Navigation – Plan du site
Studi ostiensi. Quarto seminario
Il territorio della colonia di Ostia alla luce di nuove indagini

Indagini archeologiche tra il Canale Trasverso e l’Episcopio. Osservazioni preliminari sulle fasi post-classiche di Porto

Cristian D’Ammassa, Antonio Manna et Renato Sebastiani
p. 321-324

Résumés

Nel seguente contributo sono riportati sinteticamente i risultati delle indagini archeologiche preventive effettuate tra il 2015 e il 2016 su di un’area sita in Via Portuense nelle immediate vicinanze dell’Episcopio. Nonostante l’esiguità dell’area indagata e la parzialità dei risultati ad oggi raggiunti, è stato tuttavia possibile tracciare alcune delle caratteristiche peculiari delle stratificazioni che contraddistinsero quest’area della Civitas Flavia Costantiniana Portuensis tra tardo antico e alto medioevo. Un primo intervento di ristrutturazione dei magazzini di età imperiale è documentato dal ripristino dei setti murari in opera reticolata e laterizia, mediante la realizzazione di una maglia coerente di vani realizzati in opera listata che talvolta inglobano quelli della fase precedente. Le stratigrafie individuate in alcuni degli ambienti indagati hanno restituito al loro interno livelli di frequentazione compresi tra il IV e l’VIII secolo d.C. con una evidente continuità durante gli anni delle guerre Greco Gotiche.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 Nel periodo compreso tra ottobre e novembre 2015 è stato effettuato un primo saggio sul versante n (...)
  • 2 Keay et al. 2005, p. 296: «So far the results suggest that the area between the south of the Hexag (...)

1Su di un’area interclusa dalla Via Portuense, dalla Fossa Traiana, dal cd. Canale Trasverso e dall’Episcopio, sono tuttora in corso delle indagini archeologiche condotte sotto la direzione scientifica del Parco Archeologico di Ostia Antica (fig. 1a-b). L’esiguità dell’area indagata finora1 consente ad oggi di presentare soltanto una rapida disamina delle evidenze di maggior rilievo rinvenute in situ. Il complesso delle strutture messe in luce, considerandone l’orientamento, la tipologia dell’impianto planimetrico e le tecniche costruttive adottate, suggerisce confronti puntuali con i magazzini annonari edificati intorno al bacino traianeo. Le stratigrafie al momento indagate si inseriscono in un quadro diacronico piuttosto ampio, restituendo un orizzonte cronologico compreso tra la media età imperiale e l’alto medioevo, periodo in cui risalta una continuità di vita ben documentabile a partire dal V secolo d.C. fino al IX secolo d.C.2 In attesa della prosecuzione delle ricerche, si è deciso di suddividere le evidenze rinvenute in macro-periodi, distinguendole sulla base di una prima analisi stratigrafica delle unità murarie, nonché del materiale diagnostico recuperato.

Periodo 1 (II secolo d.C.)

2A questa fase afferiscono alcune murature in opera reticolata con ricorsi di laterizi che sembrano rifarsi al modello dei magazzini traianei, così come delle strutture in opus testaceum rinvenute nel saggio nord caratterizzate da archi di scarico in laterizio sulle quali si innestano setti murari in opera reticolata (fig. 1c), volti a delimitare delle celle di più modeste dimensioni aventi doppio ingresso sul versante est ed ovest.

Periodo 2 (III-IV secolo d.C.)

  • 3 Molti di questi mattoni presentano bolli circolari concentrici risalenti verosimilmente all’età se (...)
  • 4 La presenza di opus sectile policromo e la cronologia relativa assegnata al contesto rimanderebber (...)

3Presso il versante sud si individuano interventi di consolidamento dei suddetti ambienti i quali consistono in murature in opera listata realizzate con mattoni di reimpiego3 alternati a ricorsi di bozze in tufo lionato, alcune porzioni delle stesse presentano il riuso di cubilia disposti orizzontalmente. Durante lo scavo dell’ambiente α, si è messo in luce ciò che rimaneva dello strato di preparazione del piano pavimentale, sul quale si conservava un frammento di opus sectile4 policromo con motivo a losanghe, facente parte quasi certamente della decorazione originaria. Lungo le mura dell’ambiente una serie di fori posti ad un’altezza di circa due metri, sostenevano verosimilmente un solaio ligneo.

