Navigation – Plan du site

AccueilNuméros133-1Il Cippo di Perugia. Vecchi probl...Premessa

Il Cippo di Perugia. Vecchi problemi e nuove letture. Atti dell’incontro di studio, Perugia, Museo Archeologico Nazionale, 15 febbraio 2019

Premessa

Valentina Belfiore
p. 9-12

Texte intégral

1A quasi duecento anni dalla scoperta abbiamo voluto dedicare un incontro di studi al cippo di Perugia, uno dei più importanti documenti per la conoscenza della lingua e della cultura etrusca. Grazie alla pronta adesione della dott.ssa Luana Cenciaioli, già direttrice del Museo Archeologico Nazionale di Perugia, e al patrocinio del Comune di Perugia, l’incontro ha potuto avere luogo a inizio 2019 nella bella cornice del museo che ospita il documento.

  • 1 Roncalli 1985.

2Il cippo fu trovato tra San Marco e Ponte d’Oddi a nord ovest di Perugia nel 1822, insieme ad altri tre cippi anepigrafi in travertino. Il testo, interamente conservato, è inciso su due lati adiacenti di un parallelepipedo delle dimensioni di 55 × 145 × 27 cm. Sul lato A, più largo, il testo si estende per 24 righe; sul lato B, corrispondente al fianco stretto del parallelepipedo, per 22. Le lettere, in alfabeto “regolarizzato”, sono alte in media 3 cm. La paleografia lascia ipotizzare una datazione agli anni iniziali del II sec. a.C. Per la sua restituzione si rimanda ai corpora epigrafici noti (CIE 4538; ET2 Pe 8.4) e all’apografo pubblicato nel volume Scrivere etrusco, a cura di Francesco Roncalli, in occasione della mostra tenutasi a Perugia nel 19851.

3Grazie al buono stato di conservazione, il testo presenta poche varianti di lettura, per lo più limitate all’accorpamento o alla separazione di gruppi di lettere, solitamente in presenza di hapax, a causa dell’irregolare interpunzione interverbale (si vedano ad es. i nessi ET2 Pe 8.4 araś pe7raś cemulm lescul vs. Roncalli 1985, p. 79, araś pe7raśc emulm lescul; ET2 Pe 8.4 vel18θinam lerzinia. inte mame19r vs. Roncalli 1985, p. 79, vel18θina mlerzinia. intemame19r). Dal punto di vista epigrafico, alcune discrepanze nella restituzione concernono la prima riga di testo a causa della parziale lacunosità del margine superiore del blocco. Una questione è sorta intorno alla restituzione della parola iniziale del documento come [t]eurat o come eurat. La prima lezione è stata suggerita sin dalla prima edizione degli Etruskische Texte supponendo che lo spazio in prossimità dello spigolo in alto a destra, leggermente smussato, potesse contenere una lettera non più leggibile. L’avvicinamento del ricostruito [t]eurat all’arcaico tevaraθ, cui è attribuito il senso di «giudice», rendeva inoltre preferibile questa lezione agli occhi degli editori del corpus per la possibilità di spiegare in tal modo la formula onomastica iniziale. Questa, ricadente al termine della prima linea, è stata letta come la. rezuṣ́ o come la. rezu ḷ con lettera finale incerta, ed è normalmente riferita ad una terza figura intervenuta nella ricomposizione della controversia. Di fatto l’apografo del 1985 ha confermato la restituzione di un iniziale eurat, come già riportato anche nel CIE, con la necessità di motivare diversamente il termine.

  • 2 Pallottino 1936.
  • 3 Pfiffig 1961.
  • 4 Manthe 1979.
  • 5 Roncalli 1987.
  • 6 Facchetti 2000.

4Un primo dibattito sul significato giuridico o religioso del documento ha visto fronteggiarsi su posizioni diverse studiosi come Battisti, Buffa, Cortsen, Devoto, Goldmann, Kluge, Leifer, Pallottino, Ribezzo, Runes, Slotty e Vetter in occasione della «Settimana Etrusca» del 22-27 ottobre 1936, pubblicata nella sezione Informazioni e Notizie della rivista Accademie e Biblioteche d’Italia 11 (1937). Tuttavia, sin dai primi studi è stato riconosciuto al testo un carattere essenzialmente giuridico, per lo più compreso come transazione fra privati, di cui erano riconoscibili i nomi familiari (Aule Velθina e Larθ Afuna). Pallottino ha considerato il documento come un decreto gentilizio al pari dell’iscrizione di San Manno di Perugia e della tomba del Tifone di Tarquinia, lasciando in sospeso il giudizio circa il carattere dei possessi discussi (agricolo e funerario o esclusivamente funerario)2. Anche Pfiffig, nello studio del 1961, ha motivato il testo come ricomposizione di una controversia fra privati sorta per la presenza della tomba familiare dei Velθina nella proprietà della famiglia Afuna, che sarebbe stata risolta mediante una nuova ripartizione di terreni3. La spiegazione fornita da Pfiffig è poi stata adottata anche in seguito da altri studiosi, che si sono soffermati su aspetti più puntuali del testo. Manthe ha evidenziato il contenuto di alcune espressioni ricorrenti in testi giuridici, richiamando in particolare il parallelo con la formula dare facere praestare del latino per spiegare l’espressione acilune turune ścune dell’etrusco4. Roncalli ha evidenziato la particolare impaginazione del testo, tale dal lasciar ipotizzare di essere di fronte ad una copia di un documento ufficiale redatto inizialmente su altro supporto5. Da ultimo, Facchetti ha proposto di intendere il testo come sentenza arbitrale, nella quale è sancito un diritto di aquae haustus a favore degli Afuna nei confronti dei Velθina6.

5Al di là di un evidente accordo sul significato globale da dare al testo, numerosi sono i punti controversi. Il cippo di Perugia, come anche altri testi c.d. “lunghi” e con una tradizione di studi secolare, tendono ad essere oggetto di proposte pluristratificate che spesso non si raccordano più tra loro. Un incontro sul tema aveva quindi l’obiettivo recondito di far emergere eventuali incongruenze presenti nella tradizione degli studi attraverso un aggiornamento dello stato dell’arte. Il fine dichiarato consisteva nel sollecitare, anche con l’assunzione di posizioni critiche, proposte ermeneutiche di vario tipo per evidenziare i limiti e le possibilità della ricerca futura.

6A monte di questo progetto va tuttavia rilevato che lo spunto per un incontro-dibattito, come si ricorderà negli interventi che seguono, è stato offerto da una nota sul testo del cippo perugino scritta da un certo Roberto Ledda, profano, come da lui dichiarato, degli studi scientifici, ma a quanto pare buon interprete della bibliografia di settore. Nel suo testo, non destinato alla pubblicazione e diffuso in via privata, l’autore ha proposto una nuova divisione di una parola contenuta nella parte iniziale del testo e considerata finora come unica (sleleθ, da segmentare come slel eθ), grazie alla quale viene meglio individuata la parte del c.d. “preambolo”.

7Da queste premesse è nata la proposta di ridiscutere il documento perugino sotto vari profili, da quelli più strettamente legati al testo e al suo contenuto – con riguardo alla sintassi, alla morfologia, al lessico – fino a riflessioni di più ampio respiro (funzione e significato del documento, eventualmente considerando, più alla lontana, anche la parallela cultura romana). Allo scopo sono stati chiamati a confronto alcuni specialisti del particolare ambito di studi, che hanno accolto l’invito con generoso entusiasmo. Ne è nato un interessante incontro che ha portato alla luce nuove letture, con problemi e soluzioni differenti e, quel che più conta, nuovi spunti di riflessione emersi da proposte talvolta anche contrastanti.

8Come si vedrà nel seguito, alcune discrepanze interpretative riguardano sezioni anche brevi di testo, quando non singole parole. Ad esempio, rispetto all’analisi tradizionale di tanna come forma basata sul pronome dimostrativo, Jean Hadas-Lebel suggerisce di interpretare la parola come nome facente parte della formula onomastica iniziale (tanna. la. rezuś), per la particolarità del raddoppiamento della nasale, solitamente non documentata nelle forme di dimostrativo. Una diversa proposta è quella suggerita da Daniele Federico Maras nel suo intervento (v. infra). Un’approfondita discussione su tanna intesa come forma pronominale è affrontata nel contributo di Luca Rigobianco che illustra le diverse possibilità di analisi morfologica del termine.

9Un’altra proposta riguarda la forma θii del cippo perugino, solitamente intesa come locativo/strumentale in -i dalla base lessicale θi, per la quale è stato ormai accolto il significato di «acqua» proposto da Steinbauer e integrato in vario modo nell’interpretazione del testo (per lo più con riferimento all’aquae haustus proposto nello studio di Facchetti). Alcuni problemi sintattici e interpretativi hanno spinto chi scrive a ipotizzare che il termine rappresenti semanticamente e formalmente qualcosa di diverso da un locativo/strumentale. L’ipotesi avanzata nelle pagine dedicate al lessico è che θii possa identificarsi come forma in caso retto, possibilmente riferita anch’essa ad un tipo specifico di superficie.

10Altre divergenze riguardano l’analisi della parola χiem, considerata dagli autori come termine della sfera giuridico-sacrale (*χie-m), sulla base di una proposta avanzata da Colonna per la parola χi e per la forma aggettivale χia. Per Gilles van Heems e Jean Hadas-Lebel il termine sarebbe da analizzare piuttosto come *χi-em con χi inteso come forma pronominale «tutto, ogni» secondo una proposta già di Torp e Trombetti, e -em identificato come suffisso sottrattivo noto dalle formazioni di numerali (θunem, eslem, ciem), dunque «senza uno/ alcuno».

11Al di là delle diverse analisi di parti specifiche di testo, a livello interpretativo sono emerse dall’incontro un ventaglio di possibilità ermeneutiche diverse ma anche complementari fra loro. Il primo studio, di Enrico Benelli, affronta il problema del significato che il documento può aver avuto nella realtà storica perugina evidenziando la sostanziale estraneità alla compagine locale della gens Afuna. La parabola ascendente di questa famiglia è ricostruita nell’ampio quadro prosopografico che ben illustra il contributo dei legami familiari nella costruzione di rapporti fra “locali” e “stranieri” e che può aver portato dei riflessi anche nell’ambito della gestione della proprietà. Benelli suggerisce quindi che all’origine di un documento giuridico del genere possano essere supposte, da un lato, l’intervento di un’autorità pubblica collegiale nel gestire o conferire un particolare tipo di proprietà ad una famiglia straniera, benché abbiente, eventualmente sul modello dell’enktesis ateniese o del diritto al commercium in territorio romano. Dall’altro, l’autore ricorda che, per via privata, anche i legami matrimoniali tra famiglie gentilizie possono aver contribuito, d’ordinario, a conseguire un risultato affine.

12L’arduo compito di discutere la sintassi del documento perugino, con tutte le difficoltà di comprensione dei testi “lunghi”, è stato affrontato da Gilles van Heems, che illustra a livello pratico la metodologia applicata nell’analisi di un testo complesso. Una discussione approfondita sulle varietà di forme pronominali contenuti nella prima parte del cippo perugino è presentata nel contributo di Luca Rigobianco, con interessanti risvolti anche sul piano interpretativo, nel quale i ruoli delle famiglie Velθina e Afuna si delineano, attraverso l’impiego pronominale, come asimmetrici, ancora nel quadro di un intervento pubblico nella definizione di proprietà private. Nell’ambito dello studio lessicale due ulteriori contributi, rispettivamente di Jean Hadas-Lebel e Riccardo Massarelli, sono dedicati all’interpretazione della parola tezan presente nell’incipit del testo e con un ruolo centrale per la comprensione del suo contenuto. Il primo autore ha suggerito, in base a confronti con i “termini” latini, e in particolare con l’espressione terminus privatus, la possibilità che tezan corrisponda all’aggettivo latino. Nell’interpretazione del cippo perugino, Hadas-Lebel propone quindi che il termine identifichi, in forma sostantivata, un passaggio privato messo a disposizione della famiglia Velθina nel fondo degli Afuna. Una discussione più ampia dei contesti che hanno restituito la parola tezan attraverso la ricostruzione dei dati archeologici, storici e antiquari è affrontata nello studio di Riccardo Massarelli. Ricostruendo un quadro documentale completo, Massarelli esamina nel suo contributo le diverse proposte fornite dagli studiosi – fatta naturalmente eccezione per la concomitante proposta presentata da Jean Hadas-Lebel nella stessa sede – evidenziando la verosimiglianza e il potenziale probatorio degli argomenti presentati.

13All’incontro ha partecipato anche Daniele Federico Maras, con uno studio intitolato Appunti e spunti sul Cippo relativi alla parte iniziale di testo, che l’autore non è purtroppo riuscito a presentare in questa edizione. In estrema sintesi, dopo aver accolto l’integrazione di un tau all’inizio del testo, leggendo così [t]eurat, Maras ha proposto per tanna un’interpretazione come forma verbale da una base *tan- confrontata con *ten- per apofonia (*tan(i)na ~ tenine), ipotizzando il significato di «avere/assegnare un incarico». Lo studioso ha inoltre associato il dimostrativo enfatico slel alla terza riga al gentilizio afunaś che lo precede e proposto per la clausola iniziale: «La(rθ) Rezuś sia incaricato (?) come teurat. La gens Velθina è vaχr per quello (ovvero il rappresentante) della eśta Afuna».

14Il contributo di chi scrive è rivolto ad alcuni approfondimenti lessicali, relativi soprattutto alle forme ścuna, muni e in certa misura θii, occorrenti nel seguito del testo, per valutare il significato delle ripartizioni di terreni contenute nel documento e la loro gerarchia, con un’ipotesi sulla possibilità che questi interessino delle aree ricadenti nell’ambito di terreni comuni (ma pur sempre nel territorio su cui ha competenza la rasna di Perugia), per gli usi sepolcrali del gruppo gentilizio dei Velθina perugini, nel quale è forse inglobata un’area destinata all’individuo Larθ Afuna, eventualmente sulla base di un particolare legame familiare, come emerso rispettivamente dagli interventi di Rigobianco e di Benelli.

15Benché non abbia potuto partecipare all’incontro, si è voluto concludere il quadro con lo studio di Elena Tassi Scandone, che partendo dal luogo di provenienza del cippo, un’area boschiva a ovest del centro urbano, e dal contenuto giuridico relativo alla delimitazione di terreni, approfondisce il quadro delle regolamentazioni di proprietà fondiarie in ambito romano, evidenziando la presenza, accanto a terreni in regime di proprietà privata e pubblica, di aree dalla morfologia particolare, solitamente boschive o riservate a pascolo, che godono della condizione di communis o communalis. Quest’ultima fattispecie, che la studiosa distingue dalla prima, risulta caratterizzata da un tipo di regolamentazione e da un diritto d’uso già in antico attribuita ad una matrice etrusca.

16Nel complesso, in un settore linguistico – per quanto ben documentato – come l’etrusco, su cui pesa comunque la condizione di “lingua residuale”, non può stupire il grado spesso elevato di varietà e diversità delle proposte, derivante da una differente analisi morfologica, sintattica o lessicale. Questa breve raccolta di studi offre al lettore la possibilità di valutare soluzioni diverse e, sulla base delle argomentazioni prodotte, l’autonomia di preferire l’una o l’altra, allo scopo di non considerare necessariamente percorribile un’unica via.

Nota redazionale

17Come spesso rilevato in presenza di studi concernenti la lingua e l’epigrafia etrusca, una questione spinosa è rappresentata dalla resa delle due sibilanti presenti nell’etrusco, postdentale e palatale, per le quali i corpora esistenti hanno adottato soluzioni diverse (CIE, ThLE2 vs. ET2), anche da un’edizione all’altra (ET1 vs. ET2). In questa sede si è scelto di uniformare i diversi sistemi adottati dagli autori dei contributi adottando i criteri unicamente grafici già del CIE, con <s> per sigma e <ś> per san, esplicitando il valore fonetico, laddove rilevante, nel testo o nella traduzione.

18Le iscrizioni sono solitamente citate secondo la numerazione degli Etruskische Texte (ET2). Quando l’autore segue la lezione delle iscrizioni pubblicate nelle schede epigrafiche dalla Rivista di Epigrafia Etrusca (REE, all’interno di Studi Etruschi) è indicato sinteticamente il numero di REE seguito dal numero della scheda epigrafica. Se rilevante indicare il commento ivi contenuto, è riportato il nome dell’autore, il numero della rivista, l’anno di pubblicazione, la pagina e il numero della scheda.

Haut de page

Bibliographie

Bibliografia primaria

ET1 = H. Rix, Etruskische Texte. Editio minor. Band I: Einleitung, Konkordanz, Indizes. Band II: Texte, In Zusammenarbeit mit Gerhard Meiser, unter Mitwirkung von F. Kouba, L. Rübekeil und vielen anderen, Tubinga, Narr Verlag, 1991.

ET2 = Etruskische Texte. Editio minor. Teil I: Einleitung. Konkordanz. Indizes. Teil II: Texte, Auf Grundlage der Erstausgabe von †H. Rix, neu bearbeitet von G. Meiser, in Zusammenarbeit mit V. Belfiore und S. Kluge, Amburgo, Baar Verlag, 2014.

CIE = Corpus Inscriptionum Etruscarum, Lipsia, Academiae Litterarum Regiae Borussicae et alii, 1893.

ThLE2 = Thesaurus Linguae Etruscae. 2a edizione completamente riveduta sulla base della 1a edizione pubblicata nel 1978 da M. Pallottino, a cura di E. Benelli, con la collab. di M. Pandolfini Angeletti e V. Belfiore (per l’edizione del Liber Zagrabiensis), Pisa-Roma, Fabrizio Serra Editore, 2009.


Bibliografia secondaria

Facchetti 2000 = G.M. Facchetti, Frammenti di diritto privato etrusco, Firenze, 2000, p. 9-58.

Pallottino 1936 = M. Pallottino, Appunti ermeneutici sul testo di Perugia, in SE, 10, 1936, p. 289-294.

Pfiffig 1961 = A.J. Pfiffig, Untersuchungen zum Cippus Perusinus (CIP), in SE 29, 1961, p. 111-154.

Manthe 1979 = U. Manthe, Ein etruskischer Schiedspruch. Zur Interpretation des Cippus Perusinus, in RIDA 26, 1979, pp. 261-305.

Roncalli 1985 = F. Roncalli, Il cippo di Perugia, in F. Roncalli (a cura di), Scrivere etrusco. Dalla leggenda alla conoscenza. Scrittura e letteratura nei massimi documenti di lingua etrusca, Catalogo della mostra (Perugia 1985), Milano, p. 77-87.

Roncalli 1987 = F. Roncalli, Sul testo del «cippo di Perugia», in SE, 53, 1987, p. 161-170.

Haut de page

Notes

1 Roncalli 1985.

2 Pallottino 1936.

3 Pfiffig 1961.

4 Manthe 1979.

5 Roncalli 1987.

6 Facchetti 2000.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Valentina Belfiore, « Premessa », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité, 133-1 | 2021, 9-12.

Référence électronique

Valentina Belfiore, « Premessa », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 133-1 | 2021, mis en ligne le 01 juin 2021, consulté le 16 juin 2021. URL : http://journals.openedition.org/mefra/11085 ; DOI : https://doi.org/10.4000/mefra.11085

Haut de page

Auteur

Valentina Belfiore

Direzione regionale Musei Abruzzo - valentina.belfiore@beniculturali.it

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search