Navigation – Plan du site
Studi ostiensi. Quarto seminario
Il territorio della colonia di Ostia alla luce di nuove indagini

Sistematizzazione dei dati archeologici nel suburbio ostiense tra la valle di Malafede e i lembi dello Stagno

Anna Buccellato, Fulvio Coletti et Emanuele Giannini
p. 315-320

Résumés

L’articolo riconnette il tessuto archeologico di tre distretti del suburbio, bassa Valle di Malafede, Casal Palocco e Infernetto, attraverso la contestualizzazione dei dati noti con le acquisizioni recenti, con particolare attenzione alle dinamiche di interazione tra popolamento e caratteristiche geotecniche dei suoli. Per la Valle di Malafede viene tracciata una sintesi evolutiva del sistema insediativo, ed analizzato il ruolo chiave che da sempre riveste come cerniera tra l’urbe e la colonia ostiense, sia per lo sviluppo di grandi ville di proprietà dell’élite cittadina, sia per lo sviluppo di reti di infrastrutture idriche. In merito al settore di Casal Palocco viene analizzata la correlazione tra le evidenze archeologiche e le caratteristiche geomorfologiche del territorio. Nel quadrante di Infernetto vengono invece presentate le novità sullo sfruttamento antropico della fascia estrema sud occidentale dello stagno ostiense, dove sembra confermata l’ipotesi della presenza di aree di stazionamento di animali destinati agli spettacoli quali venationes.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 Questo contributo si pone come obbiettivo una riconnessione dei dati archeologici noti, tra di lor (...)
  • 2 Per il significato politico e geografico della cesura rappresentata dal fosso di Malafede si veda (...)
  • 3 Corrispondente al asse via Pontina-via Pratica di Mare: Buccellato 2005.
  • 4 Il primo è ricordato dal Lanciani (Tavoletta, Ponte Galera, appunti manoscritti), il secondo è per (...)
  • 5 Identificata con Villa Magna all’interno della tenuta presidenziale di Castel Porziano; in realtà (...)
  • 6 L’ipotesi verosimile avanzata da Schiavone (Schiavone 1998, p. 167-168) trova la corrispondenza mi (...)

1Il territorio in esame1 comprende tre distretti del suburbio romano (fig. 1). Il primo coincide con la valle di Malafede,2 che ha una connotazione storico-geografica, mentre gli altri corrispondono ai quartieri moderni di Casal Palocco e Infernetto. La rete viaria è costituita dagli assi di comunicazione tra la città e la costa, l’Ostiense e la Laurentina antica,3 e dai percorsi che raccordano con quest’ultima e con la via Severiana l’arteria corrispondente all’attuale via di Malafede.4 Anche tale direttrice, infatti, ricalca un percorso antico, diverticolo dell’Ostiense verso gli insediamenti costieri, utilizzato ininterrottamente da età arcaica al tardo impero, la cui qualificazione storico-sacrale viene conferita dalla probabile corrispondenza con i tracciati noti dalle fonti: il primo citato da Plinio per raggiungere la sua villa,5 il secondo citato da Festo come cammino per l’ager Solonius,6 territorio di una delle tribù romulee, sito del santuario di Pomona, legato a figure mitiche, quali Acca Larenzia, ed agli eventi della guerra civile.

Fig. 1 – Carta dei siti archeologici del Suburbio Ostiense.

Fig. 1 – Carta dei siti archeologici del Suburbio Ostiense.

Base Cartografica: Carta Tecnica Regionale del Lazio. Elaborazione: E. Giannini per conto della Soprintendenza Speciale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Roma.

Malafede

2L’ampia vallata di erosione di tale fosso, in alcuni punti estesa per più di un chilometro di larghezza, costituisce una delimitazione geomorfologica ed ambientale dell’antico territorio urbano, che determina i modi di sfruttamento del territorio: a nord pianori tufacei solcati da una serie di fossi, naturali vie di transito, favorevoli allo sfruttamento rurale, a sud terreni sabbioso-alluvionali desinenti in vere dune, causa di progressiva rarefazione degli insediamenti in direzione del mare.

