Navigation – Plan du site

AccueilNuméros135-2Chroniques vulciennes, 2. Histoir...Vulci: la ricerca come volano per...

Chroniques vulciennes, 2. Histoires des fouilles, dispersions patrimoniales et horizons numériques

Vulci: la ricerca come volano per la tutela e la valorizzazione

Simona Carosi
p. 397-405

Résumés

A partire dal 2013 la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per la provincia di Viterbo e per l'Etruria meridionale, insieme alla Fondazione Vulci, ente gestore del Parco di Vulci, ha avviato una serie di iniziative programmatiche volte alla conoscenza, tutela, fruizione e valorizzazione della antica città etrusca. Gli scavi, sia condotti direttamente che tramite lo strumento della concessione ministeriale, stanno offrendo nuovi dati sullo sviluppo urbano (area del Foro, area est del pianoro e area centrale, presso il tempio grande) e sulle ritualità funerarie (Necropoli dell’Osteria e Poggio Mengarelli, Necropoli orientali), già presentati ampiamente al pubblico tramite mostre e convegni nazionali e internazionali. Si auspica di continuare il lavoro sinergico con gli enti di ricerca che operano sul campo, per offrire una conoscenza completa e sistematica dello sviluppo, sotto ogni punto di vista, della città etrusca di Vulci.

Haut de page

Entrées d’index

Parole chiave:

Vulci, Parco di Vulci, tutela, ricerca
Haut de page

Texte intégral

  • 1 Carosi – Conti 2019.
  • 2 Carosi 2020.

1Un momento di svolta nel panorama della tutela e della valorizzazione nel territorio vulcente si deve all’istituzione, nel 1975, del Museo Nazionale Archeologico di Vulci, dopo l’acquisizione allo Stato del Castello della Badia appartenuto alla famiglia Torlonia. Voluto dal Soprintendente Mario Moretti, il Museo doveva rappresentare un baluardo per il controllo di terre fino ad allora in balìa dello scavo di frodo.1 Sulla scia di questa visione, per la quale la valorizzazione del patrimonio è strumento anch’esso di tutela, è sorto il Parco di Vulci che si configura come il punto di arrivo di un processo iniziato agli inizi del Novecento e come un punto di partenza per la ricerca finalizzata alla pubblica fruizione. I terreni – oggi cuore del Parco – sono stati sottoposti a vincolo sin dal 1916 (D.M. 09.05.1916, già proprietà Torlonia) e a seguire nel 1951 (D.M. 26.07 1951, già proprietà Guglielmi, Simoni e Romana Elettricità). Dal 1954 si procedette con espropri, dando effettivamente inizio a quel processo di gestione e valorizzazione pubblica che continua ai giorni nostri. La legge 160/1988 avviò la Scuola Cantiere archeologica nel territorio di Vulci e di Montalto di Castro che nel 1993 divenne il primo passo per la costituzione del Parco, sorto grazie ad una Convenzione Stato/Enti locali sottoscritta nel 1999 e rinnovata nel dicembre del 2019.2

  • 3 Nel 2019 sono stati acquisiti terreni in loc. Legnisina, area delle Necropoli Orientali; dal 2014 (...)

2Da poco più di 24 ha si è passati, ad oggi, ad oltre 100 ha di Parco, con una serie di iniziative che da una parte continuano nel filone delle acquisizioni di terreni grazie allo strumento della prelazione,3 dall’altro, prevedono un sempre maggiore coinvolgimento dei privati nella costituzione di una condivisa strutturazione della valorizzazione del territorio.

3Sul versante della ricerca, a partire dal 2013, diminuita ormai la necessità di una tutela pressante dovuta agli scavi clandestini, la Soprintendenza, in accordo con Fondazione Vulci, l’ente gestore che dal 2015 ha sostituito la precedente Mastarna s.p.a., ha potuto e voluto promuovere una intensa stagione di conoscenza e scavi affidati a Università italiane e straniere. Oggi, la Duke University concentra lo scavo nel comparto pubblico presso il Foro occidentale della città nell’ambito del progetto “Vulci 3000”: l’utilizzo di tecniche integrate per il rilievo e la rappresentazione di dati archeologici, fino alla creazione di modelli in realtà virtuale, ha supportato le ricerche che dal 2016 si sono concentrate in una serie di strutture romane di grande impatto architettonico, sotto le quali si snoda un sistema di infrastrutture preesistenti collegate alla gestione dell’acqua. L’Università di Göteborg sta operando tra la valle fuori Porta Est e il versante ovest dell’Acropoli con il progetto “Understanding Urban Identities from the Bronze Age to the Roman Time. The case of Vulci in the context of Southern Etruria”: in questo settore infatti, poco interessato da scavi in passato, le indagini geofisiche hanno mostrato promettenti anomalie nel 2021, interpretate preliminarmente come strutture di tipo domestico o produttivo, a cui è seguita una prima indagine sul campo nel 2022. Le Università di Friburgo e Magonza, con il progetto “Vulci Cityscape” stanno portando alla luce, dalla campagna del 2021, un inedito tempio, accanto al più noto Tempio Grande nell’area centrale della città; la ricerca, anche in questo caso avviata dopo una accurata campagna di indagini geofisiche condotte a nord del decumano, ha restituito la viabilità e gli isolati di epoca romana e precedente, fornendo una vivida restituzione del tessuto urbano nel quale si inseriva il nuovo edificio templare arcaico. L’Università di Napoli “Federico II” ha avviato dal 2020 un programma di scavo nella necropoli di Ponte Rotto, nel settore compreso tra la Tomba François da una parte e il tumulo della Cuccumella dall’altra, mettendo in luce oltre cento sepolture comprese in un arco cronologico che va dal periodo villanoviano a quello orientalizzante. Il dato più eclatante è che si tratta di gruppi familiari ben distinguibili e che frequentano per secoli lo stesso settore: il progetto esplorerà la possibilità di comprendere la ritualità funeraria dallo studio dei manufatti insieme alla ricostituzione del profilo genetico di questa parte di popolazione, grazie alle analisi sui resti scheletrici, restituendo così solidi dati scientifici sull’origine e le caratteristiche della società del tempo.

  • 4 Per una prima disamina: Forte et al. 2020; Sabatini et al. 2021; Franceschini 2022; Pacciarelli et (...)

4Dal 2021 l’Università di Chieti-Pescara ha avviato, infine, lo scavo presso la necropoli di “Poggio delle urne” a nord della città. In un piccolo settore, sono state messe alla luce sepolture tra le più antiche del comprensorio vulcente, anche in urna a capanna, con particolari raggruppamenti “a grappolo” e la cui analisi del dato materiale, appena iniziata, permetterà di chiarire i rapporti interni al gruppo sociale e con gli altri gruppi individuati in altri settori e necropoli.4

5Gli scavi condotti direttamente dalla Soprintendenza si sono concentrati invece nell’area centrale della necropoli dell’Osteria e in un ampio settore della necropoli di Osteria-Poggio Mengarelli.

  • 5 Moretti Sgubini et al. 2014.

6Nella primavera del 2013, grazie a lavori di valorizzazione nella necropoli dell’Osteria effettuati con finanziamenti POR-FESR della Regione Lazio, è stata avviato lo scavo di un’ampia porzione della stessa necropoli che ha portato, accanto alla Tomba 14 del 2012,5 all’eccezionale ritrovamento della cd. Tomba 1 o Tomba delle Mani d’argento. L’attività della Soprintendenza, assieme a Fondazione Vulci, si è concentrata nell’ampliamento dello scavo, mettendo in luce un’area archeologica pluristratificata caratterizzata da sepolture di epoca e tipologia differenti e nell’intenso lavoro di restauro dei materiali e delle strutture che mano a mano vedevano la luce, seguito dai tecnici del Laboratorio di Diagnostica e Restauro del Parco con il supporto dell’ICR. Per la prima volta è stata esplorata in modo sistematico una porzione, seppur limitata, di necropoli, permettendo così di osservare il sequenziamento delle attività susseguitesi nel corso dei secoli e, in questo modo, di aprire a nuove possibilità di riflessione non solo sulle associazioni dei materiali di corredo, ma anche sugli usi e i costumi funerari scelti, anche grazie al prezioso supporto degli indispensabili dati di bioarcheologia forniti dai professionisti che nel corso del tempo sono stati coinvolti.

  • 6 Carosi – Regoli 2014; Carosi – Regoli 2018.

7Lo scavo aveva individuato, come anticipato, una situazione complessa, già nota in altri settori delle necropoli vulcenti, in cui a sepolture a fossa profonda fanno seguito nell’arco di una/due generazioni nel corso del VII sec. a.C. piccole tombe a camera e, verso la seconda metà del secolo, una grande tomba di notevoli dimensioni che catalizza attorno a sé altre sepolture successive. Appariva tanto più interessante, in vista di una prosecuzione dei lavori, l’ampio “piazzale” messo in luce a est della tomba monumentale, caratterizzato da quelli che abbiamo, già nelle prime pubblicazioni, definito “sacelli”: sicuramente strutture per il culto che a tutt’oggi non trovano significativi confronti con altre situazioni in Etruria meridionale. All’esterno dei cosiddetti “recinti” sono state deposte olle di impasto (per un totale di cinque esemplari conservati, ciascuno dei quali deposto all’angolo di ciascun sacello) di una foggia che rimanda a tipi di IV e III sec. a.C. I dati relativi alle analisi antropologiche hanno permesso di riconoscere al loro interno la presenza di individui incinerati, diversamente associati tra loro (fig. 1).6

Fig. 1. Necropoli Osteria, area C. (SABAP-VT-EM/Fondazione Vulci).

Fig. 1. Necropoli Osteria, area C. (SABAP-VT-EM/Fondazione Vulci).

8L’ampliamento del settore, intrapreso nel corso della campagna 2018, ha rivelato che assieme ai sacelli erano state svolte, già a partire dall’età arcaica, numerose attività di “risepoltura” di elementi lapidei, ceramici e anche di resti antropologici secondo complessi rituali. Tra questi, degni di nota, sono sicuramente il leone alato in nenfro, venuto alla luce nel 2019, oppure la grossa discarica di frammenti di sculture funerarie, sempre in nenfro, scoperta all’interno delle tombe 33 e 34, dove sono state recuperate numerose porzioni di un secondo probabile leone alato ruggente, in larga parte ricomponibile, e di un lastrone a scala con decorazione a motivi geometrici e vegetali.

9Dall’ottobre 2018 le ricerche si sono concentrate nuovamente all’Area C della necropoli dell’Osteria dove è stato eseguito un grande ampliamento in direzione sud-est del precedente saggio di scavo, giunto purtroppo a ridosso della vecchia strada di accesso al Parco. Una volta spostato l’asse stradale è stato possibile esplorare un ampio settore di necropoli caratterizzato, nella porzione meridionale, da almeno due tombe monumentali circondate da ipogei di minori dimensioni; nella parte settentrionale, si è invece potuto continuare a seguire l’ampio taglio nel banco geologico naturale che definisce, all’interno della topografia della necropoli una sorta di ampia “piazza” costellata di almeno undici differenti strutture in pietra, di tipologia e materiali differenti, ancora in attesa di essere accuratamente indagate. Nella parte più meridionale l’indagine ha messo in evidenza un percorso stradale N-S realizzato con un battuto di scaglie di tufo e argilla, molto antico in quanto tagliato dalla Tomba 42, datata all’ultimo trentennio del VII sec. a.C.

10Tra le ricche sepolture rinvenute in questa parte di necropoli si segnalano in particolare proprio la tomba 42 con una struttura a vestibolo a cielo aperto con tre camere funerarie che hanno restituito abbondante materiale di corredo, ancora in corso di ricomposizione, composto da interessanti oggetti di importazione corinzia, come oinochoai, olpai e alabastra del Transizionale e del Corinzio Antico, e dalla Grecia orientale, oltre che dai tipici prodotti delle botteghe vulcenti dell’ultimo trentennio del VII sec. a.C., come buccheri, impasti e strumenti in metallo, per lo più in ferro; nella camera aperta sul lato corto di destra del vestibolo, (42/B), rimanevano i resti di un individuo cremato e quelli di un cane, ancora in parziale connessione anatomica, deposto sul piano dell’ambiente insieme al corredo funerario.

11A ridosso del limite meridionale della cd. “piazza” è venuta alla luce la monumentale tomba 31 databile secondo un primo esame all’ultimo quarto del VII sec. a.C. e composta da un lungo dromos che termina in un ampio e profondo vestibolo con tre camere funerarie. Ampiamente saccheggiata e rimaneggiata ha restituito vasi per versare del Corinzio Transizionale e del Corinzio antico, una grande coppa-cratere di sicura attribuzione al Pittore delle Rondini e prodotti delle prime botteghe etrusco-corinzie, come alcuni frammenti di un’olpe riferibile al Pittore della Sfinge Barbuta e di un’altra del Gruppo policromo del Pittore di Pescia Romana. Non mancano, inoltre, manufatti in faïence e alabastro di provenienza greco-orientale e in bucchero, tra i quali spicca una splendida oinochoe decorata a rilievo. Più piccola, ma fortunatamente intatta, è la tomba 48. Si tratta di un complesso con breve dromos dal piano fortemente inclinato comunicante direttamente con un ambiente ipogeo di ridotte dimensioni. Al suo interno giacevano, sul lato sinistro, i resti di una giovane donna di età compresa tra i 20 e i 29 anni assieme al proprio corredo funerario, composto da una collana in vaghi d’ambra, una probabile fibula in ferro, e da alcuni vasi in ceramica, come la classica olla in impasto, un piccolo set in bucchero, una kylix ionica di tipo B3 e un raro balsamario configurato in faïence di produzione greco-orientale del cosiddetto tipo “Nilo” (fig. 2).

Fig. 2. Necropoli Osteria, tomba 48 (SABAP-VT-EM/Fondazione Vulci).

Fig. 2. Necropoli Osteria, tomba 48 (SABAP-VT-EM/Fondazione Vulci).
  • 7 Carosi et al. 2022c.

12Degna di nota anche la tomba 1 dell’area D, nei pressi della Tomba dell’EPT o dei Soffitti Intagliati. Si tratta di un ipogeo del tipo “a cassone vulcente” con dromos provvisto di undici stretti gradini. Sulla parete di fondo dell’ampio vestibolo a cielo aperto, in direzione est, sono ricavate due camere funerarie affiancate, di forma rettangolare. In quella di sinistra (1/B), vicino a un singolare allineamento di blocchi in tufo rosso di non chiara funzione è stata rinvenuta una punta di lancia in ferro e i resti del corredo funerario risparmiati dall’azione di disturbo che ha interessato il contesto in epoca moderna, composto da ceramiche di importazione corinzia e greco-orientale, oltre che da produzione locali, come manufatti etrusco-corinzi, in bucchero, impasto e oggetti in metallo, principalmente in ferro. Tra le forme ceramiche emergono per quantità l’aryballos e l’alabastron (fig. 3), presenti con prodotti sia di importazione, come un interessante manufatto di forma miniaturistica realizzato a Rodi in faïence verde-azzurra, o di produzione locale, sia in bucchero che in ceramica etrusco-corinzia, originariamente appesi su due file sovrapposte sulla parete meridionale della camera, come ci indiziano le tracce di chiodi in ferro ancora infissi nella roccia. L’altra camera funeraria del contesto, la tomba 1/A, era stata raggiunta dai clandestini praticando un foro nel sottile tramezzo che divideva i due ambienti. Qui la banchina non era sulla parete di fondo (est) ma sul lato meridionale della camera. Sopra la banchina era collocata una lastra di calcare ricoperta da abbondanti tracce di bruciato sulla superficie superiore. Anche in questo caso il corredo, seppur meno abbondante, annoverava reperti integri o in buono stato di conservazione di produzione locale, con qualche oggetto di importazione corinzia e scarsi elementi in ferro.7

Fig. 3. Tomba 1, area D Osteria (SABAP-VT-EM/Fondazione Vulci).

Fig. 3. Tomba 1, area D Osteria (SABAP-VT-EM/Fondazione Vulci).
  • 8 Carosi – Regoli 2019, 2021.

13Nel frattempo dal gennaio 2016, sono state avviate nella necropoli di Poggio Mengarelli delle verifiche successive a un tentativo di scavo clandestino che hanno portato alla scoperta della Tomba “dello Scarabeo dorato”. Iniziava così la ricerca in un altro settore della grande necropoli settentrionale di Vulci che è continuata fino all’estate del 2022, portando alla luce oltre 150 sepolture riconducibili a quattro distinte fasi cronologiche comprese tra la tarda età del ferro e la prima età romana. A un primo nucleo afferente alla tarda età villanoviana si accostano altri nuclei riferibili a gruppi familiari che a partire dal passaggio alla prima età orientalizzante offrono riflessioni sul rituale della rappresentazione del corpo umano: la tomba 34, di genere maschile è infatti caratterizzata da un cinerario dal caratteristico coperchio “a palla” deposto all’interno di una fossa profonda con un angolo destinato al rituale funerario; analoghe urne cinerarie in impasto, con coperchio a imitazione della testa umana, compaiono pure nelle tombe 101 e 113, databili a un primo esame alla fase di transizione tra la tarda età del ferro e l’inizio dell’orientalizzante, oppure – nella versione in ceramica depurata e dipinta di stile geometrico, con ben due differenti esemplari – nella tomba 21. Lo scavo della necropoli ha restituito una grande varietà di associazioni vascolari, come ceramiche etrusco-geometriche e impasti ingobbiati, sia nella loro realizzazione red-on-white che in quella white on red ma anche una grande ricchezza di manufatti d’importazione, come i numerosi elementi in ambra (di provenienza baltica, come sembra dalle prime analisi) presenti nelle parures delle figure femminili più eminenti, in genere associate a monili, pendenti e scarabei di provenienza egizia o vicino-orientale. Tra le altre si segnalano: la tomba 29, afferente a un maschio adulto maggiore di 40 anni, rappresentato come un capo-guerriero di alto rango, era esaltata dalla presenza di un’urna cineraria in lamina di bronzo con coperchio crestato e ribadita dagli altri oggetti del corredo di accompagno, nel quale compaiono vasi in lamina di bronzo decorati a sbalzo e avvolti in origine in tessuti di cui restano ampie tracce, elementi in materiale prezioso, armi in ferro e un ricco set da simposio e da banchetto in ceramica d’impasto e ferro; la tomba 129, era caratterizzata da reperti in ceramica e metallo, in particolare suppellettile in bronzo, come un bacile-tripode con ampio labbro, uno stamnos, un grosso kyathos e diverse coppe emisferiche apode. Cospicui gli oggetti di ornamento personale in materiale prezioso, come oro, argento, ambra, cristallo di rocca e pasta vitrea, che definiscono l’alto rango del personaggio sepolto, di genere sicuramente femminile. Tra questi sono degni di nota due scarabei di produzione vicino-orientale, con montatura rispettivamente in oro e argento, oltre a un singolare copricapo in materiale organico ligneo impreziosito da borchiette circolari in lamina di bronzo. Di straordinario interesse anche la porzione di un manufatto in legno con decorazioni in bronzo, interpretabile forse come terminale di un diphros. Vicino a questa sepoltura e ad essa connessa era tomba 130. Il corredo in questo caso è stato rinvenuto raccolto intorno e sopra le ossa del defunto. A un primo esame effettuato durante le operazioni di scavo erano chiaramente distinguibili tutte le forme ceramiche tipiche del periodo, sia in impasto (olle, ciotole, kyathoi e coperchi), sia in ceramica acroma o etrusco-geometrica (kylikes, coppa-cratere e piattello), oltre a un copioso strumentario in ferro (spada, punta di lancia, ascia, lama, reggivasi a telaio verticale e alari) e ad alcuni ornamenti personali in bronzo (fibula, affibbiaglio e anellini). In base ai dati raccolti è possibile riferire la tomba a un maschio di rango elevato, rappresentato come guerriero, sepolto agli inizi del VII sec. a.C. Una analoga connessione tra uomini e donne di alto rango la si ritrova nel nucleo di ricche sepolture a fossa profonda con cassa litica poste sul margine orientale del Poggio Mengarelli, a cui appartiene, per esempio, la tomba 41. Al periodo orientalizzante recente appartengono soltanto poche semplici tombe a camera, mentre la fase ellenistica è di nuovo ben rappresentata. Tra tutte si segnala la tomba 18, importante complesso familiare databile tra la fine del IV e il II sec. a.C., composto da un lungo e stretto dromos sul quale si aprono cinque differenti camere Dalla tomba 18/B, insieme a numerosi reperti in ferro (per lo più strumenti da lavoro), in bronzo, piombo e alabastro, proviene una rara coppa in faïence prodotta ad Alessandria d’Egitto, una forma diffusa soprattutto nei centri ellenistici del Mediterraneo orientale con pochissime presenze nella nostra penisola circoscritte in ambito adriatico.8

  • 9 Arancio 2014.
  • 10 Il Ponte della Badia è stato oggetto di un complesso restauro svoltosi tra il 2018 e il 2020 ad op (...)
  • 11 Russo et al. Battaglia 2017.
  • 12 Carosi – Casi 2019; Carosi et al. cds.
  • 13 S. Carosi, C. Casi, in Bentini et al. 2019.

14La ricostruzione del ricco contesto della Tomba delle Mani d’argento è stata ampliamente presentata al pubblico scientifico e non solo nell’ambito di mostre come quella allestita presso i Musei Nazionali di Villa Giulia e di Vulci (2015) e presso il Musée du Cinquantenaire a Bruxelles in rappresentanza del semestre italiano di Presidenza del Consiglio Europeo (2015-2016).9 Negli stessi anni l’inaugurazione del percorso della cd. “Tomba della Sfinge” (tomba 14 area B), a conclusione dei lavori finanziati dalla Regione Lazio, ha restituito un altro tassello conoscitivo ai visitatori del Parco, così come il rinnovato allestimento museale nel Castello della Badia di Vulci (fig. 4) dal linguaggio didattico e immersivo, costituisce la preparazione ideale al percorso da completare nel parco stesso, attraverso il Ponte monumentale (fig. 5).10 Tra il 2017 e il 2019 i primi risultati dello scavo a Poggio Mengarelli sono stati esposti nelle mostre “Egizi Etruschi. Da Eugene Berman allo Scarabeo dorato”, nell’edizione prima a Montalto di Castro, poi ai Musei Capitolini - Centrale Montemartini11, e in “Gli ultimi re di Vulci”, sempre nel Complesso monumentale di S. Sisto a Montalto di Castro, esposizione nella quale la presentazione del contesto della Tomba 18 di Poggio Mengarelli è stata l’occasione per ripercorrere le vicende e le costruzioni monumentali delle sepolture ellenistiche della Necropoli Ponte Rotto.12 Le ultime novità emerse dalla Necropoli dell’Osteria e dalla necropoli di Poggio Mengarelli hanno fatto bella mostra di sé anche nella grande esposizione di Bologna “Etruschi. Viaggio nelle terre dei Rasna” che dopo 20 anni da quella di Venezia a Palazzo Grassi ha ricucito le conoscenze sull’antica civiltà del centro Italia, spesso rivoluzionarie, se si fa riferimento all’apporto delle scienze applicate all’archeologia.13

Fig. 4. Allestimento 2016 Museo della Badia (SABAP-VT-EM).

Fig. 4. Allestimento 2016 Museo della Badia (SABAP-VT-EM).

Fig. 5. Il Ponte della Badia durante i restauri 2018-2020 (SABAP-VT-EM).

Fig. 5. Il Ponte della Badia durante i restauri 2018-2020 (SABAP-VT-EM).
  • 14 Carosi et al. 2022b. Per la storia della ricerca: cfr. Moretti Sgubini 2012; Carosi et alii 2017.

15L’esposizione allestita di recente presso il Museo Archeologico di Francoforte “Löwen, Sphingen, Silberhände” (novembre 2021-aprile 2022), ha voluto invece ripercorrere l’excursus degli ultimi dieci anni di ricerca archeologica a Vulci, con un focus particolare sui contesti piuttosto che sui pezzi straordinari di arte o artigianato, ricomponendo la storia della città dal periodo villanoviano a quello della romanizzazione. Il medesimo concetto è stato alla base dell’organizzazione del I Convegno sulle ricerche sul campo nella città, dal titolo “Vulci in Progress” a voler rimarcare che la storia della metropoli vulcente, come studio sistematico, la si sta riscrivendo grazie all’apporto di tante voci di esperti che dialogano tra loro e con il passato.14

Haut de page

Bibliographie

Arancio 2014 = M.L. Arancio (a cura di), Principi Immortali. Fasti dell’aristocrazia etrusca a Vulci, catalogo della mostra, Roma, 2014.

Bentini et al. 2019= L. Bentini, M. Marchesi, L. Minarini., G. Sassatelli (a cura di) 2019, Etruschi. Viaggio nelle terre dei Rasna, catalogo della mostra, Bologna 2019-2020, Milano, 2019.

Carosi 2020 = S. Carosi, Paesaggi antichi e moderni a Vulci, in F. Cerroni et al., Custodi del paesaggio. La funzione della tutela e del recupero del bello, Atti delle Giornate Nazionali del Paesaggio 2017-2019, Viterbo, 2020.

Carosi – Conti 2019 = S. Carosi, A. Conti, Dai musei al territorio, tra ricerca e tutela: a proposito degli scavi della Società Hercle (1961-1963) nella necropoli dell'Osteria a Vulci, in G.M. Della Fina (a cura di), Musei d’Etruria, Atti del XXVI Convegno Internazionale di Studi sulla Storia e l’Archeologia dell’Etruria, Orvieto, 2005, in AnnFaina, 26, 2019, p. 145-169.

Carosi – Regoli 2018 = S. Carosi, C. Regoli, Esaltare l'individuo, frammentare gli individui. Alcune attestazioni rituali dall'area C della necropoli dell'Osteria di Vulci, in V. Nizzo (a cura di), Archeologia e antropologia della morte, 3.2. Corpi, relazioni e azioni: il paesaggio del rito, Atti del III Convegno di Studi Archeologia e Antropologia a confronto, Roma, 2015, Roma 2018, p. 213-223.

Carosi – Regoli 2019 = S. Carosi, C. Regoli, Ritualità funeraria a Vulci alla luce dei nuovi scavi, in M. Arizza (a cura di), Società e pratiche funerarie a Veio, dalle origini alla conquista romana, Atti del Convegno, Roma, 2018, Roma, 2019, p. 69-87.

Carosi – Regoli 2021= S. Carosi, C. Regoli, Prolegomena to the material culture of Vulci during the Orientalizing period in the light of new discoveries, in M. Gleba, B. Marín-Aguilera, B. Dimova (a cura di), Making cities. Economies of production and urbanization in Mediterranean Europe, 1000–500 BC, Cambridge, 2021, p. 195-204.

Carosi et al. 2017 = S. Carosi, E. Eutizi, G.F. Pocobelli, C. Regoli, F. Rossi, Vulci, artigiani in città. Un excursus sulla storia delle scoperte e ricerche, in M.C. Biella, A.F. Ferrandes, M. Revello Lami, R. Cascino (a cura di), Gli artigiani e la città. Officine e aree produttive tra VIII e III sec. a.C. nell’Italia centrale tirrenica, Atti della Giornata di Studio (British School at Rome 11 gennaio 2016), in Scienze dell’Antichità, 23/2, 2017, p. 269-284.

Carosi et al. 2022a = S. Carosi, C. Casi, W. David, C. Regoli (a cura di), Löwen, Sphingen, Silberhände. Der unsterbliche Glanz etruskischer Familien aus Vulci – Leoni, sfingi e mani d’argento. Lo splendore immortale delle famiglie etrusche di Vulci, catalogo della mostra, Francoforte, 2021-2022, Acquapendente, 2022.

Carosi et al. 2022b = S. Carosi, C. Casi, C. Regoli (a cura di), Vulci. Work in progress, Atti del I Incontro Internazionale di studio, Acquapendente, 2022.

Carosi et al. 2022c = S. Carosi, C. Casi, C. Regoli, Vulci, scavi a Poggio Mengarelli e nelle Aree C e D della Necropoli dell’Osteria: campagne 2016-2021, in Carosi et al. 2022b, p. 17-28.

Carosi et al. cds = S. Carosi, A. Conti, C. Regoli, Le necropoli di Vulci tra IV e III secolo a.C. Conoscenze acquisite e ricerche in corso, in O. Cerasuolo, L. Pulcinelli (a cura di) Società e innovazione in Etruria meridionale tra IV e III secolo a.C., Atti del Convegno, Bolsena, 2016, cds.

Forte et al. 2020 = M. Forte et al., Vulci 3000, A digital Challenge for the Interpretation of Etruscan and Roman Cities, in M. Forte, H. Murteira (a cura di), Digital cities: between history and archaeology, Oxford, 2020, p. 13-41.

Franceschini 2022 = M.C. Franceschini, Lo scavo del nuovo tempio monumentale urbano di Vulci, https://vulcityscape.hypotheses.org/1254.

Russo et al. 2017 = A. Russo, S. Carosi, M. Pozzi Battaglia (a cura di), Egizi Etruschi. Da Eugène Berman allo Scarabeo Dorato, catalogo della mostra, Montalto di Castro, 2017, Roma, 2017.

Moretti Sgubini et al. 2014 = A.M. Moretti Sgubini, L. Ricciardi, E. Eutizi, Vulci, Necropoli dell’Osteria, campagna di scavo 2011-2012: dati preliminari, in L. Mercuri, R. Zaccagnini (a cura di), Etruria in progress. La ricerca archeologica in Etruria meridionale, Atti del Convegno, Roma, 2014, Roma, p. 106-111.

Moretti Sgubini 2012 = M. Moretti Sgubini, s.v. Vulci. in BTCGI, Pisa-Roma-Napoli, 2012, p. 1082-1154.

Pacciarelli et al. 2022 = M. Pacciarelli, F. Quondam, S. Carosi, C. Casi, L. Fiorillo, P. Miranda, F. Grilli, C. Cittadini, Scavo di sepolcreto villanoviano ed etrusco a Vulci in località Ponte Rotto: primi cenni sulle campagne 2020 e 2021, in F. Cavulli (a cura di), Come Federico opera sul campo 2021, Atti del Convegno, Napoli, 2021, Napoli, 2022, p. 31-51. 

Sabatini et al. 2021 = S. Sabatini, K. Göransson, A. Gustavsson, S. Kay, E. Pomar, L. Selsvold, L. Webb, History and archaeology at Vulci: evidence and new data from a geophysical investigation in the urban area, in Bollettino di Archeologia Online, XII/3, 2021, p. 5-33

Haut de page

Notes

1 Carosi – Conti 2019.

2 Carosi 2020.

3 Nel 2019 sono stati acquisiti terreni in loc. Legnisina, area delle Necropoli Orientali; dal 2014 al 2022, in loc. Le Murelle, area del porto tardo-arcaico della città.

4 Per una prima disamina: Forte et al. 2020; Sabatini et al. 2021; Franceschini 2022; Pacciarelli et al. 2022. I contributi preliminari sui risultati delle ricerche dei concessionari in Carosi et al. 2022b.

5 Moretti Sgubini et al. 2014.

6 Carosi – Regoli 2014; Carosi – Regoli 2018.

7 Carosi et al. 2022c.

8 Carosi – Regoli 2019, 2021.

9 Arancio 2014.

10 Il Ponte della Badia è stato oggetto di un complesso restauro svoltosi tra il 2018 e il 2020 ad opera della Soprintendenza, a seguito di danneggiamenti causati da piene del fiume Fiora nel 2012 e nel 2014.

11 Russo et al. Battaglia 2017.

12 Carosi – Casi 2019; Carosi et al. cds.

13 S. Carosi, C. Casi, in Bentini et al. 2019.

14 Carosi et al. 2022b. Per la storia della ricerca: cfr. Moretti Sgubini 2012; Carosi et alii 2017.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1. Necropoli Osteria, area C. (SABAP-VT-EM/Fondazione Vulci).
URL http://journals.openedition.org/mefra/docannexe/image/15610/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 603k
Titre Fig. 2. Necropoli Osteria, tomba 48 (SABAP-VT-EM/Fondazione Vulci).
URL http://journals.openedition.org/mefra/docannexe/image/15610/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 1,4M
Titre Fig. 3. Tomba 1, area D Osteria (SABAP-VT-EM/Fondazione Vulci).
URL http://journals.openedition.org/mefra/docannexe/image/15610/img-3.jpg
Fichier image/jpeg, 814k
Titre Fig. 4. Allestimento 2016 Museo della Badia (SABAP-VT-EM).
URL http://journals.openedition.org/mefra/docannexe/image/15610/img-4.jpg
Fichier image/jpeg, 363k
Titre Fig. 5. Il Ponte della Badia durante i restauri 2018-2020 (SABAP-VT-EM).
URL http://journals.openedition.org/mefra/docannexe/image/15610/img-5.jpg
Fichier image/jpeg, 613k
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Simona Carosi, « Vulci: la ricerca come volano per la tutela e la valorizzazione »Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité, 135-2 | 2023, 397-405.

Référence électronique

Simona Carosi, « Vulci: la ricerca come volano per la tutela e la valorizzazione »Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 135-2 | 2023, mis en ligne le 10 avril 2024, consulté le 14 juin 2024. URL : http://journals.openedition.org/mefra/15610 ; DOI : https://doi.org/10.4000/mefra.15610

Haut de page

Auteur

Simona Carosi

Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per la provincia di Viterbo e per l'Etruria meridionale, simona.carosi@cultura.gov.it

Haut de page

Droits d’auteur

CC-BY-NC-ND-4.0

Le texte seul est utilisable sous licence CC BY-NC-ND 4.0. Les autres éléments (illustrations, fichiers annexes importés) sont « Tous droits réservés », sauf mention contraire.

Haut de page
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search