Navigation – Plan du site

AccueilNuméros133-1Il Cippo di Perugia. Vecchi probl...Tezan tra Cippo e altra documenta...

Il Cippo di Perugia. Vecchi problemi e nuove letture. Atti dell’incontro di studio, Perugia, Museo Archeologico Nazionale, 15 febbraio 2019

Tezan tra Cippo e altra documentazione

Riccardo Massarelli
p. 59-73

Résumés

La parola tezan ha un ruolo fondamentale nell’architettura del testo del Cippo di Perugia. Malgrado ciò, le generali difficoltà che si riscontrano nell’analisi di iscrizioni etrusche, unite alla complessità evidente di un testo lungo come quello del Cippo, rendono l’interpretazione di tezan tutt’altro che agevole. Una rassegna critica delle altre attestazioni di tezan può fornire ulteriori elementi alla ricerca e permettere di avere un quadro più completo delle informazioni, utile anche per verificare in via preliminare la verosimiglianza delle varie ipotesi di interpretazione che nel tempo sono state proposte.

Haut de page

Entrées d’index

Parole chiave :

Etrusco, cippo, Perugia, terminatio, confini
Haut de page

Texte intégral

Introduzione

  • 1 Il ruolo super partes di Larθ Rezu sembra incontestabile, anche tralasciando la questione dell’int (...)
  • 2 Cfr. Belfiore 2017, p. 173.
  • 3 In Agostiniani – Nicosia 2000, p. 95-98.

1La parola tezan ha un ruolo fondamentale nella struttura logica e sintattica del testo del Cippo di Perugia. Infatti, si trova all’inizio della parte del testo che, applicando nozioni di diplomatica moderna, potremmo definire la dispositio, vale a dire la porzione centrale e più rilevante, quella con il maggior contributo informativo; questa parte viene subito dopo il protocollo iniziale, che contiene il nome del giudice garante del contratto, il perugino Larθ Rezu1, e i nomi delle famiglie contraenti, i perugini Velθina e i chiusini Afuna. Tale importanza è confermata anche nella nuova proposta interpretativa di Roberto Ledda2, che segmenta un passo piuttosto complesso del testo in slel eθ caru, individuando quindi una nuova attestazione del sintagma composto dalla particella eθ e da una forma verbale in -u, comune nei testi etruschi che, a vario titolo, contengono disposizioni normative, e che Luciano Agostiniani ha interpretato come «così è stato -ato»3: la porzione eθ caru dovrebbe infatti introdurre la parte del contratto vero e proprio, che avrebbe però in tezan il suo soggetto.

Interpretazioni

  • 4 Pauli 1880, p. 94-95.
  • 5 Sulla questione del rapporto tra tezan e tesnś e simili cfr. più avanti.
  • 6 Torp 1902, p. 29; 1903, p. 96.
  • 7 CIE 5470 = ET2 Ta 1.182. Sui Camna di Tarquinia cfr. Morandi Tarabella 2004, p. 106-110.
  • 8 Cortsen 1925, p. 151-152.
  • 9 CIE 4082 = ET2 Pe 4.1. Su questo cippo cfr. più avanti.
  • 10 Trombetti 1928, p. 158-159.
  • 11 Ribezzo 1928, p. 81.
  • 12 Stoltenberg 1950, p. 29.
  • 13 Pfiffig 1961, p. 130-131. Si veda anche Pfiffig 1962.
  • 14 Manthe 1979, p. 305.
  • 15 Pallottino 19847, p. 515.
  • 16 Steinbauer 1999, p. 478; anche lo studioso tedesco prende in considerazione il rapporto tra tezan (...)
  • 17 Facchetti 2000, p. 15-16.
  • 18 Wylin 2000, p. 296.
  • 19 Morandi 1987-1988, p. 13.
  • 20 Rix 2004, p. 964.
  • 21 Belfiore 2017, p. 174-175.
  • 22 Van der Meer 2017, p. 206-207.

2Malgrado ciò, non vi è consenso sul significato di tezan; anzi, la gamma di interpretazioni è particolarmente varia. Carl Pauli4, partendo da una correlazione tra tezan e la forma tesnś, sempre del Cippo di Perugia5, propone una derivazione da una radice verbale te-, lat. ponere, statuere, che nel caso del Cippo porterebbe, per tezan, al significato di «festgesetzt, lat. statutum», e in altri contesti quello di «Widmung, lat. dedicatio statuta». Analogamente, Alf Torp6 ritiene che tezan nel Cippo valga per «Anordnung, Satzung», cioè l’oggetto del testo stesso, la disposizione normativa; Torp, inoltre, affianca a tezan e tesnś del Cippo anche la forma tesamśa, dall’iscrizione sul sarcofago del fondatore della Tomba dei Camna a Tarquinia7. Partendo dalle considerazioni di Torp, Søren Cortsen8 dà al termine anche una possibile accezione religiosa, traducendolo con il lat. votivum per l’attestazione sull’iscrizione da San Valentino9, mentre per la forma tesnś, considerata genitivo di tesan (a sua volta ritenuto equivalente a tezan) propone il significato di «Satzung, Gesetz». Anche Alfredo Trombetti10, sulla scorta degli stessi paralleli proposti da Pauli, Torp e Cortsen e in virtù di confronti con greco e licio, propone di interpretare tezan con statutum (nel senso di «cosa collocata»), nell’iscrizione da San Valentino, e «convenzione», nel Cippo di Perugia. Francesco Ribezzo11, al contrario, pensa che tezan abbia un valore locativo traducibile con lat. «humi, in terra». Hans Stoltenberg12 ripropone l’identificazione con un termine del diritto, traducendo tezan con «Gesetz, Vertrag». Ambros Pfiffig13 interpreta il termine in maniera del tutto diversa, intendendolo cioè come preposizione che introduce l’oggetto della discussione, «bestimmend, bezüglich»; analogamente, Ulrich Manthe14 propone la traduzione «gemäß». Massimo Pallottino15 traduce con «curatore». Dieter Steinbauer16, invece, propone di intendere tezan con «Weg, Straße». Giulio Facchetti17 interpreta tezan come verbo imperativo (al pari di forme come trin e nunθen) con il significato di «accetti, riceva (il confine)». Koen Wylin18 riprende l’idea di Alessandro Morandi19 secondo cui tezan significa «cippo, pietra» (analogamente a penθna, mentre tular è «confine»). Helmut Rix20, infine, ritorna alla proposta originaria, traducendo tezan con «ruling (that)». Più recentemente, Valentina Belfiore21 recupera la proposta originaria di Torp e non esclude un significato del tipo «delimitazione», o comunque nell’ambito semantico della terminatio, mentre Bouke van der Meer22 interpreta tezan come una forma participiale significante «deserving, just».

Tezan e tesnś, tesne

  • 23 ET2 Pe 8.4a, righe 4-5 e 22.
  • 24 ET2 Pe 8.4a, riga 21; un’ulteriore attestazione di tesne è alla riga precedente: non è chiaro se s (...)
  • 25 Steinbauer 1999, p. 80-81. È del tutto irrilevante ai fini del discorso il fatto che Steinbauer co (...)
  • 26 Per tutti si rimanda alle rispettive voci in ThLE2. Ancora Steinbauer ritiene che il locativo farθ (...)
  • 27 Steinbauer 1999, p. 62-63.
  • 28 Cfr. ancora Belfiore 2017, che non esclude la relazione, benché esplori anche altre possibilità, a (...)

3Molte proposte interpretative presuppongono un rapporto diretto tra tezan e le forme tesnś (ablativo) e tesne (locativo), entrambe attestate solo nel Cippo di Perugia, nelle espressioni tesnś teiś raśneś (due volte)23 e tesne raśne cei24. Il più esplicito è Steinbauer25, che ritiene tesnś e tesne forme oblique del nominativo/accusativo tezan: la sincope della vocale finale nei casi obliqui troverebbe confronti nei genitivi turns, larns, θesns e peθns da altrettante forme rette turan, laran, θesan (*peθan non è attestato ma sarebbe ricostruibile), tutti teonimi; lo stesso Steinbauer riconosce però che i nomi propri di origine greca terminanti in -un non sembrano seguire questo sistema, ad es. telmun, gen. telmun(u)s/ś, e inoltre il genitivo farθans, da farθan, sembra contraddire il modello descritto26. L’altro aspetto rilevante della proposta di Steinbauer è la spiegazione dello slittamento da ‹z› a ‹s› (foneticamente [ʃ]) tra nominativo/accusativo e forme oblique del paradigma ricostruito di tezan. Secondo lo studioso27 il grafema ‹z› codificherebbe un fonema affricato dentale (/c/ nella trascrizione adottata, probabilmente da intendere /tʃ/) che in età recente (post-sincope) si “ridurrebbe” a /s/ o /š/ (per /ʃ/) in determinate condizioni, essenzialmente in corrispondenza di cluster consonantici: un altro esempio, secondo Steinbauer, sarebbe la variante esl- per il numerale zal «due» (ad esempio nei numerali ottenuti con procedura sottrattiva: eslem zaθrum «diciotto», lett. «due-senza venti»). Va detto tuttavia che in altre iscrizioni, nelle stesse condizioni fonotattiche, questo fenomeno non ricorre: ad esempio, nella sequenza ]znχvalc del sarcofago del Magistrato (CIE 5683 = ET2 AT 1.1), di cui si parlerà a breve, la sequenza consonantica complessa non ha, almeno apparentemente, alcun riflesso nella resa dell’affricata. Gli argomenti di Steinbauer, pertanto, non sembrano dirimenti: se c’è un rapporto tra tezan e tesnś/tesne (e tutto sommato è possibile che ci sia28), tuttavia i termini dell’eventuale relazione non sono chiari, e meritano di essere indagati ancora.

Le attestazioni

4A questo punto, prima di ogni ulteriore considerazione, è opportuno presentare la documentazione relativa a tezan. Un confronto puntuale con le attestazioni del termine permetterà di valutare la verosimiglianza delle proposte interpretative cui si è fatto riferimento sopra. Come si vedrà, gran parte delle attestazioni proviene da Perugia, e ha a che fare con la pratica della terminatio.

  • 29 Vincenzo Tranquilli, Epitaffie che sono a Perugia e suo contado copiate da Vincentio Tranquilli (1 (...)
  • 30 Considerando il piede perugino corrispondente a 33,3 cm, il cippo all’incirca doveva essere alto 1 (...)
  • 31 Per l’iscrizione cfr. CIE 3432 = ET2 Pe 8.1; cfr. anche CII 1910; TLE2 571. Sul cippo cfr. anche L (...)

51. Nel 1580, secondo le fonti manoscritte del tempo29, durante lavori di ripristino delle fondazioni del Collegio della Sapienza Vecchia a Perugia, in corrispondenza di un tratto del tracciato occidentale delle mura antiche della città, fu rinvenuto un cippo in travertino di forma parallelepipeda, di dimensioni contenute30. Il cippo, disperso, aveva un’iscrizione su tre righe che, in base ai disegni conservati (fig. 1), può essere restituita come segue31:

tezan
tetat
ular

Fig. 1 – Cippo della Cupa (Perugia): a) Vincenzo Tranquilli, Epitaffie… (BAP, ms. 1706, c. 24r); b) Vincenzo Tranquilli, dossier inviato a G. Gabrielli (SASG, Fondo Armanni, 109 = II A 20, c. 36r); c) Giovanni Battista Cantalmaggi, raccolta manoscritta (SASG, Fondo Armanni, 238 = II C 9b). Calderini – Massarelli 2013.

Fig. 1 – Cippo della Cupa (Perugia): a) Vincenzo Tranquilli, Epitaffie… (BAP, ms. 1706, c. 24r); b) Vincenzo Tranquilli, dossier inviato a G. Gabrielli (SASG, Fondo Armanni, 109 = II A 20, c. 36r); c) Giovanni Battista Cantalmaggi, raccolta manoscritta (SASG, Fondo Armanni, 238 = II C 9b). Calderini – Massarelli 2013.
  • 32 Maggiani 1990, p. 188-193.

6Il testo è indubbiamente di età recente, e la grafia può essere ricondotta con sicurezza al tipo II della tassonomia di Maggiani32; la presenza di ‹r› senza codolo sembrerebbe deporre per una datazione ancora al pieno II sec. a.C., mentre la foggia manierata di ‹a› (se non è una libera interpretazione del disegnatore) sembrerebbe essere seriore. Malgrado l’assenza di punteggiatura l’iscrizione si segmenta facilmente, grazie al riconoscimento delle due unità lessicali tezan e tular «confine»; non è chiaro però il significato della sequenza teta, ammesso che debba essere considerata una parola e non debba essere ulteriormente segmentata.

  • 33 Vincioli 1738, p. 337-339: «Io (che che sia di ciò) nel discorso che altresì fu fatto d'altre memo (...)
  • 34 Ringrazio la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio dell’Umbria e il Polo Museale dell’ (...)
  • 35 Le lettere alle estremità delle righe sono a volte lacunose ma identificabili con sicurezza. L’uni (...)

72. In una lettera del 1737, poi pubblicata da Angelo Calogerà l’anno successivo33, Giacinto Vincioli comunicò la notizia del rinvenimento di un blocco squadrato in travertino, con un’iscrizione su cinque righe, presso San Valentino della Collina, a sud di Perugia, in pertinenze di sua proprietà. Il blocco, successivamente entrato nelle collezioni dei musei cittadini (inv. com. lap. n. 53), è oggi conservato presso il deposito della necropoli del Palazzone, dove ho avuto modo di osservarlo e fotografarlo (fig. 2)34. È alto 34,8 cm, largo 23,6 cm e spesso 10 cm ca.; malgrado gli spigoli siano piuttosto consumati l’iscrizione è completa e di lettura tutto sommato agevole35:

cehen
celteza
npẹn
θn
a
θauru
ś
θanr

Fig. 2 – Cippo di San Valentino (Perugia). Perugia, Depositi della necropoli del Palazzone (inv. com. lap. n. 53). Foto e disegno dell’autore.

Fig. 2 – Cippo di San Valentino (Perugia). Perugia, Depositi della necropoli del Palazzone (inv. com. lap. n. 53). Foto e disegno dell’autore.
  • 36 Nonché, nella forma contratta cen, nell’iscrizione dell’Arringatore (CIE 4196 = ET2 Pe 3.3) e nell (...)
  • 37 Si veda inoltre la forma (anaptittica?) penθuna, su un cippo funerario in travertino da Perugia (C (...)
  • 38 Su θaura cfr Giannecchini 2003, in particolare p. 91 per l’iscrizione di San Valentino: Giannecchi (...)
  • 39 Sulla divinità θanr cfr. Maras 1998.

8Per quanto riguarda la grafia sono da segnalare ‹r› senza codolo e ‹t› con traversa tangente, di contro a ‹z› le cui traverse sono secanti. Anche in questo caso l’assenza di punteggiatura, se si esclude un possibile punto dopo cel, non comporta difficoltà nel riconoscimento delle unità lessicali: cehen «questo (qui)» è già nell’iscrizione dell’Ipogeo di San Manno (CIE 4116 = ET2 Pe 5.2)36; penθna «cippo» è nel Cippo di Perugia (CIE 4538 = ET2 CP b14-15) e forse nell’iscrizione pubblicata da Torremuzza, di cui si parlerà a breve37; θauruś è un hapax, ma si confronta facilmente con la serie lessicale che rimanda a θaura, forse «tumulo» o «dimora», anche in senso metaforico, di cui θauruś potrebbe essere un genitivo38; infine, θanr è il nome di una divinità femminile nota anche da altre attestazioni: qui probabilmente deve essere integrata in θanr(ś) o simili39.

  • 40 Domenico Scutillo, Storia di Perugia. Tomo Primo. Che contiene la Perugia Etrusca, e la Perugia Ro (...)
  • 41 Insieme a una dotta spiegazione dell’iscrizione da parte di Giovan Battista Passeri, trasmessa al (...)
  • 42 Per le possibili restituzioni cfr. CIE 4541 = ET2 Pe 8.9; sull’iscrizione cfr. anche CII 1916; TLE(...)
  • 43 Per le stesse ragioni è impossibile proporre una datazione: si può solo osservare che, stante la v (...)

93. Intorno alla metà del XVIII sec. nei dintorni di Perugia fu rinvenuto un altro cippo o lastra, di «marmo» (verosimilmente travertino), con un’iscrizione di otto righe. Secondo quanto riporta Annibale Mariotti in alcune note manoscritte in margine alla raccolta epigrafica, anch’essa manoscritta, dell’abate Domenico Scutillo40, il cippo era originariamente presso il conte Eugeni, da cui lo acquistò il palermitano Giovanni Evangelista Di Blasi, allora lettore presso il monastero benedettino di San Pietro a Perugia, che subito dopo lo portò a Palermo per arricchire la collezione del monastero benedettino di San Martino; se ne conosce solo un disegno, pubblicato da Gabriele Lancillotto Castelli, principe di Torremuzza (1762, p. 63, cfr. fig. 3)41, piuttosto malfatto e per questo di lettura non facile42. Nel testo sembra possibile riconoscere parole che rimandano con certezza alla terminatio, in primo luogo tularu, lat. terminalis (r. 2) e penθna «cippo» (rr. 3-4), e ciò può giustificare in astratto l’integrazione di ‹z› alla fine della prima riga che permette di individuare la parola tezan. La lettura della parte restante del testo, tuttavia, rimane in larga parte congetturale e non offre appigli per un’interpretazione più dettagliata43.

Fig. 3 – Altro cippo o pietra iscritta da Perugia. Torremuzza 1762, p. 63.

Fig. 3 – Altro cippo o pietra iscritta da Perugia. Torremuzza 1762, p. 63.
  • 44 Cfr. CIE 5683; Morandi 1986.
  • 45 CIE 5683: [---]xạ[r]nθ. larisạ[l. c]ḷ[an. θan]χvil[u]sc. p̣ẹṣ́ḷia[l]χ̣xx(x). […θ]urạ[…]c. xx(...)
  • 46 Cfr. Agostiniani 1997.
  • 47 La struttura del testo dovrebbe essere questa: formula onomastica; ma[runuχ paχa]θura e [zil]c (se (...)
  • 48 Morandi (1986, p. 139-140) propone ad esempio [fl]eznχvalc.

104. Altre iscrizioni riportano forme lessicali che sono parzialmente confrontabili con tezan; perlopiù si tratta di testi poco perspicui, o in cui il rapporto con tezan non è pacifico. La prima è l’iscrizione sul cosiddetto Sarcofago del Magistrato, una cassa priva del coperchio rinvenuta nel 1818 a Tuscania (San Pietro), databile alla prima metà del III sec. a.C. e oggi conservata presso il Museo Gregoriano Etrusco (inv. n. 14950, fig. 4)44. Sul fronte della cassa, sopra a un bassorilievo rappresentante un magistrato su un carro trainato da una coppia di cavalli e accompagnato da uno scriba, due littores e un uomo con una lancia, si trova l’iscrizione45, purtroppo lacunosa in più punti; che ricorda il nome del defunto (Arnθ, figlio di Laris e Θanχvil Peśli; purtroppo il gentilizio non è leggibile), le cariche ricoperte in vita (sicuramente quelle eisnevc, eprθnevc e macstrevc, mentre il riconoscimento delle magistrature marunuχ paχaθura e zilc dipende dalle integrazioni delle lacune), il fatto che «raddoppiò la camera (sepolcrale)» (tamera zelarvenas)46 e l’età alla morte, 36 anni. Prima della formula tamera zelarvenas si trova la sequenza parziale ]eznχvalc, chiaramente un genitivo plurale (non animato) con congiunzione enclitica -c, che dovrebbe essere retto dal successivo tamera47. Negli Etruskische Texte è proposta l’integrazione t]eznχvalc, che qualificherebbe plausibilmente tezan come un’entità non animata e pluralizzabile. Va detto tuttavia che questa non è l’unica integrazione possibile48 e in generale sfugge il senso del rapporto tra tamera «camera (sepolcrale)» e un termine appartenente al lessico tecnico della terminatio.

Fig. 4 – Iscrizione CIE 5683.

Fig. 4 – Iscrizione CIE 5683.
  • 49 Cfr. Camerini 1975, p. 32-33, n. 8 e p. 35, tav. II.; cfr. ThLE2, s.v. tez. Cfr. anche ET2 Cr 0.16 (...)
  • 50 Potrebbe trattarsi di un askós, forma ceramica che spesso nell’Ottocento era scambiata per una luc (...)
  • 51 Gamurrini 1887, p. 438.
  • 52 Cfr. ET2 Ar 2.3 + 0.7; cfr. anche NRIE 180.

115. Analogamente, è opportuno sospendere il giudizio su altre due iscrizioni che presentano forme apparentemente riconducibili a tezan. La prima è la sequenza di tre lettere tez, isolata, iscritta all’interno della vasca di una ciotola frammentaria datata al IV sec. a.C., proveniente da un ritrovamento sporadico in vocabolo Bufolareccia presso la necropoli della Banditaccia, a Cerveteri (fig. 5)49. La seconda si trova su una “lucerna”50 rinvenuta negli anni ’80 dell’Ottocento durante scavi regolari nell’area di Piazza Grande ad Arezzo51. Una prima iscrizione attorno al foro per l’olio riporta la sequenza tarχis, mentre tutto intorno, a partire dal becco, si trova il testo: ]alieθi: frast tezis: luθ[52. Anche in questo caso le condizioni generali dell’iscrizione, che non offre elementi per un’interpretazione, consigliano la massima prudenza nel considerare la forma tezis in relazione a tezan.

Fig. 5 – Ciotola frammentaria dalla Bufolareccia (necropoli della Banditaccia, Cerveteri). Camerini 1975, p. 35, tav. II.

Fig. 5 – Ciotola frammentaria dalla Bufolareccia (necropoli della Banditaccia, Cerveteri). Camerini 1975, p. 35, tav. II.
  • 53 Considerando che il braccio fiorentino era equivalente a circa 0,58 cm, 54 braccia corrispondono a (...)
  • 54 Cfr. Lorini 1855, p. 3: «Il Municipio Cortonese nell’ottimo intendimento di far cosa che decorasse (...)
  • 55 Per tutte le informazioni cfr. da ultima Fortunelli 2005, p. 255-257; 263-264, con bibliografia pr (...)
  • 56 Rix (1962), per il passaggio -lv- > -l- della forma śelanś rispetto a tutte le altre attestazioni (...)
  • 57 Forse erano poste in due nicchie ai lati della porta. A seconda della datazione adottata, si può p (...)
  • 58 Ad esempio, da ultimo, Van der Meer 2017, p. 206. Maras (2009, p. 258, Co do.4) considera tez dell (...)
  • 59 Così già Chiadini 1995, p. 174, nota 45; Wylin 2000, p. 240, nota 592.
  • 60 Particolarmente importante per quanto si dirà è l’attestazione di un selvans tularia («Selvans del (...)
  • 61 CIL XI, 7602, su supporto non specificato, da Cerveteri, datata al 39 a.C.: [L(ucio).] Censorino. (...)
  • 62 Sembra eccessiva la cautela con cui Paul Dorcey (1992, p. 10-13) tratta il confronto tra Śelvanś/S (...)
  • 63 Hor., Epod. 2, 21-22: […] qua muneretur te, Priape, et te Pater Silvane, tutor finium; Grom., p. 3 (...)
  • 64 Colonna 1966: sanχuneta sarebbe una derivazione in -ne dallo stesso tema lessicale di Sancus, con (...)

126. Un discorso a parte merita la sequenza tez su un bronzetto da Cortona. Nel 1847, durante i lavori di ampliamento dello spiazzo per il mercato a ridosso della porzione sud-occidentale della cinta muraria di Cortona, a circa «braccia 54» (poco più di 30 metri)53 quasi in linea retta dalla Porta Bifora, furono rinvenute in un deposito votivo due statuette in bronzo iscritte; nel 1853 le statuette furono acquistate dal Comune e da allora sono esposte nel Museo dell’Accademia Etrusca (inv. nn. 1278-9, fig. 6 e 7)54. Le due statuette rappresentano due figure maschili nude e stanti, entrambe calzate e con torques al collo, alte circa 31 cm55. Una è bifronte e veste un copricapo di pelle ferina; la mano destra, a pugno semichiuso e protesa in avanti, probabilmente reggeva un attributo oggi perduto; sul fianco sinistro è incisa l’iscrizione v. cvinti. arnt2iaś. culśanśl 3alpan turce (CIE 437 = ET2 Co 3.4). L’altra ha un copricapo di pelle di pantera e il braccio sinistro disteso in avanti per reggere un attributo sconosciuto; anch’essa reca sul fianco sinistro un’iscrizione, del tutto analoga alla precedente: v. cvinti. arn2tiaś. śelan3śl. tez. alpan 4turce (CIE 438 = ET2 Co 3.3). Le statuette, che le due iscrizioni permettono di identificare senza dubbio con le divinità Culśanś (analogo al lat. Ianus) e Śel(v)anś56 (lat. Silvanus), hanno proposte di datazione che vanno dalla prima metà del III alla prima metà del II sec. a.C. e evidentemente facevano parte di un progetto unitario, legato al culto del confine urbano in prossimità della Porta Bifora57. La sequenza tez della seconda iscrizione è stata interpretata in vario modo, perlopiù come avverbio58: tuttavia, sembra evidente che le due iscrizioni, realizzate nella stessa occasione e con finalità identiche, abbiano anche la stessa struttura e siano sostanzialmente l’una la copia dell’altra, con l’unica differenza costituita dal nome del beneficiario divino della dedica, rappresentato plasticamente da ciascuna statuetta. In altri termini, interpretare tez come un elemento circostanziale ulteriore, presente nella seconda iscrizione ma assente nella prima, romperebbe la simmetria tra i due testi: l’unica alternativa è considerare tez (parte di) un’epiclesi della divinità Śel(v)anś, ossia l’abbreviazione di un epiteto59. Del resto, l’ampia documentazione su Śelvanś/Selvans mostra chiaramente il frequente utilizzo di epiteti, verosimilmente a rimarcarne singole specificità del culto60. Questo aspetto si sovrappone peraltro ad un’analoga caratteristica del Silvanus romano, con cui Śelvanś/Selvans condivide, oltre al nome, anche altri elementi significativi. Infatti, sia Śelvanś/Selvans che Silvanus sovrintendono alla gestione delle risorse, al patrimonio privato e al mantenimento dei confini. Inoltre, se è vero che le prime testimonianze epigrafiche di Silvanus sono relativamente tarde, è altrettanto significativo che queste attestazioni provengano dall’Etruria ormai romanizzata61. In astratto, quindi, è lecito proporre un confronto tra le due divinità62. La natura di tutor finium ricordata dalle fonti letterarie63 per Silvanus ritorna chiaramente anche in Śelvanś/Selvans, definito appunto tularia, «del confine», e sanχuneta, che Giovanni Colonna associa all’italico Semo Sancus e al Fisovius Sancius delle Tabulae Iguvinae, divinità dei giuramenti e dei patti64. Con Silvanus questo aspetto si riflette variamente nei suoi epiteti, come ad esempio Custos e Conservator, ed è lecito ipotizzare che anche per Śelvanś/Selvans fossero disponibili più varianti. Śelanś Tez( ) di Cortona potrebbe essere quindi un’ulteriore dimensione del Śelvanś/Selvans nella sua natura di protettore dei confini, della proprietà privata, delle aree abitate che limitano gli spazi selvaggi.

Fig. 6. –Statuetta iscritta di Culśanś (Cortona). Cortona (AR), Museo della Accademia Etrusca e della Città Etrusca e Romana (inv. n. 1278): a) www.accademia-etrusca.org; b) CIE 437.

Fig. 6. –Statuetta iscritta di Culśanś (Cortona). Cortona (AR), Museo della Accademia Etrusca e della Città Etrusca e Romana (inv. n. 1278): a) www.accademia-etrusca.org; b) CIE 437.

Fig. 7 – Statuetta iscritta di Selanś (Cortona). Cortona (AR), Museo della Accademia Etrusca e della Città Etrusca e Romana (inv. n. 1279): a) www.accademia-etrusca.org; b) CIE 438.

Fig. 7 – Statuetta iscritta di Selanś (Cortona). Cortona (AR), Museo della Accademia Etrusca e della Città Etrusca e Romana (inv. n. 1279): a) www.accademia-etrusca.org; b) CIE 438.

Discussione

13Alla luce di questa breve panoramica su tezan e forme associate, possiamo provare ad analizzare le proposte presentate nella parte iniziale di questo lavoro, per verificarne l’accettabilità in funzione delle attestazioni. È chiaro che ciò non esaurisce lo spettro delle possibili interpretazioni, ma può esser un buon punto di partenza per ulteriori considerazioni di carattere linguistico o archeologico, che ovviamente potrebbero portare a rivedere il giudizio su ciascuna proposta.

14- «In terra» (Ribezzo). Non sembrano esserci motivazioni cogenti per questo tipo di interpretazione, che sembra fuori luogo sia nel Cippo di Perugia, sia nelle altre attestazioni, in particolare nel Cippo da San Valentino, dove subito prima di tezan si trova cehen cel «questa terra», con un nonsense interpretativo evidente.

15- «Dedica decretata» (Pauli), «(oggetto) votivo» (Cortsen). La possibilità che il termine abbia un’accezione più generale e una più specifica, relativa alla pratica votiva, seppur possibile in astratto, sembra smentita dalla natura dei testi, tutti pertinenti a pratiche di terminatio.

16- «Curatore» (Pallottino). Si è detto che il Śelanś Tez( ) cortonese potrebbe testimoniare un’ulteriore accezione che rimanda alla qualità di tutor finium nota per il Silvanus romano. Tuttavia, l’interpretazione di Pallottino sembra incongruente sia con le nuove acquisizioni sul Cippo di Perugia, sia soprattutto con le attestazioni del Cippo di San Valentino e quello della Cupa a Perugia.

17- «Meritevole» (Van der Meer). Van der Meer ritiene che tez alpan della statuetta cortonese sia una forma avverbiale equivalente a lat. libens merito, e conseguentemente che tezan, interpretata come forma participiale, valga come «meritevole, che vale la pena». Abbiamo visto che la prospettiva di considerare tez della statuetta cortonese come avverbio comporta problemi di mancata simmetria strutturale tra questa iscrizione e quella gemella della statuetta di Culśanś. Del resto, tez(an) in tutta evidenza appartiene al lessico tecnico della terminatio, ma una traduzione del genere non ne terrebbe conto.

18- «Accetti, riceva» (Facchetti). La proposta di Facchetti parte da considerazioni di tipo morfologico e sintattico: tezan sarebbe infatti l’unica parola nella prima parte del Cippo di Perugia che potrebbe reggere ipa, considerata congiunzione dichiarativa. L’applicazione di questa interpretazione alle altre attestazioni porterebbe tuttavia a risultati piuttosto singolari, per quanto ritenuti accettabili dall’autore, e soprattutto sarebbe incongruente con l’attestazione nella statuetta di Śelanś Tez( ).

19- «Riguardo a, in relazione a» (Pfiffig, Manthe). Anche questa proposta, se può trovare una sua ragione d’essere nell’economia della traduzione del Cippo di Perugia proposta dai due studiosi, è del tutto insufficiente a spiegare le altre attestazioni.

  • 65 Cfr. Roncalli 1985, p. 81.
  • 66 A sostegno della sua ipotesi Wylin (2000, p. 240, nota 592) suggerisce il confronto tra Śelanś Tez (...)

20- «Cippo, pietra» (Morandi, Wylin). L’idea che tezan significhi «cippo» o «pietra», se in astratto possibile, dal momento che tutte le attestazioni riguardano cippi o elementi lapidei, non sembra però del tutto convincente. In primo luogo, nel Cippo di San Valentino avremmo a che fare con una sorta di ripetizione, dal momento che tezan è citato subito prima di penθna «cippo». Ma anche per il Cippo di Perugia l’idea che il testo inizi con la menzione del cippo, malgrado tutto, sembra singolare, considerato che il testo del Cippo è una copia di un originale su un supporto di altro tipo, sicuramente conservato in un deposito e forse deperibile65: è impensabile che il testo originario menzionasse il cippo all’inizio del testo originale, mentre ha più senso che il cippo venisse menzionato nella parte finale, quella in cui si garantisce la pubblicità dell’atto o l’autenticità della copia, dove in effetti è nominato il penθna «cippo» (ET2 CP b14-15)66.

  • 67 Analogamente, le espressioni tesnś teiś raśneś e tesne raśne cei (che, si è detto, Steinbauer, com (...)

21- «Via, strada» (Steinbauer). È forse l’ipotesi più singolare, ma anche la più ingegnosa. Lo studioso non articola il suo pensiero in relazione alle attestazioni di tezan, ma tutto sommato l’ipotesi potrebbe funzionare sia con il Cippo di San Valentino, dove si direbbe che «questa terra, la strada e il cippo (sono) …», sia con il Cippo della Cupa a Perugia, dove l’iscrizione attesterebbe che «il confine (è) sulla strada». Va detto che la parte meno convincente sembra essere proprio quella dell’attestazione all’inizio del testo dispositivo del Cippo: forse, nelle intenzioni dello studioso, il testo inizierebbe citando la «strada» come punto di riferimento da cui calcolare l’estensione della porzione di terreno oggetto dell’accordo67.

22- «Ordine, statuto, legge, convenzione» (Torp, Trombetti, Cortsen, Stoltenberg, Rix), da cui anche «fissato, stabilito, (cosa) collocata» (Pauli, Trombetti). Si tratta della prima interpretazione in ordine di tempo, e forse quella che ha raccolto maggiore consenso. Chiaramente trova la sua migliore esemplificazione nel Cippo di Perugia: la parte dispositiva inizierebbe nominando l’accordo stesso tra le parti, o la normativa cui le parti fanno riferimento per definire l’accordo. Il traslato semantico a «cosa collocata» viene invece richiamato per tentare di spiegare le altre attestazioni, ma si deve riconoscere che la soluzione non è pienamente convincente, in particolare per quanto riguarda la statuetta cortonese.

  • 68 Hadas-Lebel (2016, p. 103-104; 111-112; 133-134) assegna invece a -te un valore superessivo/sublat (...)
  • 69 Ad esempio, in umbro, con il cippo da Assisi della seconda metà del II sec. a.C. con iscrizione to (...)

23- «Delimitazione» (Belfiore). Anche in questo caso il punto di partenza è il Cippo di Perugia, che nella parte iniziale citerebbe un elemento fondamentale dell’accordo, vale a dire l’individuazione dello spazio oggetto della transazione. Ma supponendo un processo di progressiva concretizzazione del tipo «delimitazione» → «recinzione (anche fisica)» → «recinto, muro (di cinta)», l’interpretazione avrebbe riscontri positivi anche con le altre attestazioni: nel caso del Cippo della Cupa a Perugia, interpretando la sequenza tezante come espressione locativale, il testo ricorderebbe che il cippo individua il «confine presso il muro (di cinta)» (espressione adessiva) o anche «dal muro (di cinta)» (espressione abessiva)68, ossia dello spazio di rispetto, di proprietà pubblica, relativo alle mura urbiche, secondo un uso piuttosto comune in antico69; nel caso del Cippo di San Valentino, l’iscrizione comunicherebbe che «questa terra, il muro (di cinta) e il cippo (sono) della confraternita di Θanr». Tale interpretazione sarebbe del tutto convincente anche nel caso della statuetta cortonese, dove Śelanś Tez( ), nome del beneficiario divino di una statuetta a corredo di una porta urbica, rimanderebbe essenzialmente all’azione di protezione delle mura di cinta, intese come delimitazione dello spazio urbano, così come il compagno Culśanś sarebbe a protezione della porta, cioè del varco individuato nella delimitazione.

Conclusione

24L’analisi, partendo dalla raccolta delle ipotesi e confrontandole con la documentazione nota, presentata in tutte le possibili accezioni, ha sottoposto a verifica le possibili interpretazioni, ponendo in evidenza, di ciascuna, sia i punti di forza sia le soluzioni meno convincenti. L’ultima proposta, che in sostanza fa di tezan l’oggetto stesso della terminatio, potrebbe essere congruente con tutte le attestazioni raccolte, ammettendo tuttavia un percorso di slittamento semantico, tutto sommato comune, da un termine astratto a uno che designa una realtà concreta. Ulteriori studi potranno fornire nuove prove a sostegno dell’ipotesi, o magari potranno definire altre linee di ricerca e formulare altre interpretazioni che riescano a tenere insieme, più e meglio di quanto si è proposto qui, tutte le occorrenze della parola etrusca tezan.

Haut de page

Bibliographie

Archivi e biblioteche

BAP = Perugia, Biblioteca Augusta.

SASG = Gubbio, Sezione di Archivio di Stato.


Bibliografia primaria

CIE = Corpus Inscriptionum Etruscarum, Lipsia, Academiae Litterarum Regiae Borussicae et alii, 1893-.

CII = A. Fabretti, Corpus Inscriptionum Italicarum, Torino, Ex Officina Regia, 1867.

CIL = Corpus Inscriptionum Latinarum, Berlino, Academiae Litterarum Regiae Borussicae, 1863-.

Di Blasi 1774 = S.M. Di Blasi, Breve ragguaglio del Museo del Monastero di S. Martino delle Scale de' PP. Benedittini di Palermo, dato in una lettera del P. d. Salvadore Maria Di Blasi Casinese Custode di esso al Signor Cavalier D. Gaetano Filangeri De' Principi Di Arianello, in Opuscoli di autori siciliani. Tomo quintodecimo, Palermo, Nella Stamperia di Francesco Valenza Impressore della Santissima Crociata, 1774, p. 45-82.

ET2 = Etruskische Texte. Editio minor. Teil I: Einleitung. Konkordanz. Indizes. Teil II: Texte, Auf Grundlage der Erstausgabe von †H. Rix, neu bearbeitet von G. Meiser, in Zusammenarbeit mit V. Belfiore und S. Kluge, Amburgo, Baar Verlag, 2014.

LSU = Screhto est. Lingua e scrittura degli antichi Umbri, Catalogo della mostra (Perugia, Museo Archeologico Nazionale dell’Umbria; Gubbio, Palazzo dei Consoli, Sala delle Tavole Eugubine, 22 settembre 2011-8 gennaio 2012), ed. L. Agostiniani, A. Calderini, R. Massarelli, Perugia, Università degli Studi di Perugia, 2011.

NRIE = M. Buffa, Nuova raccolta di iscrizioni etrusche, Firenze, Rinascimento del Libro, 1935.

REE = Rivista di Epigrafia Etrusca, in SE.

ThLE2 = Thesaurus Linguae Etruscae. 2a edizione completamente riveduta sulla base della 1a edizione pubblicata nel 1978 da M. Pallottino, a cura di E. Benelli, con la collaborazione di M. Pandolfini Angeletti, V. Belfiore (per l'edizione del Liber Zagrabiensis), Pisa-Roma, Fabrizio Serra Editore, 2009.

TLE2 = M. Pallottino, Testimonia Linguae Etruscae, Firenze, La Nuova Italia, 19682.

Torremuzza 1762 = G.L. Castelli, principe di Torremuzza, Le antiche iscrizioni di Palermo raccolte, e spiegate sotto gli auspizj dell'Eccellentissimo Senato Palermitano Grande di Spagna di prima classe, in Palermo, Nella Stamperia de’ Santi Appostoli in Piazza Vigliena, Per Pietro Bentivenga, 1762.

Torremuzza 1769 = G.L. Castelli, principe di Torremuzza, Siciliae et objacentium insularum veterum inscriptionum nova collectio prolegomenis et notis illustrata, Palermo, Excudebat Cajetanus Maria Bentivenga, 1769.

Torremuzza 1784 = G.L. Castelli, principe di Torremuzza, Siciliae et objacentium insularum veterum inscriptionum nova collectio prolegomenis et notis illustrata, Et iterum cum emendationubus, & Auctariis evulgata, Palermo, Typis Regiis, 1784.

Vermiglioli 1833 = G.B. Vermiglioli, Antiche iscrizioni perugine raccolte dichiarate e pubblicate da Gio. Battista Vermiglioli. Edizione seconda accresciuta e corretta. Volume Primo. Iscrizioni Etrusche, Perugia, Tipografia Baduel da Vincenzio Bartelli, 1833.

Vincioli 1738 = G. Vincioli, Lettera del Signor Abate Conte Giacinto Vincioli al Sig. Canon. Filippo Venuti di Cortona, sopra alcune Antichità Etrusche, in Raccolta d'opuscoli scientifici e filologici. Tomo decimosesto. All'Illustriss. Signor Gio. Bernardino Tafuri, In Venezia, Appresso Cristoforo Zane, 1738, p. 329-339.


Bibliografia secondaria

Agostiniani 1997 = L. Agostiniani, Sul valore semantico delle formule etrusche “tamera zelarvenas” e “tamera šarvenas, in A. Catagnoti et al. (a cura di), Studi linguistici offerti a Gabriella Giacomelli dagli amici e dagli allievi, Padova, 1997, p. 1-18 (= in A. Ancillotti, A. Calderini, G. Giannecchini, D. Santamaria (a cura di), Scritti scelti, 1, in AION(ling) 2005, p. 275-293).

Agostiniani 2015 = L. Agostiniani, Sull’aequipondium di Caere, in SE, 78, 2015, p. 157-171.

Agostiniani – Nicosia 2000 = L. Agostiniani, F. Nicosia, Tabula Cortonensis, Roma, 2000.

Ambrosini 2002 = L. Ambrosini, Thymiateria etruschi in bronzo di età tardo classica, alto e medio ellenistica, Roma, 2002.

Belfiore 2012 = V. Belfiore, Problemi di dialettologia etrusca: spie grafiche e questioni «dialettali» non solo perugine, in MEFRA, 124-2, 2012, p. 421-437.

Belfiore 2015 = V. Belfiore, Grenz- und Torgottheiten im Mittelmeerraum, in Thetis, 22, 2015, p. 150-163.

Belfiore 2017 = V. Belfiore, Per una revisione del testo del Cippo Perugino, in SE, 80, 2017, p. 167-200.

Calderini – Massarelli 2013 = A. Calderini, R. Massarelli, Esordi e maturazione dell’erudizione antiquaria eugubino-perugina. L’iscrizione etrusca di Sant’Angelo a Perugia (ET Pe 5.3), le iscrizioni Planta 304f e 304g da Gubbio, e altri epitaffi noti, poco noti ed inediti, con la collaborazione di P. Vitellozzi, Perugia, 2013.

Camerini 1975 = E. Camerini, Iscrizioni inedite da Cerveteri, in Archè. Quaderni del Gruppo Archeologico Romano e dell’Etruria Meridionale, 1-1, 1975, p. 27-35.

Cante 2008 = M. Cante, Una porta romana a Gubbio, in D. Manconi (a cura di), Gubbio. Scavi e nuove ricerche. 1. Gli ultimi rinvenimenti (Auleste II.1), Città di Castello (PG), 2008, p. 35-50.

Chiadini 1995 = G. Chiadini, Selvans, in SE, 51, 1995, p. 161-180.

Colonna 1966 = G. Colonna, Selvans sanχuneta, in SE, 34, 1966, p. 165-172.

Colonna 1985 = G. Colonna (a cura di), Santuari d’Etruria. Catalogo della mostra (Arezzo, 19 maggio – 20 ottobre 1985), Milano, 1985.

Cortsen 1925 = S.P. Cortsen, Die etruskischen Standes- und Beamtentitel, durch die Inschriften beleuchtet (Det Kgl. Danske Videnskabernes Selskab. Historisk-filologiske Meddelelser. XI-1), Copenaghen, 1925.

Dorcey 1992 = P.F. Dorcey, The cult of Silvanus. A study in Roman folk religion, Leida-New York-Colonia, 1992.

Equizzi 2006 = R. Equizzi, Palermo. San Martino delle Scale. La collezione archeologica. Storia della collezione e catalogo della ceramica, Roma, 2006.

Facchetti 2000 = G.M. Facchetti, Frammenti di diritto privato etrusco, Firenze, 2000.

Fortunelli 2005 = S. Fortunelli, I santuari urbani e suburbani, in S. Fortunelli (a cura di), Il Museo della Città Etrusca e Romana di Cortona. Catalogo della collezione, Firenze, 2005, p. 255-286.

Gamurrini 1887 = G.F. Gamurrini, Arezzo – Nuove scoperte di antichità, in NSA, 1887, p. 437-441.

Giannecchini 2003 = G. Giannecchini, La semantica di etr. θaura*, in Plurilinguismo, 10, 2003, p. 71-102.

Hadas-Lebel 2016 = J. Hadas-Lebel, Les cas locaux en étrusque, Roma, 2016.

Lambrechts 1970 = R. Lambrechts, Les inscriptions avec le mot «tular» et le bornage étrusques, Firenze, 1970.

Lorini 1855 = A. Lorini, Di due statuette in bronzo ed inscritte rinvenute presso le mura di Cortona, Cortona, 1855.

Maggiani 1990 = A. Maggiani, Alfabetari etruschi di età ellenistica, in AnnFaina, 4, 1990, p. 177-217.

Maggiani 2002 = A. Maggiani, I culti di Perugia e del suo territorio, in AnnFaina, 9, 2002, p. 267-299.

Manthe 1979 = U. Manthe, Ein etruskischer Schiedsspruch. Zur Interpretation des Cippus Perusinus, in RIDA, 26, 1979, p. 261-305.

Maras 1998 = D.F. Maras, La dea Thanr e le cerchie divine in Etruria. Nuove acquisizioni, in SE, 64, 1998, p. 173-197.

Maras 2009 = D.F. Maras, Il dono votivo. Gli dei e il sacro nelle iscrizioni etrusche di culto, Pisa-Roma, 2009.

Massarelli c.s. = R. Massarelli, La componente umbra nell’etrusco di Perugia, in Per una definizione delle lingue e delle culture sabelliche/ Defining Sabellian languages and cultures. Convegno internazionale (Roma, CNR, 8-9 febbraio 2018), in corso di stampa.

Morandi 1986 = A. Morandi, L'iscrizione CIE 5683 del sarcofago tuscaniese nel Museo Etrusco Gregoriano, in MDAI(R), 93, 1986, p. 135-142.

Morandi 1987-1988 = A. Morandi, Cortona e la questione dei confini etruschi, in Annuario dell’Accademia Etrusca di Cortona 23, 1987-1988, p. 7-37.

Morandi Tarabella 2004 = M. Morandi Tarabella, Prosopographia Etrusca. I. Corpus. 1. Etruria Meridionale, Roma, 2004.

Nagy 1994 = Á.M. Nagy, Silvanus, in Lexicon Iconographicum Mythologiae Classicae (LIMC) VII.1. Oidipous – Theseus, Zurigo-Monaco di Baviera, 1994, p. 763-773.

Pallottino 19847 = M. Pallottino, Etruscologia, Milano, 19847.

Pauli 1880 = C. Pauli, Etruskische Studien. Drittes Heft. Die Besitz-, Widmungs- und Grabformeln des Etruskischen, Gottinga, 1880.

Peruzzi 2002 = E. Peruzzi, Per l’edizione della Tavola, in La Tabula Cortonensis e il suo contesto storico-archeologicoAtti dell’Incontro di studio, Roma, CNR, 2001, Roma, 2002, p. 39-42.

Pfiffig 1961 = A.J. Pfiffig, Untersuchungen zum Cippus Perusinus (CIP), in SE, 29, 1961, p. 111-154.

Pfiffig 1962 = A.J. Pfiffig, Addenda un Corrigienda zu «Untersuchungen zum Cippus Perusinus (CIP)», in SE, 30, 1962, p. 355-357.

Ribezzo 1928 = F. Ribezzo, Metodi e metodo per interpretare l’etrusco, in Rivista indo-greco-italica di filologia, lingua, antichità, 20, 1928, p. 75-92.

Rix 1962 = H. Rix, Ein lokal begrenzter Lautwandel im Etruskischen, in Sprache, 8, 1962, p. 29-45.

Rix 2004 = H. Rix, Etruscan, in R.D. Woodard (a cura di), The Cambridge encyclopedia of the world's ancient languages, Cambridge, 2004.

Roncalli 1985 = F. Roncalli (a cura di), Scrivere Etrusco. Dalla leggenda alla conoscenza. Scrittura e letteratura nei massimi documenti della lingua etrusca. Catalogo della mostra (Perugia 1985), Milano, 1985.

Salinas 1870 = A. Salinas, Catalogo del Museo dell'ex-Monastero di S. Martino delle Scale presso Palermo, Palermo, 1870.

Sisani 2001 = S. Sisani, Tuta Ikuvina. Sviluppo e ideologia della forma urbana a Gubbio, Roma, 2001.

Sisani 2010 = S. Sisani, Gubbio: nuove riflessioni sulla forma urbana, in ArchClass, 61, 2010, p. 75-134.

Small 1994 = J.P. Small, Selvans, in Lexicon Iconographicum Mythologiae Classicae (LIMC) VII.1. Oidipous – Theseus, Zurigo-Monaco di Baviera, 1994, p. 718.

Steinbauer 1999 = D.H. Steinbauer, Neues Handbuch des Etruskischen, St. Katharinen, 1999.

Stoltenberg 1950 = H.L. Stoltenberg, Etruskische Sprachlehre mit völlstandigem Wörterbuch, Leverkusen, 1950.

Torp 1902 = A. Torp, Etruskische Beiträge. Erstes Heft, Lipsia, 1902.

Torp 1903 = A. Torp, Etruskische Beiträge. Zweites Heft, Lipsia, 1903.

Trombetti 1928 = A. Trombetti, La lingua etrusca. Grammatica. Testi con commento. Saggi di traduzione interlineare. Lessico, Firenze, 1928.

Van der Meer 2017 = L.B. Van der Meer, Some reflections on the inscription of the Cippus Perusinus (CP), in SE, 80, 2017, p. 201-212.

von Bothmer 1977 = D. von Bothmer, An Etruscan bronze in New York (con una Note épigraphique di J. Heurgon), in Monuments et mémoires de la Fondation Eugène Piot, 61, 1977, p. 44-59.

Wylin 2000 = K. Wylin, Il verbo etrusco. Ricerca morfosintattica delle forme usate in funzione verbale, Roma, 2000.

Haut de page

Notes

1 Il ruolo super partes di Larθ Rezu sembra incontestabile, anche tralasciando la questione dell’integrazione [t]eurat e il conseguente confronto con l’arcaico tevaraθ (lat. arbiter) della Tomba degli Auguri di Tarquinia (cfr. Pfiffig 1961, p. 117-119; per una diversa ipotesi cfr. Peruzzi 2002).

2 Cfr. Belfiore 2017, p. 173.

3 In Agostiniani – Nicosia 2000, p. 95-98.

4 Pauli 1880, p. 94-95.

5 Sulla questione del rapporto tra tezan e tesnś e simili cfr. più avanti.

6 Torp 1902, p. 29; 1903, p. 96.

7 CIE 5470 = ET2 Ta 1.182. Sui Camna di Tarquinia cfr. Morandi Tarabella 2004, p. 106-110.

8 Cortsen 1925, p. 151-152.

9 CIE 4082 = ET2 Pe 4.1. Su questo cippo cfr. più avanti.

10 Trombetti 1928, p. 158-159.

11 Ribezzo 1928, p. 81.

12 Stoltenberg 1950, p. 29.

13 Pfiffig 1961, p. 130-131. Si veda anche Pfiffig 1962.

14 Manthe 1979, p. 305.

15 Pallottino 19847, p. 515.

16 Steinbauer 1999, p. 478; anche lo studioso tedesco prende in considerazione il rapporto tra tezan e tesnś (cfr. più avanti).

17 Facchetti 2000, p. 15-16.

18 Wylin 2000, p. 296.

19 Morandi 1987-1988, p. 13.

20 Rix 2004, p. 964.

21 Belfiore 2017, p. 174-175.

22 Van der Meer 2017, p. 206-207.

23 ET2 Pe 8.4a, righe 4-5 e 22.

24 ET2 Pe 8.4a, riga 21; un’ulteriore attestazione di tesne è alla riga precedente: non è chiaro se sia isolata o sia parte di un sintagma con altre parole del testo, ad esempio il precedente śatene.

25 Steinbauer 1999, p. 80-81. È del tutto irrilevante ai fini del discorso il fatto che Steinbauer consideri le forme come tesnś non degli ablativi ma dei locativi con posposizione -s/ś (cfr. Steinbauer 1999, p. 178-180).

26 Per tutti si rimanda alle rispettive voci in ThLE2. Ancora Steinbauer ritiene che il locativo farθne potrebbe dipendere non da farθan, ma da un aggettivo farθana.

27 Steinbauer 1999, p. 62-63.

28 Cfr. ancora Belfiore 2017, che non esclude la relazione, benché esplori anche altre possibilità, ad esempio che tesnś/tesne rimandi ad un tema *te[ʃ]na che sarebbe confrontabile con tersna (foneticamente ter[ʃ]na) della Tabula Cortonensis (Agostiniani – Nicosia 2000, p. 100-101; ET2 AC a4, dove però è proposta la lettura zersna), cfr. anche Belfiore 2012, p. 423-424; analogamente Hadas-Lebel 2016, p. 86, che in virtù di questo rapporto propone un confronto con lat. ager).

29 Vincenzo Tranquilli, Epitaffie che sono a Perugia e suo contado copiate da Vincentio Tranquilli (1589 ca. BAP, ms. 1706, c. 24r): «Refondandosi le mura de la cupa sotto la Sapienza vechia 1580 fu trovata una pietra 4 piede longa e larga ¾ de piede con queste lettere de sopra» (fig. 1a); Vincenzo Tranquilli, dossier inviato a G. Gabrielli (13 aprile 1589; SASG, Fondo Armanni, 109 = II A 20, c. 36r): «1580. In una pietra de tevertino trovata nella cupa sotto la Sapienza vechia da 20. ane in qua erono scritte queste parole o ver lettere etrusche. 4 piede longo e ½ piede grasso e largo ¾ de piede comune nostro» (fig. 1b); Giovanni Battista Cantalmaggi, raccolta manoscritta (prima metà del XVII secolo; SASG, Fondo Armanni, 238 = II C 9b): Lapis repertus in refectione moeniarum Civitatis Per[usi]ae ad Sapientiam veterem anno 1580 (fig. 1c). Per tutti si rimanda a Calderini – Massarelli 2013.

30 Considerando il piede perugino corrispondente a 33,3 cm, il cippo all’incirca doveva essere alto 132 cm, largo 25 cm e spesso 17 cm. È interessante notare che nel disegno degli Epitaffie Vincenzo Tranquilli sembra rispettare le proporzioni tra altezza e larghezza.

31 Per l’iscrizione cfr. CIE 3432 = ET2 Pe 8.1; cfr. anche CII 1910; TLE2 571. Sul cippo cfr. anche Lambrechts 1970, p. 41-42.

32 Maggiani 1990, p. 188-193.

33 Vincioli 1738, p. 337-339: «Io (che che sia di ciò) nel discorso che altresì fu fatto d'altre memorie Etrusche, ben feci vedere in tal occasione al medesimo Signore [scil. Annibale degli Abbati Olivieri] una rara pietra di due palmi in circa d'altezza; e uno, e più di larghezza, con una iscrizione Etrusca di cinque versi, cosa che pur egli stimò rara dal non trovarsi spesso come l'Urne, simili pietre; e questa fu trovata non è molto in un antico luogo di mia Casa, detto il Castello di S. Valentino, e già per tradizione creduto Etrusca Città antica, nominata Valenza […]». La lettera, del 18 agosto 1737, era indirizzata al cortonese Filippo Venuti.

34 Ringrazio la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio dell’Umbria e il Polo Museale dell’Umbria per avermi concesso di accedere ai depositi e prendere visione del blocco iscritto, nonché di realizzare l’immagine qui pubblicata. Sulla pietra da San Valentino cfr. anche Maggiani 2002, p. 283; 298, fig. 29.

35 Le lettere alle estremità delle righe sono a volte lacunose ma identificabili con sicurezza. L’unica incertezza di lettura riguarda la terza lettera della terza riga, che assomiglia a una ‹R› latina retrograda: verosimilmente è un errore, ma non è chiaro quale sarebbe la lettera all’origine della confusione né con quale sarebbe stata poi sostituita. L’interpretazione corrente, ripresa anche qui, è di considerarla ‹e›, per il riconoscimento della parola penθna, per quanto non vi sia traccia del segmento inferiore che è invece riportato nell’apografo del CIE, a differenza degli apografi di Fabretti e Conestabile (ad CIE 4082). Per l’iscrizione cfr. CIE 4082 = ET2 Pe 4.1; CII 1900; TLE2 621.

36 Nonché, nella forma contratta cen, nell’iscrizione dell’Arringatore (CIE 4196 = ET2 Pe 3.3) e nella Tabula Cortonensis (ET2 AC a18, scritto cên), cfr. Agostiniani – Nicosia 2000, p. 87.

37 Si veda inoltre la forma (anaptittica?) penθuna, su un cippo funerario in travertino da Perugia (CIE 4540 = ET2 Pe 1.948; sull’iscrizione cfr. Giannecchini 2003, p. 89). Più incerto il confronto con penθni, se questa è la giusta lettura, sull’Aequipondium di Caere (ET2 Cr 4.21; sull’iscrizione cfr. da ultimo Agostiniani 2015, con bibliografia precedente).

38 Su θaura cfr Giannecchini 2003, in particolare p. 91 per l’iscrizione di San Valentino: Giannecchini ipotizza che θauruś sia un allografo di θaurś, variante con sincope finale dell’atteso genitivo θauraś, dove ‹ru› indicherebbe l’allofono sonante di /r/ in sillaba finale ([θaur̥s]); il successivo θanr (vedi subito sotto) starebbe per il genitivo θanr(ś), e tutto il sintagma sarebbe da interpretare come lat. familiae Thanrae, con lat. familia nel senso di confraternita.

39 Sulla divinità θanr cfr. Maras 1998.

40 Domenico Scutillo, Storia di Perugia. Tomo Primo. Che contiene la Perugia Etrusca, e la Perugia Romana, 1781 (BAP, ms. 1231, cc. 93v-94r, p. 164-165 dell’impaginazione originaria): «Un bel marmo con lunga Iscrizione etrusca, scavato vicino a Perugia, si conserva ora nel Museo del Monastero di S. Martino delle Scale de' Monaci Cassinensi in Palermo. [...] Questa lapide era già in Perugia presso il Conte Eugeni. L'acquistò da lui il P. d. Evangelista Blasi ch'era allora lettore in questo Monastero di S. Pietro, e che ne arricchì il Museo del Monastero di Palermo». Cfr. anche CII 1916; Lambrechts 1970, p. 49-51.

41 Insieme a una dotta spiegazione dell’iscrizione da parte di Giovan Battista Passeri, trasmessa al principe di Torremuzza il 20 marzo 1762 (Torremuzza 1762, p. 435-440): Passeri intuisce che non si tratta di un testo funerario e ipotizza che sia invece un cippo di confine. Sull’iscrizione cfr. anche Torremuzza 1769, p. 300 (= 1784, p. 326), dove è pubblicato lo stesso disegno. Il cippo sembra ricordato implicitamente da Salvatore Maria Di Blasi, fratello di Giovanni Evangelista e come lui benedettino, ancora nel 1773 (1774, p. 73-74: «Ma ritorniamo, come fecimo allora, nella quarta Stanza, per vedere dall'altro lato il Museo. Si presentano sul principio e dentro, e fuori dello Scaffale quantità di antiche Iscrizioni Latine, Greche, Arabe, Etrusche»), mentre non fu trovato da Giovan Battista Vermiglioli, in visita a Palermo nel 1825 (cfr. Vermiglioli 1833, p. 138-139, nota 6), e sicuramente risulta disperso almeno dalla seconda metà del XIX sec., al tempo del trasferimento della collezione dei benedettini di San Martino delle Scale nel Museo Nazionale di Palermo, poi Museo Archeologico Regionale “Antonino Salinas” (Salinas 1870, p. XIII, cfr. Equizzi 2006, p. 141).

42 Per le possibili restituzioni cfr. CIE 4541 = ET2 Pe 8.9; sull’iscrizione cfr. anche CII 1916; TLE2 626; Lambrechts 1970, p. 49-51.

43 Per le stesse ragioni è impossibile proporre una datazione: si può solo osservare che, stante la verosimile appartenenza all’età recente, l’utilizzo di ‹k› (se la lettura della penultima riga è esatta) rimanderebbe ancora almeno al III sec. a.C.

44 Cfr. CIE 5683; Morandi 1986.

45 CIE 5683: [---]xạ[r]nθ. larisạ[l. c]ḷ[an. θan]χvil[u]sc. p̣ẹṣ́ḷia[l]χ̣xx(x). […θ]urạ[…]c. xxṇθ̣ạsa / eisnẹṿc. eprθnevc. macstrevc [.] txx [….]eznχvalc. tamera. zelarv[e]ṇạṣ. [θ]ui zivas avils XXXVI lupu; TLE2 195: 1....s. arnθ. larisal[.] clan[.] θanχvilusc. peślialχ ........ θura ..xxxxnθasa 2eisnevc. eprθnevc. macstrevc. ten... eznχvalc. tamera. zelarvenas θui zivas avils XXXVI. lupu; Morandi 1986, p. 139: [---ẹs]. Arnθ. Larisa[l. c]l[an. Θ̣an]χvilusc. P̣eślixχxxx. [---θ]ura[--]c. [te]nθasa / eisnevc. eprθnevc. macstrevc. tiṇ[--- f̣ḷ]eznχvalc. tamera. zelarvena[s. θ]ui. zivas. avils. XXXVI lupu; ET2 AT 1.1: [------(-)]s. arnθ. larisạḷ. clạṇ. θ̣ạṇχvilusc. peślịạl. ṃạ[runuχ paχa]θ̣ura [zil]c. tenθasa 2eisnẹṿc. eprθnevc. macstrevc. tẹṇ[--. t]eznχvalc. tamera. zelarvẹnaṣ. θ̣ui. zivas. avils. XXXVI. lupu. Sull’iscrizione cfr. anche Morandi Tarabella 2004, p. 367-368.

46 Cfr. Agostiniani 1997.

47 La struttura del testo dovrebbe essere questa: formula onomastica; ma[runuχ paχa]θura e [zil]c (se le integrazioni sono giuste) retti dal participio tenθasa; eisnevc, eprθnevc e macstrevc retti dalla forma verbale ten[ (forse tenθas o tenθasa, per analogia con la parte iniziale del testo); ]eznχval-c tamera retto da zelarvenas; formula finale con l’età del defunto.

48 Morandi (1986, p. 139-140) propone ad esempio [fl]eznχvalc.

49 Cfr. Camerini 1975, p. 32-33, n. 8 e p. 35, tav. II.; cfr. ThLE2, s.v. tez. Cfr. anche ET2 Cr 0.16: tez, dove però il relativo rimando bibliografico riguarda in realtà due ciotole entrambe con iscrizione cra (G. Colonna, in REE 40, 1972 [1974], p. 435, nn. 39-40), provenienti da scavi sporadici presso il Tumulo del Colonnello nella necropoli della Banditaccia e originariamente nella collezione Ruspoli, a loro volta ad ET2 Cr 0.22-3, ma con indicazioni bibliografiche errate, cioè REE 36, 1968, p. 225-226, nn. 3-4 (Colonna), che si riferiscono invece a ET2 Cr 0.22 (va-[) e 0.23 (fan); a chiudere il cerchio, la prima di esse, ET2 Cr 0.22, ha come rimando bibliografico Camerini 1975, p. 32-33, n. 8, che è invece l’iscrizione con tez. Per altro, ad REE 40, 1972 [1974], p. 435, nn. 39-40, tav. LXXVIII, oltre alle due ciotole con cra ne è fotografata una terza, non citata nella relativa scheda: la ciotola sembra però integra e l’iscrizione, di lettura non agevole, si trova sulla parete esterna del piede.

50 Potrebbe trattarsi di un askós, forma ceramica che spesso nell’Ottocento era scambiata per una lucerna (devo questa precisazione a Enrico Benelli, che ringrazio).

51 Gamurrini 1887, p. 438.

52 Cfr. ET2 Ar 2.3 + 0.7; cfr. anche NRIE 180.

53 Considerando che il braccio fiorentino era equivalente a circa 0,58 cm, 54 braccia corrispondono a 31,32 m.

54 Cfr. Lorini 1855, p. 3: «Il Municipio Cortonese nell’ottimo intendimento di far cosa che decorasse la Città, giovasse al commercio e sopperisse alle strettezze in che era costituita la classe degli operai nell'inverno dell’anno 1847, volle, vincendo anche i molti ostacoli opposti dalla naturale giacitura del suolo, ampliare il piazzale delle Fiere e Mercati, detto la Carriera, che fiancheggia dalla parte meridionale le antiche mura della Città. Ad acquistare quest’ampiezza furono occupati i terreni adiacenti, che a tale oggetto dal patrimonio dei privati erano per via di accordo e nei modi consueti venuti in quello del Municipio. Nel condurre le opere necessarie al riordinamento della superficie avvenne che in uno dei campi come sopra passati nel dominio del Municipio fosse fatto luogo alla invenzione delle due statuette in bronzo ed inscritte di che intendo far parola; e precisamente furono rinvenute ambedue insieme difese da poche tegole alla distanza di braccia 54, quasi in linea retta dall’antica porta a tre stipiti, che tuttora abbenchè chiusa e mancante dell’arco o dell’architrave si vede nelle rammentate mura di Cortona».

55 Per tutte le informazioni cfr. da ultima Fortunelli 2005, p. 255-257; 263-264, con bibliografia precedente.

56 Rix (1962), per il passaggio -lv- > -l- della forma śelanś rispetto a tutte le altre attestazioni con śelvanś, selvans ecc., ipotizzava o un’assimilazione con geminazione in [ll] non registrata dalla scrittura, o un indebolimento di -v-; l’innovazione sarebbe stata circoscritta al territorio chiusino e cortonese.

57 Forse erano poste in due nicchie ai lati della porta. A seconda della datazione adottata, si può pensare che le statuette fossero state realizzate al tempo della costruzione della porta (datata nella sua prima versione al IV sec. a.C.) o nei decenni immediatamente successivi, e poi defunzionalizzate tramite sepoltura al tempo della realizzazione del doppio fornice nel II sec. a.C., o altrimenti si può ipotizzare che le statuette fossero parte del progetto complessivo di monumentalizzazione della porta del II sec. a.C., poi obliterato in parte dal seppellimento rituale, avvenuto in epoca più recente (cfr. Fortunelli 2005, p. 255).

58 Ad esempio, da ultimo, Van der Meer 2017, p. 206. Maras (2009, p. 258, Co do.4) considera tez della statuetta di Cortona un rafforzativo del successivo alpan, con il quale costituirebbe una sorta di formula di consacrazione, in virtù di un confronto (p. 279-280, Cr do.8), già proposto da Giovanni Colonna (Colonna 1985, p. 46, n. 1.37), con un’iscrizione mutila su una base di donario da Santa Marinella (Cerveteri), databile non oltre l’inizio del III sec. a.C., integrata in ecn. turc[e.] 2la(ris). tinana[s. t]3es. alpan. a[?; è chiaro che il confronto ha ragione d’essere solo in funzione dell’integrazione proposta e della sussistenza dell’equivalenza tes = tez (un’alternativa, presa in considerazione anche da Maras, è in ET2 Cr 3.26: ecn. turc[e.] 2la. tinana[s. ca]3es. alpan. a[?).

59 Così già Chiadini 1995, p. 174, nota 45; Wylin 2000, p. 240, nota 592.

60 Particolarmente importante per quanto si dirà è l’attestazione di un selvans tularia («Selvans del confine») su un bronzetto da Bolsena dell’inizio del III sec. a.C. (ET2 Vs 3.10, cfr. C. de Simone, in REE 55, 1987-1988 [1989], p. 346-351, n. 128); sono noti anche selvans smucinθunaita, su un manico di paletta figurato di provenienza meridionale, della prima metà del V sec. a.C. (ET2 OA 4.1, cfr. von Bothmer 1977; Maras 2009, p. 296, OA co.2); salvans uvie, su un lingotto di bronzo forse da Tarquinia, della fine del V sec. a.C. (G.M. Facchetti, in REE 76, 2010-2013 [2014], p. 261-266, n. 25); selvans canla, su un thymiaterion di origine meridionale della fine del V sec. a.C. (ET2 OA 4.5, cfr. Ambrosini 2002, p. 421-422, tav. XIV; Maras 2009, p. 296-297, OA co.3); selvans sanχuneta, su un cippo di tufo dalla necropoli del Pozzarello a Bolsena, del III-II sec. a.C. (ET2 Vs 4.8, cfr. Colonna 1966; Maras 2009, p. 432-434, Vs co.9); selvanz enizpeta, su un bronzetto da Bolsena del III-II sec. a.C. (CIE 10870 = ET2 Vs 4.9, cfr. G. Colonna, in REE 39, 1971 [1972], p. 336, n. 6; Maras 2009, p. 434, Vs co.10); forse selvans canzate, su una statuetta in bronzo di provenienza meridionale e databile al IV sec. a.C. (CIE 2403 = ET2 Ta 3.9, cfr. Maras 2009, p. 299, OA do.1); forse ś(elanś) caluśta, su una statuetta raffigurante un cane, da Cortona, databile al IV-III sec. a.C. (ET2 Co 4.10, cfr. Fortunelli 2005, p. 257-260; Maras 2009, p. 253-254, Co co.9). Su Śelvanś/Selvans cfr. Small 1994; Chiadini 1995; Belfiore 2015, p. 154-156.

61 CIL XI, 7602, su supporto non specificato, da Cerveteri, datata al 39 a.C.: [L(ucio).] Censorino. C(aio). Calvisio co(n)s(ulibus). mac(istri). aras. Silv(ani). Mar(tis). fac(iundas). cu[r(averunt)]. ....; CIL XI, 6948, ara in marmo da Luni, datata al 2 a.C.: Imp(eratore). Caesare August(o). XII[I] / M(arco). Plautio. Silvan(o) co(n)s(ulibus) / L(ucius). Screibonius. Libonis. l(ibertus) / Diogenes. / Silvano (cfr. Dorcey 1992, p. 181). Le prime citazioni nella letteratura latina sono invece nell’Aulularia di Plauto (Plaut., Aul., 674-676; 766), dell’inizio del II sec. a.C., e nel De agri cultura di Catone (Cato, Agr., 83), di poco successivo; tuttavia, fonti più recenti proiettano il culto di Silvanus nel passato, fino alle origini di Roma (Dorcey 1992, p. 7-10).

62 Sembra eccessiva la cautela con cui Paul Dorcey (1992, p. 10-13) tratta il confronto tra Śelvanś/Selvans e Silvanus, di fatto rigettandolo. Mi pare che venga data particolare rilevanza all’aspetto iconografico, che per Śelvanś/Selvans, se si esclude il bronzetto cortonese (comunque testis unus), è del tutto ignoto, malgrado le 14 attestazioni epigrafiche, e si sottostimi invece l’aspetto etimologico, a mio avviso molto chiaro (nello specifico, Śelvanś/Selvans sembra uno dei tanti teonimi etruschi di origine italica, cfr. da ultimo Massarelli c.s.), e quello del culto, con evidenti sovrapposizioni, come detto sopra, soprattutto per quanto riguarda la gestione dei confini e la protezione del patrimonio privato. Su Silvanus cfr. anche Nagy 1994.

63 Hor., Epod. 2, 21-22: […] qua muneretur te, Priape, et te Pater Silvane, tutor finium; Grom., p. 302, 13-19 L (Dolabella): Omnis possessio quare Silvanum colit? quia primus in terram lapidem finalem posuit. nam omnis possessio tres Silvanos habet. unus dicitur domesticus, possessioni consecratus. alter dicitur agrestis, pastoribus consecratus. tertius dicitur orientalis, cui est in confinio lucus positus, a quo inter duo pluresve fines oriuntur. ideoque inter duo pluresve est et lucus finis. Anche nella tarda testimonianza resa da Sant’Agostino Silvanus ha a che fare con le delimitazioni spaziali, anche se la prospettiva è ribaltata: Silvanus è il demone che cerca di entrare in casa per insidiare le donne incinte, e per tenerlo lontano è necessario invocare sulle soglie di casa la protezione delle divinità Intercidona (la divinità della scure), Pilumnus (la divinità del pestello) e Deverra (la divinità della scopa), cfr. Aug., civ. 6,9: [Varrone] tamen mulieri fetae post partum tres deos custodes commemorat adhiberi, ne Silvanus deus per noctem ingrediatur et vexet, eorumque custodum significandorum causa tres homines noctu circuire limina domus et primo limen securi ferire, postea pilo, tertio deverre scopis, ut his datis culturae signis deus Silvanus prohibeatur intrare, quod neque arbores caeduntur ac putantur sine ferro, neque far conficitur sine pilo, neque fruges coacervantur sine scopis; ab his autem tribus rebus tres nuncupatos deos, Intercidonam a securis intercisione, Pilumnum a pilo, Deverram ab scopis, quibus diis custodibus contra vim dei Silvani feta conservaretur. Cfr. Dorcey 1992, p. 22-24.

64 Colonna 1966: sanχuneta sarebbe una derivazione in -ne dallo stesso tema lessicale di Sancus, con ulteriore agglutinazione del clitico pronominale -ta; cfr. anche Belfiore 2015, p. 154-155.

65 Cfr. Roncalli 1985, p. 81.

66 A sostegno della sua ipotesi Wylin (2000, p. 240, nota 592) suggerisce il confronto tra Śelanś Tez( ) dell’iscrizione di Cortona e l’attestazione di un Silvanus Saxanus: si tratta tuttavia di un’unica attestazione, in un’iscrizione graffita su una parete di roccia in Carinzia (Noricum), molto tarda (II-III d.C.) e piuttosto incerta, la cui interpretazione dipende dall’integrazione adottata (CIL III, 5093: S(ilvano?) Saxano / Aug(usto) sac(rum) / Adiutor / et Secundinus). Va detto peraltro che l’epiteto Saxanus è di solito associato a Hercules (almeno 25 occorrenze su un totale di 38 attestazioni di Saxanus). Anche per Dorcey (1992, p. 30, 62, 180) l’associazione di Silvanus con tale epiteto (tradotto con «rupestrian») è incerta.

67 Analogamente, le espressioni tesnś teiś raśneś e tesne raśne cei (che, si è detto, Steinbauer, come altri, ritiene collegate a tezan) potrebbero fare riferimento a interventi «dalla strada pubblica» o «nella strada pubblica». Quanto a Śelanś Tez( ), si potrebbe suggerire in astratto un paragone con Silvanus Viator, ma si tratterebbe di un confronto piuttosto azzardato, perché Silvanus è ricordato con tale epiteto solo in iscrizioni piuttosto tarde (la prima del II-III sec. d.C., le altre del IV sec. d.C.) e tutte dalla Pannonia; qui Viator farebbe riferimento soprattutto alla natura di Silvanus quale protettore dei viandanti (cfr. Dorcey 1992, p. 73).

68 Hadas-Lebel (2016, p. 103-104; 111-112; 133-134) assegna invece a -te un valore superessivo/sublativo.

69 Ad esempio, in umbro, con il cippo da Assisi della seconda metà del II sec. a.C. con iscrizione toce / stahu «sto pubblicamente», rinvenuto «fuori di porta di Mojano in un moricciolo a secco lungo la strada a mano destra andando verso il piano» (L. Carattoli, cfr. CIL XI, 5431a; per l’iscrizione cfr. LSU 43, e cfr. anche LSU 44); in latino, in un cippo con iscrizione f(ines). p(ublici) del I sec. a.C. rinvenuto a Gubbio, presso la Loggia dei Tiratoi, in corrispondenza di una porta monumentale della città (cfr. Sisani 2001, p. 49; Cante 2008, p. 47-48 e figg. 22-23; Sisani 2010, p. 86 e fig. 5). Il testo di quest’ultimo sarebbe praticamente identico a quello del cippo cortonese con tular rasnal, oggi a Leiden (CIE 439 = ET2 Co 8.1-2), che però, secondo le fonti, sarebbe stato rinvenuto in località Campaccio, a circa 2 km da Cortona; conto di tornare in seguito su questo argomento.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 – Cippo della Cupa (Perugia): a) Vincenzo Tranquilli, Epitaffie… (BAP, ms. 1706, c. 24r); b) Vincenzo Tranquilli, dossier inviato a G. Gabrielli (SASG, Fondo Armanni, 109 = II A 20, c. 36r); c) Giovanni Battista Cantalmaggi, raccolta manoscritta (SASG, Fondo Armanni, 238 = II C 9b). Calderini – Massarelli 2013.
Titre Fig. 2 – Cippo di San Valentino (Perugia). Perugia, Depositi della necropoli del Palazzone (inv. com. lap. n. 53). Foto e disegno dell’autore.
Titre Fig. 3 – Altro cippo o pietra iscritta da Perugia. Torremuzza 1762, p. 63.
Titre Fig. 4 – Iscrizione CIE 5683.
Titre Fig. 5 – Ciotola frammentaria dalla Bufolareccia (necropoli della Banditaccia, Cerveteri). Camerini 1975, p. 35, tav. II.
Titre Fig. 6. –Statuetta iscritta di Culśanś (Cortona). Cortona (AR), Museo della Accademia Etrusca e della Città Etrusca e Romana (inv. n. 1278): a) www.accademia-etrusca.org; b) CIE 437.
Titre Fig. 7 – Statuetta iscritta di Selanś (Cortona). Cortona (AR), Museo della Accademia Etrusca e della Città Etrusca e Romana (inv. n. 1279): a) www.accademia-etrusca.org; b) CIE 438.
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Riccardo Massarelli, « Tezan tra Cippo e altra documentazione », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité, 133-1 | 2021, 59-73.

Référence électronique

Riccardo Massarelli, « Tezan tra Cippo e altra documentazione », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 133-1 | 2021, mis en ligne le 01 juin 2021, consulté le 19 juin 2021. URL : http://journals.openedition.org/mefra/11213 ; DOI : https://doi.org/10.4000/mefra.11213

Haut de page

Auteur

Riccardo Massarelli

Università degli studi di Perugia, Dip. di Filosofia, Scienze Sociali, Umane e della Formazione - riccardo.massarelli@unipg.it

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search