Navigation – Plan du site

AccueilNuméros133-1Il Cippo di Perugia. Vecchi probl...La parola tezan sul Cippo di Perugia

Il Cippo di Perugia. Vecchi problemi e nuove letture. Atti dell’incontro di studio, Perugia, Museo Archeologico Nazionale, 15 febbraio 2019

La parola tezan sul Cippo di Perugia

Jean Hadas-Lebel
p. 53-58

Résumés

La parola tezan, che occorre alla quarta linea del cippo di Perugia, compare in tutto cinque volte nell’epigrafia etrusca. In questo articolo si intende mostrare che il significato più verosimile della parola tezan, sul cippo di Perugia come altrove, doveva essere quello di «privato, proprio». Sul cippo, la parola tezan si riferisce probabilmente ad una via privata, il cui uso era stato concesso da una famiglia ad un’altra. Essendo tezan un aggettivo, il presente lavoro è l’occasione per riflettere sullo statuto dell’aggettivo in etrusco e particolarmente sul suo uso sostantivato.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 Torp 1902, p. 29; Torp 1903, p. 96; Trombetti 1928, p. 158.
  • 2 Pfiffig 1961, p. 131.
  • 3 Steinbauer 1999, p. 478.
  • 4 Wylin 2000, p. 296.
  • 5 Facchetti 2000, p. 16.

1La parola tezan compare una volta sul cippo di Perugia, all’inizio della quarta linea della faccia principale. Benché si incontri in quattro altre iscrizioni, l’etr. tezan rimane tuttora di senso oscuro. Per Alf Torp, la cui opinione è ripresa da Alfredo Trombetti, tezan significherebbe «ordine, disposizione» (ted. Anordnung, Satzung)1. Ambros Pfiffig invece lo considerava un nominativo arcaico usato come preposizione della parola il cui locativo appare sotto la forma tesne sullo stesso cippo di Perugia; secondo lo studioso austriaco, occorrerebbe piuttosto tradurlo con «concernente» (ted. bezüglich)2. Ma tale avviso non è condiviso né da Dieter Steinbauer che, in tempi più recenti, ha interpretato tezan come un vero sostantivo col significato di «via, strada (ted. Weg, Straße)3, né da Koen Wylin che l’ha tradotto con «pietra, cippo»4. Da ultimo, nei suoi Frammenti di diritto privato, Giulio Facchetti ne ha proposto un senso del tutto diverso: per lui, tezan sarebbe non un nome bensì un verbo significante «accettare»5. Come si vede, le opinioni sono molto divergenti.

2Per ben capire il senso di tezan, mi pare fondamentale tornare ancora una volta ai testi stessi. Solo leggendoli ripetutamente e analizzandoli attentamente si potrà sperare di trovare una soluzione realmente soddisfacente.

3In questo piccolo intervento intendo mostrare che il significato più verosimile della parola tezan, sul cippo di Perugia come altrove, doveva essere quello di «privato, proprio».

4Come detto sopra, siamo fortunati che la parola tezan sia attestata in ben quattro altre epigrafi, tre volte al nominativo singolare (tezan) e una volta in un caso obliquo del plurale inanimato ([t]eznχval=c, supponendo che la restituzione proposta negli ET2 sia corretta). Si tratta dunque a priori di un nome piuttosto che di un verbo, un nome per di più atto a fungere da sostantivo inanimato.

5Va sottolineato che tre delle quattro altre attestazioni ricorrono parimenti su dei cippi che provengono proprio da Perugia:

ET2 Pe 4.1      cehen2cel teza3n penθn4a θauru5ś θanr
ET2 Pe 8.1      tezan2teta t3ular
ET2 Pe 8.9      [l]a ar-ni te2[z]an tular : u3fle penθn4a ale : (…)

  • 6 Ribezzo 1938, p. 78-88. Sulla parola tular e le sue occorrenze epigrafiche, si veda Lambrechts 197 (...)
  • 7 Si veda a questo proposito la convincente analisi di Agostiniani 1993, p. 37.
  • 8 Il nome teta è forse da collegare con la parola omonima teta che, secondo il Rix (1958), significa (...)
  • 9 Cf. ad esempio CIL VI, 29781: m. agrippa / privat(vm) / iter.
  • 10 Le parole θaura e θauru vengono di solito ritenute pertinenti alla sfera funebre e tradotte “sepol (...)
  • 11 La parola θanr è di significato tuttora ignoto. Siccome tale parola figura su sette specchi accant (...)
  • 12 Questo divieto, di natura giuridico-religiosa, ci è conosciuto soprattutto grazie alla cosiddetta (...)
  • 13 CIL V 1050 (= Inscr. Aqu. N. 2502): term(invs) priv(atvs) 2loco priv(ato) 3terenti hera[kleidov].
  • 14 CIL V ad n.1050, p. 1025 (= Inscr. Aqu. N. 79): terminvs 2privatvs 3loco . pri4vato 5terti . magi (...)
  • 15 Si veda a questo proposito Capogrossi-Colognesi 1976, II, p. 213, n. 30.
  • 16 Per tular raśnal, ET2 Co. 8.1 e 8.2; per tular śpural, ET2 Fs 8.2, 8.3, 8.4, 8.5 e 8.6.

6Si osservi che in due casi (ET2 Pe 8.1 e Pe 8.9) tezan si trova in prossimità della parola tular, con cui sembra formare un sintagma. Il senso di etr. tular è oggi pacifico. È a Francesco Ribezzo che si deve il merito di averne dato la traduzione più convincente: «limite, confine» (lat. finis, terminus)6. Anche se la sua dimostrazione può sembrare un po’ superata, in particolare l’analisi di tular quale plurale in -ar7, ritengo la sua idea corretta. Oltre alla presenza di tezan e di tular, le iscrizioni ET2 Pe 8.1 e Pe 8.9 hanno in comune un terzo elemento di natura antroponimica: nell’una teta, che sembra essere un gentilizio o un cognomen8, nell’altra la. ar-ni, cioè senz’altro un prenome e un gentilizio. Con ogni probabilità, le persone menzionate su ambedue i cippi erano i proprietari dei terreni sul cui confine stavano i cippi. Va notato che i loro nomi non sono al genitivo di possesso, ma al nominativo. Tale fenomeno non ha nulla di straordinario. Infatti, si ritrova anche su alcuni cippi latini9. Resta la parola tezan. Siccome si incontra accanto al sostantivo tular, l’analisi più logica consiste nel considerare tezan un aggettivo. Ciò vale anche per l’iscrizione ET2 Pe 4.1 nella quale tezan viene immediatamente dopo il sostantivo cel «terra» di cui sembra essere l’attributo. Per quel che riguarda la traduzione di tezan, quella più probabile, secondo me, è «privato, proprio». Come vedremo, questa traduzione presenta il vantaggio di inquadrarsi bene in tutte le occorrenze della parola. Per esempio, in ET2 Pe 4.1, la prima parte dell’iscrizione cehen cel tezan può rendersi senza difficoltà: «Questa terra qui (è) privata». La seconda parte invece è meno chiara. A titolo di pura ipotesi propongo come traduzione: «Il cippo (penθna) del fondo (θauruś)10 (è) santo (θanr11; il che potrebbe accennare al divieto etrusco ben conosciuto di spostare i cippi di confine12. Similmente, in ET2 Pe 8.1, traducendo tezan con «privato», si ottiene un senso molto soddisfacente: «Teta. Limite privato». Lo stesso sintagma tezan tular si ritrova anche nella prima parte dell’iscrizione ET2 Pe 8.9, che interpretiamo: «La(ris) Ar-ni. Limite privato». A questo proposito, un interessante confronto ci viene fornito da due cippi latini di Aquileia (CIL V 105013 e CIL V ad n. 1050, p. 102514) su cui si possono leggere le parole terminvs privatvs15, cioè, secondo me, l’equivalente latino esatto del sintagma etrusco tezan tular. Inteso come «limite privato», il sintagma tular tezan si porrebbe così in una relazione antitetica con le formule tular rasnal «limite del popolo, limite pubblico» e tular spural «limite della città», che ricorrono su parecchi cippi settentrionali16.

  • 17 Agostiniani 1997.
  • 18 Hadas-Lebel 2013, p. 88. L’ipotesi viene ripresa e sviluppata in Hadas-Lebel 2016, p. 108-109.

7L’ultima attestazione del termine tezan è solo ipotetica. Si trova su un epitaffio proveniente da Tuscania (ET2 AT 1.1). Manca purtroppo l’inizio dell’iscrizione, sicché non conosciamo il nome del defunto; ma si sa almeno che occupò diverse cariche municipali. Verso la fine, prima dell’indicazione dell’età che aveva al momento della morte, si può leggere: [t]eznχvalc. tamera. zelarvenas. Luciano Agostiniani17 ha risolto in modo, secondo me, definitivo il problema costituito dal nesso tamera zelarvenas, da tradurre «avendo raddoppiato la camera (funebre)». Resta [t]eznχvalc. Che la -c funga qui da congiunzione coordinante è pacifico. Per quanto riguarda la forma [t]eznχval, anche se manca l’inizio della parola, si tratta ovviamente, come già detto, di un plurale inanimato. La sincope della /a/ interna non pone problemi; la scomparsa delle vocali interne è normale in etrusco recente. Più sorprendente invece è la presenza della marca di plurale -χva. Essendo essa caratteristica dei sostantivi, non ci si aspetta di trovarla attaccata ad un aggettivo. Ma non è questa una difficoltà insuperabile se si tiene presente che in molte lingue gli aggettivi sono sostantivabili. Se è giusta la nostra supposizione sulla natura aggettivale di tezan e se è corretta la restituzione proposta dagli ET, la forma [t]eznχval sarebbe molto istruttiva: ci insegnerebbe che anche in etrusco gli aggettivi potevano all’occasione essere sostantivati. Interessiamoci adesso alla -l posta subito dopo il morfema di plurale -χva. Come tutti gli altri studiosi, sono d’accordo per considerarla una desinenza di caso obliquo. Ma di quale caso? In un articolo pubblicato qualche anno fa, ho suggerito l’ipotesi che questa desinenza avesse due funzioni diverse: era la marca tanto del genitivo II quanto del locativo II18. Ammessa tale ipotesi, ritengo che teznχval sia il locativo plurale inanimato con valore strumentale dell’aggettivo sostantivato tezan, e che si possa tradurre letteralmente come «con le sue proprie cose» cioè «con i propri soldi». Va notato che il latino possiede una locuzione formalmente e semanticamente molto vicina, basata anch’essa su un aggettivo sostantivato: ex priuato. Quindi, se non m’inganno, il defunto dell’iscrizione di Tuscania (ET2 AT 1.1) si vanterebbe nell’epitaffio di avere raddoppiato la camera sepolcrale con i propri soldi, senza l’aiuto di nessun parente. Ora è tempo di verificare se l’idea che voglio qui sostenere sul valore di tezan è valida nel contesto del cippo di Perugia.

  • 19 La natura precisa della parola tanna ci sfugge. Per alcuni, sarebbe un avverbio tratto dal dimostr (...)
  • 20 Sulla parola vaχr “promessa, compromesso”, si veda Facchetti 2000, p. 11.

8Come già detto, la parola tezan compare alla quarta linea, poco dopo la presentazione degli attori dell’arbitrato inciso sul cippo, cioè l’arbitro stesso Laris Tanna19 Rezus e le due parti, la famiglia Velθina e la famiglia Afuna. Più precisamente, tezan compare subito dopo il verbo caru che sembra formare, con vaχr – il quale, secondo me, funge da complemento oggetto  un sintagma verbale indicante la natura dell’azione compiuta dalle due famiglie, nella fattispecie un compromesso. Anche se il senso esatto delle prime tre linee ci sfugge, si capisce che, in presenza dell’arbitro Laris Tanna Rezus (teurat tanna la. rezuś ame), la famiglia dei Velθina (lautn velθinaś) fece un accordo20 (vaχrcaru) con quella degli Afuna (eśtla afunaś).

  • 21 ET2 Pe 5.2 e Ta 5.6: eθ fanu…; Ta 5.7: eθ hanu…; Ta 8.2: eθ siθu…; AV 4.1: eθ tuθiu…; Co 8.3 (Aes (...)
  • 22 Sul pronome deittico sal, forma rafforzata di sa, si veda Hadas-Lebel 2016, p. 118-119.

9Proprio davanti al verbo caru figura un lemma oscuro sleleθ. La risegmentazione in due unità lessicali slel eθ proposta da Roberto Ledda mi pare molto giudiziosa, perché introduce nell’enunciato l’avverbio , il quale ricorre in parecchi altri testi giuridici, per di più in contesti sintattici similari, generalmente accanto ad una forma verbale in -u, come qui21. Nella lingua giuridica etrusca questo avverbio, di natura verosimilmente cataforica, pare abbia servito a annunciare il lodo o la decisione presa. La sua funzione era dunque più o meno paragonabile a quella dell’avverbio latino sīc. Per quanto attiene alla parola slel, mi pare sia il locativo-strumentale del pronome animato sal22 che si riferisce probabilmente all’arbitro, per cui tramite le due parti sono pervenute ad un accordo. Ma di che accordo si tratta? Secondo me, l’arbitrato tra le due famiglie mirava a regolare due litigi: una questione di diritto di passaggio su fondo altrui, di cui tratta la prima parte dell’iscrizione (fino al primo vacat), e una questione di servitù di acquedotto, di cui tratta la seconda parte (a partire dal secondo vacat). La parte centrale, messa in rilievo tra i due vacat, fungerebbe per così dire da riassunto della doppia decisione arbitrale. Va notato, per inciso, che i due vacat, secondo me, non hanno niente di casuale, bensì servono a dividere il testo in paragrafi distinti.

  • 23 Questa similarità è stata ben evidenziata in Facchetti 2000, p. 15.
  • 24 Facchetti 2002, p. 67-68. Cfr. anche Rix 2004, p. 964 ; Agostiniani 2009.

10Torniamo adesso a tezan. Abbiamo visto che questo termine compare nella prima parte dell’iscrizione, che concerne la prima decisione arbitrale. Come nelle leggi sepolcrali ET2 Ta 5.6 e Pe 5.223, con cui il testo del cippo presenta molte somiglianze, le disposizioni prese sono qui introdotte dalla parola ipa, da tempo considerata una congiunzione subordinante24. Anche se non figura all’interno della proposizione introdotta da ipa, ritengo che la parola tezan ne faccia parte, al pari di fuśleri che segue e con cui forma un nesso. La sua collocazione davanti a ipa va spiegata, secondo me, come una prolessi, che serve a evidenziare l’elemento giudicato più importante dell’enunciato. Qui, così come nell’epitaffio di Tuscania, l’aggettivo tezan mi pare funga da sostantivo. Infatti, come vedremo fra poco, il senso più probabile dell’aggettivo sostantivato tezan in questo passo è «via privata, sentiero privato» (lat. iter priuatum).

  • 25 Per essere più preciso, si aggiunga che la forma fuśleri deve provenire da fuśle-i-ri, con scompar (...)
  • 26 Torp 1903, p. 96 ; Trombetti 1928, p. 158; Pfiffig 1961, p. 131 ; Facchetti 2000, p. 17-18.
  • 27 Colonna 1980, p. 172 sq.
  • 28 Per quanto riguarda χiem fuśle (l. 13), penso che si tratta di un abessivo (intuizione già in Pfif (...)

11Subito dopo tezan compare la parola fuśleri di significato purtroppo molto oscuro. A causa della finale -ri, si sospetta che si tratti del locativo in -ri della parola fuśle che si legge alla linea 13 della stessa faccia. Tale ipotesi mi sembra molto verosimile25. È opinione comune che il locativo etrusco in -ri abbia espresso il beneficiario dell’azione, al pari della preposizione latina prō + abl. Mi domando però se il suo valore non sia stato in realtà molto più ampio. Penso infatti che il locativo in -ri condivideva con la preposizione latina prō + abl. molto più di quanto si crede generalmente e che poteva significare, oltre «a favore di, per», anche «invece di», «in cambio di» e forse addirittura «davanti a» (senso primo di lat. prō + abl.). Essendo il vocabolo fuśle di senso ignoto, altro non si può fare che congetturare. Alf Torp, seguito da altri come Alfredo Trombetti, Ambros Pfiffig nonché Giulio Facchetti in tempi più recenti, ha proposto di tradurre fuśle con «proprietà»26. Giovanni Colonna invece l’ha interpretato come «campo coltivato»27. Personalmente, esito fra tre differenti traduzioni: «passaggio pedonale» (lat. itus), «bestiame» (lat. pecus) e «soldi» (lat. pecūnia). Nel primo caso, fuśleri sarebbe da intendere «per un passaggio pedonale», con il solito valore finale del locativo in -ri; nel secondo caso, fuśleri significherebbe «per il bestiame»; nel terzo, fuśleri potrebbe venir reso come «in cambio di soldi»28. Comunque sia, fuśleri sembra qui funzionare sintatticamente come un complemento adnominale rispetto a tezan, con cui forma un sintagma.

  • 29 Hadas-Lebel 2016, p. 86.

12Sulle due parole che seguono, tesnśteiś raśneś, che costituiscono tra di loro un altro sintagma, mi sono già soffermato nel mio libro sui casi locali in etrusco. Mi limiterò dunque a riassumere quanto detto in altra sede. Prima di tutto, si deve tener ben presente che si tratta di due parole, e non di tre. Infatti, secondo me, teiś non è una parola autonoma ma una posposizione casuale, più esattamente quella del caso grammaticale che ho proposto di chiamare, per analogia con un caso dell’ungherese, «delativo». In ungherese, il delativo è un caso locale separativo che esprime il luogo dalla cui superficie si toglie qualcosa. Secondo la nostra ipotesi, il delativo etrusco era un caso secondario dell’ablativo, derivato da questo mediante la posposizione -teis. In un sintagma nominale, tale posposizione si attaccava solo alla prima parola (al pari, ad esempio, della posposizione locativale -ri), le altre rimanendo all’ablativo. Benché il significato esatto del sintagma tesnśteiś raśneś ci risulti sconosciuto, ritengo plausibile la vecchia interpretazione dello Pfiffig ripresa e aggiornata dal Facchetti, il quale l’ha tradotto «secondo la legge etrusca»; fatto salvo che credo che l’aggettivo rasna significhi «pubblico». Propongo pertanto di rendere il sintagma tesnśteiś raśneś «secondo la legge pubblica», lett. «a partire da sulla legge pubblica». L’impiego del delativo qui ben si capisce a patto di considerare la legge un libro scritto su cui si trovano le regole da seguire. Un’altra resa possibile per il sintagma tesnśteiś raśneś è quella che ho sviluppato nel mio libro sui casi locali29. Lì l’ho tradotto «a partire dall’agro pubblico» (lat. ex agrō pūblicō). Avendo il termine «agro» un referente per essenza bidimensionale, l’uso del delativo, se si opta per questa interpretazione, sarebbe addirittura molto coerente.

  • 30 La parola etrusca naper è stata confrontata dal Trombetti (1928, p. 159 sq.) con la glossa latina (...)
  • 31 La parola hen viene tradotta «qui» da Facchetti 2000, p. 13-14. Ma a parere di chi scrive, la paro (...)
  • 32 Sul valore di śran, si veda Hadas-Lebel 2017.

13Per ben capire la funzione e il senso della parola tezan e, più globalmente, del nesso tezan fuśleri all’interno del proprio contesto, bisogna prima analizzare la proposizione subordinata di cui fa parte. Chiaramente, il verbo della proposizione è ama, in cui si può individuare senza difficoltà il congiuntivo del verbo «essere». Seguono poi tre parole che formano un insieme da non smembrare: hen naper XII. La parola naper è attestata ben quattro volte sul cippo di Perugia. Siccome è sempre o seguita (l. 5-6, 15, 23) o preceduta (l. 16) da un numero, si è ipotizzato – e penso a ragione – che essa designasse una unità di misura30. Il vocabolo hen invece è rimasto sino a oggi impenetrabile31, però mi pare ci sia un modo facilissimo di capire il suo senso. Infatti, hen ricorre un’altra volta sul cippo, alla linea 23, in un ambiente similare, cioè in prossimità della parola naper e di un numero. Sembra dunque esserci un legame stretto tra la parola hen e il nome di misura. Per di più, quando sul cippo non compare accanto a hen, naper compare invece sempre accanto a masu (ll. 14-15 e 16-17). In un contesto di misura quale il nostro, i significati di hen e masu mi risultano ovvi: rappresentano le due dimensioni in cui si opera la misurazione, ossia la lunghezza e la larghezza. Per motivi di ordine pragmatico, essendo masu impiegato con il numerale di più forte valore (śran = 10032, l. 15), ritengo probabile che esso voglia dire «lungo» e quindi hen «largo».

  • 33 Lo stesso si può dire delle numerose epigrafi latine introdotte dalla formula iter privatvm + gent (...)
  • 34 La parola tezan significherebbe allora che, pur appartenendo alla famiglia Afuna, la via era riser (...)

14La parola seguente, velθinaθuraś, è di significato molto più limpido e accessibile. Si può analizzare come il genitivo (-s) del collettivo (θur(a)-) del gentilizio di una delle due famiglie contraenti (velθina). Tale gentilizio indica senz’altro a chi spettino, secondo il compromesso, i diritti sulla via privata; nella fattispecie, la famiglia Velθina. Il problema, che purtroppo non può essere risolto, riguarda la natura esatta della transazione. Si tratta di un vero trasferimento di proprietà, nel qual caso la famiglia Velθina deve essere considerata l’effettivo proprietario della via? Oppure di una servitù33, nel qual caso la famiglia Afuna resta l’unico proprietario della via, essendo i Velθina soltanto titolari di un diritto di passaggio?34 Qualora si trattasse di una semplice servitù, potrebbe essere sia una servitù di passaggio pedonale (lat. seruitūs itineris), ammettendo la prima traduzione da noi proposta per fuśleri, sia una servitù di passaggio di bestiame, forse allo scopo di abbeverarlo ad una fonte (lat. seruitūs actūs o più precisamente seruitūs pecoris ad aquam adpulsūs), se si preferisce la seconda proposta, sia infine una servitù a pagamento, se si adotta la nostra terza traduzione.

15I vocaboli seguenti sono troppo incerti per potere essere interpretati. Tuttavia, i dati finora accumulati ci consentono già di dare di questo brano una traduzione degna d’interesse:

  • 35 Letteralmente (forse!): «La famiglia dei Velθina (lautn velθinaś) ha fatto (=ottenuto???) (caru) l (...)