Periodo 3 (fine IV-inizi V secolo d.C.)

  • 5 Hayes 1972, p. 28, Palm-Branches.
  • 6 Isings 1957, Form 118.
  • 7 Il materiale ceramico è in fase di studio in attesa della ripresa delle indagini sul campo. Si rin (...)

4Al di sopra della rasatura della pavimentazione dell’ambiente α, viene steso un battuto sul quale è stato rinvenuto un accumulo volontario di materiale osteologico e vitreo. Le ossa risultano pertinenti ad un bovide mentre tra i materiali diagnostici si segnala un fondo impresso di una forma non identificata in sigillata africana D con decorazione a cerchi concentrici e palmette riconducibile al Tipo Aii,5 due esemplari di coppa con orlo tubolare Isings 118,6 un orlo di bottiglia/fiasca con orlo ribattuto e altre forme che rimandano ad un panorama di fine IV-inizi V secolo d.C. fornendo il terminus ante quem per la realizzazione di tale ambiente.7

Periodo 4 (VI secolo d.C.)

  • 8 Si tratta di due modesti ambienti realizzati recuperando gli elementi in muratura del Periodo 1 e (...)
  • 9 Si ringrazia Rodolfo Di Lucia per lo studio preliminare dei coni.
  • 10 Hayes 1972, Form 90 B.

5Anche presso il saggio nord, all’interno dei vani A e B8 si procede con la stesura di un piano in battuto al momento indagato solo per quanto concerne il vano A. Sono stati recuperati numerosi nummi, due decanummi di Giustiniano I e un peso monetale bizantino, che suggeriscono una cronologia di pieno VI secolo d.C. La porzione rinvenuta nel vano B definisce invece un piano scosceso recuperando un ambiente interrato coperto da una volta a botte in cementizio (fig. 1d). Lungo il versante est del saggio nord, all’interno di una nicchia in muratura ricavata nello scolo di un fognolo posto al di sotto di una pavimentazione in bipedali (fig. 2a), è stato rinvenuto un tesoretto di sessantanove monete in pessimo stato di conservazione. L’unica leggibile reca l’effigie di Valentiniano II.9 Tra il materiale rinvenuto nell’interro della condotta, sono state identificate parti di anfore cilindriche «di grandi dimensioni», spathia, e un orlo di piatto Hayes 90B,10 che consentirebbe di collocare il contesto alla metà del VI secolo.

Fig. 1 – Inquadramento topografico-territoriale del sito e panoramica di due ambienti rinvenuti: a. posizionamento topografico delle preesistenze archeologiche rinvenute; b. stralcio della Carta Tecnica Regionale – versione 2002 con individuazione dell’area di intervento; c. saggio nord, muratura in opus testaceum con archi di scarico; d. saggio nord – vano B, particolare del battuto.

Fig. 1 – Inquadramento topografico-territoriale del sito e panoramica di due ambienti rinvenuti: a. posizionamento topografico delle preesistenze archeologiche rinvenute; b. stralcio della Carta Tecnica Regionale – versione 2002 con individuazione dell’area di intervento; c. saggio nord, muratura in opus testaceum con archi di scarico; d. saggio nord – vano B, particolare del battuto.

Rilievo, foto ed elaborazione grafica: C. D’Ammassa.

Periodo 5 (post V secolo d.C.)

  • 11 Coccia – Paroli 1993; per quanto concerne la Domus Terrinea è stata attribuita una cronologia di V (...)

6All’interno dell’ambiente α avviene la tamponatura dell’ingresso mediante la realizzazione di un muro in tufelli e marcapiani in laterizi (fig. 2b). Al di sopra del piano di calpestio precedentemente descritto, è stato messo in luce un terreno battuto a matrice argillosa, sul quale è visibile una lente circolare in carbone. L’ulteriore presenza di cenere sparsa e di alcuni frammenti di tegole consentirebbe di interpretarlo come focolare. Si rileva anche in questo caso la cospicua presenza di materiale numismatico di piccolo taglio, difficilmente identificabile a causa delle pessime condizioni di conservazione. In attesa di una corretta scansione temporale del contesto, si propone una cronologia posteriore al pieno V secolo d.C., e presumibilmente accostabile a livello macroscopico, alla cosiddetta Domus Terrinea rinvenuta nell’area retrostante la Basilica Portuense.11 Tuttavia considerando l’esiguità dei dati ad oggi ottenuti, non si può affermare con certezza che vi sia una relazione tra i due contesti, sebbene l’affinità delle evidenze archeologiche e la prossimità topografica dei rinvenimenti, consentono un confronto strutturale puntuale, soprattutto se si tiene conto di quanto osservato nel periodo seguente.

Periodo 6 (VIII-IX secolo d.C.)

7Nel saggio nord, sul tetto degli interri che avevano progressivamente riempito gli ambienti dei magazzini di età imperiale, è stato portato alla luce un piano battuto (fig. 2c). Quest’ultimo presentava, a ridosso degli ingressi dei vani già tamponati nelle fasi precedenti, degli stipiti ricavati da materiale di reimpiego e dotati di fori per l’incasso dei cardini. Durante lo scavo della Trincea 3, sono state rinvenute altre porzioni di battuto altomedievale avente le medesime caratteristiche di quello sopra descritto. La cesura di questa fase è fornita da un battuto bassomedievale che sigilla la stratigrafia sottostante. Tra il materiale rinvenuto negli strati di obliterazione del battuto, si segnalano frammenti di epigrafe altomedievale (fig. 2d), ceramica comune pettinata e ceramica invetriata, quest’ultima attribuirebbe una cronologia pienamente altomedievale ai resti descritti, confermando la presenza di un piccolo agglomerato di abitazioni nelle immediate vicinanze dell’Episcopio Portuense.

Fig. 2 – Ambienti e materiale recuperato in fase di scavo: a. saggio Nord, particolare del condotto con nicchia; b. ambiente α, particolare dell’obliterazione dell’ingresso; c. saggio nord, particolare del battuto altomedievale; d. frammento di epigrafe altomedievale.

Fig. 2 – Ambienti e materiale recuperato in fase di scavo: a. saggio Nord, particolare del condotto con nicchia; b. ambiente α, particolare dell’obliterazione dell’ingresso; c. saggio nord, particolare del battuto altomedievale; d. frammento di epigrafe altomedievale.

Foto C. D’Ammassa.

Haut de page

Bibliographie

Coccia 2001 = S. Coccia, Il recinto fortificato dell'episcopio di Porto come epilogo di una crisi urbana, in S. Cancellieri (a cura di), L’episcopio di Porto presso Fiumicino. Metodo e prassi nel restauro architettonico, Roma, 2001, p. 15-34.

Coccia – Paroli 1993 = S. Coccia, L. Paroli, Indagini preliminari sui depositi archeologici della città di Porto, in Archeologia laziale, XI, 1993, p. 175-180.

Hayes 1972 = J.W. Hayes, Late Roman pottery, Roma, 1972.

Isings 1957 = C. Isings, Roman glass from dated finds, Groningen-Djakarta, 1957.

Keay et al. 2005 = S. Keay, M. Millett, L. Paroli, K. Strutt, Portus Romae: an archaeological survey of the port of imperial Rome, Roma, 2005 (The British School at Rome, archaeological monographs, 15).

Maiorano – Paroli 2013 = M. Maiorano, L. Paroli, La stratigrafia della Basilica Portuense, in Id. (a cura di), La Basilica Portuense. Scavi 1991-2007, Borgo S. Lorenzo, 2013, p. 9-217.

Scazzocchio 2013 = E. Scazzocchio, I Bolli Laterizi, in M. Maiorano, L. Paroli (a cura di), La Basilica Portuense. Scavi 1991-2007, Borgo S. Lorenzo, 2013, p. 559-584.

Haut de page

Notes

1 Nel periodo compreso tra ottobre e novembre 2015 è stato effettuato un primo saggio sul versante nord in aderenza al tracciato moderno di Via Portuense, nell’estate del 2016 si è proceduto invece con l’apertura di due trincee (Tr. 1 e 3) posizionate lungo entrambi i confini nord-sud dell’area di indagine e di un saggio lungo l’estremo versante sud.

2 Keay et al. 2005, p. 296: «So far the results suggest that the area between the south of the Hexagon and the Fossa Traiana exhibited the greatest degree of continuity into the late antique period and the early medieval periods.»

3 Molti di questi mattoni presentano bolli circolari concentrici risalenti verosimilmente all’età severiana; per un approfondimento cfr. Scazzocchio 2013.

4 La presenza di opus sectile policromo e la cronologia relativa assegnata al contesto rimanderebbero a quanto già osservato presso la Basilica Portuense dove nel Periodo 2, un progetto più amplio sembrava prevedere l’inclusione dell’aula della Basilica ad un corpo di fabbrica più vasto, cfr. Maiorano – Paroli 2013, p. 55-57.

5 Hayes 1972, p. 28, Palm-Branches.

6 Isings 1957, Form 118.

7 Il materiale ceramico è in fase di studio in attesa della ripresa delle indagini sul campo. Si ringrazia Barbara Lepri per la preliminare analisi del materiale vitreo. Lo stampo impresso sul fondo del vaso in sigillata africana D sembra rifarsi ad una tipologia diffusa dalla metà del IV secolo d.C.

8 Si tratta di due modesti ambienti realizzati recuperando gli elementi in muratura del Periodo 1 e tamponando la soglia dell’ingresso con un muro in tufelli legati da malta povera.

9 Si ringrazia Rodolfo Di Lucia per lo studio preliminare dei coni.

10 Hayes 1972, Form 90 B.

11 Coccia – Paroli 1993; per quanto concerne la Domus Terrinea è stata attribuita una cronologia di VIII-IX secolo d.C. Per una disamina generale delle fasi postclassiche nell’area dell’Episcopio cfr. anche Coccia 2001.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 – Inquadramento topografico-territoriale del sito e panoramica di due ambienti rinvenuti: a. posizionamento topografico delle preesistenze archeologiche rinvenute; b. stralcio della Carta Tecnica Regionale – versione 2002 con individuazione dell’area di intervento; c. saggio nord, muratura in opus testaceum con archi di scarico; d. saggio nord – vano B, particolare del battuto.
Crédits Rilievo, foto ed elaborazione grafica: C. D’Ammassa.
Titre Fig. 2 – Ambienti e materiale recuperato in fase di scavo: a. saggio Nord, particolare del condotto con nicchia; b. ambiente α, particolare dell’obliterazione dell’ingresso; c. saggio nord, particolare del battuto altomedievale; d. frammento di epigrafe altomedievale.
Crédits Foto C. D’Ammassa.
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Cristian D’Ammassa, Antonio Manna et Renato Sebastiani, « Indagini archeologiche tra il Canale Trasverso e l’Episcopio. Osservazioni preliminari sulle fasi post-classiche di Porto », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité, 130-2 | -1, 321-324.

Référence électronique

Cristian D’Ammassa, Antonio Manna et Renato Sebastiani, « Indagini archeologiche tra il Canale Trasverso e l’Episcopio. Osservazioni preliminari sulle fasi post-classiche di Porto », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 130-2 | 2018, mis en ligne le 03 septembre 2019, consulté le 18 septembre 2019. URL : http://journals.openedition.org/mefra/5847 ; DOI : 10.4000/mefra.5847

Haut de page

Auteurs

Cristian D’Ammassa

Escuela de Doctorado in Investigación histórica y patrimonial, Universidad de Huelva, crisdam@hotmail.it

Articles du même auteur

Antonio Manna

Archeologo libero professionista, amthomaspaine@gmail.com

Articles du même auteur

Renato Sebastiani

Funzionario Archeologo, Soprintendenza Speciale Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Roma/Parco Archeologico di Ostia Antica, renato.sebastiani@beniculturali.it

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals