Navigation – Plan du site
Studi ostiensi. Quarto seminario
Varia

Un nuovo rilievo fittile con scena di mestiere dalla Necropoli dell’Isola Sacra

Franca Taglietti
p. 395-398

Résumés

Si presenta un nuovo rilievo fittile, proveniente dalla tomba 33 della necropoli di Porto all’Isola Sacra che rappresenta la vendita di tessuti all’interno di una bottega. Il rilievo si aggiunge ai numerosi altri rilievi con scene di mestiere attestati nella necropoli e documenta una nuova attività.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 Baldassarre et al. 1996, p. 135-136. In generale sulla necropoli Calza 1940; sulle ricerche e sugl (...)
  • 2 Tombe n. 29, 30, 78, 100, due rilievi sporadici dalla necropoli (Calza 1940, p. 247-257), tomba A (...)

1Il rilievo fittile proviene dalla tomba 33 della necropoli di Porto all’Isola Sacra; rinvenuto nel 1975, nel corso di scavi dell’Università di Roma La Sapienza condotti sotto la direzione di Ida Baldassarre, tra il materiale di crollo che riempiva una forma pavimentale, è rimasto finora inedito (fig. 1).1 Il nuovo esemplare viene ad aggiungersi, documentando una nuova attività, al consistente gruppo di rilievi fittili con scene di mestiere, collocati sulle facciate delle tombe ai lati dell’epigrafe, ben attestati nella necropoli: oltre a questo in esame se ne conoscono infatti altri tredici provenienti da sette tombe diverse.2 La tomba in cui è stato rinvenuto, databile alla fine del II-inizi III sec. d.C., è conservata solo per una piccola parte dell’alzato; la pertinenza ad essa del rilievo, sebbene assai plausibile, non è quindi del tutto sicura.

Fig. 1 – Necropoli di Porto all’Isola Sacra. Pianta del lato occidentale.

Fig. 1 – Necropoli di Porto all’Isola Sacra. Pianta del lato occidentale.

In grigio le tombe di età traianea-adrianea, in verde quelle di età antonina, in rosso quelle di età severiana.

Da Baldassarre 1987.

2Si conserva solo la parte inferiore di una lastra in argilla nocciola chiara, poco depurata, mutila anche sulla sinistra (37 × 19,5 cm), riquadrata da una modanatura; il margine superiore risulta tagliato probabilmente per un reimpiego del pezzo. Sulla destra è rappresentata una figura maschile, conservata fino al torace, vestita di una corta tunica, nell’atto di mostrare un tessuto aperto; davanti a lei è una seconda figura, forse seduta, di cui resta solo una piccola parte del braccio e della mano destra che va a toccare la stoffa e parte della gamba piegata. La scena è ambientata all’interno di una taberna: il tessuto è steso in maniera di essere ben visibile da parte del potenziale cliente, che con ogni probabilità dobbiamo riconoscere nella figura seduta; la stoffa scende a toccare il piano di una sorta di bancone di forma quadrangolare probabilmente di legno, rappresentato in maniera dettagliata, che si imposta su quattro bassi piedi. Il mobile è raffigurato con una prospettiva ribaltata che permette di fornire allo spettatore un numero elevato di informazioni: è reso visibile infatti sia il lato decorato con un motivo circolare centrale, sia quello contiguo in cui sembrano indicati con linee incise in maniera irregolare scansie o cassetti (fig. 2). La scena è resa in maniera rapida e corsiva e viene messa in evidenza in forma molto schematica l’attività che si vuole rappresentare.

Fig. 2 – Tomba 33: rilievo fittile con scena di vendita di tessuti.

Fig. 2 – Tomba 33: rilievo fittile con scena di vendita di tessuti.

Foto I. Baldassarre.

  • 3 Sulla tomba Calza 1940, p. 303-304. Sui rilievi Calza 1940, p. 251-253, n. 40-41; Floriani Squarci (...)
  • 4 Calza 1940, p. 255-256, n. 45-46; Floriani Squarciapino 1956-1958, p. 192-193, n. 9-10; Zimmer 198 (...)

3Attività commerciali all’interno di tabernae nella necropoli sono raffigurate nei rilievi della tomba 29: una lastra fittile sulla facciata della camera sepolcrale rappresenta un personaggio che lavora su un bancone a forma di mola (arrotino?); sulla facciata del recinto, che si addossa intorno al 180 d.C. alla camera sepolcrale preesistente, si trovano ai lati dell’iscrizione altri due rilievi con scene relative alla produzione e alla vendita in bottega di utensili metallici (fig. 3);3 ancora la raffigurazione di botteghe per la vendita rispettivamente di olio e di vino è stata riconosciuta in due rilievi sporadici dal sepolcreto, ma evidentemente attribuibili alla stessa tomba, poiché in ambedue compare l’iscrizione che menziona un Lucifer.4

Fig. 3 – Tomba 29: rilievi fittili con scene di produzione (a) e vendita (b) di utensili metallici sulla facciata del recinto ai lati dell’iscrizione (inv. n. 14259-14260).

Fig. 3 – Tomba 29: rilievi fittili con scene di produzione (a) e vendita (b) di utensili metallici sulla facciata del recinto ai lati dell’iscrizione (inv. n. 14259-14260).

Archivio Fotografico del Parco Archeologico di Ostia Antica, neg. n. CD 32-03 e CD 32-04.

  • 5 In generale sulla organizzazione della produzione tessile da ultimo Vicari 2001; per un elenco del (...)

4Il rilievo qui presentato raffigura, come già detto, una vendita di stoffe all’interno della bottega. Nell’organizzazione della produzione e della commercializzazione dei tessuti intervengono molti personaggi con funzioni diverse:5 la vendita diretta dal produttore al consumatore doveva essere molto diffusa, ma i commercianti potevano anche rivendere un prodotto realizzato da altri sia sul mercato locale sia su quello a medio/lungo raggio; tra essi potevano esserci anche proprietari o conduttori di piccole tabernae; è del tutto verosimile, sulla base del confronto con quanto avviene nelle altre tombe, ipotizzare la presenza di un’altra lastra fittile a lato dell’iscrizione sulla facciata della stessa camera sepolcrale, che poteva anche raffigurare un’altra fase della stessa attività, ad esempio quella relativa alla produzione di stoffe o alla realizzazione di vesti.

  • 6 Solin 1975, p. 28-30; in generale sulla topografia delle attività artigianali, Morel 1987.
  • 7 Si vedano ad esempio i rilievi marmorei alla Galleria degli Uffizi: Zimmer 1982, p. 124 e 127, n.  (...)
  • 8 Erano invece addetti al guardaroba del loro padrone e non personaggi coinvolti nella produzione o (...)

5A Roma sono documentati in iscrizioni funerarie vestiarii, le cui tabernae sembrano concentrate soprattutto nella zona del VelabrumVicus Tuscus;6 a differenza di quanto avviene in altre aree – ad esempio nella Cisalpina e nella Gallia Belgica – i personaggi coinvolti in questa attività sono per lo più di origine libertina. Il termine vestiarius però mantiene un certo margine di ambiguità: è infatti ancora questione aperta se con questo termine ci si riferisca solo a commercianti di abiti confezionati, oppure anche di tessuti per l’abbigliamento e/o per l’arredamento7 e se fossero personaggi connessi esclusivamente al mondo del commercio, sia questo su larga scala o al dettaglio, o anche a quello della produzione.8

6Al momento, nel materiale epigrafico sia ostiense sia portuense, non risulta in ogni caso alcuna attestazione di vestiarii; ugualmente, nonostante la grande frequenza di rappresentazioni di mestieri, non sono finora note scene di produzione o compravendita di tessuti. Per l’estrazione libertina i vestiariii sarebbero comunque ben coerenti con il tessuto sociale degli utenti della necropoli, costituito da una abbastanza omogenea classe media di artigiani e commercianti connessi all’abitato del porto e alle attività che ruotano intorno ad esso.

  • 9 Sono menzionati solamente l’archiatra Q. Marcius Demetrius, il cui nome compare nella importante i (...)
  • 10 Floriani Squarciapino 1956-1958 e 1961-1962.
  • 11 Baratta 2009.

7L’attività del defunto non compare quasi mai nelle iscrizioni della necropoli;9 la maggior parte delle informazioni sulle attività svolte da coloro che utilizzavano il sepolcreto proviene per lo più proprio dai rilievi fittili posti ai lati della iscrizione in facciata, che integrano le informazioni fornite dal testo scritto e funzionano quindi non come illustrazione, ma come completamento di quanto detto nell’epigrafe, secondo una modalità di comunicazione che sembra contraddistinguere la necropoli di Porto: M. Floriani Squarciapino ha raccolto anni fa i mattoni scolpiti ostiensi10 che risultano essere una produzione locale peculiare, attestata soprattutto nella necropoli dell’Isola Sacra; solo episodicamente ad Ostia, come pure in pochi altri ambiti, i rilevi sono utilizzati in contesti non sepolcrali. Per forma, materiale, tecnica di lavorazione, e in generale per l’uniformità del linguaggio e per i soggetti, i rilievi fittili portuensi trovano confronti soprattutto in insegne di bottega, che dovevano in maniera immediatamente comprensibile indicare la natura dei locali commerciali e delle merci in vendita ed avere quindi una funzione che potremmo dire di informazione pubblicitaria; applicate per lo più alla facciata dell’edificio, dovevano poi servire a individuare le attività che si svolgevano nei vari locali, dei quali, attirando l’attenzione dei clienti, rendevano più facile l’identificazione;11 l’uso del colore, documentato anche nei rilievi portuensi, poteva render più rapida e immediata la comprensione del messaggio.

  • 12 Calza 1940, p. 248.
  • 13 Baratta 2009, p. 269-270; Morbidoni 2017, p. 261 s.; Scagliarini – Coralini 2017, p. 247.

8I proprietari delle tombe non solo utilizzano quindi una modalità di comunicazione loro usuale nell’ambito lavorativo, ma ne riprendono anche con l’uso delle tabelle fittili l’aspetto ‘formale’. Già Guido Calza nell’edizione della necropoli12 proponeva che i rilievi fossero una vera e propria ripetizione delle insegne di botteghe appartenute ai defunti ed è stata anche poco plausibilmente avanzata l’ipotesi che in qualche caso si possa trattare di un vero e proprio reimpiego nel sepolcro delle stesse insegne,13 reimpiego che non risulta però allo stato attuale in alcun modo documentabile.

9Il nuovo rilievo con vendita di tessuti si aggiunge quindi alle numerose lastre fittili con scene di mestiere della necropoli con le quali viene data una rapida e sintetica presentazione della identità sociale del proprietario dell’edificio sepolcrale, nella costruzione della quale gioca un ruolo fondamentale il lavoro; è infatti mezzo attraverso il quale ci si procurano le risorse economiche necessarie all’edificazione di una tomba destinata alla conservazione della memoria, ma è anche strumento mediante il quale ogni individuo che sia stato capace di svolgere nel modo migliore e con successo qualunque compito gli sia toccato in vita, ottiene una sorta di eroizzazione.

Haut de page

Bibliographie

Baldassarre 1987 = I. Baldassarre, La necropoli dell’Isola Sacra, Porto, in H. von Hesberg, P. Zanker (a cura di), Römische Gräberstrassen. Selbstdarstellung - Status - Standard, Kolloquium in München vom 28. bis 30. Oktober 1985, Monaco, 1987, p. 125-138.

Baldassarre et al. 1996 = I. Baldassarre, I. Bragantini, C. Morselli, F. Taglietti, Necropoli di Porto. Isola Sacra, Roma, 1996.

Baldassarre et al. 2018 = I. Baldassarre, I. Bragantini, A.M. Dolciotti, C. Morselli, F. Taglietti, Necropoli dell’Isola Sacra. Le ricerche 1968-89: ripercorrendo un’esperienza, in M. Cébeillac- Gervasoni, N. Laubry, F. Zevi (a cura di), Ricerche su Ostia e il suo territorio, Atti del terzo Seminario Ostiense (Roma, École française de Rome, 21-22 ottobre 2015) (CEF, 553). https://books.openedition.org/efr/3690

Baratta 2009 = G. Baratta, La “bonne adresse”, Trovare una attività artigianale o commerciale in città, in M.G. Angeli Bertinelli, A. Donati (a cura di), Opinione pubblica e forme di comunicazione a Roma: il linguaggio dell’epigrafia, Atti del Colloquio AIEGL-Borghesi 2007, Faenza, 2009, p. 257-276.

Calza 1928 = G. Calza, Rinvenimenti nell’Isola Sacra, in NSA, 1928, p. 133-175.

Calza 1940 = G. Calza, La necropoli del Porto di Roma nell’Isola Sacra, Roma, 1940.

Floriani Squarciapino 1956-1958 = M. Floriani Squarciapino, Piccolo corpus dei mattoni scolpiti ostiensi, in BCAR, 76, 1956-1958, p. 183-204.

Floriani Squarciapino 1961-1962 = M. Floriani Squarciapino, Piccolo corpus dei mattoni scolpiti ostiensi II, in BCAR, 78, 1961-1962, p. 112-115.

Helttula 2007= A. Helttula (a cura di), Le iscrizioni sepolcrali latine dell’Isola Sacra Roma, 2007 (Acta Instituti Romani Finlandiae, 30).

Morbidoni 2017 = P.L. Morbidoni, Il commercio e l’artigianato nelle raffigurazioni e nelle testimonianze epigrafiche ostiensi, in S. Santoro (a cura di), Emptor e mercator. Spazi e rappresentazioni del commercio romano, Bari, 2017, p. 255-269.

Morel 1987 = J.-P. Morel, La topographie de l’artisanat et du commerce dans la Rome antique, in L’Urbs. Espace urbain et histoire (Ier siècle avant J.-C.-IIIe siècle après J.-C.), Roma, 1987, p. 127-155.

Ozcárez Gil 2008 = P. Ozcárez Gil, Identificación de dos locales de distribución de vino y aceite en relieves de Isola Sacra (IPO A 169A = ISLIS 305; IPO A 169B = ISLIS 306), dans ETF(hist), 21, 2008, p. 235-254.

Scagliarini – Coralini 2017 = D. Scagliarini, A. Coralini, Caveat emptor, caveat mercator. La rappresentazione del rapporto compratore-venditore nella cultura figurativa romana, in S. Santoro (a cura di), Emptor e mercator. Spazi e rappresentazioni del commercio romano, Bari, 2017, p. 245-253.

Solin 1975 = H. Solin, Epigraphische Untersuchungen in Rom und Umgebung, III. Die Inschriften Sammlung des Convento dei Padri Marianisti, Via Latina 22, Helsinki, 1975 (Annales Academiae scientiarum Fennicae B, 192).

Vicari 2001 = F. Vicari, Produzione e commercio dei tessuti nell’Occidente romano, Oxford, 2001 (BAR International series, 916).

Zimmer 1982 = G. Zimmer, Römische Berufsdarstellungen, Berlino, 1982 (Archäologische Forschungen, 12).

Haut de page

Notes

1 Baldassarre et al. 1996, p. 135-136. In generale sulla necropoli Calza 1940; sulle ricerche e sugli scavi successivi Baldassarre et al. 2018, con tutta la bibliografia ivi raccolta in Appendice.

2 Tombe n. 29, 30, 78, 100, due rilievi sporadici dalla necropoli (Calza 1940, p. 247-257), tomba A di Calpurnia L. f. Ptolemais e L. Calpurnius Ianuarius e tomba H nell’area dell’Opera Nazionale Combattenti (Calza 1928, p. 145-147; Floriani Squarciapino 1956-1958, p. 193 s, n. 11-12; p. 194, n. 13).

3 Sulla tomba Calza 1940, p. 303-304. Sui rilievi Calza 1940, p. 251-253, n. 40-41; Floriani Squarciapino 1956-1958, p. 186-189, n. 3-5; Zimmer 1982, p. 183-185, n. 117-119.

4 Calza 1940, p. 255-256, n. 45-46; Floriani Squarciapino 1956-1958, p. 192-193, n. 9-10; Zimmer 1982, p. 217-218, n. 175-176; Ozcárez Gil 2008 e per le iscrizioni Helttula 2007, p. 310-312, n. 305-306.

5 In generale sulla organizzazione della produzione tessile da ultimo Vicari 2001; per un elenco delle iscrizioni e delle raffigurazioni relative alla produzione e al commercio di stoffe a Roma, in part. p. 88-89 e 115.

6 Solin 1975, p. 28-30; in generale sulla topografia delle attività artigianali, Morel 1987.

7 Si vedano ad esempio i rilievi marmorei alla Galleria degli Uffizi: Zimmer 1982, p. 124 e 127, n. 38-39.

8 Erano invece addetti al guardaroba del loro padrone e non personaggi coinvolti nella produzione o commercializzazione di vesti i vestiarii di status servile.

9 Sono menzionati solamente l’archiatra Q. Marcius Demetrius, il cui nome compare nella importante iscrizione dalla tomba 106 realizzata con lettere in bronzo, il coactor, C. Marcius Rufus dalla tomba n. 131 e il tabellarius Maternus Aug. libertus che compare nella iscrizione del cassone 96: Helttula 2007, p. 172-183, in part. p. 174-75, n. 149, p. 217-219, n. 191; p. 148-49, n. 127.

10 Floriani Squarciapino 1956-1958 e 1961-1962.

11 Baratta 2009.

12 Calza 1940, p. 248.

13 Baratta 2009, p. 269-270; Morbidoni 2017, p. 261 s.; Scagliarini – Coralini 2017, p. 247.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 – Necropoli di Porto all’Isola Sacra. Pianta del lato occidentale.
Légende In grigio le tombe di età traianea-adrianea, in verde quelle di età antonina, in rosso quelle di età severiana.
Crédits Da Baldassarre 1987.
Titre Fig. 2 – Tomba 33: rilievo fittile con scena di vendita di tessuti.
Crédits Foto I. Baldassarre.
Titre Fig. 3 – Tomba 29: rilievi fittili con scene di produzione (a) e vendita (b) di utensili metallici sulla facciata del recinto ai lati dell’iscrizione (inv. n. 14259-14260).
Crédits Archivio Fotografico del Parco Archeologico di Ostia Antica, neg. n. CD 32-03 e CD 32-04.
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Franca Taglietti, « Un nuovo rilievo fittile con scena di mestiere dalla Necropoli dell’Isola Sacra », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité, 130-2 | -1, 395-398.

Référence électronique

Franca Taglietti, « Un nuovo rilievo fittile con scena di mestiere dalla Necropoli dell’Isola Sacra », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 130-2 | 2018, mis en ligne le 03 septembre 2019, consulté le 19 septembre 2019. URL : http://journals.openedition.org/mefra/6262 ; DOI : 10.4000/mefra.6262

Haut de page

Auteur

Franca Taglietti

Sapienza Università di Roma – franca.taglietti@uniroma1.it

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals