Navigation – Plan du site

AccueilNuméros135-2Chroniques vulciennes, 2. Histoir...Le attività di Raniero Mengarelli...

Chroniques vulciennes, 2. Histoires des fouilles, dispersions patrimoniales et horizons numériques

Le attività di Raniero Mengarelli e di Ugo Ferraguti a Ponte Rotto e alla Cuccumella di Vulci (1928-1930)

Anna Maria Moretti Sgubini
p. 361-375

Résumés

Nella lunga storia degli scavi di Vulci le ricerche effettuate tra il 1928 e il 1930 da Ugo Ferraguti e Raniero Mengarelli nella necropoli orientale di Ponte Rotto costituiscono uno dei capitoli più significativi. Oltre al recupero di celebri monumenti noti da tempo e alla scoperta di nuovi sepolcri, accuratamente documentati dai due scavatori, ritornarono allora in luce sculture ed elementi architettonici ancor oggi considerati fra le più significative testimonianze della cultura artistica di Vulci di età tardo-classica ed ellenistica. Impegnativo anche l’intervento che tra il 1928 e il 1929 interessò il Tumulo della Cuccumella, del quale si conservano accurati rilievi del Mengarelli e una ricca documentazione fotografica eseguita dal Ferraguti.

Haut de page

Notes de l’auteur

Ringrazio la dott. Antonietta Simonelli che ha agevolato le ricerche condotte negli archivi del Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia.

Texte intégral

  • 1 Per un quadro generale della necropoli di Ponte Rotto e i suoi più importanti monumenti: Oleson 19 (...)
  • 2 Per il tumulo della Cuccumella: Sgubini Moretti 1994, p. 29-33; Buranelli 1994, p. 39-42; Moretti (...)
  • 3 Falconi Amorelli 1977, p. 72-73, tav. XXV; Conti 2018. Sulle attività di R. Mengarelli nella necro (...)
  • 4 Complesse le vicende di questi preziosi diari di scavo, i cui originali, come noto, non sono oggi (...)

1Non potevano non essere ricordate in queste Cronache Vulcenti le ricerche che Ugo Ferraguti e Raniero Mengarelli condussero tra il febbraio del 1928 e il marzo 1930 nelle necropoli orientali diVulci, a Ponte Rotto (fig. 1)1 e alla Cuccumella,2 ricerche i cui importanti risultati, al pari di quelli acquisiti nelle indagini che tra il 1929 e il 1931 interessarono il sepolcreto settentrionale dell’Osteria,3 sono registrati, con quelli di altri interventi, in quattro Taccuini redatti da Raniero Mengarelli.4

Fig. 1. Vulci, necropoli di Ponte Rotto: A) planimetria generale; B) Tombe dei Tori e dei Due Ingressi: planimetrie, sezioni longitudinali, elementi architettonici delle facciate (da Moretti Sgubini 2017, fig. 1).

Fig. 1. Vulci, necropoli di Ponte Rotto: A) planimetria generale; B) Tombe dei Tori e dei Due Ingressi: planimetrie, sezioni longitudinali, elementi architettonici delle facciate (da Moretti Sgubini 2017, fig. 1).
  • 5 Per le attività a Ponte Rotto: Taccuino I, p. 77-86, 88, 91-101,104-121; II, p. 3-26, 49; III, 50- (...)
  • 6 Falconi Amorelli 1987.
  • 7 Come avviene, ad esempio, nel caso di quelli provenienti dal c.d. piazzale.
  • 8 Mengarelli 1928; 1939; Ferraguti 1929; 1931, 1936, 1937.
  • 9 Buranelli 1994. La serie completa, composta da 380 foto, salvo rare eccezioni relative a Vulci, co (...)

2Qualche anno fa tornando ad occuparmi di Ponte Rotto, e riprendendo in mano quella documentazione,5 ho avuto modo di riflettere ancora una volta su come i risultati di quei fortunati scavi siano stati solo in parte valorizzati nel lavoro di M.T. Falconi Amorelli sulle indagini di Mengarelli a Ponte Rotto:6 dedicato ai corredi dei contesti funerari riportati in luce, il volume riserva poco spazio alla preziosa documentazione grafica che accompagna le scoperte, come pure non considera ragguardevoli resti recuperati negli sterri.7 Senza entrare nel merito di quest’ultimi, che richiederebbero uno studio ben più ampio e approfondito, come pure dei materiali dei singoli corredi, cercherò di ripercorrere, sia pur brevemente, la cronaca di quegli scavi, nell’intento di porre in evidenza qualche ulteriore dato rispetto a quelli noti grazie ai diversi contributi che nel tempo si sono aggiunti ai preliminari resoconti pubblicati dai due scavatori,8 le cui scoperte oggi meglio si apprezzano grazie alle preziose istantanee scattate da Ugo Ferraguti, in anni recenti rese note da Francesco Buranelli.9

  • 10 Ducati 1938; Buranelli 1994, p. 13-14.
  • 11 Una particolare stima e amicizia legò Ugo Ferraguti e Pericle Ducati. Ne è un esempio la nota del (...)
  • 12 I materiali rinvenuti furono trasportati a Villa Giulia (cfr. infra, nota 65), ove in buona parte (...)
  • 13 AVG, pos. Vulci XII, S. 5, prot. n. 3462/1395 del 18 dicembre 1923; n. 303 del 23 aprile 1924 = Fa (...)
  • 14 Bendinelli 1927, p. 139-144.
  • 15 Buranelli 1987, p. 185.
  • 16 Il Bendinelli anzitutto riportò in luce tre tombe. Di questa la prima, ubicata «a pochissima dista (...)
  • 17 Si tratta delle Tombe dei Tute o dei Sarcofagi (= Gsell CXXXIV), dei Tarna o dei Tori (= Gsell CXX (...)
  • 18 18 L’intervento del Bendinelli non fu risolutivo. Lo indica, come i lavori in corso nel 1925 (cfr. (...)

3Eseguiti con fondi liberalmente messi a disposizione da Ugo Ferraguti,10 Regio Ispettore onorario del territorio di Vulci e di Canino, colto imprenditore, amico di politici e di illustri studiosi come Antonio Minto o Pericle Ducati,11 munifico mecenate che sin dall’inizio rinunciò ad ogni pretesa sui rinvenimenti archeologici,12 i lavori di Ponte Rotto si posero in realtà a prosecuzione di un precedente intervento che, teso ad ovviare al profondo degrado in cui versava il sepolcreto, tra il 1923 e il 1924 Roberto Paribeni era riuscito a mettere in cantiere,13 malgrado la «costante, tenace, per lungo tempo irriducibile» opposizione dell’Amministrazione di Carlo Torlonia proprietario del fondo. Come scrive Goffredo Bendinelli, che lo diresse,14 con questo lavoro, che prese avvio con la ripulitura della Tomba François15 e non mancò di portare significativi ritrovamenti,16 s’intendevano «riaprire all’ammirazione dei profani e degli studiosi le numerose tombe monumentali a camera» che, documentate circa trent’anni prima da Stéphane Gsell,17 nella prima metà degli anni Venti risultavano nuovamente invase dalla terra e dalla vegetazione ed esposte a continui rischi.18

  • 19 Sul personaggio e la sua vastissima attività: Barnabei-Delpino 1991, p. 236-237; Rinaldi Tufi 2014 (...)
  • 20 Come avvenne per la Collezione di sculture vulcenti di ritrovamento ottocentesco conservate da Car (...)
  • 21 Taccuino I, p. 77-80. A p. 78, accanto alla pianta e alle sezioni si legge, come in altri casi, l’ (...)
  • 22 Falconi Amorelli 1987, p. 11-15, con datazione sullo scorcio del III e agli inizi del II secolo a. (...)
  • 23 Taccuino I, p. 81, 98-99.
  • 24 Cfr. infra.
  • 25 Taccuino I, p. 82-83.
  • 26 Per il tipo dell’elmo: Mazzoli 2022, p. 669-670, 675, n. 13 con rifer.; per le anse: Shefton 1988, (...)
  • 27 Indicandone un’ubicazione diversa, la Falconi Amorelli (1987, p. 19-21) riferisce i bronzi alla pi (...)
  • 28 Buranelli 1994, p. 22, tav. LXIV.224. Vi si riconosce la parte anteriore di un quadrupede (un capr (...)

4Affiancò Ferraguti nell’impresa Raniero Mengarelli, direttore dal 1908 degli scavi di Caere e del mandamento di Tolfa e Civitavecchia,19 ruolo in virtù del quale questi aveva peraltro già operato a Vulci, sia a seguito di specifici incarichi,20 sia per attività di tutela che di scavo condotte nella stessa Ponte Rotto. Dopo una prima “gita” – come allora si definivano i sopralluoghi – effettuata l’8 maggio del 1925 per il controllo di tombe a cappuccina rinvenute a Campomorto, il nostro personaggio era infatti tornato a Vulci il 27 giugno, stavolta a Ponte Rotto, dove nel corso di lavori di manutenzione dei grandi ipogei, nello sterro della Tomba II o dei Tori (fig. 1B) erano tornate in luce sulla parete sinistra del dromos tre piccole tombe a camera delle quali la centrale intatta (fig. 3). Di questa, denominata II B e di cui annota: «Scavo a spese del Ministero», Mengarelli dà posizione e documentazione grafica, oltre alla descrizione dei materiali del corredo,21 probabilmente appartenuto ad un individuo maschile.22 Analoghe le circostanze che circa un mese più tardi portarono alla scoperta, nel dromos della Tomba IV o del Pronao Arcuato, di una piccola tomba a camera pure denominata IV. Pertinente in realtà al Gruppo di camere 13 (fig. 1A.12, 13), questa, come chiarisce, «non sarebbe potuta apparire se non fosse franata per esser troppo sottile la parete di essa contigua al corridoio» del grande ipogeo. Posizionata in un primo schematico schizzo (fig. 4),23 la camera venne scavata e documentata nell’aprile del 1928, insieme alle altre del Gruppo.24 Ma lo sterro del dromos del Pronao Arcuato diede anche altri rinvenimenti,25 quali anzitutto un elmo a calotta emisferica con apice e paranuca tipo Mazzoli B1 e resti di uno stamnos con anse tipo San Ginesio-Gruppe26 che, forse residui di un saccheggio antico, giacevano raggruppati «accanto alla parete destra dello stesso corridoio e di fronte alla tomba descritta».27 A questi si aggiunsero poi parte di un altorilievo, reso noto da Buranelli,28 e alcuni elementi architettonici di nenfro (fig. 5).

Fig. 2. Canino, Castello di Musignano: sculture di rinvenimento ottocentesco provenienti da Vulci (© Museo Nazionale di Villa Giulia. Archivio fotografico).

Fig. 2. Canino, Castello di Musignano: sculture di rinvenimento ottocentesco provenienti da Vulci (© Museo Nazionale di Villa Giulia. Archivio fotografico).

Fig. 3. Vulci, necropoli di Ponte Rotto, Tomba dei Tori: le tre tombe a camera sulla parete sinistra del dromos (dal Taccuino Mengarelli I, copia fotostatica).

Fig. 3. Vulci, necropoli di Ponte Rotto, Tomba dei Tori: le tre tombe a camera sulla parete sinistra del dromos (dal Taccuino Mengarelli I, copia fotostatica).

Fig. 4 Vulci, necropoli di Ponte Rotto, Tomba del Pronao Arcuato: rinvenimenti nel dromos (dal Taccuino Mengarelli I, copia fotostatica).

Fig. 4 Vulci, necropoli di Ponte Rotto, Tomba del Pronao Arcuato: rinvenimenti nel dromos (dal Taccuino Mengarelli I, copia fotostatica).

Fig. 5. Vulci, necropoli di Ponte Rotto, Tomba del Pronao Arcuato: bronzi ed elementi architettonici rinvenuti nel dromos (dal Taccuino Mengarelli I, copia fotostatica).

Fig. 5. Vulci, necropoli di Ponte Rotto, Tomba del Pronao Arcuato: bronzi ed elementi architettonici rinvenuti nel dromos (dal Taccuino Mengarelli I, copia fotostatica).
  • 29 Taccuino I, p. 84, 91-92. Falconi Amorelli 1987, p. 17-18, fig. 2.
  • 30 Taccuino I, p. 85-86. Ai due ultimi fa cenno Falconi Amorelli 1987, p. 17.
  • 31 Taccuino IV, p. 65. Diversamente dagli altri casi, precisandone la provenienza, il Mengarelli regis (...)
  • 32 Moretti Sgubini 2017, p. 306, nota 20.
  • 33 Sul quale, senza pretesa di completezza: Mengarelli 1928, p. 376, fig. 5, ove menziona anche un «c (...)
  • 34 Moretti Sgubini 2005, p. 471; 2017.
  • 35 Taccuino I, p. 101, 104. Mengarelli 1928, 376-377; Ferraguti 1929, p. 109.

5Allo scadere del 1927, il 28 dicembre i lavori condotti nel dromos della Tomba III, o dei Due Ingressi (fig. 1A.8), portarono altre scoperte. Oltre ad un piccolo loculo ricavato sulla parete destra29 e ad una «grande struttura muraria composta da calce e pietre» anteriormente conformata a scarpa e dello spessore di 3 metri e trenta, nella quale Mengarelli riconosce la «chiusura esterna» del grande ipogeo, furono recuperati alcuni elementi architettonici di nenfro, ovvero «un pezzo di basamento [ … ] identico» a quello già rinvenuto nella Tomba del Pronao Arcuato, piccola parte di un grande toro, parte «di grande base o capitello circolare» e, ancora, una seconda modanatura a toro.30 È possibile che in questa stessa occasione sia stata rinvenuta, «a dieci metri metri dal piano del dromos […] in mezzo a massi naturali e a materiali detritici venuti dall’alto della ripa», una testa femminile che Mengarelli riconosce parte di un capitello del tipo Campanari:31 sulla base di quanto è stato possibile accertare,32 più che riferibile ad un secondo capitello del tipo, questa sembra identificabile in quella ricomposta da frammenti presente sul noto capitello conservato a Villa Giulia.33 Ma al di là della qualità del pezzo, importante è il dato di rinvenimento che induce a collegare la testa, e dunque il pertinente capitello di pilastro, alle imponenti facciate sovrastanti le Tombe dei Due Ingressi e dei Tori, i cui resti sono stati riportati in luce nella prima metà degli anni Novanta del secolo scorso.34 A queste, per affinità di proporzioni e stile con le superstiti basi di colonne e di pilastri ancora in situ (fig. 1B), parrebbero potersi riferire anche alcuni degli elementi architettonici più sopra ricordati, ai quali nel prosieguo degli sterri se ne aggiunsero, come vedremo, altri analoghi recuperati insieme a parti di architravi, di fregi, di sculture a tutto tondo, a cippi ed altro ancora, tra il maggio e il luglio del 1928, nello sterro del c.d. piazzale, cioè nel settore del secondo gradone antistante le Tombe dei Tori e del Pronao Arcuato.35

  • 36 Taccuino I, p. 93-97. Mengarelli 1928, p. 377-378, fig. 10; Ferraguti 1929, p. 108, tav. 17.2; Sgu (...)

6In data 12 febbraio del 1928 viene registrata la scoperta della Tomba V o delle Due Anticamere36 (fig. 1A.4) compiuta, come annotato, a seguito di «Scavi a spese del Comm. Ugo Ferraguti». Scrive Mengarelli:

Per ricerca di altre tombe fra la Tomba François e l’altra già nota a ponente di questa, il prof. Bendinelli fece scavare della terra vergine non compatta; ma non si accorse che fra il suo scavo e la Tomba François vi era un corridoio in muratura che doveva condurre a una tomba. Il Comm. Ferraguti, Ispettore Onorario della regione Vulcente, volle intraprendere a sue spese l’esplorazione del corridoio e della tomba, pur nel dubbio che questa fosse già stata manomessa, ma per completare la serie dei noti sepolcri che trovansi lungo lo stesso dirupo della sponda sinistra della Fiora.

  • 37 Bonamici 1980, p. 23-24, nota 129.

7Segue la descrizione dei tardi vani in muratura che precedono la tomba più antica, costituita da «una piccola camera quasi quadrata totalmente scavata nel masso», rinvenuta completamente depredata e con la volta in gran parte caduta, che il nostro puntualmente documenta, senza trascurare di rilevare il sarcofago a tetto displuviato conservato al suo interno37 e di ricordare la presenza di alcuni superstiti frammenti del corredo funerario, da lui ascritti «alla fine del III sec. a.C. o al principio del II».

  • 38 Taccuino I, p. 81, 98-99, 103. Falconi Amorelli 1987, p. 27.
  • 39 Taccuino I, p. 105-107. Falconi Amorelli 1987, p. 23-25, fig. 5a.
  • 40 Ferraguti 1929, p. 109, tav. XIX.2.
  • 41 Taccuino I, p. 104.
  • 42 Mengarelli 1928, p. 376-377, fig. 4-7; Ferraguti 1929, p. 109, tav. XXI; Buranelli 1994, p. 20-22, (...)
  • 43 Riprodotto da Mengarelli (1928, p. 372, fig. 6), da Ferraguti (1929, tav. XXI.1, a sin) e da Buran (...)
  • 44 Taccuino I, p. 100-101. Si tratta rispettivamente del cippo a forma di casa con finta porta e arch (...)

8Quando nell’aprile del 1928 le ricerche si spostano più a nord, l’attenzione dello scavatore tornò a concentrarsi sulla piccola Tomba IV a camera, contigua al lato settentrionale del dromos della Tomba del Pronao Arcuato, individuata sin dal 1925 a seguito del crollo della sua «sottile» parete di fondo. All’epoca rimasta inesplorata, come già fatto cenno, questa risultò aprirsi sul lato destro del dromos del Gruppo di camere 13 (fig. 1A.13). Presso di essa, all’inizio del dromos, fu inoltre indagato anche un loculo «murato» e coperto con tegole, che sulla base dei suoi materiali parrebbe documentare la fase finale di utilizzo del complesso.38 Nella stessa occasione venne riportato in luce anche un altro loculo intatto (fig. 6), «ricavato a destra dell’ingresso esterno di una piccola tomba a camera», la 11, adiacente al lato meridionale del dromos della Tomba del Pronao Arcuato, loculo che restituì «molte ossa» disposte «alla rinfusa», che Mengarelli sembra interpretare come esito di una traslazione di più antiche deposizioni. Ai lati del loculo furono inoltre rinvenuti due ossuari ed altri oggetti.39 Entrambi realizzati in angusti spazi di risulta, i due loculi, come l’altro della Tomba dei Due Ingressi, oltre che per tipologia, si segnalano quali documenti di un prolungato riuso di sepolcri preesistenti e di un’intensa utilizzazione dello spazio funerario. Tali caratteri sono del resto resi evidenti sia dalle piccole camere ricavate nei dromoi dei grandi ipogei a quote più alte rispetto ai piani di calpestio originari, sia in forma ancor più vistosa dalla Tomba delle Due Anticamere, sia, ancora, dalla fitta sequenza dei sepolcri a una o a due camerette che, disponendosi talora su più piani, si scaglionano lungo la via sepolcrale a nord della Tomba del Pronao Arcuato (fig. 1A.9-11,13-17 ).40 Nei mesi successivi le ricerche interessarono il settore compreso fra la Tomba dei Tori e quella del Pronao Arcuato, ove l’11 luglio Mengarelli annota che «nel rimuovere il terrapieno si sono trovati parecchi pezzi architettonici e frammenti scolpiti di nenfro».41 Non descrive purtroppo quei rinvenimenti per i quali disponiamo di brevi sintesi e delle immagini pubblicate dai due scavatori, cui si sono aggiunte altre rese note dal Buranelli.42 Si sofferma invece su un «notevole» cippo (fig. 7),43 «di forma analoga ai due già rinvenuti e di cui sono stati dati innanzi i disegni quotati».44

Fig. 6. Vulci, necropoli di Ponte Rotto: loculo a destra della Tomba a camera 11 presso il lato destro della Tomba del Pronao Arcuato (dal Taccuino Mengarelli I, copia fotostatica).

Fig. 6. Vulci, necropoli di Ponte Rotto: loculo a destra della Tomba a camera 11 presso il lato destro della Tomba del Pronao Arcuato (dal Taccuino Mengarelli I, copia fotostatica).

Fig. 7. Vulci, necropoli di Ponte Rotto: cippo iscritto proveniente dal c.d. piazzale (dal Taccuino Mengarelli I, copia fotostatica).

Fig. 7. Vulci, necropoli di Ponte Rotto: cippo iscritto proveniente dal c.d. piazzale (dal Taccuino Mengarelli I, copia fotostatica).
  • 45 Su tali ritrovamenti, senza pretesa di completezza: Mengarelli 1928, p. 376-377, fig. 3-5, 9; Ferr (...)

9Oltre a cippi, altari, basette, probabilmente rapportabili a sacelli e forse anche ai ricordati sepolcri ubicati a nord del piazzale, furono allora scoperte parti di colonne, di pilastri, di architravi anche figurati, rilievi, resti di sculture a tutto tondo che, in alcuni casi, si pongono fra le più alte manifestazioni della produzione artistica delle colte botteghe di scultori attive a Vulci fra la seconda metà del IV e la prima metà del III sec. a.C.45

  • 46 Taccuino I, p. 108-121; II, p. 11-25. Mengarelli 1928, p. 378-379, fig. 11; Ferraguti 1929, p. 109 (...)

10Pochi giorni più tardi fu la volta di un’altra importante scoperta, quella del Gruppo di Cinque Camere (fig. 1A.7), ovvero delle tombe VI, VII, VIII, IX, X, ubicato «nello spazio fra la Tomba dei Due Ingressi (III) e la Tomba dei Tori (II)».46 Fu questo un ritrovamento eccezionale, che suscitò profonda emozione poiché le camere funerarie, salvo la VI crollata, risultarono tutte intatte e alla loro apertura si presentarono all’occhio dei due scavatori, cui per l’occasione si era aggiunto Roberto Paribeni, così come gli antichi le avevano lasciate, con i defunti sdraiati sui loro letti funebri, abbigliati con cura e ancora avvolti nelle loro vesti. Ma non mancò qualche contrasto. A p. 11 del Taccuino II Mengarelli annota:

  • 47 Muta di un giorno la data della scoperta, registrata a p. 108 del Taccuino I il 21 luglio.

IMPORTANTE!!! L’esplorazione del gruppo delle 5 camere scoperto il 22 luglio 192847 costò a me una nevrite acuta per colpa del prof. Paribeni e del Comm. Ferraguti che, in mia assenza e contro la mia ingiunzione, vollero aprire tutte le 6 camere, costringendomi così a proseguire il lavoro nei giorni seguenti senza i necessari mezzi e aiuti e alternando il freddo umido dei sepolcri col caldo torrido esterno.

  • 48 Cfr. supra, nota 46.
  • 49 Come sembrano indicare i corredi delle tombe più antiche VIII e X: Falconi Amorelli 1987, p. 41-50 (...)

11Mengarelli prende insomma le distanze dall’accaduto, consapevole che la fretta e la mancanza di supporti adeguati non avevano consentito, come dovuto, un idoneo recupero di materiali talora particolarmente delicati, vista la presenza di resti organici e vegetali, di tessuti di lino e di lana, di oggetti di legno, osso e cuoio anche ornati. E di fatto dal raffronto fra gli elenchi originali e quanto più tardi pubblicato si comprende il suo disappunto viste le perdite, imputabili alla fretta dello scavo condotto con mezzi inadeguati. Ampio e dettagliato il resoconto della scoperta, documentato da planimetrie, dalla sezione longitudinale del complesso (fig. 8) e da foto scattate al momento della scoperta, ben presto pubblicate dagli scavatori.48 Minuziosa la resa delle piante delle singole camere dove la numerazione e i disegni dei oggetti disposti sulle banchine presso gli scheletri si coniugano con le relative, dettagliate descrizioni e consentono, nel caso delle coppie maritali, di riferire ornamenti o altri elementi del corredo personale ai singoli inumati, chiarendone il genere. Collocato senza distinzioni su una stessa banchina priva di deposizioni o sul pavimento, era invece, come sottolinea Mengarelli, il resto della «suppellettile funebre», in una sorta di corredo collettivo. Scavate nel poco consistente banco naturale, le camere, numerate in senso orario a cominciare dalla prima a sinistra dell’ingresso, accessibili da un angusto corridoio e dotate di banchine, presentavano le porte sigillate da un paramento di argilla e da tegole, le quali ultime solo nel caso della tomba VIII, ricavata sul fondo e riconosciuta «principale» e probabilmente spettante al capostipite del gruppo familiare, furono però trovate ancora in situ. Non mi soffermo sui corredi, ma sottolineo alcuni dettagli, come la ripetuta presenza, forse legata al costume funerario, di «bianchi lenzuoli» posti a coprire i corpi, di mantelli rossi indossati sopra tuniche bianche, di tessuti di lana lavorati a maglia in un caso ordinatamente ripiegati, di foglie di corone di alloro, che nel caso di quelle rinvenute presso l’inumato della camera VIII, risultarono «deteriorate, ma ben riconoscibili e molte conservanti il colore verde». Da ricordare anche la presenza di piccoli recipienti di vimini intrecciati e di resti del pasto funebre, quali gusci d’uova, noci e nocciole. Ne deriva un quadro vario e stimolante, che una revisione dei contesti, articolati secondo le deposizioni, alla luce del progresso degli studi e di auspicabili esami specialistici, almeno di quanto resta di un gruppo di oggetti in legno e cuoio del corredo della camera IX, potrebbero arricchire di nuove, preziose informazioni. Ma di là da questi aspetti, sembra opportuno rilevare quanto significativa sia la conoscenza di questo complesso funerario, incuneato nel settore centrale del secondo gradone del sepolcreto di Ponte Rotto. Fondato sullo scorcio del III secolo49 e in uso nell’arco di più generazioni, l’ipogeo delle Cinque Camere ci restituisce vivida memoria di un gruppo familiare che, malgrado i radicali sconvolgimenti economici e sociali conseguenti la conquista romana, torna a seppellire i suoi membri in uno spazio seppur sacrificato, tuttavia significativamente contiguo ai più imponenti sepolcri gentilizi, quasi a voler richiamare e rinsaldare l’esistenza di antichi legami, forse parentali. Se ormai scomparso è il fasto della nobiltà di un tempo, tuttavia l’eco di una persistente agiatezza si coglie nei corredi degli inumati più antichi, deposti nelle camere VIII e X (fig. 8, a destra), nell’osservanza di un preciso cerimoniale funerario, nella cura delle vesti e nell’attenzione profusa nella scelta degli oggetti che compongono i corredi personali, nel cui ambito risaltano quelli relativi ai servizi da toletta. Sebbene destinati a restare anonimi, i titolari dell’ipogeo sembrano documentare, in conclusione, la persistente vitalità di un ceto sociale medio-alto, se non gentilizio, che mantiene salde e riafferma le sue tradizioni culturali.

Fig. 8. Vulci, necropoli di Ponte Rotto, Tomba delle Cinque Camere: a sinistra sezione longitudinale del complesso funerario, a destra planimetria della Tomba X (dal Taccuino Mengarelli I, copia fotostatica).

Fig. 8. Vulci, necropoli di Ponte Rotto, Tomba delle Cinque Camere: a sinistra sezione longitudinale del complesso funerario, a destra planimetria della Tomba X (dal Taccuino Mengarelli I, copia fotostatica).
  • 50 Moretti Sgubini 1994, p. 29-31; 2015, p. 600-601, fig. 4-5.
  • 51 Ferraguti 1929, p. 104-107, tav. XII.2-XV.2.
  • 52 Messerschmidt 1930B, p. 421-424; Ferraguti 1931, p. 585-586.
  • 53 Mengarelli 1928, p. 379-380.
  • 54 Sgubini Moretti 1994, p. 30-31 e nota 112, con rifer.
  • 55 Moretti Sgubini 2005, p. 471; 2015, p. 607-608 e nota 59.
  • 56 Cfr. nota 50.
  • 57 Taccuino II, p. 28-30, 33, 39-43, 46-48.

12Ma sin dal novembre del 1928 l’attenzione di Ferraguti e Mengarelli si era estesa anche alla Cuccumella. Non mi soffermerò su tali interventi che, conclusi nel giugno del 1929, ho considerato altrove,50 limitandomi qui a ricordare come questi, con l’isolamento del tumulo, posero in evidenza la sua crepidine, videro l’esplorazione dei cunicoli scavati circa cinquant’anni prima da Alessandro Torlonia sotto il monumento, portarono allo sterro del dromos e alla rimessa in luce della Tomba con vestibolo gradinato, denominata XI, e a quella dell’altra più antica, denominata XIbis, ricavata al centro del settore meridionale del tumulo, già esplorate dal Marcelliani. Se Ferraguti riferisce dei risultati conseguiti con un autentico entusiasmo,51 non incrinato poi dalle critiche di Franz Messerschmidt,52 più pacata è la posizione del Mengarelli, che riferisce che del monumento furono rimesse «in vista alcune parti di maggiore interesse, mal note, e forse mai completamente esplorate».53 Non mancarono tuttavia rinvenimenti dei quali purtroppo non restano elenchi, come già annotava Mengarelli a p. 5 degli indici dei Taccuini, fra i quali figuravano una mutila statua di leone alato (fig. 9)54 e una colossale, lacunosa scultura di felino alato, probabilmente identificabile con un’analoga scultura segnalata dal Marcelliani.55 Ma quel che preme anche ricordare sono gli accurati rilievi del monumento, in parte resi noti,56 eseguiti dal Mengarelli: raccolti nel secondo dei quattro Taccuini,57 questi costituirono dopo secoli di scavo la prima rigorosa documentazione di un grandioso monumento in precedenza solo saccheggiato.

Fig. 9. Vulci, Tumulo della Cuccumella: leone alato (© Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia. Archivio fotografico).

Fig. 9. Vulci, Tumulo della Cuccumella: leone alato (© Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia. Archivio fotografico).
  • 58 Taccuino II, p. 49; IV, p. 68-70: Falconi Amorelli 1987, p. 67, fig. 5.d; Buranelli 1994, p. 32-33 (...)

13Nel 1929 le ricerche tornano ad interessare Ponte Rotto dove il 18 luglio, a poche decine di metri della Tomba delle Due Anticamere, venne riportata in luce la Tomba XII, denominata della Porta a Sesto Triangolare (fig. 1A.18?) per la sua singolare architettura.58 Nulla restava del corredo e fra la terra del dromos furono recuperati pochi oggetti in giacitura secondaria.

  • 59 Cfr. nota 16.
  • 60 Sebbene di forte impatto sulla struttura antica, questi sono stati conservati nel complesso interv (...)
  • 61 Buranelli 1987, p.185-188.
  • 62 Maggiani 2004, p. 59-61, con rifer. Con altri, il frammento iscritto fu poi inviato dal Ferraguti (...)
  • 63 Taccuino III, p. 57; Buranelli 1987, p. 186, fig. 6.

14Con questo rinvenimento si concludevano le indagini a Ponte Rotto, ma da ricordare sono anche altri interventi che interessarono la necropoli. Oltre al recupero delle già citate Tombe dell’Arco e del Fico,59 è il caso dei consolidamenti strutturali funzionali alla conservazione di alcuni dei grandi ipogei, dei quali particolarmente impegnativi furono, con quelli effettuati nella tomba dei Sarcofagi,60 le opere di messa in sicurezza della rupe sovrastante l’ipogeo dei Due Ingressi (fig. 10). Né vanno dimenticate le tante operazioni volte a restituire agibilità e decoro ai grandi sepolcri, che furono occasione nella Tomba François di una scoperta tanto inattesa, quanto eccezionale.61 Nel marzo del 1930 Ferraguti, dopo aver asportato la lastra di chiusura ancora presente in corrispondenza dell’accesso al sepolcro e le terre rimaste al suo interno, pose mano alla rimozione della parte residua del «rozzo muro» antistante la cella V e dell’interro a questo retrostante. Con frammenti di intonaco dipinto, fra i quali spicca per importanza quello che reca dipinto in nero il nome del fanciullo arnza,62 ritornò così in luce su quanto restava della tamponatura della porta della camera funeraria la parte inferiore di una figura maschile avvolta in una lunga toga, rivelatasi poi determinante per l’interpretazione dell’intero ciclo pittorico.63

Fig. 10. Vulci, necropoli di Ponte Rotto, Tombe dei Tori e dei Due Ingressi: prospetto (© Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia. Archivio disegni).

Fig. 10. Vulci, necropoli di Ponte Rotto, Tombe dei Tori e dei Due Ingressi: prospetto (© Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia. Archivio disegni).
  • 64 Come il Ferraguti formalmente comunicò alla Direzione Generale delle Antichità e Belle Arti del Mi (...)
  • 65 Paglieri 1992, p. 99-100.

15Con quest’ultima eclatante scoperta si concludono le attività poste in essere a Ponte Rotto e l’interesse dei due scavatori si sposta definitivamente all’Osteria, dove gli scavi termineranno nel giugno del 1931.64 Ma anche dopo tale data Mengarelli, che nel 1933 si congedava dall’Amministrazione, continuò per anni ad arricchire i suoi Taccuini con annotazioni e accurati rilievi degli scavi vulcenti. E quando guardo questi suoi disegni mi vengono in mente le parole65 con cui Pietro Corchiani, suo collaboratore e storico custode della zona di Vulci, ricordava il nostro infaticabile archeologo: «un signore magro, con la barba, tutto nervi. Portava un gran cappello [. …] scriveva in continuazione e aveva sempre il metro in mano per misurare quello che trovava».

Haut de page

Bibliographie

Archivi

AVG = Archivio Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia.

Bibliografia secondaria

Barnabei-Delpino 1991 = M. Barbanei, F. Delpino (a cura di), Le “Memorie di un archeologo” di Felice Barnabei, Roma, 1991. 

Bartoccini 1961 = R. Bartoccini, Tre anni di Scavi a Vulci (1956-1958), in Atti del VII Congresso Internazionale di Archeologia Classica, Roma, 1961, p. 257-281.

Bendinelli 1927= G. Bendinelli, Relazione sopra una campagna di scavi nel territorio di Vulci (1923-1924),in StEtr, 1, 1927, p. 129-144.

Bianchi et al.1997 = S. Bianchi et al. (a cura di), La scuola cantiere di Vulci e Montalto di Castro. Dal progetto alla realizzazione, Firenze, 1997.

Blank 1992 = H. Blanck, I tre sarcofagi etruschi a Sintra in Portogallo, in BA, 76, 1992, 1-14.

Bonamici 1980 = M. Bonamici, Sui primi scavi di Luciano Bonaparte a Vulci, in Prospettiva, 21, 1980, p. 6-24.

Buranelli 1987 = F. Buranelli, La riscoperta della Tomba François, in Tomba François 1987, p. 185-187.

Buranelli 1994 = F. Buranelli, Ugo Ferraguti. L’ultimo archeologo-mecenate. Cinque anni di scavi a Vulci (1928-1932) attraverso il Fondo fotografico Ugo Ferraguti, Roma, 1994.

Conti 2018 = A. Conti, La necropoli settentrionale di Vulci. Dati preliminari sulla revisione degli scavi Ferraguti-Mengarelli (1929-1931), in ScAnt, 24, 2018, p. 125-148.

Cosentino 2015-2016 = R. Cosentino, Raniero Mengarelli a Cerveteri. Appunti dal carteggio inedito, in Mediterranea, 12-13, 2015-2016, p. 177-191.

Cristofani 1987 = M. Cristofani, La cultura artistica a Vulci tra età classica ed ellenismo, in Tomba François 1987, p. 199-203.

Delpino 2000 = F. Delpino, Il Museo di Villa Giulia: una storia di oltre cent’anni, in A.M. Moretti Sgubini (a cura di), Villa Giulia dalle origini al 2000, Roma, 2000, p. 35-60.

Dohrn 1965 = T. Dohrn, Etruskische Zweifigurengruppe nach Tarentiner Vorbild, in AA, 1965, p. 378-394. 

Dohrn 1969 = T. Dohrn, in W. Helbig, Führer durch die öffentlichen Sammlungen klassischer Altertümer in Rom. Die Staatlichen Sammlungen, Museo Nazionale Romano und Museo Nazionale di Villa Giulia, Tubinga, 1969, p. 467-862.

Ducati 1931 = P. Ducati, Notizia di tre sarcofagi etruschi a Monserrate presso Lisbona, in StEtr, 5, 1931, p. 523-529. 

Ducati 1938 = P. Ducati, Necrologi: Ugo Ferraguti (1885-1938), in StEtr, 12, 1938, p. 456-457.

Falconi Amorelli 1977 = M.T. Falconi Amorelli, Inediti e semiediti di Vulci, in La civiltà arcaica di Vulci e la sua espansione. Atti del X Convegno di Studi Etruschi e Italici, Grosseto-Roselle-Vulci, 1975, Firenze, 1977, p. 71-76.

Falconi Amorelli 1983 = M.T. Falconi Amorelli, Vulci. Scavi Bendinelli (1919-1923), Roma, 1983.

Falconi Amorelli 1987 = M.T. Falconi Amorelli, Vulci. Scavi Mengarelli (1925-1929), Roma, 1987.

Ferraguti 1929 = U. Ferraguti, Un anno di scavi a Vulci, in StEtr, 3, 1929, p. 103-110.

Ferraguti 1931 = U. Ferraguti, A proposito delle ‘Inedita Etruriae’ del IV volume, in StEtr, 5, 1931, p. 585-586.

Ferraguti 1936 = U. Ferraguti, Nuovi monumenti vulcenti, in StEtr, 10, 1936, p. 55-59

Ferraguti 1937 = U. Ferraguti, I bronzi di Vulci, in StEtr, XI, 1937, p. 107-120.

Govi 2021 = E. Govi, Il IV secolo e l’Ellenismo: Le evidenze epigrafiche dei collegi sacerdotali, in E. Govi, C. Pizzirani, Forme associative e collegi in Etruria, in F. Fontana, E. Murgia (a cura di), Sacrum Facere. Atti del VI Seminario di Archeologia del Sacro. Forme associative e pratiche rituali nel mondo antico, Trieste, 2019, Trieste, 2021, p. 35-59. 

Gsell 1891 = S. Gsell, Fouilles dans la Nécropole de Vulci, Parigi, 1891.

Hus 1966 = A. Hus, Réflexions sur la statuaire en pierre de Vulci après l’époque archaïque, in Mélanges d’archéologie et d’histoire offerts à André Piganiol, II, Parigi, 1966, p. 665-675. 

Hus 1971 = A. Hus, Vulci étrusque et étrusco-romaine, Parigi, 1971.

Kaimio 2017 = J. Kaimio, The South Etruscan cippus inscriptions (SECI), in ActaInstRomFin, 44, Roma, 2017.

Mandolesi 2023 = A. Mandolesi, «I leoni, le tigri e le sfingi…». Raniero Mengarelli a Musignano, in A. Conti, Ch. Mazet, L.M. Michetti (a cura di), Chroniques vulciennes, I. De l'âge d'or des fouilles à la création du service de tutelle des monuments, MEFRA,135/1, 2023, p. 117-128.

Maggiani 1978 = A. Maggiani, Le tombe a dado di Sovana, in Prospettiva, 14, 1978, p.15-31.

Maggiani 2004 = A. Maggiani, Gli affreschi della Tomba François. I frammenti fiorentini, in Vulci 2004, p. 59-66.

Mazzoli 2022 = M. Mazzoli, Elmi Montefortino: origine e prima diffusione (IV-III sec. a.C., in N. Frapiccini, A. Naso (a cura di), Archeologia Picena, Atti del Convegno internazionale di studi, Ancona, 2019, Roma, 2022, p. 665-685.

Mengarelli 1928 = R. Mengarelli, Nuove ricerche archeologiche a Vulci, in BdA, 8, 1928, p. 368-380.

Mengarelli 1939 = R. Mengarelli, Volta ad arco in due tombe etrusche di Vulci, in Palladio, 3, 1939, p. 80-83.

Messerschmidt 1930A = F. Messerschmidt, Nekropolen von Vulci, Berlino, 1930. 

Messerschmidt 1930B = F. Messerschmidt, Inedita Etruriae, in StEtr, 4, 1930, p. 421-424.

Moretti Sgubini 2004 = A.M. Moretti Sgubini, La necropoli di Ponte Rotto, in Vulci 2004, p. 17-28.

Moretti Sgubini 2005 = A.M. Moretti Sgubini, Risultati e prospettive delle ricerche in atto a Vulci, in Dinamiche di sviluppo delle città in Etruria Meridionale. Veio, Caere, Tarquina, Vulci. Atti del XXIII Convegno di Studi Etruschi e Italici, Roma-Veio-Cerveteri/Pyrgi-Tarquinia-Tuscania-Vulci-Viterbo, 2001, Pisa-Roma, 2005, p. 457-484.

Moretti Sgubini 2008 = A.M. Moretti Sgubini, Vulci. La patria della scultura monumentale in pietra, in M. Torelli, A.M. Moretti Sgubini (a cura di), Etruschi. Le antiche metropoli del Lazio, catalogo della mostra, Roma, 2008, Verona, 2008, p. 110-119, 232-236.

Moretti Sgubini 2010 = A.M. Moretti Sgubini (a cura di), Il Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, Roma, 2010.

Moretti Sgubini 2012 = A.M. Moretti Sgubini, Vulci, in Bibliografia topografica della colonizzazione greca in Italia e nelle isole tirreniche, 21, 2012, p. 1082-1154. 

Moretti Sgubini 2015 = A.M. Moretti Sgubini, Tumuli a Vulci, tumuli a Tuscania, in La delimitazione dello spazio funerario in Italia dalla protostoria all’Età arcaica: recinti, circoli, tumuli, in AnnFaina, 23, 2015, p. 597-636.

Moretti Sgubini 2016 = A.M. Moretti Sgubini, Raniero Mengarelli: un protagonista degli scavi del Novecento nella necropoli della Banditaccia di Cerveteri, in A.M. Moretti Sgubini, F. Boitani Visentini (a cura di), Nel banchetto degli Etruschi. I vasi della Collezione Finnat, Roma, 2016, p.19-24.

Moretti Sgubini 2017 = A.M. Moretti Sgubini, A proposito di alcune sculture della necropoli di Ponte Rotto, in Dialogando. Studi in onore di Mario Torelli, Pisa, 2017, p. 305-312.

Nielsen 1990 = M. Nielsen, Sacerdotesse e associazioni cultuali femminili in Etruria: testimonianze epigrafiche ed iconografiche, in AnalRom, 19, 1990, 45-67.

Oleson 1982 = J.P. Oleson, The Sources of Innovation in later Etruscan Tomb Design (ca. 350-100 B.C.), Roma, 1982.

Paglieri 1992 = S. Paglieri, Guerrieri di polvere. Sei anni fra gli Etruschi, Genova, 1992. 

Proietti 1980 = G. Proietti, Il Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, Roma, 1980. 

Ribeiro-Rodrigues 2020 = M. Ribeiro, N. Rodrigues, The three etruscan sarcophagi from the collection of Sir Francis Cook in the Archaeological Museum of São Miguel de Odrinhas (Sintra), in Ophiussa, 4, 2020, p.143-162.

Riccioni 2003 = G. Riccioni, Vasi greci da Vulci. Necropoli dell’Osteria, scavi Ferraguti-Mengarelli 1929-1931, a cura di F.R. Serra Ridgway, Milano, 2003.

Rinaldi Tufi 2014 = S. Rinaldi Tufi, Raniero Mengarelli a Novilara, in G. Baldelli, F. Lo Schiavo (a cura di), Amore per l’antico, I, Roma, 2014, p. 443-451.

Santangelo 1960 = M. Santangelo, Musei e monumenti etruschi, Novara, 1960.

Scala 2003 = N. Scala, Le botteghe lapidarie di Tarquinia in età ellenistica, in Miscellanea etrusco-italica, III, Roma, 2003 (Quaderni di archeologia etrusco-italica, 29), p. 490-502

Scala 2011 = N. Scala, Sculture tardo-classiche ed ellenistiche dalle necropoli di Vulci, in F. Roncalli (a cura di), Munuscola: omaggio degli allievi napoletani a Mauro Cristofani, Pozzuoli, 2011, p. 151-182.

Sgubini Moretti 1987 = A.M. Sgubini Moretti, La necropoli di Ponte Rotto, in Tomba François 1987, p. 47-56.

Sgubini Moretti 1991 = A.M. Sgubini Moretti, Nota sul complesso monumentale della Tomba dei Tutes, in Miscellanea Etrusca e Italica in onore di Massimo Pallottino, in AC, 43, 1991, p. 655-663.

Sgubini Moretti 1993 = A.M. Sgubini Moretti, Vulci e il suo territorio, Roma, 1993.

Sgubini Moretti 1994 = A.M. Sgubini Moretti, Ricerche archeologiche a Vulci: 1985-1990, in M. Martelli (a cura di), Tyrrhenoi philotechnoi, Atti della Giornata di studio, Viterbo, 1990, Pisa-Roma, 1994, p. 9-49.

Shefton 1988 = B.B. Shefton, Der Stamnos, in W. Kimmig, Das Kleinaspergle. Studien zu einem Fürstengrabhügel der frühen Latènezeit bei Stuttgart, Stoccarda, 1988, p. 104-152.

Stefani 1948 = E. Stefani, Il Museo Nazionale di Villa Giulia in Roma, Roma, 1948.

Tomba François 1987 = F. Buranelli (a cura di), La tomba François di Vulci, catalogo della mostra, Città del Vaticano, 1987, Roma, 1987.

Torelli 1976 = M. Torelli, Arte etrusca, Schede 1-200, in R. Bianchi Bandinelli, M. Torelli, Etruria, Roma, Torino, 1976, p. 171-473. 

Torelli 1986 = M. Torelli, La religione etrusca, in Rasenna. Storia e civiltà degli Etruschi, Milano, 1986, p. 159-237. 

van der Meer 2001 = L.B. van der Meer, Decorated Etruscan Stone Sarcophagi, in BABesch, 76, 2001, p. 79-100. 

von Mercklin 1962 = E. von Mercklin, Antike Figuralkapitelle, Berlino, 1962.

Vulci 2004 = A.M. Moretti Sgubini (a cura di), Eroi etruschi e miti greci. Gli affreschi della Tomba François tornano a Vulci, catalogo della mostra, Vulci, 2004, Calenzano, 2004.

Haut de page

Notes

1 Per un quadro generale della necropoli di Ponte Rotto e i suoi più importanti monumenti: Oleson 1982, passim; Sgubini Moretti 1987; 1993, p. 94-107; Buranelli 1994, p. 19-24; Moretti Sgubini 2004, p. 17-28; 2012, passim; 2017; Conti 2018, p. 127, nota 10.

2 Per il tumulo della Cuccumella: Sgubini Moretti 1994, p. 29-33; Buranelli 1994, p. 39-42; Moretti Sgubini 2015, p. 597-610.

3 Falconi Amorelli 1977, p. 72-73, tav. XXV; Conti 2018. Sulle attività di R. Mengarelli nella necropoli settentrionale di Vulci si veda anche il contributo di A. Conti in questo stesso volume.

4 Complesse le vicende di questi preziosi diari di scavo, i cui originali, come noto, non sono oggi reperibili, ma dei quali fortunatamente si dispongono copie (Moretti Sgubini 2017, p. 305, nota 1). Nell’archivio storico di Villa Giulia (Vulci, Buste 1-6), con l’indice delle tombe riportate in luce, distinte da numeri romani, e con alcuni disegni (Moretti Sgubini 2015, p. 600, nota 22), si conserva un elenco dei materiali rinvenuti nello scavo delle tombe di Ponte Rotto, probabilmente rivisto da G. Ricci, come sembra di leggere in un’annotazione sul frontespizio. Nel 1957 il dossier degli scavi Ferraguti-Mengarelli fu affidato dal Soprintendente Renato Bartoccini a Sergio Paglieri, suo collaboratore, perché procedesse alla copiatura dei Taccuini e allo spoglio della corrispondenza Ferraguti-Mengarelli, nella prospettiva di un ampio progetto di pubblicazione dedicato agli scavi di Vulci. Dovevano concorrere ad esso con lo stesso Bartoccini, Alain Hus, Giuseppe Foti e Lidio Gasperini, oltre allo stesso Paglieri, che doveva curare lo studio della stipe di Porta Nord, esplorata tra il 1956 e il 1957. Il progetto, ripetutamente annunciato (Bartoccini 1961, p. 258; Hus 1971, p. 9), non ebbe seguito e nel gennaio del 1963 il carteggio Mengarelli fu restituito dal Paglieri, come indica l’elenco sottoscritto per ricevuta in data 17 gennaio dal Bartoccini, all’epoca ormai in quiescenza. Negli anni Sessanta la pubblicazione degli scavi condotti a Vulci nei primi decenni del Novecento fu affidata a M.T. Falconi Amorelli, affiancata, per le ceramiche di importazione, da Giuliana Riccioni, e la relativa documentazione venne posta a disposizione. Seguirono nel corso degli anni diversi articoli (per i quali: Falconi Amorelli 1977, con bibl prec.; Riccioni 2003; Moretti Sgubini 2012, passim; Conti 2018, p. 128, nota 18, con altri rifer.) e due volumi dedicati l’uno agli scavi Bendinelli nel sepolcreto dell’Osteria (Falconi Amorelli 1983), l’altro all’attività di Mengarelli a Ponte Rotto (Falconi Amorelli 1987), mentre inedita restava l’annunciata pubblicazione dei rinvenimenti dell’Osteria.

5 Per le attività a Ponte Rotto: Taccuino I, p. 77-86, 88, 91-101,104-121; II, p. 3-26, 49; III, 50-59, 61-64; IV, p. 64-70, 73-84.

6 Falconi Amorelli 1987.

7 Come avviene, ad esempio, nel caso di quelli provenienti dal c.d. piazzale.

8 Mengarelli 1928; 1939; Ferraguti 1929; 1931, 1936, 1937.

9 Buranelli 1994. La serie completa, composta da 380 foto, salvo rare eccezioni relative a Vulci, costituisce oggi il fondo Ugo Ferraguti istituito presso Alinari dalla figlia Laura.

10 Ducati 1938; Buranelli 1994, p. 13-14.

11 Una particolare stima e amicizia legò Ugo Ferraguti e Pericle Ducati. Ne è un esempio la nota del 29 giugno del 1928 conservata nell’archivio di Villa Giulia, con la quale quest’ultimo rassicura Roberto Paribeni circa la cautela e il metodo coi quali Ferraguti stava procedendo nella sua impresa vulcente, peraltro svolta, come sottolinea, sotto il controllo di Raniero Mengarelli. Probabilmente le preoccupazioni del Paribeni nascevano anche da un estemporaneo intervento di scavo condotto dall’“entusiasta” Ferraguti alla Cuccumella, intervento che il 16 marzo del 1928 provocò una secca protesta dell’Amministrazione Torlonia, rese necessarie formali scuse da parte del Paribeni e comportò una ferma reprimenda per lo scavatore (AVG, Vulci, pos. XII, S. 5, prot. n. 331del 19-3-1928). Ferraguti da parte sua non mancò di tenere al corrente dei suoi rinvenimenti vulcenti l’amico Ducati, cui riservò sempre ogni attenzione, come testimonia, fra altro, la tempestiva segnalazione di tre noti sarcofagi della Tomba dei Vipinana di Tuscania (Blanck 1991; van der Meer 2001, p. 85-86, H59-61; Ribeiro, Rodriguez 2020), che nell’estate del 1929 il nostro aveva avuto modo di vedere a Sintra, nel Parco di Monserrate presso Lisbona, sarcofagi che Ducati rese presto noti: Ducati 1931.

12 I materiali rinvenuti furono trasportati a Villa Giulia (cfr. infra, nota 65), ove in buona parte andarono a costituire, con altri degli scavi Bendinelli, la sezione dedicata nell’esposizione degli anni Trenta a Vulci, ubicata nella sala XVIII dell’ala settentrionale del Museo (Ferraguti 1937, p. 107-108; Stefani 1948, p. 21-22, fig. a p. 63; Delpino 2000, p. 47, fig. 57). Tra gli anni Sessanta e Settanta del secolo scorso gran parte di quei rinvenimenti è stata riportata a Vulci e in parte esposta, sino a tempi recenti, nel Museo al Castello della Badia. Solo pochi oggetti restarono in possesso del Ferraguti, poi donati nel 1991 dalla figlia Laura alle Civiche Raccolte Archeologiche e Numismatiche di Milano: Buranelli 1994, p. 11.

13 AVG, pos. Vulci XII, S. 5, prot. n. 3462/1395 del 18 dicembre 1923; n. 303 del 23 aprile 1924 = Falconi Amorelli 1983, Documento IV, p. 225-226.

14 Bendinelli 1927, p. 139-144.

15 Buranelli 1987, p. 185.

16 Il Bendinelli anzitutto riportò in luce tre tombe. Di questa la prima, ubicata «a pochissima distanza dalla Tomba François e ad un livello più basso» corrispondente al secondo gradone della necropoli, era costituita da una camera con sarcofagi, completamente «lisci ed espilati»; le altre due, ricavate nel terzo gradone e di particolare valenza architettonica, furono poi denominate rispettivamente dell’Arco e del Fico (fig. 1A. 20, 21) dal Mengarelli, che tornò ad occuparsene, restaurandole (Mengarelli 1939). Numerosi i materiali scoperti in tale occasione: insieme a cippi, anche iscritti, ritrovati in superficie, furono rinvenuti parti di sarcofagi, iscrizioni, frammenti di sculture a tutto tondo, fra le quali lo scavatore ricorda una raffinata sfinge tardo-classica (Santangelo 1960, p. 89; Dohrn 1969, p. 479, n. 2500; Hus 1966, p. 671, n. 22; 1971, p. 133-134, fig. 23; Cristofani 1987, p. 203; Scala 2011, p. 174-175, VII.1) e, infine, cinque o sei coperchi di sarcofagi a sezione triangolare con angoli smussati e campi frontonali decorati con soggetti afferenti alla sfera dionisiaca (Bonamici 1980, p. 19-20), la stessa cui probabilmente s’ispirava anche la decorazione di parte di un frontone riportato in luce dallo Gsell (1891, p. 244-245; Hus 1966, p. 667) nel dromos della Tomba dei Due Ingressi.

17 Si tratta delle Tombe dei Tute o dei Sarcofagi (= Gsell CXXXIV), dei Tarna o dei Tori (= Gsell CXXXV) e dei Tetnie o dei Due Ingressi (= Gsell CXXXVI). Come riferisce lo studioso francese i tre ipogei, con accessi ostruiti dalla terra e dalla vegetazione, furono rinvenuti per caso: già scavati e poi dimenticati, dopo una sistemazione degli interni, questi furono documentati per la prima volta e resi visitabili: Gsell 1891, p. 231-248, fig. 79-86, 532-535; Hus 1971, p. 119-122; Oleson 1982, p. 58-61; Sgubini Moretti 1987, p. 52, con rifer.; 1993, p. 102-106; Buranelli 1994, p. 25-28, 30-31.

18 18 L’intervento del Bendinelli non fu risolutivo. Lo indica, come i lavori in corso nel 1925 (cfr. infra), anche una nota inviata il 29 settembre dello stesso anno a Carlo Torlonia (AVG, Cartella 41, Vulci. Incartamento sugli scavi di Canino e Montalto, s.n. prot.), in cui Roberto Paribeni comunica la messa in opera di una staccionata con fili di ferro spinato per impedire il ripetersi di manomissioni e danneggiamenti delle strutture.

19 Sul personaggio e la sua vastissima attività: Barnabei-Delpino 1991, p. 236-237; Rinaldi Tufi 2014; Cosentino 2015-2016; Moretti Sgubini 2016 con altri rifer.; Conti 2018, p. 126.

20 Come avvenne per la Collezione di sculture vulcenti di ritrovamento ottocentesco conservate da Carlo Torlonia a Musignano. Del censimento e della documentazione fotografica di tali cimeli Raniero Mengarelli si era occupato insieme a Roberto Paribeni sin dall’agosto nel 1908, su incarico di Giuseppe Angelo Colini che, determinato ad acquistarne una parte da destinare a Villa Giulia, aveva ottenuto i fondi necessari e avviato i preliminari contatti col proprietario (Sulla vicenda v. anche: Mandolesi 2023, p. 118). L’iniziativa non andò a buon fine per interferenze di Luigi Adriano Milani, così come vano fu un secondo tentativo del 1916, quando Colini tentò di aprire nuove trattative per l’acquisto di parte della Collezione (AVG, Vulci, pos. II.A.179, prot. 369 del 16 maggio 1916), nel frattempo sottoposta a vincolo (AVG, nota ministeriale prot. n. 4978 del 19 maggio 1016 = prot. Museo N. J63, II-A.179). A distanza di molti anni quest’esperienza era ancora viva nella memoria del Mengarelli. Ad essa si riferisce, infatti, in un appunto del 30 marzo 1928 inviato al Paribeni in allegato alla minuta di una lettera che vede i due vecchi amici interloquire con Carlo Torlonia, ma stavolta per la stima dei materiali delle Tombe II B e IV rinvenute a Ponte Rotto (cfr. infra, note 21-24). Dovrebbe risalire al tentativo d’acquisto del 1908 un elenco delle sculture di Musignano, con correzioni e cancellazioni forse di pugno dello stesso Mengarelli, con il quale si conserva nell’archivio di Villa Giulia un gruppo di foto d’epoca delle stesse – fra le quali primeggia quella di un superbo leone alato ruggente proveniente dalla Cuccumella, come certificato da un disegno del Valadier (Bonamici 1980, p. 16-17, fig. 4.9A, con rifer.) – che le mostra accatastate l’una sull’altra lungo i muri di un grande ambiente di Musignano (fig. 2) o abbandonate all’aperto, come nel caso di due sarcofagi.

21 Taccuino I, p. 77-80. A p. 78, accanto alla pianta e alle sezioni si legge, come in altri casi, l’annotazione: «Disegnato».

22 Falconi Amorelli 1987, p. 11-15, con datazione sullo scorcio del III e agli inizi del II secolo a.C.

23 Taccuino I, p. 81, 98-99.

24 Cfr. infra.

25 Taccuino I, p. 82-83.

26 Per il tipo dell’elmo: Mazzoli 2022, p. 669-670, 675, n. 13 con rifer.; per le anse: Shefton 1988, p. 130, A.1.

27 Indicandone un’ubicazione diversa, la Falconi Amorelli (1987, p. 19-21) riferisce i bronzi alla piccola Tomba IV del Gruppo di camere 13.

28 Buranelli 1994, p. 22, tav. LXIV.224. Vi si riconosce la parte anteriore di un quadrupede (un capro?) in movimento verso sinistra, dietro al quale è l’ala di una figura. Potrebbe essere forse collegabile a questo un altro frammento recuperato in anni recenti presso la Tomba dei Tori, attualmente conservato nei depositi della Soprintendenza presso la Fondazione Vulci a Montalto di Castro (VT), che presenta una figura alata nuda incombente su un cinghiale (?) gradiente verso destra.

29 Taccuino I, p. 84, 91-92. Falconi Amorelli 1987, p. 17-18, fig. 2.

30 Taccuino I, p. 85-86. Ai due ultimi fa cenno Falconi Amorelli 1987, p. 17.

31 Taccuino IV, p. 65. Diversamente dagli altri casi, precisandone la provenienza, il Mengarelli registra tale rinvenimento solo il 9 dicembre 1934, cioè a distanza di ben sei anni dallo sterro del dromos della tomba dei Due Ingressi.

32 Moretti Sgubini 2017, p. 306, nota 20.

33 Sul quale, senza pretesa di completezza: Mengarelli 1928, p. 376, fig. 5, ove menziona anche un «capitello simile […] una volta conservato a Musignano dove ora non esiste più», documentato in una delle foto storiche di cui a nota 20; Ferraguti 1929, p. 109; Messerschmidt 1930A, p. 17-18, fig. 11-12; von Mercklin 1962, p. 181, n. 200, fig. 372; Hus 1966, p. 667; 1971, p. 138; Dohrn 1969, p. 485-486, n. 2509, con altri rifer.; Torelli 1976, n. 126; Proietti 1980, p. 66, n. 71; Cristofani 1987, p. 202; Buranelli 1994, p. 22, tav. LXV.225-226; Scala 2003, p. 198, fig. 12; 2011, p. 163-164, IV.1; Moretti Sgubini 2008, p. 235-236, n. 116; 2010, p. 29.

34 Moretti Sgubini 2005, p. 471; 2017.

35 Taccuino I, p. 101, 104. Mengarelli 1928, 376-377; Ferraguti 1929, p. 109.

36 Taccuino I, p. 93-97. Mengarelli 1928, p. 377-378, fig. 10; Ferraguti 1929, p. 108, tav. 17.2; Sgubini Moretti 1987, p. 53-54; 1993, p. 102; Falconi Amorelli 1987, p. 29, fig. 5c; Buranelli 1994, p. 25, tav. V, con altri rifer.

37 Bonamici 1980, p. 23-24, nota 129.

38 Taccuino I, p. 81, 98-99, 103. Falconi Amorelli 1987, p. 27.

39 Taccuino I, p. 105-107. Falconi Amorelli 1987, p. 23-25, fig. 5a.

40 Ferraguti 1929, p. 109, tav. XIX.2.

41 Taccuino I, p. 104.

42 Mengarelli 1928, p. 376-377, fig. 4-7; Ferraguti 1929, p. 109, tav. XXI; Buranelli 1994, p. 20-22, tav. XXVIII-XXIX, LXIV-LXV.

43 Riprodotto da Mengarelli (1928, p. 372, fig. 6), da Ferraguti (1929, tav. XXI.1, a sin) e da Buranelli (1994, p. 21, tav. XXVIII.67), il cippo rientra nel tipo canonico di Vulci (Maggiani 1978, p. 30, nota 93, n. 18; Kaimio 2017, p. 280-281, n. 973). Su due lati della fascia sottostante il plinto è l’iscrizione ---/ḷạṛθal velus/ḷa hatrenc[u] (REE XXXI, 1963, p. 208, n. 3 (M.T. Falconi Amorelli ); REE XXXVIII, 1970, p. 324-325 (H. Rix)), ove la parola hatrenc[u] nota da iscrizioni femminili di Vulci almeno cinque delle quali dalla Tomba delle Iscrizioni (TLE 2 305, 314; REE XXXI, 1963, p. 187, n. 1, 188, n. 4a-b; 189, n. 13; 191, n. 17, 199, n. 25 (M.T. Falconi Amorelli); REE XXXV, p. 561, n. 1 (M.T. Falconi Amorelli); REE XLVIII, p. 376-377, n. 72 (M. Bonamici)), qualifica un personaggio femminile quale magistra, membro di un ordine sacerdotale istituito per il culto: Torelli 1986, p. 222; Nielsen 1990, p. 58; Govi 2021, p. 51-52.

44 Taccuino I, p. 100-101. Si tratta rispettivamente del cippo a forma di casa con finta porta e architrave di tipo dorico (Mengarelli 1928, p. 377, fig. 8; Maggiani 1978, p. 22, 30 e nota 100), rinvenuto «al piede dello scarico di pietre e terra» degli scavi Bendinelli, e dell’altro con finta porta e architrave desinente in proiecturae a becco di civetta (Mengarelli 1828, fig. 7; Maggiani 1978, p. 30, n. 18; Bianchi et al.1997, p.128, n. 23), indicato come proveniente dal «pendio a valle delle grandi Tombe II, III, IV».

45 Su tali ritrovamenti, senza pretesa di completezza: Mengarelli 1928, p. 376-377, fig. 3-5, 9; Ferraguti 1929, p. 109, tav. XXXI; Dohrn 1965; 1969, p. 480-481, n. 2501, 483, n. 2504, 484-486, nn. 2506-2509; Hus 1966, passim; 1971, p. 138-139; Cristofani 1987; Buranelli 1994, p. 20-22, tav. XXVIII-XXX, LXIV-LXVI; Scala 2011, p. 162, III.5, 163-164, IV.1, 169-174, VI.2, VI.6, VI.8, VI.11, con altri rifer.; Moretti Sgubini 2017.

46 Taccuino I, p. 108-121; II, p. 11-25. Mengarelli 1928, p. 378-379, fig. 11; Ferraguti 1929, p. 109-110, tav. XX; Falconi Amorelli 1987, p. 31-66, che diversamente da Mengarelli denomina VI la tomba e distingue le camere con le lettere dalla A alla E; Sgubini Moretti 1993, p. 105; Buranelli 1994, p. 28-30, tav. VI-VIII.

47 Muta di un giorno la data della scoperta, registrata a p. 108 del Taccuino I il 21 luglio.

48 Cfr. supra, nota 46.

49 Come sembrano indicare i corredi delle tombe più antiche VIII e X: Falconi Amorelli 1987, p. 41-50, 55-66, che le denomina rispettivamente C ed E.

50 Moretti Sgubini 1994, p. 29-31; 2015, p. 600-601, fig. 4-5.

51 Ferraguti 1929, p. 104-107, tav. XII.2-XV.2.

52 Messerschmidt 1930B, p. 421-424; Ferraguti 1931, p. 585-586.

53 Mengarelli 1928, p. 379-380.

54 Sgubini Moretti 1994, p. 30-31 e nota 112, con rifer.

55 Moretti Sgubini 2005, p. 471; 2015, p. 607-608 e nota 59.

56 Cfr. nota 50.

57 Taccuino II, p. 28-30, 33, 39-43, 46-48.

58 Taccuino II, p. 49; IV, p. 68-70: Falconi Amorelli 1987, p. 67, fig. 5.d; Buranelli 1994, p. 32-33, tav. XXVI.

59 Cfr. nota 16.

60 Sebbene di forte impatto sulla struttura antica, questi sono stati conservati nel complesso intervento di cui è stato oggetto il monumento tra la seconda metà degli anni Ottanta e la prima metà dei Novanta del Novecento: Sgubini Moretti 1991, p. 655-656.

61 Buranelli 1987, p.185-188.

62 Maggiani 2004, p. 59-61, con rifer. Con altri, il frammento iscritto fu poi inviato dal Ferraguti all’amico Antonio Minto per figurare, accanto a riproduzioni della tomba realizzate dal pittore Augusto Guido Gatti, nella Galleria della pittura etrusca del Museo Archeologico di Firenze, inaugurata nel 1931.

63 Taccuino III, p. 57; Buranelli 1987, p. 186, fig. 6.

64 Come il Ferraguti formalmente comunicò alla Direzione Generale delle Antichità e Belle Arti del Ministero dell’Educazione Nazionale con nota del 27 giugno 1931, ove precisava anche che «tutti i materiali di scavo, di ben alta importanza, sono in parte già al Museo Etrusco e parte sono in viaggio per la stessa destinazione e saranno come sempre da me consegnati franchi di ogni spesa. Parte ancora, come noto, sono al restauro presso Raccagni di Imola e saranno depositati appena finiti».

65 Paglieri 1992, p. 99-100.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1. Vulci, necropoli di Ponte Rotto: A) planimetria generale; B) Tombe dei Tori e dei Due Ingressi: planimetrie, sezioni longitudinali, elementi architettonici delle facciate (da Moretti Sgubini 2017, fig. 1).
URL http://journals.openedition.org/mefra/docannexe/image/15490/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 191k
Titre Fig. 2. Canino, Castello di Musignano: sculture di rinvenimento ottocentesco provenienti da Vulci (© Museo Nazionale di Villa Giulia. Archivio fotografico).
URL http://journals.openedition.org/mefra/docannexe/image/15490/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 509k
Titre Fig. 3. Vulci, necropoli di Ponte Rotto, Tomba dei Tori: le tre tombe a camera sulla parete sinistra del dromos (dal Taccuino Mengarelli I, copia fotostatica).
URL http://journals.openedition.org/mefra/docannexe/image/15490/img-3.jpg
Fichier image/jpeg, 424k
Titre Fig. 4 Vulci, necropoli di Ponte Rotto, Tomba del Pronao Arcuato: rinvenimenti nel dromos (dal Taccuino Mengarelli I, copia fotostatica).
URL http://journals.openedition.org/mefra/docannexe/image/15490/img-4.jpg
Fichier image/jpeg, 514k
Titre Fig. 5. Vulci, necropoli di Ponte Rotto, Tomba del Pronao Arcuato: bronzi ed elementi architettonici rinvenuti nel dromos (dal Taccuino Mengarelli I, copia fotostatica).
URL http://journals.openedition.org/mefra/docannexe/image/15490/img-5.jpg
Fichier image/jpeg, 728k
Titre Fig. 6. Vulci, necropoli di Ponte Rotto: loculo a destra della Tomba a camera 11 presso il lato destro della Tomba del Pronao Arcuato (dal Taccuino Mengarelli I, copia fotostatica).
URL http://journals.openedition.org/mefra/docannexe/image/15490/img-6.jpg
Fichier image/jpeg, 744k
Titre Fig. 7. Vulci, necropoli di Ponte Rotto: cippo iscritto proveniente dal c.d. piazzale (dal Taccuino Mengarelli I, copia fotostatica).
URL http://journals.openedition.org/mefra/docannexe/image/15490/img-7.jpg
Fichier image/jpeg, 618k
Titre Fig. 8. Vulci, necropoli di Ponte Rotto, Tomba delle Cinque Camere: a sinistra sezione longitudinale del complesso funerario, a destra planimetria della Tomba X (dal Taccuino Mengarelli I, copia fotostatica).
URL http://journals.openedition.org/mefra/docannexe/image/15490/img-8.jpg
Fichier image/jpeg, 604k
Titre Fig. 9. Vulci, Tumulo della Cuccumella: leone alato (© Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia. Archivio fotografico).
URL http://journals.openedition.org/mefra/docannexe/image/15490/img-9.jpg
Fichier image/jpeg, 464k
Titre Fig. 10. Vulci, necropoli di Ponte Rotto, Tombe dei Tori e dei Due Ingressi: prospetto (© Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia. Archivio disegni).
URL http://journals.openedition.org/mefra/docannexe/image/15490/img-10.jpg
Fichier image/jpeg, 103k
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Anna Maria Moretti Sgubini, « Le attività di Raniero Mengarelli e di Ugo Ferraguti a Ponte Rotto e alla Cuccumella di Vulci (1928-1930) »Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité, 135-2 | 2023, 361-375.

Référence électronique

Anna Maria Moretti Sgubini, « Le attività di Raniero Mengarelli e di Ugo Ferraguti a Ponte Rotto e alla Cuccumella di Vulci (1928-1930) »Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 135-2 | 2023, mis en ligne le 10 avril 2024, consulté le 14 juin 2024. URL : http://journals.openedition.org/mefra/15490 ; DOI : https://doi.org/10.4000/mefra.15490

Haut de page

Auteur

Anna Maria Moretti Sgubini

Già Soprintendente – Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma – Soprintendenza Archeologica dell’’Etruria meridionale, ammorettisgubini@gmail.com

Haut de page

Droits d’auteur

CC-BY-NC-ND-4.0

Le texte seul est utilisable sous licence CC BY-NC-ND 4.0. Les autres éléments (illustrations, fichiers annexes importés) sont « Tous droits réservés », sauf mention contraire.

Haut de page
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search