Navigation – Plan du site
Varia

L’Heliogabalium del Palatino, i suoi giardini e la cultura materiale a Roma nell’età dei Severi

Giorgio Rizzo
p. 467-508

Résumés

Tra il 1985 e il 1998 l’École française de Rome, in collaborazione della Soprintendenza archeologica di Roma, ha realizzato una serie di campagne di scavi stratigrafici sul terrazzamento artificiale della Vigna Barberini, sul Palatino. Le ricerche archeologiche hanno consentito la ricostruzione di importanti fasi della storia topografica del sito, che in età severiana era occupato dal grande tempio (Heliogabalium) dedicato dall’imperatore Elagabalo a Sol Elagabalus. Il contributo illustra le ceramiche fini da mensa, le ceramiche comuni e da cucina, le lucerne e le anfore rinvenute in contesti databili tra il 191/2 e il 220 d.C., prendendo in esame anche i principali contesti romani coevi, nel tentativo di ricostruire le dinamiche produttive e commerciali in cui la ceramica e le derrate alimentari trasportate in anfora vennero coinvolte nel mercato di Roma durante l’età dei Severi.

Haut de page

Texte intégral

Introduzione

  • 1 Bigot 1911. Sugli scavi condotti nella stessa area da A. Bartoli, negli anni ‘30, e nel 1954 da G. (...)
  • 2 Per i risultati delle ricerche sulle fonti letterarie, d’archivio e iconografiche: Vigna Barberini (...)

1Tra il 1985 e il 1998 le indagini archeologiche condotte nell’area che si estende sulla sommità del monumentale terrazzamento artificiale nell’angolo NO del Palatino e che prende il nome da un’importante famiglia romana, i Barberini, che ne furono i legittimi proprietari fino all’inizio del XX secolo, hanno mutato radicalmente le conoscenze del luogo (fig. 1). Le indagini archeologiche hanno infatti consentito la ricostruzione di una serie di tappe fondamentali della storia topografica dell’area, anteriori e posteriori ai resti superficiali di strutture che già P. Bigot, all’inizio del XX secolo,1 aveva correttamente riferito al tempio dedicato da Eliogabalo a Sol Elagabalus (Heliogabalium), la divinità di cui l’imperatore era sacerdote, successivamente dedicato da Alessandro Severo a Jupiter Ultor. Gli scavi, svolti nel quadro di una collaborazione tra l’École française de Rome e la Soprintendenza archeologica di Roma, hanno coinvolto diversi settori del vasto terrazzamento in parte occupato dai resti del tempio, e sono stati realizzati da quattro équipe dirette da J.-P. Morel, Y. Thébert (in collaborazione con H. Broise), Fr. Villedieu, con M.-Br. Carre, e Ph. Pergola.2

Fig. 1 – Foto aerea della terrazza rettangolare di Vigna Barberini, sul Palatino.

Fig. 1 – Foto aerea della terrazza rettangolare di Vigna Barberini, sul Palatino.

Villedieu 2011, fig. 1. Foto SAR 1999.

  • 3 Sulla struttura a torre individuata sulla terrazza di Vigna Barberini e sulle ultime ricostruzioni (...)

2Più recentemente l’attenzione degli studiosi si è nuovamente concentrata nella stessa area, dove nel 2009-2010 e nel 2014, per iniziativa della Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Roma e grazie anche al supporto economico della Fondation Del Duca, su proposta dell’Institut de France, è ripresa l’attività di scavo per verificare lo stato di conservazione del terrazzamento artificiale: in quest’occasione è stata messa in luce una singolare struttura turriforme a pianta centrale caratterizzata da un pilone cilindrico, collegato alla sommità ad un muro anulare da otto archi a tutto sesto, al di sotto dei quali un’analoga serie di archi, collegati al medesimo pilone, sosteneva probabilmente un solaio ligneo (fig. 2). I dati di scavo indicano per la struttura una datazione di età neroniana: il suo aspetto assolutamente fuori dal comune, nonché il ritrovamento di tracce di alcuni meccanismi, hanno autorizzato l’ipotesi che in essa debba riconoscersi la coenatio rotunda della domus Aurea descritta da Svetonio (Nero, 31, 3), che ruotava su sé stessa, a imitazione del moto di rotazione del mondo intorno al proprio asse. L’ipotesi ha suscitato un vivace dibattito attualmente ancora in corso: la pubblicazione dello scavo e dei relativi materiali, e soprattutto la programmata prosecuzione delle indagini archeologiche offriranno certamente nuova materia di riflessione.3

Fig. 2 – Ricostruzioni dell’edificio interpretato come la coenatio rotunda di Nerone secondo le ipotesi di N. André (nn. 1, 3) e J.-M. Gassend (n. 2).

Fig. 2 – Ricostruzioni dell’edificio interpretato come la coenatio rotunda di Nerone secondo le ipotesi di N. André (nn. 1, 3) e J.-M. Gassend (n. 2).

Villedieu 2016, fig. 13. N. 1, 3: N. André AMU-IRAA CNRS; n. 2: J.-M. Gassend AMU-IRAA CNRS.

  • 4 Questo contributo non sarebbe stato possibile senza il supporto dell’École française de Rome e di (...)

3In questo contributo sarà presentato il materiale ceramico proveniente dai riempimenti di alcuni tratti del sistema di smaltimento delle acque esplorati nella zona meridionale del terrazzamento della Vigna Barberini, databili tra il 191/2 d.C. e i primi anni del secolo successivo, e dai livelli pertinenti ai lavori di costruzione del tempio di Sol Elagabalus, dei suoi portici e dei suoi giardini, complessivamente databili tra il 191/2 e il 220 d.C.4 Come si vedrà i materiali, pur provenendo da una serie di contesti di eterogenea natura databili nel corso dell’intera età severiana, riflettono, in varia misura, alcune delle principali fasi di trasformazione del sito, e sarà dunque necessario ripercorrerne sinteticamente alcune delle tappe fondamentali.

La Vigna Barberini tra l’età augustea e l’età dei Severi5

  • 5 Per una ricostruzione complessiva della storia del sito Villedieu 2001; Villedieu 2007 (settore A) (...)
  • 6 Morel – Villedieu 2002; Villedieu 2011, p. 7-8: ancora tutte da esplorare rimangono le relazioni c (...)

4A sud dell’area di scavo (settori A e B), sono stati rinvenuti alcuni resti di una grande domus aristocratica, costruita intorno al 30 a.C., probabilmente relativa ad un importante personaggio dell’entourage di Augusto: di essa si conservano, nel settore A, solamente i resti della piscina riscaldata di un balneum e, nel settore B, un elegante peristilio impreziosito da una ricca decorazione marmorea, che delimitava un giardino in cui sono state individuate anche due strette vasche rettangolari (fig. 3). Questa prestigiosa residenza, distrutta tra il 64/65 e il 68 d.C., rimase in uso dunque durante i primi anni del principato di Nerone, e non è da escludere che essa fosse stata inclusa nella sua residenza.6

Fig. 3 – Restituzione di un angolo del peristilio della domus augustea.

Fig. 3 – Restituzione di un angolo del peristilio della domus augustea.

Villedieu 2011, fig. 7. Ricostruzione di J.-M. Gassend; acquarello di V. La Rocca © EFR 2001.

  • 7 Chausson 1997, p. 34-43.

5Una delle acquisizioni più importanti delle ricerche nell’area è stata la possibilità di attribuire alla dinastia flavia l’iniziativa della costruzione del grande terrazzamento che caratterizza il sito e oblitera definitivamente i resti della domus: i lavori cominciarono all’inizio degli anni 70, allo scopo di alloggiare un settore del palazzo imperiale, che prevedeva un edificio formato da un corpo centrale con facciata curvilinea, fiancheggiato ad est e ad ovest da ali che si sviluppavano verso nord, delimitando un vasto spazio occupato da un giardino (fig. 4-5). Nell’allestimento di età adrianea il giardino era caratterizzato dall’alternarsi di pergolati, viali inghiaiati, aiuole, statue e fontane, di cui sono state rinvenute le tracce sul terreno. I dati di scavo indicano che questo settore del Palatium fu successivamente danneggiato da un incendio, identificato con quello ricordato da una serie di fonti negli anni 191-192 d.C., che interessò soprattutto il settore occidentale del complesso prospiciente il cliuus Palatinus.7

Fig. 4 – Il palazzo imperiale in età flavia.

Fig. 4 – Il palazzo imperiale in età flavia.

Villedieu 2013, fig. 5. Disegno di N. André, équipe F. Villedieu © EFR 1999-2006.

Fig. 5 – Ricostruzione del corpo di fabbrica di età flavia nell’area della Vigna Barberini.

Fig. 5 – Ricostruzione del corpo di fabbrica di età flavia nell’area della Vigna Barberini.

Villedieu 2011, fig. 28. Grafico di N. André © EFR 2001.

  • 8 Lo scavo è stato effettuato da C. Costantini e M. Capone, alle quali si deve anche una prima anali (...)

6Quest’ultimo evento costituisce il terminus post quem per datare la formazione dei depositi accumulatisi nel sistema di smaltimento delle acque indagato nel settore meridionale di Vigna Barberini. Qui negli anni 1995-1998 è stato parzialmente esplorato a più riprese un condotto fognario con andamento NO-SE, installato lungo il portico costruito sulla facciata ad emiciclo: nei tratti indagati il condotto fognario presenta una diramazione sul lato sud con andamento nord-sud, che raccoglieva le acque di scarico provenienti dal palazzo, mentre sul lato nord è stata individuata una diramazione ad U, contemporanea alla sistemazione adrianea del giardino, che raccoglieva le acque delle fontane.8

  • 9 Gli elementi datanti sono forniti dalla presenza di frammenti di vasi in terra sigillata africana  (...)
  • 10 Per quanto concerne le classi ceramiche esaminate in questo contributo, si tratta di 10378 vasi e (...)

7Malgrado lo scavo sia stato accuratamente svolto per livelli artificialmente scanditi, i numerosi attacchi tra frammenti raccolti in più strati sovrapposti hanno indicato chiaramente la natura unitaria del riempimento: i frammenti più tardi fissano la chiusura del contesto e la definitiva obliterazione del condotto negli anni successivi al cambio di secolo.9 Certamente il riempimento iniziò a formarsi nel momento in cui il sistema di smaltimento delle acque non venne più sottoposto a manutenzione e utilizzato come discarica: il terminus post quem è fornito dal numerario più tardo raccolto nei riempimenti, datato nel 172-173 d.C., ma tale limite cronologico, come si è visto, può essere ulteriormente spostato al 191-192 d.C. Gli strati di obliterazione del condotto fognario, accuratamente scavati e setacciati nel corso delle operazioni di scavo, risultano eccezionali non solo e non tanto per l’ingente quantità di materiale raccolto,10 ma anche poiché le loro peculiari dinamiche di formazione e la loro ubicazione, all’interno del Palatium, ne fanno un contesto altamente selezionato ed anche «privilegiato».

  • 11 Rossi 2001.

8Infatti il materiale scartato venne sottoposto ad una sistematica selezione dimensionale, che risulta evidente dalle piccole dimensioni dei frammenti e dagli elevati indici di attestazione di alcune categorie dell’instrumentum – ceramiche comuni e a pareti sottili, lucerne, a discapito delle anfore – e di alcune forme: così, tra i contenitori da trasporto prevalgono i frammenti di anfore di piccola taglia, e tra le ceramiche comuni i vasetti da giardino (fig. 22, CC 37-40) e le piccole olle da cucina (fig. 27, CF 21-23). Negli stessi strati è stata inoltre raccolta una non indifferente quantità di gemme intagliate, anelli digitali in bronzo e in oro, spilloni ed altri manufatti in osso lavorato: si tratta di oggetti involontariamente finiti tra gli scarti, che rivelano in maniera piuttosto evidente l’elevata condizione dei frequentatori di questo settore del Palatium.11

  • 12 Anche il problema dell’identificazione del tempio precedente il santuario voluto di Elagabalo ha s (...)
  • 13 Dai contesti presi in esame provengono complessivamente frammenti riferibili a 2122 tra vasi e luc (...)

9Alcuni indizi sembrano indicare che nell’area della Vigna Barberini prima degli interventi di età severiana sorgesse già un tempio.12 Di conseguenza il progetto severiano probabilmente non mutò radicalmente la vocazione del sito e si articolò in due distinte campagne, che si protrassero a lungo e comportarono cambiamenti in opera del progetto originario (fig. 6).13

Fig. 6 – L’area del tempio di Sol Elagabalus nell’area della Vigna Barberini.

Fig. 6 – L’area del tempio di Sol Elagabalus nell’area della Vigna Barberini.

Villedieu 2011, fig. 30. Grafico di P. Veltri © EFR 2001.

  • 14 Villedieu 2013, p. 164-175. Al di fuori dell’area di scavo del settore A, sono state individuate t (...)

10Nel corso della prima campagna, databile tra il 191-192 e il 218 d.C., vennero ricostruite le sostruzioni del settore ovest della terrazza, e il nuovo progetto dell’area sacra venne realizzato nel suo impianto generale; la seconda campagna di lavori, che comportò rimaneggiamenti delle precedenti costruzioni e le rifiniture di quanto già realizzato, si svolse probabilmente tra il 218 e il 220 d.C.14 Intorno al tempio, nello spazio delimitato dai portici, furono realizzati ampi lastricati marmorei che lasciavano liberi quattro spazi rettangolari occupati da giardini, ognuno dei quali prevedeva tre aiuole alternate a due viali di terra battuta (fig. 7). Nei giardini vennero utilizzate anfore tagliate a metà e capovolte, disposte secondo un ritmo regolare, che avevano lo scopo di impedire lo sviluppo delle radici ed inibire la crescita delle piante, secondo un gusto documentato da Plinio il Vecchio (Nat., 12, 6) (fig. 8).

Fig. 7 – Ricostruzione del giardino a S del tempio di Sol Elagabalus.

Fig. 7 – Ricostruzione del giardino a S del tempio di Sol Elagabalus.

Villedieu 2013, fig. 13. Acquarello di J.-M. Gassend © EFR 2001.

Fig. – 8. Ricostruzione del sistema di piantumazione adottato nel giardino del tempio, comportante l’uso di mezze anfore capovolte.

Fig. – 8. Ricostruzione del sistema di piantumazione adottato nel giardino del tempio, comportante l’uso di mezze anfore capovolte.

Particolare da Villedieu 2013, fig. 16. Acquarello di J.-M. Gassend © EFR 2001.

11Le operazioni di scavo hanno reso possibile il recupero delle anfore ancora in situ (fig. 9; 28-29, n. 1-10) e, soprattutto, di quelle, ridotte in frammenti, asportate dagli interventi di spoliazione successivi, arrivati ad intercettare i livelli severiani; negli strati del giardino è stato anche raccolto un frammento di ansa di Dressel 20 con il bollo CAS, databile tra il il 220 e il 224 d.C. ca. (fig. 28, 4), che costituisce l’elemento di datazione più preciso per questa fase.

Fig. 9 – Anfore riutilizzate come vasi da fiori nel giardino del tempio di Sol Elagabalus. Da sinistra: anfora tunisina olearia Africana IA, anfora tripolitana vinaria Mau XXXV ed anfora da pesce d’incerta origine Ostia VI 65.

Fig. 9 – Anfore riutilizzate come vasi da fiori nel giardino del tempio di Sol Elagabalus. Da sinistra: anfora tunisina olearia Africana IA, anfora tripolitana vinaria Mau XXXV ed anfora da pesce d’incerta origine Ostia VI 65.

Villedieu 2013, fig. 15. Foto di Ch. Duran © CNRS-EFR.

12Tutti le forme anforiche documentate nel giardino circolarono effettivamente tra la fine del II e l’inizio del III secolo d.C.: tuttavia su di esse grava un altro tipo di difetto di rappresentatività, in quanto esse vennero evidentemente selezionate con cura in base alla loro forma per il particolare impiego cui furono destinate, e dunque non possono rappresentare fedelmente il quadro completo delle derrate trasportate in anfora in arrivo sul mercato di Roma durante l’età severiana, un panorama che invece risulta più ampiamente articolato e restituito negli strati legati alle due fasi di cantiere, dove tuttavia esso è in parte offuscato dai fenomeni di residualità che saranno di seguito illustrati.

Roma: altri contesti severiani

13Dunque la particolarità dei contesti severiani della Vigna Barberini, le cui peculiari dinamiche di formazione ne hanno minato la rappresentatività principalmente a causa della notevole quantità di residui e a causa dei processi di selezione dei materiali al momento dello scarto o degli allestimenti per le piante dei giardini, ha comportato la necessità di individuare altri contesti urbani risalenti all’età severiana attraverso i quali colmare le lacune della documentazione esaminata: tuttavia, come si vedrà di seguito, anche queste testimonianze spesso non sono del tutto attendibili sia perché in alcuni casi esse sono quantitativamente poco significative, sia anche perché talvolta dinamiche di formazione estremamente simili a quelle già illustrate in relazione ai riempimenti dei condotti fognari del settore sud di Vigna Barberini hanno determinato, anche in questi casi, evidenti limitazioni nella capacità di rappresentare fedelmente il panorama delle produzioni ceramiche prodotte e in uso contemporaneamente alla formazione dei contesti.

  • 15 Iacomelli 2017, p. 99-100 (attività 7).

14Il primo dei contesti di confronto è costituito da una serie di interri volontari che nel corso dell’ultimo quarto del II secolo d.C. obliterano un grande condotto fognario in travertino datato all’età augustea messo alla luce alle pendici NE del Palatino, lungo l’attuale via Sacra: in questi strati sono stati raccolti 4619 frammenti di ceramiche fini da mensa, comuni, anfore da trasporto, suppellettile da illuminazione, materiali di rivestimento, laterizi, ossi e malacofauna. Lo stato di conservazione del materiale indica una «frammentarietà pregressa alla formazione del deposito»: si tratta dunque di materiali almeno in seconda giacitura.15

  • 16 Radaelli 2013, p. 321-322. Sulle ricerche svolte nell’area delle cosiddette Terme di Elagabalo, ne (...)

15Nella limitrofa area delle cosiddette Terme di Eliogabalo, sempre alle pendici NE del Palatino, è stata portata alla luce una serie di strutture ricondotte ad un horreum. All’interno di un vano del magazzino è stato rinvenuto un condotto fognario di una piccola latrina, di cui è stato scavato il riempimento, datato all’età severiana: durante il suo scavo sono stati raccolti 5232 frammenti, di cui 3562 appartenenti alle classi fini da mensa, alle ceramiche comuni, alle lucerne ed alle anfore da trasporto, alcuni dei quali rinvenuti parzialmente o del tutto integri. In questo caso il materiale raccolto è composto prevalentemente dalle ceramiche comuni, che complessivamente ammontano al 73,5% (per la maggior parte brocche per versare acqua e ciotole, mentre risultano poco rappresentate le classi fini da mensa e le anfore, che raggiungono rispettivamente lo 0,4 e il 17,1% del materiale rinvenuto): sembra trattarsi, in questo caso, di materiale in gran parte grosso modo contemporaneo all’epoca di formazione del contesto, ma che nell’interpretazione proposta fornirebbe prevalentemente lo spaccato delle stoviglie in uso in una popina, dove sarebbe stato conservato uno stock di brocche e ciotole dello stesso tipo.16

  • 17 Ceci 2006, p. 205; in questo caso vengono fornite le quantità (n. di frammenti) di alcune categori (...)

16Nell’area dei Mercati di Traiano, nel settore prospiciente la Salita del Grillo, è stata scavata una serie di strutture attribuite ad un domus aristocratica risalente al II secolo d.C. Intorno al 200 d.C. uno dei suoi ambienti, quasi certamente una cucina, fu colmato da un riempimento unitario, realizzato con terre e materiali datati dagli archeologi in maggior parte all’età tardo-antonina, ma risalenti anche ad epoche anteriori, probabilmente provenienti da diversi immondezzai.17

  • 18 Martin et al. 2008, p. 32; phase IV.

17Alla prima metà del III secolo d.C. risale il materiale proveniente da un piccolo saggio nel convento delle suore Missionarie del Sacro Costato, nel complesso della chiesa di S. Stefano Rotondo, proveniente da due strati di obliterazione di una sottostante struttura. In questo caso il materiale, prevalentemente in giacitura primaria e per lo più grosso modo contemporaneo alla cronologia del contesto, è stato sottoposto a più criteri di quantificazione, che hanno indicato un numero massimo di 984 recipienti e lucerne.18 Tuttavia, la quantità di frammenti precisamente identificabili è piuttosto esigua, e per questo motivo la documentazione è in grado di fornire solo limitate indicazioni sulle anfore, sulle lucerne e sulle ceramiche fini da mensa e comuni in circolazione a Roma nella prima metà del III secolo.

  • 19 Filippi 2008b; Biundo – Brando 2008.
  • 20 Brando 2008, p. 139-140.

18Un ulteriore elemento di confronto è infine costituito da un ricchissimo contesto indagato alle falde del Gianicolo, datato dagli archeologi che lo hanno scavato immediatamente a ridosso dell’età severiana. In questo luogo è stata individuata una grande discarica attiva tra la tarda età flavia e l’età antonina, ricchissima di reperti ceramici (23180 frammenti): si tratta di un deposito formatosi lentamente, nel corso di circa un secolo, la cui chiusura è stata fissata tra il 180 e il 190 d.C., in cui i materiali dell’ultima fase della discarica convivono con quelli risalenti alle sue prime fasi di vita.19 Tuttavia alcuni indizi, come la presenza di frammenti della produzione A/D e C della terra sigillata africana,20 potrebbero indicare che la data di chiusura dell’ultima fase della discarica debba slittare fino ai primi anni del III secolo d.C.

Terre sigillate e ceramica invetriata

19Nella tab. 1 sono sintetizzati i dati delle attestazioni delle ceramiche sigillate e dei vasi invetriati rinvenuti nei riempimenti dei condotti fognari dell’area sud e negli strati legati all’edificazione del tempio, dei suoi portici e dei giardini; questi dati sono messi a confronto con quelli delle stesse classi ceramiche rinvenute negli altri contesti severiani di Roma.

  • 21 Aggiornamento su aree produttive e cronologia delle produzioni A/D – Tripolitania, Tunisia central (...)

20Come di regola, i tipi datanti, le cui cronologie si inseriscono prevalentemente o del tutto in età severiana, sono un’esigua minoranza (fig. 10): si tratta dei pochi frammenti della produzione A2 e C della terra sigillata africana, attestati in entrambi i contesti, e della produzione A/D, presente solo nei riempimenti delle fogne dell’area sud, che indicano con certezza una cronologia non anteriore al III secolo.21

Tab. 1 – Vigna Barberini. Terra sigillata africana e ceramica a invetriatura piombifera.

Palatino Pendici NE att. 7 Terme di Eliogabalo Vigna Barberini Mercati di Traiano
Riempimento fogne area S Cantieri dell'Heliogabalium
N N N N N
Eastern Sigillata A 1
Eastern Sigillata B 6
Terra sigillata cipriota 1
Terre sigillate orientali 1
Terra sigillata italica 12 1 65 83 17
Terra sigillata ispanica 1
Terra sigillata sud-gallica 1 1
Terra sigillata africana
A1 guttus Hayes 121, 1 1
A1 piatto Hayes 3B, fig. 11,2 4 1
A1 scodella Hayes 5 1
A1 scodella Hayes 5C 1
A1 scodella Hayes 6A 1 1 1
A1 coppa Hayes 7A 1
A1 coppa Hayes 8A 7
A1 coppa Hayes 8A, 1 10 18 10 11
A1, 1/2 coppa Hayes 8A, 3-4 2
A1 coperchio Hayes 20 1
A1 zuppiera Hayes 21 2
A1 coppa Hayes 9A 4 45 2 16
A1 coppa Hayes 34 1
A1 boccalino Hayes 140,2 1
A1 borraccia Hayes 147,3 1
A1 borraccia Atlante I, tav. XXXI, 18 1
A1 borraccia non ident. 1
A1 chiusa Fig. 11,3 1
A1 chiusa Fig. 11,4 2
A1 coppa Hayes 35 similis, fig. 11,5 1
A1 scodella Salomonson A4 1
A1/2 coppa Hayes 9B, 6-20 2
A1/2 coppa Hayes 8A, 3-4, 30 3
A1/2 o C vassoio Atlante I, tav. LXX 1?
A o C1 coperchio Hayes 146 – Salomonson XXII 1
A2 coppa Hayes 8B, fig. 11,1 1 5
A2 coppa Hayes 14B, 11 2
A2 coppa Hayes 14/17, 1 3 1
A2 piatto-scodella Hayes 16, 1 6
A2 piatto Hayes 26 1
A2 coppa Hayes 14A, 1, 4-5 8
A2 coppa Hayes 38 1
A2 non ident. 6 10
A tazza Hayes 35 con decorazione a stampo 1
A non ident. non ident. 39 129 42 13
A/D coppa Ostia I 34 1
A/D scodella Hayes 27 1
A/D non ident. non ident. 2 1
A/C non ident. 1
C1 non ident. non ident. 6 1
C1 non ident. decorato a stampo 1
A? non ident. non ident. 22
Totale sigillata africana 69 5 224 83 80
Ceramica a invetriatura piombifera
brocca trilobata fig. 11,6 4
brocca trilobata fig. 11,7 2
olla fig. 11,8 1
olla? fig. 11,9 1
non identificato non ident. 16 1
Totale ceramica a invetriatura piombifera 24 1

Fig. 10 –. Vigna Barberini e altri contesti severiani di Roma: percentuali di attestazione del vasellame in terra sigillata.

Fig. 10 –. Vigna Barberini e altri contesti severiani di Roma: percentuali di attestazione del vasellame in terra sigillata.

G. Rizzo.

G. Rizzo.

  • 22 Atlante I, tav. LXXII, p. 146: la tazza di Vigna Barberini è più alta, e le pareti hanno un profil (...)
  • 23 Bonifay 2004, p. 156.
  • 24 Ivi, p. 157-159.

21Ai fini della cronologia dei contesti è dunque determinante la presenza di una tazza carenata pertinente alla produzione A con decorazione a rilevo applicato, proveniente dai riempimenti della fogna dell’area sud (fig. 11,5),22 di un frammento di fondo della produzione C con rilievo applicato e di 5 frammenti di coppa Hayes 8B/Lamboglia 1c (fig. 11,1)23 provenienti dai livelli di costruzione del tempio; a questi si aggiungono i piatti, i piatti/scodelle e le coppe Hayes 26, Hayes 16, n. 1 e Hayes 14A, 1, n. 4-5, tutti in produzione A2 e databili tra la fine del II e il III secolo d.C.,24 attestati nei livelli di costruzione dell’Heliogabalium. Per il resto si tratta di forme e tipi residui, come il piatto Hayes 3B, prodotto nella regione di Cartagine, decorato à la barbotine sull’orlo (fig. 11,2). Negli strati di obliterazione delle fogne dell’area sud sono stati infine individuati due frammenti che per le caratteristiche del rivestimento e del corpo ceramico sono stati attribuiti alla produzione A1 (fig. 11, 3 – una borraccia? – e n. 4), ma che non trovano confronti soddisfacenti.

22L’analisi comparata delle statistiche costruite sulle percentuali di attestazione delle ceramiche sigillate più diffuse nei due contesti – terra sigillata italica ed africana – consente di riconoscere una differenza sostanziale nella loro composizione, che dovrà sempre essere tenuta presente nell’interpretazione dei dati (fig. 10):
1) i frammenti di terra sigillata italica, comunque residui, sono molto più frequenti nei livelli di costruzione del tempio, dove raggiungono la considerevole quota del 50%, che negli strati di obliterazione dei condotti fognari dell’area sud di Vigna Barberini (20%).
2) i frammenti della produzione A1 della terra sigillata africana e quelli genericamente attribuiti alla produzione A, databili tra la fine del I e il II secolo d.C., sono invece molto più frequenti negli strati di riempimento delle fogne (rispettivamente 25% e 44% ca. nei primi, 9% e 25% ca. negli strati di costruzione dell’Heliogabalium).

 

  • 25 Capone 2000-2001, grafico 21.

23Queste statistiche indicano piuttosto chiaramente due diverse capacità di rappresentazione retrospettiva dei residui dei contesti severiani di Vigna Barberini: negli strati di obliterazione dei condotti fognarii dell’area sud si sono accumulati scarti prevalentemente databili tra la fine del I e, soprattutto, il II secolo d.C. In essi si materializzano dunque gli oggetti in uso dagli abitanti di questo settore del Palatium nel corso del II secolo d.C., come sembrerebbe confermare anche l’analisi dall’abbondante numerario raccolto, per il 70% ca. composto da emissioni dell’età di Adriano e di Antonino Pio.25 I residui degli strati di costruzione del tempio, tra cui prevalgono nettamente i frammenti di vasi in terra sigillata italica, risalgono per lo più ad un’epoca anteriore, e con ogni probabilità provengono dai livelli giulio-claudi e flavi intaccati durante le operazioni di smantellamento delle precedenti strutture della domus augustea e del terrazzamento flavio, che necessariamente intaccarono i livelli anteriori.

24Ai dati delle terre sigillate italiche ed africane dei contesti severiani di Vigna Barberini sono stati affiancati quelli degli altri contesti severiani di Roma (tab. 1 e fig. 10). Come risulta chiaramente dalla percentuale di attestazione dei vasi in terra sigillata italica e della produzione A1 della terra sigillata africana, anch’essi sono caratterizzati dalla presenza di residui risalenti al I ed alla prima metà del II secolo, in varia misura: il riempimento della fogna individuata nell’area delle cosiddette Terme di Elagabalo sembra quello che più degli altri riflette il panorama della cultura materiale urbana in età severiana o in quella immediatamente a ridosso, ma si tratta di un contesto piuttosto povero; negli altri contesti – pendici NE del Palatino, Mercati di Traiano –, le percentuali spettanti ai vasi terra sigillata italica e alla produzione A1 o A della terra sigillata africana sono sempre complessivamente rilevanti, e nel caso dei Mercati di Traiano addirittura preminenti.

 

  • 26 Filippi 2008d, fig. 6, n. 38. Il repertorio della produzione romano-laziale in età medio e tardo-i (...)
  • 27 Olcese 2003, tav. XXII tipo 1, p. 92.
  • 28 Sannazaro 2005, tav. 3, nn. 9, 11.

25La ceramica ad invetriatura piombifera è una presenza statisticamente poco significativa, ed è documenta solo nell’ambito di contesti quantitativamente rilevanti, quali quelli dei riempimenti delle fogne dell’area sud di Vigna Barberini, gli unici in cui le produzioni poco diffuse riescono ad essere documentate: l’ipotesi di una produzione romana di questa categoria dell’instrumentum ha ricevuto conferma dai ritrovamenti di scarti di produzione nella grande discarica tardo-antonina delle pendici del Gianicolo, dove sono presenti anche frammenti di alcune brocche trilobate simili a quelle rinvenute a Vigna Barberini26 (fig. 11,6-7); tra i frammenti identificati, anche una forma chiusa (fig. 11,9) e un’olla biansata (fig. 11,8), che riproduce un analogo modello in ceramica comune da dispensa della produzione romana dei primi due secoli dell’impero;27 le versioni con invetriatura piombifera, esportate anche a Lione, sono note anche ad Ostia.28

Fig. 11 – Vigna Barberini. Terra sigillata africana (n. 1-5) e ceramica a invetriatura piombifera (n. 6-9) dal riempimento delle fogne del settore sud.

Fig. 11 – Vigna Barberini. Terra sigillata africana (n. 1-5) e ceramica a invetriatura piombifera (n. 6-9) dal riempimento delle fogne del settore sud.

Disegni: J. Leone © EFR 2017.

Ceramica a pareti sottili

  • 29 Rizzo 2003, tav. V-IX.

26La tipologia della grande quantità di rinvenimenti di frammenti di vasi a pareti sottili dagli strati di obliterazione della fogna dell’area sud della Vigna Barberini è stata già sinteticamente illustrata in passato (fig. 12-18):29 essi costituiscono ancora un unicum, in quanto illustrano una non indifferente quantità di bicchieri, coppe e boccalini che trovano ancora pochi confronti a causa della penuria della documentazione archeologica di confronto.

Fig. 12 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud: tipologia della ceramica a pareti sottili.

Fig. 12 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud: tipologia della ceramica a pareti sottili.

Disegni: J. Leone © EFR 2017.

Fig. 13 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud: tipologia della ceramica a pareti sottili.

Fig. 13 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud: tipologia della ceramica a pareti sottili.

Disegni: J. Leone © EFR 2017.

Fig. 14 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud: tipologia della ceramica a pareti sottili.

Fig. 14 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud: tipologia della ceramica a pareti sottili.

Disegni: J. Leone © EFR 2017.

27A distanza di quindici anni, la situazione è rimasta sostanzialmente immutata, poichè solo episodicamente i contesti urbani datati tra la fine del II e l’inizio del III secolo pubblicati nel frattempo sono stati in grado di fornire adeguati confronti.

  • 30 Tra i pochi tipi identificati probabilmente non sono residui due frammenti del boccalino «a collar (...)

28Nei livelli di costruzione dell’Heliogabalium e dei suoi portici la ceramica a pareti sottili è rappresentata da appena 90 frammenti, per lo più non identificati o residui,30 e negli altri contesti severiani urbani presi in considerazione essa è solo sporadicamente attestata: nella tab. 2 sono dunque indicate solo le scarse corrispondenze tipologiche registrate – nel riempimento del condotto fognario delle cosiddette Terme di Elagabalo la classe è del tutto assente – anche, talvolta, a causa della carenza dell’apparato iconografico di corredo (come nel caso dei vasi a pareti sottili dal contesto dei Mercati di Traiano, che non sono disegnati); scarse, infine, risultano anche le corrispondenze con il materiale raccolto nella discarica tardo-antonina alle falde del Gianicolo: trattandosi di un contesto di lunga formazione, in esso sono inglobati per lo più forme e tipi risalenti ad un’età più antica.

Tab. 2 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud: ceramica a pareti sottili.

Vigna Barberini, riempimento fogne Palatino, pendici NE, att. 7 Mercati di Traiano S. Stefano Rotondo
Forma Tipo N % Iacomelli 2017 Ceci 2006 Martin et al. 2008
Boccalino PS I.1a – Ricci 1985, I/122 21 14 p. 41
Boccalino PS I.1b 15 10
Boccalino PS I.2 – Ricci 1985, I/368 1 0,67
Boccalino PS I.3 – Rizzo 2003, tipo A2a 2 1,33 fig. 20
Boccalino PS I.3a – Rizzo 2003, tipo A2b 5 3,33
Boccalino PS I.3b – Rizzo 2003, tipo A2b 2 1,33
Boccalino PS I.4 – Ricci 1985 I/116-7 31 20,67 fig. 4-8 p. 41 fig. 19
Boccalino PS I.4a 7 4,67
Boccalino PS I.4b 1 0,67
Boccalino PS I.5 2 1,33
Boccalino PS I.6 5 3,33
Boccalino PS I.7 1 0,67
Boccalino PS I.8 5 3,33
Boccalino PS I.9 7 4,67
Boccalino PS I.10 1 0,67
Bicchiere PS II.1a – Rizzo 2003, A7b 1 0,67
Bicchiere PS II.2 3 2
Bicchiere PS II.3 3 2
Bicchiere PS II.4 1 0,67
Bicchiere PS II.5 3 2
Coppa PS III.1 1 0,67
Coppa PS III.2 1 0,67
Coppa PS III.3 2 1,33
Coppa PS III.4 1 0,67
Coppa PS III.5 2 1,33
Coppa PS III.6 1 0,67
Coppa PS III.7 – Ricci 1985, II/222 5 3,33
Coppa PS III.7a 1 0,67
Coppa PS III.8 2 1,33
Coppa PS III.9 – Carbonara – Messineo 1991, 8a 2 1,33
Coppa PS III.10 2 1,33
Coppa PS III.11 2 1,33
Coppa PS III.12 2 1,33 fig. 16
Coppa PS III.13 2 0,67
Coppa PS III.10 6 4
Non identificati 552
Totale 702 100
  • 31 Rizzo 2003, p. 41, prodotto anche a Scoppieto (Terni): Faga 2011, B.O.A tipi 4.6, 4.1 (fig. 22.9; (...)
  • 32 Ne è stata ipotizzata una produzione centro-italica, confermata anche dai ritrovamenti dell’atelie (...)

29I bicchieri e i boccalini (quasi l’80% dei tipi identificati) prevalgono nettamente sulle coppe (20%). Il tipo più attestato è il boccalino PS I.4 – Ricci 1985 I/116-117,31 documentato anche nei contesti delle pendici NE del Palatino, dei Mercati di Traiano e di S. Stefano Rotondo: essendo in circolazione sin dalla prima età imperiale, quasi certamente si tratta di residui più antichi. Segue il boccalino «a collarino» PS I.1-Ricci 1985 I/12232 e dalla sua variante PS I.1a che, con ogni probabilità, costituisce la versione prodotta localmente, come sembrano indicare le caratteristiche macroscopiche delle fabrics.

  • 33 Iacomelli 2017, fig. 21.
  • 34 Carbonara – Messineo 1991, tipo 4a, p. 188.
  • 35 Puppo 2008a, fig. 1, 3.

30Sul piano della cronologia, risulta rilevante l’attestazione del bicchiere PS II.4 negli strati di obliterazione più antichi della fogna in travertino delle pendici NE del Palatino, datati ai primi decenni del II secolo,33 mentre la coppa più attestata è il tipo PS III.7 – Ricci 1985 2/222: le affinità tipologiche con uno dei tipi documentati nella fornace di Roma individuata in località La Celsa consentono la possibilità di ipotizzarne un’origine locale.34 La coppa PS III.9, una produzione almeno in parte romana, in quanto prodotta nella fornace di La Celsa sulla via Flaminia, è attestata anche nella discarica tardo-antonina alle falde del Gianicolo.35

  • 36 Rizzo 2003, p. 52-55. Il tipo PS II. 1 è prodotto anche a Scoppieto: Faga 2011, tipo B.O.A 1.4, fi (...)
  • 37 Bousquet – Felici – Zampini 2008, tipi 2-4, p. 928, nota 17; Faga 2011, C.A.C tipo 3.1, fig. 11.5.
  • 38 Faga 2011, tipo C.C 3.4, fig. 6.4.

31Anche per tutti gli altri tipi può essere ipotizzata un’origine locale sulla base dell’analisi macroscopica dei 12 diversi tipi di impasto individuati, che in diversi casi sono risultati estremamente simili a quelli riconosciuti su alcuni tipi di vasellame comune da mensa da dispensa e per la conservazione dei cibi di cui la provenienza locale è certa o comunque molto probabile: nel caso dei boccalini PS I.3/3a, del bicchiere PS II.1a essa è ulteriormente autorizzata dal confronto diretto con gli esemplari rinvenuti in un contesto romano del 140-160 d.C., anch’essi ipoteticamente attribuiti ad una produzione locale o regionale.36 Per le coppe PS III.7, invece, non è da escludere la provenienza dai centri di produzione nell’Etruria meridionale (Mola di Monte Gelato, S. Biagio, Formello), dove è stata recentemente localizzata la produzione di coppe del tutto simili, o anche da Scoppieto (Terni),37 dove è documentata anche la produzione delle coppe PS III.9.38

  • 39 Roberts 1997, p. 324-325; 336-337.

32Solo raramente, infine, questo vasellame mostra le caratteristiche propriamente sintomatiche della classe: i vasi spesso non presentano più pareti sottili, gli apparati decorativi sono solo raramente presenti e tendono ad essere estremamente semplificati e sommari, i rivestimenti diventano sempre più rari e meno accurati. Tutte queste caratteristiche, emerse anche nel corso dell’analisi del vasellame a pareti sottili di II secolo d.C. rinvenuto a Monte Gelato, nell’ager Faliscus, hanno autorizzato in passato una nuova definizione della classe – «colour-coated ware», cioè ceramica con un rivestimento colorato39 – o l’assegnazione di alcuni di questi vasi alla categoria ibrida delle imitazioni delle pareti sottili, o ancora alla coarse ware.

  • 40 Rizzo 2003, p. 26-36; Bousquet – Felici – Zampini 2008, p. 929-931.

33Tuttavia alcune riflessioni scaturite dall’analisi di una serie di coppe prodotte nel corso del II secolo d.C. nell’Etruria meridionale hanno nuovamente inserito almeno parte di questa produzione nel solco della tradizione morfologica e decorativa della ceramica a pareti sottili, che nel corso del II secolo mostra un progressivo impoverimento della fattura artigianale, evidente sia nella scarsa accuratezza dei rivestimenti e dei rarissimi apparati decorativi, sia nella povertà di un repertorio morfologico che, sin dall’età neroniana, come documentato a Cosa, aveva cominciato a subire, almeno nella ricostruzione tradizionale della storia della produzione di questi vasi, un drastico ridimensionamento.40

  • 41 Rizzo 2003, p. 56-62; la produzione è presente anche nel contesto severiano dei Mercati di Traiano (...)

34In questo quadro costituiscono una parziale eccezione i vasi decorati con inserzioni di paste vitree (tipi PS III.3,10), imitanti preziosi gemmata potoria attraverso la tecnica della decorazione à la barbotine associata all’inserimento di paste vitree colorate incastonate nell’argilla: dovrebbe trattarsi di una produzione locale di Roma o dei dintorni, come indicato dalla ristretta area dei rinvenimenti, databile tra la tarda età repubblicana e la fine del II secolo d.C.41

Fig. 15 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud: tipologia della ceramica a pareti sottili.

Fig. 15 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud: tipologia della ceramica a pareti sottili.

Disegni: J. Leone © EFR 2017.

Fig. 16 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud: tipologia della ceramica a pareti sottili.

Fig. 16 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud: tipologia della ceramica a pareti sottili.

Disegni: J. Leone © EFR 2017.

Fig. 17 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud e cantieri dell’Heliogabalium: lucerne.

Fig. 17 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud e cantieri dell’Heliogabalium: lucerne.

Lucerne

  • 42 Sulle lucerne a becco cuoriforme Bailey Q, le più diffuse tra la fine del II e la metà del III sec (...)

35La grande quantità di frammenti rinvenuti nei riempimenti delle fogne del settore S dell’area di Vigna Barberini – 1179 (tab. 3 e fig. 17) – ha consentito la possibilità di riconoscere una non indifferente quantità di tipi, malgrado la selezione dimensionale del materiale abbia comportato la presenza di numerosissimi frammenti non identificabili; negli strati di costruzione e di sistemazione dei giardini dell’Heliogabalium, invece, ne è stata raccolta una quantità nettamente inferiore, poco più di un decimo. In entrambi i contesti prevalgono nettamente le lucerne in circolazione durante il corso del II secolo e i tipi caratteristici della fine del II secolo e dell’età severiana – le lucerne a becco cuoriforme Bailey Q – costituiscono solo un’esigua minoranza: la maggior incidenza statistica di queste ultime nei livelli di costruzione dell’Heliogabalium potrebbe indicarne la seriorità.42

Tab. 3 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud e cantieri dell’Heliogabalium: lucerne.

Area di produzione Tipo Vigna Barberini riempimento fogne settore S Vigna Barberini cantieri dell'Heliogabalium
N % N %
Roma, Italia centrale Bailey B 1 0,54 1 3,44
Roma, Italia centrale Bailey C 1 3,44
Roma, Italia centrale Bailey Cv 14 7,65
Roma, Italia centrale Bailey D 1 0,54 1 3,44
Roma, Italia centrale Bailey G 4 13,79
Roma, Italia centrale Bailey M – Vogelkopflampe 10 5,46 3 10,34
Roma, Italia centrale Bailey N – Firmalampe 1 3,44
Italia settentrionale Bailey Niii – Firmalampe 8 4,37
Roma, Italia centrale Bailey Nvi – Firmalampe 1 0,54
Roma, Italia centrale Bailey O 10 34,48
Roma, Italia centrale Bailey Ovi 5 2,73
Roma, Italia centrale Bailey O/P 32 17,48
Roma, Italia centrale Bailey P 5 17,24
Roma, Italia centrale Bailey Pi 105 57,37
Roma, Italia centrale Bailey Pii 1 0,54
Roma, Italia centrale Bailey Q 3 10,34
Roma, Italia centrale Bailey Qii 1 0,54
Lazio, Campania lucerne ad invetriatura piombifera 4 2,18
Roma, Italia centrale non identificato 996 106
Totale 1179 100 135 100
  • 43 Ceci 2006, p. 48-53: dei 142 frammenti di lucerne raccolti, solo 4 appartengono alla produzione no (...)

36L’analisi tipologica e delle caratteristiche macroscopiche dei corpi ceramici ha consentito la possibilità di individuare negli strati di riempimento delle fogne dell’area sud solo 8 frammenti, pari a poco più del 4% dei frammenti identificati, certamente riferibili alla produzione delle Firmalampen dell’Italia settentrionale; anche nel contesto severiano dei Mercati di Traiano è stata individuata un’esigua percentuale di frammenti assegnati alla medesima produzione. Nel suo complesso, il panorama tipologico documentato è prevalentemente costituito dai tipi in circolazione in piena età antonina, o anche nella prima metà del secondo secolo, proprio come nei contesti severiani della Vigna Barberini: si tratta delle lucerne «a becco tondo» Bailey O-P, delle Vogelkopflampen a presa trasversale Bailey M e delle Firmalampen di produzione locale Bailey N, tutte prodotte da officine urbane o comunque centro-italiche.43

  • 44 Tutti i bolli delle officine centro-italiche e romane sono documentati anche in un contesto tardo- (...)
  • 45 Rizzo 2003, p. 135-136.

37L’impressione che i riempimenti delle fogne dell’area sud di Vigna Barberini abbiano restituito un lotto di materiali costituito in maggior parte da lucerne in circolazione durante tutto il II secolo emerge ancora più chiaramente da una ricognizione dei bolli leggibili (tab. 4).44 Di nuovo prevalgono nettamente i marchi riferibili alle manifatture urbane o dell’Italia centrale su quelli delle officine norditaliche delle Firmalampen, e i bolli più tardi sono riferibili alle manifatture attive in età antonina di L. Fabricius Aeuelpistus, L. Fabricius Masculus, di C. Iulius Nicephorus e di M. Oppius Zosimus, che sono tuttavia in minoranza rispetto ai rimanenti, complessivamente databili tra l’età tardo-flavia ed adrianea, tra cui il più attestato in assoluto, quello della manifattura dell’Italia centrale di n. Naevius Luc(- - -). Sono infine presenti alcuni frammenti di lucerne caratterizzati da una invetriatura piombifera: si tratta di una produzione già segnalata a Roma in età antonina, attribuibile a centri di produzione campano-laziali, che ad Ostia è documentata dall’età flavia alla fine del II secolo d.C.45

Tab. 4 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud: i bolli sulle lucerne.

Area di produzione Bollo Scioglimento CIL XV N Cronologia
Italia centrale CATILVEST C. Atilius Vest(- - -) 6319 1 età tardo flavio - adrianea
Italia settentrionale CASSI Cassius 6359 1 età traianeo-adrianea
Italia centrale FABRICAGAT L. Fabricius Agat(- - -) 6429 3 età traianea – prima età antonina
Italia centrale LFABRIAEVEL L. Fabricius Aevelpistus 6430 3 età antonina
Roma LFABRICMAS L. Fabricius Masculus 6433 4 età antonina
Italia settentrionale IEGIDI L. Iegidius 6488 1 inizio II sec. d.C.
Italia centrale CIVLINICEF C. Iulius Nicephorus 6495 9 età antonina
Roma LMVNTHREPT L. Munatius Threptus 6565 4 età tardoflavia – età adrianea
Italia centrale NNAELVCI N. Naevius Luc(- - -) 6573 10 età tardoflavia – età adrianea
Roma COPPIRES C. Oppius Restitutus 6593 1 età tardoflavia – età adrianea
Italia centrale MOPPIZOSI M. Oppius Zosimus 6595 1 età antonina
Italia centrale SERGPRIM Sergius Primus 6684 1 età tardoflavia – età adrianea

Ceramiche comuni

  • 46 Aggiornamenti sulla ceramica africana da cucina in Bonifay 2016a, p. 528-533; sulla ceramica a ver (...)

38Anche nel caso di queste categorie dell’instrumentum il panorama tipologico più completo è quello restituito dai frammenti raccolti nei riempimenti delle fogne del settore S dell’area di scavo di Vigna Barberini (tab. 5, fig. 18 e tab. 6), dove sono stati raccolti 5690 frammenti di vasi in ceramica comune e da cucina, contro i 951 provenienti dai livelli di costruzione e di sistemazione dei giardini dell’Heliogabalium. Tuttavia, malgrado l’evidente disparità quantitativa di materiale raccolto, le percentuali di attestazione dei vasi comuni da mensa, da dispensa, per la preparazione degli alimenti e per il lavaggio, nonché quelle spettanti ai vasi da cucina riferibili principalmente alle produzioni locali o regionali di Roma («rozza terracotta»), alle produzioni laziali e campane dei vasi a vernice rossa interna, la cui presenza nei contesti severiani in esame è con ogni probabilità da considerare residua, e al vasellame da cucina africano46 si ripetono quasi nelle stesse identiche proporzioni: solo la maggiore frequenza del vasellame da cucina africano nei livelli di costruzione dell’Heliogabalium potrebbe avere una valenza cronologica ed indicarne la seriorità rispetto ai riempimenti delle fogne dell’area sud.

Fig. 18 – Vigna Barberini, riempimenti delle fogne dell’area sud e cantieri dell’Heliogabalium: percentuali di attestazione delle ceramiche comuni.

Fig. 18 – Vigna Barberini, riempimenti delle fogne dell’area sud e cantieri dell’Heliogabalium: percentuali di attestazione delle ceramiche comuni.

G. Rizzo.

Tab. 5 – Vigna Barberini, riempimenti delle fogne dell’area S e cantieri dell’Heliogabalium.

Vigna Barberini riempimento fogne dell'area sud Vigna Barberini cantieri dell'Heliogabalium
N % N %
Ceramiche comuni da mensa e dispensa 2561 98,38 396 100
Ceramica comune grigia di età imperiale 42 1,61
Totale ceramiche comuni 2603 100 396 100
Rozza terracotta 2214 71,72 373 67,2
Ceramica a vernice rossa interna 46 1,49 14 2,52
Ceramica africana da cucina 827 26,78 168 30,27
Totale ceramiche da cucina 3087 555
Totale 5690 100 951 100

Tab. 6 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area S: ceramiche comuni e ceramica comune grigia di età imperiale.

Forma Tipo N % Quercia 2008 Iacomelli 2017 Radaelli 2013 Martin et al. 2008
olpe CC 1 1 0,56
olpe CC 2a 2 1,12
olpe CC 2b 7 3,95
olpe CC 3 3 1,69 fig. 8, tipo 8
olpe CC 4 1 0,56
olpe CC 5 2 1,12 fig. 8, tipo 12
brocca CC 6 1 0,56
brocca CC 7a 2 1,12
brocca CC 7b 1 0,56
brocca CC 8a – Olcese 2003, tipo 3 3 1,69 fig. 11, tipo 5 fig. 107-8 tav. I, n. 1-4
brocca CC 8b 3 1,69
brocca CC 9 1 0,56
brocca CC 10 – Pavolini 2000, fig. 28, 37 3 1,69
brocca CC 11a – Pavolini 2000, fig. 37, 63 3 1,69 p. 242, fig. 54
brocca trilobata CC 11b – Pavolini 2000, fig. 39, 65 3 1,69
brocca CC 12 4 2,25
brocca? CC 13 1 0,56
olla CC 14 1 0,56
olla CC 15 1 0,56
olla CC 16 4 2,25 tav. II, n. 11
olla CC 17 3 1,69
olla CC 18 3 1,69
olla CC 19 4 2,25
olla CC 20 4 2,25
olla CC 21a 17 9,6 fig. 116 p. 237, fig. 31
olla CC 21b 1 0,56
olla CC 22 2 1,12
coppa CC 23 4 2,25
coppa biansata CC 24 1 0,65
coppa CC 25 2 1,12
coppa CC 26 3 1,69
coppa CC 27 3 1,69
coppa CC 28 2 1,12 tav. II, n. 14
bacino CC 29 11 6,21 fig. 5, tipo 12a p. 238, fig. 38
bacino CC 30 3 1,69
bacino CC 31 17 9,6
bacino CC 32 1 0,56 fig. 5, tipo 12c
bacino CC 33 3 1,69
mortaio CC 34 1 0,56 p. 240, fig. 45
coperchio CC 35 1 0,56 fig. 10, tipo 2
vasetto piriforme CC 36 7 3,95
vasetto da giardino CC 37 4 2,25
vasetto da giardino CC 38 11 6,21
vasetto da giardino CC 39 13 7,34
vasetto da giardino CC 40 9 5,08
residui 52
Non identificati 2332
Totale 2561 100
Ceramica comune grigia N %
olla CG 1 1 2,38
brocca CG 2 3 7,14
olla CG 3 1 2,38
Non identificati 37 88,09
Totale 42 100

39Per quanto concerne le ceramiche comuni da mensa, da dispensa, per la preparazione degli alimenti e per il lavaggio, sono stati complessivamente raccolti 2603 frammenti: solo 651 appartengono ad orli, anse e fondi, e sono stati utilizzati per costruire la tipologia di seguito illustrata. Tra i frammenti identificati, 52 appartengono a tipi certamente residui: ciò non vuol dire che tutti i rimanenti frammenti identificati siano da considerare contemporanei alla cronologia del contesto, soprattutto nei casi in cui essi corrispondono a tipi a lungo diffusi nel corso del II secolo.

40655 frammenti conservano ancora tracce di rivestimento, per lo più marrone e grigio, ma anche bianco, arancione, rosso, giallo e beige; i corpi ceramici sono stati sottoposti ad un’analisi macroscopica, in base alla quale è stata formulata l’ipotesi di una produzione locale e regionale, ad eccezione di un ristretto nuclei di frammenti appartenenti ad una particolare categoria di brocche trilobate (fig. 19, tipo CC 11), di cui si tratterà di seguito.

41I più frequentemente attestati sono i vasetti da giardino, con ogni probabilità provenienti dallo smantellamento delle aiuole dei giardini adrianei (24,83%), seguiti dalle olle (21,41%), dai bacini (19,75%), dalle brocche (14,6%), dalle coppe (9,55%), dalle olpai (9%), dai vasetti ovoidi e piriformi (3,95%) e dai mortai e dai coperchi (0,56% ognuno): la particolare frequenza delle forme di piccole dimensioni – vasetti da giardino, olle – come anche la scarsa presenza della ceramica «pesante» – mortai – deriva dalla selezione dimensionale del materiale scartato.

  • 47 Oltre che nella discarica del Gianicolo, essa è presente ad Ostia, in un contesto del 240-250 d.C. (...)
  • 48 Ostia III 66 (190-220/25 d.C.).
  • 49 Pavolini 2000, p. 150-162; Pavolini 2001, p. 216. 
  • 50 Istenič – Schneider 2000, p. 343. 

42Tra le olpai si segnala la presenza del tipo CC 3 (fig. 19) di cui è difficile stabilire la contestualità, vista la sua presenza in contesti di fine I, II e III secolo d.C.,47 e del tipo CC 5, attestato anche nella discarica alle falde del Gianicolo e ad Ostia.48Più frequenti, tra le brocche, i tipi trilobati CC 11a-b (fig. 19) che possono essere assegnati ad un ambito produttivo egeo-microasiatico – Creta o Attica, come sembrano suggerire le analisi realizzate sugli esemplari ostiensi; certamente Clazomene e Tschandarli, dove sono stati individuati due centri di produzione – e che risultando diffusi nel bacino occidentale del Mediterraneo a partire dall’età domizianea, potrebbero in parte anche essere residui. Sulla loro funzione non c’è accordo tra gli studiosi: le tracce calcaree analizzate all’interno di alcuni esemplari hanno innescato l’ipotesi che fossero utilizzati come bollitori per l’acqua e, quindi, che si trattasse di ceramica «da fuoco»; ciononostante le caratteristiche tecniche della loro fattura – corpo ceramico; aspetto della tipica patina grigio- nerastra di superficie, talvolta parzialmente sinterizzata, del tutto simile a quella dei boccalini «a collarino» Ricci 1985 I/122, che rimanderebbe ad una comune origine – sono state lo spunto per un’altra interpretazione, secondo la quale queste brocche avrebbero formato un «servizio da mensa» con i boccalini a collarino e sarebbero state utilizzate per il trasporto di vini pregiati.49 Infine, secondo un’ulteriore ipotesi, boccalini a collarino, le brocche trilobate in questione e olle e casseruole con orlo a tesa rialzata proverrebbero dall’Asia Minore occidentale, dal territorio d’origine della Eastern Sigillata B – regione di Tralles – e da Phocaea, come indicato da rinvenimenti di scarti di produzione.50

  • 51 Olcese 2003, p. 94, in cui si ipotizza la residualità di tutte le attestazioni post-antonine. 

43Un’altra serie di brocche trilobate dal profilo indistinto dell’orlo – fig. 20, CC 12 – presenta caratteristiche delle superfici e del corpo ceramico completamente diverse, del tutto affini a quelle di tipi riconducibili ad una produzione locale o regionale. Appartengono certamente ad un ambito produttivo locale le brocche tipo CC 8a-b – Olcese 2003 tipo 3 (fig. 19), forse prodotte anche ad Ostia: anche in questo caso si tratta di un tipo diffuso tra l’età flavia e l’età antonina, le cui attestazioni nei contesti severiani in esame potrebbero essere almeno in parte, se non del tutto, residuali.51

  • 52 Pavolini 2000, p. 115-116. 

44La morfologia della brocca tipo CC 10 (fig. 19), caratterizzata da un orlo a fascia con un incasso per il coperchio, rimanda a un prototipo della Bizacena (forma 3 della tipologia delle brocche «a pareti sottili» di Uzita).52 Essa ed è attestata ad Ostia dall’età tardo-flavia sino, soprattutto, in età tardo-antonina, quando il tipo risulta particolarmente diffuso: le analisi petrografiche realizzate sugli esemplari ostiensi sono state in grado di distinguere una minoranza di esemplari provenienti dall’Africa dalla maggioranza dei frammenti attribuiti ad una produzione locale-tirrenica. Per i frammenti dei Vigna Barberini, le cui caratteristiche macroscopiche escludono la provenienza africana e sembrano indicare una provenienza locale o regionale, si ripropone nuovamente la questione della loro contestualità o meno nei contesti in esame.

  • 53 Ostia IV 410. 

45Tra le olle, il tipo più attestato è quello con l’orlo a fascia estroflesso dal profilo incavato all’esterno (tipo CC 21a-b, fig. 20: circa il 10% delle attestazioni): segnalato anche in alcuni dei contesti severiani di confronto, esso è presente anche ad Ostia, in livelli datati tra il 190 e il 220-225 d.C.53, ed è quindi probabilmente almeno in parte in circolazione all’inizio del III secolo. Risulta inoltre particolarmente frequente una famiglia tipologica di olle dall’orlo svasato e rialzato, talvolta biansate – tipi CC 17-20, fig. 20, complessivamente quasi l’8% – anch’esse da considerare almeno in parte in circolazione durante la prima età severiana.

46Nei riempimenti delle fogne dell’area sud di Vigna Barberini è stata raccolta anche una discreta quantità di coppe dalla morfologia piuttosto varia (fig. 21-22): le più frequenti presentano un orlo verticale, indistinto – tipo CC 23 – seguite dalle coppe con orlo rialzato o incurvato (tipi CC 26-7).

  • 54 Olcese 2003, tipo 15a, tav. XL, n. 7, datato dall’età repubblicana al III secolo d.C. (tipo CC 29)

47Tra i bacini-catini prevalgono nettamente quelli a tesa rialzata – fig. 21, tipi CC 29-32 – su quelli a tesa orizzontale (CC 33). Il tipo CC 31 è il più frequentemente attestato, seguito dal tipo CC 29, segnalato anche nella discarica tardo-antonina del Gianicolo e a S. Stefano Rotondo: i loro corpi ceramici sembrano indicare una provenienza locale o regionale, e poiché la loro morfologia rientra all’interno della tradizione di bacini a tesa rialzata lungamente diffusi anche nel corso del II secolo, potrebbero in parte anche essere residui.54

  • 55 Tuttavia, nessuna delle ipotesi a più riprese formulate dagli specialisti trova riscontro nella do (...)
  • 56 Pavolini 1980, tav. V, tipo 17a.

48La presenza di un unico frammento di mortaio – fig. 22, tipo CC 34, attestato anche a S. Stefano Rotondo – si spiega probabilmente con i rigidi criteri di selezione dimensionale cui vennero sottoposti i materiali al momento dello scarto; rari i coperchi tipo CC 35, presenti anche nella discarica del Gianicolo, mentre risultano più attestati i vasetti piriformi (tipo CC 36), appartenenti ad una categoria probabilmente polifunzionale di produzione locale: si tratterebbe infatti di fritilli, cioè bossoli per il gioco dei dadi, o anche di unguentari, di tappi e cava-tappi di anfore, o di elementi costruttivi per alleggerire il peso delle volte.55 Il tipo attestato a Vigna Barberini56 è in circolazione dalla fine del I secolo, e per questa ragione questi frammenti potrebbero in parte anche risultare residui.

  • 57 Messineo 1984. Questi vasi venivano impiegati anche per la margotta, la tecnica di riproduzione ag (...)
  • 58 Sulle tipologie delle ollae perforatae e sul loro impiego nella ars topiaria in relazione a varie (...)
  • 59 Leo 2001.

49I più attestati in assoluto sono i vasetti da giardino, le ollae perforatae, utilizzati nei giardini ornamentali e provvisti dei caratteristici fori realizzati ante cocturam:57 il loro utilizzo è ampiamente documentato sia nei giardini annessi alle abitazioni private, sia nell’ambito di sistemazioni legate ad edifici di culto e a residenze di personaggi di rango aristocratico, imperiale o regale,58 e la loro frequenza nei contesti in esame, come si è detto, è con ogni probabilità il riflesso dello smantellamento delle sistemazioni a giardino realizzate in età adrianea in questo settore del palazzo59. Ancora una volta, le caratteristiche macroscopiche del corpo ceramico rimandano ad una produzione locale e regionale: i tipi più frequentemente attestati sono quelli dall’orlo rientrante (fig. 22, tipi CC 39-40) e dal corpo percorso da nette impronte di tornitura, ma non mancano le ollette dall’orlo estroflesso o tendenzialmente verticale (tipi CC 37-38).

  • 60 Pavolini 2000, p. 379-381.
  • 61 Olcese 1993, p. 113-116.

50Statisticamente poco rilevante, ma non per questo di scarso interesse è la presenza di alcuni frammenti di ceramica grigia di età imperiale («céramique grise gallo-romaine» o «céramique grise kaolinitique»: fig. 22, CG 1-3). La sua origine va ricercata nell’influenza esercitata dalla tradizione ceramica di La Tène in area gallo romana, e i centri di produzione dislocati nella Narbonese, lungo la valle del Rodano, furono coinvolti in una produzione orientata soprattutto verso i mercati locali, ma che uscì anche al di fuori del suo ambito di distribuzione regionale, come dimostrano le attestazioni di Albintimilium (a partire dall’età augustea) e di Ostia, dove la ceramica grigia di età imperiale è presente probabilmente sin dall’età tardo-repubblicana, con certezza dall’età tiberiana, sino probabilmente alla metà circa del II secolo d.C., poichè probabilmente le attestazioni nei contesti tardo-antonini e severiani sono residuali.60 La forma più caratteristica è l’olpe ad orlo trilobato (CG 2), che ad Albintimilium è attestata dalla prima età augustea fino al II secolo d.C., forse utilizzata per il trasporto di vino.61 La sua morfologia corrisponde a quella della corrispondente forma di provenienza egeo-microasiatica tipo CC 11a-b, il che apre il campo alla possibilità di reciproche «contaminazioni» tipologiche delle due produzioni; anche la morfologia dell’olla tipo CG 3, infine, risulta estremamente simile a quella del tipo corrispondente di produzione locale o regione in ceramica comune CC 21.

Fig. 18 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud: tipologia delle ceramiche comuni.

Fig. 18 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud: tipologia delle ceramiche comuni.

Disegni: J. Leone © EFR 2017.

Fig. 20 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud: tipologia delle ceramiche comuni.

Fig. 20 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud: tipologia delle ceramiche comuni.

Disegni: J. Leone © EFR 2017.

Fig. 21 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area S: tipologia delle ceramiche comuni.

Fig. 21 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area S: tipologia delle ceramiche comuni.

Disegni: J. Leone © EFR 2017.

Fig. 22 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud: tipologia delle ceramiche comuni (CC 34-40) e della ceramica comune grigia di età imperiale (CG 1-3).

Fig. 22 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud: tipologia delle ceramiche comuni (CC 34-40) e della ceramica comune grigia di età imperiale (CG 1-3).

Disegni: J. Leone © EFR 2017.

Ceramiche da cucina

  • 62 Costantini 2000-2001, p. 205-206.
  • 63 Olle Olcese 2003, tipi 4a, 3a (Ostia II 507); tegame tipo 4, n. 3.

51Nei riempimenti dei condotti fognari del settore meridionale dell’area di scavo di Vigna Barberini sono stati complessivamente raccolti 3087 frammenti di ceramiche da cucina, di cui 836 pertinenti ad orli, fondi ed anse, utili per la tipologia dei tipi attribuiti prevalentemente alle produzioni locali o laziali-campane (tab. 7), come suggerito dall’analisi macroscopica degli otto tipi di corpi ceramici analizzati macroscopicamente.62 Prendendo in considerazione anche i residui, le forme più attestate sono i coperchi e le olle (47,84 e 39,02%); tegami, pentole e bruciaprofumi ammontano complessivamente al 13,14%. Anche in questo caso è impossibile distinguere sempre con chiarezza i tipi prodotti e in circolazione in età severiana dai residui: di questi ultimi fa certamente parte una serie di tipi diffusi tra il I secolo a.C. e il II secolo d.C.63 non raffigurati, ma anche le olle CF 15-17-Olcese 2003, tipo 1a, CF 14-Olcese 2003, tipo 8, 1 (fig. 26, CF 14-17) e il tegame Olcese 2003, tipo 3, di produzione locale/regionale o campana (fig. 23, CF 1).

Tab. 7 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud: ceramica da cucina «rozza terracotta».

Forma Tipo Vigna Barberini riempimento fogne sud Quercia 2008 Ceci 2006 Iacomelli 2017 Radaelli 2013 Martin et al. 2008
Rozza terracotta N %
tegame CF 1 – Olcese 2003, tipo 3 6 1,3
tegame CF 2 2 0,43 tipo 13, fig. 3
tegame CF 3 1 0,21
tegame/ciotola CF 4a 1 0,21 tipo 11, fig. 3
tegame/ciotola CF 4b – Pavolini – Coletti 1996, fig. 11, 3 3 0,65
tegame/ciotola CF 5a 6 1,3 fig. 143 tav. III, 20-25
tegame/ciotola CF 5b 7 1,52 tav. III, 20-25
tegame/ciotola CF 6 3 0,65
casseruola CF 7 – Hayes 197 14 3,04 fig. 145 tav. IV, 30
pentola CF 8 1 0,21
pentola CF 9 3 0,65 tipo 2, fig. 1
pentola CF 10 7 1,52
pentola CF 11 – Olcese 2003, tipo 5a 10 2,17 tipo 1e, fig. 1 fig. 27, 4 fig. 139
olla biansata CF 12a – Olcese 2003, tipo 6, 3 57 12,39 fig. 28 fig. 126 fig. 57-58
olla biansata CF 12b – Olcese 2003, tipo 6, 3 34 7,39 fig. 28
olla CF 13 6 1,3
olla CF 14 – Olcese 2003, tipo 8, 1 4 0,86
olla CF 15 – Olcese 2003, tav. I, tipo 1a 3 0,65 tipo 8, fig. 2 fig. 29, 1-2
olla CF 16 – Olcese 2003, tav. I, tipo 1a 6 1,3 fig. 29, 1-2
olla CF 17 – Olcese 2003, tav. I, tipo 1a 6 1,3 fig. 29, 1-2 fig. 131
olla CF 18a-b 24 5,21 fig. 30, 1 fig. 129
olla CF 19 4 0,86 fig. 32, 2 fig. 127
marmitta CF 20a – Hayes 184 C 6 1,3 fig. 27, 6
marmitta CF 20b – Hayes 184 A 2 0,43
olla CF 21 2 0,43
olla CF 22 25 5,43 fig. 29, 3
olla CF 23 1 0,21 fig. 29, 4
coperchio CF 24a – Olcese 2003, tipo 4 77 16,73 fig. 66
coperchio CF 24b – Olcese 2003, tipo 4 61 13,26
coperchio CF 24c – Olcese 2003, tipo 4 20 4,34
coperchio CF 24d – Olcese 2003, tipo 4, 4 3 0,65
coperchio CF 25 – Olcese 2003, tipo 3, 8 47 10,21 tipo 7a, fig. 4 tav. IV, 37
coperchio CF 26 15 3,26
residui I secolo a.C. – II secolo d.C. 6 1,3
non identificati 1682
Totale 2214
  • 64 Olcese 2003, p. 91.
  • 65 Ivi, p. 82.
  • 66 Ivi, p. 90.

52Tuttavia anche al netto di questi tipi, certamente residui, è più che probabile che una non indifferente quantità delle altre forme attestate, in circolazione oltre che in età severiana, anche in parte o durante tutto il II secolo d.C., siano da considerare almeno in parte residue: è il caso dei tipi più attestati, i coperchi CF 24 a-d-Olcese 2003, tipo 4 (fig. 27), prodotti a partire dall’età claudia,64 e delle olle CF 12-Olcese 2003, tipo 6, 3, in circolazione per tutto il II secolo d.C.,65 ma anche della pentola CF 11-Olcese 2003, tipo 5a, n. 3, databile nel corso di tutto il I e il II secolo d.C., e del contemporaneo coperchio CF 25-Olcese 2003 tipo 3.66

  • 67 Coletti – Pavolini 1996, p. 411-412.
  • 68 Istenič – Schneider 2000, p. 343. 
  • 69 Warner Slane – Kiriatzi 2014; sulla diffusione della «Aegean cooking ware» («céramique commune ori (...)
  • 70 Istenič – Schneider 2000, fig. 3, 4-6.

53Tra le olle si segnala la frequenza di alcuni tipi di piccola taglia, documentati anche nella grande discarica del Gianicolo, che certamente furono prodotti almeno anche nel corso della prima età severiana (fig. 27, CF 21-23); lo stesso discorso vale per le olle biansate CF 18a-b, le cui caratteristiche tipologiche corrispondono esattamente ai «corrugated cooking pots». Il tipo è presente anche nei contesti severiani dei Mercati di Traiano e nella fogna in travertino delle pendici NE del Palatino. I centri di produzione di queste olle dall’orlo a tesa rialzata e dal corpo percorso da evidenti impronte di tornio sono stati nel tempo variamente localizzati in area egeo-microasiatica sulla base di osservazioni archeologiche e archeometriche. Le analisi petrografiche realizzate sui frammenti ostiensi sono state in grado di isolare due distinti gruppi caratterizzati da inclusi vulcanici e da granuli derivanti dal disfacimento di scisti cristallini: il primo gruppo è stato ipoteticamente ricondotto all’isola di Egina o alla zona di Pergamo, il secondo all’Attica e alle isole dell’Egeo.67 Successivamente il problema delle origini di questo vasellame fu riconsiderato all’interno del fenomeno della diffusione dell’«Aegean cooking ware» in area adriatica, in cui vengono compresi, tra l’altro, anche i boccalini a collarino Ricci 1985 I/122 e le brocche tribolate tipo CC 11a-b (fig. 19): la loro origine viene assegnata all’Asia minore occidentale, nella stessa regione produttiva della Eastern Sigillata B, e l’ipotesi viene confermata dal ritrovamento di un centro di produzione a Phocaea.68 Ulteriori analisi petrografiche e chimiche realizzate su «corrugated cooking pots» rinvenuti a Citera hanno confermato l’ipotesi della provenienza dal territorio di Focea, ma hanno anche evidenziato una produzione locale del settore settentrionale dell’isola e un’ulteriore produzione di imitazione, probabilmente originaria della baia di Napoli.69Sulla base dell’analisi macroscopica degli esemplari di Vigna Barberini è possibile ipotizzare un’origine locale o regionale dei tipi 18a-b: analoghe produzioni locali sono state isolate, oltre a Citera, anche a Ljubljana/Emona.70

  • 71 Cirone 1983-1984, tipo 17.

54Il tipo CF 13 (fig. 26) è strettamente imparentato con le olle tipo 12a-b, le più diffuse nel contesto, ed è distinguibile dalle precedenti per via del collo nettamente troncoconico: probabilmente si tratta dello stadio evolutivo più tardo – seconda metà del II-inizio del III secolo d.C. – del tipo CF 12a-b. Il tipo CF 19 (fig. 26), infine, è diffuso ad Ostia dall’età adrianea alla fine del II secolo d.C.,71ed è presente nei contesti severiani dei Mercati di Traiano e dei riempimenti della fogna in travertino delle pendici NE del Palatino: i frammenti potrebbero dunque essere solo in parte residui.

  • 72 Ivi, tipo 72. 

55Tra le pentole, oltre il tipo CF 11, le cui attestazioni, come si è visto, sono probabilmente in parte residuali, si segnala la presenza del tipo CF 10 (fig. 25), dalla tesa leggermente rialzata e con dente inferiore, probabilmente in circolazione alla fine del II-inizio III secolo d.C., in quanto non risulta documentato né a Roma né ad Ostia nei contesti noti di I e di II secolo d.C., e del tipo CF 9, dall’orlo a tesa rialzata e dal profilo concavo, attestato anche nella discarica del Gianicolo e ad Ostia, in livelli datati nel II secolo d.C.:72 ancora una volta, anche in questo caso potrebbe trattarsi, almeno in parte, di residui.

  • 73 Carta – Pohl – Zevi 1987, fig. 131, 262; per la cronologia adrianeo-antonina del contesto, origina (...)

56Dei coperchi si è in parte già detto: sono documentate soprattutto tipologie caratterizzate dall’orlo ingrossato a sezione triangolare o sub-triangolare (CF 24 a-d-Olcese 2003, tipo 4: fig. 27), la cui origine locale è accertata, seguite da una gran quantità di coperchi dall’orlo ingrossato e arrotondato (CF 25), anch’essi di produzione locale o regionale, molto probabilmente residui, come i coperchi dall’orlo ingrossato a mandorla (CF 26), segnalati ad Ostia sin dall’età adrianeo-antonina.73

  • 74 Bonifay 2004, fig. 116, variante A, II secolo d.C. (CF 20b); variante C, III secolo d.C. (CF 20a).
  • 75 Atlante I, p. 218-219.
  • 76 Bonifay 2014, p. 78, fig. 4: imitazioni delle forme Hayes 181 e 197.
  • 77 Ceci 2006, fig. 27, 5 = Atlante I, tav. CVII, n. 5 (Ostia III 324).

57Le marmitte (CF 20a-b, fig. 26) sono illustrate da tipi che imitano le corrispondenti produzioni africane Hayes 184;74 sempre nell’ambito dei fenomeni di imitazione del vasellame da cucina africano si collocano le casseruole CF 7 (fig. 25), ispirate alla forma Hayes 197, in circolazione dalla prima metà del II all’inizio del V secolo d.C.75 La presenza di imitazioni di tipi africani nel repertorio certamente attribuibile alla produzione locale romana, documentati proprio nella fornace di La Celsa,76 è uno dei fenomeni più rilevanti, che trova riscontro, per quanto riguarda le casseruole Hayes 197, nei contesti severiani delle pendici NE del Palatino, e per quanto concerne la marmitta Hayes 184, nel contesto dei Mercati di Traiano. Sempre nei Mercati di Traiano è segnalata anche un’imitazione della casseruola Ostia III 324, che riproduce un prototipo africano in circolazione tra l’età flavia alla metà circa del II secolo d.C.:77 i fenomeni di imitazione del vasellame da cucina africano si sono dunque innestati nel repertorio morfologico della produzione urbana prima della seconda metà del II-inizio del III secolo d.C., età in cui il vasellame mensa, da cucina e le anfore africane sono ampiamente diffuse nel mercato romano ed ostiense.

  • 78 Cirone 1983-1984, tipo 41; Coletti – Pavolini 1996, p. 412 (gruppo A).
  • 79 Nel condotto fognario delle pendici NE del Palatino sono presenti ben 46 esemplari, di cui si ipot (...)

58Tra i tegami si segnala infine la presenza di una tipologia piuttosto particolare, documentata anche nella discarica tardo-antonina del Gianicolo, caratterizzata da anse orizzontali e da un orlo indistinto provvisto di un dentello interno (fig. 23, CF 2), e di una serie di piccoli tegami o ciotole dall’orlo ingrossato a mandorla, rientrante, in parte documentati sempre nella discarica del Gianicolo (fig. 23, CF 4a) e ad Ostia (CF 4b), dove risultano presenti in contesti di II secolo d.C., risultando quindi probabilmente almeno in parte residui in epoca severiana, e dove sono stati ipoteticamente attribuiti ad un ambito produttivo centro-tirrenico.78 I tipi 5a-b (fig. 24) sono i più frequentemente attestati e risultano morfologicamente simili ai due precedenti, ma distinti per dimensioni e per la presenza di anse orizzontali dal profilo sinuoso: sono segnalati anche nei contesti severiani delle pendici nord-orientali del Palatino, e presumibilmente illustrano una tipologia in circolazione tra la fine del II e l’inizio del III secolo d.C.,79 forse prodotta da officine locali, come sembrano indicare le caratteristiche macroscopiche del corpo ceramico.

Fig. 23 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud: tipologia della ceramica da cucina «rozza terracotta».

Fig. 23 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud: tipologia della ceramica da cucina «rozza terracotta».

Disegni: J. Leone © EFR 2017.

Fig. 24 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud: tipologia della ceramica da cucina «rozza terracotta».

Fig. 24 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud: tipologia della ceramica da cucina «rozza terracotta».

Disegni: J. Leone © EFR 2017.

Fig. 25 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud: tipologia della ceramica da cucina «rozza terracotta».

Fig. 25 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud: tipologia della ceramica da cucina «rozza terracotta».

Disegni: J. Leone © EFR 2017.

Fig. 26 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud: tipologia della ceramica da cucina «rozza terracotta».

Fig. 26 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud: tipologia della ceramica da cucina «rozza terracotta».

Disegni: J. Leone © EFR 2017.

Fig. 27 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud: tipologia della ceramica da cucina «rozza terracotta».

Fig. 27 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud: tipologia della ceramica da cucina «rozza terracotta».

Disegni: J. Leone © EFR 2017.

  • 80 Atlante I, p. 216; Bonifay 2004, p. 225. 
  • 81 Bonifay 2004, p. 225: essendo prodotta a partire dalla prima metà del II secolo, è probabilmente a (...)
  • 82 Ceci 2006, p. 47.
  • 83 Le scodelle Hayes 181, n. 2, 12-13 corrispondono alle varianti B e C isolate da M. Bonifay e datat (...)

59Infine, per quanto concerne il vasellame da cucina importato dall’Africa settentrionale (tab. 8), i quasi mille frammenti raccolti negli strati di riempimento delle fogne del settore sud dell’area di scavo di Vigna Barberini e negli strati di costruzione del tempio, dei portici e dei giardini dell’Heliogabalium costituiscono complessivamente la documentazione quantitativamente più consistente rispetto a quella raccolta negli altri contesti severiani di confronto: dal suo esame è possibile riconoscere nei riempimenti delle fogne una maggiore frequenza di tipi diffusi nel corso del I e del II secolo d.C. – i piatti-coperchio Ostia II 302, Hayes 196, n. 2 e il tegame Ostia II 30680 – mentre in entrambi la forma in assoluto più diffusa è la casseruola Hayes 197.81 La stessa casseruola è il secondo tipo più diffuso nel contesto del 200 d.C. dei Mercati di Traiano,82 e lafortunaincontrata dal tipo nel mercato urbano è testimoniata anche e soprattutto dalle imitazioni attribuibili con certezza alle produzioni locali di Roma, documentate sia a Vigna Barberini, sia nei contesti severiani delle pendici NE del Palatino (fig. 25, CF 7). Anche sul versante della ceramica da cucina, infine, si conferma l’impressione che negli strati di obliterazione dei condotti fognari dell’area sud siano confluiti in gran quantità materiali in circolazione durante la fine del I e, soprattutto, durante il II secolo d.C., mentre nei contesti legati alla costruzione del tempio e dei suoi giardini risulta maggiore l’incidenza statistica di tipi databili tra l’età antonina e l’età severiana (piatti-coperchio Ostia I 261-2, Ostia I 264; scodella Hayes 181, n. 2, 12-3).83

Tab. 8 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud e cantieri dell’Heliogabalium: ceramica africana da cucina.

Forma Tipo Vigna Barberini
Riempimento fogne area sud Cantieri dell'Heliogabalium
N % N %
piatto-coperchio Ostia II 302 3 0,56
piatto-coperchio Hayes 196, 2 – Ostia III 332 162 30,34 7 8,64
piatto-coperchio Ostia I 261 5 0,94 16 19,75
piatto-coperchio Hayes 195 – Ostia I 262 3 0,56 1 1,23
piatto-coperchio Ostia I 18 1 0,19
piatto-coperchio Ostia I 264 1 1,23
tegame Ostia II 306 11 2,06
tegame Hayes 23A 1 0,19 1 1,23
tegame Hayes 23B 47 8,8 10 12,34
tegame Hayes 23 12 14,81
tegame Ostia I 270/III 269 6 1,12
scodella Hayes 181, 2, 12-13 – Ostia I 15 1 1,23
casseruola Hayes 194 – Ostia II 303 2 2,46
casseruola Hayes 197 264 49,44 30 37,03
casseruola Ostia I 268 1 0,19
marmitta Raqqada tav. LIII, D1 2 0,37
tipi non identificati 28 5,25
non identificati 293 87
Totale 827 100 168 100

Anfore

  • 84 Per tutte le tipologie menzionate si rimanda alla bibliografia raccolta in Ostia VI; per le anfore (...)

60Più che per le altre categorie dell’instrumentum passate in rassegna, la documentazione delle anfore (tab. 9)84 restituite dai riempimenti delle fogne dell’area sud è quantitativamente la più rilevante tra quelle attualmente disponibili a Roma per l’età severiana, ma deve essere sempre attentamente interpretata alla luce della natura dei contesti di rinvenimento: per questo motivo le è stata affiancata anche quella delle anfore raccolte negli strati relativi alla costruzione del complesso dell’Heliogabalium, dei suoi giardini e quella degli altri due contesti urbani di età severiana quantitativamente più significativi.

Tab. 9 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud, cantieri e giardini dell’Heliogabalium: le anfore.

Vigna Barberini Mercati di Traiano Palatino pendici NE attività 7
Riempimento fogne area sud Cantieri e giardino dell'Heliogabalium
N % N % N % N %
Anfore greco-italiche 1 0,13
Dressel 1 7 0,94
Dressel 2-4 (versante tirrenico?) 6 0,23 36 4,58 9 0,63
Dressel 2-4 campane 1 0,03 1 1,61
Dressel 6A 1 0,03 1 0,07
Anfore dell'Italia centrale dal fondo ad anello 46 1,79 8 1,07 9 0,63 3 4,83
Anfore romagnole dal fondo ad anello 1 0,13
Dressel 1 “tarda” – Ostia VI 21 2 0,26
Anfore tardo-campane – Ostia VI 17-20 (fig. 28, 1-2) 3 0,4
Anfore di Lipari 3 0,21
Ostia VI 65 (fig. 28, 3) 2 0,26 2 0,14
Catania early flat bottomed type 39 0,85
Naxos early Roman type/ Catania flat bottomed type 1 41 1,59 2 0,26 3 0,21
Catania MR 1a type, form 2 2 0,26
pareti anfore italiche non id. 96 3,74 1 0,13 22 1,55
Gauloise 3 1 0,03
Gauloise 4 31 4,18 20 1,41 2 3,22
Gauloise 5 5 0,19
Pareti anfore galliche non ident. 110 4,28 15 2,02 231 16,29 1 1,61
Dressel 2-3 tarraconese 3 0,4 3 0,21
Haltern 70 2 0,07 1 0,13 1 0,07 1 1,61
Dressel 7-11 2 0,14 1 1,61
Dressel 14 betica 23 0,89 26 3,5 8 0,56
Dressel 20 15 0,58 84 11,33 15 1,05 4 6,45
Dressel 20 pareti 74 2,88
Beltrán IIA 1 0,03
Beltrán IIB 1 0,13 2 3,22
Beltrán IIB/Almagro 50/Beltrán IIB “evoluta” 5 0,35 1 1,61
Dressel 14 B lusitana 1 0,03 1 0,13 7 0,49 1 1,61
Almagro 50 1 0,13
Anfore betiche da pesce 52 2,02 19 2,56 1 1,61
Anfore ispaniche non identificate 170 6,62 2 0,26 27 1,9
Anfore di tradizione punica 1 0,03
Dressel 2-4 africana 1 0,03 1 0,13 1 1,61
Leptiminus II 1 0,07 3 4,83
Ostia forma LIX 2 0,26
Ostia forma XXIII 13 1,75 2 0,14 1 1,61
Ostia forma LIX/XXIII 2 3,22
Africana Ia (fig. 28, 5) 5 0,19 10 1,34 8 0,56 11 17,74
Africana Ib 2 0,07 2 0,26
Africana I 56 2,18 115 15,51
Africana II 1 0,13
Mau XXXV 15 0,58 8 1,07 9 0,63 4 6,45
Mau XXXV pareti 15 0,58
Ostia I 457 (fig. 29, 6-10) 17 2,29
Keay I – Dressel 30 4 0,53
Anfore africane non identificate 8 0,56
Pareti anfore africane non identificate 355 13,83 95 12,82 22 1,55
Tripolitana I 1 0,07
Tripolitana II 1 0,13 2 0,14 2 3,22
Tripolitana III 1 0,13
Tripolitana I-III 2 0,26 1 0,07 1 1,61
Anfore egiziane non identificate 10 0,38
Dressel 5 3 0,11 1 0,13
Camulodunum 184 6 0,23 16 2,15 1 1,61
Agora F 65-6/J46 6 0,8 1 0,07 5 8,06
Agora J 46 45 1,75 2 0,26
Pareti di contenitori monoansati 640 24,94
Cretoise 1 8 0,31 4 0,53 13 0,91 5 8,06
Cretoise 2 3 0,11 1 0,07 2 3,22
Cretoise 3 2 0,14
Cretoise 4 4 0,15 6 0,8 1 1,61
Anfore cretesi non identificate 34 1,32 1 0,13 188 13,25
Schoene Mau XXVII-XXVIII 4 0,15 5 0,67 1 0,07
Agora M54 1 0,03 3 0,4
Kapitaen I 1 0,03 48 6,47 45 3,17 4 6,45
Kapitaen II 7 0,94 2 0,14 1 1,61
Pareti di Kapitaen I – II 21 0,81 320 22,56
Dressel 24 1 0,13
Schoene Mau XV 1 0,03
Kingsholm 117 2 0,07 2 0,14
Anfora levantina (fig. 29, 11) 2 0,07
Anfore egeo-microasiatiche non identificate 143 5,57 10 1,34 6 0,42
Anfore non identificate 89 3,46 110 14,84 21 1,48
Pareti di anfore non identificate 415 16,17 394 27,78
Totale 2566 100 741 100 1418 100 62 100
  • 85 Bezeczky 2013, p. 65-71.
  • 86 Franco – Capelli 2014.

61I due diversi registri delle documentazione restituita dai contesti severiani della Vigna Barberini presentano due diverse limitazioni: i materiali di scarico che obliterarono i condotti fognari dell’area sud furono sottoposti ad una rigida selezione dimensionale che penalizzò soprattutto le anfore, ed è particolarmente evidente anche nell’altissima percentuale spettante ai frammenti di una serie di piccole bottiglie monoansate provenienti principalmente da Efeso e dal suo territorio (Agora F65-6; J46),85 che costituiscono il tipo più attestato nel contesto; allo stesso modo va spiegata la relativa frequenza delle anforette siciliane del territorio di Tauromenium e Catina.86

62Gli strati connessi alla costruzione dell’Heliogabalium sono leggermente posteriori per cronologia, in quanto complessivamente databili tra il 191-192 e il 220 d.C., ma tale diversità non spiega la peculiarità che li distingue principalmente sul piano di una residualità che risale fino all’età repubblicana (anfore greco-italiche, Dressel 1, di tradizione punica) e che è piuttosto da mettere in relazione con le procedure delle attività di cantiere, da cui vennero evidentemente intaccati i livelli più antichi.

  • 87 Ostia VI, p. 115-117.

63Un discorso a parte meritano i contenitori riutilizzati per disporre le piante del giardino allestito durante l’ultima campagna del 218-220 d.C.: si tratta di anfore di riutilizzo, selezionate per la loro forma, talvolta rinvenute in situ, ma più spesso in seconda giacitura nei livelli di spoliazione. Esse comprendono prima di tutto una tipologia ben nota di anfore dal corpo cilindrico e dalle anse a bastone, prodotte in Campania settentrionale, nell’area di Neapolis, nella regione di Pompei e probabilmente anche nel Bruttium, in circolazione tra la tarda età antonina e l’età severiana; almeno in parte furono all’origine riempite da vini di alta qualità della Campania settentrionale (Falernum)87 (fig. 28, 1-2), il che rimanda ancora una volta ad un’élite privilegiata di consumatori.

  • 88 Botte 2009, p. 121-162.
  • 89 Ostia VI, p. 136 (65).

64Seguono alcuni grandi contenitori originariamente utilizzati per il trasporto del pesce (fig. 28, n. 3). Queste anfore, i cui dettagli morfologici e del corpo ceramico non consentono la possibilità di identificarli esattamente con le anfore da pesce siciliane, campane e del Bruttium (tipi Dressel 21-22/Botte 1-3) in circolazione nel I e nel II secolo d.C.,88 trovano invece confronto con analoghi contenitori rinvenuti ad Ostia, in livelli di età tardo-antonina, forse provenienti dal Bruttium.89

  • 90 Berni Millet 2008, n. 262, p. 310.

65I contenitori da trasporto più ricorrenti nei livelli di costruzione del tempio e dei giardini sono le anfore olearie tunisine Africana Ia (fig. 28, n. 5) e, in minor misura, Africana Ib, che raggiungono complessivamente la notevole quota del 17% del totale delle anfore rinvenute, seguite dalle anfore olearie betiche Dressel 20 (poco meno del 15%), tra le quali si segnala un’ansa con bollo CAS. (ex figlinis) Cas(- - -) = CIL XV, 2777a (fig. 28, n. 4), rinvenuta nei livelli del giardino e databile nel 220-224 ca.90

  • 91 Ostia VI, p. 289-290.

66Relativamente frequente nei giardini del tempio risulta anche una serie di piccole anfore dall’ansa a doppio bastoncello e dall’orlo a fascia, che presentano talvolta delle grossolane rifiniture realizzate a rotella sul corpo cilindrico, desinente in un piccolo fondo tronco-conico cavo (fig. 29, 6-10): esse circolano durante la prima metà del III secolo e la loro indubbia affinità tipologica con le anfore Mau XXXV, un frazionario delle Dressel 2-4, i cui centri di produzione sono stati individuati in Tunisia meridionale e in Libia, costituisce l’unico indizio di provenienza.91

Fig. 28 – Vigna Barberini, giardini dell’Heliogabalium. Anfore riutilizzate per la piantumazione.

Fig. 28 – Vigna Barberini, giardini dell’Heliogabalium. Anfore riutilizzate per la piantumazione.

Disegni: J. Leone © EFR 2017.

Fig. 29 – Vigna Barberini. Anfore riutilizzate per la piantumazione nei giardini dell’Heliogabalium (n. 6-10) e dai riempimenti delle fogne dell’area sud (n. 11).

Fig. 29 – Vigna Barberini. Anfore riutilizzate per la piantumazione nei giardini dell’Heliogabalium (n. 6-10) e dai riempimenti delle fogne dell’area sud (n. 11).

Disegni: J. Leone © EFR 2017.

67Attraverso le peculiarità del riempimento delle fogne del settore meridionale della Vigna Barberini e dei livelli legati alla costruzione del tempio e dei suoi giardini è possibile isolare alcuni fenomeni macroscopici che trovano riscontro anche negli altri contesti urbani di confronto datati in età severiana.

  • 92 I valori sono espressi in percentuale rispetto al totale delle anfore sicuramente vinarie identifi (...)

68Nella fig. 3092 sono stati riuniti tutti i dati delle anfore certamente vinarie dei principali contesti severiani di Roma, non tenendo conto dei frammenti sicuramente residui, e raggruppando i tipi per aree o regioni di provenienza: la linea rossa tratteggiata segna la media delle percentuali di attestazioni nei contesti presi in esame. Le anfore italiche sono in netta minoranza, quasi certamente in misura ancora maggiore di quanto indicato dagli indici statistici, in quanto il picco delle anfore dell’Italia tirrenica degli strati di costruzione del tempio, che aumentano il valore della media, è generato dalla discreta quantità di Dressel 2-4, che comunque sono quasi certamente almeno in parte residue, in quanto in circolazione sin dalla seconda metà del I secolo a.C.; la stessa osservazione vale, anche se in minor misura, per le anfore tardo-campane selezionate per le piantumazioni dei giardini dell’Heliogabalium. Le anfore vinarie più diffuse provengono dall’area egeo-microasiatica, seguite dalle anfore della Narbonensis e dalle anfore nordafricane: indici quasi irrilevanti spettano alle piccole anfore siciliane di Tauromenium e Catina, e in questo caso il picco delle loro presenze negli strati di obliterazione delle fogne del settore Sud è il risultato della selezione dimensionale dei frammenti, che spiega anche in parte il picco di attestazioni delle anfore egeo-microasiatiche nei medesimi riempimenti, tra cui prevalgono nettamente le piccole bottiglie Agora F65-6/J46.

Fig. 30 – Roma: percentuali di attestazione delle anfore vinarie nei principali contesti severiani.

Fig. 30 – Roma: percentuali di attestazione delle anfore vinarie nei principali contesti severiani.

G. Rizzo.

  • 93 Rizzo 2012, p. 95-97, fig. 4.4.

69L’immagine complessiva che se ne ricava è quella di un mercato in cui i vini italici trasportati in anfora sono ormai in netta minoranza rispetto ai vini dell’area egeo-microasiatica, trasportati in una caleidoscopica varietà di tipologie che lasciano intravvedere un’ampia varietà di provenienze e qualità. Il quadro delineato nella fig. 30 risulta inoltre del tutto simile a quello già tracciato per l’età tardo-antonina in un’altra occasione:93 anche nell’ambito della documentazione delle anfore, dunque, risulta difficile stabilire con certezza in che misura le statistiche appena illustrate costituiscono l’immagine «fotografica» dei consumi urbani di vino in età severiana e quanto essi invece, viste le dinamiche di formazione, riflettano una situazione risalente alla precedente età antonina,

  • 94 Ivi, p. 98-100, fig. 4.7.

70Nella fig. 31 sono riuniti i dati pertinenti alle anfore certamente o molto probabilmente olearie. Sempre tenendo conto dell’ambiguità della documentazione in esame, è comunque possibile puntare l’attenzione sul dato statistico più evidente, ovvero la prevalenza delle anfore olearie tunisine (essenzialmente tipo Africano I) sulle betiche Dressel 20. Il dato, se effettivamente riflette almeno anche in certa misura i consumi di olio degli abitanti di Roma nel corso dell’età severiana, potrebbe confermare un trend già precedentemente individuato attraverso l’analisi di alcuni contesti romani databili nel corso dell’età tardo-antonina.94

Fig. 31 – Roma: percentuali di attestazione delle anfore olearie nei principali contesti severiani.

Fig. 31 – Roma: percentuali di attestazione delle anfore olearie nei principali contesti severiani.

G. Rizzo.

  • 95 Ferrandes 2008, p. 267-268, grafico 7. 

71Nella fig. 32 sono infine raccolti i dati statistici riguardanti le anfore da pesce. In questo caso, anche se si registrano fluttuazioni non indifferenti degli indici spettanti alle anfore da pesce ispaniche (Beltrán II A-B, Dressel 14A, Almagro 50 e lusitane Dressel 14B) individuate all’interno dei quattro contesti su cui sono costruite le medie, risulta piuttosto evidente il predominio delle anfore sud-ispaniche da pesce sulle corrispettive produzioni tunisine (Leptiminus II) e sud-italiche (Dressel 21-22): anche in questo caso il panorama risulta del tutto simile a quello restituito dalle anfore della grande discarica tardo-antonina del Gianicolo.95

Fig. 32 – Roma: percentuali di attestazione delle anfore da pesce nei principali contesti severiani.

Fig. 32 – Roma: percentuali di attestazione delle anfore da pesce nei principali contesti severiani.

G. Rizzo.

La cultura materiale urbana nell’età Severi: rottura o continuità?

  • 96 Rizzo 2018, p. 27-30.

72È stata recentemente sottolineata la necessità di vagliare attentamente natura e limiti della documentazione offerta dalla cultura materiale, e nella fattispecie della ceramica, in quella fase particolarmente delicata in cui essa, una volta estrapolata dai contesti archeologici da cui proviene, viene proiettata dalle analisi statistico-quantitative all’interno di sistemi interpretativi in cui essa è talvolta agganciata alla storia evenemenziale, o utilizzata per ricostruire fenomeni economici non documentabili o non verificabili da paralleli sistemi di fonti: ogni contesto è infatti il frutto unico, irripetuto e irripetibile dell’interazione di diversi fattori che si combinano tra loro in modi infinitamente vari, quali – ma non solo – la cronologia, la tipologia stratigrafica, la geografia economica e la storia dello specifico insediamento o struttura da cui provengono. Di conseguenza, il tentativo di ricostruire da queste componenti che interagiscono sempre diversamente tra di loro i fenomeni di produzione, commercio e consumo cui rimandano i manufatti raccolti è sempre un’operazione estremamente delicata e rischiosa, che deve tenere conto delle molteplici variabili che possono determinare l’assenza, la presenza o la prevalenza di determinate categorie di oggetti all’interno di un contesto.96

73Nel corso dell’analisi dei materiali ceramici restituiti dai contesti severiani della Vigna Barberini sono state segnalate a più riprese alcune particolari caratteristiche della documentazione, di cui è necessario tenere conto prima di tentare un bilancio finale.

74Innanzitutto è risultato evidente, soprattutto nell’ambito delle ceramiche fini da mensa e delle lucerne, come il materiale del tutto o prevalentemente coevo alla formazione dei contesti, cioè certamente prodotto e in circolazione in età severiana o immediatamente a ridosso, sia un’esigua minoranza. Questa caratteristica della documentazione risulta particolarmente evidente nel caso dei riempimenti delle fogne dell’area sud dell’area di scavo della terrazza di Vigna Barberini, a causa delle loro particolari dinamiche di formazione, ma essa riguarda in generale ogni tipo di contesto archeologico, che in maniera sempre diversa illustra fenomeni di produzione, commercio ed uso di manufatti precedenti alla sua datazione. Anche al netto dei materiali certamente residui, dunque, i materiali raccolti in un contesto sono carichi di una potenzialità rappresentativa retrospettiva che deve essere di volta in volta misurata e presa in considerazione.

75Principalmente in quest’ottica deve essere valutata la testimonianza degli strati di obliterazione delle fogne dell’area sud, in quanto le dinamiche di formazione più volte sottolineate hanno determinato l’ingresso di materiale quasi sistematicamente sottoposto ad una sistematica selezione dimensionale e prevalentemente in circolazione durante il II secolo. I contesti relativi alla prima e alla seconda campagna di costruzione dell’Heliogabalium e dei relativi giardini sono invece leggermente più tardi – la seconda campagna di lavori si svolse tra il 218-220 d.C. – e quindi potenzialmente in grado di riflettere anche il materiale in circolazione nella prima età severiana, ma sono quantitativamente molto più poveri, offuscati da una residualità che risale fino al I secolo a.C. e da criteri di selezione (anfore dei giardini) che sicuramente hanno in qualche modo influito sulle statistiche.

76Con tutte le cautele imposte dalle condizioni appena illustrate, è tuttavia possibile enucleare nella documentazione passata in rassegna alcuni fenomeni macroscopici della produzione e del commercio che a più titoli coinvolsero il vasellame, le lucerne e le derrate alimentari trasportate in anfore nel mercato di Roma durante l’età severiana.

  • 97 Brando 2008, p. 139-140, grafico 7. Anche nella discarica tardo-antonina del Gianicolo si registra (...)

77Nel campo delle ceramiche fini da mensa, la terra sigillata africana risulta nettamente predominante sulle corrispondenti produzioni galliche ed orientali, proprio come viene già documentato nella discarica tardo-antonina del Gianicolo; la novità dell’età severiana non è dunque costituita dalla prevalenza assoluta del vasellame tunisino da mensa, ma dalle prime importazioni del vasellame della produzione C1.97 Per quanto concerne i vasi a pareti sottili, la loro «visibilità» risulta certamente sovraesposta dalle peculiarità di formazione dei riempimenti dei condotti fognari dell’area sud, dove essi sono abbondantemente attestati, ma dove, come si è visto, sono riflessi prevalentemente fenomeni produttivi e di circolazione in gran parte risalenti a tutto il II secolo d.C. Malgrado ciò, la presenza dei boccalini «a collarino» Ricci 1985, I/122-PS. I.1 e delle loro imitazioni presumibilmente locali PS.I. 3a-b potrebbe indicare che essi sono in parte coevi alla cronologia del contesto; per i rimanenti tipi, fatta eccezione di quelli certamente fuori produzione in età severiana, come i boccalini Ricci 1985, I/116-7, allo stato della documentazione attuale è impossibile stabile se e in che misura essi fossero ancora tutti prodotti in età severiana.

  • 98 Su 4752 frammenti di ceramica da cucina della discarica del Gianicolo, il 50,86% appartiene alle p (...)
  • 99 Ceramica grigia di età imperiale (meno dell’1% delle ceramiche comuni) e brocche trilobate tipo CC (...)

78Per quanto concerne le ceramiche comuni, il fenomeno più evidente è costituito dalla grande quantità di vasellame da cucina importato dall’Africa, circa il 28% in entrambi i contesti (tab. 5, fig. 18): è questo un indicatore estremamente significativo, usualmente impiegato per misurare la capacità di penetrazione dei prodotti africani in un mercato, quello della ceramica da cucina, che fino alla prima metà del II secolo d.C. è appannaggio delle produzioni locali o laziali-campane. Si tratta comunque di una percentuale sorprendentemente e di molto inferiore a quella registrata nella discarica tardo-antonina del Gianicolo, dove la ceramica africana da cucina raggiunge la considerevole quota del 46%, attestandosi su livelli pressoché uguali a quelli registrati ad Ostia, sempre in età tardo-antonina (45,5%):98 in relazione a tale ordine di grandezze, i dati dei contesti severiani di Roma sembrerebbero dunque segnare un andamento in controtendenza rispetto ad un trend già affermatosi nell’età immediatamente precedente. Sempre nel campo delle ceramiche comuni, infine, risultano scarsamente attestate le altre produzioni provinciali, ovvero quelle narbonesi e dell’area egeo-microasiatica.99

79La documentazione della suppellettile da illuminazione lascia trapelare un quadro di produzioni e commerci ancora saldamente in mano alle officine urbane o centro-italiche, in quanto la penetrazione delle lucerne delle officine dell’Italia settentrionale è statisticamente trascurabile. Sul fronte della tipologia la produzione sembra ormai cristallizzata intorno ai tipi «a becco tondo» (Bailey O-P), e in misura molto minore, alle «Vogelkopflampen» ad ansa trasversale e ad alle «Firmalampen» di produzione locale: l’unica la novità dei contesti severiani consiste nella comparsa delle prime tipologie «a becco cuoriforme» (Bailey Q), assenti nella discarica tardo-antonina del Gianicolo.

  • 100 Non sono stati considerati i residui: le anfore della discarica tardo-antonina del Gianicolo ammon (...)
  • 101 Le produzioni vinarie di area campana e vesuviana sono probabilmente ancora attive all’inizio del (...)

80Nella fig. 33 è infine riunita la documentazione delle anfore, distinte per provenienza, dei i contesti severiani romani presi in considerazione e quantitativamente più significativi, messa a confronto con quella delle anfore della discarica tardo-antonina del Gianicolo.100 Il principale elemento di continuità è costituito dall’indice delle anfore africane, che rimane pressoché invariato: le più evidenti differenziazioni sono costituite dal vistoso decremento, in età severiana, delle anfore ispaniche e dalla crescita delle anfore egeo-microasiatiche. Quest’ultimo dato, tuttavia, è sicuramente influenzato anche dai criteri selettivi che nei riempimenti delle fogne di Vigna Barberini hanno determinato l’elevata percentuale di attestazione delle piccole anfore di Efeso e del suo territorio. Risultano infine complessivamente in calo le anfore dell’Italia tirrenica101 e dell’Italia centrale, mentre continuano ad aumentare le importazioni dei vini gallici.

Fig. 33 – Roma: anfore in età tardo-antonina e severiana. I valori sono espressi in percentuale rispetto al totale delle anfore nei rispettivi periodi, al netto dei residui.

Fig. 33 – Roma: anfore in età tardo-antonina e severiana. I valori sono espressi in percentuale rispetto al totale delle anfore nei rispettivi periodi, al netto dei residui.

G. Rizzo.

  • 102 A sua volta anche il materiale della discarica tardo-antonina del Gianicolo, lentamente accumulato (...)
  • 103 La presenza del vasellame da mensa e delle anfore africane nel mercato romano è un fenomeno statis (...)

81Anche attraverso le riserve appena sottolineate, è stato dunque possibile enucleare alcuni fenomeni macroscopici che sembrano definire alcune caratteristiche tipiche del mercato urbano in età severiana in materia di commercio di vasellame fine da mensa, di ceramiche comuni, di lucerne e di generi alimentari trasportati in anfora. Essi non sembrano restituire l’immagine di un mercato radicalmente mutato nelle sue fonti di approvvigionamento rispetto alla precedente età antonina, illustrata dai rinvenimenti della grande discarica del Gianicolo,102 quanto piuttosto confermare l’ulteriore sviluppo di tendenze già precedentemente in atto, quali la progressiva penetrazione e diffusione del vasellame da mensa, da cucina e di derrate alientari – olio e vino – dell’Africa, cui continuano ad affiancarsi i vini, l’olio e i derivati dalla lavorazione del pesce provenienti rispettivamente dall’area egeo-microasiatica ed orientale e dall’Hispania.103

  • 104 De Sena 2005: le stime prevedono, per l’età imperiale, una capacità produttiva dell’hinterland rom (...)
  • 105 Revilla Calvo 2007, p. 280.

82Soprattutto per quanto riguarda le derrate trasportate in anfora, infine, tale documentazione deve essere presa in considerazione con ulteriore cautela sia alla luce della problematicità ed ambiguità delle matrici stratigrafiche da cui deriva, sia anche in considerazione della complessità del mercato – quello di Roma – cui fa riferimento, che gode di flussi di approvvigionamento che non lasciano traccia nella documentazione archeologica in esame, quali il vino e l’olio prodotti nel suo hinterland e presumibilmente trasportati in botti o cullei.104 Per quanto concerne l’olio, infine, ai dati delle anfore passati in rassegna devono essere affiancati quelli, di segno diametralmente opposto, delle forniture annonarie materializzate negli scarichi del Monte Testaccio, dove nei livelli del primo terzo del III secolo le anfore olearie tunisine e tripolitane si situano tra valori percentuali compresi tra il 9 e l’11,4%, lasciando alle betiche Dressel 20 il primato assoluto: ancora una volta, comunque, si tratta di un contesto estremamente particolare, ovvero di una discarica che riflette una particolare logistica dei rifornimenti sottoposta al controllo dello stato, che deve essere letta e interpretata in parallelo alla documentazione illustrata in queste pagine.105

Haut de page

Bibliographie

Amphorae ex Hispania = http://amphorae.icac.cat/amphorae

Anselmino Balducci 1994 = L. Anselmino Balducci, La cronologia delle officine urbane di lucerne: un contesto ostiense di età antonina, in Epigrafia della produzione e della distribuzione. Actes de la VIIe rencontre franco-italienne sur l’épigraphie du monde romain organisée par l’université de Roma – La Sapienza et l’École française de Rome sous le patronage de l’Association internationale d’épigraphie grecque et latine, Rome, 5-6 juin 1992, Roma, 1994 (Collection de l’École française de Rome, 193), p. 447-461.

Atlante I = Atlante delle forme ceramiche. I. Ceramica fine romana nel bacino mediterraneo (medio e tardo impero), Enciclopedia dell’arte antica classica ed orientale, Roma, 1981.

Bailey 1980 = D. M. Bailey, A catalogue of the lamps in the British Museum. 2. Roman lamps made in Italy, Londra, 1980.

Berni Millet 2008 = P. Berni Millet, Epigrafía anfórica de la Bética. Nuevas formas de análisis, Barcellona, 2008 (Instrumenta, 29).

Bezeczky 2013 = T. Bezeczky, The amphorae of Roman Ephesus, Vienna, 2013.

Bigot 1911 = P. Bigot, Le temple de Jupiter Ultor et la Vigne Barberini, in BCom, 39, 1911, p. 80-85.

Biundo – Brando 2008 = R. Biundo, M. Brando, Caratteristiche della discarica e meccanica della stratificazione. L’approccio allo scavo, in Filippi 2008a, p. 93-96.

Bonifay 2004 = M. Bonifay, Études sur la céramique romaine tardive d’Afrique, Oxford, 2004 (BAR International Series, 1301).

Bonifay 2014 = M. Bonifay, Céramique africaine et imitations : où, quand, pourquoi ?, in R. Morais, A. Fernández, M.J. Sousa (a cura di), As produções cerâmicas de imitação na Hispania, Porto, 2014 (Monografias Ex officina hispana, 2), p. 75-91.

Bonifay 2016a = M. Bonifay, Annexe 1. Éléments de typologie des céramiques de l’Afrique romaine, in D. Malfitana, M. Bonifay (a cura di), La ceramica africana nella Sicilia romana, II, Catania, 2016, p. 507-573.

Bonifay 2016b = M. Bonifay, Amphores de l’Afrique romaine : nouvelles avancées sur la production, la typo-chronologie et le contenu, in R. Járrega, P. Berni (a cura di), Amphorae ex Hispania: paisajes de producción y consumo, III Congreso Internacional de la Sociedad de Estudios de la Céramica Antigua (SECAH) – Ex Officina Hispana (Tarragona, 10-13 de diciembre de 2014), Tarragona, 2016, p. 595-611.

Botte 2009 = E. Botte, Salaisons et sauces de poissons en Italie du Sud et en Sicile durant l’Antiquité, Napoli, 2009 (Collection du Centre Jean Bérard, 31).

Bousquet – Felici – Zampini 2009 = A. Bousquet, F. Felici, S. Zampini, Circolazione e produzione di alcune coppe nel South Etruria, in F. Coarelli, H. Patterson (a cura di), Mercator Placidissimus. The Tiber valley in Antiquity. New research in the upper and middle river valley, Roma, 2009, p. 917-934.

Brando 2008 = M. Brando, Samia vasa, i vasi “di Samo”, in Filippi 2008a, p. 127-174.

Capelli – Bonifay 2016 = C. Capelli, M. Bonifay, Archeologia e archeometria delle anfore dell’Africa romana. Nuovi dati e problemi aperti, in Ferrandes – Pardini 2016, p. 535-557.

Capone 2000-2001 = M. Capone, Roma, Vigna Barberini. Un contesto della fine del II secolo d.C.: la ceramica fine da mensa, vasellame vitreo, bronzeo e reperti numismatici, tesi di laurea, Sapienza Università di Roma, a.a. 2000-2001.

Carbonara – Messineo 1991 = A. Carbonara, G. Messineo, Ceramica dalle fornaci della Celsa, in G. Messineo, La Via Flaminia da Porta del Popolo a Malborghetto, Roma, 1991, p. 185-199.

Carrara 2013 = M. Carrara, Le ollae perforatae dal Giardino Grande di Villa di Livia a Prima Porta, in A. Capoferro, L. D’Amelio, S. Renzetti (a cura di), Dall’Italia: omaggio a Barbro Santillo Frizell, Firenze, 2013, p. 185-214.

Carta – Pohl – Zevi 1987 = M. Carta, I. Pohl, F. Zevi, Ostia. La taverna dell’Invidioso. Piazzale delle Corporazioni, portico Ovest: saggi sotto i mosaici (NSc, suppl. al v. 32, 1987), Roma, 1987.

Carsana – Guiducci 2010 = V. Carsana, G. Guiducci, I contesti ceramici di età medio-imperiale dal porto di Neapolis, in M. Vegas, M. Lazarich González, I Congreso Internacional sobre estudios cerámicos: homenaje a la Dra Mercedes Vegas, Cadice, 2010, p. 1007-1040.

Ceci 2006 = M. Ceci, Un contesto medio imperiale dell’area dei Mercati di Traiano, in R. Meneghini, R. Santangeli Valenzani (a cura di), Roma. Lo scavo dei Fori Imperiali 1995-2000: i contesti ceramici, Roma, 2006 (Collection de l’École française de Rome, 365), p. 25-56.

Chausson 1997 = F. Chausson, Le site de la Vigne Barberini de 191 à 455, in Vigna Barberini I, p. 31-85.

Cirone 1983-1984 = D. Cirone, La ceramica comune della prima e media età imperiale ad Ostia: il vasellame da fuoco, tesi di laurea, Sapienza Università di Roma, a.a. 1983-1984.

Coletti 2004 = F. Coletti, Note su alcuni vasi invetriati dai contesti medio e tardo imperiali del santuario di Cibele sul Palatino, in ArchCl, 55, 2004, p. 413-454.

Coletti – Pavolini 1996 = C.M. Coletti, C. Pavolini, Ceramica comune da Ostia, in M. Bats (a cura di), Les céramiques communes de Campanie et de Narbonnaise, Ier siècle av. J.-C. – IIe siècle ap. J.-C. La vaisselle de cuisine et de table. Actes des journées d’étude. Naples 27-28 mai 1994, Napoli, 1996 (Collection du centre Jean Bérard, 14), p. 391-419.

Costantini 2000-2001 = C. Costantini, Roma, Vigna Barberini. Un contesto della fine del II secolo d.C.: la suppellettile da illuminazione, le ceramiche comuni e le anfore, tesi di laurea, Sapienza Università di Roma, a.a. 2000-2001.

Denaro 2008 = M. Denaro, La ceramica a pareti sottili in Sicilia, Mantova, 2008.

De Sena 2005 = E.C. De Sena, An assessment of wine and oil production in Rome’s hinterland: ceramic, literary, art historical and modern evidence, in B.S. Frizell, A. Klynne (a cura di), Roman villas around the Urbs. Interaction with landscape and environment. Proceedings of a conference held at the Swedish Institute in Rome, September 17-18, 2004, Roma, p. 1-15 : http://www.isvroma.it/public/villa/print/desena.pdf

Faga 2011 = I. Faga, Ceramica a pareti sottili, in M. Bergamini (a cura di), Scoppieto II. I materiali (Monete, Ceramica a vernice nera, Ceramica a pareti sottili, ceramica di importazione africana, Anfore, Manufatti e strumenti funzionali alla lavorazione dell’argilla e alla cottura, Pesi da telaio, Vetro, Osso lavorato, Metalli, Sculture, Materiale epigrafico, Firenze, 2011, p. 127-197.

Ferrandes 2008 = A.F. Ferrandes, I contenitori da trasporto, in Filippi 2008a, p. 247-283.

Ferrandes – Pardini 2016 = A. Ferrandes, G. Pardini (a cura di), Le regole del gioco. Tracce Archeologi Racconti. Studi in onore di Clementina Panella, Roma, 2016.

Filippi 2008a = F. Filippi (a cura di), Horti et sordes. Uno scavo alle falde del Gianicolo, Roma, 2008.

Filippi 2008b = F. Filippi, Una grande discarica di età antonina, in Filippi 2008a, p. 83-92.

Filippi 2008c = F. Filippi, Il giardino delle ollae, in Filippi 2008a, p. 65-81.

Filippi 2008d = F. Filippi, Ceramica invetriata, in Filippi 2008a, p. 295-316.

Franco – Capelli 2014 = C. Franco, C. Capelli, Sicilian flat-bottomed amphorae (1st-5th century AD). New data on typo-chronology and distribution anf from an integrated petrographic and archaeological study, in D. Malfitana, G. Cacciaguerra (a cura di), Archeologia classica in Sicilia e nel Mediterraneo. Didattica e ricerca nell’esperienza mista CNR e Università. Il contributo delle giovani generazioni. Un triennio di ricerche e di tesi universitarie, Catania, 2014, p. 341-362.

Gandolfi 2005 = D. Gandolfi (a cura di), La ceramica e i materiali di età romana. Classi, produzioni, commerci e consumi, Bordighera, 2005.

Giontella – Villedieu 2009 = C. Giontella, F. Villedieu, Palatino, Vigna Barberini. Le attestazioni materiali più antiche, in M. Rendeli (a cura di), Ceramica, abitato, territorio nella bassa valle del Tevere e Latium Vetus, Roma, 2009, p. 51-66.

Gualtieri 2013 = C. Gualtieri, Area della Meta sudans. Le ceramiche fini da mensa e la suppellettile da illuminazione da alcuni contesti di età neroniana (64-68 d.C.), in C. Panella, L. Saguì (a cura di), Valle del Colosseo e pendici nord-orientali del Palatino, Roma, 2013, p. 3-20.

Iacomelli 2017 = G. Iacomelli, La fogna in travertino dell’area I: la sua dismissione in età medio-imperiale, in C. Panella, V. Cardarelli (a cura di), Valle del Colosseo e pendici orientali del Palatino, Roma, 2017, p. 97-159.

Istenič – Schneider 2000 = J. Istenič, G. Schneider, Aegean cooking ware in the Eastern Adriatic, in ReiCretActa, 36, 2000, p. 341-348. 

Leo 2001 = S. Leo, I vasi da fiori, in Villedieu 2001, p. 75-76.

Leotta 2005 = M.C. Leotta, Ceramica a vernice rossa interna, in Gandolfi 2005, p. 115-120.

Łoś – Pietruszka 2016 = A. Łoś, W. Pietruszka, Le vignoble campanien sous les Antonins, in MEFRA, 128-2, 2016: http://journals.openedition.org/mefra/3774.

Macaulay Lewis 2006 = E. Macaulay Lewis, The role of ollae perforatae in understanding horticulture, planting techniques, garden designes and plant trade in the Roman World, in J.-P. Morel, J. Tresseras Juan, J.C. Matamala (a cura di), The archaeology of crop fields and gardens. Proceedings of the 1st conference on crop fields ans gardens archaeology, Barcelona, 1-3 June 2006, Bari, 2006, p. 207-219.

Marensi 2004 = A. Marensi, Observations sur les importations de céramique commune orientale en Gaule du Sud Haut et Moyen-Empire (Ier-IIIe siècles après J.-C.), in SFECAG, Actes du congrès de Vallauris, 20-23 mai 2004, Marsiglia, 2004, p. 205-208.

Martin et al. 2008 = A. Martin, con J. Cook, E. Hahn, D. Klapecki, J. Lillywhite, P. Palazzo, S. Pryor, R. Stephan, A third-century context from S. Stefano Rotondo (Rome), in MemAmAc, 53, 2008, p. 215-270.

Messineo 1984 = G. Messineo, Ollae perforatae, in Xenia, 8, 1984, p. 65-82.

Morel – Villedieu 2002 = J.-P. Morel, F. Villedieu, La Vigna Barberini à l’époque néronienne, in J.-M. Croisille, Y. Perrin (a cura di), Neronia VI. Rome à l’époque néronienne, Bruxelles, 2002 (Collection Latomus, 268), p. 74-96.

Morselli – Tortorici 1990 = C. Morselli, E. Tortorici, Curia, Forum Iulium, Forum Transitorium II, Roma, 1990 (Lavori e studi di archeologia, 14).

Olcese 1993 = G. Olcese, Le ceramiche comuni di Albintimilium. Indagine archeologica e archeometrica sui materiali dell’area del Cardine, Firenze, 1993.

Olcese 2003 = G. Olcese, Ceramiche comuni a Roma e in area romana: produzione, circolazione e tecnologia (tarda età repubblicana-prima età imepriale), Mantova, 2003.

Ostia I = Ostia I. Le Terme del Nuotatore. Scavo dell’ambiente IV, Roma, 1968 (Studi Miscellanei, 13).

Ostia III = A. Carandini, C. Panella (a cura di), Ostia III, 2. Le Terme del Nuotatore. Scavo degli Ambienti III, VI, VII. Scavo dell’Ambiente V e di un saggio dell’Area SO, Roma, 1973 (Studi Miscellanei, 21).

Ostia IV = A. Carandini, C. Panella (a cura di), Ostia IV. Le Terme del Nuotatore. Scavo dell’ambiente XVI e dell’area XXV, Roma, 1977 (Studi Miscellanei, 23).

Ostia VI = G. Rizzo, Ostia VI. Le Terme del Nuotatore. I saggi dell’Area NE. Le anfore, Ostia e i commerci mediterranei, Roma, p. 67-481.

Pavolini 1980 = C. Pavolini, Appunti sui «vasetti ovoidi e priformi» di Ostia, in MEFRA, 92-2, 1980, p. 993-1020.

Pavolini 1995 = C. Pavolini, s.v. Lucerna – Mediterraneo occidentale, in Enciclopedia dell’arte antica, secondo supplemento 1971-1994, Roma, 1995, p. 454-464.

Pavolini 2000 = C. Pavolini, La ceramica comune: le forme in argilla depurata dell’Antiquarium, Roma, 2000.

Pavolini 2001 = C. Pavolini, La publication de la céramique commune d’Ostie : synthèse des résultats, in J.-P. Descœudres (a cura di), Ostia, port et porte de la Rome antique, Ginevra, 2001, p. 212-220.

Puppo 2008a = P. Puppo, Ceramica a pareti sottili, in Filippi 2008a, p. 116-126.

Puppo 2008b = P. Puppo, Lucerne, in Filippi 2008a, p. 177-196.

Quercia 2008 = A. Quercia, Le ceramiche comuni di età romana, in Filippi 2008a, p. 197-246.

Radaelli 2013 = E. Radaelli, Un riempimento fognario di età severiana dalle cosiddette ‘Terme di Elagabalo’ a Roma, in E.C. De Sena (a cura di), The Roman empire during the Severan dynasty: case studies in history, art, architecture, economy and literature, Piscataway, 2013, p. 301-340.

Revilla Calvo 2007 = V. Revilla Calvo, Les amphores africaines du IIe et IIIe siècles du Monte Testaccio (Rome), in A. Mrabet, J. Remesal Rodríguez (a cura di), In Africa et in Hispania : études sur l’huile africaine, Barcellona, 2007 (Instrumenta, 25), p. 269-297.

Ricci 1985 = A. Ricci, Pareti sottili, in Atlante delle forme ceramiche. II. Ceramica fine romana nel bacino mediterraneo (tardo ellenismo e primo impero), Enciclopedia dell’arte antica classica ed orientale, Roma, 1985, p. 241-357.

Rizzo 2003 = G. Rizzo, Instrumenta Urbis I. Ceramiche fini da mensa, lucerne ed anfore a Roma nei primi due secoli dell’Impero, Roma, 2003 (Collection de l’École française de Rome, 307).

Rizzo 2012 = G. Rizzo, Roma e Ostia, un binomio ancora possibile? Di alcuni generi trasportati in anfora in età tardo-antonina, in S. Keay (a cura di), Rome, Portus and the Mediterranean, Londra, 2012 (Monographs of the British School at Rome, 21), p. 87-103.

Rizzo 2016 = G. Rizzo, Archeologia, cultura materiale e storia: alcune riflessioni, in Ferrandes – Pardini 2016, p. 129-145.

Rizzo 2018 = G. Rizzo, Quantificare la storia: questioni esegetiche intorno alla cultura materiale, in J. Remesal Rodríguez, V. Revilla Calvo, J.M. Bermúdez Lorenzo (a cura di), Cuantificar las economías antiguas, Problemas y métodos, Barcellona, 2018 (Instrumenta, 60), p. 13-32.

Roberts 1997 = P. Roberts, The Roman pottery, in T.W. Potter, A.C. King (a cura di), Excavations at the Mola di Monte Gelato. A Roman and medieval settlement in south Etruria, Roma, 1997 (Archaelogical Monographs of the British School at Rome, 11), p. 316-356.

Rossi 2001 = M. Rossi, La vita del palazzo: gemme, gioielli ed oggetti in osso lavorato, in Villedieu 2001, p. 78-81.

Saguì – Cante 2015 = L. Saguì, M. Cante, Archeologia e architettura nell’area delle “Terme di Elagabalo”, alle pendici nord-orientali del Palatino. Dagli isolati giulio-claudii alla chiesa paleocristiana, in Thiasos, 4, 2015, p. 37-75.

Saguì – Cante 2016 = L. Saguì, M. Cante, Pendici nord-orientali del Palatino: ultime novità dalle “Terme di Elagabalo”, in Ferrandes – Pardini 2016, p. 443-461.

Sannazaro 2005 = M. Sannazaro, Ceramica invetriata, in Gandolfi 2005, p. 423-432.

Tomei 1997 = M.A. Tomei, La ex Vigna Barberini e le aree limitrofe: documentazione dall’archivio della Soprintendenza archeologica, in Vigna Barberini I, p. 191-210.

Vigna Barberini I = La Vigna Barberini. I. Histoire d’un site, étude des sources et de la topographie, Roma, 1997.

Villedieu 2001 = F. Villedieu (a cura di), Il giardino dei Cesari. Dai palazzi antichi alla Vigna Barberini, sul Monte Palatino. Scavi dell’École française de Rome, 1985-1999. Guida alla mostra, Roma, 2001. 

Villedieu 2004 = F. Villedieu, Palatino. Area del tempio di Elagabalus: episodi della storia del sito dal V all’VIII secolo, in L. Paroli, L. Vendittelli (a cura di), Roma dall’antichità al medioevo II. Contesti tardoantichi e altomedievali, Roma, 2004, p. 62-71.

Villedieu 2007 = F. Villedieu, Vigna Barberini II. Domus, palais impérial et temples : stratigraphie du secteur nord-est du Palatin, Roma, 2007 (Roma Antica, 6).

Villedieu 2011 = F. Villedieu, La “coenatio rotunda” neroniana e altre vestigia nel sito della Vigna barberini al Palatino, in BdA, 12, 2011, p. 1-28.

Villedieu 2013 = F. Villedieu, La Vigna Barberini à l’époque sévérienne, in n. Sojc, A. Winterling, U. Wulf-Rheidt (a cura di), Palast und Stadt im Severischen Rom, Stoccarda, 2013, p. 157-180.

Villedieu 2016 = F. Villedieu, La coenatio rotunda de Néron : état des recherches, in CRAI, 1, 2016, p. 107-126.

Warner Slane – Kiriatzi 2014 = K. Warner Slane, E. Kiriatzi, Kythera al fresco: middle and late Roman cooking pots from the Aegean region, in N. Poulou-Papadimitriou, E. Nodarou, V. Kilikoglou (a cura di), LRCW4: Late Roman coarse wares, cooking wares and amphorae in the Mediterranean. Archaeology and archaeometry. The Mediterranean: a market without frontiers, Oxford, 2014 (BAR International Series, 2616), p. 907-918.

 

Haut de page

Notes

1 Bigot 1911. Sugli scavi condotti nella stessa area da A. Bartoli, negli anni ‘30, e nel 1954 da G. Carrettoni: Tomei 1997, p. 200-210.

2 Per i risultati delle ricerche sulle fonti letterarie, d’archivio e iconografiche: Vigna Barberini I. 

3 Sulla struttura a torre individuata sulla terrazza di Vigna Barberini e sulle ultime ricostruzioni del monumento (fig. 2): Villedieu 2016. Per una sintesi del dibattito critico sull’interpretazione del monumento, nel cui ambito sono state avanzate diverse ipotesi sulla localizzazione della coenatio rotunda, identificata in passato con l’aula ottagonale del padiglione del Colle Oppio, oppure da localizzare sotto il triclinium della Domus Flavia, o lungo l’asse del vestibolo della Domus Aurea, tra questo e lo stagnum Neronis: Villedieu 2011, p. 18.

4 Questo contributo non sarebbe stato possibile senza il supporto dell’École française de Rome e di F. Villedieu, che ringrazio. Rivolgo un particolare ringraziamento anche a J. Leone, che ha ridisegnato tutti i frammenti ceramici partendo dagli originali di R. Gilardi, M. Capone e C. Costantini.

5 Per una ricostruzione complessiva della storia del sito Villedieu 2001; Villedieu 2007 (settore A). Per le fasi più antiche: Giontella – Villedieu 2009; per l’età neroniana: Morel – Villedieu 2002; per l’età severiana: Villedieu 2013; per l’età tardo-antica e alto-medievale: Villedieu 2004.

6 Morel – Villedieu 2002; Villedieu 2011, p. 7-8: ancora tutte da esplorare rimangono le relazioni con le strutture attribuite alla coenatio rotunda di Nerone, parzialmente coeve alla domus.

7 Chausson 1997, p. 34-43.

8 Lo scavo è stato effettuato da C. Costantini e M. Capone, alle quali si deve anche una prima analisi dei materiali ceramici, vitrei, dei reperti numismatici e del vasellame in bronzo: Costantini 2000-2001; Capone 2000-2001. Sulla fase di obliterazione del sistema di smaltimento delle acque di questo settore dell’area: Villedieu 2007, p. 245-250.

9 Gli elementi datanti sono forniti dalla presenza di frammenti di vasi in terra sigillata africana C1, che rimandano al III secolo d.C., di coppe della produzione A decorata a stampo (Hayes 35 e 38), in circolazione nella prima metà del III secolo d.C., e di una scodella della produzione A/D (Hayes 27) che rimanda alla medesima cronologia; tra la ceramica di cucina africana si segnala anche la presenza di una casseruola Ostia I 268, databile nella prima metà del III secolo: Atlante I, p. 145-146, 222; Bonifay 2004, p. 159. 

10 Per quanto concerne le classi ceramiche esaminate in questo contributo, si tratta di 10378 vasi e lucerne. Le quantità indicate nelle tabelle si riferiscono ad un numero massimo di individui, ricavato dal conteggio di frammenti o gruppi di frammenti che, per le loro caratteristiche o perché combacianti tra di loro, sono stati assegnati ad un singolo «individuo». Lo stesso criterio è stato adottato per il conteggio del materiale proveniente dagli strati di costruzione e sistemazione dell’Heliogabalium

11 Rossi 2001.

12 Anche il problema dell’identificazione del tempio precedente il santuario voluto di Elagabalo ha suscitato un vivace conflitto di interpretazioni: tempio di Jupiter Victor, o di Jupiter Propugnator, di Adone, di Faustina la Giovane o di Augusto. Inoltre, è stata anche avanzata l’ipotesi che i giardini precedenti siano da identificare con gli Adonaea, i giardini di Adone; i termini del dibattito sono riassunti in Villedieu 2013, p. 175-179.

13 Dai contesti presi in esame provengono complessivamente frammenti riferibili a 2122 tra vasi e lucerne.

14 Villedieu 2013, p. 164-175. Al di fuori dell’area di scavo del settore A, sono state individuate tracce di interventi sul terrazzamento sia sul fronte nord, sia sul fronte E: Villedieu 2007, p. 264-279; Saguì – Cante 2015, p. 47-51.

15 Iacomelli 2017, p. 99-100 (attività 7).

16 Radaelli 2013, p. 321-322. Sulle ricerche svolte nell’area delle cosiddette Terme di Elagabalo, nelle quali si deve probabilmente riconoscere di un complesso edilizio tardo-antico di rappresentanza, forse adibito ad ospitare illustri personaggi: Saguì – Cante 2015 e 2016. 

17 Ceci 2006, p. 205; in questo caso vengono fornite le quantità (n. di frammenti) di alcune categorie dell’instrumentum: oltre 2200 per quanto concerne le anfore, 93 la terra sigillata africana, 17 la terra sigillata italica, 10 la terra sigillata sud-gallica, 1 la terra sigillata cipriota, 239 la ceramica da fuoco, 233 la ceramica africana da cucina, 50 la ceramica a vernice rossa interna, 192 le lucerne. Nel contesto si registra comunque la rilevante presenza di materiale anteriore all’età tardo-antonina, come risulta evidente dalla presenza dei vasi in terra sigillata italica e della produzione A1 della terra sigillata africana, che verrà di seguito illustrata. 

18 Martin et al. 2008, p. 32; phase IV.

19 Filippi 2008b; Biundo – Brando 2008.

20 Brando 2008, p. 139-140.

21 Aggiornamento su aree produttive e cronologia delle produzioni A/D – Tripolitania, Tunisia centrale, Tunisia settentrionale (?) – e C – Tunisia centrale – non anteriori al III secolo d.C. (l’inizio della produzione C deve essere fissato tra il 200 e il 220-230 d.C.): Bonifay 2016a, p. 522-524. Proprio a Roma, comunque, vengono segnalate testimonianze che potrebbero rialzare leggermente la datazione della produzione A/D, attestata nel grande discarica antonina alle falde del Gianicolo dalla zuppiera Atlante I, tav. XXV, 10 e dalla coppa Salomonson A 23b; la stessa zuppiera è stata riconosciuta anche in un inedito contesto romano non posteriore alla seconda metà del II secolo d.C.: Brando 2008, p. 139, nota 73.

22 Atlante I, tav. LXXII, p. 146: la tazza di Vigna Barberini è più alta, e le pareti hanno un profilo nettamente inflesso. 

23 Bonifay 2004, p. 156.

24 Ivi, p. 157-159.

25 Capone 2000-2001, grafico 21.

26 Filippi 2008d, fig. 6, n. 38. Il repertorio della produzione romano-laziale in età medio e tardo-imperiale è illustrato soprattutto dai rinvenimenti dell’area del tempio di Cibele sul Palatino: Coletti 2004. 

27 Olcese 2003, tav. XXII tipo 1, p. 92.

28 Sannazaro 2005, tav. 3, nn. 9, 11.

29 Rizzo 2003, tav. V-IX.

30 Tra i pochi tipi identificati probabilmente non sono residui due frammenti del boccalino «a collarino» Ricci 1985 I/122.

31 Rizzo 2003, p. 41, prodotto anche a Scoppieto (Terni): Faga 2011, B.O.A tipi 4.6, 4.1 (fig. 22.9; 22.1, 7-8), e forse anche a Termini Imerese (Palermo): Denaro 2008, p. 58.

32 Ne è stata ipotizzata una produzione centro-italica, confermata anche dai ritrovamenti dell’atelier di Scoppieto (Terni) dove fu effettivamente prodotto – Faga 2011, tipo B.C.A 4, fig. 25.5 – ma la sua produzione è stata nel tempo localizzata anche ad Atene, nel N dell’Egeo, in Tracia, a Creta, nell’Attica, a Troia e a Focea: Gualtieri 2013, p. 5, nota 13, con bibliografia. Sulla stessa linea A. Marensi, che propende per una pluralità di centri di produzione contemporaneamente attivi in area mediterranea: Marensi 2004, p. 206. Il tipo è diffuso anche a Napoli nel corso di tutto il II secolo d.C.: Carsana – Guiducci 2010, p. 1026 e fig. 1.

33 Iacomelli 2017, fig. 21.

34 Carbonara – Messineo 1991, tipo 4a, p. 188.

35 Puppo 2008a, fig. 1, 3.

36 Rizzo 2003, p. 52-55. Il tipo PS II. 1 è prodotto anche a Scoppieto: Faga 2011, tipo B.O.A 1.4, fig. 17.7.

37 Bousquet – Felici – Zampini 2008, tipi 2-4, p. 928, nota 17; Faga 2011, C.A.C tipo 3.1, fig. 11.5.

38 Faga 2011, tipo C.C 3.4, fig. 6.4.

39 Roberts 1997, p. 324-325; 336-337.

40 Rizzo 2003, p. 26-36; Bousquet – Felici – Zampini 2008, p. 929-931.

41 Rizzo 2003, p. 56-62; la produzione è presente anche nel contesto severiano dei Mercati di Traiano: Ceci 2006, p. 42, fig. 25.

42 Sulle lucerne a becco cuoriforme Bailey Q, le più diffuse tra la fine del II e la metà del III secolo d.C.: Pavolini 1995, p. 458. 

43 Ceci 2006, p. 48-53: dei 142 frammenti di lucerne raccolti, solo 4 appartengono alla produzione nord-italica delle Firmalampen, e solo 4 appartengono con certezza ai tipi con becco cuoriforme Bailey Qv/vii.

44 Tutti i bolli delle officine centro-italiche e romane sono documentati anche in un contesto tardo-antonino delle Terme del Nuotatore di Ostia, cui si rimanda anche per la cronologia e per la localizzazione delle manifatture: Anselmino Balducci 1994. Bolli di L. Munatius Threptus, C. Oppius Restitutus e Zosimus, di N. Naevius Luc(- - -) e di L. Fabricius Masculus sono segnalati anche nella discarica tardo-antonina del Gianicolo: Puppo 2008b, p. 184-185.

45 Rizzo 2003, p. 135-136.

46 Aggiornamenti sulla ceramica africana da cucina in Bonifay 2016a, p. 528-533; sulla ceramica a vernice rossa interna: Leotta 2005.

47 Oltre che nella discarica del Gianicolo, essa è presente ad Ostia, in un contesto del 240-250 d.C., e a Roma, in uno strato domizianeo: Ostia I 318; Morselli – Tortorici 1990, fig. 259, n. 149.

48 Ostia III 66 (190-220/25 d.C.).

49 Pavolini 2000, p. 150-162; Pavolini 2001, p. 216. 

50 Istenič – Schneider 2000, p. 343. 

51 Olcese 2003, p. 94, in cui si ipotizza la residualità di tutte le attestazioni post-antonine. 

52 Pavolini 2000, p. 115-116. 

53 Ostia IV 410. 

54 Olcese 2003, tipo 15a, tav. XL, n. 7, datato dall’età repubblicana al III secolo d.C. (tipo CC 29).

55 Tuttavia, nessuna delle ipotesi a più riprese formulate dagli specialisti trova riscontro nella documentazione iconografica, archeologica e nelle caratteristiche morfologiche di questi vasi, salvo quella dell’impiego come bossoli per dadi: Pavolini 1980, p. 1009-1013; Pavolini 2000, p. 375.

56 Pavolini 1980, tav. V, tipo 17a.

57 Messineo 1984. Questi vasi venivano impiegati anche per la margotta, la tecnica di riproduzione agamica, e i fori venivano realizzati per permettere la fuoriuscita delle radici. 

58 Sulle tipologie delle ollae perforatae e sul loro impiego nella ars topiaria in relazione a varie tipologie edilizie e di horti: Macaulay Lewis 2006; per il loro uso a Roma alle falde del Gianicolo, in età augustea, e nella Villa di Livia a Prima Porta: Filippi 2008c, Carrara 2013.

59 Leo 2001.

60 Pavolini 2000, p. 379-381.

61 Olcese 1993, p. 113-116.

62 Costantini 2000-2001, p. 205-206.

63 Olle Olcese 2003, tipi 4a, 3a (Ostia II 507); tegame tipo 4, n. 3.

64 Olcese 2003, p. 91.

65 Ivi, p. 82.

66 Ivi, p. 90.

67 Coletti – Pavolini 1996, p. 411-412.

68 Istenič – Schneider 2000, p. 343. 

69 Warner Slane – Kiriatzi 2014; sulla diffusione della «Aegean cooking ware» («céramique commune orientale») nel meridione della Gallia nella prima e media età imperiale: Marensi 2004. 

70 Istenič – Schneider 2000, fig. 3, 4-6.

71 Cirone 1983-1984, tipo 17.

72 Ivi, tipo 72. 

73 Carta – Pohl – Zevi 1987, fig. 131, 262; per la cronologia adrianeo-antonina del contesto, originariamente fissata in età traianea: Ostia VI, p. 434-435.

74 Bonifay 2004, fig. 116, variante A, II secolo d.C. (CF 20b); variante C, III secolo d.C. (CF 20a).

75 Atlante I, p. 218-219.

76 Bonifay 2014, p. 78, fig. 4: imitazioni delle forme Hayes 181 e 197.

77 Ceci 2006, fig. 27, 5 = Atlante I, tav. CVII, n. 5 (Ostia III 324).

78 Cirone 1983-1984, tipo 41; Coletti – Pavolini 1996, p. 412 (gruppo A).

79 Nel condotto fognario delle pendici NE del Palatino sono presenti ben 46 esemplari, di cui si ipotizza l’impiego per contenere cibi liquidi, semi-liquidi o carni: Radaelli 2013, p. 311; 323-324.

80 Atlante I, p. 216; Bonifay 2004, p. 225. 

81 Bonifay 2004, p. 225: essendo prodotta a partire dalla prima metà del II secolo, è probabilmente almeno in parte residua nei contesti di età severiana.

82 Ceci 2006, p. 47.

83 Le scodelle Hayes 181, n. 2, 12-13 corrispondono alle varianti B e C isolate da M. Bonifay e datate tra la fine del II e il III secolo d.C.: Bonifay 2004, p. 213-214.

84 Per tutte le tipologie menzionate si rimanda alla bibliografia raccolta in Ostia VI; per le anfore ispaniche al catalogo on line Amphorae ex Hispania. Aggiornamenti su tipologia, cronologia e aree produttive delle anfore nord-africane in Capelli – Bonifay 2016, Bonifay 2016b.

85 Bezeczky 2013, p. 65-71.

86 Franco – Capelli 2014.

87 Ostia VI, p. 115-117.

88 Botte 2009, p. 121-162.

89 Ostia VI, p. 136 (65).

90 Berni Millet 2008, n. 262, p. 310.

91 Ostia VI, p. 289-290.

92 I valori sono espressi in percentuale rispetto al totale delle anfore sicuramente vinarie identificate nei singoli contesti: le anfore dell’Italia tirrenica comprendono le Dressel 2-4 forse prodotte lungo il versante tirrenico, quelle campane e dell’area vesuviana, comprese le produzioni tarde delle anfore dalle anse a bastone e delle Dressel 1; le anfore dell’Italia centrale dal fondo ad anello i tipi cosiddetti di Spello, della valle del Tevere e dell’Etruria. Le anfore romagnole comprendono i tipi cosiddetti di Forlimpopoli e Santarcangelo; le anfore siciliane le produzioni del territorio di Tauromenium e di Catina; le anfore galliche principalmente la forma Gauloise 4; le anfore nordafricane i tipi Mau XXXV, Ostia I 457/IV 448 e Keay IA/Dressel 30; le anfore egeo-microasiatiche le Camulodunum 184, le Dressel 5, i contenitori monoansati Agorà F65-6/J46, le Cretoises 1-4, le Schoene Mau XXVII-VIII, le Agora M54 e le Kapitaen I-II; le anfore levantine comprendono infine i tipi Schoene Mau XV, Kingsholm 117 e il tipo raffigurato a figura 29, 11, probabilmente di provenienza palestinese, individuato nel riempimento delle fogne dell’area sud. 

93 Rizzo 2012, p. 95-97, fig. 4.4.

94 Ivi, p. 98-100, fig. 4.7.

95 Ferrandes 2008, p. 267-268, grafico 7. 

96 Rizzo 2018, p. 27-30.

97 Brando 2008, p. 139-140, grafico 7. Anche nella discarica tardo-antonina del Gianicolo si registra una netta prevalenza della terra sigillata africana, anche in quel caso prevalentemente riferibile alla produzione A, poiché quasi tutti i frammenti di vasi in terra sigillata italica «liscia» e tardo-italica sono da considerare già residui all’epoca della chiusura del contesto: Rizzo 2016, p. 139, fig. 6. Nello stesso contesto è segnalata anche la produzione C della terra sigillata africana, ma la sua presenza è interpretata come il frutto di sporadiche intrusioni.

98 Su 4752 frammenti di ceramica da cucina della discarica del Gianicolo, il 50,86% appartiene alle produzioni locali o centro-italiche della «rozza terracotta», il 46,21% alla ceramica africana da cucina, i rimanenti alla ceramica a vernice rossa interna: ringrazio M. Brando per l’informazione. Per Ostia: Coletti – Pavolini 1996, p. 416, tab. 3.

99 Ceramica grigia di età imperiale (meno dell’1% delle ceramiche comuni) e brocche trilobate tipo CC 11a-b (meno del 4% dei tipi identificati).

100 Non sono stati considerati i residui: le anfore della discarica tardo-antonina del Gianicolo ammontano a 1530 individui, quelle dei contesti severiani romani a 4396 (tab. 9).

101 Le produzioni vinarie di area campana e vesuviana sono probabilmente ancora attive all’inizio del III secolo d.C., anche se nell’età di Marco Aurelio e Commodo la loro crisi si acuisce velocemente a causa degli effetti negativi innescati da epidemie di vaiolo, dai cambiamenti climatici e dal progressivo collasso dei sistemi di drenaggio delle campagne: Łoś – Pietruszka 2016.

102 A sua volta anche il materiale della discarica tardo-antonina del Gianicolo, lentamente accumulatosi a partire dall’età tardo-flavia, è carico di una potenzialità rappresentativa retrospettiva, che risale ulteriormente indietro nel corso del II secolo.

103 La presenza del vasellame da mensa e delle anfore africane nel mercato romano è un fenomeno statisticamente già rilevante nel corso dell’età antonina: Rizzo 2016, p. 139-140.

104 De Sena 2005: le stime prevedono, per l’età imperiale, una capacità produttiva dell’hinterland romano in grado di soddisfare il 32% del fabbisogno di vino e il 25% della richiesta di olio.

105 Revilla Calvo 2007, p. 280.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 – Foto aerea della terrazza rettangolare di Vigna Barberini, sul Palatino.
Crédits Villedieu 2011, fig. 1. Foto SAR 1999.
Titre Fig. 2 – Ricostruzioni dell’edificio interpretato come la coenatio rotunda di Nerone secondo le ipotesi di N. André (nn. 1, 3) e J.-M. Gassend (n. 2).
Crédits Villedieu 2016, fig. 13. N. 1, 3: N. André AMU-IRAA CNRS; n. 2: J.-M. Gassend AMU-IRAA CNRS.
Titre Fig. 3 – Restituzione di un angolo del peristilio della domus augustea.
Crédits Villedieu 2011, fig. 7. Ricostruzione di J.-M. Gassend; acquarello di V. La Rocca © EFR 2001.
Titre Fig. 4 – Il palazzo imperiale in età flavia.
Crédits Villedieu 2013, fig. 5. Disegno di N. André, équipe F. Villedieu © EFR 1999-2006.
Titre Fig. 5 – Ricostruzione del corpo di fabbrica di età flavia nell’area della Vigna Barberini.
Crédits Villedieu 2011, fig. 28. Grafico di N. André © EFR 2001.
Titre Fig. 6 – L’area del tempio di Sol Elagabalus nell’area della Vigna Barberini.
Crédits Villedieu 2011, fig. 30. Grafico di P. Veltri © EFR 2001.
Titre Fig. 7 – Ricostruzione del giardino a S del tempio di Sol Elagabalus.
Crédits Villedieu 2013, fig. 13. Acquarello di J.-M. Gassend © EFR 2001.
Titre Fig. – 8. Ricostruzione del sistema di piantumazione adottato nel giardino del tempio, comportante l’uso di mezze anfore capovolte.
Crédits Particolare da Villedieu 2013, fig. 16. Acquarello di J.-M. Gassend © EFR 2001.
Titre Fig. 9 – Anfore riutilizzate come vasi da fiori nel giardino del tempio di Sol Elagabalus. Da sinistra: anfora tunisina olearia Africana IA, anfora tripolitana vinaria Mau XXXV ed anfora da pesce d’incerta origine Ostia VI 65.
Crédits Villedieu 2013, fig. 15. Foto di Ch. Duran © CNRS-EFR.
Titre Fig. 10 –. Vigna Barberini e altri contesti severiani di Roma: percentuali di attestazione del vasellame in terra sigillata.
Crédits G. Rizzo.
Titre Fig. 11 – Vigna Barberini. Terra sigillata africana (n. 1-5) e ceramica a invetriatura piombifera (n. 6-9) dal riempimento delle fogne del settore sud.
Crédits Disegni: J. Leone © EFR 2017.
Titre Fig. 12 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud: tipologia della ceramica a pareti sottili.
Crédits Disegni: J. Leone © EFR 2017.
Titre Fig. 13 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud: tipologia della ceramica a pareti sottili.
Crédits Disegni: J. Leone © EFR 2017.
Titre Fig. 14 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud: tipologia della ceramica a pareti sottili.
Crédits Disegni: J. Leone © EFR 2017.
Titre Fig. 15 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud: tipologia della ceramica a pareti sottili.
Crédits Disegni: J. Leone © EFR 2017.
Titre Fig. 16 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud: tipologia della ceramica a pareti sottili.
Crédits Disegni: J. Leone © EFR 2017.
Titre Fig. 17 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud e cantieri dell’Heliogabalium: lucerne.
Titre Fig. 18 – Vigna Barberini, riempimenti delle fogne dell’area sud e cantieri dell’Heliogabalium: percentuali di attestazione delle ceramiche comuni.
Crédits G. Rizzo.
Titre Fig. 18 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud: tipologia delle ceramiche comuni.
Crédits Disegni: J. Leone © EFR 2017.
Titre Fig. 20 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud: tipologia delle ceramiche comuni.
Crédits Disegni: J. Leone © EFR 2017.
Titre Fig. 21 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area S: tipologia delle ceramiche comuni.
Crédits Disegni: J. Leone © EFR 2017.
Titre Fig. 22 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud: tipologia delle ceramiche comuni (CC 34-40) e della ceramica comune grigia di età imperiale (CG 1-3).
Crédits Disegni: J. Leone © EFR 2017.
Titre Fig. 23 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud: tipologia della ceramica da cucina «rozza terracotta».
Crédits Disegni: J. Leone © EFR 2017.
Titre Fig. 24 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud: tipologia della ceramica da cucina «rozza terracotta».
Crédits Disegni: J. Leone © EFR 2017.
Titre Fig. 25 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud: tipologia della ceramica da cucina «rozza terracotta».
Crédits Disegni: J. Leone © EFR 2017.
Titre Fig. 26 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud: tipologia della ceramica da cucina «rozza terracotta».
Crédits Disegni: J. Leone © EFR 2017.
Titre Fig. 27 – Vigna Barberini, riempimento delle fogne dell’area sud: tipologia della ceramica da cucina «rozza terracotta».
Crédits Disegni: J. Leone © EFR 2017.
Titre Fig. 28 – Vigna Barberini, giardini dell’Heliogabalium. Anfore riutilizzate per la piantumazione.
Crédits Disegni: J. Leone © EFR 2017.
Titre Fig. 29 – Vigna Barberini. Anfore riutilizzate per la piantumazione nei giardini dell’Heliogabalium (n. 6-10) e dai riempimenti delle fogne dell’area sud (n. 11).
Crédits Disegni: J. Leone © EFR 2017.
Titre Fig. 30 – Roma: percentuali di attestazione delle anfore vinarie nei principali contesti severiani.
Crédits G. Rizzo.
Titre Fig. 31 – Roma: percentuali di attestazione delle anfore olearie nei principali contesti severiani.
Crédits G. Rizzo.
Titre Fig. 32 – Roma: percentuali di attestazione delle anfore da pesce nei principali contesti severiani.
Crédits G. Rizzo.
Titre Fig. 33 – Roma: anfore in età tardo-antonina e severiana. I valori sono espressi in percentuale rispetto al totale delle anfore nei rispettivi periodi, al netto dei residui.
Crédits G. Rizzo.
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Giorgio Rizzo, « L’Heliogabalium del Palatino, i suoi giardini e la cultura materiale a Roma nell’età dei Severi », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité, 130-2 | -1, 467-508.

Référence électronique

Giorgio Rizzo, « L’Heliogabalium del Palatino, i suoi giardini e la cultura materiale a Roma nell’età dei Severi », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 130-2 | 2018, mis en ligne le 03 septembre 2019, consulté le 19 septembre 2019. URL : http://journals.openedition.org/mefra/5139 ; DOI : 10.4000/mefra.5139

Haut de page

Auteur

Giorgio Rizzo

archeocer@hotmail.com

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals