Navigation – Plan du site
Studi ostiensi. Quarto seminario
Epigrafia

Ostia dispersa

Maria Letizia Caldelli
p. 341-350

Résumés

Per una serie di circostanze fortunate la maggior parte delle iscrizioni ostiensi si conserva ad Ostia, nei magazzini e sullo scavo. Non tutto però è rimasto nella colonia e parte del mio lavoro di questi anni si è rivolto alla ricerca di quella porzione non trascurabile di materiali che ha preso altre strade, ora legate al fenomeno dello spoglio e del reimpiego, ora legate alle vie del mercato antiquario, ora infine legate al commercio clandestino. Quelli che si presentano sono solo alcuni esempi di un lavoro teso a ricomporre una Ostia dispersa, almeno virtualmente.

Haut de page

Entrées d’index

Haut de page

Texte intégral

  • 1 Numeri 1-2039, 4127-4175: in tutto 2087 iscrizioni.
  • 2 Numeri 4279-5411: complessivamente 1132 iscrizioni.
  • 3 CIL, I, fasc. I, p. I; Schmidt 2009.

1Come è a tutti noto, le iscrizioni latine di Ostia e Portus sono state riunite da Hermann Dessau nel volume XIV del Corpus Inscriptionum Latinarum, edito nel 1887,1 e successivamente da Lothar Wickert nel Supplementum, edito nel 1930,2 per un totale di 3219 iscrizioni. I due fascicoli sono molto diversi fra loro. In ragione delle condizioni in cui il volume XIV è nato (come è noto, originariamente Henzen avrebbe dovuto occuparsi di Roma e anche del Latium Vetus)3 e degli interessi prevalenti dell’epoca, concentrati sul testo più che sull’oggetto, nella edizione di Dessau molti dei dati materiali sono assenti e, d’altra parte, spesso lo studioso tedesco ha lavorato con trascrizioni fornite da altri, senza poterle verificare sulla pietra.

  • 4 Nel 1953, soprattutto per impulso di Giovanni Becatti, ha avuto inizio la serie degli Scavi di Ost (...)

2A partire dagli anni 1938-1942 fino a tempi recentissimi, molto materiale epigrafico è emerso dagli scavi nel territorio della colonia ed ha trovato pubblicazione sia in sedi a ciò specificamente destinate, come ad esempio la serie degli Scavi di Ostia,4 sia in numerosi articoli, in riviste e in opere miscellanee, solo in parte censiti da Année Épigraphique e con criteri non sempre perspicui. Tra i contributi più significativi si ricorda l’articolo di Herbert Bloch nelle Notizie degli Scavi del 1953, ancora una pietra miliare nella epigrafia ostiense. Nel frattempo ha visto la luce l’edizione critica dei Fasti Ostienses, inclusi dapprima nelle Inscriptiones Italiae, XIII, 1, curate da Attilio Degrassi (Roma 1947), in seguito oggetto di un lavoro autonomo, curato da Ladislav Vidman (Praha 1957; 2a ed. 1982): 40 frammenti erano già in CIL ed hanno trovato non solo una revisione, ma talora anche una ricollocazione nella sequenza. L’edizione di Vidman è stata ripresentata con una bella introduzione e un nuovo apparato illustrativo nel lavoro di B. Bargagli, C. Grosso, I Fasti Ostienses. Documento della storia di Ostia, Roma, 1997.

  • 5 Zevi et al. 2018.

3Tra le alacri attività degli anni ‘50 un posto di rilievo spetta al lavoro di Hilding Thylander, Inscriptions du Port d’Ostie (Lund, I-II, 1952), che, oltre a presentare 344 nuove iscrizioni, riprende epigrafi di Porto già edite in CIL. Le sepolcrali da lui trattate (la sezione A) sono state oggetto di una nuova pubblicazione, Le iscrizioni sepolcrali latine nell’Isola Sacra, a cura di Anne Helttula (Roma 2007). Un recente volume, curato da Alfredo Marinucci, Disiecta membra. Iscrizioni latine da Ostia e Porto 1981-2009 (Roma 2012), ha consegnato alle stampe 164 nuove iscrizioni. Infine, un ponderoso lavoro che riunisce oltre duemila iscrizioni sepolcrali inedite ha visto la luce sotto la direzione scientifica di Fausto Zevi.5

  • 6 Lo stato attuale del lavoro è visibile in www.edr-edr.it. Un primo ma importante risultato è Itali (...)

4Un bilancio dell’edito e dell’inedito si è reso necessario a partire dal 2006, allorché la Berlin-Brandenburgische Akademie der Wissenschaften ha affidato a Fausto Zevi e a me l’incarico di curare il nuovo supplemento a CIL XIV per quanto riguarda le iscrizioni latine di Ostia e Porto e parallelamente, ma solo per quanto riguarda l’edito, dal 2008 quando è iniziata la implementazione del database informatizzato EAGLE – EDR, per la quale sono responsabile del settore Ostia-Portus.6

  • 7 Notizie al riguardo si trovano in Zevi 1971, p. 193.

5Il primo compito che si è posto è stato quello di una ricognizione del materiale. Per una serie di circostanze fortunate la maggior parte delle iscrizioni ostiensi si conserva ad Ostia, nei magazzini e sullo scavo. Qui Fausto Zevi, nel 1963, per incoraggiamento dell’allora Soprintendente, Maria Floriani Squarciapino, e con il pieno appoggio di Guido Barbieri, iniziò la sistemazione della collezione epigrafica. Tale lavoro, continuato fino al 1976, ha permesso di ritrovare iscrizioni che neppure Dessau aveva potuto vedere e di ricongiungere più di 1500 frammenti.7

6Non tutto però è rimasto ad Ostia e parte del mio lavoro di questi anni si è rivolto alla ricerca di quella porzione non trascurabile di materiali che ha preso altre strade, ora legate al fenomeno dello spoglio e del reimpiego, ora legate alle vie del collezionismo, ora infine legate al mercato clandestino. Riassumo in una tabella (tab. 1) la situazione attuale del materiale edito nel Corpus, non conservato ad Ostia, avvertendo che si tratta di lavori ancora in corso, di cui fornisco qui una molto parziale anticipazione.

Tab. 1– Iscrizioni di Ostia, edite in CIL XIV, non conservate ad Ostia (2016).

Roma
Città del Vaticano 440 latine,
3 latino-greche
Villa Albani 34
San Paolo fuori le Mura 15
Museo Nazionale Romano 13
Musei Capitolini 12
Antiquario del Celio 1
Foro Romano, Lapid. Forense 1
S. Sabina 1
Palazzo Guglielmi 1
Palazzo Cesarini-Sforza 1
Villa Altieri 1
Hotel Hassler 1
Italia
Veneto
Verona, Museo Maffeiano 1
Emilia Romagna
Bologna, Museo Civico Archeologico 1
Parma, Museo Archeologico Nazionale 1
Toscana
Firenze, Museo Archeologico Nazionale 2
Firenze, Galleria degli Uffizi 3
Firenze, Museo Bardini 1
Firenze, Battistero 1
Pisa, Cattedrale 1
Pisa, Cimitero del Duomo 1
Marche
Pesaro, Museo Archeologico Oliveriano 1
Lazio
Ariccia, Palazzo Chigi 2
Collatia, Casale di Saboni 1
Campania
Marina di Camerota (Salerno), villa Perino 1
Napoli, Museo Archeologico Nazionale 7
Salerno, duomo 1
Sicilia
Palermo, Museo Archeologico Regionale 2
Sardegna
Tergu (SS), chiesa di Nostra Signora 1
Europa
Austria
Wien, Antikensammlung 30
Belgio
Bruxelles 1
Danimarca
Copenhagen, Ny Carlsberg Glyptotek 4
Francia
Aix-en-Provence, Musée Granet 1
Avignon, Musée Calvet 1
Lyon, Musée Gallo-Romain 1
Marseille, Musée Borély 1
Paris, Musée du Louvre 6
Germania
Berlin, Altes Museum 1
Potsdam, Castello di Klein Glienicke 2
Regno Unito
London, British Museum 3
Svizzera
Zürich, Archäologische Sammlung 1

7Tengo a precisare che questo lavoro è stato e sarà possibile solo grazie alla collaborazione di colleghi ed istituzioni che operano nelle strutture o sul territorio di «adozione» delle iscrizioni ostiensi: ringrazio quindi quanti si siano adoperati e si adopereranno a segnalare la presenza di iscrizioni ostiensi (o supposte tali) nei territori di loro pertinenza e/o a facilitarne la ricognizione e lo studio.

  • 8 Caldelli – Slavich 2014; Caldelli – Slavich 2015; Caldelli – Raggi – Slavich 2017.

8I primi risultati di un lavoro in tal senso sono quelli scaturiti dalla collaborazione con due colleghi pisani, che si occupano dell’Etruria costiera, Andrea Raggi e Carlo Slavich: esso ha portato al ritrovamento di iscrizioni ostiensi edite in CIL e date come disperse ancora nel 2007, all'identificazione a Civitavecchia di iscrizioni ostiensi inedite, all'attribuzione ad Ostia di iscrizioni edite riferite ad altri centri.8

9Al momento la ricerca si svolge lungo tre diverse direttrici:
1) recupero di iscrizioni ostiensi edite in CIL, la cui collocazione era ignota a Dessau e/o a Wickert per essere mutata nel corso del tempo;
2) recupero di iscrizioni ostiensi edite post CIL, non conservate ad Ostia, di discussa attribuzione;
3) attribuzione ad Ostia con diversa gradazione di certezza di iscrizioni edite, ma riferite ad altri centri.

10Per il punto 1 rimando anche al contributo di Lucio Benedetti in questi stessi Atti, il quale, nella sua ricerca sui cataloghi d’asta in rete, ha pescato anche iscrizioni ostiensi, edite e inedite.

 

111) Recupero di iscrizioni ostiensi edite in CIL, la cui collocazione era ignota a Dessau e/o a Wickert per essere mutata nel corso del tempo.

  • 9 CIL XIV, 128, cfr. p. 613 = VI, 1116, cfr. p. 3071, 3778, 4301, 4325, 4532, vd. EDR115717 (G. Crim (...)
  • 10 Manilli 1650, p. 149-150.
  • 11 Collections du Pavillon de l’Horloge 1893, p. 122 no 795.
  • 12 Østergaard 1996, p. 61-62 no 25 con foto; vd. EDR164482 (R. Marchesini).
  • 13 Bianchi – Bonanno Aravantinos 1991, p. 2 no 2, con foto; Østergaard 1996, p. 60 no 24 con foto; vd (...)
  • 14 Bianchi – Bonanno Aravantinos 1991, p. 4-6 no 4, con foto; Østergaard 1996, p. 59 no 23 con foto; (...)
  • 15 Østergaard 1996, p. 299 no 205, con foto; ma già Jacobsen 1907, p. 290-291 no 825.

12CIL XIV, 128 è una grande base marmorea, che reca sulla fronte, in litura, una dedica del 285 d.C. a Diocleziano da parte degli honorati et decuriones et numerus militum caligatorum; sul fianco, la data della dedica precedente che riporta al 200 d.C. ca. (lustro 29°).9 La base venne vista da Iacomo Manilli nel 1650 a Villa Borghese a sostegno di una statua di Diana10 e qui la vide ancora Henzen, che la trascrisse per CIL VI, 1116. Dessau non la vide. Nel 1893, però, essa venne venduta,11 come riporta Wickert, nel Supplemento (p. 613: riprendendo una indicazione di Dessau), aggiungendo nescio quo ablata. Sappiamo oggi che l’iscrizione si trova, con altre iscrizioni ostiensi (CIL, XIV 220,12 896,13 1770,14 tutte urne e tutte dalla collezione Pacca), alla Ny Carlsberg Glyptotek di Copenhagen, dove era già almeno dal 1907.15

  • 16 CIL XIV, 236 = VI, 32768, cfr. p. 3842, vd. EDR147286 (R. Marchesini) con foto.
  • 17 Robert 1875, p. 21-24 no 1 e tav. I, da cui EphEp, IV, p. 341 no 920.
  • 18 Thylander 1952, p. 271 no B 073.
  • 19 Ducroux 1975, p. 51 no 150.
  • 20 CIL XIV, 188, cfr. p. 613 = ILS 4403; SIRIS 558; Ducroux 1975, p. 56 no 167 (entrata nel 1863); Br (...)
  • 21 EDR151358 (R. Marchesini); Ducroux 1975, p. 163 no 602: entrata nel 1863.
  • 22 CIL XIV, 1544 = VI 19886; Ducroux 1975, p. 122 no 428; vd. EDR160722 (R. Marchesini).
  • 23 EDR108110 (R. Marchesini). Baratte 1985, p. 29-31 no 3 (inv. 659: entrato nel 1863).
  • 24 CIL XIV, 225 = VI 2900; Sinn 1987, p. 261-262 no 700, con foto; Ducroux 1975, p. 43 no 128; vd. ED (...)
  • 25 EDR072012 (R. Marchesini). Comprata da Le Louët presso un antiquario e dal primo poi acquistata da (...)
  • 26 Già a Parigi, presso Raoul-Rochette, nel 1855 nella Bibliothèque Nationale, poi murata all’ingress (...)

13CIL XIV, 23616 è l’iscrizione sepolcrale di un marinaio della flotta di Miseno. Forcella, che la vide nel 1864, la dice portata da Fiumicino presso il cavalier Guidi, «entrepreneur de fouilles» (appaltatore? Capomastro?). Da lui la acquistò Pierre Charles Robert nel 1869 e la pubblicò nei Mélanges d’archéologie del 1875.17 Dessau non la vide, ma lavorò sulla trascrizione di Forcella; Wickert non la comprende negli additamenta; Thylander nel 1952 dichiara: «son emplacement actuel m’est inconnu.»18 L’iscrizione invece esiste e si trova attualmente a Parigi, al Museo del Louvre (inv. MA 2467), dove fu acquisita per dono dello stesso Robert nel 1894.19 Al Louvre sono pure CIL XIV 188,20 636,21 1544,22 e 4875,23 della collezione Campana; XIV, 225,24 4505,25 4672.26

 

142) Recupero di iscrizioni ostiensi edite post CIL, non conservate ad Ostia, di discussa attribuzione.

  • 27 Petrucci 1987, con foto; vd. EDR029702 con foto (M. Manganaro): misure 17 × 24 × 2; lett. 1,5-2,2. (...)
  • 28 Josephus Maria Suaresius (1599-1677): vescovo di Vaison nel 1633; dal 1636 vicario di S. Pietro a (...)
  • 29 A quanto noto al CIL vanno ora aggiunti Bloch 1953, p. 278-282 no 42, col. VIII, r. 8 e SdO, XI 11 (...)

15Tra i casi possibili se ne segnalano due.
Nel volume La collezione epigrafica dei Musei Capitolini, inediti-revisioni-contributi al riordino (Tituli, 6), Roma 1987 è stato pubblicato un frammento di lastra con un elenco di nomi, che sembra rimandare ai fasti di un collegio.27 L'autrice della scheda, Nadia Petrucci, ne ha supposto l’origine ostiense sulla base di due argomenti: 1) la presenza, tra gli altri, del gentilizio Tinucius, attestato solo ad Ostia, se si esclude CIL VI, 27443, una iscrizione nota solo da Josephus Maria Suaresius,28 Vat. Lat. 9140, f. 187, che la trascrisse a metà del ’600 s.l.29; 2) la provenienza dal mercato antiquario, dove l’aveva acquistata L. Pollak, che nel 1931 l’aveva donata ai Musei Capitolini (un’acquisizione, quindi, recente). Il primo argomento mi sembra stringente e il frammento può, a mio avviso senza dubbio, andare ad accrescere la serie ben nutrita dei fasti dei collegi ostiensi.

  • 30 Masci 2001, con foto = AE, 2001, 461a-b, vd. EDR000082-EDR000083 (S. Evangelisti).
  • 31 Kubitschek 1889, p. 272; Taylor 1960, p. 276; ora Buchholz – Solin 2010, p. 171 (per Antium); Arna (...)

16Il secondo caso, più complesso, è presente nel volume La collezione epigrafica dell’Antiquarium comunale del Celio (Tituli 8), Roma, 2001: si tratta di due cippi gemelli in travertino, in diverso stato di conservazione, che contengono i nomi dei tre proprietari del sepolcro e le indicazioni delle misure dello stesso, 20 × 25 piedi.30 Il primo personaggio è un C. Stlaccius A. f., della tribù Voturia, il quale si definisce duovir. Stlacci sono anche i due personaggi che seguono: il primo, Stlaccia Dica(ea? / -eosyne?), è liberta e moglie del duoviro; il secondo, C. Stlaccius Philargurus è liberto di entrambi. L’indicazione del duovirato esclude l'appartenenza dei due cippi alla epigrafia urbana. D’altra parte, come ipotizza l’autrice della scheda, Annaclaudia Masci, la presenza della tribù Voturia e del gentilizio Stlaccius orientano nell’attribuzione ad Ostia: negli altri centri in cui la tribù Voturia è diffusa (Antium, Caere, Placentia e Bergomum)31 gli Stlacci erano nel 2001 e sono tutt’ora assenti.

  • 32 CIL XIV, 246 (a. 140 d.C.); 4560, 1 (aa. 193-201 d.C.); 5130; 5356 (aa. 179-187 d.C.); 5373. A que (...)
  • 33 CIL XIV 246, cfr. p. 482. Vi compare insieme con 1) T. Prifernius Sex. fil. Paetus Rosianus Geminu (...)
  • 34 CIL X, 1783, su cui vd. Camodeca 1979, p. 21 e nota 21.
  • 35 CIL X, 1930 = ILLRP 801.
  • 36 Camodeca 1982, p. 114 e 129.
  • 37 All’ambiente che gravitava intorno ad Ostia va ricondotta anche l’iscrizione sepolcrale di M. Stla (...)

17Stlacci sono moderatamente presenti ad Ostia e fin qui solo in iscrizioni di età imperiale e sempre con prenome Marcus.32 Tra gli altri, va segnalato M. Stlaccius Albinus Trebellius Sallustius Rufus, che compare, in seconda posizione, tra i patroni di rango senatorio (forse pretorio), nell’albo ostiense dell'ordo corporatorum qui pecuniam ad ampliand(um) templum contuler(unt) del 140 d.C.33 Giuseppe Camodeca ne ricorda l’origine puteolana; lo mette in rapporto con il decurione puteolano di età traianea M. Stlaccius Albinus (forse il padre);34 rimarca la diffusione a Puteoli della gens Stlaccia, rara altrove, e la presenza di questa nella città campana fin dalla tarda età repubblicana.35 Camodeca, inoltre, sottolinea l’importanza del patronato del senatore puteolano in un collegio ostiense quale segno dei rapporti tra le due città e degli «antichi interessi commerciali della gens Stlaccia».36 I nostri due cippi, se ad Ostia possono essere ricondotti, mostrerebbero la precocità ed il carattere duraturo di questi rapporti.37

18I due cippi sono databili alla tarda età repubblicana per tipologia, formulario, onomastica e paleografia. Se ostiensi, attesterebbero uno tra i più antichi duoviri noti della colonia.

 

193) Attribuzione ad Ostia con diversa gradazione di certezza di iscrizioni edite, ma riferite ad altri centri.

  • 38 Mar., sch. Vat. (s.n.), che attinge l’informazione dal cardinale Garampi.
  • 39 Sinn 1987, no 112, ma anche 131, 132, 181, 182, 185, 360 (quest’ultima è ostiense: CIL XIV, 996).
  • 40 Vd. anche Sinn 1987, p. 150 no 230: ora a Verona, Museo Maffeiano, inv. 340 (cfr. CIL V, 429*, 86)
  • 41 Muzius Polidori fu nel 1665 arcidiacono e scrisse le Cronache di Corneto, in cui sono descritte le (...)

20Il primo caso è un’urna marmorea (fig. 1) (alt. 27; diam. 30; lett. 0,8-1,5), pubblicata da E. Bormann in CIL XI, 3480 = EDR132262 (C. Slavich): D. M. / M. Scriboni Nico/mae(dae) Q. Trebicius / Rusticelianus f. / et M. Farranius / Nicomedes nep. Fu segnalata per la prima volta da Gaetano Marini nel 1785 a Tarquinia, nel Palazzo Vescovile, nel cui cortile ancora si trova, portatavi dal locale monastero di S. Lucia.38 La fattura dell’urna ben si inquadra tra i prodotti urbano / ostiensi, di cui fornisce ampia esemplificazione Friederike Sinn.39 Tarquinia, del resto, non è centro che con certezza abbia restituito urne: oltre alla nostra, le uniche altre due riferite alla colonia sono CIL XI, 3422 = EDR131875 con foto (C. Slavich), trovata nel 1738 in reimpiego nella chiesa di S. Stefano,40 e CIL XI, 3435 = EDR132397 con foto (C. Slavich), vista per la prima volta nel 1665 da Muzio Polidori nella sacrestia della chiesa di S. Marco.41

Fig. 1 – Tarquinia, Palazzo Vescovile: urna marmorea (CIL XI, 3480).

Fig. 1 – Tarquinia, Palazzo Vescovile: urna marmorea (CIL XI, 3480).

Foto C. Slavich.

  • 42 CIL XIV, 1029 = EDR152684-EDR152685 (già collezione Pacca, perduta); AE, 2007, 288 = EDR105751; Ca (...)
  • 43 Sensi 2001, p. 218-219 no 12, cfr. AE, 2001, 583 = EDR102470 con foto (A. Ferraro): D(is) M(anibus(...)
  • 44 Proprietà dei Rusticelii erano beninteso anche a Roma, ai piedi del Monte Testaccio, dove è stato (...)
  • 45 Un C. Rusticelius, originario di Bologna, era un oratore di valore, benché volubile a detta di Cic (...)

21A propendere tuttavia per la colonia è prima di tutto il rarissimo gentilizio Farranius, che troviamo solo in iscrizioni ostiensi e sempre con prenome Marcus.42 A ciò si aggiunga l’altrettanto rarissimo cognome Rusticelianus, portato da uno dei due dedicanti. Oltreché nell’iscrizione in esame esso ritorna soltanto in una iscrizione che faceva parte della collezione di George N. Olcott, attualmente conservata nel Palazzo Bartocci Fontana di Assisi.43 Quanto alla provenienza delle epigrafi della collezione, l’editore, Marta Sensi, parla genericamente di «materiali … con molta probabilità raccolti dallo studioso a Roma durante il suo anno sabbatico, tra il 1911 e il 1912». Ma che l’iscrizione in esame sia urbana è tutto da dimostrare. Si ricordi inoltre ad Ostia la presenza dei praedia Rusticeliana (CIL XIV, 4570), di un corpus traiectus Rusticeli (CIL XIV, 431, 4554, 5327, 5328; AE, 1989, 125), a dimostrazione della presenza di proprietà dei Rusticelii nel territorio di Ostia,44 nonché del gentilizio Rusticelius, sebbene sempre preceduto dal prenome Caius (CIL, XIV 250, 263, 4569; Sijpesteijn 1990, p. 238 no 4).45 Le vie del collezionismo possono aver portato quest’urna e altre materiali, in epoca post-antica, fuori di Ostia e di Roma.

  • 46 Romagnoli 2001, p. 287.

22Altro caso è quello di CIL XI, 7439, un frammento di lastra marmorea (26,5 × 20 × 2,1 cm), trovato nel 1909 a Ferentium, «quasi di fronte alle Terme, ma dall’altra parte della strada romana, in un vano appartenente ad un edificio forse medioevale», secondo la testimonianza di Edoardo Galli, che era, all’epoca, Direttore degli Scavi (fig. 2). Deve trattarsi di uno dei ritrovamenti effettuati o nel luglio-agosto del 1909, presso le terme, ma al di là del decumano, o tra il 18 ottobre ed il 4 novembre dello stesso anno, a nord-ovest delle terme e del decumano.46 Di questi ritrovamenti Galli fornisce una notizia complessiva nelle Notizie degli Scavi di Antichità del 1911, ma, per quanto riguarda le iscrizioni, si limita a dire:

  • 47 Galli 1911, p. 30-31.

Anche durante quest’ultima campagna di scavi furono raccolti numerosi frammenti epigrafici per lo più di carattere funerario, i più cospicui dei quali sono stati introdotti dal prof. Bormann nei citati Additamenta al C.I.L. XI, che si trovano già in stampa, ed usciranno quasi contemporaneamente a questa mia Relazione. Non si è creduto perciò né utile né opportuno di andare incontro ad una spesa ingente per riprodurli tutti anche qui in fac-simile.47

Fig. 2 – Ferentium, pianta degli scavi.

Fig. 2 – Ferentium, pianta degli scavi.

Da Romagnoli 2001, p. 282.

  • 48 Descripsi ectypum Galli, postea titulum ipsum descripsi cum Egidio: Bormann, CIL, XI, ad loc., dov (...)

23Delle iscrizioni, tuttavia, Galli aveva fatto un apografo, e sull’apografo dell’iscrizione che qui interessa Bormann aveva lavorato, prima di vedere personalmente l’originale, che si trovava a Viterbo (nunc Viterbii).48 I materiali, infatti, furono portati a Viterbo e temporaneamente ospitati nella chiesa di S. Maria della Verità, da dove passarono poi parte al Museo Civico, parte al Museo Nazionale Etrusco-Rocca Albornoz. L’iscrizione in questione risulta però al momento irreperibile. La presento nella edizione del Corpus con una possibile trascrizione (fig. 3):

------

[---]+++[---]

[---]+t(---) q(uin)q(uennal-) +[---]

[--- corpor]is pistoru[m ---]

[---]+MQVEQVA[---]

[---]+OTRI+V+[---]

[---]AVET[---]

[---]+[---]

------

Fig. 3 – CIL XI, 7439.

Fig. 3 – CIL XI, 7439.

Da CIL XI.

  • 49 Pistores al plurale sono noti da CIL IV, 886, 7273 (Pompeii); VIII, 8480 (da Sitifis); X, 6494 (Ul (...)
  • 50 CIL VI, 22, 1002, 1692 (collegium), 1739, 40607a (= AE, 1994, 197); Ferrua 1980, p. 88 no 15.
  • 51 CIL XIV, 101, 374, 4234, 4359, 4452, 4676; AE, 1996, 309; Fr. Vat. 234.
  • 52 Sirks 1999, p. 100-109: l’autore, peraltro, ricorda come anche ad Alexandria, Cartagine ed Antioch (...)
  • 53 Fenelli 1971, p. 168; cfr. AE, 1972, 179.
  • 54 Vd. nota precedente. Al contrario, in CIL XI, 7420 collegium è integrato con punto interrogativo.
  • 55 Diversamente Mennella 2000, p. 18-19, 42, 82 riferisce l’attestazione a Ferentium.

24Pur nell’incertezza del dettato, emergono con chiarezza la menzione della carica di quinquennalis e – non è chiaro in quale rapporto con la prima – quella del corpus pistorum. Sebbene pistores al singolare o al plurale49 siano noti in diverse regioni del mondo romano, di un corpus pistorum mi risulta attestata l’esistenza soltanto a Roma,50 nel comparto Ostia-Porto51 e a Costantinopoli. Nel suo articolo sulla corporazione e sulla distribuzione di questa, Boudewijn Sirks dedica alcune importanti pagine alla storia della formazione della associazione e della sua assai limitata diffusione sul territorio dell’Impero.52 Alla luce di questo crea un certo imbarazzo trovare l’attestazione di un corpus pistorum a Ferentium, municipio dell’Etruria Meridionale interna, dove, ad oggi, l’unico collegio certamente attivo era quello dei fabri et centonarii, noto da una base onoraria ritrovata nel teatro53 e forse da CIL XI, 3009, vista nella chiesa di S. Flaviano, fuori Montefiascone (ager Viterbiensis) e da Maria Fenelli attribuita a Ferentium.54 Da qui l’ipotesi che il frammento non sia da riferire al municipio di Ferentium55 ma che qui sia arrivato per reimpiego da Roma o da Ostia, con la solita incertezza di attribuzione, ma con una lieve preferenza per la colonia, per la somiglianza di quel che si intravvede del cursus con CIL XIV, 374 o 4452.

  • 56 Inv. 584: entrò per donazione nel 1891.
  • 57 Lettera del 15 marzo 1867, riportata da Sanguineti 1875, p. 118 no 329 con facsimile. Acquisito da (...)
  • 58 Crosetto – Venturino Gambari 2007a, p. 16-20.
  • 59 Ivi, p. 20.
  • 60 Mennella 2007, p. 277 fig. 229. Nel processo di trasmissione del testo, ritengo che il nostro fram (...)
  • 61 Pettirossi 2012, p. 134-135 no 13, cfr. AE, 2012, 518.

25Al momento l’attestazione di un corpus pistorum al di fuori di Roma, del comparto Ostia-Porto e Costantinopoli rimarrebbe un caso isolato. Non si può infatti invocare a confronto il frammento di bronzo con resti di una tabula patronatus, già appartenente alla collezione archeologica di Cesare Di Negro-Carpani a Tortona (Iulia Dertona), ora al Museo Civico di Alessandria,56 dove appare forse citato un [collegiu]m pist[orum?]. Di questo frammento sappiamo che fu ritrovato a Tortona, in terreni fuori Porta Voghera il 13 marzo 1867.57 In quest’area furono effettuati vasti lavori di sbancamento in un sepolcreto paleocristiano, adiacente la chiesa dei SS. Simone e Giuda, distrutta al momento della costruzione dei bastioni orientali della città.58 Le iscrizioni non furono rinvenute in giacitura originaria, ma riutilizzate nella muratura delle tombe medievali.59 Mennella non dubita della appartenenza alla epigrafia pagana di Dertona di questo e di un altro frammento bronzeo di tabula patronatus60 e così anche Viviana Pettirossi, che ha curato la nuova edizione di Iulia Dertona per i Supplementa Italica.61 Si tratta però, come si è detto, di una tabula patronatus: ammesso anche che le letture ed integrazioni siano corrette, l’onorato, notabile di Dertona, non in patria – dove si riportò la copia del decreto dell’ordo decurionum –, ma ad Ostia-Portus avrebbe stretto rapporti con il corpus pistorum.

26Quelli presentati sono solo alcuni esempi di un lavoro lento e faticoso, spesso scoraggiante, che pone più problemi di quelli che risolve, tuttavia necessario per ricomporre almeno virtualmente una Ostia dispersa.

Haut de page

Bibliographie

Arnaldi – Gasperini 2010 = A. Arnaldi, L. Gasperini, Regio VII (Etruria), in Silvestrini 2010, p. 225-233.

Baratte 1985 = Fr. Baratte (con C. Metzger), Catalogue des sarcophages en pierre d’époque romaine et paléochrétienne, Parigi, 1985.

Bianchi – Bonanno Aravantinos 1991 = L. Bianchi, M. Bonanno Aravantinos, Una tradizione di scultura funeraria microasiatica a Ostia, in BA, 8, 1991, p. 1-32.

Bloch 1953 = H. Bloch, IX. OSTIA – Iscrizioni rinvenute tra il 1930 e il 1939, in NSA, 7, 1953, p. 239-305.

Bricault 2005 = L. Bricault, Recueil des inscriptions concernant les cultes isiaques (RICIS), I-III, Parigi, 2005 (Mémoires de l’Académie des inscriptions et belles-lettres, 31). 

Buchholz – Solin 2010 = L. Buchholz, H. Solin, Le tribù nel Latium adiectum, in Silvestrini 2010, p. 171-177.

Caldelli 2018 = M.L. Caldelli, Scheda no 935, in Zevi 2018, p. 374.

Caldelli – Slavich 2014 = M.L. Caldelli, C. Slavich, Da Ostia a Civitavecchia: le iscrizioni della collezione Guglielmi, in Scienze dell’Antichità, 20, 2014, p. 291-302.

Caldelli – Slavich 2015 = M.L. Caldelli, C. Slavich, Fasti di un collegio ostiense a Civitavecchia e altri inediti, in ZPE, 195, 2015, p. 259-273.

Caldelli – Raggi – Slavich 2017 = M.L. Caldelli, A. Raggi, C. Slavich, La dispersione delle iscrizioni ostiensi sulle coste tirreniche, in Epigrafia e società dell’Etruria romana (Firenze, 23-24 ottobre 2015), Roma, 2017, p. 91-117.

Camodeca 1979 = G. Camodeca, La gens Annia puteolana in età giulio-claudia. Potere politico e interessi commerciali, in Puteoli, 3, 1979, p. 17-34.

Camodeca 1982 = G. Camodeca, Ascesa al senato e rapporti con i territori d’origine. Italia: regio I (Campania, esclusa la zona di Capua e Cales), II (Apulia et Calabria), III (Lucania et Bruttii), in Epigrafia e ordine senatorio, II, Roma, 1982 (Tituli, 5), p. 101-163.

Collections du Pavillon de l’Horloge 1893 = Catalogue des collections du Pavillon de l’Horloge, Roma, 1893.

Crosetto 2007 = A. Crosetto, La collezione epigrafica di Cesare Di Negro-Carpani: una ricostruzione “virtuale”, in Crosetto – Venturino Gambari 2007b, p. 45-74.

Crosetto – Venturino Gambari 2007a = A. Crosetto, M. Venturino Gambari, Cesare Di Negro-Carpani e la sua collezione archeologica, in Crosetto – Venturino Gambari 2007b, p. 9-44. 

Crosetto – Venturino Gambari 2007b = A. Crosetto, M. Venturino Gambari (a cura di), Onde nulla si perda: la collezione archeologica di Cesare Di Negro-Carpani, Alessandria, 2007.

Demougin 1992 = S. Demougin, Prosopographie des chevaliers romains julio-claudiens (43 av. J.-C. – 70 ap. J.-C.), Roma, 1992 (CEF, 153).

Ducroux 1975 = S. Ducroux, Catalogue analytique des inscriptions latines sur pierre conservées au Musée du Louvre, Parigi, 1975.

Fenelli 1971 = M. Fenelli, Notiziario, in Epigraphica, 33, 1971, p. 168-169.

Ferrua 1980 = A. Ferrua, Iscrizioni pagane della catacomba di S. Agnese, in RAL, 35, 1980, p. 85-96.

Fogagnolo 2006 = S. Fogagnolo, Ostiensis via, s.v., in LTUR. Suburbium, IV, 2006, p. 145.

Fontana 1999 = F. Fontana, Sepulcrum: Rusticelii, s.v., in LTUR, IV, 1999, p. 296-297.

Galli 1911 = E. Galli, Ferento. Scavi nell’area dell’antica città e del teatro, in NSA, 1911, p. 22-35.

Jacobsen 1907 = C. Jacobsen, Ny Carlsberg Glyptotek. Fortegnelse over de antike Kunstvaerker, Copenhagen, 1907.

Kubitschek 1889 = W. Kubitschek, Imperium Romanum tributim discriptum, Praga, 1889.

Longpérier 1855 = A. de Longpérier, Notice, in Bulletin archéologique de l’Athenaeum français, 1855, p. 52.

Manilli 1650 = I. Manilli, Villa Borghese fuori di Porta Pinciana, Roma, 1650.

Masci 2001 = A. Masci, Schede no 289-290, in G.L. Gregori (a cura di), La collezione epigrafica dell’Antiquarium comunale del Celio, Roma, 2001 (Tituli, 8), p. 311-312.

Meiggs 1973 = R. Meiggs, Roman Ostia, Oxford, 1973 (2a ed.).

Mennella 2000 = G. Mennella (con G. Apicella), Le corporazioni professionali nell’Italia romana: un aggiornamento al Waltzing, Napoli, 2000.

Mennella 2007 = G. Mennella, Cesare Di Negro-Carpani e l'epigrafia di Iulia Dertona, in Crosetto – Venturino Gambari 2007b, p. 277-284.

Mowat 1896 = R. Mowat, Séance du 27 Mai, in BSAF, 1896, p. 212-218.

Østergaard 1996 = J.S. Østergaard, Catalogue Imperial Rome, Ny Carlsberg Glyptotek, Copenhagen, 1996. 

Petrucci 1987 = N. Petrucci, Scheda no 155, in S. Panciera (a cura di), La collezione epigrafica dei Musei Capitolini, inediti-revisioni-contributi al riordino, Roma, 1987 (Tituli, 6), p. 240-241.

Pettirossi 2012 = V. Pettirossi, Iulia Dertona, in SupplIt, 26, Roma, 2012, p. 55-187.

PME = H. Devijver, Prosopographia militiarum equestrium quae fuerunt ab Augusto ad Gallienum, I-VI, Lovanio, 1976-2001.

Rigato 2010 = D. Rigato, Octavae regionis tribus: status quo, problematiche, prospettive, in Silvestrini 2010, p. 235-240.

Robert 1875 = P.-Ch. Robert, Mélanges d’archéologie, Parigi, 1875.

Romagnoli 2001 = G. Romagnoli, Ferento (Viterbo). Storia degli scavi e delle ricerche archeologiche, in Daidalos, 3, 2001, p. 273-300.

Sanguineti 1875 = A. Sanguineti, Seconda appendice alle iscrizioni romane [della Liguria], in Atti Soc. Ligure Stor. Patr., 11, 1875, p. 1-129.

Sartori 2010 = A. Sartori, Tribus e tribules nella XI Regio ad orientem spectans, in Silvestrini 2010, p. 299-304.

Schmidt 2009 = M.G. Schmidt (a cura di), Hermann Dessau (1856-1931): zum 150. Geburtstag des Berliner Althistorikers und Epigraphikers, Beiträge eines Kolloquiums und wissenschaftliche Korrespondenz des Jubilars, Berlino-New York, 2009.

Sensi 2001 = M. Sensi, La collezione archeologico epigrafica di George N. Olcott, in Epigraphica, 63, 2001, p. 194-224.

Sijpesteijn 1990 = P.J. Sijpesteijn, Lateinische Grabinschriften, 2, in ZPE, 81, 1990, p. 237-242.

Silvestrini 2010 = M. Silvestrini (a cura di), Le tribù romane. Atti della XVIe Rencontre sur l’épigraphie (Bari 8-10 ottobre 2009), Bari, 2010.

Sinn 1987 = F. Sinn, Stadtrömische Marmorurnen, Magonza, 1987.

Sirks 1999 = B. Sirks, On the Emperor’s service. The corpus pistorum of Ostia and Portus Uterque from the juridical perspective, in J.Th. Bakker (a cura di), The mills-bakeries of Ostia: description and interpretation, Amsterdam, 1999, p. 102-109.

Taylor 1960 = L.R. Taylor, The voting districts of the Roman Republic: the thirty-five urban and rural tribes, Roma, 1960.

Thylander 1952 = H. Thylander, Inscriptions du Port d’Ostie, I-II, Lund, 1952.

Zevi 1971 = F. Zevi, La sistemazione della collezione epigrafica ostiense e la carriera di Q. Baieno Blassiano, in Acta of the fifth epigraphic Congress of Greek and Latin epigraphy (Cambridge 1967), Oxford, 1971, p. 193-199. 

Zevi et al. 2018 = F. Zevi, M.L. Caldelli, M. Cébeillac-Gervasoni, N. Laubry, I. Manzini, R. Marchesini, F. Marini Recchia, Epigrafia ostiense dopo il CIL. 2000 iscrizioni funerarie, Venezia, 2018 (Antichistica, 15; Storia ed epigrafia, 5).

 

Haut de page

Notes

1 Numeri 1-2039, 4127-4175: in tutto 2087 iscrizioni.

2 Numeri 4279-5411: complessivamente 1132 iscrizioni.

3 CIL, I, fasc. I, p. I; Schmidt 2009.

4 Nel 1953, soprattutto per impulso di Giovanni Becatti, ha avuto inizio la serie degli Scavi di Ostia, alcuni volumi della quale sono un importante collettore di iscrizioni, sia perché qui trovano aggiornamento iscrizioni già edite, sia perché vi vengono pubblicate iscrizioni inedite. Utili al nostro discorso sono: Scavi di Ostia, II. I mitrei, G. Becatti (a cura di) del 1954 (16 iscrizioni); Scavi di Ostia, III. Le necropoli repubblicane e augustee, M. Floriani Squarciapino (a cura di) del 1958 (27 iscrizioni); Scavi di Ostia, IV. I mosaici e i pavimenti marmorei, G. Becatti (a cura di) del 1961 (53 iscrizioni, di cui 20 inedite); Scavi di Ostia, XI. Le Terme del Foro o di Gavio Massimo, P. Cicerchia e A. Marinucci (a cura di) del 1992 (129 iscrizioni, di cui 50 inedite); Scavi di Ostia, XII. La basilica cristiana di Pianabella, L. Paroli (a cura di) del 1999 (348 iscrizioni, tutte inedite tranne 3).

5 Zevi et al. 2018.

6 Lo stato attuale del lavoro è visibile in www.edr-edr.it. Un primo ma importante risultato è Italia Epigrafica Digitale, II/1. Regio I. Latium et Campania: Ostia et Portus, Roma, 2017.

7 Notizie al riguardo si trovano in Zevi 1971, p. 193.

8 Caldelli – Slavich 2014; Caldelli – Slavich 2015; Caldelli – Raggi – Slavich 2017.

9 CIL XIV, 128, cfr. p. 613 = VI, 1116, cfr. p. 3071, 3778, 4301, 4325, 4532, vd. EDR115717 (G. Crimi) con foto.

10 Manilli 1650, p. 149-150.

11 Collections du Pavillon de l’Horloge 1893, p. 122 no 795.

12 Østergaard 1996, p. 61-62 no 25 con foto; vd. EDR164482 (R. Marchesini).

13 Bianchi – Bonanno Aravantinos 1991, p. 2 no 2, con foto; Østergaard 1996, p. 60 no 24 con foto; vd. EDR152183 (R. Marchesini).

14 Bianchi – Bonanno Aravantinos 1991, p. 4-6 no 4, con foto; Østergaard 1996, p. 59 no 23 con foto; vd. EDR159029 (R. Marchesini).

15 Østergaard 1996, p. 299 no 205, con foto; ma già Jacobsen 1907, p. 290-291 no 825.

16 CIL XIV, 236 = VI, 32768, cfr. p. 3842, vd. EDR147286 (R. Marchesini) con foto.

17 Robert 1875, p. 21-24 no 1 e tav. I, da cui EphEp, IV, p. 341 no 920.

18 Thylander 1952, p. 271 no B 073.

19 Ducroux 1975, p. 51 no 150.

20 CIL XIV, 188, cfr. p. 613 = ILS 4403; SIRIS 558; Ducroux 1975, p. 56 no 167 (entrata nel 1863); Bricault 2005, II, p. 600 no 503/1220, con foto; vd. EDR155930 (R. Marchesini).

21 EDR151358 (R. Marchesini); Ducroux 1975, p. 163 no 602: entrata nel 1863.

22 CIL XIV, 1544 = VI 19886; Ducroux 1975, p. 122 no 428; vd. EDR160722 (R. Marchesini).

23 EDR108110 (R. Marchesini). Baratte 1985, p. 29-31 no 3 (inv. 659: entrato nel 1863).

24 CIL XIV, 225 = VI 2900; Sinn 1987, p. 261-262 no 700, con foto; Ducroux 1975, p. 43 no 128; vd. EDR159571 (R. Marchesini).

25 EDR072012 (R. Marchesini). Comprata da Le Louët presso un antiquario e dal primo poi acquistata da H. Thédenat, che la donò al Musée du Louvre, dove entrò nel 1917 (inv. MA 3706): Ducroux 1975, p. 44 no 130.

26 Già a Parigi, presso Raoul-Rochette, nel 1855 nella Bibliothèque Nationale, poi murata all’ingresso del Cabinet des Médailles. Wickert segnala presso lo stesso Raoul-Rochette un frammento di CIL XIV, 118, cfr. p. 613: Longpérier 1855; Mowat 1896, p. 212-215; Ducroux 1975, p. 5 no 15 (MA 3689: entrata nel 1914); Bricault 2005, II, p. 589 no 503/1127, con foto; vd. EDR071648 (I. Manzini).

27 Petrucci 1987, con foto; vd. EDR029702 con foto (M. Manganaro): misure 17 × 24 × 2; lett. 1,5-2,2. Si conserva nel Palazzo dei Conservatori, mag. Antiquarium, CE 2307.

28 Josephus Maria Suaresius (1599-1677): vescovo di Vaison nel 1633; dal 1636 vicario di S. Pietro a Roma e custode della Biblioteca Vaticana.

29 A quanto noto al CIL vanno ora aggiunti Bloch 1953, p. 278-282 no 42, col. VIII, r. 8 e SdO, XI 112 e 113.

30 Masci 2001, con foto = AE, 2001, 461a-b, vd. EDR000082-EDR000083 (S. Evangelisti).

31 Kubitschek 1889, p. 272; Taylor 1960, p. 276; ora Buchholz – Solin 2010, p. 171 (per Antium); Arnaldi – Gasperini 2010, p. 225-226 (per Caere); Rigato 2010, p. 238 (per Placentia); Sartori 2010, p. 304 (per Bergomum).

32 CIL XIV, 246 (a. 140 d.C.); 4560, 1 (aa. 193-201 d.C.); 5130; 5356 (aa. 179-187 d.C.); 5373. A queste bisogna aggiungere Caldelli 2018, no 935 (inv. 10999).

33 CIL XIV 246, cfr. p. 482. Vi compare insieme con 1) T. Prifernius Sex. fil. Paetus Rosianus Geminus, appartenente ad una famiglia originaria della Sabina, cos. suff. a. 154; 3) M. Sedatius C. fil. Severianus, un gallo dei Pittoni di Limonum, cos. suff. a. 153; 4) T. Prifernius T. f. Paetus Rosianus Geminus f(ilius); 5) M. Sedatius M. fil. Severus Iulius Reginus; 6) C. Allius C. f. Fuscianus, cos. suff. verso la metà del II secolo; 7) T. Statilius T. f. Taurus; 8) Ti. Aterius Saturninus; 9) C. Pantuleius Graptiacus; 10) C. Allius C. f. Fuscus.

34 CIL X, 1783, su cui vd. Camodeca 1979, p. 21 e nota 21.

35 CIL X, 1930 = ILLRP 801.

36 Camodeca 1982, p. 114 e 129.

37 All’ambiente che gravitava intorno ad Ostia va ricondotta anche l’iscrizione sepolcrale di M. Stlaccius C.f. Col. Coranus, cavaliere di età claudia, da cui apprendiamo che fece costruire un sepolcro per sé, per il padre, per i due fratelli e per la moglie (CIL VI, 3539 = ILS 2730). L’ara, che riportava il testo, venne ritrovata lungo la via Ostiense, all’altezza del casale di Mezzocamino, dove il sepolcro doveva essere collocato, evidentemente all’interno di proprietà della famiglia (Meiggs 1973, p. 111; Fogagnolo 2006). Sebbene l’alternanza dei prenomi Marcus, Caius e Lucius all’interno della famiglia potrebbero favorire l’accostamento con il testo in esame, la presenza della tribù Collina mette in guardia da possibili giustapposizioni. Sul personaggio vd. Demougin 1992, p. 536-537; PME, S 81.

38 Mar., sch. Vat. (s.n.), che attinge l’informazione dal cardinale Garampi.

39 Sinn 1987, no 112, ma anche 131, 132, 181, 182, 185, 360 (quest’ultima è ostiense: CIL XIV, 996).

40 Vd. anche Sinn 1987, p. 150 no 230: ora a Verona, Museo Maffeiano, inv. 340 (cfr. CIL V, 429*, 86).

41 Muzius Polidori fu nel 1665 arcidiacono e scrisse le Cronache di Corneto, in cui sono descritte le iscrizioni CIL XI, 3379, 3387, 3396, 3434, 3446.

42 CIL XIV, 1029 = EDR152684-EDR152685 (già collezione Pacca, perduta); AE, 2007, 288 = EDR105751; Caldelli – Slavich 2015, p. 261.

43 Sensi 2001, p. 218-219 no 12, cfr. AE, 2001, 583 = EDR102470 con foto (A. Ferraro): D(is) M(anibus) / L. Rusticeli Dolabellae, / rhetoris, vix(it) ann(is) XXV, m(ensibus) VI, / fil(i) Rusticeliae L. f(iliae) Selenes et / Zosimi Aug(usti) ser(vi) Rusticeliani, / P. Aelius Aug(usti) lib(ertus) Strato.

44 Proprietà dei Rusticelii erano beninteso anche a Roma, ai piedi del Monte Testaccio, dove è stato ritrovato un sepolcro, identificato dall’iscrizione CIL VI, 11535: datato alla metà del II secolo a.C. (Verzár-Bass) o tra la fine del II-inizi del I secolo a.C. (Rodriguez Almeida, von Hesberg), doveva avere la forma di un altare compreso entro un recinto. Vd. Fontana 1999, p. 296-297.

45 Un C. Rusticelius, originario di Bologna, era un oratore di valore, benché volubile a detta di Cicerone (Cic., Brut., 169: Atque etiam apud socios et Latinos oratores habiti sunt … C. Rusticelius Bononiensis, is quidem et exercitatus et natura volubilis.

46 Romagnoli 2001, p. 287.

47 Galli 1911, p. 30-31.

48 Descripsi ectypum Galli, postea titulum ipsum descripsi cum Egidio: Bormann, CIL, XI, ad loc., dove rimanda a Galli, taccuino 1909 I, che non ho ancora visto.

49 Pistores al plurale sono noti da CIL IV, 886, 7273 (Pompeii); VIII, 8480 (da Sitifis); X, 6494 (Ulubrae); XI, 317 (Ravenna); HEp, 18, 389 (Salpensa). A questi sono da aggiungere per Roma CIL VI, 6219, 8998, 8999; AE, 1923, 76, dove è menzione di pistores Caesaris nostri; ICUR VIII, 23395.

50 CIL VI, 22, 1002, 1692 (collegium), 1739, 40607a (= AE, 1994, 197); Ferrua 1980, p. 88 no 15.

51 CIL XIV, 101, 374, 4234, 4359, 4452, 4676; AE, 1996, 309; Fr. Vat. 234.

52 Sirks 1999, p. 100-109: l’autore, peraltro, ricorda come anche ad Alexandria, Cartagine ed Antiochia esistessero distribuzioni di grano, senza per questo che vi fosse anche un corpus pistorum.

53 Fenelli 1971, p. 168; cfr. AE, 1972, 179.

54 Vd. nota precedente. Al contrario, in CIL XI, 7420 collegium è integrato con punto interrogativo.

55 Diversamente Mennella 2000, p. 18-19, 42, 82 riferisce l’attestazione a Ferentium.

56 Inv. 584: entrò per donazione nel 1891.

57 Lettera del 15 marzo 1867, riportata da Sanguineti 1875, p. 118 no 329 con facsimile. Acquisito da Cesare Di Negro-Carpani, fu disegnato dallo stesso (ASLSP, ms. 278) e il facsimile fu trasmesso alla Società Ligure di Storia Patria: Crosetto 2007, p. 47 DNC9.

58 Crosetto – Venturino Gambari 2007a, p. 16-20.

59 Ivi, p. 20.

60 Mennella 2007, p. 277 fig. 229. Nel processo di trasmissione del testo, ritengo che il nostro frammento dovrebbe rientrare nella tipologia b (Cesare Di Negro-Carpani, poi Società Ligure di Storia Patria, poi Sanguineti: Mennella 2007, p. 279), anche se non si tratta di un ritrovamento degli anni 1870-1875. Teoricamente sarebbe stato possibile comunicarne la conoscenza a Mommsen, cosa che però non avvenne.

61 Pettirossi 2012, p. 134-135 no 13, cfr. AE, 2012, 518.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 – Tarquinia, Palazzo Vescovile: urna marmorea (CIL XI, 3480).
Crédits Foto C. Slavich.
Titre Fig. 2 – Ferentium, pianta degli scavi.
Crédits Da Romagnoli 2001, p. 282.
Titre Fig. 3 – CIL XI, 7439.
Crédits Da CIL XI.
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Maria Letizia Caldelli, « Ostia dispersa », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité, 130-2 | -1, 341-350.

Référence électronique

Maria Letizia Caldelli, « Ostia dispersa », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 130-2 | 2018, mis en ligne le 03 septembre 2019, consulté le 18 septembre 2019. URL : http://journals.openedition.org/mefra/5993 ; DOI : 10.4000/mefra.5993

Haut de page

Auteur

Maria Letizia Caldelli

Università di Roma, La Sapienza, marialetizia.caldelli@uniroma1.it

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals