Navigation – Plan du site
Studi ostiensi. Quarto seminario
Il territorio della colonia di Ostia alla luce di nuove indagini

Ritrovamenti archeologici nel corso delle opere di sistemazione del canale Bagnolo (via Ostiense Km 22,700). Fase I (2016)

Sandro Lorenzatti, Cristian D’Ammassa et Angelina De Laurenzi
p. 295-301

Résumés

Nel corso delle opere di rifacimento del canale Bagnolo, ca 3 mt sotto il piano delle vie Ostiense e del Mare (km 22,300) si è rinvenuto un tratto lungo ca 15 mt della via Ostiense antica, con terra battuta (via terrena) e privo di pavimentazione, contenuta a est da un muro in opera reticolata, costruito sulla originale munitio di età repubblicana, due muri di grandi blocchi di tufo, rinvenuti anche in altri tratti della via Ostiensis. Sono inoltre venuti alla luce quattro piloni laterizi dell’acquedotto ostiense (di età traianea-adrianea) inglobati in una doppia muratura laterizia, probabilmente di età rinascimentale, al fine di realizzare un viadotto di attraversamento dello Stagno (conservatosi fino agli inizi del XX, noto come Ponte dello Stagno, e più tardi Ponte delle Memorie) su arcate che consentivano il passaggio delle acque salmastre tra lo Stagno e le Saline.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 L’assistenza archeologica e l’esecuzione degli scavi di approfondimento, sono state affidate dal C (...)

1Si fornisce in questo articolo la descrizione sintetica dei ritrovamenti archeologici avvenuti nella fase I (2016) delle opere di rifacimento del sottopassaggio del Canale Bagnolo (via Ostiense e via del Mare, Km 22,700);1 si anticiperanno altresì alcuni dati relativi le fasi II (2017) e III (2018).

  • 2 Salvo dove espressamente indicato, le misure sono fornite in metri e le quote sono da intendersi s (...)
  • 3 Nel concio di chiave del sottopasso si è trovata scolpita la data dell’opera, il “1928”. Ad una fa (...)

2Nel corso della fase I si è operato su un’area quadrangolare di ca 80 mq, scendendo ad una quota massima media di circa -1 m slm.2 L’intera area, compresa parte delle strutture rinvenute, è apparsa obliterata da un taglio trasversale (T1), largo ca 1,5/2 m, corrispondente all’asse del canale, da riferirsi alle opere post antiche e moderne realizzate per consentire il passaggio delle acque salmastre dallo Stagno alle adiacenti Saline (v. infra), da ultimo la sistemazione del Canale Primario, durante le opere di bonifica (fine XIX), e la costruzione del ponte sotto la nuova via del Mare (1927/30),3 quando il canale venne intubato tra Q. -1/-2.

Descrizione dei manufatti archeologici rinvenuti

Fig. 1 – Foto piano a bassa quota dell'area di scavo con indicazione dei limiti delle strutture.

Fig. 1 – Foto piano a bassa quota dell'area di scavo con indicazione dei limiti delle strutture.

Elaborazione di S. Lorenzatti su foto di C. D’Ammassa.

Fig. 2 – Sezioni stratigrafiche dell’area di scavo.

Fig. 2 – Sezioni stratigrafiche dell’area di scavo.

Elaborazione grafica S. Lorenzatti.

Settore ovest: tracciato antica via Ostiense (strati alluvionali, Piano P1, strutture C e G, fig. 1-2)

Strati alluvionali4

  • 4 L’analisi stratigrafica è per ragioni di spazio qui sintetizzata limitando la descrizione alle UU. (...)

3Nel settore ovest si è proceduto con l’asportazione di un esteso strato alluvionale argilloso (US 3, grigio, molto pedogenizzato), in cui si sono rinvenuti materiali recenti e antichi fuori contesto. La US 3 poggiava su un altro strato alluvionale (US 7: argilla grigio chiara, plastica e pulita), che copriva alcune strutture antiche: il piano P1, contenuto a est dalla struttura reticolata C, questa in fase col piano P2.

Piano battuto P1 (fig. 3)

4Il piano P1 è costituito da un battuto terroso (UU.SS. 11, 57, 58, 60, Q. media -0,10) con scaglie di tufo e leucitite, rari i frammenti laterizi, distribuite in superficie in modo non omogeneo; poggia su uno strato limoso-sabbioso con ghiaia (UU.SS. 12, 61, 14). T1 si incrocia inoltre con un secondo taglio ortogonale, T2 (US 13), che ugualmente oblitera quasi in forma di canaletta il piano P1.

Fig. 3 – Piano battuto P1 (via Ostiense) con muratura di contenimento C.

Fig. 3 – Piano battuto P1 (via Ostiense) con muratura di contenimento C.

Foto S. Lorenzatti.

Strutture C, G1 e G2 (fig. 4)

5La struttura C (UU.SS.MM. 23 e 35), in buona opera reticolata (cubilia l. 7/8 cm, sp. malta 1/2; tufo compatto, marrone o arancio scuro, lo stesso dei caementa del nucleo, impastato con malta di pozzolana scura), venne costruita contro terra, ovvero poggiando su uno strato limoso scuro (UU.SS. 22, 34) realizzato tra essa e il piano P1. Sono presenti due muretti di contrafforte (UU.SS.MM. 22 e 63; misuranti ca 120 × 50 cm, altezza conservata ca 20 cm), distanti ca 5,60 m, realizzati in blocchetti di tufo (lungh. 20/25 cm, largh. 15, h. 10) sagomati a cuneo verso l’interno.

  • 5 Ghislanzoni 1913, p. 2, menziona un solo filare e una larghezza stradale di 4,8 m.
  • 6 Calza 1953, p. 65-66, fig. 18.
  • 7 Pellegrino 1996 ; Izzi – Pellegrino 2001.

6La struttura C è apparsa fondata su un filare continuo di blocchi di tufo marrone (G1), che si è rivelato nelle fasi II e III essere la stessa muratura in opera quadrata di contenimento della via Ostiense rilevata da E. Ghislanzoni nel 1913 presso il Km 13,5 nel 1927 da G. Calza poco a sud-ovest dal nostro scavo,6 ed infine da A Pellegrino nel 1996 ad Acilia.7

7In fase II, raggiungendosi la quota di progetto (ca -4 m dal piano calpestio) sono stati portati alla luce tre filari di blocchi, tutti a sezione quadrata (lato 50/60 cm, lungh. 1,2/1,5/1,8 m). La muratura era sorretta all’esterno da due contrafforti corrispondenti a quelli superiore della struttura C. I primi tre filari paralleli del lato opposto (G2) sono stati portati alla luce in fase III.

Piano P2

8In fase con la struttura C è il piano P2 (UU.SS. 25, 39), in leggero pendio a partire da C (Q. -0,51/0,63), realizzato in pozzolana di colore grigio scuro e scaglie tufo marrone chiaro disposte abbastanza regolarmente in piano.

Settore est: acquedotto e strutture di riuso dello stesso in viadotto (fig. 4, 5)

9Appena sotto l’asfalto dell’attuale via Ostiense, e con stesso andamento, sono emerse una serie di strutture laterizie parallele, unite da riempimenti successivi in muratura e materiali di risulta, a formare una sola grande opera muraria di riuso che inglobava i resti dell’acquedotto ostiense, realizzando così un viadotto per l’attraversamento dello Stagno (v. infra).

Fig. 4 – Struttura E e A (acquedotto pilone A2).

Fig. 4 – Struttura E e A (acquedotto pilone A2).

Foto S. Lorenzatti.

Piloni laterizi dell’acquedotto (struttura A)

10I resti dell’acquedotto sono individuabili nella struttura laterizia centrale A, e consistono nei quattro piloni (A1, A2 e A3 = UU.SS.MM. 70/75, 80/86, 90/95; A4 rilevato in fase II), rivestiti con malta idraulica tenacissima (sp. 3 cm) realizzata con calce e tritume fittile. I laterizi sono di colore giallo, o rosato, di ottima fattura (lungh. 21 o 27 cm, sp. 2,5/3, sp. malta 1,8 cm). La malta è compatta, con pozzolana grigio-rossastra. I caementa del nucleo sono in tufo marrone e rossastro di dimensioni omogenee, allettati regolarmente; pochi i frammenti laterizi.

  • 8 CIL XV, 315: ex figlinis Marcianis / C(aii) Calpetani Favoris / doliare ; datazione tra età traian (...)

11I piloni hanno sezione quadrata (lato ca 153 cm = 5 piedi), conservati in altezza ca 1,5 mt sopra il piano di scavo della fase I. Nei piloni 1 e 4 si è individuato un piano di livellamento in bipedali gialli, uno dei quali recante un bollo di Caius Calpetanus Favor, officinator nel periodo traianeo/adrianeo.8

12Nella fase II, raggiunta parzialmente la quota finale di scavo (-2,40), si è appurato che le fondazioni dei piloni dell’acquedotto vennero gettate in uno strato argilloso, impermeabilizzato da una palificata, con pali disposti a coppie intorno al perimetro (v. infra).

Tamponature in reticolato (struttura F)

13Gli spazi tra i piloni A4/A1 e A2/A3 (circa 2,30 m) presentano tamponature in reticolato F (UU.SS.MM. 76, 77) con relative gettate di fondazione (UU.SS.MM. 87, 88). I cubilia sono di colore marrone (l. 7/7,5 cm), allettati con malta di pozzolana scura, identica a quella rilevata nella fondazione. La struttura F è dunque sostanzialmente identica alla struttura C.

Fodera laterizia (struttura D)

14Sul rivestimento in malta idraulica dei piloni A1 e A2, e sulle tamponature F, si sono rilevati ampi residui di una fodera laterizia D (UU.SS.MM. 66, 67, 79, 80, sp. ca 10 cm), realizzata con laterizi e tegole di riuso, di misure e tipi diversi, assemblati irregolarmente (sp. malta anche oltre 4 cm) in alcuni casi posti in opera di piatto.

Fig. 5 – Strutture A (acquedotto, pilone A1), D e F.

Fig. 5 – Strutture A (acquedotto, pilone A1), D e F.

Foto S. Lorenzatti.

Struttura laterizia E

15Parallelamente alla struttura A, ca 90 cm a ovest, venne realizzata in epoca successiva, a una quota più alta, la struttura laterizia E (UU.SS.MM. 28 e 36). La fondazione (UU.SS.MM. 27 e 37), è appena sporgente, priva di risega, e poggia sullo strato argilloso US 7. Tra le UU.SS. 19 e 20 (questo strato di crollo della struttura E) si sono rinvenuti quattro grossi basoli in leucitite.

16Lo spessore della muratura è di 32 cm; la cortina utilizza laterizi e tegole di vario tipo, in gran parte di riuso, ma con modulo regolare (25/26 cm); la malta è di colore rossastro. Nel nucleo sono presenti caementa di tufo marrone chiaro e scarsi frammenti laterizi. La cortina presenta cospicue tracce di rivestimento in malta idraulica (USM 120; sp. medio 1,5 cm) abbastanza compatta e mista a tritume fittile.

17In fase II si sono rinvenuti nella muratura, impastati con la medesima malta, diversi frammenti di protoceramica, databili ad una prima analisi al XV-XVI secolo; si è inoltre asportato il riempimento R2 individuando ad est una seconda muratura (H) simile per tipo di laterizi e malta alla struttura E, ma in condizioni assai più frammentarie, realizzata alla medesima quota e parallela al lato est dell’acquedotto, ad una distanza di poco maggiore della prima. Si è infine asportato il riempimento R1, appurando che la struttura E venne legata alla struttura A con un setto murario ortogonale.

Strutture di riempimento (R1 e R2) e analisi del riempimento del taglio T1 est

18Gli spazi residui tra l’acquedotto (A) e le due murature parallele (E e H) appaiono colmati dai riempimenti R1 e R2, costituiti da diversi materiali di risulta (più compatto R1), poi rimossi in fase II.
Il taglio T1 è riconducibile alle diverse opere di sistemazione dell’alveo del canale, compresa la costruzione del tubo in cemento sotterraneo moderno rivestito in cocciopesto (B), ed è riempito dalla US 55 (v. sezione A/A1, fig. 2), strato argilloso pedogenizzato, da porre in relazione alla US 3, che caratterizza l’intera area ed è indizio di un secondo ed ultimo evento alluvionale generale. Nella sezione verticale è ben visibile la traccia dell’alveo, che presenta una stratificazione complessa (UU.SS. 51/55) interessante soprattutto sotto il profilo idrogeologico.

Realizzazione della via Ostiense moderna

19Le strutture del settore est sono visibili già 50 cm circa sotto l’asfalto della via Ostiense, che copre la precedente pavimentazione in cubetti di porfido, ad una quota restituita per livellare il piano stradale, demolendo le strutture ad essa superiori (fig. 6). Fornisce buona indicazione per la datazione di questo livellamento una moneta da due centesimi in rame di Umberto I del 1897 rinvenuta sulla testata del muro E (US 28).

Fig. 6 – Veduta d’insieme dello scavo (fase I) da est.

Fig. 6 – Veduta d’insieme dello scavo (fase I) da est.

Foto S. Lorenzatti.

Conclusioni preliminari

Via Ostiense

20Il piano battuto P1, assimilabile più ad una via terrena che ad una glareata, indica l’aspetto finale, tardo, di questo tratto della pavimentazione della via Ostiense, prima di essere definitivamente coperta dallo strato alluvionale US 7, che dunque ne testimonia l’abbandono. Tale battuto è contenuto ad est dalla struttura reticolata C (ad ovest si deve ancora indagare), che è precedente e in fase con P2 e con le tamponature F delle arcate dell’acquedotto, intervento forse unitario sul quale occorrerà riflettere a scavo completato. La struttura C poggia sui filari in blocchi di tufo G1 e G2, di contenimento della prima massicciata stradale (munitio), che trovano perfetta corrispondenza con gli altri già rinvenuti.

  • 9 Sul tema ad es. Pannuzi 2013b.

21Che il primitivo tracciato fosse lastricato è probabile, ma i pochi basoli rinvenuti fuori contesto non forniscono certezze al riguardo. L’instabilità idrogeologica di questo tratto dell’Ostiense, nel passaggio tra lo Stagno e le Saline, è nota,9 e numerosi furono gli interventi per garantire il deflusso delle acque provenienti dallo Stagno (incanalate nella «Fossa Papale»), e la viabilità, problema risolto molto più tardi con la realizzazione di un viadotto, riutilizzando i resti dell’acquedotto.

  • 10 La munitio è stata datata ipoteticamente, in età pre-sillana (Calza 1953, p. 99), o III-II a.C. (P (...)

22Tali evidenze introducono due ulteriori questioni: 1) perché, in età medio repubblicana,10 si sia deciso di realizzare la strada sostanzialmente al livello del mare, ovvero su un piano soggetto alle esondazioni stagionali dello Stagno; 2) se esistesse una viabilità alternativa all’Ostiense nei periodi meteorologicamente avversi (ad es. ad ovest, oltre le Saline). Da tener presente che nella fase III dello scavo (ancora in corso), subito ad ovest del tracciato antico, tra la via del Mare e via dei Romagnoli, si è rinvenuto ad una quota di poco superiore un ulteriore battuto stradale parallelo, con pavimentazione in ghiaia battuta.

Acquedotto e Viadotto

  • 11 Lanciani 1892, p. 293 (che però riporta sezione di 200 × 150 cm).
  • 12 Ottima raccolta di notizie e rinvenimenti riguardanti l’acquedotto ostiense in Olivanti 2006, ed i (...)

23La Struttura A è certamente da riferirsi all’acquedotto ostiense, e i due piloni A1 e A2 sono probabilmente gli stessi descritti da Lanciani nel 1892.11 Le caratteristiche tecniche e le misure dei piloni (largh. ca 150 cm, distanza ca 230) trovano corrispondenza quasi completa con altri tratti dell’acquedotto individuati, ad es. con le arcate inglobate nelle mura del borgo di Ostia Antica, dalle quali si è desunta un’altezza dal piano di calpestio antico di ca 6 m alla chiave di estradosso (4 m altezza pilone), cui andrebbe aggiunta quella dello specus.12

24Per la successione degli eventi è indicativa la stratigrafia: 1) la US 7: primo strato alluvionale che coprì le strutture descritte – P1, P2, C ed anche il taglio T2, che dunque è antico e forse aveva funzione di drenaggio – attestandosi poco sopra il livello del mare; 2) la US 3: ultimo evento alluvionale che coprì l’intero settore ovest, almeno fino al livello dell’attuale piano stradale.

25Tra i due eventi la prima consistente azione antropica fu la realizzazione delle murature laterizie E (con fondazione nella stessa US 7, ad una quota sensibilmente più alta) e H, che vennero realizzate parallelamente ai lati della struttura A, ovvero dell’acquedotto: il setto laterizio di congiungimento e i riempimenti R1 e R2 mostrano che l’obiettivo era quello di creare una struttura di sezione maggiore che giungendo alla medesima quota dei resti esistenti dell’acquedotto fungesse da viadotto carrabile di attraversamento dello Stagno.

  • 13 Lanciani 1902, p. 53.
  • 14 Pii secundi pontificis max. Commentarii rerum memorabilium, quae temporibus suis contigerunt […], (...)
  • 15 Vulpius, Josepho Rocco (Volpi, Giuseppe Rocco), De Laurentibus, et Ostiensibus, in Vetus Latium pr (...)

26Riguardo la datazione del viadotto è utile il dato raccolto da Lanciani che, riportando notizia di «opere varie» eseguite nel 1454 «per lo ponte novo», individua questo con quello «costrutto sui piloni dell’acquedotto».13 Un contesto cronologico che dunque potrebbe coincidere con l’analisi tecnica e stratigrafica dell’opera e con la presenza di proto ceramica rinvenuta nel nucleo della struttura E. Inoltre che l’acquedotto fosse già utilizzato come ponte nel 1471 si ricava dai Commentarii di Pio II: Aquaeductus olim per medium stagnum aedificatus specificando che hodie pontis usum praebet, et per ipsum ab Ostia rectum iter ad Urbem pedibus patet.14 Così come sappiamo da Volpi che nel 1734 l’acquedotto non fosse più visibile: Lacus Ostiensis, nunc Stagno di Levante vel Stagno d’Ostia […] juxta hunc lacum antiqui aquaeductus vestigia olim visebantur, ad Ostia Colonia & villarum circa olim usum.15

  • 16 Ad es. Il vero disegno del sito di Hostia […] del 1557 (Frutaz 1972, II, tav. 59); la Carta di Ame (...)
  • 17 Ad es. da Nibby 1819, II, p. 286 che giustamente lo riconosce come «argine laterizio moderno».
  • 18 Presidenza delle strade. Catasto Alessandrino, segn. 432/52 (1660), e segn. 432/I (1661) riprodott (...)
  • 19 IGM 1877 foglio 140, II NO (Fiumicino); R. Lanciani, Abbozzo della Carta Archeologica del suburbio (...)

27I resti dell’acquedotto indicati nella cartografia storica, in questo tratto,16 potrebbero dunque riferirsi non all’opera antica in senso stretto bensì al viadotto (in molti casi definito come «argine laterizio»)17 che la inglobava, e che pure presentava delle arcate per il deflusso delle acque dallo Stagno alle Saline, come d’altronde potrebbe suggerire la struttura indicata nel Catasto Alessandrino (1661) come «Ponte dello Stagno» (fig. 7),18 che nella toponomastica ottocentesca, e nella tradizione locale, sarà poi conosciuto come «Ponte delle Memorie».19

Fig. 7 – Il «Ponte dello Stagno» nel Catasto Alessandrino (1661).

Fig. 7 – Il «Ponte dello Stagno» nel Catasto Alessandrino (1661).

Presidenza delle strade. Catasto Alessandrino, segn. 432/52 (1660), e segn. 432/I (1661), riprodotto in Frutaz 1972, II, tav. 128.

Haut de page

Bibliographie

Bedello et al. 2006 = M. Bedello Tata et al., Le acque e gli acquedotti nel territorio Ostiense e Portuense: ritrovamenti e ricerche recenti, in MEFRA, 118-2, 2006, p. 463-526.

Calza 1953 = G. Calza (a cura di), Scavi di Ostia, I, Topografia generale, Roma, 1953.

Fogagnolo 2006 = S. Fogagnolo, Ostiensis, via, s.v., in A. La Regina (a cura di), Lexicon topographicum Urbis Romae, Suburbium, IV, Roma, 2006, p. 135-148.

Frutaz 1972 = P.A. Frutaz, Le carte del Lazio, I-III, Roma, 1972.

Ghislanzoni 1913 = E. Ghislanzoni, Via Ostiense, in NSA, 1913, p. 2-9.

Izzi – Pellegrino 2001 = P. Izzi, A. Pellegrino, Acilia. Recupero e musealizzazione di un tratto dell’antica via Ostiense, in F. Filippi (a cura di), Archeologia e Giubileo. Gli interventi a Roma e nel Lazio nel Piano per il Grande Giubileo del 2000, I, Napoli, 2001, p. 375-378.

Lanciani 1892 = R. Lanciani, Recenti scoperte di Roma e del Suburbio, in BCAR, 21, 1892, p. 269-304.

Lanciani 1902 = R. Lanciani, Storia degli scavi di Roma e notizie intorno le collezioni romane di antichità, I, Roma, 1902.

Nibby 1819 = A. Nibby, Viaggio antiquario ne' contorni di Roma, I-II, Roma, 1819.

Olivanti 2006 = P. Olivanti, L’acquedotto ostiense nella documentazione di archivio, in MEFRA, 118-2, 2006, p. 511-517.

Pannuzi 2013a = S. Pannuzi, Recenti ritrovamenti nel territorio ostiense (Municipio X e XIII), in BCAR, 112, 2013, p. 366-376.

Pannuzi 2013b = S. Pannuzi, La laguna di Ostia: produzione del sale e trasformazione del paesaggio dall’età antica all’età moderna, in MEFRM, 125-2, 2013. http://journals.openedition.org/mefrm/1507.

Pellegrino 1996 = A. Pellegrino, Via Ostiense: rinvenimento di un viadotto ad Acilia, in Quilici – Quilici-Gigli 1996, p. 81-83.

Quilici 1996 = L. Quilici, I ponti della via Ostiense, in Quilici – Quilici Gigli 1996, p. 53-79.

Quilici – Quilici-Gigli 1996 = L. Quilici, S. Quilici-Gigli (a cura di), Strade romane. Ponti e viadotti, Roma, 1996 (Atlante tematico di topografia antica, 5).

Ricciardi 1996 = M.A. Ricciardi, La Civiltà dell’acqua in Ostia Antica, I-II, Roma, 1996.

Steinby – Helen 1977-1978 = E.M. Steinby, T. Helen, Lateres signati Ostienses, Roma, 1977-1978 (Acta Instituti Romani Finlandiae, 7).

Tantucci 2013 = M. Tantucci, Le indagini preventive per il cantiere ACEA lungo la via Ostiense (Km 22,300), in BCAR, 114, 2013, p. 393-394.

Haut de page

Notes

1 L’assistenza archeologica e l’esecuzione degli scavi di approfondimento, sono state affidate dal CBTAR (cui spetta il progetto dell’opera) al dott. Sandro Lorenzatti (conduzione scavo, analisi tecnica e ricerca documentaria) e al dott. Cristian D’Ammassa (rilevamento strumentale e messa in pianta finale dei manufatti rinvenuti), con la supervisione scientifica della dott.ssa Angelina De Laurenzi (SABAP Comune di Roma) la quale, in accordo con il Soprintendente, arch. F. Prosperetti, ha fornito preziose indicazioni sulle modalità di scavo, agevolando in ogni modo, e sempre nel massimo rispetto della tutela dei monumenti e delle necessità di documentazione, la veloce prosecuzione delle opere, necessarie alla messa in sicurezza idrogeologica del territorio adiacente, tenendo anche presente il carattere di urgenza imposto dalla parziale interruzione e modifica della viabilità nel tratto interessato. I reperti della fase I sono stati trasferiti (e sono in corso di studio) nei magazzini del Parco Archeologico di Ostia Antica, grazie anche alla fattiva collaborazione della dott.ssa Paola Germoni.

2 Salvo dove espressamente indicato, le misure sono fornite in metri e le quote sono da intendersi s.l.m., ricordando che la quota media del piano stradale attuale si trova a ca +1,8.

3 Nel concio di chiave del sottopasso si è trovata scolpita la data dell’opera, il “1928”. Ad una fase precedente (fine XIX inizio XX), sono invece da attribuirsi la struttura “M” a conci di tufo, apparsa a -0,80 ca dal piano stradale.

4 L’analisi stratigrafica è per ragioni di spazio qui sintetizzata limitando la descrizione alle UU.SS. principali.

5 Ghislanzoni 1913, p. 2, menziona un solo filare e una larghezza stradale di 4,8 m.

6 Calza 1953, p. 65-66, fig. 18.

7 Pellegrino 1996 ; Izzi – Pellegrino 2001.

8 CIL XV, 315: ex figlinis Marcianis / C(aii) Calpetani Favoris / doliare ; datazione tra età traianea e prima adrianea in Steinby – Helen 1977-1978, p. 391.

9 Sul tema ad es. Pannuzi 2013b.

10 La munitio è stata datata ipoteticamente, in età pre-sillana (Calza 1953, p. 99), o III-II a.C. (Pellegrino 1996, p. 83).

11 Lanciani 1892, p. 293 (che però riporta sezione di 200 × 150 cm).

12 Ottima raccolta di notizie e rinvenimenti riguardanti l’acquedotto ostiense in Olivanti 2006, ed inoltre: Quilici 1996, p. 53-79; Ricciardi 1996, I, p. 89-93 e II, p. 262 sqq; Pannuzi 2013; Tantucci 2013.

13 Lanciani 1902, p. 53.

14 Pii secundi pontificis max. Commentarii rerum memorabilium, quae temporibus suis contigerunt […], ex typographia Dominici Basae, Romae, 1584, VI, p. 555.

15 Vulpius, Josepho Rocco (Volpi, Giuseppe Rocco), De Laurentibus, et Ostiensibus, in Vetus Latium profanum, VI, exc. Josephus Cominus, Patavii, 1734, p. xxiv.

16 Ad es. Il vero disegno del sito di Hostia […] del 1557 (Frutaz 1972, II, tav. 59); la Carta di Ameti del 1693 (Frutaz 1972, II, tav. 176), e di Cingolani del 1692 (Frutaz 1972, II, tav. 164).

17 Ad es. da Nibby 1819, II, p. 286 che giustamente lo riconosce come «argine laterizio moderno».

18 Presidenza delle strade. Catasto Alessandrino, segn. 432/52 (1660), e segn. 432/I (1661) riprodotto in Frutaz 1972, II, tav. 128.

19 IGM 1877 foglio 140, II NO (Fiumicino); R. Lanciani, Abbozzo della Carta Archeologica del suburbio di Roma (1894-1906) in Frutaz 1972, III, tav. 410.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 – Foto piano a bassa quota dell'area di scavo con indicazione dei limiti delle strutture.
Crédits Elaborazione di S. Lorenzatti su foto di C. D’Ammassa.
Titre Fig. 2 – Sezioni stratigrafiche dell’area di scavo.
Crédits Elaborazione grafica S. Lorenzatti.
Titre Fig. 3 – Piano battuto P1 (via Ostiense) con muratura di contenimento C.
Crédits Foto S. Lorenzatti.
Titre Fig. 4 – Struttura E e A (acquedotto pilone A2).
Crédits Foto S. Lorenzatti.
Titre Fig. 5 – Strutture A (acquedotto, pilone A1), D e F.
Crédits Foto S. Lorenzatti.
Titre Fig. 6 – Veduta d’insieme dello scavo (fase I) da est.
Crédits Foto S. Lorenzatti.
Titre Fig. 7 – Il «Ponte dello Stagno» nel Catasto Alessandrino (1661).
Crédits Presidenza delle strade. Catasto Alessandrino, segn. 432/52 (1660), e segn. 432/I (1661), riprodotto in Frutaz 1972, II, tav. 128.
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Sandro Lorenzatti, Cristian D’Ammassa et Angelina De Laurenzi, « Ritrovamenti archeologici nel corso delle opere di sistemazione del canale Bagnolo (via Ostiense Km 22,700). Fase I (2016) », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité, 130-2 | -1, 295-301.

Référence électronique

Sandro Lorenzatti, Cristian D’Ammassa et Angelina De Laurenzi, « Ritrovamenti archeologici nel corso delle opere di sistemazione del canale Bagnolo (via Ostiense Km 22,700). Fase I (2016) », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 130-2 | 2018, mis en ligne le 03 septembre 2019, consulté le 18 septembre 2019. URL : http://journals.openedition.org/mefra/5654 ; DOI : 10.4000/mefra.5654

Haut de page

Auteurs

Sandro Lorenzatti

UMR7041 ArScAn, THEMAM, lorenzatti@libero.it

Cristian D’Ammassa

Escuela de Doctorado in Investigación histórica y patrimonial, Universidad de Huelva, crisdam@hotmail.it

Articles du même auteur

Angelina De Laurenzi

Soprintendenza Speciale Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Roma, angelina.delaurenzi@beniculturali.it

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals