Navigation – Plan du site

AccueilNuméros133-1VariaAncora sul complesso templare sev...

Résumés

Il grande complesso templare di età severiana i cui monumentali resti sono ancora visibili tra i Giardini Colonna, le Scuderie del Quirinale e la Pontificia Università Gregoriana, è stato oggetto di numerosi studi e ricostruzioni. Si tratta di uno dei templi maggiori dell’impero le cui rovine sono tra le più rappresentate a partire dal Cinquecento. In questo contributo si presenta il risultato del riesame del cospicuo corpus delle fonti (letterarie, iconografiche e archeologiche) alla luce del nuovo rilievo e delle ultime riflessioni edite nel volume 2018. Tale riesame ha portato ad una ricostruzione aggiornata rispetto alla precedente proposta, sia riguardo alle soluzioni architettoniche, con l’eliminazione del secondo tempio sulla sommità del corpo delle rampe, che dal punto di vista dell’attribuzione del tempio e della ricostruzione del contesto topografico.

Haut de page

Notes de l’auteur

Questo lavoro si inserisce nell’ambito delle attività di aggiornamento del Sistema Informativo Archeologico di Roma e dell’Atlante di Roma Antica. Ai grandi complessi, come questo e come il Cermalus e la casa di Augusto (vedi A. Carandini, P. Carafa, con M. Ippoliti, Dal mostro al principe. Alle origini di Roma, 2021), sono dedicati studi specifici. L’aggiornamento e la revisione sistematica sono invece affidati a tesi di laurea.
Desidero ringraziare Andrea Carandini che mi ha seguito nel corso di tutta questa lunga ricerca, verificando costantemente la ricostruzione e proponendo soluzioni e miglioramenti. Ringrazio il professore Alessandro Viscogliosi per la revisione finale, i generosi suggerimenti e gli spunti offerti.

Texte intégral

La questione dei templi di Serapide e di Bacco ed Ercole

  • 1 Per una sintesi sulle ipotesi di localizzazione, datazione e identificazione del Tempio di Serapid (...)
  • 2 Varr., L.L., 5,52. Sulla definizione e identificazione delle quattro cime del Quirinale, dei culti (...)
  • 3 La successione dei monumenti negli elenchi dei Cataloghi segue generalmente il criterio topografico (...)

1L’esistenza sul Quirinale, almeno nel IV secolo d.C., di un tempio dedicato a Serapide è sicura1, data la sua menzione nell’ambito della Regione VI nei Cataloghi Regionari del IV secolo d.C. (vedi le fonti letterarie 1.1a-b). Il tempio è citato al primo posto nell’elenco, associato a quello di Salus. Questo doveva trovarsi sulla cima del colle omonimo, cioè, secondo la ricostruzione qui proposta, in corrispondenza della corte d’onore del Palazzo del Quirinale (fig. 1a-b)2. Dall’elenco dei Cataloghi, però, non si può dedurre con esattezza la posizione del tempio di Serapide3.

Fig. 1 – a) I quattro colles del Quirinale e le mura Serviane; b) Collis Mucialis e mura Serviane. Disegni dell’autrice.

Fig. 1 – a) I quattro colles del Quirinale e le mura Serviane; b) Collis Mucialis e mura Serviane. Disegni dell’autrice.
  • 4 De Spirito 1999.
  • 5 Bucarelli 2013.
  • 6 Furono forse nove gli eventi sismici che colpirono Roma nel V secolo d.C. Di questi i principali s (...)
  • 7 Nell’iscrizione che ricorda il restauro delle terme ad opera del prefetto dell’urbe Petronio Perpe (...)

2Conferma l’esistenza del tempio ancora in età tarda il racconto del martirio di Felice (1.2), avvenuto durante il regno di Diocleziano e Massimiano (286-305 d.C.). Si narra che Felice fu condotto nel secretarium (tribunale segreto) del giudice (il prefetto della città), che si trovava vicino al tempio di Serapide. Già G. De Spirito4 ha proposto di identificare questo Serapeo con quello del Quirinale. Segue questa identificazione anche Ottavio Bucarelli, che ipotizza anche che il tempio, ancora in uso all’inizio del V secolo d.C., poté essere oggetto dei saccheggi di Alarico (410 d.C.)5. Forse dopo questo episodio, o dopo i terremoti che si susseguirono nel V secolo d.C.6, il tempio potrebbe essere caduto in abbandono e almeno alcune delle sue decorazioni (le statue del Nilo e del Tevere e le statue dei Dioscuri; vedi oltre fig. 10) potrebbero essere state riutilizzate nelle vicine terme di Costantino7.

3Per la definizione della data di costruzione del tempio e per una sua localizzazione nell’ambito della regione risultano fondamentali le iscrizioni rinvenute sul Quirinale e i materiali di soggetto egittizzante riconducibili al culto di Serapide.

4Tutte le iscrizioni che menzionano il dio egiziano rinvenute sul Quirinale (vedi le fonti epigrafiche 2.1-2.3) si datano in età severiana, in particolare all’inizio del III secolo d.C., quindi al principato di Caracalla, più che alla fine del II d.C., quindi al principato di Settimio Severo. Allo stesso periodo risalgono anche altre due iscrizioni urbane di ignota provenienza, che non è escluso possano essere attribuite a questo tempio (2.4-2.5). Di poco più tarde, della fine del III d.C., sono altre due epigrafi urbane, delle quali è anche in questo caso sconosciuto il luogo di rinvenimento (2.6-2.7), ma per le quali non esistono elementi che ne precludano una possibile attribuzione al tempio del Quirinale. Non sembrano esserci per questo luogo indizi di un culto di Serapide prima dell’età Severiana, e anzi in particolare prima del principato di Caracalla (vedi 2.1).

  • 8 Non sono qui presi in considerazione i materiali di soggetto egittizzante rinvenuti nell’area degl (...)

5I luoghi di rinvenimento delle iscrizioni sicuramente provenienti dal Quirinale e delle altre decorazioni con soggetto egittizzante (vedi le fonti topografiche 4) si concentrano nel settore sud-occidentale della regione, tra il collis Latiaris e il collis Mucialis, ovvero nella zona oggi compresa tra l’Angelicum e i Giardini Colonna (fig.  2a-b)8.

Fig. 2 – Il complesso templare severiano.

Fig. 2 – Il complesso templare severiano.

Vedi le appendici 4 e 8. a) I rinvenimenti; b) I resti. Disegni dell’autrice. 4c.8. Coccodrillo in granito del tempio di Serapide: Picozzi 2010, p. 109, fig. 11.2.4a.3. I resti nell’ingresso delle Scuderie del Quirinale. Foto autrice

  • 9 Si veda da ultimo Gallocchio 2018, p. 45-46 con nota 4.
  • 10 Si tratta dei frammenti della decorazione architettonica marmorea disegnati a partire dal Cinquece (...)
  • 11 Hülsen 1895; contra Lanciani 1894 che lo identificava con il tempio del Sole di Aureliano e più di (...)

6Proprio in questo luogo, sulla sommità del colle Muciale, esiste un enorme complesso (ricostruibile per una superficie totale di mq 23.800), formato da una vasta area recintata su tre lati, aperta sul vicus laci Fundani, al centro della quale era il tempio. Questo era rivolto verso est ma vi si accedeva anche da ovest tramite grandi rampe che coprivano il ripido pendio del colle verso la piana del Campo Marzio. Il complesso, databile all’età severiana per la tipologia della cortina laterizia – nonostante non siano stati ad oggi editi bolli in situ9 – e per la decorazione architettonica10, riferibile in particolare ai primi decenni del III secolo d.C., era stato già da Ch. Hülsen11 identificato con il Serapeo citato nei Cataloghi regionari nell’ambito della Regione VI.

  • 12 Santangeli Valenzani 1991-1992.
  • 13 Contra Sanna 2005 e da ultimo Coarelli 2014, p. 207-243, in particolare p. 236-238: il tempio dedi (...)

7A questo dossier, di recente, è stata aggiunto da Riccardo Santangeli Valenzali12 il brano dell’epitome della Storia Romana di Cassio Dione (77, 16, 3), secondo il quale Settimio Severo aveva fatto erigere un tempio “gigantesco” dedicato a Bacco ed Ercole13 che lo studioso identifica con il complesso del Quirinale. Il tempio di Serapide, invece, è stato localizzato dallo stesso autore in corrispondenza dei resti di una struttura absidata vista da Pirro Ligorio nell’area di San Silvestro al Quirinale, dove è stata rinvenuta anche la dedica di Caracalla (2.1).

  • 14 Sul rapporto tra Bacco ed Ercole con Giove e Castore e Polluce con Serapide si veda oltre.
  • 15 Vedi Capanna 2017, tab. 194
  • 16 Capanna 2017, p. 463-464, tabs. 192-194. Per coprire il dislivello tra le pendici e la cima del col (...)

8Nell’Atlas of ancient Rome avevamo accolto l’ipotesi di identificare le enormi strutture del Quirinale con il tempio dedicato da Settimio Severo alla coppia di fratelli divini, Bacco e Ercole, divinità protettrici della sua Leptis Magna, nell’ottica della realizzazione di un complesso dinastico, in cui era esaltata la concordia tra i due Cesari, Caracalla e Geta, oltre che la figura stessa dell’Augusto, come Giove, padre della coppia divina14. I motivi che fin dall’inizio ci avevano indotto ad ipotizzare una coincidenza di luoghi si riassumono in tre punti, primo tra tutti, l’eccezionalità delle dimensioni del complesso del Quirinale. Il tempio di Villa Colonna è, in effetti, “gigantesco” essendo secondo solo al tempio di Roma e Venere, che però ha due celle, e grande come il tempio di Giove a Baalbek (fig.  3) con la superficie del crepidoma di mq 4300 (186 × 270 piedi - m 54,50 × 79 circa)15, ma considerando tutto il basamento di più di mq 5700 (231 × 284 piedi, m 68,5 × 84 circa). Sembra meno probabile, secondo le considerazioni illustrate, ipotizzare che un tempio di tali dimensioni trovi posto a Leptis Magna. Allo stesso tempo, è difficile contraddire le osservazioni topografiche di Ch. Hülsen, per cui la posizione del tempio di Serapide citato dai Cataloghi va ricercata in questo settore del colle, da cui provengono oggetti di diversa natura riconducibili al tempio. Nella nostra precedente ipotesi, pertanto, collocavamo il tempio di Serapide dedicato da Caracalla nello stesso complesso, al centro e sopra le rampe16.

Fig. 3 – I templi maggiori dell’impero romano. Disegno dell’autrice.

Fig. 3 – I templi maggiori dell’impero romano. Disegno dell’autrice.
  • 17 Buzzetti 2011. Anche Maria Grazia Picozzi non esclude questa possibilità: Picozzi 2018b, p. 99. Pa (...)

9Anche Carlo Buzzetti suggerisce di far coincidere la localizzazione dei due luoghi di culto, ma avanzando la possibilità che sia esistito un solo tempio, in origine dedicato a Bacco ed Ercole e successivamente a Serapide17.

  • 18 Picozzi 2018b.
  • 19 Coarelli 2014, p. 223-235 e Capanna 2017, tab. 194, dove per la statua era ipotizzata una funzione (...)
  • 20 L’elmo è probabilmente un inserimento cinquecentesco; il serpente non è conservato, ma sulle gambe (...)
  • 21 Per la presenza di Salus con cornucopia nelle monete di Caracalla e per la menzione di Salus Imp(e (...)
  • 22 Non si può escludere, infatti, che nel santuario fosse onorato anche il terzo dio guaritore, Ascle (...)
  • 23 Si veda in particolare Picozzi 2018b, p. 87 ss. con fig. 12, 16-18.
  • 24 Anche volendo spostare più a sud-est la Porta Salutaris, e ampliare il colle Salutare, come sugger (...)

10Maria Grazia Picozzi ha proposto di identificare il complesso con il templum Salutis et Serapis dei Cataloghi Regionari. Non si tratterebbe di due edifici distinti, citati insieme in base ai criteri topografico e/o tipologico dei Cataloghi, ma di un solo tempio dedicato da Caracalla alle due divinità18. Indizio principale su cui si fonda tale ipotesi è l’identificazione della c.d. Roma di Villa Medici (4c.11, vedi oltre fig. 10), già attribuita al complesso19, con la statua di “femina seduta serpentibus circondata20 descritta nei Mirabilia “ante caballos” (= le statue dei Dioscuri del Quirinale). Si tratterebbe di una statua frontonale di Salus nell’atto di nutrire un serpente, iconografia comune per la divinità, e che solo in età moderna è stata dotata degli attributi che la identificherebbero come Roma. Il luogo di rinvenimento, il materiale (marmo proconnesio), le dimensioni e i tratti stilistico-cronologici comuni inducono a ricondurre ad un unico gruppo frontonale le diverse statue di divinità: i Dioscuri del Quirinale (4c.9a-b,), i fiumi Nilo e Tevere (4c.10a-b), ed ora la Salus (4c.11). Appare effettivamente probabile che Salus fosse onorata nel grande complesso dedicato a Serapide, essendo una divinità con valenze salutari come il titolare del tempio, e dato il legame che la dea aveva con Caracalla21. Insieme a queste divinità potevano essere anche Iside sposa di Serapide e altri dei22. M.G. Picozzi propone in maniera convincente di attribuire al gruppo anche la famosa statua di Iside, la C.d. Madama Lucrezia, di piazza San Marco, tradizionalmente attribuita all’Iseo campense: la statua ha dimensioni analoghe alle altre del gruppo ed è realizzata con lo stesso tipo di marmo (il proconnesio). Anche la presenza delle cavità sul retro, come evidenziato dall’autrice, fa propendere per una funzione frontonale (fig.  10)23. Non abbiamo però alcuna notizia dalle fonti antiche riguardo una (ri)costruzione del tempio di Salus ad opera di Caracalla. Non sappiamo inoltre se sia possibile immaginare che il tempio della dea, sicuramente da immaginare originariamente sulla cima del Salutaris, possa essere stato spostato sulla cima del Muciale24 (fig.  1a-b).

  • 25 Picozzi 2018. Tra gli elementi dirimenti per l’eliminazione della copertura al centro del corpo del (...)

11L’edizione del volume curato da Marai Grazia Picozzi25, con il nuovo rilievo e le nuove ipotesi, ci ha indotto a rimettere in discussione la posizione del tempio di Serapide. L’ipotesi che si possa trattare di un unico tempio, originariamente dedicato ai “Dii Patrii” da parte di Settimio Severo e ridedicato poi a Serapide dal figlio Caracalla seguirebbe la dedizione che padre e figlio ebbero rispettivamente per tali divinità. Ci sembra effettivamente meno probabile che il tempio del Quirinale sia rimasto dedicato ai fratelli Bacco ed Ercole essendo venuta meno la concordia tra i due figli dell’imperatore; il tempio, infatti, non compare in altre fonti scritte, a parte l’unica menzione di Cassio Dione, mentre quello di Serapide è menzionato fino in età tarda. Un indizio ulteriore potrebbe forse essere desunto dall’analisi dei coni monetali dei Severi della zecca di Roma (vedi Appendice 3. Le fonti numismatiche). Si tratta di 26 emissioni che permettono di cogliere la trasformazione progressiva delle idee religiose di Settimio Severo e di Caracalla e che potrebbero aver coinciso con le dediche del tempio.

  • 26 La devozione di Settimio Severo per Serapide è nota dalle fonti: conobbe Serapide e il suo culto i (...)
  • 27 Sui Ludi saeculares del 204 d.C. si veda ora Rantala 2017.
  • 28 F. Coarelli ritiene che la costruzione dell’edificio dedicato a Serapide sia stata intrapresa da S (...)

12Non c’è traccia di Serapide tra i coni di Settimio Severo26 mentre ampiamente documentati sono quelli in cui sul rovescio compaiono insieme Bacco ed Ercole (3.1-3.4, 3.6, 3.8-3.11). I primi quattro risalgono al 194 d.C., emessi forse in occasione del voto del tempio; i successivi cinque sono del 204 d.C., anno dei Ludi Secolari27 al quale possiamo forse far risalire la dedica del tempio28. A queste ultime emissioni di Settimio Severo si aggiungono tre coni di Caracalla con medesimo soggetto e stessa datazione (3.5, 3.7, 3.12).

  • 29 D.C., 77, 2, 1-3; Hist. Aug., Sept. Sev., 2, 4-5; Hist. Aug., Geta, 6, 1, 7.1
  • 30 Hist. Aug., Sept. Sev., 21, 6; Herodian., 4, 2, 3.

13Caracalla sin dall’inizio del suo principato si discosta dalla religiosità paterna. Nei suoi coni, fin dal 206 d.C., gli dei patri Bacco ed Ercole figurano soltanto quattro volte e sempre separatamente (3.13-14, 3.17, 3.19) mentre contemporaneamente comincia ad apparire, e poi si è documentato più frequentemente, il tipo monetale con Serapide (3.15-3.16, 3.18, 3.20-3.26). Sappiamo che Caracalla era devoto alle divinità egizie e in particolar modo a Serapide, nel cui tempio ad Alessandria, aveva consacrato, nel 215 d.C., la spada con cui aveva trafitto il fratello (Cassio Dione, Storia di Roma, 78, 23, 3). Nel 211 d.C. muore Settimio Severo e gli succede Caracalla che fa uccidere dai pretoriani29 – o uccide lui stesso30 – il fratello Geta a palazzo, tra le braccia della madre. Dal 213 fino al 217 d.C., anno della morte dell’imperatore, si succedono 8 coni (3.17, 3.20-3.26), che potrebbero celebrare la nuova dedica del tempio, già di Bacco ed Ercole, a Serapide (2.1). Ciò doveva aver comportato anche la sostituzione della statua di culto, forse raffigurata sui rovesci delle monete.

La ricostruzione

  • 31 Abbiamo previsto, in appendice, un catalogo di tutte le fonti attinenti al complesso alle quali rim (...)
  • 32 Ringrazio Enrico Gallocchio per avermi fornito questo dato (m 43 s.l.m.). A questa quota ho riferi (...)
  • 33 Pensabene 2018, p. 21.

14Il nuovo rilievo del complesso del Quirinale, integrato con dati inediti, ha messo a disposizione elementi prima ignoti, sui quali si fondano le principali novità di questa nostra nuova ricostruzione: a) il dislivello complessivo coperto dalle rampe31, b) la quota dei Giardini Colonna in corrispondenza degli ambienti del braccio laterale meridionale32 e c) l’inclinazione esatta delle rampe. Anche la ricostruzione dell’enorme tempio sulla sommità del colle è stata rimeditata nell’impianto generale e nei particolari, prendendo a modello il tempio adrianeo di Roma e Venere33 e l’Artemision di Efeso (fig. 4), a partire dalle navate laterali e dai relativi colonnati, che figurano nei disegni di Andrea Palladio (5b.17-18).

Fig. 4 – Planimetrie del tempio di Bacco ed Ercole e dei suoi modelli.
Disegno dell’autrice.

Fig. 4 – Planimetrie del tempio di Bacco ed Ercole e dei suoi modelli. Disegno dell’autrice.
  • 34 È stato Giuliano da Sangallo il vecchio a realizzare la prima pianta e la prima sezione dell’inter (...)
  • 35 Sono stati talvolta comunque preferiti quando coerenti con i dati archeologici o con il confronto (...)

15Del complesso e delle sue parti disponiamo di un gran numero di disegni, incisioni e schizzi di età moderna (vedi le tabelle 5a, 5b, 5c), corredati spesso di descrizioni e misure e/o misure, evidentemente in corrispondenza delle parti che gli autori potevano ancora osservare e misurare34. Abbiamo distinto con il viola gli elementi misurati e/o ricorrenti considerati “più attendibili” rispetto a quelli presenti in un solo disegno, in rosa35 (fig.  5a-b).

Fig. 5 – a) Il complesso templare severiano a colori nel quadro topografico contemporaneo (in grigio). Disegno dell’autrice.

Fig. 5 – a) Il complesso templare severiano a colori nel quadro topografico contemporaneo (in grigio). Disegno dell’autrice.

Fig. 5 - b) Il complesso templare severiano. Ricostruzione. Disegno dell’autrice.

Fig. 5 - b) Il complesso templare severiano. Ricostruzione. Disegno dell’autrice.
  • 36 Il diametro all’imo scapo è misurato da A. Palladio in piedi vicentini 5 e ½ corrispondenti a m 1, (...)

16Già nel ‘500 il tempio e i giardini laterali dovevano essere mal conservati, vista la varietà di planimetrie proposte dagli autori dell’epoca. Per la ricostruzione di questa parte sono stati fondamentali i ritrovamenti archeologici (segnati in rosso, fig. 5b) che hanno permesso di tracciare l’ingombro del crepidoma e del suo basamento di fondazione (4a.1-4a.6) e la posizione dei muri del peribolo nord e sud (4a.8-4a.9). I caratteri formali e le misure delle colonne insieme all’intercolumnio della peristasi sono note dalla documentazione Cinquecentesca (5c.16-19)36. Ben noti sono anche il “pilastro” (cioè la parasta), detto “Frontespizio di Nerone” e la sua base (5c.1, 3, 4, 8-9, 13-14, 18-20, 27). Il suo capitello insieme ai frammenti del fregio a girali e amorini e all’angolo del frontone posteriore del tempio, che poggiava un tempo sul muro di fondo distrutto da Urbano VIII nel 1630, sono ancora esistenti, conservati nei Giardini Colonna (4c.14-18) insieme a un altro frammento di cornice obliqua e frammenti di rivestimento di soffitto di architrave.

L’area sacra

  • 37 La quota ottocentesca riportata nella FUR di R. Lanciani a est del vicus e quella attuale nello st (...)
  • 38 A m 52.28 m s.l.m. è segnata la quota imperiale nella FUR di R. Lanciani.
  • 39 Nella planimetria di Sangallo (5b.2), e in quelle da questa fedelmente tratte (5b.2b, 5b.3, 5b.4, (...)
  • 40 Se questa ricostruzione fosse corretta, le colonne ai lati delle nicchie dovrebbero essere alte ci (...)

17L’area sacra si apriva verso est sul vicus laci Fundani, corrispondente all’attuale via XXIV Maggio. Della strada antica, di cui sono stati trovati nel 1878 alcuni tratti di basolato (4a.1), non è nota la quota, ma la abbiamo ricostruita a m 47,30/50 circa s.l.m.37. Lungo il suo limite occidentale, in occasione degli stessi scavi, fu individuato un tratto di sostruzione a sacco in scaglie di selce, conservato per oltre m 3 di altezza, da interpretare come il basamento di fondazione del tempio e delle sue aree laterali. Abbiamo ricostruito la quota del piano su cui si impostava il crepidoma tempio a m 53,30 circa s.l.m. A circa m 52,5038 s.l.m., infatti, si trova il piano terra delle Scuderie del Quirinale. Nella sala di ingresso aperta su via XXIV Maggio e in quella secondaria su via del Quirinale (fig.  2b, n. 4a.3), sono visibili nella parte bassa delle pareti, appositamente lasciati privi di intonacatura, i resti di una fondazione antica. Non sappiamo quanto sia conservata in altezza, ma immaginiamo che sia stata almeno parzialmente rasata (4a3-4a.4). Abbiamo dunque ipotizzato che la sostruzione vista nel 1878 sul fronte della strada potesse essere alta complessivamente circa m 6. Il dislivello tra la quota del vicus laci Fundani e quello dell’area intorno al tempio poteva essere superato tramite due brevi rampe (fig.  5b, 6). La facciata del basamento di fondazione rivolta verso la strada appare articolata in nicchie affiancate da colonne nella pianta di Andrea Palladio (5b.18) e nello schizzo di Sallustio Peruzzi (5b.11)39. Una soluzione analoga è adottata per il fronte orientale della sostruzione, alta circa m 8, del tempio di Venere e Roma verso la piazza del Colosseo (alta circa m 8)40.

Fig. 6 – Planimetrie ricostruttive. Disegni dell’autrice.

Fig. 6 – Planimetrie ricostruttive. Disegni dell’autrice.

Il Tempio

  • 41 Dove per un errore le colonne rappresentate sono 9.
  • 42 È decastilo, come gli altri maggiori nell’impero per i quali vedi fig. 4, anche per Pensabene 2018 (...)
  • 43 Le colonne potrebbero essere state solo 14, come nella pianta edita di A. Palladio (5b.18). Il tem (...)
  • 44 L’ipotesi della presenza della doppia fila di colonne, come nei confronti proposti, entrambi tempi (...)
  • 45 Solo nel disegno di A. Palladio rimasto inedito appaiono articolati in nicchie alternativamente re (...)
  • 46 Pensabene 2018, p. 24.
  • 47 Per le decorazioni architettoniche si è fatto riferimento a Pensabene 2018 e alle schede di catalo (...)

18Il basamento di fondazione del tempio, ricostruito, misurava m 84 × 68,40 circa; il crepidoma di tre gradini, invece, m 78,70 × 53,50. Il tempio era con molta probabilità decastilo, come appare nel disegno di S. Peruzzi (5b.1141). Decastili erano anche i templi di Roma e di Venere, l’Artemision di Efeso e gli altri maggiori dell’impero (fig. 3-4)42. Data la lunghezza della sostruzione (m 84) e la necessità di presupporre uno spazio per l’ara, conviene ipotizzare sui lati lunghi 15 colonne43, più il pilastro di fondo. Si trattava, dunque, di un tempio di tipo greco, che poteva avere due file di colonne44 sui lati lunghi e tre sul fronte come nei due confronti (fig.  4); l’Artemision presenta tra le ante una quarta fila colonne che manca però nel Tempio di Roma, al quale abbiamo preferito fare riferimento. I muri della cella erano probabilmente privi di nicchie, come i modelli cui immaginiamo si riferisse il nostro tempio45. Le colonne, dal diametro all’imoscapo di m 1,97, avevano forse fusto scanalato (si veda la tavola di Andrea Palladio dedicata alle decorazioni architettoniche: 5c.16), come il tempio di Serapide a Efeso di Domiziano46; i capitelli, corinzi, alti m 2,10, si inseriscono nella tradizione dei monumenti romani di età severiana; particolarmente stringenti sono i confronti con i capitelli dei propilei della fase severiana (del 203 d.C.) del Portico d’Ottavia; le basi, stando ai disegni Rinascimentali, erano di tipo attico47.

  • 48 Barattolo 1973; Id. 1978.
  • 49 Data la misura coerente con la ricostruzione, ipotizziamo che potesse essere appartenuto al second (...)
  • 50 Abbiamo ricostruito la base utilizzando quelle note del tempio di Marte Ultore nel foro di Augusto
  • 51 Filippo Coarelli ritiene che la gemma conservata all’Ashmolean Museum di Oxford, con Serapide in t (...)

19La cella aveva tre navate, più ampia quella centrale e minori le due laterali. Tali navate appaiono nelle piante di A. Palladio (5b.17-18), che indica la distanza tra le pareti lunghe e i colonnati e l’intercolumnio, misure non indicate in relazione ai lati corti (5b.17-18). Navate di questo tipo sono presenti anche nell’Artemision di Efeso e nei templi di Roma e Venere nella fase adrianea (fig.  4). Come nella cella del tempio adrianeo, abbiamo ricostruito i pavimenti delle navate laterali ad una quota appena più alta di quello centrale (cm 18 circa)48 e come in questo tempio, abbiamo immaginato la presenza di due ordini49. Non ricostruiamo sul fondo della cella un muro curvo a formare un’abside, presente nella parte non misurata del disegno inedito di Andrea Palladio (5b.17) che riprende plausibilmente uno schizzo di Antonio da Sangallo il Giovane (5b.5). Qui però l’elemento è sicuramente di ricostruzione dato che non è campito come il tratto del muro di fondo, il c.d. Frontespizio, unico elemento sicuramente conservato in elevato fino al 1680. Inoltre, un’abside non trova riscontro nei due templi presi a modello. Sul fondo della cella doveva essere la base delle statue di culto50: originariamente quelle della coppia di fratelli divini, Bacco ed Ercole stanti, uno di fianco all’altro, il primo con patera in una mano, il tirso nell’altra e ai suoi piedi la pantera, il secondo con clava e leontè (fig.  7, sezione h-h’), come sono rappresentati nei coni monetali romani di Settimio Severo e Caracalla delle emissioni del 194 d.C. e del 204 d.C. (fig.  8). Immaginiamo che dopo il 213 d.C. le due statue furono sostituite dalla statua del dio cui da quel momento il tempio fu ridedicato. Crediamo che il Serapide stante, con modio sulla testa, braccio destro alzato e scettro nella sinistra, presente sui rovesci delle emissioni romane di Caracalla (3.16, 3.18, 3.20-3.24, fig. 8), possa rappresentare la statua di culto. In due coni, Serapide è invece rappresentato seduto in trono (3.25-26)51.

Fig. 7 – Sezioni ricostruttive. Disegni dell’autrice.

Fig. 7 – Sezioni ricostruttive. Disegni dell’autrice.
  • 52 Sul tipo ritrattistico di Settimio Severo come Serapide vedi da ultimo: Demartino 2007.
  • 53 Statue di divinità fluviali agli angoli dei frontoni sono comuni fin dall’età classica; spesso son (...)

20Il frontone orientale nella prima fase (fig.  7 sezione g-g’, 9a) poteva forse ospitare, al centro, la statua di Giove tra i suoi figli, Bacco ed Ercole, sculture che rimanderebbero a Settimio Severo52, Caracalla e Geta. A destra e a sinistra potevano stare i due Dioscuri del Quirinale, Castore e Polluce, anch’essi figli di Giove. Alle estremità del frontone trovavano posto le statue del Tevere e del Nilo53 (fig. 9a-b, 10), oggi ai lati della statua di Roma, sul fronte del Palazzo Senatorio in Campidoglio.


Fig. 8 – Coni severiani della zecca di Roma. Le statue di culto di Bacco ed Ercole (3.2) e Serapide (3.22)?

Fig. 8 – Coni severiani della zecca di Roma. Le statue di culto di Bacco ed Ercole (3.2) e Serapide (3.22)?

3.2. https://www.romanumismatics.com/​; Auction XVIII, 29-09-2019, Lot 1187.
3.22. https://www.romanumismatics.com/​; E-Sale 78, 17-12-2020, Lot 1584.

Fig. 9 – Il frontone orientale del tempio.

Fig. 9 – Il frontone orientale del tempio.

a) di Bacco ed Ercole; b) di Serapide con le statue di Iside e Salus. Disegni dell’autrice.

  • 54 S.v. Serapis, in Lexicon Iconographicum Mitologiae Classicae.
  • 55 Picozzi 2018b, in particolare p. 87 e ss., fig. 23a-b.
  • 56 Per il rapporto tra Serapide, Salus e Iside vedi sopra.
  • 57 Coarelli 2014, p. 231-232, fig. 77-78. Giove e Giunone Dolicheni, Iside, Serapide, Dioscuri, Sole (...)

21La nuova dedica deve aver implicato un cambiamento del tema frontonale (fig.  9b). Su committenza di Caracalla, la statua di Giove potrebbe essere stata rilavorata per assumere le sembianze di Serapide. L’iconografia delle due divinità è simile, differendo sostanzialmente per la presenza del modio sul capo di Serapide, per i dettagli della capigliatura e della barba54, per gli attributi e paredri. Accanto a lui – eliminati Bacco ed Ercole – potevano essere sedute Salus e Iside, come ha suggerito M.G. Picozzi55, mentre Dioscuri e fiumi sarebbero rimasti al loro posto56. I Dioscuri sono rappresentati ai lati di Serapide anche su due gemme, datate tra l’età antonina e l’età severiana57.

  • 58 L’elemento è interpretato come arco di scarico nel disegno di Sebastiano Serlio: 5b.14. Analoghi a (...)
  • 59 Pensabene 2018, fig. 21.
  • 60 Tale spazio poteva permettere al massimo la presenza di altorilievi, ma non statue a tutto tondo: (...)
  • 61 Per la descrizione e l’analisi di dettaglio degli elementi architettonici si rimanda all’ultimo st (...)

22Nel retro del tempio, visibile dalla bassura del Campo Marzio, erano, stando ai disegni ricostruttivi Cinquecenteschi che rappresentano il c.d. Frontespizio di Nerone (5b.12, 5b.16a-c, 5c.17), due nicchie laterali simmetriche (noto era solo un lato)58; al centro poteva essercene una di maggiori dimensioni come già immaginato da La Volpaia (5b.3) e come ultimamente riproposto da P. Pensabene59. Le nicchie ospitavano forse le statue delle divinità. Potrebbe spiegarsi tale decorazione con la necessità di mostrare anche alla vista dal Campo Marzio le divinità titolari del tempio, non potendo il frontone occidentale ospitare sculture data la sua profondità che non poteva superare il metro60 (fig.  7, sezioni e-e’, f-f’). Di questo frontone si conserva nei Giardini Colonna la cornice angolare meridionale con il plinto dell’acroterio, in marmo proconnesio, con frammenti del fregio-architrave e delle lastre del fregio (4c.14-19). Questo era decorato con tralci d’acanto da cui emergono, in segno di prosperità e rinascita, i busti nudi di Eroti61.

I giardini

23Ai lati del basamento erano due ampie aree rettangolari scoperte lunghe m 84, quanto il basamento fondativo del tempio, e larghe ciascuna circa m 36 (pari a 120 piedi) che occupavano circa due actus e mezzo ciascuna (fig. 11). Vi si accedeva dal vicus laci Fundani tramite due rampe. Forse al tempo di Settimio Severo tale spazio poteva essere occupato da un giardino circondato da una strada percorribile anche da carri. Al tempo di Caracalla, poterono forse essere stati allestiti un Canopo e due euripi, come nel Serapeo-Iseo campense e del c.d. Serapeo di Villa Adriana. Ciò è suggerito dalla presenza di un coccodrillo in granito di Assuan nella Collezione Colonna (4c.8, fig. 2a). Esso è rappresentato in una incisione della metà del Cinquecento, riutilizzato nelle murature medievali della Loggia dei Colonnesi (5b.15), a soli m 50 di distanza da una sua possibile originaria collocazione (fig.  5b). Ipotizziamo che i coccodrilli fossero su basi (lunghe almeno m 160, data la lunghezza del coccodrillo: m 1,53) disposte ai margini del Canopo, appena affioranti dall’acqua, come per consentire all’animale di immergersi. Era l’aqua Marcia ad alimentare questo complesso, come il più tardo complesso delle Terme di Costantino: è noto dalla Forma Urbis marmorea un suo tratto a meno di m 120 dal complesso. I Canopi potevano a loro volta nutrire eventualmente d’acqua le nicchie sul fronte del complesso lungo il vicus laci Fundani (fig.  4, 6-7).

Fig. 11 – Il complesso templare severiano, schema ricostruttivo. Il lato lungo (m 177,36) è pari a 600 piedi. L’area del complesso corrisponde a 4 × 5 actus (a tratteggio). La base per le statue di culte si trova al centro del sistema. Disegno dell’autrice.

Fig. 11 – Il complesso templare severiano, schema ricostruttivo. Il lato lungo (m 177,36) è pari a 600 piedi. L’area del complesso corrisponde a 4 × 5 actus (a tratteggio). La base per le statue di culte si trova al centro del sistema. Disegno dell’autrice.
  • 62 Date le dimensioni ricostruite di queste colonne, possiamo in via ipotetica attribuire a una di qu (...)

24Il muro di fondo e quello laterale delle aree scoperte erano articolati in nicchie alternatamente rettangolari e semicircolari affiancate da colonne62, come appaiono in tutti i disegni cinquecenteschi e seicenteschi (5b.2a, 5b.2b, 5b.4, 5b.13a, 5b.13b, 5b.17-18). A queste aree laterali si accedeva anche da ovest, tramite due aperture centrali nei muri di fondo. Anche queste aperture, con la loro ampiezza, sono documentate in tutte piante rinascimentali (con misure in 5b.2a, 5b.2b, 5b.17). Queste aperture mettevano in comunicazione l’area sacra sulla sommità del colle Muciale con il corpo delle rampe.

Il corpo delle rampe

  • 63 Nella pianta di A. Palladio (5b.18) sono indicate le misure delle aperture, sia delle finestre che (...)
  • 64 Nelle planimetrie e nelle sezioni abbiamo numerato solo la metà meridionale del complesso, essendo (...)

25Il corpo delle rampe era costituito da una struttura parallelepipeda, organizzata simmetricamente lungo l’asse longitudinale est-ovest, forse così progettata per gestire separatamente la salita e la discesa di persone e carri63 dal Campo Marzio alla sommità del colle Muciale. Aveva misure analoghe al crepidoma del tempio (identica larghezza e simile lunghezza: m 53,50 × 82,53). Era costituito da 55 ambienti per parte64, in totale quindi 110, disposti intorno ad una corte pavimentata. Del complesso sono ancora oggi conservati e visibili (fig.  5b) nel cortile dell’Università Gregoriana e nei giardini Colonna, due file di ambienti addossati alla pendice del colle, riutilizzati nel medioevo dalla Loggia dei Colonnesi, la metà orientale dei muri perimetrali nord e sud e uno degli ambienti di servizio del braccio laterale meridionale (fig.  2b). Per le altre parti rimandiamo al rilievo ottocentesco di G. Gerhard e ai disegni e alle incisioni datati tra il Quattrocento e il Seicento.

  • 65 Vedi nota 34.

26Il fronte dell’edificio dava su una piazzetta triangolare che si trovava alla quota di m 22 s.l.m. circa65 sul vicus Caprarius, corrispondente a piazza della Pilotta e a via dei Lucchesi. Da qui aveva inizio la salita. Il corpo delle rampe sostituiva forse e monumentalizzava gli arcaici accessi alla città. Se così fosse, come in corrispondenza del limite settentrionale era la Porta Salutaris, forse, analogamente, in corrispondenza del limite meridionale poteva essere un altro accesso (fig. 1a-b).

  • 66 Le quote pavimentali sono documentate nei rilievi di G. Gerhardt e ancora oggi sono verificabili a (...)

27Attraversate le aule di ingresso (1.1 e 2.1), si giungeva alla corte (3). Dall’aula 2.1, volgendo a sud, si entrava in un lungo ambiente (4.1) e di qui in una piccola stanza quadrangolare (5.1), entrambi di servizio. Dietro a quest’ultima era un ambiente rettangolare, probabilmente inaccessibile e forse pieno di terra (12.1). Dal fondo dell’ambiente 4.1, tramite una porticina nel muro settentrionale, si entrava in un’altra piccola stanza quadrangolare (6.1) e da qui, proseguendo verso est, ad un’altra di analoghe dimensioni (7.1). Tramite queste stanze 6.1 e 7.1, retrostanti la corte, e quelle sovrastanti, si saliva all’ultimo piano (la discesa avveniva negli ambienti simmetrici) tramite scale lignee di cui non è rimasta traccia, ma ricostruibili in base alle quote dei pavimenti. Per le quote diverse tra loro e rispetto agli ambienti circostanti si vedano le sezioni c, d, e, f66. Solo gli ambienti al piano terra e all’ultimo erano tutti alla stessa quota. Dalla stanza 7.1 non si accedeva, però, all’ambiente 13.1, perché probabilmente pieno di terra; come dalla stanza 7.2 all’ambiente 13.2, per lo stesso motivo; dalla stanza 7.3 si poteva accedere all’ambiente 13.3, come dall’ambiente 7.4 all’ambiente 13.4 e dalla stanza 7.5 all’ambiente 13.5.

  • 67 Le rampe sono ricostruite seguendo l’inclinazione di 9° rilevata da E. Gallocchio. Nella ricostruz (...)
  • 68 Apul., Met., 11, 24. Anche ad Ostia al Serapeo sono associati spazi per le iniziazioni, ambienti t (...)

28La salita con il carro, invece, poteva avvenire solo volgendo a sud dall’aula di ingresso 1.1, attraversando le successive aule 8.1 e 9.1 e utilizzando le rampe67 per le quali era realizzato principalmente l’edificio. Percorsi la prima rampa 10.1 (ovest-est) e il suo pianerottolo 11.1, si giungeva all’ambiente 12.2, dove si invertiva la direzione. Da qui, attraversata la stanza 5.2, si accedeva alla rampa 4.2 che portava in direzione est-ovest alle aule 8.2 e 9.2. La salita proseguiva percorrendo la rampa 10.2 (in direzione ovest-est) e il suo pianerottolo 11.2. Si attraversavano gli ambienti 12.3 e la stanza 5.3 per giungere infine alla rampa 4.3 (est-ovest) e alle aule 8.3 e 9.3. Da quest’ultima aula si accedeva all’ultima rampa 10.3 con direzione ovest-est e al pianerottolo 11.3, che si trovava alla stessa quota degli ambienti 12.4, della stanza 5.4 e all’ambiente 4.4 di risulta sotto il terrazzo, probabilmente impraticabile. Il pavimento dell’ambiente 12.4 era allo stesso livello anche dell’ambiente 13.4. Questo ambiente e il sottostante 13.3, con i loro simmetrici, sono gli unici di grandi dimensioni non occupati da scale e non interrati (essendo documentale le porte per accedervi), quindi facilmente utilizzabili per un qualche specifico uso non di servizio. Si può pensare forse che qui vi fossero allestiti i banchetti in occasione delle festività in onore di Serapide68; in epoca tarda, forse, potevano essere occupati dal secretarium iudicis, collocato iuxta templum Serapidis nella passione di Felice (1.2), avvenuta tra la fine del III e l’inizio del IV secolo d.C. e descritta nel VII secolo d.C.

  • 69 Enrico Gallocchio ha potuto verificare infatti che la copertura dell’ambiente 22, ancora conservat (...)

29Giunti al pianerottolo 11.3 e volgendo a sud si poteva percorrere un’ultima rampa (nord-sud)69, che conduceva al passaggio che immetteva nelle aree scoperte ai lati del tempio.

I giardini terrazzati, i bracci laterali e le torri

  • 70 Lo smodato culto di Bacco era pubblicamente vietato dal 186 a.C. A Roma sono attestati coni con la (...)
  • 71 Le torri sono rappresentate divise in tre ambienti nei disegni misurati di Sebastiano Serlio (15c. (...)

30Il corpo delle rampe era affiancato a nord e a sud da due giardini che culminavano in uno spazio pavimentato (14). Esso immetteva alle stanzette dei bracci laterali, contraffortati, e alle torri. Forse i giardini terrazzati, almeno nella fase di Settimio Severo, quando il tempio era dedicato a Bacco, ospitavano un vigneto, con le piante sacre al dio, onorato per la prima volta a Roma nel suo tempio70. L’acqua per la coltivazione era assicurata dal vicino acquedotto Marcio. I resti del muro di contenimento nord-sud tra primo e secondo livello del vigneto meridionale sono rappresentati nel disegno di Maarten van Heemskerck (5b.9). Al livello inferiore, si poteva accedere ai giardini tramite due ingressi aperti sul vicus Caprarius. Si poteva giungeva allo spazio pavimentato (14) percorrendo cordonate che abbiamo immaginato lungo i lati meridionale e settentrionale del santuario e che potevano collegare il vicus Caprarius al vicus Laci Fundani. Una analoga cordonata esiste ancora oggi nei Giardini Colonna (fig.  1). Su questo spazio si aprivano gli ingressi alla torre (15) e a quattro stanzette (19-22). Comunicava con l’ingresso (15) una scala (16) che serviva gli appartamenti dei tre piani della torre, ciascuno diviso in tre ambienti (17.1-2-3, 18.1-2-3, 19.1-2-3)71; la scala portava anche alla terrazza sopra le quattro e stanzette e a quella del corpo delle rampe. Le quattro stanzette (19-22) avevano probabilmente funzione di servizio. La stanza 19 comunicava anche con l’ingresso alla torre 15.

  • 72 Anche la casa di Augusto sul Palatino ha la stessa lunghezza: vedi A. Carandini, p. Carafa, con M. (...)

31In conclusione, il complesso sembra inscrivibile in un rettangolo di m 138 in direzione nord-sud × 177,36 in direzione est-ovest, pari a piedi 483 × 60072. Il rettangolo era diviso in tre fasce est-ovest. Le due esterne minori, larghe m 42,96, erano occupate, nella metà occidentale, dai vigneti terrazzati e in quella orientale dalle aree a giardino. I vigneti occupavano circa 5 actus. La fascia centrale, più larga (m 53,50), era interamente occupata dal corpo delle rampe a ovest, e ad est dal tempio “straordinariamente grande” posto sulla sommità del colle Muciale, le cui statue di culto si trovavano esattamente al centro dell’intero sistema (fig.  6).

Appendice - Le Fonti

1. Le fonti letterarie

N. Autore Opera e locus Argomento
1.1a Curiosum urbis Romae regionum XIIII, Regio VI Il Tempio di Salute e (tempio di) Serapide sono menzionati all’inizio della lista.
1.1b Notitia urbis Romae regionum XIIII, Regio VI Il Tempio di Salute e (tempio di) Serapide sono menzionati all’inizio della lista.
1.2 Acta Sanctorum, Augusti VI, 546 E Passione di Felice (durante l’impero di Diocleziano e Massimiano): Felice viene condotto nel tribunale segreto del giudice, che si trova accanto al tempio di Serapide
1.3 Cassio Dione Storia Romana, 77, 16, 3. Settimio Severo costruì un tempio di dimensioni enormi per Bacco ed Ercole.

2. Le fonti epigrafiche

N. Edizione Luogo di rinvenimento Descrizione Datazione Note
2.1 CIL VI, 570 Roma, Quirinale, riutilizzata nel pavimento della chiesa di S. Agata dei Goti, proveniente, secondo Pirro Ligorio, dalla chiesa di San Silvestro al Quirinale (Cod. Taur. XV 156). Caracalla [dedica] la aedes al dio Serapide Inizio del III secolo d.C.
2.2 CIL VI, 573 Roma, Quirinale, piazza delle Tre Cannelle Dedica privata a Serapide Conservatore 200-230 d.C.
2.3 IG XIV, 1024 Roma, Quirinale, fondazioni del Palazzo del Grillo Base di statua con dedica pro salute di Caracalla definito “Grande” come il Giove Sole Serapide Inizio del III secolo d.C.
2.4 IG XIV, 1093 Roma Dedica a Serapide Età Severiana
2.5 CIL VI, 574 Roma Dedica a Serapide Invitto e Iside Regina pro incolumitate di Fileto, liberto di Caracalla e Geta, e di Aurelia Quintiliana. 211-217 d.C. L’iscrizione proviene da un luogo non precisato di Roma. Fu vista la prima volta presso Palazzo Giustiniani. Tale dato potrebbe far propendere per un’attribuzione dell’iscrizione all’Iseo Campense, piuttosto che al complesso del Quirinale.
2.6 IG XIV, 1026 Roma Piccola colonna con dedica a Serapide da parte di quattro egiziani. 299 d.C.
2.7 IG XIV, 1030 Roma Piccola colonna di marmo con dedica a Giove Sole Grande Serapide e agli dei che con lui condividono il tempio Tardo III d.C.

3. Le fonti numismatiche. Coni severiani della zecca di Roma*

N. Edizione Tipo Dritto Rovescio Datazione Fig.
3.1 RIC IV.1, 661 Sesterzio Testa laureata di Settimio Severo DIS AUSPICIB(US). Ercole, con clava e leontè, e Bacco con coppa e tirso, stanti fianco a fianco; pantera ai piedi di Bacco. 193/inizio 194 d.C.
3.2 RIC IV.1, 25 Aureo Busto laureato di Settimio Severo DIS AUSPICIB(US). Ercole stante a sinistra, con in mano la clava e leontè, e Bacco stante a destra, con oinochoe e pantera 194 d.C. Fig. 8
3.3 RIC IV.1, 31 Aureo Testa laureata di Settimio Severo DIS AUSPICIB(US). Ercole stante a sinistra, con in mano la clava e leontè, e Bacco stante a destra, con oinochoe e pantera 194 d.C.
3.4 RIC IV.1, 666 Sesterzio Testa laureata di Settimio Severo DIS AUSPICIB(US.) Ercole, con clava e leontè, e Bacco con coppa e tirso, stanti fianco a fianco; pantera ai piedi di Bacco. 194 d.C.
3.5 RIC IV.1, 74 Aureo Busto laureato di Caracalla COS. LUDOS SAECUL. FEC. Bacco stante con coppa e tirso in mano e pantera vicino ai piedi; Ercole stante con clava e leontè 204 d.C.
3.6 RIC IV.1, 761 Sesterzio Busto di Settimio Severo laureato, drappeggiato, con corazza COS III. LUD. SAEC. FEC. S.C. Settimio Severo, velato, stante nell’atto di sacrificare; davanti a lui, Ercole stante con clava e leontè, victimarius con maiale presso l’altare, suonatori di flauto e Bacco con coppa e tirso; di fronte Tellus (?) reclinata a destra, con cornucopia, poggiata su un cesto 204 d.C.
3.7 RIC IV.1, 418 Sesterzio Busto laureato di Caracalla COS III. LUD. SAEC. FEC. S.C. DII PATRII Settimio Severo, velato, stante nell’atto di sacrificare; davanti a lui, Ercole stante con clava e leontè, victimarius con maiale presso l’altare, suonatori di flauto e Bacco con coppa e tirso; di fronte Tellus (?) reclinata a destra, con spighe, poggiata su un cesto. 204 d.C.
http://www.fredericweber.com/​SEPTIME_SEVERE/​Jeux_Séculaires_204.pdf, fig. 15
3.8 RIC IV.1, 762 Sesterzio Busto laureato di Settimio Severo DI PATRII. Bacco stante a destra con coppa e tirso rivolto verso Ercole con clava e leontè 204 d.C.
3.9 RIC IV.1, 763b Sesterzio Busto laureato di Settimio Severo DI PATRII. Bacco stante a destra con coppa e tirso rivolto verso Ercole con clava e leontè 204 d.C.
3.10 RIC IV.1, 764a Asse Busto laureato di Settimio Severo COS III. LUD. SAEC. FEC. S.C. Bacco stante con coppa e tirso in mano e pantera vicino ai piedi; Ercole stante con clava e leontè 204 d.C.
3.11 RIC IV.1, 765 Asse Busto laureato di Settimio Severo COS III. LUD. SAEC. FEC. S.C. Bacco stante a destra con coppa e tirso rivolto verso Ercole con clava e leontè 204 d.C.
3.12 RIC IV.1, 76 Aureo Busto laureato di Caracalla DI PATRII. Bacco stante con coppa e tirso in mano e pantera vicino ai piedi; Ercole stante con clava e leontè 204 d.C.
3.13 RIC IV.1, 85 Aureo Testa laureata di Caracalla PONTIF. TR.P.VIIII.COS.II. Bacco stante con coppa e tirso; di fronte a lui gruppo di quattro leopardi 206 d.C.
3.14 RIC IV.1, 192 Denario Testa laureata di Caracalla Ercole stante con ramo, clava e leontè 206 d.C.
3.15 RIC IV.1, 193 Denario Testa laureata di Caracalla Serapide stante con modio sulla testa, braccio destro alzato e scettro. 206 d.C.
3.16 RIC IV.1, 194 Denario Testa laureata di Caracalla Serapide stante con modio sulla testa, braccio destro alzato e scettro. 206 d.C.
3.17 RIC IV.1, 206 a-c Denario Testa laureata di Caracalla Ercole stante con ramo, clava e leontè 213 d.C.
3.18 RIC IV.1, 208 Denario Testa laureata di Caracalla Serapide stante con modio sulla testa, braccio destro alzato e scettro. 213 d.C.
3.19 RIC IV.1, 239 Denario Testa laureata di Caracalla Ercole stante con ramo, clava e leontè 214 d.C.
3.20 RIC IV.1, 244 Denario Testa laureata di Caracalla Serapide stante con braccio destro alzato e scettro. 214 d.C.
3.21 RIC IV.1, 263 Aureo Busto radiato di Caracalla Serapide stante con modio sulla testa, braccio destro alzato e scettro. 215 d.C.
3.22 RIC IV.1, 280 (a-e) Aureo/ Denario/ Antoniniano Testa/Busto radiato di Caracalla Serapide stante con modio sulla testa, braccio destro alzato e scettro. 216 d.C. Fig. 8
3.23 RIC IV.1, 289 (a-f) Aureo/ Denario/ Antoniniano Testa/Busto laureato di Caracalla Serapide stante con modio sulla testa, con ghirlanda di spighe di grano e scettro. 217 d.C.
3.24 RIC IV.1, 290 Denarius Busto laureato di Caracalla Serapide stante, braccio destro alzato e scettro. 217 d.C.
3.25 RIC IV.1, 291 (a-c) Denario/ Antoniniano Busto laureato/con elmo di Caracalla Serapide seduto con modio sulla testa, con cornucopia (?) e scettro 217 d.C.
3.26 RIC IV.1, 292 Aureo Busto laureato di Caracalla Serapide seduto con modio sulla testa, con cornucopia e torcia 217 d.C.
* Si veda anche Tocchi 1956, p. 3-30.

4. Le fonti topografiche

32a) I resti archeologici riferibili al complesso (la sostruzione-ninfeo con nicchie, il tempio, le aree laterali, i bracci laterali e le torri, il complesso delle rampe): dagli scavi ottocenteschi al rilievo di E. Gallocchio (fig.  2b).

N. Posizione e descrizione e Anno di rinvenimento / Pubblicazione Parte del complesso cui si riferisce
4a.1 Via XXIV Maggio tra il Casino Rospigliosi dell’Aurora e la porta d’ingresso delle Scuderie del Quirinale. Sostruzione a sacco in scaglie di selce, spessa oltre m 3 limitata a est dal lastricato della strada che separa il complesso del tempio dalle Terme di Costantino, limite orientale. NSA 1878, p. 92 Platea del tempio e sostruzione-ninfeo con nicchie
4a.2 Via XXIV Maggio-piazza del Quirinale, angolo nord-est delle scuderie. Tratto di sostruzione a sacco, limite orientale 1938 (Archivio Gatti, R. VI), vedi Santangeli Valenzani 1991-1992, fig. 6 Platea del tempio e sostruzione-ninfeo con nicchie
4a.3 Piazza del Quirinale. Ingresso secondario alle Scuderie del Quirinale. Tratto della sostruzione a sacco. Capanna 2017, tav. 193, fig. 2b (Foto dell’autrice.) Platea del tempio
4a.4 Via XXIV Maggio, atrio di accesso alle Scuderie del Quirinale. Platea del tempio
4a.5 Piazza del Quirinale, lato nord delle Scuderie del Quirinale. Tratto della sostruzione a sacco. 1939 (Archivio Gatti, R. VI), vedi Buzzetti 2011, fig. 6 Platea del tempio
4a.6 Piazza del Quirinale, lato nord delle Scuderie del Quirinale. Tratto della sostruzione a sacco. 1969-70, Lissi Caronna 1979 Platea del tempio
4a.7 Muro in blocchi di peperino di 25 palmi (m 5.58, di altezza?). S. Peruzzi, 1536- 1567; vedi Buzzetti 2011, fig. 6 Muro meridionale della cella
4a.8 Via XXIV Maggio. Muro di età imperiale. 1876. Lanciani FUR tav. 16 Recinto dell’area a sud del tempio
4a.9 Piazza del Quirinale. Muro di età imperiale. 1876. Lanciani FUR tav. 16; vedi anche Lissi Caronna 1979; vedi Buzzetti 2011, fig. 6 Recinto dell’area a nord del tempio
4a.10 Giardini Colonna. Muro di fondo del tempio, abbattuto nel 1630 da Urbano VIII Muro di fondo del tempio, angolo sud-occidentale
4a.11 Giardini Colonna. Ambiente quadrangolare 3 lungo muro con quattro contrafforti Gallocchio 2018 Braccio laterale meridionale
4a.12 Giardini Colonna, Università Gregoriana. Ambienti ancora visibili dietro al tempio e muri perimetrali nord e sud. Gallocchio 2018 Complesso delle rampe
4a.13 Università Gregoriana. Muri delle rampe non più visibili. Gallocchio 2018; fig. 2; Buzzetti 2011, Fig.6, 10; Gerhardt 1868. Complesso delle rampe
4a.14 Università Gregoriana. Pavimento a lastre 1926 (Archivio Gatti, R. VI), vedi Buzzetti 2011, fig. 6. Coorte al centro del complesso delle rampe

33b) I tratti noti delle mura Serviane in questo settore del Quirinale (fig.  1b).

N. Posizione e descrizione Anno di rinvenimento / Pubblicazione
4b.1 Tratto di mura perpendicolare a via della Dataria, tra il portone del cortile della Panetteria e le stalle; blocchi di tufo simile a quello che costituisce la collina. Scavi 1866; Säflund 1932, p. 87, tratto r
4b.2 Tratto di mura in blocchi di tufo documentati in piazza del Quirinale nel 1864; parzialmente nuovamente rinvenuto nel 1969-70. Lissi Caronna 1979; Buzzetti 2009; Id. 2012.
4b.3 Blocchi di tufo documentati in occasione della demolizione del Palazzo dell'Olmo, ancora in parte visibili nel cortile della Pontificia Università Gregoriana. Gallocchio 2108, fig. 12a-b.
4b.4 Blocchi di tufo incastrati nelle sostruzioni dell'ultima terrazza del Giardino Colonna, dietro un lavatoio. Si tratta di due filari di 26 massi di cappellaccio. Potrebbe trattarsi di blocchi riutilizzati per fare la sostruzione. Säflund 1932, p. 87-88, tratto s
4b.5 Tratti delle mura Serviane rinvenute a più riprese tra via Quattro Novembre, via della Cordonata, via XXIV maggio, tra la chiesa di San Silvestro e il Teatro Drammatico Nazionale. Scavi 1930; Säflund 1932, p. 88, tratti t-u

34c) I luoghi di rinvenimento delle iscrizioni e delle decorazioni scultoree e architettoniche riferibili, per cronologia, materiale e soggetto al complesso (fig.  2a).

N. Descrizione Anno/
Luogo di rinvenimento
Attribuzione Note
4c.1 CIL VI, 570 San Silvestro al Quirinale Vedi 2.1
4c.2 CIL VI, 573 Piazza delle Tre Cannelle Vedi 2.2
4c.3 IG XIV, 1024 Palazzo del Grillo Vedi 2.3
4c.4 Mensola figurata con testa di Giove Ammone, età imperiale 1876. Via Nazionale, Villa Aldobrandini
4c.5 Testina di “ministro mitriaco” 1876. Via Nazionale, fra la Via dei Serpenti e la chiesa di S. Caterina.
4c.7 Statua di Iside 1876. Via Nazionale, fra la Via dei Serpenti e la chiesa di S. Caterina.
4c.8 Scultura di coccodrillo in granito rosso di Assuan. Lunghezza conservata m 1,25; larghezza m 0,50 Almeno dalla metà del XVI secolo murata nella facciata della Loggia dei Colonnesi, primo nucleo del successivo Palazzo dell’Olmo dei Colonnesi (proprietà Colonna); n. 11 in Picozzi 2010, pp. 108-110 Canopi delle aree laterali Fig. 2a,
vedi anche 5b.15
4c.9a-b Statue (frontonali) del Nilo e del Tevere, marmo proconnesio Piazza del Quirinale, riutilizzate nel complesso delle Terme di Costantino, età severiana Frontone del tempio Fig. 10
4c.10a-b Statue (frontonali) dei Dioscuri, marmo proconnesio Piazza del Quirinale Frontone del tempio Fig. 10
4c.11 Statua (frontonale) della c.d. Roma seduta, ora riletta come Salus/Igea, marmo proconnesio Rinvenuta alla fine del XVI secolo in piazza del Quirinale, nell’area dove Sisto V aveva collocato i Dioscuri Frontone del tempio Fig. 10
4c.12 Statua di Esculapio, marmo lunense 1878, piazza del Quirinale
4c.13 Statua di Dioniso 1932, Salita del Grillo
4c.14-18 Angolo del frontone, frammenti di fregio e il capitello del pilastro, marmo proconnesio. Giardini Colonna, ora in terra. In situ sulla parte superstite del muro di fondo del Tempio, abbattuto da Urbano VIII nel 1628. C.d. Frontespizio di Nerone Frontone del tempio N. VI.6 – VI.10 in Picozzi 2018a
4c.19 Frammento di cornice obliqua marmo proconnesio Giardini Colonna Frontone del tempio N. V.25 in Picozzi 2018a
4c.20 Rivestimento di soffitto di architrave al centro di un intercolumnio, marmo proconnesio Giardini Colonna Pronao del tempio N. III.24 in Picozzi 2018a
4c.21 Frammento di incorniciatura di soffitto di architrave (come 4c.17) Giardini Colonna Pronao del tempio N. V.35 in Picozzi 2018a
4c.22 CIL VI, 726, iscrizione Mitriaca Giardini Colonna

5. Iconografia moderna

a) Le piante e le viste a volo d’uccello di Roma in cui sono ben visibili i resti del complesso (fig.  12)

N. Autore Titolo Anno
5a.1 L. Bufalini Pianta di Roma 1551
5a.2 E. Du Perac Lafreri Roma. Nova Urbis Romae Descriptio 1577
5a.3 A. Tempesta La pianta Prospettica di Roma 1593
5a.4 G. Maggi Iconographia della città di Roma delineata e scolpita in legno a tempo di Pavolo V 1625
5a.5 G. van Schayck Nova urbis Romae descriptio 1630
5a.6 G. Falda Nuova pianta et alzata della città di Roma 1676
5a.7 G.B. Nolli Nuova pianta di Roma 1748

Fig. 12 – Piante e viste a volo d'uccello (1551-1748).

Fig. 12 – Piante e viste a volo d'uccello (1551-1748).

b) Iconografia moderna

  • 73 I disegni sono presentati in ordine cronologico; diversi disegni dello stesso autore sono raggrupp (...)

35Il monumento nel suo complesso e nelle sue parti (la sostruzione-ninfeo a nicchie, il tempio, le aree laterali, i bracci laterali e le torri, il complesso delle rampe)73. Per una rapida consultazione dei disegni riportiamo l’identificativo attribuito nell’archivio on-line del Census of Antique Works of Art and Architecture Known in the Renaissance della Humboldt-Universität zu Berlin
Institut für Kunst- und Bildgeschichte liberamente consultabile all’indirizzo www.census.de/. Nella colonna di destra è inserito il link diretto alla scheda dei disegni utilizzati per la ricostruzione.

36L’archivio è costantemente arricchito: la schedatura che qui si presenta è aggiornata al gennaio del 2020.

N. Autore Descrizione Anno Soggetto del disegno Note Census
5b.1 Antonio da Sangallo il Vecchio Prospetto misurato. 1492-1496 Retro del tempio Dettaglio ingrandito, con misure, della base delle colonne. 44819
5b.2a Giuliano da Sangallo il Vecchio Planimetria e sezione longitudinale con misure e descrizione. 1464-1516 (1513 in Spila 2018, p. 44) Intero complesso Dettaglio ingrandito di una mensola
44791-44792
http://census.bbaw.de/​easydb/​censusID=44791
5b.2b F. Giamberti detto Francesco da Sangallo Planimetria misurata con descrizione Post 1515, ante 1576 Intero complesso Con annotazioni successive di A. Cordini detto Antonio da Sangallo il Giovane; P.N. Ferri e di anonimo ottocentesco 44816
5b.3 Bernardo della Volpaia Prospetto misurato. 1513-1515 Fronte e retro del tempio Nicchia centrale nella parete di fondo del tempio 44789
5b.4 Baldassarre Peruzzi Pianta e sezione misurata. 1519 circa (1531-1536 in Spila 2018, p. 47) Complesso delle rampe Riprende 5b.2a
66952
http://census.bbaw.de/​easydb/​censusID=66952
5b.5 Antonio da Sangallo il Giovane Schizzo planimetrico 1519-1546 Fondo della cella con c.d. “Frontespizio di Nerone” È annerita solo la parte conservata del c.d. “Frontespizio di Nerone”. 10072395
http://census.bbaw.de/​easydb/​censusID=10072395
5b.6 Maarten van Heemskerck Vista del Foro Romano e di altre rovine in secondo piano 1532 –1537 C.d. “Frontespizio di Nerone” Il c.d. “Frontespizio di Nerone” si vede sullo sfondo sull’altura del Muciale 232784
5b.7 Maarten van Heemskerck Vista prospettica 1532 –1537 C.d. “Frontespizio di Nerone” e braccio laterale meridionale 44808
5b.8 Maarten van Heemskerck (copista di) Veduta 1532-1537 C.d. “Frontespizio di Nerone” e loggia dei Colonnesi (complesso delle rampe, ambienti dietro al tempio) 61679
5b.9 Maarten van Heemskerck (copista di) Veduta 1539-1560 C.d. “Frontespizio di Nerone”, braccio laterale meridionale, muro meridionale del complesso delle rampe 49897
http://census.bbaw.de/​easydb/​censusID=49897
5b.10 Sallustio Peruzzi Schizzo con breve descrizione 1536-ante 1567 Intero complesso Non finito? Preparatorio per 5b.11? 44804
5b.11 Sallustio Peruzzi Schizzo planimetrico e vista ricostruttiva in elevato 1536-ante 1567 Intero complesso Ingrandimento dell’angolo N-O dell’area a sud del tempio. 44801-44802-44803
http://census.bbaw.de/​easydb/​censusID=44801
5b.12 Francisco de Hollanda Vista assonome-trica Post 1538 - ante 1571 C.d. “Frontespizio di Nerone” Nicchia laterale nella parete di fondo del tempio 44809
5b.13a Sebastiano Serlio Pianta con descrizione e misure 1540 Intero complesso Ingrandimenti della torre meridionale e dell’angolo meridionale del recinto. Riprende 5b.2a 43590, 44793
http://census.bbaw.de/​easydb/​censusID=43590
5b.13b Bartolomeo Ammannati Pianta misurata Metà del XVI secolo Intero complesso Non è rappresentata la parte meridionale dell’area laterale a sud del tempio 10082503
5b.14 Sebastiano Serlio Dettagli con descrizioni e misure 1540 Prospetto del c.d. “Frontespizio di Nerone”; sezione delle rampe. Presente una piccola nicchia, in basso a sinistra, nella parete di fondo del tempio 44794
5b.15 Anonimo fiammingo Veduta 1540-1551 C.d. “Frontespizio di Nerone” e loggia dei Colonnesi (complesso delle rampe, ambienti dietro al tempio) 10175646
http://census.bbaw.de/​easydb/​censusID=1015646
5b.16a Giovannanto-nio Dosio Disegno assonometrico Post 1547 - ante 1570 C.d. “Frontespizio di Nerone” e scorcio del braccio laterale meridionale con muro di limite meridione del complesso delle rampe 44799
5b.16b Giovannan- tonio Dosio Disegno assonometrico 1569 C.d. “Frontespizio di Nerone” e scorcio del braccio laterale meridionale con muro di limite meridione del complesso delle rampe 44800
5b.16c Giovanni Battista
De’ Cavalieri, Giovannan-
tonio Dosio
Disegno assonometrico 1569 C.d. “Frontespizio di Nerone” e scorcio del braccio laterale meridionale con muro di limite meridione del complesso delle rampe Copia parallela 248350
5b.17 Andrea Palladio Planimetria misurata e prospetto 1560-1580 Tempio Abside nel fondo della cella.
Inedito.
10178851
http://census.bbaw.de/​easydb/​censusID=10178851
5b.18 Andrea Palladio Planimetria ricostruttiva misurata 1570 Intero complesso Abside assente nel fondo della cella. Pubblicato in Pubblicato in A. Palladio, I quattro Libri dell’architettura,IV, p. 41 ss. tav. I. Riprende 5b.2a 52646
http://census.bbaw.de/​easydb/​censusID=52646
5b.19 Andrea Palladio Prospetto laterale ricostruttivo con misure 1570 Pronao del tempio Pubblicato in A. Palladio, I quattro Libri dell’architettura, IV, p. 41 ss. tav. II 52647
5b.20 Andrea Palladio Prospetto frontale ricostruttivo con misure 1570 Fronte del tempio Pubblicato in A. Palladio, I quattro Libri dell’architettura, IV, p. 41 ss. tav. III 52648
5b.21 Andrea Palladio Sezione ricostruttiva con misure 1570 Cella e peristasi del tempio Pubblicato in A. Palladio, I quattro Libri dell’architettura, IV, p. 41 ss. tav. IV 52649
5b.22 Andrea Palladio Sezione longitudinale ricostruttiva con misure 1570 Pronao e attacco della cella Pubblicato in A. Palladio, I quattro Libri dell’architettura, IV, p. 41 ss. tav. V 52650
5b.23a Etienne Du Perac, Lorenzo Della Vaccaria Veduta 1575 C.d. “Frontespizio di Nerone” e loggia dei Colonnesi (complesso delle rampe, ambienti dietro al tempio) 44668
5b.23b Etienne Du Perac, Goert van Schaych Veduta 1621 C.d. “Frontespizio di Nerone” e loggia dei Colonnesi (complesso delle rampe, ambienti dietro al tempio) 44677
5b.25 Philipp Galle, Hendrick van Cleef Veduta 1600 C.d. “Frontespizio di Nerone” sullo sfondo 249205
5b.25 Federico Zuccari (attribuito a) Veduta Ante 1609 C.d. “Frontespizio di Nerone” e loggia dei Colonnesi (complesso delle rampe, ambienti dietro al tempio) 10005125
5b.26 Aloisio Giovannoli Veduta 1616 Palazzo del Quirinale con c.d. “Frontespizio di Nerone” e braccio laterale meridionale
5b.27 Aloisio Giovannoli Veduta 1619 C.d. “Frontespizio di Nerone” e loggia dei Colonnesi (complesso delle rampe, ambienti dietro al tempio)
5b.28 Giovanni Battista Mercati Veduta 1629 C.d. “Frontespizio di Nerone” braccio laterale meridionale con muro di limite meridione del complesso delle rampe
5b.29 Israel Silvestre Veduta 1643-1653 C.d. “Frontespizio di Nerone” e loggia dei Colonnesi (complesso delle rampe, ambienti dietro al tempio)
5b.30 Giuseppe Vasi Veduta fantastica 1746-1761 C.d. “Frontespizio di Nerone” e loggia dei Colonnesi (complesso delle rampe, ambienti dietro al tempio) Da un disegno di Bernardo Gamuccini del 1529

c) Gli elementi della decorazione architettonica

N. Autore Descrizione Anno Soggetto del disegno Note Census
5c.1 Antonio da Sangallo il Vecchio Disegno misurato. 1492-1496 Base del pilastro del c.d. “Frontespizio di Nerone” Vedi 5b.1 44819
5c.2 Giuliano da Sangallo il Vecchio Disegno assonometrico. 1464-1516 Cornice con dentelli, del c.d. “Frontespizio di Nerone” Vedi 5b.2a 44792
5c.3 Giuliano da Sangallo il Vecchio Disegno misurato. 1464-1516 Base del pilastro del c.d. “Frontespizio di Nerone” 49893
5c.4 Giuliano da Sangallo il Vecchio Disegno misurato. 1464-1516 Base del pilastro e angolo del frontone del c.d. “Frontespizio di Nerone” 49894
5c.5 Giuliano da Sangallo il Vecchio Disegno assonometrico. 1464-1516 Cornice dell’angolo del frontone del c.d. “Frontespizio di Nerone” 44670
5c.6 Giuliano da Sangallo il Vecchio Disegno assonometrico. 1464-1516 Angolo del frontone del c.d. “Frontespizio di Nerone” 44671
5c.7 Bernardo della Volpaia Disegno misurato. 1513-1515 Angolo del frontone del c.d. “Frontespizio di Nerone” 49892
5c.8 Antonio Labacco (circolo di) Disegno misurato. 1514-1519 Base del pilastro del c.d. “Frontespizio di Nerone” 10083195
5c.9 Antonio del Tanghero (?) Disegno misurato. 1517-1555 Base del pilastro e cornice del c.d. “Frontespizio di Nerone” Note di Antonio da Sangallo il Giovane. 10079957
5c.10 Anonimo veneto Disegno misurato. 1517-1522 Angolo del frontone del c.d. “Frontespizio di Nerone” 233196, 233198-2331858
http://census.bbaw.de/​easydb/​censusID=233196
5c.11 Antonio da Sangallo il Giovane Schizzo 1519-1546 Dettagli delle decorazioni Vedi 5b.5 10072395
5c.12 Anonimo di Destailleur "A" 2 Disegni misurati Post 1524-ante 1576 Dettagli delle decorazioni architettoniche 44806
http://census.bbaw.de/​easydb/​censusID=44806
5c.13 Anonimo italiano Disegno misurato 1530 circa Base del pilastro e cornice del c.d. “Frontespizio di Nerone” 52652
5c.14 Andrea Palladio Disegno assonometrico misurato 1530-1550 Base del pilastro e angolo del frontone del c.d. “Frontespizio di Nerone” 10178218
5c.15 Andrea Palladio Disegno prospettico misurato 1560-1580 Capitello, fregio e cornice del tempio 10178851
http://census.bbaw.de/​easydb/​censusID=10178851
5c.16 Andrea Palladio Disegni misurato 1570 Architrave, fregio, cornice, base, capitello delle colonne del portico, basa dei pilastri, cornice del recinto, acroterio. Pubblicato in A. Palladio, I quattro Libri dell’architettura, libro IV, p. 41 ss., tav. VI 52655
http://census.bbaw.de/​easydb/​censusID=52655
5c.17 Pirro Ligorio Disegno assonometrico Post 1534-ante 1583 Angolo del frontone del c.d. “Frontespizio di Nerone” 44811
5c.18 Raffaello Da Montelupo, Aristotile Da Sangallo Disegno prospettico 1535-1540 Base del pilastro e cornice del c.d. “Frontespizio di Nerone” 192926
5c.19 Raffaello Da Montelupo, Aristotile Da Sangallo Disegno assonometrico misurato 1535-1540 Base del pilastro e cornice del c.d. “Frontespizio di Nerone” 67055
5c.20 Sallustio Peruzzi Disegno prospettico misurato 1536-ante 1567 Base del pilastro del c.d. “Frontespizio di Nerone” 52653
5c.21 Sebastiano Serlio Disegno assonometrico 1540 Angolo del frontone del c.d. “Frontespizio di Nerone 44794
5c.22 Bartolomeo Ammannati Vista prospettica con misure Metà del XVI secolo Angolo del frontone del c.d. “Frontespizio di Nerone” 10082880
5c.23 Alberto Alberti Disegno misurato 1546-1599 Base del pilastro del c.d. “Frontespizio di Nerone” 10164413
http://census.bbaw.de/​easydb/​censusID=10164413
5c.24 Alberto Alberti Disegno misurato 1546-1599 Colonna e fregio della peristasi del tempio Con ingrandimenti del fregio 10167328
5c.25 Anonimo di Destailleur «D» 1 Disegno misurato 1550-1575 circa Pilastro del c.d. “Frontespizio di Nerone” Vedi 5c.19 49889
http://census.bbaw.de/​easydb/​censusID=49889
5c.26 Anonimo francese Disegno misurato 1550-1575 circa Pilastro del c.d. “Frontespizio di Nerone” Vedi 5c.18 49885
5c.27 Anonimo francese Disegno misurato 1550-1575 circa Base e capitello del pilastro del c.d. “Frontespizio di Nerone” 49896
5c.28 Giovannan-tonio Dosio Disegni prospettico e assonometrico misurati 1574 C.d. “Frontespizio di Nerone”; ingrandimento misurato della base e dell’angolo del frontone 10062335

6. Le decorazioni architettoniche di ignota provenienza conservate nella Collezione Colonna riferibili per cronologia al complesso, articolate per tipi e per attribuzione ai settori del complesso stesso

N. Descrizione Misure Cronologia Settore di possibile attribuzione Note
6.1 Capitello corinzio di marmo proconnesio Diam. m 0,4; h. 0.54 Prima metà del III d.C. Tempio di Serapide/Ercole Dioniso, cella, secondo ordine N. III.35 in Picozzi 2018a
6.2 Capitello corinzio asiatico di marmo proconnesio Diam. m 0,64 Recinto dell’area sacra? N. III.4 in Picozzi 2018a
6.3 Base attica di colonna in marmo proconnesio Diam. 0,56; h. 0,225 II secolo d.C. Sostruzione-ninfeo con nicchie? N. IV.16 in Picozzi 2018a
6.4 Base attica di colonna in marmo proconnesio Diam. 0,56; h. 0,225 II secolo d.C. Sostruzione-ninfeo con nicchie? N. IV.19 in Picozzi 2018a
6.5 Base attica di colonna in marmo proconnesio Diam. 0,56; h. 0,225 II secolo d.C. Sostruzione-ninfeo con nicchie? N. IV.21 in Picozzi 2018a
6.6 Base attica di colonna in marmo proconnesio Diam. 0,57 II secolo d.C. Sostruzione-ninfeo con nicchie? N. IV.24 in Picozzi 2018a
6.7 Base attica di colonna in marmo proconnesio Diam. 0,56 II secolo d.C. Sostruzione-ninfeo con nicchie? N. IV.26 in Picozzi 2018a
6.8 Base attica di colonna in marmo proconnesio Diam. 0,56 II secolo d.C. Sostruzione-ninfeo con nicchie? N. IV.29 in Picozzi 2018a
6.9 Fusto liscio di colonna in granito grigio Diam. 0,56 Sostruzione-ninfeo con nicchie? N. IV.20 in Picozzi 2018a
6.10 Fusto liscio di colonna in granito grigio Diam. 0,56 Sostruzione-ninfeo con nicchie? N. IV.18 in Picozzi 2018a
6.11 Fusto liscio di colonna in granito grigio Diam. 0,56 Sostruzione-ninfeo con nicchie? N. IV.25 in Picozzi 2018a
6.12 Fusto liscio di colonna in granito rosa di Assuan Diam. 0,56 Prima/media età imperiale Sostruzione-ninfeo con nicchie? N. IV.23 in Picozzi 2018a

7. Le decorazioni scultoree di ignota provenienza conservate nella Collezione Colonna riferibili per soggetto e cronologia al complesso

N. Descrizione Misure Cronologia Note
7.1 Statua di Attis seduto 79 × 34 × 50 II d.C. N. VI.3 in Picozzi 2018a. Forse da Bovillae?
7.2 Frammento di clava da riferire ad una statua di Ercole 26 × 11 VI.60 in Picozzi 2018a
7.3 Ritratto di Settimio Severo H 34 (testa) 196-201 d.C. N. 17 in Picozzi 2010
7.4 Testa di Dioniso H 30 (testa) Fine II-III d.C. N. 48 in Picozzi 2010. Ora su busto non antico.
7.5 Testina in marmo bianco di divinità barbata. Asclepio o Zeus? Cm 16 × 35 II.26 in Picozzi 2018a

8. Le decorazioni scultoree provenienti dal circondario, o genericamente dal Quirinale, riferibili per soggetto e cronologia al complesso

N. Descrizione Anno / Luogo di rinvenimento Note
8.1 Statua di “Ercole giovane” 1876, Quirinale.
8.2 Statua di Esculapio Quirinale
8.3 Statua di Igea seduta Quirinale (?), Collezione Giustiniani
8.4 Base con statua del Nilo 1880, via Nazionale, presso la chiesa di S. Vitale Vedi Fig. 2a
8.5 Statuetta di Ramesses II in granito gridio 1882, via Nazionale, area del Palazzo delle Esposizioni, rinvenuto nella demolizione di un muro medievale Vedi Fig. 2a
Haut de page

Bibliographie

Alvar – Rubio – Lopez Barja De Quiroga 2002 = J. Alvar, R. Rubio, P. Lopez Barja De Quiroga, El serapeo de Ostia, in Arys, 5, 2002, p. 100-122

Abdelwahed 2016 = Y. Abdelwahed, Two festivals of the god Serapis in Greek papyri, in Rosetta, 18, 2016, p. 1-15. 

Barattolo 1973 = A. Barattolo, Nuove ricerche sull’architettura del tempio di Venere e Roma in età adrianea, in MDAI(R), 80, 1973, p. 243-268.

Barattolo 1978 = A. Barattolo, Il Tempio di venere e Roma, un tempio greco nell’Urbe, in MDAI(R), 85, 1978, p. 397-410.

Bonacasa – Roveri 1963 = N. Bonacasa, A.M. Roveri, Nilo, s.v., in EAA, Roma, 1963.

Bricault 2008 = L. Bricault, Serapide dio guaritore, in E. Dal Covolo, G. Sfameni Gasparro (a cura di), Cristo e Asclepio: culti terapeutici e taumaturgici nel mondo mediterraneo antico fra cristiani e pagani. Atti del Convegno internazionale Accademia di studi mediterranei, Agrigento 20-21 novembre 2006, Roma, 2008, p. 55-71.

Bucarelli 2013 = O. Bucarelli, Il tempio di Serapide sul Quirinale: note di archeologia e topografia tra Antichità e Medioevo, in E.C. De Sena (a cura di), The Roman Empire during the Severan dynasty: case studies in history, art, architecture, economy and literature, Piscataway, 2013, p. 207-226.

Capanna 2017 = M.C. Capanna, Region VI. Alta Semita, in A. Carandini, P. Carafa (a cura di), The atlas of ancient Rome, Princeton, 2017, p. 446-473.

Carandini 2007 = A Carandini, Cercando Quirino. Traversata sulle onde elettromagnetiche nel suolo del Quirinale, Torino 2007.

Coarelli 2014 = F. Coarelli, Collis, Roma, 2014.

Demartino 2007 = A. Demartino, Settimio Severo e il ‘Serapistypus’: forme di rappresentazione del potere imperiale, in F. De Angelis (a cura di), Lo sguardo archeologico normalisti per Paul Zanker, Pisa, 2007, p. 129-145.

De Spirito 1999 = G. De Spirito, Serapis, templum (in fonti agiografiche), s.v., in LTUR, IV, Roma, p. 303.

Fishwick 1987 = D. Fishwick, The imperial cult in the Latin West: studies in the ruler cult of the western provinces of the Roman Empire, I, Leida-New York, 1987.

Gallocchio 2018 = E. Gallocchio, Le strutture romane lungo il pendio del Quirinale, in Picozzi 2018a, p. 45-72.

Hülsen, 1895 = Ch. Hülsen, Il tempio del Sole nella regione VII di Roma, in BCAR, 23, 1895, p. 39-59.

Köhler 1965 = W. Köhler, Salus, s.v., in EAA, Roma, 1965.

Lanciani 1894 = R. Lanciani, Di un frammento ancora inedito della pianta di Roma antica da riferire alla regione VII, in BCAR, 22, 1894, p. 285-308. 

Lissi Caronna 1979 = E. Lissi Caronna, Resti di costruzioni in via della Dataria, nella salita di Montecavallo e all’interno di Palazzo Antonelli (via 24 maggio, ang. via 4 Novembre), in NSA, 33, 1979, p. 297-327.

Molin et al. 1995 = D. Molin, S. Castenetto, E. Di Loreto, E. Guidoboni, L. Liperi, B. Narcisi, A. Paciello, F. Riguzzi, A. Rossi, A. Tertulliani, G. Traina, Sismicità a Roma. Memorie descrittive della Carta Geologica d’Italia, 50. La geologia di Roma, Il Centro storico (Servizio Geologico Nazionale), Roma, 1995.

Palmer 1978 = R.E.A. Palmer, Severian ruler-cult and the moon in the city of Rome, in ANRW, II.16, 2 1978, p. 1085-1120.

Pensabene 2018 = P. Pensabene, Il tempio gigantesco del Quirinale, in Picozzi 2018a, p. 11-44.

Picozzi 2010 = M.G. Picozzi (a cura di), Palazzo Colonna. Appartamenti. Sculture antiche e dall’antico, Roma, 2018.

Picozzi 2018a = M.G. Picozzi (a cura di), Palazzo Colonna. Giardini. La storia e le antichità, Roma, 2018.

Picozzi 2018b = M.G. Picozzi, Templum Salutis et Serapidis?, in Picozzi 2018a, p. 73-100.

Rantala 2017 = J. Rantala, The ludi saeculares of Septimius Severus: the ideologies of a new Roman Empire, Londra-New York 2017.

Richardson 1992 = L. Richardson, Jr., A new topographical dictionary of ancient Rome, Baltimore-Londra, 1992.

Säflund 1932 = G. Säflund, Le mura di Roma repubblicana, Lund, 1932.

Sanna 2005 = A. Sanna, L'attività edilizia di Settimio Severo. Sulla ubicazione del tempio di Eracle e Dioniso (Cassio Dione LXXVI, 16, 3–4), in Ostraka, 14, 2005, p. 187-199.

Santangeli Valenzani 1991-1992 = R. Santangeli Valenzani, NEΩS ΥΠΕΡMEΓEΘΗΣ. Osservazioni sul tempio di piazza del Quirinale, in BCAR, 94, 1991-1992, p. 8-16. 

Sichtermann 1960 = H. Sichtermann, Fluviali, divinità, s.vin EAA, Roma, 1960.

Spila 2018 = A. Spila, The double stairway of the Temple of Serapis on the Quirinal Hill. Fame and oblivion in the early modern period, in Pegasus, 18/19, 2018, p. 39-71. 

Squarciapino 1962 = M.F. Squarciapino, I culti Orientali ad Ostia, Leida, 1962.

Tocchi 1956 = A. Tocchi, Il culto seculare dei Gemini e i tipi monetari severiani con Bacco e Ercole, in RIN, 8, 1956, p. 3-20.

Haut de page

Notes

1 Per una sintesi sulle ipotesi di localizzazione, datazione e identificazione del Tempio di Serapide e del complesso del Quirinale si vedano Coarelli 2014, p. 207-243; Capanna 2017, p. 448, 463-464; Pensabene 2018; Picozzi 2018b.

2 Varr., L.L., 5,52. Sulla definizione e identificazione delle quattro cime del Quirinale, dei culti eponimi, del circuito Serviano e delle Porte in questo settore della città si veda Capanna 2017, p. 448-451, Tabs. Ib, 179; Carandini 2007, p. 11-21. Diversamente F. Coarelli attribuisce al colle Salutare l’intero spazio del Palazzo del Quirinale tra l’omonima piazza e via delle Quattro Fontane a nord della quale avrebbe inizio il colle Quirinale: Coarelli 2014, p. 21-34. Sulla possibile associazione dei culti di Serapide e Salus si veda oltre.

3 La successione dei monumenti negli elenchi dei Cataloghi segue generalmente il criterio topografico; talvolta due edifici dello stesso tipo sono citati insieme anche se topograficamente distanti; talvolta sono compresenti i due criteri: Coarelli 2014, p. 219-220.

4 De Spirito 1999.

5 Bucarelli 2013.

6 Furono forse nove gli eventi sismici che colpirono Roma nel V secolo d.C. Di questi i principali sono quelli del 443 e del 484 o 508 d.C.: Molin et al. 1995, p. 341-344 con tab. 2.

7 Nell’iscrizione che ricorda il restauro delle terme ad opera del prefetto dell’urbe Petronio Perpenna Magno Quadraziano si sottolinea lo stato di abbandono e di devastazione in cui versava il complesso termale: CIL VI, 1750.

8 Non sono qui presi in considerazione i materiali di soggetto egittizzante rinvenuti nell’area degli Orti Sallustiani, riconducibili alle fasi decorative augustea, flavia e adrianea degli stessi Orti.

9 Si veda da ultimo Gallocchio 2018, p. 45-46 con nota 4.

10 Si tratta dei frammenti della decorazione architettonica marmorea disegnati a partire dal Cinquecento quando era ancora in opera. Quanto ancora oggi conservato nei Giardini di Palazzo Colonna (4c.14-22) è stato oggetto di una recente analisi da parte di Patrizio Pensabene, Enrico Gallocchio, Raffaella Bucolo e Patrizio Fileri: Catalogo, Schede III.24, V.25, V.35, VI.6-10, in Picozzi 2018a, p. 241 ss.

11 Hülsen 1895; contra Lanciani 1894 che lo identificava con il tempio del Sole di Aureliano e più di recente Richardson 1992 che lo ha identificato con il tempio di Salus in un rifacimento di età adrianea.

12 Santangeli Valenzani 1991-1992.

13 Contra Sanna 2005 e da ultimo Coarelli 2014, p. 207-243, in particolare p. 236-238: il tempio dedicato a Bacco ed Ercole sarebbe da identificare con quello del Foro severiano di Leptis Magna. Le sue dimensioni (m 18x20) però non lo connotano come “gigantesco”. Filippo Coarelli attribuisce l’aggettivo “gigantesco” al Foro nel suo complesso. Tale possibilità non è accolta in Pensabene 2018 p. 15. Altrove a Leptis non sono documentate strutture gigantesche, né sembra possibile che un edificio con tali caratteristiche trovi spazio nelle aree non esplorate della città africana: Capanna 2017, p. 463-464, in particolare tab. 194. Per una sintesi sulla tradizione di studi relativa ad una possibile collocazione del tempio a Roma si veda Sanna 2005, p. 192, nota 27.

14 Sul rapporto tra Bacco ed Ercole con Giove e Castore e Polluce con Serapide si veda oltre.

15 Vedi Capanna 2017, tab. 194

16 Capanna 2017, p. 463-464, tabs. 192-194. Per coprire il dislivello tra le pendici e la cima del colle potevano essere adottate anche altre soluzioni, quali ad esempio una strada con tornanti che costeggiasse il pendio del colle; giustificavamo dunque l’imponenza del complesso con la possibilità che il complesso delle rampe fungesse da basamento del tempio, costituendo un richiamo ideologico alla collina artificiale sulla quale era costruito il Serapeo di Alessandria (Rufin., Hist., 2, 23).

17 Buzzetti 2011. Anche Maria Grazia Picozzi non esclude questa possibilità: Picozzi 2018b, p. 99. Paolo Sommella, in occasione della presentazione del volume curato da M.G. Picozzi, tenutasi presso Palazzo Colonna il 21 marzo 2019, ha ribadito tale possibilità.

18 Picozzi 2018b.

19 Coarelli 2014, p. 223-235 e Capanna 2017, tab. 194, dove per la statua era ipotizzata una funzione acroteriale.

20 L’elmo è probabilmente un inserimento cinquecentesco; il serpente non è conservato, ma sulle gambe della statua sono presenti delle abrasioni che potrebbero indicare l’originario punto di contatto delle spire. Per tutti i dettagli tecnici e stilistici, nonché per la bibliografia precedente relativa a questo punto si rimanda a Picozzi 2018b.

21 Per la presenza di Salus con cornucopia nelle monete di Caracalla e per la menzione di Salus Imp(eratoris) Antonini (cioè di Caracalla) anziché Publica negli Atti degli Arvali del 214 d.C. vedi Picozzi 2018b, p. 99.

22 Non si può escludere, infatti, che nel santuario fosse onorato anche il terzo dio guaritore, Asclepio, dato anche il rinvenimento nell’area di due sue statue (4c.12 e 7.6). Sul carattere salutare di Serapide e sul suo legame con Asclepio vedi Bricault 2008.

23 Si veda in particolare Picozzi 2018b, p. 87 ss. con fig. 12, 16-18.

24 Anche volendo spostare più a sud-est la Porta Salutaris, e ampliare il colle Salutare, come suggerito in Picozzi 2018b p. 87, il tempio di Villa Colonna rimarrebbe comunque sulla cima del Muciale.

25 Picozzi 2018. Tra gli elementi dirimenti per l’eliminazione della copertura al centro del corpo delle rampe e la conseguente eliminazione del tempio precedentemente ipotizzato sulla terrazza è la presenza del lacerto di pavimento a lastre, pubblicato dopo la prima edizione dell’Atlante in Buzzetti 2011, fig. 6, su cui E. Gallocchio ha posto l’accento: Gallocchio 2018, p. 57.

26 La devozione di Settimio Severo per Serapide è nota dalle fonti: conobbe Serapide e il suo culto in occasione del viaggio ad Alessandria nel 199-200 d.C. (Hist. Aug., Sept. Sev., 19, 7-9). Tale devozione risulta dai coni delle zecche provinciali (vedi RIC IV, parte 1) e dal cd. Serapistypus tra i ritratti dell’imperatore: per una sintesi sulla questione si veda Demartino 2007.

27 Sui Ludi saeculares del 204 d.C. si veda ora Rantala 2017.

28 F. Coarelli ritiene che la costruzione dell’edificio dedicato a Serapide sia stata intrapresa da Settimio Severo nel 204 d.C. (Coarelli 2014, p. 243). S.L. Lusnia propone dubitativamente l’anno 207 d.C., decimo anniversario del regno di Caracalla, come possibile data alternativa al 204 d.C.: Lusnia 2014.

29 D.C., 77, 2, 1-3; Hist. Aug., Sept. Sev., 2, 4-5; Hist. Aug., Geta, 6, 1, 7.1

30 Hist. Aug., Sept. Sev., 21, 6; Herodian., 4, 2, 3.

31 Abbiamo previsto, in appendice, un catalogo di tutte le fonti attinenti al complesso alle quali rimando per giustificare i singoli dettagli. La documentazione è raggruppata in tabelle in base al tipo di fonte. A ciascuna categoria corrisponde un numero e all’interno della categoria gli elementi/oggetti sono numerati a partire da 1. Per la quota antica di piazza della Pilotta vedi Montalbano, Avagliano 2014.

32 Ringrazio Enrico Gallocchio per avermi fornito questo dato (m 43 s.l.m.). A questa quota ho riferito il prospetto del fronte meridionale della rampa rilevato a laser-scanner (Gallocchio 2018, fig. 3a) e da questa ho potuto dedurre le quote dei diversi livelli integrando le informazioni desumibili dalle sezioni note degli ambienti conservati nel cortile dell’Università Gregoriana che ho quindi potuto correttamente quotare.

33 Pensabene 2018, p. 21.

34 È stato Giuliano da Sangallo il vecchio a realizzare la prima pianta e la prima sezione dell’intero complesso, corredata da descrizione e misure (5b.2a). Ne fece una copia il nipote (5b.2b), e fu il modello anche per i disegni di Baldassarre Peruzzi (5b.4), Sebastiano Serlio (5b.13a), Bartolomeo Ammannati (5b.13b), e Andrea Palladio (5b.18): vedi Spila 2018, p. 44-51, in cui si nota anche che le misure, pur espresse in diverse unità, risultano coerenti tra di loro e, dove verificabili, con il dato archeologico.

35 Sono stati talvolta comunque preferiti quando coerenti con i dati archeologici o con il confronto con edifici noti.

36 Il diametro all’imo scapo è misurato da A. Palladio in piedi vicentini 5 e ½ corrispondenti a m 1,9536; già R. Santangeli Valenzani aveva considerato tale misura da arrotondamento a m 1,97, misura indicata anche da S. Peruzzi, corrispondente a piedi romani 6 e 2/3 (Santangeli Valenzani 1991-1992); l’intercolumnio era misurato in piedi vicentini 8 e 1/4, corrispondenti a m 2,9304, cioè 10 piedi romani.

37 La quota ottocentesca riportata nella FUR di R. Lanciani a est del vicus e quella attuale nello stesso punto sono coincidenti; solitamente le quote ottocentesche non si discostano molto da quelle antiche. Abbiamo quindi attribuito alla strada la quota attuale, ma poteva essere più bassa e in tal caso sarebbe necessario ipotizzare uno spessore maggiore per il basamento di fondazione.

38 A m 52.28 m s.l.m. è segnata la quota imperiale nella FUR di R. Lanciani.

39 Nella planimetria di Sangallo (5b.2), e in quelle da questa fedelmente tratte (5b.2b, 5b.3, 5b.4, 5b.13a, 5b.13b), l’area sacra è invece chiusa da muro continuo articolato in nicchie riquadrate da colonne verso l’interno, mentre la parete rivolta verso il vicus è liscia. Dato il dislivello tra piano della strada e quello della piazza e la maggiore frequenza della “variante” con nicchie rivolte verso la strada, abbiamo adottato questa soluzione.

40 Se questa ricostruzione fosse corretta, le colonne ai lati delle nicchie dovrebbero essere alte circa m 5,5/6. In via del tutto ipotetica potrebbero essere attribuite a questo contesto le basi attiche in proconnesio (6.3-6.8) e i fusti in granito (6.9-6.12) della Collezione Colonna.

41 Dove per un errore le colonne rappresentate sono 9.

42 È decastilo, come gli altri maggiori nell’impero per i quali vedi fig. 4, anche per Pensabene 2018, p. 20; contra Coarelli 2014 che lo ricostruisce con dodici colonne sul fronte, come nei disegni di A. Palladio (5b.17-18).

43 Le colonne potrebbero essere state solo 14, come nella pianta edita di A. Palladio (5b.18). Il tempio è ricostruito come periptero sine postico di 10 x 17 colonne più il pilastro di fondo da Patrizio Pensabene (Pensabene 2018, p. 24)

44 L’ipotesi della presenza della doppia fila di colonne, come nei confronti proposti, entrambi tempi di grandi dimensioni, ci sembra rispondere anche ad esigenze di ordine statico, pur consapevoli, che nelle rappresentazioni Cinquecentesche la seconda fila manca. Nelle planimetrie ricostruttive tale inserimento per confronto è sottolineato dal colore azzurro, distinto dal rosso del dato archeologico e dal viola del dato desumibile dall’iconografia antica (fig. 5a-b, 6.1,a)

45 Solo nel disegno di A. Palladio rimasto inedito appaiono articolati in nicchie alternativamente rettangolari e semicircolari (5b.18): ma non compaiono misure in relazione a questi elementi.

46 Pensabene 2018, p. 24.

47 Per le decorazioni architettoniche si è fatto riferimento a Pensabene 2018 e alle schede di catalogo dei frammenti conservati nei Giardini Colonna edite in Picozzi 2018.

48 Barattolo 1973; Id. 1978.

49 Data la misura coerente con la ricostruzione, ipotizziamo che potesse essere appartenuto al secondo ordine della cella un capitello corinzio in marmo proconnesio databile alla prima metà del III secolo d.C., di ignota provenienza, conservato nella Collezione Colonna (6.1). A. Palladio (I quattro libri dell’’Architettura, 1570, IV, 12) riferisce che nell’area del tempio furono trovati anche alcuni capitelli ionici che erano da riferire all’ordine interno del tempio. Dei capitelli ionici non sono indicate le misure e non se ne hanno altre notizie.

50 Abbiamo ricostruito la base utilizzando quelle note del tempio di Marte Ultore nel foro di Augusto.

51 Filippo Coarelli ritiene che la gemma conservata all’Ashmolean Museum di Oxford, con Serapide in trono all’interno di un tempio rappresenti la statua di culto del tempio romano; all’esterno del tempio, ai lati, sono i Dioscuri stanti: Coarelli 2014, p. 231-232, fig. 78. Qualora il tempio fosse stato dedicato anche a Salus, come proposto da Maria Grazia Picozzi (vedi sopra), sulla base, a fianco del dio, poteva trovare posto anche quella della dea.

52 Sul tipo ritrattistico di Settimio Severo come Serapide vedi da ultimo: Demartino 2007.

53 Statue di divinità fluviali agli angoli dei frontoni sono comuni fin dall’età classica; spesso sono da interpretarsi come personificazioni dei luoghi che rappresentano (Sichtermann 1960): Roma e l’Africa, in particolare l’Egitto, nel caso del Tevere e del Nilo. Il Nilo recumbente con sfinge è presente anche in raffigurazioni legate al mondo dionisiaco: Bonacasa – Roveri 1963.

54 S.v. Serapis, in Lexicon Iconographicum Mitologiae Classicae.

55 Picozzi 2018b, in particolare p. 87 e ss., fig. 23a-b.

56 Per il rapporto tra Serapide, Salus e Iside vedi sopra.

57 Coarelli 2014, p. 231-232, fig. 77-78. Giove e Giunone Dolicheni, Iside, Serapide, Dioscuri, Sole e Luna sono raffigurati insieme in un rilievo della metà del III secolo d.C., conservato ai Musei Capitolini (inv. MC 9750); anche a Ostia il culto di Serapide è associato a quello dei Dioscuri, per via della loro comune connessione con la navigazione: Squarciapino 1962, p. 24 con nota 2.

58 L’elemento è interpretato come arco di scarico nel disegno di Sebastiano Serlio: 5b.14. Analoghi archi sono disegnati sulla parete orientale del fondo del tempio nelle sezioni ricostruttive di A. Palladio: 5b.20-5b.21

59 Pensabene 2018, fig. 21.

60 Tale spazio poteva permettere al massimo la presenza di altorilievi, ma non statue a tutto tondo: Pensabene 2018, p. 29-30.

61 Per la descrizione e l’analisi di dettaglio degli elementi architettonici si rimanda all’ultimo studio confluito nel contributo di Patrizio Pensabene e nelle schede di Catalogo editi in Picozzi 2018.

62 Date le dimensioni ricostruite di queste colonne, possiamo in via ipotetica attribuire a una di queste il capitello corinzio in marmo proconnesio della Collezione Colonna: 6.2.

63 Nella pianta di A. Palladio (5b.18) sono indicate le misure delle aperture, sia delle finestre che di alcune porte, che sono di due ampiezze diverse. Abbiamo ipotizzato che le maggiori consentissero il transito anche con carro e quelle minori fossero destinate al solo transito pedonale.

64 Nelle planimetrie e nelle sezioni abbiamo numerato solo la metà meridionale del complesso, essendo l’altra perfettamente simmetrica, e procederemo nella descrizione seguendo il percorso di salita dal vicus Caprarius all’area a giardino del tempio. Agli ambienti che si ripetono uno sull’altro nei diversi piani è stato dato lo stesso numero, seguito dal numero del piano (da 1 a 3 nel caso degli ambienti del fronte e delle rampe – ad esempio 4.1, 4.2., 4.3 - e fino a 4 o a 5 per quelli posti dietro la corte e dietro al tempio – ad esempio 6.1, 6.2, 6.3, 6.4 e 13.1, 13.2, 13.3, 13.4, 13.5); non ha il numero del piano l‘ambiente 11, che si trova sotto la parte terminale della prima rampa 10.1, ed era probabilmente inaccessibile e riempito di terra e aveva probabilmente funzioni sostruttive.

65 Vedi nota 34.

66 Le quote pavimentali sono documentate nei rilievi di G. Gerhardt e ancora oggi sono verificabili accedendo al cortile dell’Università Gregoriana.

67 Le rampe sono ricostruite seguendo l’inclinazione di 9° rilevata da E. Gallocchio. Nella ricostruzione proponiamo una distribuzione delle rampe sovrapposte una alle altre; le rampe con il medesimo andamento avrebbero anche medesima lunghezza, come appare nei risegni rinascimentali: 5b.2a, 5b.4, 5b.9. Diversamente E. Gallocchio dispone le rampe progressivamente arretrate rispetto al fronte della struttura (Gallocchio 2018, fig. 9).

68 Apul., Met., 11, 24. Anche ad Ostia al Serapeo sono associati spazi per le iniziazioni, ambienti termali e sale da banchetto: Alvar – Rubio – Lopez Barja De Quiroga 2002.

69 Enrico Gallocchio ha potuto verificare infatti che la copertura dell’ambiente 22, ancora conservato, con accesso dall’ultimo livello del giardino pavimentato (14), corrispondente al piano attuale del Giardino Colonna (vedi nota 34), ha il soffitto inclinato.

70 Lo smodato culto di Bacco era pubblicamente vietato dal 186 a.C. A Roma sono attestati coni con la raffigurazione di questa divinità solo sporadicamente da magistrati del I secolo a.C. Mancano in età imperiale fino all’età dei Severi che ne introducono il culto associato al fratello Ercole.

71 Le torri sono rappresentate divise in tre ambienti nei disegni misurati di Sebastiano Serlio (15c.3a) e di Bartolomeo Ammannati (15c.3b); un solo ambiente appare nel disegno di Giuliano da Sangallo (15c.2a) e nella copia realizzata da Francesco da Sangallo (15c.2b).

72 Anche la casa di Augusto sul Palatino ha la stessa lunghezza: vedi A. Carandini, p. Carafa, con M. Ippoliti, Dal mostro al principe, 2021.

73 I disegni sono presentati in ordine cronologico; diversi disegni dello stesso autore sono raggruppati. Nel caso di copie più recenti da un archetipo, ai disegni è stato dato lo stesso numero seguito da lettere (a per l’archetipo).

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 – a) I quattro colles del Quirinale e le mura Serviane; b) Collis Mucialis e mura Serviane. Disegni dell’autrice.
Titre Fig. 2 – Il complesso templare severiano.
Légende Vedi le appendici 4 e 8. a) I rinvenimenti; b) I resti. Disegni dell’autrice. 4c.8. Coccodrillo in granito del tempio di Serapide: Picozzi 2010, p. 109, fig. 11.2.4a.3. I resti nell’ingresso delle Scuderie del Quirinale. Foto autrice
Titre Fig. 3 – I templi maggiori dell’impero romano. Disegno dell’autrice.
Titre Fig. 4 – Planimetrie del tempio di Bacco ed Ercole e dei suoi modelli. Disegno dell’autrice.
Titre Fig. 5 – a) Il complesso templare severiano a colori nel quadro topografico contemporaneo (in grigio). Disegno dell’autrice.
Titre Fig. 5 - b) Il complesso templare severiano. Ricostruzione. Disegno dell’autrice.
Titre Fig. 6 – Planimetrie ricostruttive. Disegni dell’autrice.
Titre Fig. 7 – Sezioni ricostruttive. Disegni dell’autrice.
Titre Fig. 8 – Coni severiani della zecca di Roma. Le statue di culto di Bacco ed Ercole (3.2) e Serapide (3.22)?
Légende 3.2. https://www.romanumismatics.com/​; Auction XVIII, 29-09-2019, Lot 1187.3.22. https://www.romanumismatics.com/​; E-Sale 78, 17-12-2020, Lot 1584.
Titre Fig. 9 – Il frontone orientale del tempio.
Légende a) di Bacco ed Ercole; b) di Serapide con le statue di Iside e Salus. Disegni dell’autrice.
Titre Fig. 10 – Le statue frontonali. Vedi appendice 4.
Légende I Dioscuri del Quirinale : https://commons.wikimedia.org/​wiki/​File:Speculum_Romanae_Magnificentiae-_Statues_of_the_Dioscuri_at_the_Quirinal_MET_DP870567.jpgStatua di Iside, cd. Madama Lucrezia:https://commons.wikimedia.org/​wiki/​File:Madama_Lucrezia.jpgDettaglio dell’incavo dietro la statua: Foto di A. CarandiniStatua di Salus? cd. Roma seduta: https://commons.wikimedia.org/​wiki/​File:Giardini_di_villa_medici,_statua_dea_roma_03.JPGStatua del Nilo: https://it.wikipedia.org/​wiki/​File:0126_-_Roma_-_Piazza_del_Campidoglio_-_Statua_del_Nilo_-_Foto_Giovanni_Dall%27Orto,_7-Apr-2008.jpgStatua del Tevere: https://upload.wikimedia.org/​wikipedia/​commons/​1/​13/​Roman_sculpture.jpg
Titre Fig. 11 – Il complesso templare severiano, schema ricostruttivo. Il lato lungo (m 177,36) è pari a 600 piedi. L’area del complesso corrisponde a 4 × 5 actus (a tratteggio). La base per le statue di culte si trova al centro del sistema. Disegno dell’autrice.
Titre Fig. 12 – Piante e viste a volo d'uccello (1551-1748).
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Maria Cristina Capanna, « Ancora sul complesso templare severiano del Quirinale », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité, 133-1 | 2021, 173-208.

Référence électronique

Maria Cristina Capanna, « Ancora sul complesso templare severiano del Quirinale », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 133-1 | 2021, mis en ligne le 01 juin 2021, consulté le 16 juin 2021. URL : http://journals.openedition.org/mefra/11716 ; DOI : https://doi.org/10.4000/mefra.11716

Haut de page

Auteur

Maria Cristina Capanna

Sapienza Università di Roma - mariacristina.capanna@uniroma1.it

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search