Navigation – Plan du site
Studi ostiensi. Quarto seminario
Il territorio di Ostia nei periodi più antichi

La necropoli di Ficana tra le prime e le ultime campagne di scavo: brevi cenni sulle novità emerse

Margherita Bedello Tata et Maria Rosa Lucidi
p. 273-276

Résumés

L’articolo presenta un breve excursus sulla necropoli orientalizzante di Ficana, con riferimenti alle più recenti operazioni di scavo e restauro, e un focus sulla scoperta di due tombe di infanti negli scavi di 2007 e 2008.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 Sull’edito: Bedello Tata et al. 2016.
  • 2 Cataldi Dini 1984.
  • 3 In questa stessa sede Bedini, fig. 1A.

1La necropoli di Ficana (Acilia, Monti di San Paolo), a differenza dell’abitato (Monte Cugno), resta ancora in gran parte inedita.1 L’azione dell’ex Soprintendenza per i Beni Archeologici di Ostia si è volta, sin dalle prime scoperte, alla tutela del territorio, a forte rischio di abusivismo, e al restauro, conservazione e documentazione del materiale. I primi scavi (anni ’70/’80 del novecento) hanno restituito circa 40 tombe e una decina di pozzetti a cremazione,2 cui si sono aggiunte, grazie alla campagna del 2007- 2008, altre 19 sepolture, di cui 12 con corredo (fig. 1 A).3 Le recenti ricerche hanno confermato lo sviluppo cronologico della necropoli nel corso del VII sec. a.C. con punte di eccellenza verso la metà del secolo, con tombe a fossa e a ricettacolo laterale, coperte da spezzoni di tufo, e di sepolture sovrapposte alle più antiche a continuare l’occupazione del sito, con progressiva riduzione dei corredi nel VI sec. a.C. Si sono concretamente confermati anche l’esistenza di allestimenti funerari prestigiosi con strutture lignee a sostegno dei tufi di copertura e l’uso della frammentazione rituale di vasi di impasto. Si tratta di un valido aggiornamento, anche se il campione, restando esiguo, non consente di raggiungere la piena conoscenza del sepolcreto. Il contesto è omogeneo con elementi di novità, come dimostrano le due sepolture infantili, cui si farà rapido cenno.

2Nel complesso sono state individuate più di cinquanta tombe tra scavate e segnalate (fig. 1 B). Delle circa quaranta attribuibili alla fase orientalizzante, una decina non reca chiari riferimenti di genere, una trentina si divide equamente tra i due sessi. Non sfugge l’esistenza di elementi utili ad approfondire il ruolo e l’organizzazione sociale di Ficana, quali si intuiscono da specifici manufatti, incrementati dai recenti scavi: scarabei, sonagli in bronzo bivalvi e anelli in osso in sepolture femminili, associazioni di forme ceramiche simposiali allusive a pratiche del bere all’orientale. Si conferma la temperie tipica dell’orientalizzante laziale con repertorio ceramico per lo più legato al versare e al bere: impasti rossi e bruni di tradizione locale, buccheri e argilla depurata e dipinta, frutto delle relazioni con il mondo etrusco-italico e con l’ambito mediterraneo greco-coloniale e levantino. Ubiqua la presenza delle anforette laziali e a spirali. Il vasellame metallico, meno numeroso, è presente nei contesti più prestigiosi. Il corredo personale del defunto ne definisce genere e status. Le deposizioni maschili sono più austere delle femminili, con fibule a drago e basici elementi di armatura non sufficienti a stabilire specifici compiti nell’organizzazione militare: lancia e spada non sempre associate, giavellotto.

3Da citare è il recente restauro di quattro corredi principeschi, due maschili (tombe 32, 107), due femminili (tombe 30, 112). Il corredo della 30 presenta manufatti allusivi al rango come l’holmos, il lebete, il set metallico per banchetto e distribuzione delle carni (spiedi, tripode) e un’ornamentazione personale prestigiosa in bronzo e argento, con anello da sospensione, pendagli e fibule, alcune con arco rivestito con ambra e oro. Anche la femminile 112 esibisce ornamenti di prestigio: dalla cista, fibule d’argento e di bronzo con arco rivestito d’oro o tessere d’ambra, al set simposiale ceramico e metallico (spiedi, alari).

4Meno sontuosa ma pur sempre ricca è la tomba femminile 26, con veste e forse copricapo ornati da perline. Il defunto della 32, armato di spada e lancia, esibisce un ricco apparato di carattere personale, allusivo al rango: dal set simposiale ceramico (impasto, bucchero, anfora fenicia) e metallico (bacile, tripodi, patere baccellate, coltello, alari) agli oggetti di prestigio come scudi fittili, vassoio incensiere, sgabello, carro con finimenti equini. Questi manufatti, purtroppo pesantemente manomessi e frammentari, trovano riscontro nella tomba principesca 107, rinvenuta integra con il suo prestigioso corredo che riporta ad abitudini e dovizie aristocratiche, comprendenti il carro di cui è stato possibile proporre una ricostruzione. Altre tombe maschili, cui si accenna sempre per sommi capi: la 28 (punta di lancia, sauroter, spiedi) e la 21 (due spade, punta di lancia, spiedi), esibiscono corredi non così lussuosi, ma utili a suggerire alti, sebbene differenziati, livelli sociali.

  • 4 Brandt 1996.

5Eccezionale nel contesto della necropoli è il rinvenimento in essa di due inumazioni infantili, 108 e 109, che si distinguono nettamente da quelle finora attestate. Ficana ha restituito infatti sepolture di infanti al di sotto di 50 mesi, solo dall’abitato, in connessione con capanne, edifici e sotto gronda, per un totale di 42 inumazioni in fossa, contenitori fittili e tra due coppi. Dalla zona 3 b-c, in particolare, provengono 21 sepolture (III e IV periodo laziale), di cui 6 in contenitore fittile e 15 a fossa.4 Undici esibiscono corredi modesti numericamente, sebbene non poveri, con vasi per bere o versare, di impasto e/o bucchero, conchiglie di provenienza levantina, contenitori per unguenti o in funzione di sonaglio e corredi personali con armille, fibule, pendenti e, nel caso di una sepoltura in dolio, con anello da sospensione.

Fig. 1 – A. Abitato e necropoli; B. Sepolcreto orientalizzante arcaico.

Fig. 1 – A. Abitato e necropoli; B. Sepolcreto orientalizzante arcaico.

© Museo delle Civiltà, Roma.

6All’interno del sepolcreto la deposizione di infanti è rara: per questo motivo le inumazioni 108 (maschile) (fig. 2) e 109 (femminile) (fig. 3), accomunate da significative affinità si caricano di valori semantici che vanno oltre la pur indicativa incidenza numerica. Considerazioni di carattere topografico come la relazione spaziale con un nucleo di tombe concentrate a corona e scaglionate in un periodo successivo, provano l’appartenenza ad un unico gruppo familiare, coeso intorno alla deposizione dei due infanti di età inferiore ai tre anni. In particolare un legame diretto si istituisce con le deposizioni «principesche» 107 e 112, paragonabili per la composizione dei corredi sia in termini numerici che simbolici. L’iterazione di alcuni aspetti relativi al rituale funerario, quale il rapporto tra spazio tombale e valore funzionale degli oggetti del corredo, oppure la duplicazione di selezionate forme del repertorio vascolare connesse al cerimoniale simposiale, aiutano a definire l’identità dei due bambini costruita sul rango acquisito sin dalla nascita. L’adesione alla mentalità del banchetto, tramite la consumazione del vino e delle carni è testimoniata dalla composizione dei corredi costituiti da strumenti per la preparazione, cottura, distribuzione di cibi e bevande pregiate disposti ordinatamente in gruppi morfologico-funzionali lungo la parete destra della tomba. In alto gli strumenti connessi alla mescita ed esposizione del vino con anforette laziali, olle di impasto rosso su sostegni in ceramica italo geometrica, calici di impasto rosso e tazze di impasto bruno. Seguono quindi gli strumenti per la preparazione dei cibi caldi con i coltelli e gli spiedi per il taglio e arrostitura delle carni, insieme ai piatti da portata come la coppa su alto piede di impasto rosso o il piatto e scodelle in italo geometrica. Si distinguono due patere in bronzo, a bassa vasca baccellata nella tomba 109, liscia nella 108. Degno di nota è il ricorrere nel repertorio formale sia di vasi portatori di valori aggiunti come la kotyle MPC e la oil bottle di produzione levantina per la deposizione maschile, sia di oggetti prodotti localmente con chiari riferimenti alla tradizione come il sostegno in impasto nella tomba femminile. Tra gli attributi di genere alla cuspide di lancia della 108 fa pendant la ricca parure personale della 109 costituita da armille, anelli da sospensione e fibule in bronzo di tipi noti e riconosciuti come caratteristici dell’abbigliamento femminile laziale dell’orientalizzante: a navicella, a sanguisuga e fibule probabilmente ad arco rivestito. Tra le fibule ad arco pieno in ferro, due conservano appese catenelle, pendenti a spillo, pinzette e asticella netta unghie, come una sorta di crepitacula. Sono stati recuperati altri pendenti e amuleti, sia di tradizione indigena che di derivazione orientale tra cui uno scarabeo in faïence e castone in argento. Ad identificare la giovane età due bulle cave semicircolari. Dal punto di vista della ritualità funeraria le due deposizioni si inseriscono perfettamente nel quadro già accennato per le tombe di adulti, con le quali condividono la medesima pratica di frammentazione e dispersione di selezionate forme vascolari, soprattutto anforette cosiddette laziali o a spirali, sul fondo della tomba e sporadicamente nel riempimento della fossa. La datazione nella fase IVA, ancora nel secondo quarto del VII sec. a.C., con anteriorità per la deposizione maschile, pone le due sepolture tra quelle più antiche finora scavate contribuendo così ad una migliore definizione dell’articolazione della necropoli orientalizzante e arcaica.

Fig. 2 – Tomba 108 in fase di scavo e sezione est-ovest.

Fig. 2 – Tomba 108 in fase di scavo e sezione est-ovest.

© Museo delle Civiltà, Roma.

Fig. 3 – Tomba 109 in fase di scavo e sezione est-ovest.

Fig. 3 – Tomba 109 in fase di scavo e sezione est-ovest.

© Museo delle Civiltà, Roma.

7Molti sono gli stimoli di riflessione che scaturiscono dallo studio dei due contesti se comparati con le deposizioni infantili in area di abitato e, in un’ottica più ampia, nel quadro delle dinamiche interne di formazione della città. Come è noto si tratta di un processo di trasformazione accelerato dal ripetuto confronto con genti straniere, sia dalla Grecia propria che dagli stanziamenti coloniali mediatrici di apporti levantini, e dalla posizione strategica occupata dal sito nel quadro delle tensioni geopolitiche tra i Veienti e i Romani, per il controllo delle saline alla foce del Tevere. Restringendo però a pochi punti, in primo luogo sembra opportuno rimodulare l’idea di una necropoli sottotono rispetto alle altre città latine. Le deposizioni dei due bambini di Ficana si inseriscono tra quelle appartenenti a gruppi elitari che si andavano formando all’interno della comunità. Entrambi sono stati investiti di particolari qualità trasmesse per via familiare, prerogative incluse tra quelle fondamentali nella fase di definizione del potere. La differenziazione di corredi eminenti esprime l’emergere di gruppi che gestiscono i commerci, la produzione di sale e la proprietà privata, favorendo lo sviluppo dei processi verso l’urbanizzazione, basati su una struttura che fa del gruppo familiare il nucleo della società. Siamo ancora in una fase, in via di urbanizzazione, in cui l’abitato non supera i 5 ettari difesi artificialmente dall’aggere, e in cui le tensioni interne per il controllo sulla comunità si esprimono attraverso i filtri della ritualità funeraria. Si dovrà attendere la seconda metà del VII secolo per incontrare tombe connotate come «principesche» in base all’accumulazione e all’esibizione di ricchezza, in ogni caso debitrici nei confronti di questi due piccoli «antenati».

Haut de page

Bibliographie

Bedello Tata et al. 2016 = M. Bedello Tata, A. Bedini, L. Bassanelli, P. Bassanelli, M. Muzzapappa, F. Bruno, Scoperte e restauri a Ficana tra vecchie e nuove collaborazioni, in E. Mangani, A. Pellegrino (a cura di), Scritti in ricordo di Gaetano Messineo, Palestrina, 2016, p. 63-80.

Brandt 1996 = J.R. Brandt, Scavi di Ficana II, 1. Il periodo protostorico e arcaico. Le zone di scavo 3 b-c, Roma, 1996, p. 115-164.

Cataldi Dini 1984 = M. Cataldi Dini, Ficana: campagne di scavo 1980-1983, in Archeologia Laziale VI, Roma, 1984 (Quaderni del Centro di studio per l’archeologia etrusco-italica, 8), p. 91-97.

Haut de page

Notes

1 Sull’edito: Bedello Tata et al. 2016.

2 Cataldi Dini 1984.

3 In questa stessa sede Bedini, fig. 1A.

4 Brandt 1996.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 – A. Abitato e necropoli; B. Sepolcreto orientalizzante arcaico.
Crédits © Museo delle Civiltà, Roma.
Titre Fig. 2 – Tomba 108 in fase di scavo e sezione est-ovest.
Crédits © Museo delle Civiltà, Roma.
Titre Fig. 3 – Tomba 109 in fase di scavo e sezione est-ovest.
Crédits © Museo delle Civiltà, Roma.
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Margherita Bedello Tata et Maria Rosa Lucidi, « La necropoli di Ficana tra le prime e le ultime campagne di scavo: brevi cenni sulle novità emerse », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité, 130-2 | -1, 273-276.

Référence électronique

Margherita Bedello Tata et Maria Rosa Lucidi, « La necropoli di Ficana tra le prime e le ultime campagne di scavo: brevi cenni sulle novità emerse », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 130-2 | 2018, mis en ligne le 03 septembre 2019, consulté le 18 septembre 2019. URL : http://journals.openedition.org/mefra/5405 ; DOI : 10.4000/mefra.5405

Haut de page

Auteurs

Margherita Bedello Tata

Già Direttore, ex Soprintendenza per i Beni Archeologici di Ostia, margheritabedello@libero.it; margheritabedello1948@gmail.com.

Maria Rosa Lucidi

Dipartimento di Scienze dell’Antichità, Sapienza Università di Roma, rosellalucidi@hotmail.com

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals