Navigation – Plan du site

Granai e spazi per lo stoccaggio e per il trattamento dei cereali nelle villae rusticae vesuviane

Vincenzo Pellegrino

Résumés

Il presente articolo approfondisce la tematica dello stoccaggio dei cereali nelle ville rustiche del territorio vesuviano sepolte dall’eruzione del 79 d.C. Una sintetica storia degli studi sul territorio e la presentazione delle fonti agronomiche d’età romana che descrivono i granai, i fienili e le aie per la trebbiatura precedono il catalogo dei siti. In tale sezione dell’articolo sono riportate le ville e gli insediamenti che presentano degli spazi di stoccaggio o trattamento dei cereali, includendo anche la documentazione carpologica, vegetale e epigrafica. La sintesi che segue è ripartita in tre sezioni, che analizzano gli spazi di stoccaggio in atmosfera libera, l’incidenza dei contenitori ceramici e le aie per la trebbiatura, sovente associate in tale contesto geografico a dei fienili o magazzini per il grano attigui. In particolare per quanto attiene i granai ed i fienili, l’autore definisce in maniera preliminare una tipologia e propone delle prudenti stime dello stoccaggio massimo teorico. In conclusione si analizza il possibile apporto del presente contributo alle ricerche relative alla produzione agricola del fertile hinterland delle città orbitanti intorno al Vesuvio durante l’età tardo-repubblicana e alto-imperiale. 

Haut de page

Plan

Haut de page

Notes de l’auteur

Dottorando presso LabEx ARCHIMEDE l’Università Paul-Valéry di Montpellier 3 e l’Università del Salento di Lecce, ed associato all’UMR5140 Archéologie des Sociétés Méditerranéennes di Montpellier. Questa ricerca ha beneficiato del sostegno finanziario del LabEx ARCHIMEDE, nell’ambito del programma Investissement d’Avenir ANR-11-LABX-0032-01. Ringraziamo per le osservazioni e i suggerimenti S. Mauné e E. De Magistris, utili per migliorare il presente articolo.

Texte intégral

Introduzione

  • 1 Barnabei 1901 e Pasqui 1897.
  • 2 Carrington 1931, Day 1932, Rostovtzeff 1957.
  • 3 D’Arms 1970 e D’Arms 1984.
  • 4 Casale – Bianco 1979.
  • 5 De Caro 1994.
  • 6 Cicirelli 1989 e Cicirelli 2000a, b e c.
  • 7 De’Spagnolis Conticello 1991, 1991-1992, 1993-1994, 1994, 1998 e 2002.
  • 8 Miniero 1988.
  • 9 Stefani 2002.
  • 10 Cascella – Vecchio 2014.

1Le ville rustiche del territorio vesuviano sono state oggetto di una lunga serie di studi. L’aumento dei ritrovamenti tra la fine dell’Ottocento e i primi decenni del XX secolo è testimoniato dai succinti rendiconti pubblicati da M. Della Corte e A. Sogliano su Notizie degli Scavi di Antichità, ai quali si aggiungono delle monografie più dettagliate, come quella di F.  Barnabei relativa alla villa attribuita a P. Fannio Sinistore e soprattutto quella di A. Pasqui sulla villa della Pisanella1. A partire dagli anni ‘30 cominciano a essere pubblicati dei lavori di sintesi che includono le ville venute alla luce nei decenni precedenti2. Questa tradizione di studi prettamente anglofona è rinsaldata dai lavori di J. D’Arms sulle ville a carattere residenziale e produttivo situate nella baia di Napoli3. Due studiosi locali, A. Casale e A. Bianco, apportano sul finire degli anni ‘70 un contributo essenziale allo studio delle ville rustiche con un capillare lavoro di ricollocazione topografica dei siti4. In quegli stessi anni la ripresa delle ricerche nel territorio contribuisce a rinnovare il dibattito grazie alla disponibilità di nuovi e più dettagliati dati, frutto dei progressi della pratica di scavo. Ci si riferisce in primis agli scavi di Villa Regina, i cui risultati confluiranno nella monografia realizzata da S. De Caro qualche anno dopo5 e a quelli nella Cava Ranieri di Terzigno6. A partire dall’inizio degli anni ‘90 anche il settore oggi incluso nei territori comunali di Angri e Scafati è interessato da una rinnovata stagione di ricerche archeologiche7. Lo studio del settore meridionale del territorio vesuviano, che in epoca romana rientrava nell’ager Stabianus, è stato approfondito in quegli stessi anni da P. Miniero8. L’inaugurazione dell’Antiquarium di Boscoreale, realizzato nelle immediate adiacenze della Villa Regina, conferma l’interesse degli studiosi per le tematiche paleo-ambientali del territorio vesuviano9. Le ricerche degli ultimi anni continuano su quest’asse di ricerca, beneficiando degli apporti delle analisi palinologiche, carpologiche e paleo-ambientali. La recente monografia sulla villa rustica di Ponticelli è infine un contributo importante nell’ambito degli studi su questi insediamenti rurali, trattandosi dell’unico sito di questo tipo integralmente scavato sul versante nord-occidentale del Vesuvio e che mostra gli effetti rovinosi dell’eruzione vesuviana finanche nell’area suburbana della città di Neapolis10

  • 11 Ciarallo 2004.
  • 12 Borgongino 2006.
  • 13 Borgongino – Stefani 2001-2002.
  • 14 Stefani 2006, Stefani – Borgongino 2007.
  • 15 Plin. Iun., 6, 16 : Erat Miseni classemque imperio praesens regebat. Nonum kal. Septembres hora fe (...)
  • 16 Ciarallo 2003.
  • 17 Ciarallo – De Carolis 1998.
  • 18 Monteix 2008, p. 123.

2Il presente articolo intende affrontare, in maniera sistematica e attraverso una sintesi documentaria e bibliografica, la tematica inerente gli spazi di stoccaggio a carattere cerealicolo rinvenuti nelle ville rustiche del territorio circostante Pompei, Ercolano e Stabia. Gli autori di recenti monografie hanno approfondito l’argomento solo in parte, in linea con i loro propositi iniziali e la loro specializzazione, con un’attenzione particolare alla documentazione palinologica e carpologica. Ci si riferisce ai volumi di A. Ciarallo11 e di M. Borgongino sui reperti vegetali provenienti da Pompei e dal territorio vesuviano12. La documentazione raccolta da questi studiosi è uno strumento essenziale per chi si addentra nello studio della cerealicoltura di tale ambito territoriale, e sembrerebbe a prima vista confermare l’opinione tradizionale che vuole questa zona geografica come particolarmente favorevole allo studio dei reperti vegetali. L’evento traumatico rappresentato dall’eruzione del 79 d.C. ha infatti favorito, attraverso una carbonizzazione immediata e il successivo seppellimento sotto una spessa coltre di materiali eruttivi, l’eccezionale conservazione di un numero importante di reperti organici. Recentemente M. Borgongino e G. Stefani hanno riproposto, sulla base sia di dati archeo-botanici e filologici13 che epigrafici e numismatici14, lo spostamento della data dell’eruzione del Vesuvio nell’autunno piuttosto che in estate, come invece è tramandato da Plinio il Giovane nella sua lettera a Tacito15. Quest’ipotesi non ha mancato di suscitare critiche16 da parte di chi, come A. Ciarallo, aveva dimostrato in un articolo redatto con E. De Carolis che la data dell’eruzione avvenne il 24 agosto, in linea quindi con il testo pliniano17. Per quanto attiene alla tematica principale del presente articolo, la nuova data proposta dovrebbe essere, a priori, ancor più favorevole al reperimento di derrate agricole in situ, poiché l’autunno è di norma la stagione in cui le stesse sono immagazzinate18. Ciononostante, a margine di un recente articolo sullo stoccaggio alimentare in ambito domestico a Pompei ed Ercolano, N. Monteix ha sottolineato come i quantitativi di grano e di legumi rinvenuti nelle due città siano comunque modesti. Tale constatazione lo porta ad affermare che

  • 19 Monteix 2008, p. 132.

il devient certainement raisonnable de considérer que les conditions de préservation de la matière organique à Pompéi et Herculanum ne sont « que » relativement bonnes. Il conviendrait alors de chercher les espaces de conservation et de distribution du grain sans s’appuyer sur les seuls restes végétaux19

3Queste considerazioni possono essere trasposte a nostro avviso anche alla realtà del territorio vesuviano, per la quale disponiamo ugualmente di una documentazione carpologica inferiore alle attese. Intendiamo dunque proporre, attraverso un’analisi comparativa che fa riferimento ai dati relativi alle strutture rinvenute, delle ipotesi funzionali valide sugli spazi di stoccaggio rurali in territorio vesuviano. Si procederà inizialmente con un rapido excursus delle fonti agronomiche inerenti lo stoccaggio dei cereali, seguito dalla presentazione del catalogo dei siti che presentano degli indici riferibili allo stoccaggio del grano e infine all’analisi e alla sintesi sulla documentazione raccolta.

Le fonti agronomiche

  • 20 Stefani 2002, p. 18 e 25; Kastenmeier 2013, p. 125.
  • 21 Cato, agr., 12, 10, e 13, 11, « [dolia] frumentaria XX », in entrambi i passi citati. Si tratta del (...)
  • 22 Si tratta dell’acqua di vegetazione che, separata dalle olive durante la spremitura e opportunament (...)
  • 23 Cato, agr., 92. 
  • 24 Cato, agr., 91 e 129.

4Catone scrive il De Agricultura verso la metà del II secolo a.C., nello stesso periodo in cui i primi insediamenti romani a carattere residenziale e produttivo sono realizzati sulla fascia costiera e collinare del territorio vesuviano20. L’autore riporta nel suo trattato due tipi di stoccaggio per i cereali: dentro dei dolia21 e in un granarium, intonacato con uno spesso strato di cocciopesto e cosparso di amurca22 al fine di salvaguardare il grano dall’infestazione entomologica23. Anche l’aia per la trebbiatura è citata da Catone, che fornisce in due passaggi della sua opera dei consigli utili alla realizzazione24

  • 25 Varro, r. r., 1, 11.
  • 26 Varro, r. r., 1, 13.
  • 27 Per quanto riguarda il capitolo sulla descrizione dell’aia, vd. Varro, r. r., 1, 51. 
  • 28 Varro, r. r., 1, 13.
  • 29 Monteix 2008, p. 127.

5Varrone redige un trattato sull’economia rurale durante l’ultimo terzo del I secolo a.C. Rispetto al predecessore si dilunga maggiormente sulle modalità di conservazione dei cereali. In un primo passo afferma che la superficie dei granai (horrea) deve essere proporzionale all’estensione dei campi a cereali della villa25. Successivamente l’autore distingue la conservazione delle derrate liquide, come l’olio e il vino, rispetto a quelle solide, come le fave e il fieno. In particolare, per le prime consiglia uno stoccaggio a piano terra e all’interno di contenitori ceramici, mentre per le provviste secche è preferibile un immagazzinamento su dei soppalchi lignei (in tabulatis)26. Varrone cita anche il nubilarium, un edificio situato nei pressi dell’aia, nel quale riparare tutta la raccolta in caso d’intemperie durante le operazioni di trebbiatura. Questo edificio doveva essere aperto su di un solo lato orientato verso l’aia27 e dotato di finestre per consentire l’areazione interna28. Il capitolo 57 del primo volume del Res Rusticae tratta specificamente dei granaria. L’autore descrive dei granaria sublimia, esposti ai venti più freschi di nord-est e provvisti di un portale e di finestre. L’intonaco dei muri interni era realizzato con una miscela di polvere di marmo o argilla mista a paglia e dell’amurca. Un altro tipo di granaio, sopraelevato per consentire l’areazione non solo dalle finestre, ma anche al disotto del solaio, era invece tipico della Hispania Citerior e dell’Apulia. L’autore cita anche lo stoccaggio in atmosfera anaerobica all’interno di silos sotterranei, che però finora non sono attestati in territorio vesuviano29

  • 30 Colum., r. r., 1, 6.
  • 31 Colum., r. r., 1, 6, 10 : Sed granaria, ut dixi, scalis adeantur, et modicis fenestellis aquilonibu (...)
  • 32 De Magistris 2010, p. 57.
  • 33 Colum., r. r., 1, 6 ; cenni sull’aia anche in r. r., 2, 19.

6Columella, autore del De re rustica e vissuto nel I secolo d. C., descrive gli horrea attraverso une lunga digressione inerente la pars fructuaria della villa30. L’autore presenta innanzitutto un magazzino a stoccaggio misto, con l’olio e il vino conservati in dolia situati al piano terra, mentre i cereali, il fieno e la paglia erano stoccati su dei solai lignei, accessibili per mezzo di scale e provvisti di piccole finestre. È questa parte del magazzino ad essere definita granaria31. Un altro tipo di granaio, a pianterreno e con soffitto voltato, presenta un pavimento in cocciopesto e dei pulvini realizzati con lo stesso materiale, posti tra il pavimento e i muri al fine d’evitare che insetti e animali si annidino nelle fessure dovute all’assestamento delle murature32. Columella ci informa inoltre che i granai sono generalmente provvisti di scompartimenti (lacubus ma anche lacusculi in r. r. 12, 52) nei quali conservare separatamente le diverse specie di cereali e legumi. Lo stoccaggio in silos è sconsigliato da Columella in quanto poco adatto, a suo dire, ai suoli umidi della penisola italiana; sarebbe quindi da preferire la conservazione nei granai aerei (pensilis horreis). Successivamente, nel suo trattato l’autore si interessa anche all’aia per la trebbiatura, insistendo ancora una volta sull’associazione tra questa struttura e il nubilar33

  • 34 Plin., n.h., 18, 295.

7Infine, per concludere questo excursus relativo alle fonti agronomiche di età repubblicana e alto imperiale, non possiamo non citare la Naturalis Historia di Plinio il Vecchio, e nello specifico il capitolo 73 del libro 18, dedicato alla ratio frumenti servandi. L’enciclopedista menziona dei granai senza né finestre né aperture e con muri spessi in mattoni crudi, dei magazzini costruiti a secco e con aperture sui lati nord ed est e altri ancora in legno e sopraelevati su pali anch’essi lignei. Dopo una digressione relativa agli espedienti per proteggere il grano dagli agenti infestanti, su tutti dal temibile punteruolo del grano, l’autore afferma che il sistema di conservazione migliore è quello in silos sotterranei. Inoltre Plinio si interessa anche all’aia per la trebbiatura, che a suo dire va realizzata sul finire dell’estate34.

Catalogo (redatto in ordine alfabetico per Comuni e località) (fig. 1)

Fig. 1 – Carta di localizzazione dei siti inclusi nel catalogo (base cartografica Google Earth, rielaborazione grafica V. Pellegrino).

Fig. 1 – Carta di localizzazione dei siti inclusi nel catalogo (base cartografica Google Earth, rielaborazione grafica V. Pellegrino).

Comune di Angri

Palmentello (fig. 2a)

Fig. 2 – A. Palmentello, Angri (da De’ Spagnolis Conticello 1994, p. 61); B. Contrada Giuliana, Boscoreale (da Sogliano 1897, p. 392); C. Fondo D’Acunzo, Boscoreale (da Della Corte 1921, p. 436); D. Villa N. Popidi Flori, Boscoreale (da Della Corte 1921b, p. 443); rielaborazione grafica V. Pellegrino.

Fig. 2 – A. Palmentello, Angri (da De’ Spagnolis Conticello 1994, p. 61); B. Contrada Giuliana, Boscoreale (da Sogliano 1897, p. 392); C. Fondo D’Acunzo, Boscoreale (da Della Corte 1921, p. 436); D. Villa N. Popidi Flori, Boscoreale (da Della Corte 1921b, p. 443); rielaborazione grafica V. Pellegrino.
  • 35 De’Spagnolis Conticello 1994, p. 60-64 e p. 107.

8Il sito venne alla luce nel corso di un saggio in una cava di lapillo in via Palmentello, nel novembre 1993. Un’aia di 10,60 x 9 m (95,4 m2), orientata nord-ovest/sud-est, fu rinvenuta insieme a quattro ambienti rettangolari affiancati l’uno all’altro e prospicienti il lato lungo dell’aia, indagati solo in maniera sommaria. Secondo M. De’ Spagnolis si tratta dei resti di una villa rustica. Le analisi condotte da A. Ciarallo sui materiali organici provenienti dall’aia, dimostratisi essere dei resti di paglia di graminacee, hanno confermato tale attribuzione funzionale35.

Pontoni I

  • 36 De’Spagnolis Conticello 1994, p. 62-65 et p. 107.

9Un’aia e dei resti di strutture, probabilmente pertinenti ad una villa rustica, sono stati rinvenuti nel 1992 nella proprietà Mauri in località Pontoni I. L’aia, pavimentata con ciottoli e malta e delimitata da un basso muretto di 30 cm, presentava in una prima fase delle dimensioni notevoli: 47 m di lunghezza e una larghezza conservata di 8,10 m a nord e 5,20 m a sud. La struttura era caratterizzata da un’accentuata pendenza verso sud36. Successivamente, un edificio provvisto di due vani venne installato nella parte settentrionale dell’aia, che è dunque notevolmente ridotta. L’aia della fase precedente l’eruzione misura infatti 14,30 m di lunghezza per una larghezza conservata di 7,70 m (110 m2). 

Comune di Boscoreale

Cangiani

  • 37 Stefani 1993-1994, p. 224-225 e Stefani 2000, p. 69-70.
  • 38 G. Stefani non fornisce le misure della struttura. La forma la si evince dalla figura inclusa nella (...)
  • 39 Vd. infra.

10Lo scavo di una conduttura idrica in località Cangiani nella primavera del 1993 permise d’individuare i resti di una villa rustica. I saggi archeologici effettuati nello stesso anno e successivamente nel 1995 e nel 1997 hanno permesso di definire le misure dell’insediamento (60 x 40 m per un totale di 2 400 m2) e di scoprire quattro probabili vani, una cella vinaria, un vano già demolito in antico e in seguito utilizzato come un’area scoperta e un’aia per la trebbiatura37. L’aia, di forma quadrata38, si trovava all’estremità settentrionale della villa. La struttura era delimitata da un muretto ricoperto da cocciopesto e il pavimento presentava il medesimo rivestimento idraulico. Dei frammenti di tegole e coppi rinvenuti al suo interno provengono probabilmente dal tetto dell’ambiente adiacente, comunicante con l’aia attraverso un ampio ingresso. Questo vano dovrebbe corrispondere al fienile (nubilarium), in linea con altre numerose attestazioni nel territorio vesuviano che documentano di tale associazione39.

Contrada Giuliana (fig. 2b)

  • 40 Sogliano 1897.
  • 41 Sogliano 1897, p. 392.
  • 42 CIL IV, 5430;A. Ciarallo non manca di sottolineare il quantitativo considerabile di fave prodotte (...)
  • 43 Se l’aia fosse stata quadrata, come altre attestate nel territorio vesuviano, avrebbe avuto una sup (...)
  • 44 Anche per questa villa le misure sono state ricavate dalla pianta pubblicata da A. Sogliano nel 189 (...)

11La villa fu scoperta nel 1895 e scavata nel 1897 da V. De Prisco. Nello stesso anno, A. Sogliano pubblica su Notizie Scavi il resoconto delle operazioni corredato dalla pianta dell’insediamento40. Secondo l’archeologo soltanto i vani indicati con le lettere A-D erano pertinenti all’abitazione del proprietario; le restanti stanze e spazi aperti (E-V) erano destinati alla pars rustica e fructuaria. Il corpo centrale della villa è di pianta rettangolare e orientato est-ovest. Al di là di esso, sul lato settentrionale si trovavano i vani S, T e V, allineati da sud a nord e identificati rispettivamente come il granaio, l’aia e il pagliaio della villa rustica41. Lungo lo stesso asse, adiacente al granaio a sud, si trovava anche la cella vinaria G che presentava al momento dello scavo solo quattro dolia in situ. Il vano delle scale che conducevano al piano superiore era adiacente al lato orientale dell’horreum S. L’interpretazione di A. Sogliano riposa su base epigrafica. Un graffito, tracciato col carbone sullo zoccolo in cocciopesto di uno dei muri interni di questa stanza, indicava le quantità di orzo e di fave prodotte nel fundus: HORDEUM CCDLXX VI / FABA MDDLXXXVII42. I vani T e V non furono scavati completamente. Nel vano V fu trovato un deposito di paglia, da cui l’interpretazione proposta da A. Sogliano, che identifica lo spazio T come l’aia della villa, essendo situato tra il pagliaio e il granaio. L’horreum S misura 8,20 x 5,50 m, ma considerando la presenza della scalinata sul lato orientale, l’effettiva superficie a piano terra è di 5,80 x 4,50 m (26 m2). Una grande apertura di 1,80 m ca. si apriva sull’aia T situata a nord. Quest’ultima presentava una lunghezza di 7,50 m43. Infine il pagliaio V presentava una lunghezza di circa 3,30 m44

Fondo D’Acunzo (fig. 2c)

  • 45 Della Corte 1921a.
  • 46 Kastenmeier 2013, p. 130-131.
  • 47 Della Corte 1921a, p. 438.
  • 48 Le dimensioni del vano non sono riportate da M. Della Corte, e sono desunte dalla pianta della vill (...)
  • 49 Della Corte 1921a, p. 441.

12La villa è stata scavata parzialmente nel 1903 da F. De Prisco. Lo sterro privato fu monitorato da M. Della Corte, che nel 1921 pubblicò un rendiconto in Notizie Scavi45. La villa, che per quanto riguarda il settore messo in luce si presentava ripartita in due gruppi di vani separati da un passaggio centrale, era provvista nella parte settentrionale di una cucina con un forno a pane (8) e di un locale annesso (10/11) in cui fu rinvenuta una macina in pietra vulcanica46. Adiacente ad est alla cucina-panetteria, il vano 7 fu identificato da M. Della Corte come l’horreum dell’insediamento. Al momento dell’eruzione serviva come deposito di calce e al suo interno gli scavatori avevano rinvenuto anche delle anfore47. Di forma rettangolare, questo ambiente misurava 7,70 x 5,40 m (41,5 m2)48, presentava un’orientazione est-ovest e un accesso a sud. Se la prossimità della cucina-panetteria 8 sconsiglierebbe la presenza della riserva a grano della villa in questo vano, va altresì sottolineato che l’horreum poteva essere un deposito di varie derrate agricole tra cui solamente le spighe di grano e i sacchi di farina, in quanto M. Della Corte situava all’angolo nord-est del lungo vano 13 il fienile della villa49.

Villa di Marcus Livius Marcellus

  • 50 Della Corte 1929c.

13La villa fu esplorata da luglio a novembre del 1928, durante dei lavori d’estrazione in una cava di lapillo nel fondo Greco, in via V. Emanuele III a Boscoreale. Una sintetica relazione di scavo è pubblicata solo l’anno seguente da M. Della Corte50. Lo scavo è parziale e limitato al settore settentrionale della villa, che si è rivelato essere quello a carattere rustico e produttivo. Un totale di cinque ambienti e un cortile centrale sono stati portati alla luce nel corso delle operazioni di sterro, in cui sono stati riconosciuti un cubiculum con pavimento in cocciopesto e pareti in opus signinum, un’apotheca anch’essa contraddistinta dallo stesso intonaco parietale, e due grandi ergastula. Infine, il frantoio della villa si apriva verso sud. In questo ambiente, all’interno di un grosso vaso ovoidale-conico, dell’altezza di 60 cm, furono scoperti numerosi gusci di semi di miglio.

Villa N. Popidi Flori, Pisanella (fig. 2d)

  • 51 Della Corte 1921b.
  • 52 Carandini 1989, p. 164-165.

14La villa è stata interessata da scavi privati nel 1906, supervisionati da M. Della Corte che nel 1921 riporta i risultati in Notizie degli Scavi51. Il complesso, a pianta rettangolare con corte centrale occupata dalla cella vinaria, comprende sia una parte rustica che urbana, quest’ultima provvista anche di un quartiere termale. All’angolo sud-est della villa, la stanza 16, definita da M. Della Corte uno “spazioso triclinio (?)”, è a pianta rettangolare e presenta un pavimento in terra e tre finestre sporgenti a sud e a est. La finestra orientale secondo M. Della Corte presentava una larghezza considerevole di 2,40 m (la misura sulla pianta è però di 2,25 m), e era aperta su una struttura a tre lati. M. Della Corte la interpreta come una schola in muratura. A. Carandini invece ha successivamente proposto un’interpretazione come magazzino o granaio52. Le misure della stanza (8,30 x 5,20 m per una superficie di 43 m2), la collocazione all’estremità sud-orientale della villa e la distanza dal quartiere termale situato all’angolo nord-est sembrano compatibili con tale ipotesi. Il vano era accessibile da nord attraverso due porte, ma si propone in questa sede un’ipotesi prudente in merito alla grande finestra sul lato orientale e la supposta schola. Quest’ultima sarebbe potuta essere anche la base in muratura di una rampa lignea non conservatasi, che permetteva un facile accesso e lo scarico delle granaglie attraverso l’apertura. È interessante notare nella pianta che la struttura su tre lati è prossima alla «finestra» e che il lato ovest, pressoché in asse con l’apertura, misura 2,40 m, cioè grosso modo la larghezza della stessa. 

Pisanella (fig. 3a)

Fig. 3 – A. Pisanella, Boscoreale (da Stefani 2002, p. 93); B. Villa di P. Fannio Sinistore, Contrada Grotta Franchini, Boscoreale (da Carandini 1989, p. 174); C. Villa Regina, Boscoreale (De Caro 1994); D. Via dei Sepolcri, Gragnano (da Bonifacio 2009, p. 156); rielaborazione grafica V. Pellegrino.

Fig. 3 – A. Pisanella, Boscoreale (da Stefani 2002, p. 93); B. Villa di P. Fannio Sinistore, Contrada Grotta Franchini, Boscoreale (da Carandini 1989, p. 174); C. Villa Regina, Boscoreale (De Caro 1994); D. Via dei Sepolcri, Gragnano (da Bonifacio 2009, p. 156); rielaborazione grafica V. Pellegrino.
  • 53 Stefani 2002, p. 93.
  • 54 Stefani 2002, p. 93.
  • 55 Pasqui 1897.
  • 56 G. Stefani ha sottolineato lo stato deplorevole in cui si trova tale villa (Stefani 2000b). Rispett (...)
  • 57 Sogliano 1899.
  • 58 Pasqui 1897, p. 483-489.
  • 59 Plinio il Vecchio, n. h., 18, 102: Mili praecipuus ad fermenta usus e musto subacti in annuum tempu (...)
  • 60 Pasqui 1897, p. 504-506.
  • 61 Pasqui 1897, p. 520.
  • 62 Testimoniati anche da una foto effettuata durante gli scavi (Stefani 2000, p. 68, fig. 35). 
  • 63 Pasqui 1897, p. 504.
  • 64 Ciarallo 2004, p. 94-95.
  • 65 Stefani 2003, p. 93.
  • 66 Pasqui 1897, p. 485; Borgongino 2006, p. 126.

15G. Stefani l’ha definita “la più famosa delle villae rusticae pompeiane”53. La villa fu scoperta nel 1876 dal proprietario del fondo M. Pulzella. Successivamente, V. De Prisco continuò lo scavo mettendo in luce l’intero edificio tra il 1894 e il 189854. I risultati dello scavo furono pubblicati nel 1897 da A. Pasqui, che supervisionò gli sterri privati55. Si tratta di una sintesi che ci fornisce delle informazioni di notevole importanza per una villa ormai quasi del tutto scomparsa a causa delle degradazioni subite nel corso dei decenni56. Per quanto riguarda le scoperte degli ultimi due anni di scavo, A. Sogliano ha poi redatto un breve rendiconto su Notizie Scavi57. G. Stefani ritiene che la villa sia stata costruita agli inizi del I sec. a.C. L’insediamento presentava una pianta rettangolare di 39,70 x 25,50 m comprendente due settori: la pars urbana, destinata al soggiorno del proprietario e provvista di un quartiere termale, e il settore riservato alle installazioni produttive e agli spazi di stoccaggio. La pars fructuaria occupava la parte meridionale della villa. La cella vinaria Q era un grande cortile aperto, che misurava 14,90 x 12,70 m58. Sul lato sud si apriva la porta del fienile o nubilarium. All’interno della cella vinaria furono rinvenuti 84 dolia. A. Pasqui suppose che soltanto i 72 dolia defossa fossero destinati a contenere del vino. I restanti, situati lungo la parete sud e solo parzialmente interrati, avrebbero contenuto alcuni l’amurca, altri dei cereali. In particolare, il dolium situato all’angolo sud nei pressi della caldaia conteneva del grano, mentre un altro recipiente situato nell’angolo est del cortile conteneva del miglio. A. Pasqui ipotizzò che il grano e il miglio fossero stati messi nei dolia per farli fermentare insieme al mosto al fine di produrre una specie di lievito, impiegato nella preparazione del pane. L’archeologo citava, a sostegno della sua ipotesi, un passo di Plinio59. Il nubilarium e l’aia si trovavano all’estremità meridionale della villa60. Il fienile, di pianta rettangolare, misurava 11,50 x 4,20 m (48,30 m2). A. Pasqui ci informa inoltre della presenza di un intonaco sulle pareti e di quattro finestre strette e alte, aperte sulla parete lunga meridionale, ai lati del vano d’accesso all’aia, largo 2 m. All’interno del fienile, nella parte orientale e a contatto con la parete adiacente al torcularium, fu ritrovato un ammasso carbonizzato di fieno misto a ceci e fave. Al centro del vano vi erano accumulate molte tegole e dei coperchi per i dolia. Anche i resti carbonizzati di un carro e una catasta di porte di legno furono rinvenuti all’interno di questo vasto ambiente. Al piano superiore si trovava la stanza H, provvista delle stesse dimensioni del nubilarium61. L’accesso a tale vano si effettuava da un balcone aggettante sul cortile Q, di cui restavano al momento dello scavo gli incassi delle travi sulla parete nord del nubilarium62. Secondo A. Pasqui, una scaletta lignea posta tra le doppie file di dolia, forse mobile, permetteva di raggiungere questo ballatoio. La stanza presentava un rivestimento in cocciopesto sulle pareti e sul pavimento, con quest’ultimo che posava su un solaio formato da travi lignee di castagno. Il vano H aveva quattro finestre a feritoia in corrispondenza delle finestre poste al piano inferiore e una porta d’accesso aperta sul ballatoio. A. Pasqui lo interpreta come il granaio della villa, in considerazione dell’isolamento della stanza rispetto agli altri vani del primo piano, del “rozzo” intonaco in cocciopesto e della presenza delle piccole finestre che ne assicuravano la ventilazione. L’aia Z, situata all’estremità meridionale dell’insediamento, era delimitata da un muretto, di cui non fu rinvenuto il perimetro totale. A. Pasqui ci riferisce che era pavimentata, verosimilmente in cocciopesto come altre aie messe in luce nelle ville rustiche vesuviane63. Le misure di questa struttura erano di 11,50 x 10 m (115 m2). A. Ciarallo ha proposto per il fienile una capacità di circa 225 m3, che permetteva di stipare al suo interno circa 135 q di paglia64. A partire da questa cifra, la studiosa riusciva a dedurre un’estensione dei campi messi a rotazione di circa 7,5 ettari che, sommati ai due ettari stimati per il vigneto e alle colture accessorie, darebbe un fundus di circa 10 ettari (40 iugeri). Si tratta di una superficie decisamente inferiore a quella proposta da G. Stefani, la quale parla di circa 25 ettari, pari a 100 iugeri65. Citiamo infine il rinvenimento di cariossidi non carbonizzate di panico all’interno di un dolium seminterrato nella cella vinaria della villa66

Villa di P. Fannio Sinistore (Contrada Grotta Franchini) (fig. 3b)

  • 67 Barbet – Verbanck-Piérard 2013, p. 18.
  • 68 Barnabei 1901, p. 15.
  • 69 Barnabei 1901, p. 18.
  • 70 Carandini 1989, p. 175.
  • 71 La pianta del Barnabei riporta un pilastro di 55 cm di lato, e un altro più piccolo addossato alla (...)
  • 72 Berggren – Andrén 1969.
  • 73 Barbet – Verbanck-Piérard 2013, p. 14.
  • 74 Bergman 2013, p. 94.

16Gli scavi di questa villa, nota per la ricchezza delle pitture murali, furono realizzati da V. De Prisco nel fondo Vona. Il sito si trova a nord-ovest di Pompei, a poco meno di due chilometri in linea d’aria dalle mura dell’antica città. F. Barnabei realizzò la monografia del complesso, caratterizzata da una dovizia di particolari notevole considerando che la pubblicazione data dell’inizio del XX secolo67. Al momento dell’eruzione la villa era abitata, e un’epigrafe incisa su una delle colonne situate all’ingresso ci informa che fu venduta nell’anno 12 d.C.68 L’edificio fu probabilmente realizzato un po’ prima della metà del I secolo a.C. Anche se oggetto di restauri successivi, la villa conservò il suo assetto originario. Lo scavo di V. De Prisco non mise alla luce tutto il complesso, che si estendeva a sud. I suoi numerosi ambienti si dispongono intorno a un grande peristilio centrale. Il settore nord è occupato dalla pars urbana, provvista di triclini, camere da letto e un tablinum. L’ala orientale include un complesso termale, mentre nella parte meridionale troviamo qualche installazione rustica. In particolare, a sinistra dell’entrata principale si trova il calcatorium e il trapetum per le olive. In questo vano fu trovato il collo di un vaso che, insieme all’indicazione della capienza, presenta il nome dell’ultimo proprietario della villa. I vani 13 e 14, situati a destra dell’ingresso, sono degli spazi per la cottura degli alimenti, provvisti rispettivamente di un focolare centrale e di un forno; qui fu rinvenuto anche un mortaio69. F. Barnabei, che si sofferma molto sulle pitture che adornavano la parte residenziale della villa, non descrive minimamente un vano situato a sud della cucina e del forno, e che fu indagato solo parzialmente durante gli scavi De Prisco. A. Carandini ha proposto, in un saggio del 1989 pubblicato nella raccolta Storia di Roma, una ricostruzione ipotetica del settore meridionale, la possibile pars fructuaria della villa di Fannio Sinistore. Ai lati di una corte rustica porticata si dispongono a ovest la cella vinaria e le camere servili, mentre a est il vano suddetto è prolungato verso sud ed è definito come un “edificio in forma di granaio, forse in parte usato come stalla”70. Si tratta di un vano largo 6,30 m. La lunghezza massima osservata nel corso dello scavo è di 8 m circa. Due porte mettevano in comunicazione questo vano a nord con la cucina e il forno, mentre un’altra apertura larga 1,40 m dava a ovest sul portico colonnato della corte rustica. Una fila di pilastri a sezione quadrata71 era disposta lungo l’asse centrale della stanza. A. Carandini restituisce ipoteticamente una lunghezza totale di 13,80 m e sei pilastri complessivi al suo interno, ispirandosi verosimilmente al magazzino-granaio della villa di Blera72. I pilastri potevano sostenere, oltre alla copertura, anche un tavolato al piano superiore. Nel corso degli degli scavi furono inoltre rinvenute delle costruzioni, situate in prossimità al lato meridionale della villa, destinate ad attività agricole73. Altri spazi di stoccaggio per il fieno e i cereali potevano situarsi in un settore che fu scavato nei mesi di febbraio e marzo 1901, quindi a una data successiva alla realizzazione della pianta del complesso, ragion per cui non disponiamo di nessuna testimonianza grafica o fotografica. Questi documenti di scavo sono stati analizzati recentemente da B. Bergman, che ha proposto di interpretare dei piccoli ambienti posti nella parte orientale della villa, che nel corso degli scavi furono identificati come delle cantine per il vino, come un nubilarium o un granaio, in considerazione della presenza di piccole aperture per l’areazione e di alcune scale ritrovate in prossimità, che potevano consentire d’accedere al soppalco ligneo su cui era stoccato il grano74

Villa Regina (fig. 3c e fig. 4)

Fig. 4 – Villa Regina, Boscoreale (foto V. Pellegrino).

Fig. 4 – Villa Regina, Boscoreale (foto V. Pellegrino).
  • 75 De Caro 1994.
  • 76 De Caro 1994, p. 56-60.
  • 77 De Caro 1994, p. 123.
  • 78 Borgongino 2006, p. 73.
  • 79 L’altezza dei muretti era di 45 cm all’esterno e di 25 cm all’interno dell’aia (De Caro 1994, p. 60 (...)

17Situata a un chilometro circa a sud-ovest della villa dei Misteri, nell’area suburbana occidentale di Pompei, la villa fu scoperta nel dicembre 1977 durante dei lavori edili. Dei sondaggi successivi confermarono il potenziale archeologico del sito, scavato estensivamente dal 1978 al 1983, sotto la direzione di S. De Caro e W. Jashemski75. La fattoria copre una superficie complessiva di 450 m2 circa, articolata in numerosi ambienti. Quelli propriamente produttivi e di stoccaggio sono il torcularium 9 e 9bis di 55 m2, la cella vinaria provvista di 18 dolia defossa aperta sulla corte centrale e il fienile 8 con l’adiacente aia 17, situati all’angolo sud della villa. Il vano 8 misura 6,02 x 3,04 m (18 m2)76. Questo spazio possiede un accesso dal portico e una grande entrata, larga 2,08 m e alta 1,82 m, provvista di una porta, che si apre a sud-ovest sull’aia. Il pavimento è in cocciopesto, così come il rivestimento delle pareti. A 2,25 m d’altezza rispetto al piano pavimentale, 15 incassi circolari per delle travi, distanziati tra loro di 25 cm circa, si trovano sui lati lunghi est e ovest. Le travi sostenevano un solaio ligneo, accessibile dal vano 7 attraverso una scala, costruita distruggendo una parte del portico. S. De Caro pensa quindi che il piano superiore del fienile sia stato realizzato in una seconda fase. Questo vano superiore era adibito probabilmente a uso abitativo, poiché furono ritrovati dei resti di decorazione parietale negli strati di crollo. Va però aggiunto che l’associazione tra un pagliaio al piano terra e un granaio su soppalco ligneo la ritroviamo nella vicina villa della Pisanella, e che i frammenti d’intonaco rinvenuti furono molto limitati. Ancora a titolo comparativo, un deposito d’orzo su ammezzato ligneo è stato rinvenuto in situ nella Villa dei Papiri. Nel vano al piano terra furono rinvenute dagli archeologi abbondanti tracce di materiali vegetali carbonizzati sulle pareti e sul pavimento. Tale dato, insieme al rivestimento in cocciopesto che caratterizza questo ambiente, permettono di identificarlo come un fienile, che poteva essere impiegato, secondo S. De Caro, anche come granaio. Nel sito di Villa Regina fu infatti rinvenuto del polline di triticum, che indicava una coltivazione di grano nel fondo o in altri campi della zona. Anche la preparazione del pane nella cucina 2 è secondo l’archeologo un indicatore di produzione in loco77. Un’olla provvista di coperchio, contenente della crusca di grano non carbonizzata, fu altresì rinvenuta nel deposito 12 della villa78. L’aia presenta una superficie di 45 m2 e una forma quadrangolare, delimitata da tre muretti rivestiti di cocciopesto79. Una rampa d’accesso di 1,55 x 1,50 m è addossata al lato nord. Il pavimento era rivestito anch’esso in cocciopesto, e delle aperture sui lati nord e sud assicuravano l’evacuazione dell’acqua. L’aia presenta due fasi costruttive. In particolare, nel corso della seconda fase essa è stata sensibilmente ingrandita. Tale struttura serviva alle operazioni di trebbiatura del grano e per far asciugare il fieno e i legumi. Nonostante la presenza del fienile-granaio e dell’aia, S. De Caro ritiene che non tutto il grano consumato a Villa Regina fosse prodotto nel fondo. La villa è stata costruita nel secondo quarto del I sec. a. C. ed è stata successivamente ampliata prima del 79 d. C. 

Comune di Boscotrecase

Villa di Agrippa Postumo (contrada Rota)

  • 80 Della Corte 1929a.
  • 81 Ciarallo 2004, p. 90.
  • 82 Della Corte 1929a, p. 465.
  • 83 Diametro superiore 0,288 m; diam. inf. 0,340 m e alt. 0,265 m.

18Questa villa rustica fu scoperta nel corso di lavori alla linea della Circumvesuviana tra Boscotrecase e Torre Annunziata. Lo scavo, effettuato dal proprietario del fondo E. Santini, fu realizzato tra il 1903 e il 1905. L’intervento fu bruscamente interrotto l’8 aprile 1906, a causa di un’eruzione del Vesuvio. Il resoconto dell’intervento, redatto da M. Della Corte e pubblicato nel 1929 su Notizie Scavi, riporta i risultati dello sterro80. Questa villa non presentava degli spazi di stoccaggio per il grano, per il vino e l’olio, e nemmeno gli impianti di produzione e trasformazione come il pistrinum e il torcularium. Ciononostante degli strumenti agricoli sono riferibili al lavoro dei campi, come delle falci messorie e tre zappe81. Secondo A. Ciarallo la produzione cerealicola doveva essere oggetto di commercio, per la presenza di una grande bilancia con pesi in pietra e soprattutto di un modio, strumento per la misurazione del grano. Quest’ultimo fu rinvenuto sul pavimento dell’angolo sud-ovest dell’atrio82. Le parti bronzee del modius furono ricomposte, permettendo di riconoscere le misure interne dello strumento83. La capacità del modio era di 20 l circa. 

Comune di Ercolano

Villa dei Papiri

  • 84 Monteix 2008, p. 129-130 e 137-138 e Ruggiero 1885, p. 43-44.
  • 85 Monteix 2008, p. 129-130. La notizia relativa al ritrovamento è inoltre disponibile in linea all’i (...)
  • 86 Borgongino 2006, p. 124-125.

19Nel corso degli scavi effettuati nel XVIII secolo, i cui rendiconti furono redatti da C. Weber e J. de Alcubierre e successivamente pubblicati da M. Ruggiero, furono rinvenuti a più riprese dei quantitativi di cereali carbonizzati. N. Monteix ha recentemente ripreso tale documentazione al fine di ricavare una stima della quantità di grano che fu rinvenuta nel vano N, situato a nord-est dell’atrio e in immediata prossimità di un’area scavata sul finire degli anni ‘9084. All’interno del piccolo vano rettangolare (3 x 2 m ca.) si trovava un quantitativo compreso tra 1330 e 1660 litri di grano, corrispondenti a 149-190 modii. Il breve resoconto di C. Weber non menziona alcun apprestamento specifico all’interno del vano. Lo stoccaggio dei cereali direttamente sul pavimento e verosimilmente in differenti mucchi sembra dunque la soluzione probabilmente adottata all’interno del granaio. Secondo N. Monteix giustificherebbe infatti i rinvenimenti a più riprese del grano85. Un deposito d’orzo, venuto alla luce durante gli scavi effettuati sul finire degli anni ‘90, si trovava in situ86. Tale deposito, disposto su un ammezzato di un ambiente costituito da un solaio in legno, presentava uno spessore di 20 cm. 

Comune di Gragnano

Proprietà Liguori

  • 87 Miniero 1988, p. 238.

20Dello scavo, effettuato nel 1969 nel corso di lavori pubblici, ci informa P. Miniero87. La villa è stata indagata solo in parte e limitatamente alla cella vinaria e al torcularium, insieme a dei quartieri abitativi. A sud del complesso si estendeva l’aia per la trebbiatura. Quest’ultima, messa alla luce solo in parte, non comporta un accesso diretto dagli ambienti interni della villa, ed è delimitata a ovest da un muro di lunghezza massima riportata sulla pianta di 11,60 m.

Via dei Sepolcri (fig. 3d)

  • 88 Bonifacio 2009.
  • 89 Carandini 1989, p. 162.
  • 90 De Caro – Mele 2001, p. 546.
  • 91 Cotton – Métraux 1985.
  • 92 De Franceschini 2005, p. 254-255.
  • 93 Di Giuseppe 2008, p. 365.

21La villa rustica è stata individuata nella primavera del 2005 e successivamente scavata parzialmente nel 200888. Sono stati scoperti sette vani e spazi aperti, ma solo l’ambiente 3 è stato rimesso completamente in luce nel corso delle operazioni di scavo. Dei sondaggi limitati hanno permesso di verificare la sua estensione a nord. La villa conserva una superficie di 500 m2, e doveva estendersi sul lato orientale. Stando ai materiali ceramici trovati, fu riutilizzata dopo l’eruzione già a partire dal I secolo d.C. La villa sarà abbandonata, al termine di una lunga continuità insediativa, nel VI sec. d.C. L’ambiente più interessante di questo complesso è il grande vano 4, situato all’estremità sud-occidentale. La stanza, di pianta irregolarmente rettangolare, misura 7,30 x 6,40 m (46,70 m2). I muri perimetrali, in opera incerta, hanno uno spessore di 40 cm. Sull’asse centrale dell’ambiente si trova una fila formata da due pilastri (0,70 x 0,60 m) e un setto murario realizzati in opera vittata (1,1 x 0,60 m), con quest’ultimo addossato al muro nord-occidentale del vano. Questi tre elementi, che ripartiscono lo spazio interno in due “navate”, sono distanziati tra di loro (da nord a sud) di 1,20 e 2 m. L’ultimo pilastro a sud è a 1,80 m dal muro che separa l’ambiente 4 dallo stretto ambiente 5 (4,20 m di lunghezza conservata per 1,30 m di larghezza). La presenza di questa fila di pilastri permette di accostare il vano della Via dei Sepolcri a una tipologia di magazzino polifunzionale, per la quale si è sovente ipotizzato lo stoccaggio dei cereali così come di altre derrate agricole. Si tratta del “magazzino a forma di granaio” della villa di Selvasecca a Blera, secondo una definizione coniata da A. Carandini89. Altri esempi sono forniti dai due edifici rinvenuti a Ceravarecce di Pontelatone, Caserta90, dal magazzino-granaio di San Rocco a Francolise91, dal granaio di Dragoncello ad Acilia92, e dal grande vano 34 della villa di San Pietro di Tolve (Potenza). Per quanto riguarda quest’ultimo edificio H. Di Giuseppe ha proposto una funzione mista di magazzino per i cereali, le tegole e le lane, a causa della vicinanza al quartiere artigianale e produttivo dell’insediamento93. L’ambiente 4 poteva essere dunque il magazzino della villa, provvisto di un tabulatum sostenuto dalla fila di pilastri centrali, cui si accedeva da una probabile scala lignea posta nello stretto vano 5 adiacente a sud. La stessa posizione del vano, che sembrerebbe esterno al perimetro della villa delimitato dal muro nord che si prolunga verso oriente, confermerebbe la sua attribuzione tipologica come granaio. 

Comune di Napoli

Via Bartolo Longo, Ponticelli (fig. 5a)

Fig. 5 – A. Via Bartolo Longo, Ponticelli, Napoli (da Cascella – Vecchio 2012, p. 171); B. Civita-Giuliana, Pompei (da Della Corte 1921c, p. 424); C. Contrada Crapolla, Pompei (da Della Corte 1923c, p. 285); D. Asciutta, Fondo De Martino, Pompei (da Della Corte 1929, p. 191); rielaborazione grafica V. Pellegrino.

Fig. 5 – A. Via Bartolo Longo, Ponticelli, Napoli (da Cascella – Vecchio 2012, p. 171); B. Civita-Giuliana, Pompei (da Della Corte 1921c, p. 424); C. Contrada Crapolla, Pompei (da Della Corte 1923c, p. 285); D. Asciutta, Fondo De Martino, Pompei (da Della Corte 1929, p. 191); rielaborazione grafica V. Pellegrino.
  • 94 L’intervento della Soprintendenza è del 2007-2008. Per le informazioni relative a questo sito, vd.  (...)
  • 95 Cascella – Vecchio 2014, p. 7.
  • 96 Cascella–Vecchio 2012, p. 173 e Cascella–Vecchio 2014, p. 21-23. Gli autori specificano che tali fi (...)
  • 97 Cascella–Vecchio 2014, p. 23-24.
  • 98 Cascella–Vecchio 2012, p. 169.
  • 99 Cascella–Vecchio 2014, p. 59.

22Il recente scavo di una villa già individuata negli anni ‘80 ha permesso di portarla completamente alla luce94. Questa villa è databile nelle sue fasi iniziali all’età tardo-repubblicana (fine II secolo a.C.-prima metà I sec. a.C.), e fu distrutta e sepolta durante l’eruzione del 79 d.C. L’insediamento si trovava nel suburbio sud-orientale di Neapolis, a soli cinque chilometri in linea d’aria dal Vesuvio. La villa, a pianta quadrangolare e con ambienti disposti intorno a un portico a “U”, si estende su un’area di 2300 m2 ca. Gli ambienti della pars rustica e della pars urbana, seppur disposti rispettivamente lungo i lati sud-ovest e nord-est del portico, non sono rigidamente separati95. Sono state riconosciute due fasi di costruzione, la prima databile alla prima metà del I sec. a. C. e la seconda riferibile all’epoca augustea. La pars rustica, dotata di un pistrinum, comporta un fienile-nubilarium (18), a pianta rettangolare (4 x 5 m, superficie di 20 m2) e situato esternamente alla villa. Il fienile era comunque accessibile attraverso un ingresso posto su un corridoio interno. Il grande ingresso, largo 2 m ca. e posto sulla parete meridionale, permette l’accesso alla contigua aia (20). Tale prossimità è già un argomento a favore di tale interpretazione, confermata dal rinvenimento a contatto con il pavimento in cocciopesto di resti vegetali, quali un nocciolo di pesca e tracce di fibre vegetali carbonizzate96. L’aia, posta a sud dell’edificio, è a pianta rettangolare e possiede delle dimensioni considerevoli (larga 8 m e lunghezza portata in luce di 12 m). Il suolo è pavimentato con solido cocciopesto, che riveste anche i muretti bassi che delimitano lo spazio per le operazioni di trebbiatura. Un pulvino situato tutt’intorno alla base dei muri rinforza un punto critico e soggetto a crepature97. La villa di Ponticelli, provvista inoltre di una vasta cella vinaria (275 m2 ca.) situata nel settore occidentale, di una cella olearia e di torchi per la produzione di olio e vino, era un centro produttivo dedito alla policoltura. Una vasta area collocata a est del sito era inoltre adibita alla coltivazione di ortaggi. La produzione cerealicola, documentata dalla presenza del granaio e dell’aia prospiciente, è indirettamente confermata anche dal fatto che tale zona era ancora nel XVI secolo intensamente coltivata a grano e costellata di mulini idraulici98. Il rinvenimento di un signaculum bronzeo ritrovato nei pressi di una vittima dell’eruzione ci informa che C. Olius Ampliatus fu l’ultimo proprietario della villa99.

Comune di Pompei

Asciutta, Fondo De Martino (fig. 5d)

  • 100 Della Corte 1929b.
  • 101 Della Corte 1929b, p. 195.
  • 102 Stefani 2000c.
  • 103 CIL IV, 942 5: TI.CL.SO/MOL. L’iscrizione è riportata da M. Della Corte, che però non fornisce ness (...)
  • 104 Matterne – Yvinec – Gemehl 1998, p. 117.
  • 105 Della Corte 1929b, p. 198.
  • 106 Borgongino 2006, p. 160.

23Situata alla periferia meridionale dell’antica città di Pompei, la villa fu scoperta nel 1922, scavata parzialmente nel 1923 e successivamente da settembre 1927 a luglio 1928 da A. De Martino. M. Della Corte ha pubblicato nel 1929 un resoconto su Notizie degli Scavi100. L’intervento di scavo ha interessato solo la parte settentrionale dell’edificio, ragion per cui ad esempio non è stato possibile individuare la cella vinaria e l’aia per la trebbiatura. Nell’ambito del presente articolo ci si concentrerà sulla parte nord-est del complesso, dove si trova la cucina (6) e un piccolo vano (10) provvisto di forno e dove fu rinvenuto un mortaio a mano realizzato in pietra vulcanica. Tra queste due stanze si trovava il vano 7, che Della Corte definì “rustico” non sbilanciandosi sulla destinazione d’uso101 ma informandoci della presenza di una scala che dava accesso ad un piano superiore. All’interno furono inoltre rinvenute quattro barre in ferro, che schermavano la piccola finestra situata sulla parete settentrionale, due anfore, di cui una provvista di epigrafe, e un mattone bollato. In maniera ipotetica e prudente, considerando soprattutto che lo scavo non ha purtroppo interessato tutta la villa, proponiamo che il vano 7 potesse essere il magazzino-granaio. In primis, la sua forma lunga e stretta (8 x 4,25 m, per una superficie interna di 34 m2) è comparabile ad altre riserve di grano rinvenute nel territorio vesuviano (in particolare le ville del Fondo D’Acunzo e di N. Popidius Florius, Pisanella). Le sbarre e la dimensione ridotta della finestra servirebbero in tal caso ad evitare l’ingresso nella riserva di uccelli, roditori e ladri. Stando a G. Stefani102, il titulus pictus situato sul corpo dell’anfora indica un contenuto in farina103. La presenza di un piano superiore, accertata dalla scalinata situata nella parte sud del vano 7, potrebbe indicare un granarium su tavolato ligneo. Anche se la presenza ravvicinata della cucina e del forno costituivano un rischio concreto d’incendio, il fumo e il vapore derivanti da tali attività, se efficacemente convogliati, potevano costituire un ottimo espediente per evitare la germinazione e far essiccare il grano104. Direttamente a sud della scalinata, infine, furono rinvenuti due grandi dolia, provvisti di opercula. M. Della Corte ipotizzò uno stoccaggio di grano al loro interno105. M. Borgongino riprende la notizia di M. Della Corte, affermando che i due contenitori potessero contenere farina o grano vista la vicinanza del pistrinum106

Civita-Giuliana (fig. 5b)

  • 107 Della Corte 1921c.
  • 108 Della Corte 1921c, p. 425-426.
  • 109 Borgongino 2006, p. 110.

24La villa, scavata all’inizio dell’anno 1904 da C. Rossi-Filangieri, si trovava a circa 100 m ad ovest della via vicinale Pompei-Boscoreale. Le informazioni su tale scavo sono dedotte dal breve resoconto di M. Della Corte, pubblicato nel 1921 su Notizie degli Scavi107. La villa presenta una pianta rettangolare e possedeva un piano superiore, ricostruibile dalle scale d’accesso in muratura poste nel vano 5, prossimo all’ingresso situato sul lato occidentale. Un forno, la sala con il frantoio e una macina manuale sono stati rinvenuti nella villa rustica. M. Della Corte notava come la parte sud-occidentale fosse stata aggiunta in una seconda fase al complesso originario a pianta quadrata della villa108. Questo settore ci interessa particolarmente, poiché il lungo ambiente 12 è un fienile all’interno del quale furono rinvenuti dei grandi mucchi di paglia carbonizzata. Aldilà di tale vano si trovava un edificio che M. Della Corte descrisse come un “grande capannone”. Questo ambiente presentava un massiccio pilastro in laterizi collocato in posizione centrale che doveva sorreggere l’ampio tetto spiovente ad est. All’interno di questo vano fu rinvenuto un deposito di pali di castagno carbonizzati. M. Della Corte non fornisce informazioni sui piani pavimentali di questi due vani. Il fienile 12 presenta una pianta rettangolare e misura 10,80 x 3,50 m (37,8 m2). Un lungo corridoio (11,60 m) lo collega al cortile B situato ad est. Il “capannone” C possiede delle dimensioni notevoli: a pianta rettangolare, misura 15,50 x 10,40 m, e l’unico accesso, largo 1,70 m circa, si trova all’angolo sud-est. Il pilastro rettangolare posto all’incirca al centro del vano misura 1,50 x 1 m. Con i suoi 161 m2, tale ambiente era difficilmente coperto completamente da una tettoia. Avanziamo quindi la proposta che solo la parte dove furono ritrovati i pali, probabili sostegni delle viti del fundus, fosse effettivamente coperta. I pali si trovavano al momento dello scavo tra il pilastro e la parete settentrionale, per cui ipotizziamo che la parte settentrionale di questo spazio (10,40 x 5,90 m ca.) fosse un magazzino (ma anche un possibile nubilarium), mentre quella meridionale (10,40 x 8,70 m ca.) potesse svolgere la funzione di area della villa. Nell’ambiente 3 della villa, inoltre, un vaso a forma di tronco di cono rovescio, alto 0,90 m, conteneva degli avanzi di semi di miglio109

Contrada Crapolla (fig. 5c)

  • 110 Della Corte 1923c.

25Il sito fu parzialmente esplorato da V. De Prisco, proprietario del terreno nel quale si trovavano i resti della villa rustica. M. Della Corte, che monitorò l’intervento per conto della Sovrintendenza, pubblicò i risultati nel 1923. Lo scavo è limitato alla parte orientale del complesso. Questo settore è caratterizzato da vani di servizio, ad eccezione di due cubicula situati all’estremità settentrionale. Una stalla, una spaziosa cucina con focolare quadrato posto al centro, un forno e un piccolo complesso di bagni furono messi in luce. Nell’angolo sud della cucina (3) si trovava la base in muratura di una scala di legno che permetteva di accedere al piano superiore. All’estremità meridionale si colloca un grande vano rustico, provvisto di una grande finestra a sud. M. Della Corte sottolinea che il vano 9 è di incerta destinazione. Si tratta di uno spazio di 7,15 x 4 m (28,6 m2), provvisto di un ampio ingresso a ovest, che potrebbe esser stato il magazzino-granaio della villa. Il condizionale è d’obbligo, in quanto l’esplorazione della villa non è completa e inoltre l’ipotetico magazzino è situato in prossimità dei bagni110

Comune di Sant’Antonio Abate

Casa Salese (fig. 6a)

Fig. 6 – A. Casa Salese, Sant'Antonio Abate (da D’Amore 1977b, p. 228); B. Fondo Prete, Villa N. Popidi Narcissi Maioris, Scafati (De’Spagnolis 2002, p. 31); C. Località Messigno, Santa Maria La Carità (da Della Corte 1923b, p. 275); rielaborazione grafica V. Pellegrino. 

Fig. 6 – A. Casa Salese, Sant'Antonio Abate (da D’Amore 1977b, p. 228); B. Fondo Prete, Villa N. Popidi Narcissi Maioris, Scafati (De’Spagnolis 2002, p. 31); C. Località Messigno, Santa Maria La Carità (da Della Corte 1923b, p. 275); rielaborazione grafica V. Pellegrino. 
  • 111 D’Amore 1977b.
  • 112 D’Amore 1977b, p. 225.
  • 113 D’Amore 1977b, p. 226.

26C. Cuomo, proprietario del fondo nel quale si trovavano i resti della villa rustica, effettuò personalmente lo scavo, limitatamente alla parte meridionale dell’insediamento, nel 1974.  Curò inoltre la pubblicazione di un volumetto dedicato a tale scoperta111. Furono messi in luce otto vani che si disponevano intorno ad un peristilio. La villa presentava un piano superiore. La datazione proposta per la frequentazione della villa è il primo secolo dell’impero, mentre non fu possibile determinare una datazione precisa della sua costruzione. Un’aia si trovava a sud-est, addossata ma esterna alla villa112. L’area era di pianta rettangolare (9,15 x 8,60 m, per una superficie di 78,70 m2) e il pavimento in cocciopesto presentava un cattivo stato di conservazione. La struttura era delimitata da dei muretti in opera incerta mista di calcare e tufo alti 0,70 m. Un vano d’accesso largo 1,45 m si trovava lungo la parete occidentale, e il pavimento stesso era inclinato verso ovest per permettere il deflusso dell’acqua, mediante un foro, verso un collettore posto all’esterno dell’aia. Diversamente da altri esempi che abbiamo presentato finora, l’aia della villa di Casa Salese non presenta un accesso verso l’interno dell’edificio. L’adiacente vano 4 (14,30 x 9,30 m) si apriva infatti solo verso il peristilio (attraverso una porta di 2,10 m). Il solo indice di una produzione di farina in situ è dato da una possibile base di macina posta sul pavimento nei pressi di un larario. Per il vano 4 L. D’Amore ipotizzava tuttavia una destinazione d’uso come magazzino113

Via Buonconsiglio

  • 114 D’Amore 1977b.

27Una villa romana, databile al I sec. d.C. o agli ultimi anni del I sec. a. C., fu rinvenuta nella primavera del 1974 durante dei lavori di sbancamento per il prelievo di lapillo. L’esplorazione della zona fu poi realizzata tra maggio e luglio del medesimo anno. Lo scavo, parziale, mise in luce un edificio di 12,65 x 6,65 m. I muri, conservati in media su un’altezza di 1,70 m, presentavano uno spessore di 35 cm. Le strutture messe in luce furono interpretate da L. D’Amore come un’aia e un magazzino adiacente. L’area scoperta era pavimentata in cocciopesto e presentava delle canalette per l’evacuazione delle acque meteoriche. A nord della struttura si trovava un ambiente (6 x 4,60 m, per una superficie di 27,60 m2) comunicante con l’aia attraverso un ingresso largo 2,15 m. L. D’Amore ci informa che i pavimenti in cocciopesto erano sopraelevati rispetto al piano di posa interno dei muri (alt. m. 1,40)114. L’esito negativo dei saggi di scavo effettuati verso nord e ovest permise di supporre che il magazzino con aia fosse un annesso di una villa rustica situata in prossimità. I due ambienti furono sepolti dall’eruzione del 79 d.C. Il magazzino, che presentava all’interno dei frammenti di tegole e di dolia, poteva essere un nubilarium-granarium, in considerazione della prossimità dell’adiacente aia. 

Comune di Santa Maria La Carità

Località Messigno (fig. 6c)

  • 115 Della Corte 1923b.
  • 116 Carandini 1989, p. 172.

28La villa si trovava a soli 400 m circa ad est delle mura di Pompei. Il complesso fu scavato da C. Rossi-Filangieri. M. Della Corte ha pubblicato una sintetica descrizione dei risultati su Notizie degli Scavi del 1923115. L’edificio è complessivamente di pianta quadrata, con vasta corte centrale. La parte settentrionale fungeva da zona residenziale mentre la parte rustica si sviluppava sui restanti tre lati. Il lato ovest in particolare sembra esser stato la pars fructuaria. Vi si trova infatti una grande cella vinaria, e soprattutto cinque piccoli vani rettangolari (27-31) provvisti di una scalinata d’accesso al piano superiore (situata tra il vano 29 e 30), che per A. Carandini poteva presentare una medesima soluzione planimetrica116. Ogni vano misura appena 3 x 2 m circa. Questi vani sono interpretati come magazzini o come degli alloggi per la servitù. La schema planimetrico in compartimenti, che potevano accogliere varie derrate cerealicole e leguminose, è in effetti paragonabile ai lacusculi descritti da Columella (r.r. 1,6). Un vano di dimensioni simili, impiegato come deposito di farina, è stato rinvenuto nella villa di Fondo Prete a Scafati.

Proprietà Cascone

  • 117 Miniero 1988, p. 240.

29La villa rustica, scoperta parzialmente nel 1969, comportava un ambiente a pianta rettangolare provvisto di due vani d’accesso. P. Miniero suppone una probabile funzione di deposito. Tale vano si apriva su un’aia con muretti bassi in opera incerta e pavimentata in cocciopesto misto a ciottoli di fiume117

Comune di San Valentino Torio

Via Vetice, Proprietà Farina

  • 118 De’Spagnolis 1998.
  • 119 De’Spagnolis 1998, p. 86.

30Un intervento archeologico effettuato nel corso del 1995 in via Vetice, nella proprietà di P. Farina, portò alla scoperta di un’aia, scavata parzialmente su due lati. La lunghezza massima del lato est è di 13,30 m, mentre la lunghezza massima del lato sud è di 10,70 m; entrambi i lati presentavano un foro per l’evacuazione delle acque meteoriche. Il piano pavimentale dell’aia, in cocciopesto, aveva una pendenza verso sud-est118. L’aia presentava un orientamento nord-ovest/sud-est e al momento dello scavo era in un cattivo stato di conservazione. I muretti che la delimitavano erano conservati su un’altezza di 60 cm e 50 cm di larghezza. Tali muretti, rivestiti anch’essi in cocciopesto e provvisti di fondazioni profonde 45 cm, poggiano sul lapillo dell’eruzione pliniana, ragion per cui, come giustamente sottolinea De’ Spagnolis, l’aia è stata realizzata o ingrandita dopo il 79 d.C.119

Comune di Scafati

Fondo Prete, Villa N. Popidi Narcissi Maioris (fig. 6b)

  • 120 De’Spagnolis 2002.
  • 121 De’Spagnolis 2002, p. 91-92.
  • 122 De’Spagnolis 2002, p. 97.
  • 123 De’Spagnolis 2002, p. 134 et p. 145; in particolare, il dolium 1 presentava delle fave, utilizzate (...)
  • 124 Borgongino 2006, p. 100-101.
  • 125 De’Spagnolis 2002, p. 105-107.
  • 126 De’Spagnolis 2002, p. 107-108.
  • 127 De’Spagnolis 2002, p. 133.

31La villa si trova a 3 km di distanza dalle mura dell’antica Pompei, in prossimità della strada Nuceria-Pompeios. I lavori per la costruzione di un lotto immobiliare nel 1992 portarono alla scoperta della villa, scavata poi negli anni 1993 e 1994. Si tratta della stessa villa che fu parzialmente esplorata nel 1934 da M. Della Corte. La monografia recentemente realizzata da M. De’ Spagnolis presenta con dovizia di particolari questo complesso di cui conosciamo anche il nome dell’ultimo proprietario120. Lo scavo estensivo e sistematico ha permesso di raccogliere delle informazioni molto interessanti. La villa presenta una pianta rettangolare le cui misure totali sono di 34 x 19 m. Durante le operazioni di scavo ventiquattro ambienti sono stati messi alla luce. La villa fu costruita nel I sec. a. C. e ha subito dei rifacimenti dopo il terremoto del 62 d.C. Nell’atrio (14) di 6 x 5 m furono rinvenuti nel 1934 due dolia lungo il lato settentrionale. Provvisti di coperchi, con delle grappe di bronzo e dei segni di riparazione, i due recipienti contenevano del grano. Questi due contenitori non sono stati ritrovati nel 1993121. All’interno della cucina (15), nei pressi della porta d’ingresso della villa, fu rinvenuta un’anfora che conteneva del frumento macinato e una mola manualis presso la parete nord122. Il vano 18 misura 3,80 x 2,20 m. Provvisto di un battuto pavimentale e un rozzo intonaco in cocciopesto lungo le pareti, presenta un pilastro quadrangolare al centro e altri due ad ovest. La stanza è stata identificata come un deposito per i cereali per la presenza di quattro dolia non interrati. Tali contenitori, di cui due cilindrici, al momento dello scavo contenevano ancora delle derrate agricole solide, nella fattispecie legumi e cereali: vicia faba, del triticum e del lathyrus sativus123. Da tenere in considerazione anche il rinvenimento, due anni prima degli scavi di Della Corte, di un dolium durante degli scavi non autorizzati. Nella lettera anonima che denunciò tale intervento illegale si fa menzione di “langelloni” in terracotta, di cui uno pieno di grano che divenne immediatamente cenere124. I pilastri sostenevano un piano superiore125. Uno degli elementi più interessanti di questa villa è sicuramente il vano 19, che si è presentato al momento della scoperta come un vero e proprio “silo” per la farina. Di dimensioni ridotte (2 x 0,90 m) e situato a nord del torcularium, questo vano era al momento della scoperta quasi completamente riempito di farina su un’altezza massima di 1,10 m. L’apertura del vano, larga 0,90 m, doveva presentare una chiusura in legno. Tre anfore e dei grossi frammenti di cocciopesto sono stati rinvenuti all’interno del vano, nello strato di crollo del piano superiore. Il magazzino è stato realizzato in un momento successivo rispetto alla prima fase della villa e poteva arrivare a contenere fino a 3510dm3 di farina126. La presenza di macine rotatorie nell’ambiente 22 sembrerebbe confermare la produzione cerealicola della villa, che fu incrementata nell’ultima fase. Per quanto riguarda invece l’aia e il nubilarium, che non sono stati rinvenuti durante lo scavo, M. De’ Spagnolis ipotizza una loro collocazione in corrispondenza dell’angolo sud-ovest della villa, che non è stato possibile scavare127. Le comparazioni tipologiche con altre ville dell’hinterland pompeiano e gli indici di produzione cerealicola rinvenuti nel corso dello scavo confermerebbero tale ipotesi. 

Iossa

  • 128 Sogliano 1892.

32Uno sterro limitato effettuato nel 1892 portò alla scoperta di 17 grandi dolia. Di questi, solo 13 si trovavano in situ, interrati nel battuto pavimentale. Un dolium conteneva dei semi di canapa, un altro della cenere d’origine vegetale, e infine un terzo recipiente del grano carbonizzato. Secondo A. Sogliano, si tratterebbe di un magazzino per diverse derrate agricole. La sua localizzazione in prossimità del fiume Sarno, che durante l’epoca romana costituiva une via fluviale navigabile, confermerebbe la destinazione commerciale e di stoccaggio di questo edificio128.

Località Castagno

  • 129 De’Spagnolis Conticello 1991.
  • 130 De’Spagnolis Conticello 1991, p. 100.

33Resti di una villa rustica furono rinvenuti nel febbraio del 1990, nel corso di lavori per la costruzione di un edificio a scopo abitativo. La Sovrintendenza effettuò in quella circostanza dei saggi esplorativi su una superficie di 15 m2. Al momento dello scavo i resti antichi erano quasi completamente sigillati dall’eruzione del 79 d.C. Un totale di sei ambienti sono stati messi alla luce. L’ambiente F è stato quasi completamente esplorato. Si trovava ad ovest, in una zona esterna rispetto ai restanti vani. Un muretto alto 35 cm, largo 40 cm e lungo 7,70 m lo delimitava ad est. M. De’ Spagnolis ipotizza che un muro dalle caratteristiche simili recingeva tale spazio a sud. Il muretto, così come il piano pavimentale, era rivestito di cocciopesto. L’ambiente F comunicava con l’ambiente A attraverso un vano d’accesso largo 2 m. Il vano A, rettangolare, misurava 5,40 x 2,60 m (14 m2). I muri presentavano un intonaco di colore bianco. Nell’angolo nord-ovest fu rinvenuto un frammento di macina di pietra lavica129. M. De’ Spagnolis identifica l’ambiente F come l’aia della villa, che doveva presumibilmente immettere direttamente nell’hortus130. Il vano adiacente A potrebbe esser stato dunque il nubilarium e il deposito di grano della villa. Questa villa subì danni ingenti durante il terremoto del 62 d.C. I vani situati ad ovest dell’aia erano sprovvisti di strati di crollo dei muri e del tetto, ragion per cui l’archeologa pensa che fossero stati lasciati a cielo aperto durante l’ultima fase di vita del complesso, che era completamente abbandonato già prima della data dell’eruzione.

Via del Macello Vecchio

  • 131 De’Spagnolis Conticello 1994, p. 42-45.
  • 132 De’Spagnolis Conticello 1994, p. 104-105.

34Il sito è stato rinvenuto a pochi metri dalla Strada Statale 18, lungo la via del Macello Vecchio. Nel giugno 1992 furono scavate otto tombe deposte subito dopo l’eruzione del 79, situate nei pressi di un edificio costruito secondo la tecnica muraria dell’opus incertum. Questo piccolo edificio è orientato in senso est-ovest, presenta un’apertura sul lato occidentale e un piano pavimentale in terra battuta. Si tratterebbe di un magazzino per attrezzi e deposito di derrate, collegato ad una villa rustica posta nelle vicinanze. L’edificio è costituito da tre ambienti comunicanti tra loro131. Il vano 1 misurava 3,32 x 3,30 m (11 m2). L’altezza del vano era di 2,40 m, presentava due finestre-feritoie sui lati nord e sud e un pavimento in terra battuta. Un’apertura di 1,20 m lo metteva in comunicazione con il vano 2 (3,58 x 3,30 m). Quest’ultimo presentava all’interno molti materiali, tra cui un’olletta fittile con coperchio, al cui interno sono stati rinvenuti alcuni semi di legumi di sulla. Si tratta di una specie foraggiera utilizzata nella coltivazione rotata dei campi. Un ingresso largo 1,02 m metteva in comunicazione i vani 2 e 3 (2,30 x 1,61 m) con quest’ultimo che si presentava aperto sulla fronte132.

Via Passanti

  • 133 De’Spagnolis Conticello 1991-1992.

35La villa fu rinvenuta nel corso di lavori edili e scavata dalla Soprintendenza nel 1988. Lo scavo ha interessato soltanto l’angolo nord-est/sud-ovest della costruzione. La villa fu costruita nel II sec. a.C. e fu successivamente ristrutturata all’inizio dell’età imperiale. Un dolium, appoggiato ad un muro divisorio posto tra la cucina del complesso e quello che si potrebbe qualificare come il deposito di derrate e pistrinum della villa, era riempito per metà da una sostanza simile a farina incenerita, sulla quale era appoggiato un simpulum bronzeo. A sud del contenitore fu rinvenuta una mola manuaria di pietra vulcanica133

Via Poggiomarino, vicinale De Martino

  • 134 De’Spagnolis Conticello 1993-1994, p. 143-146.

36La villa rustica fu scoperta nel febbraio 1993 durante dei lavori edili. Lo scavo, diretto da M. De’ Spagnolis, interessò parzialmente un muro perimetrale della costruzione (lunghezza 10,50 m, spessore 0,42 m) e tre ambienti134. Lo spazio A, situato a sud rispetto ai tre vani, è interpretato come un’aia. Provvista dell’abituale piano pavimentale di cocciopesto, l’area era delimitata a nord-ovest da un muro lungo 8,30 m. A sud-est, l’aia era cinta da un muro conservato solo per 1,63 m, ma che doveva arrivare almeno a 5,40 m. I muri dell’aia presentavano un’altezza compresa entro 0,48 et 0,56 m. Sul lato nord-ovest si apriva una porta larga 2,33 m, comunicante con l’interno della villa in particolare col vano B (7,03 m x 1,25 m le misure conservate). Il vano B comunicava a sua volta col vano C per mezzo di una porta. Per quanto riguarda il vano B, M. De’ Spagnolis non ha dubbi sulla sua identificazione come nubilarium. Infine l’ambiente C presenta delle misure conservate di 2,70 x 1,25 m. Il piano pavimentale era probabilmente in cocciopesto, dato che alcuni frammenti divelti furono rinvenuti nel vano. Quest’ultimo presentava ipoteticamente una pianta rettangolare, quasi quadrangolare come il vano B e doveva essere probabilmente un magazzino o un deposito. 

Via Spinelli, località Ventotto

  • 135 De’Spagnolis Conticello 1993-1994.
  • 136 Della Corte 1923d.

37Il sito fu rinvenuto nel corso di lavori edili nel 1993; l’intervento di scavo fu piuttosto limitato. La villa, disposta secondo un asse nord-ovest/sud-est, si trovava nella periferia orientale dell’antica città di Pompei. Nella parte sud-occidentale dell’edificio, addossata al muro perimetrale ma posta esternamente alla villa, si trovava l’aia. Questa, indagata solo parzialmente, era ad una quota superiore rispetto al piano del 79 d.C. In questo settore è stato messo in luce un tratto di muro (largo 0,55 m, alto all’esterno 0,70 m e all’interno 0,30 m), rivestito in cocciopesto e posto ad angolo retto rispetto ad un muro che presentava le stesse caratteristiche strutturali. Questi muri delimitavano un piano pavimentale rivestito in cocciopesto e inclinato leggermente verso sud-est per favorire il deflusso delle acque meteoriche. M. De’ Spagnolis non riporta le misure esatte, ma ci informa che l’area era rettangolare e assai grande, e che comunicava attraverso una larga porta con un ambiente profondo 4 m, interpretato come il nubilarium della villa135. Sempre secondo la studiosa, tale scavo ha interessato la stessa villa descritta e messa parzialmente in luce negli anni ‘20 del XX secolo da M. Della Corte136

Comune di Terzigno

Boccia al Mauro (Villa 1) (fig. 7a)

Fig. 7 – A. Villa 1, Terzigno (da Cicirelli 2000a, p. 39); B. Boccia al Mauro, Villa 2, Terzigno (da Cicirelli 2000b, p. 76); C. Boccia al Mauro, Villa 6, Terzigno (da Cicirelli 2011, p. 178); rielaborazione grafica V. Pellegrino. 

Fig. 7 – A. Villa 1, Terzigno (da Cicirelli 2000a, p. 39); B. Boccia al Mauro, Villa 2, Terzigno (da Cicirelli 2000b, p. 76); C. Boccia al Mauro, Villa 6, Terzigno (da Cicirelli 2011, p. 178); rielaborazione grafica V. Pellegrino. 
  • 137 Cicirelli 2000a.

38A circa 6 km da Pompei, all’interno della cava Ranieri situata sulle pendici del Vesuvio, tre villae rusticae furono scoperte nel corso degli anni ‘80 e all’inizio degli anni ‘90. La villa 1 è stata parzialmente esplorata nel 1981 e nel 1983, quando fu indagato il settore rustico e produttivo per un’estensione di circa 570 m2. Situato a sud-est di una grande cella vinaria provvista di 42 dolia, il vano C è considerato un deposito per il foraggio. Sul pavimento e sulle pareti furono infatti ritrovati dei resti vegetali carbonizzati, che le analisi hanno indicato come trifoglio, erba medica, pisello selvatico e fava, tutte specie impiegate per l’allevamento di bovini e ovini137. Il vano C è di forma irregolarmente rettangolare (i lati lunghi misurano 5,70 m, mentre quelli corti rispettivamente 4,70 e 4,50 m). Esso si apriva, attraverso una porta larga 2,20 m, sull’adiacente aia D, messa in luce parzialmente (lunghezza totale di 10,22 m per una larghezza conservata di 4 m ca.). Come di consueto in ambito vesuviano, l’area è pavimentata in cocciopesto e delimitata da muretti. La datazione proposta da C. Cicirelli va dalla fine del II-inizio I sec. a. C. fino al 79 d.C.

Boccia al Mauro (Villa 2) (fig. 7b)

  • 138 Cicirelli 2000b.

39Due brevi campagne di scavo, di cui la prima del 1984, dirette da C. Cicirelli, hanno permesso di mettere in luce l’intero complesso. La villa presenta una corte centrale, intorno a cui si dispongono i vani residenziali come quelli per la produzione e lo stoccaggio delle derrate agricole. All’angolo nord-ovest il vano B, di pianta quadrata, è in relazione con lo spazio H, addossato ma esterno al perimetro della villa. Misura solo 4,30 m di lato, e non presenta nessun ingresso dall’interno della villa. Come sottolineato da S. De Caro per Villa Regina, il fienile poteva anche fungere da spazio di stoccaggio dei cereali che assicuravano il sostentamento degli abitanti della villa, il quale non è stato attestato in altri settori. La produzione di pane è testimoniata inoltre dalla presenza del forno nella cucina D. L’aia H è pavimentata con solido cocciopesto e delimitata da bassi muretti. Di pianta quadrata, misura 8,90 m di lato, dunque più del doppio dell’adiacente fienile138.

Boccia al Mauro (villa 6) (fig. 7c)

  • 139 Cicirelli 2000c e Cicirelli 2011.
  • 140 Cicirelli 2000c, p. 79.
  • 141 Carandini et al. 1985, p. 194.

40L’edificio è stato interessato da ripetute campagne di scavo effettuate nel corso dell’ultima decade del secolo scorso e più recentemente da una campagna condotta da C. Cicirelli nel 2011. I numerosi interventi di scavo hanno consentito di definirne completamente il perimetro, che si estende su una superficie di circa 2600 m2. La pianta, di forma irregolarmente rettangolare, misura all’incirca 65 x 40 m139. La villa è ripartita in una pars urbana situata a nord e la pars rustica a sud. Il complesso è stato costruito all’inizio o nel secondo quarto del I sec. a. C. mentre solo verso la metà del secolo è realizzato il quartiere residenziale. Dopo il terremoto del 62 d.C., i danni riportati e un probabile cambiamento di proprietà comportarono una produzione maggiore di vino e il completamento della parte rustica. All’estremità meridionale si trova una grande aia per la trebbiatura dei cereali, provvista di pavimentazione e muretti di recinzione rivestiti in cocciopesto. Di pianta rettangolare, misura 12,20 x 10 m ed è adiacente ad un portico aperto sulla stessa. Il portico, a pianta rettangolare, presenta tre pilastri a sezione rettangolare, un pavimento ugualmente rivestito di cocciopesto e misura 9,40 x 3 m circa. Dei graffiti (due stelle a cinque punte) sono stati rinvenuti sulla parete occidentale140. Considerando la vicinanza dell’area, con cui anzi forma un tutt’uno organico, avanziamo la possibilità che questo portico abbia assunto le funzioni di nubilarium. A sostegno di tale ipotesi, citiamo il portico del granaio della villa di Settefinestre, che D. Manacorda interpretò come uno spazio per riparare il grano nel caso di intemperie141

Comune di Torre Annunziata

Villa di Crassus Tertius o Villa B

  • 142 Kockel 1985, p. 552-554.
  • 143 In particolare, delle spighette e glume carbonizzate di avena selvatica (Borgongino 2006, p. 62).
  • 144 Vd. da ultimo, Thomas 2015.

41La villa fu realizzata sul finire del II secolo a.C. Gli ambienti della villa si dispongono intorno ad un vasto peristilio centrale. Il complesso, a pianta quadrangolare, presenta due piani. S. De Caro ipotizzava per tali vani una funzione di magazzini142. All’interno furono infatti scoperti dei mucchi di erbe carbonizzate, probabilmente del fieno143, insieme ad anfore, brocche, pesi di marmo e piombo. In un locale posto sul lato nord del portico furono rinvenuti prodotti agricoli come fieno e nocciole, mentre in un altro vano posto sul fronte sud della villa furono messi in luce dei melograni, che testimoniano di alcune delle produzioni del fundus della villa. Situata su una strada suburbana, non lontana dal centro di Oplontis, la villa doveva essere probabilmente un sito di stoccaggio e distribuzione di derrate alimentari. Il complesso è stato oggetto di nuove campagne di scavo in tempi più recenti. In seguito a tali interventi, sembra preponderante lo stoccaggio del vino vesuviano144.

Sintesi

Granai, fienili e magazzini

  • 145 Colum., r.r., 1, 6 : sitque utrique proximum horreum, quo conferatur omne rusticum instrumentum ; e (...)
  • 146 Su tale distinzione, più teorica che pratica, rimandiamo a Leveau 1995, p. 371.
  • 147 Manacorda 1985, p. 193.
  • 148 Colum., r.r., 12,55 ; 7,8. 
  • 149 Come ipotizzato ad esempio da De Caro a proposito del fienile della villa rustica di Villa Regina ( (...)
  • 150 Ciarallo 2004, p. 92.

42Ventotto edifici sono stati interpretati, in maniera più o meno probabile, come dei magazzini, dei granai o dei fienili. La scelta di analizzare unitariamente questi tre tipi di strutture è motivata da diversi fattori. Si tratta in primis di edifici che consentono uno stoccaggio di derrate secche e solide al coperto. La distinzione tra magazzino e granaio è sovente alquanto labile nelle fonti bibliografiche consultate per la realizzazione del catalogo dei siti. Noi stessi abbiamo preferito in taluni casi optare per una identificazione più prudente, oscillante tra la definizione più generica di magazzino, laddove la planimetria e l’assenza di dati vegetali o carpologici inficiavano un’interpretazione più precisa, e quella di granaio, più strettamente legata allo stoccaggio cerealicolo. Tale incertezza rispecchia inoltre l’ambiguità funzionale tra horreum e granarium, dei termini usati praticamente come sinonimi nelle fonti agronomiche d’epoca romana, ma caratterizzati il primo da un generico significato di magazzino alimentare (ma anche di magazzino tout court ad esempio per gli attrezzi agricoli)145 e il secondo di spazio per immagazzinare più specificamente il grano146. Il granaio stesso del resto non era destinato unicamente alla conservazione dei cereali. Plinio e Vitruvio consigliano ad esempio per la conservazione della frutta accorgimenti analoghi a quelli riportati per i cereali, e non era infrequente l’uso di conservare nei granai l’uva, i legumi147 e finanche carne e formaggi in tabulato148. Per quanto riguarda invece i fienili, questi potevano essere utilizzati anche come granai149. In ogni caso, anche se impiegati solo per la conservazione della paglia per l’alimentazione animale, fungono da prova indiretta della coltivazione di cereali nel fondo agricolo. La fienagione che essiccata diventa paglia e fieno proviene infatti da una rotazione triennale delle colture come anche dalla coltura estensiva di cereali e leguminose150

  • 151 Vd. supra.

43Questi spazi di stoccaggio (tab. 1) si caratterizzano nella stragrande maggioranza per una pianta rettangolare. Fa eccezione il fienile a pianta quadrata della villa 2 di Boccia al Mauro; sono inoltre prossimi al quadrato gli edifici di via Bartolo Longo a Ponticelli e il fienile di villa 1 a Boccia al Mauro. Per quanto riguarda le dimensioni, andiamo dai 6 m2 circa del granaio della villa dei Papiri ad Ercolano fino ai 61 m2 circa del magazzino/nubilarium della villa di Civita-Giuliana. Abbiamo escluso dal conteggio il piccolo silo per la farina ritrovato nella villa di Fondo Prete, in quanto si tratta di un autentico unicum con i suoi 1,8 m2 di superficie complessiva, e il grande edificio della villa di fondo D’Acunzo, che vanta una superficie totale di 127,6 m2 ma che, secondo M. Della Corte, non era completamente adibito allo stoccaggio del fieno. Discorso a parte per il possibile granaio con pilastri della villa di P. Fannio Sinistore, che stando alla restituzione proposta da A. Carandini avrebbe una superficie di quasi 87 m2, ma che presentava una superficie minimale osservata di 50,5 m2. La superficie di questi vani ha consentito d’appurare una progressione lineare che impedisce la ripartizione in gruppi. Questa constatazione riflette l’assenza di una standardizzazione costruttiva per questo tipo di edifici a carattere funzionale, che rispondono piuttosto ad esigenze di volta in volta differenziate. Lo stesso Varrone prescriveva di realizzare dei granai dalla superficie proporzionale all’estensione dei campi a cereali151

  • 152 Busana 2002, p. 201.
  • 153 Cavada 1994, p. 89.

44Gli edifici inclusi nel catalogo si caratterizzano per dei piani pavimentali in battuto o nel migliore dei casi in cocciopesto e per l’ovvia assenza di decorazioni murali; in alcuni casi, è stato inoltre riscontrato un rivestimento parietale anch’esso in cocciopesto (Contrada Giuliana, Pisanella, Villa Regina e Fondo Prete). Un terzo di questi edifici (9 su 28) presentava al momento dello scavo dei macro-resti vegetali, e in particolare farina, fave, frumento, noccioli di pesca, fibre vegetali, paglia, ceci e orzo. In altri due casi (Contrada Giuliana a Boscoreale e Asciutta a Pompei) sono dei documenti epigrafici che ci informano rispettivamente dello stoccaggio di hordeum e faba (CIL IV, 5430) e di farina (CIL IV, 9425). In ben dodici occasioni riscontriamo l’associazione tra gli edifici di stoccaggio (identificati maggiormente come fienili e nubilaria) e le aie per la trebbiatura. Proprio tale relazione strutturale e funzionale permette, in assenza di dati carpologici (attestati in sole quattro circostanze) d’avanzare la proposta interpretativa. La presenza di un piano superiore è accertata per il fienile-granaio della Pisanella, per il fienile di Villa Regina, per il magazzino a compartimenti di Messigno e per il deposito d’orzo su ammezzato ligneo della Villa dei Papiri. Anche l’horreum della villa di Contrada Giuliana presentava, adiacente al lato orientale, il vano della scala d’accesso al piano superiore. Per il vano 7 della villa di Asciutta, che abbiamo proposto di riconoscere come il magazzino-granaio dell’insediamento, M. Della Corte ci informa dell’esistenza di una scalinata al suo interno con cui si accedeva ad un piano superiore. La presenza di pilastri in posizione centrale è un buon indizio per un piano superiore nei “magazzini in forma di granaio” rinvenuti nella villa di P. Fannio Sinistore e di Via dei Sepolcri a Gragnano. Questo schema planimetrico, definito anche come un edificio a navate, è diffuso in tutta la penisola italiana e nelle province settentrionali durante l’Alto e Basso Impero152. I pilastri sostenevano il solaio del piano superiore e la copertura e scandivano lo spazio interno, che poteva essere ripartito in compartimenti attraverso dei tramezzi lignei, come proposto nella ricostruzione dell’edificio meridionale sito nel Settore 2 della fattoria di Drei Cané a Mezzocorona153 (fig. 8). Va sottolineato comunque che si tratta di edifici polifunzionali, che potevano contenere derrate solide come cereali, attrezzi agricoli e dolia per il vino e l’olio. Uno stoccaggio in compartimenti separati è proposto infine per la villa in località Messigno. Si tratterebbe anche per questa villa rustica di un espediente utile per separare le varie specie di cereali prodotte. Abbiamo individuato dunque tre tipi di edifici di stoccaggio per il grano, i legumi, la paglia e il fieno nelle ville rustiche del territorio vesuviano:

Fig. 8 – Ricostruzione dell’edificio meridionale di Drei Cané, Mezzocorona (da Cavada 1994, p. 89).

Fig. 8 – Ricostruzione dell’edificio meridionale di Drei Cané, Mezzocorona (da Cavada 1994, p. 89).

45Tipo 1: pianta generalmente rettangolare, assenza di ripartizioni interne e in alcuni casi possibilità di stoccaggio al piano superiore. Si tratta del tipo più rappresentato, con 26 attestazioni.

46Tipo 2: pianta rettangolare, fila di pilastri situati in posizione assiale all’interno dell’edificio. È il cosiddetto “magazzino in forma di granaio”. Disponiamo di sole due attestazioni (Villa di P. Fannio Sinistore e Via dei Sepolcri). I pilastri permettono di scandire e in qualche modo ripartire lo spazio interno, oltreché di sostenere un possibile piano di stoccaggio al primo piano e la copertura dell’edificio.

47Tipo 3: stoccaggio in piccoli compartimenti separati. L’unica attestazione è nella villa rustica di Messigno.

  • 154 Morris per la Britannia romana e Van Ossel per la Gallia del Nord durante il periodo tardoantico (M (...)
  • 155 Van Ossel 1992, p. 156-157.
  • 156 De Magistris 2010, p. 57.
  • 157 Monteix 2008, p. 130-131.
  • 158 Miniero 1988, p. 235 e D’Orsi 1997, p. 45.
  • 159 De Magistris 2010 e De Magistris 2012.
  • 160 Bergman 2013, p. 94.

48Confrontando quanto emerso dall’analisi planimetrica e strutturale di questi edifici con le tipologie di magazzini per i cereali realizzate per altre aree geografiche dell’Impero romano154, ci si rende conto immediatamente dell’assenza, nel territorio vesuviano, di alcuni tipi di edifici tradizionalmente associati allo stoccaggio dei cereali e del foraggio. Il registro archeologico nel nostro settore di indagine non ha dato finora conto della presenza di granai lignei sorretti da pali, di edifici dai muri perimetrali provvisti di solidi contrafforti, e soprattutto dei granai con sistema di stoccaggio su piancito ligneo su bassi muretti parallelamente o disposti trasversalmente rispetto ai muri perimetrali, come anche su pilastri in muratura. Si tratta di un dispositivo utile ad isolare il grano dall’umidità del suolo e permettere la ventilazione e il passaggio dell’aria anche al disotto del piano di stoccaggio. Anche il tipo definito “torre-silo” o “torre-granaio”155 non è stato finora accertato in ambito vesuviano. L’assenza di granai lignei sorretti da pali è da imputare, a nostro avviso, sia ad una tradizione costruttiva che sembra prediligere, almeno dal II secolo a.C., l’impiego di materiali costruttivi locali e legati con malta e pozzolana, sia al fatto che gli interventi archeologici, in particolare quelli più datati, si sono concentrati unicamente sull’edificio principale della villa. L’assenza di scavi estensivi non permette quindi di comprendere se degli eventuali granai in legno o con muri rinforzati da contrafforti si trovassero in prossimità immediata dell’edificio principale. Per quanto riguarda invece l’assenza di vani provvisti di un solaio ligneo su un vespaio costituito da fondazioni in muretti o pilastri, si può verosimilmente ipotizzare che lo stoccaggio dei cereali era spesso comunque sopraelevato rispetto al suolo, ma si situasse ai piani superiori. In tal caso erano comunque assicurate l’isolamento del grano dall’umidità e la ventilazione attraverso delle finestre. In alternativa, alcuni edifici riportati nel catalogo presentano un piano pavimentale in cocciopesto, e in alcuni casi un rivestimento parietale realizzato con lo stesso intonaco, che assicurava già un buon isolamento dall’umidità e limitava il rischio che il grano fosse attaccato da insetti e roditori156. Lo stoccaggio ai piani superiori e in vani con rivestimento parietale e pavimentale in malta idraulica è documentato per l’area vesuviana ad Ercolano, in particolare nel granaio della Casa dell’Apollo Citaredo, dove inoltre il vano è aggettante rispetto al perimetro dell’immobile e sorretto da due colonne, un espediente utile ad agevolare la ventilazione. Sempre ad Ercolano, anche la Casa dell’Alcova comporta uno stoccaggio di grano al primo piano, ma questa volta all’interno di vasche157. Potremmo comunque interpretare come un ipotetico granaio sopraelevato un edificio posto in proprietà Bottone a Varano, venuto alla luce nel corso di scavi della Sovrintendenza nel 1960 a 300 m ad est della villa di San Marco. L’edificio, parte di un complesso suburbano addossato ad una strada basolata, fu interpretato come una cisterna158. Le scarse informazioni e il carattere quasi inedito dello scavo ci impongono la cautela più assoluta, ma la pianta di questa struttura, non scavata completamente, presenta tre muretti paralleli, distanziati in maniera regolare e una sorta di piattaforma massiccia addossata al muro orientale (fig. 9). Le dimensioni massime conservate, ricavate sulla pianta pubblicata da P. Miniero, sono di 9,50 x 8 m ca. Per quanto attiene i granai pubblici e urbani, E. De Magistris ha evidenziato in dei recenti contributi come dei magazzini per il grano siano stati identificati in passato, a Paestum e in Sicilia, come delle cisterne per l’acqua159. Per i “granai in forma di torre” infine, B. Bergman ha recentemente proposto per la pars rustica della villa di Contrada Grotta Franchini di interpretare un vano rettangolare dai muri perimetrali spessi, addossato alla parete occidentale del vano con il frantoio, come una possibile torre. La studiosa si è basata per questa sua ipotesi anche su una fotografia dello scavo in cui si vedono gli incassi per le travature lignee del piano superiore160. Considerando la sua collocazione nel settore produttivo della villa, si potrebbe prefigurare uno stoccaggio cerealicolo nei piani superiori della possibile torre, che per quanto attiene il piano terra è però in relazione, attraverso un ampio accesso, con il vano adiacente provvisto di una pressa. 

Fig. 9 – Pianta degli edifici in località Bottone a Varano (da Miniero 1988, fig. 8).

Fig. 9 – Pianta degli edifici in località Bottone a Varano (da Miniero 1988, fig. 8).

Stoccaggio in contenitori ceramici

  • 161 Ciarallo 2004, p. 91-96.
  • 162 Ciarallo 2004, p. 92.
  • 163 Ciarallo 2004, p. 95.
  • 164 Carrato 2017, p. 65-73.
  • 165 La realtà è diversa per i contesti urbani. In particolare per quanto riguarda Pompei, N. Monteix s (...)
  • 166 Pasqui 1897, p. 520.
  • 167 Demare z– Othenin Girard 2010, p. 393; Mauné – Carrato 2013, p. 173.
  • 168 De Magistris 2012, p. 342 et p. 344. Quest’ultimo cita il lavoro dell’abate Galiani, autore nel 175 (...)
  • 169 De Caro 1994, p. 129.
  • 170 André 1961, p. 71-73; Tchernia 2011, p. 254-256, ma potrebbe anche esser meno, intorno ai 30 modii(...)

49Lo stoccaggio in dolia o entro dei vasi ceramici di dimensioni più ridotte, come anfore o olle, è documentato dai resti vegetali trovati all’interno di questi contenitori. Si tratta di dodici attestazioni, provenienti da otto siti. In particolare, un vaso alto 0,90 m contenente avanzi di semi di miglio fu rinvenuto nell’ambiente 3 della villa rustica in contrada Civita-Giuliana. Dei gusci di semi dello stesso cereale furono rinvenuti nel torcularium della villa di Marcus Livius Marcellus a Boscoreale. Una grande olla biansata, ora esposta all’Antiquarium di Boscoreale, fu rinvenuta nell’ambiente 12 di Villa Regina. Provvista ancora di coperchio, conteneva all’interno una sostanza giallastra identificata come della crusca di grano. Del frumento macinato fu infine ritrovato all’interno di un’anfora nella villa di Fondo Prete. Lo stoccaggio di derrate cerealicole in dolia è invece attestato nella villa della Pisanella, nella villa di fondo Prete, nel magazzino di Iossa e a via Passanti a Scafati. In un dolium posto accanto alla caldaia situata nella cella vinaria della villa della Pisanella fu rinvenuta della crusca di grano, mentre del panico si trovava in un dolium defossum situato nella stessa cella a cielo aperto. Sei dolia ritrovati nella villa di Fondo Prete contenevano al loro interno fave, grano e frumento. Della farina incenerita fu invece rinvenuta in due dolia (1,25 m d’altezza ciascuno) provenienti dal vano 3 della villa rustica di Via Passanti a Scafati. A. Ciarallo ha ipotizzato uno stoccaggio di cereali in dolia anche per Villa Regina e, in maniera più consistente di quanto riportato da A. Pasqui, per la villa della Pisanella161. I calcoli della studiosa si fondano sulle dimensioni del fienile e dell’aia di questi due insediamenti rustici. Per quanto riguarda Villa Regina, stima a 2 m3, pari a 200 litri, la produzione di granaglie annuale del fondo (1,5 ettari di campi sottoposti a rotazione). Per lo stoccaggio di questo quantitativo, afferma: “A villa Regina non vi erano granai, ma doli interrati per le provviste di una capacità media di 500 l: di questi evidentemente 6 erano probabilmente destinati alla produzione dell’anno forse un paio alle scorte “162. Passando alla villa della Pisanella, partendo dalle dimensioni del fienile stima a 9 m3, pari a 9 000 litri, il quantitativo di granaglie prodotte in campi messi a rotazione triennale di circa 7,5 ettari. Ipotizza dunque che 18 dolia della cella vinaria fossero adibiti allo stoccaggio cerealicolo163. La recente tesi dottorale di C. Carrato, che tratta in maniera approfondita di questi grandi contenitori ceramici, invita però a ridimensionare per l’epoca romana la pratica dello stoccaggio del grano in questi recipienti, almeno per quanto riguarda l’ambito rurale. In tale ambito i dolia sono destinati essenzialmente allo stoccaggio di derrate liquide, e solo in maniera occasionale sono stati impiegati per conservare i cereali164, come dimostrato anche dall’incidenza limitata nel nostro corpus di questa modalità di stoccaggio165. L’ipotesi di A. Ciarallo si fonda sul postulato che entrambe le ville non possedessero granai. Ora ciò è in parte vero per Villa Regina, anche se, come già riportato in precedenza, S. De Caro non esclude che il fienile potesse fungere anche da granaio. Ma per quanto riguarda la villa della Pisanella, A. Pasqui parla espressamente di un granaio al piano superiore del fienile prospiciente l’aia per la trebbiatura166. Il granaio della Pisanella presenta, come il locale sottostante, una superficie totale di 48,3 m2. Se consideriamo almeno un corridoio rasente la parete sud, quella da cui era possibile accedere al vano, tale da permettere la deambulazione e il recupero del grano al personale addetto (70 cm) e uno spazio minimo di 30 cm per non addossare il grano alle pareti perimetrali, abbiamo una superficie netta di stoccaggio di 35,2 m2. Considerando che le stime attendibili per l’altezza dei mucchi di grano vanno da un minimo di 30 cm167 ad un massimo di 65 cm168, nel granaio della Pisanella poteva potenzialmente esser stoccato un volume compreso tra 10,5 e 22,90 m3 di grano. Anche considerando il valore minimo, siamo oltre la stima di 9 m3 di grano prodotto proposta da A. Ciarallo. Se effettuiamo un calcolo simile per il fienile di Villa Regina, ipotizzando quindi che lo stesso fosse destinato allo stoccaggio del grano prodotto e consumato nell’insediamento, il quantitativo di grano varierebbe da un minimo di 3,35 m3 ad un massimo di 7,3 m3. Ancora una volta, il quantitativo proposto da A. Ciarallo (2 m3) rientrerebbe tranquillamente nel fienile-granaio, senza occupare sei dolia della cella vinaria. Questa stima sarebbe anche maggiormente coerente con il numero di abitanti ipotizzato per la piccola fattoria, che S. De Caro stima ad un massimo di dodici unità169. Ora, sapendo che il consumo individuale di cereali era compreso entro 36 e 42 modii per anno170, che corrispondo a 3-4 hl annui, pur considerando il valore minimale proposto era possibile assicurare il fabbisogno di circa undici persone. Ritornando infine alla villa rustica della Pisanella, A. Pasqui suppose in effetti che soltanto i 72 dolia defossa contenessero vino. I restanti contenitori, situati lungo la parete sud e non interrati, contenevano alcuni l’amurca, altri dei cereali. Per quanto riguarda la morchia si è già detto dell’utilizzo che gli agronomi prescrivono nei granai, mentre per il grano e il miglio effettivamente rinvenuti in due dolia, Pasqui pensa piuttosto che fossero messi a fermentare insieme al mosto, al fine di produrre una specie di lievito impiegato nei processi di panificazione.

Aie per la trebbiatura

  • 171 Colum., r.r., 1, 6.
  • 172 De Caro 1994, p. 63.
  • 173 Ciarallo 2004, p. 92.

50Le aie per la trebbiatura sono state individuate in 19 siti del catalogo. Tale dossier è piuttosto omogeneo, per quanto riguarda la tecnica di costruzione e le caratteristiche strutturali. Le aie (tab. 2) sono quasi tutte di forma rettangolare, anche se spesso si tratta di un rettangolo prossimo al quadrato. In un solo caso (Boccia al Mauro, Villa 2) l’aia è sicuramente quadrata. Le dimensioni vanno dai 42 m2 dell’aia di Villa Regina fino ai 380,7 m2 dell’aia della fase 1 del sito di Pontoni I. Eccetto quest’ultimo caso dalle dimensioni eccezionali, per tutte le altre strutture non andiamo oltre i 142,31 m2 conservati del sito di Via Vetice-Proprietà Farina. Queste aie si trovano in posizione esterna al perimetro della villa, ma comunque addossate alla stessa. Presentano tutte, all’eccezione di quella di Pontoni I, un rivestimento idraulico pavimentale in cocciopesto, che spesso rivestiva anche i muretti bassi (alt. media conservata di 0,50 m ca.), costruiti generalmente in opera incerta di calcare e tufo o in ciottoli. Come in particolare per l’aia della villa rustica di Bartolo Longo, un pulvino situato alla base dei muri rinforza un punto critico e soggetto generalmente a crepature dovute all’assestamento delle murature. Tali crepature potevano divenire ricettacoli per insetti e roditori, da cui la necessità di un rinforzo ulteriore in cocciopesto. Lo stesso Columella, infatti, ne consiglia la realizzazione nei granai171. Alcune aie presentano la pavimentazione in pendenza, un espediente utile a facilitare il deflusso delle acque meteoriche. Si tratta delle aie di Pontoni I, via Vetice-Proprietà Farina, Casa Salese, Via Spinelli-località Ventotto. Per quanto riguarda le strutture di Villa Regina, di Via Buonconsiglio e di Casa Salese, dei fori connessi a dei collettori esterni facilitavano l’evacuazione delle acque meteoriche. Nel solo caso dell’aia di Villa Regina, una rampa di 1,55 x 1,50 m dava accesso dall’esterno ed era addossata al muretto nord. In ben dodici occasioni, abbiamo riscontrato l’associazione tra l’aia e un vano che si apre attraverso una porta sullo spiazzale pavimentato e delimitato utilizzato per le operazioni di trebbiatura. In molti casi, è proprio questa relazione che ha permesso di identificare il vano come il fienile/nubilarium della villa. I siti di Cangiani, Contrada Giuliana, Pisanella, Villa Regina, Civita-Giuliana, Via Bartolo Longo, Via Buonconsiglio, Castagno, Via Spinelli-località Ventotto, Boccia al Mauro-villa 1, Boccia al Mauro-villa 2, presentano tale associazione funzionale. Per Boccia al Mauro-villa 6, il portico che si affaccia sull’aia ha ottime possibilità di essere utilizzato come nubilarium durante il periodo di trebbiatura dei cereali. Particolare è invece il caso dell’aia della villa rustica di Casa Salese, che pur essendo adiacente ad un vano non è collegata ad esso attraverso una porta, ragion per cui si accedeva a tale spazio solamente dall’esterno della fattoria. Per la funzione di tali strutture una generica attribuzione di aia per battere il grano è condivisa dagli archeologi, ed è per tale motivo che sono state inserite nel nostro catalogo come evidenze di una produzione e stoccaggio post-trebbiatura dei cereali. De Caro, a proposito dell’aia di Villa Regina, evoca una funzione di essiccatoio per il fieno, proveniente essenzialmente dal diserbo del settore del vigneto e dalla sfrondatura delle viti, ma non esclude anche una funzione di vera e propria aia per battere il grano172. Di opinione diversa A. Ciarallo che obietta sulla funzione di essiccatoio per lo sfalcio dei vigneti o degli uliveti, “visto che i covoni di fieno vengono di solito lasciati asciugare in campagna e solo dopo immagazzinati in fienile, risultando molto più pesante e faticoso trasportarlo ancora fresco”173. In tal modo inoltre non ci sarebbe stata la necessità di avere l’aia, poiché per la studiosa questa struttura aveva la funzione primaria di battitura e separazione della paglia dalla granella tramite la ventilazione. A parte forse le più piccole aie di Villa Regina, Via Buonconsiglio, Via Poggiomarino e Boccia al Mauro-villa 1, tutte di superficie inferiore ai 50 m2, per le altre aie è possibile ipotizzare una battitura effettuata alla mano con mazze apposite, ma anche con l’aiuto di animali da traino e equidi. A. Ciarallo ha inoltre messo in relazione la superficie dell’aia a quella del fienile per quattro ville del nostro corpus (Pisanella, Villa Regina, ville 1 e 2 di Boccia al Mauro). Il rapporto è risultato essere più alto nei casi della Pisanella e della villa 2 rispetto a quello di Villa Regina e villa 1 di Terzigno. Secondo A. Ciarallo,

  • 174 Ciarallo 2004, p. 91.

51“ciò dovrebbe significare nel primo caso una resa miglior dei terreni oppure una rotazione biennale realizzata alternando la coltura di leguminose e cereali, piuttosto che una triennale di leguminose, cereali e maggese, che comporterebbe la necessità di un più ampio fienile”174

52Abbiamo dunque provato ad instaurare lo stesso rapporto negli altri casi di associazione tra aia e fienile. Il rapporto risulta più alto, in linea con i casi della Pisanella e della villa 2 di Terzigno per Contrada Giuliana, Bartolo Longo e la villa 6 di Boccia al Mauro. Basso invece il rapporto per gli edifici di Civita Giuliana e Via Buonconsiglio. 

L’apporto dello studio sugli spazi di stoccaggio alla questione della sussistenza cerealicola dell’area vesuviana

  • 175 Andreau 1994.
  • 176 Della Corte 1923a, p. 271.
  • 177 Carrington 1931.
  • 178 Day 1932.
  • 179 Rostovtzeff 1957, p. 38 e 416-417.
  • 180 Tchernia 1986.
  • 181 Jongman 1988, p. 97-154.

53Prima di valutare il contributo di questa nostra ricerca ripercorriamo brevemente le tappe bibliografiche essenziali del dibattito inerente la produzione cerealicola del territorio vesuviano. La questione è ben sintetizzata da J. Andreau in un articolo del 1994 relativo all’approvvigionamento in cereali di Pompei nel I secolo d.C.175 Le ricerche degli anni ‘20-30’ dello scorso secolo sottolineano la predominanza di un’agricoltura specializzata e rivolta al commercio. I vari M. Della Corte176, R.C. Carrington177, J. Day178, M.I. Rostovtzeff179 hanno evidenziato l’importanza delle culture della vite e dell’olivo nell’area vesuviana, non negando certamente la produzione cerealicola, ma relegandola ad un ruolo minore. Lo stesso J. Andreau si è allineato a tali considerazioni e ancor di più fece A. Tchernia nel suo volume sul vino dell’Italia romana180. Questi autori suppongono in ultima istanza un apporto di grano dall’esterno, favorito dall’approdo nel vicino porto di Puteoli del grano egiziano. Nel suo volume pubblicato nel 1988, W. Jongman ridimensiona il ruolo delle culture arbustive, attribuendo alla cerealicoltura un’estensione notevole e destinandola al consumo della popolazione locale, delle campagne e della città di Pompei181. J. Andreau concludeva il suo articolo accettando con riserva le ipotesi di Jongman e affermando che

  • 182 Andreau 1994, p. 133.

54“la vigne dominait, mais il n’a jamais existé de véritable monoculture, surtout dans les plaines. Jongman a raison de dire qu’on a trop négligé la place du blé et d’éventuelles autres céréales. Cela n’empêche pas qu’au Ier siècle av. J.-C, et au Ier s. ap. J.-C., cette région ne vendait pas de céréales à l’extérieur, tandis qu’elle vendait du vin”182.

  • 183 Ciarallo 1994.
  • 184 Ciarallo 2004, p. 102-104.
  • 185 Senatore 1998; Stefani 2002, p. 48-49.
  • 186 187 <http://www.salve-research.org/>, [ultimo accesso 25 luglio 2017].
  • 187 Vogel et al. 2012.
  • 188 Kastenmeier 2013.
  • 189 Kastenmeier 2013, p. 133.

55Inoltre, continuava a pensare che una parte dei cereali consumati a Pompei provenissero dall’esterno. Però già nell’ambito di quello stesso convegno tenutosi a Napoli nel 1991, A. Ciarallo, presentando i risultati delle analisi palinologiche inerenti l’area vesuviana, affermava che gli abitanti di questo territorio non avrebbero avuto bisogno d’importare granaglie, giacché “l’area vesuviana poteva ospitare colture cerealicole su circa il 40 % dei 1 000 km2 di territorio con una produzione di almeno 60 000 quintali, utili ad una popolazione di 30.000 persone”183. Una produzione importante di frumento è inoltre testimoniata dalla presenza di pollini di triticum rilevati nei prelievi di terra effettuati nella piana vesuviana, dal ritrovamento di numerose falci messorie e dalla considerazione che nella prima metà dell’800 la piana vesuviana era ancora estensivamente ricoperta di campi di grano. Queste considerazioni sono quasi interamente riprodotte nel suo volume del 2004184. F. Senatore e G. Stefani insistono invece sulla presenza limitata di colture cerealicole nel territorio vesuviano, stimando come prevalente la coltivazione della vite185. In un recente articolo realizzato dall’équipe di ricerca che lavora al progetto denominato SALVE186, uno studio sul territorio corrispondente alla valle del fiume Sarno, gli autori hanno riportato un numero di circa 150 villae rusticae individuate attraverso uno spoglio della bibliografia edita e non187. Se escludiamo i siti di Via Bartolo Longo a Ponticelli e la Villa dei Papiri a Ercolano, che non si trovano nella zona individuata dai ricercatori suddetti, disponiamo di 30 siti in cui la produzione cerealicola è fortemente probabile in considerazione di una documentazione inerente le strutture per lo stoccaggio e trattamento dei cereali, i carporesti e la documentazione epigrafica. Se consideriamo la natura spesso limitata e frammentaria della documentazione bibliografica relativa alle villae rusticae, il fatto stesso di disporre di un quinto dei siti interessati dallo stoccaggio cerealicolo costituisce un discreto risultato. A ciò andrebbe aggiunta la documentazione relativa ai panifici rinvenuti nelle ville, per cui rinviamo all’articolo recentemente pubblicato da P. Kastenmeier188. In particolare, la studiosa sottolinea la presenza di forni per la cottura del pane, associati a macine rotatorie, caratterizzati da dimensioni importanti. Questi due elementi sarebbero la testimonianza della produzione di una grande quantità di farina, trasformata poi in pane. Secondo P. Kastenmeier, questo pane serviva essenzialmente all’autoconsumo degli abitanti delle villae, dei servi ma anche dei lavoratori temporanei e stagionali. La parzialità dei dati disponibili impedisce invece d’ipotizzare che le ville rustiche abbiano potuto giocare un ruolo di fornitrici di pane agli abitanti delle città189

  • 190 Monteix 2008, p. 130-132.
  • 191 La Rocca – De Vos – De Vos 1976, p. 243-245.

56Un’altra possibilità da tenere in considerazione è la presenza di uno stoccaggio ai piani superiori delle ville rustiche. Come osservato da N. Monteix, si tratta di una soluzione messa in atto, in ambito urbano, ad Ercolano190. È quanto supposto anche a Pompei nella villa suburbana di Diomede da Arnold e Mariette Da Vos, in particolare per il piano superiore del settore riservato all’alloggio dei servi, che era usato verosimilmente come dispensa per le derrate191. Ricordiamo a tal proposito che nella Villa dei Papiri di Ercolano il deposito di orzo carbonizzato, dello spessore di 20 cm, fu rinvenuto al disopra di un ammezzato ligneo. Lo stoccaggio ai piani superiori resta però archeologicamente discreto, in maniera generale sicuramente, ma anche nel contesto privilegiato del territorio vesuviano. 

  • 192 Demarez – Othenin Girard 2010, p. 393-394.
  • 193 P. Gentry indica una temperatura di 15,6° come ideale per tenere ad un livello basso l’attività deg (...)
  • 194 De Magistris 2012, p. 341.
  • 195 Tchernia 2011, p. 255.

57Ma ritornando sui dati in nostro possesso, possiamo valutare il potenziale di stoccaggio degli edifici recensiti e riflettere dunque sull’eventuale produzione di un surplus da parte di tali insediamenti rustici. Per far ciò abbiamo impiegato le stesse stime citate in precedenza a riguardo della Villa Regina e della Pisanella e quindi calcolato il volume di grano stoccato sulla base delle ipotesi attendibili relative all’altezza dei mucchi di grano (da un minimo di 30 cm ad un massimo di 65 cm) e in un secondo momento il numero teorico di persone che potevano essere nutrite annualmente con tale stock di cereali. Si tratta evidentemente di una modellizzazione che resta in parte teorica per le ragioni seguenti. In primis, se è vero che uno stoccaggio in mucchi direttamente posti sul piano pavimentale è generalmente accolto per i granai rurali192, non ci è dato sapere se fossero presenti dei compartimenti o cassoni lignei, per separare le diverse specie di cereali e legumi stoccati. Inoltre, è bene specificare che si tratta di un volume di stoccaggio massimo. Il granaio non doveva essere sempre ricolmo e anche la disposizione stessa dei mucchi non rispondeva ad una regola precisa, a parte l’evitare di disporli in prossimità dei muri e predisporre dei corridoi per accedere al grano stesso, laddove tali precetti agronomici fossero effettivamente messi in pratica. La forchetta anche ampia tra i valori minimi e massimi proposta per il volume di grano conservato risponde soprattutto ad un principio di cautela utile a fornire delle stime attendibili. Riteniamo in effetti che sia meglio fornire delle cifre per difetto, piuttosto che sovrastimare la produzione cerealicola. Questi calcoli tengono anche conto del fatto che non si può stoccare il grano su altezze maggiori, pena il riscaldamento eccessivo dei mucchi di grano193 e quindi la perdita dello stock, che a alte temperature è soggetto a germinazioni di muffe e proliferazione entomologica194. Sulla percentuale di perdita dello stock sono stati avanzati dei calcoli teorici da numerosi studiosi. Si tratterebbe di valori realisticamente compresi tra il 20 % e il 33 %195. Va però detto che tali autori (G. Geraci e G. Rickman) fanno riferimento a del grano proveniente da oltremare, che ha già sopportato un lungo viaggio in stiva e in condizioni di temperatura e umidità non favorevoli alla conservazione. In tal senso, considerando che una parte del grano era consumato dagli abitanti stessi delle ville rustiche, e che il restante surplus al massimo raggiungeva le città poste nelle immediate vicinanze, riteniamo che le percentuali di perdita dovevano essere di gran lunga ridotte, e dovute unicamente agli agenti infestanti di natura entomologica, muffe e roditori.

  • 196 Su tali aspetti, Erdkamp 2005 e Hopkins 1983, p. 90-92.
  • 197 Spurr 1986, p. 3: “it is argued that mixed farming was the general rule because of the need not onl (...)

58Vale la pena di ricordare inoltre che la produzione di cereali è soggetta a una naturale variazione annuale, che può essere anche considerevole, ragion per cui non bisogna dimenticare che la vendita di tali derrate doveva avvenire soltanto quando era assicurato il fabbisogno degli abitanti della villa; in tali casi era possibile vendere il surplus196. Ora eccetto i casi del piccolo magazzino della villa di Castagno e il fienile di Via Poggiomarino, il quale però è stato scavato solo parzialmente, tutti gli altri spazi di stoccaggio riuscivano ad assicurare il fabbisogno annuo in cereali di almeno una decina di persone. Se la funzione di stoccaggio per i bisogni alimentari interni a tali insediamenti rustici sembrerebbe assicurata, va sottolineato però che su 19 magazzini analizzati, la maggior parte (almeno 14) presentano un volume potenziale di grano stoccato importante, che va da un minimo di 55 hl (Boccia al Mauro-Villa 1) fino ad arrivare al potenziale massimo del magazzino con pilastri della villa di Fannio Sinistore a Boscoreale di 420 hl di grano (tab. 1). In particolare i magazzini di Fondo D’Acunzo, della villa Popidi Flori, di Via dei Sepolcri, della Pisanella e di Messigno potevano assicurare un fabbisogno annuo in cereali per un minimo di 30 fino a un massimo di 70 persone. Le estimazioni fatte sono inerenti a insediamenti rustici nei quali è presente una policoltura basata sulla cosiddetta “triade mediterranea”, che vede le culture arbustive della vite e dell’olivo, specializzate e di carattere intensivo, associate alla cultura estensiva dei cereali, senza dimenticare le colture orticole e l’allevamento197. I valori ricavati dal calcolo del volume di cereali stoccati rapportato al fabbisogno annuo in cereali per il periodo romano sono quindi coerenti con tale ipotesi, e anzi è altresì probabile per un buon numero di questi insediamenti la generazione di un surplus, di proporzioni sicuramente non enormi, ma tale da essere venduto nei mercati cittadini insieme ovviamente ad altri prodotti agricoli. La frammentarietà delle ricerche sulle ville del territorio ci impediscono comunque di avvalorare o inficiare le ipotesi di W. Jongman e A. Ciarallo relativamente al fatto che il fabbisogno in cereali di Pompei in particolare (ma anche delle altre ville vesuviane) fosse assicurato unicamente dalla produzione locale. Inoltre, in linea rispetto agli studiosi interessati a questa problematica, l’ingente flusso di grano egiziano che arrivava al vicino porto di Pozzuoli ha sicuramente giocato un ruolo importante nell’approvvigionamento delle città vesuviane, favorite dalla immediata prossimità di quest’importante scalo marittimo. 

Conclusioni

  • 198 Garcia 1987, p. 45.
  • 199 Vd. anche Rickman 1971.

59Il territorio vesuviano, e le ville rustiche che dal periodo tardo-repubblicano sono disseminate nella piana e sui primi rilievi collinari del comprensorio, sono ormai da tempo oggetto di studi. Dai primi pionieristici interventi, spesso poco più che sterri incontrollati, ma con punte di eccellenza tanto più rimarcabili per l’epoca, si è arrivati negli ultimi anni a delle ricerche sempre più dettagliate e che apportano informazioni inedite sulla realtà paleo-ambientale e sulle attività economiche e produttive che si svolgevano negli insediamenti rurali. L’eruzione del Vesuvio del 79 d.C., eccezionale terminus ante quem, permette di lavorare su un contesto cronologico ben definito per quanto attiene la conclusione, ma nettamente meno per le date di costruzione degli edifici rurali. Soprattutto per i vecchi scavi le datazioni si fondano unicamente sull’analisi della tecnica costruttiva, in mancanza di dati stratigrafici e di uno studio del materiale ceramico adeguati. In tale milieu di studi, con questo articolo si è voluto apportare un contributo attraverso la definizione di un catalogo dei magazzini per lo stoccaggio cerealicolo e foraggiero, e gli spazi adibiti alla trebbiatura del grano. Ciò ha consentito di ripartire i dati a disposizione in tre categorie maggiori. Lo stoccaggio dei cereali nelle ville rustiche vesuviane è unicamente in atmosfera aerobica198, entro cui abbiamo distinto uno stoccaggio prevalente sotto forma di mucchi disposti direttamente sul suolo, al pianterreno (soprattutto per quanto attiene il foraggio, ma anche per il grano) e su soppalco ligneo (per il grano), ed entro contenitori ceramici, in particolar modo dolia, ma anche anfore di dimensioni più modeste. In particolare, per questo secondo metodo di stoccaggio abbiamo avuto modo di sottolineare il carattere puntuale e non sistematico, in quanto anche nel territorio vesuviano i dolia che si trovano nelle celle vinarie a cielo aperto hanno una funzione prevalente di conservazione di derrate liquide, soprattutto vino. Le aie per la trebbiatura sono state ugualmente oggetto di un interesse particolare, come prove dirette della produzione cerealicola nel fundus e per la possibilità concreta d’identificazione dei vani a esse collegati come nubilaria. Le stime proposte sul quantitativo di grano stoccato nei magazzini identificati consentono di farsi un’idea della produzione in cereali di questi insediamenti, caratterizzati da una policoltura di tipo prettamente mediterraneo. L’apporto probabilmente più importante di questa documentazione è la considerazione che, in assenza di edifici contraddistinti da dispositivi tradizionalmente connessi allo stoccaggio dei cereali (su tutti, il granaio sopraelevato su muretti paralleli o pilastri199), quest’ultimi potevano essere conservati nei piani superiori, per beneficiare di condizioni ottimali, ovviamente per l’epoca, di conservazione. Vale la pena sottolineare però, in conclusione, che il materiale di cui disponiamo non è altro che uno spaccato, frammentario e per molti versi legato alla casualità delle scoperte, di quello che doveva essere in passato. Da questo punto di vista, i risultati del progetto SALVE e le ricerche in atto ancora inedite e quelle che verranno nei prossimi anni amplieranno sicuramente il quadro fin qui delineato. Ciononostante, in assenza di dati provenienti da prospezioni sul territorio inerenti l’estensione dei fundi agricoli del territorio, gli spazi di stoccaggio e le aie difficilmente potranno contribuire a fornire dati più precisi sul vettovagliamento delle città vesuviane. 

Sito

Tipo

Misure (m)

Superficie (m2)

Stoccaggio teorico (m3)

4

Contrada Giuliana

Granaio

5,80 x 4,50

26

5,46 – 10,92

4

Contrada Giuliana*

Fienile

3,30 x ?

/

/

5

Fondo D'Acunzo

Granaio

7,70 x 5,40

41,58

9,37 – 18,74

5

Fondo D'Acunzo

Fienile

22 x 5,80

127,60

/

7

Villa N. Popidi Flori

Magazzino/granaio

8,30 x 5,20

43,16

9,70 – 19,40

8

Pisanella

Granaio

11,50 x 4,20

48,30

10,46 – 20,92

8

Pisanella *

Fienile

11,50 x 4,20

48,30

/

9

Villa P. Fannio Sinistore

Granaio

6,30 x 13,80

86,94

20,90 – 41,97

10

Villa Regina *

Fienile/granaio

6,02 x 3,04

18,30

3,35 – 7,30

12

Villa dei Papiri

Granaio

3 x 2

6

1,008 – 2,184

14

Via dei Sepolcri

Granaio

7,30 x 6,40

46,72

10,85 – 21,71

15

Via Bartolo Longo *

Fienile

4 x 5

20

3,96 – 7,92

16

Asciutta

Magazzino/granaio

8 x 4,25

34

7,215 – 14,43

17

Civita-Giuliana

Magazzino/nubilarium

10,40 x 5,90

61,36

18,41 – 36,81

17

Civita-Giuliana

Fienile

10,80 x 3,50

37,80

7,65 – 15,3

18

Contrada Crapolla

Magazzino/granaio

7,15 x 4

28,60

5,90 – 11,80

20

Via Buonconsiglio

Magazzino/fienile

6 x 4,60

27,60

5,83 – 11,66

21

Località Messigno

Magazzino

(6 x 5) x 2

60

12,24 – 24,48

24

Fondo Prete

Magazzino/silo

2 x 0,90

1,80

/

24

Fondo Prete

Magazzino con dolia

3,80 x 2,20

8,36

/

26

Località Castagno *

Fienile/granaio

5,40 x 2,60

14,04

2,30 – 4,61

27

Via del Macello Vecchio

Magazzino

6,90 x 3,30

22,77

5,15 – 11,15

29

Via Poggiomarino, De Martino *

Fienile/nubilarium

7,03 x 1,25

8,80

2,40 – 4,80

30

Via Spinelli, loc. Ventotto

Fienile/nubilarium

4 x ?

/

/

31

Boccia al Mauro, Villa 1 *

Fienile/granaio

5,70 x 4,60

26,22

5,51 – 11.016

32

Boccia al Mauro, Villa 2 *

Fienile/granaio

4,30 x 4,30

18,50

3,66 – 7,32

33

Boccia al Mauro, Villa 6 *

Portico/nubilarium

9,40 x 3

28,20

/

Tab. 1 – Tabella degli spazi di stoccaggio presenti nel catalogo; l’asterisco indica l’associazione tra il vano e l’aia contigua, mentre il numero del sito è in relazione alla carta di localizzazione dei siti (fig. 1). 

Sito

Tipo

Misure (m)

Superficie (m2)

1

Palmentello

Aia

10,60 x 9

95,40

2

Pontoni I

Aia

47 x 8,10 /

14,30 x 7,70

380,7 /

110

4

Contrada Giuliana *

Aia

7,50 x ?

/

8

Pisanella *

Aia

11,50 x 10

115

10

Villa Regina *

Aia

6 x 7

42

13

Proprietà Liguori

Aia

11,60 x ?

/

15

Via Bartolo Longo *

Aia

8 x 12

96

20

Via Buonconsiglio

Aia

7,40 x 6

44,40

23

Via Vetice-Proprietà Farina

Aia

13,30 x 10,70

142,31

26

Località Castagno *

Aia

7,70 x ?

/

29

Via Poggiomarino, De Martino *

Aia

8,30 x 5,40

44,82

31

Boccia al Mauro-villa 1 *

Aia

10,22 x 4

40,88

32

Boccia al Mauro-villa 2 *

Aia

8,90 x 8,90

79,21

33

Boccia al Mauro-villa 6 *

Aia

12,20 x 10

122

Tab. 2 – Tabella delle aie per la trebbiatura presenti nel catalogo; l’asterisco indica l’associazione tra il vano e l’aia contigua, mentre il numero del sito è in relazione alla carta di localizzazione dei siti (fig. 1). 

Haut de page

Bibliographie

André 1961  = J. André, L’Alimentation et la cuisine à Rome, Parigi, 1961.

Andreau 1994 = J. Andreau, Pompéi et le ravitaillement en blé et autres produits de l’agriculture (Ier siècle ap. J.-C.), in Le Ravitaillement en blé de Rome et des centres urbains des débuts de la République jusqu’au Haut-Empire. Actes du colloque international de Naples, 14-16 février 1991, Roma, 1994, p. 129-136. 

Barbet – Verbanck-Piérard 2013 = A. Barbet, A. Verbanck-Piérard (a cura di), La villa romaine de Boscoreale et ses fresques, Arles, 2013.

Barnabei 1901 = F. Barnabei, La Villa pompeiana di P. Fannio Sinistore scoperta presso Boscoreale, Roma, 1901. 

Berggren – Andrén 1969 = E. Berggren, A. Andrén, Blera (località Selvasecca). Villa rustica etrusco-romana con manifattura di terrecotte architettoniche, in Notizie degli scavi d’Antichità, 1969, p. 51-71.

Bergman 2013 = B. Bergman, Realia. Portable and painted objects from the villa of Boscoreale, in A. Barbet, A. Verbanck-Piérard (a cura di), La villa romaine de Boscoreale et ses fresques, Arles, 2013, p. 79-103.

Bonifacio 2009 = G. Bonifacio, Ufficio Scavi di Stabia Notiziario 2008, in Rivista di Studi Pompeiani, 20, 2009, p. 156-158. 

Borgongino 2006 = M. Borgongino, Archeobotanica. Reperti vegetali da Pompei e dal territorio vesuviano, Roma, 2006.

Borgongino – Stefani 2001-2002 = M. Borgongino, G. Stefani, Intorno alla data dell’eruzione del 79 d.C., in Rivista di Studi Pompeiani, 12-13, 2001-2002, p. 177-215. 

Carandini et al. 1985 = A. Carandini et alii, Settefinestre. Una villa schiavistica nell’Etruria romana, Modena, 1985, 3 vol. 

Carandini 1989 = A. Carandini, La villa romana e la piantagione schiavistica, in A. Schiavone, E. Gabba (a cura di), Storia di Roma, IV, Caratteri e morfologie, Torino, 1989, p. 101-200. 

Carrato 2017 = C. Carrato, Le dolium en Gaule Narbonnaise (Ier s. a.C.-IIIe s. p.C. Contribution à l’histoire socio-économique de la Méditerranée nord-occidentale, Bordeaux, 2017.

Carrington 1931 = R.C. Carrington, Studies in the Campanian Villae rusticae, in Journal of Roman Studies, 21, 1931, p. 110-130.

Casale – Bianco 1979 = A. Casale, A. Bianco, Primo contributo alla topografia del suburbio pompeiano, in Antiqua, supplemento al n° 15, p. 27-56.

Cascella – Vecchio 2012 = S. Cascella, G. Vecchio, Area Vesuviana Orientale. Nota preliminare sulla scoperta della villa rustica di C. Olius Ampliatus : suburbio sud-orientale di Neapolis (Ponticelli), in Rivista di Studi Pompeiani, 23, 2012, p. 169-179. 

Cascella – Vecchio 2014 = S. Cascella, G. Vecchio, La villa rustica di C. Olius Ampliatus. Suburbio sud-orientale di Napoli (Ponticelli), BAR International Series, 2608, Oxford, 2014.

Cavada 1994 = E. Cavada (a cura di), Archeologia a Mezzocorona. Documenti per la storia del popolamento rustico di età romana nell’area atesina, Trento, 1994. 

Ciarallo 1994 = A. Ciarallo, Il frumento nell’area vesuviana, in Le Ravitaillement en blé de Rome et des centres urbains des débuts de la République jusqu’au Haut-Empire. Actes du colloque international de Naples, 14-16 Février 1991, Roma, 1994, p. 137-139.

Ciarallo 2003 = A. Ciarallo, In margine alla stagione dell’eruzione del 79 d.C., in Rivista di Studi Pompeiani, 14, 2003, p. 378-379.

Ciarallo 2004 = A. Ciarallo, Flora pompeiana, Roma, 2004.

Ciarallo – De Carolis 1998 = A. Ciarallo, E. De Carolis, La data dell’eruzione, in Rivista di Studi Pompeiani, 9, 1998, p. 63-73. 

Cicirelli 1989 = C. Cicirelli, Le ville romane di Terzigno, Terzigno, 1989.

Cicirelli 2000a = C. Cicirelli, La Villa 1 di Terzigno, in P.G. Guzzo (a cura di), Casali di ieri casali di oggi. Architetture rurali e tecniche agricole nel territorio di Pompei e Stabiae, Napoli, 2000, p. 71-74.

Cicirelli 2000b = C. Cicirelli, La Villa 2 di Terzigno, in P.G. Guzzo (a cura di), Casali di ieri casali di oggi. Architetture rurali e tecniche agricole nel territorio di Pompei e Stabiae, Napoli, 2000, p. 75-77.

Cicirelli 2000c = C. Cicirelli, La Villa 6 di Terzigno, in P.G. Guzzo (a cura di), Casali di ieri casali di oggi. Architetture rurali e tecniche agricole nel territorio di Pompei e Stabiae, Napoli, 2000, p. 79-83.

Cicirelli 2011 = C. Cicirelli, Attività dell’Ufficio Scavi Zone Periferiche. Terzigno, cava Ranieri – Villa 6. Campagna di scavo 2011, in Rivista di Studi Pompeiani, 22, 2011, p. 177-189.

Cotton – Métraux 1985 = M.A. Cotton, G.PR. Métraux, The San Rocco villa at Francolise, Supplementary Publication of the British School at Rome, Londra, 1985.

Day 1932 = J. Day, Agriculture in the life of Pompeii, in Yale Classical Studies, 3, 1932, p. 166-208.

D’Amore 1977a = L. D’Amore, S. Antonio Abate. Rinvenimento fortuito di parte di una villa rustica del I sec. a.C., in Cronache pompeiane, 3, 1977, p. 222-223.

D’Amore 1977b = L. D’Amore, Recenti pubblicazioni. C. Cuomo, La villa rustica di S. Antonio Abate da me dissepolta. Pompei, 1976, in Cronache Pompeiane, 3, 1977, p. 223-232.

D’Arms 1970 = J. D’Arms, Romans on the Bay of Naples: a social and cultural study of the Villas and their owners from 150 B.C. to A.D. 400, Cambridge, 1970.

D’Arms 1984 = J. D’Arms, Ville rustiche e ville di otium, in F. Zevi (a cura di), Pompei 79, Raccolta di studi per il Decimonono Centenario dell’eruzione vesuviana, Napoli, 1984, p. 171-183.

D’Orsi 1997 = L. D’Orsi, Gli scavi di Stabiae. Giornale di scavo, Roma, 1997.

De Caro 1994 = S. De Caro, La villa rustica in località Villa Regina a Boscoreale, Roma, 1994. 

De Caro – Mele 2001 = S. De Caro, F. Mele, L’occupazione romana della Campania settentrionale nella dinamica insediativa di lungo periodo, in E. Lo Cascio, A. Storchi Marino (a cura di), Modalità insediative e strutture agrarie nell’Italia meridionale in età romana, Bari, 2001, p. 501-581.

De Franceschini 2005 = M. De Franceschini, Ville dell’Agro romano, Roma, 2005. 

De Magistris 2010 = E. De Magistris, Per un inquadramento tipologico della “piscina” presso il foro di Paestum, in Parola del Passato, 2010, p. 51-68.

De Magistris 2012 = E. De Magistris, Granai pubblici di età romana, in Parola del Passato, 2012, p. 321-362.

Demarez – Othenin Girard 2010 = J.-D. Demarez, B. Othenin Girard, Établissements ruraux de La Tène et de l’époque romaine à Alle et à Porrentruy (Jura, Suisse), Porrentruy, 2010.

De’Spagnolis 1998 = M. De’ Spagnolis, San Valentino Torio (Salerno). Rinvenimenti di epoca romana, in Bollettino d’Archeologia, 51-52, 1998, p. 83-87.

De’ Spagnolis Conticello 1991 = M. De’ Spagnolis Conticello, Scafati (Salerno). Località Castagno. Villa rustica, in Bollettino d’Archeologia, 7, 1991, p. 99-103.

De’ Spagnolis Conticello 1991-1992 = M. De’ Spagnolis Conticello, Ville rustiche a Scafati, in Rivista di Studi Pompeiani, 5, 1991-1992, p. 67-86. 

De’ Spagnolis Conticello 1993-1994 = M. De’ Spagnolis Conticello, Di due ville rustiche rinvenute a Scafati (SA), in via Spinelli ed in via Poggiomarino, in Rivista di Studi Pompeiani, 6, 1993-1994, p. 137-139.

De’ Spagnolis Conticello 1994 = M. De’ Spagnolis Conticello, Il pons Sarni di Scafati e la via Nuceria-Pompeios, Roma, 1994.

De’ Spagnolis 2002 = M. De’ Spagnolis, La villa N. Popidi Narcissi Maioris in Scafati, suburbio orientale di Pompei, Roma, 2002. 

Della Corte 1921a = M. Della Corte, Villa rustica, esplorata dal sig. Ferruccio De Prisco nel fondo D’Acunzo, posto immediatamente a mezzogiorno del piazzale della stazione ferroviaria di Boscoreale (Ferrovie dello Stato), l’anno 1903, in Notizie degli scavi di Antichità, 1921, p. 436-442. 

Della Corte 1921b = M. Della Corte, La « Villa rustica N. Popidi Flori » esplorata dalla signora Giovanna Zurlo-Pulzella, nel fondo di sua proprietà in contrada Pisanella, comune di Boscoreale, l’anno 1906, in Notizie degli scavi di Antichità, 1921, p. 442-458.

Della Corte 1921c = M. Della Corte, Altra villa rustica, scavata dal sig. cav. Carlo Rossi-Filangieri nel fondo di Raffaele Brancaccio, nella stessa contrada Civita-Giuliana (Comune di Boscoreale) nei mesi da gennaio a marzo 1904, in Notizie degli scavi di Antichità, 1921, p. 423-426.

Della Corte 1923a = M. Della Corte, Villa rustica esplorata dal sig. Giacomo Matrone in un fondo di sua proprietà, posto immediatamente ad Occidente della via vicinale che attraversa, in direzione Nord-Sud, la contrada Messigno, in Comune di Gragnano, in Notizie degli scavi di Antichità, 1923, p. 271-274.

Della Corte 1923b = M. Della Corte, Villa rustica esplorata dal sig. cav. Carlo Rossi-Filangieri in un fondo del sig. comm. Agnello Marchetti, posto immediatamente ad Ovest della Via Scafati-Gragnano, nella contrada Carità, in Comune di Gragnano, in Notizie degli scavi di Antichità, 1923, p. 275-280.

Della Corte 1923c = M. Della Corte, Villa rustica parzialmente esplorata dall’on. sig. Vincenzo De Prisco in un fondo di sua proprietà alla Contrada Crapolla (Comune di Scafati), in Notizie degli scavi di Antichità, 1923, p. 284-287.

Della Corte 1923d = M. Della Corte, Scavi eseguiti da privati nel territorio pompeiano. IX. Villa rustica scavata dal Sig. Ing. Gennaro Matrone in un fondo di sua proprietà situato nella contrada Spinelli (Comune di Scafati) a Sud del portellone n. 27 del R. Canale del Sarno, in Notizie degli Scavi di Antichità, 1923, p. 280-284.

Della Corte 1929a = M. Della Corte, XI. La Villa rustica « Ti Claudi Eutychi, Caesaris l(iberti) », esplorata dal sig. cav. Ernesto Santini, nel fondo di sua proprietà alla contrada Rota (Comune di Boscotrecase), negli anni 1903-1905, in Notizie degli Scavi di Antichità, 1929, p. 459-479.

Della Corte 1929b = M. Della Corte, Valle di Pompei. Parziale esplorazione di una Villa rustica, nella cava di lapillo di Angelantonio De Martino, in Notizie degli Scavi di Antichità, 1929, p. 190-199.

Della Corte 1929c = M. Della Corte, Boscoreale. Parziale scavo della Villa rustica « M. Livi Marcelli », in Notizie degli Scavi di Antichità, 1929, p. 178-189.

Di Giuseppe 2008 = H. Di Giuseppe, La villa romana di San Pietro di Tolve. Dalla proprietà senatoria a quella imperiale, in A. Russo, H. Di Giuseppe (a cura di), Felicitas temporum. Dalla terra alle genti : la Basilicata settentrionale tra archeologia e storia, Potenza, 2008, p. 355-392.

Erdkamp 2005 = P. Erdkamp, The grain market in the Roman Empire: a social, political, and economic study, Cambridge, 2005.

Ferdière 2015 = A. Ferdière, Essai de typologie des greniers ruraux de Gaule du Nord, in Revue archéologique du Centre de la France, 54, 2015, [in linea], <http://racf.revues.org/2294>, [ultimo accesso 25 luglio 2017].

Garcia 1987 = D. Garcia, Observations sur la production et le commerce des céréales en Languedoc méditerranéen durant l’Âge du Fer : les formes de stockage des grains, in Revue Archéologique de la Narbonnaise, 20, 1987, p. 43-98.

Garnsey 1988 = P. Garnsey, Famine and food-supply in Graeco-Roman world, Cambridge, 1988.

Gentry 1976 = A.P. Gentry, Roman military stone-built granaries in Britain, British Archaeological Reports 32, Oxford, 1976. 

Hopkins 1983 = K. Hopkins, Models, ships and staples, in P. Garnsey, K. Hopkins e C.R. Whittaker (a cura di), Trade in the ancient economy, Londra, 1983, p. 84-109. 

Jongman 1988 = W. Jongman, The economy and society of Pompeii, Amsterdam, 1988. 

Kastenmeier 2013 = P. Kastenmeier, Les espaces de préparation alimentaire dans les villae rusticae de l’ager Pompeianus, in S. Mauné, N. Monteix, M. Poux (a cura di), Cuisines et boulangeries en Gaule romaine, Gallia, 70/1, 2013, p. 125-133.

Kockel 1985 = V. Kockel, Archäologische Funde und Forschungen in den Vesuvstädten, I, in Archäologischer Anzeiger, 1985, p. 495-571.

La Rocca – De Vos – De Vos 1976 = E. La Rocca, m. e A. De Vos, Guida archeologica di Pompei, Roma, 1976. 

Leveau 1995 = P. Leveau, De la céréaliculture et de l’élevage à la production de grain et de viande (l’apport de l’archéologie), in Actes du Colloque International « Du Latifundium au Latifondo. Un héritage de Rome, ou une création médiévale et moderne ? » Bordeaux 15-17/12/1992, Paris 1995, p. 357-381. 

Mauné – Carrato 2013 = S. Mauné, C. Carrato, La boulangerie de Saint-Bézard à Aspiran (Hérault), du Ier s. au IVe s. ap. J.-C. Un exemple d’espace culinaire domanial en Narbonnaise centrale, in S. Mauné, N. Monteix, M. Poux (a cura di), Cuisines et boulangeries en Gaule romaine, Gallia, 70/1, 2013, p. 165-190. 

Matterne – Yvinec – Gemehl 1998 = V. Matterne, J.-H. Yvinec et D. Gemehl, Stockage de plantes alimentaires et infestation par les insectes dans un grenier incendié de la fin du IIe siècle après J.-C. à Amiens (Somme), in Revue Archéologique de Picardie, 3-4, 1998, p. 93-122.

Miniero 1988 = P. Miniero, Ricerche sull’ager Stabianus, in R. I. Curtis (a cura di), Studia Pompeiana & Classica in honor of Wilhelmina F. Jashemski, New York, 1988, p. 231-292. 

Monteix 2008 = N. Monteix, La conservation des denrées dans l’espace domestique à Pompéi et Herculanum, in MEFRA, 120-1, 2008, p. 123-138.

Morris 1979 = P. Morris, Agricultural buildings in Roman Britain, BAR British Series, 70, Londra, 1979.

Pasqui 1897 = A. Pasqui, La villa pompeiana della Pisanella presso Boscoreale, in Monumenti Antichi dei Lincei, 7, 1897, p. 397-554.

Pesando – Guidobaldi 2006 = F. Pesando, M.P. Guidobaldi, Pompei, Oplontis, Ercolano, Stabiae, Bari, 2006.

Rickman 1971 = G. Rickman, Roman granaries and store buildings, Cambridge, 1971.

Rostovtzeff 1957 = M.I. Rostovtzeff, Social and economic history of the Roman Empire, Oxford, 1957. 

Ruggiero 1885 = M. Ruggiero, Storia degli Scavi di Ercolano, Napoli, 1885. 

Salido Domínguez 2008 = J. Salido Domínguez, Los sistemas de almacenamiento y conservación de grano en las villae hispanorromanas, in C. Fernández Ochoa, V. García Entero, F. Gil Sendino (a cura di), Las villae tardorromanas en el occidente del Imperio : arquitectura y función. IV Coloquio Internacional de Arqueología en Gijón, Gijón, 2008, p. 694-706.

Salido Domínguez 2017 = J. Salido Domínguez, Architectura rural romana: graneros y almacenes en el Occidente del Imperio, Montagnac, 2017.

Senatore 1998 = F. Senatore, Ager Pompeianus: viticoltura e territorio nella piana del Sarno nel I sec. d.C., in F. Senatore (a cura di), Pompei il Sarno e la Penisola Sorrentina. Atti del primo ciclo di conferenze di geologia, storia e archeologia. Pompei, aprile-giugno 1997, Pompei, 1998, p. 135-166.

Sogliano 1892 = A. Sogliano, Scafati. Di alcuni avanzi di antichi magazzini, in Notizie degli scavi di Antichità, 1892, p. 122.

Sogliano 1897 = A. Sogliano, Boscoreale. Villa romana in contrada detta Giuliana, in Notizie degli scavi di Antichità, 1897, p. 391-402. 

Sogliano 1899 = A. Sogliano, Boscoreale: nuove esplorazioni nella villa romana della Pisanella, in Notizie degli scavi di Antichità, p. 14-16.

Spurr 1986 = m. S. Spurr, Arable cultivation in Roman Italy c. 200 B.C.-c. A.D. 100, Londra, 1986. 

Stefani 1993-1994 = G. Stefani, Comune di Boscoreale. Località Cangiani, in Rivista di Studi Pompeiani, 6, 1993-1994, p. 224-225. 

Stefani 2000a = G. Stefani, La Villa in località Cangiani, in P.G. Guzzo (a cura di), Casali di ieri casali di oggi. Architetture rurali e tecniche agricole nel territorio di Pompei e Stabiae, Napoli, 2000, p. 69-70. 

Stefani 2000b = G. Stefani, La Villa della Pisanella, in Guzzo P.G. (a cura di), Casali di ieri casali di oggi. Architetture rurali e tecniche agricole nel territorio di Pompei e Stabiae, Napoli, 2000, p. 65-68.

Stefani 2000c = G. Stefani, La Villa del fondo De Martino in località Asciutta, in P. G. Guzzo (a cura di), Casali di ieri casali di oggi. Architetture rurali e tecniche agricole nel territorio di Pompei e Stabiae, Napoli, 2000, p. 39-43.

Stefani 2002 = G. Stefani (a cura di), Uomo e ambiente nel territorio vesuviano. Guida all’Antiquarium di Boscoreale, Pompei, 2002. 

Stefani 2006 = G. Stefani, La vera data dell’eruzione, in Archeo, 260, 2006, p. 10-13.

Stefani – Borgongino 2007 = G. Stefani, M. Borgongino, Ancora sulla data dell’eruzione, in Rivista di Studi Pompeiani, 18, 2007, p. 204-206. 

Tchernia 1986 = A. Tchernia, Le vin de l’Italie romaine. Essai d’histoire économique d’après les amphores, Roma (BEFAR, 26). 

Tchernia 2011 = A. Tchernia, Les Romains et le commerce, Napoli, 2011.

Thomas 2015 = M.L. Thomas, Oplontis B: a center for the distribution and export of Vesuvian wine, in JRA, 28/1, 2015, p. 403-411.

Van Ossel 1992 = P. Van Ossel, Établissements ruraux de l’Antiquité tardive dans le Nord de la Gaule, Supplemento a Gallia, 51, Parigi, 1992. 

Vogel et al. 2012 = S. Vogel et alii, Analyzing the rural landscape around Pompeii before the eruption of Somma-Vesuvius in AD 79, in eTopoi. Journal of Ancient Studies, 3, 2012, p. 377-382.

Haut de page

Notes

1 Barnabei 1901 e Pasqui 1897.

2 Carrington 1931, Day 1932, Rostovtzeff 1957.

3 D’Arms 1970 e D’Arms 1984.

4 Casale – Bianco 1979.

5 De Caro 1994.

6 Cicirelli 1989 e Cicirelli 2000a, b e c.

7 De’Spagnolis Conticello 1991, 1991-1992, 1993-1994, 1994, 1998 e 2002.

8 Miniero 1988.

9 Stefani 2002.

10 Cascella – Vecchio 2014.

11 Ciarallo 2004.

12 Borgongino 2006.

13 Borgongino – Stefani 2001-2002.

14 Stefani 2006, Stefani – Borgongino 2007.

15 Plin. Iun., 6, 16 : Erat Miseni classemque imperio praesens regebat. Nonum kal. Septembres hora fere septima mater mea indicat ei apparere nubem inusitata et magnitudine et specie. (Traduzione in francese dalle edizioni CUF, p. 97 : « Il était à Misène et exerçait en personne le commandement de la flotte. Le 24 août, aux environs de la septième heure, ma mère l’avertit de l’apparition d’un nuage d’une taille et d’un aspect inhabituels. »). 

16 Ciarallo 2003.

17 Ciarallo – De Carolis 1998.

18 Monteix 2008, p. 123.

19 Monteix 2008, p. 132.

20 Stefani 2002, p. 18 e 25; Kastenmeier 2013, p. 125.

21 Cato, agr., 12, 10, e 13, 11, « [dolia] frumentaria XX », in entrambi i passi citati. Si tratta della dotazione per un insediamento produttivo rispettivamente oleicolo e vinicolo. Nel primo passo l’autore include anche due recipienti impiegati per pesare il grano, il modium e il demimodium

22 Si tratta dell’acqua di vegetazione che, separata dalle olive durante la spremitura e opportunamente raccolta e depurata, veniva conservata per le sue proprietà disinfettanti e repellenti (De Magistris 2010, p. 63).

23 Cato, agr., 92. 

24 Cato, agr., 91 e 129.

25 Varro, r. r., 1, 11.

26 Varro, r. r., 1, 13.

27 Per quanto riguarda il capitolo sulla descrizione dell’aia, vd. Varro, r. r., 1, 51. 

28 Varro, r. r., 1, 13.

29 Monteix 2008, p. 127.

30 Colum., r. r., 1, 6.

31 Colum., r. r., 1, 6, 10 : Sed granaria, ut dixi, scalis adeantur, et modicis fenestellis aquilonibus inspirentur

32 De Magistris 2010, p. 57.

33 Colum., r. r., 1, 6 ; cenni sull’aia anche in r. r., 2, 19.

34 Plin., n.h., 18, 295.

35 De’Spagnolis Conticello 1994, p. 60-64 e p. 107.

36 De’Spagnolis Conticello 1994, p. 62-65 et p. 107.

37 Stefani 1993-1994, p. 224-225 e Stefani 2000, p. 69-70.

38 G. Stefani non fornisce le misure della struttura. La forma la si evince dalla figura inclusa nella breve notizia del 1993-1994. 

39 Vd. infra.

40 Sogliano 1897.

41 Sogliano 1897, p. 392.

42 CIL IV, 5430; A. Ciarallo non manca di sottolineare il quantitativo considerabile di fave prodotte dall’insediamento (Ciarallo 2004, p. 89). 

43 Se l’aia fosse stata quadrata, come altre attestate nel territorio vesuviano, avrebbe avuto una superficie considerevole di 56,25 m2.

44 Anche per questa villa le misure sono state ricavate dalla pianta pubblicata da A. Sogliano nel 1897.

45 Della Corte 1921a.

46 Kastenmeier 2013, p. 130-131.

47 Della Corte 1921a, p. 438.

48 Le dimensioni del vano non sono riportate da M. Della Corte, e sono desunte dalla pianta della villa pubblicata dallo stesso archeologo nel 1921. 

49 Della Corte 1921a, p. 441.

50 Della Corte 1929c.

51 Della Corte 1921b.

52 Carandini 1989, p. 164-165.

53 Stefani 2002, p. 93.

54 Stefani 2002, p. 93.

55 Pasqui 1897.

56 G. Stefani ha sottolineato lo stato deplorevole in cui si trova tale villa (Stefani 2000b). Rispetto a altre ville del territorio vesuviano, infatti, quella della Pisanella non fu neanche ricoperta dopo gli sterri e non è stata interessata da nessun intervento di protezione o di restauro nel corso dei decenni successivi alla scoperta. 

57 Sogliano 1899.

58 Pasqui 1897, p. 483-489.

59 Plinio il Vecchio, n. h., 18, 102: Mili praecipuus ad fermenta usus e musto subacti in annuum tempus. simile fit e tritici ipsius furfuribus minutis et optimis e musto albo triduo maceratis, subactis ac sole siccatis. inde pastillos in pane faciendo dilutos cum similagine seminis fervefaciunt atque ita farinae miscent, sic optimum panem fieri arbitrantes. Graeci in binos semodios farinae satis esse bessem fermenti constituere. L’interpretazione di A. Pasqui è da tenere in considerazione soprattutto a riguardo dei dubbi connessi allo stoccaggio del grano nei dolia, su cui torneremo in seguito. 

60 Pasqui 1897, p. 504-506.

61 Pasqui 1897, p. 520.

62 Testimoniati anche da una foto effettuata durante gli scavi (Stefani 2000, p. 68, fig. 35). 

63 Pasqui 1897, p. 504.

64 Ciarallo 2004, p. 94-95.

65 Stefani 2003, p. 93.

66 Pasqui 1897, p. 485; Borgongino 2006, p. 126.

67 Barbet – Verbanck-Piérard 2013, p. 18.

68 Barnabei 1901, p. 15.

69 Barnabei 1901, p. 18.

70 Carandini 1989, p. 175.

71 La pianta del Barnabei riporta un pilastro di 55 cm di lato, e un altro più piccolo addossato alla parete divisoria con il forno 14; diversamente, la pianta proposta da Carandini mostra tre pilastri in totale.

72 Berggren – Andrén 1969.

73 Barbet – Verbanck-Piérard 2013, p. 14.

74 Bergman 2013, p. 94.

75 De Caro 1994.

76 De Caro 1994, p. 56-60.

77 De Caro 1994, p. 123.

78 Borgongino 2006, p. 73.

79 L’altezza dei muretti era di 45 cm all’esterno e di 25 cm all’interno dell’aia (De Caro 1994, p. 60-63).

80 Della Corte 1929a.

81 Ciarallo 2004, p. 90.

82 Della Corte 1929a, p. 465.

83 Diametro superiore 0,288 m; diam. inf. 0,340 m e alt. 0,265 m.

84 Monteix 2008, p. 129-130 e 137-138 e Ruggiero 1885, p. 43-44.

85 Monteix 2008, p. 129-130. La notizia relativa al ritrovamento è inoltre disponibile in linea all’interno della base-dati del progetto « Entrepôts et lieux de stockage du monde gréco-romain antique » : <http://www.entrepots-anr.efa.gr/p-notice-site_fr.htm?id_site=105> [ultimo accesso 25 luglio 2017] ; vd. anche Pesando – Guidobaldi 2006, p. 392-399.

86 Borgongino 2006, p. 124-125.

87 Miniero 1988, p. 238.

88 Bonifacio 2009.

89 Carandini 1989, p. 162.

90 De Caro – Mele 2001, p. 546.

91 Cotton – Métraux 1985.

92 De Franceschini 2005, p. 254-255.

93 Di Giuseppe 2008, p. 365.

94 L’intervento della Soprintendenza è del 2007-2008. Per le informazioni relative a questo sito, vd. Cascella – Vecchio 2012 e da ultimo Cascella – Vecchio 2014. 

95 Cascella – Vecchio 2014, p. 7.

96 Cascella–Vecchio 2012, p. 173 e Cascella–Vecchio 2014, p. 21-23. Gli autori specificano che tali fibre presentavano al momento della scoperta un pessimo stato di conservazione che ha reso impossibile effettuare delle analisi in laboratorio. 

97 Cascella–Vecchio 2014, p. 23-24.

98 Cascella–Vecchio 2012, p. 169.

99 Cascella–Vecchio 2014, p. 59.

100 Della Corte 1929b.

101 Della Corte 1929b, p. 195.

102 Stefani 2000c.

103 CIL IV, 942 5: TI.CL.SO/MOL. L’iscrizione è riportata da M. Della Corte, che però non fornisce nessuna indicazione sul contenuto di tale anfora (Della Corte 1929b, p. 198). 

104 Matterne – Yvinec – Gemehl 1998, p. 117.

105 Della Corte 1929b, p. 198.

106 Borgongino 2006, p. 160.

107 Della Corte 1921c.

108 Della Corte 1921c, p. 425-426.

109 Borgongino 2006, p. 110.

110 Della Corte 1923c.

111 D’Amore 1977b.

112 D’Amore 1977b, p. 225.

113 D’Amore 1977b, p. 226.

114 D’Amore 1977b.

115 Della Corte 1923b.

116 Carandini 1989, p. 172.

117 Miniero 1988, p. 240.

118 De’Spagnolis 1998.

119 De’Spagnolis 1998, p. 86.

120 De’Spagnolis 2002.

121 De’Spagnolis 2002, p. 91-92.

122 De’Spagnolis 2002, p. 97.

123 De’Spagnolis 2002, p. 134 et p. 145; in particolare, il dolium 1 presentava delle fave, utilizzate in epoca romana per l’alimentazione umana e animale; il dolium 2 del frumento mentre i due dolia parallelepipedi contenevano ancora delle fave e lathyrus sativus.

124 Borgongino 2006, p. 100-101.

125 De’Spagnolis 2002, p. 105-107.

126 De’Spagnolis 2002, p. 107-108.

127 De’Spagnolis 2002, p. 133.

128 Sogliano 1892.

129 De’Spagnolis Conticello 1991.

130 De’Spagnolis Conticello 1991, p. 100.

131 De’Spagnolis Conticello 1994, p. 42-45.

132 De’Spagnolis Conticello 1994, p. 104-105.

133 De’Spagnolis Conticello 1991-1992.

134 De’Spagnolis Conticello 1993-1994, p. 143-146.

135 De’Spagnolis Conticello 1993-1994.

136 Della Corte 1923d.

137 Cicirelli 2000a.

138 Cicirelli 2000b.

139 Cicirelli 2000c e Cicirelli 2011.

140 Cicirelli 2000c, p. 79.

141 Carandini et al. 1985, p. 194.

142 Kockel 1985, p. 552-554.

143 In particolare, delle spighette e glume carbonizzate di avena selvatica (Borgongino 2006, p. 62).

144 Vd. da ultimo, Thomas 2015.

145 Colum., r.r., 1, 6 : sitque utrique proximum horreum, quo conferatur omne rusticum instrumentum ; et intra id ipsum clausus locus, quo ferramenta condantur.

146 Su tale distinzione, più teorica che pratica, rimandiamo a Leveau 1995, p. 371.

147 Manacorda 1985, p. 193.

148 Colum., r.r., 12,55 ; 7,8. 

149 Come ipotizzato ad esempio da De Caro a proposito del fienile della villa rustica di Villa Regina (De Caro 1994, p. 60).

150 Ciarallo 2004, p. 92.

151 Vd. supra.

152 Busana 2002, p. 201.

153 Cavada 1994, p. 89.

154 Morris per la Britannia romana e Van Ossel per la Gallia del Nord durante il periodo tardoantico (Morris 1979 e Van Ossel 1992). Salido Domínguez ha ripreso recentemente la stessa tipologia di P. Van Ossel, adattandola agli edifici rurali delle Penisola Iberica (Salido Domínguez 2008 e 2017). A. Ferdière ha definito una nuova tipologia per i granai rurali d’epoca romana nella Gallia del Nord e nelle Germanie (Ferdière 2015). 

155 Van Ossel 1992, p. 156-157.

156 De Magistris 2010, p. 57.

157 Monteix 2008, p. 130-131.

158 Miniero 1988, p. 235 e D’Orsi 1997, p. 45.

159 De Magistris 2010 e De Magistris 2012.

160 Bergman 2013, p. 94.

161 Ciarallo 2004, p. 91-96.

162 Ciarallo 2004, p. 92.

163 Ciarallo 2004, p. 95.

164 Carrato 2017, p. 65-73.

165 La realtà è diversa per i contesti urbani. In particolare per quanto riguarda Pompei, N. Monteix sostiene che lo stoccaggio di granaglie nei dolia, sovente incassati nei banconi dei thermopolia, era piuttosto diffuso (Monteix 2008, p. 132). Si tratta però in questo caso di uno stoccaggio di breve durata, che concerne delle derrate destinate ad esser rapidamente consumate.

166 Pasqui 1897, p. 520.

167 Demare z– Othenin Girard 2010, p. 393; Mauné – Carrato 2013, p. 173.

168 De Magistris 2012, p. 342 et p. 344. Quest’ultimo cita il lavoro dell’abate Galiani, autore nel 1754 di un trattato sulla conservazione del grano. Come affermato da E. De Magistris, “gli ostacoli alla conservazione nel tempo del grano sono gli stessi in ogni epoca e le strategie di difesa sono rimaste grosso modo invariate fino al XVIII secolo” (De Magistris 2012, p. 343). Aggiungiamo inoltre che Galiani parla della stessa realtà geografica, seppur distante cronologicamente dall’oggetto del presente articolo.

169 De Caro 1994, p. 129.

170 André 1961, p. 71-73; Tchernia 2011, p. 254-256, ma potrebbe anche esser meno, intorno ai 30 modii annui per persona annualmente, come affermato da J. Andreau sulla scorta dei lavori di P. Garnsey (Andreau 1994, p. 133; Garnsey 1988, p. 118 e 191-192).

171 Colum., r.r., 1, 6.

172 De Caro 1994, p. 63.

173 Ciarallo 2004, p. 92.

174 Ciarallo 2004, p. 91.

175 Andreau 1994.

176 Della Corte 1923a, p. 271.

177 Carrington 1931.

178 Day 1932.

179 Rostovtzeff 1957, p. 38 e 416-417.

180 Tchernia 1986.

181 Jongman 1988, p. 97-154.

182 Andreau 1994, p. 133.

183 Ciarallo 1994.

184 Ciarallo 2004, p. 102-104.

185 Senatore 1998; Stefani 2002, p. 48-49.

186 187 <http://www.salve-research.org/>, [ultimo accesso 25 luglio 2017].

187 Vogel et al. 2012.

188 Kastenmeier 2013.

189 Kastenmeier 2013, p. 133.

190 Monteix 2008, p. 130-132.

191 La Rocca – De Vos – De Vos 1976, p. 243-245.

192 Demarez – Othenin Girard 2010, p. 393-394.

193 P. Gentry indica una temperatura di 15,6° come ideale per tenere ad un livello basso l’attività degli insetti. Al contrario, la proliferazione entomologica causata da umidità e temperature elevate contribuisce essa stessa all’innalzamento della temperatura dei mucchi di grano, che negli “hot spots” può arrivare fino a 43° (Gentry 1976, p. 4). Secondo la FAO invece gli insetti possono vivere e riprodursi a una temperatura compresa tra i 15° e i 35 °, laddove una temperatura inferiore a 12° impedisce la riproduzione [risorsa disponibile in linea], <http://www.fao.org/wairdocs/x5163f/X5163f03.htm>, [ultimo accesso 25 luglio 2017].

194 De Magistris 2012, p. 341.

195 Tchernia 2011, p. 255.

196 Su tali aspetti, Erdkamp 2005 e Hopkins 1983, p. 90-92.

197 Spurr 1986, p. 3: “it is argued that mixed farming was the general rule because of the need not only to provide subsistence for the workforce, but also to keep it busy all the year round, since idle slaves represent economic loss”.

198 Garcia 1987, p. 45.

199 Vd. anche Rickman 1971.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 – Carta di localizzazione dei siti inclusi nel catalogo (base cartografica Google Earth, rielaborazione grafica V. Pellegrino).
Titre Fig. 2 – A. Palmentello, Angri (da De’ Spagnolis Conticello 1994, p. 61); B. Contrada Giuliana, Boscoreale (da Sogliano 1897, p. 392); C. Fondo D’Acunzo, Boscoreale (da Della Corte 1921, p. 436); D. Villa N. Popidi Flori, Boscoreale (da Della Corte 1921b, p. 443); rielaborazione grafica V. Pellegrino.
Titre Fig. 3 – A. Pisanella, Boscoreale (da Stefani 2002, p. 93); B. Villa di P. Fannio Sinistore, Contrada Grotta Franchini, Boscoreale (da Carandini 1989, p. 174); C. Villa Regina, Boscoreale (De Caro 1994); D. Via dei Sepolcri, Gragnano (da Bonifacio 2009, p. 156); rielaborazione grafica V. Pellegrino.
Titre Fig. 4 – Villa Regina, Boscoreale (foto V. Pellegrino).
Titre Fig. 5 – A. Via Bartolo Longo, Ponticelli, Napoli (da Cascella – Vecchio 2012, p. 171); B. Civita-Giuliana, Pompei (da Della Corte 1921c, p. 424); C. Contrada Crapolla, Pompei (da Della Corte 1923c, p. 285); D. Asciutta, Fondo De Martino, Pompei (da Della Corte 1929, p. 191); rielaborazione grafica V. Pellegrino.
Titre Fig. 6 – A. Casa Salese, Sant'Antonio Abate (da D’Amore 1977b, p. 228); B. Fondo Prete, Villa N. Popidi Narcissi Maioris, Scafati (De’Spagnolis 2002, p. 31); C. Località Messigno, Santa Maria La Carità (da Della Corte 1923b, p. 275); rielaborazione grafica V. Pellegrino. 
Titre Fig. 7 – A. Villa 1, Terzigno (da Cicirelli 2000a, p. 39); B. Boccia al Mauro, Villa 2, Terzigno (da Cicirelli 2000b, p. 76); C. Boccia al Mauro, Villa 6, Terzigno (da Cicirelli 2011, p. 178); rielaborazione grafica V. Pellegrino. 
Titre Fig. 8 – Ricostruzione dell’edificio meridionale di Drei Cané, Mezzocorona (da Cavada 1994, p. 89).
Titre Fig. 9 – Pianta degli edifici in località Bottone a Varano (da Miniero 1988, fig. 8).
Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Vincenzo Pellegrino, « Granai e spazi per lo stoccaggio e per il trattamento dei cereali nelle villae rusticae vesuviane », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 129-2 | 2017, mis en ligne le 03 avril 2018, consulté le 25 mai 2018. URL : http://journals.openedition.org/mefra/4506 ; DOI : 10.4000/mefra.4506

Haut de page

Auteur

Vincenzo Pellegrino

LabEx ARCHIMEDE, Université Paul Valéry-Montpellier 3, Università del Salento, Lecce, vincenzo.pellegrino@live.com

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals