Navigation – Plan du site
Studi ostiensi. Quarto seminario

Premessa

Nicolas Laubry et Fausto Zevi
p. 267-268

Texte intégral

  • 1 Gli Atti sono stati da poco pubblicati: De Ruyt – Morard – Van Haeperen 2018.
  • 2 Cébeillac-Gervasoni – Zevi 2014; Cébeillac-Gervasoni – Laubry – Zevi 2018.
  • 3 Alcuni sono stati pubblicati in altra sede: vd. Olcese et al. 2017; Laubry 2018.

1I contributi qui raccolti e pubblicati sono il risultato di due giornate d’incontro ideate da Mireille Cébeillac-Gervasoni e Fausto Zevi, e tenute presso l’École française de Rome il 16 e 17 novembre 2016. Sulla scia dei seminari organizzati gli anni precedenti (2012, 2013 e 2015 con un interruzione nel 2014, quando un analogo incontro di studi ostiensi venne organizzato dall’Academia Belgica1) e che hanno dato luogo a due pubblicazioni nei MEFRA o, più recentemente, nella Collection de l’École française de Rome,2 il «quarto seminario ostiense» ha riunito studiosi di istituzioni e nazionalità diverse, molti già affermati ed altri più giovani, per presentare nuovi dati o ricerche in corso su Ostia e il suo territorio. I 21 testi, che in alcuni casi costituiscono delle note preliminari a future ricerche e pubblicazioni più ampie, compongono la quasi totalità delle relazioni o poster presentati durante l’incontro.3

2Il territorio costituiva il tema della prima giornata di lavori, allargando così la prospettiva rispetto ai precedenti seminari, ove la parte tematica era più concentrata su la città stessa o suoi dintorni immediati (sponda destra del Tevere, Isola Sacra, suburbio meridionale e orientale etc.). L’interesse per il territorio si è congiunto in tale caso a quello per epoche più remote, con un gruppo di studi che, sia per la presentazione di dati inediti che per la rilettura di fonti letterarie, aprono nuove prospettive per i siti di Ficana, Castel di Decima e, forse, Ostia stessa. Le ricerche sugli insediamenti di epoca romana forniscono l’insieme più cospicuo di contributi, permettendo di completare puntualmente la nostra percezione dell’occupazione del territorio, con informazioni nuove, spesso frutto di interventi di emergenza, ma anche di scavi programmati, offrendo così dati preziosi sulle necropoli, la viabilità o l’utilizzazione del territorio.

3Secondo un uso già consolidato, la seconda giornata dell’incontro era destinata ai «varia» e, sopra tutto, alla presentazione e alla discussione della documentazione epigrafica. Un’attenzione particolare è stata data questa volta ad iscrizioni provenienti da Ostia ma più o meno legittimamente emigrate fuori dal sito antico – quella che M.L. Caldelli ha chiamato la «Ostia dispersa». Ma oltre agli studi epigrafici, la sessione è stata anche l’occasione di presentare una prima sintesi inedita sulla produzione di vetri a Ostia e Porto, o di formulare un’ipotesi suggestiva sull’origine di un accumulo di frammenti di marmo proveniente della via Portuense.

4Come per gli incontri precedenti ricordati all’inizio di questa premessa, la ricchezza dei dati, la diversità e la complementarietà delle prospettive che traspariscono da questi saggi testimoniano della dinamica non ancora esaurita degli studi su Ostia e la necessità di continuare ad incoraggiare non solo la pubblicazione e la divulgazione delle ricerche, passate e recenti, ma anche gli incontri e gli scambi tra tutti gli studiosi che si interessano, da sempre o occasionalmente, al porto di Roma e a suo territorio.

5Perciò dobbiamo un ringraziamento doveroso e sentito a tutti quelli che hanno reso possibile questo incontro e la sua pubblicazione: in particolare, per la loro costante fiducia e il loro appoggio, a Catherine Virlouvet, direttrice dell’École française de Rome, a Stéphane Bourdin, già direttore degli studi per l’Antichità, e alla sua assistente scientifica, Giulia Cirenei. Anche se le due giornate si sono svolte soltanto presso la sede dell’École française, il sostegno del Parco archeologico di Ostia Antica, con la sua direttrice di allora, Alfonsina Russo, e le responsabili scientifiche, Paola Germoni e Cinzia Morelli, si è come sempre rivelato prezioso.

6Al centro di questa rete di studiosi, colleghi ed amici – questa «Ostian conection» – come punto nodale e costante riferimento, c’era Mireille Cébeillac-Gervasoni. Il quarto seminario è l’ultimo che lei ha organizzato profondendo come sempre un’energia fantastica, che neppure una salute sempre più incerta riusciva ad alterare. Purtroppo, alla fine, la malattia l’ha tenuta lontana di Roma e dall’ultimo di questi incontri di studi ostiensi da lei organizzati e che le sono stati tanto a cuore; nella sala di conferenze dove affluiva il numeroso pubblico la sua presenza comunque c’era, come c’è ancora oggi, dopo la sua scomparsa il 29 marzo 2017.

Haut de page

Bibliographie

Cébeillac-Gervasoni – Zevi 2014 = M. Cébeillac-Gervasoni, F. Zevi (a cura di), Ostia antica, in MEFRA, 126-1, 2014, p. 5-249.

Cébeillac-Gervasoni – Laubry – Zevi 2018 = M. Cébeillac-Gervasoni, N. Laubry, F. Zevi (a cura di), Ricerche su Ostia e il suo territorio: Atti del Terzo Seminario Ostiense (Roma, École française de Rome, 21-22 ottobre 2015), Roma, 2018 (CEF, 553). https://books.openedition.org/efr/3637

De Ruyt – Morard – Van Haeperen 2018 = C. De Ruyt, T. Morard, F. Van Haeperen (a cura di), Ostia antica. Nouvelles études et recherches sur les quartiers occidentaux de la cité. Actes du colloque international Rome-Ostia antica, 22-24 septembre 2014, Bruxelles-Rome, 2018 (Institut historique belge de Rome, Artes, 8).

Laubry 2018 = N. Laubry, Monumentum Cartilianum. Droit des tombeaux et société locale à Ostie, in ZPE, 206, 2018, p. 225-233.

Olcese et al. 2017 = Gl. Olcese, M.A. Cau Ontiveros, L. Fantuzzi, A. Razza, D.M. Surace, E. Tsantini, Le anfore del contesto della ruota idraulica di Ostia antica: archeologia e archeometria, in ArchClass, 68, 2017, p. 197-224.

 

Haut de page

Notes

1 Gli Atti sono stati da poco pubblicati: De Ruyt – Morard – Van Haeperen 2018.

2 Cébeillac-Gervasoni – Zevi 2014; Cébeillac-Gervasoni – Laubry – Zevi 2018.

3 Alcuni sono stati pubblicati in altra sede: vd. Olcese et al. 2017; Laubry 2018.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Nicolas Laubry et Fausto Zevi, « Premessa », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité, 130-2 | -1, 267-268.

Référence électronique

Nicolas Laubry et Fausto Zevi, « Premessa », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 130-2 | 2018, mis en ligne le 03 septembre 2019, consulté le 18 septembre 2019. URL : http://journals.openedition.org/mefra/6082 ; DOI : 10.4000/mefra.6082

Haut de page

Auteurs

Nicolas Laubry

École française de Rome – dirant@efrome.it

Fausto Zevi

Accademia dei Lincei – fausto.zevi@uniroma1.it

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals