Navigation – Plan du site

AccueilNuméros133-1VariaUn frammento di tabula frumentari...

Résumés

Un frammento di tavola bronzea, rinvenuto negli scavi di D. Manacorda al Tempio di Via delle Botteghe Oscure, in uno strato databile nella prima metà del I secolo d.C., conserva poche lettere di un testo, ricostruibile come segue: [- - -IN] MVRO [- - -] / [- - - QVI FRVMEN]T(O) PVBL(ICO) I[NCISI SVNT - - -]. Si tratta chiaramente di quanto resta di una lista ufficiale di aventi diritto alle distribuzioni di frumentum publicum, databile al periodo augusteo. Dal momento che tali liste erano conservate nel Tempio delle Ninfe, ne risulta confermata la sua identificazione con il Tempio di Via delle Botteghe Oscure, e della porticus Minucia frumentaria con il portico al cui interno quest’ultimo è incluso.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 Coarelli 2019.
  • 2 Manacorda – Zanini 1997.

1Nel volume pubblicato di recente sui luoghi dell’amministrazione a Roma1 ho trascurato, per sbadatezza, alcuni dati che, se considerati in modo opportuno, avrebbero contribuito a confermare la tesi di fondo che ho sviluppato a proposito delle frumentationes: e cioé la destinazione, fin dalla sua origine, della porticus Minucia (da me identificata con l’«area sacra» di Largo Argentina) a luogo destinato alle distribuzioni di grano alla plebs Romana, e la conseguente identificazione dell’adiacente porticus Minucia frumentaria con un semplice ampliamento monumentale del portico più antico, successivo all’incendio dell’80 d.C. e quindi di età domizianea. Si tratta di alcuni dati, contenuti in un articolo di D. Manacorda e E. Zanini2, in cui sono esposti con una certa ampiezza i risultati dello scavo nell’area adiacente al Tempio di Via della Botteghe Oscure, all’interno della stessa porticus Minucia frumentaria. Torno ora sull’argomento per riconsiderare questi dati e le loro implicazioni che, come dicevo, mi sembrano di notevole rilevanza.

  • 3 Manacorda – Zanini 1997, p. 264.

2È importante, in primo luogo, sottolineare la presenza di un tratto di pavimentazione di lastre di tufo, che sembra estendersi esclusivamente nel settore occidentale dell’area, adiacente all’«area sacra» di Largo Argentina (fig. 1). Riporto qui, per chiarezza, il testo dell’articolo relativo a questo punto3:

appare comunque evidente una certa omogeneità sia qualitativa sia altimetrica dei lastricati visti in più punti dell’area. Certamente sottostanti al più tardo piano di travertino, complanare a quello steso nell’adiacente Area Sacra, questi lastricati possono indicare la presenza di una vasta ed unitaria pavimentazione in tufo, attorno agli 11 metri s.l.m., che potrebbe non aver conosciuto soluzione di continuità rispetto a quella presente, alla stessa quota, nell’attigua Area Sacra (...) Come che sia, sembra legittimo interrogarsi sulla primitiva estensione del lastricato dell’Area Sacra nella sua fase unitaria comunemente attribuita alla fine del II secolo a.C.; questo piano in tufo potrebbe certo aver pavimentato un’area aperta, ma potrebbe anche essere stato circondato – come sembra lecito quanto meno supporre – da una porticus che – considerata la posizione topografica dei reperti – altro non potrebbe essere che la primitiva porticus Minucia. Ciò consente di riprendere con nuovi argomenti l’ipotesi di Filippo Coarelli, che l’area di Largo Argentina fosse stata «ristretta» al momento della creazione, sul suo lato orientale, del quadriportico indicato sulla Pianta marmorea.

Fig. 1 – Situazione originaria del complesso repubblicano di Largo Argentina (da Cozza 1968, modificato).

Fig. 1 – Situazione originaria del complesso repubblicano di Largo Argentina (da Cozza 1968, modificato).
  • 4 Coarelli 2019, p. 271. Cfr. Coarelli 1997, p. 281-283.

3Questa situazione va confrontata con quella ricostruibile per il Largo Argentina, che così abbiamo descritto4 (fig. 2):

l’attuale limite orientale dell’area sacra (...) non corrisponde a quello originario, che doveva trovarsi nettamente più a est. Per un caso fortunato, conosciamo l’estremità orientale del recinto antistante al Tempio B, riapparsa durante la costruzione dell’edificio moderno posto al di là di Via di S. Nicola dei Cesarini. I resti in questione si trovavano in corrispondenza dello stabile ai nn. 6-13A, e furono visti durante lo scavo delle sue fondamenta (settembre-ottobre 1938). Si tratta di un muro in opera quadrata di tufo e travertino, con un tratto di cortina a mattoni. Non solo la lunghezza di questo muro corrisponde alla larghezza del recinto (se non si considera l’estremità meridionale in laterizio, evidente aggiunta successiva), ma la presenza di due risvolti alle sue estremità, in direzione dell’«area sacra» si spiega solo se si tratta delle terminazioni dei muri laterali del recinto. Ciò dimostra con certezza che l’area si estendeva in origine molto più a est dell’attuale.

Fig. 2 – Pianta della Porticus Minucia Frumentaria, con indicazione (nn. 13-20) dei resti di un pavimento di età repubblicana (da Manacorda – Zanini 1997).

Fig. 2 – Pianta della Porticus Minucia Frumentaria, con indicazione (nn. 13-20) dei resti di un pavimento di età repubblicana (da Manacorda – Zanini 1997).
  • 5 Kajanto 1981, n. 18, pp. 102 s, tav. XXXIV 2-4; AE 1981, 33; Coarelli 1997, p. 331-336; Coarelli 2 (...)
  • 6 In Ceci 2009, erroneamente, non è indicata la A iniziale, di cui invece si legge con sicurezza la (...)

4Il testo dell’iscrizione dedicatoria di Domiziano5, relativa ai lavori realizzati dopo l’incendio dell’80, che compresero l’aggiunta della porticus Minucia frumentaria a est della vetus, conferma questa ricostruzione, poiché alla quarta linea si legge con sicurezza il verbo AMPLI[AVIT]6, da riferire ovviamente a un precedente PORTICVM, da cui si deduce che la porticus frumentaria non è che un ampliamento della vetus.

5In conclusione, il prolungamento della pavimentazione di tufo del Largo Argentina nella parte occidentale della Minucia frumentaria, attestato dagli scavi del 1996, costituisce la conferma definitiva della ricostruzione che abbiamo proposta.

  • 7 Manacorda 2017, p. 59.
  • 8 Ibid., p. 63.

6Un altro dato interessante, emerso dagli stessi scavi, è la presenza – al di sopra della pavimentazione domizianea, corrispondente alla prima fase della Minucia frumentaria – di un secondo pavimento, databile poco dopo la metà del II secolo d.C., «costituito da un conglomerato di calce e frammenti di travertino sminuzzati dello spessore di cm 15-20, ben compattato e perfettamente levigato in superficie»7. Di particolare interesse sono le conclusioni dell’autore8:

Lo stato di logoramento della pavimentazione del portico dovrebbe in tal caso ascriversi alla sua prolungata frequentazione, cioè a quella celebritas, che aveva già caratterizzato l’originario edificio frumentario, di cui ci dà testimonianza Velleio per l’età giulio-claudia: il suo pavimento dobbiamo infatti immaginarlo calpestato ogni giorno da circa seimila cittadini. Anche da questo punto di vista, l’interpretazione del quadriportico domizianeo quale Porticus Minucia frumentaria può dunque trarre un ulteriore, anche se indiretto, argomento di dimostrazione.

  • 9 Manacorda – Zanini 1997, p. 278 sq.
  • 10 Ibid., nota 135 a p. 278.
  • 11 CIL VI 85a-b; ILS 3399.
  • 12 Degrassi 1963, p. 459 sq.
  • 13 Da ultimo, Coarelli 2019, p. 208-214, 253.
  • 14 Ibid., p. 208. Suet., Claud., 18.

7Un ulteriore elemento di conferma9 per la tesi che sosteniamo sono le due basi cilindriche destinate a reggere statue dei Dioscuri, segnalate già all’inizio del XVI secolo nelle case degli Altieri10 con iscrizioni che presentano lo stesso testo, datate al 18 maggio del 198 d.C.11 (giorno del natalis Annonae)12: si tratta di due dediche di M. Aelius M. f. Rusticus, rector del collegium dei mensores machinarii frumenti publici. È probabile che il luogo della scoperta coincida con quello originario di conservazione: in tal caso, esso verrebbe a cadere più o meno al centro degli horrea adiacenti alla porticus Minucia frumentaria, rappresentati nella pianta marmorea severiana (fig. 3, n. 3)13, nei quali ho proposto di identificare gli Aemiliana menzionati nella vita suetoniana di Claudio14, destinati con tutta probabilità ad ospitare il grano destinato alle frumentationes: la presenza in questo luogo degli addetti alle grandi bilance (machinae) utilizzate per pesare il frumentum publicum difficilmente può essere casuale, e fornisce un ulteriore argomento alla mia ricostruzione.

Fig. 3 – Pianta dell’area compresa tra i Saepta e il complesso del Teatro e della Crypta Balbi (da Manacorda – Zanini 1997).

Fig. 3 – Pianta dell’area compresa tra i Saepta e il complesso del Teatro e della Crypta Balbi (da Manacorda – Zanini 1997).
  • 15 Manacorda – Zanini 1997, p. 276, fig. 33. Misure: 6,7 per 4 per 0,5 cm.
  • 16 Lo spessore medio in questi casi oscilla tra 4 e 7 cm.

8Ma il dato veramente risolutivo emerso dallo scavo è un frammento di lastra di bronzo iscritta15 (fig. 4-5), proveniente dalle «terre del riporto di età giulio-claudia». Lo spessore di mezzo centimetro dimostra che si trattava di una lastra di grandi dimensioni16, mentre il luogo di ritrovamento permette di datarla prima dell’età di Claudio, quando essa venne gettata in uno scarico databile tra il 25 e il 50 d.C. La lettura proposta da Manacorda è la seguente:

[- - -] MVRO [- - -]
[- - -]E PVBLI[- - -]

9L’autore propone di integrare la seconda riga con [VILLA]E PVBLI[CAE], ma non suggerisce alcuna interpretazione del testo.

Fig. 4 – Frammento di lastra di bronzo con iscrizione (da Manacorda – Zanini 1997).

Fig. 4 – Frammento di lastra di bronzo con iscrizione (da Manacorda – Zanini 1997).

Fig. 5 – Frammento di lastra di bronzo con iscrizione: ricostruzione grafica integrata.

Fig. 5 – Frammento di lastra di bronzo con iscrizione: ricostruzione grafica integrata.
  • 17 Tavola bronzea ai Musei Capitolini, con una lista di vigiles beneficiari del frumentum publicum, d (...)

10In realtà, la prima lettera conservata della seconda riga non è una E, ma senza dubbio una T, come dimostra la presenza di una sola traversa orizzontale in alto, indicata, come sempre nelle epigrafi di questo tipo, con un breve segno a virgola. La ricostruzione del testo, di conseguenza, in base ad esempi analoghi17, non può essere che la seguente: [FRVMEN]T. PVBL. I[NCIS.], da integrare [QVI FRVMEN]T. PVBL. I[NCISI SVNT], e cioé «qui frument(o) publ(ico) incis(i) sunt».

  • 18 Nicolet 1976; Coarelli 2019, p. 236-240.
  • 19 Come nel caso dei diplomi militari: Corbier 2006, p. 138 s. Cfr. ad es. CIL XVI, 20: in Capitolio (...)
  • 20 Secondo la mia dimostrazione recente, che riprende vari interventi anteriori (Coarelli 2019, p. 19 (...)

11Si trattava dunque in origine di una lista di destinatari delle distribuzioni di grano, esposta nel luogo ad essa riservato, e cioè il Tempio delle Ninfe18, come conferma anche il testo della prima linea, da ricostruire con [IN] MVRO [- - -]: espressione destinata ad indicare la collocazione originaria della tavola bronzea, analogamente a quanto possiamo constatare in altri casi del genere19. Sarebbe difficile non riconoscere il valore determinante di questa scoperta per l’identificazione del luogo in cui essa si è verificata con quello dove erano conservate le liste dei beneficiari del frumentum publicum. Da questa constatazione emergono conseguenze di grande momento per la ricostruzione del sistema e della cronologia delle frumentationes, che permettono di confutare la teoria che afferma la separazione topografica tra le due porticus Minuciae, con tutte le conseguenze funzionali e topografiche che ne discendono20:

  1. la sicura identificazione del supporto su cui erano incise le liste dei beneficiari delle distribuzioni con lastre di bronzo, affisse su muri, come in molti casi paralleli21. Ciò permette di spiegare la particolare terminologia utilizzata per indicare l’iscrizione e la cancellazione dei nomi: nel primo caso, incisi; nel secondo, erasi: termini che si spiegano solo se si trattava di tavole di bronzo;
  2. la definitiva identificazione del Tempio delle Ninfe con quello di Via delle Botteghe Oscure;
  3. la conferma della sua funzione di archivio dei beneficiari del frumentum publicum, a partire da Pompeo;
  4. la data anteriore a Claudio del sistema complessivo delle distribuzioni (dovuta a Pompeo nella sua forma finale, anche se il frammento di tavola iscritta conservato sembra attribuibile al periodo della riforma di Cesare o piuttosto di quella di Augusto): ciò conferma la confutazione definitiva dell’ipotesi tradizionale che riconosce in Claudio il suo autore (compresa la realizzazione della porticus Minucia frumentaria), mentre invece esso risale assai più indietro nel tempo, probabilmente fino a Pompeo;
  5. la conferma indiretta della vocazione frumentaria della più antica porticus Minucia (in seguito vetus), da identificare nell’«area sacra» di Largo Argentina.
Haut de page

Bibliographie

Ceci 2009 = M. Ceci, Iscrizione dedicatoria di opera pubblica, in Divus Vespasianus, Catalogo della mostra, Roma, p. 457.

Coarelli 1997 = F. Coarelli, Il Campo Marzio. Dalle origini alla fine della Repubblica, Roma, 1997.

Coarelli 2019 = F. Coarelli, Statio. I luoghi dell’amministrazione nell’antica Roma, Roma, 2019. 

Corbier 2006 = M. Corbier, Donner à voir, donner à lire. Mémoire et communication dans la Rome ancienne, Parigi, 2006.

Cozza 1968 = L. Cozza, Pianta marmorea severiana: nuove ricomposizioni di frammenti, in Studi di topografia romana, 5, 1968, p. 9-22. 

Degrassi 1963 = A. Degrassi, Inscriptiones Italiae, XIII, 2. Fasti anni Numani et Iuliani, Roma, 1963. 

Kajanto 1981 = I. Kajanto (a cura di), L’area sacra di Largo Argentina I, Roma, 1981. 

Manacorda 2017 = D. Manacorda, Il pavimento della Porticus Minucia, in M. Cupitò, M. Vidale, A. Angelini (a cura di), Beyond limits. Studi in onore di G. Leonardi, Padova, p. 55-65.

Manacorda – Zanini 1997 = D. Manacorda, E. Zanini, Il tempio di via delle Botteghe Oscure. Tra stratigrafia, topografia e storia, in Ostraka 6, 1997, p. 249-293.

Nicolet 1976 = C. Nicolet, Le temple des Nymphes et les distributions frumentaires à Rome à l’époque républicaine d’après les découvertes récentes, in CRAI, 1976, p. 29-51.

Virlouvet 1995 = C. Virlouvet, Tessera frumentaria. Les procédures de la distribution du blé publique à Rome, Roma, 1995.

Virlouvet 2009 = C. Virlouvet, La plèbe frumentaire dans les témoignages épigraphiques. Essai d’histoire sociale et d’administration du peuple de Rome antique, Roma, 2009. 

Zevi 1993 = F. Zevi, Per l’identificazione della porticus Minucia frumentaria, in MEFRA, 105-2, 1993, p. 661-708.

Zevi 2007 = F. Zevi, Minucia frumentaria, crypta Balbi, circus Flaminius: note in margine, in A. Leone, D. Palombi, S. Walker (a cura di), Res Bene Gestae. Ricerche di storia urbana su Roma antica in onore di E.M. Steinby, Roma, p. 451-461.

Haut de page

Notes

1 Coarelli 2019.

2 Manacorda – Zanini 1997.

3 Manacorda – Zanini 1997, p. 264.

4 Coarelli 2019, p. 271. Cfr. Coarelli 1997, p. 281-283.

5 Kajanto 1981, n. 18, pp. 102 s, tav. XXXIV 2-4; AE 1981, 33; Coarelli 1997, p. 331-336; Coarelli 2019, p. 240-242.

6 In Ceci 2009, erroneamente, non è indicata la A iniziale, di cui invece si legge con sicurezza la terminazione inferiore della barra destra, che permette di accertare la lettura che proponiamo.

7 Manacorda 2017, p. 59.

8 Ibid., p. 63.

9 Manacorda – Zanini 1997, p. 278 sq.

10 Ibid., nota 135 a p. 278.

11 CIL VI 85a-b; ILS 3399.

12 Degrassi 1963, p. 459 sq.

13 Da ultimo, Coarelli 2019, p. 208-214, 253.

14 Ibid., p. 208. Suet., Claud., 18.

15 Manacorda – Zanini 1997, p. 276, fig. 33. Misure: 6,7 per 4 per 0,5 cm.

16 Lo spessore medio in questi casi oscilla tra 4 e 7 cm.

17 Tavola bronzea ai Musei Capitolini, con una lista di vigiles beneficiari del frumentum publicum, datata al 203 d.C.: CIL VI 220; ILS 2163. Virlouvet 2009, p. 148-169. Alla l. 6 si legge la formula identica: QVI. FRVMENT. PVBL. INCISI. SVNT.

18 Nicolet 1976; Coarelli 2019, p. 236-240.

19 Come nel caso dei diplomi militari: Corbier 2006, p. 138 s. Cfr. ad es. CIL XVI, 20: in Capitolio introeuntibus ad sinistram in muro inter duos arcos; CIL XVI, 26: post aedem Fidei p(opuli) R(omani) in muro. Inoltre, in tutti gli esempi a partire da Domiziano: in muro post templum divi Aug(usti) ad Minervam.

20 Secondo la mia dimostrazione recente, che riprende vari interventi anteriori (Coarelli 2019, p. 195-295), contestata in particolare da Fausto Zevi (Zevi 1993; da ultimo Zevi 2007).

21 Corbier 2006, p. 60-65. Cfr.la discussione in Virlouvet 1995, p. 257-282; Virlouvet 2009, p. 87-101. È importante sottolineare che nel Tardo Impero le liste affisse a ogni gradus dove avveniva la distribuzione del pane erano incise su tavole di bronzo: Virlouvet 1995, p. 196 sq. e p. 276, nota 100.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 – Situazione originaria del complesso repubblicano di Largo Argentina (da Cozza 1968, modificato).
Titre Fig. 2 – Pianta della Porticus Minucia Frumentaria, con indicazione (nn. 13-20) dei resti di un pavimento di età repubblicana (da Manacorda – Zanini 1997).
Titre Fig. 3 – Pianta dell’area compresa tra i Saepta e il complesso del Teatro e della Crypta Balbi (da Manacorda – Zanini 1997).
Titre Fig. 4 – Frammento di lastra di bronzo con iscrizione (da Manacorda – Zanini 1997).
Titre Fig. 5 – Frammento di lastra di bronzo con iscrizione: ricostruzione grafica integrata.
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Filippo Coarelli, « Un frammento di tabula frumentaria e la porticus Minucia », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité, 133-1 | 2021, 141-147.

Référence électronique

Filippo Coarelli, « Un frammento di tabula frumentaria e la porticus Minucia », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 133-1 | 2021, mis en ligne le 01 juin 2021, consulté le 16 juin 2021. URL : http://journals.openedition.org/mefra/11443 ; DOI : https://doi.org/10.4000/mefra.11443

Haut de page

Auteur

Filippo Coarelli

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search