Navigation – Plan du site

AccueilNuméros135-2Chroniques vulciennes, 2. Histoir...Vulci Nel Mondo

Chroniques vulciennes, 2. Histoires des fouilles, dispersions patrimoniales et horizons numériques

Vulci Nel Mondo

Un museo virtuale del patrimonio disperso
Manuela Bonadies, Anna Sofia Lippolis, Laura M. Michetti et Arturo Zampaglione
p. 435-446

Résumés

Vulci non ha più una vera identità. L’antica “città dei vivi”, rievocata anche dal poeta Giuseppe Ungaretti, resta per lo più sottoterra; quella “dei morti” è stata depredata e i suoi tesori sono disseminati nei maggiori musei mondiali. Avviato nel 2020, il progetto Vulci Nel Mondo si propone di favorire la ricostruzione di questa identità perduta attraverso un database multimediale accessibile gratuitamente (www.vulcinelmondo.com), un museo virtuale del patrimonio disperso, l’aggregazione delle risorse disponibili. E si prepara già alle sfide (e alle opportunità) del Metaverso.

Haut de page

Texte intégral

Vulci Nel Mondo. Un’introduzione

  • 1 Buranelli 1991, p. XIII-XIV.

1Nel 1992 Francesco Buranelli, nel suo volume sugli scavi Campanari a Vulci, parlando della ricchissima potenzialità dei risultati di una ricerca congiunta tra studio dei dati d’archivio e ricognizione nei magazzini delle sedi museali italiane e straniere, a partire dai Musei Vaticani, lanciava l’idea di coinvolgere curatori e direttori dei musei archeologici in un progetto comune indirizzato al «recupero della provenienza dei materiali esposti nei propri Istituti al fine di ricontestualizzare e di recuperare una più coerente ricostruzione storica dell’antichità».1 L’iniziativa, partita dal Museo Gregoriano Etrusco proprio in relazione ai materiali vulcenti, aveva già incassato l’adesione dei curatori dei musei di Berlino e del Louvre, nella consapevolezza che per proseguire la ricerca sarebbero stati necessari “ancora molto tempo e molte menti”.

2Se con le nostre Cronache possiamo dire che molte menti si siano ritrovate per ragionare insieme su questi temi, l’idea alla base di V(ulci) N(el) M(ondo) può essere in qualche modo collegata a quanto auspicato da Francesco Buranelli 30 anni fa: riunire virtualmente e possibilmente ricontestualizzare il patrimonio disperso della città etrusca. Questa idea e il nome stesso di Vulci Nel Mondo sono stati concepiti da Arturo Zampaglione, giornalista, per molti anni corrispondente per Repubblica da New York e amante delle bellezze del territorio vulcente, che a settembre del 2020 mi ha contattato nell’idea di intraprendere una collaborazione con il settore di Etruscologia della Sapienza e proponendo di finanziare un progetto incentrato sulla valorizzazione di Vulci attraverso un sito web dedicato. Lo illustra egli stesso nelle pagine che seguono, mentre a Manuela Bonadies e ad Anna Sofia Lippolis spetta il compito di presentare nello specifico rispettivamente l’organizzazione e consultazione del database e la costruzione del museo virtuale.

3Tengo però qui a sottolineare l’intuizione, la disponibilità e il mecenatismo del direttore del progetto VNM nell’avviare un’impresa – sancita da un accordo di collaborazione scientifica con il Dipartimento di Scienze dell’Antichità – che abbiamo pensato fin dall’inizio a diversi livelli, coinvolgendo non solo giovani etruscologi usciti dal Dottorato in Archeologia, ma anche allievi della Scuola di Specializzazione in Beni archeologici e studenti della laurea magistrale, in quello che si configura attualmente come un vero laboratorio, uno strumento di studio e di ricerca in progressivo incremento, in costante aggiornamento e soggetto a sistematiche verifiche e correzioni. Un esempio virtuoso di collaborazione tra un soggetto privato e l’università nel segno della condivisione del valore dei nostri beni archeologici e della necessità di tutelarli e valorizzarli al meglio, d’intesa con tutti gli enti preposti allo scopo, puntando contestualmente alla formazione delle nuove generazioni di ricercatori.

4Vulci Nel Mondo, quindi, anche come palestra nella quale i giovani archeologi hanno l’opportunità di affrontare il lavoro di consultazione dei cataloghi online e a stampa dei musei di tutto il mondo, effettuare ricerche bibliografiche e d’archivio, ricostruire la storia antiquaria e le vicende collezionistiche dei diversi complessi smembrati nel tempo, confrontarsi con i differenti sistemi di documentazione dei reperti e dotarsi delle competenze necessarie a redigere nuove schede secondo i parametri definiti per VNM, ma soprattutto acquisire una speciale sensibilità nei confronti del tema del patrimonio disperso e disseminato e dell’importanza di ricomporlo e restituirlo almeno virtualmente alla comunità.

5La sempre crescente consapevolezza e disponibilità, che stiamo sperimentando a proposito di Vulci, da parte dei responsabili e curatori di istituzioni museali straniere a collaborare su questo fronte ci induce a un atteggiamento cautamente ottimistico verso iniziative come questa.

6Vulci Nel Mondo, dunque, può fungere da progetto-pilota potenzialmente estendibile alle altre grandi città etrusche, tutte più o meno vittime di analoghe diaspore e bisognose di simili operazioni di recupero e ricontestualizzazione di reperti dei quali i numerosi passaggi di proprietà hanno fatto spesso perdere traccia del luogo di ritrovamento e di eventuali associazioni e che possono invece tornare ad essere documenti storici, in vista di una fruizione pensata per un pubblico ben più ampio e sfaccettato di quello dei soli studiosi.

7L.M.M.

Ricostruire una identità perduta: il progetto Vulci Nel Mondo

  • 2 G. Ungaretti, Vita di un uomo. Viaggi e lezioni (a cura di P. Montefoschi), Milano, 2000, p. 413-4 (...)

8Non tutti sanno che quasi un secolo fa, il poeta italiano Giuseppe Ungaretti fece un viaggio a Vulci. In quel periodo lavorava come inviato speciale alla Gazzetta del popolo e sul quotidiano torinese uscirono nel 1935 due reportage sulla visita, ripubblicati con il titolo Viaggetto in Etruria2.

9Ecco come Ungaretti descriveva quel che aveva visto dal Ponte della Badia.

Dall’altra parte della gola […] – scriveva – era Vulcia, la città della vita, difesa strenuamente dall’orrido Fiora, e noi siamo, da questo lato sulla sinistra del fiume, nella Vulcia della morte. Dal Fiora, fino laggiù, al Monte dell’Oro, allargandosi nel piano, si rintana la città della morte, e in un secolo orde d’antiquari vi hanno aperto, frugato, depredato, malamente ritappato settemila tombe. Questa è stata per un secolo la gran miniera d’oggetti etruschi di tutti i musei e collezioni del mondo. Ora le stanno riaprendo con metodi e scopi più nobili. Ma, povere buche vuote, ora veramente esse sono piene della desolazione della morte.

10Bisogna essere onesti: a quasi un secolo dal reportage di Ungaretti, chi visita Vulci e le sue necropoli resta ancora colpito da quello stesso senso di desolazione. Mi è capitato di recente, tornando nella necropoli di Cavalupo (fig. 1). Passeggiando nel fitto bosco si deve fare attenzione a non inciampare su sterpi e pezzi di sarcofago, e soprattutto a non cadere nelle tombe, dove – purtroppo – qualche curioso prova a calarsi per provare l’ebbrezza dei tombaroli.

Fig. 1. Il bosco della necropoli di Cavalupo (© Vulci Nel Mondo).

Fig. 1. Il bosco della necropoli di Cavalupo (© Vulci Nel Mondo).

11La realtà è che, a dispetto della sua storia quasi millenaria, delle sue ricchezze economiche e della bellezza dei luoghi, Vulci non ha più una vera identità. Il rovescio della medaglia della desolazione lamentata da Ungaretti è proprio la perdita di identità. Come sappiamo, la Città della vita è per lo più sottoterra, senza che il profano riesca a decifrarne la struttura o a immaginare come potesse essere 2000 anni fa. D’altra parte, la Città della morte si presenta come una serie di barattoli che sembrano forzati con l’apriscatole: tombe vuote, perché i tesori sono altrove.

12Nel Met (Metropolitan Museum di New York), ad esempio, a due passi da dove ho vissuto per oltre 30 anni, sono esposti ben 55 reperti, tutti di Vulci: coppe del pittore Euergides e del pittore Ashby, anfore del Gruppo di Würzburg, tripodi e candelabri in bronzo, anelli e fibule in oro. Certo, la sala etrusca del Met, ora confinata in un ammezzato del museo, meriterebbe una collocazione più degna, ma i pezzi appaiono di maggior pregio di quelli esposti al Museo Archeologico Nazionale di Vulci, al Castello della Badia (fig. 2).

Fig. 2. Il Museo Archeologico Nazionale di Vulci nell’allestimento anteriore al 2106 (© Vulci Nel Mondo).

Fig. 2. Il Museo Archeologico Nazionale di Vulci nell’allestimento anteriore al 2106 (© Vulci Nel Mondo).

13Da queste considerazioni sulla identità perduta di Vulci, e sulla necessità di avviarne una ricostruzione, è nato nel 2020 il progetto Vulci Nel Mondo. Tre gli obiettivi prioritari:

  • costruire il primo database intelligente e multimediale di tutti i reperti archeologici provenienti dall’area di Vulci, ora disseminati nei musei e nelle collezioni italiane e mondiali;
  • realizzare uno o più musei virtuali del patrimonio disperso di Vulci;
  • diventare un punto di aggregazione delle risorse disponibili – anche letterarie, bibliografiche e tecnologiche – su Vulci.

14Grazie a finanziamenti privati e all’incoraggiamento, sin dall’inizio, della cattedra di Etruscologia della Sapienza e di Laura M. Michetti, il progetto ha coinvolto archeologi junior e archeologi senior, informatici, esperti nelle digital humanities e nel settore delle comunicazioni. E si è avvalso di un accordo di collaborazione scientifica con il Dipartimento di Scienze dell’Antichità della Sapienza, guidato da Giorgio Piras, che qui ringraziamo.

15Molto ruota attorno a un sito web – www.vulcinelmondo.com – registrato al Tribunale di Roma, accessibile a tutti, gratuitamente. In attesa di raggiungere un livello accettabile in termini di qualità e quantità, non abbiamo mai fatto pubblicità al nostro progetto. Ma oggi siamo felici di lanciare ufficialmente il sito, approfittando di questa ultima seduta del convegno.

16Siamo già a quota 1300: cioè abbiamo catalogato i primi milletrecento reperti (fig. 3) – con il risultato di rendere VNM, allo stato attuale, il più grande database online di reperti dall’Etruria – e completato il censimento dei pezzi di Vulci che si trovano in grandi musei internazionali come il Met, il Louvre, il Fine Arts di Boston, l’Hermitage, il Getty, l’Israel Museum e gli Staatliche Museen di Berlino.

Fig. 3. Il Database di Vulci Nel Mondo (© Vulci Nel Mondo).

Fig. 3. Il Database di Vulci Nel Mondo (© Vulci Nel Mondo).

17Certo, è un lavoro lungo e paziente, perché si tratta – come ci spiega Manuela Bonadies – di uniformare i diversi criteri di catalogazione dei musei mondiali e offrire ad archeologi, storici e a tutti gli interessati, uno strumento nuovo per le ricerche su Vulci: per ricostruire la sua storia, per analizzarne la produzione artistica in modo complessivo e comparativo, per stabilire linee di confronto con altri centri della penisola italica e del Mediterraneo.

18Sempre nel sito, c’è il primo abbozzo del museo virtuale che intendiamo realizzare e che è illustrato qui da Anna Sofia Lippolis. L’obiettivo principale è di offrire a un pubblico più largo – e non solo agli esperti – una visione d’insieme, ragionata, dei maggiori capolavori di Vulci. Vogliamo raggruppare in un unico percorso oggetti unici, oggi disseminati, spesso intrasportabili, come i sarcofagi di Boston, i gioielli di New York, i bracieri del British Museum, la Sfinge del Louvre e naturalmente gli affreschi della Tomba Francois, che sono ancora tenuti in ostaggio a Villa Albani.

  • 3 Il rilievo fotogrammetrico e l’elaborazione grafica tridimensionale dei due sarcofagi, attualmente (...)

19Una delle difficoltà, ovviamente, è il reperimento di immagini degli oggetti ad alta definizione e tridimensionali. Ci scontriamo con la resistenza di musei, con le regole dei copyright e persino con problemi contingenti. Ormai da anni, ad esempio, i due sarcofagi dei Tetnies non sono esposti al pubblico: in attesa di finanziamenti per le nuove sale, infatti, il Museum di Boston li tiene in magazzino, coperti dalla plastica, lontani dagli occhi di tutti3. Un fatto gravissimo, trattandosi di sarcofagi che – per Vulci – hanno un valore identitario. Per fare un altro esempio, sarà complesso, almeno fino a quando durerà la sciagurata guerra in Ucraina, accedere al corposo e importante nucleo di reperti da Vulci dalle collezioni Campana e Pizzati conservati all'Ermitage e arrivati a San Pietroburgo più di 150 anni fa, dei quali per fortuna sono consultabili le foto sul sito online del Museo.

20Mentre crediamo molto nella realizzazione di questo museo virtuale, che potrebbe, ad esempio, essere offerto come esperienza aggiuntiva per i visitatori del museo della Badia, è anche vero che un’impresa del genere richiede professionalità specifiche e un salto di qualità nei finanziamenti. Ma resta pur questa la direzione in cui intendiamo muoverci: anche perché vogliamo prepararci alle nuove sfide del Metaverso di Mark Zuckerberg.

21Il Metaverso sarà – almeno nelle intenzioni – una nuova evoluzione di Internet, che andrà oltre i concetti di realtà virtuale e augmented reality. Le persone collegate faranno parte del mondo fisico, ma interagiranno attraverso avatar, visori e altri strumenti. Facebook ha cambiato il proprio nome in Meta con questo obiettivo. E se il Metaverso prenderà veramente piede, Vulci Nel Mondo ci sarà sicuramente: perché almeno lì, Vulci potrà trovare l’identità perduta.

22Come si vede nella mostra “Vulci, il patrimonio disperso e ritrovato. Dalle ricerche ottocentesche al digitale”, allestita presso il Museo delle Antichità etrusche e italiche della Sapienza, Maurizio Forte e i suoi collaboratori sono già proiettati verso questi traguardi tecnologici, e siamo felici che stia diventando un obiettivo condiviso da diverse anime che si ritrovano in queste Cronache vulcenti.

23Al di là del database e del museo, il nostro progetto punta su un terzo obiettivo: diventare un punto di aggregazione delle risorse disponibili su Vulci (fig. 4). Abbiamo già una sezione che permette di accedere a siti internet, programmi televisivi, documentari. Abbiamo una sezione di news, informazioni, cui abbiamo dato il nome di questo nostro convegno, cioè “Cronache vulcenti”. Contiene anche notizie di appuntamenti e nuovi scavi. Lo scopo non è solo di offrire un servizio, ma anche – lo confessiamo senza vergogna – di aumentare i contatti su internet e allargare la platea di utenti. Sono le nuove esigenze del mondo digitale: più sei cliccato, più “esisti”. E siamo già orgogliosi del fatto che, se si fa una ricerca Google sui sarcofagi dei Tetnies, la prima voce che salta fuori è proprio quella del nostro database.

Fig. 4. Le risorse di Vulci Nel Mondo: sitografia (© Vulci Nel Mondo).

Fig. 4. Le risorse di Vulci Nel Mondo: sitografia (© Vulci Nel Mondo).

24Non sappiamo che cosa ci riserverà il futuro. Di certo il lavoro è ancora lungo. Ad esempio, mentre i grandi musei internazionali hanno un loro archivio facilmente accessibile, con la possibilità di trovare online tutti i reperti provenienti da Vulci, lo stesso non è vero per la maggioranza dei musei italiani. E proprio in Italia, inevitabilmente, resta da fare il grosso della catalogazione, per il quale ci piacerebbe studiare forme di collaborazione con i musei, a cominciare dal Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia.

25Il realismo sui tempi non ci impedisce di pensare anche a nuovi arricchimenti. Uno dei nostri sogni è di offrire, un domani, oltre alle nostre schede del database, brevi saggi originali e di spessore sui reperti più significativi. Un altro sogno è di affiancare il sito in italiano con un sito in lingua inglese. Un terzo campo di impegno potrebbe essere collegare la nostra catalogazione ad altri importanti database internazionali. E un ultimo sogno è quello di allargare l’esperienza e la metodologia di VNM per catalogare nel futuro i reperti “dispersi” di altre città e poi di tutto il patrimonio dell’Etruria. In questa prospettiva, abbiamo già registrato i siti www.cerveterinelmondo.com, www.tarquinianelmondo.com e www.etruschinelmondo.com.

26Al di là dei tempi (e dei sogni), la nostra speranza è di ridare prima o poi a Vulci l’identità perduta, di cui parlavamo: attraverso uno strumento prezioso per l’Etruscologia e un modo diverso, per il pubblico, di fruire della Città dei vivi e della Città dei morti. In attesa di tutto ciò vi invito a leggere le pagine di Ungaretti su Vulci, che si trovano anch’esse nel sito, accanto ai più noti scritti di George Dennis e David Herbert Lawrence.

27A.Z.

Il database di Vulci Nel Mondo

  • 4 https://vulcinelmondo.com/database-reperti/.
  • 5 Un sistema open source per il quale non sono previsti costi di licenza e che offre aggiornamenti g (...)
  • 6 Tutte le immagini inserite nel database di VNM riportano i credits e i link diretti di riferimenti (...)
  • 7 Oltre alle singole sezioni bibliografiche specifiche per ogni oggetto, il sito propone anche una r (...)

28Il database di VNM4 costituisce la parte principale del sito web basato su WordPress, uno dei CMS5 (Content Management System) più utilizzati per la costruzione di sistemi per la gestione di contenuti. La natura relazionale della struttura del database di VNM consente diversi livelli di interrogazione e facilita la navigazione nella moltitudine di informazioni archiviate. Tali informazioni sono desunte in prima istanza dai cataloghi online dei musei censiti6 e vengono calibrate, e in qualche caso puntualizzate, con la letteratura specifica e aggiornata di ogni manufatto per la quale è stata predisposta un’apposita sezione.7

  • 8 Nel database è stata predisposta una sezione dedicata alle risorse dei fondi archivistici, necessa (...)

29Se da una parte il database di VNM propone un tipo di schedatura semplice e diretta, che si avvale delle nomenclature in uso nella maggior parte dei cataloghi di settore, dall’altra si pone l'obiettivo di integrare le informazioni strettamente anagrafiche e descrittive con quelle riferite, laddove disponibili, ai diversi passaggi di proprietà e alle vicende di acquisizione che caratterizzano la “storia antiquaria” della maggior parte degli oggetti provenienti da Vulci8.

  • 9 Per una sintesi si veda da ultimo Conti 2021, p. 420-421, fig. 6.
  • 10 Paleothodoros 2009, p. 51.
  • 11 Per una sintesi si veda da ultimo Conti 2020, p. 238, con bibl.
  • 12 Per completare la vetrina virtuale dei lebeti del Pittore Argivo si conta di aggiungere anche i du (...)

30È così che il visitatore virtuale non solo può ammirare nel suo insieme il corredo della Tomba 5, scavata da Francesco Mancinelli Scotti in una delle necropoli orientali di Vulci nel 1895, ma può seguirne anche il lungo viaggio che, dalla scoperta, lo ha portato al Penn Museum di Philadelphia nel 1896, insieme ad altri corredi rinvenuti nella stessa campagna di scavo9 (fig. 5). Allo stesso modo, l’utente può ricostruire il pregiato servizio di sei piatti attici a figure rosse firmato dal ceramografo attico Epiktetos, rinvenuto in una tomba – in anni recenti nominata “Tomba di Epiktetos10” – indagata nel tardo 1829 durante gli scavi Bonaparte e oggi distribuito tra la Bibliothèque Nationale de France, il Louvre, il British Museum e il Metropolitan di New York11 (fig. 6). Oppure, volendo approfondire l’identità di una delle più note personalità artistiche del periodo etrusco-geometrico operante a Vulci, si possono apprezzare nel loro insieme alcuni capolavori del Pittore Argivo come il gruppo di lebeti conservati nel Museo Archeologico di Vulci e nei musei americani di Chicago, Tampa e Urbana-Champaign12 (fig. 7). La ricerca per “parola chiave”, insieme alla possibilità di filtrare il risultato della ricerca per i diversi campi disponibili, garantisce infatti un’esplorazione a diversi livelli di astrazione a seconda degli interessi degli utenti del sito.

Fig. 5. A sinistra, simulazione di ricerca nel database di Vulci Nel Mondo per parola chiave “tomba 5”. A destra, sviluppo delle diverse sezioni della scheda relativa ad una delle due anfore da trasporto attiche SOS del corredo della tomba con rimando alla pagina online del Penn Museum di Philadelphia (© Vulci Nel Mondo).

Fig. 5. A sinistra, simulazione di ricerca nel database di Vulci Nel Mondo per parola chiave “tomba 5”. A destra, sviluppo delle diverse sezioni della scheda relativa ad una delle due anfore da trasporto attiche SOS del corredo della tomba con rimando alla pagina online del Penn Museum di Philadelphia (© Vulci Nel Mondo).

Fig. 6. Risultato della ricerca nel database di Vulci Nel Mondo per parola chiave “Epiktetos” con aggiunta del filtro “piatto”: veduta di insieme del servizio dei sei piatti attici a figure rosse di Epiktetos rinvenuti nell’omonima tomba durante gli scavi Bonaparte del 1829 (© Vulci Nel Mondo).

Fig. 6. Risultato della ricerca nel database di Vulci Nel Mondo per parola chiave “Epiktetos” con aggiunta del filtro “piatto”: veduta di insieme del servizio dei sei piatti attici a figure rosse di Epiktetos rinvenuti nell’omonima tomba durante gli scavi Bonaparte del 1829 (© Vulci Nel Mondo).

Fig. 7. Risultato della ricerca nel database di Vulci Nel Mondo per parola chiave “Pittore Argivo” con aggiunta del filtro “lebete”: veduta di insieme di quattro dei sei lebeti attribuiti al Pittore. A destra, sviluppo delle sezioni della scheda relativa al lebete di Cavalupo (© Vulci Nel Mondo).

Fig. 7. Risultato della ricerca nel database di Vulci Nel Mondo per parola chiave “Pittore Argivo” con aggiunta del filtro “lebete”: veduta di insieme di quattro dei sei lebeti attribuiti al Pittore. A destra, sviluppo delle sezioni della scheda relativa al lebete di Cavalupo (© Vulci Nel Mondo).

31Il database di VNM, in continuo incremento, aggiornamento e verifica, è concepito dunque come un grande “catalogo archeologico virtuale” che ha anche il proposito di raccogliere la miriade di piccole tracce lasciate da un profondo e complesso fenomeno di dispersione e che, se lette a ritroso, possono aiutare a ricondurre gli oggetti vulcenti, o di produzione vulcente, nel loro contesto di origine.
M.B.

I musei virtuali di Vulci Nel Mondo

32Vulci Nel Mondo presenta anche una sezione “Musei Virtuali”.13 Si tratta, al momento, di uno spazio in cui riunire una collezione permanente su Vulci, che sarà arricchito in futuro da diverse mostre temporanee (corredo della Tomba François, corredo del Tumulo dei Guerrieri, vasi del Pittore Delle Rondini, i piatti di Epiktetos).

  • 14 Resta et al. 2021, p.151-166.
  • 15 Lacet et al. 2022.

33Un museo virtuale non deve necessariamente replicare una struttura fisica. Diventato popolare in seguito alle necessità della pandemia, questo spazio online è uno strumento molto versatile, con caratteristiche complementari alle loro controparti tangibili. Secondo il modello proposto da G. Resta e altri autori14, il modello standard di tour virtuale si basa su due aspetti: navigazione, per accedere alle collezioni e ad altri tipi di informazioni presenti all’interno del sito web del museo, e interazione, per simulare uno spazio fisico con cui ci si può rapportare. In questo contesto, gli approcci di storytelling hanno acquisito sempre più importanza: Lacet e altri autori15 sostengono di non aver trovato, all’interno dei tour virtuali dei musei presi in considerazione, esempi di utilizzo di storytelling che colleghino, con una narrativa, gli oggetti alle loro descrizioni. In questi casi, spesso l’utente si ritrova da solo, senza istruzioni su come muoversi e con alcuna possibilità di interazione con gli oggetti sullo schermo.

34In effetti, i 18 musei virtuali presenti in Italia offrono al visitatore un tour online standard del museo: una ricostruzione fedele dello spazio già esistente, di solito tramite la presentazione di immagini panoramiche a 360 . Si tratta, ad esempio, dei Musei Capitolini, degli Uffizi, dei Musei Vaticani, del Museo Egizio di Torino. Spesso, quindi, sono opportunità che presentano una bassa possibilità di coinvolgimento: il museo viene riproposto così com’è fisicamente e non vengono adeguatamente sfruttate le possibilità comunicative del mondo digitale. Tendono a mancare tour guidati ai beni esposti, c’è poco riguardo all’accessibilità online (mancano tracce audio per i visitatori ipovedenti),16 non sono presenti approfondimenti tematici sulle opere e sugli edifici che le contengono o ulteriori strumenti interattivi volti a mostrare in diverse forme ciò che viene presentato, come timeline o mappe. Modelli alternativi a questo sono quello della piattaforma di infografiche interattive del British Museum, History Connected,17 o quello delle visite guidate del MASP – Museu de Arte de São Paulo Assis Chateaubriand.18

35Il primo obiettivo dei musei virtuali di VNM è invece quello di raccogliere il patrimonio disperso in un unico luogo, sfruttare le schede presenti all’interno del database e coinvolgere diversi tipi di utenti, compresi i più piccoli, alla scoperta della storia di Vulci. Il museo presenta uno spazio esterno, di introduzione alla storia di Vulci, e uno interno (fig. 8), con una selezione di reperti, suddiviso cronologicamente e accompagnato da alcuni approfondimenti tematici (fig. 9). Il visitatore può muoversi liberamente all’interno di questo spazio, ma può anche scegliere la modalità “visita guidata”, che gli permetterà di seguire un percorso predefinito (fig. 10a-b). Inoltre, è possibile chattare con gli altri visitatori presenti online, creando ulteriori possibilità di interazione.

Fig. 8. Prima sala del Museo Virtuale di Vulci (© Vulci Nel Mondo).

Fig. 8. Prima sala del Museo Virtuale di Vulci (© Vulci Nel Mondo).

Fig. 9. Approfondimento sulla Tomba dei Bronzetti Sardi (© Vulci Nel Mondo).

Fig. 9. Approfondimento sulla Tomba dei Bronzetti Sardi (© Vulci Nel Mondo).

Fig. 10 a-b. Tutorial di navigazione del Museo Virtuale (© Vulci Nel Mondo).

Fig. 10 a-b. Tutorial di navigazione del Museo Virtuale (© Vulci Nel Mondo).

36Sviluppi futuri del museo virtuale riguardano l’ampliamento dello stesso in merito alle mostre di approfondimento (da qui la scelta del termine “musei virtuali”), l’inserimento di diverse lingue e la sperimentazione di nuove formule di coinvolgimento anche per fasce di età più giovani. Inoltre, è in corso la richiesta di una partnership con Google Arts and Culture che permetterà di creare ulteriori contenuti multimediali su Vulci. Naturalmente, resta ancora in sospeso la questione del Metaverso. La piattaforma che stiamo utilizzando al momento, Artsteps, presenta già la possibilità di vivere il museo virtuale attraverso un visore VR, ma l’azienda di modellazione 3D ha appena annunciato la sua entrata nel Metaverso, offrendo ancora più possibilità di interazione e personalizzazione degli spazi virtuali.
A.S.L.

Haut de page

Bibliographie

Buranelli 1991 = F. Buranelli, Gli scavi a Vulci della Società Vincenzo Campanari – Governo Pontificio (1835-1837), Roma, 1991.

Conti 2020 = A. Conti, Diaspore Vulcenti, in V. Nizzo (a cura di), Gli Etruschi e il Mann, catalogo della mostra, Napoli 2020, Napoli, 2020, p. 235-241.

Conti 2021 = A. Conti, Dall’Italia agli Stati Uniti: appunti vulcenti, in M.C. Biella, J. Tabolli (a cura di), Lo strano caso di Francesco Mancinelli Scotti, Documenti e approfondimenti del Workshop internazionale, Roma 2018, Monza, 2021, p. 410-455.

Lacet et al. 2022 = D. Lacet, M. Van Zeller, P. Martins, L. Morgado, Digital Storytelling approaches in Virtual Museums: Umbrella review of systematic reviews. Journal of Digital Media & Interaction, in Journal of Digital Media&Interaction, 5/13, 2022 https://proa.ua.pt/index.php/jdmi/article/view/29215.

Martelli 2008 = M. Martelli, Variazione su tema etrusco-geometrico, in Prospettiva, 132, 2008, p. 2-30. 

Paleothodoros 2009 = D. Paleothodoros, Archaeological Contexts and Iconographic Analysis: Case Studies from Greece and Etruria, in V. Norskøv, L. Hannestad, C. Isler-Kerényi, S. Lewis (a cura di), The World of Greek Vases, AnalRom, suppl. 41, Roma, 2009, p. 45-62.

Principi etruschi 2000 = Principi Etruschi tra Mediterraneo ed Europa, catalogo della Mostra, Bologna 2000-2001, Venezia, 2000.

Resta et al. 2021 = G. Resta, F. Dicuonzo, E. Karacan, D. Pastore, The impact of virtual tours on museum exhibitions after the onset of Covid-19 restrictions: visitor engagement and long term Perspectives, in SCIRES-IT, 11/1, 2021, p. 151-166.

Rojas 2020 = H. Rojas, R. Renteria, E. Acosta, H. Arevalo, M. Pilares, Application of accessibility guidelines in a virtual museum, in 2020 3rd International Conference of Inclusive Technology and Education (CONTIE), La Paz (Messico), 2020, p. 73-79.

Haut de page

Notes

1 Buranelli 1991, p. XIII-XIV.

2 G. Ungaretti, Vita di un uomo. Viaggi e lezioni (a cura di P. Montefoschi), Milano, 2000, p. 413-424.

3 Il rilievo fotogrammetrico e l’elaborazione grafica tridimensionale dei due sarcofagi, attualmente in corso da parte di Maurizio Forte (Duke University) con la supervisione di Phoebe Segal (MFA, Boston), potranno consentirne in futuro almeno la fruizione virtuale.

4 https://vulcinelmondo.com/database-reperti/.

5 Un sistema open source per il quale non sono previsti costi di licenza e che offre aggiornamenti gratuiti.

6 Tutte le immagini inserite nel database di VNM riportano i credits e i link diretti di riferimenti alle pagine online dei rispettivi proprietari, in ottemperanza alle condizioni d'uso previste per il materiale liberamente consultabile. La maggior parte del materiale scaricabile dai cataloghi online dei musei stranieri, ad oggi inseriti nel database, è protetto da una delle licenze Creative Commons che ne prevede l’utilizzo da parte di terzi per fini non commerciali.

7 Oltre alle singole sezioni bibliografiche specifiche per ogni oggetto, il sito propone anche una raccolta della bibliografia generale sulla città di Vulci con possibilità di ricerca avanzata per autore, anno di edizione e titolo, https://vulcinelmondo.com/bibliografia-di-vulci/.

8 Nel database è stata predisposta una sezione dedicata alle risorse dei fondi archivistici, necessarie per la ricostruzione filologica della storia delle acquisizioni, che verrà implementata in una fase successiva del progetto.

9 Per una sintesi si veda da ultimo Conti 2021, p. 420-421, fig. 6.

10 Paleothodoros 2009, p. 51.

11 Per una sintesi si veda da ultimo Conti 2020, p. 238, con bibl.

12 Per completare la vetrina virtuale dei lebeti del Pittore Argivo si conta di aggiungere anche i due lebeti adespoti svizzeri, sul tema si veda Martelli 2008, p. 5, fig. 21-25 e A.M. Moretti Sgubini, in Principi etruschi 2000, p. 211, n. 235.

13 Cf. https://vulcinelmondo.com/musei-virtuali/.

14 Resta et al. 2021, p.151-166.

15 Lacet et al. 2022.

16 Si veda, a questo proposito, Rojas et al. 2020, p. 73-79.

17 Cf. https://britishmuseum.withgoogle.com/.

18 Cf. https://masp.org.br/en/collections#collections-explore.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1. Il bosco della necropoli di Cavalupo (© Vulci Nel Mondo).
URL http://journals.openedition.org/mefra/docannexe/image/15794/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 870k
Titre Fig. 2. Il Museo Archeologico Nazionale di Vulci nell’allestimento anteriore al 2106 (© Vulci Nel Mondo).
URL http://journals.openedition.org/mefra/docannexe/image/15794/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 942k
Titre Fig. 3. Il Database di Vulci Nel Mondo (© Vulci Nel Mondo).
URL http://journals.openedition.org/mefra/docannexe/image/15794/img-3.jpg
Fichier image/jpeg, 905k
Titre Fig. 4. Le risorse di Vulci Nel Mondo: sitografia (© Vulci Nel Mondo).
URL http://journals.openedition.org/mefra/docannexe/image/15794/img-4.jpg
Fichier image/jpeg, 849k
Titre Fig. 5. A sinistra, simulazione di ricerca nel database di Vulci Nel Mondo per parola chiave “tomba 5”. A destra, sviluppo delle diverse sezioni della scheda relativa ad una delle due anfore da trasporto attiche SOS del corredo della tomba con rimando alla pagina online del Penn Museum di Philadelphia (© Vulci Nel Mondo).
URL http://journals.openedition.org/mefra/docannexe/image/15794/img-5.jpg
Fichier image/jpeg, 975k
Titre Fig. 6. Risultato della ricerca nel database di Vulci Nel Mondo per parola chiave “Epiktetos” con aggiunta del filtro “piatto”: veduta di insieme del servizio dei sei piatti attici a figure rosse di Epiktetos rinvenuti nell’omonima tomba durante gli scavi Bonaparte del 1829 (© Vulci Nel Mondo).
URL http://journals.openedition.org/mefra/docannexe/image/15794/img-6.jpg
Fichier image/jpeg, 439k
Titre Fig. 7. Risultato della ricerca nel database di Vulci Nel Mondo per parola chiave “Pittore Argivo” con aggiunta del filtro “lebete”: veduta di insieme di quattro dei sei lebeti attribuiti al Pittore. A destra, sviluppo delle sezioni della scheda relativa al lebete di Cavalupo (© Vulci Nel Mondo).
URL http://journals.openedition.org/mefra/docannexe/image/15794/img-7.jpg
Fichier image/jpeg, 914k
Titre Fig. 8. Prima sala del Museo Virtuale di Vulci (© Vulci Nel Mondo).
URL http://journals.openedition.org/mefra/docannexe/image/15794/img-8.jpg
Fichier image/jpeg, 967k
Titre Fig. 9. Approfondimento sulla Tomba dei Bronzetti Sardi (© Vulci Nel Mondo).
URL http://journals.openedition.org/mefra/docannexe/image/15794/img-9.jpg
Fichier image/jpeg, 539k
Titre Fig. 10 a-b. Tutorial di navigazione del Museo Virtuale (© Vulci Nel Mondo).
URL http://journals.openedition.org/mefra/docannexe/image/15794/img-10.jpg
Fichier image/jpeg, 423k
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Manuela Bonadies, Anna Sofia Lippolis, Laura M. Michetti et Arturo Zampaglione, « Vulci Nel Mondo »Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité, 135-2 | 2023, 435-446.

Référence électronique

Manuela Bonadies, Anna Sofia Lippolis, Laura M. Michetti et Arturo Zampaglione, « Vulci Nel Mondo »Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 135-2 | 2023, mis en ligne le 10 avril 2024, consulté le 13 juin 2024. URL : http://journals.openedition.org/mefra/15794 ; DOI : https://doi.org/10.4000/mefra.15794

Haut de page

Auteurs

Manuela Bonadies

Sapienza Università di Roma, Dipartimento di Scienze dell’Antichità, manuela.bonadies@uniroma1.it

Articles du même auteur

  • Sotto mentite spoglie [Texte intégral]
    Note su un cratere attico a figure rosse al Museum of Fine Arts di Boston
    Paru dans Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité, 135-2 | 2023

Anna Sofia Lippolis

Vulci Nel Mondo, Comitato organizzatore, as.lippolis@vulcinelmondo.com

Laura M. Michetti

Sapienza Università di Roma, Dipartimento di Scienze dell’Antichità, laura.michetti@uniroma1.it

Arturo Zampaglione

Vulci Nel Mondo, Direzione, a.zampaglione@vulcinelmondo.com

Haut de page

Droits d’auteur

CC-BY-NC-ND-4.0

Le texte seul est utilisable sous licence CC BY-NC-ND 4.0. Les autres éléments (illustrations, fichiers annexes importés) sont « Tous droits réservés », sauf mention contraire.

Haut de page
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search