Navigation – Plan du site

AccueilNuméros133-1VariaUna corte di giustizia presso il ...

Varia

Una corte di giustizia presso il Foro di Traiano?

Analisi sulla funzionalità degli auditoria adrianei
Antonio Lopez Garcia
p. 149-171

Résumés

La scoperta di due auditoria di età adrianea accanto al Foro di Traiano ha permesso di mettere in relazione l’architettura dell’edificio a strutture di tipo amministrativo e giudiziario e sollevare un’ipotesi funzionale sul complesso di aule. Gli studi pregressi sui tribunalia a Roma hanno tentato di collocare le attività giudiziarie in aree diverse per i periodi repubblicano, altoimperiale e tardoantico. Le riforme del sistema giudiziario eseguite tra l’età adrianea e l’età severiana suggeriscono un aumento dell’attività dei tribunali romani, una riorganizzazione delle procedure e forse anche la necessità di trovare nuovi spazi per lo svolgimento dei processi giudiziari. In questo articolo, analizzeremo le fonti sui tribunali nella capitale, parleremo delle magistrature che amministrarono la giustizia nei Fori Imperiali e della morfologia interna dei tribunali. Proponiamo l’identificazione dell’edificio con una corte di giustizia fondata da Adriano, che avrebbe operato in contemporanea con altri tribunali della città, dal II secolo d.C. fino alla tarda antichità.

Haut de page

Notes de l’auteur

I risultati preliminari di questa ricerca sono stati ottenuti mediante una borsa di ricerca di ANAS. S.p.A. e Roma Metropolitane per la realizzazione del Master di Architettura per l’Archeologia all’Università degli Studi di Roma La Sapienza nel 2010, e il finanziamento da parte del Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca Italiano per la realizzazione della mia tesi di dottorato all’Università degli Studi di Firenze tra il 2011 e il 2014. La conclusione di questo lavoro ha ricevuto fondi dell’European Research Council (ERC) del programma Horizon 2020 di ricerca e innovazione dell’Unione Europea (Grant agreement No. 771874) per il progetto “Law, governance and space: questioning the foundations of the republican tradition (SpaceLaw)” del Center for European Studies dell’Università di Helsinki. L’autore vuole ringraziare particolarmente Paolo Liverani, Kaius Tuori, Samuli Simelius, Sabrina Amaducci, Paolo Amorosa, e il team del SpaceLaw Project.

Texte intégral

Introduzione

  • 1 Egidi 2010; Egidi 2013a, 2013b.
  • 2 Lopez Garcia 2014.
  • 3 Cass. Dio, 51, 22, 1; Cass Dio, 74,17,4; Philostr., Vita Soph., 2,10; Porph., Hor. Ep., 2 ,2, 94.; (...)
  • 4 Hier., Ep., 66,9; Hier., In Gal., 3 (praef.); Sid., Ep., 9, 14, 2. v. Lopez Garcia 2015b.
  • 5 Aur. Vict., Caes., 14, 1-4; HA Hadr., 13, 1; HA, Pert., 11,3; HA, Alex. Sev., 35,1-3; HA, Gord., 3 (...)
  • 6 Lopez Garcia 2015a.
  • 7 Egidi 2010; 2013a.
  • 8 Galli 2017.
  • 9 Lopez Garcia 2012; Lopez Garcia 2013.

1Le strutture adrianee rinvenute a Roma in Piazza della Madonna di Loreto durante le indagini condotte per la costruzione di una stazione della metropolitana in Piazza Venezia hanno aperto un intenso dibattito tra gli esperti di topografia romana a seguito della proposta degli archeologi della Soprintendenza Speciale per i Beni di Archeologici di Roma di identificarlo con l’Athenaeum fatto costruire dall’imperatore Adriano1, un’istituzione accademica fondata nel II secolo d.C., che appare viene ricordata da diverse fonti storiche. L’identificazione iniziale dell’edificio con l’Athenaeum non è stata possibile per diversi motivi. Da una parte, le fonti che menzionano l’Athenaeum non sono abbastanza chiare nelle descrizioni e perciò non permettono di precisare un luogo nel quale si possa inquadrare l’edificio all’interno della topografia romana2. La maggior parte delle fonti che citano l’istituzione danno informazioni contraddittorie3 o semplicemente parlano dell’Athenaeum in maniera figurativa4. Non ci sono informazioni dei contemporanei sulla fondazione dell’edificio e la maggior parte delle fonti che menzionano il termine athenaeum provengono dagli autori tardoantichi5, per cui non è possibile mettere l’edificio scoperto nel 2007 preso la Piazza della Madonna di Loreto in rapporto diretto con l’Athenaeum fondato dall’imperatore Adriano6. D’altra parte, la morfologia dell’edificio ci ha permesso di fare qui una proposta radicalmente diversa rispetto a quella che era stata suggerita inizialmente da R. Egidi7, seguita anche da M. Galli8 e precedentemente anche da me stesso9.

  • 10 In base al frammento 29g della FUR è stata proposta da alcuni autori (Egidi 2010, fig. 31; Carandi (...)
  • 11 I bolli consolari apparsi sui laterizi dell’edificio indicano le date del 123 d.C. e del 125 d.C., (...)

2L’edificio scoperto è composto da due aule di 22 × 12 metri ciascuna (fig. 1), alle quali si aggiungerebbe un terzo ambiente che era stato scoperto durante la costruzione del Palazzo delle Assicurazioni Generali di Venezia, formando una specie di ventaglio convergente sulla colonna di Traiano10 All’interno di queste aule compare una serie di gradini contrapposti e separati da un corridoio largo circa 3 metri. L’interno dell’edificio è stato decorato con ricchi pavimenti e rivestimenti di lastre di marmo e granito, seguendo una decorazione rassomigliante a quella del vicino Foro di Traiano (fig. 2). In seguito alla scoperta dei resti di un crollo causato da un grande terremoto nell’XI secolo, è stato possibile comprendere che l’edificio aveva un piano superiore che copriva le aule con una volta a botte e sei arcate di rinforzo, e a sua volta, questo secondo piano era coperto da una terrazza pavimentata in cocciopesto. Grazie al rinvenimento di diversi bolli consolari sui laterizi, è stato possibile ipotizzare la fondazione dell’edificio intorno al 125 d.C.11. L’edificio sarebbe stato in funzione almeno fino al V secolo, tuttavia, con la crisi del VI secolo, si sarebbe trasformato in un laboratorio metallurgico. Nell’VIII secolo il sito divenne un cimitero e una stalla, e nel IX secolo una calcara. Nel XVI secolo i resti dell’edificio furono parzialmente coperti con la costruzione dell’Ospedale dei Fornari.

Fig. 1 – Disposizione degli Auditoria di Adriano e i frammenti della lastra 29 della Forma Urbis Romae. Autore: Antonio Lopez Garcia.

Fig. 1 – Disposizione degli Auditoria di Adriano e i frammenti della lastra 29 della Forma Urbis Romae. Autore: Antonio Lopez Garcia.
  • 12 Per approfondire i risultati della ricerca architettonica si consiglia di consultare il capitolo « (...)
  • 13 Questo tipo architettonico è stato analizzato con cura nel capitolo «Salles à banquettes ou gradin (...)
  • 14 Lopez Garcia 2015a.

3L’aspetto di queste strutture ha portato allo studio di diverse tipologie di edifici per discernerne l’utilità. L’aspetto di queste strutture ha spinto verso un’analisi approfondita di differenti tipologie di edifici, al fine di individuarne la corretta destinazione d’uso. A tal fine, è stato condotto uno studio comparativo di auditoria come, per esempio, il cosiddetto Auditorion di Efeso o le aule della Biblioteca di Adriano ad Atene; anche edifici identificati come biblioteche, come quelle del Tempio di Apollo sul Palatino, Pergamo, Nysa ad Maeandrum o Sagalassos, nonché edifici pubblici per l’insegnamento, come il complesso di auditoria di Alessandria in Egitto. Inizialmente questa analisi è stata realizzata per vedere se fosse possibile identificare l’edificio come un luogo collegato al mondo accademico, ma vedendo i limiti dello studio di queste tipologie12, è stata proposta un’indagine degli edifici relativi all’amministrazione e alla giustizia: le curie con gradini laterali13 ed i tribunali. La somiglianza proporzionale con la Curia Iulia di Roma ha portato a proporre questa ipotesi e a mettere in relazione l’edificio con un uso amministrativo o giudiziario14 (fig. 3). L’analisi degli edifici identificati previamente come curie con gradini laterali ha consentito una visione completa della tipologia, e anche l’osservazione di numerose somiglianze e divergenze tra l’edificio scoperto in Piazza della Madonna di Loreto e gli edifici curiali.

Fig. 2 – Pianta della fase adrianea delle Aule B e C. Autore: Adriano Averini.

Fig. 2 – Pianta della fase adrianea delle Aule B e C. Autore: Adriano Averini.
  • 15 Lopez Garcia 2015a, p. 134-151.
  • 16 Per questa ricerca è stata confrontata la morfologia dell’edificio scoperto nella Piazza della Mad (...)
  • 17 Egidi 2010, p. 110-111.

4L’analisi delle curie con gradini laterali ha dato la possibilità di riconoscere uno spazio collegabile all’amministrazione della giustizia. La morfologia di questa tipologia architettonica assomiglia in qualche modo a quella delle aule di Roma. Le proporzioni interne sono simili, sebbene abbiano alcune caratteristiche divergenti, poiché alcune curie a volte presentano gradini anche lungo la parete di fondo, oltre a uno spazio designato per la presidenza, che negli auditoria di Roma non appare15. Il carattere cerimoniale della curia, con la presenza di nicchie per statue, non si ritrova nel nostro caso. Il sistema di percorsi interni che collega le aule differisce completamente da quello delle curie con gradini laterali. Questo tipo di curia ha un solo piano16, a differenza dagli auditoria, che ne avrebbero almeno due17. Queste caratteristiche definiscono l’edificio di Roma come appartenente a un diverso tipo architettonico che potrebbe essere quello di una corte di giustizia, un tipo di edificio che permetterebbe varie sedute giudiziarie in maniera simultanea, di cui finora non era stata trovata alcuna traccia in tutto il mondo romano.

Fig. 3 – Confronto tra l’Aula B degli Auditoria e la Curia Iulia di Roma. Autore: Antonio Lopez Garcia.

Fig. 3 – Confronto tra l’Aula B degli Auditoria e la Curia Iulia di Roma. Autore: Antonio Lopez Garcia.
  • 18 In particolare, la proposta accennata da Egidi (2010; 2013) per quanto riguarda l’identificazione (...)
  • 19 Cass. Dio, 74, 17, 4: ὑπατεύοντι τότε ἐμήνυσαν. καὶ ὃς συναγαγὼν ἡμᾶς ἐς τὸ Ἀθήναιον καλούμενον ἀπ (...)

5Ci sono vari elementi come la forma particolare delle sale – che non è ottima per l’insegnamento, o almeno non è proporzionata come altri spazi dedicati alla didattica del mondo romano – e l’imprecisione delle fonti che ostacolano l’interpretazione proposta da R. Egidi18. Gli unici elementi che sosterrebbero l’ipotesi dell’uso di un edificio del genere per l’insegnamento, sono la fondazione in età adrianea – dunque l’epoca della fondazione dell’Athenaeum – e una menzione di Cassio Dione che parla di una riunione del Senato svolta nell’Athenaeum19, che potrebbe implicare la necessità di uno spazio simile a quello della Curia Iulia che potesse ospitare l’alto numero di persone che costituivano il Senato. Tuttavia, questi due fatti non confermano che le strutture analizzate in questo studio fossero parte dell’Athenaeum, né le fonti scritte hanno permesso di dedurre la posizione dell’istituzione all’interno della topografia romana.

I tribunalia a Roma

  • 20 Bablitz 2007, p. 14.
  • 21 Vell., 2, 89, 3; Cass. Dio, 53, 32, 2.
  • 22 Cass. Dio, 58, 20, 5; 60, 10, 3.
  • 23 Watson 1974, p. 64-67, 72-82; Camodeca 1996, p. 172-173; Brennan 2000, p. 133-135, 461-465; Bablit (...)

6Ma cosa sappiamo sulle corti di giustizia a Roma? Il parallelo tra la forma delle strutture ritrovate in Piazza della Madonna di Loreto e lo stile architettonico della curia con gradini laterali ci ha portato a ipotizzare la possibilità di individuare in questo complesso edificio la sede di un tribunale articolato in diverse aule comunicanti tra loro, che avrebbero potuto funzionare simultaneamente. Perciò è necessario capire il funzionamento dei tribunali a Roma, lo sviluppo delle magistrature incaricate dell’esecuzione dei processi giudiziari e i possibili collegamenti di queste istituzioni con l’edificio scoperto accanto al Foro di Traiano. Leanne Bablitz20 ha spiegato che una delle principali conseguenze degli sforzi di Augusto per mettere in ordine il caotico governo romano è stato l’aumento della burocrazia. Da quel momento cresce il numero dei pretori, che era di una decina al momento dell’arrivo al potere di Augusto21 e in seguito, durante il principato di Claudio, aumentarono fino a raggiungere un numero tra 14 e 1822. Al vertice del sistema dell’amministrazione della giustizia vi erano due magistrati: il pretore urbano e il pretore peregrino. C’è una grande controversia per quanto riguarda le funzioni di queste due cariche23. L’ipotesi più seguita propone una divisione di funzioni secondo la natura della disputa, essendo i pretori urbani gli incaricati della giustizia tra i cittadini romani, ed il pretore peregrino il magistrato che giudicava le dispute tra gli stranieri.

  • 24 Hor., Sat., 2, 6, 52; Hor., Ep., 1, 19, 8; Porph., Hor. Ep., 1, 19, 8; Ov., Am., 1, 13, 19-20; Per (...)
  • 25 È solo un’ipotesi. Le fonti permettono di collocare l’ubicazione del tribunale del pretore urbano (...)
  • 26 TH., 6; 13; 14; 15. Specialmente la tabula 14 ha permesso di collocare il tribunale del pretore ur (...)
  • 27 TPSulp., 13; 14; 15; 19; 27.

7La collocazione nell’area del Foro Romano dei tribunali dei pretori urbani e peregrini durante il periodo repubblicano sembra chiara per la maggior parte degli studiosi. Per quanto riguarda il pretore urbano, alcuni suggeriscono che, durante i primi trent’anni del principato di Augusto, il suo tribunale si trovasse nella parte orientale del Foro Romano24. Successivamente il tribunale fu istituito25 nel Forum Augusti, un fatto che trova conferma nelle Tabulae Herculanenses26 e Sulpiciorum27, una serie di documenti rinvenuti nell’area vesuviana in cui appaiono menzionati alcuni processi locali che furono trasferiti ai tribunali del Foro di Augusto a Roma.

  • 28 Varro, 12, 3; Liv., 27, 50, 9; Plin., Nat. Hist., 10, 20; Plut., Caes., 52; Ascon., Milo, 34. La p (...)
  • 29 Richardson 1973, p. 222.
  • 30 Giuliani – Verducchi 1993, p. 95-102.
  • 31 Nella parte orientale dei Rostri di Augusto nel Foro Romano, è stata rinvenuta un’iscrizione (CIL (...)
  • 32 Durante i rilevamenti nell’area è stato identificato un basamento in cementizio destinato a sosten (...)
  • 33 Nei commenti a Orazio del secolo III d.C. questa statua di Marsia è legata a diverse attività lega (...)
  • 34 Giuliani – Verducchi 1987, p. 95-102; Liverani 2007, p. 176.
  • 35 Seston 1927, p. 154-183.

8La sede del praetor peregrinus probabilmente fu collocata nel Foro Romano negli ultimi due secoli della Repubblica28. Richardson29 ha avanzato l’ipotesi che la sede di questo tribunale fosse stabilita in strutture provvisorie e dunque probabilmente non sia rimasta un’impronta archeologica che consenta di identificare quegli spazi. Giuliani e Verducchi30 individuarono i resti del tribunale del pretore peregrino31 sulla cosiddetta Aiola Di Marsia32, un basso podio che ospitava il tribunale di Naevius Surdinus (fig. 4), che era accompagnato da una statua che raffigurava un albero di fico, un ulivo e una statua di Marsia33, e che all’inizio dell’età imperiale doveva includere una grande piattaforma, forse rappresentata nei cosiddetti Plutea Traiani. Essi erano delle strutture in marmo verosimilmente collocate in prossimità dei Rostra che riproducevano alcune delle attività che si svolgevano nel Foro Romano nel primo terzo del II secolo d.C.34. In uno dei rilievi dei Plutea Traiani (fig. 5) è rappresentata una donna con due bambini, un magistrato seduto, e la statua di Marsia insieme al Ficus Ruminalis35.

Fig. 4 – Resti del podio del tribunal scoperto al centro del Foro Romano. Da Giuliani-Verducchi 1987.

Fig. 4 – Resti del podio del tribunal scoperto al centro del Foro Romano. Da Giuliani-Verducchi 1987.

Fig. 5 – Rilievi principali dei cosiddetti Plutea Traiani. Autore: Antonio Lopez Garcia.

Fig. 5 – Rilievi principali dei cosiddetti Plutea Traiani. Autore: Antonio Lopez Garcia.
  • 36 Castagnoli 1950, p. 75 -77; David 1995, p. 383; Bablitz 2007, p. 18; Neudecker 2010, p. 177.
  • 37 L’unica fonte che ci permette di avallare questa ipotesi per l’esedra occidentale del Foro di Augu (...)
  • 38 Questa teoria fu difesa soprattutto da Ricci e Gismondi. v. Zanker 1972, p. 4-5, Bauer 1977, p. 76 (...)
  • 39 Anderson 1984, p. 76.
  • 40 Bauer 1977, p. 166.
  • 41 Ungaro 2004, p. 17-35.
  • 42 Meneghini – Santangeli-Valenzani 2007.

9Il trasferimento dei tribunali presso il Foro di Augusto ha posto diversi problemi agli studiosi, che hanno tentato di ubicare gli spazi adatti per i processi giudiziari. La forma architettonica del Foro di Augusto consentirebbe di ipotizzare la posizione della corte del pretore in tre aree del foro: nella zona centrale aperta, nei portici situati ai lati dell’area centrale o infine nelle esedre che inglobavano i portici36. L’opzione più accettata è quella delle quattro esedre, poiché è lo spazio che può essere protetto più facilmente dagli elementi meteorologici37. C’è una polemica sulla copertura di queste esedre, poiché alcuni studiosi sostengono che questi spazi dovevano essere coperti per evitare gli eventi atmosferici38, La questione relativa alla copertura di queste esedre si pone in relazione al quesito sollevato da alcuni studiosi in merito all’eventuale protezione dagli agenti atmosferici; tuttavia, Anderson negò questa possibilità, perché secondo lui, la mancanza di illuminazione delle statue poste in questa parte del foro impedirebbe la corretta lettura delle iscrizioni che le accompagnavano39. Ciononostante, non dovremmo escludere l’esistenza di una copertura con aperture che consentisse una corretta illuminazione della decorazione del foro come aveva accennato già il Bauer40 o come presentano le più recenti ricostruzioni fatte da Ungaro41, Meneghini e Santangeli-Valenzani42.

  • 43 Ventura Villanueva 2006, p. 75-76.
  • 44 Suet., Claud., 23, 1: Rerum actum diuisum antea in hibernos aestiuosque menses coniunxit. iuris di (...)
  • 45 Suet. Galba, 14, 3: Iudicibus sextam decuriam adici precantibus non modo negavit, sed et concessum (...)
  • 46 Suet., Aug., 32, 2-3: Ac plerisque iudicandi munus detractantibus uix concessit, ut singulis decur (...)

10È importante capire che almeno fino al principato dell’imperatore Claudio, i processi penali erano limitati all’estate e all’inverno mentre in seguito il funzionamento dei tribunali si prolungherà per tutto l’anno43. Forse questo fatto ci potrebbe indicare un aumento del numero dei processi e la necessità di realizzare strutture che potessero reggere le piogge della primavera e dell’autunno. Secondo Svetonio, durante il principato di Claudio, i processi che prima si tenevano nei mesi invernali e in quelli estivi, furono eseguiti senza interruzione44. Svetonio ci informa che durante il principato di Galba, i giudici lo pregarono di aggiungere una sesta decuria. Galba non solo la negò, ma tolse ai giudici il privilegio dell’essere dispensati dalla convocazione alle assise in inverno e all’inizio dell’anno, come era stato concesso da Claudio45. Questi due passi di Svetonio ci fanno pensare che prima di Claudio i processi giudiziari fossero celebrati nei mesi con meno pioggia a Roma, evitando gli eventi atmosferici della primavera e dell’autunno. Da questi passi di Svetonio possiamo dedurre due possibilità compatibili fra loro. Forse la limitazione stagionale era dovuta allo svolgimento dei processi in luoghi all’aperto, per cui era completamente necessario evitare i mesi più piovosi e instabili. Questa possibilità potrebbe indicare un aumento del numero dei processi giudiziari durante il principato di Claudio, ma anche che i tribunali siano stati spostati in un luogo coperto che permettesse di svolgere i processi anche durante le stagioni più piovose e forse la necessità di realizzare strutture che potessero reggere le piogge della primavera e l’autunno. La Lex Iulia iudiciorum publicorum già prevedeva in età augustea che per un migliore andamento delle attività dei tribunali ogni decuria godesse, a turno, di un anno di vacanza e che la trattazione delle cause restasse sospesa nei mesi di novembre e di dicembre46.

  • 47 Varro, Lat., 5, 66: Itaque inde eius perforatum tectum, ut ea videatur divum, id est caelum. Cfr. (...)

11Secondo A. Ventura esiste un elemento da considerare per quanto riguarda il processo: nella fase in iure, era necessario che il praetor agisse sub divo, cioè gli dèi dovevano garantire e vedere i giuramenti. Perciò nel caso in cui il processo si celebrasse al coperto sarebbe stato necessario un oculo, una apertura nel tetto che permettesse agli dèi di osservare il processo47. Purtroppo, le fonti che riguardano la fase in iure dei processi giudiziari non sono chiare rispetto alla necessità di agire sub divo, né è possibile sapere se questa ipotetica pratica sia sopravvissuta nei secoli successivi quando i tribunali furono trasferiti definitivamente in spazi coperti. Dunque, il momento storico della trasferta dei processi all’interno di spazi coperti non è chiaro.

  • 48 In due dei vadimonia delle Tabulae Sulpiciorum (TSulp., 13; 14) viene usata una terminologia legal (...)
  • 49 Bablitz (2007, p. 23) ha suggerito che la collocazione dei tribunali nelle esedre del Foro di Augu (...)
  • 50 David 1995, p. 383-385.
  • 51 Ungaro 2004, p. 27-29.
  • 52 Castagnoli 1980, p. 91-92.
  • 53 Camodeca – Carnabuci 1996, p. 92.
  • 54 Cass. Dio, 60, 18, 3; Eutr., 7, 13, 2. v. Camodeca 1999, p. 66; Neudecker 2010, p. 167.

12Tornando alla posizione dei tribunali nella topografia romana, è possibile che con il trasferimento del pretore urbano al Foro di Augusto all’inizio del I secolo d.C. il tribunale del pretore peregrino sia stato spostato anche nello stesso spazio48. Ci sono pochissime fonti, tuttavia, che provino l’esistenza di quel tribunale nel Forum Augusti. È emersa la possibilità che, se il pretore urbano avesse avuto la sua sede giudiziaria nell’esedra occidentale del foro, e il tribunale del pretore peregrino potesse trovarsi nell’esedra orientale49. Secondo J. M. David50, il tribunale del pretore urbano era collocato nella cosiddetta Aula del Colosso e quello del pretore peregrino sarebbe stato disposto in una posizione simmetrica rispetto al Tempio di Marte Ultore nel portico meridionale. L. Ungaro51, tuttavia, ha considerato questa proposta inaccettabile, poiché la ricca ornamentazione dell’Aula del Colosso è contemporanea al resto del complesso forense ed era destinata dalla sua fondazione a ospitare la statua del genio di Augusto. F Castagnoli52, seguito anche da G. Camodeca ed E. Carnabuci53, propose che le grandi esedre situate accanto al Tempio di Marte potessero funzionare come tribunali. Secondo G. Camodeca, il terminus post quem della collocazione del pretore peregrino nel Foro di Augusto sarebbe intorno al 44 d.C., quando compare la prima attestazione della statua trionfale di Cn. Sentio Saturnino, che viene menzionata in alcuni documenti vadimoniali. Saturnino avrebbe ricoperto il consolato ordinario durante la campagna di Claudio in Britannia e ricevuto in quella data una statua onoraria54.

  • 55 Coarelli 2019, p. 317.
  • 56 Chastagnol 1960, p. 66.
  • 57 Vitucci 1956, p. 59; Santalucia 1979, p. 92; Santalucia 1992, p. 215-216.
  • 58 Coarelli 2019, p. 316.
  • 59 Santalucia 1992, p. 219; Coarelli 2019, p. 316.
  • 60 Tra l’età di Claudio e l’età di Nerone, in casi di particolare importanza politica si giudicava a (...)
  • 61 Bablitz 2007, p. 44.
  • 62 Bablitz 2007, p. 34-44.

13Fino al III secolo l’ufficio del pretore urbano ebbe una sorta di concorrenza con quello del prefetto dell’Urbe, una magistratura che aveva la sua origine nell’omonima figura del praefectus Urbi di età repubblicana e che era stata rinnovata da Augusto. Dalla fine del II secolo, il ruolo del prefetto dell’Urbe diventa più importante e sostituisce in molti casi le funzioni tradizionalmente legate alla pretura urbana, come per esempio la competenza sui processi civili più importanti. Questo processo di concentrazione del potere nelle mani del prefetto urbano si concluderà all’inizio del IV secolo55. Nel 270-273 d.C., Aureliano costruì i Castra Urbana nel Campo Marzio e il prefetto diventò una magistratura ancora più influente. Da quel momento le cohortes urbanae diventano il corpo militare più importante a Roma. Con lo spostamento degli imperatori in altre città dell’Impero, le guardie pretoriane persero la loro funzione a Roma e il loro posto fu occupato dalle cohortes urbanae, sotto il commando del prefetto urbano56. Dal dominato di Costantino, i prefetti urbani presiedettero inoltre il Senato, che ormai aveva perso le sue principali attribuzioni repubblicane. Il praefectus Urbi diventò l’intermediario tra le assemblee e l’imperatore. Già dai tempi di Marco Aurelio alla fine del II secolo, il prefetto urbano aveva il monopolio della giurisdizione criminale. La riforma del sistema giudiziario in questo secolo, con la scomparsa delle quaestiones perpetuae ed il declino delle alte magistrature57, porta all’acquisizione di maggior poter da parte della prefettura urbana, che poteva giudicare tutti i processi salvo quelli riservati all’imperatore o al Senato58. All’età di Settimio Severo, quando le cognitiones extra ordinem diventano il processo più comune, i tribunali si spostano definitivamente in ambienti chiusi – auditoria59, il che comporta senza dubbio un cambiamento degli spazi per lo sviluppo dei processi penali60. Sappiamo che dal momento in cui le cognitiones extra ordinem divengono il tipo di procedura più comune, la figura dell’imperatore assume maggiore importanza per il sistema giudiziario romano. Le fonti menzionano le attività giudiziarie degli imperatori in diversi posti: le basiliche, il Foro Romano, il Foro di Augusto, il Pantheon, il Portico di Livia e anche nel palazzo imperiale e negli horti61. Il prefetto urbano, essendo l’autorità giudiziaria con più potere sotto la figura dell’imperatore, controllava la maggior parte delle cause, ma sappiamo che alle attività del praefectus Urbi si aggiungevano anche i tribunali di altri magistrati minori e funzionari che avevano anche attribuzioni giudiziarie e potevano avere tribunali propri come i consules, gli aediles, il praefectus annonae, i praefecti aerarii, il procurator fisci, il praefectus vigilum, i tresviri capitales e i curatores62.

  • 63 Chastagnol 1960, p. 85; Solidoro Maurotti 1993, p. 228-233; Ruciński 2009, p. 127-128.
  • 64 Ulp., Dig., 1, 12, 1.
  • 65 Ruciński 2009, p. 216.

14In materia di giurisdizione civile, il prefetto urbano accumulò le attribuzioni dei consoli e dei pretori63. A partire da Settimio Severo il prefetto diventò il giudice ordinario per i crimini commessi entro un raggio di cento miglia da Roma64. Per quanto riguarda la giurisdizione civile, da Adriano, il prefetto urbano diventò il giudice ordinario per tutte le causae pecuniariae, le frodi, e da Settimio Severo in poi acquisì anche la competenza sulle tariffe per il cibo e la vendita di schiavi e di animali65. Tutti questi cambiamenti ci portano alla ricerca degli spazi utilizzati dalla Prefettura Urbana per svolgere i processi giudiziari.

  • 66 Lyd., Mag., 1, 34: Nam operum scrinium, cum initio non fuisset, Augustus magistratui addidit, basi (...)
  • 67 Coarelli 2019, p. 317.
  • 68 La Rocca 2001, p. 193-195; La Rocca 2011, p. 991-1012; Carnabuci 2006, p. 182.
  • 69 Vigneaux 1896, p. 124; Gagliardi 2005, p. 385; Van den Berg 2014, p. 197.

15La posizione del tribunal del praefectus Urbi all’inizio dell’età imperiale è indicata soltanto da Giovanni Lido66, che menziona la costruzione di una basilica da parte di Augusto, senza indicare tuttavia il nome preciso di questo spazio. Gli studiosi hanno proposto diverse ubicazioni per la sede della prefettura: la Basilica Paulli67 e la Basilica Antoniarum68; e la Basilica Iulia69. Purtroppo, non sono chiare né l’ubicazione della basilica menzionata né la forma esatta dell’edificio.

  • 70 De Rossi 1867, p. 61-72; Lanciani 1882; Gatti 1960, p. 214-217; Coarelli 1990; Machado 2019, p. 35 (...)
  • 71 Palombi 2016, p. 20 contra Gros 2001, p. 108.
  • 72 Coarelli 2019, p. 323-324.
  • 73 Caruso – Volpe 1995; Volpe 2000; La Rocca 2000; Amoroso 2007; Marchese 2007, p. 613-634, Volpe 201 (...)
  • 74 Il recente contributo di F. Coarelli (2019, p. 384-387) contiene un’interessante critica alle teor (...)

16Sembra possibile che, dall’età di Vespasiano, la Prefettura Urbana abbia avuto un certo rapporto con il Templum Pacis70. È difficile dimostrare che la scoperta di piante marmoree di età vespasianea nel Templum Pacis sia in rapporto diretto con la sede della prefettura come alcuni studiosi hanno proposto, ma è ugualmente difficile dimostrare che il foro abbia avuto unicamente funzioni celebrative e cultuali come ribadito di recente da Palombi71. Secondo Coarelli72, i tribunali della Prefettura Urbana furono collocati nelle absidi del Templum Pacis e sarebbero stati due aule poste alle estremità a modo d’auditoria, ma l’unica spiegazione che egli trova è basata nella somiglianza della pianta della Biblioteca di Adriano ad Atene, e dunque è un’idea indimostrabile. Secondo questa proposta, lo spazio occupato da questi tribunali altoimperiali sarebbe stato eliminato nel IV secolo per la costruzione della Basilica di Massenzio che avrebbe sostituito come sede del tribunale del prefetto urbano come vedremo più avanti. Altri studiosi hanno voluto collocare la sede della Prefettura Urbana dell’età flavia nell’area dell’attuale chiesa di San Pietro in Vincoli73, basandosi sulla presenza di diverse iscrizioni di età tardoantica legate alla figura del praefectus Urbi, e anche sulla apparizione dei resti di un edificio di età flavia; che fu successivamente inglobato nelle Terme di Traiano e presenta un affresco con una rappresentazione di una città portuale e un altro affresco con una scena di vendemmia, il quale è stato erroneamente interpretato come una rappresentazione di alcune delle attribuzioni della Prefettura Urbana. La presenza della Prefettura Urbana in questo spazio è assai improbabile, come è stato dimostrato da F. Coarelli74. Dunque, a nostro avviso sembra più probabile che almeno nel periodo flavio la sede della prefettura e il tribunale del praefectus Urbi fossero situati al Templum Pacis, piuttosto che nell’edificio sotto le Terme di Traiano.

  • 75 Cass. Dio, 68.10.2: Τραϊανὸς δὲ τά τε νικητήρια ἤγαγε καὶ Δακικὸς ἐπωνομάσθη, ἔν τε τῷ θεάτρῳ μονο (...)
  • 76 Anderson 1984, p. 98, 163.
  • 77 CIL VI, 1599. Nel secolo IV furono dedicate altre. v. CIL VI, 1721; 1764. La teoria di Anderson (1 (...)

17All’epoca di Traiano, il Foro di Augusto ancora ospitava certi tribunali e alcune leggi venivano affisse in questo spazio75. Secondo J. C. Anderson76, nel Forum Augustum continuava a svolgersi l’attività giudiziaria anche dopo l’inaugurazione del Foro di Traiano, un’ipotesi basata su alcune menzioni epigrafiche relative alla prefettura del pretorio. Nel II secolo d.C. abbiamo meno notizie di dediche ed eventi giudiziari nel Foro di Augusto. Questo fatto è stato interpretato come una possibile trasmissione delle funzioni dal Foro di Augusto a quello di Traiano77.

  • 78 Hist. Aug., Hadrian, 19, 10: Romae instauravit Pantheum, Saepta, Basilicam Neptuni, sacras aedes p (...)
  • 79 CIL VI, 207 = 30715.

18Sappiamo che ai tempi di Adriano vi furono eseguiti dei lavori presso il Foro di Augusto78, un fatto che probabilmente trova conferma in un’epigrafe del 128 d.C., scoperta nel foro, che ricorda la dedica di una aedicula da parte dell’imperatore79 e che secondo Anderson indicherebbe la possibilità che certi lavori di riparazione del foro si fossero svolti durante l’età adrianea.

Fig. 6 – Ricostruzione di una delle esedre del Foro di Augusto come tribunale (Sovrintendenza di Roma Capitale). Autore: INKLINK Studio e Roberto Meneghini.

Fig. 6 – Ricostruzione di una delle esedre del Foro di Augusto come tribunale (Sovrintendenza di Roma Capitale). Autore: INKLINK Studio e Roberto Meneghini.
  • 80 Packer 1997, p. 243-244, 431.
  • 81 Secondo Packer, queste absidi avrebbero avuto un secondo piano con finestre, nonostante, negli sca (...)
  • 82 Giuliani – Verducchi 1993, p. 178.
  • 83 Anderson 1984, p. 166.
  • 84 La Rocca 1995, p. 226; Carnabuci 1996, p. 17, 24; Meneghini 2002, p. 661-669; Meneghini 2009, p. 1 (...)
  • 85 Mart., 2, 64: Dum modo causidicum, dum te modo rhetora fingis Et non decernis, Laure, quid esse ve (...)
  • 86 Juv., 13, 135: Sed si cuncta uides simili fora plena querella.
  • 87 Gell., 13, 25,1-2: In fastigiis fori Traiani simulacra sunt sita circum undique inaurata equorum a (...)
  • 88 Cod. Theod., I, 6, 3 (a. 361); IV, 12, 5 (a. 314); IX, 7, 6 (a. 390); IX, 17, 3 (a. 356); IX, 19, (...)

19Riguardo l’attività giudiziaria del Foro di Traiano, finora sono state proposte diverse teorie. Considerando le proposte menzionate sull’organizzazione dello spazio del Foro di Augusto, alcuni studiosi hanno proposto diverse ipotesi per la collocazione delle attività giudiziarie (fig. 6). Secondo James Packer80, il progetto del foro sarebbe stato in parte un’imitazione del Foro di Augusto, lasciando un numero di spazi da utilizzare come tribunali che appaiono disegnati come absidi sulla Forma Urbis Romae. In queste absidi sarebbero stati scollocati i magistrati su un piano rialzato, al quale si accedeva tramite una scala interna. Secondo questa teoria, la scala sarebbe stata omessa nella rappresentazione della Forma Urbis81. Altri autori propongono che la zona centrale della Basilica Ulpia avrebbe potuto ulteriormente ospitare diversi tribunali, ma questa opzione non è molto chiara82. Invece, Anderson83 ha interpretato le absidi della Basilica Ulpia come magazzini per libri e archivi, piuttosto che come tribunali, che secondo la sua teoria sarebbero posizionati in mezzo alla navata centrale della basilica e lo spazio aperto del foro84. Per quanto riguarda i portici del foro, è improbabile che abbiano potuto accogliere tribunali, benché sia possibile che alcune questioni giudiziarie siano state trattate in questi spazi, forse nello stesso modo in cui si sarebbero svolte nel Foro di Augusto. Anche se è verosimile che, come afferma Anderson, il Foro di Traiano abbia sostituito il Foro di Augusto come sede principale della giustizia romana, è tuttavia impossibile confermare questa possibilità. Sappiamo in maniera indiretta, grazie ad un passaggio di Marziale85, che nei tribunali forensi di Roma la saturazione doveva essere molto alta nel periodo precedente alla costruzione del Foro di Traiano. Perciò non possiamo escludere che uno dei motivi principali per la realizzazione di un foro sia stato quello di aprire nuovi spazi per lo svolgimento delle attività giudiziarie. Ma Giovenale parlava degli affollamenti ancora nei primi due decenni del II secolo86, quando il Foro di Traiano era già stato inaugurato. È dunque inevitabile chiedersi se la costruzione di nuovi spazi preposti all’attività giudiziaria sia effettivamente una conseguenza di tali affollamenti, verificatisi durante i principati di Traiano e Adriano. L’unica notizia che abbiamo riguardo l’esistenza di un tribunale consolare nelle vicinanze del Foro di Traiano è un passo di Aulo Gellio87 in cui racconta come Favorino passeggiasse per il foro e aspettasse il suo amico console, che era alle udienze nel suo tribunale. Questo passo indica chiaramente che il tribunale si trovava presso il Foro di Traiano, benché non sappiamo se quello ricordato da Gellio fosse un evento occasionale o se questo tribunale avesse una sede fissa nel foro o nelle sue vicinanze. Riguardo la possibilità di collegare il Foro di Traiano con la figura del praefectus Urbi e la vita giudiziaria tardoantica, abbiamo soltanto un difficile aggancio che dimostrerebbe unicamente l’importanza di questo spazio al livello amministrativo, ma non per quanto riguarda i processi giudiziari. Nel Codice Teodosiano il luogo appare menzionato come un luogo comune per la pubblicazione di alcune leggi88, il che potrebbe far pensare ad un legame speciale con la prefettura urbana almeno in età tardoantica. Ma l’assenza di fonti per i due secoli precedenti non permette di legare in alcun modo la magistratura del praefectus Urbi con le attività amministrative o giudiziarie del foro o le sue vicinanze.

  • 89 Coarelli 1986; 1989; 2019.
  • 90 Chastagnol 1960, p. 381; Nash 1976, p. 194; De Giovanni 2007, p. 294; Machado 2019, p. 33-35.
  • 91 Cod. Theod., II, 1, 8, 3 (a. 359); XIII, 9, 6 (a. 412).
  • 92 Coarelli 2019, p. 380-383.
  • 93 Symm., Relat., 23, 4: Nam cum ad examinandos actus v.c. Bassi ex praefecto urbi potestas vicaria a (...)
  • 94 Secondo Caré (2005, p. 38), questo podio doveva invece sostenere una statua.
  • 95 Coarelli 2019, p. 378.
  • 96 Fabiani – Coccia 2003; Coarelli 2019, p. 376-377.

20In merito alla posizione dei tribunalia nel tardo impero, F. Coarelli89 ha proposto in diverse occasioni la Basilica di Massenzio come sede della Prefettura Urbana e anche sede del tribunale principale del praefectus Urbi. Le riforme della procedura giudiziaria in età tardoimperiale avrebbero potuto influire sulla costruzione degli spazi destinati alle sedute giudiziarie. Nel IV secolo, le sedute divennero segrete90, e dunque un nuovo tipo di struttura chiamata secretarium sarebbe nata in questo momento91. Secondo F. Coarelli92, l’abside settentrionale della Basilica di Massenzio (18,8 × 9 m) avrebbe potuto ospitare il tribunal del secretarium commune della prefettura menzionato da Simmaco93, considerando la forma dell’alto podio di laterizio presente nell’edificio94 poteva essere destinato a isolare il magistrato e i giudici95. Com’è stato dimostrato dagli scavi più recenti, l’abside sarebbe stata aggiunta alla fine del IV secolo e non in età costantiniana, come ancora frequentemente appare menzionato in diversi autori96. Questo spazio costituirebbe uno sfondo teatrale imponente degno del tribunale più importante della città, ma era anche un’area chiudibile e isolabile dal resto del complesso della basilica, il che potrebbe rispondere alle nuove esigenze delle procedure giudiziarie.

  • 97 La scenografia dell’abside è stata messa in confronto con quella rappresentata nel dittico d’avori (...)
  • 98 Esistono diverse epigrafi datati a partire dal 350 che menzionano l’esistenza di secretaria a Roma (...)
  • 99 Sid., Ep. 1, 2, 4: […] pellitorum turba satellitum ne absit, admittitur, ne obstrepat, eliminatur, (...)
  • 100 Coarelli 2019, p. 381.
  • 101 Vogliamo riportare di seguito le parole di Coarelli (2019, p. 379) riguardo la sua interpretazione (...)

21La presenza di una tribuna soprelevata – il podio di laterizio97 – potrebbe far pensare che questa abside, aggiunta alla fine del IV secolo in contemporanea con una nuova riforma del sistema giudiziario98, avrebbe funzionato come un secretarium chiudibile con un cancellum e un velum per eliminare i rumori della folla, come Sidonio Apollinare99 descrive in una delle sue lettere100. La soluzione proposta per questo edificio non è supportata dalle fonti scritte: al contrario si presenta sostenibile prendendo in considerazione ed utilizzando le fonti archeologiche101.

  • 102 CIL VI, 37114 = EDR071667: Salvis d]d. nn. inclytis semper Augg., [po]rticu[m] cum scriniis Tellur (...)
  • 103 Amoroso 2007; Färber 2012.
  • 104 Palombi 1997; Coarelli 2019, p. 388-390.

22Due epigrafi102 con un testo identico menzionano un intervento di restauro eseguito dal prefetto Valerio Bellicio tra il 421 e il 423, in un posto chiamato secretarium Tellurensis, che sarebbe composto da un settore destinato ai processi – tribunalia  e un altro settore burocratico – scrinia. La posizione topografica di questo secretarium non è chiara, a causa della mancanza di evidenze archeologiche e le difficoltà aggiunte del settore della Velia. Alcuni studiosi hanno proposto un’ipotesi riguardo all’esistenza di un «quartiere» della Prefettura Urbana103. Il secretarium Tellurensis è stato anche messo in rapporto con una serie di strutture che dovevano essere visibili ancora nel XVI secolo nell’area a nord-est della Basilica di Massenzio104.

Morfologia dei tribunalia

23Non sappiamo con certezza quale fosse la forma dei tribunali di Roma. Soltanto attraverso alcune fonti antiche è stato possibile formulare diverse ipotesi sulla morfologia interna delle corti di giustizia romane. Non c’è dubbio che la conoscenza di questo aspetto potrebbe semplificare l’identificazione di un tribunale nell’edificio della Piazza della Madonna di Loreto, e per questo motivo esamineremo diligentemente il funzionamento di alcuni tribunali attraverso le fonti scritte antiche, che rivelano alcuni aspetti di speciale interesse per questa indagine.

  • 105 Bablitz 2007, p. 51; 2018, p. 534-535.
  • 106 Greenidge 1901, p. 415; Jones 1972, p. 48-97; Robinson 1995, p. 1-14; Brennan 2000, p. 235-238; Sa (...)
  • 107 Suet., Aug., 29, 1.
  • 108 Bablitz 2007, p. 12; Bablitz 2018, p. 529-530.
  • 109 Cic., De Or., 1, 38, 173. v. Kelly 1976, p. 1-39; Gagliardi 2005, p. 387.
  • 110 Plin., Ep., 6, 33, 3: Sedebant centum et octoginta iudices tot enim quattuor consiliis colliguntur (...)
  • 111 Gagliardi 2005, p. 385; Van den Berg 2014, p. 197.

24Secondo Bablitz105, a seconda della natura dell’udienza e della fase della causa, le dimensioni e il funzionamento del tribunale potrebbero facilmente cambiare, un fatto che rende quasi impossibile riconoscere un tipo standard di tribunali. Nella tarda repubblica e nella prima età imperiale, i principali tribunali che giudicavano le cause criminali erano le quaestiones perpetuae, che erano presiedute dai consules e i pretori. Questi tribunali trattavano certi tipi specifici di crimini, come per esempio i casi di omicidio, avvelenamenti, adulteri, ecc. Le quaestiones erano seguite da un albo formato da 50 giudici106. Nel 3 a.C. le quaestiones perpetuae si trasferirono dagli spazi del Foro Romano al Foro di Augusto107. Nella prima età imperiale sorse la corte dei centumviri, che all’età di Traiano sappiamo essere stata composta da 180 giudici, separati in quattro tribunali da 45 membri ciascuno, che ascoltavano le cause individualmente e poi giudicavano insieme108. Questo tribunale giudicava casi di eredità e affari di proprietà di grande valore109. Sappiamo da un passaggio di Plinio il Giovane110 che, almeno fino alla fine del I secolo d.C. e all’inizio del II secolo, lo spazio utilizzato dalla corte dei centumviri era la Basilica Iulia111.

  • 112 L’analisi delle Istituzioni Oratorie di Quintiliano è di grande interesse per la ricostruzione del (...)
  • 113 Talbert 1984, p. 122-123, Bablitz 2007, p. 53.
  • 114 Questo tasso verrebbe eliminato da Nerone: Suet., Ner., 17.
  • 115 Quint., Inst., 6, 1, 39: Incumbere advocato adversis subselliis sedenti contumeliosum.

25Alle udienze pubbliche partecipava un gran numero di persone, come i giuristi, librarii, pragmatici, nomenclatores112, a volte un vasto pubblico, oltre a giudici e litiganti. Nel caso dei tribunali del praefectus urbi, presumibilmente erano formati da un consiglio di assessori che partecipavano alle udienze, anche se non al verdetto finale. Uno degli elementi più caratteristici delle sale di udienza è il subsellium, su cui sono collocati i partecipanti del pubblico. Una panchina dello stesso tipo di quella che si usava nella Curia Iulia113. Questo tipo di panchina era usata anche nelle udienze dei tribunali all’aperto, ed era in tali occasioni noleggiato dall’Aerarium alle parti in causa114. L’interno della stanza doveva essere chiaramente suddiviso in almeno tre parti, un fatto suggerito esplicitamente da Quintiliano115. In una parte sarebbero stati collocati il magistrato principale e i giudici, e negli altri due le parti in causa insieme ai loro avvocati.

  • 116 Bablitz 2007, p. 59-61.

26Ci sono due possibili configurazioni per l’interno dell’aula: la prima (fig. 7) è una conformazione in cui le parti in causa e i loro avvocati sono collocati su uno dei lati della sala e proprio di fronte è situato il magistrato circondato dai giudici e collaboratori, in modo che entrambe possano ascoltare direttamente i giudici. In questo modo non ci sarebbe una visione diretta tra le parti, dando maggiore importanza ai magistrati durante l’udienza.116 L’altra configurazione (fig. 8) consiste in uno schema con una forma a «U», in cui i litiganti sono affrontati, i giudici sono seduti a uno degli estremi della sala, costringendo i litiganti e gli avvocati a mantenere una posizione ruotata nei subsellia per poter presentare la causa.

Fig. 7 – Configurazione interna del tribunale A. Autore: Antonio Lopez Garcia.

Fig. 7 – Configurazione interna del tribunale A. Autore: Antonio Lopez Garcia.

Fig. 8. – Configurazione interna di un tribunale B. Autore: Antonio Lopez Garcia.

Fig. 8. – Configurazione interna di un tribunale B. Autore: Antonio Lopez Garcia.
  • 117 Quint., Inst., 11, 3, 127: Praecipi et illud scio, ne ambulantes avertamur a iudicibus, sed sint o (...)
  • 118 Bablitz 2007, p. 61, Tuori 2010, p. 51-63.

27Secondo Quintiliano, in alcuni casi si svolgevano udienze private, che di solito si sviluppavano in spazi chiusi ed erano molto più piccole di quelle utilizzate nelle udienze pubbliche117. Questo tipo di udienze private poteva anche essere svolto in case private, in auditoria e negli uffici anagrafici118.

  • 119 Mart., 11, 98: Effugere non est, Flacce, basiatores. Instant, morantur, persecuntur, occurrunt, Et (...)
  • 120 Greenidge 1901, p. 133, 458; Johnson 1927, p. 27, 32; Kennedy 1972, p. 16; Bablitz 2007, p. 30; Ne (...)

28Il magistrato occupava uno spazio preminente nella corte sulla sella curulis119, situata approssimativamente a un’altezza compresa tra 1 e 1,25 m. Intorno al magistrato i giudici erano collocati nei subsellia120.

Una corte di giustizia negli auditoria di Adriano?

  • 121 D’Orgeval 1950; D’Ors 1965; Tuori 2016, p. 196-199.

29La costruzione del Foro di Traiano ha segnato molto probabilmente una tappa fondamentale nel funzionamento dei tribunali di tutta la città di Roma. L’affollamento dei fori per le cause nel periodo tra la fine del I secolo e gli inizi del II secolo che abbiamo menzionato in precedenza può avere avuto un ruolo importante per la creazione di nuovi spazi per lo svolgimento delle attività giudiziarie. Le fonti ci informano del fatto che durante il principato di Traiano, il Foro di Augusto ha svolto la funzione di tribunale, ospitando i pretori urbani e peregrini. Con ogni probabilità la crescita dell’impero in età traianea portò ad un aumento del numero di udienze nel Foro di Augusto, e forse per questo motivo nei decenni successivi il Forum Traiani ha iniziato a operare come sede dei tribunali in parallelo. Intorno all’anno 128 d.C., Adriano iniziò i lavori per il restauro del Foro di Augusto, un fatto che potrebbe segnare l’inizio del funzionamento del Foro di Traiano per ospitare alcuni tribunali. Non è impossibile che l’edificio trovato in Piazza della Madonna di Loreto possa essere correlato alla comparsa dei tribunali nel Forum Traiani, non solo per la sua vicinanza, ma anche perché le riforme dell’amministrazione giudiziaria nel periodo adrianeo121 hanno potuto comportare numerosi cambiamenti nelle necessità spaziali dei tribunalia.

  • 122 Lopez Garcia 2015a, p. 132
  • 123 In Lopez Garcia (2015a, p. 132) si propone fino 428 persone sedute in subsellia, una cifra piuttos (...)

30Non sappiamo se questo edificio sia stato mai utilizzato da una corte centumvirale – il tipo di tribunale di giustizia più grande di cui abbiamo notizia –, ma possiamo immaginare che una seduta dell’intero albo sia stata possibile negli auditoria della Piazza della Madonna di Loreto, poiché lo spazio di ogni aula permetteva riunioni di circa 340 persone122, una capienza sufficiente ad ospitare un’intera corte di questo tipo (fig. 12)123. Indubbiamente la superficie dei gradini delle aule di questo edificio potrebbe ospitare un pubblico di dimensioni considerevoli, anche se non troveremmo spazio per ospitare un vasto pubblico esterno, che a volte viene menzionato nelle fonti per alcuni tipi di tribunali. Dunque, si potrebbe pensare che il tipo di udienze che avrebbero potuto svolgersi in un edificio di questa natura possa avere avuto una limitata presenza pubblica.

31Nel caso in cui gli auditoria di questo edificio avessero funzionato come tribunale, questi avrebbero potuto adattarsi perfettamente a una configurazione in cui i giudici fossero collocati su una delle gradinate – ovviamente su subsellia, forse con uno spazio centrale riservato al magistrato principale – e gli altri operatori del diritto insieme alle parti sulla gradinata opposta, divisa in due da qualche tipo di paramento di legno (fig. 9). Gli auditoria permetterebbero un’altra configurazione. In questo caso le stanze, le due parti del processo giudiziario e i loro avvocati sarebbero stati collocati su entrambe le gradinate, una di fronte all’altra. In questo caso, i giudici sarebbero stati sistemati nello spazio libero accanto alle scale in una struttura di legno che avrebbe potuto ospitare sia la sella curulis del magistrato che i subsellia per i giudici (fig. 10). Purtroppo, la difficoltà nel trovare tracce di resti lignei negli scavi archeologici di Roma non ha permesso confermare queste ipotesi.

Fig. 9 – Configurazione del tribunale con le parti e giudici affrontati. Autore: Antonio Lopez Garcia.

Fig. 9 – Configurazione del tribunale con le parti e giudici affrontati. Autore: Antonio Lopez Garcia.

Fig. 10 – Configurazione del tribunale con le parti affrontate e i giudici disposti su uno dei lati minori. Autore: Antonio Lopez Garcia.

Fig. 10 – Configurazione del tribunale con le parti affrontate e i giudici disposti su uno dei lati minori. Autore: Antonio Lopez Garcia.
  • 124 Nell’angolo tra via della Polveriera e via del Colosseo, sono state rinvenute altre tre epigrafi n (...)
  • 125 Orlandi 2013.
  • 126 Silvia Orlandi (2013, p. 46) ha ipotizzato che le basi avrebbero potuto occupare lo spazio all’est (...)

32All’interno dell’edificio sono state trovate due epigrafi dedicate dal praefectus urbi Felix Fabius Passifilus Paulinus, che avrebbe svolto la sua carriera nella seconda metà del V secolo124. La giacitura delle basi nello scavo è stata interpretata come secondaria125, poiché una di loro è stata riutilizzata. Nonostante ciò, è molto probabile abbiano sempre fatto parte dell’edificio126. Il testo delle basi di statua trovate è identico:

Fabius Felix Passifilus / Paulinus, v(ir) c(larissimus) et / inl(ustris) / praef(ectus) Urb(i) / studiis suis.

  • 127 Orlandi (2013, p. 49), nella sua difesa della teoria dell’Athenaeum aveva già negato la possibilit (...)
  • 128 CIL III, 352 = 7000 = MAMA, VII, 305; CIL X, 7940; CIL III, 124 = CLE, 622.

33Il testo ricorda un intervento ad opera del prefetto urbano Paulinus (fig. 11). Come ha dimostrato S. Orlandi, i prefetti di età tardoantica ricordavano spesso certi interventi edilizi mediante l’iscrizione di epigrafi poste sulle basi delle proprie statue. A volte, l’erezione di statue si può mettere in rapporto con un generale restauro di un edificio. In questo caso il testo presenta un’espressione – studiis suis – che non era mai stata attestata nell’intero panorama dell’epigrafia latina127. Ci sono diversi casi noti di testi epigrafici128 che permettono di chiarire che la dedica da parte di Fabius Felix Passifilus Paulinus non è altro che un modo per indicare che l’intervento è stato fatto ad iniziativa – e probabilmente a spesa – di questo personaggio.

Fig. 11 – Epigrafi ritrovate negli scavi in Piazza della Madonna di Loreto. (MiBACT). Autore: Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo.

Fig. 11 – Epigrafi ritrovate negli scavi in Piazza della Madonna di Loreto. (MiBACT). Autore: Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo.
  • 129 Ambrogi (2011, p. 522) attribuisce gli interventi di Passifilus Paulinus ai restauri dopo il sacch (...)

34La presenza di queste due dediche mette l’edificio in rapporto diretto con gli interventi edilizi in spazi civici del prefetto urbano nel V secolo, un periodo in cui Roma era stata colpita da numerose crisi129. Il ritrovamento di due epigrafi che potrebbero indicare il restauro o l’abbellimento di un edificio dal carattere nettamente pubblico ci suggerisce che forse ebbe un certo rapporto in età tardoantica con la figura del prefetto urbano. Questo magistrato era il responsabile del sistema giudiziario a Roma, almeno da due secoli prima, ma questa è soltanto un’ipotesi difficile da dimostrare. La distruzione dell’edificio nei secoli successivi non ha permesso di capire quale tipo di intervento sia avvenuto nel V secolo, ma la semplice decorazione dell’edificio con due statue erette ad iniziativa personale di Passifilus Paulinus ci permette di concepire la particolarità di questo spazio unico a Roma, al quale, forse, il prefetto urbano era particolarmente legato.

Fig. 12 – Ricostruzione dei sedili all’interno degli Auditoria della Piazza della Madonna di Loreto secondo la teoria spaziale di Taylor e Scott. Autore: Antonio Lopez Garcia.

Fig. 12 – Ricostruzione dei sedili all’interno degli Auditoria della Piazza della Madonna di Loreto secondo la teoria spaziale di Taylor e Scott. Autore: Antonio Lopez Garcia.

35L’esistenza di diversi auditoria ci fa pensare invece a una corte di giustizia. Questa opzione potrebbe essere correlata con l’espansione dell’attività giudiziaria ad altre parti della città. Come abbiamo visto, le fonti scritte menzionano spesso l’esistenza di diversi tribunali in luoghi sparsi, all’aperto e anche chiusi. Lo sviluppo delle procedure giudiziarie avrebbe permesso la creazione di nuovi spazi destinati all’esecuzione dei processi dai magistrati in carica e anche da certi tipi di funzionari con attribuzioni giudiziarie. È molto probabile che l’affollamento di certi spazi come conseguenza delle attività giudiziarie e la necessità di sviluppare i processi in condizioni di sicurezza abbiano portato alla costruzione di spazi adibiti alle riunioni di numerose persone.

  • 130 Gell., 13, 13, 1: Cum ex angulis secretisque librorum ac magistrorum in medium iam hominum et in l (...)
  • 131 Bremer 1868, p. 11-13.
  • 132 Kubler 1925, p. 152; Weiss 1929, p. 2210; Kunkel 1967, p. 339-340 contra Schulz 1946, p. 122.
  • 133 Schol. Iuv., 1, 128 (Prob.): Hic est Apollo (inquit Probus), cuius et Horatius meminit: “Sic me se (...)
  • 134 Liebs 1976; Tuori 2010, p. 51-52.

36La funzione didattica dell’edificio è da avvalorare unicamente se consideriamo un passo di Aulo Gellio in cui si fa riferimento alle stationes dove gli iuris studiosi si riunivano130. Bremer131 propose che le stationes menzionate da Gellio fossero uffici di giuristi aperti al pubblico e che dovessero essere una sorta di auditoria utilizzati per insegnare la giurisprudenza e risolvere questioni giuridiche132. Da un altro passo di uno scoliasta di Giovenale133 è stato dedotto che le stationes dovessero essere nelle vicinanze della Bibliotheca Ad Apollinis sul Palatino134. Purtroppo, neanche in questo caso è stato possibile collegare direttamente l’edificio con un’istituzione di questo tipo. Considerando le enormi dimensioni, la decorazione e la posizione topografica degli auditoria di Adriano, sembra più probabile che almeno questo spazio abbia avuto un ruolo più importante. Anche se l’esistenza di almeno un altro piano e di altri spazi collegabili potrebbe fare ipotizzare che alcune parti dell’edificio abbiano avuto un qualche rapporto con le stationes menzionate da Aulo Gellio, questa ipotesi rimane, come abbiamo visto, indimostrabile.

37La possibilità di individuare una corte di giustizia nelle strutture della Piazza della Madonna di Loreto diventa ancora più verosimile se si considerano le frequenti menzioni nelle fonti relative alle attività amministrative e giudiziarie presso il Foro di Traiano. Sfortunatamente, come nel caso delle ipotesi sulla Basilica di Massenzio e il rapporto con la sede della Prefettura Urbana, il secretarium Tellurensis, i tribunalia e gli scrinia, le fonti scritte sono assai meno chiare delle evidenze archeologiche. Il rapporto spaziale tra questo edificio e la Curia – almeno nella sua concezione dioclezianea – suggerisce una funzione di tipo assemblearia per l’edificio di Piazza della Madonna di Loreto. E cos’altro potrebbe essere se non un luogo destinato alle riunioni? Lo studio dell’ipotesi iniziale che metteva l’edificio in rapporto con l’Athenaeum di Adriano ha dimostrato che l’opzione è alquanto improbabile. Invece, l’ipotesi qui esposta offre un’interpretazione dell’edificio come una corte di giustizia che avrebbe funzionato almeno tra il 125 d.C. fino agli ultimi anni del V secolo contemporaneamente ad altri tribunali della città.

Haut de page

Bibliographie

Alexander 1990 = M. Alexander, Trials in the late Roman Republic, 149 BC to 50 BC, Toronto, 1990.

Ambrogi 2011 = A. Ambrogi, Sugli occultamenti antichi di statue. Le testimonianze archeologiche a Roma, in MDAI(R), 117, 2011, p. 511-566.

Amoroso 2007 = A. Amoroso, Il tempio di Tellus e il quartiere della praefectura Urbana, in Workshop di Archeologia Classica. Paesaggi, costruzioni, reperti, 4, 2007, p. 53-84.

Anderson 1984 = J. C. Anderson, The historical topography of the Imperial Fora, Bruxelles, 1984. 

Bablitz 2007 = L. Bablitz, Actors and audience in the Roman courtroom, Londra-New York, 2007.

Bablitz 2018 = L. Bablitz, Law and lawcourts, in C. Holleran, A. Claridge (a cura di), A companion to the city of Rome, Oxford, 2018, p. 527-539.

Balty 1991 = J. Ch. Balty, Curia Ordinis. Recherches d’architecture et d’urbanisme antiques sur les curies provinciales du monde romain, Bruxelles, 1991.

Bauer 1977 = H. Bauer, Kaiserfora und Janustempel, in MDAI(R), 84, 1977, p. 301-329.

Botta 2008 = F. Botta, Opere giurisprudenziali de publicis iudiciis e cognitio extra ordinem criminale, in Studi in onore di Remo Martini, 1, Milano, 2008, p. 281-322.

Brennan 2000 = T.C. Brennan, The praetorship in the Roman Republic, Oxford, 2000.

Camodeca 1996 = G. Camodeca, La ricostruzione dell’elite municipale ercolanese degli anni 50-70: Problemi di metodo e risultati preliminari, in CCG, 7, 1996, p. 167-178.

Camodeca 1999 = G. Camodeca, Tabulae Pompeianae Sulpiciorum: edizione critica dell’archivio puteolano dei Sulpicii, Roma, 1999.

Camodeca 2017 = G. Camodeca, Tabulae Herculanenses: edizione e commento, Roma, 2017.

Carandini – Carafa 2012 = A. Carandini, P. Carafa, Atlante di Roma antica, Milano, 2012.

Carnabuci 1996 = E. Carnabuci, I luoghi dell’amministrazione della giustizia nel Foro di Augusto, Napoli, 1996.

Carnabuci 2006 = E. Carnabuci, La nuova Forma del Foro di Augusto: Considerazioni sulle destinazioni d’uso degli emicicli, in R. Meneghini, R. Santangeli Valenzani (a cura di), Formae Urbis Roma. Nuovi frammenti di piante marmoree dallo scavo dei Fori Imperiali, Roma, 2006, p. 173-195.

Castagnoli 1950 = F. Castagnoli, Roma nei versi di Marziale, in Athenaeum, 28, 1950, p. 67-78.

Caré 2005 = A. Caré, L’ornato architettonico della Basilica di Massenzio, Roma, 2005.

Caruso – Volpe 1995 = A. Caruso, R. Volpe, Terme di Traiano. Scavi nel criptoportico nord-occidentale, in Archeologia Laziale, 12-1, 1995, p. 181-184.

Chastagnol 1960 = A. Chastagnol, La préfecture urbaine à Rome sous le Bas-Empire, Parigi, 1960.

Coarelli 1985 = F. Coarelli, Il foro romano: periodo repubblicano e Augusteo, Roma, 1985.

Coarelli 1986 = F. Coarelli, L’urbs e il suburbio, in A. Giardina (a cura), Società romana e impero tardoantico, II, Roma: politica, economia, paesaggio urbano, Bari-Roma,1986, p. 395-412.

Coarelli 1989 = F. Coarelli, L’area tra Velia e Carinae: un tentativo di ricostruzione topografica, in R. Panella (a cura di), Roma, Città e Foro, Roma, 1989, p. 340-347.

Coarelli 1990 = F. Coarelli, Le plan de la via Anicia. Un nouveau fragment de la Forma Marmorea de Rome, in L’espace urbain et ses représentations, Parigi, 1990, p. 65-81.

Coarelli 2010 = F. Coarelli, La Basilica di Massenzio e la Praefectura Urbis, in R. Lizzi Testa (a cura di), Istituzioni, carismi ed esercizio del potere (IV-VI secolo d.C.), Bari, 2010, p. 133-146.

Coarelli 2019 = F. Coarelli, Statio. I luoghi dell’amministrazione nell’antica Roma, Roma, 2019.

David 1995 = J.M. David, Le tribunal du préteur : contraintes symboliques et politiques sous la République et le début de l’empire, in Klio, 77, 1995, p. 371-385.

De Angelis 2010 = F. De Angelis (a cura di), Spaces of justice in the Roman world, Leida-Boston, 2010. 

De Giovanni 2007 = L. De Giovanni, Istituzioni, scienza giuridica, codici nel mondo tardoantico. Alle radici di una nuova storia, Roma, 2007.

De Rossi 1867 = G.B. De Rossi, Di tre antichi edifici componenti la chiesa die SS. Cosma e Damiano, in Bulletino di archeologia cristiana, 5, 1867, p. 61-72. 

D’Orgeval 1950 = B. D’Orgeval, L’empereur Hadrien. Œuvre législative et administrative, Parigi, 1950.

D’Ors 1965 = A. D’Ors, La signification de l’œuvre d’Hadrien dans l’histoire du droit romain, in Les empereurs romains d’Espagne. Actes du Colloque International: Madrid-Italica. 31 mars – 6 avril 1964, Parigi, 1965, p. 147-168.

Egidi et al. 2010 = R. Egidi, et al., Archeologia e infrastrutture: il tracciato fondamentale della Linea C della Metropolitana di Roma: prime indagini archeologiche, Roma, 2010.

Egidi – Orlandi 2011 = R. Egidi, S. Orlandi, Una nuova iscrizione monumentale dagli scavi di Piazza della Madonna di Loreto, in Historika, 1, 2011, p. 301-319.

Egidi 2013a = R. Egidi, L’Athenaeum di Roma, in R. Hidalgo, P. León (a cura di), Roma, Tibur, Baetica. Investigaciones Adrianeas, Sevilla, 2013, p. 77-94.

Egidi 2013b = R. Egidi, L’Athenaeum di Roma, in Bollettino di Archeologia On Line, 4, 2013, p. 3-13

Fabiani – Cozza 2003 = A.G. Fabiani, S. Coccia, Le indagini archeologiche recenti, in Atti del convegno sulla Basilica di Massenzio. Ricerca interdisciplinare applicata allo studio e alla conservazione di un monumento, Roma, 2003, p. 30-51.

Färber 2012 = R. Färber, Die Amtssitze der Stadtpräfekten im spätantiken Rom und Konstantinopel, in F. Arnold, A. Busch et al. (a cura di)., Orte der Herrschaft. Characteristika von antiken Machtzentren, Leidorf, 2012, p. 49-71.

Gagliardi 2002 = L. Gagliardi, Decemviri e Centumviri: Origini e competenze, Milano, 2002.

Gagliardi 2005 = L. Gagliardi, La divisione in consilia del collegio centumvirale e la Basilica Iulia, in BIDR, 40-41, 2005, p. 385-445.

Galli 2017 = M. Galli, La città dei sofisti: luoghi della Seconda Sofistica a Roma, in A. W. Busch, J. Griesbach, J. Lipps (a cura di), Urbanitas – Urbane Qualitäten. Die Antike Stadt Als Kulturelle Selbstverwirklichung, Magonza, 2017, p. 91-110.

Gatti 1922 = E. Gatti, XIII. Roma. Nuove scoperte di antichità nella città e nel suburbio, in NSA, 1922, p. 219-230.

Gatti 1960 = E. Gatti, Dove erano situati il Teatro di Balbo e il Circo Flaminio?, in Capitolium, 35-7, 1960, p. 3-12.

Giuliani – Verducchi 1987 = C.F. Giuliani, P. Verducchi, L’area centrale del Foro Romano, Firenze, 1987.

Giuliani – Verducchi 1993 = C.F. Giuliani, P. Verducchi, Basilica Iulia, in E. M. Steinby (a cura di), Lexicon Topographicum Urbis Romae, 1, Roma, 1993, p. 95-102.

Greenidge 1901 = A.H.J. Greenidge, The legal procedure of Cicero’s time, Oxford, 1901.

Gros 2001 = P. Gros, L’architettura romana. Dagli inizi del III secolo a.C. alla fine dell’Alto Impero. I monumenti pubblici, Milano, 2001.

Hoke 2000 = J.R. Hoke, Ramsey/Sleeper architectural graphic standards, New York, 2000.

Jones 1972 = A.H.M. Jones, The criminal courts of the Roman Republic and Principate, Oxford, 1972. 

Kaser – Hackl 1966 = M. Kaser, K. Hackl, Das Römische Zivilprozessrecht, Monaco di Baviera,1966.

Kelly 1966 = J.M. Kelly, Roman litigation, Oxford, 1966.

Kennedy 1972 = G.A. Kennedy, The art of rhetoric in the Roman world, 300 B.C.-A.D. 300, 3, Princeton, 1972. 

Kondratieff 2010 = E. Kondratieff, The urban praetor’s tribunal in the Roman Republic, in De Aneglis 2010, p. 89-126.

Kübler 1925 = B. Kübler, Geschichte des römischen Rechts, Lipsia, 1925.

Kunkel 1967 = W. Kunkel, Die Römischen Juristen: Herkunft und soziale Stellung, Colonia, 1967.

Lanciani 1882 = R. Lanciani, Degli edifici antichi componenti la chiesa die SS. Cosma e Damiano, in BCAR, 10, 1882, p. 29-54.

La Rocca 1995 = E. La Rocca, I Fori Imperiali, Roma, 1995.

La Rocca 2000 = E. La Rocca, L’affresco con veduta di città dal Colle Oppio, in E. Fentress (a cura di), Romanization and the city: Creation, dynamics and failures, Portsmouth, 2000, p. 57-71.

La Rocca 2001 = E. La Rocca, La nuova immagine dei Fori Imperiali, in MDAI(R), 108, 2011, p. 171-213. 

La Rocca 2011 = E. La Rocca, Il Foro di Augusto e le province dell’Imperio, in T. Nogales, I. Rodà (a cura di), Roma y las provincias: modelo y difusión, 2, Roma, 2011, p. 991-1012.

Liebs 1976 = D. Liebs, Amtssitze Rechtsschulen und Reschtsunterreicht im Prinzipat, in ANRW II, 15, Berlino-New York, 1976, p. 197-286.

Liverani 2007 = P. Liverani, Osservazioni sui rostri del Foro Romano in età tardoantica, in A. Leone, D. Palombi, S. Walker (a cura di), Res bene gestae. Ricerche di storia urbana su Roma antica in onore di Eva Margareta Steinby, Roma, 2007, p. 169-193.

Lopez Garcia 2012 = A. Lopez Garcia, Cercando l’Athenaeum di Adriano, in A. Busetto, S. C. Loukas, Ricerche a Confronto.nDialoghi di Antichità Classiche e del Vicino Oriente, Bologna-Torino, 2012, p. 233-372. 

Lopez Garcia 2013 = A. Lopez Garcia, En busca del Athenaeum de Adriano, in Anales de Arqueología Cordobesa, 23-24, 2013, p. 117-134.

Lopez Garcia 2014 = A. Lopez Garcia, Las estructuras de la Piazza della Madonna di Loreto, Roma: ¿El Athenaeum de Adriano?m Tesi di dottorato, Università degli Studi di Firenze, Firenze, 2014.

Lopez Garcia 2015a = A. Lopez Garcia, Los auditoria de Adriano y el Athenaeum de Roma, Firenze, 2015.

Lopez Garcia 2015b = A. Lopez Garcia, Una revisión de las fuentes históricas que mencionan el Athenaeum de Roma, in Habis, 46, 2015, p. 261-278.

Machado 2019 = C. Machado, Urban space and aristocratic power in Late Antique Rome. AD 270-535, Oxford, 2019.

Marchese 2007 = M.E. Marchese, La prefettura urbana a Roma. Un tentativo di localizzazione attraverso le epigrafi, in MEFRA, 119-2, 2007, p. 613-634.

Meneghini 2002 = R. Meneghini, Nuovi dati sulla funzione e le fasi costruttive delle biblioteche del Foro di Traiano, in MEFRA, 114-2, 2002, p. 655-692.

Meneghini 2007 = R. Meneghini, R. Santangeli-Valenzani, I Fori Imperiali, Roma, 2007.

Meneghini 1009, R. Meneghini, I Fori Imperiali e i Mercati di Traiano, Storia e descrizione dei monumenti alla luce degli studi e degli scavi recenti, Roma, 2009.

Nash 1976 = E. Nash, Secretarium Senatus, in L. Bonfante, H. V. Heintze (a cura di), Essays in archaeology and humanities, in memoriam O. J. Brendel, Magonza, 1976, p. 191-204.

Neudecker 1010 = R. Neudecker, The Forum of Augustus in Rome: law and order in sacred spaces, in De Angelis 2010, p. 161-188.

Orlandi 2013 = S. Orlandi, Le testimonianze epigrafiche, in Bollettino di Archeologia On Line, 4, 2013, p. 45-59.

Packer 1997 = J.M. Packer, The Forum of Trajan in Rome: A study of the monuments, Los Angeles-Oxford, 1997.

Palombi 1997 = D. Palombi, Tra Palatino ed Esquilino: Velia, Carinae, Fagutal. Storia urbana di tre quartieri di Roma antica, Roma, 1997.

Palombi 2016 = D. Palombi, I Fori prima dei Fori. Storia urbana dei quartieri di Roma antica cancellati per la realizzazione dei Fori Imperiali, Roma, 2016.

Richardson 1973 = L. Richardson jr., The tribunals of the Praetors in Rome, in MDAI(R), 80, 1973, p. 219-233.

Robinson 1995 = O.F. Robinson, The criminal law of ancient Rome, Baltimore, 1995.

Ruciński 2009 = S. Ruciński, Praefectus Urbi. Le gardien de l’ordre public à Rome sous le Haut-Empire Romain, Poznán, 2009.

Santalucia 1979 = B. Santalucia, B., Le quaestiones perpetuae, Milano, 1979.

Santalucia 1989 = B. Santalucia, Diritto e processo penale nell’antica Roma, Milano, 1989.

Santalucia 1992 = B. Santalucia, La giustizia penale, in Storia di Roma, 2, 3, Bari-Roma, 1992, p. 211- 236.

Santalucia 1998 = B. Santalucia, Diritto e processo penale nell’antica Roma, Milano, 1998.

Schulz 1946 = F. Schulz, History of Roman legal science, Oxford, 1946.

Seston 1927 = W. Seston, Les Anaglypha Traiani du Forum Romain et la politique d’Hadrien en 118, in Mélanges d’archéologie et d’histoire, 44, 1927, p. 154-183.

Solidoro Maruotti 1993 = L. Solidoro Maruotti, Aspetti della giurisdizione civile del prefetto urbano nell’età severiana, in Labeo, 39, 1993, p. 174-233.

Spannagel 1999= M. Spannagel, Exemplaria Principis. Untersuchungen zu Entstehung und Ausstattung des Augustusforum, Heidelberg, 1999.

Talbert 1984 = R.J.A. Talbert, The senate of imperial Rome, Princeton, 1984.

Tucci 2017 = P. L. Tucci, The temple of peace in Rome, Cambridge, 2017.

Tuori 2016 = K. Tuori, The emperor of law, Oxford, 2016.

Tuori 2010 = K. Tuori, A place for jurists in the spaces of justice?, in De Angelis 2010, p. 43-66.

Ungaro 2004 = L. Ungaro, La decorazione architettonica del Foro di Augusto, in S. F. Ramallo (a cura di), La decoración arquitectónica en las ciudades romanas de Occidente, Murcia, 2004, p. 17-35. 

Watson 1974 = A. Watson, Law making in the later Roman Republic, Oxford, 1974.

Weiss 1929 = E. Weiss, Statio, in RE, III A, 1929, p. 2210-2213.

Van Den Berg 2014 = C. S. Van Den Berg, The world of Tacitus’ Dialogus de Oratoribus. Aesthetics and empire in ancient Rome, Cambridge, 2014.

Ventura Villanueva 2006 = A. Ventura Villanueva, El Forum Augustum: Reflexiones sobre su configuración arquitectónica y su funcionalidad judicial (A propósito de la “Basilica Antoniarum Duarum”), in Romula, 5, 2006, p. 59-84.

Volpe 2000 = R. Volpe, Paesaggi urbani tra Oppio e Fagutal, in MEFRA, 112-2, 2000, p. 511-556.

Volpe 2010 = R. Volpe, Edifici precedenti le Terme di Traiano, in BCAR, 111, 2010, p. 283-300.

Vigneaux 1896 = P.E. Vigneaux, Essai sur l’histoire de la Praefectura Urbis à Rome et à Constantinople, Parigi, 1896.

Zanker 1972 = P. Zanker, Forum Augustum: das Bildprogramm, Tubinga, 1972.

Haut de page

Notes

1 Egidi 2010; Egidi 2013a, 2013b.

2 Lopez Garcia 2014.

3 Cass. Dio, 51, 22, 1; Cass Dio, 74,17,4; Philostr., Vita Soph., 2,10; Porph., Hor. Ep., 2 ,2, 94.; Sid., Ep., 2, 9, 4; Sid., Ep., 4, 8, 5; Sid., Ep., 9, 9, 13.

4 Hier., Ep., 66,9; Hier., In Gal., 3 (praef.); Sid., Ep., 9, 14, 2. v. Lopez Garcia 2015b.

5 Aur. Vict., Caes., 14, 1-4; HA Hadr., 13, 1; HA, Pert., 11,3; HA, Alex. Sev., 35,1-3; HA, Gord., 3, 1-4; Symm., Ep., 9, 89, 2.

6 Lopez Garcia 2015a.

7 Egidi 2010; 2013a.

8 Galli 2017.

9 Lopez Garcia 2012; Lopez Garcia 2013.

10 In base al frammento 29g della FUR è stata proposta da alcuni autori (Egidi 2010, fig. 31; Carandini – Carafa 2012, tav. 54; Galli 2017, p. 93) l’esistenza di una «sala di rappresentanza» a sud-est dell’Aula C del complesso della Piazza della Madonna di Loreto che non trova però nessun riscontro chiaro a livello archeologico. L’interpretazione dell’elemento curvilineo presente nel frammento come parte di una struttura absidale non è assai chiara e le piante delle strutture scoperte negli scavi del 1932 sotto il Palazzo Desideri a sud dell’Aula C non permettono di trovare un rapporto chiaro tra le rappresentazioni grafiche della FUR, i resti archeologici dell’area sud della Bibliotheca Ulpia e i resti archeologici degli Auditoria adrianei.

11 I bolli consolari apparsi sui laterizi dell’edificio indicano le date del 123 d.C. e del 125 d.C., ascrivibili rispettivamente al consolato di Petino e Aproniano e al consolato di Asiatico e Aquilino (Egidi 2010). Nello scavo sono apparsi bolli di diversi tipi: un esemplare di CIL XV, 265 (123 d.C.), quattro di CIL XV, 1113 (123 d.C.), sei di CIL XV, 1114 (125 d.C.) e tre di CIL XV, 1116a (123 d.C.). v. Egidi 2010.

12 Per approfondire i risultati della ricerca architettonica si consiglia di consultare il capitolo «El complejo adrianeo: Estudio comparativo de las estructuras» in Lopez Garcia 2015a, p. 93-154.

13 Questo tipo architettonico è stato analizzato con cura nel capitolo «Salles à banquettes ou gradins latéraux» del volume sulle curie pubblicato da J.-Ch. Balty (1991).

14 Lopez Garcia 2015a.

15 Lopez Garcia 2015a, p. 134-151.

16 Per questa ricerca è stata confrontata la morfologia dell’edificio scoperto nella Piazza della Madonna di Loreto con le curie di Verona, Leptis Magna, Thuburbo Maius, Philippi, Capara, Sabratha, Gightis, Palmira, Tiddis e Dougga. v. Lopez Garcia 2015a, p. 134-151.

17 Egidi 2010, p. 110-111.

18 In particolare, la proposta accennata da Egidi (2010; 2013) per quanto riguarda l’identificazione dell’edificio con l’Athenaeum di Adriano, non è più valida. Un riassunto di tutte le proposte sulla natura dell’edificio si può trovare in Lopez Garcia 2015a. Di particolare interesse è il capitolo 7, nel quale viene spiegato il perché non sia possibile confermare l’uso dell’edificio come centro scolastico.

19 Cass. Dio, 74, 17, 4: ὑπατεύοντι τότε ἐμήνυσαν. καὶ ὃς συναγαγὼν ἡμᾶς ἐς τὸ Ἀθήναιον καλούμενον ἀπὸ τῆς ἐν αὐτῷ τῶν παιδευομένων ἀσκήσεως, τὰ παρὰ τῶν στρατιωτῶν ἐδήλωσε: καὶ τοῦ τε Ἰουλιανοῦ θάνατον κατεψηφισάμεθα καὶ τὸν Σεουῆρον αὐτοκράτορα ὠνομάσαμεν, τῷ τε Περτίνακι.

20 Bablitz 2007, p. 14.

21 Vell., 2, 89, 3; Cass. Dio, 53, 32, 2.

22 Cass. Dio, 58, 20, 5; 60, 10, 3.

23 Watson 1974, p. 64-67, 72-82; Camodeca 1996, p. 172-173; Brennan 2000, p. 133-135, 461-465; Bablitz 2007, p. 206 n. 4.

24 Hor., Sat., 2, 6, 52; Hor., Ep., 1, 19, 8; Porph., Hor. Ep., 1, 19, 8; Ov., Am., 1, 13, 19-20; Pers., Sat., 4, 49; Pseudacr., ad Hor. Ep., 2, 6, 35. Sono stati ipotizzate diverse collocazioni per il tribunale come il Puteal Libonis, il Fornix Fabianus, il Ianus medius e la Porticus Iulia. Un elenco aggiornato delle diverse ipotesi sulla collocazione del tribunale si può trovare in Kondratieff (2010, p. 122-123). Cfr. Coarelli 1985, p. 166-170, David 1995, p. 378-382, Carnabuci 1996, p. 19-28, Bablitz 2007, p. 207; Coarelli 2019, p. 316.

25 È solo un’ipotesi. Le fonti permettono di collocare l’ubicazione del tribunale del pretore urbano nel Foro di Augusto già nel 40 d.C. e al più tardi nel 75 d.C. cfr. Bablitz 2007, p. 20-21.

26 TH., 6; 13; 14; 15. Specialmente la tabula 14 ha permesso di collocare il tribunale del pretore urbano nel Forum Augusti: Vadimonium factum Cala/toriae Themidi in III Non(as) / Decembr(es) prim(as) (vacat) / Romae in foro Augus(to) ante / tribunal praetoris urbani / hora secun[d]a HS M dari / stipulata es[t] ea q[uae] se / Petroniam [Sp(urii) f(iliam) Iustam] / esse dicat, s[po]po[ndit] / Calatoria [Them]is t(utore) a(uctore) C. / Petronio Tel[e]sph[o]ro. / V(adimonium) f(actum) [C. Petronio Telesphoro].

27 TPSulp., 13; 14; 15; 19; 27.

28 Varro, 12, 3; Liv., 27, 50, 9; Plin., Nat. Hist., 10, 20; Plut., Caes., 52; Ascon., Milo, 34. La posizione è incerta, anche se alcune fonti lo collocano “in medio foro” (Cic., QFr., 2, 3, 6; Liv., 26, 27), un modo piuttosto astratto per descrivere la situazione di un edificio considerando dimensioni del Foro Romano.

29 Richardson 1973, p. 222.

30 Giuliani – Verducchi 1993, p. 95-102.

31 Nella parte orientale dei Rostri di Augusto nel Foro Romano, è stata rinvenuta un’iscrizione (CIL VI, 1468 = 31662) che recita «L. Naevius L. f. Surdinus pr.». Nella stessa area è stata in seguito trovata un’ulteriore iscrizione che dice «Inter civis et peregrinos». Interpretate entrambe da Giuliani e Verducchi, le iscrizioni hanno portato gli studiosi ad ipotizzare la presenza del tribunale per gli stranieri nelle immediate adiacenze. Questo Naevius Surdinus che coprì l’incarico di praetor peregrinus fu messo in relazione con un altro Naevius, che fu triumvir monetalis nel 15 a.C. e che potrebbe aver ricoperto il ruolo di pretore intorno al 12 o al 10 a.C.

32 Durante i rilevamenti nell’area è stato identificato un basamento in cementizio destinato a sostenere una struttura non troppo pesante con accesso da nord, riconoscibile sui Plutea Traiani nel podio su cui compare l’imperatore Traiano seduto (Liverani 2007, p. 176).

33 Nei commenti a Orazio del secolo III d.C. questa statua di Marsia è legata a diverse attività legali. v. Porph. e Pseudacr., Hor. Sat., 1, 6, 120. In uno degli epigrammi di Marziale (2, 64) appare una menzione alla statua del Foro e il poeta scherza con la possibilità che Marsia divenisse un avvocato per la gran quantità di litigi a Roma.

34 Giuliani – Verducchi 1987, p. 95-102; Liverani 2007, p. 176.

35 Seston 1927, p. 154-183.

36 Castagnoli 1950, p. 75 -77; David 1995, p. 383; Bablitz 2007, p. 18; Neudecker 2010, p. 177.

37 L’unica fonte che ci permette di avallare questa ipotesi per l’esedra occidentale del Foro di Augusto è TH., 89: Descriptum e[t recognitum ex]_/ edicto L. Serv[eni Galli] pr(aetoris) quo[d propo]/situm erat R[omae in f]oro Aug[usto] sub / porticu lulia a[d colum]nam [--- ante?] / tribunal eius [in quo s]criptum e[rat id] / quod infra sc[riptum] est. Cfr. Camodeca 1996, p. 171-172.

38 Questa teoria fu difesa soprattutto da Ricci e Gismondi. v. Zanker 1972, p. 4-5, Bauer 1977, p. 766-767.

39 Anderson 1984, p. 76.

40 Bauer 1977, p. 166.

41 Ungaro 2004, p. 17-35.

42 Meneghini – Santangeli-Valenzani 2007.

43 Ventura Villanueva 2006, p. 75-76.

44 Suet., Claud., 23, 1: Rerum actum diuisum antea in hibernos aestiuosque menses coniunxit. iuris dictionem de fidei commissis quotannis et tantum in urbe delegari magistratibus solitam in perpetuum atque etiam per prouincias potestatibus demandauit. capiti Papiae Poppaeae legis a Tiberio Caesare, quasi sexagenarii generare non possent, addito obrogauit.

45 Suet. Galba, 14, 3: Iudicibus sextam decuriam adici precantibus non modo negavit, sed et concessum a Claudio beneficium, ne hieme initioque anni ad indicandum evocarentur, eripuit.

46 Suet., Aug., 32, 2-3: Ac plerisque iudicandi munus detractantibus uix concessit, ut singulis decuriis per uices annua uacatio esset et ut solitae agi Nouembri ac Decembri mense res omitterentur. Cfr. Santalucia 1992, p. 212-214; Santalucia 1998, p. 65-67.

47 Varro, Lat., 5, 66: Itaque inde eius perforatum tectum, ut ea videatur divum, id est caelum. Cfr. Ventura Villanueva 2006, p. 75.

48 In due dei vadimonia delle Tabulae Sulpiciorum (TSulp., 13; 14) viene usata una terminologia legale diversa da quella usata nel resto delle tabulae, il che ha fatto supporre si tratti di cause nei confronti di non cittadini. Ciò permetterebbe anche di collocare nel Foro di Augusto il tribunale del praetor peregrinus. In entrambi i casi si ripete la formula “Romae / in foro Augusto ante statuam / Cn. Senti Saturnini triumphalem” che indicherebbe per questi processi un’ubicazione diversa rispetto a quelle che compaiono sugli altri vadimonia. (Bablitz 2007, p. 20-21)

49 Bablitz (2007, p. 23) ha suggerito che la collocazione dei tribunali nelle esedre del Foro di Augusto potrebbe essere collegata al programma artistico di Augusto, in base al quale si sarebbe rappresentato nel foro come "il vendicatore" che avrebbe giustiziato dopo la morte di Giulio Cesare i suoi assassini. In quest’ottica i tribunali avrebbero avuto la funzione di sottolineare la figura della giustizia augustea. Secondo Ventura Villanueva (2006, p. 69), questa teoria presenta anche diversi problemi, poiché le nicchie assiali delle esedre non sono abbastanza grandi per ospitare dei tribunali e dovevano anche essere occupate dai famosi gruppi scultorei di Enea e Romolo (Spannagel 1999, Tav. 1-2, Ungaro 2004, p. 26). Ventura Villanueva ha proposto tuttavia una nuova ipotesi per i tribunali, identificandoli all’interno della Basilica Antoniarum Duarum (CIL VI, 5536; CIL VI, 40331) in uno degli spazi scoperti nel Foro di Augusto. L’ipotesi è basata sull’argomento che Vitruvio avrebbe realizzato un tribunale nella basilica di Fano. Cfr. Vitruv., Arch., 5, 11, 2.

50 David 1995, p. 383-385.

51 Ungaro 2004, p. 27-29.

52 Castagnoli 1980, p. 91-92.

53 Camodeca – Carnabuci 1996, p. 92.

54 Cass. Dio, 60, 18, 3; Eutr., 7, 13, 2. v. Camodeca 1999, p. 66; Neudecker 2010, p. 167.

55 Coarelli 2019, p. 317.

56 Chastagnol 1960, p. 66.

57 Vitucci 1956, p. 59; Santalucia 1979, p. 92; Santalucia 1992, p. 215-216.

58 Coarelli 2019, p. 316.

59 Santalucia 1992, p. 219; Coarelli 2019, p. 316.

60 Tra l’età di Claudio e l’età di Nerone, in casi di particolare importanza politica si giudicava a porte chiuse (intra cubiculum), ciò non toglie la possibilità che nella maggior parte dei casi le cause fossero discusse alla presenza del popolo (pro tribunal). Cfr. Santalucia 1992, p. 221.

61 Bablitz 2007, p. 44.

62 Bablitz 2007, p. 34-44.

63 Chastagnol 1960, p. 85; Solidoro Maurotti 1993, p. 228-233; Ruciński 2009, p. 127-128.

64 Ulp., Dig., 1, 12, 1.

65 Ruciński 2009, p. 216.

66 Lyd., Mag., 1, 34: Nam operum scrinium, cum initio non fuisset, Augustus magistratui addidit, basilicam Romae condens, ut Tranquillus, philologus, refert.

67 Coarelli 2019, p. 317.

68 La Rocca 2001, p. 193-195; La Rocca 2011, p. 991-1012; Carnabuci 2006, p. 182.

69 Vigneaux 1896, p. 124; Gagliardi 2005, p. 385; Van den Berg 2014, p. 197.

70 De Rossi 1867, p. 61-72; Lanciani 1882; Gatti 1960, p. 214-217; Coarelli 1990; Machado 2019, p. 35-37.

71 Palombi 2016, p. 20 contra Gros 2001, p. 108.

72 Coarelli 2019, p. 323-324.

73 Caruso – Volpe 1995; Volpe 2000; La Rocca 2000; Amoroso 2007; Marchese 2007, p. 613-634, Volpe 2010; Machado 2019, p. 37 contra Coarelli 2019.

74 Il recente contributo di F. Coarelli (2019, p. 384-387) contiene un’interessante critica alle teorie sulla sede della Prefettura Urbana nell’area archeologica delle Terme di Traiano e molto specialmente alla tesi di E. Marchese (2007, p. 613-634) e la sua analisi statistica dell’epigrafia in rapporto con la Prefettura Urbana.

75 Cass. Dio, 68.10.2: Τραϊανὸς δὲ τά τε νικητήρια ἤγαγε καὶ Δακικὸς ἐπωνομάσθη, ἔν τε τῷ θεάτρῳ μονομάχους συνέβαλε ῾καὶ γὰρ ἔχαιρεν αὐτοῖσ᾽, καὶ τοὺς ὀρχηστὰς ἐς τὸ θέατρον ἐπανήγαγε ῾καὶ γὰρ ἑνὸς αὐτῶν τοῦ Πυλάδου ἤρἀ, οὐ μέντοι, οἷα πολεμικὸς ἀνήρ, τἆλλα ἧττον διῆγεν ἢ καὶ ἧττον ἐδίκαζεν, ἀλλὰ τοτὲ μὲν ἐν τῇ ἀγορᾷ τοῦ Αὐγούστου, τοτὲ δ᾽ ἐν τῇ στοᾷ τῇ Λιουίᾳ ὠνομασμένῃ, πολλάκις δὲ καὶ ἄλλοθι ἔκρινεν ἐπὶ βήματος.

76 Anderson 1984, p. 98, 163.

77 CIL VI, 1599. Nel secolo IV furono dedicate altre. v. CIL VI, 1721; 1764. La teoria di Anderson (1984, p. 116-117) è stata messa in discussione da Bablitz (2007, p. 41), poiché dedicare statue o iscrizioni commemorative a personaggi importanti era molto comune nei fori e il fatto di trovare diverse menzioni del praefectus Urbi non sarebbe indicativo della posizione nelle vicinanze del tribunale del prefetto. Tuttavia, tutto ciò non esclude la possibilità che un tribunale del prefetto dell’Urbe si trovasse nelle prossimità o proprio nel Foro di Traiano.

78 Hist. Aug., Hadrian, 19, 10: Romae instauravit Pantheum, Saepta, Basilicam Neptuni, sacras aedes plurimas, Forum Augusti, Lavacrum Agrippae; eaque omnia propriis auctorum nominibus consecravit.

79 CIL VI, 207 = 30715.

80 Packer 1997, p. 243-244, 431.

81 Secondo Packer, queste absidi avrebbero avuto un secondo piano con finestre, nonostante, negli scavi parziali sviluppati nell’abside occidentale del Foro di Traiano tra il 1928 e il 1934 non vi furono trovati resti che permettessero di affermare l’esistenza di un secondo piano. Non è stato possibile neanche confermare l’esistenza di un altro secondo piano sulla Basilica Ulpia. contra Bablitz 2007, p. 41-42.

82 Giuliani – Verducchi 1993, p. 178.

83 Anderson 1984, p. 166.

84 La Rocca 1995, p. 226; Carnabuci 1996, p. 17, 24; Meneghini 2002, p. 661-669; Meneghini 2009, p. 117-118, 142, 148, 151, contra Bablitz 2007, p. 43.

85 Mart., 2, 64: Dum modo causidicum, dum te modo rhetora fingis Et non decernis, Laure, quid esse velis, Peleos et Priami transit et Nestoris aetas Et fuerat serum iam tibi desinere. Incipe, tres uno perierunt rhetores anno, Si quid habes animi, si quid in arte vales. Si schola damnatur, fora litibus omnia fervent, Ipse potest fieri Marsua causidicus. Heia age, rumpe moras: quo te sperabimus usque? Dum quid sis dubitas, iam potes esse nihil.

86 Juv., 13, 135: Sed si cuncta uides simili fora plena querella.

87 Gell., 13, 25,1-2: In fastigiis fori Traiani simulacra sunt sita circum undique inaurata equorum atque signorum militarium, subscriptumque est: “ex manubiis”. Quaerebat Favorinus, cum in area fori ambularet et amicum suum consulem opperiretur causas pro tribunali cognoscentem nosque tunc eum sectaremur, quaerebat, inquam, quid nobis videretur significare proprie "manubiarum" illa inscriptio. Inoltre, ci sono diverse dediche ai consoli presso il Foro di Traiano dal mandato di Antonino Pio. v. CIL VI, 996; 1377 = 31640; 1140 = ILS 692; 1683; 1729; 1683; 1727; 1749; 1725.

88 Cod. Theod., I, 6, 3 (a. 361); IV, 12, 5 (a. 314); IX, 7, 6 (a. 390); IX, 17, 3 (a. 356); IX, 19, 2, 2 (a. 326); X, 1, 2 (a. 319); X, 10, 2 (a. 313); X, 10, 31 (a. 422).

89 Coarelli 1986; 1989; 2019.

90 Chastagnol 1960, p. 381; Nash 1976, p. 194; De Giovanni 2007, p. 294; Machado 2019, p. 33-35.

91 Cod. Theod., II, 1, 8, 3 (a. 359); XIII, 9, 6 (a. 412).

92 Coarelli 2019, p. 380-383.

93 Symm., Relat., 23, 4: Nam cum ad examinandos actus v.c. Bassi ex praefecto urbi potestas vicaria ad secretarium commune prodiisset; Symm. Relat. 23, 12: Hic iussu eius ad commune secretarium, quo faciendae oblationis officii utriusque perducitur.

94 Secondo Caré (2005, p. 38), questo podio doveva invece sostenere una statua.

95 Coarelli 2019, p. 378.

96 Fabiani – Coccia 2003; Coarelli 2019, p. 376-377.

97 La scenografia dell’abside è stata messa in confronto con quella rappresentata nel dittico d’avorio di Rufius Probianus (vicarius urbis Romae all’inizio del V secolo) che appare seduto su un podio soprelevato in uno spazio – forse – absidale decorato con colonne. Cfr. Chastagnol 1960; Coarelli 2019, p. 378; Machado 2019, p. 38-39

98 Esistono diverse epigrafi datati a partire dal 350 che menzionano l’esistenza di secretaria a Roma e in diverse parti dell’Impero. v. CIL VI, 1718 = EDR111471 (Secretarium Senatus, Roma); CIL VI, 37114 e CIL VI, 31959 (secretarium Tellurense, Roma); AE 1996, 475 = EDR100739 (Bovianum); AE, 1991, 516 = EDR080911 (Luceria).

99 Sid., Ep. 1, 2, 4: […] pellitorum turba satellitum ne absit, admittitur, ne obstrepat, eliminatur, sicque pro foribus immurmurat exclusa velis, inclusa cancellis.

100 Coarelli 2019, p. 381.

101 Vogliamo riportare di seguito le parole di Coarelli (2019, p. 379) riguardo la sua interpretazione dell’edificio: «la soluzione è così evidente che in fondo non richiede alcuna dimostrazione particolare: l’onere della prova spetta semmai a chi volesse proporre un’interpretazione diversa. Infatti, cos’altro potrebbe essere una basilica, in quegli anni e in quella posizione?».

102 CIL VI, 37114 = EDR071667: Salvis d]d. nn. inclytis semper Augg., [po]rticu[m] cum scriniis Tellurensis secretarii tribunalib(us) adherentem, Iunius Valerius Bellicius, v(ir) c(larissimus), praef(ectus) urb(i), vice sacra iudicans, restituto specialiter urbanae sedis honore perfecit. CIL VI 31959 = EDR093152: Florentib(us) dd. [nn. H]onorio [et] Theodosio incc[lyti]s semp̣er Augg̲., Iunius Valerius [Bellici]us, v(ir) c(larissimus), p[r]aef(ectus) u[rb(i)] vice sac(ra) iud(icans), port[icum cum sc]r[i]ni[is] tellurensis secr[etarii tribunalibus] adherentem red[integravit et] urbanae sedi vetustatis h[o]nor[em resti]tuit. Bisogna anche spiegare che queste due epigrafi sono state ritrovate in Via degli Annibaldi – sulla Velia – e in Via Marco Aurelio – sul Celio –, due posti che distano circa un chilometro l’uno dall’altro, il che potrebbe complicare l’identificazione di un posto preciso all’interno della topografia romana.

103 Amoroso 2007; Färber 2012.

104 Palombi 1997; Coarelli 2019, p. 388-390.

105 Bablitz 2007, p. 51; 2018, p. 534-535.

106 Greenidge 1901, p. 415; Jones 1972, p. 48-97; Robinson 1995, p. 1-14; Brennan 2000, p. 235-238; Santalucia 1998; Bablitz 2007, p. 51-70.

107 Suet., Aug., 29, 1.

108 Bablitz 2007, p. 12; Bablitz 2018, p. 529-530.

109 Cic., De Or., 1, 38, 173. v. Kelly 1976, p. 1-39; Gagliardi 2005, p. 387.

110 Plin., Ep., 6, 33, 3: Sedebant centum et octoginta iudices tot enim quattuor consiliis colliguntur, ingens untrimque advocatio et numerosa subsellia, praeterea densa circunstantium corona latissimuum iudicium multiplici circulo ambibat. Cfr. Ep., 2, 14.

111 Gagliardi 2005, p. 385; Van den Berg 2014, p. 197.

112 L’analisi delle Istituzioni Oratorie di Quintiliano è di grande interesse per la ricostruzione del funzionamento e della morfologia dei tribunali. Cfr. Quint., Inst., 6, 4, 8; 12, 3, 2; 11, 3, 131; 12, 3, 3; 6, 1, 48; Plin., Ep., 2, 11, 15; 2, 14, 6; 6, 33 ,3; Sen., Controv., 7, 4, 7; 10. pr. 3; Suet., Ner., 17.

113 Talbert 1984, p. 122-123, Bablitz 2007, p. 53.

114 Questo tasso verrebbe eliminato da Nerone: Suet., Ner., 17.

115 Quint., Inst., 6, 1, 39: Incumbere advocato adversis subselliis sedenti contumeliosum.

116 Bablitz 2007, p. 59-61.

117 Quint., Inst., 11, 3, 127: Praecipi et illud scio, ne ambulantes avertamur a iudicibus, sed sint obliqui pedes ad consilium nobis respicientibus. Id fieri iudiciis privatis non potest. Verum et breviora sunt spatia, nec aversi diu sumus. Interim tamen recedere sensim datur.

118 Bablitz 2007, p. 61, Tuori 2010, p. 51-63.

119 Mart., 11, 98: Effugere non est, Flacce, basiatores. Instant, morantur, persecuntur, occurrunt, Et hinc et illinc, usquequaque, quacumque. Non ulcus acre pusulaeve lucentes, Nec triste mentum sordidique lichenes, Nec labra pingui delibuta cerato, Nec congelati gutta proderit nasi. Et aestuantem basiant et algentem, Et nuptiale basium reservantem. Non te cucullis adseret caput tectum, Lectica nec te tuta pelle veloque, Nec vindicabit sella saepius clusa: Rimas per omnis basiator intrabit. Non consulatus ipse, non tribunatus Senive fasces, nec superba clamosi Lictoris abiget virga basiatorem: Sedeas in alto tu licet tribunali et e curuli iura gentibus reddas, Ascendet illa basiator atque illa. Febricitantem basiabit et flentem, Dabit oscitanti basium natantique, Dabit et cacanti. Remedium mali solum est, Facias amicum basiare quem nolis.

120 Greenidge 1901, p. 133, 458; Johnson 1927, p. 27, 32; Kennedy 1972, p. 16; Bablitz 2007, p. 30; Neudecker 2010, p. 175.

121 D’Orgeval 1950; D’Ors 1965; Tuori 2016, p. 196-199.

122 Lopez Garcia 2015a, p. 132

123 In Lopez Garcia (2015a, p. 132) si propone fino 428 persone sedute in subsellia, una cifra piuttosto elevata, dovuta probabilmente ad un errore di calcolo. All’interno di ogni aula vi erano approssimativamente sei gradini da 18 m e sei gradini da 15 m, per un totale di 198 m lineari. Secondo la teoria spaziale usata da Bartoli per la Curia Iulia, lo spazio occupato da ogni persona sarebbe di 2 piedi romani (circa 0,60 m), da cui risulterebbe un totale compreso tra 330 e 340 persone per aula. Secondo il calcolo spaziale applicato da Taylor e Scott (1969, p. 544-549) anche per la Curia Iulia, ogni persona occuperebbe 0,48 m., e il risultato sarebbe in questo caso di 412 persone in totale. Invece, secondo la teoria spaziale di Hoke (2000, p. 8; Bablitz 2007, p. 31), lo spazio occupato da una persona sarebbe significativamente più ampio (0,84 m.), per cui la capienza di una delle aule della Piazza della Madonna di Loreto sarebbe di circa 236 persone.

124 Nell’angolo tra via della Polveriera e via del Colosseo, sono state rinvenute altre tre epigrafi nel 1589 con dediche allo stesso prefetto Fabius Felix Passifilus Paulinus. Cfr. CIL VI, 1656a; 1656b=1166c; 1656c=1120b. Nel 1922 è stata scoperta anche un’altra base marmorea con un’altra dedica dello stesso personaggio in via di San Pietro in Vincoli (Via Eudossiana): Gatti 1922, p. 219-220. Cfr. Egidi 2010, p. 124-127; Egidi – Orlandi 2011, p. 301-319; Orlandi 2012, p. 41-46; Orlandi 2013, p. 45-51.

125 Orlandi 2013.

126 Silvia Orlandi (2013, p. 46) ha ipotizzato che le basi avrebbero potuto occupare lo spazio all’esterno delle aule addossate a una parete, come ha suggerito il retro non rifinito delle basi.

127 Orlandi (2013, p. 49), nella sua difesa della teoria dell’Athenaeum aveva già negato la possibilità di mettere in rapporto l’espressione studiis suis con l’ipotetica funzionalità dell’edificio: «La consapevolezza della destinazione scolastica e letteraria dell’edificio in cui le basi sono state rinvenute fa nascere, istintivamente, la tentazione di vedere in questa locuzione un riferimento agli studi che venivano coltivati, ma i confronti ricavabili dall’analisi del linguaggio epigráfico e giuridico orientano piuttosto verso un’altra interpretazione».

128 CIL III, 352 = 7000 = MAMA, VII, 305; CIL X, 7940; CIL III, 124 = CLE, 622.

129 Ambrogi (2011, p. 522) attribuisce gli interventi di Passifilus Paulinus ai restauri dopo il saccheggio di Ricimero.

130 Gell., 13, 13, 1: Cum ex angulis secretisque librorum ac magistrorum in medium iam hominum et in lucem fori prodissem, quesitum esse memini in plerisque Romae stationibus ius publice docentium aut respondentium an questor populi Romani a praetori in ius vocari posset.

131 Bremer 1868, p. 11-13.

132 Kubler 1925, p. 152; Weiss 1929, p. 2210; Kunkel 1967, p. 339-340 contra Schulz 1946, p. 122.

133 Schol. Iuv., 1, 128 (Prob.): Hic est Apollo (inquit Probus), cuius et Horatius meminit: “Sic me servavit Apollo.” … Iuris civilis et liberalium disciplinarum bibliothecam in templo Apollinis Palatini Augustus dedicavit … Ibi … iuris studiosi conveniebant … quod tam dubia iurisperitorum response sint (ut etiam inquit Probus) quam Apollinis.

134 Liebs 1976; Tuori 2010, p. 51-52.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 – Disposizione degli Auditoria di Adriano e i frammenti della lastra 29 della Forma Urbis Romae. Autore: Antonio Lopez Garcia.
Titre Fig. 2 – Pianta della fase adrianea delle Aule B e C. Autore: Adriano Averini.
Titre Fig. 3 – Confronto tra l’Aula B degli Auditoria e la Curia Iulia di Roma. Autore: Antonio Lopez Garcia.
Titre Fig. 4 – Resti del podio del tribunal scoperto al centro del Foro Romano. Da Giuliani-Verducchi 1987.
Titre Fig. 5 – Rilievi principali dei cosiddetti Plutea Traiani. Autore: Antonio Lopez Garcia.
Titre Fig. 6 – Ricostruzione di una delle esedre del Foro di Augusto come tribunale (Sovrintendenza di Roma Capitale). Autore: INKLINK Studio e Roberto Meneghini.
Titre Fig. 7 – Configurazione interna del tribunale A. Autore: Antonio Lopez Garcia.
Titre Fig. 8. – Configurazione interna di un tribunale B. Autore: Antonio Lopez Garcia.
Titre Fig. 9 – Configurazione del tribunale con le parti e giudici affrontati. Autore: Antonio Lopez Garcia.
Titre Fig. 10 – Configurazione del tribunale con le parti affrontate e i giudici disposti su uno dei lati minori. Autore: Antonio Lopez Garcia.
Titre Fig. 11 – Epigrafi ritrovate negli scavi in Piazza della Madonna di Loreto. (MiBACT). Autore: Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo.
Titre Fig. 12 – Ricostruzione dei sedili all’interno degli Auditoria della Piazza della Madonna di Loreto secondo la teoria spaziale di Taylor e Scott. Autore: Antonio Lopez Garcia.
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Antonio Lopez Garcia, « Una corte di giustizia presso il Foro di Traiano? », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité, 133-1 | 2021, 149-171.

Référence électronique

Antonio Lopez Garcia, « Una corte di giustizia presso il Foro di Traiano? », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 133-1 | 2021, mis en ligne le 01 juin 2021, consulté le 16 juin 2021. URL : http://journals.openedition.org/mefra/11475 ; DOI : https://doi.org/10.4000/mefra.11475

Haut de page

Auteur

Antonio Lopez Garcia

Center for European Studies / University of Helsinki - antonio.lopezgarcia@helsinki.fi

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search