Navigation – Plan du site
Studi ostiensi. Quarto seminario
Il territorio della colonia di Ostia alla luce di nuove indagini

Recenti indagini archeologiche nell’area dello svincolo stradale di Ostia Antica sulla via del Mare

Simona Pannuzi, Andrea Carbonara, Paola Catalano, Romina Mosticone, Walter B. Pantano, Carlo Persiani, Carlo Rosa et Federica Zavaroni
p. 303-307

Résumés

Recenti indagini archeologiche preventive effettuate nel 2011-2012 hanno portato al rinvenimento di un’estesa area di necropoli nella zona dello svincolo stradale di Ostia Antica lungo la via del Mare. Oltre ad importanti elementi archeologici, topografici e a nuove testimonianze circa i riti funerari praticati, sono emersi anche interessanti dati antropologici in riferimento alle sepolture rinvenute. In due aree di scavo è stata messa in evidenza la risalita temporanea lungo una linea di faglia di fluidi profondi, caldi e ricchi di carbonato di calcio, che hanno portato alla formazione di differenti strutture concrezionarie che hanno cementato localmente le sabbie presenti. Come nell’area necropolare scavata pochi anni fa nel vicino Parco dei Ravennati, le tombe, scavate nelle sabbie, erano sovrapposte l’una all’altra. In generale le sepolture risultano inquadrabili nella prima/media età imperiale.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 Pannuzi 2018, p. 3-12, con bibliografia.
  • 2 Cfr. in ultimo Pannuzi et al. 2017.
  • 3 Pannuzi et al. 2006, p. 208-209; Pannuzi et al. 2013.
  • 4 Lo scavo nelle sabbie effettuato in età romana per sistemare le sepolture dovette alterare i livel (...)

1Recenti indagini archeologiche preventive, effettuate nel 2011-2012 in vari saggi di scavo localizzati nell’area dell’attuale svincolo stradale di Ostia Antica sulla via del Mare (Aree di scavo 5, 6 e 7), hanno verificato in questa zona l’esistenza di un settore dell’estesa necropoli localizzata nel suburbio sud-orientale dell’antica Ostia e diversificata in differenti ambiti, riservati alle classi medio/medio-basse ed a quelle più povere.1 Oltre ad importanti elementi archeologici, topografici e a nuove testimonianze circa i riti funerari praticati, sono emersi anche interessanti dati antropologici, che sono stati messi a confronto con quanto già analizzato nel limitrofo territorio ostiense2 e nell’area romana. Quest’area funeraria si ricollega, per le modalità di deposizione delle sepolture e la cronologia, all’altra zona necropolare scavata nel 2006 e 2011 nel vicino Parco dei Ravennati.3 Sono state rinvenute pochissime incinerazioni e numerose inumazioni in fossa terragna con qualche sarcofago ligneo e la presenza di rari corredi abbastanza modesti. Le tombe, scavate nelle sabbie che costituivano gli antichi cordoni dunari presso l’antica linea di costa, sensibilmente arretrata rispetto all’attuale, erano a volte sovrapposte le une alle altre ed in generale risultavano databili nella prima/media età imperiale.4

2In particolare, nello scavo dell’Area 7 e dell’Area 10 è stata individuata la presenza di diverse strutture concrezionarie che hanno cementato localmente le sabbie presenti con carbonato di calcio: per la morfologia e le modalità di evoluzione della cementazione (dal basso verso l’alto) questa anomalia è stata attribuita alla risalita temporanea lungo una linea di faglia di fluidi profondi caldi e ricchi di carbonato di calcio. In particolare, nell’Area 7, due di queste polle di risalita, hanno inglobato e calcarizzato ognuna un sarcofago ligneo, posizionato al di sopra della polla (fig. 1). Ciò permette di datare l’evento di risalita dei fluidi profondi ad un momento successivo alla sistemazione di queste sepolture (prima età imperiale). Inoltre, nello scavo delle Aree 5, 6 e 7 sono stati rinvenuti piccoli canali di drenaggio larghi tra uno e due metri, scavati nelle sabbie dunari che ospitavano una parte della necropoli (fig. 2). Questi canali, successivi alle inumazioni, perché ne sezionano almeno una (fig. 2, a), hanno tutti orientamento in direzione del Tevere, probabilmente per drenare le acque in caso di eccessiva risalita del livello di falda.

Fig. 1 – A: Localizzazione delle Aree di scavo 7 e 10; B: inumazione in sarcofago ligneo calcarizzato; C: planimetria dell’area di scavo con individuazione dell’inumazione con sarcofago calcarizzato; D: livelli geologici individuati nell’Area 7; E: concrezioni di carbonato di calcio.

Fig. 1 – A: Localizzazione delle Aree di scavo 7 e 10; B: inumazione in sarcofago ligneo calcarizzato; C: planimetria dell’area di scavo con individuazione dell’inumazione con sarcofago calcarizzato; D: livelli geologici individuati nell’Area 7; E: concrezioni di carbonato di calcio.

C. dis. G. Luglio; D. elaborazione C. Rosa.

Fig. 2 – Le aree di scavo archeologico nn. 5, 6 e 7, con la direzione dei piccoli canali di bonifica: A. localizzazione delle aree di scavo 5, 6 e 7; B-D: direzione dei piccoli canali di bonifica all’interno delle aree funerarie rinvenute nelle tre aree di scavo.

Fig. 2 – Le aree di scavo archeologico nn. 5, 6 e 7, con la direzione dei piccoli canali di bonifica: A. localizzazione delle aree di scavo 5, 6 e 7; B-D: direzione dei piccoli canali di bonifica all’interno delle aree funerarie rinvenute nelle tre aree di scavo.

Dis. G. Luglio con elaborazione di C. Rosa.

  • 5 Ferembach – Schwidetzki – Stloukal 1979.
  • 6 Fornaciari – Giuffra 2009.
  • 7 Pannuzi 2018.

3L’intera area sepolcrale ha restituito un totale di 70 individui, di cui il 93% costituto da inumazioni. Riguardo la determinazione del sesso il valore della sex ratio ha espresso una maggiore rappresentatività del sesso maschile (70% degli adulti) su quello femminile. La stima dell’età alla morte ha evidenziato una elevata mortalità tra i giovani e gli adulti, mentre è bassa la frequenza degli infanti; solo pochi individui superano i 50 anni; inoltre la distribuzione dell’età alla morte a sessi distinti indica che l’aspettativa di vita delle donne è meno elevata di quella degli uomini.5 Molto interessante è il quadro fornito dai marcatori scheletrici di stress. L’incidenza di entesopatie, marcatori non metrici di stress, traumi e artropatie è risultata discreta. Le condizioni di sofferenza sono confermate anche dalle elevate frequenze di iperostosi porotica e ipoplasia dello smalto dei denti e dalle cattive condizioni del complesso dento-alveolare.6 Dal punto di vista archeologico e antropologico, i dati raccolti suggeriscono l’appartenenza degli individui ad una classe sociale modesta, con un ridotto accesso alle risorse e dedita a lavori usuranti, legati probabilmente ai vicini impianti delle saline romane e ai magazzini localizzati nell’area dell’antico meandro del Tevere.7

4Di particolare interesse si è rivelata l’Area 6, localizzata subito a nord dell’incrocio di via di Castelfusano con la via del Mare: nel paleosuolo pedogenizzato sono state scavate 15 tombe, 12 con copertura a cappuccina, una in enchytrismos (tomba 5), un’altra con copertura di frammenti di anfore (tomba 8) ed una in cassa lignea (tomba 13). Le tombe, scavate nella sabbia, avevano orientamenti diversi ed in alcuni casi risultavano sovrapposte le une alle altre. La semplice modalità di deposizione delle sepolture e la quasi totale assenza di corredi, testimoniano il basso livello socio-economico degli individui sepolti. In relazione alle tombe rinvenute in questa specifica area di scavo, il sesso è stato determinato in 10 casi (7 maschi e 3 femmine); 2 sono gli individui che non hanno raggiunto i 20 anni, mentre tra gli individui adulti nessuno supera i 50 anni; la maggior frequenza di mortalità si attesta tra i 20 e 40 anni. L’individuo di sesso maschile della tomba 12 presentava sulle ossa delle braccia segni che attestano stress legati ad intensa attività fisica.

  • 8 In ambito funerario trova confronti, proprio nel territorio ostiense, in tombe della necropoli pre (...)

5Fra le sepolture scavate nell’Area 6 si distingue la tomba 13: lo scheletro, rimaneggiato, era adagiato all’interno di una cassa lignea, di cui rimane l’impronta e alcuni chiodi, ed è stato riferito ad un individuo di sesso femminile di 40-50 anni con una statura di circa 150 cm. Alcune articolazioni e il rachide mostravano artrosi ed a carico del complesso dento-alveolare si è osservato un lieve riassorbimento alveolare, una perdita in vita ed una carie (fig. 3). Facevano parte del corredo di questa sepoltura uno specchio in bronzo rinvenuto all’altezza del cranio, un balsamario in vetro collocato ai piedi in prossimità dell’angolo est della sepoltura e, presso la mandibola, una moneta di bronzo. Alla tomba faceva riferimento un carapace di tartaruga terrestre, probabilmente fuoriuscito dalla cassa dopo il disfacimento del coperchio8 ed un segnacolo in trachite leucititica che definiva un’area di rispetto non occupata da successive deposizioni.

Fig. 3 – Area 6, tomba 13: l’inumato all’interno dei resti della cassa lignea con lo specchio vicino alla testa e il balsamario vitreo ai piedi; alcune evidenze di artrosi e di problemi dento-alveolari dello scheletro rinvenuto.

Fig. 3 – Area 6, tomba 13: l’inumato all’interno dei resti della cassa lignea con lo specchio vicino alla testa e il balsamario vitreo ai piedi; alcune evidenze di artrosi e di problemi dento-alveolari dello scheletro rinvenuto.

Foto: A. Carbonara, F. Zavaroni.

  • 9 Lo specchio rotondo è costituito da una lega di bronzo e piombo in maggiore quantità; il bordo mod (...)
  • 10 De Tommaso 1990, tipo 72, p. 85.
  • 11 RIC, p. 441, n. 795. Si ringrazia il dott. V. Lemmo per l’informazione ricevuta.
  • 12 Ricci 1985, p. 328, tipo 1/129, tav. LXXXV, 11, p. 328, decorazione 71.

6I pochi reperti datanti rinvenuti nell’Area 6 (tomba 13: lo specchio in bronzo [I-II sec. d.C.],9 il balsamario in vetro [tra età flavia e traianea]10 e il dupondio in bronzo di Adriano della Zecca di Roma [134-138];11 tomba 12: il bicchiere globulare della metà del I sec. d.C.12) riferiscono l’ambito di datazione di questa zona dell’area funeraria tra il I e il II sec. d.C.

Haut de page

Bibliographie

De Tommaso 1990 = G. De Tommaso, Ampullae vitreae. Contenitori in vetro di unguenti e sostanze aromatiche dell’Italia romana. (I sec a.C.-III sec. d.C.), Roma, 1990.

Ferembach – Schwidetzki – Stloukal 1979 = D. Ferembach, I. Schwidetzki, M. Stloukal, Raccomandazioni per la determinazione dell’età e del sesso sullo scheletro, in Rivista di Antropologia, 60, 1979, p. 5-51.

Fornaciari – Giuffra 2009 = G. Fornaciari, V. Giuffra, Lezioni di paleopatologia, Genova, 2009.

Pannuzi 2018 = S. Pannuzi, Viabilità e utilizzo del territorio. Il suburbio sud-orientale di Ostia alla luce dei recenti rinvenimenti archeologici, in M. Cébeillac-Gervasoni, N. Laubry, F. Zevi (a cura di), Ricerche su Ostia e il suo territorio: Atti del Terzo Seminario Ostiense (Roma, École française de Rome, 21-22 ottobre 2015), 2018 (CEF, 553). http://mefrm.revues.org/efr/3753

Pannuzi et al. 2006 = S. Pannuzi, F. Cenciotti, G. Bertolani, A. Moro, M. Tantucci, W.B. Pantano, A. Nava, L. Renò, G. Tartaglia, E. Civitelli, R. Piatti, L. Schifi, Ostia Antica. Indagini archeologiche lungo la via Ostiense (Municipio XIII), in BCAR, 107, 2006, p. 192-216.

Pannuzi et al. 2013 = S. Pannuzi, S. Sbarra, P. Catalano, L. Carboni, Indagini di scavo preventive per cantiere Acea-Illuminazione pubblica nel Parco dei Ravennati-via Gesualdo (Mun. X ex XIII), in BCAR, 114, 2013, p. 384-393.

Pannuzi et al. 2017 = S. Pannuzi, P. Catalano, L. Carboni, R. Mosticone, W.B. Pantano, F. Zavaroni, Analisi archeologica e antropologica delle necropoli di Ostia, in G. Caneva, C.M. Travaglini, C. Virlouvet (a cura di), Roma, Tevere, Litorale: ricerche tra passato e presente, Roma, 2017, p. 119-127.

Pellegrino 1999 = A. Pellegrino, I riti funerari ed il culto dei morti, in Id. (a cura di), Dalle necropoli di Ostia. Riti ed usi funerari, Roma, 1999, p. 7-25.

Pellegrino – Carbonara – Zaccagnini 1999 = A. Pellegrino, A. Carbonara, R. Zaccagnini, Necropoli e territorio di Pianabella, in A. Pellegrino (a cura di), Dalle necropoli di Ostia. Riti ed usi funerari, Roma, 1999, p. 72-105.

RIC = Roman Imperial Coinage, II, Londra, 1926.

Ricci 1985 = A. Ricci, Ceramica a pareti sottili, in Enciclopedia dell’arte antica, II, Roma, 1985, p. 231-356.

Spadoni 2003 = D. Spadoni, Gli specchi romani, in Aspetti di vita quotidiana dalle necropoli della via Latina. Località Osteria del Curato, Roma, 2003, p. 111-117.

Haut de page

Notes

1 Pannuzi 2018, p. 3-12, con bibliografia.

2 Cfr. in ultimo Pannuzi et al. 2017.

3 Pannuzi et al. 2006, p. 208-209; Pannuzi et al. 2013.

4 Lo scavo nelle sabbie effettuato in età romana per sistemare le sepolture dovette alterare i livelli stratigrafici dell’epoca, portando più in superficie reperti ceramici coerenti con epoche molto più antiche. Si sono infatti rinvenuti nel contesto necropolare scavato nell’Area 7 frammenti ceramici attribuibili all’età eneolitica (in corso di studio da parte di C. Persiani).

5 Ferembach – Schwidetzki – Stloukal 1979.

6 Fornaciari – Giuffra 2009.

7 Pannuzi 2018.

8 In ambito funerario trova confronti, proprio nel territorio ostiense, in tombe della necropoli presso la basilica di Pianabella (edificio 6A, sepolture 1 e 7) e, a poca distanza, in sepolture nella necropoli della via Ostiense ad Acilia (edificio 5, sepolture 3 e 4 (Pellegrino 1999, p. 22; Pellegrino – Carbonara – Zaccagnini 1999, p. 92, fig. 21), mentre, in contesti più distanti, in località Casal Lumbroso (si ringrazia per l’informazione la dott.ssa G. Gatti). Nell’antichità questo animale, a cui si attribuivano proprietà salutari e positive, era sacro ad Hermes, divinità psicopompa.

9 Lo specchio rotondo è costituito da una lega di bronzo e piombo in maggiore quantità; il bordo modanato ha sulla sommità un forellino passante, forse di sospensione. Non si sono riscontrate tracce di un manico. La presenza di un frammento ligneo a contatto con una delle facce dello specchio lascia ipotizzare che fosse inserito in una custodia (cfr. Spadoni 2003, p. 113, n. 92).

10 De Tommaso 1990, tipo 72, p. 85.

11 RIC, p. 441, n. 795. Si ringrazia il dott. V. Lemmo per l’informazione ricevuta.

12 Ricci 1985, p. 328, tipo 1/129, tav. LXXXV, 11, p. 328, decorazione 71.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 – A: Localizzazione delle Aree di scavo 7 e 10; B: inumazione in sarcofago ligneo calcarizzato; C: planimetria dell’area di scavo con individuazione dell’inumazione con sarcofago calcarizzato; D: livelli geologici individuati nell’Area 7; E: concrezioni di carbonato di calcio.
Crédits C. dis. G. Luglio; D. elaborazione C. Rosa.
Titre Fig. 2 – Le aree di scavo archeologico nn. 5, 6 e 7, con la direzione dei piccoli canali di bonifica: A. localizzazione delle aree di scavo 5, 6 e 7; B-D: direzione dei piccoli canali di bonifica all’interno delle aree funerarie rinvenute nelle tre aree di scavo.
Crédits Dis. G. Luglio con elaborazione di C. Rosa.
Titre Fig. 3 – Area 6, tomba 13: l’inumato all’interno dei resti della cassa lignea con lo specchio vicino alla testa e il balsamario vitreo ai piedi; alcune evidenze di artrosi e di problemi dento-alveolari dello scheletro rinvenuto.
Crédits Foto: A. Carbonara, F. Zavaroni.
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Simona Pannuzi, Andrea Carbonara, Paola Catalano, Romina Mosticone, Walter B. Pantano, Carlo Persiani, Carlo Rosa et Federica Zavaroni, « Recenti indagini archeologiche nell’area dello svincolo stradale di Ostia Antica sulla via del Mare », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité, 130-2 | -1, 303-307.

Référence électronique

Simona Pannuzi, Andrea Carbonara, Paola Catalano, Romina Mosticone, Walter B. Pantano, Carlo Persiani, Carlo Rosa et Federica Zavaroni, « Recenti indagini archeologiche nell’area dello svincolo stradale di Ostia Antica sulla via del Mare », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 130-2 | 2018, mis en ligne le 03 septembre 2019, consulté le 18 septembre 2019. URL : http://journals.openedition.org/mefra/5717 ; DOI : 10.4000/mefra.5717

Haut de page

Auteurs

Simona Pannuzi

MIBAC, Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro, simona.pannuzi@beniculturali.it

Articles du même auteur

Andrea Carbonara

Collaboratore Parco Archeologico di Ostia Antica, andreacarbonara@tiscali.it

Articles du même auteur

Paola Catalano

MIBAC, Soprintendenza Speciale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Roma, paola.catalano@beniculturali.it

Articles du même auteur

Romina Mosticone

Collaboratrice SSBAP, romina_mosticone@yahoo.it

Walter B. Pantano

Collaboratrice SSBAP, walterbpantano@libero.it

Carlo Persiani

Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, carlo.persiani@comune.roma.it

Carlo Rosa

Istituto Italiano di Paleontologia Umana; SIGEA, carlorosa62@gmail.com

Articles du même auteur

Federica Zavaroni

Collaboratrice SSBAP, kikazav@yahoo.it

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals