Navigation – Plan du site
Studi ostiensi. Quarto seminario
Epigrafia

Due iscrizioni ostiensi nello Schloß Glienicke di Berlino

Antonio Licordari
p. 361-366

Résumés

Nel castello tedesco di Glienicke sono conservate due iscrizioni ostiensi. La prima, con tutta probabilità un albo collegiale dei lenuncularii traiectus Rusticeli, consente di aggregare attorno a questa corporazione un consistente numero di frammenti ostiensi. La seconda, che si completa con un frammento inedito nel Lapidario ostiense, presenta un’interessante formula giuridica relativa a un sepolcro.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 Editi in Goethert 1972.
  • 2 Sull’argomento anche Sacco 1984, p. 102.

1Il castello di Glienicke, lungo il fiume Havel, era la residenza estiva del principe Carlo di Prussia (1801-1883), fratello minore del Kaiser Guglielmo I. Sorge nella zona sudoccidentale di Berlino assai vicino a Potsdam, alla quale è collegato dallo storico omonimo ponte. Il principe vi raccolse una collezione di 432 pezzi,1 tra frammenti architettonici, statue ed epigrafi, acquisiti tutti nel mercato antiquario. Le iscrizioni sono 51: di esse 31 sono di provenienza urbana, 11 dell’area tra Pozzuoli e Miseno, due, sulle quali intendo soffermarmi, sono ostiensi.2

CIL XIV, 247

2Nella parete sinistra («Vorhalle Westwand») della Kleine Neugierde (un padiglione separato dal castello) è murata la parte sinistra di una lastra incorniciata, mancante dell’angolo superiore sinistro. Misura cm 58,8 di altezza e 63,7 di larghezza. Inv. Skulpt. slg. 4989 (già 386). Goethert 1972, p. 79 n. 375, tav. 114. EDR030778 (fig. 1).

Fig. 1 – Albo collegiale CIL XIV, 247. Stiftung Preußische Schlösser und Gärten Berlin-Brandeburg.

Fig. 1 – Albo collegiale CIL XIV, 247. Stiftung Preußische Schlösser und Gärten Berlin-Brandeburg.

Foto Fr. Licordari.

3Il testo dell’iscrizione, un albo collegiale, doveva estendersi su sei colonne, per quanto si può valutare dal frammento conservato, e quindi contenere all’incirca una settantina di nominativi.

4L’epigrafe ha subito dei ripensamenti in fase di redazione; vi sono delle lettere erase, soprattutto nella prima colonna, ma poi reincise in maniera quasi identica. L’impressione è che si sia trattato solo di un problema d’impaginazione, dovuto probabilmente alla definizione di precedenze di rango, in quanto, ad es., sono stati cancellati D. Volusius Secundus e M. Suellius Perpetualis, poi i nomi sono stati reincisi, inserendo in mezzo D. Veturius Lucrio. Le particolarità redazionali sono comunque evidenziate in nota da CIL XIV, anche se non viene rilevata una S sul margine sinistro.

  • 3 Licordari 1987.
  • 4 Tran 2012, p. 332-334.

5Hermann Dessau, il curatore di CIL XIV, pur notando la somiglianza di questo albo con CIL XIV, 246 (all’epoca anonimo, ma in seguito attribuito ai lenuncularii traiectus Luculli3), non avanzava alcuna ipotesi sul collegio di appartenenza. In realtà, anche alla luce degli elementi che verranno esposti, ritengo che ci siano forti possibilità che si tratti del corpus scaphariorum traiectus Rusticeli, collegio che, a seguito di una complessa concatenazione di epigrafi, appare più documentato di quanto non si ritenesse finora. I legami predetti, se singolarmente considerati, possono anche non rivelarsi probanti; visti nel loro insieme, però, consentono, sviluppando considerazioni già formulate,4 di articolare l’ipotesi che segue.

  • 5 Torelli 1969, p. 614-617; Royden 1988, p. 37.

6Un primo indizio di questi collegamenti si trova nella prima colonna, quella dei patroni. Essa presenta una terna di senatori identificata con i componenti l’ufficio dei curatores alvei Tiberis, che era costituito da un curator e due adiutores, in carica per il quinquennio 146-151.5 Questo fatto porta a limitare l’attenzione solo ai collegi coinvolti nel traffico commerciale sul Tevere, in primo luogo i quinque corpora dei lenuncularii e poi il corpus traiectus Rusticeli.

  • 6 Quarto consolato di Antonino Pio e secondo di Marco Aurelio. A rigore, con Antonino Pio già August (...)

7Dal momento che questo gruppo di curatori era entrato in carica nel 146, è probabile che l’iscrizione possa essere datata al 145,6 quando T. Prifernius era già stato designato come console suffetto per la primavera dell’anno successivo e forse anche come curator alvei Tiberis per l’anno successivo al consolato.

  • 7 Una più ampia discussione in Tran 2012, p. 334.

8Il secondo indizio è stato individuato nel secondo nome della lista dei corporati nella terza colonna: M. Marius [- - -]. La dedica riportata in CIL XIV, 5327+5328 menziona due M. Marius Primitivus, padre e figlio, entrambi appartenenti al corpus scaphariorum traiectus Rusticeli. Non è quindi fuori luogo pensare che CIL XIV, 247 debba essere integrato M. Marius [Primitivus]; probabilmente si tratta del padre7, visto che è collocato al secondo posto della lista, segno di maggiore anzianità.

9Il figlio è attestato in sei iscrizioni, datate tra il 139 e il 173. Per quattro di esse rinvio al testo edito in CIL, poiché non vi sono variazioni da segnalare: XIV, 4460 + 4565; XIV, 4553; XIV, 4554; XIV, 5327 + 5328.

10A queste si aggiungono inv. 7372 + 7392. Parte inferiore di una lastra senza cornice, che conserva parte del bordo inferiore (fig. 2). È ricomposta da cinque frammenti, uno dei quali è andato perduto, ma è riportato nel Giornale di scavo; alt. cm 17, la larghezza dei frammenti conservati è rispettivamente di cm 9 e 30,5; spessore cm 1,9. Le lettere vanno da cm 2,1 a 1,9.

Fig. 2 – Albo collegiale CIL XIV, 4564a con un frammento disperso. Parco Archeologico di Ostia Antica.

Fig. 2 – Albo collegiale CIL XIV, 4564a con un frammento disperso. Parco Archeologico di Ostia Antica.

Foto F. Marini Recchia, Gabinetto Fotografico Nazionale E27364.

11Il frammento disperso è stato rinvenuto nell’insula a sud del lato ovest di via dei Molini, tra il 1o e il 6 giugno 1914 (Giornale di Scavo, 1914, p. 149 n. 9174); il frammento di destra nelle Terme del Nettuno, nel sottofondo del secondo tepidario a partire dall’ingresso, il 6 novembre 1961 (Giornale di Scavo, VIII, p. 7 n. 1).

           [M(arco) Aelio Aurelio Caesari]

           [Imp(eratoris) Caes(aris) T(iti) Aeli]

           [Hadriani Antonini Aug(usti)]

           [Pii p(atris) p(atriae) filio]

5         [M(arcus) M]arius M(arci) f(ilius) Pal(atina) Prim[itivus decur(ionum)

           decr(eto) aed(ilis) II]

           [sac(ris) Vo]lc(ani) fac(iundis), corp(ori) traie(ctus) R[ustic(eli) s(ua)

           p(ecunia)

           d(ono) d(edit)]

           [I]mp(eratore) Caesare An[tonino IIII]

            M(arco) Aurelio C[aesare II co(n)s(ulibus)]

  • 8 Per questa serie di iscrizioni cfr. Herz 1980-1981, p. 145-147.
  • 9 Royden 1988, p. 93 n. 73.

12Il testo ricalca quello di CIL XIV, 4553 e probabilmente siamo di fronte a una serie di dediche alla famiglia imperiale effettuate nel 145.8 Nel nostro caso possiamo pensare che il destinatario fosse Marco Aurelio quando era ancora Cesare, considerato che la 4553 è in onore di Lucio Vero.9

  • 10 Questo gentilizio ha soltanto un’altra attestazione ostiense (CIL XIV, 5379).

13La coppia di gentilizi Marius e Falerius,10 che si nota in CIL XIV, 4554, riappare in un frammento, ora perduto, rinvenuto in località imprecisata nel 1938, del quale resta una fotografia eseguita dall’allora Gabinetto Fotografico Nazionale negli anni ‘50 del secolo scorso; alt. cm 12 ; largh. cm 21 ; sp. cm 3,2 ; lett. : cm 1,3-1,2-0,9-1.

M(arcus) Marius P[- - -]

L(ucius) Falerius [- - -]

D(ecimus) Iuniu[s - - -]

L(ucius) Firm[- - -]

- - - - - - 

14Nelle more della pubblicazione del presente contributo ho potuto abbinare questo frammento a CIL XIV, 4564 a, ottenendo il seguente testo (fig. 3):

Fig. 3 – Iscrizione di M. Marius Primitivus. Parco Archeologico di Ostia Antica.

Fig. 3 – Iscrizione di M. Marius Primitivus. Parco Archeologico di Ostia Antica.

Foto F. Marini Recchia.

- - - - - - 

M(arcus) Marius P[rimitivus]

L(ucius) Falerius Qua[- - -]

D(ecimus) Iunius Atti[- - -]

L(ucius) Firmius Deu[ter]

5 [- - -]lius Phi[l- - -]

[- - -]nius Qui[- - -]

[- - -]ius Eu[- - -]

[- - -]u[- - -]

- - - - - -

15Confrontando poi quest’iscrizione con CIL XIV, 4555 ritengo che si possa ricostruire in entrambe il nome di L. Falerius Quadratianus, corporato nel collegio nell’anno 172. Anche in CIL XIV, 4554, del 166 d.C., possiamo integrare il nome dello stesso personaggio L. Faler[ius Quadratianus].

16Già Lothar Wickert aveva notato che la sequenza di gentilizi Segulius/Hellenius/Hellenius, presente in CIL XIV, 247, si ripeteva in CIL XIV, 4460 + 4565 (una delle epigrafi con M. Marius Primitivus figlio, a. 173 d.C.) e in CIL XIV, 4564, e ne aveva dedotto che si trattasse di una serie di albi dello stesso collegio redatti in anni differenti. Si tratterebbe allora del traiectus Rusticeli.

  • 11 Il frammento (cm 15 × 13,6 × 3,8/4) è stato rinvenuto il 10 febbraio 1909 nell’area tra via dei Vi (...)
  • 12 Un L. [S]ornius Fortunatus è riportato in un albo di Augustali (CIL XIV, 4560, 1 b) nel 193. Non m (...)
  • 13 Zevi 2001, p. 190-191 (= AE 2001, 622 = EDR031451); col. II-r. 4, è da leggere Sorn[ius] e non Sor (...)
  • 14 Tran 2014, p. 135-136, che però attribuisce il frammento al corpus lenunculariorum tabulariorum au (...)

17Un ulteriore punto di contatto è il nominativo di L. Messenius Crispinus (XIV, 4564 II 19), che torna probabilmente nel frammento opistografo XIV, 4585 e in una delle facce di un altro frammento, pure opistografo, inv. 9672.11 L’albo CIL XIV, 4585, a sua volta, per via di questo gentilizio Messenius e soprattutto del raro Sornius,12 va a collegarsi con l’albo inv. 6612,13 pur esso opistografo.14

  • 15 Tran 2014, p. 138.
  • 16 Cicerchia – Marinucci 1992, p. 223 n. 112.

18Infine in CIL XIV, 431 il traiectus Rusticeli è collegato con Q. Veturius Q.f. Felix Socrates, probabilmente della stessa famiglia di C. Veturius Testius Amandus, che è patronus dei quinque corpora (datato al 217 d.C.);15  entrambi ricorrono nell’albo inv. 6394,16 anteriore al 243 d.C. A legare infine tra loro le iscrizioni già viste c’è il ripetersi di gentilizi poco consueti, dei quali cito come esempio Anteius attestato solo nell’epigrafe di Glienicke e in CIL XIV, 4565 della quale si è detto.

19Il riferire tutte queste iscrizioni al traiectus Rusticeli ne sottolinea il rilievo e la consistenza numerica. Anche se le epigrafi sono concentrate nell’area delle Terme del Foro e in quella tra la Caserma dei Vigili e le Terme del Nettuno, niente possiamo dire sulla sede del collegio.

  • 17 Tran 2014, nt. 26.

20La gens Rusticelia è poco nota, con una cinquantina di attestazioni in area italica e nove in Africa. I soli due casi con indicazione della tribù, la Oufentina, si hanno a Como (CIL V, 5257) e a Segni (EDR158792): troppo poco per poterci costruire sopra anche soltanto un’ipotesi. Sono invece ricordati in CIL XIV, 4570 (205 d.C.), dal Mitreo fuori Porta Romana, i praedia Rusticeliana, che potrebbero aver dato il nome del loro proprietario al collegio,17 già proprietà privata ma successivamente acquisiti al patrimonio imperiale, pur conservando la denominazione originaria.

CIL XIV, 368 + inv. 7182

21Nella parete destra («Vorhalle Ostwand») della stessa Kleine Neugierde è murata la parte destra di una lastra senza cornice in marmo bianco venato di grigio. Nell’aprile 2015 ho potuto individuare tra le epigrafi del Lapidario ostiense la parte sinistra; i due pezzi ricongiunti (per ora solo virtualmente) consentono di disporre del testo completo (fig. 4). La lastra integra doveva misurare circa cm 29 × 57 con uno spessore di cm 4,3; le lettere sono alte cm 2,5 nei primi righi e poi vanno digradando fino a 1,6. La superficie iscritta è liscia, il retro scalpellato. La provenienza precisa di entrambi i frammenti è sconosciuta. Inv. Skulpt. slg. 5025 (già 369). Goethert 1972, p. 74 n. 397, tav. 116. EDR030779 (solo la parte destra).

Fig. 4 – Iscrizione funeraria di L. Brittius Ianuarius. Parco Archeologico di Ostia Antica. Stiftung Preußische Schlösser und Gärten Berlin-Brandeburg.

Fig. 4 – Iscrizione funeraria di L. Brittius Ianuarius. Parco Archeologico di Ostia Antica. Stiftung Preußische Schlösser und Gärten Berlin-Brandeburg.

Foto: a. F. Marini Recchia; b. Fr. Licordari.

           D(is) M(anibus).

           L(ucius) Bruttius [I]anuarius q(uin)q(uennalis) corp(oris)

           fabrum nabalium Ostiensium,

           donationis causa sibi tradi=

5         tam memoriam a Maria Callist̂en(e)

           eo quot, reconcinnationis causa mancipa=

           ta, sibi susceperit refeceritque sibi et Brittiae

           Profuture coniugi et filis et libertis liberta=

           busque posteri(s)que aeorum (!).

  • 18 Bloch 1953, p. 282-285 n. 43.
  • 19 Normalmente i nominativi degli aderenti a un collegio sono disposti su una lastra ordinati per col (...)
  • 20 È l’albo collegiale ostiense con il più alto numero di aderenti (358).

22L’autore della dedica è un quinquennale dei fabri navales Ostienses. Questa corporazione è conosciuta a Ostia, per limitarsi agli albi, dagli elenchi inv. 615318 e inv. 9141 (inedito) che presentano una particolare caratteristica di impaginazione rispetto alla generalità degli albi ostiensi;19 la grande20 e perduta iscrizione CIL XIV, 256 si riferisce, invece, ai fabri navales di Porto. Non sorprende che nella struttura organizzativa del collegio ci fossero dei quinquennales, ma non ne sappiamo molto di più.

23I gentilizi Bruttius e Brittia sono regolarmente attestati: non si può quindi stabilire se si tratti di due nomina autonomi, casualmente assai simili, o se sia soltanto una variante grafica; per l’oscillazione del gentilizio in una stessa iscrizione a Ostia, cfr. Fabius/Favius (CIL XIV, 4917). Il cognome Profutura, o anche Profuture con una desinenza grecanica, ha qualche attestazione a Ostia, ma non presenta particolarità di rilievo.

  • 21 Per l’ablativo con desinenza grecanica a Ostia, cfr. Heracliden in CIL XIV, 123.

24Il testo ci fa conoscere una formula giuridica di trasmissione di proprietà di incerta interpretazione, anche perché non ci sono altri confronti utili. La memoria è un monumento sepolcrale (a Ostia, CIL XIV, 644), che nel nostro caso L. Bruttius Ianuarius riceve per donazione da Maria Calliste.21 Questa memoria viene poi da lui mancipata per poter eseguire un rifacimento edile (reconcinnationis causa); evidentemente l’acquisizione per sola donazione non era titolo di proprietà sufficiente per le azioni successive. Quindi se ne assume l’onere (susceperit) e procede al restauro (refecerit) a beneficio anche di moglie, figli e liberti secondo le consuete formule funerarie. L’espressione donationis causa mancipare, da interpretare come trasferimento della proprietà a seguito di donazione, ricorre a Ostia in CIL XIV, 4865.

Haut de page

Bibliographie

Bloch 1953 = H. Bloch, Ostia. Iscrizioni rinvenute tra il 1930 e il 1939, in NSA, 1953, p. 239-306.

Cicerchia – Marinucci 1992 = P. Cicerchia, A. Marinucci, Scavi di Ostia. XI. Le terme del Foro o di Gavio Massimo, Roma, 1992.

Goethert 1972 = F.W. Goethert, Katalog der Antikensammlung des Prinzen Carl von Preußen im Schloß zu Klein-Glienicke bei Potsdam, Magonza, 1972.

Herz 1980-1981 = P. Herz, Kaiserbilder aus Ostia, in BCAR, 87, 1980-1981, p. 145-157.

Licordari 1987 = A. Licordari, I lenuncularii traiectus Luculli ad Ostia, in MGR, 12, 1987, p. 149-161.

Royden 1988 = H.L. Royden, The magistrates of the Roman professional collegia in Italy, Pisa, 1988.

Sacco 1984 = G. Sacco, Iscrizioni greche d’Italia. Porto, Roma, 1984.

Torelli 1969 = M. Torelli, Un nuovo cursus honorum senatorio da Trebula Mutuesca, in MEFRA, 81, 1969, p. 601-626.

Tran 2012 = N. Tran, Un Picton à Ostie : M. Sedatius Severianus et les corps de lénunculaires sous le principat d’Antonin le Pieux, in REA, 114-2, 2012, p. 323-344.

Tran 2014 = N. Tran, C. Veturius Testius Amandus, les cinq corps de lénunculaires d’Ostie et la batellerie tibérine au début du IIIe siècle, in MEFRA, 126-1, 2014, p. 131-145.

Zevi 2001 = F. Zevi, Iscrizioni e personaggi nel Serapeo, in R. Mar (a cura di), El santuario de Serapis en Ostia, Tarragona, 2001, p. 171-224.

Zevi et al. 2018 = F. Zevi, M.L. Caldelli, M. Cébeillac-Gervasoni, N. Laubry, I. Manzini, R. Marchesini, F. Marini Recchia, Epigrafia ostiense dopo il CIL. 2000 iscrizioni funerarie, Venezia, 2018 (Antichistica, 15; Storia ed epigrafia, 5).

Haut de page

Notes

1 Editi in Goethert 1972.

2 Sull’argomento anche Sacco 1984, p. 102.

3 Licordari 1987.

4 Tran 2012, p. 332-334.

5 Torelli 1969, p. 614-617; Royden 1988, p. 37.

6 Quarto consolato di Antonino Pio e secondo di Marco Aurelio. A rigore, con Antonino Pio già Augusto, sono possibili anche le date del 139 (cos. II) e del 140 (cos. III).

7 Una più ampia discussione in Tran 2012, p. 334.

8 Per questa serie di iscrizioni cfr. Herz 1980-1981, p. 145-147.

9 Royden 1988, p. 93 n. 73.

10 Questo gentilizio ha soltanto un’altra attestazione ostiense (CIL XIV, 5379).

11 Il frammento (cm 15 × 13,6 × 3,8/4) è stato rinvenuto il 10 febbraio 1909 nell’area tra via dei Vigili e via della Fontana ed è pubblicato in NSA 1909, p. 128 n. 4: ------ / [- - -]vi[- - -] / [- - - M]essen[- - -] / [- - - Cr]ispin[- - -] / [- - -]nius [- - -] / [- - -]+o+[- - -] / ------.

12 Un L. [S]ornius Fortunatus è riportato in un albo di Augustali (CIL XIV, 4560, 1 b) nel 193. Non mi stupirei che ci trovassimo in tutti e tre i casi di fronte alla stessa persona. Oltre a ciò abbiamo soltanto una Sornia Valeriane (inv. 11424, frattanto pubblicata in Zevi et al. 2018, p. 371 n. 927).

13 Zevi 2001, p. 190-191 (= AE 2001, 622 = EDR031451); col. II-r. 4, è da leggere Sorn[ius] e non Sorm[- - -]; non sono finora attestati gentilizi con le lettere iniziali Sorm.

14 Tran 2014, p. 135-136, che però attribuisce il frammento al corpus lenunculariorum tabulariorum auxiliariorum; però anche in questo frammento è riportato il gentilizio Hell[enius]. Le iscrizioni inv. 6612, inv. 9672, CIL XIV, 4460 + 4565 sono opistografe e la grafia delle facce opposte a quelle delle quali fin qui si è parlato appare molto simile. C’è da pensare che questi albi del traiectus Rusticeli possano essere stati reimpiegati – rigirati – uno vicino all’altro, dopo un consistente lasso di tempo; sulle lastre così disposte è stata poi incisa una sola nuova epigrafe che sarà oggetto di studio.

15 Tran 2014, p. 138.

16 Cicerchia – Marinucci 1992, p. 223 n. 112.

17 Tran 2014, nt. 26.

18 Bloch 1953, p. 282-285 n. 43.

19 Normalmente i nominativi degli aderenti a un collegio sono disposti su una lastra ordinati per colonne; i fabri navales usano invece dei blocchi parallelepipedi disponendo i nominativi su ciascuna faccia.

20 È l’albo collegiale ostiense con il più alto numero di aderenti (358).

21 Per l’ablativo con desinenza grecanica a Ostia, cfr. Heracliden in CIL XIV, 123.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 – Albo collegiale CIL XIV, 247. Stiftung Preußische Schlösser und Gärten Berlin-Brandeburg.
Crédits Foto Fr. Licordari.
Titre  
Titre Fig. 2 – Albo collegiale CIL XIV, 4564a con un frammento disperso. Parco Archeologico di Ostia Antica.
Crédits Foto F. Marini Recchia, Gabinetto Fotografico Nazionale E27364.
Titre Fig. 3 – Iscrizione di M. Marius Primitivus. Parco Archeologico di Ostia Antica.
Crédits Foto F. Marini Recchia.
Titre Fig. 4 – Iscrizione funeraria di L. Brittius Ianuarius. Parco Archeologico di Ostia Antica. Stiftung Preußische Schlösser und Gärten Berlin-Brandeburg.
Crédits Foto: a. F. Marini Recchia; b. Fr. Licordari.
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Antonio Licordari, « Due iscrizioni ostiensi nello Schloß Glienicke di Berlino », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité, 130-2 | -1, 361-366.

Référence électronique

Antonio Licordari, « Due iscrizioni ostiensi nello Schloß Glienicke di Berlino », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 130-2 | 2018, mis en ligne le 03 septembre 2019, consulté le 18 septembre 2019. URL : http://journals.openedition.org/mefra/6022 ; DOI : 10.4000/mefra.6022

Haut de page

Auteur

Antonio Licordari

a.licordari@fastwebnet.it

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals