Navigation – Plan du site

AccueilNuméros133-1Il Cippo di Perugia. Vecchi probl...Il Cippo di Perugia come document...

Il Cippo di Perugia. Vecchi problemi e nuove letture. Atti dell’incontro di studio, Perugia, Museo Archeologico Nazionale, 15 febbraio 2019

Il Cippo di Perugia come documento storico

Stato della conoscenza e problemi connessi
Enrico Benelli
p. 13-21

Résumés

Una nuova proposta di segmentazione permette di capire meglio i processi che hanno motivato la realizzazione della grande iscrizione del Cippo di Perugia. La documentazione sembra indicare che le città etrusche imponessero procedure complesse ai non cittadini che volessero acquisire la proprietà di beni immobili, cercando di limitarne il godimento, almeno in linea teorica, ai soli cittadini. La famiglia chiusina Afuna, la cui transazione con i perugini Velθina è descritta nel testo del Cippo di Perugia, appare particolarmente attiva nella ricerca di espandere i propri possedimenti al di fuori della città di origine.

Haut de page

Notes de l’auteur

Fra le persone che mi sono state di grande aiuto nella redazione di questo contributo, voglio ringraziare particolarmente Elena Tassi Scandone, che mi ha guidato nei labirinti del diritto romano, e Giulio Paolucci, al quale sono debitore dell’invio di alcuni materiali bibliografici durante il periodo di chiusura delle biblioteche.

Texte intégral

Le ragioni di un incontro

  • 1 Non si può omettere di segnalare che la lettura di ET2 (già dalla prima edizione) ha la responsabi (...)
  • 2 Belfiore 2017.

1L’occasione per ritornare a ragionare sul Cippo di Perugia (ET2 CP = CIE 4538) è stata fornita da un evento inatteso. Nel corso dei mesi precedenti il nostro incontro una persona che nessuno dei partecipanti ha avuto occasione di conoscere in modo diretto, e che si firma con il nome “Roberto Ledda”, ha contattato tramite email numerosi studiosi che si occupano di lingua ed epigrafia etrusca, per proporre una revisione della lettura del testo del Cippo. Pur non potendo in alcun modo accertare l’identità del misterioso interlocutore, che si è presentato come un dilettante, lo scrivente ha potuto notare immediatamente come la proposta, nel suo nucleo essenziale, fosse del tutto valida, e ha sollecitato alcuni colleghi ad esprimere i propri pareri in merito. Da questi primi contatti è nata l’idea dell’incontro, curato da Valentina Belfiore, al quale è stato anche invitato, senza successo, il suo reale ispiratore. L’elemento fondamentale del quale dobbiamo essere grati a “Ledda” è stato aver richiamato l’attenzione sul fatto che la segmentazione del testo del Cippo è in larga parte non solo congetturale, ma risalente sostanzialmente all’edizione del CIE. Infatti il testo, in modo piuttosto insolito per una iscrizione di fase recente, per giunta lapidaria, in molti punti non presenta l’interpunzione interverbale; il problema è stato in gran parte trascurato da una concorrenza di vari fattori inerenti la storia della ricerca: gli epigrafisti, solitamente, si sono interessati poco dei testi lunghi etruschi, data la difficoltà di comprensione di molti lessemi, mentre i linguisti hanno abitualmente lavorato solo sulle trascrizioni, invece che sugli apografi. Da questo è disceso il fatto che nessuno ha mai seriamente messo in dubbio la segmentazione proposta da Carl Pauli più di un secolo fa, recepita anche nella seconda edizione (2014) di ET11, nonostante le acquisizioni in materia di lingua etrusca dessero più di una buona ragione per farlo. “Ledda” è stato il primo, a mia conoscenza, a porsi il problema, notando come la segmentazione potesse essere rivista soprattutto grazie alla possibilità di identificare forme pronominali ignote ai tempi di Pauli. Le conseguenze di questa osservazione sul piano linguistico ed ermeneutico, già anticipate da un recente articolo di Valentina Belfiore2, saranno ulteriormente approfondite dagli interventi qui editi. Il mio obiettivo è piuttosto quello di delineare il valore storico del testo del Cippo, anche alla luce della nuova segmentazione, che apporta una piccola, ma sostanziale, nuova acquisizione.

Il Cippo di Perugia come documento storico

  • 3 Cfr. Belfiore 2017, p. 170, con bibliografia precedente.
  • 4 CIE 3377 (= ET2 Pe 1.647, con lettura errata), CIE 3500 (= ET2 Pe 1.72), REE 50, 26 (= ET2 Pe 1.881 (...)

2Nonostante il testo del Cippo sia in larga parte, al momento, non traducibile (sorvolando su proposte avventurose, anche recenti, ispirate a una aleatoria arbitrarietà), la sostanza del suo contenuto è abbastanza chiara. Il testo commemora un qualche tipo di azione che ha coinvolto due famiglie, i Velθina e gli Afuna; due individui, Aule Velθina figlio di Arznei e Larθ Afuna, sembrano agire a nome dei rispettivi gruppi familiari. Oggetto dell’azione sono alcuni beni fondiari (identificati anche tramite una misurazione), anche se non è chiaro se l’argomento riguardi esattamente proprietà, possesso, o altri diritti connessi con questi terreni, o anche più cose insieme. Tralasciando al momento altri punti il cui contenuto è ragionevolmente accessibile (al livello attuale di conoscenza della lingua etrusca), già da una prima osservazione, ben nota in letteratura3, appare evidente un fatto non secondario: mentre i Velθina sono una famiglia ben conosciuta nella documentazione perugina, gli Afuna sembrano estranei alla compagine gentilizia locale. L’uso di un argumentum e silentio richiede sempre un certo margine di cautela, soprattutto alla luce del fatto che le famiglie perugine tendevano a concentrare le loro deposizioni in un’unica tomba; la mancata scoperta di un ipogeo gentilizio può portare alla virtuale scomparsa di una famiglia dalla nostra documentazione. Tuttavia, se gli Afuna, che il Cippo stesso qualifica come certamente non sprovvisti di importanti mezzi economici, avessero fatto parte dello strato emergente della società perugina, certamente, in un insieme documentario che arriva a circa 1.500 testi, si sarebbe preservato quanto meno qualche termine di parentela, un metronimico o un gamonimico. Questo è il caso, ad esempio, della famiglia (Cai) Cutu: prima della scoperta della loro tomba familiare, eccezionalmente intatta, di loro non si conosceva quasi nulla; tuttavia, pur non facendo parte dei circoli più esclusivi che costituivano il vertice della società perugina negli ultimi tre secoli a.C. (come mostrano i loro legami di parentela), il loro nome era comunque già noto da ben quattro iscrizioni funerarie (due metronimici e due donne della famiglia, che non avevano trovato posto nel grande ipogeo, esclusivamente maschile, secondo un costume diffuso a Perugia, anche se non in modo universale)4. L’assenza degli Afuna dalla massiccia documentazione epigrafica perugina non può essere effetto del caso; come già notato da una lunga tradizione di ricerca relativa al Cippo, questi Afuna devono essere degli stranieri, verosimilmente di origine chiusina. Tuttavia, contrariamente a quanto si è ritenuto sinora, una singola donna della famiglia è documentata a Perugia, una Θana Afunei, moglie di un Sentinate perugino; questa occorrenza isolata, della quale si discuterà più avanti, non è però sufficiente a inserire a pieno diritto gli Afuna nel novero delle famiglie magnatizie perugine, offrendo tuttavia interessanti spunti di riflessione che si avrà modo di sviluppare.

  • 5 Per un panorama delle principali interpretazioni del testo della Tavola si rimanda a: Agostiniani, (...)
  • 6 Seguendo la convenzione abituale negli studi di lingua etrusca, indico le parole, quando sono citat (...)
  • 7 Questa è l’ortografia del plurale usata nella Tavola di Cortona, in luogo del più comune clenar.
  • 8 Rix 1984; Colonna 1988.

3Il coinvolgimento di una famiglia autoctona e di una proveniente da un altro centro dell’Etruria in un’azione che riguarda beni fondiari, come è noto, è al centro anche di un altro importante documento epigrafico etrusco, la Tavola di Cortona (ET2 AC), approssimativamente coeva al Cippo5. Anche qui ricorrono delle misure (con le medesime unità), e anche qui l’azione coinvolge una famiglia locale, per giunta di primissimo piano (i Cusu), rappresentati specificamente da un Laris Cusu figlio di Laris e da suo figlio Lariza (come dire “Laris iunior”), e una famiglia non locale, i Petru Sceva, nella persona di Laris Petru Sceva e di sua moglie Arntlei. Ma le affinità non si fermano qui. In entrambi i casi nell’atto sono coinvolte in qualche modo delle autorità pubbliche: nella Tavola di Cortona, oltre a un gruppo di uomini identificati dal termine nuθanatur (di solito ritenuti i testimoni dell’atto, anche se l’interpretazione è puramente congetturale) compare lo zilaθ meχl rasnal6 insieme a un ulteriore gruppo di uomini, spesso accompagnati da loro figli maschi, citati genericamente, con la semplice indicazione clanc o cleniarc7 («e figlio», «e figli»). Fermo restando che è impossibile capire quale sia il ruolo preciso di questo insieme di persone, se un’assemblea in qualche modo formalizzata sul piano istituzionale o magari un collegio costituito ad hoc (come lascerebbe pensare la presenza dei figli, che sembrano indiziare un coinvolgimento a livello privato dei singoli individui), il fatto che sia presieduta da uno zilaθ nell’esercizio delle proprie funzioni fa capire che, dietro l’atto, deve esserci stata un’azione dell’autorità pubblica. Lo stesso vale per il Cippo di Perugia, dove, soprattutto grazie alla nuova segmentazione, è possibile identificare la menzione di un qualche tipo di atto o decisione (tesna) della rasna, che il dettato del testo richiama ripetutamente come fonte normativa delle disposizioni che vi sono esposte. In entrambi i casi, quindi, dietro questi atti c’è sempre la rasna, o per conto proprio (come organo assembleare?) o tramite il proprio magistrato supremo, lo zilaθ meχl rasnal. Il termine rasna nella dottrina attuale8 viene considerato un equivalente, almeno in senso generico, del latino populus, forse anche con il valore di «popolo in armi» se, come proposto da Giovanni Colonna, il cippo cortonese CIE 439 (= ET2 Co 8.1+8.2) andasse inteso nel senso di un limite escludente la rasna da un’area immediatamente circostante il centro urbano. Se così fosse, e se, come sembrerebbe dedursi dal testo del Cippo, la rasna in quanto tale avesse avuto la capacità di emettere atti normativi, ne risulterebbe l’esistenza nella Perugia etrusca di un organo assimilabile, almeno nella sua composizione teorica e denominazionale, ai comizi centuriati romani: ma questo resta, al momento, una semplice congettura.

  • 9 Sull’argomento si può rimandare in modo particolare a Capogrossi Colognesi 2000, soprattutto p. 52- (...)
  • 10 Kamen 2013, p. 61-62, con bibliografia precedente.

4Nonostante tutti i dubbi di interpretazione, è comunque chiaro che due testi, latamente coevi, provenienti da due città diverse, ancorché confinanti, documentano il fatto che un qualche tipo di azione che riguarda dei beni fondiari, e che coinvolge, in entrambi i casi, un’importante famiglia autoctona e una seconda famiglia etrusca estranea alla compagine civica, ha necessitato dell’intervento della rasna o dello zilaθ meχl rasnal. Questo non può mancare di richiamare le procedure complesse messe in atto a Roma nel caso di acquisti di beni immobili da parte di peregrini, che erano considerati, almeno teoricamente, un evento eccezionale, dal momento che, in linea di principio, la proprietà di beni immobili nel territorio romano era riservata ai cittadini e a coloro che, pur non cittadini, avessero acquisito, a titolo personale o collettivo, il diritto di commercium9. Forti limitazioni alle capacità di acquisire beni immobili da parte di non cittadini sono documentate anche ad Atene, dove la enktesis, spesso soggetta a limitazioni quantitative o temporali, era considerata un provvedimento del tutto speciale, da concedersi caso per caso, a singoli individui o anche a gruppi (tipicamente, esuli filoateniesi che avevano perduto i propri beni in patria per motivi politici), da parte dell’autorità pubblica10.

  • 11 Benelli 2015, p. 191-194.

5Anche se le nostre conoscenze in materia, per ovvia distribuzione della documentazione, sono limitate alle sole Atene e Roma, non sarebbe strano immaginare che gli stessi principi fossero stati adottati anche da altri stati cittadini del mondo antico, comprese le città etrusche, che, a quanto sembra, dovettero mantenere, fino all’incorporazione nella cittadinanza romana a seguito del bellum sociale, barriere molto rigide contro l’acquisto di beni immobili da parte di elementi estranei alla compagine civica, obbligando, nel caso, a seguire procedure complesse, che richiedevano l’intervento dell’autorità pubblica. In questo senso sembrerebbe indicare non solo l’evidenza dei due testi etruschi citati, ma anche il ricorrere di matrimoni intercittadini fra famiglie di alto rango, che dovevano servire, tra le altre cose, anche ad agevolare la formazione di patrimoni distribuiti in territori di più città. Da ciò dovevano conseguire vantaggi economici e sociali non indifferenti, almeno a giudicare dall’eccezionale esibizione funeraria che spesso caratterizza le sepolture di queste coppie coniugali “miste” e dei loro discendenti, quanto meno di prima generazione11.

  • 12 Per la provenienza v. soprattutto Paolucci 2004-2005, p. 5 nota 1.
  • 13 Un primo tentativo di identificazione più puntuale dei personaggi coinvolti nel matrimonio è stato (...)
  • 14 È merito di ET2 (Cl 1.2264) aver riconosciuto correttamente l’iscrizione nell’urna edita (con lettu (...)
  • 15 Le iscrizioni sono: CIE 4449 (= ET2 Pe 1.1180, dove, tra l’altro, il metronimico potrebbe essere le (...)

6Ma anche gli Afuna, come i Petru Sceva, pur rimanendo estranei alla compagine politica delle città dove si avventurarono, affrontando tutte le difficoltà del caso, nei loro piani di espansione dei propri patrimoni fondiari, scelsero comunque la via matrimoniale per facilitare i rapporti con le classi dirigenti di Perugia e Cortona rispettivamente. Un’iscrizione di interpretazione tutt’altro che agevole, proveniente dal sepolcro monumentale definito tradizionalmente “tanella di Pitagora” (CIE 441 = ET2 Co 1.5)12, documenta, tramite il metronimico di un figlio della coppia, che vi fu un matrimonio fra una Petrui e un esponente della grande famiglia cortonese dei Cusu. Anche se il gentilizio Petru è di grande diffusione, il fatto che questa sia la sua unica testimonianza cortonese, e che si riferisca a una persona imparentata con i Cusu, rende probabile un’identificazione con una donna proveniente proprio dalla famiglia del Petru Sceva impegnato nelle trattative con i Cusu documentate dalla Tavola di Cortona13. Allo stesso modo, una Θana Afunei, come già accennato, giunse a Perugia come moglie di un Sentinate; la rarità del gentilizio Afuna rende molto probabile un rapporto con la grande famiglia chiusina. L’iscrizione che la riguarda (CIE 1813 = ET2 Cl 1.2264) è nota almeno dal 1738, ma è generalmente rubricata fra i testi chiusini a causa di un errore interpretativo risalente agli autori del CIE; la sua attribuzione a Perugia è certa grazie all’identificazione del supporto, conservato nel Museo Archeologico Nazionale di Perugia: si tratta infatti di un coperchio di urna chiaramente riferibile alla produzione di quella città14. Poiché il corpus perugino comprende un certo numero di iscrizioni riferibili alla famiglia Sentinate, documentate già almeno dal ‘600 (anche se di alcune di queste si hanno notizie solo dal secolo successivo), che hanno condiviso, almeno parzialmente, la medesima storia antiquaria, è possibile supporre che tutti questi materiali siano stati rinvenuti in una tomba appartenente a questa famiglia, scoperta quanto meno nel XVII secolo15. Il comportamento funerario virilocale è quello più comune, nel mondo etrusco, in caso di matrimoni intercittadini.

Le avventure degli Afuna

7Se la storia della famiglia Petru Sceva e della loro avventura cortonese ha attratto ripetutamente l’interesse della critica recente, con soluzioni, come si è visto, non sempre esenti da qualche difficoltà, la vicenda degli Afuna è rimasta sinora in secondo piano. Non ritengo quindi inutile approfittare dell’occasione per cercare di delineare un quadro di questa eccezionale famiglia chiusina, che non si fece fermare dalla complessità delle procedure necessarie per entrare in possesso di terreni nel territorio di Perugia. Anche perché, di avventure all’estero (intendendo con “estero” le città etrusche confinanti, tutte formalmente indipendenti fino al bellum sociale), gli Afuna avevano accumulato una certa esperienza, facendone una propria specialità.

  • 16 De Angelis 2016; sul sarcofago anche de Angelis 2015, p. 386, Fam 1.
  • 17 De Angelis 2015, p. 361, CopM 13.
  • 18 De Angelis 2015, p. 314, Ale 4.
  • 19 De Angelis 2015, p. 335, Batt 61.
  • 20 Benelli 2009, p. 140-141.
  • 21 Benelli 2009, p. 148.

8La storia della famiglia è caposaldata attorno a un monumento eccezionale, il sarcofago di Hasti Afunei (CIE 1812 = ET2 Cl 7.4), oggetto di un dettagliato intervento di Francesco de Angelis, che ha avuto anche il merito di valorizzare tutte le notizie disponibili a proposito del contesto di rinvenimento16. Il sarcofago era stato deposto da solo in una camera, mentre in una seconda camera vicina (che potrebbe essere stata parte della medesima tomba, oppure una seconda tomba del tutto indipendente) si trovavano quattro urne di alabastro. Tre di queste sono state identificate con buon margine di certezza da de Angelis fra i materiali pertinenti alla medesima collezione Casuccini e successivamente pervenuti a Palermo; la prima è quella recante l’iscrizione CIE 1811 = ET2 Cl 1.1328, appartenente a un Afuna17, la seconda è quella con CIE 1773 = 2499 = ET2 Cl 1.1273, appartenente a una Arntnei18, e l’ultima è quella recante l’iscrizione CIE 3025 = ET2 Cl 1.2385 = Cl 1.2566, che può essere attribuita a un Afuna proprio grazie alla rilettura eseguita dallo stesso de Angelis19. L’identificazione certa della quarta urna si è rivelata impossibile; Francesco de Angelis propone tre possibili candidati, uno maschile (CIE 1753 = ET2 Cl 1.1279) riferito a un Arntni, e due femminili (CIE 2478 = ET2 Cl 1.1985 e CIE 2479 = ET2 Cl 1.1986), pertinenti a due donne Murinei, entrambe mogli di un Arntni. Il legame fra gli Afuna e gli Arntni, desumibile anche dalle didascalie dei personaggi raffigurati sul sarcofago di Hasti Afunei, sembra essere stato molto stretto, fino a portarli a condividere, se non le medesime tombe, quanto meno il medesimo gruppo di tombe, come è documentato ad esempio, nella necropoli della Martinella, dove un gruppo di ipogei vicini fra loro appare condiviso fra le famiglie magnatizie dei Seiante, dei Larcna e dei Velu, fra loro imparentate, che sembrano aver usato tutte le tombe in totale sincronia20. Fra i materiali della collezione Casuccini esiste un insieme molto nutrito di iscrizioni funerarie riferibili alla famiglia Arntni, che fa pensare alla scoperta di uno o più ipogei familiari dei quali non è pervenuta alcuna notizia21; alla luce di quanto si è visto, è possibile ipotizzare un qualche tipo di connessione fra sepolture degli Arntni e degli Afuna, anche se manca qualunque dato certo in proposito. La famiglia Arntni, d’altra parte, ha una storia gentilizia di estremo interesse, che richiederebbe una trattazione a sé stante.

  • 22 CIE 1809 = ET2 Cl 1.1326; de Angelis 2015, p. 320, Batt 8.
  • 23 Del prenome, abbreviato, si conserva solo la ]a finale, che è compatibile con Θa(na), Fa(sti) o La( (...)
  • 24 Per una proposta di seriazione genealogica si veda da ultima Sclafani 2014, che presenta anche alcu (...)

9Tornando agli Afuna, la loro documentazione in ambito chiusino non è abbondante, rendendo virtualmente certa l’appartenenza di tutti i personaggi alla medesima famiglia, che la qualità delle sepolture e delle parentele classifica indubbiamente come appartenente al livello più alto della società cittadina. Alcuni materiali erano in circolazione almeno dal XVIII secolo, e quindi potrebbero avere la medesima provenienza: si tratta dell’urna senese in alabastro appartenente a un Larθ Afuna figlio di un Seθre22 e di due urne di travertino già Bucelli, una (CIE 844 = ET2 Cl 1.1322) appartenente a un Vel Afuna figlio di una Purnei, e l’altra (CIE 771 = ET2 Cl 1.1875) di un(a) Latini figlio (o figlia) di una Afunei23. Poiché una Larθi Purnei è rappresentata anche sul sarcofago di Hasti Afunei, è forse ragionevole pensare che proprio costei fosse la madre del Vel di CIE 844. Il livello sociale della famiglia Purni, testimoniato soprattutto dalle straordinarie urne emerse nella loro celebre tomba, è ben noto in letteratura; tuttavia esistono numerose altre testimonianze epigrafiche, in parte posteriori alla chiusura del grande ipogeo, che rendono molto complessa la ricostruzione della storia della famiglia nel suo insieme24. La dispersione delle testimonianze farebbe pensare a una sorta di “esplosione” del gruppo gentilizio in rami rivali, con una parallela dispersione dell’antico patrimonio; oltre a ciò, il fatto che molte delle testimonianze più tarde si riferiscano a donne fa immaginare che, dietro questa dispersione, possa esserci stato anche un fattore biologico, quale la nascita di molte figlie femmine da corredare con doti adeguate a garantire loro matrimoni di rango. Il fatto che gli ultimi legami dei Purni (e delle Purnei) coinvolgano famiglie socialmente piuttosto modeste potrebbe rappresentare l’ultima tappa di questa disgregazione, quanto meno di una parte dei numerosi rami in cui si era diviso il gruppo gentilizio originario.

10Il legame con i Latini racconta una storia diversa; la famiglia Latini emerge prepotentemente in un momento relativamente recente, giungendo alla sua affermazione non prima del pieno II secolo a.C., quando riuscì a intrecciare legami con gli ultimi rampolli di importanti famiglie magnatizie in via di estinzione; il suo ultimo rappresentante noto, attestato da un’iscrizione funeraria latina di età augustea, aveva rango equestre, confermando l’entità del patrimonio familiare. La relazione dei Latini con i nobili Afuna fu verosimilmente uno dei molti segnali della piena integrazione di questi nuovi venuti nel circolo più elevato delle classi dirigenti cittadine.

  • 25 CIE 1817 [= CIE 1818?] = ET2 Cl 1.1331; de Angelis 2015, p. 328, Batt 34. Anche se lo stato di cons (...)
  • 26 CIE 4847-4888.
  • 27 Paolucci 2019, p. 141-142.

11Ugualmente in circolazione almeno dal XVIII secolo è l’urna appartenente a una Fasti Afunei moglie di un Varna, segnalata per la prima volta nel 1733 a Perugia, cosa che fa immaginare un ritrovamento in territorio pontificio25. La diversa storia antiquaria, pertanto, indurrebbe a collegare quest’urna piuttosto con una ignota tomba dei Varna, famiglia molto sfuggente ma certo di rango non modesto, almeno a giudicare dalle parentele. Una tomba dei Varna si trovava certamente, insieme ad altre tombe appartenenti a famiglie sia di alto rango, sia di origine più modesta ma in corso di graduale ascesa, nel gruppo portato alla luce nel 1896 in comune di Città della Pieve26 (che, fino al 1861, era appartenuto al territorio pontificio). L’area di questi scavi, che viene indicata genericamente in letteratura come avvenuti in terreni di proprietà di Pietro Giorgi Taccini, è da identificare con estrema verosimiglianza in località Po Bandino27, immediatamente alle spalle della stazione ferroviaria di Chiusi, prossima al confine comunale (nonché regionale e, in età preunitaria, anche statale), che taglia un’unica, vasta necropoli situata a oriente del centro urbano. Non è quindi sorprendente che queste iscrizioni «di Città della Pieve» abbiano restituito molti gentilizi tipici delle famiglie note dalle necropoli urbane e periurbane. L’indicazione di provenienza, ancorché corretta dal punto di vista amministrativo (moderno), è fuorviante per la loro interpretazione nel contesto topografico antico, poiché la menzione di Città della Pieve porterebbe ad attribuire questi documenti a una realtà periferica dell’agro, laddove, invece, l’area rientrava ancora pienamente all’interno delle necropoli riferibili alla stessa Chiusi. È possibile che anche l’urna di Fasti Afunei abbia una provenienza analoga.

  • 28 CIE 1816 = ET2 Cl 1.1329; de Angelis 2015, p. 357, CopF 37. Sulla tomba cfr. Paolucci 2004-2005.
  • 29 CIE 2731 = ET2 Co 1.33; de Angelis 2015, p. 357, CopF 34.
  • 30 La tomba conteneva peraltro anche altre deposizioni di individui il cui legame con i Cupsna non è e (...)

12Una storia simile è testimoniata dalla Hasti Afunei che sposò un Cupsna, e fu sepolta nella tomba di quest’ultima famiglia a Casa Rossa, in area chiancianese28. Suo figlio è identificabile con l’Arnθ dell’iscrizione CIE 1321 = ET2 Cl 1.235 proveniente da un’altra tomba dei Cupsna, situata in una località del tutto diversa, S. Giovanni, secondo un comportamento tipico delle famiglie chiusine di più alto rango, che tendevano a disperdere le proprie sepolture probabilmente come riflesso di una proprietà fondiaria distribuita in più regioni del territorio cittadino. Nella tomba dei Cupsna a Casa Rossa era sepolta anche una Seθrnei moglie di un Afuna29, segno della complessità dei rapporti che legavano le due famiglie; come questa donna, appartenente a una famiglia la cui storia e collocazione sono ancora sfuggenti, abbia avuto diritto a essere sepolta nella tomba dei Cupsna, seguita a rimanere del tutto ignoto30. L’unico legame possibile, allo stato attuale delle conoscenze, è proprio quello rappresentato dagli Afuna.

  • 31 L’unico dato conosciuto riguarda le due tegole CIE 1808 (= ET2 Cl 1.1324) e 1994 (= ET2 Cl 1.1488), (...)

13Tutte le altre attestazioni chiusine, dirette e indirette, di personaggi appartenenti alla famiglia Afuna, sono troppo sparpagliate per poterne dare una lettura d’insieme31. Questo rende anche molto difficile valutare il valore storico e sociale dei legami di parentela, al di là di qualche suggestione non verificabile. L’unico elemento che sembra abbastanza sicuro è che la parabola degli Afuna dovette esaurirsi entro il II secolo, o al massimo entro i primi decenni del secolo successivo. Questo fenomeno coinvolse una buona metà delle famiglie chiusine di alto rango; il naturale ricambio al vertice subì presumibilmente una momentanea accelerazione con la caduta di tutte le residue barriere al movimento di persone e risorse conseguente all’unificazione politica della Penisola, tanto che solo una parte delle principali famiglie della Chiusi del III e II secolo a.C. trovarono spazio nella classe dirigente del municipio romano.

  • 32 Per una discussione completa di questo documento epigrafico e di tutti i problemi connessi alla sua (...)
  • 33 Cappuccini 2014, con bibliografia precedente.

14L’aspetto più interessante della storia degli Afuna, tuttavia, è quello che si svolse al di fuori di Chiusi. Non è solo il Cippo di Perugia, infatti, a testimoniare la loro attività in territori di altre città etrusche; la loro proiezione attorno alla città d’origine assunse una proporzione priva di confronti, tanto da far pensare a una strategia deliberata, e divergente rispetto al comportamento più comune delle altre famiglie magnatizie. Esiste una coppia di documenti che indicano come gli Afuna si avventurarono, più o meno contemporaneamente, anche in territorio rosellano. Il primo di questi è un piccolo blocco di pietra da Poggio Civitella (REE 74, 23 = ET2 AS 8.1+8.2) dove sono state tracciate tre iscrizioni indipendenti, due su una faccia (A) e una su un’altra (B). Le due iscrizioni della faccia A fanno uso di caratteri di dimensioni molto diverse; quella maggiore sembra più antica, mentre la seconda, a lettere minute, si può leggere come tular afunaś 2 fel[zn]a[ś]. Al di là dell’integrazione della seconda linea, che ha un margine di ipoteticità, il lessema tular chiarisce che l’iscrizione serviva a marcare un confine fra un qualche tipo di pertinenza degli Afuna e quella di un’altra famiglia. Il documento, naturalmente, non è privo di problemi, già rilevati dagli editori, a partire dalle modeste dimensioni del blocco (circa 30 cm di lato) e dell’iscrizione stessa (lettere alte fra 1 e 2 cm), che non corrispondono a quello che ci aspetteremmo per una pietra di confine, fino al sovrapporsi di testi apparentemente di natura diversa il cui rapporto non è del tutto chiaro, anche perché, ammesso (come sembra dai tipi grafici) che le iscrizioni si siano succedute nel tempo, la redazione delle successive non comportò la cancellazione delle precedenti32. Il sito di Poggio Civitella è un centro fortificato posto al margine del territorio chiusino33; fra questo e la metropoli si trova l’ampia fascia valdorciana, caratterizzata da una cultura materiale che per molti aspetti è indipendente rispetto a quella di Chiusi. La particolare situazione della Valdorcia si misura anche dal fatto che le famiglie magnatizie di questa parte di territorio (fra le quali i Pupae, destinati ad entrare in senato nella prima età imperiale), ebbero relazioni scarsissime se non nulle con i loro pari grado della città. Poggio Civitella, quindi, non si trovava semplicemente nei pressi di un confine fra città etrusche, ma in una vera e propria eskhatia che, a quanto sembra, doveva sentirsi alquanto lontana (non solo geograficamente) dal centro politico.

  • 34 Si deve a Cappuccini 2012, p. 312 il riconoscimento che questa iscrizione, spesso cursoriamente def (...)
  • 35 AE 1980, 456 = EDR 077873.

15Subito al di là del confine, in territorio ormai rosellano, è venuta alla luce la seconda testimonianza relativa agli Afuna, un blocco recante un’elegante iscrizione (REE 39, 14 = ET2 Ru 5.1) che commemora la costruzione di una tomba ad opera di un Vel Afuna figlio di Vel e di una Pesnei, gentilizio identico a un prenome e quasi esclusivo di area chiusina34. Il personaggio è omonimo di quello documentato nell’iscrizione su urna di tipo chiusino (ma di provenienza ignota) con iscrizione REE 80, 9, i cui caratteri sono anche vagamente somiglianti a quelli usati sul blocco. Il ramo rosellano degli Afuna sembra quello destinato a successo più duraturo, dal momento che l’unica attestazione del gentilizio nell’epigrafia latina, allo stato attuale delle conoscenze, proviene proprio da Roselle; si tratta di un’iscrizione della prima età imperiale che menziona un duoviro che porta il singolare nome di Q. Afonas Aco Cleme(n)s35. Il mantenimento della desinenza etrusca del gentilizio (addirittura arricchita dalla -s del «genitivo afunzionale», scomparsa dall’epigrafia alla fine del III secolo – con la sola eccezione di Perugia) è un fatto molto insolito, al quale si aggiunge anche il cognomen Aco, anch’esso di forma puramente etrusca, dal momento che è riconoscibile come una traslitterazione del comune Aχu (peraltro usato più frequentemente in funzione di gentilizio). Il secondo cognomen, Clemens, era probabilmente un’aggiunta necessaria per romanizzare una formula onomastica altrimenti bizzarra, risultato di un processo forse più ricostruttivo che non conservativo.

Haut de page

Bibliographie

Bibliografia primaria

CIE = Corpus Inscriptionum Etruscarum, Lispia, Academiae Litterarum Regiae Borussicae et alii, 1893-.

EDR = Epigraphic Database Roma (http://www.edr-edr.it/default/index.php).

ET2 = Etruskische Texte. Editio minor. Band I: Einleitung. Konkordanz. Indizes. Band II: Texte, Auf Grundlage der Erstausgabe von H. Rix, neu bearbeitet von G. Meiser, in Zusammenarbeit mit V. Belfiore und S. Kluge, Amburgo, Baar Verlag, 2014.

REE = Rivista di Epigrafia Etrusca, in SE.


Bibliografia secondaria

Agostiniani – Nicosia 2000 = L. Agostiniani, F. Nicosia, Tabula Cortonensis, Roma, 2000.

Belfiore 2017 = V. Belfiore, Per una revisione del testo del cippo perugino, in SE, 80, 2017, p. 167-200.

Benelli 2009 = E. Benelli, Alla ricerca delle aristocrazie chiusine, in M.-L. Haack (a cura di), Écritures, cultures, sociétés dans les nécropoles d’Italie ancienne, Bordeaux, 2009, p. 135-159.

Benelli 2014 = E. Benelli, Femminili analogici e nomi familiari asuffissati, in E. Benelli (a cura di), Per Maristella Pandolfini cên zic ziχuχe, Pisa-Roma, 2014, p. 59-72.

Benelli 2015 = E. Benelli, I Cacni, famiglia perugina, in MDAIR, 121, 2015, p. 177-198.

Benelli c.s. = E. Benelli, Scultori e lapicidi chiusini di età ellenistica, in La scultura preromana (V-II secolo a.C.). Immagini parlanti. Atti del convegno, Chieti 28-29 novembre 2019, in corso di stampa.

Calderini – Massarelli 2013 = A. Calderini, R. Massarelli, Esordi e maturazione dell’erudizione antiquaria eugubino-perugina, Perugia, 2013.

Capogrossi Colognesi 2000 = L. Capogrossi Colognesi, Cittadini e territorio. Consolidamento e trasformazione della ‘civitas Romana’, Roma, 2000.

Cappuccini 2012 = L. Cappuccini, Il castellum di Poggio Civitella (Montalcino, Siena), in Aristonothos, 5, 2012, p. 299-322.

Cappuccini 2014 = L. Cappuccini, Poggio Civitella (Montalcino, SI). Un insediamento etrusco ai confini del territorio chiusino, Firenze, 2014.

Cipollone 2004 = M. Cipollone, Perugia. Museo Archeologico Nazionale dell’Umbria. Chiostro maggiore. Lapidario, Perugia, 2004.

Colonna 1988 = G. Colonna, Il lessico istituzionale etrusco e la formazione della città (specialmente in Emilia-Romagna), in La formazione della città preromana in Emilia-Romagna. Atti del Convegno, Bologna-Marzabotto 7-8 dicembre 1985, Bologna, 1988, p. 14-36.

De Angelis 2015 = F. de Angelis, Miti greci in tombe etrusche. Le urne cinerarie di Chiusi, Roma, 2015 (Accademia Nazionale dei Lincei. Monumenti Antichi. Serie monografica, 8).

De Angelis 2016 = F. de Angelis, Il destino di Hasti Afunei. Donne e famiglia nell’epigrafia sepolcrale di Chiusi, in M.-L. Haack (a cura di), L’écriture et l’espace de la mort. Épigraphie et nécropoles à l’époque préromaine, Roma, 2016 (Collection de l’École française de Rome, 502), p. 419-458.

De Angelis 2019 = F. de Angelis, La tomba dei Purni a Città della Pieve, in Città della Pieve e il territorio in età etrusca. Ritrovamenti recenti, vecchie scoperte e collezionismo archeologico, s.l. 2019, p. 55-67.

Fiesel 1935 = E. Fiesel, Bemerkungen und Berichtigungen, in SE, 9, 1935, p. 245-255.

Kamen 2013 = D. Kamen, Status in Classical Athens, Princeton, 2013.

Maggiani 2001 = A. Maggiani, Dagli archivi dei Cusu. Considerazioni sulla tavola bronzea di Cortona, in RdA, 25, 2001, p. 94-114.

Maggiani 2002 = A. Maggiani, Chiusi al tempo della Battaglia di Sentino, in D. Poli (a cura di), La Battaglia del Sentino. Scontro fra nazioni e incontro in una nazione. Atti del Convegno di Studi, Camerino-Sassoferrato, 10-13 giugno 1998, Roma, 2002, p. 189-207.

Maggiani 2013-2015 = A. Maggiani, I Petru di San Quirico e di Trequanda e i Cusu di Cortona, in AnnAcEtr 35, 2013-2015, p. 369-389.

Nardelli 2010 = S. Nardelli, Le necropoli di Perugia, II. La necropoli di Monteluce, Città di Castello, 2010.

Paolucci 2004-2005 = G. Paolucci, Sulla provenienza di alcune urne cinerarie del museo dell’Accademia Etrusca di Cortona, in AnnAcEtr, 31, 2004-2005, p. 5-13.

Paolucci 2019 = G. Paolucci, La collezione Taccini Giorgi tra formazione e dispersione, in Città della Pieve e il territorio in età etrusca. Ritrovamenti recenti, vecchie scoperte e collezionismo archeologico, s.l., 2019, p. 137-165.

Rix 1984 = H. Rix, Etr. meχ rasnal = lat. res publica, in Studi di antichità in onore di Guglielmo Maetzke, Roma, 1984, p. 455-468.

Rix 2000 = H. Rix, Osservazioni preliminari ad un’interpretazione dell’aes Cortonese, in Incontri Linguistici, 23, 2000, p. 11-31.

Rix 2002 = H. Rix, La seconda metà del nuovo testo di Cortona, in La Tabula Cortonensis ed il suo contesto storico ed archeologico, Atti dell’incontro di studio, 22 giugno 2001, Roma, 2002, p. 77-86.

Roncalli 1985 = F. Roncalli (a cura di), Scrivere etrusco. Dalla leggenda alla conoscenza. Scrittura e letteratura nei massimi documenti della lingua etrusca, Catalogo della mostra (Perugia 1985), Milano, 1985.

Scarano Ussani – Torelli 2003 = V. Scarano Ussani, M. Torelli, La Tabula Cortonensis. Un documento giuridico, storico e sociale, Napoli, 2003.

Sclafani 2014 = M. Sclafani, La tomba dei Purni di Città della Pieve. Una proposta di stemma genealogico, in SE, 77, 2014, p. 177-196.

Torelli 2004-2005 = M. Torelli, La “Tanella Angori”, i Cusu e la Tabula Cortonensis, in RPAA, 77, 2004-2005, p. 163-187.

Haut de page

Notes

1 Non si può omettere di segnalare che la lettura di ET2 (già dalla prima edizione) ha la responsabilità di aver diffuso un errore risalente a Eva Fiesel (1935, p. 254), che, basandosi su una fotografia (e non su autopsia diretta) vuole l’inizio del testo, a linea 1 della faccia principale, come frammentario; da qui l’integrazione di una lettera, che trasforma il primo lessema eurat in un inesistente [t]eurat, facilmente avvicinato al tevaraθ di CIE 5331-5332 (= ET2 Ta 7.7-7.8). Come già videro i primi editori, tra i quali un fine epigrafista quale Olof August Danielsson, il testo è assolutamente integro, e nulla è andato perduto a causa della stondatura dell’angolo superiore destro. A onor del vero, dalla medesima fotografia la Fiesel riconobbe, in questo caso correttamente, che il terzo grafema della linea è una <r>, e non una <l>, come letto da Danielsson. L’apografo edito in Roncalli 1985, p. 78, rispecchia esattamente la realtà materiale del testo.

2 Belfiore 2017.

3 Cfr. Belfiore 2017, p. 170, con bibliografia precedente.

4 CIE 3377 (= ET2 Pe 1.647, con lettura errata), CIE 3500 (= ET2 Pe 1.72), REE 50, 26 (= ET2 Pe 1.881), Nardelli 2010, p. 186 (manca in ET).

5 Per un panorama delle principali interpretazioni del testo della Tavola si rimanda a: Agostiniani, Nicosia 2000; Rix 2000; Maggiani 2001; Rix 2002; Scarano Ussani – Torelli 2003.

6 Seguendo la convenzione abituale negli studi di lingua etrusca, indico le parole, quando sono citate in senso generico e non riproducono un testo specifico, nella loro grafia meridionale; nell’ortografia settentrionale del Cippo di Perugia (così come nella Tavola di Cortona) la forma, naturalmente, è raśna. Allo stesso modo i nomi familiari, quando citati nel discorso, sono normalizzati tramite l’omissione della eventuale uscita del cosiddetto “genitivo afunzionale” presente in alcune delle specifiche testimonianze epigrafiche.

7 Questa è l’ortografia del plurale usata nella Tavola di Cortona, in luogo del più comune clenar.

8 Rix 1984; Colonna 1988.

9 Sull’argomento si può rimandare in modo particolare a Capogrossi Colognesi 2000, soprattutto p. 52-54.

10 Kamen 2013, p. 61-62, con bibliografia precedente.

11 Benelli 2015, p. 191-194.

12 Per la provenienza v. soprattutto Paolucci 2004-2005, p. 5 nota 1.

13 Un primo tentativo di identificazione più puntuale dei personaggi coinvolti nel matrimonio è stato compiuto da Torelli 2004-2005, p. 186-187. La cronologia delle iscrizioni citate a supporto, tuttavia, rende poco verosimile la ricostruzione genealogica proposta in quella sede, come notato congiuntamente da Benelli 2015, p. 193, nota 52, e da Maggiani 2013-2015, p. 382-383. Nonostante una famiglia Petru Sceva sia titolare di un sepolcro a Belsedere di Trequanda, il rapporto con i Cusu è documentato piuttosto per i Petru (senza indicazione di cognomen) sepolti a Poggio alle Lepri di S. Quirico d’Orcia, dall’iscrizione ET2 AS 1.279 (Benelli 2015, p, 193, con bibliografia precedente). Tenendo conto di ciò, Maggiani 2013-2015 propone una diversa ricostruzione genealogica delle relazioni fra le due famiglie, che però è anch’essa difficilmente condivisibile, perché si basa su datazioni paleografiche delle iscrizioni di S. Quirico (documentate da calchi cartacei editi a p. 386-389, con immagini speculari) che usano arbitrariamente come scala di riferimento le sequenze delle grafie chiusine, laddove le botteghe lapidarie valdorciane sembrano aver seguito strade diverse.

14 È merito di ET2 (Cl 1.2264) aver riconosciuto correttamente l’iscrizione nell’urna edita (con lettura incompleta) in Cipollone 2004, p. 13, n. 28; gli autori della silloge non hanno però tratto le ovvie conclusioni dalla loro identificazione, continuando ad attribuire il testo ad area chiusina. Lo spostamento a Perugia risolve anche due problemi di ordine epigrafico: (1) il testo sarebbe stato l’unico a Chiusi a riportare il gentilizio Sentinate a livello cronologico di II secolo a.C., dal momento che l’omonima famiglia chiusina aveva mutato il proprio gentilizio in Seiante, con effetto epigraficamente visibile – e irreversibile – a cominciare dai personaggi deposti fra terzo e ultimo quarto del III secolo a.C. (Maggiani 2002, p. 203-204; Benelli 2014, p. 71); (2) il testo avrebbe presentato uno dei pochissimi casi chiusini di gamonimico privo di determinativo enclitico, forma alquanto rara a Chiusi (dove è spesso molto tardiva), e viceversa comune a Perugia.

15 Le iscrizioni sono: CIE 4449 (= ET2 Pe 1.1180, dove, tra l’altro, il metronimico potrebbe essere letto afunial), 4450 (= ET2 Pe 1.1183), 4451 (= ET2 Pe 1.1181), 4453 (= ET2 Pe 1.1185; per la circolazione antiquaria dell’oggetto si veda Calderini – Massarelli 2013, p. 282, che corregge la notizia errata riportata nel CIE), 4454 (= ET2 Pe 1.1187), 4455 (= ET2 Pe 1.1188), 4456 (= ET2 Pe 1.1189).

16 De Angelis 2016; sul sarcofago anche de Angelis 2015, p. 386, Fam 1.

17 De Angelis 2015, p. 361, CopM 13.

18 De Angelis 2015, p. 314, Ale 4.

19 De Angelis 2015, p. 335, Batt 61.

20 Benelli 2009, p. 140-141.

21 Benelli 2009, p. 148.

22 CIE 1809 = ET2 Cl 1.1326; de Angelis 2015, p. 320, Batt 8.

23 Del prenome, abbreviato, si conserva solo la ]a finale, che è compatibile con Θa(na), Fa(sti) o La(ris). Il gentilizio Latini è epiceno, e non risolve il problema.

24 Per una proposta di seriazione genealogica si veda da ultima Sclafani 2014, che presenta anche alcune iscrizioni inedite. Le proposte di datazione dei materiali perduti andranno accolte con qualche cautela; uno studio comparativo (Benelli c.s.) ha mostrato che spesso la riproduzione del ductus dei testi etruschi nella tradizione manoscritta, anche relativamente recente (XIX secolo), è molto infedele, anche in particolari apparentemente obiettivi (il punto all’interno del <θ>, per esempio), rendendo incerto l’uso del dato paleografico a fini cronologici. Una importante revisione dei materiali riferibili alla tomba dei Purni è ora proposta da de Angelis 2019, che pensa all’esistenza non di un’unica tomba, ma di un gruppo di sepolture condivise fra i Purni e altre famiglie imparentate con loro.

25 CIE 1817 [= CIE 1818?] = ET2 Cl 1.1331; de Angelis 2015, p. 328, Batt 34. Anche se lo stato di conservazione dell’estremità sinistra è pessimo, alcune tracce permettono di considerare come più probabile la lettura di Danielsson, con il regolare metronimico varnasa atteso in ambito chiusino.

26 CIE 4847-4888.

27 Paolucci 2019, p. 141-142.

28 CIE 1816 = ET2 Cl 1.1329; de Angelis 2015, p. 357, CopF 37. Sulla tomba cfr. Paolucci 2004-2005.

29 CIE 2731 = ET2 Co 1.33; de Angelis 2015, p. 357, CopF 34.

30 La tomba conteneva peraltro anche altre deposizioni di individui il cui legame con i Cupsna non è esplicito (per esempio il Vel Aneś Tuśnu di CIE 1726 = ET2 Ar 1.79, e il Larθ Marcna di CIE 1444 = ET2 Cl 1.359; cfr. de Angelis 2015, p. 330, Batt 42, e p. 432, Vg 5, rispettivamente), lasciando immaginare una possibile condivisione fra famiglie imparentate, la cui rete non è più ricostruibile.

31 L’unico dato conosciuto riguarda le due tegole CIE 1808 (= ET2 Cl 1.1324) e 1994 (= ET2 Cl 1.1488), che furono trovate insieme, ma non è noto dove; le altre iscrizioni sono: CIE 1807 (= ET2 Cl 1.1323), 1810 (= ET2 Cl 1.1327), 1814 (= ET2 Cl 1.2263), 1815 (= ET2 Cl 1.1330), 2356 (= ET2 Cl 1.1867), 4900 (= ET2 Cl 1.1332), REE 50, 15 (= ET2 Cl 1.1325), REE 80, 9. I dati di provenienza sconsigliano l’attribuzione della tegola CIE 1810 (= ET2 Cl 1.1327) al medesimo individuo sepolto nell’urna con 1811 (= ET2 Cl 1.1328), dal momento che quest’ultima, come si è visto, proviene dalla camera adiacente a quella dove fu rinvenuto il sarcofago di Hasti Afunei; l’integrazione della filiazione, d’altra parte, è puramente congetturale.

32 Per una discussione completa di questo documento epigrafico e di tutti i problemi connessi alla sua interpretazione si rimanda, oltre che alla scheda della REE, anche a Cappuccini 2014, p. 145-146.

33 Cappuccini 2014, con bibliografia precedente.

34 Si deve a Cappuccini 2012, p. 312 il riconoscimento che questa iscrizione, spesso cursoriamente definita “di Roselle” in letteratura, non proviene da Roselle, ma da un’area del territorio rosellano non molto lontana dal confine chiusino (e da Poggio Civitella), nonché il fatto, abbastanza evidente dai caratteri grafici, che la sua cronologia non è certamente anteriore alla fine del III secolo. La forma dei caratteri, anzi, tenderebbe a suggerire una datazione piuttosto bassa, non anteriore alla prima metà del II secolo.

35 AE 1980, 456 = EDR 077873.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Enrico Benelli, « Il Cippo di Perugia come documento storico », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité, 133-1 | 2021, 13-21.

Référence électronique

Enrico Benelli, « Il Cippo di Perugia come documento storico », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 133-1 | 2021, mis en ligne le 01 juin 2021, consulté le 16 juin 2021. URL : http://journals.openedition.org/mefra/11088 ; DOI : https://doi.org/10.4000/mefra.11088

Haut de page

Auteur

Enrico Benelli

CNR-ISMed (Napoli) - enrico.benelli@ismed.cnr.it

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search