Fig. 2 – Planimetria della cassa di colmata d’Ostia (1887, particolare) tavola 5 in scala 1:25.000.

Fig. 2 – Planimetria della cassa di colmata d’Ostia (1887, particolare) tavola 5 in scala 1:25.000.

Tratta da: G. Santarelli, Le bonifiche di Ostia e Maccarese, Roma – Archivio Storico Capitolino.

  • 7 Relazioni provvedimenti DD.MM. 22.6.91 e 30.6.97.
  • 8 In tal senso rivestono particolare interesse le testimonianze individuate all’interno della Tenuta (...)

3Nei comparti afferenti il segmento finale dell’asta, la sequenza insediativa registra tappe significative dal paleolitico medio attraverso l’eneolitico, documentando senza soluzione di continuità la presenza di comunità di cacciatori-raccoglitori,7 fino all’ età protostorica, in cui si definisce il ruolo di cerniera tra gli abitati di Decima-Politorium e Monte Cugno-Ficana.8

  • 9 Scavo 1998 – Archivio SBAO. La struttura doveva presentare alzato in intelaiatura lignea su zoccol (...)

4Le testimonianze di epoca romana riflettono i modi e i tempi del popolamento dell’agro ostiense; precedute da strutture di sfruttamento agricolo della fase repubblicana, come quella documentata in località Giardini di Roma,9 le ville rustiche, genericamente inquadrabili tra fine repubblica ed inizio impero, vengono nei secoli successivi riassorbite in complessi più sontuosi di proprietà di personaggi di grande rilievo. In tal senso si possono interpretare gli impianti localizzati all’interno del Camping Fabulous, lungo via di Malafede in corrispondenza del vecchio ingresso della Tenuta Presidenziale, e la residenza prospiciente il X miglio dell’antica via Ostiense, attribuita a Fabio Cilone, prefetto dell’Urbe di età Severiana.

  • 10 La struttura sorge sulla sommità di un piccolo dosso a 40 m s.l.m.
  • 11 Pellegrino 1988.

5Dell’edificio attribuito dal Lanciani alla proprietà di Cilone,10 sono state esposte, negli anni ‘80 del secolo scorso, un criptoportico e parti di ambienti pavimentati a mosaico bianco e nero a motivi geometrici.11

6Della villa interna al camping Fabulous, scoperta agli inizi del ‘900, invece è visibile una buona porzione del complesso abitativo (ca. 2600 mq) nel quale si sono riconosciuti diversi corpi di fabbrica, che ne connotano il luxus: chiaramente riconoscibile il settore produttivo, mentre più sfuggente risulta la lettura della parte privata.

  • 12 Frigidaria delle pubbliche Terme di Nettuno e del Buticoso.
  • 13 La villa, detta anche di Plinio, si trova all’interno della tenuta di Castel Fusano.

7Nel settore relativo al balneum privato la decorazione del frigidarium con scene marine e in particolare Nettuno su quadriga di ippocampi circondato da Nereidi, stilisticamente inquadrabile all’età antonina, trova confronti puntuali con rivestimenti ostiensi,12 nonché con quelli della villa della Palombara,13 dimostrando la presenza di maestranze itineranti che contemporaneamente lavoravano nell’area servendo committenti di alto livello e fornendo con i loro cartoni modelli ripetuti con poche varianti tipologiche.

8Connotano la funzione strategica della valle di Malafede anche le strutture di captazione e sfruttamento idrico che si inseriscono nel complesso sistema di approvvigionamento ostiense, con diramazioni a servizio delle ville.

  • 14 Bedello Tata et al. 2006.
  • 15 Dal punto di vista cronologico una struttura è inquadrabile nei primi decenni del II sec. d.C. men (...)
  • 16 Tella 2006. La struttura venne probabilmente già vista ad inizio XX secolo dal Gatti.
  • 17 Pellegrino et al. 2006.

9Gli acquedotti in loc. Casale Infermeria,14 cronologicamente riferibili alla piena età imperiale, corrono affiancati in senso parallelo al fosso di Malafede, con pendenza verso nord-ovest per una lunghezza di ca 170 m, per poi deviare verso la villa di Fabio Cilone e l’Ostiense.15 Paralleli e prossimi alla via, invece, sono stati individuati altri segmenti di condotti, il primo lungo m 55, anch’esso con un lungo periodo di uso che si dipana per l’età imperiale, negli immediati paraggi del Casale di Malafede,16 ed il secondo di ca 26 m, correlabile, all’altezza del km 15,800.17

  • 18 Lauro 1998, p. 70.
  • 19 Presso il 14 Km della moderna via Laurentina.
  • 20 Archivio SSABAP. Scavi cimitero laurentino.

10Le ipotesi avanzate18 circa l’approvvigionamento degli acquedotti sia di Casale Infermeria sia dell’acquedotto laurentino, dalle acque del fosso di Malafede o suoi tributari, è confermata dallo studio delle infrastrutture idrauliche rinvenute nell’alto bacino imbrifero: brevi tratti di acquedotto lungo il tributario fosso della Perna e in particolare il sistema di approvvigionamento della vasca monumentale esposta nell’area della tenuta della Mandriola,19 che a pieno regime poteva contenere 829 metri cubi di acqua, che venivano raccolti attraverso un sistema di chiuse impostato su traverse che sbarravano e deviavano il flusso torrentizio all’interno di un lungo cunicolo e di lì alla grande vasca.20

Palocco

11In località Madonnetta, corrispondente all’ultimo terrazzo fluviale che digrada verso la piana di Casal Palocco, lo sviluppo dell’insediamento antropico si è concentrato sulle sommità e lungo i declivi, con una necropoli ed un impianto termale.

  • 21 Scavo 2011. Archivio SBAO.
  • 22 Archivio SSABAP.
  • 23 Pellegrino 1999.

12L’area necropolare21 è costituita da 23 sepolture scavate nello strato sterile sabbioso, talora con pareti foderate da murature in pietrame e tegole e copertura in piani realizzati con scampoli di tufo e frammenti laterizi, secondo una tipologia attestata sia nel suburbio sud-occidentale in località vallerano,22 sia nel territorio ostiense,23 in un periodo cronologico compreso tra tardo primo I sec. d.C. e pieno II sec. d.C.

  • 24 Archivio SBAO.

13Il complesso termale a carattere privato, invece, è connotato da una serie di piccoli ambienti in laterizio a pianta quadrangolare e semicircolare scoperto nel 1971 ed attualmente interrato.24

14Infine, la linea di salto di quota ricalcata dalla moderna via di Acilia conduce all’area sub-pianeggiante della tenuta di Palocco che, caratterizzata da ambiente deposizionale di tipo alluvionale di depositi fluvio-lacustri recenti, con caratteristiche geotecniche argillose scadenti, non ha restituito a tutt’oggi indizi di sfruttamento sistematico del suolo.

Infernetto

15Scendendo al mare, nella zona oggi occupata dal quartiere Infernetto, la facies alluvionale digrada al di sotto delle unità delle dune alle spalle della linea di costa, in antico più interna rispetto all’attuale: registriamo quindi lenti riconducibili a sabbie e ghiaie con occasionali torbe in un assetto deposizionale con caratteri ambientali, sostanzialmente simili alla fascia costiera, che non favorivano uno sfruttamento rurale intensivo o comunque paritario alle potenzialità espresse da altri settori della campagna suburbana.

16Riveste particolare interesse la zona occidentale, che si colloca all’interno dello stagno ostiense, precisamente nell’estremità sud-ovest del sedime trapezoidale assunto dallo specchio d’acqua a seguito delle attività di bonifica ed irreggimentazione ottocentesche (fig. 2).

  • 25 De Angelis D’Ossat 1938 e archivio SBAO nominante i floralia di epoca domizianea.

17L’ipotesi dell’esistenza all’interno dello stagno di un’area di stazionamento degli animali esotici destinati ai giochi circensi o cortei trionfali, avanzata sulla base del rinvenimento di un’iscrizione di epoca domizianea (ad oggi ancora inedita) con indicazione di alcuni giorni di Maggio e l’elenco delle divinità venerate, e di reperti osteologici di elefas di specie africana e indiana, recuperati nel secolo XX25, ha trovato conferma nei recenti dati archeologici sostenuti da indagini specialistiche.

18Nel corso di indagini archeologiche propedeutiche ad attività edilizia, la stratigrafia di un sedimento di argilla con forte presenza organica individuata sul livello antropico, ha consentito l’ipotesi dell’esistenza di un ambiente palustre sul fondo del quale si siano depositati i reperti rinvenuti di ossa di mammiferi di grande taglia, tra le quali due zanne di cinghiale o maiale selvatico, senza segni di taglio o macellazione (fig. 3). Dall’osservazione dei reperti si può notare una variegata composizione faunistica, caratterizzata anche dalla presenza di elementi esotici, come l’elefante, il rinoceronte, una probabile gazzella e un felino panterino, e forme proprie della composizione faunistica degli spettacoli dell’antica Roma, in particolare delle venationes.

Fig. 3 – Scavo Via Grabher 2014: 1. ossa di grandi mammiferi; 2. sequenza stratigrafica; 3. anfora a fondo piatto con asse neroniano.

Fig. 3 – Scavo Via Grabher 2014: 1. ossa di grandi mammiferi; 2. sequenza stratigrafica; 3. anfora a fondo piatto con asse neroniano.

Foto Archivio Soprintendenza Speciale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Roma.

  • 26 Anfora di produzione siciliana del tipo Ostia II, 522-523.
  • 27 Polyb., 3, 88.

19Il rinvenimento di un’anfora vinaria a fondo piatto,26 di epoca tiberiano-antonina, associata ad un asse neroniano, ci ricorda suggestivamente il racconto delle fonti che cita la pratica di lavare gli animali con il vino vecchio con forte concentrazione di aceto per liberarli dai parassiti.27

20A questo tipo di sfruttamento economico del territorio appaiono correlabili gli altri ritrovamenti della zona: lungo il bordo orientale dello stagno, presso l’odierna via Calcaterra, un complesso residenziale e produttivo, luogo di rinvenimento dell’iscrizione citata, esteso per almeno 400 mq, impiantato alla fine della repubblica e vissuto per tutta l’epoca imperiale, a cui conduceva un tratto di viabilità realizzato con materiale ceramico, forse parte di un sistema di bonifica dei terreni paludosi prossimi allo stagno.

Haut de page

Bibliographie

Bedello Tata et al. 2006 = M. Bedello Tata, S. Falzone, S. Fogagnolo, P. Olivanti, Gli acquedotti della Valle di Malafede (Località Casale Infermeria), in MEFRA, 118-2, 2006, p. 476-482.

Buccellato 2005 = A. Buccellato, Laurentina, Via, s.v., in A. La Regina (a cura di), Lexicon topographicum Urbis Romae, Suburbium, III, G-L, Roma, 2005, p. 213-227.

Coarelli 2008 = F. Coarelli, Solinius, Solonius Ager, in A. La Regina (a cura di), Lexicon topographicum Urbis Romae, Suburbium, V, R-Z, Roma, 2008, p. 96.

De Angelis D’Ossat 1938 = G. De Angelis D’Ossat, Scoperta di un elefante fossile a Castel Fusano (Ostia), in Urbe, 5, 1938, p. 2-4.

Fisher-Hansen 1990 = T. Fisher-Hansen, Commento alle fonti letterarie, in T. Fisher-Hansen, Scavi di Ficana. Volume I. Topografia Generale, Roma, 1990, p. 35-38.

Fogagnolo 2006 = S. Fogagnolo, Ostiensis, Via, s.v., in A. La Regina (a cura di), Lexicon topographicum Urbis Romae, Suburbium, IV, M-Q, Roma, 2006, p. 135-148.

Gregori – Buccellato 2005 = G.L. Gregori, A. Buccellato, I 5000 piedi di un nuovo curator viarum di età repubblicana ed il percorso dell’antica via Laurentina, in Epigrafia e Antichità, 25, 2005, p. 353-371.

Lauro 1998 = M.G. Lauro, L’area archeologica di Tor Paterno. Campagne di scavo 1987-1991, in M.G. Lauro (a cura di), Castelporziano III. Campagne di scavo 1987-1991, Roma, 1998, p. 63-105.

Nibby 1829 = A. Nibby, Viaggio antiquario ad Ostia, Roma, 1829.

Pellegrino 1988 = A. Pellegrino, Ville rustiche, fattorie ed altri monumenti di età romana nel territorio di Acilia: un problema di musealizzazione ed integrazione con il territorio, in I siti archeologici. Un problema di musealizzazione all’aperto, Roma, 1988, p. 31-40.

Pellegrino 1999 = A. Pellegrino, L’insediamento rustico di Fralana, in A. Pellegrino, Dalle necropoli di Ostia. Riti ed usi funerari, Roma, 1999, p. 8-9.

Pellegrino 2004 = A. Pellegrino, Il territorio ostiense nella tarda età repubblicana, in Ostia, Cicero, Gamala, 2004, p. 33-46.

Pellegrino et al. 2006 = A. Pellegrino, M.C. Ricci, V. Romoli, Tratto di Acquedotto rinvenuto lungo la via del Mare. Nota Preliminare, in MEFRA, 118-2, 2006, p. 486-488.

Pisani Sartorio – Quilici Gigli 1985 = G. Pisani Sartorio, S. Quilici Gigli, Trovamenti arcaici nel territorio laurentino: annotazioni di topografia e prospettive di ricerca, in BCAR, 89, 1985, p. 9-30.

Schiavone 1998 = A. Schiavone, Indicazioni sulla viabilità interna di Castleporziano, in M.G. Lauro (a cura di), Castelporziano III. Campagne di Scavo 1987-1991, Roma, 1998, p. 167-170.

Tella 2006 = F. Tella, Un acquedotto della prima età imperiale nei pressi del Casale di Malafede, in MEFRA, 118-2, 2006, p. 482-486.

Haut de page

Notes

1 Questo contributo si pone come obbiettivo una riconnessione dei dati archeologici noti, tra di loro e con i contesti limitrofi, in una zona di transito tra il territorio romano e laurentino.

2 Per il significato politico e geografico della cesura rappresentata dal fosso di Malafede si veda Pellegrino 2004 e Gregori – Buccellato 2005, p. 367, nt. 37.

3 Corrispondente al asse via Pontina-via Pratica di Mare: Buccellato 2005.

4 Il primo è ricordato dal Lanciani (Tavoletta, Ponte Galera, appunti manoscritti), il secondo è perpetuato dalla moderna via di Castelporziano.

5 Identificata con Villa Magna all’interno della tenuta presidenziale di Castel Porziano; in realtà il riconoscimento della via, proposto dal Nibby (Nibby 1829), che vide anche resti della pavimentazione in basoli, non ha corretta corrispondenza miliarica in quanto il bivio si pone al X miglio (v. anche F. Coarelli in questo volume).

6 L’ipotesi verosimile avanzata da Schiavone (Schiavone 1998, p. 167-168) trova la corrispondenza miliarica con il testo delineando un itinerario con un primo tronco diramato dall’VIII miglio dell’Ostiense e successivamente un segmento est-ovest che va a riunirsi alla direttrice principale al bivio di Colonnetta. Per l’ager Solonius, cfr. Coarelli 2008 e lo stesso autore in questi atti.

7 Relazioni provvedimenti DD.MM. 22.6.91 e 30.6.97.

8 In tal senso rivestono particolare interesse le testimonianze individuate all’interno della Tenuta pertinenti ad una necropoli risalente al periodo compreso tra l’VIII e il VII sec. a.C. (Pisani Sartorio – Quilici Gigli 1985, p. 11-12).

9 Scavo 1998 – Archivio SBAO. La struttura doveva presentare alzato in intelaiatura lignea su zoccolo in pezzame di tufo e tegole, copertura in materiale deperibile e pavimenti lignei.

10 La struttura sorge sulla sommità di un piccolo dosso a 40 m s.l.m.

11 Pellegrino 1988.

12 Frigidaria delle pubbliche Terme di Nettuno e del Buticoso.

13 La villa, detta anche di Plinio, si trova all’interno della tenuta di Castel Fusano.

14 Bedello Tata et al. 2006.

15 Dal punto di vista cronologico una struttura è inquadrabile nei primi decenni del II sec. d.C. mentre l’altra risulta di poco posteriore. Una terza struttura di dimensioni e portata minore è databile al III sec. d.C.

16 Tella 2006. La struttura venne probabilmente già vista ad inizio XX secolo dal Gatti.

17 Pellegrino et al. 2006.

18 Lauro 1998, p. 70.

19 Presso il 14 Km della moderna via Laurentina.

20 Archivio SSABAP. Scavi cimitero laurentino.

21 Scavo 2011. Archivio SBAO.

22 Archivio SSABAP.

23 Pellegrino 1999.

24 Archivio SBAO.

25 De Angelis D’Ossat 1938 e archivio SBAO nominante i floralia di epoca domizianea.

26 Anfora di produzione siciliana del tipo Ostia II, 522-523.

27 Polyb., 3, 88.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 – Carta dei siti archeologici del Suburbio Ostiense.
Crédits Base Cartografica: Carta Tecnica Regionale del Lazio. Elaborazione: E. Giannini per conto della Soprintendenza Speciale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Roma.
Titre Fig. 2 – Planimetria della cassa di colmata d’Ostia (1887, particolare) tavola 5 in scala 1:25.000.
Crédits Tratta da: G. Santarelli, Le bonifiche di Ostia e Maccarese, Roma – Archivio Storico Capitolino.
Titre Fig. 3 – Scavo Via Grabher 2014: 1. ossa di grandi mammiferi; 2. sequenza stratigrafica; 3. anfora a fondo piatto con asse neroniano.
Crédits Foto Archivio Soprintendenza Speciale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Roma.
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Anna Buccellato, Fulvio Coletti et Emanuele Giannini, « Sistematizzazione dei dati archeologici nel suburbio ostiense tra la valle di Malafede e i lembi dello Stagno », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité, 130-2 | -1, 315-320.

Référence électronique

Anna Buccellato, Fulvio Coletti et Emanuele Giannini, « Sistematizzazione dei dati archeologici nel suburbio ostiense tra la valle di Malafede e i lembi dello Stagno », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 130-2 | 2018, mis en ligne le 03 septembre 2019, consulté le 18 septembre 2019. URL : http://journals.openedition.org/mefra/5889 ; DOI : 10.4000/mefra.5889

Haut de page

Auteurs

Anna Buccellato

Soprintendenza Speciale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Roma, anna.buccellato@beniculturali.it

Fulvio Coletti

Soprintendenza Speciale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Roma, fulvio.coletti@beniculturali.it

Emanuele Giannini

Collaboratore Soprintendenza Speciale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Roma, giannini.emanuele@pec.it

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals