Navigation – Plan du site
Varia

Abakainon (Sicilia): nuove considerazioni sul paesaggio funerario «monumentale» della necropoli di età tardo-classica ed ellenistica in contrada Cardusa

Girolamo Sofia

Résumés

Situata ad est rispetto al proposto insediamento urbano dell’antica Abakainon, oggi a 1000 m circa di distanza, la contrada Cardusa è un’area, a vocazione funeraria, sicuramente senza soluzione di continuità dalla fine del IV alla fine/inizi del III/II sec. a.C. Estesa a tutt’oggi su una superficie di circa 2000 mq, la necropoli di contrada Cardusa s’impone nel panorama storico-archeologico della Sicilia nord-orientale per i particolari caratteri di organizzazione, struttura e monumentalità. Allo stato attuale della ricerca, su un totale di 152 sepolture censite, oltre il 65% si presenta diversificato da sistemi di soluzioni edilizie che, per la loro articolazione architettonica sul soprassuolo, fanno pensare a veri «monumenti funerari». Tutti i tipi, fino a questo momento identificati (A-F), sono accomunati dal medesimo principio costruttivo e/o ideologico, dal materiale impiegato, blocchi o lastroni in pietra arenaria, all’architettura della struttura fondamentale, un basamento in parte seminterrato su cui insiste un elevato variamente strutturato e dimensionato, ma in ogni modo «a profilo gradonato».

Haut de page

Dédicace

A mio figlio Sebastiano, amore della mia vita

Texte intégral

Premessa

  • 1 In questo studio, volutamente, si prenderanno in considerazione solo i complessi necropolari «monu (...)
  • 2 Bonacasa – Joly 1989, p. 282 con ampia bibliografia di riferimento.

1Essendo mia intenzione, in questo contributo, trattare una particolare tipologia di forme dell’architettura funeraria «monumentale» nella Sicilia1 di età tardo-classica ed ellenistica mi riferirò nelle pagine seguenti al caso della necropoli di Abakainon che, nell’organizzazione e articolazione architettonica del suo paesaggio necropolare, rappresenta il punto di vista più significativo sull’isola, per la massiccia presenza dei notissimi epitymbia – monumentini segnacolari del soprassuolo, eretti come «memoria visibile» della sottostante sepoltura – ricordati da Diodoro2.

  • 3 Diod., 16, 83, 3: Ἐν δὲ ταῖς ἐλάττοσι πόλεσιν, ἐν αἷς ἡ τῶν Ἀγυριναίων καταριθμεῖται, μετασχοῦσα τ (...)
  • 4 Coppolino 2009, p. 44 con nota 22.
  • 5 Coppolino 2009, p. 45 con ampia bibliografia di riferimento.
  • 6 Tullio 2008.
  • 7 Tore 1992, p. 177 ss. con ampia bibliografia di riferimento.
  • 8 Daszeweski 1998, p. 229-230.
  • 9 Bartoloni 1976, p. 86 ss.; Benichou-Safar 1982.
  • 10 Breccia 1912; Adriani 1966, p. 28 ss., 110-120, tavv. 34-40; Fedak 1990, p. 95, 114, 129-130.

2Nelle fonti letterarie queste strutture sono menzionate in più luoghi: non solo nel già ricordato passo di Diodoro che, parlando di Agyrion, insiste sul tipo di sepoltura introdotto dalla nuova gente arrivata dalla Grecia3, ma anche in un luogo di Luciano (Dialoghi dei morti, 22) e in due di Lucano (Farsaglia, 8, 694 sq.; 10, 19 sq.)4. Attualmente, alla luce della più recente letteratura scientifica, è possibile individuare queste strutture di carattere funerario non solo in molti contesti di ambito regionale5 (Cefalù6, Lilybaeum, Selinunte, Entella, Agrigento, Gela, Butera, Camarina, Siracusa, Megara Iblea, Lentini, Centuripe, Messina, Lipari, Milazzo, Abakainon, Polizzi Generosa, Monte Riparato di Caltavuturo, Prizzi/Montagna dei Cavalli) ma anche in ambito mediterraneo che include la Sardegna – Tharros7 – e l’Africa8 – da Cartagine9 ad Alessandria10 nelle necropoli di Hadra, Mustafa Pascia e Sciatbi.

  • 11 Per la citazione vd., Tullio 1990, p. 430. Sulla problematica in generale vd. Bonacasa 1999, p. 25 (...)

3Alla luce della significativa presenza, in quasi tutta la Sicilia ellenistica, di questi monumenti funerari, tanto eloquenti nell’impegno costruttivo e nel lessico architettonico adoperato, quanto sottovalutati come fatto eccezionale ed episodico, i più recenti studi considerano il fenomeno come prova dell’influenza della cultura alessandrina sulle città siceliote, diacronicamente attestata dalla seconda metà del IV sec. a.C., «non solo e non tanto come riflesso mediato da Roma»11, ma grazie a sempre più frequenti contatti e interrelazioni.

Abakainon, storia di un centro indigeno grecizzato

  • 12 Sulle vicende storiche di Abakainon, in ultimo vd. Sofia 2017c, p. 31-42.
  • 13 Bacci 2009a, p. 11; Bacci – Coppolino 2015, p. 17; Sofia 2015; Sofia 2017b, p. 565-579.

4Situato tra la catena dei Nebrodi e quella dei Peloritani, in un comprensorio montuoso a nord-est della Sicilia, ad otto miglia dalla costa tirrenica, Abakainon12, oggi in territorio del Comune di Tripi (ME) (fig. 1, A), è uno di quei centri cosiddetti «siculo-greci» di cui si conosce il nome perché tramandato dagli storici di età greca e romana13.

  • 14 In generale sul processo di «romanizzazione» del territorio vd. Sofia 2016.

5Dai risultati delle prime ricerche archeologiche, condotte tra gli anni ’50 e ’60 del secolo scorso, è noto che la città si impiantò nell’area di precedenti insediamenti preistorici del Neolitico Medio e, successivamente, dell’età del Bronzo e della prima età del Ferro. Della città di Abakainon, antico centro indigeno grecizzato e poi romanizzato14, conosciamo, infatti, soltanto l’ubicazione del suo impianto urbanistico e quanto tramandato dalle fonti storico-letterarie, circa la sua esistenza. Il tessuto urbano vero e proprio si dovette sviluppare a nord dell’altura, oggi dominata dal «Castello», nell’attuale frazione Casale, su una vasta area pianeggiante, denominata «Il Piano». Le evidenze archeologiche documentate, benché molto limitate, si riferiscono a una imponente struttura muraria, costituita da filari isodomi di blocchi: probabile sistemazione monumentale di un terrazzamento a monte di un’agorà, nonché a tracce di un quartiere di abitazione risalente al III sec. a.C.

  • 15 Diod., 14, 78, 5-6.

6Secondo Luigi Bernabò Brea, il territorio di Abakainon doveva essere tanto esteso da confinare, una volta scomparsa la vicina città di Longane, col territorio di Messana, il cui limite era segnato dal torrente di Mazzarrà: l’antico Elicòn. In proposito, lo storico Diodoro Siculo15 riferisce che Dionisio I di Siracusa, nel 396 a.C., nel fondare la città di Tindari, dove insedia i mercenari Messeni, tolse ad Abakainon una parte del territorio che doveva, pertanto, estendersi fino alla costa tirrenica.

7La città è storicamente documentata a partire dalla metà del V sec. a.C., quando conia una lunga serie di litrai e hemilitrai d’argento, in concomitanza al collasso della potenza dei Dinomenidi, rappresentando, sia il grado di importanza raggiunto, sia l’avvenuta integrazione nel contesto economico-culturale ellenico. Al pari di altre comunità indigene, Abakainon compare spesso coinvolta nei profondi rivolgimenti politici che tra la fine del V e il III sec. a.C., sconvolsero l’Isola e ridisegnarono i rapporti di forza tra Siracusa e Cartagine. Sempre rivendicando la propria autonomia, la città si guadagnò e mantenne un notevole grado di prosperità, schierandosi ora con l’una ora con l’altra potenza, fintantoché lo sviluppo di Tindari non le farà assumere dimensioni e caratteristiche di un centro urbano secondario.

  • 16 Diod., 14, 90, 1-3.
  • 17 Diod., 19, 110, 3-4.
  • 18 Diod., 19, 65, 6.

8Nel 393 a.C., alleata con Cartagine, la città accoglie Magone, in lotta contro Dionisio I, tiranno di Siracusa16; nel 393-2 a.C., Magone stringe alleanza con i Siculi e si dirige contro Messina; dopodiché si accampa presso l’alleata Abakainon, dove viene attaccato e vinto da Dionisio I. Nel 315 a.C., ancora una volta alleata con Cartagine, la città appoggia Amilcare17, in lotta contro Agatocle, feroce repressore della fazione cittadina a lui avversa18.

  • 19 Diod., 22, 13.
  • 20 Appian., BC, 5, 117, 487.

9Nel 263 a.C., alleata con Siracusa, la città favorisce Ierone II, in lotta contro i Mamertini stanziati a Messana19. Ierone II, nella sua avanzata contro i Mamertini di Messana, dopo aver ottenuto la capitolazione di Halaesa, viene accolto favorevolmente dalla popolazione di Abakainon e Tindari. Intorno al 210 a.C., nel corso della seconda guerra punica (218-201 a.C.), la città, ad opera del proconsole M. Valerio Levino, viene probabilmente classificata come ciuitas decumana nella nuova organizzazione della prouincia Sicilia. Intorno al 131 a.C., una volta conclusa la prima rivolta servile ad opera del proconsole P. Rupilio, Abakainon ritorna ad essere menzionata, in relazione alle guerre civili, come «territorio punico»20, ma sembra, da allora, gradatamente scomparire dalla storia.

Fig. 1 – Abakainon (Tripi). A: ubicazione di Tripi; B: stralcio da I.G.M. con, in alto a destra delimitata in rosso, la necropoli in contrada Cardusa (elaborazione G. Sofia).

Fig. 1 – Abakainon (Tripi). A: ubicazione di Tripi; B: stralcio da I.G.M. con, in alto a destra delimitata in rosso, la necropoli in contrada Cardusa (elaborazione G. Sofia).

La necropoli di età tardo-classica ed ellenistica in contrada Cardusa

  • 21 Coppolino 2009, p. 71.
  • 22 Bacci 2009b, p. 17-30.

10Situata ad est rispetto al proposto insediamento urbano dell’antica Abakainon, oggi a 1000 m circa di distanza, la contrada Cardusa (fig. 1, B) è fra le poche aree esplorate a vocazione funeraria, sicuramente senza soluzione di continuità, dalla fine del IV alla fine/inizi del III/II sec. a.C.21. Nel corso di successive ma non continuative campagne di scavo effettuate a partire dal 1994 fino al 200422 a cura del Servizio Archeologico della Soprintendenza ai Beni Culturali e Ambientali di Messina è stata messa in luce una porzione di un’estesa necropoli di età tardo-classica ed ellenistica che, in mancanza di altri elementi, è possibile mettere in relazione con Abakainon. Gli esiti dell’indagine archeologica, fin qui condotta, forniscono un quadro preliminare in base alle informazioni disponibili, tracciando linee di ricerca che dovranno essere adeguatamente sviluppate con future analisi di dettaglio.

11Sebbene il panorama ricostruito possa essere stato più ricco e articolato di quanto non appaia allo stato attuale, emergono evidenti caratteristiche che sembrano accomunare la necropoli di contrada Cardusa a quella di molti altri centri ellenizzati d’Occidente, laddove si sono potuti stabilire confronti sincronici e ravvisare omogeneità di modelli pur nelle diverse possibilità di realizzazione. Il contesto riflette, nel suo insieme, la volontà evidente di esibire possibilità economica e di ruolo attraverso la forte diversificazione architettonica delle sepolture: dalle soluzioni enfatizzate dei grandi epitymbia, alla semplice fossa, fornita o meno di più tradizionali sistemi di rivestimento e copertura. Costituisce concreta manifestazione di ricchezza e di differenziazione sociale la definizione dei corredi di accompagnamento, magari legata a precise situazioni rituali, la cui qualità ha spesso riflesso un artigianato fortemente ellenizzato e rapporti commerciali di prossimità e ad ampio raggio, tra l’altro evidenziati dalla presenza di numerario riconducibile ad emissioni monetali di diverse zecche siceliote e magnogreche. Si tratta, nello specifico, di una serie di elementi che contribuiscono alla definizione di un panorama generale quanto mai complesso ed articolato e che offrono, pur nell’omogeneità dei caratteri, uno spaccato della nuova fase culturale che caratterizza il processo di evoluzione del costume e di sviluppo politico-sociale tipico dell’età ellenistica.

  • 23 Sofia 2009, p. 75-108; Coppolino – Sofia 2015b, p. 75-80.
  • 24 Coppolino 2009, p. 72-73.

12Dalla seconda metà del IV a tutto il III sec. a.C. la necropoli (fig. 2) di contrada Cardusa testimonia la completa integrazione delle tendenze culturali correnti, sia attraverso le scelte operate in ordine all’edilizia sepolcrale, che alla ritualità funeraria: la prevalenza di una tipologia che predilige soluzioni di certo impegno architettonico, l’alto numero delle incinerazioni rispetto alle inumazioni, l’omologazione dei corredi23, orientano chiaramente in questa direzione e permettono di restituire uno dei momenti più rappresentativi della storia dell’antico centro indigeno, le condizioni di vita e il tipo di mentalità. In termini molto generali il contesto rimanda, nei fatti organizzativi, a quanto succedeva nella città, ovvero al carattere stratificato delle società, la cui gerarchia e potenzialità sembrano attestate, ancora una volta, dal recupero quantitativo e qualitativo del corredo di accompagnamento e dal codice di significati del monumento funerario nella sua valenza rappresentativa o pubblicitaria24.

Fig. 2 – Abakainon (Tripi). La necropoli in contrada Cardusa: panoramica dell’area di scavo (foto autore).

Fig. 2 – Abakainon (Tripi). La necropoli in contrada Cardusa: panoramica dell’area di scavo (foto autore).

Le deposizioni

13Le deposizioni esplorate sono tutte singole, tranne in qualche caso in cui risultano abbinate come nelle sepolture 17/56, 18/42 e 104 a-b, ovvero condividere, oltre il medesimo epitymbion, uno dei lati breve o lungo, delle rispettive casse, litiche o fittili, che contenevano l’inumato o l’incinerato; non si hanno esempi di deposizioni secondarie, esterne o di riutilizzo. La tipologia è quella della fossa terragna in due varianti, priva di rivestimento e/o copertura o provvista di tali elementi, diffusa in tutto il mondo greco ed in quello ellenizzato, con un uso indifferenziato, sia per le inumazioni che per le incinerazioni. Le fosse sono ricavate nell’unico strato che caratterizza il deposito archeologico e si collocano ad una profondità mediamente elevata (1,30/1,60 m), quando provviste di epitymbion, piuttosto limitata (0,60/0,70 m), quando prive di monumentalizzazione. Di solito orientate in senso est-ovest, raramente in senso nord-sud e quasi mai in asse con la struttura architettonica sovrastante, esse presentano dimensioni abbastanza uniformi, oscillanti tra 1,50/2,00 m di lunghezza e 0,50/0,70 m di larghezza. Nel caso, invece, delle incinerazioni secondarie, le dimensioni rispondono, di volta in volta, a quelle del cinerario utilizzato.

14Le fosse senza rivestimento e/o copertura sono semplicemente tagliate nella nuda terra, hanno pareti verticali e pianta generalmente rettangolare con vertici arrotondati, raramente subovoidale, nel caso delle incinerazioni primarie e delle inumazioni; a pareti irregolari e pianta subcircolare o grossolanamente quadrangolare, nel caso delle incinerazioni secondarie. Per quanto riguarda le fosse provviste di rivestimento e/o copertura, in necropoli prevale il tipo a cassa litica o fittile, esclusivamente riservato alle inumazioni, ovvero della fossa terragna regolarmente tagliata e accuratamente rivestita e coperta con blocchi o lastroni di arenaria, appena sbozzati dalla parte esterna, squadrati e lisciati dalla parte interna, ovvero con tegoli rettangolari a bordi rilevati. Del tipo si distinguono alcune varianti: fossa con rivestimento a pietre e copertura a tegoli fittili; fossa priva di rivestimento, ma fornita di copertura variamente realizzata, a tegoli fittili, pietrame o blocchi o lastroni litici.

I riti

15Le pratiche dell’incinerazione e dell’inumazione, riflesso di una ideologia dipendente da distinte concezioni della morte, si riscontrano, nella necropoli in contrada Cardusa, indifferentemente rappresentate sin dalla prima occupazione dell’area e si alternano e coesistono senza una apparente logica nella distribuzione.

  • 25 Fest., Epitome, 32, 4.
  • 26 Diod., 4, 38.

16Il rito funerario prevalente è rappresentato dall’incinerazione, sia nella forma diretta (primaria) che indiretta (secondaria). Nel caso delle incinerazioni primarie si tratta di veri e propri busta, secondo la definizione di Festo25, che evidenziano almeno due delle fasi essenziali del rito: rogo e interramento dei resti in situ, senza ὀστολογία26. La tipologia sepolcrale associata è quella della fossa terragna, di norma senza rivestimento e/o copertura. Il piano deposizionale è costituito da un cavo di forma ellittica, con superficie ad andamento orizzontale, raramente a profilo concavo, spesso perimetrato da un cordolo di argilla. Sul fondo, miste a frustuli di carbone, si evidenziano le ossa calcinate e le ceneri, nonché il corredo di accompagnamento, eccezionalmente unito al defunto all’atto dell’incinerazione, di norma sistemato e/o ritualmente gettato sui resti del rogo ad incinerazione avvenuta. Laddove si siano conservate tracce della disposizione originaria del corpo, il defunto si presenta in posizione supina, con le braccia distese lungo i fianchi o ripiegate all’altezza dello sterno, sovente orientato in senso nord/est-sud/ovest e il capo spesso poggiato su un rialzo artificiale del piano deposizionale, o su una pietra levigata. Le incinerazioni primarie hanno spesso restituito consistenti resti vegetali carbonizzati, relativi alle fascine utilizzate per la pira funebre allestita all’interno della fossa e/o alle assi lignee che, unitamente a chiodi in ferro, costituivano il ferculum, una sorta di barella su cui veniva deposto il defunto. In tal senso, si pone l’eccezionale rinvenimento di un avanzo di legno (sepoltura 112), probabilmente pertinente ad una delle testate del ferculum, che conserva ancora evidenti gli incastri per la collocazione delle traverse. Tra le calcinazioni del rogo si sono spesso rinvenute anche sostanze alimentari carbonizzate, quali ghiande, nocciole, mandorle, comunemente interpretate come parte delle offerte al defunto, ove si escluda una loro pertinenza alle fascine utilizzate per la pira funebre. Nel caso delle incinerazioni secondarie, che attestano anche la fase del rito relativa alla traslazione delle ceneri, dagli ustrina comuni ai luoghi propri del seppellimento, la tipologia sepolcrale associata è quella della fossa terragna: semplice cavità praticata a profondità variabile nello strato archeologico, funzionale alla collocazione dell’urna/cinerario, colmata e sigillata con terra, ovvero protetta da una copertura fittile o litica. Un’eccezione è rappresentata dalla sepoltura 9 che, ricavata nella terra di riempimento tra il secondo e il terzo filare dei blocchi litici dell’epitymbion della sepoltura 9bis, costituisce l’unico caso di riutilizzo di una struttura preesistente.

  • 27 Coppolino – Sofia 2015a, p. 36-40.

17Accanto al prevalente rito dell’incinerazione, l’evidenza archeologica registra, all’interno della necropoli, il contemporaneo affermarsi dell’inumazione. La tipologia sepolcrale associata è quella della fossa terragna nelle due varianti, senza rivestimento e/o copertura o provvista di tali elementi. Il piano deposizionale è sempre costituito da uno strato, compatto e accuratamente livellato, di terra mista a piccolo o medio pietrame. Il defunto, senza una precisa preferenza nell’orientamento, si rinviene in posizione supina, con le braccia distese lungo i fianchi, raramente piegate sul bacino o sullo sterno; le gambe sono di norma distese e i piedi sovente incrociati. Il capo è frequentemente rivolto a nord o a sud, ma non sono rari i casi in cui guarda simbolicamente ad est. L’esistenza di un assito di legno o di una cassa, su/entro cui era deposto il defunto, è provata dal rinvenimento di chiodi in ferro e dalle tracce di fibre legnose che si evidenziano intorno allo scheletro. Il corredo è di norma deposto intorno o sopra l’inumato, senza apparenti costanti nella collocazione, così tra la terra di colmatura della fossa, a testimonianza dell’ultimo atto della cerimonia funebre relativo alla chiusura della sepoltura. Indirettamente documentato è l’uso di una veste funebre o di una stoffa per avvolgere il corpo dell’inumato o per coprirne il volto, in funzione di sudarium. Ciò pare possibile dal rinvenimento e dal tipo di giacitura di una serie di piccole lamine in oro, conformate «a rosetta», spesso fornite di speciali agganci per la loro applicazione27.

Considerazioni di sintesi sui corredi di accompagnamento

  • 28 Sofia 2009, p. 75-108; Coppolino – Sofia 2015b, p. 75-86.

18Il complesso degli oggetti che rappresenta il cosiddetto «corredo di accompagnamento» del defunto all’ultima dimora, rappresenta per la necropoli in contrada Cardusa un dato fondamentale28. Più in generale, esso rimanda a precisi aspetti dell’ideologia funeraria, del culto e delle credenze escatologiche, restituendo, attraverso un articolato e peculiare panorama della «cultura materiale», testimonianze eloquenti sulla vita, lo status e l’economia, le mode e la cultura della società abacenina. Al di là del significato e della sacralità che gli si attribuisce, i corredi appartengono, per classe e produzione, ad un repertorio consuetudinario, ampiamente documentato in età ellenistica, nell’area dello Stretto e del basso Tirreno, tra Cefalù, le Isole Eolie e Siracusa. La loro composizione formale, nel contribuire spesso a stabilire il livello sociale del defunto, il sesso e l’età, il ruolo o il prestigio della committenza, allude e si riconnette all’esperienza terrena, simbolicamente perpetuata nell’aldilà. In tal senso, si pone la numerosa documentazione di vasellame ceramico, ma anche di oggetti in oro, in bronzo, in ferro e in piombo, che rispecchiano, sia le condizioni e il carattere delle produzioni locali, sia gli esiti e la natura dei rapporti commerciali.

19Dai corredi funerari è, quindi, possibile valutare la vitalità dell’artigianato abacenino, la qualità d’esecuzione e la ricchezza di temi e di decorazioni, ovvero i modi e i tempi di acculturazione, il livello di assimilazione della tradizione greca, l’originalità tecnico-formale della produzione ceramica, coroplastica, metallurgica e lapidea, sia essa locale e/o del territorio più prossimo.

Per una tipologia degli epitymbia

  • 29 Non è del tutto da escludere che il continuo scivolamento del pendio e/o la rioccupazione dell’are (...)
  • 30 La prima proposta di classificazione degli epitymbia della necropoli in contrada Cardusa, ormai ab (...)
  • 31 Coppolino 2009, p. 41 con nota 19. Si precisa, in proposito, che non c’è alcun rapporto di progres (...)
  • 32 La scelta del luogo in cui impiantare la necropoli potrebbe essere dipesa, in origine, dalla possi (...)

20I monumenti in pietra arenaria, cavata sul posto, o epitymbia, che sormontano le deposizioni vere e proprie, spesso assai ben conservati sotto gli stati di detrito, costituiscono la caratteristica più rilevante di questo settore della necropoli. A parte un numero relativamente limitato di sepolture, apparentemente prive di alcuna sovrastruttura (allo stato attuale della ricerca29, su un totale di 152 sepolture, soltanto 51 non appaiono monumentalizzate), il 65% sul totale delle sepolture censite si presenta diversificato da sistemi di soluzioni edilizie che, per la loro articolazione architettonica, fanno pensare a veri e propri monumenti funerari. In tal senso la documentazione a disposizione permette di proporre una prima e provvisoria classificazione30, procedendo dai tipi più elementari a quelli più complessi31, che andrà tuttavia completata con future auspicabili scoperte. Tutti i tipi identificati (A-F) li accomuna il medesimo principio costruttivo e/o ideologico, dal materiale impiegato, blocchi parallelepipedi in pietra arenaria, estratta direttamente dal pendio del Monte Sceti32, grossolanamente sbozzati o regolarmente squadrati, lisciati o specchiati alla subbia, all’architettura della struttura fondamentale, un basamento seminterrato, impostato sulle quote antiche dei terrazzi della collina, su cui insiste un elevato variamente strutturato e dimensionato ma in ogni modo «a profilo gradonato».

Tipo A, basamento a forma parallelepipeda/subcilindrica (fig. 3)

21L’identificazione del tipo si basa sulla documentazione offerta da un totale di 18 sepolture. Il basamento, mai conservato oltre, è a pianta rettangolare/subcircolare, costituito da una muratura in pietre, di medie e piccole dimensioni, squadrate in facciavista e allettate a secco. In alcuni casi, un elemento troncopiramidale o cilindrico, ricavato da un blocco di arenaria, sormonta, in posizione eccentrica, il basamento con funzione di sema (fig. 4).

Fig. 3 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo A (da Sofia 2017a, p. 93, fig. 13).

Fig. 3 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo A (da Sofia 2017a, p. 93, fig. 13).

Fig. 4 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo A (da Sofia 2017a, p. 94, fig. 14).

Fig. 4 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo A (da Sofia 2017a, p. 94, fig. 14).

Tipo B, basamento con dado portastele (figg. 5-7)

  • 33 Sofia 2017a, p. 41-42.
  • 34 Il dado portastele presente in necropoli, ascrivibile alla sepoltura 155, è frammentario. Misure: (...)

22L’identificazione del tipo si basa sulla documentazione offerta da un totale di 31 sepolture. Il basamento è a pianta quadrangolare, costituito da due o tre blocchi, giustapposti e aggrappati in piombo, su cui insiste un blocco cubiforme, spesso imperniato ad un elemento in ferro, vero e proprio dado, variamente dimensionato, ad angoli vivi e superfici lisciate o specchiate alla subbia. Quand’è funzionale a reggere una stele, completa o meno dell’indicazione epigrafica del defunto, il dado è provvisto, sulla faccia superiore, di un giusto incastro sigillato in piombo. Recenti elementi acquisiti dallo scrivente33 nella necropoli hanno permesso di isolare, per lo stesso tipo B, una seconda variante tipologica il cui dado portastele (blocco cubiforme), ad angoli vivi e superfici lisciate, si presenta «a profilo gradonato»34 (fig. 8).

Fig. 5 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo B (da Sofia 2017a, p. 95, fig. 15).

Fig. 5 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo B (da Sofia 2017a, p. 95, fig. 15).

Fig. 6 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo B (da Coppolino 2009, p. 49, Tav. VIII).

Fig. 6 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo B (da Coppolino 2009, p. 49, Tav. VIII).

Fig. 7 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo B (da Bacci 2009c, p. 110, Tav. XXXIII b).

Fig. 7 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo B (da Bacci 2009c, p. 110, Tav. XXXIII b).

Fig. 8 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo B (da Sofia 2017a, p. 96, fig. 16).

Fig. 8 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo B (da Sofia 2017a, p. 96, fig. 16).

Tipo C, basamento con elevato a forma di «piramide gradonata» e dado portastele/colonna

  • 35 Sofia 2017a, p. 42-44.
  • 36 L’elemento architettonico recuperato in necropoli è frammentario. Misure: H. cm 29,5; lungh. cm 70 (...)
  • 37 L’elemento architettonico recuperato in necropoli è frammentario. Misure: H. cm 32; lungh. cm 104; (...)

23L’identificazione del tipo si basa sulla documentazione offerta da un totale di 34 sepolture. Il basamento è a pianta quadrangolare/rettangolare, costituito da una serie di blocchi, giustapposti e aggrappati in piombo, su cui insiste un elevato, anch’esso in blocchi, giustapposti su più livelli e aggrappati in piombo, a forma di «piramide gradonata». Corona l’edificio un blocco cubiforme – prima variante (fig. 9) –, raramente due affiancati – seconda variante – (figg. 10-11), spesso imperniato ad un elemento in ferro, vero e proprio dado, completo o meno dell’indicazione epigrafica del defunto (le iscrizioni possono anche essere presenti in entrambi i dadi della seconda variante), variamente dimensionato, ad angoli vivi o elegantemente modanati con cornici aggettanti o lesene, continue o spezzate, superfici lisciate o specchiate alla subbia, in alcuni casi funzionale a reggere una stele, anepigrafe nei casi documentati, sigillata in piombo, o una colonna a fusto scanalato e simbolicamente mancante del capitello. Sempre alla luce di recenti osservazioni condotte dallo scrivente35 nella necropoli è stato possibile individuare due ulteriori elementi apicali, sporadici, lavorati entrambi in un unico blocco, ma molto probabilmente riconducibili al tipo C, qualora si escluda una loro appartenenza al tipo F. Il primo elemento architettonico individuato è interpretabile come relativo al coronamento dell’edificio; è di forma rettangolare36 – presumibile terza variante del tipo C – (fig. 12), ad angoli elegantemente modanati con cornici aggettanti continue e superfici lisciate; sul piano superiore sono presenti due incavi di alloggiamento di forma circolare che evidenziano la presenza di due colonne, appaiate per modulo e molto ravvicinate tra loro, che dovevano adornare il lato frontale dell’edificio. Il secondo elemento architettonico individuato è anch’esso interpretabile come relativo al coronamento dell’edificio; è di forma ad L37 – presumibile quarta variante del tipo C – (fig. 13), ad angoli elegantemente modanati con cornici aggettanti continue e superfici lisciate; sul piano superiore sono presenti due incavi di alloggiamento di forma circolare che evidenziano la presenza di due colonne, questa volta però differenti per modulo e molto ravvicinate tra loro, che dovevano adornare il lato esterno/angolare del prospetto principale dell’edificio (in questo caso, in particolare, ritengo che nel medesimo epitymbion sia plausibile postulare la presenza di un secondo elemento architettonico, identico e speculare al primo, collocato nell’angolo opposto). Una ulteriore ipotesi di lettura potrebbe far pensare ad un unico edificio, dalla pianta aperta, più complesso ed articolato (un’unica terza variante, quindi, del tipo C che annullerebbe, inglobandole in un unico insieme architettonico, le presunte due varianti precedentemente considerate – denominate terza e quarta): saremmo così di fronte ad un prospetto dal carattere spiccatamente «monumentale» che prevede due elementi architettonici esterni e/o angolari (di forma ad L) identici e speculari tra loro ed uno centrale (di forma rettangolare).

Fig. 9 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo C (da Sofia 2017a, p. 97, fig. 17).

Fig. 9 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo C (da Sofia 2017a, p. 97, fig. 17).

Fig. 10 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo C (da Sofia 2017a, p. 98, fig. 18).

Fig. 10 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo C (da Sofia 2017a, p. 98, fig. 18).

Fig. 11 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo C (da Coppolino 2009, p. 44, fig. 26).

Fig. 11 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo C (da Coppolino 2009, p. 44, fig. 26).

Fig. 12 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo C (da Sofia 2017a, p. 99, fig. 19).

Fig. 12 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo C (da Sofia 2017a, p. 99, fig. 19).

Fig. 13 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo C (da Sofia 2017a, p. 100, fig. 20).

Fig. 13 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo C (da Sofia 2017a, p. 100, fig. 20).

Tipo D, basamento con elevato a forma parallelepipeda ed emplecton (figg. 14-16)

24L’identificazione del tipo si basa sulla documentazione offerta da un totale di 14 sepolture. Il basamento è a pianta quadrangolare/rettangolare, costituito da una serie di blocchi, giustapposti e aggrappati in piombo, su cui insiste un elevato, apparentemente privo di ulteriore coronamento, anch’esso in blocchi, disposti di taglio e aggrappati in piombo, in modo da creare una sorta di paramento per un emplecton di terra.

Fig. 14 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo D (da Sofia 2017a, p. 101, fig. 21).

Fig. 14 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo D (da Sofia 2017a, p. 101, fig. 21).

Fig. 15 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo D (da Sofia 2017a, p. 102, fig. 22).

Fig. 15 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo D (da Sofia 2017a, p. 102, fig. 22).

Fig. 16 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo D (da Bacci 2009c, p. 116, fig. 76).

Fig. 16 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo D (da Bacci 2009c, p. 116, fig. 76).

Tipo E, basamento con elevato architettonico a forma parallelepipeda

25L’identificazione del tipo si basa sulla documentazione offerta da un totale di 2 sepolture (figg. 17-18). Il basamento è a pianta quadrangolare, costituito da una serie di blocchi giustapposti e aggrappati in piombo, su cui insiste un elevato, apparentemente privo di ulteriore coronamento, anch’esso in blocchi, disposti di taglio e aggrappati in piombo, in mondo da creare una sorta di paramento per uno spazio destinato alla ritualità post mortem, variamente decorati, dalla parte del prospetto, da soluzioni architettoniche, archi aggettanti, ciechi o passanti; lesene e cornici.

Fig. 17 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo E (da Sofia 2017a, p. 103, fig. 23).

Fig. 17 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo E (da Sofia 2017a, p. 103, fig. 23).

Fig. 18 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo E (da Sofia 2017a, p. 104, fig. 24).

Fig. 18 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo E (da Sofia 2017a, p. 104, fig. 24).

Tipo F, basamento con elevato architettonico a forma di naiskos

  • 38 Per una ipotesi di ricostruzione si rimanda a: Knechtel 2018, p. 375-380.

26L’identificazione del tipo si basa sulla documentazione offerta da una serie di elementi struttivi, chiaramente architettonici, che costituiscono un poderoso crollo (fig. 19), ancora in situ, la cui appartenenza ad uno o più edifici organizzati a naiskos38 (fig. 20), elevati probabilmente su strutture «a piramide gradonata» di tipo C, è garantita dalla tipologia stessa degli architettonici: colonne scanalate (fig. 21), variamente dimensionate; tratti di trabeazione, decorati con motivi a triglifi (fig. 22); ante con semicolonne in facciata (fig. 23); lastre con particolari incastri e sagomature, riferibili a pareti e a tetti displuviati.

Fig. 19 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: crollo monumentale (foto autore).

Fig. 19 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: crollo monumentale (foto autore).

Fig. 20 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: Naiskos, restituzione grafica M. Knechtel (da Coppolino – Sofia 2015a, p. 43, fig. 18).

Fig. 20 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: Naiskos, restituzione grafica M. Knechtel (da Coppolino – Sofia 2015a, p. 43, fig. 18).

Fig. 21 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: dal crollo monumentale, colonna con raffigurazione di una lancia tra le scanalature (foto autore). 

Fig. 21 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: dal crollo monumentale, colonna con raffigurazione di una lancia tra le scanalature (foto autore). 

Fig. 22 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: dal crollo monumentale, trabeazione di tipo dorico (foto autore).

Fig. 22 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: dal crollo monumentale, trabeazione di tipo dorico (foto autore).

Fig. 23 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: dal crollo monumentale, anta con semicolonna (foto autore).

Fig. 23 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: dal crollo monumentale, anta con semicolonna (foto autore).
  • 39 Sofia 2017a, p. 46 con ampia bibliografia di riferimento.

27È ragionevole, inoltre, supporre che nella necropoli in contrada Cardusa fossero anche in uso semata fittili, quali indicatori della sottostante deposizione, soluzioni meno monumentali e di carattere marcatamente più «povero» rispetto a quelle rappresentate dagli epitymbia39.

  • 40 Coppolino – Sofia 2015c, p. 157-163. Ma soprattutto per uno studio generale e aggiornato su tutte (...)

28Il lato frontale degli epitymbia presenti in necropoli è talvolta qualificato dalla presenza di una iscrizione recante il nome del defunto al caso genitivo o dativo, che può essere collocata sia sulla stele che sul dado portastele40. L’apparente «anonimato» delle sepolture, in una situazione di affollamento e/o di sovrapposizione, doveva sicuramente essere evitato dall’uso, pur non generalizzato, di epigrafi funerarie recanti il nome del defunto, che si sono rinvenute in connessione strutturale agli epitymbia di tipo B e C, raramente sparse nell’area necropolare, anch’esse rispondenti a forme e tecniche di caratterizzazione culturalmente greca, così come l’impianto architettonico generale, la ritualità e la cultura materiale.

Studio comparativo del paesaggio funerario «monumentale» in contrada Cardusa con altre necropoli in Sicilia

  • 41 Per uno studio comparativo della necropoli in contrada Cardusa con altre necropoli siciliane vd. S (...)
  • 42 Per la citazione vd.: Bacci 2009c, p. 109 con nota 213. Per esempi di effettiva monumentalità ed i (...)

29Il complesso di contrada Cardusa costituisce probabilmente l’esempio più conservato di necropoli monumentale di età tardo-classica ed ellenistica che oggi si conosca in Sicilia41: «l’uso del termine “monumentale” da noi spesso usato deve essere inteso, almeno nella maggior parte dei casi, in senso relativo, rapportato al panorama locale e tutt’al più siciliano»42.

  • 43 Sulla problematica dei semata sepolcrali in epoca arcaica e proto-classica, vd. Pelagatti – Vallet (...)
  • 44 Libertini 1947, p. 305, fig. 21. Cfr. anche il tipo I, a semplice mucchio di pietre, della classif (...)
  • 45 Bacci 2009c, p. 110 con ampia bibliografia di riferimento.

30Il tipo A raggruppa tipologie molto semplici di segnacolo fuori terra che probabilmente tramandano forme in uso fin dall’età arcaica, e che qui si sono mantenute abbastanza riconoscibili per le particolari condizioni di conservazione della necropoli43. Nella variante maggiormente «strutturata», a pianta rettangolare in muratura di pietre a secco, il tipo costituisce una versione povera di costruzioni rinvenute a Centuripe, forse originariamente intonacate44. Il tipo è sicuramente testimoniato nel corso del III secolo a.C.45.

  • 46 Orsi 1897, p. 471 ss., figg. 5-6, di IV sec. a.C. dal Fusco; Orsi 1920, p. 321-326, tombe con corr (...)
  • 47 Lanza 1990, p. 105, t. 1159.
  • 48 Si veda: Bernabò Brea – Cavalier 1991, p. 147-152, tavv. CXXII-CXXV; Bernabò Brea – Cavalier 1994, (...)
  • 49 Bacci – Spigo 1997-1998, p. 345. In ultimo Bacci 2009c, p. 110-111 con ampia bibliografia di rifer (...)

31Il tipo B è il più semplice tra le forme di maggiore impegno costruttivo, probabilmente molto diffuso nelle necropoli siciliane, ma la cui identificazione è spesso incerta per i motivi sopra elencati: a Siracusa viene segnalato nelle necropoli del Fusco e del Canalicchio46 ed è presente a Camarina nel IV sec. a.C.47. Forme simili sono largamente documentate nella necropoli di Lipari dall’età arcaica a quella romana, dove le diverse varianti riscontrabili nella tipologia dei cippi, dei plinti e delle stelai, possono essere differenziate cronologicamente48. Ad Abakainon è presente almeno a partire dagli ultimi decenni del IV sec. a.C., come ci attesta il corredo della sepoltura 17 con vasi a figure rosse, fino a, probabilmente, tutto il III sec. a.C. come ci attestano i ricchi corredi delle sepolture 20 e 6049.

  • 50 La Rocca 1988, p. 21-22.
  • 51 Si deve a D. Adamesteanu, in relazione alla necropoli di Butera, il merito di avere per la prima v (...)
  • 52 De Miro 1989, p. 248-250, fig. 13, 15-17.
  • 53 Vassallo 2017, p. 171.
  • 54 Bacci 2009c, p. 112 con nota 223 per la bibliografia di riferimento.
  • 55 Basile 1993-1994, p. 1319, tav. CC, fig. I.
  • 56 Rizza 1955, p. 289-340.
  • 57 Orsi 1907, p. 492-493; Libertini 1947, p. 304 ss., fig. 22.
  • 58 Scibona 1992, p. 33. Per un panorama delle ricerche archeologiche urbane in generale vd.: Bacci – (...)
  • 59 Adamesteanu 1958a, p. 40 ss.; Adamesteanu 1958b, coll. 207-576.
  • 60 Pancucci 1984-1985, p. 637-639.
  • 61 Tullio 1980, p. 83-88; Tullio 1990, p. 429-430: il nostro tipo C corrisponde al tipo IV.
  • 62 Bechtold 1999, tipo II, p. 44-46.
  • 63 Del tipo illustrato in Libertini 1947, fig. 24. Inoltre Adamesteanu 1958b, sep. I e X.
  • 64 Bacci – Spigo 1997-1998, p. 340-344.
  • 65 Libertini 1947, p. 306-307, fig. 23, a-b, 24.
  • 66 Bacci – Spigo 1997-1998, p. 340.
  • 67 Breccia 1912, tav. XVII, 17-18. Su un’influenza, anche diretta, della cultura alessandrina sui cen (...)
  • 68 Bonacasa 1999, p. 263-264.

32Il tipo C, nella forma più semplice, con cornici modanate, è presente in Grecia dalla prima metà del V sec. a.C.: l’esempio più conosciuto è il monumento funebre di Pitagora di Selimbria nel Ceramico di Atene, caratterizzato da una attenta ricerca di proporzioni armoniche tra le parti, che risponde a precisi moduli matematici50. Per quanto riguarda la sua presenza in Sicilia, Diodoro Siculo parlando della sua città natale, Agyrion, ricorda la grande diffusione di un nuovo tipo di sepolcri a piramide gradonata da parte di gente arrivata dalla Grecia all’epoca di Timoleonte51. Tuttavia il tipo è attestato ad Agrigento già intorno alla prima metà del V sec. a.C.52; nel paesaggio funerario coloniale di Himera è stato individuato e classificato il tipo V che comprende i segnacoli più complessi e d’aspetto «monumentale» che sembrano anticipare, appunto, i caratteristici epitymbia a gradoni: in questo tipo veniva costruita, sulla tomba, una struttura rettangolare con blocchi di pietra, anche a più livelli, di cui si è conservata traccia solo in casi sporadici53. Forme simili sono diffuse in tutta la Sicilia tra il IV ed il III-II sec. a.C.54: a Siracusa nella necropoli del Fusco55, a Lentini nella necropoli della valle S. Mauro56, a Centuripe57. Di recente nell’area dello Stretto basamenti a piramide gradonata sono stati riscontrati nella grande necropoli degli Orti della Maddalena a Messina58: si tratta di esempi conservati in maniera incompleta a causa dell’intenso sfruttamento dell’area, databili al III-II sec. a.C. Uno dei complessi più noti, ben datato all’età timoleontea è stato messo in luce a Piano della Fiera presso Butera59. Nella Sicilia centro occidentale resti di monumenti a gradoni si sono rinvenuti presso Caltavuturo, datati tra III e II sec. a.C.60, e a Cefalù61. Nella Sicilia punica forme simili, almeno nell’impostazione del basamento gradonato, si riscontrano a Marsala, dove sono spesso sormontati da edicole, ed a Lilibeo62. Si osserva che nei casi citati si tratta sempre di elementi architettonici intonacati e dipinti, spesso con effetti di vera e propria policromia, sia che si tratti di strutture realizzate in muratura che di costruzioni in blocchi come a Lentini, mentre a Tripi si preferisce l’effetto estetico della fine pietra grigia locale accuratamente rifinita e lasciata a vista. La stele può essere sostituita da una colonnina a fusto scanalato di cui rimane l’impronta sul plinto, nessuna delle quali, fino ad oggi, è stata rinvenuta in situ, e apparentemente sempre priva di capitello: esempi di colonnine prive di capitello sembrano riscontrarsi nelle necropoli di Centuripe e di Butera63. Il tipo è presente nei primi decenni del III sec. a.C., come ci attesta la sepoltura 13 con ceramica a figure rosse tarde, mentre la sepoltura 10 si data entro la prima metà del III sec. a.C.64. Il sottotipo caratterizzato da basamento rettangolare invece che quadrangolare, sormontato da due plinti portastele, sempre modanati e sempre sormontati da una colonnina priva di capitello, o da una stele, pone alcuni problemi. La sepoltura 50/51, l’unica ad oggi esplorata, ha restituito una sola deposizione contenente una incinerazione secondaria. Gli altri esemplari individuati, le sepolture 69/70 e 80, presentano invece iscrizioni nominali su entrambi i plinti. In ambiente siciliano gli unici confronti sembrano rappresentati da alcuni monumenti a gradoni di Centuripe, in muratura o blocchi, a pianta rettangolare e con due plinti modanati sormontati da colonnine65. La sepoltura 50/51, una delle più grandi e delle più antiche della necropoli, dimostra che il tipo e la variante esistono già nella seconda metà del IV secolo a.C.66. In queste forme maggiormente articolate spesso raffinate nella definizione delle partiture, si è voluto vedere un riflesso delle contemporanee necropoli alessandrine, come quella di Sciatbi in uso tra la fine del IV e parte del III sec. a.C.67, mentre altri autori insistono maggiormente su una presenza largamente diffusa in area mediterranea, documentata anche in Africa occidentale68.

  • 69 Libertini 1947, p. 305, fig. 23 c.
  • 70 Bacci – Spigo 1997-1998, p. 340. Vd. anche Bacci 2009c, p. 115.

33Il tipo D costituisce oggi il gruppo di più incerta definizione perché non siamo in grado di ricostruire lo sviluppo in elevato, ad eccezione della sepoltura 12 (fig. 16) che reca traccia di un coronamento a doppio spiovente, del quale rimane un blocco lavorato a timpano liscio appena sporgente sui lati lunghi del monumento. Allo stato attuale il gruppo comprende alcuni monumenti a forma di parallelepipedo poggiante su un basamento abbastanza sviluppato in altezza, probabilmente in origine sormontato da segnacoli di cui non rimane traccia. Questi monumenti sembrano richiamare confronti di carattere eterogeneo, da tipologie di tradizione classica, ancora presenti sulla ceramica italiota figurata, ad imitazioni di sarcofagi con copertura a timpano (come nel caso della sepoltura 12), a forme presenti in altre necropoli coeve, come quelle centuripine69. Uno degli esemplari più cospicui, la sepoltura 52, appartiene ancora alla seconda metà del IV secolo a.C.70.

  • 71 Il tipo è largamente rappresentato a Lipari con caratteri peculiari: Bernabò Brea – Cavalier 1965, (...)
  • 72 Lauter 1999, p. 62.
  • 73 Lippolis 2006, p. 221-225: nell’adozione dell’arco nella struttura di alcune tombe ipogee di Taran (...)
  • 74 Bacci 2009c, p. 116-117.

34Il tipo E è rappresentato da due soli esemplari non esplorati, la cui interpretazione come epitymbia è ipotetica, ma rimane tuttavia assai probabile. La sepoltura 137 (fig. 17) sembra possedere una copertura a spioventi di cui resta un frammento di acroterio angolare a voluta, mentre la sepoltura 146 (fig. 18) doveva presentare una copertura costituita da lastroni appoggiati di piatto, oggi mancanti, incassati nelle pareti laterali e sostenuti da un tramezzo centrale, senza traccia apparente di spioventi o timpano, la cui presenza non si può peraltro escludere. Il tipo, caratterizzato sul lato lungo nord/ovest da una insolita facciavista «a giorno», razionalizza l’esigenza di definire, proteggere e nel contempo monumentalizzare l’area in cui venivano periodicamente officiati i riti e deposte le offerte sopra la tomba. Per alcuni aspetti può ricordare i sarcofagi monumentali con copertura a doppio spiovente e timpano sui lati brevi ad imitazione dell’architettura templare, talvolta con indicazione a rilievo del colonnato, abbastanza diffusi anche in ambito siciliano fin dal V sec. a.C.71, qui reinterpretati non come sepoltura ma come sema fuori terra. La decorazione riprende elementi e forme della grande architettura, fra i quali spicca per novità ed interesse la presenza di archetti passanti alternati, nella raffinata sepoltura 146 (fig. 18), a nicchie cieche. Una indicazione suggestiva ci viene da H. Lauter il quale, ricordando come l’arco e la volta nell’architettura ellenistica vengano utilizzati in prevalenza nella costruzione di porte monumentali, ma anche di tombe e di altre strutture ipogeiche, individua una possibile connotazione simbolica dell’arco legata ai concetti di tomba e di porta, nel nostro caso passaggio verso lo spazio sacro dei defunti, ai quali sono destinate le offerte72. Questa forma trova alcune applicazioni in ambito italico e magno-greco in casi in cui si desideri evidenziare il prestigio della sepoltura con l’adozione di modelli architettonici innovativi, e sottolineare il valore monumentale e simbolico di un passaggio73. Gli archetti di Tripi, non costruiti ma intagliati, e tuttavia disposti in sequenza ed inquadrati da lesene con evidente volontà di nobilitazione del monumento, testimoniano la precoce recezione a livello iconografico e, forse, simbolico di questa forma architettonica. I due monumenti, considerato il complesso della necropoli, non dovrebbero essere più recenti della fine del III sec. a.C., affiancandosi ai pochi esemplari di archi e volte noti nella Sicilia ellenistica, sia nell’architettura domestica che in quella monumentale74.

  • 75 Lohmann 1979, tav. 21,2,23, ecc.; Trendall – Cambitoglou 1982, tav. 161 ss.: «Late Apulian».
  • 76 Fedak 1990, p. 19-21 tipo K: tomba a tempio, e p. 102 ss.: tombe a tempio su podio in Grecia duran (...)
  • 77 Come in Gentili 1967-1968, p. 12-32, tav. IV,I; Bernabò Brea 1956, p. 138-139, tav. XXVI, 6-7: blo (...)

35Come si è detto, infine, la presenza di membrature architettoniche rinvenute sopra tre ampi basamenti a piramide gradonata apparentemente riferibili al tipo C fa supporre l’esistenza di almeno un monumento a naiskos nell’ambito della necropoli, che classifichiamo come tipo F. La presenza di elementi architettonici distinti, quali tratti di trabeazione dorica, un’anta con semicolonna, fusti di colonne, cornici e basamenti modanati, ecc. ci assicura che, con tutta probabilità, si tratta di un vero e proprio piccolo edificio, che provvisoriamente pensiamo sormontare un basamento a gradoni simile a quello degli epitymbia di tipo C. Peraltro la presenza di almeno due moduli diversi di fregio dorico e di più moduli di colonne rende probabile la presenza, nell’area, di più naiskoi. Si tratta, purtroppo, di una delle zone più danneggiate della necropoli soprattutto per l’incidenza di una casetta agricola, in parte demolita, e molti elementi architettonici sono sicuramente mancanti. In una delle colonne del crollo è visibile l’unico elemento scultoreo figurato della necropoli, una lancia scolpita (fig. 21) per lungo in rilievo all’interno di una scanalatura, a sottolineare il prestigio della deposizione. La sepoltura 9, l’unica esplorata fra quelle sottostanti il crollo, ha restituito inoltre un fodero di spada in ferro rinvenuto sui gradini del basamento suggerendo che almeno una delle deposizioni (una tomba ad inumazione nella posizione consueta sotto il basamento gradonato, ed una incinerazione inserita nel più alto filare di blocchi) si riferisse ad un guerriero di alto rango: in contrasto con la sostanziale rarità della presenza di armi nelle necropoli siceliote, sembra inevitabile il richiamo alle panoplie raffigurate in rapporto a naiskoi, frequenti sui vasi italioti a soggetto funerario soprattutto in area campana ed apula75. Ci limitiamo ad osservare che in questo caso ci troviamo probabilmente di fronte ad un esempio effettivo di architettura monumentale, anche se di dimensioni modeste. Forme spesso grandiose di tombe «a tempio» su podio sono testimoniate in Grecia fin dall’età tardo-classica ed in tutto il mondo ellenistico76. Le necropoli siciliane restituiscono diffusamente testimonianze assai frammentarie dell’esistenza di monumenti funerari a naiskos, mentre sono documentate fin dall’età tardo-arcaica, come a Gela, raffigurazioni «ridotte» di tempietti, quali edicole o coronamenti di epitymbia77. Gli unici elementi di datazione ci vengono dalla sepoltura 9-9bis, la cui connessione con il naiskos resta comunque da accertare: l’inumazione 9bis, che è la sepoltura più antica, sembra potersi datare ancora verso gli ultimi decenni del IV sec. a.C., mentre la sepoltura più recente, caratterizzata da un’urna in terracotta di tipo centuripino, si dovrebbe collocare entro il III secolo a.C. È stato realizzato, di recente, un rilievo fotogrammetrico del crollo: quasi tutti gli elementi sono stati lasciati in situ in attesa di poter effettuare uno studio architettonico ed una eventuale anastilosi del monumento.

Prime considerazioni per un confronto tipologico tra gli epitymbia della necropoli in contrada Cardusa e le raffigurazioni di monumentini funerari rappresentati nella ceramica italiota

36La necropoli di Abakainon è, a mio avviso, il contesto più idoneo per stabilire dei confronti tra i tipi monumentali presenti nell’area necropolare ed alcuni monumentini funerari raffigurati nella ceramica italiota. A seguire si segnaleranno soltanto, in via del tutto preliminare, alcuni esempi significativi già osservati dallo scrivente in altra sede.

  • 78 Bacci 2009c, p. 111-115 con tutti i necessari richiami bibliografici precedenti.
  • 79 Ad esempio Trendall 1967, tav. 56 n. 572 di fabbrica lucana: monumento confrontabile col tipo D, t (...)

37Raffigurazioni di monumenti funerari appaiono già sulle lekythoi attiche a fondo bianco del V sec. a.C. 78. Nella ceramica italiota del IV sec. a.C. sono raffigurati di frequente cippi e stelai affini agli esemplari del nostro tipo B, non necessariamente riferibili a soggetti funerari, ma compaiono soprattutto nella produzione campana ed apula, anche forme confrontabili con gli epitymbia gradonati del tipo C ed alti basamenti sormontati da semata diversi, quali pilastrini, vasi, statue ecc., che si possono avvicinare ai monumenti di tipo D79.

  • 80 Per i riferimenti bibliografici, vd. Pontrandolfo et al. 1988, p. 181-202.

38Pochi temi della ceramica italiota a figure rosse sono stati oggetto di interesse, a partire dall’800, quanto quello delle raffigurazioni di scene funerarie. In tali studi l’attenzione si focalizzava essenzialmente o sulla tipologia dei monumenti come documento di una realtà archeologica perduta, o sulla ricerca di modelli da cui tali rappresentazioni sarebbero derivate, o ancora sui possibili significati, anche escatologici, che le scene con monumenti potevano assumere. La raccolta più completa di questo materiale si deve di recente al Lohmann che, nella sua classificazione, organizzata per grandi ambiti di produzione, secondo la sistemazione del Trendall, si sofferma essenzialmente sui monumenti con statue e sui naiskoi80.

  • 81 Pontrandolfo et al. 1988, p. 184.
  • 82 Pontrandolfo et al. 1988, p. 184-185.

39Cominciamo dall’epitymbion di tipo B. Qualche significativo confronto per questo tipo è riscontrabile nella raffigurazione di un’anfora apula, Inv. 81744, del Museo Archeologico Nazionale di Napoli e in un’altra raffigurazione su un’anfora apula, Inv. 423, custodita a Milano, Coll. H.A.81: nello schema figurativo di queste due raffigurazioni si evidenzia la stele come semplice rappresentazione della tomba e del rituale intorno ad essa; dapprima i ceramisti sembrano ricalcare i modelli propri della ceramica attica della seconda metà del V secolo a.C. nella rappresentazione della stele sormontata dalla palmetta o dal pilastro o dalla colonna, sia con capitello dorico che con capitello ionico. Una somiglianza notevole con la seconda variante del tipo B (fig. 8) si riscontra, ad esempio, in altre due raffigurazioni rispettivamente presenti in un’anfora apula, Inv. 315, custodita a Milano, Coll. H.A. e in un’hydria, Inv. SA 389, del Museo Archeologico Nazionale di Napoli; in questa seconda raffigurazione, in particolare, si evidenzia la nuova tendenza che vede comparire dal 380 sec. a.C., con sempre maggiore frequenza, crateri ed hydriai alla sommità di questi monumenti82.

  • 83 Pontrandolfo et al. 1988, p. 190.

40Per il profilo del monumento a «piramide gradonata» del Tipo C suggerisco, in particolare, la raffigurazione in un’anfora apula, custodita al Museo Archeologico Nazionale di Napoli, Inv. 82138. Questa anfora è particolarmente significativa perché alla rappresentazione del tumulo associa, sul lato principale, un monumento funebre costituito da una stele sormontata da un’hydria e sorretta da un plinto su gradini. Sul plinto siede un giovane nudo con bastone e corona, isolato dagli altri personaggi, che leggiamo come il «morto vivente»83. Si riproduce così, nell’immaginario figurativo dell’Italia meridionale, ma attraverso altri percorsi, uno schema simile a quello delle lekythoi attiche.

  • 84 Pontrandolfo et al. 1988, p. 189-190.

41La forma del monumento di Tipo D è richiamata, ad esempio, nel monumento raffigurato nell’hydria lucana, custodita presso il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, Inv. 81836. Nella raffigurazione è presente un plinto sorretto da uno zoccolo ampio e basso, al di sopra è collocato un vaso piriforme, senza anse e con coperchio, che non corrisponde a forme ceramiche note, ma trova confronto con un esemplare di carparo stuccato, rinvenuto nelle necropoli tarantine e ritenuto un sema84.

  • 85 Pontrandolfo et al. 1988, p. 192-193.

42Concludiamo i confronti con il tipo E. Per questo tipo di monumento «epitymbion/struttura aperta-contenitore» propongo un confronto con la raffigurazione di un’anfora lucana custodita presso lo Staatliche Museen di Schwerin, Inv. 703. L’anfora, del Pittore del Primato, raffigura un breve basamento su cui poggia un’anfora delimitata da lastre su due lati e nella parte superiore. Su quest’ultima insiste un giovane nudo a cavallo: una statua equestre. Lo schema figurativo sembra riproporre l’associazione in verticale tomba e statua eroica, ma in questo caso la statua poggia su di una struttura che chiaramente non tende a rappresentare lo spazio interno della tomba, ma quello esterno ad essa corrispondente. Infatti la benda, che ricade da un lato e dall’altro della lastra orizzontale, indica che il pittore ha voluto qui rappresentare una struttura aperta85.

Considerazioni finali

43Visti alcuni fattori come la durata di utilizzo relativamente breve, l’abbandono dell’area ed il suo isolamento, l’occultamento delle sepolture sotto spessi strati di detriti, questo sito sembra oggi restituirci la suggestione del paesaggio funerario dell’epoca meglio di altre necropoli note da tempo e riferibili a centri di ben maggiore importanza. L’aspetto più caratteristico è rappresentato dagli epitymbia.

44Su un totale di 152 sepolture sono stati censiti 99 epitymbia, 48 dei quali sono riferibili a sepolture esplorate. La maggior parte di questi monumenti sono confrontabili con tipi largamente diffusi in ambito siciliano ma anche, più genericamente, in vari centri di area mediterranea.

45Fatta questa premessa si osserva che a Tripi sembrano riscontrarsi forme poco diffuse, come il tipo C nella versione con due blocchi portastele, anche di grandi dimensioni, o del tutto peculiari, almeno fino ad oggi, come il tipo E. Inoltre, per quanto riguarda l’individuazione di più puntuali confronti, la ricerca viene spesso resa incerta dalla frammentarietà e lacunosità del materiale reperibile nelle varie necropoli siciliane (esempio fra tutti quello delle grandi necropoli siracusane), che in molti casi non consente di andare oltre la constatazione della presenza di stelai più o meno frammentarie, o di basamenti, talvolta disposti a gradoni, comuni alla maggior parte dei tipi, ma insufficienti a restituire lo sviluppo architettonico del sema.

  • 86 Sul problema delle raffigurazioni ceramografiche vd.: Lohmann 1979; Pontrandolfo et al. 1988.

46Avendo oggi a disposizione molta letteratura scientifica su altri complessi necropolari del periodo, per fare qualche esempio: Siracusa, Centuripe – importante centro della zona etnea, forse in contatto con Abakainon attraverso vie interne di penetrazione –, Lentini, Camarina, Butera, Caltavuturo, Kephaloidion, Messina e Lilybaeum, possiamo instaurare importanti confronti tipologici con la necropoli di Abakainon. Come già in precedenza ricordato, alla luce della massiccia presenza, in quasi tutta la Sicilia ellenistica, di questi monumenti funerari, tanto eloquenti nell’impegno costruttivo e nel lessico architettonico adoperato, quanto sottovalutati come fatto eccezionale ed episodico, i più recenti studi considerano il fenomeno come prova dell’influenza della cultura alessandrina sulle città siceliote, diacronicamente attestata dalla seconda metà del IV sec. a.C. Se le attestazioni dirette e i continui rinvenimenti di simili costruzioni funerarie sono oramai tali da ipotizzarne una adozione generalizzata, anche la ceramografia, soprattutto italiota e siceliota, documenta in maniera continua e progressiva, nei soggetti a carattere funerario, il diffondersi di immagini di epitymbia o di semata di tipologia ed impegno diversi, confermando, per certi versi, l’originaria matrice greca86. Comparso, quindi, in età timoleontea, l’uso di queste sovrastrutture delle deposizioni vere e proprie si protrasse nelle necropoli siciliane fino al I sec. a.C., dapprima con presenze limitate, poi viepiù generalizzandosi fino a divenire pressoché esclusivo.

  • 87 Sofia 2017a, p. 46 ss., con ampia bibliografia di riferimento.

47Un ulteriore aspetto, forse rapportabile ad una tradizione locale non greca ma ancora tutto da approfondire, e che confermerebbe l’attribuzione della necropoli ad un ceto particolare di elevata posizione sociale, è rappresentato dal ricorrere dell’associazione con l’elemento bellico ed aristocratico, riscontrabile nella presenza sia pur limitata di armi nelle tombe, nella raffigurazione della lancia a rilievo in una colonnina (fig. 21), unico elemento figurato di tutto il complesso, ed infine nell’onomastica presente nelle epigrafi87.

48Questo ampio settore di necropoli sembra essere stato abbandonato definitivamente tra la fine del III e l’inizio del II sec. a.C. Caratteristico della fase finale di sfruttamento dell’area è un alto numero di sepolture, specie del tipo a fossa terragna, apparentemente prive di rivestimento e/o copertura e/o di emergenze sul soprassuolo, ovvero che presentano elementi sufficienti a testimoniare una originaria connessione tra monumento funerario e deposizione vera e propria. Densamente distribuite, spesso su più livelli sovrapposti, in una successione temporale molto ravvicinata, queste sepolture sono di norma ricavate sui medesimi livelli di fondazione degli epitymbia, utilizzando gli spazi residui; più raramente negli strati di accumulo, interferendo, nella maggior parte dei casi con gli epitymbia stessi e/o in parte obliterandoli, senza mai sostituirsi.

  • 88 Esempi noti a Siracusa, Agrigento, Eloro, Noto Vecchia, Lilibeo, Selinunte, forse Centuripe: si ve (...)

49Non si tratta nel suo complesso di una necropoli eccezionale, ma piuttosto conservata in modo eccezionale, probabilmente simile in origine a molte altre necropoli della Sicilia, dove peraltro sembra limitata la presenza di veri grandi mausolei88. Tuttavia a Tripi si manifesta la preferenza per determinati modelli piuttosto che per altri, evidente sia nella scelta del rito che soprattutto nelle tipologie delle sepolture e degli epitymbia, e dei materiali da costruzione, con la preferenza per la pietra locale e uno scarsissimo uso del laterizio, non determinata solo da motivi economici o dalla diponibilità o meno in loco di certi materiali piuttosto che di altri, ma anche da precise scelte di carattere culturale ed estetico. Nel suo complesso questo settore della necropoli presenta notevoli caratteri di omogeneità, in primo luogo sul piano sociale. Come si è già avuto occasione di rilevare, esso è riservato ad una classe media o medio alta, con presenza di elementi che si vogliono caratterizzare come nobiliari e guerrieri e a determinate classi di età.

Haut de page

Bibliographie

Adamesteanu 1958a = D. Adamesteanu, L’opera di Timoleonte nella Sicilia centro-meridionale vista attraverso gli scavi e le ricerche archeologiche, in Kokalos, 4, 1958, p. 31-64.

Adamesteanu 1958b = D. Adamesteanu, Butera. Piano della Fiera, Consi e Fontana Calda, in MAL, 44, 1958, c. 207-576.

Adriani 1966 = A. Adriani, Repertorio d’Arte dell’Egitto Greco-Romano, Serie C, I-II, Roma, 1966.

Arizia – Coppolino 2012 = M. Arizia, P. Coppolino, Un esempio di necropoli “monumentale” in territorio nebroideo, in V. Caminneci (a cura di), Parce sepulto. Il rito e la morte tra passato e presente Atti e contributi del corso di formazione per docenti Progetto Scuola Museo 2011-2012, Palermo, 2012, p. 79-110.

Bacci 2009a = G.M. Bacci, Storia della ricerca archeologica, in G.M. Bacci, P. Coppolino (a cura di), La necropoli di Abakainon Primi dati, Messina, 2009, p. 11-16.

Bacci 2009b = G.M. Bacci, Necropoli ellenistica in contrada Cardusa, in G.M. Bacci, P. Coppolino (a cura di), La necropoli di Abakainon Primi dati, Messina, 2009, p. 17-30.

Bacci 2009c = G.M. Bacci, Considerazioni di sintesi, in G.M. Bacci, P. Coppolino (a cura di), La necropoli di Abakainon Primi dati, Messina, 2009, p. 109-130.

Bacci – Coppolino 2015 = G.M. Bacci, P. Coppolino, Introduzione, in G.M. Bacci, P. Coppolino, G. Sofia, M. Arizia (a cura di), Tripi Il Museo Archeologico “Santi Furnari” Guida all’esposizione Con contributi di Antonio Galeano, Giuseppa Zavettieri, Terme Vigliatore, 2015, p. 15-24.

Bacci – Coppolino – Arizia 2018 = G.M. Bacci, P. Coppolino, M. Arizia, Epitymbia monumentali nella necropoli di Abakainon, in C. Malacrino, S. Bonomi (a cura di), Ollus leto datus est. Architettura, topografia e rituali funerari nelle necropoli dell’Italia meridionale e della Sicilia tra Antichità e Medioevo, Reggio Calabria, 2018, p. 367-374.

Bacci – Spigo 1997-1998 = G.M. Bacci, U. Spigo, Tripi - Necropoli di Abakainon, in Kokalos 43-44, 1997-1998, p. 335-346.

Bacci – Tigano 1999 = G.M. Bacci, G. Tigano (a cura di), Da Zancle a Messina. Un percorso archeologico attraverso gli scavi, vol. I, Messina, 1999.

Bacci – Tigano 2001a = G.M. Bacci, G. Tigano (a cura di), Dall’altra parte dello Stretto. Zancle-Messana (VIII-I sec. a.C.), Cat. Mostra (Reggio Calabria 2001), Messina, 2001.

Bacci – Tigano 2001b = G.M. Bacci, G. Tigano (a cura di), Da Zancle a Messina. Un percorso archeologico attraverso gli scavi, vol. II, t. 1, Messina, 2001.

Bacci – Tigano 2002 = G.M. Bacci, G. Tigano (a cura di), Da Zancle a Messina. Un percorso archeologico attraverso gli scavi, vol. II, t. 2, Messina 2002.

Bartoloni 1976 = P. Bartoloni, Le stele arcaiche del tofet di Cartagine, Roma, 1976.

Basile 1993-1994 = B. Basile, Indagini nell’ambito delle necropoli siracusane, in Kokalos, 39-40, 1993-1994, p. 1315-1342.

Bechtold 1999 = B. Bechtold, La necropoli di Lilybaeum, Trapani, 1999.

Benichou-Safar 1982 = H. Benichou-Safar, Les tombes puniques de Carthage, Parigi, 1982.

Bernabò Brea 1956 = L. Bernabò Brea, Akrai, Catania, 1956.

Bernabò Brea – Cavalier 1965 = L. Bernabò Brea, M. Cavalier, Meligunìs Lipára. II. La necropoli greca e romana nella contrada Diana, Palermo, 1965.

Bernabò Brea – Cavalier 1991 = L. Bernabò Brea, M. Cavalier, Meligunìs Lipára.V. Scavi nella necropoli greca di Lipari, Roma, 1991.

Bernabò Brea – Cavalier 1994 = L. Bernabò Brea, M. Cavalier, Meligunìs Lipára. VII. Lipari. Contrada Diana. Scavo XXXVI in proprietà Zagami (1975-1984), Palermo, 1994.

Bernabò Brea – Cavalier – Campagna 2003 = L. Bernabò Brea, M. Cavalier, L. Campagna, Meligunìs Lipára. XII. Le iscrizioni lapidarie greche e latine delle isole Eolie, Palermo, 2003.

Bièvre-Perrin 2013 = F. Bièvre-Perrin, 150 ans de recherches sur les marqueurs de tombes en Grande Grèce. Bilan historiographique et mise en perspective historique, in Topoi, 18-2, 2013, p. 347-365.

Bièvre-Perrin 2016 = F. Bièvre-Perrin, About the funerary landscapes of Magna Graecia. An archaeological approach, in Atti e memorie della società Magna Grecia, Pisa-Roma, 2016, p.123-137.

Bièvre-Perrin 2018 = F. Bièvre-Perrin, I tumuli della Magna Grecia tra V e III sec. a. C.: realtà e simbolismo. Alcune piste di riflessione, in C. Malacrino, S. Bonomi (a cura di), Ollus leto datus est. Architettura, topografia e rituali funerari nelle necropoli dell’Italia meridionale e della Sicilia tra Antichità e Medioevo, Reggio Calabria, 2018, p. 47-52.

Bonacasa 1999 = N. Bonacasa, Per una revisione della cultura figurativa ellenistica in Sicilia, in M. Barra Bagnasco, E. De Miro, A. Pinzone (a cura di), Magna Grecia e Sicilia. Stato degli studi e prospettive di ricerca, Atti dell’Incontro di Studi (Messina 2-4 dicembre 1996), Messina, 1999, p. 259-273.

Bonacasa – Joly 1989 = N. Bonacasa, E. Joly, L’ellenismo e la tradizione ellenistica, in G. Pugliese Carratelli (a cura di), Sikanie. Storia e civiltà della Sicilia greca, Milano, 1989, p. 277-358.

Bradford Welles 1963 = Diodorus of Sicily. With an english translation by C. Bradford Welles professor of ancient history, Yale University. In twelve volumes, VIII, Books XVI. 66-95 and XVII, Cambridge (Ma)-Londra, 1963.

Breccia 1912 = E. Breccia, La Necropoli di Sciatbi, I/II, Catalogue général des antiquités égyptiennes (Musée d’Alexandrie), Il Cairo, 1912. 

Coppolino 2009 = P. Coppolino, Organizzazione e sviluppo della necropoli, in G.M. Bacci, P. Coppolino (a cura di), La necropoli di Abakainon Primi dati, Messina, 2009, p. 31-74.

Coppolino – Sofia 2015a = P. Coppolino, G. Sofia, Abakainon La città e la necropoli, in G.M. Bacci, P. Coppolino, G. Sofia, M. Arizia (a cura di), Tripi Il Museo Archeologico “Santi Furnari” Guida all’esposizione Con contributi di: Antonio Galeano, Giuseppa Zavettieri, Terme Vigliatore, 2015, p. 25-44.

Coppolino – Sofia 2015b = P. Coppolino, G. Sofia, I corredi funerari, in G.M. Bacci, P. Coppolino, G. Sofia, M. Arizia (a cura di), Tripi Il Museo Archeologico “Santi Furnari” Guida all’esposizione Con contributi di Antonio Galeano, Giuseppa Zavettieri, Terme Vigliatore, 2015, p. 75-86. 

Coppolino – Sofia 2015c = P. Coppolino, G. Sofia, Le Iscrizioni Funerarie Catalogo, in G.M. Bacci, P. Coppolino, G. Sofia, M. Arizia (a cura di), Tripi Il Museo Archeologico “Santi Furnari” Guida all’esposizione Con contributi Antonio Galeano, Giuseppa Zavettieri, Terme Vigliatore, 2015, p. 157-164.

Daszewski 1998 = W. Daszewski, La nécropole de Marina El-Alamein, in S. Marchegay, M.-T. Le Dinahet, J.-F. Salles (a cura di), Nécropoles et Pouvoir. Idéologies, pratiques et interprétations. Actes du colloque Théories de la nécropole antique, Lyon 21-25 janvier 1995, Lione, 1998, p. 229-241.

De Miro 1989 = E. De Miro, La necropoli greca di Contrada Pezzino, Messina, 1989.

Fedak 1990 = J. Fedak, Monumental tombs of the Hellenistic Age: a study of selected tombs from the pre-classical to the early imperial era, Toronto, 1990.

Gentili 1967-1968 = G.V. Gentili, Resti di un grande mausoleo ellenistico a Siracusa, in ArchStorSir, 13-14, 1967-1968, p. 12-36.

Knechtel 2018 = M. Knechtel, Il naiskos della necropoli di Abakainon: una ipotesi di ricostruzione, in C. Malacrino, S. Bonomi (a cura di), Ollus leto datus est. Architettura, topografia e rituali funerari nelle necropoli dell’Italia meridionale e della Sicilia tra Antichità e Medioevo, Reggio Calabria, 2018, p. 375-380.

La Rocca 1988 = E. La Rocca (a cura di), L’esperimento della perfezione. Arte e società nell’Atene di Pericle, Milano, 1988.

Lanza 1990 = M. Lanza (a cura di), P. Orsi: La necropoli di Passo Marinaro. Campagne di scavo 1904-1909, Roma, 1990 (MonAnt, S. Misc., 4).

Lauter 1999 = H. Lauter, L’architettura dell’ellenismo, Milano, 1999.

Libertini 1947 = G. Libertini, LIII. - Centuripe. - Scavi nella necropoli in contrada Casino, in NSA 1, 1947, p. 259-311.

Lippolis 2006 = E. Lippolis, Ricostruzione e architettura a Taranto dopo Annibale, in M. Osanna, M. Torelli (a cura di), Sicilia ellenistica, consuetudo italica: Alle origini dell’architettura ellenistica d’Occidente, Roma, 2006, p. 211-226.

Lohmann 1979 = H. Lohmann, Grabmäler auf unteritalischen Vasen, Berlino, 1979.

Miccichè 2015 = C. Miccichè, L’isola più bella. La Sicilia nella “Biblioteca Storica” di Diodoro Siculo, Caltanissetta, 2015.

Orsi 1897 = P. Orsi, Siracusa. D’alcune necropoli secondarie di Siracusa, in NSc 5, 1897, p. 471-504.

Orsi 1907 = P. Orsi, Centuripe. Necropoli in contrada Casino, in NSc, 1907, p. 491-495.

Orsi 1920 = P. Orsi, Siracusa. Necropoli di Canalicchio, in NSA, 17, 1920, p. 321-326.

Pancucci 1984-1985 = D. Pancucci, Scavi nella necropoli di Monte Riparato (Caltavuturo), in Kokalos, 20-21, 1984-1985, p. 637-639.

Pelagatti – Vallet 1992 = P. Pelagatti, G. Vallet, Le necropoli, in E. Gabba, G. Vallet (a cura di), La Sicilia antica, I, 2, Caltanissetta, 1992, p. 355-396.

Pontrandolfo et al. 1988 = A. Pontrandolfo, G. Prisco, E. Mugione, F. Lafage, Semata e naiskoi nella ceramica italiota, in AIONArchSt, 10, 1988, p. 181-202.

Rizza 1955 = G. Rizza, XXVII. - Leontini. - Campagne di scavi 1950-1951 e 1951-1952: la necropoli della Valle S. Mauro; le fortificazioni meridionali della città e la porta di Siracusa, in NSc, 9, 1955, p. 281-376.

Scibona 1992 = G. Scibona, Storia della ricerca archeologica, in BTCGI, X, s.v. Messina, Pisa-Roma, 1992, p. 16-36.

Sofia 2009 = G. Sofia, Cultura materiale nei contesti sepolcrali, in G.M. Bacci, P. Coppolino (a cura di), La necropoli di Abakainon Primi dati, Messina, 2009, p. 75-108.

Sofia 2015 = G. Sofia, Abakainon Nella dimora di Ade La necropoli in contrada Cardusa a Tripi, Terme Vigliatore, 2015.

Sofia 2016 = G. Sofia, Il processo di “romanizzazione” della Provincia di Sicilia. Il caso del comprensorio tirrenico tra i torrenti Mazzarrà e Patrì-Termini, Terme Vigliatore, 2016.

Sofia 2017a = G. Sofia, Le ultime città Rituali e spazi funerari “monumentali” di età ellenistica nella cuspide nord-orientale della Sicilia (The last towns Rituals and “ostentatious” funerary spaces of Hellenistic age in the north-eastern cusp of Sicily), Messina, 2017. 

Sofia 2017b = G. Sofia, Le giogaie dei Nebrodi tra V e II sec. a.C., la chòra di Abakainon, in L. Catalioto, G. Pantano, E. Santagati (a cura di), «Sicilia Millenaria» Dalla microstoria alla dimensione mediterranea, Reggio Calabria, 2017, p. 565-579.

Sofia 2017c = G. Sofia, Microstoria di un centro indigeno della cuspide nord-orientale della Sicilia: il caso di Abakainon tra fonti letterarie, epigrafiche ed evidenze archeologiche, in Bollettino di Archeologia on line, 8, 2017, p. 31-42.

Sofia 2018a = G. Sofia, Nuove iscrizioni funerarie dalla necropoli di Abakainon, in ZPE, 206, 2018, p. 103-112.

Sofia 2018b = G. Sofia, Memorie sul soprassuolo. Le necropoli “monumentali” di età tardo-classica ed ellenistica in Sicilia, Messina, 2018.

Tigano 2010-2011 = G. Tigano, L’attività della Soprintendenza di Messina nel settore dei Beni Archeologici nel biennio 2009-2010, in ArchStMess, 91-92, 2010-2011, p. 327-347.

Tigano 2017 = G. Tigano, La necropoli meridionale: aspetti dell’architettura funeraria tra il IV sec. a.C. e l’età imperiale, in G. Tigano (a cura di), Da Zancle a Messina 2016. Nuovi dati di archeologia urbana, Ospedaletto-Pisa, 2017, p. 77-84.

Tore 1992 = G. Tore, Cippi, altarini e stele funerarie nella Sardegna fenicio-punica: alcune osservazioni preliminari ad una classificazione tipologica, in Sardinia Antiqua. Studi in onore di P. Meloni, Cagliari, 1992, p. 177-194.

Trendall 1967 = A.D. Trendall, The red-figured vases of Lucania, Campania and Sicily, Oxford, 1967.

Trendall – Cambitoglou 1978 = A.D. Trendall, A. Cambitoglou, The red-figured vases of Apulia, I, Oxford, 1978.

Trendall – Cambitoglou 1982 = A.D. Trendall, A. Cambitoglou, The red-figured vases of Apuliam, II, Oxford 1982.

Tullio 1980 = A. Tullio, La necropoli ellenistico-romana di Cefalù. Scavi 1976-1979, in BCASic, 1, 1980, p. 83-88.

Tullio 1990 = A. Tullio, Epitymbia ellenistici in Sicilia, in Akten des XIII Internationalen Kongresses für Klassische Archäologie (Berlin 1988), Magonza, 1990, p. 429-430.

Tullio 2008 = A. Tullio, Cefalù. La necropoli ellenistica, I, Roma, 2008.

Vassallo 2017 = S. Vassallo, Le necropoli di Himera: gli spazi, le architetture funerarie, i segni della memoria, in St. Adroit, R. Graells I Fabregat (a cura di), Arquitecturas funerarias y memoria: la gestión de las necrópolis en Europa occidental (ss. X-III a.C.). Actas del Coloquio del 13-14 Marzo 2014 celebrado en La Casa de Velázquez (Madrid), Venosa, 2017, p. 167-180.

Haut de page

Notes

1 In questo studio, volutamente, si prenderanno in considerazione solo i complessi necropolari «monumentali» siciliani: è infatti l’ambito isolano che offre i migliori spunti e confronti per il caso in esame. Per uno studio generale sulle tipologie monumentali di ambito funerario in Grecia e Magna Grecia si rimanda a: Bièvre-Perrin 2013, p. 347-365; Bièvre-Perrin 2016, p. 123-137 e Bièvre-Perrin 2018, p. 47-52 con tutti i riferimenti per la vasta bibliografia precedente.

2 Bonacasa – Joly 1989, p. 282 con ampia bibliografia di riferimento.

3 Diod., 16, 83, 3: Ἐν δὲ ταῖς ἐλάττοσι πόλεσιν, ἐν αἷς ἡ τῶν Ἀγυριναίων καταριθμεῖται, μετασχοῦσα τῆς τότε κληρουχίας διὰ τὴν προειρημένην ἐκ τῶν καρπῶν εὐπορίαν, θέατρον μὲν κατεσκεύασε μετὰ τὸ τῶν Συρακοσίων κάλλιστον τῶν κατὰ Σικελίαν, θεῶν τε ναοὺς καὶ βουλευτήριον καὶ ἀγοράν, ἔτι δὲ πύργων ἀξιολόγους κατασκευὰς καὶ τάφους πυραμίδων πολλῶν καὶ μεγάλων διαφόρων ταῖς φιλοτεχνίαις. («È però il caso di menzionare le città più piccole, tra le quali Agyrion, che conobbe una massiccia presenza di coloni dovuta alla prosperità agricola di cui si è detto e fu abbellita con la costruzione di un teatro, certamente il più bello della Sicilia dopo quello di Siracusa, di edifici sacri agli dei, di una sede del consiglio, di un’agorà e inoltre di eccezionali torri e di molti monumenti sepolcrali di forma piramidale notevoli per dimensione e per pregio artistico»); per il testo greco vd.: Bradford Welles 1963, p. 70-71; per la traduzione del brano: Miccichè 2015, p. 312.

4 Coppolino 2009, p. 44 con nota 22.

5 Coppolino 2009, p. 45 con ampia bibliografia di riferimento.

6 Tullio 2008.

7 Tore 1992, p. 177 ss. con ampia bibliografia di riferimento.

8 Daszeweski 1998, p. 229-230.

9 Bartoloni 1976, p. 86 ss.; Benichou-Safar 1982.

10 Breccia 1912; Adriani 1966, p. 28 ss., 110-120, tavv. 34-40; Fedak 1990, p. 95, 114, 129-130.

11 Per la citazione vd., Tullio 1990, p. 430. Sulla problematica in generale vd. Bonacasa 1999, p. 259-273.

12 Sulle vicende storiche di Abakainon, in ultimo vd. Sofia 2017c, p. 31-42.

13 Bacci 2009a, p. 11; Bacci – Coppolino 2015, p. 17; Sofia 2015; Sofia 2017b, p. 565-579.

14 In generale sul processo di «romanizzazione» del territorio vd. Sofia 2016.

15 Diod., 14, 78, 5-6.

16 Diod., 14, 90, 1-3.

17 Diod., 19, 110, 3-4.

18 Diod., 19, 65, 6.

19 Diod., 22, 13.

20 Appian., BC, 5, 117, 487.

21 Coppolino 2009, p. 71.

22 Bacci 2009b, p. 17-30.

23 Sofia 2009, p. 75-108; Coppolino – Sofia 2015b, p. 75-80.

24 Coppolino 2009, p. 72-73.

25 Fest., Epitome, 32, 4.

26 Diod., 4, 38.

27 Coppolino – Sofia 2015a, p. 36-40.

28 Sofia 2009, p. 75-108; Coppolino – Sofia 2015b, p. 75-86.

29 Non è del tutto da escludere che il continuo scivolamento del pendio e/o la rioccupazione dell’area per scopi agricoli in tempi moderni abbiano compromesso irreparabilmente la conservazione di eventuali epitymbia, la cui esistenza è palesata dalla grande quantità di blocchi litici lavorati che si rinvengono, ovunque sparsi, nel circondario.

30 La prima proposta di classificazione degli epitymbia della necropoli in contrada Cardusa, ormai abbondantemente superata, si trova in Bacci – Spigo 1997-1998, p. 335-346. A seguire una più completa classificazione degli stessi fu redatta in Coppolino 2009, p. 39-48, essa resta ancora valida anche dopo l’aggiornamento in Arizia – Coppolino 2012, p. 82-90; Coppolino – Sofia 2015a, p. 32-36; Sofia 2015, p. 24-27 e Bacci – Coppolino – Arizia 2018, p. 367-374. Tuttavia recenti osservazioni condotte da parte dello scrivente hanno aggiornato tale classificazione, aggiungendo ulteriori inedite varianti tipologiche riscontrate per i tipi B e C; Sofia 2017a, p. 40-46. Il lavoro presente ha invece lo scopo di approfondire in maniera, chiaramente provvisoria, l’articolazione di questa classificazione, in attesa di ulteriori ritrovamenti ma soprattutto nuovi studi che possano completare il quadro tipologico.

31 Coppolino 2009, p. 41 con nota 19. Si precisa, in proposito, che non c’è alcun rapporto di progressione crono-tipologica nella realizzazione degli epitymbia, risultando assegnabili, proprio i più complessi, insieme ai più semplici, alla seconda metà del IV-prima metà III sec. a.C., mentre i tipi più comuni alla fine del III-II/I sec. a.C. (in proposito Tullio 1990, p. 429).

32 La scelta del luogo in cui impiantare la necropoli potrebbe essere dipesa, in origine, dalla possibilità di sfruttamento in loco del materiale per la costruzione delle sepolture. Dimostrazioni in tal senso forniscono i numerosi cunei e i perimetri di cava sulle superfici di arenaria, ancora visibili nella parte sommitale della necropoli, e gli scarti di lavorazione.

33 Sofia 2017a, p. 41-42.

34 Il dado portastele presente in necropoli, ascrivibile alla sepoltura 155, è frammentario. Misure: H. cm 30; lungh. cm 53,5; largh. cm 51; incavo rettangolare per l’alloggiamento della stele cm 26,5 x  17,5.

35 Sofia 2017a, p. 42-44.

36 L’elemento architettonico recuperato in necropoli è frammentario. Misure: H. cm 29,5; lungh. cm 70; largh. cm 52; diametro primo incavo cm 34, diametro secondo incavo cm 33 (da sinistra a destra in foto).

37 L’elemento architettonico recuperato in necropoli è frammentario. Misure: H. cm 32; lungh. cm 104; largh. cm 63,5; diametro primo incavo cm 27, diametro secondo incavo cm 39,5 (dal basso verso l’alto in foto).

38 Per una ipotesi di ricostruzione si rimanda a: Knechtel 2018, p. 375-380.

39 Sofia 2017a, p. 46 con ampia bibliografia di riferimento.

40 Coppolino – Sofia 2015c, p. 157-163. Ma soprattutto per uno studio generale e aggiornato su tutte le iscrizioni funerarie recuperate in necropoli vd. Sofia 2018a, p. 103-112.

41 Per uno studio comparativo della necropoli in contrada Cardusa con altre necropoli siciliane vd. Sofia 2018b.

42 Per la citazione vd.: Bacci 2009c, p. 109 con nota 213. Per esempi di effettiva monumentalità ed impegno architettonico in età tardo-classica ed ellenistica, si vedano tra gli altri Fedak 1990 e Lauter 1999, p. 196-205.

43 Sulla problematica dei semata sepolcrali in epoca arcaica e proto-classica, vd. Pelagatti – Vallet 1992, specialmente p. 361-363 con ampi riferimenti.

44 Libertini 1947, p. 305, fig. 21. Cfr. anche il tipo I, a semplice mucchio di pietre, della classificazione di Tullio 1990, p. 429.

45 Bacci 2009c, p. 110 con ampia bibliografia di riferimento.

46 Orsi 1897, p. 471 ss., figg. 5-6, di IV sec. a.C. dal Fusco; Orsi 1920, p. 321-326, tombe con corredi poveri di metà III-I sec. a.C.

47 Lanza 1990, p. 105, t. 1159.

48 Si veda: Bernabò Brea – Cavalier 1991, p. 147-152, tavv. CXXII-CXXV; Bernabò Brea – Cavalier 1994, p. 151 ss., tav. CXXIII-CXXXVI; Bernabò Brea – Cavalier – Campagna 2003, p. 17-59.

49 Bacci – Spigo 1997-1998, p. 345. In ultimo Bacci 2009c, p. 110-111 con ampia bibliografia di riferimento.

50 La Rocca 1988, p. 21-22.

51 Si deve a D. Adamesteanu, in relazione alla necropoli di Butera, il merito di avere per la prima volta rilevato il confronto: Adamesteanu 1958a, p. 41.

52 De Miro 1989, p. 248-250, fig. 13, 15-17.

53 Vassallo 2017, p. 171.

54 Bacci 2009c, p. 112 con nota 223 per la bibliografia di riferimento.

55 Basile 1993-1994, p. 1319, tav. CC, fig. I.

56 Rizza 1955, p. 289-340.

57 Orsi 1907, p. 492-493; Libertini 1947, p. 304 ss., fig. 22.

58 Scibona 1992, p. 33. Per un panorama delle ricerche archeologiche urbane in generale vd.: Bacci – Tigano 1999, passim; Bacci – Tigano 2001b, passim; Bacci – Tigano 2002, passim; Bacci – Tigano 2001a, passim. Inoltre vd. Tigano 2010-2011, p. 327-347 e Tigano 2017, p. 77-84.

59 Adamesteanu 1958a, p. 40 ss.; Adamesteanu 1958b, coll. 207-576.

60 Pancucci 1984-1985, p. 637-639.

61 Tullio 1980, p. 83-88; Tullio 1990, p. 429-430: il nostro tipo C corrisponde al tipo IV.

62 Bechtold 1999, tipo II, p. 44-46.

63 Del tipo illustrato in Libertini 1947, fig. 24. Inoltre Adamesteanu 1958b, sep. I e X.

64 Bacci – Spigo 1997-1998, p. 340-344.

65 Libertini 1947, p. 306-307, fig. 23, a-b, 24.

66 Bacci – Spigo 1997-1998, p. 340.

67 Breccia 1912, tav. XVII, 17-18. Su un’influenza, anche diretta, della cultura alessandrina sui centri siciliani a partire dalla fine del IV sec. a.C., insiste Tullio 1990, p. 429-430; cfr. in merito anche Bechtold 1999, p. 37-51, con bibliografia precedente.

68 Bonacasa 1999, p. 263-264.

69 Libertini 1947, p. 305, fig. 23 c.

70 Bacci – Spigo 1997-1998, p. 340. Vd. anche Bacci 2009c, p. 115.

71 Il tipo è largamente rappresentato a Lipari con caratteri peculiari: Bernabò Brea – Cavalier 1965, p. 197 ss.

72 Lauter 1999, p. 62.

73 Lippolis 2006, p. 221-225: nell’adozione dell’arco nella struttura di alcune tombe ipogee di Taranto è visibile una volontà di prestigio che viene ricondotta alla diffusione di modelli provenienti dall’Egeo (Delo) e soprattutto dalla Macedonia, dove la tipologia della tomba monumentale a volta è nota fin dalla seconda metà del IV secolo a.C.

74 Bacci 2009c, p. 116-117.

75 Lohmann 1979, tav. 21,2,23, ecc.; Trendall – Cambitoglou 1982, tav. 161 ss.: «Late Apulian».

76 Fedak 1990, p. 19-21 tipo K: tomba a tempio, e p. 102 ss.: tombe a tempio su podio in Grecia durante il IV secolo a.C.

77 Come in Gentili 1967-1968, p. 12-32, tav. IV,I; Bernabò Brea 1956, p. 138-139, tav. XXVI, 6-7: blocco di coronamento di naiskos, e resti di altri, p. 139 nn. 14 ss., tav. XXVII, cippi con coronamento a naiskos.

78 Bacci 2009c, p. 111-115 con tutti i necessari richiami bibliografici precedenti.

79 Ad esempio Trendall 1967, tav. 56 n. 572 di fabbrica lucana: monumento confrontabile col tipo D, tav. 156, n. 271 e 274 di fabbrica campana del Libation Group: confrontabile col tipo C; Trendall – Cambitoglou 1978, tav. 58,4, 59,3-4: monumenti confrontabili coi tipi C e D, tav. 60,1-2 del Pittore dell’Ilioupersis: monumento confrontabile col tipo C, tav. 65,1-2: confrontabile col tipo D. Le diverse tipologie anche in Lohmann 1979, tavv. 1, 2 e 6, 1-2, colonnina ionica su basamento a gradoni, tav. 2,1-2, alto basamento sormontato da semata diversi, tav. 3,1-2 e 5,1-2, alta stele su basamento basso.

80 Per i riferimenti bibliografici, vd. Pontrandolfo et al. 1988, p. 181-202.

81 Pontrandolfo et al. 1988, p. 184.

82 Pontrandolfo et al. 1988, p. 184-185.

83 Pontrandolfo et al. 1988, p. 190.

84 Pontrandolfo et al. 1988, p. 189-190.

85 Pontrandolfo et al. 1988, p. 192-193.

86 Sul problema delle raffigurazioni ceramografiche vd.: Lohmann 1979; Pontrandolfo et al. 1988.

87 Sofia 2017a, p. 46 ss., con ampia bibliografia di riferimento.

88 Esempi noti a Siracusa, Agrigento, Eloro, Noto Vecchia, Lilibeo, Selinunte, forse Centuripe: si veda Bacci 2009c, p. 120 con nota 247.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 – Abakainon (Tripi). A: ubicazione di Tripi; B: stralcio da I.G.M. con, in alto a destra delimitata in rosso, la necropoli in contrada Cardusa (elaborazione G. Sofia).
Titre Fig. 2 – Abakainon (Tripi). La necropoli in contrada Cardusa: panoramica dell’area di scavo (foto autore).
Titre Fig. 3 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo A (da Sofia 2017a, p. 93, fig. 13).
Titre Fig. 4 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo A (da Sofia 2017a, p. 94, fig. 14).
Titre Fig. 5 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo B (da Sofia 2017a, p. 95, fig. 15).
Titre Fig. 6 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo B (da Coppolino 2009, p. 49, Tav. VIII).
Titre Fig. 7 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo B (da Bacci 2009c, p. 110, Tav. XXXIII b).
Titre Fig. 8 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo B (da Sofia 2017a, p. 96, fig. 16).
Titre Fig. 9 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo C (da Sofia 2017a, p. 97, fig. 17).
Titre Fig. 10 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo C (da Sofia 2017a, p. 98, fig. 18).
Titre Fig. 11 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo C (da Coppolino 2009, p. 44, fig. 26).
Titre Fig. 12 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo C (da Sofia 2017a, p. 99, fig. 19).
Titre Fig. 13 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo C (da Sofia 2017a, p. 100, fig. 20).
Titre Fig. 14 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo D (da Sofia 2017a, p. 101, fig. 21).
Titre Fig. 15 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo D (da Sofia 2017a, p. 102, fig. 22).
Titre Fig. 16 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo D (da Bacci 2009c, p. 116, fig. 76).
Titre Fig. 17 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo E (da Sofia 2017a, p. 103, fig. 23).
Titre Fig. 18 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: epitymbion di tipo E (da Sofia 2017a, p. 104, fig. 24).
Titre Fig. 19 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: crollo monumentale (foto autore).
Titre Fig. 20 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: Naiskos, restituzione grafica M. Knechtel (da Coppolino – Sofia 2015a, p. 43, fig. 18).
Titre Fig. 21 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: dal crollo monumentale, colonna con raffigurazione di una lancia tra le scanalature (foto autore). 
Titre Fig. 22 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: dal crollo monumentale, trabeazione di tipo dorico (foto autore).
Titre Fig. 23 – Abakainon (Tripi). Necropoli in contrada Cardusa: dal crollo monumentale, anta con semicolonna (foto autore).
Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Girolamo Sofia, « Abakainon (Sicilia): nuove considerazioni sul paesaggio funerario «monumentale» della necropoli di età tardo-classica ed ellenistica in contrada Cardusa », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 131-2 | 2019, mis en ligne le 22 avril 2020, consulté le 02 juin 2020. URL : http://journals.openedition.org/mefra/284 ; DOI : https://doi.org/10.4000/mefra.284

Haut de page

Auteur

Girolamo Sofia

Museo archeologico «Santi Furnari», Tripi (ME) - netaricchi@hotmail.com

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals