Navigation – Plan du site
Studi ostiensi. Quarto seminario
Epigrafia

Epigrafi ostiensi nelle vendite all’asta o dagli antiquari

Lucio Benedetti
p. 351-359

Résumés

L’articolo presenta alcune iscrizioni latine provenienti da Ostia e avvistate sui siti web e nei cataloghi di alcune prestigiose case d’asta e gallerie d’arte internazionali. Si tratta per la maggior parte di testi già noti alla bibliografia di riferimento e di cui si erano perse le tracce, ma non mancano anche pezzi inediti di significativo valore storico-documentario, come l’urna di Aulus Egrilius Malius Pulcher, edile e pretore del culto di Vulcano non ancora censito, o il coperchio del sarcofago di Lucius Florius Florentinus, eques Romanus ugualmente ignoto.

Haut de page

Texte intégral

A Filippo Coarelli, anche per un indimenticabile corso universitario su Ostia.

  • 1 Benedetti – Crimi – Ferraro 2017.

1L’obiettivo di questo piccolo contributo è quello di illustrare alcuni risultati di una ricerca in corso su materiale epigrafico lapideo avvistato nei siti web di case d’asta e gallerie d’arte internazionali, condotta insieme ai colleghi Dott. G. Crimi e Dott.ssa A. Ferraro del Dipartimento di Scienze dell’Antichità de La Sapienza di Roma.1

2Quest’indagine, nata in maniera del tutto casuale, anche se sulla base della comune esperienza dei tre autori di collaborazione alla banca dati EDR, ha permesso di recuperare in poco tempo, seppur in maniera virtuale, già diverse decine di pezzi iscritti inediti o di cui si erano perse le tracce, provenienti per lo più da Roma, dal Lazio o dalla Campania.

  • 2 Ringrazio dunque l’organizzazione del Convegno nella persona della Prof.ssa M. Cébeillac-Gervasoni (...)

3Tra le varie iscrizioni finora riunite è stato possibile isolare un piccolo ma significativo gruppo di testi, provenienti da Ostia o, comunque, riferibili alla città con ragionevole certezza e che passiamo a commentare.2 Nella presentazione dei pezzi si procederà da quelli inediti e ancora in corso di studio a quelli già conosciuti e rintracciati, passando per quelli la cui origine ostiense è solo presunta. Pochissimi ed essenziali accenni, invece, verranno fatti agli aspetti decorativi dei vari supporti, anche per motivi di spazio.

Iscrizioni inedite e/o in corso di studio

  • 3 L’urna è stata pubblicata anche in Benedetti – Crimi – Ferraro 2017, p. 72-75, nr. 1 = EDR158068 d (...)

41. Il primo pezzo che presentiamo è un’urna marmorea di forma quadrangolare (cm 31,1 × 36,2 × 30,5) venduta da Sotheby’s il 6 giugno 2006 a New York e proveniente da una collezione privata americana.3 Riccamente decorata con motivi tipici di questa classe di materiali, presenta sulla fronte una tabula sulla quale è incisa gran parte dell’iscrizione, che corre anche sul bordo superiore della cassa (fig. 1).

Fig. 1 – Urna di A. Egrilius Malis Pulcher.

Fig. 1 – Urna di A. Egrilius Malis Pulcher.

Photograph Courtesy of Sotheby’s, Inc. © 2006.

5Il testo, in sei righe, è il seguente:

D(is) M(anibus) A(uli) Egrili A(uli) f(ilii) Pal(atina) Mali Pu{i}hri,

aedili adle˹to sacri<s>

Volkani

faciundis, pr(aetori) secun̂d ̀o ́,

5 A(ulus) Egrilius Ag{h}athopus,

sev(ir) Aug(ustalis), fec(it) p(atrono?) et sibi.

6L’epigrafe ricorda la deposizione delle ceneri di Aulus Egrilius Malius Pulcher, della tribù Palatina, ad opera di Aulus Egrilius Agathopus, forse liberto del defunto considerando l’onomastica dei due individui, che fece il cinerario per il suo patrono e per sé.

  • 4 Salomies 1992, p. 26-30.
  • 5 Su Malius come gentilizio cfr. Solin – Salomies 1994, p. 111. Su Pulcher come cognomen, invece, Ka (...)
  • 6 Sulla Palatina a Ostia cfr. Cébeillac-Gervasoni – Zevi 2010, p. 167-169. Sugli Aulii Egrili ostien (...)
  • 7 Per una lista aggiornata degli edili e dei pretori di Vulcano cfr. Caldelli 2014, p. 103-109.

7Gli elementi onomastici del primo individuo configurano un polionimo, reso sembra dalla sequenza Pad + Nad + Norig + Corig;4 Malius, infatti, deve essere probabilmente inteso come secondo gentilizio.5 Avremmo dunque un Malius Pulcher adottato da un Aulus Egrilius. La filiazione sarebbe così espressa attraverso il prenome dell’adottante, che trasmise probabilmente all’adottato anche la tribù. L’indicazione della tribù, il primo dei due gentilizi ma, soprattuto, le cariche religiose ricoperte dal primo personaggio come l’edilità e la pretura del culto di Vulcano, rimandano inequivocabilmente ad Ostia,6 dove troviamo diversi individui con il gentilizio Egrilius fra gli attori di questo culto.7

  • 8 Caldelli 2014, p. 101.
  • 9 Ivi, p. 104-105 e p. 107-108.

8Aulus Egrilius Malius Pulcher fu dunque adlectus, probabilmente con un decreto dei decurioni, tra gli edili di Vulcano, sacerdoti minori del principale culto di Ostia per i quali disponiamo, come si sa, di un’ampia documentazione epigrafica che comprende anche i Fasti del collegio, in particolare quelli relativi agli anni che vanno dal 192 al 276 d.C.8 Queste liste, anche se molto lacunose, hanno restituito diversi nomi di personaggi che ricoprirono l’edilità, e sono state aggiornate anche da una recentissima edizione di nuovi frammenti.9 Aulus Egrilius Malius Pulcher non era però ancora stato censito.

  • 10 Cn. Turpilius Cn.f. Turpilianus (CIL XIV, 3 = ILS, 3299 = EDR147034 del 28/01/2015 [R. Marchesini]) (...)
  • 11 Su questo punto cfr. da ultimo ancora Caldelli 2014, p. 102.
  • 12 Deduzione basata anche sulla mancanza di altre cariche nel cursus del defunto. È noto, del resto, c (...)
  • 13 CIL XIV, 257 = EDR143821 del 24/10/2014 (R. Marchesini); CIL XIV, 1289 = EDR146356 del 12/01/2015 ( (...)

9Ma il nostro non fu però solo edile, ma anche praetor secundus del culto di Vulcano, circostanza che lo colloca tra quei pochissimi personaggi della colonia, due in tutto al momento,10 che ricoprirono più cariche all’interno dello stesso collegio sacerdotale. Edilità e pretura erano, infatti, due cariche separate e chi ricopriva una carica di norma non ricopriva anche l’altra.11 Ci troviamo di fronte, dunque, a un personaggio che, anche se non altrimenti noto e forse morto in giovane età,12 dovette avere un certo ruolo nel più importante collegio sacerdotale di Ostia. Quanto ai Malii, l’altro ramo gentilizio cui il nostro era vincolato, possiamo contare per Ostia una decina di attestazioni.13

  • 14 Un Aulus Egrilius Agathopus ricorre anche in CIL XIV, 959 = EDR145735 del 17/12/2014 (R. Marchesini (...)
  • 15 CIL XIV, 4560, 1-3 = EDR111036 + EDR111038 + EDR111039 del 19/12/2011 (R. Marchesini).

10Anche il dedicante, Aulus Egrilius Agathopus,14 si presenta come personaggio interessante nella sua veste di sevir Augustalis, categoria di sacerdoti del culto imperiale per la quale disponiamo, per Ostia, ancora di Fasti et Alba;15 ma anche questo secondo individuo era finora ignoto tra quanti ricoprirono questo sacerdozio nella città. Ancora un altro liberto della ramificatissima gens degli Egrilii, dunque, presente stavolta però tra i seviri, a conferma di come i liberti di questa gens siano stati in grado, durante tutto il II sec. d.C., di occupare posti di un certo rilievo in importanti collegi cittadini.

11Impossibile, collocare i due personaggi in un ambito cronologico più ristretto e preciso di quello genericamente del II sec. d.C., arco temporale che comunque ben si accorda con la paleografia dell’iscrizione e lo stile degli elementi decorativi dell’urna.

  • 16 Sotheby’s 2013, p. 69, nr. 48.
  • 17 Per i sarcofagi con questo tipo di rilievo e per il loro inquadramento cronologico cfr. Koch 1975.

122. Ancora da Sotheby’s è stato venduto nell’asta del 12 dicembre 2013 a New York (lotto nr. 48) questo frammento di coperchio di sarcofago,16 con scena in altorilievo sulla parte sinistra della caccia al cinghiale calidonio17 (cm 123 × 32, fig. 2).

Fig. 2 – Sarcofago di L. Florius Florentinus.

Fig. 2 – Sarcofago di L. Florius Florentinus.

Photograph Courtesy of Sotheby’s, Inc. © 2013.

13Nella parte destra del frammento si conserva integra una tabella ansata con iscrizione che si sviluppa su otto righe. Questo il testo:

D(is) M(anibus)

L(uci) Flor(i) L(uci) f(ilius) Pal(atina)

Florentino

eq(uiti) R(omano), L(ucius) Flor(ius)

5          Euprepes

lib(ertus)

patrono

b(ene) m(erenti).

  • 18 Su questo problema cfr. Demougin 1988, p. 205-207.

14Il testo ci restituisce gli elementi onomastici di un individuo di rango equestre, Lucius Florius Florentinus, anch’egli della tribù Palatina, altrimenti ignoto. La menzione della carica di eques Romanus, senza l’aggiunta di altre indicazioni relative ad altre cariche ricoperte, può forse essere intesa come equivalente a quella di eques Romanus equo publico o di eques equo publico.18

  • 19 Un altro omonimo, e probabilmente discendente del nostro, è ricordato anche in CIL XIV, 352 = ILS 6 (...)

15La raffinatezza artistica del pezzo porta ad immaginare, in relazione al dedicante, un liberto di una certa solidità economica, forse arrichitosi in uno dei tanti settori commerciali che caratterizzavano il panorama cittadino. Lucius Florius Euprepes può forse essere identificato con l’omonimo attestato da un’altra iscrizione, la CIL XIV, 4562, 2, a, una lista di Augustali, dove è indicato come quinquennalis nell’anno 198 d.C. La relazione col suo patrono dovette forse facilitare il raggiungimento di questa carica, permettendo poi al liberto di proiettare la sua famiglia verso un’ascesa sociale di una certa importanza.19

  • 20 Cfr. Salomies 2002, p. 146 e 157 e Marchesini 2014, p. 226, nt. 569, per la presenza dei Lucii Flo (...)

16I Florii di Ostia, come è già stato messo in rilievo da O. Salomies, sembrano essere di età severiana20 o successivi, datazione che ben si adatta anche allo stile del rilievo che decora questo coperchio di sarcofago.

Inedite e probabilmente da Ostia

173. Un altro pezzo inedito, e che potrebbe provenire da Ostia, è la piccola ara funeraria (cm 84 × 42 × 24, fig. 3), venduta recentemente dalla galleria londinese d’arte antica Rupert Wace (Ref. 13960).

Fig. 3 – Ara funeraria di Cn. Turpilius Ametystus.

Fig. 3 – Ara funeraria di Cn. Turpilius Ametystus.

Foto da: https://goo.gl/​9mC2jr

18L’iscrizione, forse non terminata, corre su due righe, lasciando più dei tre quarti del campo epigrafico libero:

Dis Manibus

Cn(aei) Turpili Amethysti.

  • 21 Cfr. Caldelli 2014, p. 104.
  • 22 CIL VI, 615, CIL VI, 692, cfr. p. 3006, 3757 = EDR159996 del 3/12/2016 (S. Meloni), CIL VI, 26547, (...)

19Il testo ci rivela il nome di un liberto degli Cnaeii Turpilii, senza altra informazione. La presenza di questa gens a Ostia con diverse attestazioni21 rende probabile la provenienza dalla città anche per questa iscrizione. Al di fuori di questo centro, del resto, i Turpilii sono rarissimi: altre attestazioni si registrano, infatti, praticamente solo a Roma.22
La paleografia permette di datare l’iscrizione sull’ara al I secolo d.C.

Iscrizioni ostiensi già edite e rintracciate

20Passiamo ora ad illustrare rapidamente alcuni testi già editi in CIL o in altre pubblicazioni, passati di mano varie volte e di cui abbiamo potuto seguire le tracce almeno negli spostamenti più recenti.

  • 23 Sotheby’s 2015, nr. 4. Il pezzo è stato edito da ultimo in Herdejürgen 1996, p. 133-134, nr. 90, c (...)

214. CIL XIV, 1445 = EDR148061 del 05/03/2015 (R. Marchesini). Il primo di questa serie è un sarcofago con coperchio (cm 150,5 × 55,5 × 46, fig. 4) venduto da Sotheby’s nell’asta del 24 novembre 2015 a Londra (lotto nr. 4)23 e già nella collezione Pacca sulla via Aurelia. Negli ultimi tempi era entrato a far parte della celebre collezione Bernheimer di Monaco di Baviera.

Fig. 4 – CIL XIV, 1445.

Fig. 4 – CIL XIV, 1445.

Photograph Courtesy of Sotheby’s, Inc. © 2015.

22L’iscrizione, posta in una piccola tabula al centro del coperchio, è la seguente:

D(is) M(anibus).

P(ublio) Palao Primitivo

P(ublius) Palaus Hermes

et Aemilia Attalis,

5 alumno karissimo.

  • 24 Salomies 2002, p. 144 e 152.

23Si tratta di una dedica funeraria di un liberto e di sua moglie all’alumnus, il figlio adottivo. Degno di nota il gentilizio Palaus, noto solo ad Ostia – ma probabilmente di origine venetica24 – attestato anche in un’urna, la CIL XIV, 222, che faceva parte sempre della collezione Pacca e dove ritroviamo un omonimo di P. Palaus Hermes della terza riga del nostro testo, forse la stessa persona. Il sarcofago, anche per gli elementi stilistici e decorativi, si data al II sec. d.C.

  • 25 Royal Athena Galleries 2012, p. 24, nr. 31; cfr. Christies’s 2011, p. 121, nr. 333. Sulla biografi (...)

245. CIL XIV, 1821 [pars] = CLE 563, 1 = EDR165807 del 07/12/2017 (R. Marchesini). Interessante anche quest’altro frammento di coperchio di sarcofago (cm 43 di lunghezza) venduto recentemente dalla galleria d’arte Royal Athena di New York (Ref. CHPR04), che mostra l’immagine di un mostro marino (fig. 5). Proviene dalla collezione privata di Jeanne-Philippe Mariaud de Serres, esteta giramondo e collezionista morto nel 2007, la cui raccolta di oggetti d’arte antica, compreso anche questo pezzo, era stata inizialmente venduta da Christie’s, a Londra.25

Fig. 5 – CIL XIV, 1821 [pars] = CLE 563.

Fig. 5 – CIL XIV, 1821 [pars] = CLE 563.

Courtesy of Royal-Athena Galleries, New York, NY©.

25Questo il testo conservato sulla pietra:

[---]erebat.

  • 26 Cfr. per esempio Teatini 2011, p. 94-96.

26Questa parte dell’iscrizione, come si evince anche dal lemma del CIL, era irreperibile già ai tempi della prima edizione dell’epigrafe. Gli elementi stilistici e del rilievo consentono di datare il pezzo tra il III e il IV sec. d.C.26.

276. AE 1939, 150 = EDR073394 del 29/01/2015 (R. Marchesini). Fra i vari pezzi ritrovati c’è anche questa lastra di loculo dalla necropoli della via Laurentina (cm 26,6 × 19,7, fig. 6), venduta a Londra da Bonhams – che ne indica la provenienza da una collezione privata inglese – nell’asta del 24 ottobre 2012 (lotto nr. 134).

Fig. 6 – AE 1939, 150.

Fig. 6 – AE 1939, 150.

Photograph Courtesy of Bonhams 1793 ©.

28Il testo dell’iscrizione, in cinque righe, è il seguente:

Platoni, Caesaris

dietarchae (!),

fecit (!)

OÎympicus, vilic(us),

5 et Ilus.

  • 27 Calza 1938, p. 71, nr. 36.

29Si tratta di una dedica ad un servo di nome Plato, dietarca (sovraintendente alle cucine) alle dipendenze della casa imperiale, ad opera di altri due servi di cui uno definito come vilicus, e cioè un fattore. Già pubblicata da G. Calza nel 1938 nelle Notizie degli Scavi di Antichità,27 faceva parte di un nutrito gruppo di iscrizioni sempre dalla stessa necropoli, alcune delle quali scomparse insieme a questa, evidentemente rubate poco dopo lo scavo e immesse successivamente nel mercato antiquario.
Le caratteristiche paleografiche del testo permettono di datare l’iscrizione al I sec. d.C.

  • 28 Sotheby’s 2006, p. 56, nr. 58.

307. AE 1996, 304 = EDR031434 del 08/10/2008 (R. Marchesini). Sempre da Sotheby's, nell’asta del 6 dicembre 2006 a New York (lotto nr. 58),28 è stata battuta anche questa lastra sepolcrale bisoma e frammentaria (cm 78,7 × 43,2 × 7,6, fig. 7).

Fig. 7 – AE 1996, 304.

Fig. 7 – AE 1996, 304.

Photograph Courtesy of Sotheby’s, Inc. © 2006.

31L’iscrizione, in due colonne, è la seguente:

32Colonna di sinistra:

Aulo Aegrilio

Heliade seviro

Augustalis idem

quinquennali,

5 Aegrilia Storge

patri p(iissimo).

33Colonna di destra:

Dis Manibus

A(uli) Egrili A(uli) f(ili) Pal(atina) Magn[i]

dec(urionum) decr(eto) praet(ori)

primo sacris Volk(ani)

faciundis.

5 Vix(it) an(nis) VIII, m(ensibus) V,

d(iebus) VII, hor(is) V[- - -].

A(ulus) Egrilius Heliad[es et]

Egrilia P[- - -]

filio p[iissimo].

  • 29 Sijpesteijn 1996, p. 286-288, nr. 7, tav. VIII, 7.
  • 30 Caldelli 2014, p. 109-110.

34Già edita da P.J. Sijpesteijn,29 faceva parte di una collezione privata olandese di recente alienata. La sua importanza, a livello documentario, risiede soprattutto nel fatto che il testo della seconda iscrizione, quella sulla destra, ci chiarisce, come ha sottolineato M.L. Caldelli,30 la modalità di nomina all’interno del collegio dei sacerdoti minori di Vulcano, modalità in qualche modo confermata anche dall’iscrizione che abbiamo visto in apertura di questa rassegna. Viene datata tra II e III sec. d.C.

358. Nei cataloghi di Christie’s abbiamo trovato invece una lastra di loculo (cm 33,2 × 27,7), da una collezione privata inglese, venduta nell’asta tenutasi a Londra il 1 ottobre 2015. Il testo dell’iscrizione è il seguente:

D(is) M(anibus).

Marcus

Marco

filio fecit.

  • 31 Sijpesteijn 1990, p. 237.

36Pubblicata anch’essa da P.J. Sijpesteijn31, è stata riferita ad Ostia dall’editore sulla base delle notizie avute dai proprietari dell’epoca. Può essere data, su base paleografica, al I-II sec. d.C.

  • 32 Charles Ede 2015, nr. 19.

379. AE 2007, 301 = EDR105931 del 12/11/2010 (M.L. Caldelli). L’ultimo pezzo ritrovato è la bella ara funeraria di C. Vettius Anicetus, venduta recentemente dalla galleria d’arte londinese Charles Ede che ne dichiarava la provenienza da una collezione privata americana.32 L’iscrizione, che si sviluppa su quindici righe, recita:

C(aius) Vettius

C(ai) l(ibertus) Anicetus

quinq(uennalis) fabrum

navalium

5 fecit sibi et

Otaciliae

Ampliatae

coniugi sanctissimae

C(aio) Vettio C(ai) f(ilio) Vot(uria) Anicetiano,

10 C(aio) Vettio C(ai) f(ilio) Vot(uria) Otaciliano,

Vettiae C(ai) f(iliae) Olympiadi,

C(aio) Vettio Olympico

libertis libertabusque post(erisque) eor(um).

In fr(onte) p(edes) (---) in agr(o) p(edes) (---).

15 vivont (!).

  • 33 Tran – Loriot 2009.
  • 34 Ivi, p. 248-249; Cébeillac-Gervasoni – Zevi 2010, p. 166.

38Già edita da N. Tran e X. Loriot33 e ripresa successivamente da M. Cébeillac-Gervasoni e F. Zevi nel contributo dedicato alle tribù di Ostia, può datarsi al II sec. d.C. ed è interessante soprattutto perchè documenta l’ascrizione alla tribù Voturia per due personaggi, C(aius) Vettius Anicetianus e C(aius) Vettius Otacilianus, figli di C. Vettius Anicetus, che in un’altra iscrizione, la NSA 7, 1953, nr. 43, sono detti invece della Collina.34

Appendice. Iscrizioni ostiensi inedite in un museo americano

39Chiudiamo questa breve rassegna con un recentissimo, duplice avvistamento effettuato sul sito web di un insospettabile museo americano, il Sam Noble Museum of Natural History di Norman, in Oklahoma. Il Museo, nonostante quello che si porebbe pensare dal nome, conserva anche una piccola ma interessantissima collezione di antichità classiche, frutto di donazioni da parte di alcuni privati.

40Tra i vari reperti, il database della collezione, completamente digitalizzata, restituisce anche due frammenti epigrafici, raccolti in un campo nei dintorni di Ostia nel 1954 dai coniugi Dennis e donati al Museo nel 1987, almeno a quanto ho appreso dalla Dott.ssa S. Allen, curatrice della collezione archeologica che ha gentilmente messo a disposizione le foto dei due pezzi per questa occasione.
Ecco i testi presenti nelle due lapidi (fig. 8-9):

Fig. 8 – Frammento di iscrizione.

Fig. 8 – Frammento di iscrizione.

Courtesy of Sam Noble Museum of Natural History (Norman, OK) ©.

41Frammento nr. 1 (cm 27 × 33 × 2,5; Inv. 1987/2/01)

- - - - - -

[- - - coniugi] carissim[-]

[- - - libertis lib]ertabusque

[--- poster]isque eorum.

Fig. 9 – Frammento di iscrizione.

Fig. 9 – Frammento di iscrizione.

Courtesy of Sam Noble Museum of Natural History (Norman, OK) ©.

42Frammento nr. 2 (cm 15 × 8,5 × 2; Inv. 1987/2/02)

- - - - - -

[- - -]N+[- - -]

[- - - con]iug[i? - - -]

[- - -] et +[- - -]

- - - - - -

43I due frammenti, pertinenti a due titoli funerari, paleograficamente databili al I e II sec. d.C. e di poco interesse epigrafico e storico, documentano, in ogni caso, anche con la loro collocazione così inaspettata, quale sia il grado di dispersione del patrimonio epigrafico, purtroppo non solo ostiense e non solo nei canali non ufficiali.

44Per fortuna, le nuove tecnologie permettono ora un recupero parziale – e quasi sempre solo virtuale – di questi importanti documenti attraverso uno strumento, quello del web, dove moderno e antico sembrano felicemente convivere.

Haut de page

Bibliographie

Benedetti – Crimi – Ferraro 2017 = L. Benedetti, G. Crimi, A. Ferraro, Antichità vere e false in internet: cinerari iscrititi da siti web di case d’asta e gallerie d’arte internazionali, in SEBarc, 15, 2017, p. 69-99.

Caldelli 2014 = M.L. Caldelli, Fasti dei sacerdoti del culto di Vulcano a Ostia, in MEFRA, 121-1, 2014, p. 95-115.

Caldelli – Slavich 2015 = M.L. Caldelli, C. Slavich, Fasti di un collegio ostiense a Civitavecchia e altri inediti, in ZPE, 195, 2015, p. 259-273.

Calza 1938 = G. Calza, Sepolcreto lungo la Via Laurentina, in NSA, 1938, p. 26-74.

Cébeillac-Gervasoni – Zevi 2010 = M. Cébeillac-Gervasoni, F. Zevi, Le tribù di Ostia, in M. Silvestrini (a cura di), Le tribù romane. Atti della XVI rencontre sur l’épigraphie, Bari, 2010, p. 161-170.

Charles Ede 2015 = Charles Ede, Catalogue 190, Londra, 2015, nr. 19.

Christies’s 2011 = Christies’s, Collection Jean-Philippe Mariaud de Serres, Auction in Paris, 16-17 February 2011, Parigi, 2011.

Demougin 1988 = S. Demougin, L’ordre équestre sous les Julio-Claudiens, Roma, 1988 (CEF, 108).

Herdejürgen 1996 = H. Herdejürgen, Die dekorativen römischen Sarkophage. T. 2, Stadtrömische und italische Girlandensarkophage, Fasz. 1, Die Sarkophage des ersten und zweiten Jahrhundert, Berlino, 1996 (Die antiken Sarkophagreliefs, VI, 2, 1).

Kajanto 1965 = I. Kajanto, The Latin Cognomina, Helsinki, 1965 (Commentationes Humanarum Litterarum, 36,2).

Koch 1975 = G. Koch, Die mythologischen Sarkophage. Meleager, Berlino, 1975 (Die antiken Sarkophagreliefs, XII, 6) .

Licordari 1977 = A. Licordari, Considerazioni sull’onomastica ostiense, in H.G. Pflaum, N. Duval (a cura di), L’onomastique latine. Atti del convegno internazionale, Parigi, 1977, p. 239-245.

Marchesini 2014 = R. Marchesini, Sacra Peregrina ad Ostia e Porto: Mithra, Iuppiter, Sabazius, Iuppiter Dolichenus, Iuppiter Heliopolitanus, tesi di dottorato, XXV Ciclo, Sapienza Università di Roma, a.a. 2012/2013, Roma, 2014. https://goo.gl/YWS7Zn (URL consultato il 04/04/2019)

Meiggs 1973 = R. Meiggs, Roman Ostia, Oxford, 1973 (2a ed.).

Royal Athena Galleries 2012 = Royal Athena Galleries, Art of the Ancient World XXIII, New York-Londra, 2012.

Salomies 1992 = O. Salomies, Adoptive and polyonymous nomenclature in the Roman empire, Helsinki, 1992 (Commentationes Humanarum Litterarum, 97).

Salomies 2002 = O. Salomies, People in Ostia: some onomastic observations and comparisons with Rome, in Chr. Bruun, A. Gallina Zevi (a cura di), Ostia e Portus nelle loro relazioni con Roma, Roma, 2002 (Acta Instituti Romani Finlandiae, 27), p. 135-160.

Sijpesteijn 1990 = P.J. Sijpesteijn, Lateinische Grabinschriften II, in ZPE, 81, 1990, p. 237-242.

Sijpesteijn 1996 = P.J. Sijpesteijn, Lateinische Grabinschriften IV, in ZPE, 111, 1996, p. 283-288.

Solin – Salomies 1994 = H. Solin, O. Salomies, Repertorium nominum gentilium et cognominum Latinorum, Hildesheim, 1994 (2a ed.).

Sotheby’s 2006 = Sotheby’s, Egyptian, Classical, and Western Asiatic antiquities, auction in New York, 6 December 2006, New York, 2006.

Sotheby’s 2013 = Sotheby’s, Egyptian, Classical, and Western Asiatic antiquities, auction in New York, 12 December 2013, New York, 2013.

Sotheby’s 2015 = Sotheby’s, Bernheimer, evening sale, auction in London, 24 November 2015, Londra, 2015.

Teatini 2011 = A. Teatini, Repertorio dei sarcofagi della Sardegna romana, Roma, 2011 (Bibliotheca Archaeologica, 48).

Tran – Loriot 2009 = N. Tran, X. Loriot, C. Vettius Anicetus, quinquennalis des charpentiers de marine, in MEFRA, 121-1, 2009, p. 241-253.

Zevi 1970 = F. Zevi, Nuovi documenti epigrafici sugli Egrili ostiensi, in MEFRA, 82, 1970, p. 289-308.

 

Haut de page

Notes

1 Benedetti – Crimi – Ferraro 2017.

2 Ringrazio dunque l’organizzazione del Convegno nella persona della Prof.ssa M. Cébeillac-Gervasoni per l’opportunità di presentarli in questa sede e la Prof.ssa M.L. Caldelli, con la quale ho discusso diversi punti di questo intervento. Viva gratitudine vorrei esprimere anche alle case d’asta, gallerie d’arte e altre istituzioni che, con grande disponibiltà, hanno gentilemente concesso le immagini dei pezzi qui presentati e i necessari permessi di studio: Bonhams 1793 Limited (London), Royal Athena Galleries (New York, NY), Sotheby’s Inc. (London), Sam Noble Museum of Natural History (Norman, OK).

3 L’urna è stata pubblicata anche in Benedetti – Crimi – Ferraro 2017, p. 72-75, nr. 1 = EDR158068 del 07/10/2017 (A. Ferraro).

4 Salomies 1992, p. 26-30.

5 Su Malius come gentilizio cfr. Solin – Salomies 1994, p. 111. Su Pulcher come cognomen, invece, Kajanto 1965, p. 231.

6 Sulla Palatina a Ostia cfr. Cébeillac-Gervasoni – Zevi 2010, p. 167-169. Sugli Aulii Egrili ostiensi cfr. invece soprattutto Licordari 1977, p. 242 e Salomies 2002, p. 139; ma anche Zevi 1970, passim; Meiggs 1973, p. 503-507 e passim; Caldelli 2014, passim; Caldelli – Slavich 2015, passim. Sul culto di Vulcano a Ostia e i sacerdozi ad esso collegato cfr. in generale Meiggs 1973, p. 337-343 e passim.

7 Per una lista aggiornata degli edili e dei pretori di Vulcano cfr. Caldelli 2014, p. 103-109.

8 Caldelli 2014, p. 101.

9 Ivi, p. 104-105 e p. 107-108.

10 Cn. Turpilius Cn.f. Turpilianus (CIL XIV, 3 = ILS, 3299 = EDR147034 del 28/01/2015 [R. Marchesini]) e P. Lucilius Gamala Iunior (CIL XIV, 376 = EDR143921 del 27/10/2014 [R. Marchesini]). Cfr. Caldelli 2014, p. 104.

11 Su questo punto cfr. da ultimo ancora Caldelli 2014, p. 102.

12 Deduzione basata anche sulla mancanza di altre cariche nel cursus del defunto. È noto, del resto, che gli edili e i pretori del culto di Vulcano venivano scelti tra i rampolli della nobiltà ostiense.

13 CIL XIV, 257 = EDR143821 del 24/10/2014 (R. Marchesini); CIL XIV, 1289 = EDR146356 del 12/01/2015 (R. Marchesini); CIL XIV, 1189 = EDR162570 del 11/05/2017 (R. Marchesini); CIL XIV, 1290 = EDR165225 del 14/11/2017 (R. Marchesini); CIL XIV, 1291 = EDR165226 del 14/11/2017 (R. Marchesini); CIL XIV, 1292 = EDR165227 del 14/11/2017 (R. Marchesini); CIL XIV, 1555 = EDR158671 del 10/07/2016 (R. Marchesini); CIL XIV, 4598b + CIL XIV, 5365a = EDR110177 del 10/11/2011 (R. Marchesini); CIL XV, 1260, 1; AE 2001, 680 = EDR021067 del 28/04/2008 (R. Marchesini);

14 Un Aulus Egrilius Agathopus ricorre anche in CIL XIV, 959 = EDR145735 del 17/12/2014 (R. Marchesini). Si tratta, probabilmente, di un omonimo del nostro.

15 CIL XIV, 4560, 1-3 = EDR111036 + EDR111038 + EDR111039 del 19/12/2011 (R. Marchesini).

16 Sotheby’s 2013, p. 69, nr. 48.

17 Per i sarcofagi con questo tipo di rilievo e per il loro inquadramento cronologico cfr. Koch 1975.

18 Su questo problema cfr. Demougin 1988, p. 205-207.

19 Un altro omonimo, e probabilmente discendente del nostro, è ricordato anche in CIL XIV, 352 = ILS 6149 = EDR164814 del 08/11/2017 (R. Marchesini) come duovir quinquennalis censoria potestate insieme al collega Quintus Veturius Firmius Felix Socrates per l’anno 251 d.C. Cfr. Marchesini 2014, p. 226-227, nt. 570, con bibliografia precedente.

20 Cfr. Salomies 2002, p. 146 e 157 e Marchesini 2014, p. 226, nt. 569, per la presenza dei Lucii Florii ad Ostia.

21 Cfr. Caldelli 2014, p. 104.

22 CIL VI, 615, CIL VI, 692, cfr. p. 3006, 3757 = EDR159996 del 3/12/2016 (S. Meloni), CIL VI, 26547, CIL VI, 27775 (p. 3534), CIL VI, 27776, CIL VI, 27777, CIL VI, 27778, CIL VI, 27782 = EDR029455 del 15/07/2012 (G. Crimi), CIL VI, 27784 = EDR123129 del 01/10/2012 (G. Crimi), CIL VI, 27785 (p. 3534).

23 Sotheby’s 2015, nr. 4. Il pezzo è stato edito da ultimo in Herdejürgen 1996, p. 133-134, nr. 90, con bibliografia precedente.

24 Salomies 2002, p. 144 e 152.

25 Royal Athena Galleries 2012, p. 24, nr. 31; cfr. Christies’s 2011, p. 121, nr. 333. Sulla biografia di J.-P. Mariaud de Serres cfr. Christie’s 2011, p. 3.

26 Cfr. per esempio Teatini 2011, p. 94-96.

27 Calza 1938, p. 71, nr. 36.

28 Sotheby’s 2006, p. 56, nr. 58.

29 Sijpesteijn 1996, p. 286-288, nr. 7, tav. VIII, 7.

30 Caldelli 2014, p. 109-110.

31 Sijpesteijn 1990, p. 237.

32 Charles Ede 2015, nr. 19.

33 Tran – Loriot 2009.

34 Ivi, p. 248-249; Cébeillac-Gervasoni – Zevi 2010, p. 166.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 – Urna di A. Egrilius Malis Pulcher.
Crédits Photograph Courtesy of Sotheby’s, Inc. © 2006.
Titre Fig. 2 – Sarcofago di L. Florius Florentinus.
Crédits Photograph Courtesy of Sotheby’s, Inc. © 2013.
Titre Fig. 3 – Ara funeraria di Cn. Turpilius Ametystus.
Crédits Foto da: https://goo.gl/​9mC2jr
Titre Fig. 4 – CIL XIV, 1445.
Crédits Photograph Courtesy of Sotheby’s, Inc. © 2015.
Titre Fig. 5 – CIL XIV, 1821 [pars] = CLE 563.
Crédits Courtesy of Royal-Athena Galleries, New York, NY©.
Titre Fig. 6 – AE 1939, 150.
Crédits Photograph Courtesy of Bonhams 1793 ©.
Titre Fig. 7 – AE 1996, 304.
Crédits Photograph Courtesy of Sotheby’s, Inc. © 2006.
Titre Fig. 8 – Frammento di iscrizione.
Crédits Courtesy of Sam Noble Museum of Natural History (Norman, OK) ©.
Titre Fig. 9 – Frammento di iscrizione.
Crédits Courtesy of Sam Noble Museum of Natural History (Norman, OK) ©.
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Lucio Benedetti, « Epigrafi ostiensi nelle vendite all’asta o dagli antiquari », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité, 130-2 | -1, 351-359.

Référence électronique

Lucio Benedetti, « Epigrafi ostiensi nelle vendite all’asta o dagli antiquari », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 130-2 | 2018, mis en ligne le 03 septembre 2019, consulté le 19 septembre 2019. URL : http://journals.openedition.org/mefra/6169 ; DOI : 10.4000/mefra.6169

Haut de page

Auteur

Lucio Benedetti

lucio.benedetti@gmail.com

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals