Navigation – Plan du site
Studi ostiensi. Quarto seminario
Il territorio di Ostia nei periodi più antichi

Il rituale funerario aristocratico di età orientalizzante: nuovi dati da Ficana

Alessandro Bedini
p. 277-281

Résumés

Viene data una notizia preliminare dell’ultima campagna di scavo nella necropoli protostorica di Ficana (Acilia, Roma), eseguita nel 2007-2008, con il ritrovamento di 19 sepolture di epoca orientalizzante recente, arcaica e repubblicana. Fra queste si segnalano due tombe di carattere principesco a pseudocamera, conservanti ancora resti della copertura a tavolato di legno. Nella tomba 107 era sepolto un principe, la cui identità è rappresentata dagli oggetti di prestigio cerimoniali presenti nelle tombe principesche dei coevi e confinanti abitati di Castel di Decima (Tellenae) e della Laurentina Acqua Acetosa (Politorium), confermandone la sostanziale affinità culturale e la comune partecipazione ai traffici commerciali in atto fra l’area campana e quella etrusca. In particolare l’organizzazione del corredo all’interno della tomba, sottolinea il nuovo aspetto dell’aristocrazia gentilizia con potere ereditario, distinguendo i vari ruoli del capo, fra cui pare privilegiato quello di custode dell’hestia.

Haut de page

Notes de l’auteur

Per esigenze editoriali si propone una versione ridotta del testo presentato in sede di convegno, rimandando ad una prossima pubblicazione la versione integrale. Si ringrazia la Direzione del Museo delle Civiltà per l’assistenza fornita nello studio dei materiali.

Texte intégral

  • 1 Cataldi 1984, p. 95 sq.

1Lo scavo preventivo condotto nel 2007-2008 in proprietà Lippi, in un lotto di un migliaio ca. di metri quadri all’angolo fra Vicolo monti S. Paolo e via Madre Teresa Cittadini, ha messo in luce un lembo della necropoli, con 19 sepolture, poco più a sud di quello indagato negli anni 1975-1977 e 1981-1982 (fig. 1, a).1 L’area presenta analogie con il gruppo di tombe scavato nel 1975, con sovrapposizioni di sepolture di età arcaica/repubblicana (T. 102, 110, 115-119) e con sconvolgimenti dovuti ad interventi di sistemazione agricola, forse già in epoca romana medio-repubblicana (aree T: 103-104-105).

  • 2 Si rimanda all’intervento Bedello – Lucidi nei presenti Atti.

2Le dodici sepolture protostoriche ora individuate sono tutte inquadrabili nell’Orientalizzante recente; sei sono maschili (103, 104, 106, 107, 108, 111), tre femminili (109, 112, 113) e tre di genere indeterminabile (101, 105, 114). Sei delle dodici tombe (107, 108, 109, 111, 112, 114) ubicate presso l’angolo nord del lotto, presentano un interessante raggruppamento presso la tomba 107, a pseudo-camera, con sepoltura principesca maschile, affiancata da due altre significative tombe di rango (112 e 111, con corredi di 41 e 26 vasi di ceramica più oggetti di ornamento e metallici), rispettivamente donna e uomo, verisimilmente legati fra di loro da vincoli di parentela per la stretta analogia dei corredi, dalle tombe infantili 108 e 1092 e dalla tomba 114 di genere indeterminato. Mentre la tomba 107 ha un corredo compiutamente caratterizzato come principesco, a cui corrisponde la struttura a pseudo-camera, le altre tombe del gruppo non sono connotate da oggetti di elevato prestigio, ma appartengono certamente a personaggi di rango di uno stesso gruppo gentilizio. La tomba 112 femminile presenta anch’essa una struttura a pseudo-camera (fig. 1, b), mentre il corredo della tomba 111 contiene un’anfora vinaria di tipo ionico (fig. 1, c).

Fig. 1 – Ficana : a. Inquadramento topografico dello scavo 2007-2008; b. Particolare della copertura della tomba 112; c. Tomba 111, anfora vinaria.

Fig. 1 – Ficana : a. Inquadramento topografico dello scavo 2007-2008; b. Particolare della copertura della tomba 112; c. Tomba 111, anfora vinaria.

Rielaborazione grafica: Leonardo Bassanelli. a. Da Google Maps, con rielaborazione da A. Bedini; planimetria dello scavo dall’Arch. Guizzardi con rielaborazione da A. Bedini ; b-c. A. Bedini.

  • 3 La tomba 43 di Caracupa poteva presentare una disposizione analoga del corpo e del corredo: Savign (...)

3La tomba 107, a pseudo-camera, è una grande fossa orientata NNO-SSE, lunga m 4,50 × 3,50 di larghezza (sul fondo m 3,50 × 2,70); sul lato lungo E, l’allargamento della copertura di tufi appartenente al tumulo sovrastante, indicava la presenza di gradoni per agevolare l’accesso alla fossa, che conservava una profondità di m 1,50, chiusa da un tavolato trasversale di cui restavano chiare tracce carboniose presso i lati lunghi e, in alcuni punti, sul fondo della fossa. Il tavolato era sostenuto da quattro pilastri lignei poggianti su basi di tufo disposte in modo da creare uno spazio centrale di m 2,00 × 1,00 destinato alla deposizione del corpo (fig. 2).3 Lungo il corpo, all’altezza del capo e del braccio destro, si trovava la spada, con la punta volta in basso e le due lance, una in bronzo e una in ferro, con le punte oltre i piedi. Sempre sul lato destro del petto si è trovata la fibula ad arco serpeggiante d’argento, con i globetti delle due antenne rivestiti di lamina d’oro. Lungo entrambi i lati lunghi, al di là dei pilastri, erano deposti gli oggetti del corredo; sul fondo erano sparsi i frammenti di diversi vasi (sei olle, tre anfore laziali e tre anfore a spirali) con una particolare concentrazione nella testata, ai lati del carro.

Fig. 2 –Tomba 107, a scavo ultimato, con selezione degli oggetti di corredo, in base alla loro collocazione.

Fig. 2 –Tomba 107, a scavo ultimato, con selezione degli oggetti di corredo, in base alla loro collocazione.

Le posizioni delle basi dei pilastri sono indicate da quadrati in rosso.

Rielaborazione grafica: Leonardo Bassanelli. A. Bedini.

  • 4 Bedini et al. 2016, p. 67 sq.
  • 5 Cornelio 2014, p. 47 e 55, tomba 3.

4Nel corridoio sulla destra del morto, fra i pilastri e la parete della fossa, da un pilastro all’altro si ha la zona dedicata al thalamos ed all’hestia, con gli oggetti simbolo delle funzioni del capo guerriero, di uso personale e cerimoniale, collocati per lo più su una sorta di ripiano ligneo, su cui poggiavano anche le lance, a giudicare dalla modalità del loro rinvenimento, sollevati dal fondo e con inclinazioni e sovrapposizioni altrimenti inspiegabili. Partendo da nord si hanno due patere baccellate, un baciletto ad orlo perlato ed il vassoio incensiere. All’altezza delle mani erano deposti un coltello di ferro, due calici su alto piede d’impasto, decorati da festoni con palmette ed una coppetta di bucchero su alto piede a gambo e labbro a tesa. Seguivano, verisimilmente in origine appesi alla parete, il poggiapiedi ed il flabello da parata, di lamina di bronzo decorata a sbalzo e, fin poco oltre il pilastro SO, il gruppo di vasi ed utensili destinati al consumo del vino ed all’hestia. Presso la parete, dopo il flabello, doveva essere collocato il grande tripode-sostegno di ferro,4 sostenente due alari in ferro ed un fascio di cinque spiedi; davanti, verso l’interno della fossa, due calici di bucchero, un mortaio tripode, un secondo coltello di ferro, una coppetta di bucchero su piede a gambo, un coperchietto di bronzo con probabili elementi di legno o paglia, una grattugia di bronzo, un’anfora a spirali ed infine un bacile tripode di bronzo con altri due calici su alto piede di bucchero. Poco oltre si trovava una probabile staffa di ferro di difficile interpretazione, ma che presume ulteriori elementi lignei. Lungo il lato opposto est era collocato il carro, nell’angolo NE, con i due morsi in ferro sul pianale. Davanti alla ruota destra del carro è stato rinvenuto un grosso ciottolo di fiume di forma ovale, del tutto estraneo ai tufi del riempimento e che fa pensare al crollo dall’alto di un possibile cippo posto all’esterno della sepoltura.5 Sempre davanti alla ruota destra si aveva il pilastro NE con il tufo di base rincalzato da numerosi e minuti frammenti di olla; dopo il carro veniva l’anfora fenicia e poi un gruppo di 31 vasi potori e per mescere, di impasto e di bucchero, comprendente tre olle, cinque anforette a spirali, un’anforetta a ventre striato, una brocca attingitoio, tre brocchette siro-cipriote, un’anfora laziale, sei kantharoi, tre kylikes, due kotylai e sei aryballoi di argilla depurata e dipinta, oltre a tre bacili di bronzo. I vasi potevano essere sistemati su di una sorta di scaffale (kylikeion) su più livelli, anche appesi con chiodi trovati ancora inseriti nelle anse di anforette, kantharoi e aryballoi.

  • 6 Cataldi 1984, p. 95-96.
  • 7 Si rivela pertanto insostenibile l’ipotesi formulata da G. Colonna di considerare l’abitato della (...)
  • 8 Presupponendo una stratigrafia orizzontale della necropoli, analoga a quella attestata sia alla La (...)
  • 9 Ridgway 1998.

5La presenza di tombe principesche a Ficana era già stata documentata, dai precedenti scavi nella necropoli, nella tomba 32 maschile, con resti di un carro, di un vassoio incensiere di bronzo, alari e spiedi ed un’anfora vinaria non fenicia.6 La tomba era purtroppo sconvolta e gli oggetti riferibili ad una fase di passaggio all’orientalizzante recente. Mancano dati per le fasi più antiche sicuramente a causa dell’ambito limitato delle ricerche. Le tombe 107, 111 e 112 con le loro analogie, per struttura e composizione del corredo, al panorama offerto in particolare dalla necropoli della Laurentina, ma anche di Castel di Decima, confermano le strette relazioni che dovevano correre fra questi tre centri costieri accomunati dalla loro funzione di controllo delle vie di comunicazione sia costiera che fluviale, partecipi quindi di una storia ed anche di un destino comuni dal momento che vennero con alterne vicende tutte e tre sottomesse – secondo il racconto di Livio (I, XXXIII) – dal re Anco Marcio, con l’assorbimento della loro popolazione da parte di Roma.7 Pur mancando documentazione per le tombe più antiche,8 si può pertanto presupporre per Ficana uno stesso processo di affermazione delle aristocrazie locali con l’appropriazione del suolo, la creazione di clientele e la gestione dei traffici commerciali a medio e largo raggio fra ambito campano ed Etruria e la mediazione con l’ambiente greco-orientale portatore di nuove idee e manufatti ed in particolare di artigiani. Per il significato della grattugia, di per sé umile utensile da cucina, si rimanda alle osservazioni di David Ridgway9 che fa risalire l’associazione grattugia-vino documentata in tutta l’area tirrenica di età orientalizzante ad ambiente euboico di IX sec. a.C. a livello sociale elevato, maschile e militare (Tombe di Lefkandì); ma la considerazione più interessante di Ridgway è quella di riconoscere nella presenza di queste grattugie in area tirrenica un elemento traccia di interessi Pitecusani-Cumani alle risorse minerarie etrusche, che presuppongono accordi concreti con i capi indigeni interessati agli scambi commerciali, fra cui pertanto anche i capi delle comunità latine.

6Per concludere, sembra di cogliere nella composizione e nella struttura di questo corredo la volontà di sottolineare l’importanza e la centralità dell’hestia come fondamento del potere ereditario ormai acquisito e consolidato, volontà che ritorna anche nei corredi delle attigue tomba 112 e tomba 111 di epoca leggermente più recente, privi dei più antichi beni di prestigio, ormai in corso di superamento, affidando la rappresentazione del rango alla costante presenza di spiedi ed alari che contraddistinguono ormai i nuovi valori dei membri dei gruppi gentilizi che saranno i protagonisti della futura storia di Roma.

Haut de page

Bibliographie

Bedini 2012 = A. Bedini, Via Laurentina, Acqua Acetosa, in R. Friggeri, M.-G. Granino-Cecere, G.L. Gregori (a cura di), Terme di Diocleziano. La collezione epigrafica, Milano, 2012, p. 106-108.

Bedini et al2016 = A. Bedini, L. Bassanelli., P. Bassanelli, M. Muzzupappa, F. Bruno, Ficana. Il tripode della tomba 107, in E. Mangani, A. Pellegrino (a cura di), Scritti in ricordo di Gaetano Messineo, Roma, 2016, p. 63-78.

Cataldi 1984 = M. Cataldi, Ficana: campagne di scavo 1980-1983, in Archeologia Laziale VI, Roma, 1984 (Quaderni del Centro di studio per l’archeologia etrusco-italica, 8), p. 91-97.

Cornelio 2014 = C. Cornelio, Il sepolcreto di Marano di Castenaso, in P. Poli, R. Rimondini, M. Sindaco (a cura di), Città di Castenaso. Guida al Museo, Bologna, 2014, p. 47-58.

Ridgway 1998 = D. Ridgway, L’Eubea e l’Occidente: nuovi spunti sulle rotte dei metalli, in Br. d’Agostino, M. Bats (a cura di), Euboica. L’Eubea e la presenza euboica in Calcide e in Occidente, Napoli, 1998, p. 311-322.

Savignoni – Mengarelli 1903 = L. Savignoni, R. Mengarelli, Caracupa. La necropoli arcaica di Caracupa tra Norba e Sermoneta, in NSA, 1903, p. 289-344.

Ziółkowski 2005 = A. Ziółkowski, The aggeres and the rise of urban communities in Early Iron Age Latium, in Archeologia, 56, 2005, p. 31-51.

Ziółkowski 2009 = A.Ziółkowski, Frontier sanctuaries of the Ager Romanus antiquus: did they exist?, in Palamedes, 4, 2009, p. 91-130.

Haut de page

Notes

1 Cataldi 1984, p. 95 sq.

2 Si rimanda all’intervento Bedello – Lucidi nei presenti Atti.

3 La tomba 43 di Caracupa poteva presentare una disposizione analoga del corpo e del corredo: Savignoni – Mengarelli 1903, p. 324.

4 Bedini et al. 2016, p. 67 sq.

5 Cornelio 2014, p. 47 e 55, tomba 3.

6 Cataldi 1984, p. 95-96.

7 Si rivela pertanto insostenibile l’ipotesi formulata da G. Colonna di considerare l’abitato della Laurentina un avamposto di Roma a difesa dei suoi confini, per riferimenti e bibliografia v. Ziółkowski 2005, p. 43; Ziółkowski 2009, p. 120-121; Bedini 2012, p. 106-107.

8 Presupponendo una stratigrafia orizzontale della necropoli, analoga a quella attestata sia alla Laurentina, sia a Decima, il settore più antico dovrebbe trovarsi subito a SO dell’abitato, in area mai indagata, attualmente non vincolata e, in parte, in corso avanzato di lottizzazione, a N di via Giannelli, per cui si auspicano adeguati provvedimenti di tutela e vigilanza.

9 Ridgway 1998.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 – Ficana : a. Inquadramento topografico dello scavo 2007-2008; b. Particolare della copertura della tomba 112; c. Tomba 111, anfora vinaria.
Crédits Rielaborazione grafica: Leonardo Bassanelli. a. Da Google Maps, con rielaborazione da A. Bedini; planimetria dello scavo dall’Arch. Guizzardi con rielaborazione da A. Bedini ; b-c. A. Bedini.
Titre Fig. 2 –Tomba 107, a scavo ultimato, con selezione degli oggetti di corredo, in base alla loro collocazione.
Légende Le posizioni delle basi dei pilastri sono indicate da quadrati in rosso.
Crédits Rielaborazione grafica: Leonardo Bassanelli. A. Bedini.
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Alessandro Bedini, « Il rituale funerario aristocratico di età orientalizzante: nuovi dati da Ficana », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité, 130-2 | -1, 277-281.

Référence électronique

Alessandro Bedini, « Il rituale funerario aristocratico di età orientalizzante: nuovi dati da Ficana », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 130-2 | 2018, mis en ligne le 03 septembre 2019, consulté le 18 septembre 2019. URL : http://journals.openedition.org/mefra/5503 ; DOI : 10.4000/mefra.5503

Haut de page

Auteur

Alessandro Bedini

Già Direttore del Servizio Tutela Beni Archeologici della Direzione Generale Beni Archeologici del Mibact, dr.alessandrobedini@gmail.com

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals