Navigation – Plan du site

AccueilNuméros122-2MélangesNuove Considerazioni a proposito ...

Mélanges

Nuove Considerazioni a proposito del tempio di Giove Capitolino Castello

New analyses regarding the temple of Giove Capitolano
Francesco Paolo Arata
p. 585-624

Résumés

Il riesame di tutte le fonti letterarie, figurate e documentarie relative al Tempio di Giove Capitolino, messe in relazione con i resti archeologici noti e quelli recentemente venuti alla luce all’interno del Palazzo dei Conservatori e del Giardino Caffarelli, ha motivato una rilettura complessiva del monumento antico e delle diverse sue fasi costruttive, dall’età arcaica a quelle dovute ai rovinosi incendi del 83 a.C., del 69 e dell’80 d.C. In particolare si è cercato di sostenere l’ipotesi delle dimensioni templari molto più ridotte rispetto alla visibile platea di fondazione in cappellaccio, sulla scorta di una diversa lettura del basilare passo di Dionisio di Alicarnasso e delle altre fonti, su considerazioni storiche, su una più attenta valutazione delle problematiche tecniche e architettoniche.
Relativamente alla cruciale fase ricostruttiva di Q. Lutazio Catulo (69 a.C.) si propone di collocare in questo momento la trasformazione del tempio dalle arcaiche forme tuscaniche a quelle di peripteros sine postico, attraverso l’aggiunta di una nuova peristasi di colonne marmoree, inglobante l’impianto primitivo sostanzialmente rispettato.
La grande platea di fondazione andrebbe quindi interpretata come il templum inaugurato, parzialmente occupato dalla aedes di Giove, potendosi forse identificare più estensivamente come l’area Capitolina nota dalle fonti.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 E. Gjerstad, Early Rome, III, Lund, 1960, p. 168-190.
  • 2 A. Sommella Mura, Le recenti scoperte sul Campidoglio e la fondazione del Tempio di Giove Capitolin (...)

1A distanza di cinquant’anni dalla pubblicazione di Einar Gjerstad1, il tempio di Giove Ottimo Massimo in Campidoglio non ha cessato di suscitare il giusto interesse da parte degli archeologi, dei topografi di Roma antica e degli studiosi di architettura etrusca e romana, con conseguente amplis-sima produzione di articoli, note e lavori specialistici. In particolare in quest’ultimo decennio, grazie anche agli scavi e alle indagini archeologiche condotte in Campidoglio all’interno dei Musei Capitolini (nei già denominati Giardino Romano, Museo Nuovo, Braccio Nuovo e nel Giardino della Villa Caffarelli) hanno visto la luce alcuni importanti contributi, a cui si deve il merito di aver messo a disposizione dati nuovi e significativi relativamente alle strutture superstiti pertinenti al tempio più importante della romanità2. In attesa dell’edizione integrale di queste ricerche, può sembrare prematuro tracciare ora un quadro d’insieme con il rischio di dover rivedere a breve alcune ipotesi e conclusioni. Ciò nonostante, anche in previsione dell’auspicata futura integrale musealizzazione dei resti archeologici, appare forse d’una qualche utilità fare un bilancio delle attuali conoscenze, nel tentativo di fissare alcuni capisaldi e di evitare persistenti errori interpretativi.

2Anche per il tempio di Giove Capitolino, come per molti importanti monumenti antichi di Roma, la continuità di vita dall’epoca arcaica sino ad oggi ha modificato e compromesso in maniera sostanziale l’aspetto dei luoghi e la consistenza fisica degli edifici, sottoposti ad una radicale ed ininterrotta attività di spoglio, tanto degli ornati architettonici quanto delle strutture edilizie portanti. Stupisce anzi nel nostro caso che, pur nell’assoluta essenzialità dei materiali costruttivi superstiti e nella pressoché totale assenza di significative tracce degli apparati decorativi, vanto di tanto celebre luogo di culto, ancora molto ne rimanga e possa essere compiutamente apprezzato sotto il profilo monumentale. A questi elementi materiali valutabili nella loro fisicità si affiancano le informazioni presenti nelle fonti letterarie antiche, numerosissime ma di valore disomogeneo ai fini della storia del monumento e della sua ricostruzione architettonica. S’aggiungano a queste le pochissime testimonianze figurate, rappresentate dai coni monetali tardo-repubblicani ed imperiali e da alcuni bassorilievi, di deludente consistenza a fronte dell’universale importanza e centralità dell’edificio nel quadro ideologico e religioso del mondo romano. E’ dagli elementi desumibili dalle fonti quindi che conviene iniziare il nostro percorso conoscitivo del tempio di Giove Capitolino.

Le fonti

  • 3 G. Lugli, Fontes ad topographiam veteris urbis Romae pertinentes, XVI, Capitolium, Roma, 1969, Temp (...)

3L’ampio lavoro di raccolta delle fonti fin qui realizzato, nonché i lavori di sintesi compiuti, potrebbero esentarci dal ripresentare il complesso delle informazioni in nostro possesso3. Tuttavia, a rendere maggiormente chiaro il quadro, riteniamo utile offrire una rapida esposizione dei principali passi che descrivono la realizzazione del tempio di Giove Capitolino e le riedificazioni a cui nel corso dei secoli è stato sottoposto. V’è da dire che le più antiche tra le fonti in nostro possesso non rimontano oltre l’età cesariana e quindi i loro autori, pur presentando notizie ed informazioni risalenti ad epoca precedente, descrivono il tempio quale lo vedevano ai loro giorni. In sostanza si deve dar loro pieno credito solo per gli aspetti contemporanei, mantenendo un atteggiamento prudente per quelle notizie (comunque meritevoli di grande attenzione) che risalgono molto all’indietro nel tempo.

4Basilare, come è noto, è il racconto offerto da Dionisio d’Alicarnasso nelle sue Antichità Romane, redatte in greco per un pubblico ellenico durante il principato di Augusto.

  • 4 Tac., Hist. III, 72,2 : Mox Servius Tullius sociorum studio, dein Tarquinius Superbus capta Suessa (...)
  • 5 Dionys. Hal., III, 69, 1-2.
  • 6 Dionys. Hal., III, 69, 4-5.
  • 7 Dionys. Hal., IV, 59, 1-3; 60, 1-4.
  • 8 Dionys. Hal., IV, 61, 1-2.
  • 9 Dionys. Hal., IV, 61, 3

5Al primo dinasta etrusco di Roma, Tarquinio Prisco, viene attribuito precisamente il voto per la costruzione del tempio di Giove, Giunone e Minerva, pronunciato nel corso della battaglia decisiva che vedeva contrapposti i Romani ai Sabini. I lavori, che impegnarono gli ultimi quattro anni del suo regno (secondo la cronologia varroniana, tra il 582 e il 578 a.C.), consistettero preliminarmente in una grande sistemazione dell’area del colle destinata al tempio, che risultava scoscesa e con un’emergenza appuntita. A questo scopo l’area venne «circondata in più punti con alti muri di contenimento e riempito lo spazio tra i muri di contenimento e la sommità con una grande quantità di terra, avendola livellata, creò uno spazio più agevole per accogliere i templi». Se è probabile che anche Servio Tullio si sia impegnato nel proseguire i lavori con il contributo degli alleati, come precisamente specifica Tacito4, è comunque a Tarquinio il Superbo che viene assegnata la posa delle fondazioni del tempio e la quasi completa sua realizzazione, ultimata solo dai magistrati repubblicani «il terzo anno dopo la sua espulsione»5. Segue, nella narrazione, il racconto dell’individuazione da parte degli auguri del luogo più adatto per l’edificazione del tempio e delle difficoltà religiose connesse alla presenza di «numerosi altari di dèi e di divinità, assai vicini gli uni agli altri, che occorreva trasferire altrove da qualche parte per dare tutto lo spazio che doveva essere riservato agli dèi» e della conseguente impossibilità di rimuovere gli altari di Terminus e di Iuventas, che per questo motivo «furono compresi nella costruzione degli edifici sacri, e ora uno si trova nel vestibolo del tempio di Minerva, l’altro nella cella stessa vicino alla statua di culto»6. Sempre Dionisio d’Alicarnasso, nel libro successivo, ritorna sull’argomento fornendo ulteriori dettagli. In particolare viene specificato che Tarquinio il Superbo «decise di ultimare l’opera con la decima del bottino proveniente da Suessa» e che «mentre si scavavano le fondamenta, e lo scavo era ormai sceso in profondità, fu rinvenuta una testa di uomo sgozzato da poco», cosa che comportò la sospensione temporanea dei lavori e l’intervento di indovini etruschi per spiegare il prodigio7, interpretato come presagio della futura grandezza di Roma, fornendo così l’etimologia del nome Capitolium dato da allora al colle8. Segue l’indicazione delle dimensioni dell’area sulla quale sorse il tempio che «fu posto su un alto basamento del perimetro di otto plettri, con ogni lato di quasi duecento piedi; e si potrebbe trovare solo una piccola differenza, neanche di quindici piedi, tra la lunghezza e la larghezza» 9. Immediatamente dopo lo storico greco sente la necessità di descrivere per i suoi lettori di lingua greca il tempio di Giove

  • 10 Dionys. Hal., IV, 61, 4. Relativamente alle celle laterali sappiamo che quella di destra era dedica (...)

6Capitolino, quale appariva ai suoi giorni, affermando che «il tempio fu ricostruito dopo l’incendio dai nostri padri sulle stesse fondamenta e differisce dall’antico solo per la bellezza del materiale; dalla parte che si volge a mezzogiorno è circondato da un ordine triplo di colonne, e da uno semplice dalla parte dei lati; in esso vi sono tre templi paralleli che hanno muri comuni, in mezzo vi è quello di Zeus, da una parte vi è quello di Hera, dall’altra quello di Atena, ricoperti da un solo frontone e da un solo tetto» 10.

  • 11 Cic., De rep., II, 20, 36; 24, 44.
  • 12 Liv., I, 38, 7. Conferme anche in Plut., Public., XIV, 1; Tac., Hist., III, 72.
  • 13 Liv., I, 53, 2-3, 5.
  • 14 Liv., I, 55, 1-6 e 7-8, dove viene specificata come fonte lo storico Fabio Pittore, preferito allo (...)
  • 15 Liv., I, 56, 1. Fabri coacti vennero forniti probabilmente anche da altre città latine, come Cora, (...)

7La narrazione di Dionisio trova conferma e ulteriori precisazioni, relativamente al voto iniziale di Tarquinio Prisco, da parte di Cicerone11 e di Livio12, il quale ultimo specifica inoltre come Tarquinio il Superbo avesse destinato alla costruzione delle fondazioni del tempio il bottino strappato a Suessa Pometia durante la guerra contro i Volsci, ammontante a quaranta talenti d’argento13. Sempre Livio, dopo aver ricordato l’intervento degli auguri per risolvere il problema legato alle preesistenze cultuali, sottolinea che le Pomptinae manubiae, inizialmente destinate perducendo ad culmen operi, bastarono appena per le fondamenta14. Di rilievo appare anche il riferimento ai fabris undique ex Etruria accitis e al ricorso non solo al denaro pubblico, ma anche al lavoro coatto della plebs15. Viene omesso invece da Livio qualsiasi dato informativo relativo all’edificio, evidentemente perché ritenuto superfluo per i suoi lettori romani che ne avevano conoscenza diretta.

  • 16 Vitr., III, 3, 5, insieme al tempio di Cerere, Libero e Libera, e a quello di Ercole Pompeiano, ent (...)
  • 17 Ad opera di M. Orazio Pulvillo, primo console della repubblica, così in Polyb., III, 22,1; Cic., de (...)
  • 18 Plin., Nat. Hist., XXXV, 12, 157.
  • 19 Plut., Public. 13, 1-5
  • 20 Anche Fest. 342 L, e Serv. Aen., VII, 188; su questi aspetti A. Andrén, In quest of Vulca, in RendP (...)
  • 21 Gell., II, 10, 3, 4 = Varro, Epist. quaest. libr., fr. 228; Paul., Ex Festo, p. 78 L. = 88 M.
  • 22 Liv., X, 23, 11-12.
  • 23 Cic., de divin., I, 10, 6.
  • 24 Liv., XXIX, 38, 8.
  • 25 Liv., XXV, 39, 17 (anno a.C. 212); Plin., Nat. Hist., XXXV, 3, 12, 14.
  • 26 Liv., XXXV, 41.
  • 27 Liv., XL, 51, 3.
  • 28 Plin., Nat. Hist., XXXVI, 25, 185.
  • 29 Plin., Nat. Hist., XXXIII, 18, 57.

8Diversamente, Vitruvio sente la necessità «tecnico-didattica» di ricordare il Capitolium tra gli esempi delle aedes araeostile caratterizzate dall’essere varicae, barycephalae, umiles, latae con tetti ornati – tuscanico more – di statue di terracotta o di bronzo dorato16. Questa descrizione per alcuniversi insoddisfacente, ma molto ben caratterizzata, pur relativa al momento di transizione dalla repubblica al principato, è da tenere nel debito conto anche per la fase costruttiva originaria, poiché sappiamo che il tempio attraversò intatto gli oltre quattro secoli che separano la sua inaugurazione (509 a.C.)17dall’anno del primo distruttivo incendio (83 a.C.). Al contrario le fonti sono meno avare di dettagli riguardo alla decorazione fittile del tempio arcaico. In particolare, secondo Plinio18, da Tarquinio Prisco furono commissionate a Vulca, celebre artista di Veio, sia le quadrighe fittili da porre sopra il tetto, che la statua di culto di Giove in terracotta «come al solito dipinta di minio» ; mentre secondo Plutarco19fu il più giovane Tarquinio ad affidare genericamente «ad alcuni artigiani etruschi di Veio l’incarico di collocare sulla sommità del tetto una quadriga di terracotta», la cui realizzazione comportò il prodigioso aumento delle dimensioni dopo la cottura nella fornace, presagio divino di prosperità e di potenza futura per Roma20. Il tempio, se verosimilmente passò indenne i secoli dell’alta e media repubblica, ivi compresi gli eventi legati al sacco gallico del 387 a.C., fu di certo oggetto di lavori ed interventi di ripristino e miglioramento delle decorazioni fittili e degli ornamenti. Lo sappiamo implicitamente dal ricordo dell’esistenza delle favisae sul Campidoglio, cioè di quei luoghi sotterranei in cui gli aeditui del Capitolium erano soliti riporre signa vetera et alia quaedam religiosa caduti ex eo templo21. Bisogna comunque attendere il 296 a.C. perché l’originaria quadriga etrusca venisse sostituita in culmine dalla quadriga di Giove in bronzo per volontà degli edili curuli Cneo e Quinto Ogulnio, che fornirono il Capitolium anche di soglie di bronzo (aenea limina) e di vasi d’argento per le tremense presenti nella cella di Giove, utilizzando il provento delle multe commissionate agli usurai22. Probabile restauro dovette subire la statua acroteriale di Summanus, colpita e danneggiata nel 275 da un fulmine23. Sullo scorcio della seconda guerra punica troviamo segnalata la sostituzione (o l’aggiunta) di quadrighe d’oro in Capitolio ad opera degli edili curuli del 204 a.C. Caio Livio e Marco Servilio Gemino24; preceduta dall’apposizione supra fores Capitolinae aedis del clipeo recante l’immagine di Asdrubale25. Altre quadrighe dorate vennero collocate nel 193 a.C. dagli edili curuli Tuccio e Publio Giunio Bruto ancora con il ricavato delle multe comminate ai faeneratores e in quella occasione pure furono posti dodici clipei dorati in cella Iovis, ad ornamento del frontone della aedicula in cui si trovava la statua di culto26. Nel 179 a.C. il censore Marco Emilio Lepido, tra le altre sue provvidenze, aedem Iovis in Capitolio, columnasque circa poliendas albo locavit, altresì liberandolo dalle statue, dai clipei e dalle insegne militari che lo ingombravano27. Ulteriori interventi di rilievo sono segnalati nel 149 a.C (post tertium bellum Punicum initum) con la realizzazione del pavimento del tempio in opus scutulatum, primo esempio di questa tecnica musiva a Roma28, e poco dopo la distruzione di Cartagine, sotto la censura di Lucio Mummio (142 a.C.), la doratura dei cassettonati lignei (laquearia)29.

  • 30 Tac., Hist. III, 72,2; Val. Max., IX, 3, 8; App., de bello civ., I, 86, 4.
  • 31 Tac., Hist. III, 72, 3 : Lutatii Catuli nomen inter tanta Caesarum opera usque ad Vitellium mansit. (...)
  • 32 Suet., Caes. 15; Cass. Dio, XXXVII, 44, 1-2. Il risentimento di Cesare nei confronti di Catulo dove (...)
  • 33 Tac., Hist. III, 72, 3.
  • 34 Dionys. Hal., IV, 61, 4.
  • 35 Varro, apud Gellium, II, 10 : Q. Catulus curator restituendi Capitolii dixisset voluisse se aream C (...)
  • 36 È questo il caso di Puteoli, così Val. Max. IX, 3, 8 : pecuniam a decurionibus ad refectionem Capit (...)
  • 37 Plin., Nat. Hist., XXXVI, 6, 45 : Capitolinis aedibus advexerat columnas.
  • 38 Plin., Nat. Hist., XXXIII, 57, 18, così sembra potersi estensivamente intendere il brano; anche Sen(...)
  • 39 Cic., Verr., II, 4, 31.
  • 40 Cass. Dio, XXXVII, 44, 1-2.
  • 41 Res gestae, 20, 1; Ap. 3.
  • 42 Così Ovid., Fasti, I, 201 s. : Iuppiter angusta vix totus stabat in aede, inque Iovis dextra fulmen (...)

9Il tempio di Giove Capitolino rimase dunque sostanzialmente inalterato fino al 6 luglio dell’83 a.C., quando nel corso della guerra civile, che vide contrapposti i partigiani di Caio Mario a quelli di Lucio Cornelio Silla, fraude privata, venne distrutto completamente30. L’incarico della ricostruzione fu assegnato a Quinto Lutazio Catulo (console del 78 a.C.), che provvide alla riconsacrazione del tempio avvenuta nel 69 a.C. avendo l’onore di vedere il suo nome apposto sulla fronte31. I lavori dovettero comunque proseguire almeno fino al 62 a.C., se Giulio Cesare durante la sua pretura lo chiamò a rispondere della correttezza del suo operato, proponendo senza successo che i lavori fossero affidati a Pompeo32. La ricostruzione ultimata da Catulo, non ostante le diverse intenzioni del cura-tore, evidentemente per ragioni insuperabili di conservatorismo religioso e per specifiche prescrizioni cultuali, avvenne isdem rursus vestigiis33, dunque proprio «sulle stesse fondazioni e differendo dall’antico solo per il lusso del materiale» 34. Non fu possibile quindi ovviare ai limiti offerti dal precedente edificio, che doveva apparire sproporzionato, con un tetto molto grande a fronte dell’altezza del corpo delle celle; a soluzione di questi difetti Catulo aveva proposto di «di abbassare l’area Capitolina, affinché si salisse al tempio con parecchi gradini e il podio divenisse più alto al confronto con la grandezza del tetto» 35, essendone però impedito dalla presenza delle favisae capitolinae. Tali condizionamenti non preclusero invero di ricostruire l’edificio, grazie all’apporto economico anche delle colonie36, in maniera più lussuosa e magnifica con l’adozione di un’architettura marmorea, tra cui dovevano figurare pure le colonne che Silla aveva strappato al tempio di Zeus Olimpico ad Atene, proprio ad ornamento del tempio capitolino37. Maggiore preziosità venne inoltre garantita all’insieme architettonico dalla fornitura, sempre ad opera di Lutazio Catulo, del tetto composto da tegole di bronzo dorato, a cui si affiancava probabilmente il preziosismo della doratura delle volte e delle pareti38. L’effetto della ricostruzione dovette essere complessivamente buono, venendo giudicato positivamente dai contemporanei sia dal punto di vista estetico che sotto il profilo della continuità religiosa, tanto da far affermare a Cicerone che quemadmodum magnificentius est restitutum, sic copiosius ornatum sit quam fuit39. Ulteriori restauri furono apportati sia da Cesare40che da Augusto, di particolare impegno questi ultimi ricordati quali opus impensa grandi41. Il cambiamento di gusto dei cittadini di Roma, connesso al rinnovamento urbanistico e architettonico della città nei primi decenni del principato, dovette comunque in qualche misura far riconsiderare il giudizio sul venerato tempio capitolino, ritenuto ormai troppo angusto per ospitare la nuova statua di culto di Giove42.

  • 43 Cass. Dio (Xiph.), LV, 1, 1 (9 a.C.).
  • 44 Consolatio ad Liviam, vv. 401-404.
  • 45 Tac., Hist., III, 71, 4; IV, 54, 1-2; inoltre Stat., Silvae V, 3, vv. 195-200; Plin., Nat. Hist., X (...)
  • 46 Tac., Hist. IV, 9, 2, su proposta del pretore designato Elvidio Prisco.
  • 47 Tac., Hist. IV, 53; G. E. F. Chilver, A historical commentary in Tacitus’ Histories IV and V, Oxfor (...)
  • 48 Sono verosimilmente le paludi di Ostia dove già Nerone aveva fatto gettare i detriti prodotti dall’ (...)
  • 49 Suet., Vesp. 8, 5 e Cass. Dio, LXVI, 10, 2.
  • 50 Suet., Vesp. 18 : [...] mechanico quoque grandis columnas exigua impensa perducturum in Capitolium (...)

10Solo lievemente danneggiato nel corso degli anni successivi da fulmini43e da principi d’incendio44, il tempio di Giove Capitolino non scampò infine al fuoco propagatosi nel corso dell’assedio dei sostenitori di Vespasiano da parte dei partigiani di Vitellio (69 d. C.), alimentato dalle aquilae vetere ligno, che sostenevano il tetto45. Tra i primissimi provvedimenti del nuovo princeps si impose la sua pronta ricostruzione a spese pubbliche46, affidata al cavaliere Lucio Vestino. Della cerimonia di ridedicazione (21 giugno 70 d.C.) ci rimane la particolarmente vivida memoria offerta da Tacito47, avvenuta alla presenza degli aruspici che avevano prescritto di rimuovere completamente tutte le rovine del precedente edificio (trasportate e seppellite in paludes)48, ma di riedificarlo esattamente isdem vestigiis, senza mutare la vecchia forma architettonica e impiegando unicamente materiale lapideo e oro vergini, con la concessione di aumentarlo in altezza, il solo aspetto che si credeva difettare alla magnificenza del tempio originario (altitudo aedibus adiecta : id solum religio adnuere et prioris templi magnificentiae defuisse credebatur). A sottolineare l’importanza anche simbolica della ricostruzione si pone la partecipazione diretta di Vespasiano alle operazioni preliminari, con il trasporto sulle spalle di un carico di macerie, nonché l’impegno nel recuperare la memoria storica dello stato romano, rappresentata dalle tremila tavole di bronzo presenti nell’area capitolina andate distrutte nell’incendio49. A questa fase può forse essere assegnato anche l’anneddoto riferito ad un non meglio precisato spostamento in Campidoglio di grandi colonne, per il quale un ingegnere aveva inventato un sistema più economico e vantaggioso di quelli abitualmente impiegati50.

  • 51 Cass. Dio, LXVI, 24, 1-2; Plut., Publ. 15, 3.
  • 52 CIL VI, 2059, ll. 12-13 = Acta Fr. Arv. (7 dic. 80 d.C); e RIC II, p. 128, n. 102.
  • 53 Suet., Domit. 5 : sub titulo tantum suo ac sine ulla pristini auctoris memoria; Lactant., De morte (...)
  • 54 Plut., Publ. 15, 4.

11Il tempio era stato da poco restituito pienamente alle sue funzioni, quando il grande incendio che nell’80 d.C. sconvolse Roma colpì nuovamente il Campidoglio e i suoi edifici51. Già Tito, negli ultimi mesi di regno, probabilmente dovette votare e iniziare la ricostruzione del tempio di Giove Capitolino52, poi portata a compimento da Domiziano, come unanimamente ci ricordano le fonti, sottolineata orgogliosamente dall’apposizione sull’architrave della sua sola titolatura imperiale53. Di particolare importanza risulta il passo di Plutarco54, che rammenta di aver visto personalmente ad Atene le colonne in marmo pentelico destinate alla ricostruzione, di diametro perfettamente proporzionato all’altezza (che però rilavorate a Roma risultarono, secondo lo storico, troppo gracili rispetto all’architettura complessiva); nonché la notizia del costo dell’intera doratura del tempio che raggiunse l’ingente somma di 12000 talenti e che interessò anche le porte e le tegole di bronzo.

  • 55 Amm., XVI, 10, 14; Auson., XI, 19, vv. 14-17.
  • 56 Zos., 5, 38, 5.
  • 57 Hier., Epist., 107,1.
  • 58 Procop., bell. Vand. 1, 5, 3-4.
  • 59 MGH, AA, IX, 336, 714.

12Il tempio, ancora ammirato nel iv secolo d. C.55, subì saccheggi sul finire dello stesso secolo da parte di Stilicone, con l’asportazione del rivestimento d’oro delle porte56, e poi già in stato di abbandono57ad opera dei Vandali di Genserico, che prelevarono metà delle tegole ricoprenti il tetto58(455 d.C.) ed infine nel VI secolo da parte del generale bizantino Narsete59.

  • 60 Vd. Andrén, art. cit., n. 20, p. 76 ss., la datazione oscilla tra l’80 e il 76 a.C. Sulla documenta (...)

13Relativamente alle testimonianze figurate nulla rimane di certo per i secoli più antichi, essendo la prima rappresentazione quella offerta sul rovescio di denari, coniati dal triumvir monetalis Marco Volteio dopo l’incendio dell’83 a.C.60Il tempio si trova qui raffigurato con la fronte tetrastila, le tre porte chiuse da doppio battente, colonne d’ordine tuscanico, alto frontone ornato centralmente da un fascio di folgori, gli spioventi del tetto leggermente arcuati, decorati frontal-mente da acroteri centrali e laterali e da una serie di alte appliques ricurve variamente interpretate (fig. 1) Segue cronologicamente l’immagine presente sui denari battuti sotto Petillio Capitolino nel 43 a.C., nei quali la fronte del tempio appare per la prima volta esastila, con il frontone ornato da un’aquila sovrastante un fascio di fulmini, e il fastigio del tetto sormontato dalla quadriga centrale e da molte statue (fig. 2).

Fig. 1 – Denario di Marco Volteio (80-76 a.C.).

Fig. 2 – Denario di Petillio Capitolino (43 a.C).

  • 61 H. de Villefosse, Le trésor de Boscoreale, in Monuments Piot, 5, 1899, p. 142 ss., tav. XXXVI,2.

14Una raffigurazione del tempio per l’epoca giulio-claudia è presente su uno skyphos in argento del tesoro di Boscoreale, con scena di sacrificio da parte di Tiberio61. La descrizione del tempio, compendiaria, ce lo mostra di tre-quarti, con la fronte tetrastila, con colonne d’ordine ionico, sormontata dal frontone decorato da un’aquila ad ali spiegate; il lato destro è ornato da due pilastri. Interessante è la raffigurazione dell’alto podio del tempio in muratura isodoma, posto su una più grande piattaforma a blocchi, su un lato della quale si apre una porta ad arco (fig. 3).

Fig. 3 – Parigi, Louvre. Tesoro di Boscoreale, skyphos in argento.

  • 62 A. M. Colini, Indagini sui frontoni dei templi di Roma. I frontonidel tempio di Giove Capitolino, i (...)
  • 63 BMCEmp II, p. 346, n. 242, tav. 67,8; RIC II, p. 178, n. 207, tav. 5, 85c.
  • 64 Il completamento del restauro domizianeo potrebbe essere avvenuto già nell’82 d.C. a giudicare da u (...)

15Immagini monetali del tempio vengono successivamente coniate sotto Vitellio e poi da Vespasiano (a partire dal 71 d.C.) dopo il distruttivo incendio, a celebrazione della sua ricostruzione, nelle quali appare invariabilmente esastilo sulla fronte, con colonne d’ordine corinzio, scalinata frontale di quattro gradini, con le statue di culto all’interno delle celle (Giove seduto in quella centrale, Giunone e Minerva stanti nelle laterali), frontone decorato dalla triade capitolina e fastigio frontonale ornato variamente da statue, quadrighe e bighe62 (fig. 4) La successiva riedificazione del tempio, dopo l’incendio dell’80 d.C., ci viene presentata dai coni monetali di Domiziano63 e sembra aver ripetuto fedelmente quella precedente64(fig.5)

Fig. 4 – Sesterzio di Vespasiano (77-78 d.C.).

  • 65 M. L. Cafiero, Rilievi storici capitolini, (cat. mostra), Roma, 1986, p. 40, tavv. XXXVII-XL.

16Riguardo alla decorazione frontonale e acroteriale, relativa a quest’ultima ricostruzione, siamo meglio informati grazie ad una serie di bassorilievi che ci presentano la facciata del tempio. La raffigurazione più dettagliata e affidabile è quella ben nota offerta dal rilievo con la Pietas Augusti, proveniente da un arco trionfale di Marco Aurelio e ora nel Palazzo dei Conservatori65, con fronte tetrastila (anziché esastila, per una licenza rappresentativa che permetteva la visione completa delle porte delle tre celle), colonne lisce e capitello composito. Il frontone si presenta con al centro la triade capitolina seduta con Giove tra Giunone (alla sua destra) e Minerva (alla sua sinistra); ai piedi di Giove una grande aquila dispiega le sue ali. Alle estremità angolari del frontone compaiono due coppie di Ciclopi intenti nella forgiatura dei fulmini di Giove, alla presenza rispettivamente di

17Tellus e di Efesto. Seguono, a destra, il carro del Sole e, a sinistra, il carro della Luna, mentre sotto la triade (da sinistra a destra) probabilmente si offrono stanti Ercole, Salus ed Esculapio. L’acroterio centrale è costituito da una quadriga, mentre in quelli laterali (pur mutili) sono da riconoscere due bighe (fig. 6).

Fig. 5 – Tetradramma di Tito (81 d.C.).

Fig. 6 – Roma, Palazzo dei Conservatori. Rilievo con Pietas di Marco Aurelio.

  • 66 S. Tortorella, Il rilievo dell’Extispicium del Museo del Louvre, in ScAnt, 2, 1988, p. 475-499.
  • 67 Il disegno, presente nel Codex Coburgensis è stato pubblicato da E. Schulze, in Archäologischer Anz (...)
  • 68 N. Agnoli, Museo nazionale archeologico di Palestrina. Le sculture, 1, Roma, 2002, n. 31, p. 118 ss

18Il confronto migliore con questa raffigurazione è dato dal rilievo con extispicium del Louvre, d’età adrianea, che mostra una visione di tre-quarti del prospetto colonnato della fronte e di parte del lato lungo destro (con le colonne corinzie scanalate)66, mentre per il frontone e gli acroteri dobbiamo avvalerci del disegno di un perduto rilievo storico frammentario (in cui le figure comprese nello spazio frontonale appaiono meno numerose, mentre sugli spioventi tra gli acroteri si aggiungono da ogni lato due figure di divinità stanti)67(fig. 7). A queste testimonianze si deve aggiungere il gruppo scultoreo con la Triade Capitolina, recentemente rinvenuto nei pressi di Guidonia (Roma), che pur con qualche variante (la posizione invertita di Giunone e Minerva; il trono unitario per tutte le divinità) sembra ben restituire l’aspetto delle figure centrali del frontone capitolino complete degli attributi e dei rispettivi animali simbolici68.

I resti monumentali

  • 69 P. Rosa, Scavi Capitolini, in AnnInst, 37, 1865, p. 382-386; pianta in MonInst, VIII, tav. XXIII, 2
  • 70 R. Lanciani, Il tempio di Giove Ottimo Massimo, in BCom, 3, 1875, p. 165-189; Id., in BCom, 4, 1876 (...)
  • 71 H. Jordan, Osservazioni sul tempio di Giove Capitolino, in AnnInst, 48, 1876, p. 145-172; pianta in (...)

19A partire dalla seconda metà del xix secolo, in più occasioni la sommità sud-occidentale del Campidoglio (e particolarmente l’area all’interno del Palazzo e del Giardino Caffarelli) è stata oggetto di scavi e ricerche archeologiche, che hanno rivelato imponenti resti monumentali, dapprima interpretati genericamente come fondazione di un tempio69, poi da Rodolfo Lanciani identificati definitivamente (dopo gli scavi condotti all’interno del Giardino Romano del Palazzo dei Conservatori) come platea di fondazione del tempio di Giove Ottimo Massimo70. I successivi studi hanno avuto il merito di porre l’attenzione sulla struttura e sulle dimensioni reali della platea, e di permettere diverse ipotesi relativamente all’alzato del tempio71.

20Punti fermi per ogni discorso di merito furono l’individuazione degli angoli della platea ancora esistenti, e in particolare l’angolo sud-orientale (visibile in via del Tempio di Giove e all’interno del cd. Braccio Nuovo dei Musei Capitolini)

Fig. 7 – Parigi, Louvre. Rilievo con extispicium.

  • 72 Sui resti archeologici si veda, da ultimo, la presentazione esaustiva (con bibl. prec.) di Cifani, (...)
  • 73 Cifani, op. cit., n. 3, rispettivamente nn. 14, 7, 21, fig. 70.
  • 74 Cifani, op. cit., n. 3, rispettivamente nn. 9, 11, 12, 13 a, 13 b; e 10, 10 bis, 5, 6 a, fig. 70.

21(fig. 8), l’angolo nord-orientale (fino al 2000 visibile in Piazza Caffarelli) (fig. 9) e l’angolo sud-occidentale (individuato nel passato al di sotto dell’attuale Giardino Caffarelli)72, a cui s’aggiunsero la conoscenza di ampi tratti delle murature perimetrali orientali, occidentali e settentrionali della platea73. L’individuazione, all’interno delle murature perimetrali di fondazione, di un reticolo di altre murature con andamento parallelo ed ortogonale, ha fatto poi ipotizzare una loro relazione con gli scomparsi alzati dell’edificio templare74.

  • 75 Gjerstad, op. cit., n. 1, p. 178.
  • 76 Diversamente Sommella Mura 2009, art. cit., n. 2, p. 333-372, comprendendo nella lunghezza anche le (...)

22Per questi aspetti, la pubblicazione di E. Gjerstad75può considerarsi a tutt’oggi ancora valida, in particolare avendo stabilito la larghezza della platea di fondazione in m 53,50 e la lunghezza in m 62,5076.

  • 77 Sommella Mura 1997-98, art. cit., n. 2, p. 57-79; Sommella Mura 2000, art. cit., n. 2, p. 7-26; Som (...)

23Le conoscenze delle strutture murarie esistenti, grazie anche ai preliminari dati di scavo recentemente resi disponibili, permettono oggi un’analisi più compiuta, offrendosi a valutazioni tecniche e ad interpretazioni maggiormente soddisfacenti77. Una qualche utilità sembra quindi avere, anche in questo caso, la presentazione di una rapida sintesi delle informazioni in nostro possesso.

Fig. 8 – Platea di fondazione del tempio di Giove Capitolino, angolo Sud-Est.

Fig. 9 – Platea di fondazione del tempio di Giove Capitolino, angolo Nord-Est.

  • 78 Quest’ultimo eliminato per far posto alla cd. Esedra del Marco Aurelio, all’interno del Palazzo dei (...)
  • 79 Così denominato perché i banchi che lo caratterizzano, sono generalmente disposti al di sopra degli (...)
  • 80 Cifani, op. cit., n. 3, p. 221 s

24Gli scavi condotti, tra il 1998 e il 2000, nell’area degli allora denominati Museo Nuovo e Giardino Romano78, hanno infatti avuto il merito di scoprire (o di riscoprire) una parte consistente delle murature a blocchi di tufo, costituenti la platea di fondazione del tempio di Giove Capitolino, coprente una superficie stimata in circa 3340 mq. Il materiale impiegato è una particolare varietà locale di tufo granulare grigio, denominato cappellaccio79, di scarsa consistenza e resistenza se esposto direttamente agli agenti atmosferici, ma efficace se utilizzato in strutture interrate (quali appunto le fondazioni, le cisterne e i condotti fognari) o se protetto da opportuno rivestimento80. Per le sue caratteristiche questo tufo ben si prestava ad essere lavorato in blocchi squadrati, funzionali all’opera quadrata, messi in opera a strati secondo il sistema di testa e di taglio, qui adottato secondo una maniera non particolarmente accurata e regolare, senza l’impiego di alcun legante. Le misure dei blocchi, variabili da settore a settore, sembrano modulate sull’unita di misura del piede romano (cm 29,7), con le seguenti misure medie di cm 90 per la lunghezza, cm 60 per la larghezza, cm 30 per l’altezza.

  • 81 Danti, art. cit., n. 2, p. 339 ss.; fig. 20 e 21. Larga circa m 3,8, presentava un profilo a scarpa (...)
  • 82 Relativamente alle fasi protostoriche, a quella tardo-arcaica, a quelle repubblicane.
  • 83 R. Funiciello (a cura di), Memorie descrittive della carta geologica d’Italia, vol. L. La geologia (...)
  • 84 Indicato sul fronte orientale dal livello di frequentazione arcaico individuato nel Giardino Romano (...)
  • 85 Danti, art. cit., n. 2, p. 342 s., part. nota 41.

25In particolare, lo scavo realizzato nell’area del Giardino Romano ha permesso, con l’individuazione della fossa di fondazione81, di riconoscere il livello di frequentazione antico82, la stratificazione geologica del terreno, la profondità e quindi l’altezza delle murature di fondazione in questo settore del lato orientale (fig. 10) Lo scavo delle fondazioni avvenne attraverso il taglio e l’asportazione dello strato geologico più superficiale del colle capitolino, rappresentato da un deposito di natura argillosa d’origine fluvio-lacustre di oltre otto metri di spessore, onde permettere il raggiungimento degli strati più solidi costituiti da piroclastiti e da tufo rosso litoide83. Su questo strato, regolarizzato e intagliato con una sorta di battente di posa, si collocò la prima assise di blocchi di tufo. Al di sopra della preparazione del piano si pongono, fino all’antico livello di spiccato in superficie84, 23 filari di blocchi, per un’altezza complessiva di m 8,5. I blocchi presentano la faccia a vista squadrata e in più casi segnata superiormente da una scorniciatura sottolivello (anatyrosis), funzionale a guidare la messa in opera dei blocchi del filare superiore. Sulla base dei materiali rinvenuti nei diversi livelli di riempimento (particolarmente alcuni frammenti di vasi in bucchero) è stato possibile datare l’intervento di scavo della fossa e di realizzazione dei muri di fondazione nell’ambito della seconda metà del vi secolo a.C.85

Fig. 10 – Tempio di Giove Capitolino, fossa di fondazione ad Est.

  • 86 Questo bene si evince dall’innesto di uno dei setti murari E-O con il cd. Muro Romano, messo in luc (...)
  • 87 Danti, art. cit., n. 2, p. 323 ss., fig. 1; Cifani, op. cit., n. 3, p. 102 s.
  • 88 Vitr., de Archt., III, 4, 1.

26Le fondazioni, per quanto fin qui è noto, vennero realizzate unitariamente mediante lo scavo di una larga trincea perimetrale, collegata all’interno da un reticolo di trincee minori ortogonali (due con andamento E-O; quattro con andamento N-S), intagliate direttamente nel banco argilloso, e armate attraverso la progressiva posa in altezza e in piano delle successive assise di blocchi costituenti i setti murari, solidamente «cuciti» tra loro nei punti d’intersecazione86(fig. 11). Le mura perimetrali così realizzate presentano una larghezza di circa m 6,90; i due setti murari interni E-O di circa m 4,5; i quattro setti murari interni N-S di circa m 3,8587(fig. 12). Appaiono evidenti le finalità del costruttore romano, miranti da un lato a garantire la massima stabilità della struttura, e quindi obbligato a raggiungere lo strato di solido tufo, attraversando e in parte asportando lo strato delle argille lacustrifluviali, di spessore probabilmente inaspettato; dall’altro, ferma restando questa fondamentale necessità, traspare la volontà di evitare così l’immane impresa rappresentata dallo sbancamento integrale dell’area con la conseguente rimozione delle terre di risulta e, al pari, di risparmiare l’imponente quantità di materiale da costruzione, che si sarebbe reso necessario con la realizzazione di una muratura piena. Può essere interessante notare, poi, come la tecnica qui adottata (fin da epoca arcaica quindi e su così grande scala) risponda in maniera esemplare ai dettati prescritti nello specifico da Vitruvio, quando consiglia di gettare le fondazioni ab solido et in solidum, bene in profondità quantum ex amplitudine operis pro ratione videbitur88: e del resto il sistema adottato fu perfettamente in grado di sostenere per oltre un millennio la struttura edilizia del tempio, non subendo nel corso della sua storia che insignificanti (rispetto all’insieme) cedimenti e assestamenti.

Fig. 11 – Giardino Caffarelli, fondazioni del tempio di Giove Capitolino, setto murario Est-Ovest.

Fig. 12 – Tempio di Giove Capitolino, pianta generale della platea di fondazione.

  • 89 Lanciani, art. cit., n. 70, p. 182; Id., in BCom, 4, 1876, p. 32; Id., Storia degli Scavi, II, p. 9 (...)
  • 90 La prima illustrazione di queste murature si ha in R. Fabretti, De columna Traiani : Addenda, Roma (...)

27Relativamente alla parte non interrata delle murature, meglio apprezzabile sul lato orientale, possiamo qui rilevare che al di sopra della fondazione perimetrale e del banco di argilla compattata, intermedio e parallelo al primo setto murario, venne realizzata una struttura muraria a blocchi piena e unitaria. Questo può essere agevolmente notato in corrispondenza dell’angolo S-E della platea (oggi lasciata a vista nel percorso museale), i cui blocchi strettamente connessi al cosiddetto Muro Romano si dispongono a coprire il sottostante banco risparmiato d’argilla (fig. 13). Proprio il Muro Romano costituisce l’elemento superstite, più cospicuo per dimensioni, della platea nella sua parte supra terram, scampato quasi miracolosamente alla generale distruzione e asportazione dei materiali costituenti le strutture portanti dell’area templare89. Questa fortunata circostanza si deve probabilmente al fatto che questo settore murario venne a trovarsi in epoca medievale al confine tra le proprietà spettanti ai Conservatori di Roma e le attigue proprietà pertinenti a privati o ad enti ecclesiastici, costituendo così una sorta di bastione fortificato a difesa del Palazzo dei Conservatori (e della porzione di giardino a questo annesso) sul versante occidentale del colle capitolino, come stanno a dimostrare proprio gli adattamenti medievali presenti sul lato esterno della struttura, prospettante verso l’attuale Giardino Caffarelli90(fig. 14).

Fig. 13 – Platea di fondazione del tempio di Giove Capitolino, settore Sud-Est.

Fig. 14 – Il «Muro Romano» nel 1683 (R. Fabretti, De columna Traiani, Roma 1683, Addenda).

  • 91 Danti, art. cit., n. 2, p. 326, anche nota 8 e fig. 4; Cifani, op. cit., n. 3, p. 88, n. 4, fig. 72

28Il Muro Romano, meglio conservato nella sua faccia orientale, si apprezza oggi per una lunghezza di m 24,70 e per una larghezza massima a settentrione di m 3,80. Sulla testata meridionale risulta di larghezza maggiore, non essendo definito nei volumi e nell’altezza in maniera altrettanto netta, raggiungendo uno spessore massimo di m 6,60. Lo sviluppo in altezza (dall’attuale piano di calpestio) è di m 5,4 circa, misura comprendente sia i 15 filari di blocchi di tufo, che lo spesso strato di conglomerato cementizio, gettato al disopra probabilmente in epoca tardo-repubblicana91 (fig. 15).

Image 100000000000163F000008A981023C41.jpg

Fig. 15 – Il «Muro Romano», fronte Est, rilievo dell’alzato.

  • 92 I blocchi misurano cm 30-32, per un’altezza complessiva dim 2,81. L’irregolarità dei piani di posa, (...)
  • 93 Cm 38 circa. L’altezza complessiva di questo settore è dim 2,04.
  • 94 Cm 60-90.
  • 95 Larghezza inferiore m 1,15.
  • 96 Larghezza superiore m 2,73; larghezza inferiore 1,54.

29Relativamente alla tecnica edilizia, la faccia orientale del Muro Romano vede i primi 9 filari di blocchi dal basso svilupparsi in maniera omogenea, caratterizzati nell’attuale faccia a vista sul bordo superiore dalla già segnalata anatyrosis92. A partire dal 10° filare la muratura verso meridione appare visibilmente incassata, rientrando fino a cm 29 rispetto allo spiombo dei filari inferiori, diminuendo fino ad annullarsi procedendo verso il lato opposto; inoltre i blocchi cost ituenti l’11°, il 14° e il 15° filare presentano un’altezza maggiore93. Al di sopra si distende uno strato di conglomerato di spessore variabile, correttamente interpretato come preparazione del superiore piano pavimentale dell’area sacra94. Su questo lato del Muro Romano si apprezzano anche altri interventi (alcuni certamente antichi) realizzati in conglomerato cementizio e addossati alla struttura muraria, con funzioni di rinforzo e di sostegno, che scendono in profondità e hanno come piano d’appoggio il 9° filare. Se ne distinguono in particolare uno a forma di plinto parallelepipedo95e, verso la testata meridionale, uno più grande e di forma irregolare, di cui si conserva solo la parte aderente alla muratura96; un altro, molto più piccolo, è posto in posizione intermedia (fig. 16).

Fig. 16 – Il «Muro Romano», fronte Est, particolare degli interventi in conglomerato cementizio.

  • 97 Si riconoscono tra i caementa anche alcuni sporadici frammenti di marmo.

30Il conglomerato utilizzato, composto prevalentemente da scapoli di tufo di media grandezza97, risulta molto simile sia nei rinforzi che nel piano pavimentale, lasciando pensare ad un intervento unitario verosimilmente da assegnare alla fase di ricostruzione e restauro del tempio di Giove Capitolino realizzata da Lutazio Catulo dopo l’incendio dell’83 a.C.

  • 98 Alt. m 0,66; larg. m 0,19 circa; distanza tra le due feritoie m 2,45.

31Il lato occidentale del cosiddetto Muro Romano, in peggiore stato di conservazione, risulta interessato da interventi medievali e rinascimentali. I primi, con una chiara valenza difensiva, si concentrano nel settore settentrionale dove una lacuna nella struttura antica, in cui si ricavò un vano trapezoidale allungato, presenta nella faccia a vista una muratura a piccoli tufelli di tufo rossastro, disposti regolarmente a piani sovrapposti e legati con malta. In essa si aprono due alte feritoie verticali98, mentre superiormente si dispongono orizzontalmente sei barbacani di travertino, realizzati riutilizzando cornici d’epoca romana (fig. 17).

Fig. 17 – Il «Muro Romano», fronte Ovest, particolare degli interventi medievali.

  • 99 Lung. m 1,06; larg. 0,26; alt. 0,21.

32A fianco di questa muratura, al di sopra dell’11° filare, una profonda scalpellatura corre per buona parte della lunghezza, finalizzata ad accogliere il condotto di una canalizzazione, realizzato (forse in epoca tardo-rinascimentale) con laterizi parallelepipedi cavi, aperti sul lato superiore (sezione a U), innestati l’uno nell’altro «a canocchiale», ad agevolare il flusso dell’acqua99. Il condotto, sostenuto da una muratura di laterizi di recupero, piega all’estremità verso l’interno del muro e presenta un’apprezzabile pendenza a permettere lo scorrere delle acque pluviali, provenienti da un perduto livello superiore e convogliate probabilmente in una sottostante scomparsa cisterna (fig. 18).

Fig. 18 – Il «Muro Romano», fronte Ovest, particolare degli interventi tardo-rinascimentali.

  • 100 Così quelli individuati nella Sala II e nella Sala IV del Museo Nuovo, in Danti, art. cit., n. 2, p (...)

33Altri settori murari della platea emergenti al di sopra del livello antico si trovano inglobati nelle murature moderne del Palazzo Caffarelli e del Museo Nuovo, riconosciuti come parte dei setti trasversali delle fondazioni100(fig. 19).

Fig. 19 – Museo Nuovo, Sala IV. Parte del setto murario E-O.

  • 101 Presenti al centro della Sala X del Museo Nuovo; Cifani, op. cit., n. 3, p. 91, n. 9. Non è facile (...)

34Al livello dell’originario spiccato e al di sotto del pavimento del Museo Nuovo, sono presenti anche altri interventi in conglomerato cementizio, assimilabili ai precedenti, con funzioni di probabile rinforzo, di cui uno già mantenuto a vista nel percorso di visita101.

  • 102 Trattasi della quota d’età tardo-repubblicana e, verosimilmente, imperiale; la quota arcaica doveva (...)

35Da quanto emerge dall’analisi delle strutture esistenti è possibile affermare che tutto ciò che rimane appartiene alla platea quadrangolare di fondazione sulla quale si sarebbe poi innalzato il tempio di Giove Capitolino. Di questa, la maggior parte è relativa alla sua struttura interrata, realizzata come una sorta di grande reticolo composto da una larga fascia perimetrale e da una maglia di setti murari ortogonali di minore ampiezza. Relativamente alla parte in elevato della platea, non modificata di molto attraverso i secoli, la quota superiore è data dallo strato di conglomerato cementizio posto al di sopra del cosiddetto Muro sviluppo in altezza è stato radicalmente compromesso dalla costruzione degli edifici posteriori. Dubbi sulla antichità di alcuni di questi interventi è stata espressa da P. L. Tucci, Il tempio di Giove Capitolino e la sua influenza sui templi di età imperiale, in JRA, 19, 2006, p. 390.Romano, a circa m 5,4 rispetto al piano di campagna antico102.

  • 103 Vitr., de Arch., III, 4,1.
  • 104 Un’opinione in parte coincidente sembra essere espressa in Danti, art. cit., n. 2, p. 346.

36La parte superiore della platea è stata generalmente interpretata come ricalcante la struttura realizzata in fondazione con un andamento a reticolo, funzionale a sostenere le strutture portanti del tempio (colonnato, muri del pronaos e delle celle, eventuali parti postiche, ecc...), sull’esempio di quanto si conosce per l’architettura sacra d’epoca etrusca e romana, e sulla scorta di Vitruvio, che prescrive che «al di sopra del terreno (supra terram) i muri di fondazione sotto le colonne siano costruiti della metà più larghi delle future colonne, affinché le parti inferiori di fondazione siano più solide di quelle superiori» e che tra i muri di fondazione «gli spazi intermedi (intervalla) siano da coprire a volta (concameranda) o debbano essere resi compatti (solidanda) attraverso livellamenti del terreno (festucationibus103. Nello specifico, pur essendo quest’ultimo caso altamente probabile, per ragioni di economia generale e per comodità pratiche di cantiere (con il riuso dell’argilla scavata in fondazione per riempire gli spazi esistenti tra i diversi setti murari innalzati), si è visto come in corrispondenza dell’angolo S-E, almeno nella parte perimetrale orientale della platea, si sia preferita una soluzione di maggiore solidità statica, racchiudendo con un muratura piena più ampia tutta la fascia che va dal bordo al Muro Romano; cosa perfettamente comprensibile se si pensa alla spinta centrifuga sui muri perimetrali, causata dalle masse del riempimento interno e superiormente dalla struttura del tempio104.

  • 105 Vedi supra.
  • 106 Gjerstad, op. cit., n. 1, p. 176 s.

37E’ verosimile comunque, indipendentemente da come si presentasse la struttura interna della platea, che il piano superiore di calpestio fosse realizzato in epoca arcaica da uno o, meglio, più strati sovrapposti di blocchi di tufo, aventi lo scopo di proteggere e impermeabilizzare il suo nucleo strutturale (evitando il rischioso dilavamento delle terre di riporto) e di sostenere e distribuire gli importanti carichi gravanti su di essa. Intenti chiaramente tenuti in considerazione, e rafforzati, con la gettata in conglomerato cementizio posta al di sopra, verosimilmente in epoca tardo-repubblicana. E’ importante a questo proposito notare come la struttura della platea, sia nella parte inter-rata, che in quella esterna (più compatta e unitaria di quanto fin qui ritenuto), abbia mantenuto la sua coerenza e solidità per molti secoli, avendo avuto bisogno solo di modesti interventi di ripristino o di rinforzamento, a fronte delle distruzioni ripetute subite dal tempio di Giove Capitolino. A proposito di possibili rifacimenti della platea, il Gjerstad ha proposto di riconoscere le tracce di un probabile suo innalzamento, nel notato arretramento e cambiamento di dimensioni dei blocchi di tufo in alcuni filari del cosiddetto Muro Romano, a partire dall’attuale 10° filare105, attribuendo questa sopraelevazione della platea arcaica alla ricostruzione di Lutazio Catulo, dopo l’incendio dell’83 a.C.106(fig. 20).

Fig. 20 – Il «Muro Romano», fronte Est, particolare della muratura.

  • 107 Vedi supra p. 597. Se si vuole dare credito a questa fase ricostruttiva della platea, si deve pensa (...)

38Questa fase ricostruttiva potrebbe trovare conferma nei rinforzi in conglomerato presenti a ridosso del Muro Romano, che appoggiano omogeneamente sul 9° filare, anche se andrebbe chiarito il perché del protrarsi dell’impiego per un restauro così impegnativo della stessa scadente qualità di tufo cappellaccio, ormai fuori produzione e non più utilizzato dai costruttori tardo-repubblicani, nonché perché solo tre dei sei filari delle supposta sopraelevazione siano di dimensioni maggiori, essendo intervallati da altri tre in tutto simili a quelli sottostanti107. Si può aggiungere che molto verosimilmente, forse già nella fase originaria arcaica, la platea nella parte supra terram fosse completata e rifinita negli alzati con una fascia perimetrale, a protezione e ad ornamento della comunque rozza muratura in cappellaccio.

39Tale rivestimento (di cui non rimangono tracce), in analogia con quanto conosciamo nell’architettura romana, deve essere stato diverso a seconda dell’epoca : in lastre di terracotta forse per la fase arcaica, in blocchi di tufo con modanature per la base e il coronamento nella fase repubblicana, in blocchi di travertino o lastre in marmo per le successive fasi imperiali.

  • 108 Sommella 2000, art. cit., n. 2, p. 22, fig. 27; A. Danti, in Il tempio di Giove e le origini del co (...)
  • 109 Gjerstad, op. cit., n. 1, p. 189 s., fig. 119, 120.
  • 110 L’importante precisazione si deve alla puntuale ricerca condotta sui documenti d’archivio da L. Fer (...)

40Poco o nulla rimane della decorazione fittile tardo-arcaica del tempio. Solo gli elementi rinvenuti nei recenti scavi (tra cui figurano una note-vole testa femminile da antefissa, una lastra di rivestimento con teoria di carri e un frammento di lastra con anthemion) possono infatti essergli assegnati con una qualche verosimiglianza108(fig. 21, 22), mentre da quelli tradizionalmente attribuiti al tempio109una più attenta analisi della documentazione d’archivio ha portato ad escludere il noto frammento di tegola di gronda con fascia dipinta a meandro110.

Fig. 21 – Testa femminile da antefissa.

Fig. 22 – Lastra di rivestimento con triga.

Osservazioni

  • 111 Di diverso avviso P. M. Martin, Architecture et politique : le temple de Jupiter Capitolin, in Caes (...)
  • 112 Dionys. Hal. III, 69, 1-2.
  • 113 Credo che le strutture realizzate in Campidoglio sotto Tarquinio Prisco siano da interpretare solo (...)
  • 114 Documentato nella planimetria del Campidoglio redatta da Jean Arnaud Leveil nel 1838, in Albertoni, (...)
  • 115 Rinvenuto nel corso di scavi recenti, e subito ricoperto dalla moderna costruzione di una, dannosa (...)
  • 116 H. Dressel, Scavi sul Campidoglio, in BullInst, 1882, p. 225-230; Albertoni, art. cit., n. 2, p. 35 (...)
  • 117 Per questi aspetti e un’ipotesi di percorso delle mura si veda utilmente Albertoni, art. cit., n. 2 (...)

41Recuperando le informazioni sopra esposte è forse possibile ricercare una coerenza tra quanto tramandato dalle fonti e quanto ancora leggibile nel contesto topografico e nelle strutture murarie superstiti. Relativamente alla suddivisione dei lavori tra i tre sovrani etruschi, non mi pare vi siano contraddizioni insanabili presenti nelle fonti111. A Tarquinio Prisco (616-579 a.C.) è ben possibile assegnare con Dionisio i soli lavori preliminari di livellamento e di consolidamento di questa altura del colle capitolino, dovendosi ritenere infatti appena sufficienti per questi scopi gli ultimi quattro anni del suo regno. In particolare i lavori consistettero, con logica sequenza, dapprima nel circondare (ιάι) con alte mura di contenimento (ὰή) più luoghi della collina, che si presentava scoscesa e appuntita; poi nel riempire lo spazio esistente tra queste mura e la sommità della collina con molta terra scavata (oῦς); infine nel rendere piana (óó) tutta l’area destinata al culto degli dei112. Già da questo passo risulta evidente la grandiosità del progetto e della realizzazione del primo dei Tarquini, che verosimilmente doveva comprendere, con le mura di contenimento delle instabili rupi capitoline, un’area ben più vasta di quella che poi sarebbe stata occupata dalla platea del tempio di Giove113. Di queste mura di contenimento poste a protezione dei rilevanti salti di quota esistenti su questa sommità del Campidoglio poco o nulla rimane, potendosene forse identificare dei tratti in cappellaccio all’interno del Palazzo Caffarelli (presso il cortile dei Conservatori)114, nell’area di Piazzale Caffarelli115e presso il cosiddetto Portico del Vignola116. Non è improbabile ritenere, poi, che le mura di terrazzamento realizzate in questo momento siano state ricomprese e in parte abbiano coinciso con il circuito murario del Campidoglio, realizzato nei secoli successivi, documentato dalla Forma Urbis, dai resti archeologici e nelle notizie d’archivio117.

  • 118 Tac., Hist. III, 72, 2.
  • 119 Per una sintesi esaustiva, con bibl. prec., LTUR II (1995), s.v. Fortuna et Mater Matuta, Aedes, p. (...)

42Non molto può dirsi riguardo all’intervento di Servio Tullio (578-535 a.C.), realizzato sociorum studio, ricordato solo da Tacito118, probabilmente consistito nel completamento delle mura di terrazzamento del Campidoglio, incluse nel più generale piano di costruzione delle mura urbane a questi comunemente assegnate. Certo l’interruzione dei lavori per oltre quattro decenni non sembra che possa aver trovato motivo cogente in ragioni d’ordine finanziario, poiché sotto questo dinasta Roma presentò uno sviluppo urbanistico ed edilizio molto significativo, ma piuttosto andrebbe riportata a ragioni di carattere politico e d’opportunità istituzionale, che spinsero Servio Tullio ad abbandonare il progetto del predecessore, evidentemente troppo segnato autocraticamente, per indirizzarsi verso realizzazioni di segno diverso, più «democratiche», come mostrano eloquentemente l’introduzione del culto di Diana sull’Aventino (testimonianza dell’apertura verso i popoli facenti parte della Lega Latina), la costruzione del tempio di Fortuna e Mater Matuta nel Foro Boario119e la riforma dell’ordinamento centuriato (con il riassetto della tradizionale struttura gentilizia della società romana).

  • 120 Vedi supra p. 591 e nota 7.
  • 121 F. Lugli, Le tombe dell’età del Ferro e l’attività metallurgica dall’età del Ferro al periodo arcai (...)
  • 122 Danti, art. cit., n. 2, p. 332-337.

43Per l’intervento del re Tarquinio il Superbo (535-509 a.C.), in primo luogo, è interessante notare come le fonti scritte appaiano tra loro coerenti e complementari, in buona misura sostanzialmente affidabili, a volte anche per quei particolari che a prima vista sembrerebbero solo leggendari. A questo proposito, ad esempio, può essere rivalutato il particolare, riferito da Dionisio, da Livio e da altri autori120, del rinvenimento nel gettare le fondamenta del tempio di una testa umana mirabilmente conservata (caput humanum integra facie), considerando la presenza nell’area immediatamente contigua del Giardino Romano del Palazzo dei Conservatori di numerose sepolture ad inumazione risalenti sia all’età del Ferro (II e III periodo laziale)121, che al periodo orientalizzante e arcaico122, pertinenti ad infanti, bambini, adolescenti e giovani d’entrambi i sessi, e relative ad un abitato stabilmente insediatosi almeno fin dal ix secolo a.C. sul Campidoglio (fig. 23)

Fig. 23 – Giardino Romano, tomba a fossa.

  • 123 Liv., I, 55, 6 : [...] idque ita cecinere vates, quique in urbe erant, quosque ob eam rem consultan (...)
  • 124 Dionys. Hal., IV, 59, 2.
  • 125 Danti, art. cit., n. 2, p. 342 s., part. nota 41. Particolarmente grave, a questo proposito, risult (...)
  • 126 Dionys. Hal., IV, 61, 3.
  • 127 Così già correttamente pensarono Paribeni, art. cit., n. 71, p. 40; M. Cagiano de Azevedo, I «Capit (...)
  • 128 Gjerstad, op. cit., n. 1, p. 178.
  • 129 Paribeni, art. cit., n. 71, p. 40 s., dove si chiarisce che, seanche il piede utilizzato da Dionisi (...)

44Certamente, infatti, quest’area occupata da sepolture venne messa in luce e sconvolta dagli imponenti sbancamenti necessari per la posa delle fondazioni della platea del tempio di Giove, comportando anche dal punto di vista religioso tutta una serie di adempimenti (con l’intervento degli indovini presenti in città e di quelli appositamente chiamati dall’Etruria123), finalizzati a stabilire la liceità del l’impresa e la prosecuzione dei lavori. Anche la straordinaria conservazione della testa potrebbe poi avere qualche fondamento, in considerazione dell’ambiente anaerobico garantito dall’argilla che sigillava le sepolture.Dopo la lunga stasi del regno di Servio Tullio, il più giovane dei Tarquini riprese dunque con vigore il progetto edilizio dell’avo, grazie alla decima del bottino strappato a Suessa Pometia e ad Apiolae, scavando le fondamenta (έι) molto in profondità (ίςῠά)124. Il racconto di Dionisio appare assolutamente fedele e corrispondente ai dati archeologici, come dimostra sul lato orientale della platea la raggiunta cospicua quota di fondazione posta a meno m 7,20, rispetto al livello arcaico. Anche i materiali rinvenuti negli strati di riempimento della fossa di fondazione confermano perfettamente la cronologia tradizionale delle fonti e l’attribuzione del complesso dei lavori a Tarquinio il Superbo125. Alla luce di questi riscontri dobbiamo credere altrettanto verosimili e rispondenti alla realtà le ulteriori indicazioni fornite dallo storico greco, due capitoli più oltre, quando afferma che il tempio fu costruito su di un alto basamento (ὲπί κρηπῖδοζ ὐψηληζ), avente un perimetro (ίς) di otto plettri, con ciascun lato all’incirca di duecento piedi, con una differenza tra la lunghezza e la larghezza di neppure quindici piedi126. Per avere un riscontro dimensionale fedele e realistico, si deve ritenere che l’unità di misura adottata da Dionisio di Alicarnasso, che è uomo di nascita e formazione ellenica, per essere pienamente comprensibile ai suoi lettori di lingua greca, come chiaramente si evince dal riferimento agli òά del perimetro (dove un ἐ è uguale a cento piedi), non può essere altra che il piede greco di m 0,308127. Quindi, stando ai precisi calcoli a suo tempo fatti da Renato Paribeni, l’alta ηί, sulla quale era posto il tempio doveva avere un perimetro di m 246,40, mentre dei lati il maggiore misurava m 63,91, il minore m 59,29 (con una differenza di meno di m 4,62 = 15 piedi). Queste misure possono confrontarsi molto strettamente con quelle note della platea di fondazione del tempio, stabilite dal Gjerstad in m 62,50 per la lunghezza e in m 53,50 per la larghezza128, del tutto assimilabili a quelle di Dionisio, se si pensa che la lieve differenza tra le misure reali e quelle tramandate doveva essere colmata dal rivestimento (ora del tutto scomparso) del nucleo, certamente presente in epoca augustea129.

  • 130 Liv., VI, 4, 12 : opus vel in hac magnificentia urbis conspiciendum.
  • 131 Plin., Nat. Hist., XXXVI, 104 : senes [...] substructiones Capitolii mirabantur.
  • 132 Dionisio usa qui l’aoristo passivo ἐποιήθη.

45Possiamo aggiungere ora anche un’altra considerazione, relativamente al significato da dare al termine ηί qui impiegato da Dionisio, generalmente interpretato come indicante il basamento con esattezza corrispondente nelle dimensioni all’elevato del tempio. In realtà nulla ci dice che Dionisio avesse proprio questa intenzione, anzi ad una lettura alternativa sembrerebbe evincersi che il suo scopo fosse solo quello di fornire le misure della platea sopra la quale s’innalzava l’edificio sacro. In questo caso meglio si comprende l’altrimenti sorprendente indicazione del perimetro (ίς) del basamento, che difficilmente avrebbe potuto fornire al lettore (pur nella approssimativa specificazione dello sviluppo dei lati) un’idea precisa della grandezza del tempio. Diversamente riferendosi alla platea, che spiccava dal piano di calpestio per oltre cinque metri, si forniva (con la precisazione della forma quasi quadrata) un’indicazione attendibile dell’opera realizzata da Tarquinio il Superbo, l’unica parte arcaica che ancora – almeno nei volumi – poteva compiutamente apprezzarsi in epoca imperiale, come ci confermano Livio130e Plinio131. Anche la distribuzione della narrazione dionisiana sembra indirizzare verso questa lettura : infatti i primi tre paragrafi del 61° libro sono tutti relativi alle vicende di Tarquinio e anche il tempo del verbo, impiegato per descrivere la realizzazione regia della ηί, sottintende la remota collocazione di quegli avvenimenti132; mentre nel successivo paragrafo si descrive il tempio quale poteva essere visto dai contemporanei di Dionisio.

  • 133 Ugualmente s’afferma in Tac., Hist. III, 72,3.
  • 134 Più precisamente la cella di Minerva si trovava a destra di quella di Giove, così Liv., VII, 3, 5; (...)
  • 135 Dionys. Hal., IV, 61, 4.
  • 136 L’orientamento della platea, e quindi verosimilmente del tempio, è NE-SO, più precisamente con devi (...)

46In primo luogo i lettori vengono informati che il tempio di Giove, distrutto dall’incendio d’epoca sillana, fu ricostruito esattamente sulle stesse fondamenta (έἰ ῖ ὐῖ µἱι)133, differendo dal vecchio impianto solo per l’uso di più pregiati materiali. Dionisio passa poi a descrivere l’aspetto esterno, contraddistinto nella parte frontale (έ ὐ ἀ  µέ) che guarda verso meridione ( µηβἰ) da una triplice fila di colonne, mentre i lati lunghi (άγι) erano cinti da una singola fila. Viene infine specificata la presenza nel tempio delle tre celle (ηἰ) delle divinità venerate (Giove al centro, con ai lati Giunone e Minerva134), parallele e distinte tra loro da muri, ma unificate dallo stesso frontone (ἀ) e ricoperte dallo stesso tetto (έγη)135. Dal racconto di Dionisio, estremamente preciso pur nella sua sinteticità, si evince con chiarezza dunque solamente che il tempio, orientato verso Sud, ripeteva lo schema planimetrico dell’arcaico, con un’unica struttura edilizia tripartita in celle al suo interno, la fronte ornata da tre file parallele di colonne e il colonnato sui lati lunghi136. Non vi è menzione del numero delle colonne frontali, niente precisa su come le due file più interne di colonne fossero distribuite (ovvero se libere, oppure comprese in una sorta di pronaos in antis), né se il lato postico fosse fornito al pari degli altri tre di un colonnato.

  • 137 Vedi supra.
  • 138 Vedi supra.
  • 139 Vedi supra.
  • 140 Vedi supra.

47Ogni ricostruzione dell’alzato deve quindi partire, oltreché dalle strutture superstiti, dalle informazioni che ci derivano dalle fonti e dalla scarsa documentazione iconografica esistente. Relativamente a quest’ultima le più antiche monete di Marco Volteio e di Petillio Capitolino, che ci offrono il tempio dopo la ricostruzione di Lutazio Catulo, non sono di grande utilità per le consuete semplificazioni con cui le architetture vengono rappresentate sui coni romani137. In buona sostanza le emissioni di Petillio possono solo assicurare che il tempio avesse una fronte esastila e fosse probabilmente ancora d’ordine tuscanico con basso stilobate (o breve gradinata frontale). Così i coni emessi sotto gli imperatori della dinastia flavia, che mostrano il tempio dopo le ricostruzioni avvenute sempre isdem vestigiis, successive agli incendi del 69 e dell’80 d.C., presentano come uniche varianti architettoniche l’adozione dell’ordine corinzio e l’inserimento di una scalinata frontale di quattro gradini138. Più dettagliata e precisa appare la raffigurazione architettonica offerta dal rilievo parigino con extispicium, con la presentazione della fronte esastila, delle colonne scanalate con capitelli d’ordine corinzio e del primo intercolumnio del lato destro del tempio. Un esame più accurato di questo rilievo, databile alla prima età adrianea, lascia intravvedere come la struttura architettonica relativa alle celle corrisponda alle sole quattro colonne centrali della fronte, mentre le colonne alle estremità (la prima e la sesta) sporgano rispetto a quelle, facendo presumere una ambulatio corrente tra le mura perimetrali delle celle e il colonnato laterale, e quindi una peristasi libera sui lati lunghi139. Il rilievo con pietas di Marco Aurelio, che per la sua rilevanza storica ci aspetteremmo più dettagliato, risulta invece almeno per la descrizione dell’architettura templare abbastanza incoerente al confronto con le precedenti immagini, presentando compendiariamente solamente la parte centrale della fronte, raffigurata come tetrastila con colonne dal fusto liscio sormontate da capitello composito140.

  • 141 Lanciani, art. cit., n. 70, p. 185 s.; Plut., Publ. 15, 3-4; vd. infra.
  • 142 R. Lanciani, Storia degli scavi di Roma, 2o ed., I, Roma, 1989,p. 69.
  • 143 R. Lanciani, Storia degli scavi di Roma, 2o ed., II, Roma, 1990, p. 99.
  • 144 Ch. Hülsen, Osservazioni sull’architettura del tempio di Giove Capitolino, in RM, 3, 1888, p. 152-1 (...)

48A quest’ultima ricostruzione dovrebbe appartenere il rocchio di colonna scanalata in marmo pentelico rinvenuto nel 1872 nel Palazzo dei Conservatori nelle fondamenta del muro divisorio tra la proprietà comunale e quella prussiana (fig. 24), che il Lanciani ricollegò a ragione, per la grandezza del diametro, al tempio di Giove e alle colonne viste da Plutarco ad Atene e destinate alla ricostruzione dell’edificio dopo l’incendio dell’80 d.C.141, superstite elemento delle plurimas confractas colonnas viste nel 1447 da Poggio Bracciolini sul Campidoglio142e delle colonne di marmo Pentellesio, di nove piedi grosse di diametro, ricordate qui da Pirro Ligorio e utilizzate nella fabbrica di S. Pietro sotto il pontificato di Paolo III (1534-1539)143, a cui va aggiunto il perduto frammento di cornice colossale disegnato da Antonio da Sangallo il Vecchio agli inizi del xvi secolo144(fig. 25). In verità Lanciani, non potendo misurare l’esatto diametro del frammento di colonna, che si trovava a quel tempo inserito nelle fondamenta dei palazzi capitolini, solo sulla base della grandezza delle scanalature si limitò ad ipotizzare «un diametro proporzionale di m 2,10 incirca». Di questo frammento di colonna, recuperato nel corso dei lavori di realizzazione del

Fig. 24 – Roma, Musei Capitolini, Villa Caffarelli. Rocchio di colonna.

Fig. 25 – Antonio da Sangallo il Vecchio, cornice colossale dal Campidoglio.

  • 145 Il frammento di colonna (inv. n. 2849), in marmo pentelico, con evidenti venature quarzifere grigio (...)
  • 146 Inv. n. 3378, Giardino Caffarelli, Musei Capitolini. Misure : alt. max m 0,60; larg. max m 0,50; la (...)
  • 147 Inv. n. 3379, Giardino Caffarelli, Musei Capitolini. Misure : alt. max m 1,36; larg. max m 1,19; sp (...)

49Museo Mussolini nella prima metà degli anni ’20 del xx secolo, fortemente lacunoso ed eroso, sono oggi invece meglio precisabili le misure con il diametro di circa m 1,70145. All’architettura del tempio d’età imperiale (fase domizianea) dovrebbero poi appartenere con buona probabilità, sempre in marmo pentelico, anche un altro frammento di rocchio di colonna di uguali misure146e un interessante frammento di parasta147(fig. 26).

Fig. 26 – Roma, Musei Capitolini, Villa Caffarelli. Frammento di parasta.

  • 148 H. Jordan, Topographie der Stadt Rom, I, 2, Berlin, 1885, p. 72, nota 69, scoperta nel 1876 e allor (...)
  • 149 Il capitello fu rinvenuto nel 1897 in via di Monte Tarpeo, G. Gatti, in NSc, 1897, p. 60 («Il capit (...)
  • 150 Questi materiali provenienti dai recenti scavi sono ancora inediti.

50Non più rintracciabili sono invece un frammento di base attica con toro e scozia148e un frammento di grande capitello corinzio149, rinvenuti nei pressi, che per dimensioni e qualità del marmo sono stati con qualche ragione assegnati al tempio. A questi elementi architettonici possono aggiungersi ora i numerosi frammenti di lastre in alabastro di note vole spessore, rinvenuti nel corso dei recenti scavi, attribuibili forse alla pavimentazione imperiale del tempio150.

51Sulle fonti letterarie, sulle poche testimonianze figurate, sui resti monumentali e su questi elementi dell’architettura templare ci si è basati nel passato per formulare le diverse ipotesi di ricostruzione, che possono essere suddivise sostanzialmente in due enunciati generali : a) le dimensioni del tempio coincidono con quelle della platea fondazione; b) le dimensioni del tempio sono notevolmente più ridotte di quelle della platea di fondazione.

  • 151 Lanciani, art. cit., n. 70, p. 185 s., dal diametro del fusto di colonna superstite, ipotizza che i (...)
  • 152 Jordan, art. cit., n. 148, p. 145-162.
  • 153 Paribeni, art. cit., n. 71, p. 40 ss.
  • 154 S. B. Platner, Th. Ashby, A topographical dictionary of ancient Rome, Londra, 1929, p. 297-302, rit (...)
  • 155 Cagiano de Azevedo, op. cit., n. 127, p. 6.
  • 156 Gjerstad, op. cit., n. 1, con la proposta più completa per il tempio di fase arcaica; Id., A propos (...)
  • 157 A. Boëthius, Veteris Capitoli humilia tecta, in ActaAArtHist, 1, 1962, p. 27-33; Id., Nota sul temp (...)
  • 158 Andrén, art. cit., n. 20
  • 159 Colonna, art. cit., n. 43, con l’ipotesi della presenza di un tetto a tre falde; Id., Etruria e Laz (...)
  • 160 M. Rendeli, «Muratori, ho fretta di erigere questa casa» (Ant. Pal. 14. 136), in RIASA, 12, 1989, p (...)
  • 161 Cifani, op. cit., n. 3, p. 100-109.
  • 162 Sommella 2009, art. cit., n. 2*b8* p. 333-372, con la proposta d’estensione della platea di fondazi (...)

52Alla prima ipotesi, di gran lunga preferita, aderiscono tra gli altri Lanciani151, Jordan152, Paribeni153, Ashby154, Cagiano de Azevedo155, Gjerstad156, Boëthius157, Andrén158, Colonna159, Rendeli160e da ultimi Cifani161e Mura Sommella162.

  • 163 J. Durm, Die Baukunst der Etrusker. Die Baukunst der Römer, Stuttgart, 1905, p. 99-104, figg. 110-1 (...)
  • 164 Castagnoli, art. cit., n. 144, p. 434-436; F. Castagnoli, Il tempio romano : questioni di terminolo (...)
  • 165 R. Mambella, Contributi alla problematica sul tempio etruscoitalico, in RdA, 6, 1982, p. 35-42, par (...)
  • 166 J. W. Stamper, The Temple of Capitoline Jupiter in Rome : A New Reconstruction, in Hephaistos, 16/1 (...)
  • 167 Tucci, art. cit., n. 101, p. 386-392.
  • 168 Tucci, art. cit., n. 101, p. 386-392.

53Per la seconda ipotesi, formulata per primo da Durm163e ripresa da Castagnoli164, propendono Mambella165, Giuliani166e più recentemente Stamper167e Tucci168.

  • 169 A. Alföldi, Early Rome and the Latins, Ann Arbor, 1965, p. 323-329.
  • 170 G. von Kaschnitz-Weinberg, Die grundlagen der republikanischen Baukunst, Amburgo, 1962, p. 34.
  • 171 H. Riemann, Beiträge zur Römischen Topographie, in RM, 76, 1969, p. 110-121.
  • 172 Una ricostruzione medio-repubblicana, che giustificasse l’adozione della forma del peripteros sine (...)

54A queste due ipotesi principali, tra loro inconciliabili, se ne aggiunge una terza che cerca di trovare un punto d’incontro assegnando l’esistente platea di fondazione non all’intervento di Tarquinio il Superbo, ma ad una fase costruttiva del tempio di Giove relativa al IV secolo a.C., in un momento posteriore all’incendio gallico. Questa ipotesi proposta da Alföldi169e accolta da von KaschnitzWeinberg170e da Riemann171presenta però il grosso limite di non trovare riscontro nella documentazione delle fonti e di cozzare con l’affermata continuità dell’edificio arcaico fino all’incendio sillano dell’83 a.C. Ed anche l’ipotesi di una fase mediorepubblicana del tempio realizzata sulla platea arcaica, per le stesse motivazioni, deve essere esclusa172.

  • 173 Quest’ultima misura è stata proposta da Sommella Mura 2009, art. cit., n. 2, p. 334.

55Seguendo i fautori della prima ipotesi il tempio di Giove Capitolino avrebbe dunque ricalcato necessariamente la pianta della platea di fondazione e avrebbe avuto una larghezza sulla fronte di circa m 54 e una lunghezza di m 62 (estesa recentemente fino a m 74173). Un intervento di tale impegno (tecnico ed economico) nelle fondazioni non troverebbe, infatti, giustificazione plausibile per un edificio di dimensioni notevolmente più ridotte. Su questo impianto planimetrico, basandosi sul tracciato dei muri e dei setti di fondazione, con l’assunto che il reticolo da essi definito corrisponda strettamente all’andamento dei muri delle celle e dei colonnati e con la condivisione (o meno) dei dettati di Vitruvio sulle tuscanicae dispositiones, sono state formulate diverse ipotesi relativamente alla ricostruzione degli alzati del tempio.

  • 174 Gjerstad, op. cit., n. 1, p. 180 ss., fig. 116-118.
  • 175 Vitr., de Arch. IV, 7,1, anziché il canonico rapporto 6:5, qui avremmo il rapporto 6:7.
  • 176 Vitr., de arch. IV, 7,2 in cui si afferma che nel tempio tuscanico le colonne in altezza sono pari (...)

56Così, per evidenziare le ricostruzioni più note, Einar Gjerstad174ha pensato ad un tempio esastilo, peripteros sine postico, con tre file di colonne sulla fronte davanti alle tre celle, colonnato semplice sui lati lunghi di sei colonne, muro di fondo comprendente le celle e il peribolo dei lati lunghi, scalinata anteriore. Secondo i precetti di Vitruvio, qui adottati con qualche libertà per quanto riguarda il rapporto tra la lunghezza e la larghezza175, le colonne (realizzate in tufo con rivestimento in terracotta) avrebbero avuto un’altezza di m 16,576, con un diametro inferiore di m 2,07176. Sulla fronte l’intercolumnio centrale più ampio avrebbe misurato m 11,84, i quattro intercolumni laterali m 9,50 (fig. 27, 28).

Fig. 27 – E. Gjerstad, Tempio di Giove Capitolino, pianta.

Fig. 28 – E. Gjerstad, Tempio di Giove Capitolino, prospetto

  • 177 Boëthius 1962, art. cit., n. 157, p. 31; Boëthius 1967, art. cit., n. 157, p. 46ss. Dubbi sulle dim (...)
  • 178 Alte m 16,89, con diametro inferiore di m 1,918.

57Axel Boëthius ritenne questa ricostruzione – relativamente all’altezza delle colonne – inaccettabile per la fase arcaica, da escludere per un tempio di tradizione etrusca quale era quello capitolino, preferendo pensare ad un tempio più basso177. La ricostruzione di Lutazio Catulo del 69 a.C., invece, con l’adozione delle colonne prelevate dall’Olympieion di Atene, di dimensioni perfettamente comparabili con quelle desunte teoricamente da Vitruvio178, ricalcherebbe quella proposta da Gjerstad fin dall’impianto originario.

  • 179 Cifani, op. cit., n. 3, p. 102-109, fig. 85, 86.

58Gabriele Cifani recentemente ha suggerito alcune modifiche alla precedente ricostruzione, confermando la fronte esastila e areostila, dagli ampi interassi raccordati con trabeazioni lignee, e ipotizzando il muro postico limitato alle tre celle e il lati lunghi colonnati composti da sei colonne, con ambulatio aperta sul fondo179(fig. 29).

Fig. 29 – G. Cifani, Tempio di Giove Capitolino, pianta.

  • 180 Sommella Mura 2009, art. cit., n. 2, p. 352-354, fig. 26, con sviluppo in larghezza di m 53,90 e in (...)

59Da ultima Anna Mura Sommella ha proposto per il tempio, fin dalla fase arcaica, un poco probabile impianto periptero di tipo greco, con fronte esastila, triplice fila di colonne davanti alle celle, lati lunghi colonnati composti da nove colonne, areostilo, con triplice cella e adyton. Sulla fronte l’interasse centrale più ampio avrebbe misurato m 12,43, i quattro laterali m 8,88180(fig. 30).

Fig. 30 – J. W. Stamper, Tempio di Giove Capitolino, assonometria.

  • 181 Castagnoli, artt. citt., nn. 144 e 164.
  • 182 Mambella, art. cit., n. 165, p. 36.
  • 183 Giuliani, art. cit., n. 165, p. 30; Giuliani, op. cit., n. 165, p. 15. Considerazioni analoghe trov (...)
  • 184 Stamper, art. cit., n. 167, p. 123 ss.; Id., op. cit., n. 167, p. 27 ss.
  • 185 Stamper, art. cit., n. 167, p. 124, figg. 10-12. Larghezza m 34 (115 piedi); lunghezza 38,30 (130 p (...)

60Diversamente Ferdinando Castagnoli, in considerazione delle proposte ricostruzioni di dimensioni colossali assunte dal tempio di Giove Capitolino, senza confronto con quelle dei templi etrusco-italici contemporanei e posteriori, ipotizzò un tempio di proporzioni più credibili, posto verosimilmente su un proprio podio, al di sopra d’una platea molto più grande181. Anche R. Mambella ha inclinato per un tempio di dimensioni più contenute, ricalcante strettamente i canoni tuscanici di Vitruvio con fronte tetrastila e seconda fila di due colonne in antis182. Su basi squisitamente tecniche, invece, Cairoli Fulvio Giuliani ha respinto le ipotizzate dimensioni gigantesche del tempio, i cui architravi lignei non sarebbero stati in grado di sostenere senza flettersi e spezzarsi il peso del tetto e delle decorazioni fittili d’epoca arcaica183. Infine, John W. Stamper ha argomentatamente rifiutato l’ipotesi di un tempio ricalcante le dimensioni della platea di fondazione, addirittura maggiori di quelle dei coevi o dei poco posteriori templi siciliani, ribadendo l’impossibilità tecnica per architravature lignee di oltre dodici metri di lunghezza di sostenere la struttura del tetto completa dei rivestimenti e delle tegole184; venendo dunque proposto un tempio peripteros sine postico, simile come pianta a quello ipotizzato da Gjerstad, ma di ben minori dimensioni, posto su proprio podio e raccordato attraverso gradinata frontale e scale laterali al piano della platea di fondazione185(fig. 31).

Fig. 31 – A. Mura Sommella, Tempio di Giove Capitolino, pianta.

  • 186 Tucci, art. cit., n. 101, p. 390 s., viene in particolare rilevato come il setto E-O connesso con i (...)

61Pier Luigi Tucci, nella sua attenta recensione al lavoro di Stamper, ha a sua volta messo in evidenza come le fondazioni esistenti non si adattino perfettamente alle ricostruzioni proposte, proponendo un tempio di dimensioni ridotte fondato su una propria piattaforma compatta ancorata tramite i setti murari sottostanti allo strato geologico di tufo186.

62Occorre a questo punto presentare anche la nostra opinione sulla complessa questione, apportando ulteriori argomenti di critica alla prima ipotesi e cercando di formulare una diversa interpretazione delle fonti, relativamente all’aspetto architettonico del tempio di Giove Capitolino nel corso delle quattro fasi testimoniate dalle ricostruzioni.

  • 187 Vitr. de Arch., III, 3, 5.
  • 188 In considerazione del contesto, credo sia questo il senso migliore degli aggettivi impiegati da Vit (...)
  • 189 Per un commento puntuale vd. Vitruvio, Architettura (dai libri I-VII), a cura di S. Ferri, Roma, 19 (...)
  • 190 Varro, Apud Gellium, II, 10.
  • 191 Cic., Verr., II, 4, 31.
  • 192 Se così, come credo, si deve intendere il richiamo ai veteris Capitolii umilia tecta, presente in V (...)
  • 193 Così Ovidio a proposito di quella di Giove, in Fasti, I, 201 s.

63Se infatti i resti monumentali visibili hanno indotto, con qualche ragione, a ritenere che il tempio avesse pari enormi dimensioni, non essendoci motivo valido apparente nel realizzare un’opera di tale impegno, occupata solo parzialmente dal soprastante edificio religioso, bisogna tuttavia considerare che nessuna fonte antica sembra autorizzare a sostenere che il tempio di Giove Capitolino avesse dimensioni tanto considerevoli, ricalcanti quelle della platea in blocchi di tufo cappellaccio tuttora esistente, né che si sviluppasse con i volumi architettonici proposti. Plutarco, infatti, che dai sostenitori della prima ipotesi è stato portato quale prova del gigantismo del tempio, come abbiamo cercato di dimostrare, non sembra parlare delle dimensioni di questo, ma «solo» della platea di fondazione che lo sosteneva. Anzi, per i contemporanei di Cicerone e di Augusto, che per altro osservavano non più il tempio originario tardo-arcaico, ma quello ricostruito da Catulo, esso appariva – come chiaramente ci conferma Vitruvio187– quale un testimone fossile di un modo antichissimo di costruire gli edifici di culto, caratterizzati dall’essere varicae, barycephalae, humiles et latae, trovando esemplificazione a Roma, oltreché nel tempio capitolino, nei templi di Cerere, Libero e Libera e di Ercole Pompeiano, entrambi esistenti ad Circum Maximum. Ovvero tra quei templi arcaici che si contraddistinguevano per essere araiostyloi, cioè con intercolumni più larghi del necessario, forniti perciò non d’architravi di pietra ma di legno in un sol pezzo (trabes perpetuae), che si presentavano «come un uomo a gambe divaricate, con la testa pesante, basso e dalle spalle larghe» 188. E proprio gli aggettivi usati da Vitruvio, con il chiaro riferimento antropomorfo (quasi descrizione prototipica del robusto e tarchiato civis romanus d’origine contadina), rendono evidente e visibile l’immagine del tempio capitolino e le sue caratteristiche arcaiche, tra le quali viene sottolineata la sproporzione tra la dimensione orizzontale e quella verticale a tutto vantaggio della prima, e nell’ambito della dimensione verticale la predominanza volumetrica del tetto e del fastigium («la testa pesante» ) rispetto alla sottostante struttura portante, sovraccaricato tuscanico more da statue di terracotta o di bronzo dorato189. Del resto, che questo fosse il reale aspetto del tempio arcaico emerge con chiarezza dal passo di Varrone in cui è ricordata la volontà del curator restituendi Capitolii Q. Lutazio Catulo di dare maggiore slancio all’edificio non attraverso la sopraelevazione del modesto podio (che doveva evidentemente rima nere per prescrizioni religiose intoccabile), ma mediante l’abbassamento della circostante area capitolina : intento che però non poté essere raggiunto per la presenza delle preesistenti favisae190. Per cui anche il ricostruito tempio, nonostante la ricchezza degli apparati decorativi191, continuò a mostrare le limitazioni dell’edificio arcaico, apparendo basso192e con celle troppo anguste per le nuove statue di culto193. Ma come conciliare questo proposito catuliano, con l’indicazione dell’alta κρηπίς data da Plutarco? Che necessità si aveva in epoca tardo-repubblicana d’innalzare ulteriormente il gigantesco tempio, se questo già svettava su un basamento alto almeno cinque metri, di cui occupava tutta la superficie? Evidentemente con κρηπίς si deve intendere solo la platea, su cui in forme ben più contenute si elevava il tempio. Proprio la sproporzione tra grandezza e altezza della κρηπίς e il tempio, dall’aspetto e dai volumi ancora arcaici, probabilmente privo di un suo rilevante podio, ingenerava nei romani della tarda Repubblica e del primo Impero un senso di inadeguatezza architettonica e monumentale al confronto con i templi che contemporaneamente si venivano elevando a Roma. Per cui, solo abbassando e ritagliando la platea tutt’intorno al tempio, si riteneva che questo avrebbe recuperato un podio (suggestus) di rispettabile altezza al confronto con la grandezza del frontone (pro fastigii magnitudine altior), e si sarebbe resa possibile la salita pluribus gradibus in aedem. Questa appare infatti, a mio avviso, la corretta lettura da dare al passo varroniano, piuttosto che pensare all’ipotesi d’uno sbancamento in profondità di tutta l’altura del Capitolium, con la messa a nudo delle fondazioni della platea, che si sarebbe dovuto estendere ben oltre il limite del loro perimetro per avere una reale efficacia monumentale ed una valida presentazione scenografica; senza contare che un intervento di questa natura ed ampiezza avrebbe coinvolto in maniera radicale anche i numerosi templi, sacelli, donari e monumenti da tempo installati nelle vicinanze del tempio di Giove, cosa che naturalmente avrebbe comportato ben altri ostacoli di carattere religioso e cultuale rispetto a quelli noti che, nel caso delle favisae, determinarono l’abbandono del progetto.

  • 194 Vitr., de Arch., IV, 7, 1-5.
  • 195 Stando a Gjerstad e ai successivi epigoni.

64A ben considerare, dunque, la prima ipotesi sembra apparire il frutto di una lettura troppo letterale del passo plutarcheo, nonché di un adattamento meccanico delle tuscanicae dispositiones vitruviane alle strutture monumentali superstiti194. Secondo queste regole le colonne, dovendo avere l’altezza pari ad 1/3 della larghezza del tempio (altitudo tertia parte latitudinis templi) e il diametro alla base pari ad 1/7 dell’altezza, avrebbero misurato m 16,57 d’altezza per un diametro all’imoscapo di m 2,07195. Sono queste misure proponibili per l’originario edificio templare e per la ricostruzione tardo-repubblicana? Il rapido confronto con le contemporanee realizzazioni in ambito etruscoitalico, magno-greco, siciliano, in Grecia e in Asia Minore non sembra offrire appigli di sorta alle ipotizzate ricostruzioni colossali del tempio tardo-arcaico.

  • 196 Per un quadro d’insieme vd. Rendeli, art. cit., n. 160, p. 58 ss., figg. 2 e 3
  • 197 In generale si veda W. B. Dinsmoor, The Architecture of Ancient Greece, Londra-New York, 1975; part (...)
  • 198 G. Gullini, L’architettura, in Sikanie, Milano, 1985, p. 444, fig. 507, tav. IX, 1; p. 457 s., fig. (...)
  • 199 Boëthius 1962, art. cit., n. 157, p. 33, specchio sinottico con le misure dell’Heraion di Olimpia ( (...)
  • 200 Boëthius 1962, art. cit., n. 157, p. 33, specchio sinottico con le misure del Partenone (larg. m 30 (...)
  • 201 Boëthius 1962, art. cit., n. 157, p. 32, specchio sinottico con le misure dell’Artemision di Efeso (...)
  • 202 Tali dimensioni hanno fatto ipotizzare l’impiego di rocchi di tufo; alternativamente si è pensato a (...)
  • 203 Se i calcoli presentati per i templi di Ardea sono corretti, vd. Rendeli, art. cit., n. 160, p. 60, (...)
  • 204 D’opinione contraria Cifani, op. cit., n. 3, p. 105 s., e nota 251, dove sono citati gli esempi di (...)

65Relativamente all’Etruria e al Lazio, durante le fasi arcaica e tardo-arcaica, il tempio di Giove Capitolino apparirebbe in questa ricostruzione di gran lunga il più imponente, sopravanzando nella superficie di circa tre volte i più grandi tra i coevi edifici di culto noti, tra cui figurano il tempio di Portonaccio a Veio, quello dell’acropoli di Segni, il Tempio A di Pyrgi, i due templi di Ardea196. Ugualmente il confronto con l’architettura templare magno-greca lo vedrebbe prevalere ad esempio per più del doppio sulla cd. Basilica di Poseidonia197. Solo il Tempio G di Selinunte e l’Olympieion di Agrigento sorpasserebbero per superficie il tempio capitolino, avvicinandolo nella larghezza della fronte e superandolo in lunghezza198. Ancora più stridente sarebbe il confronto con i templi della Grecia continentale dove ad Olimpia lo Heraion avrebbe avuto una larghezza della fronte di poco superiore ad un terzo (e parimenti l’altezza delle colonne), mentre il celeberrimo tempio di Zeus avrebbe avuto una larghezza grosso modo solo la metà di quello romano (e colonne alte due terzi)199. Anche ad Atene il superbo Partenone di Pericle apparirebbe quasi come un fratello minore del tempio di Tarquinio il Superbo con la fronte poco più ampia della metà e colonne alte due terzi di quelle200. In effetti gli unici templi che sembrano reggere al confronto e oltrepassarlo sarebbero quelli ionici di Artemide ad Efeso e di Era a Samo, entrambi però con colonne d’un terzo più basse201. Se poi si pensa che tutte le architetture templari citate erano in pietra e presupponevano, per gli esempi greci più grandi, fronti formate perlomeno da otto colonne ci si rende immediatamente conto dell’insostenibilità delle ricostruzioni proposte per il tempio di Giove Capitolino, con la fronte esastila, colonne d’altezza e diametro inusitati per l’epoca202e con architravi lignei di oltre 12 metri d’ampiezza che avrebbero dovuto sostenere, senza deformarsi o spezzarsi, il peso elevatissimo del fastigium e del tetto, completo di tegole e decorazioni fittili di dimensioni straordinarie203. Non è infatti, ritengo, sufficiente affermare l’esistenza in natura di specie arboree dalle quali era possibile ricavare travi di lunghezza e spessore considerevoli, per avvalorare la sostenibilità tecnico-strutturale della realizzazione e dare credito ad una ricostruzione templare del tutto eccezionale nella storia dell’architettura antica, fuori norma e fuori scala, senza confronto con quanto conosciamo e, caso veramente inspiegabile, che sembra non aver destato la stupefatta ammirazione dei contemporanei e non aver lasciato la giusta memoria presso i posteri, quando viceversa a giusto titolo (e particolarmente per l’ultima fase domizianea) si sarebbe dovuta affiancare alle celebrate meraviglie del mondo antico (tra le quali infatti troviamo annoverato l’Artemision di Efeso)204.

66Inoltre, se la ricostruzione ipotizzata fosse stata reale, ci troveremmo di fronte ad una Roma inaspettata per le superiori capacità politiche, economiche, tecniche al confronto con le più potenti città etrusche (da Veio a Cerveteri, da Tarquinia a Vulci, da Orvieto a Chiusi) e magnogreche, nessuna delle quali realizzò mai imprese edilizie neanche lontanamente paragonabili. Avrebbe rivaleggiato non solo con le grandi città siciliane, ma avrebbe sopravanzato le realizzazioni architettoniche della Grecia continentale (con gli edifici eccelsi sorti ad Olimpia e ad Atene), venendo avvicinata unicamente dalle straordinarie costruzioni delle città microasiatiche. In buona sostanza, se così fosse stato, Roma non avrebbe avuto rivali nel Mediterraneo già a partire dalla fine del vi secolo a.C., con una anticipazione della sua egemonia politica, militare e culturale di almeno tre secoli; di conseguenza i Tarquini di Roma sarebbero stati ricordati, non come sovrani d’una città in ascesa tra quelle presenti nella penisola italiana, ma come principi formidabili, in grado di tenere testa ai contemporanei tiranni greci e orientali. Viceversa è noto che Roma, pur nelle accertate maggiori dimensioni del suo territorio urbano, sia sotto i Tarquini, che nel corso del primo secolo della sua storia repubblicana, esce a fatica dai suoi confini per combattere contro popolazioni vicine di pari o di poco inferiori capacità militari e organizzative, spesso subendo sconfitte cocenti. In realtà solo con la caduta di Veio, agli inizi del iv secolo a.C, Roma imporrà la sua potenza sul fronte etrusco meridionale, mentre nei confronti del mondo greco-italico si dovrà scendere quasi alla fine di questo secolo e poi nel III a.C. ed ancora più avanti per assistere alla sua piena affermazione al cospetto delle storiche potenze mediterranee.

  • 205 LTUR, II, Roma 1995, s.v. Forum Augustum, p. 289-295 (V. Kockel), con bibl. prec.
  • 206 LTUR, IV, Roma 1999, s.v. Pantheon, p. 54-61 (A. Ziolkowski), con bibl. prec.

67Anche, poi, il confronto con le architetture dei templi più rilevanti della prima età imperiale, che apparirebbero tutti di gran lunga sopraffatti nelle dimensioni, spinge a rigettare queste ipotesi di ricostruzione. Basti solo pensare, per chiudere l’argomento, che l’augusteo tempio di Marte Ultore, con la sua fronte ottastila di m 34,10 sarebbe stato di circa un terzo più piccolo in larghezza, con le colonne (m 17,74) alte solo poco più d’un metro di quelle arcaiche, ma di diametro minore (m 1,90)205; ugualmente anche il Pantheon adrianeo con la sua fronte ottastila larga m 34,20 sarebbe stato di circa un terzo più piccolo, con le colossali monolitiche colonne di granito egizio più basse di ben oltre due metri (m 14,15) e con il diametro alla base (m 1,48) inferiore di più di mezzo metro206.

  • 207 Vitr., de Arch., III, 2, 5. Sulla definizione e la complessa problematica F. Castagnoli, Peripteros (...)
  • 208 Sul suo inserimento in questa categoria, ritengo assolutamente condivisibili le argomentazioni fatt (...)
  • 209 Sul tempio di Honos et Virtus, dedicato de manubiis da C. Mario dopo le vittorie sui Cimbri e i Teu (...)
  • 210 Vitr., de Arch., VII, praef. 17.

68Come doveva apparire allora il tempio dei Tarquini? Accogliendo per la fase originaria l’ipotesi di un tempio di dimensioni ridotte rispetto alla visibile platea di fondazione e quindi che la sua pianta non necessariamente (né in ogni punto) abbia ricalcato l’andamento a griglia dei setti murari interni, ci troviamo di fronte a due possibilità principali. La prima, comunemente accettata, sulla base del racconto di Dionisio di Alicarnasso, ricostruisce il tempio di Giove Capitolino nella sua fase originaria esattamente come il tempio riedificato da Q. Lutazio Catulo, visibile in epoca augustea : ovvero quale peripteros sine postico, con fronte esastila, pronao coperto da tre file parallele di sei colonne e colonnato semplice sui lati lunghi. Si tratta questo, come è noto, d’un impianto segnalato da Vitruvio207quasi in appendice alla descrizione dei templi peripteroi, privo del colonnato posteriore (sine postico), che a Roma trovava i suoi modelli esemplari – stando allo storico dell’architettura – nel tempio di Giove Statore in porticu Metelli, opera dell’architetto greco Hermodoros208, e nel tempio di Honos e di Virtus, costruito dall’architetto C. Mucio209, altrove esaltato per la magna scientia210.

  • 211 Castagnoli, art. cit., n. 207, p. 140 s. Da parte mia non credo accertato archeologicamente che il (...)

69Il tempio capitolino, pur differenziandosi per la pianta quasi quadrata e le caratteristiche tuscaniche, sarebbe dunque il capostipite illustre di una tipologia templare che ha goduto di grande favore dalla fine del iv secolo al principio del I sec. a.C. a Roma (oltre ai citati, il tempio C di Largo Argentina e il tempio settentrionale del Foro Olitorio) e in ambito italico (tempio di Diana ad Ariccia, tempio corinzio-dorico del foro di Paestum, tempio di Gabii)211. In questa tipologia, fin dagli inizi, andrebbe riconosciuta una creazione composita nella quale alle caratteristiche architettoniche etrusco-italiche (alto podio, frontalità, unica gradinata di facciata) si sarebbe aggiunto il contributo delle coeve esperienze greche (peristasi colonnata).

  • 212 Vedi supra.
  • 213 Riemann, art. cit., n. 171, p. 118 ss.

70Proprio l’isolamento cronologico del tempio capitolino, però, anticipatore di un modello architettonico la cui affermazione si colloca almeno un paio di secoli più avanti nella piena età repubblicana, ha fatto ipotizzare una sua ricostruzione medio-repubblicana212e dubitare che la forma originaria potesse avvicinarsi a quella dei peripteroi sine postico noti. Così Riemann ha suggerito che il tempio arcaico fosse consistito solo di tre celle con la fronte ornata da una doppia fila di quattro colonne213.

  • 214 Vitr., de Arch., IV, 7, 1-5. Castagnoli, art. cit., n. 172, p. 14, spiega questa assenza con il fat (...)

71Effettivamente la situazione, così come appare, è difficilmente risolvibile. Da parte mia vorrei solo notare che, curiosamente, Vitruvio omette di ricordare tra i templi peripteroi sine postico proprio quello «precursore» di Giove Capitolino, che lui vedeva nella splendente ricostruzione catuliana : assenza singolare, a meno che questa non possa essere dovuta alla sua preferenza verso i più puri modelli marmorei greci e che, quindi, abbia ritenuto trascurabile il riferimento al più venerabile exemplum di architettura templare romana. E, del resto, anche nel capitolo illustrante le tuscanicae dispositiones, dove ce lo aspetteremmo magnificato, del Capitolium non v’è cenno214. Sembra quasi che il tempio di Giove Capitolino non trovi spazio nella trattazione vitruviana, sfuggendo (e perciò quasi dimenticato) ad ogni più precisa classificazione.

  • 215 Gell., Noct. Att., XVI, 13.
  • 216 L. Richardson Jr., Cosa and Rome : Comitium and Curia, in Archaeology, 10, 1957, p. 49-51; F. E. Br (...)
  • 217 F. E. Brown, Cosa II : The Temples of the Arx, in MAAR, 26, 1960, p. 49-110, fig. 71-78; F. E. Brow (...)
  • 218 Brown 1960, op. cit., n. prec., p. 69-72, figg. 46-49; Brown 1980, op. cit., n. prec., p. 53, per i (...)
  • 219 Prostilo, tetrastilo, verosimile seconda fila di due colonne in antis (piuttosto che di tre colonne (...)
  • 220 Prostilo, tetrastilo, seconda fila di quattro colonne, verosimile terza fila di due colonne in anti (...)
  • 221 Prostilo, tetrastilo, vd. J. Johnson, Excavations at Minturnae, I. Monuments of the Republican Foru (...)

72A ciò si aggiunga un’altra considerazione : com’è possibile che nessuno dei capitolia eretti nelle colonie di diritto latino e di diritto romano replichi, neppure in minima parte, il modello princeps di Roma? Sembra incredibile che in nessun luogo si sia sentita la necessità di imitare, pur su scala ridotta e con materiali più poveri, la planimetria, l’alzato e le forme del tempio capitolino, quando le colonie ambivano a presentarsi quasi effigies parvae simulacraque di Roma215. Anche quelle colonie d’antica fondazione, che in altri monumenti sembrano ricalcare esempi realmente esistenti a Roma (curia, comizio, foro, basilica), non appaiono trarre ispirazione dal suo Capitolium. Sembrerebbe questo il caso, tra gli altri, di Cosa che pure inserì già nell’originario impianto urbanistico del suo foro (273-241 a.C.) l’imitazione fedele del comitium di Roma, dalla caratteristica forma circolare, con la contigua curia216, ma che per il capitolium posto a coronamento dell’arx, nel punto più scenografico della colonia, adottò un semplice impianto di pura tipologia tuscanica, elevato su alto podio a doppio echino, prostilo, fronte tetrastila, con due colonne retrostanti in antis, ampia gradinata frontale collegata con una più grande platea di sostruzione (metà del II sec. a.C.)217. In effetti queste considerazioni, unite alla presenza del podio il cui profilo appare «raro e arcaico, alieno dal repertorio delle modanature di secondo secolo», già avevano spinto F. E. Brown a ritenere il capitolium di Cosa una copia ridotta, ma più o meno fedele, del Capitolium di Roma218. Questa ipotesi, assolutamente meritevole d’essere ripresa in considerazione, si rafforza dai confronti con altri capitolia coevi di analogo impianto (Firenze219, Signia220, Minturnae221), ma trova ostacolo – forse solo apparente – nella lettura plutarchea delle vicende del tempio di Giove Capitolino posteriori all’incendio sillano dell’83 a.C.

  • 222 P. Gros, Architecture et société à Rome et en Italie centroméridionale aux deux derniers siècles de (...)
  • 223 Anche P. Gros, L’architecture romaine, I, Parigi, 1996, p. 124 s., pur aderendo all’ipotesi del tem (...)

73A ben vedere, però, nulla vieta di considerare l’intervento di Catulo più impegnativo di quello che comunemente fin qui si è creduto, in linea con il generale rinnovamento apportato dalle sue realizzazioni al Campidoglio222. Nel rispetto dell’originario impianto tripartito delle celle e dei volumi degli spazi adibiti al culto, e quindi sostanzialmente sulle stesse fondamenta arcaiche, è allora che potrebbe essere stata aggiunta (con un modesto ampliamento della superficie) una nuova peristasi colonnata, forse con l’impiego delle colonne ateniesi tratte dall’Olympieion, inglobante il primitivo impianto. La fronte, con l’inserimento del portico colonnato sui lati lunghi, da tetrastila sarebbe divenuta esastila. È questo il momento, dunque, in cui potrebbe essere avvenuta la trasformazione del tempio di Giove Capitolino da tuscanico a peripteros sine postico223.

74Questa ipotesi avrebbe, rispetto alle altre, il vantaggio di conciliare gli anacronismi manifestati dall’impianto peripteros sine postico in età arcaica, di riportare il tempio di Giove Capitolino nel più appropriato ambito architettonico etrusco-italico, di giustificare gli impianti dei capitolia noti per il periodo medio-repubblicano, e anche di spiegare lo strano silenzio di Vitruvio a questo riguardo. Al suo tempo, infatti, il ricostruito tempio di Giove Capitolino, pur mantenendo alcune caratteristiche tuscaniche aveva ormai perso la tipica forma originaria, per cui lo storico non ritenne più di prenderlo a modello paradigmatico; ugualmente anche nel caso dei templi peripteroi sine postico quello di Giove Capitolino, pur cogli adattamenti e le migliorie apportate da Lutazio Catulo non risultava particolarmente convincente ai suoi occhi, permanendo comunque tozzo e tarchiato, preferendo quindi presentare ai lettori come exempla quello di Giove Statore nella porticus Metelli, realizzato da Hermodoros, e quello di Honos e Virtus, opera di C. Mucio, entrambi anteriori di diversi decenni.

  • 224 Vitr., de Arch., IV, 7, 1-5. Vd. anche il fondamentale commento di P. Gros, op. cit., n. 189, IV, p (...)
  • 225 Secondo la pianta presentata ad esempio dal capitolium di Signia.

75Il tempio arcaico, dunque, potrebbe essere restituito, sul modello delle tuscanicae dispositiones di Vitruvio224come un grande impianto dalla fronte tetrastila, ampio pronao (grande la metà dello spazio coperto) occupato da due (o tre) file parallele di quattro colonne davanti alle ante delle celle (o da due file parallele di quattro colonne, con una terza più interna con due colonne in antis225), svettante su un proprio podio di media altezza, le tre celle parallele disposte secondo il canonico rapporto di 3:4:3 tra la centrale e le laterali, raccordato alla platea con una larga scala frontale.

  • 226 G. Colonna, I templi nel Lazio fino al V secolo compreso, in Archeologia Laziale, 6, 1984, p. 402 s (...)
  • 227 G. Colonna, Santuari d’Etruria, Milano, 1985, p. 99 ss.; Rendeli, art. cit., n. 160, p. 67, fig. 2.
  • 228 Aa. Vv., Pyrgi. Scavi nel santuario etrusco (1959-1967), in NSc, Suppl. II, 1970; Colonna, op. cit. (...)
  • 229 L. Crescenzi, Il Santuario di Giunone a Lanuvio, in Archeologia Laziale, 3, 1980, p. 180 ss.; Colon (...)
  • 230 I. Nielsen, The Temple of Castor and Polluce on the Forum Romanum. A preliminary report on the Scan (...)
  • 231 Colonna, art. cit., n. 226, p. 408; Rendeli, art. cit., n. 160, p. 67, fig. 3
  • 232 C. Morselli, E. Tortorici, Ardea, Firenze, 1982, p. 68 ss., n. 27; Colonna, art. cit., n. 226, p. 4 (...)
  • 233 Morselli, Tortorici, op. cit., n. prec., p. 91 s., n. 87; Colonna, art. cit., n. 226, p. 409 ss.; R (...)
  • 234 Pyrgi., op. cit., n. 228; Colonna, op. cit., n. 227, p. 127 ss.; Rendeli, art. cit., n. 160, p. 68, (...)

76Questa ipotesi relativa alle prime due fasi costruttive del tempio di Giove Capitolino comporta evidentemente un vigoroso ridimensionamento dell’immaginata grandezza dell’edificio arcaico, riportato ad una scala proporzionata con i contemporanei edifici templari etrusco-italici. In buona sostanza, credo, che esso si possa opportunamente collocare a fianco del tempio della Mater Matuta di Satricum (530-500 a.C.)226, del tempio di Portonaccio a Veio (510-500 a.C.)227, del tempio B di Pyrgi (510-500 a.C.)228, del tempio di Iuno Sospita di Lanuvio (500 a.C.)229, tutti tetrastili sulla fronte, con larghezza non superiore a m 20 e con lunghezza inferiore a m 30 (Pyrgi). Tutt’al più si deve ritenere che dimensionalmente non possa essere stato molto distante dalle realizzazioni templari della prima metà del v secolo a.C., tra cui figurano il tempio dei Castori a Roma (490-480 a.C.)230, il tempio di Iuno Moneta a Segni (490-480 a.C.)231, il tempio di Giunone sull’acropoli di Ardea (480-470 a.C.)232, il tempio di Ercole ad Ardea-Civitavecchia (480-470 a.C.)233e il tempio A di Pyrgi (480-460 a.C.)234, tutti ancora tetrastili sulla fronte, con larghezza non superiore a m 28 (Castori) e con lunghezza massima di m 40 (Segni). Può inoltre essere di qualche utilità rilevare come buona parte di queste realizzazioni della prima metà del V sec. a.C. presentino la triplice cella e proporzioni vicine alle tuscanicae dispositiones, indizio forse di un richiamo al più celebre modello romano.

  • 235 Gli elementi di rivestimento fittile attribuiti al tempio sonotutti per dimensioni comparabili a qu (...)
  • 236 Analogamente a quanto documentato ad esempio ancora in epoca imperiale nell’opistodomo dello Heraio (...)
  • 237 Così P. Gros, op. cit., n. 189, III, 3, 1 e 5, p. 101, fig. 12 D.

77In mancanza di dati più attendibili e di elementi architettonici arcaici conservati ritengo velleitario proporre misure e dare una ricostruzione degli alzati235. Si può solo ipotizzare, in considerazione del ritmo araeostilo della fronte, che le colonne fossero realizzate verosimilmente con fusti di legno, piuttosto che con rocchi di tufo236, e gli intercolumni (quello centrale più ampio dei due laterali) fossero superiori alla somma di tre diametri di base della colonna e probabilmente (stando all’ambito greco) al di sopra dei sei diametri, giustificandosi così l’impiego degli architravi di legno237.

  • 238 Che le colonne della ricostruzione del 69 a.C. fossero in marmo sembra evincersi da Plin., XXXVI, 4 (...)

78L’intervento di Lutazio Catulo avrebbe dunque modificato non poco l’aspetto esteriore originario del tempio, lasciando sostanzialmente immutata la parte cultuale delle celle e del pronao (intoccabili per precise prescrizioni religiose), ma rivestendo la struttura di una nuova peristasi di colonne in marmo238. Si può pensare ad un intervento ridotto, con il solo inserimento dei colonnati laterali e la corrispondente trasformazione esastila della fronte; oppure ad un intervento più ampio consistito nell’aggiungere sia sulla fronte che sui lati un giro completo di colonne, inglobante l’arcaico impianto rispettato nella planimetria e nei volumi, ma modificato esteriormente come peripteros sine postico. Così non solamente sarebbe stata data nuova veste architettonica all’insieme, ma allargando la fronte con l’inserimento di due nuove colonne angolari si sarebbe ottenuto (senza mutare il rapporto tra la larghezza e la lunghezza) il risultato di abbassare l’altezza del fastigium, che diminuiva in proporzione della minore inclinazione delle falde del tetto. Nell’insieme la aedes, nonostante l’apporto ellenizzante, doveva apparire ancora humilis e lata, ma meno varica e barycephala della costruzione arcaica andata a fuoco.

  • 239 L’impiego contestuale degli architravi marmorei dell’Olympieion ateniese, lunghi m 6,553, avrebbe c (...)
  • 240 Vitr., de Arch., III, 5. A questo proposito già Kirsopp Lake, op. cit., n. 218, p. 103, proprio per (...)
  • 241 Varro, apud Gellium, II, 10; vd. supra p. 612.
  • 242 Plut., Publ. 15,4; vd. supra p. 589.
  • 243 G. Molisani, Lucius Cornelius Quinti Catuli architectus, in Rend-Linc, 26, 1971, p. 41-49.
  • 244 F. Krauss, R. Herbig, Der Korintisch-Dorisch Tempel am Forum von Paestum, Berlino, 1939; R. Vighi, (...)

79Con la ricostruzione di Catulo, se è verosimile la nostra ipotesi, non sarebbe cambiato il ritmo araeostilo dell’edificio, ma con l’aggiunta delle colonne angolari di testata dei portici laterali avremmo solo avuto il raddoppio degli intercolumni minori della facciata. Né ugualmente sarebbe mutato il ritmo se la ricostruzione avesse comportato, in alternativa, l’inserimento di una nuova peristasi corrente su tre lati. Questo avrebbe reso necessario forse, pur con l’adozione delle colonne marmoree dell’Olympieion di Atene, ancora il ricorso agli epistili lignei239. Rimane comunque ragionevole il dubbio sull’effettivo impiego delle colonne marmoree ateniesi, di cui conosciamo l’altezza (m 16,89) e il diametro (m 1,92), che renderebbe assolutamente fuori luogo la precisa rappresentazione del tempio data da Vitruvio240e l’iniziale insoddisfazione di Lutazio Catulo, relativamente alla sua ricostruzione241. A meno di non pensare ad un adattamento in loco del materiale marmoreo proveniente da Atene, analogamente a quanto sarebbe avvenuto un secolo più tardi nella ricostruzione domizianea con la rilavorazione delle colonne viste da Plutarco in Grecia242. Di un qualche interesse appare l’adozione della tipologia del peripteros sine postico anche per il tempio di Giove Capitolino, evidentemente considerata in questo momento storico la soluzione ottimale di compromesso e di sintesi tra il tradizionale modello architettonico etrusco-italico e i modelli ellenizzanti già pienamente affermati a Roma, tra i quali certo spiccava per bellezza ed efficacia monumentale il tempio metellino di Giove Statore, e che avrebbe poi avuto importanti conferme nel cesariano tempio di Venere Genitrice e nell’augusteo tempio di Marte Ultore. A tale proposito suggestivo sembra l’accostamento alla ricostruzione del tempio di Giove Capitolino del nome di Lucio Cornelio, praefectus fabrum e architectus di Q. Lutazio Catulo, durante il suo consolato (78 a.C.) e la censura (65 a.C.), a cui si dovrebbero quindi – oltre al Tabularium – anche gli adattamenti e le soluzioni innovative qui introdotte243. Di questo «nuovo» tempio potremmo poi avere una precoce imitazione coloniale, su scala ridotta, nel pressoché contemporaneo tempio corinzio-dorico di Paestum, affacciantesi sulla piazza del foro cittadino244.

  • 245 Tac., Hist., III, 71. Con questa espressione vengono generalmente identificati gli spazi frontonali (...)
  • 246 Tac., Hist., IV, 53.

80Il tempio di Giove, come è noto, venne distrutto dal fuoco durante l’assalto al Campidoglio dei partigiani di Vitellio (69 d. C.), a partire dalle aquilae vetere ligno che sostenevano il tetto245. La sua ricostruzione fu radicale ed avvenne, come quella d’un secolo prima, isdem vestigiis su precisa indicazione degli aruspici246. Anche in questo caso si può pensare che non siano state modificate le misure fondamentali delle celle e ci si sia accontentati di elevarlo in altezza, l’unico aspetto sul quale le rigorose prescrizioni religiose consentirono d’intervenire. Ed implicitamente da questa notizia trova conferma il modesto sviluppo in altezza dell’edificio catuliano. Relativamente alla altitudo aedibus adiecta, abbiamo tre possibilità d’intervento : a) aumento del podio; b) impiego di colonne più alte; c) adozione d’entrambe le precedenti misure. Purtroppo ad oggi gli elementi in nostro possesso non consentono di precisarne l’apporto, né aggiungono altro i coni monetali.

  • 247 Se si trattasse di uno dei rocchi inferiori della colonna, cosa però non precisabile. Calcolando l’ (...)
  • 248 Vedi supra p. 607.
  • 249 Stando a Vitruvio (de Arch., III, 3, 10) l’intercolumnio nel ritmo araeostilo era superiore a tre m (...)
  • 250 Plut., Publ., 15, 4.
  • 251 Vitr., de Arch., III, 3, 10-11.
  • 252 Vedi supra p. 591 s.

81Riguardo all’ultima ricostruzione del tempio di Giove Capitolino (la quarta), avvenuta dopo l’incendio dell’80 d.C. ad opera di Domiziano, disponiamo oltreché delle informazioni letterarie, di alcune raffigurazioni e di pochi elementi architettonici frammentari, assegnabili con verosimiglianza a questa fase. Degno di rilievo particolare è il frammento di rocchio di colonna scanalato in marmo pentelico, il cui diametro conservato (m 1,70) permette di ricostruire una colonna corinzia d’altezza non inferiore a m 14,17, ma verosimilmente maggiore247. Questa misura, se confermata, comunque servirebbe a valutare (relativamente alle colonne) l’incremento in altezza avvenuto dal periodo arcaico al periodo imperiale. L’attestazione nel rinascimento di frammenti di architravi monumentali provenienti dall’area rende assai probabile che in questa fase (e verosimilmente già nella ricostruzione di Vespasiano), si dovette passare dagli arcaici e forse tardo-repubblicani epistili in legno, a più solidi e ornamentali architravi marmorei248. La struttura architettonica così realizzata avrebbe comunque ricalcato l’impianto precedente, solo aumentato in altezza rispetto a quello tardo-repubblicano, continuando quindi ad avere un ritmo araeostilo249. In effetti, come sappiamo da Plutarco, l’inserimento di nuove colonne marmoree appositamente fatte venire da Atene, giudicate in loco perfettamente proporzionate nel rapporto diametro/altezza, dopo la loro rilavorazione a Roma apparvero gracili e magre a confronto con l’architettura del tempio250, non contribuendo a migliorare di molto la valutazione sull’efficacia del ritmo araeostilo, già contraddistinto da colonne troppo esili rispetto alla larghezza dell’intercolumnio, poiché «aer consumit et imminuit aspectu scaporum crassitudinem» 251. Può essere interessante notare, a questo proposito, come nel rilievo parigino dell’extispicium l’architettura del tempio di Giove Capitolino sia rappresentata, forse non convenzionalmente, da colonne corinzie abbastanza distanziate tra loro, dal fusto assottigliato, quasi esili rispetto allo sviluppo delle sovrastrutture252.

82Se l’ipotesi di un tempio più piccolo è verosimile, può essere ripresa in considerazione poi anche l’identificazione delle sostruzioni come piattaforma unitaria, sulla quale dovevano trovare spazio oltre all’edificio di culto anche l’altare e gli altri elementi sacri e profani, da ricollegare al progetto originario complessivo dei Tarquini, cosa che potrebbe giustificare l’ampiezza della realizzazione, il superamento delle difficoltà tecniche e il conseguente impegno finanziario.

  • 253 Varro, de l. lat., VII, 8 : «locus augurii aut auspicii causa quibusdam conceptis verbis definitus» (...)
  • 254 Possiamo solo ipotizzare per il tempio una superficie difficilmente superiore ad un terzo del total (...)

83In analogia con quanto presentato a Roma dall’Area sacra di S. Omobono (inizi V sec. a.C.), a Tarquinia dall’Ara della Regina (IV sec. a.C.) e più avanti a Cosa nel terrazzamento del suo capitolium, ci si troverebbe nel caso capitolino dunque, come già proposto da Castagnoli, di fronte al vero e proprio templum, cioè all’area delimitata secondo precise regole religiose, quindi inaugurata, su cui sarebbe stata innalzata la aedes253. L’impegno costruttivo espresso e la monumentalità della  non devono quindi sorprendere, costituendo con il tempio che ne occupava una parte un insieme cultuale unitario254, destinato evidentemente fin dalla concezione originaria ad accogliere sia l’edificio sede delle divinità, che lo spazio esterno in cui i sacerdoti celebravano pubblicamente i culti alla presenza del populus romano.

  • 255 LTUR I (1993), s.v. Area Capitolina, p. 114-117 (C. Reusser).
  • 256 Liv., 25.3.14 : [...] conciliumque tam frequens plebis adesset ut multitudinem area Capitolii vix c (...)
  • 257 Qui nel corso dei ludi saeculares del 17 a.C. ante aedem Iovis Maximi sono ricordati suffimenta e f (...)

84A questo punto può forse valere la pena di porsi l’interrogativo se il così definito templum del Capitolium non sia da identificare più precisamente con l’area Capitolina, nota dalle fonti, prospiciente e circondante il tempio di Giove255. Ovvero se questa espressione topografica, almeno nel suo senso più antico e appropriato, non sia da riferire alla grande piattaforma d’oltre 3300 mq, sostenente il tempio di Giove e il suo altare, a sufficienza capiente da ospitare gli officianti i grandi riti dello stato ed anche il concorso del popolo romano, come attestato nel corso della repubblica256e della prima età imperiale257.

  • 258 Gell., Noctes Atticae, 2, 10, 2; vd. supra p. 588.
  • 259 Suet., Calig., 34, 2 : Statuas virorum inlustrium ab Augusto ex Capitolina area propter angustias i (...)
  • 260 Tac., Hist., 4, 53, 4 : Tum Helvidius Priscus praetor, praeeunte Plautio Aeliano pontifice, lustrat (...)
  • 261 CIL VI, 2065, I, 18-28 (87 d.C.).
  • 262 Plin., Paneg., 52, 3 : Itaque tuam statuam in vestibulo Iovis optimi maximi unam alteramve et hanc (...)

85Porterebbe in questa direzione la lettura data sopra del passo varroniano, in cui viene ricordata l’intenzione di Q. Lutazio Catulo di aream Capitolinam deprimere, finalizzata a fornire maggiore slancio al podio del tempio, da raggiungere pluribus gradibus, differentemente da quanto fino ad allora avveniva258. Ed anche l’affollamento del luogo da parte delle statue onorarie ivi esposte, che Augusto decise di far trasferire in Campo Marzio propter angustias, sembra più appropriato per questo spazio ampio, ma limitato, piuttosto che per l’area antistante compresa tra le pendici sud-occidentali del colle e il clivo capitolino259. La piattaforma arcaica è poi il luogo dove chiaramente si svolsero i riti lustrali, con il sacrificio dei suovetaurilia e l’esposizione delle viscere sulla zolla, così come descritti da Tacito in occasione della posa della prima pietra della ricostruzione di Vespasiano260. Questa potrebbe quindi essere la area in cui i fratres Arvales erano soliti immolare saluti publicae un bue a Giove e due giovenche a Giunone e a Minerva, per poi pronunciare in pronao Iovis i vota pro salute et incolumitate imperatoris261. Ed anche il brano del Panegirico a Traiano di Plinio il Giovane mostra, a mio avviso, una stringente contiguità tra il vestibulum Iovis optimi maximi, l’ingresso, la scalinata d’accesso al tempio e tota area rilucente di statue d’oro e d’argento262.

  • 263 Cass. Dio, XXXVII, 9, 1-2; XXXVIII, 34, 3-4; Obseq. 61 (122); Cic., In Catil. III, 8,20.

86In conclusione, si può certo ritenere che in epoca imperiale la definizione di area Capitolina sia stata utilizzata estensivamente anche a comprendere gli spazi esterni contigui alle sostruzioni del tempio di Giove Capitolino, ma è logico pensare che proprio sulla magnifica platea arcaica di Tarquinio il Superbo al cospetto dell’aedes fossero accolti e presentati i più venerabili simboli della religione, della storia e dello stato romano, e in tale ambito non sorprenderebbe vedere proprio qui esposte fianco a fianco la grande statua stante di Giove, il gruppo della lupa con Romolo e Remo e le celeberrime tavole bronzee delle leggi, ricordate colpite insieme e danneggiate dal fulmine nel 65 a.C.263

  • 265 Le altezze parziali sono le seguenti : sommoscapo m 0,08; hypotrachèlion m 0,12; echino m 0,185; ab (...)

Il capitello, scolpito nel lapis albanus, si presenta in discreto stato di conservazione con lacune più o meno consistenti dell’abaco e della cornice. Evidenti sono le tracce di lavorazione e di finitura delle superfici «a gradina». Ben leggibili sono le partizioni architettoniche comprendenti dal basso verso l’alto il sommoscapo liscio, lo hypotrachèlion ornato da tre anuli squadrati sovrapposti e di diametro crescente, l’echino basso e rigonfio, l’abaco liscio, la cornice composta da gola liscia e listello. L’altezza massima è di m 0, 675; la larghezza massima all’abaco è di m 1,20; il diametro massimo dell’echino è di m 1,025; il diametro massimo al sommoscapo à di m 0,78265.

  • 266 Vitr. De Arch., IV, 7, 1-5; si veda in particolare la tavola riassuntiva proposta da P. Gros, op. c (...)

Si tratta di un capitello appartenente all’ordine tuscanico, come evidenzia il fusto liscio della colonna apprezzabile nel sommoscapo, di notevoli proporzioni, che è possibile sviluppare sulla base delle tuscanicae dispositiones dettate da Vitruvio266.

In particolare basandosi sulla larghezza dell’abaco, uguale al diametro della colonna all’imoscapo (pari a 1 modulo), conosciamo l’altezza della colonna (pari a 7 moduli), ovvero m 8,40.

Leggermente più bassa apparirebbe la colonna se invece prendiamo a riferimento il diametro del sommoscapo (pari a 3⁄4 dell’imoscapo), con una misura di m 7,28.

  • 267 Capitello m 0,675; colonna m 8,40; base m. 0,60.
  • 268 Capitello m 0,675; colonna m 7,28; base m. 0,52.

L’ordine, completo di base e capitello, secondo la prima ipotesi misurerebbe m 9,675267; seguendo la seconda ipotesi m 8,475268.

  • 269 Le impronte presentano una larghezza variabile da cm 9 a cm 10,5.
  • 270 Vitr. de Arch., III, 3, 5.

La faccia superiore dell’abaco è rivestita da uno strato di malta pozzolanica (spesso cm 1,5), sul quale rimangono evidenti le impronte levigate lasciate dalle travi, con ogni probabilità lignee, sostenenti gli epistili. In particolare si apprezzano le impronte di quattro travi convergenti verso il centro, esattamente ortogonali tra loro, con schema «a croce», di modesto spessore269(fig. 33), Avremmo in questo caso precisa testimonianza degli architravi lignei (trabes perpetuae) ricordati da Vitruvio come soluzione strutturale architettonica, da adottare in presenza del ritmo araeostilo, nel quale le colonne erano troppo distanziate per permettere l’impiego di architravi lapidei270.

  • 271 Vitr. de Arch., IV, 7, 4.

Le impronte «a croce» delle travi fanno poi assegnare il capitello ad un edificio di una certa monumentalità, provvisto di almeno due file parallele di colonne, alla più interna delle quali esso apparterrebbe. Comunque trovandoci in presenza di travi singole, e non di travi accoppiate (trabes compactiles) pure comunemente impiegate nell’ordine tuscanico271, si deve ritenere che la struttura non sostenesse un peso considerevole.

La fattura del capitello non trova confronti stringenti con i capitelli tuscanici noti in ambito romano dall’età arcaica a quella imperiale, per cui si possono fare solo osservazioni relativamente alla sua composizione, che sembra presentare un richiamo all’ordine dorico con l’assenza del semplice listello (apòphisis) al di sotto dell’echino (prevista dall’ordine tuscanico) e l’inserimento dei tre anuli (presenti solo nell’ordine dorico). Si tratta quindi di un capitello prevalentemente tuscanico, ma ibridizzato con elementi dorici e rinnovato con l’inserimento al di sopra dell’abaco di una cornice modanata, non prevista in alcuno dei due ordini.

Queste osservazioni, unite alla scelta di un’eccellente qualità di peperino particolarmente compatto e all’accurata tecnica di lavorazione a gradina, che non sembra prevedere il rivestimento a stucco, appaiono indicare una cronologia non anteriore all’età tardorepubblicana, non potendosi escludere per altro una datazione scendente nella prima età imperiale, con l’intenzionale recupero «simbolico» di materiali e di moduli architettonici d’epoche più antiche.

  • 272 Nella sua probabile ricostruzione avvenuta dopo l’incendio sillano; sul tempio LTUR V (1999), s.v. (...)

Arduo appare allo stato delle conoscenze ogni tentativo di assegnare il capitello ad uno degli edifici del Campidoglio, pur essendo suggestivo pensare (sulla base del luogo di rinvenimento) ad una possibile sua pertinenza al prossimo tempio di Veiove272o alla fronte settentrionale del Tabularium rivolta verso l’Asylum, di cui nulla si è conservato, ma che certo si doveva distinguere anche su questo lato per la sua monumentalità.

Haut de page

Annexe

Appendice

Con riferimento all’architettura arcaica e repubblicana del Campidoglio, si coglie l’occasione per presentare in questa sede un notevole capitello tuscanico in peperino, venuto alla luce nel 1939 nel corso degli sterri effettuati al di sotto della Piazza del Campidoglio per la realizzazione della Galleria di Congiunzione dei palazzi capitolini, a tutt’oggi inedito264 (fig. 32).

Fig. 32 – Roma, Musei Capitolini, Galleria Lapidaria. Capitello tuscanico.

Fig. 33 – Roma, Musei Capitolini, Galleria Lapidaria. Capitello tuscanico, particolare.

Haut de page

Notes

1 E. Gjerstad, Early Rome, III, Lund, 1960, p. 168-190.

2 A. Sommella Mura, Le recenti scoperte sul Campidoglio e la fondazione del Tempio di Giove Capitolino, in RendPontAcc, 70, 1997-98, p. 57-79; Ead., «La grande Roma dei Tarquini». Alterne vicende di una felice intuizione, in BCom, 101, 2000, p. 7-26; Ead., Notizie preliminari sulle scoperte e sulle indagini archeologiche nel versante orientale del Capitolium, in BCom, 102, 2001, p. 263 s.; M. Albertoni, Contributi per un inquadramento topografico dell’area del Giardino Romano in Campidoglio, in BCom, 102, 2001, p. 347-358; A. Danti, L’indagine archeologica nell’area del tempio di Giove Capitolino, in BCom, 102, 2001, p. 323-346; S. Sisani, in LTUR, Supplementum, Roma, 2004, s.v. Gli scavi di Roma I, (1870-1921), p. 71-73; Il tempio di Giove e le origini del colle capitolino, Milano, 2008; A. Sommella Mura, Il tempio di Giove Capitolino : una nuova proposta di lettura, in Annali della Fondazione per il museo «Claudio Faina», XVI, 2009, p. 333-372. Per una esauriente storia degli studi R. T. Ridley, Unbridgeable gaps : the Capitoline Temple at Roma, in BCom, 106, 2005, p. 83-104.

3 G. Lugli, Fontes ad topographiam veteris urbis Romae pertinentes, XVI, Capitolium, Roma, 1969, Templum Iovis Optimi Maximi, p. 274-344, n. 1-381; da ultimi, con bibliografia precedente, G. Tagliamonte, in LTUR III (1996), s.v. Iuppiter Optimus Maximus, Aedes, Templum (fino all’83 a.C.), p. 144-147; S. De Angeli, ibidem., s.v. Iuppiter Optimus Maximus, Aedes, Templum (fasi tardo-repubblicane e di età imperiale), p. 148-153; G. Cifani, Architettura romana arcaica. Edilizia e società tra Monarchia e Repubblica, Roma, 2008, p. 80-109.

4 Tac., Hist. III, 72,2 : Mox Servius Tullius sociorum studio, dein Tarquinius Superbus capta Suessa Pometia hostium spoliis exstruxere.

5 Dionys. Hal., III, 69, 1-2.

6 Dionys. Hal., III, 69, 4-5.

7 Dionys. Hal., IV, 59, 1-3; 60, 1-4.

8 Dionys. Hal., IV, 61, 1-2.

9 Dionys. Hal., IV, 61, 3

10 Dionys. Hal., IV, 61, 4. Relativamente alle celle laterali sappiamo che quella di destra era dedicata a Minerva (Liv., VII, 3, 5), quella di sinistra a Giunone (CIL VI, 32329,9).

11 Cic., De rep., II, 20, 36; 24, 44.

12 Liv., I, 38, 7. Conferme anche in Plut., Public., XIV, 1; Tac., Hist., III, 72.

13 Liv., I, 53, 2-3, 5.

14 Liv., I, 55, 1-6 e 7-8, dove viene specificata come fonte lo storico Fabio Pittore, preferito allo storico L. Calpurnio Pisone, che riferisce l’improbabile cifra di quarantamila libbre d’argento. La cifra è identica a quella riportata da Dioniso e permette di assegnargli con buona probabilità la stessa fonte; Plutarco (Publ., 15, 3) dà credito invece alla cifra più elevata.

15 Liv., I, 56, 1. Fabri coacti vennero forniti probabilmente anche da altre città latine, come Cora, come informa una glossa, vd. D. Palombi, Cic.2 Verr,. V 19, 48 e Gloss. Ps. Plac. f5 (= GL, IV, p. 61) sulla costruzione del tempio di Giove Capitolino, in BCom, 98, 1997, p. 7-14.

16 Vitr., III, 3, 5, insieme al tempio di Cerere, Libero e Libera, e a quello di Ercole Pompeiano, entrambi ad Circum.

17 Ad opera di M. Orazio Pulvillo, primo console della repubblica, così in Polyb., III, 22,1; Cic., de domo, 44, 139; Liv., II, 8, 6; VII, 3, 8; Dionys. Hal., V, 35, 3; Plut., Public., XIV, 2; Cass. Dio, III, fr. 13, 3-4; Tac., Hist., III, 72.

18 Plin., Nat. Hist., XXXV, 12, 157.

19 Plut., Public. 13, 1-5

20 Anche Fest. 342 L, e Serv. Aen., VII, 188; su questi aspetti A. Andrén, In quest of Vulca, in RendPont Acc, 49, 1976-1979, p. 63-83.

21 Gell., II, 10, 3, 4 = Varro, Epist. quaest. libr., fr. 228; Paul., Ex Festo, p. 78 L. = 88 M.

22 Liv., X, 23, 11-12.

23 Cic., de divin., I, 10, 6.

24 Liv., XXIX, 38, 8.

25 Liv., XXV, 39, 17 (anno a.C. 212); Plin., Nat. Hist., XXXV, 3, 12, 14.

26 Liv., XXXV, 41.

27 Liv., XL, 51, 3.

28 Plin., Nat. Hist., XXXVI, 25, 185.

29 Plin., Nat. Hist., XXXIII, 18, 57.

30 Tac., Hist. III, 72,2; Val. Max., IX, 3, 8; App., de bello civ., I, 86, 4.

31 Tac., Hist. III, 72, 3 : Lutatii Catuli nomen inter tanta Caesarum opera usque ad Vitellium mansit.; Cic., Verr. I, 4, 69; Liv., Perioch. 98.

32 Suet., Caes. 15; Cass. Dio, XXXVII, 44, 1-2. Il risentimento di Cesare nei confronti di Catulo doveva essere certamente molto profondo, portando nel 46 a.C. alla cancellazione del suo nome dal tempio di Giove e alla sostituzione con quello del dittatore, vd. Cass. Dio, XLIII, 14, 6.

33 Tac., Hist. III, 72, 3.

34 Dionys. Hal., IV, 61, 4.

35 Varro, apud Gellium, II, 10 : Q. Catulus curator restituendi Capitolii dixisset voluisse se aream Capitolinam deprimere, ut pluribus gradibus in aedem conscenderetur suggestusque pro fastigii magnitudine altior fieret.

36 È questo il caso di Puteoli, così Val. Max. IX, 3, 8 : pecuniam a decurionibus ad refectionem Capitolii promissam [...].

37 Plin., Nat. Hist., XXXVI, 6, 45 : Capitolinis aedibus advexerat columnas.

38 Plin., Nat. Hist., XXXIII, 57, 18, così sembra potersi estensivamente intendere il brano; anche Sen., Controv., I, 6, 4 : fastigatis supra tectis auro puro fulgens praelucet Capitolium; II, 1, 1.

39 Cic., Verr., II, 4, 31.

40 Cass. Dio, XXXVII, 44, 1-2.

41 Res gestae, 20, 1; Ap. 3.

42 Così Ovid., Fasti, I, 201 s. : Iuppiter angusta vix totus stabat in aede, inque Iovis dextra fulmen erat.

43 Cass. Dio (Xiph.), LV, 1, 1 (9 a.C.).

44 Consolatio ad Liviam, vv. 401-404.

45 Tac., Hist., III, 71, 4; IV, 54, 1-2; inoltre Stat., Silvae V, 3, vv. 195-200; Plin., Nat. Hist., XXXIV, 7, 38; Flav. Ioseph., Bell. Iud. IV, 11, 4, 648-649; Suet., Vit. 15, 3; Domit. 1, 2; Cass. Dio, LXIV, 17, 2-4; Aur. Vict., de Caes., 8, 5; Oros., Adv. Pag., VII, 8, 7; Hieron., Chron. ab a. Abr. 2086; Philostr., Vita Apollonii Tyanensis, V, 30, 2, 188 k; VIII, 7, 164.

46 Tac., Hist. IV, 9, 2, su proposta del pretore designato Elvidio Prisco.

47 Tac., Hist. IV, 53; G. E. F. Chilver, A historical commentary in Tacitus’ Histories IV and V, Oxford, 1985, p. 64, ritiene che Tacito potrebbe ricopiare in questo passo, più o meno esattamente, il testo di un preciso atto sacerdotale; G. B. Townsend, The restoration of the Capitol in A. D. 70, in Historia, 36 1987, p. 243-248.

48 Sono verosimilmente le paludi di Ostia dove già Nerone aveva fatto gettare i detriti prodotti dall’incendio di Roma, vd. Tac., Ann., 15, 43, 3).

49 Suet., Vesp. 8, 5 e Cass. Dio, LXVI, 10, 2.

50 Suet., Vesp. 18 : [...] mechanico quoque grandis columnas exigua impensa perducturum in Capitolium pollicenti praemium pro commento non mediocre optulit (Vespasianus), operam remisit praefatus sineret se plebiculam pascere.

51 Cass. Dio, LXVI, 24, 1-2; Plut., Publ. 15, 3.

52 CIL VI, 2059, ll. 12-13 = Acta Fr. Arv. (7 dic. 80 d.C); e RIC II, p. 128, n. 102.

53 Suet., Domit. 5 : sub titulo tantum suo ac sine ulla pristini auctoris memoria; Lactant., De morte persec. 3, 3.

54 Plut., Publ. 15, 4.

55 Amm., XVI, 10, 14; Auson., XI, 19, vv. 14-17.

56 Zos., 5, 38, 5.

57 Hier., Epist., 107,1.

58 Procop., bell. Vand. 1, 5, 3-4.

59 MGH, AA, IX, 336, 714.

60 Vd. Andrén, art. cit., n. 20, p. 76 ss., la datazione oscilla tra l’80 e il 76 a.C. Sulla documentazione numismatica relativa da ultimo Ph. Hill, The monuments of ancient Rome as coin types, Londra, 1989, p. 24 s.

61 H. de Villefosse, Le trésor de Boscoreale, in Monuments Piot, 5, 1899, p. 142 ss., tav. XXXVI,2.

62 A. M. Colini, Indagini sui frontoni dei templi di Roma. I frontonidel tempio di Giove Capitolino, in BCom, 53, 1925, p. 176-191; P. Bastien, Vitellius et le temple de Jupiter Capitolin. Un as inédit, in NumAntCl, 7, 1978, p. 181-202; B. H. Krause, Trias Capitolina, Treviri, 1989, p. XXXIII-XXXVII.

63 BMCEmp II, p. 346, n. 242, tav. 67,8; RIC II, p. 178, n. 207, tav. 5, 85c.

64 Il completamento del restauro domizianeo potrebbe essere avvenuto già nell’82 d.C. a giudicare da una moneta asiaticache raffigura il tempio con legenda CAPIT RESTIT, vd.BMCEmp II, p. 351, n. 251, tav. 68, 3; RIC II, p. 182, n. 222, tav. 5, 89.

65 M. L. Cafiero, Rilievi storici capitolini, (cat. mostra), Roma, 1986, p. 40, tavv. XXXVII-XL.

66 S. Tortorella, Il rilievo dell’Extispicium del Museo del Louvre, in ScAnt, 2, 1988, p. 475-499.

67 Il disegno, presente nel Codex Coburgensis è stato pubblicato da E. Schulze, in Archäologischer Anzeiger, 1873, tav. 57; Colini, art. cit., n. 62, p. 182, nota 2; E. Simon, Die Götter der Römer, Magonza, 1990, p. 114-118.

68 N. Agnoli, Museo nazionale archeologico di Palestrina. Le sculture, 1, Roma, 2002, n. 31, p. 118 ss.

69 P. Rosa, Scavi Capitolini, in AnnInst, 37, 1865, p. 382-386; pianta in MonInst, VIII, tav. XXIII, 2.

70 R. Lanciani, Il tempio di Giove Ottimo Massimo, in BCom, 3, 1875, p. 165-189; Id., in BCom, 4, 1876, p. 31-34.

71 H. Jordan, Osservazioni sul tempio di Giove Capitolino, in AnnInst, 48, 1876, p. 145-172; pianta in MonInst, X, tav. XXX a, (m 51 × 74); R. Paribeni, Saggi di scavo nell’area del tempio di Giove Ottimo Massimo sul Campidoglio, in NSc, 1921, p. 38-49, (m 55 × 60); S. B. Platner, Th. Ashby, A topographical dictionary of ancient Rome, Londra, 1929, s.v. Iuppiter Optimus Maximus Capitolinus, Aedes, p. 297-302.

72 Sui resti archeologici si veda, da ultimo, la presentazione esaustiva (con bibl. prec.) di Cifani, op. cit., n. 3, p. 85-98. Per le murature angolari vd. nn. 1, 15, 7, fig. 70.

73 Cifani, op. cit., n. 3, rispettivamente nn. 14, 7, 21, fig. 70.

74 Cifani, op. cit., n. 3, rispettivamente nn. 9, 11, 12, 13 a, 13 b; e 10, 10 bis, 5, 6 a, fig. 70.

75 Gjerstad, op. cit., n. 1, p. 178.

76 Diversamente Sommella Mura 2009, art. cit., n. 2, p. 333-372, comprendendo nella lunghezza anche le murature presenti a nord in corrispondenza dell’attuale Belvedere Caffarelli, ipotizza la misura di m 74. Tale ipotesi, anche alla luce della recente scoperta, avvenuta nel corso di lavori per la posa di cavi elettrici in Piazzale Caffarelli (marzo 2010), di un tratto delle mura perimetrali settentrionali della platea, con chiara evidenza della fossa di fondazione, risulta del tutto arbitraria. Al pari insostenibile, di conseguenza, è la ricostruzione del tempio come peripteros di tipo greco, formulata su queste basi.

77 Sommella Mura 1997-98, art. cit., n. 2, p. 57-79; Sommella Mura 2000, art. cit., n. 2, p. 7-26; Sommella Mura 2001, art. cit., n. 2, p. 263 s.; Danti, art. cit., n. 2, p. 323-346; Albertoni, art. cit., n. 2, p. 347-358; Il tempio di Giove e le origini del colle capitolino, Milano, 2008.

78 Quest’ultimo eliminato per far posto alla cd. Esedra del Marco Aurelio, all’interno del Palazzo dei Conservatori.

79 Così denominato perché i banchi che lo caratterizzano, sono generalmente disposti al di sopra degli strati di pozzolana.

80 Cifani, op. cit., n. 3, p. 221 s

81 Danti, art. cit., n. 2, p. 339 ss.; fig. 20 e 21. Larga circa m 3,8, presentava un profilo a scarpa, con gradoni intermedi. La profondità della fossa rispetto al piano di frequentazione d’età arcaica è di m 7,20.

82 Relativamente alle fasi protostoriche, a quella tardo-arcaica, a quelle repubblicane.

83 R. Funiciello (a cura di), Memorie descrittive della carta geologica d’Italia, vol. L. La geologia di Roma. Il centro storico, Roma, 1995, p. 49-118; A. J. Ammermann, N. Terrenato, Nuove osservazioni sul Colle Capitolino, in BCom, 97, 1996, p. 35-46; Cifani, op. cit., n. 3, p. 84.

84 Indicato sul fronte orientale dal livello di frequentazione arcaico individuato nel Giardino Romano; e, per l’epoca tardo-repubblicana, dal piano superiore del pilone quadrangolare in conglomerato cementizio (lungo m 1,70; largo m 0,90), gettato con opera a sacco fino al piede della muratura di fondazione, forse con funzione di sostegno e di contrafforte in un punto attraversato da alcune lesioni e da un cedimento, vedi Danti, art. cit., n. 2, p. 342, fig. 23.

85 Danti, art. cit., n. 2, p. 342 s., part. nota 41.

86 Questo bene si evince dall’innesto di uno dei setti murari E-O con il cd. Muro Romano, messo in luce durante gli scavi, vd. Danti, art. cit., n. 2, p. 324 s., fig. 5.

87 Danti, art. cit., n. 2, p. 323 ss., fig. 1; Cifani, op. cit., n. 3, p. 102 s.

88 Vitr., de Archt., III, 4, 1.

89 Lanciani, art. cit., n. 70, p. 182; Id., in BCom, 4, 1876, p. 32; Id., Storia degli Scavi, II, p. 94; Id., BCom, 19, 1901, p. 254; per un quadro riassuntivo Cifani, op. cit., n. 3, p. 81-84, part. nota 186.

90 La prima illustrazione di queste murature si ha in R. Fabretti, De columna Traiani : Addenda, Roma 1683. Suquesto versante fin dagli inizi del xii secolo esistevano proprietà spettanti alla chiesa di S. Maria in Aracoeli, come dimostra una bolla emessa da papa Anacleto II (1130-1138), e altre proprietà nel xvi secolo confluite nei possedimenti della famiglia Caffarelli. Breve sintesi in A. Danti, in Il tempio di Giove e le origini del colle capitolino. cit., nota 77, p. 20; M. Albertoni, ibId., p. 32-35.

91 Danti, art. cit., n. 2, p. 326, anche nota 8 e fig. 4; Cifani, op. cit., n. 3, p. 88, n. 4, fig. 72.

92 I blocchi misurano cm 30-32, per un’altezza complessiva dim 2,81. L’irregolarità dei piani di posa, ora aggettanti, orarientranti, mostrano chiaramente che il Muro Romano non era in antico a vista, ma parte di una struttura più ampia.

93 Cm 38 circa. L’altezza complessiva di questo settore è dim 2,04.

94 Cm 60-90.

95 Larghezza inferiore m 1,15.

96 Larghezza superiore m 2,73; larghezza inferiore 1,54.

97 Si riconoscono tra i caementa anche alcuni sporadici frammenti di marmo.

98 Alt. m 0,66; larg. m 0,19 circa; distanza tra le due feritoie m 2,45.

99 Lung. m 1,06; larg. 0,26; alt. 0,21.

100 Così quelli individuati nella Sala II e nella Sala IV del Museo Nuovo, in Danti, art. cit., n. 2, p. 325, fig. 2 e 3.

101 Presenti al centro della Sala X del Museo Nuovo; Cifani, op. cit., n. 3, p. 91, n. 9. Non è facile inquadrare compiutamente questi interventi, non sapendo quanto scendessero in profondità e soprattutto considerando che il probabile sviluppo in altezza è stato radicalmente compromesso dalla costruzione degli edifici posteriori. Dubbi sulla antichità di alcuni di questi interventi è stata espressa da P. L. Tucci, Il tempio di Giove Capitolino e la sua influenza sui templi di età imperiale, in JRA, 19, 2006, p. 390.

102 Trattasi della quota d’età tardo-repubblicana e, verosimilmente, imperiale; la quota arcaica doveva essere di poco inferiore.

103 Vitr., de Arch., III, 4,1.

104 Un’opinione in parte coincidente sembra essere espressa in Danti, art. cit., n. 2, p. 346.

105 Vedi supra.

106 Gjerstad, op. cit., n. 1, p. 176 s.

107 Vedi supra p. 597. Se si vuole dare credito a questa fase ricostruttiva della platea, si deve pensare ad un conservatorismo«religioso» nell’uso dei materiali originari imposto a Lutazio Catulo, oppure retrodatare la ricostruzione della platea ad un momento precedente in cui il cappellaccio era ancora largamente impiegato (ricostruzione però di cui le fonti non fanno menzione). Alternativamente si può pensare ad un intervento di restauro che ha riutilizzato i materiali esistenti, integrandoli con nuovi omogenei per qualità.

108 Sommella 2000, art. cit., n. 2, p. 22, fig. 27; A. Danti, in Il tempio di Giove e le origini del colle capitolino cit., n. 77, p. 27, fig. 25.

109 Gjerstad, op. cit., n. 1, p. 189 s., fig. 119, 120.

110 L’importante precisazione si deve alla puntuale ricerca condotta sui documenti d’archivio da L. Ferrea, Ricerca sulle terrecotte dell’Antiquarium Comunale : note preliminari, in BMusCom, 19, 2005, p. 36 s., fig. 1.

111 Di diverso avviso P. M. Martin, Architecture et politique : le temple de Jupiter Capitolin, in Caesarodunum, 18bis, 1983, p. 9-29, part. 11 ss.

112 Dionys. Hal. III, 69, 1-2.

113 Credo che le strutture realizzate in Campidoglio sotto Tarquinio Prisco siano da interpretare solo come funzionali alla sistemazione perimetrale dell’area sulla quale successivamente sarebbe stato edificato il tempio di Giove, e non nel senso che già da allora fossero decise la tipologia del tempio, la sua dimensione e la distribuzione dei pesi, come pensa invece G. Colonna, Tarquinio Prisco e il tempio di Giove Capitolino, in PP, 36, 1981, p. 43 s.

114 Documentato nella planimetria del Campidoglio redatta da Jean Arnaud Leveil nel 1838, in Albertoni, art. cit., n. 2, p. 357, fig. 10.

115 Rinvenuto nel corso di scavi recenti, e subito ricoperto dalla moderna costruzione di una, dannosa quanto inutile, rampa inclinata parallela alla fronte del Palazzo Caffarelli, che ha anche occultato il superstite angolo N-O della platea di fondazione del tempio di Giove, Albertoni, art. cit., n. 2, p. 357.

116 H. Dressel, Scavi sul Campidoglio, in BullInst, 1882, p. 225-230; Albertoni, art. cit., n. 2, p. 357.

117 Per questi aspetti e un’ipotesi di percorso delle mura si veda utilmente Albertoni, art. cit., n. 2, p. 252-257, fig. 8.

118 Tac., Hist. III, 72, 2.

119 Per una sintesi esaustiva, con bibl. prec., LTUR II (1995), s.v. Fortuna et Mater Matuta, Aedes, p. 281-285. (G. Pisani Sartorio).

120 Vedi supra p. 591 e nota 7.

121 F. Lugli, Le tombe dell’età del Ferro e l’attività metallurgica dall’età del Ferro al periodo arcaico, in BCom, 102, 2001, p. 309-314.

122 Danti, art. cit., n. 2, p. 332-337.

123 Liv., I, 55, 6 : [...] idque ita cecinere vates, quique in urbe erant, quosque ob eam rem consultandam ex Etruria acciverant.

124 Dionys. Hal., IV, 59, 2.

125 Danti, art. cit., n. 2, p. 342 s., part. nota 41. Particolarmente grave, a questo proposito, risulta l’inspiegabile decisione, presa nel 2000, di non condurre a compimento lo scavo del pozzo arcaico scoperto in prossimità della fossa di fondazione, da cui forse potevano essere recuperati elementi utiliper la migliore precisazione della cronologia e per la conoscenza della fase arcaica e alto repubblicana del tempio (da qui proviene infatti un frammento di lastra di I fase, conprocessione di carri del tipo Veio-Roma-Velletri, Danti, in Il tempio di Giove e le origini del colle capitolino cit., n. 77, p. 60 s.). Il pozzo, come del resto il taglio della fossa di fondazione ancora mirabilmente leggibile, è stato obliterato per sempre dalla realizzazione del piano pavimentale immotivatamente invasivo della cosiddetta Esedra del Marco Aurelio, Sommella Mura 1997-98, art. cit., n. 2, fig. 9-10; Sommella Mura 2000, art. cit., n. 2, p. 19 s.; E. La Rocca, L’esedra di Marco Aurelio nel Palazzo dei Conservatori, in BMusCom, 20, 2006, p. 178-197;Cifani, op. cit., n. 3, p. 96, n. 18, fig. 80; Albertoni, in Il tempio di Giove e le origini del colle capitolino cit., n. 77, p. 60.

126 Dionys. Hal., IV, 61, 3.

127 Così già correttamente pensarono Paribeni, art. cit., n. 71, p. 40; M. Cagiano de Azevedo, I «Capitolia» dell’Impero romano, in MemPontAcc, 5, 1940, p. 6.

128 Gjerstad, op. cit., n. 1, p. 178.

129 Paribeni, art. cit., n. 71, p. 40 s., dove si chiarisce che, seanche il piede utilizzato da Dionisio di Alicarnasso fosse per misura più vicino al piede romano di m 0,296, egualmente le misure così ottenute (m 61,42 × 56,98) troverebbero confronto con la realtà archeologica nota.

130 Liv., VI, 4, 12 : opus vel in hac magnificentia urbis conspiciendum.

131 Plin., Nat. Hist., XXXVI, 104 : senes [...] substructiones Capitolii mirabantur.

132 Dionisio usa qui l’aoristo passivo ἐποιήθη.

133 Ugualmente s’afferma in Tac., Hist. III, 72,3.

134 Più precisamente la cella di Minerva si trovava a destra di quella di Giove, così Liv., VII, 3, 5; quella di Giunone era a sinistra, vd. CIL VI, 32329,9

135 Dionys. Hal., IV, 61, 4.

136 L’orientamento della platea, e quindi verosimilmente del tempio, è NE-SO, più precisamente con deviazione in direzione Est di 26o 30’, come precisato da Paribeni, art. cit., n. 77, p. 41.

137 Vedi supra.

138 Vedi supra.

139 Vedi supra.

140 Vedi supra.

141 Lanciani, art. cit., n. 70, p. 185 s.; Plut., Publ. 15, 3-4; vd. infra.

142 R. Lanciani, Storia degli scavi di Roma, 2o ed., I, Roma, 1989,p. 69.

143 R. Lanciani, Storia degli scavi di Roma, 2o ed., II, Roma, 1990, p. 99.

144 Ch. Hülsen, Osservazioni sull’architettura del tempio di Giove Capitolino, in RM, 3, 1888, p. 152-155; A. Bartoli, I monumenti antichi di Roma nei disegni degli Uffizi di Firenze, Roma, 1914, tav. XCI; F. Castagnoli, Topografia e urbanistica di Roma nel iv secolo a.C., in StRom, 22, 1974, p. 435, tav. LVIII, 2.

145 Il frammento di colonna (inv. n. 2849), in marmo pentelico, con evidenti venature quarzifere grigio-argento, si trova attualmente negletto nel Giardino Caffarelli dei Musei Capitolini, e presenta le seguenti misure : alt. max m 1,10; diametro max conservato m 1,59, ricostruibile in circa m 1,70; larghezza della scanalatura m 0,16; prof. Della scanalatura m 0,07; larg. del listello m 0.065. H. Jordan, Osservazioni sul tempio di Giove Capitolino, in AdI, 48, 1876, p. 151, riporta la relazione dell’arch. Schupmann, che rileva misure differenti e, basandosi sulla circonferenza di sole tre scanalature, ipotizza un diametro di m 1,80; A. Marquand, A capital from the Temple of Jupiter Capitolinus in Rome, in AJA, 2, 1898, p. 21, basandosi su più precise misurazioni dirette indica un diametro di circa m 1,72.

146 Inv. n. 3378, Giardino Caffarelli, Musei Capitolini. Misure : alt. max m 0,60; larg. max m 0,50; larg. della scanalatura m 0,16; prof. della scanalatura m 0,07; larg. del listello m 0.054 circa.

147 Inv. n. 3379, Giardino Caffarelli, Musei Capitolini. Misure : alt. max m 1,36; larg. max m 1,19; spessore max m 0,31; larg. della scanalatura m 0,19; prof. della scanalatura m 0,105; larg. del listello m 0.06.

148 H. Jordan, Topographie der Stadt Rom, I, 2, Berlin, 1885, p. 72, nota 69, scoperta nel 1876 e allora conservata nei giardini dell’Istituto Archeologico Germanico, ma già dispersa alla fine del xix secolo; Marquand, art. cit., n. 145, p. 20 s.

149 Il capitello fu rinvenuto nel 1897 in via di Monte Tarpeo, G. Gatti, in NSc, 1897, p. 60 («Il capitello doveva avere il diametro di quasi due metri» ); Marquand, art. cit., n. 145, p. 19-25, fig. 2 e 3, fornisce le seguenti misure del fram mento : alt. max 0,63; ricostruendo il diametro inf. in m 1,54; il diametro sup. in m 1,74; l’altezza in m 2,173. Suqueste misure calcola il diametro inferiore della colonna in m 1,84; l’altezza del fusto in m 15,057; l’altezza della base incluso il plinto in m 0,981, per un’altezza totale dell’ordine pari a m 18,211.

150 Questi materiali provenienti dai recenti scavi sono ancora inediti.

151 Lanciani, art. cit., n. 70, p. 185 s., dal diametro del fusto di colonna superstite, ipotizza che il tempio di Giove Capitolino presentasse la fronte esastila, ampia tutta la larghezza della platea, ritmo areostilo, intercolumnio di m 9.

152 Jordan, art. cit., n. 148, p. 145-162.

153 Paribeni, art. cit., n. 71, p. 40 ss.

154 S. B. Platner, Th. Ashby, A topographical dictionary of ancient Rome, Londra, 1929, p. 297-302, ritiene gli intercolumni della fronte di ampiezza differente (quello centrale m 11,12; I laterali m 8,9).

155 Cagiano de Azevedo, op. cit., n. 127, p. 6.

156 Gjerstad, op. cit., n. 1, con la proposta più completa per il tempio di fase arcaica; Id., A proposito della ricostruzione del tempio arcaico di Giove Capitolino in Roma, in ActaAArtHist, 1, 1962, p. 35-40.

157 A. Boëthius, Veteris Capitoli humilia tecta, in ActaAArtHist, 1, 1962, p. 27-33; Id., Nota sul tempio capitolino e su Vitruvio III, 3-5, in Arctos, 5, 1967, p. 45-49, con critica alla ricostruzione del Gjerstad del tempio arcaico.

158 Andrén, art. cit., n. 20

159 Colonna, art. cit., n. 43, con l’ipotesi della presenza di un tetto a tre falde; Id., Etruria e Lazio nell’età dei Tarquini, in Etruria e Lazio arcaico (Roma 1986), Roma, 1987, p. 55-66.

160 M. Rendeli, «Muratori, ho fretta di erigere questa casa» (Ant. Pal. 14. 136), in RIASA, 12, 1989, p. 49-68.

161 Cifani, op. cit., n. 3, p. 100-109.

162 Sommella 2009, art. cit., n. 2*b8* p. 333-372, con la proposta d’estensione della platea di fondazione e conseguente allungamento del tempio

163 J. Durm, Die Baukunst der Etrusker. Die Baukunst der Römer, Stuttgart, 1905, p. 99-104, figg. 110-115.

164 Castagnoli, art. cit., n. 144, p. 434-436; F. Castagnoli, Il tempio romano : questioni di terminologia e di tipologia, in PBSR, 52, 1984, p. 7-9; F. Castagnoli, Testudo, tegula deliciaris e il tempio di Giove Capitolino, in MEFRA, 98, 1986, p. 37-45, con critica decisiva all’ipotesi del tetto a tre falde per il tempio capitolino.

165 R. Mambella, Contributi alla problematica sul tempio etruscoitalico, in RdA, 6, 1982, p. 35-42, part. p. 36 s. 166. C. F. Giuliani, Architettura e tecnica edilizia, in Roma repubblicana fra il 509 e il 270 a.C., Roma, 1982, p. 30 ss.; Id., L’edilizia nell’antichità, Roma 1990, p. 15 e fig. 1; comunque già A. Kirsopp Lake, Archaeological evidence for the «Tuscan Temple», in MAAR, 12, 1935, p. 108, sulla base di valutazioni tecniche aveva espresso perplessità sulle correnti ricostruzioni.

166 J. W. Stamper, The Temple of Capitoline Jupiter in Rome : A New Reconstruction, in Hephaistos, 16/17, 1998/1999, p. 107-138; Id., The architecture of Roman temples, Cambridge, 2005, p. 6-33.

167 Tucci, art. cit., n. 101, p. 386-392.

168 Tucci, art. cit., n. 101, p. 386-392.

169 A. Alföldi, Early Rome and the Latins, Ann Arbor, 1965, p. 323-329.

170 G. von Kaschnitz-Weinberg, Die grundlagen der republikanischen Baukunst, Amburgo, 1962, p. 34.

171 H. Riemann, Beiträge zur Römischen Topographie, in RM, 76, 1969, p. 110-121.

172 Una ricostruzione medio-repubblicana, che giustificasse l’adozione della forma del peripteros sine postico, in un momento più avanzato era stata velatamente suggerita da F. Castagnoli, Sul tempio «italico», in RM, 73-74, 1966-67, p. 12; Castagnoli 1974, art. cit., n. 144, p. 436.

173 Quest’ultima misura è stata proposta da Sommella Mura 2009, art. cit., n. 2, p. 334.

174 Gjerstad, op. cit., n. 1, p. 180 ss., fig. 116-118.

175 Vitr., de Arch. IV, 7,1, anziché il canonico rapporto 6:5, qui avremmo il rapporto 6:7.

176 Vitr., de arch. IV, 7,2 in cui si afferma che nel tempio tuscanico le colonne in altezza sono pari ad un terzo della larghezza del tempio. La regola è ricordata anche da Plin., Nat. Hist., 36, 179 : antiqua ratio erat columnarum altitudinis tertia pars latitudinem delubri.

177 Boëthius 1962, art. cit., n. 157, p. 31; Boëthius 1967, art. cit., n. 157, p. 46ss. Dubbi sulle dimensioni colossali in età arcaica sono espresse anche da J. Poucet, Rome des premiers siècles, Parigi, 1992, p. 221-228.

178 Alte m 16,89, con diametro inferiore di m 1,918.

179 Cifani, op. cit., n. 3, p. 102-109, fig. 85, 86.

180 Sommella Mura 2009, art. cit., n. 2, p. 352-354, fig. 26, con sviluppo in larghezza di m 53,90 e in lunghezza di m 74,30. Per l’esistenza del colonnato posteriore, tra l’altro, viene apportato come prova un diploma militare d’epoca neroniana, il cui originale era collocato in Capitolio post aedem Iovis O. M. (CIL III, 2, p. 846), che in verità per essere affisso sulla base della statua del pretore Q. Marcio Re potrebbe indicare solo l’esistenza uno spazio libero circondante l’edificio anche sul lato posteriore. Da tenere presente poi che queste tavole di bronzo – per il loro elevatissimo numero – potevano trovare spazio non solo sul podio templare, ma anche sulla parete di fondo dell’edificio con una superficie particolarmente ampia nel caso di un peripterossine postico, vd. ibid., p. 349.

181 Castagnoli, artt. citt., nn. 144 e 164.

182 Mambella, art. cit., n. 165, p. 36.

183 Giuliani, art. cit., n. 165, p. 30; Giuliani, op. cit., n. 165, p. 15. Considerazioni analoghe troviamo espresse ora nel poderoso lavoro di M. Bianchini, Le tecniche edilizie del mondo antico, Roma, 2010, p. 182, nota 208.

184 Stamper, art. cit., n. 167, p. 123 ss.; Id., op. cit., n. 167, p. 27 ss.

185 Stamper, art. cit., n. 167, p. 124, figg. 10-12. Larghezza m 34 (115 piedi); lunghezza 38,30 (130 piedi). Altezza delle colonne m 10,30 (35 piedi), con diametro alla base m 1,40 (5 piedi). L’interasse delle due colonne al centro della fronte è calcolato in m 7,40; gli interassi laterali in m 5,90.

186 Tucci, art. cit., n. 101, p. 390 s., viene in particolare rilevato come il setto E-O connesso con il cd. Muro Romano, rinvenuto nel Giardino Caffarelli non prosegua al di là di questo, indicando «che il tempio stesso era limitato alle 4 fondazioni longitudinali, quindi era più piccolo».

187 Vitr. de Arch., III, 3, 5.

188 In considerazione del contesto, credo sia questo il senso migliore degli aggettivi impiegati da Vitruvio.

189 Per un commento puntuale vd. Vitruvio, Architettura (dai libri I-VII), a cura di S. Ferri, Roma, 1960, ad loc. III, 3, 1; Vitruve, De l’Architecture, III, a cura di P. Gros, Parigi, 1990, p. 106 s.

190 Varro, Apud Gellium, II, 10.

191 Cic., Verr., II, 4, 31.

192 Se così, come credo, si deve intendere il richiamo ai veteris Capitolii umilia tecta, presente in Valerio Massimo, IV, 4-11. Boëthius 1962, art. cit., n. 157 p. 31; Boëthius 1967, art. cit., n. 157, p. 46 ss., lo riferisce solo alla fase arcaica; mentre Gjerstad, art. cit., n. 156, p. 37, lo interpreta forzatamente in chiave retorica.

193 Così Ovidio a proposito di quella di Giove, in Fasti, I, 201 s.

194 Vitr., de Arch., IV, 7, 1-5.

195 Stando a Gjerstad e ai successivi epigoni.

196 Per un quadro d’insieme vd. Rendeli, art. cit., n. 160, p. 58 ss., figg. 2 e 3

197 In generale si veda W. B. Dinsmoor, The Architecture of Ancient Greece, Londra-New York, 1975; part. G. Gullini, Urbanistica e architettura, in Megale Hellas, Milano, 1983, p. 205 ss., con le misure di m 26,19 × 54,29.

198 G. Gullini, L’architettura, in Sikanie, Milano, 1985, p. 444, fig. 507, tav. IX, 1; p. 457 s., fig. 531, 535, 536, tav. XIII, 2; con le misure per il primo di m 48,75 × 113,25; per il secondo di m 54,17 × 108,82.

199 Boëthius 1962, art. cit., n. 157, p. 33, specchio sinottico con le misure dell’Heraion di Olimpia (larg. m 18,75; alt. Colonne m 5,22; diametro all’imoscapo m 1,20-1,28) e del Tempio di Zeus (larg. m 27,68; alt. delle colonne m 10,43; diametro all’imoscapo m 2,21-2,25)

200 Boëthius 1962, art. cit., n. 157, p. 33, specchio sinottico con le misure del Partenone (larg. m 30,880; lung. m 69,50 alt. colonne m 10,433; diametro all’imoscapo m 1,905).

201 Boëthius 1962, art. cit., n. 157, p. 32, specchio sinottico con le misure dell’Artemision di Efeso (larg. m 55,10; lung. m 115,14; alt. colonne m 12,08; diametro all’imoscapo m 1,51-1,725) e dello Heraion di Samo (larg. m 59,70; lung. m 115,80; diametro all’imoscapo m 1,86-2,014).

202 Tali dimensioni hanno fatto ipotizzare l’impiego di rocchi di tufo; alternativamente si è pensato all’uso di tronchi di legno di considerevole altezza e spessore uniti tra loro, vd. Cifani, op. cit., n. 3, p. 105 s.

203 Se i calcoli presentati per i templi di Ardea sono corretti, vd. Rendeli, art. cit., n. 160, p. 60, potremmo azzardare per il tempio capitolino una stima approssimativa prudenziale di 180-200 tonnellate.

204 D’opinione contraria Cifani, op. cit., n. 3, p. 105 s., e nota 251, dove sono citati gli esempi di carpenteria lignea di misure eccezionali presenti a Roma e ricordate da Plinio il Vecchio (Nat. Hist. XVI, 200; XXXVI, 102) Sull’uso delle trabeazioni lignee vedi Bianchini, op. cit. n. 183, p. 191.

205 LTUR, II, Roma 1995, s.v. Forum Augustum, p. 289-295 (V. Kockel), con bibl. prec.

206 LTUR, IV, Roma 1999, s.v. Pantheon, p. 54-61 (A. Ziolkowski), con bibl. prec.

207 Vitr., de Arch., III, 2, 5. Sulla definizione e la complessa problematica F. Castagnoli, Peripteros sine postico, in RM, 62, 1955, p. 139-143; P. Gros, Aurea Templa, Roma, 1976, p. 122-124.

208 Sul suo inserimento in questa categoria, ritengo assolutamente condivisibili le argomentazioni fatte da Castagnoli, art. cit., n. 207, p. 139 e nota 4; LTUR, III, Roma 1996, s.v. Iuppiter Stator, Aedes ad Circum, p. 157-159 (A. Viscogliosi).

209 Sul tempio di Honos et Virtus, dedicato de manubiis da C. Mario dopo le vittorie sui Cimbri e i Teutoni del 102-101 a.C. vd. LTUR, III, Roma, 1996, s.v. Honos et Virtus, Aedes Mariana, p. 33-35 (D. Palombi).

210 Vitr., de Arch., VII, praef. 17.

211 Castagnoli, art. cit., n. 207, p. 140 s. Da parte mia non credo accertato archeologicamente che il tempio di Mater Matuta a Satricum nella sua prima fase (550 a.C.) sia un peripteros sine postico, trasformatosi in puro peripteros nella fase successiva, contra J. A. De Wael, Satricum nel VI e V secolo a.C. : l’architettura templare, in Archeologia Laziale, 4, 1981, p. 310-316.

212 Vedi supra.

213 Riemann, art. cit., n. 171, p. 118 ss.

214 Vitr., de Arch., IV, 7, 1-5. Castagnoli, art. cit., n. 172, p. 14, spiega questa assenza con il fatto che le dimensioni grandiose e la diversità della pianta, con la fronte esastila, non lo rendevano opportuno come modello del tempio tuscanico. Ciò non mi sembra convincente, in considerazione che il tempio di Giove Capitolino, rientra a pieno con le sue tre celle nella tipologia nota del tempio tuscanico, da cui avrebbe origine la più tarda variante «ad ali».

215 Gell., Noct. Att., XVI, 13.

216 L. Richardson Jr., Cosa and Rome : Comitium and Curia, in Archaeology, 10, 1957, p. 49-51; F. E. Brown, E. Hill Richardson, L. Richardson Jr., Cosa III : The buildings of the Forum, in MAAR, 37, 1993, p. 14-30, fig. 4, 9. Questo impianto trova uno stringente parallelo nel poco più tardo «Teatro Circolare» di Paestum (ibid., Appendix 1, p. 253-264) e ad Alba Fucens.

217 F. E. Brown, Cosa II : The Temples of the Arx, in MAAR, 26, 1960, p. 49-110, fig. 71-78; F. E. Brown, Cosa. The making of a Roman town, Ann Arbor, 1980, p. 47-56.

218 Brown 1960, op. cit., n. prec., p. 69-72, figg. 46-49; Brown 1980, op. cit., n. prec., p. 53, per il podio gli esempi più vicini sono quelli del tempio di Casalinaccio ad Ardea e di S. Omobono a Roma, entrambi del VI sec. a.C.

219 Prostilo, tetrastilo, verosimile seconda fila di due colonne in antis (piuttosto che di tre colonne), vd. MonAnt, 6, 1895, p. 5-35; A. Kirsopp Lake, Archaeological Evidence for the «Tuscan Temple», in MAAR, 12, 1935, p. 93-98; Cagiano de Azevedo, op. cit., n. 127, p. 28-30; G. Maetzke, Florentia, Roma, 1941, p. 49-55; Brown 1960, op. cit., n. 217, p. 106 s., fig. 79.

220 Prostilo, tetrastilo, seconda fila di quattro colonne, verosimile terza fila di due colonne in antis (piuttosto che di tre colonne), vd. R. Delbrück, Das Capitolium von Signia, Roma, 1903; A. Della Seta, Museo di Villa Giulia, Roma, 1918, p. 216-222; Kirsopp Lake, op. cit., n. prec., p. 108-111; Brown 1960, op. cit., n. 217, p. 107, fig. 80.

221 Prostilo, tetrastilo, vd. J. Johnson, Excavations at Minturnae, I. Monuments of the Republican Forum, Philadelphia, 1935, p. 18-36; Brown 1960, op. cit., n. 217, p. 107, fig. 81.

222 P. Gros, Architecture et société à Rome et en Italie centroméridionale aux deux derniers siècles de la République, in Latomus, 156, 1978, p. 59-63.

223 Anche P. Gros, L’architecture romaine, I, Parigi, 1996, p. 124 s., pur aderendo all’ipotesi del tempio di dimensioni colossali (con fronte ottastila?), sembra ritenere che sia stato l’intervento di Catulo a determinare la trasformazione in peripteros sine postico.

224 Vitr., de Arch., IV, 7, 1-5. Vd. anche il fondamentale commento di P. Gros, op. cit., n. 189, IV, p. 176-190.

225 Secondo la pianta presentata ad esempio dal capitolium di Signia.

226 G. Colonna, I templi nel Lazio fino al V secolo compreso, in Archeologia Laziale, 6, 1984, p. 402 ss.; Aa. Vv., Area sacra di Satricum. Tra scavo e restituzione, Roma, 1985; Rendeli, art. cit., n. 160, p. 67, fig. 2.

227 G. Colonna, Santuari d’Etruria, Milano, 1985, p. 99 ss.; Rendeli, art. cit., n. 160, p. 67, fig. 2.

228 Aa. Vv., Pyrgi. Scavi nel santuario etrusco (1959-1967), in NSc, Suppl. II, 1970; Colonna, op. cit., n. prec., p. 127 ss.; Rendeli, art. cit., n. 160, p. 67, fig. 2.

229 L. Crescenzi, Il Santuario di Giunone a Lanuvio, in Archeologia Laziale, 3, 1980, p. 180 ss.; Colonna, art. cit., n. 226, p. 406, fig. 17; Rendeli, art. cit. n. 160, p. 67, fig. 2.

230 I. Nielsen, The Temple of Castor and Polluce on the Forum Romanum. A preliminary report on the Scandinavian excavations 1983-87 (II), in Acta Arch, 59, 1988, p. 1 ss.; Rendeli, art. cit., n. 160, p. 67, fig. 3.

231 Colonna, art. cit., n. 226, p. 408; Rendeli, art. cit., n. 160, p. 67, fig. 3

232 C. Morselli, E. Tortorici, Ardea, Firenze, 1982, p. 68 ss., n. 27; Colonna, art. cit., n. 226, p. 409 ss.; Rendeli, art. cit., n. 160, p. 67, fig. 3.

233 Morselli, Tortorici, op. cit., n. prec., p. 91 s., n. 87; Colonna, art. cit., n. 226, p. 409 ss.; Rendeli, art. cit., n. 160, p. 68, fig. 3.

234 Pyrgi., op. cit., n. 228; Colonna, op. cit., n. 227, p. 127 ss.; Rendeli, art. cit., n. 160, p. 68, fig. 3.

235 Gli elementi di rivestimento fittile attribuiti al tempio sonotutti per dimensioni comparabili a quelli contemporaneinoti. Anche il frammento di decorazione architettonica fittile policroma con anthemion, rinvenuta nei recenti scavi, non sembra presentare «dimensioni eccezionali», come invece ritiene Sommella Mura 2000, art. cit., n. 2, p. 22, fig. 27; Sommella Mura 2009, art. cit., n. 2, p. 350.

236 Analogamente a quanto documentato ad esempio ancora in epoca imperiale nell’opistodomo dello Heraion di Olimpia, Paus, V, 16,1.

237 Così P. Gros, op. cit., n. 189, III, 3, 1 e 5, p. 101, fig. 12 D.

238 Che le colonne della ricostruzione del 69 a.C. fossero in marmo sembra evincersi da Plin., XXXVI, 45, e dall’impiego di materiali di lusso segnalato da Dionys. Hal., IV, 61,4.

239 L’impiego contestuale degli architravi marmorei dell’Olympieion ateniese, lunghi m 6,553, avrebbe comunque potuto ben soddisfare le specifiche necessità tecnico-strutturali, vd. J. Durm, Baukunst der Griechen, Lipsia, 1910, p. 421; Kirsopp Lake, op. cit., n. 218, p. 108, nota 1.

240 Vitr., de Arch., III, 5. A questo proposito già Kirsopp Lake, op. cit., n. 218, p. 103, proprio per queste difficoltà fu portata ad escludere l’impiego da parte di Catulo delle colonne ateniesi; mentre L. Richardson Jr., A New Topographical Dictionary of Ancient Rome, Baltimora-Londra, 1992, p. 223, ipotizza l’impiego di colonne e capitelli marmorei più piccolo provenienti dall’Olympieion arcaico; più recentemente Stamper, op. cit., n. 167, p. 134, nota 41, propone l’impiego dei soli capitelli ateniesi, collocati sui tradizionali fusti delle colonne tuscaniche.

241 Varro, apud Gellium, II, 10; vd. supra p. 612.

242 Plut., Publ. 15,4; vd. supra p. 589.

243 G. Molisani, Lucius Cornelius Quinti Catuli architectus, in Rend-Linc, 26, 1971, p. 41-49.

244 F. Krauss, R. Herbig, Der Korintisch-Dorisch Tempel am Forum von Paestum, Berlino, 1939; R. Vighi, Il Foro di Paestum e l’edificio di tipo italico, Roma, 1967; per una ricostruzione Stamper, art. cit., n. 167, fig. 16.

245 Tac., Hist., III, 71. Con questa espressione vengono generalmente identificati gli spazi frontonali, traduzione latina del corrispondente termine greco indicante il timpano architettonico, che nella forma poteva appunto ricordare un’aquila ad ali spiegate (ἀετός), così Aristoph., Av., v. 1110 s., cfr. J. Hellegouarc’h, in Tacite, Histoires, III-IV, éd. Parigi, 1989, ad locum, p. 313, nota 12; già Gros, op. cit., n. 189, p. 61, nota 307, ha ritenuto la parola aquila equivalente al Greco ἀέτωμα. Da parte mia, reputando inverosimile e anacronistica la realizzazione di frontoni in legno nella fase catuliana del tempio, suggerisco in alternativa d’identificare con aquilae tutto il sistema portante di capriate lignee sorreggentiil tetto (sustinere fastigium), l’unica parte realmente infiammabile dell’architettura. Sulle opere di carpenteria del tetto vd. Vitr., de Arch., IV, 2, 1.

246 Tac., Hist., IV, 53.

247 Se si trattasse di uno dei rocchi inferiori della colonna, cosa però non precisabile. Calcolando l’altezza della colonna corinzia, nel ritmo araeostilo, pari a 8 e 2/3 moduli (1 modulo = diametro inferiore della colonna); nel ritmo picnostilo l’altezza è sostanzialmente maggiore, pari a 10 e 2/3 moduli. Cfr. tabella in Gros, op. cit., n. 189, III, p. 119.

248 Vedi supra p. 607.

249 Stando a Vitruvio (de Arch., III, 3, 10) l’intercolumnio nel ritmo araeostilo era superiore a tre moduli (1 modulo = diametro inferiore della colonna), vd. Gros, op. cit., n. 189, III, p. 99 e fig. 12; p. 117. Stando alle dimensioni della colonna conservata quindi dovremmo avere intercolumni almeno superiori ai cinque metri ed architravi vicini ai sette metri. Misure di questo genere doveva presentare ad esempio l’architrave del tempio di Piazza del Quirinale, ora nel giardino di Villa Colonna, vd. Tucci, art. cit., n. 101, p. 389 s.

250 Plut., Publ., 15, 4.

251 Vitr., de Arch., III, 3, 10-11.

252 Vedi supra p. 591 s.

253 Varro, de l. lat., VII, 8 : «locus augurii aut auspicii causa quibusdam conceptis verbis definitus» ; Castagnoli, art. cit., n. 172, p. 3, 7-12; fondamentale P. Catalano, Aspetti spaziali del sistema giuridico-religioso romano. Mundus, templum, urbs, ager, Latium, Italia, in ANRW, 16, 1, 1978, p. 440-553

254 Possiamo solo ipotizzare per il tempio una superficie difficilmente superiore ad un terzo del totale dell’area.

255 LTUR I (1993), s.v. Area Capitolina, p. 114-117 (C. Reusser).

256 Liv., 25.3.14 : [...] conciliumque tam frequens plebis adesset ut multitudinem area Capitolii vix caperet.

257 Qui nel corso dei ludi saeculares del 17 a.C. ante aedem Iovis Maximi sono ricordati suffimenta e fruges distribuite ai cittadini, vd. CIL VI, 32323.

258 Gell., Noctes Atticae, 2, 10, 2; vd. supra p. 588.

259 Suet., Calig., 34, 2 : Statuas virorum inlustrium ab Augusto ex Capitolina area propter angustias in campum Martium conlatas ita subvertit atque disiecit.

260 Tac., Hist., 4, 53, 4 : Tum Helvidius Priscus praetor, praeeunte Plautio Aeliano pontifice, lustrata suovetaurilibus area et super caespitem redditis extis, Iovem, Iunonem, Minervam praesidesque imperi deos precatus [...].

261 CIL VI, 2065, I, 18-28 (87 d.C.).

262 Plin., Paneg., 52, 3 : Itaque tuam statuam in vestibulo Iovis optimi maximi unam alteramve et hanc aeream cernimus. At paulo ante aditus omnes gradus totaque area hinc auro hinc argento relucebat, seu potius polluebatur, cum incesti principis statuis permixta deorum simulacra sorderent.

263 Cass. Dio, XXXVII, 9, 1-2; XXXVIII, 34, 3-4; Obseq. 61 (122); Cic., In Catil. III, 8,20.

265 Le altezze parziali sono le seguenti : sommoscapo m 0,08; hypotrachèlion m 0,12; echino m 0,185; abaco m 0,165; cornice m 0,125

266 Vitr. De Arch., IV, 7, 1-5; si veda in particolare la tavola riassuntiva proposta da P. Gros, op. cit., n. 189, IV, p. 190; anche EAA, Atlante dei complessi figurati, Roma, 1973, p. 19 s., tav. 303-306 (Capitelli tuscanici).

267 Capitello m 0,675; colonna m 8,40; base m. 0,60.

268 Capitello m 0,675; colonna m 7,28; base m. 0,52.

269 Le impronte presentano una larghezza variabile da cm 9 a cm 10,5.

270 Vitr. de Arch., III, 3, 5.

271 Vitr. de Arch., IV, 7, 4.

272 Nella sua probabile ricostruzione avvenuta dopo l’incendio sillano; sul tempio LTUR V (1999), s.v. Veiovis, Aedes (in Capitolio), p. 99 s. (M. Albertoni).

264 Gli scavi furono condotti da Antonio Maria Colini e sono documentati nei suoi appunti conservati presso lArchivio Disegni della Sovraintendenza ai Beni Culturali del Comune di Roma, in particolare nel faldone «Schede e appunti di scavi sul Campidoglio, Tempio di Giove e Tabularium», la cartellina «Resti della decorazione architettonica». Il capitello si trova ancora esposto nella Galleria di Congiunzione, ora allestita come Galleria Lapidaria dei Musei Capitolini.

Haut de page

Table des illustrations

Légende Fig. 1 – Denario di Marco Volteio (80-76 a.C.).
Légende Fig. 2 – Denario di Petillio Capitolino (43 a.C).
Légende Fig. 3 – Parigi, Louvre. Tesoro di Boscoreale, skyphos in argento.
Légende Fig. 4 – Sesterzio di Vespasiano (77-78 d.C.).
Légende Fig. 5 – Tetradramma di Tito (81 d.C.).
Légende Fig. 6 – Roma, Palazzo dei Conservatori. Rilievo con Pietas di Marco Aurelio.
Légende Fig. 7 – Parigi, Louvre. Rilievo con extispicium.
Légende Fig. 8 – Platea di fondazione del tempio di Giove Capitolino, angolo Sud-Est.
Légende Fig. 9 – Platea di fondazione del tempio di Giove Capitolino, angolo Nord-Est.
Légende Fig. 10 – Tempio di Giove Capitolino, fossa di fondazione ad Est.
Légende Fig. 11 – Giardino Caffarelli, fondazioni del tempio di Giove Capitolino, setto murario Est-Ovest.
Légende Fig. 12 – Tempio di Giove Capitolino, pianta generale della platea di fondazione.
Légende Fig. 13 – Platea di fondazione del tempio di Giove Capitolino, settore Sud-Est.
Légende Fig. 14 – Il «Muro Romano» nel 1683 (R. Fabretti, De columna Traiani, Roma 1683, Addenda).
Légende Fig. 15 – Il «Muro Romano», fronte Est, rilievo dell’alzato.
Légende Fig. 16 – Il «Muro Romano», fronte Est, particolare degli interventi in conglomerato cementizio.
Légende Fig. 17 – Il «Muro Romano», fronte Ovest, particolare degli interventi medievali.
Légende Fig. 18 – Il «Muro Romano», fronte Ovest, particolare degli interventi tardo-rinascimentali.
Légende Fig. 19 – Museo Nuovo, Sala IV. Parte del setto murario E-O.
Légende Fig. 20 – Il «Muro Romano», fronte Est, particolare della muratura.
Légende Fig. 21 – Testa femminile da antefissa.
Légende Fig. 22 – Lastra di rivestimento con triga.
Légende Fig. 23 – Giardino Romano, tomba a fossa.
Légende Fig. 24 – Roma, Musei Capitolini, Villa Caffarelli. Rocchio di colonna.
Légende Fig. 25 – Antonio da Sangallo il Vecchio, cornice colossale dal Campidoglio.
Légende Fig. 26 – Roma, Musei Capitolini, Villa Caffarelli. Frammento di parasta.
Légende Fig. 27 – E. Gjerstad, Tempio di Giove Capitolino, pianta.
Légende Fig. 28 – E. Gjerstad, Tempio di Giove Capitolino, prospetto
Légende Fig. 29 – G. Cifani, Tempio di Giove Capitolino, pianta.
Légende Fig. 30 – J. W. Stamper, Tempio di Giove Capitolino, assonometria.
Légende Fig. 31 – A. Mura Sommella, Tempio di Giove Capitolino, pianta.
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Francesco Paolo Arata, « Nuove Considerazioni a proposito del tempio di Giove Capitolino Castello », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité, 122-2 | 2010, 585-624.

Référence électronique

Francesco Paolo Arata, « Nuove Considerazioni a proposito del tempio di Giove Capitolino Castello », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 122-2 | 2010, mis en ligne le 11 mai 2018, consulté le 02 décembre 2021. URL : http://journals.openedition.org/mefra/317 ; DOI : https://doi.org/10.4000/mefra.317

Haut de page

Auteur

Francesco Paolo Arata

Musei Capitolini, Roma, francescopaolo.arata@comune.roma.it

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search