, tuttavia, non sembra greco, ma è di probabile ascendenza italica e questa ne sarebbe l’attestazione indiretta del suo uso come nome individuale (idionimo), da cui è stato derivato il gentilizio.

  • 16 Schulze 1904, p. 295.

29L’attribuzione del nome alle lingue sabelliche, già di epoca arcaica (geograficamente imputabile al sabino), poggia sulla presenza del nome in una formula manifestamente di tipo italico, insieme a Paqis di indubbia origine sabellica (AF, p. 578). In questa prospettiva il punto di partenza sarebbe una base onomastica *Blaiso-, richiesta dalle forme di gentilizi latini e oschi come Blaesius e Blaisiis, che corrispondono all’etrusco Plaisina16.

  • 17 Kajanto 1965, p. 240.

30È molto probabile che la base onomastica *Blaiso- appartenga al lessico considerata la presenza nel latino blaesus e nel greco βλαισός, sebbene tra greco e latino esista una differenza semantica: in latino significa «balbuziente» (o per indicare chi ha difetti nel parlare), invece, in greco, «dalle gambe storte». Tale differenza semantica, non costituisce, tuttavia, un ostacolo alla relazione tra le due parole, in considerazione del fatto che entrambe si riferiscono a difetti fisici, che possono essersi diversamente distribuiti nel lessico di ciascuna lingua. Tra l’altro, in greco c’è anche l’alternanza tra βλαισός e πλαισός che ha fatto pensare ad un’origine non indoeuropea della radice (EDG, p. 218). Tale significato ne ha agevolato in latino l’uso come cognomen17.

31Il problema etimologico della base *Blais(o)- si salda inevitabilmente con quello dell’origine dell’aggettivo latino, di quello greco e dei loro reciproci rapporti. Secondo una tesi rappresentata nei dizionari etimologici (LEW, p. 108; DELL, p. 71) blaesus sarebbe un prestito dal greco, entrato in latino attraverso l’intermediazione osca. Infatti, la presenza dell’antroponimo Blaisiis, riconducibile a questa base, in ambito sabellico, sia settentrionale sia meridionale, depone a favore dell’esistenza di questo elemento nel lessico delle lingue sabelliche che potrebbero averlo trasmesso al latino.

32Non è, comunque, provata l’ipotesi che a loro volta le lingue sabelliche lo abbiano mutuato dal greco ed è anche possibile che questo elemento fosse presente nel lessico di ciascuna lingua indipendentemente l’una dall’altra.

33Ulteriore problema è poi il rapporto tra blaesus e balbus, entrambi col significato di «balbuziente». È possibile la derivazione da una radice comune di origine onomatopeica per designare «chi parla male». La radice sarebbe identificabile in una protoforma *bar/l-bar/l- a cui possono ricondursi i diversi esiti presenti in varie lingue: gr. βάρβαρος, scr. barbara- «balbuziente, straniero», balbalā-karoti «balbettare, (lett.) fare [kar]», serb. blebétati, lit. blebenti «chiacchierare» (EWaia 2, p. 217).

Fig. 5 – *Blais-.

Fig. 5 – *Blais-.

AOrOc-CNRS-ENS, K. Gruel, E. Tribouillard.

34*Ful-on-i̭-o (fig. 6).
• Umbro: Numesier Varea Folenia (ST Um 38= ImIt Umbria 3 = CIL I2 2873), I a.C., T. C. Fulonie (ST Um 7= ImIt Tadinum 3), II a.C.;
• Falisco: Fulonia (AF MLF 313), III a.C.;
• Etrusco arc.: Fulu-[ (ET Vc 2.19) VI a.C., Fulu (ET Fe 2.30) IV a.C., qupes Fuluśla (ET Cm 2.46), V a.C., mi Hulus Larziia (ET Cr. 268), VI a.C.;
rec. Apunei. Fulunal (ET Vt 1.38), Θania: Fulnei (ET AS 1.399, Vt 4.1, AS 1.254, Cl 1.630, 1.2673), Fuluni (ET Pe 1.509), Fuluniś (ET Pe 1.955), Fuluś (ET Vt 1.168 anche Pe 1.454), Fulni (ET AS 1.248, 1.249,1.250, 1.251, 1.253, Cl 1.2669, Ar 1.9), Fulnial (ET AT 1.47, OA 2.63), Fulniś (ET AS 1.508), Fulu (ET AS 1.272, Cl 1.198, 1.886,1.1184, 1.1293, 1.1415, 1.1416,1.1806, 1.2832, Co 1.2, OB 2.12), Fului (ET Ru 2.12, Pe 1.1274), mi Fuluial (ET Vt 1.94, 2.21, 2.22), Fuluna (ET Vt 4.1),Fulunal (ET Vt 1.38, 1.115), Fulunei (ET Vt 1.166),
A Chiusi variante con H-. rec.: Aule: Huluni Arnθal, (ET Cl 1.617)
Hulnei (ET Cl 1.2672, 1.2835), Hulniś (ET Cl 1.2671, Ar 1.64), Hulu (ET Cl 1.279, 1.1417, 1.1592, 1.2030, 1.2674), Huluni (ET Cl 1.549, 1.557, 1.590, 1.2670), Huluniaś (ET Cl 1.1386)
• Latino: Fulonius (CIL I2, 2057).

35La base onomastica: *Fulōn- è presente in due antroponimi attestati in Umbria (Tadinum) e nell’area falisca settentrionale (Vignanello) ma trova la sua massima attestazione in Etruria, da Viterbo a Volsini, da Siena a Perugia, mostrando in questo caso a Chiusi l’alternanza iniziale h/f. Quest’ultimo fenomeno ha una arealità interlinguistica poiché è localizzato lungo il medio bacino del Tevere abbracciando così lingue diverse, affacciate su quell’area (l’etrusco, il falisco, il sabino e il latino). Non è chiaro se la base onomastica su cui riposa l’antroponimo sia da attribuire al contesto linguistico sabellico o a quello etrusco. Il primo problema posto dalla coppia di antroponimi riguarda il vocalismo della sillaba radicale. Infatti, le due attestazioni dell’umbro sono entrambe in alfabeto latino, ma si distinguono perché l’una presenta nella prima sillaba il segno <o> e la seconda quello per <u>. È possibile che il grafo <u> sia un residuo della scrittura in alfabeto etrusco che non aveva il segno per <o>.

  • 18 Rix 1963, p. 176.
  • 19 Benelli 1994, p. 17-18.

36Una possibile interpretazione in chiave etrusca vedrebbe le forme umbre e latino-falische derivate da una base etrusca *H/Fulu-, molto diffusa a Chiusi e nell’ager Senensis già in periodo arcaico come prenome, ad esempio: mi Hulus Larziia (ET Cr. 268, AF, p. 265), da cui si forma il regolare femminile in –i: Fului18. Da questa base può essere derivato il gentilizio *Fulu-na, a cui è riconducibile la forma sincopata, attestata nell’etrusco recente, Fulni: *Ful(u)-n(a)-i. L’identità di Fulni col gentilizio latino Folnius è confermata dalla bilingue di Arezzo (TLE 662, ET Ar. 1.9).19

  • 20 Giacomelli 1963, p. 194.

37È possibile che la base etrusca Fulu sia passata nelle lingue italiche e qui rideterminata per mezzo del suffisso in *-Vno-. Ciò rende in teoria anche possibile che dalla base etrusca muova la forma italica *Fu/ol(V)n(o)-, che poi sia stata reintrodotta posteriormente anche in etrusco, di cui potrebbe essere riflesso Huluni20. Naturalmente è possibile anche l’inverso, cioè una forma italica *Fol-ōn- sia alla base non solo delle forme umbre che ne sarebbero il diretto continuatore, ma anche dell’etrusco Huluni/Fuluni.

  • 21 Hirata 1967, p. 53.

38Una seconda possibilità, quasi del tutto teorica, che si basa sull’esiguità delle attestazioni italiche e sulla loro recenziorità rispetto a quelle etrusche, potrebbe consistere nell’attribuire l’antroponimo ad ambiente latino-falisco21. Una possibile connessione con il lessico potrebbe essere un rapporto con l’elemento lessicale *fullōn- il cui esito è il latino fullo, fullonis «lavandaio». L’introduzione in etrusco sarebbe stata successiva e avrebbe ereditato le alternanze tra <f/h> iniziali presenti in ambiente latino e in quello falisco.

39In conclusione anche di questa famiglia onomastica è difficile dipanare le fila dell’origine linguistica. Quanto resta, invece chiaro è la particolare concentrazione areale nella fascia del medio bacino del Tevere che vede coinvolto il latino, l’umbro e l’etrusco.

Fig. 6 – *Ful-on-io̭-.

Fig. 6 – *Ful-on-io̭-.

AOrOc-CNRS-ENS, K. Gruel, E. Tribouillard.

40*Nav-i̭o- (fig. 7). 
• Capenate: O. Navies: eco (ImIt Capena 2), V a.C.;
• Osco: Nav(iis) (ImIt Campania Coinage 3), III a.C.;
• Etrusco: periodo recente Lθ. Navlis. Pum/pual (ET Cl 1.2736), Larθi. Navesi. (ET Pe 1.446), Arza Veti Naverial (ET Pe 1.443, 1.445), senti Naveries (ET Vs 1.261), Θana. Pumpui Navlisal (ET Cl 1.2170), Avle Navesial (ET Pe 1.442);
• Latino: Navius (Cic., Att., 10, 8, 6).

41L’antroponimo è attestato a Capena e in Campania, in un’iscrizione osca in alfabeto etrusco. Si possono riconoscere legami con forme dei gentilizi etruschi attestati a Chiusi e a Perugia. Le forme etrusche Navlis e Navesi, già messe in relazione col latino Navius (CIL VI, 22892) da Schulze 1904, p. 197, pongono problemi morfologici e interpretativi.

  • 22 De Simone 2006.
  • 23 Belfiore 2014, p. 129.
  • 24 De Simone 1991, p. 208-210.

42La base onomastica su cui vengono costruite le forme latine e sabelliche è *Nav-+–i̭o-. Per quanto riguarda l’etrusco l’antroponimo Navlis potrebbe ammettere una derivazione in *–lo- da una base onomastica *Nav(o)-, analoga ad altri antroponimi di origine italica come Titelna o Rumelna22. Per quanto riguarda le forme Naverial (ET Pe 1.443) e Navesial (ET Pe 1.442) il rapporto con la base onomastica *Nav(o)- può essere salvaguardato in virtù del parallelismo abbastanza stretto con la coppia di nomi Helveria (ET Pe 1.512) e Helvesia (ET Pe 1.1078). Entrambe le coppie, infatti, condividono la stessa arealità geografica e si distinguono per la presenza di una forma rotacizzata a fronte di una non rotacizzata. In quest’ottica, un morfo *–sie- alterna, eventualmente, con *-rie-23. Diversa è la posizione di De Simone, il quale, anche se non tratta della specifica coppia onomastica, considera i due formanti morfologici come autonomi l’uno dall’altro. Egli distingue, infatti, il suffisso *–sie-, considerato come un imprestito dall’italico *–sio- dal suffisso *–rie, dal suffisso etrusco -ra- come formante di nomi propri, ad es. Velχra (ET Cl 1.518), da conglutinato con il suffisso *–i̭o- indoeuropeo, mettendo, così, in parallelo il trattamento di –ra-ie > -rie a –na-ie- >-nie24.

Fig. 7 – *Nav-io̭-.

Fig. 7 – *Nav-io̭-.

AOrOc-CNRS-ENS, K. Gruel, E. Tribouillard.

43*Ner-i̭o- (fig. 8).
• Umbro: Ner(ie) T. Babr(ie) (ST Um 10= ImIt Asisium 1), Vois(ie) Ner(ie) Propartie (ST Um 10= ImIt Asisium 1), II/I a.C.;
• Osco: Núvis Neriis (ImIt Terventum 43);
• Etrusco: mi Neries Θavhna (ET Cr 2.5), VII a.C., Larce. Hepni. L. Nerinal. (ET AS 1.87, Ar 1.11), rec., Nerinai (ET AT 1.81, 1.125), rec.;
• Latino: Ner. Capidas C. f. Rufus (CIL XI, 5390); Nerius Babrius T. f. (CIL XI, 5472).

44La base è attestata in umbro (Assisi) e in osco (nel territorio dei Pentri). Appare in etrusco a Caere e a Siena. Significativamente la prima attestazione in etrusco precede di cinque secoli la prima delle lingue sabelliche. Tra l’altro nella testimonianza ceretana si conserva la veste prettamente sabellica del nome: Neries. In latino l’antroponimo Nerius, oltre ad essere attestato come gentilizio in Campania (Capua, Pompei, Benevento) () è ben documentato in Umbria come prenome: Ner. Capidas C. f. Rufus (CIL XI, 5390); Nerius Babrius T. f. (CIL XI, 5472).

  • 25 Salomies 1987, p. 80.
  • 26 Campanile 1996, p. 190.

45In queste due iscrizioni l’elemento onomastico figura non in funzione di gentilizio, ma in quella di prenome, conservando, dunque, il suo stadio più antico. Merita, inoltre, notare che entrambe le iscrizioni vengono da Assisi, da dove anche viene l’iscrizione umbra recante la formula Ner. Babr(ies) nella quale l’elemento onomastico ricopre la stessa funzione. L’identità del gentilizio con quello di Nerius Babrius di CIL XI, 5472 rende probabile che l’iscrizione umbra e quella latina siano da riferirsi a membri di una stessa gens25. Per questo le due iscrizioni sono interessante testimonianza del processo della latinizzazione delle gentes locali. La cronologia delle due iscrizioni è, però, altrettanto interessante, perché quella latina sembra essere, per ragioni epigrafiche ed archeologiche, più antica di quella umbra di una trentina d’anni confermando che l’abbandono dell’umbro a favore del latino è stato graduale e non brusco e netto26.

  • 27 La Regina 2011, p. 253.
  • 28 Tibiletti – Bruno 1969, p. 7.

46Questo è uno dei pochi casi in cui la pertinenza dell’elemento onomastico appare netta ed indiscutibile. È infatti, di origine sabellica, correlandosi con un elemento lessicale noto nelle lingue indoeuropee, ma prevalentemente attestato nell’area orientale, dal greco all’indo-iranico e da cui è escluso anche il latino, cioè l’elemento ner- <*h2ner-, che designa «l’uomo connotato da particolari doti o qualità e/o per la posizione elevata all’interno della società». Le lingue sabelliche, insieme all’area indo-iranica, possiedono entrambi i termini che si sono diversamente distribuiti in altre lingue, cioè ner- e viro- < <*uih-ro- presente nel lat. vir. Nelle lingue sabelliche il termine ner- è attestato nelle iscrizioni sud-picene, in particolare al plurale nerf, che ricopre probabilmente il valore di «principes» in senso aristocratico, dunque, vicino all’accezione del vir dell’elogio degli Scipioni27. Anche nelle fonti antiche l’antroponimo viene riportato ad origine sabina e collegato a un termine con il significato di «forza», come nel passo di Gellio (N.A., 13, 23): sed Nerio a veteribus sic declinabatur quasi Anio: … fortitudo… e in Svetonio (Tib., 1, 1) e Lydus (De mens., 4, 60)28. La stessa base onomastica si ritrova nel teonimo Nerio, Nerien, anch’esso riferibile al pantheon sabino.

  • 29 Salomies 1987, p. 324.
  • 30 Kajanto 1965, p. 38 e 41.

47Assente nel lessico latino, i riflessi onomastici di ner- sono, pertanto, di origine sabellica, come mostra il caso di Nero attestato in età repubblicana29 con la funzione di prenome. Tra l’altro l’esempio della formula Nero Claudius Ti f. Drusus (CIL XIII, 9) mostra che il prenome era rimasto nell’ambito delle tradizioni familiari dei Claudii, gens di origine sabina trasmesso poi in età imperiale lo si ritrova come cognome: Drusus Nero (CIL XI, 135)30. In entrambi i casi occorre notare la rimofologizzaione della base onomastica mediante il suffisso -ōn-.

48L’etrusco presenta la forma Neries, più arcaica, che rispecchia la morfologia sabellica, mentre la forma di gentilizio Nerina può essere imputabile alla rimorfologizzazione della base onomastica mediante il suffisso etrusco.

Fig. 8 – *Ner-io̭-.

Fig. 8 – *Ner-io̭-.

AOrOc-CNRS-ENS, K. Gruel, E. Tribouillard.

Conclusioni

49I risultati ottenuti dall’esame dei nomi, che rappresentano solo una campionatura, mettono in evidenza le peculiarità dell’area onomastica dell’Italia centrale, che è stata scelta appunto come terreno di ricerca proprio come ambito di convergenza e di contatti tra lingue diverse, e specificamente l’ambiente etrusco, quello falisco, quello latino e quello sabellico. Infatti, il gruppo di antroponimi scelti si concentra maggiormente e anche per le sue attestazioni più antiche in una lingua o in un’altra in questa fascia centrale, gravitante sul medio bacino del Tevere e che dunque è trasversale in misura maggiore ai due grandi ambienti linguistici che sono quello dell’Etruria classica e della Grande Sabina arcaica. L’analisi condotta si basa sull’incrocio di due procedimenti, quello della proiezione cartografica e quello dell’analisi linguistica. Merita sottolineare che il dato topografico assume un peso determinate quando l’analisi linguistica si arena, per identificare la pertinenza di un nome trasversale a lingue diverse. L’analisi morfologica, anzi, mostra, in diversi casi, le difficoltà di dipanare la complessa matassa delle origini di un nome, perché i morfemi ancorché di origine diversa, si conglomerano tra loro e si rendono, pertanto, difficilmente distinguibili.

50La campionatura presentata non solo non ha pretese di esaustività, ma, anzi, fa emergere la necessità di un’indagine più dettagliata soprattutto basata su uno spoglio sistematico che potrà avvalersi della strumentazione e dell’esperienza di Beige. Nel panorama dell’Italia antica, restano del tutto scoperte le regioni centro-meridionali, in particolare quelle dell’area linguistica osca, senza considerare aree che presentano livelli diversi di organizzazione e di sistemazione dei rispettivi repertori di antroponimi, come il falisco, il messapico e la Sicilia antica. Un’indagine su un panorama così ampio offrirebbe un grandissimo potenziale di conoscenze, ma necessita anche di forze e tempi enormemente più ampi rispetto a quelli di una ricerca limitata. Cionondimeno l’esperienza e il metodo di questa ricerca possono essere messi a frutto per sviluppi futuri.

Haut de page

Bibliographie

AF = G.C.L.M. Bakkum, The Latin dialect of the Ager Faliscus, Amsterdam, 2009.

Baldi 2002 = P. Baldi, The foundations of Latin, Berlino-New York, 2002.

Belfiore 2014 = V. Belfiore, La morfologia derivativa in etrusco. Formazione di parole in –na e –ra, Pisa-Roma, 2014.

Benelli 1994 = E. Benelli, Le iscrizioni bilingui etrusco-latine, Firenze, 1994.

Benelli c. d. s. = E. Benelli, Le regioni di lingua sabellica: facies archeologiche e popoli storici. 1. L’area sabellica settentrionale, in corso di stampa

Campanile 1996 = E. Campanile, I testi umbri minori in Assisi e gli Umbri nell’antichità, in Atti del Convegno Internazionale, Assisi, 18-21 dicembre 1991, Assisi, 1996, p. 181-192 (= Latina e Italica, Pisa-Roma, 2008, p. 801-810).

De Simone 1991 = C. De Simone, Numasie, Numasios: le formazioni etrusche e latino-italiche in -sie / -sio, in SE, 56, 1991, p. 191-215.

De Simone 2006 = C. De Simone, Il nome dei ‘Rossi’ in Etruria: Il nome dei Rutoli, in Incidenza dell’antico, 4, 2006, p. 111-139.

DELL = A. Ernout, A. Meillet, Dictionnaire étymologique de la langue latine, Parigi, 2014.

EDG = R. Beekes, Etymological dictionary of Greek, Leida-Boston, 2010.

EDL = M. de Vaan, Etymological dictionary of Latin and the other Italic languages, Leida-Boston, 2008.

ET = G. Meiser, Etruskische Texte2, Amburgo, 2014.

EWaia = M. Mayrhofer, Etymologisches Wörterbuch des Altindoarischen, Heidelberg, 1986-2001.

Filippin c. d. s. = A. Filippin, Una “lega linguistica” nell’Italia antica? Alcune considerazioni di metodo, in corso di stampa.

Giacomelli 1963 = G. Giacomelli, La lingua falisca, Firenze, 1963.

Hirata 1967 = R. Hirata, L’onomastica falisca, Firenze, 1967.

ImIt = M.H. Crawford (dir.), Imagines Italicae, Londra, 2011.

Kaibel 1899 = G. Kaibel, Comicorum Graecorum Fragmenta I,1, Doriensium Comoedia, Mimi, Phlyaces, Berlino, 1899.

Kajanto 1965 = I. Kajanto, The Latin Cognomina, Helsinki-Helsingfors, 1965.

La Regina 2011 = A. La Regina, Il guerriero di Capestrano e le iscrizioni paleo sabelliche, in L. Franchi dell’Orto (a cura di), Pinna Vestinorum e il popolo dei Vestini, Roma, 2011.

LEW = A. Walde, L.B. Hofmann, Lateinisches Etymologisches Wörterbuch, Heidelberg, 1938.

Marinetti 1982 = A. Marinetti, Atta/us: Appius. Lat. atta, sabino *appa e sudpiceno apaio-. Sabini a Roma e Safini nelle iscrizioni sudpicene, in Res publica litterarum, 1, 1982, p. 169-181.

Marinetti – Prosdocimi 2011 = A. Marinetti, A.L. Prosdocimi, Sul tipo Atta “padre” in alcune tradizioni indoeuropee: tra lessico istituzionale e funzionalità onomastica, in D. Maras (a cura di), Corollari. Scritti di antichità etrusche e italiche in omaggio a Giovanni Colonna, Pisa-Roma, p. 210-222.

Middei 2015 = E. Middei, Gli antroponimi sabellici in *-ai̯os e le basi onomastiche di morfostruttura acca-, in Greco-Latina Brunensia, 20-2, 2015, p. 105-121.

Middei 2017 = E. Middei, Le basi *ap(p)a- e *at(t)a- tra lessico e onomastica nell’ambito sabino, latino ed etrusco, in Mediterranea, 14, 2017, p. 235-254.

Montenegro Duque 1949 = A. Montenegro Duque, La onomastica de Virgilio y la antiguedad preitalica, Salamanca, 1949.

NIL = D.S. Wodko, Nomina im Indogermanische Lexikon, Leida-Boston, 2008.

Prosdocimi 1985 = A.L. Prosdocimi, I Safini nelle iscrizioni sudpicene, in Preistoria, storia e civiltà dei Sabini, Atti del Convegno di studio (Rieti ott. 1982), Rieti, 1985, p. 35-55.

Prosdocimi 2009 = A.L. Prosdocimi, Note sull’onomastica di Roma e dell’Italia antica, in P. Poccetti (a cura di), L’onomastica dell’Italia Antica. Aspetti linguistici, storici, culturali, tipologici e classificatori, Roma, 2009, p. 73-151.

Rix 1963 = H. Rix, Das etruskische Cognomen, Wiesbaden, 1963.

Rix 1972 = H. Rix, Zum Ursprung des römisch-mittelitalischen Gentilnamensystems, in ANRW, I, 2, 1972, p. 700-758.

Salomies 1987 = O. Salomies, Die römischen Vornamen, Helsinki, 1987.

Salomies 2012 = O. Salomies, The Nomina of the Samnites, in Arctos, 46, 2012, p. 137-186.

Schmitt 1995 = R. Schmitt, Entwicklung der Namen in älteren indogermanischen Sprachen, in Namenforschung, Berlino-New York, 1995, p. 616-636.

Schulze 1904 = W. Schulze, Zur Geschichte lateinischer Eigennamen, Darmstadt, 1904.

Screhto est = L. Agostiniani, A. Calderini, R. Massarelli, Lingua e scrittura degli antichi Umbri, Città di Castello, 2011.

ST = H. Rix, Sabellische Texte, Heidelberg, 2002.

ThLL = Thesaurus Linguae Latinae, Leipzig, 1900-.

TI = J.W. Poultney, The Bronze Tables of Iguvium, Maryland, 1959.

Triantafillis 2005 = E. Triantafillis, Il concetto di coiné italica dal 1930 ad oggi, in Atti dell’Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti, 163, Venezia, 2005, p. 604-683.

Untermann 1959 = J. Untermann, Namenlandschaften im Alten Oberitalien, in Beiträge zur Namenforschung, 10, 1959, p. 74-108, 121-159.

Untermann 1960 = J. Untermann, Namenlandschaften im Alten Oberitalien, in Beiträge zur Namenforschung, 11, 1960, p. 273-318.

Untermann 1961 = J. Untermann, Namenlandschaften im Alten Oberitalien, in Beiträge zur Namenforschung, 12, 1961, p. 1-30.

WdOU = J. Untermann, Wörterbuch des Oskisch-Umbrischen, Heidelberg, 2000.

Haut de page

Notes

1 Sull’identità culturale delle iscrizioni sabelliche arcaiche dell’Italia centrale si può fare riferimento a Prosdocimi 1985 e a La Regina 2011 che inserì nello stesso contesto culturale anche le iscrizioni dell’ager Praetuttianus. Da ultimo Benelli (c. d. s.) riassume e definisce con precisione il contesto archeologico dell’Italia centrale arcaica.

2 Untermann 1959-61.

3 Sulle nozioni di koiné e di lega linguistica applicate all’Italia antica cfr. Triantafillis 2005. Nuovi spunti in Filippin c. d. s.

4 Per una sintesi della problematica cfr. Schmitt 1995.

5 Sull’origine del sistema gentilizio ancora valido è il lavoro di Rix 1972.

6 Si ringraziano K. Gruel e E. Tribouillard per la realizzazione delle mappe geografiche. Nelle mappe i ritrovamenti epigrafici latini non sono inseriti in quanto spesso numericamente superiori a quelli delle altre tradizioni linguistiche. L’intento di questo lavoro è evidenziare la presenza del dato onomastico sabellico e quello etrusco e falisco. La documentazione latina, citata nelle schede, ha lo scopo di un riscontro linguistico delle forme.

7 Salomies 1987, p. 13.

8 Schulze 1904, p. 534.

9 Montenegro Duque 1949, p. 31.

10 Baldi 2002, p. 381

11 Rix 1963, p. 191-192.

12 La questione è stata affrontata da Marinetti 1982, da Prosdocimi 2009, anche congiuntamente (2011). Lavori ripresi e utilizzati per ulteriori approfondimenti Middei 2015 e 2017.

13 Marinetti – Prosdocimi 2011, p. 214.

14 Salomies 2012, p. 146.

15 Steph.Byz. s.v. Kαπρίη ; Kaibel 1899.

16 Schulze 1904, p. 295.

17 Kajanto 1965, p. 240.

18 Rix 1963, p. 176.

19 Benelli 1994, p. 17-18.

20 Giacomelli 1963, p. 194.

21 Hirata 1967, p. 53.

22 De Simone 2006.

23 Belfiore 2014, p. 129.

24 De Simone 1991, p. 208-210.

25 Salomies 1987, p. 80.

26 Campanile 1996, p. 190.

27 La Regina 2011, p. 253.

28 Tibiletti – Bruno 1969, p. 7.

29 Salomies 1987, p. 324.

30 Kajanto 1965, p. 38 e 41.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 – ET Po 2,22: un esempio di analisi.
Crédits Inserito su BEIGE da M. L. Haack
Titre Fig. 2 – *Als-(io̭ )-.
Crédits AOrOc-CNRS-ENS, K. Gruel, E. Tribouillard.
Titre Fig. 3 – *Atr-(on)-(io̭ )-.
Crédits AOrOc-CNRS-ENS, K. Gruel, E. Tribouillard.
Titre Fig. 4 – *Ap-ōn-io̭ -.
Crédits AOrOc-CNRS-ENS, K. Gruel, E. Tribouillard.
Titre Fig. 5 – *Blais-.
Crédits AOrOc-CNRS-ENS, K. Gruel, E. Tribouillard.
Titre Fig. 6 – *Ful-on-io̭-.
Crédits AOrOc-CNRS-ENS, K. Gruel, E. Tribouillard.
Titre Fig. 7 – *Nav-io̭-.
Crédits AOrOc-CNRS-ENS, K. Gruel, E. Tribouillard.
Titre Fig. 8 – *Ner-io̭-.
Crédits AOrOc-CNRS-ENS, K. Gruel, E. Tribouillard.
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Edoardo Middei, « La «base de données Beige»: un caso d’applicazione pratica », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité, 132-1 | -1, 157-168.

Référence électronique

Edoardo Middei, « La «base de données Beige»: un caso d’applicazione pratica », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 132-1 | 2020, mis en ligne le 07 décembre 2020, consulté le 26 janvier 2021. URL : http://journals.openedition.org/mefra/10228 ; DOI : https://doi.org/10.4000/mefra.10228

Haut de page

Auteur

Edoardo Middei

Università degli Studi di Tor Vergata

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search