Essendo l’arbitro Laris Tanna Rezus, la famiglia dei Velθina e quella degli Afuna hanno trovato, per suo tramite35, il seguente compromesso: che una via privata larga XII naper per un passaggio pedonale (o per il bestiame o in cambio di soldi) secondo la legge pubblica (o a partire dall’agro pubblico) sia a disposizione dei Velθina.

  • 36 CIL I2 1606 (Capua): privatvm / precario / adeitvr.
  • 37 CIL XIV 4073 (Ostia): [p]rivatvm / ad tiberim / vsqve ad / aqvam. Su questa epigrafe, si veda Maro (...)

16Va ribadito che l’aggettivo tezan è qui sostantivato e che riveste l’accezione un po’ particolare di «via privata, sentiero privato». Non posso dire se questa accezione di tezan sia usuale quando usato come sostantivo o se sia eccezionale e desunta dal contesto. Infatti, è forse l’accenno alla larghezza della «cosa privata» a conferire a tezan il senso speciale di «sentiero privato». A possibile conferma della nostra ipotesi sul valore di tezan sul cippo di Perugia, menzionerò due cippi latini (CIL I2 160636 e CIL XIV 4073)37 sui quali si può leggere l’indicazione privatvm, invece del solito iter privatvm; il che sembra provare che anche in latino l’aggettivo «privato» poteva all’occasione, in un contesto prediale, essere impiegato da solo con il senso di «sentiero privato».

Haut de page

Bibliographie

Bibliografia primaria

CIL = Corpus Inscriptionum Latinarum, Berlino, Academiae Litterarum Regiae Borussicae, 1863-.

ET2 = Etruskische Texte. Editio minor. Teil I: Einleitung. Konkordanz. Indizes. Teil II: Texte, Auf Grundlage der Erstausgabe von †H. Rix, neu bearbeitet von G. Meiser, in Zusammenarbeit mit V. Belfiore und S. Kluge, Amburgo, Baar Verlag, 2014.


Bibliografia secondaria

Agostiniani 1993 = L. Agostiniani, La considerazione tipologica nello studio dell’etrusco, in Incontri linguistici, 16, 1993, p. 23-44.

Agostiniani 1997 = L. Agostiniani, Sul valore semantico delle formule etrusche “tamera zelarvenas” e “tamera šarvenas”, in Studi linguistici offerti a Gabriella Giacomelli dagli amici e dagli allievi, Padova, 1997, p. 1-18.

Agostiniani 2009 = L. Agostiniani, Etrusco inpa, in Пαλαιὰ Φιλία. Studi di Topografia Antica in onore di Giovanni Uggeri, Galatina, 2009, p. 61-70.

Agostiniani – Nicosia 2000 = L. Agostiniani, F. Nicosia, Tabula Cortonensis, Roma, 2000.

Beltrán – Arasa = F. Beltrán, F. Arasa, Los itinera privata en la epigrafia latina. Una nueva inscripción en Algimia de Almonacid (Castellón de la Plana), in HispAnt, 9-10, 1980, p. 7-29.

Capogrossi-Colognesi 1976 = L. Capogrossi-Colognesi, La struttura della proprietà e la formazione dei “iura praediorum” nell’età repubblicana, II, Milano, 1976.

Colonna 1980 = G. Colonna, Note di lessico etrusco, in SE, 48, p. 161-179.

Facchetti 2000 = G.M. Facchetti, Frammenti di diritto privato etrusco, Firenze, 2000.

Facchetti 2002 = G.M. Facchetti, Appunti di morfologia etrusca. Con un’appendice sulla questione delle affinità genetiche dell’etrusco, Firenze, 2002.

Hadas-Lebel 2013 = J. Hadas-Lebel, Le locatif en -lθi : un locatif II, in SE, 75, 2013, p. 75-92.

Hadas-Lebel 2016 = J. Hadas-Lebel, Les cas locaux en étrusque, Roma, 2016.

Hadas-Lebel 2017 = J. Hadas-Lebel, Le nombre ‘cent’ en étrusque. À propos de étr. Sran, in Rasenna: Journal of the Center for Etruscan Studies, 5-1, art. 3, https://scholarworks.umass.edu/rasenna/vol5/iss1/3.

Lambrechts 1970 = R. Lambrechts, Les inscriptions avec le mot “tular” et le bornage étrusque, Firenze, 1970.

Maroi 1930 = F. Maroi, Sopra un’iscrizione ostiense relativa ad un iter privatum, in E. Albertario, P. Ciapessoni, P. de Francisci, P. Bonfante (a cura di), Studi in onore di Pietro Bonfante nel XL anno d’insegnamento, III, Milano, 1930, p. 619-628.

Pfiffig 1961 = A.J. Pfiffig, Untersuchungen zum Cippus Perusinus, in SE, 29, 1961, 11-154.

Ribezzo 1928 = F. Ribezzo, Metodi e metodo per interpretare l’Etrusco, in Rivista Indo-greco-italica di Filologia, Lingua, Antichità, 12, 1928, p. 75-92.

Rix 1958 = H. Rix, Zwei bisher mißdeutete etruskische Verwandschaftsbezeichnungen, in Sybaris. Festschrift Hans Krahe, Wiesbaden, p. 91-93.

Rix 2004 = H. Rix, Etruscan, in R.D. Woodard (a cura di), The Cambridge encyclopedia of the world's ancient languages, Cambridge, 2004.

Steinbauer 1999 = D. Steinbauer, Neues Handbuch des Etruskischen, St. Katharinen, 1999.

Torp 1902 = A. Torp, Etruskische Beiträge I, Lipsia, 1902.

Torp 1903 = A. Torp, Etruskische Beiträge II, Lipsia, 1903.

Trombetti 1928 = A. Trombetti, La Lingua Etrusca, Firenze, 1928.

Wylin 2000 = K. Wylin, Il verbo etrusco: ricerca morfosintattica delle forme usate in funzione verbale, Roma, 2000.

Haut de page

Notes

1 Torp 1902, p. 29; Torp 1903, p. 96; Trombetti 1928, p. 158.

2 Pfiffig 1961, p. 131.

3 Steinbauer 1999, p. 478.

4 Wylin 2000, p. 296.

5 Facchetti 2000, p. 16.

6 Ribezzo 1938, p. 78-88. Sulla parola tular e le sue occorrenze epigrafiche, si veda Lambrechts 1970.

7 Si veda a questo proposito la convincente analisi di Agostiniani 1993, p. 37.

8 Il nome teta è forse da collegare con la parola omonima teta che, secondo il Rix (1958), significava “nonna”.

9 Cf. ad esempio CIL VI, 29781: m. agrippa / privat(vm) / iter.

10 Le parole θaura e θauru vengono di solito ritenute pertinenti alla sfera funebre e tradotte “sepolcro, tomba”. Ma come notato da Steinbauer (1999, p. 487), un senso più generale di “dominio, possesso” è anche possibile.

11 La parola θanr è di significato tuttora ignoto. Siccome tale parola figura su sette specchi accanto ad una divinità femminile, si tratta ovviamente di un teonimo. Ma nulla impedisce di considerare il nome di siffatta dea come semanticamente motivato, e di tradurlo “la Santa”.

12 Questo divieto, di natura giuridico-religiosa, ci è conosciuto soprattutto grazie alla cosiddetta “profezia di Vegoia”. Si veda a questo proposito Facchetti 2000, 42-43. Sulla santità della terminatio in Etruria, si veda Lambrechts 1970, 84-86.

13 CIL V 1050 (= Inscr. Aqu. N. 2502): term(invs) priv(atvs) 2loco priv(ato) 3terenti hera[kleidov].

14 CIL V ad n.1050, p. 1025 (= Inscr. Aqu. N. 79): terminvs 2privatvs 3loco . pri4vato 5terti . magi 6mansveti.

15 Si veda a questo proposito Capogrossi-Colognesi 1976, II, p. 213, n. 30.

16 Per tular raśnal, ET2 Co. 8.1 e 8.2; per tular śpural, ET2 Fs 8.2, 8.3, 8.4, 8.5 e 8.6.

17 Agostiniani 1997.

18 Hadas-Lebel 2013, p. 88. L’ipotesi viene ripresa e sviluppata in Hadas-Lebel 2016, p. 108-109.

19 La natura precisa della parola tanna ci sfugge. Per alcuni, sarebbe un avverbio tratto dal dimostrativo (e)ta- (vedere Facchetti 2000, p. 10, nota 16). Ma potrebbe anche essere il vero gentilizio della gens perugina rezu (essendo rezu solo un cognomen). Comunque sia, si osservi qui la presenza di una /n/ geminata, fenomeno rarissimo poiché di solito le consonanti doppie non vengono notate in etrusco. Si tratta probabilmente di una geminata secondaria, sorta per effetto della scomparsa di una vocale interna.

20 Sulla parola vaχr “promessa, compromesso”, si veda Facchetti 2000, p. 11.

21 ET2 Pe 5.2 e Ta 5.6: eθ fanu…; Ta 5.7: eθ hanu…; Ta 8.2: eθ siθu…; AV 4.1: eθ tuθiu…; Co 8.3 (Aes Cortonense): eitcenu.

22 Sul pronome deittico sal, forma rafforzata di sa, si veda Hadas-Lebel 2016, p. 118-119.

23 Questa similarità è stata ben evidenziata in Facchetti 2000, p. 15.

24 Facchetti 2002, p. 67-68. Cfr. anche Rix 2004, p. 964 ; Agostiniani 2009.

25 Per essere più preciso, si aggiunga che la forma fuśleri deve provenire da fuśle-i-ri, con scomparsa della /i/.

26 Torp 1903, p. 96 ; Trombetti 1928, p. 158; Pfiffig 1961, p. 131 ; Facchetti 2000, p. 17-18.

27 Colonna 1980, p. 172 sq.

28 Per quanto riguarda χiem fuśle (l. 13), penso che si tratta di un abessivo (intuizione già in Pfiffig 1961, p. 139, anche se lo studioso austriaco non usa mai il termine di “abessivo”) da tradurre sia “senza ogni passaggio pedonale”, sia “senza ogni bestiame”, sia “senza ogni soldi”, cioè “gratuitamente”. Infatti ritengo la parola χiem l’abessivo dell’aggettivo χi- tradotto dal Torp e da molti altri dopo di lui con “tutto, ogni”. Secondo me, l’abessivo (caso dell’assenza) si formava in etrusco mediante la posposizione -em. Nei sintagmi nominali, la posposizione -em, al pari di -ri o -teis, si attaccava solo alla prima parola. Quali altri esempi di forme all’abessivo, si possono menzionare i numerali θunem, eslem e ciem, lett. “senza uno”, “senza due” e “senza tre”. Sull’abessivo etrusco, si veda Hadas-Lebel 2016, p. 111, nota 328.

29 Hadas-Lebel 2016, p. 86.

30 La parola etrusca naper è stata confrontata dal Trombetti (1928, p. 159 sq.) con la glossa latina napura menzionata in vari passi di Festus (F. 160, 14 L; 168, 26 L; P.-F. 169, 07 L), onde il linguista italiano dedusse che le napurae «erano corde adoperate per misurare le lunghezze, ossia erano misure di lunghezza» (l.c.).

31 La parola hen viene tradotta «qui» da Facchetti 2000, p. 13-14. Ma a parere di chi scrive, la parola hen deve essere ben distinta dalla particella deittica -hen presente nel dimostrativo cehen. Su tale particella, si veda fra l’altro L. Agostiniani in Agostiniani – Nicosia 2000, p. 87.

32 Sul valore di śran, si veda Hadas-Lebel 2017.

33 Lo stesso si può dire delle numerose epigrafi latine introdotte dalla formula iter privatvm + gentilizio (cioè «via privata di Tizio»). Come ben visto dal Capogrossi-Colognesi, «resta abbastanza incerto se il soggetto così individuato sia l’effettivo proprietario della striscia di terreno oppure il semplice titolare di un diritto di servitù» (Capogrossi-Colognesi 1976, p. 211). Secondo il Maroi (1930, p. 629), al meno nell’iscrizione CIL XIV 4073 la parola priuatum rimanda ad una servitù di passaggio. Per Beltràn e Arasa (1980, p. 19), invece, tutte le iscrizioni contenenti la formula iter privatvm + gentilizio sono a priori da considerare iscrizioni di proprietà.

34 La parola tezan significherebbe allora che, pur appartenendo alla famiglia Afuna, la via era riservata alla famiglia Velθina.

35 Letteralmente (forse!): «La famiglia dei Velθina (lautn velθinaś) ha fatto (=ottenuto???) (caru) l’accordo??? (vaχr) di quella??? (eśtla) degli Afuna (afunaś) per suo tramite (slel)».

36 CIL I2 1606 (Capua): privatvm / precario / adeitvr.

37 CIL XIV 4073 (Ostia): [p]rivatvm / ad tiberim / vsqve ad / aqvam. Su questa epigrafe, si veda Maroi 1930, dove il giurista interpreta la parola priuatum come iter priuatum, ossia, secondo lui, un diritto di servitù.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Jean Hadas-Lebel, « La parola tezan sul Cippo di Perugia », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité, 133-1 | 2021, 53-58.

Référence électronique

Jean Hadas-Lebel, « La parola tezan sul Cippo di Perugia », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 133-1 | 2021, mis en ligne le 01 juin 2021, consulté le 16 juin 2021. URL : http://journals.openedition.org/mefra/11165 ; DOI : https://doi.org/10.4000/mefra.11165

Haut de page

Auteur

Jean Hadas-Lebel

Université Lumière - Lyon 2 - UMR 5189 HiSoMA - jean.hadas-lebel@univ-lyon2.fr

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search