Navigation – Plan du site
Studi ostiensi. Quarto seminario
Varia

Vetri e indicatori di produzione vetraria a Ostia e a Porto

Barbara Lepri et Lucia Saguì
p. 399-409

Résumés

Oltre agli esemplari più significativi, un tempo esposti nel Museo ostiense, lo studio presenta una prima ricognizione degli indicatori di produzione vetraria messi in luce principalmente negli scavi dei progetti DAI-AAR, Università di Augsburg, BSR-Università di Southampton condotti a Ostia e a Portus. Materiali e strutture produttive consentono di individuare un’attività vetraria sia a Ostia che a Portus nella prima metà del III secolo. A Ostia la produzione è testimoniata ancora tra la fine del IV e la prima metà del V secolo.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 Per quanto riguarda le necropoli ostiensi, che non figurano nella pianta, si vedano Floriani Squar (...)
  • 2 Ostia I, p. 68-80, amb IV, strato unitario: fine II-metà III secolo (M.P. Moriconi); Ostia II, p.  (...)

1Le nostre conoscenze sul panorama vetrario ostiense sono ancora molto carenti. Anche se i reperti vitrei degli scavi più recenti vengono ormai quasi regolarmente pubblicati (fig. 1), non si tratta di studi sistematici.1 La sola eccezione è rappresentata dal lavoro pionieristico edito nei volumi sugli scavi delle Terme del Nuotatore che, considerando gli anni in cui fu realizzato, rappresenta ancora un caposaldo per lo studio del vetro ostiense soprattutto di età flavia e di fine II-inizi del III secolo.2

Fig. 1 – Ubicazione dei siti dei quali sono stati pubblicati i reperti vitrei.

Fig. 1 – Ubicazione dei siti dei quali sono stati pubblicati i reperti vitrei.

1. Foro (regio I): Lepri – Magyar c.s.; 2. Foro della Statua Eroica (regio I): Lepri – Magyar c.s.; 3. Palestra delle Terme del Foro (regio I): Lepri – Magyar c.s.; 4. Taberna dell’Invidioso-Piazzale delle Corporazioni, portico Ovest (regio II): Carta – Pohl – Zevi 1978; 5. Palazzo Imperiale (regio III): Santa Maria Scrinari et al. 1988; 6. Insula delle Ierodule (regio III): Mattiuzzo 2014; 7. Casa delle Pareti Gialle (regio III): Zevi – Pohl 1970; 8. Taberna dei Pescivendoli e Insula (regio IV): Rottloff 2000; 9. Domus dei Pesci (regio IV): Zevi et al. 2004-2005; 10. Terme del Nuotatore (regio V): Ostia I-IV; 11. Basilica di Pianabella: Sternini 1999; 12. Longarina: Rivello 2002.

  • 3 Martin – Heinzelmann 2000; Martin et al. 2002.
  • 4 Kockel – Ortisi 2000.
  • 5 Keay – Earl – Felici 2011.
  • 6 Un sincero ringraziamento alla dott.ssa Paola Olivanti e alle signore Adriana Orlando e Patrizia T (...)

2La possibilità di studiare nei mesi scorsi i vetri rinvenuti nei 37 saggi condotti nelle regiones III, IV e V dal Deutsches Archäologisches Institut Rom e dall’American Academy in Rome,3 negli scavi dell’Università di Augsburg nell’isolato del Macellum4 (fig. 2), in quelli della British Academy at Rome a Portus, nell’area del Palazzo Imperiale (fig. 3),5 e di accedere ai depositi e alla documentazione ostiensi, grazie alla disponibilità della dott.ssa Paola Germoni e dei suoi collaboratori,6 ci ha stimolato ad intraprendere una ricerca il cui raggio si è andato progressivamente allargando, anche se ancora molto resta da indagare.

Fig. 2 – Saggi DAI-AAR ● e Università di Augsburg, con localizzazione del forno ✽.

Fig. 2 – Saggi DAI-AAR ● e Università di Augsburg, con localizzazione del forno ✽.

Rielaborazione da Martin et al. 2002, p. 262, fig. 2.

Fig. 3 – Portus, area del Palazzo Imperiale.

Fig. 3 – Portus, area del Palazzo Imperiale.

Da Keay 2012, p. 40, fig. 2.5.

  • 7 Calza – Floriani Squarciapino 1962, p. 101-102; Pavolini 1991, p. 189-190, fig. 75.
  • 8 Listelli di questo tipo, databili tra I secolo a.C. e I secolo d.C. e probabilmente prodotti in Eg (...)
  • 9 I bolli greci su bottiglie di questo tipo sono molto rari in Occidente: del bollο ΖΗΘΟΣ sono noti (...)
  • 10 Per una sintesi sull’annoso dibattito a proposito del significato del bollo sul fondo di contenito (...)
  • 11 Non si tratta dei più noti bolli che riproducono un conio monetale con effigie imperiale, databili (...)
  • 12 Per questo gruppo di vetri, databili tra la seconda metà del III e il IV secolo si vedano Hill – N (...)
  • 13 L’esemplare ostiense, riferibile ad un tipo diffuso e probabilmente prodotto nel III secolo in are (...)
  • 14 Floriani Squarciapino 1952 e 1952/1953-1953/1954, p. 256, fig. 1; Caron 1993, p. 54, n. 7; Caron 1 (...)
  • 15 Sulla diffusione del culto di Iside anche a Ostia fino all’età tardoantica si vedano Shepherd 1997 (...)
  • 16 Rottloff 2001, in particolare p. 133-143, Werkstatt A.
  • 17 Saguì 1996.
  • 18 Maiorano – Paroli 2013. Questi esemplari sono pubblicati da diversi studiosi: si vedano per tutti (...)
  • 19 Floriani Squarciapino 1976.
  • 20 Si veda, solo a titolo esemplificativo, il mosaico che decorava uno degli ambienti più importanti (...)

3Sulla base di questi contesti e di quelli editi in modo più o meno sistematico possiamo proporre un primo quadro tipocronologico delle forme documentate a Ostia e a Porto dal I al VI secolo, che rispecchia pienamente quello meglio conosciuto di Roma (fig. 4-6). Non ci soffermeremo sulle singole forme, ma cogliamo l’occasione per aggiungere a questo schema gli esemplari più particolari un tempo esposti nella sala X del Museo Ostiense,7 attualmente purtroppo non più accessibili, che abbiamo potuto recuperare nella nostra ricognizione. Si tratta di una placchetta in vetro a due strati (quello inferiore blu, quello superiore azzurro opaco) con immagine a rilievo di grifo e di due listelli in vetro mosaico con decorazione floreale (fig. 7),8 di due fondi di bottiglie quadrangolari, uno verdeazzurro con bollo greco ΖΗΘΟС, con Z retrograda, e l’immagine di un elefante in movimento verso destra,9 l’altro verde chiaro con bollo in latino [E]X OFIC[INA] / N[---]10 e del fondo di un bicchiere o flacone incolore con marchio in negativo raffigurante una testa virile laureata di profilo a sinistra (fig. 8),11 di una bottiglia in vetro bianco opaco, a corpo cilindrico, caratterizzato da una rara e raffinata decorazione vegetale ottenuta con l’applicazione di sottili filamenti blu e incolori, di un bicchiere e di un calice incolori, con decorazione a filamenti applicati di un tipo più comune, di una forma aperta, probabilmente uno skyphos incolore riferibile ad un raro gruppo caratterizzato da iscrizioni beneauguranti greche o latine, rese in alto rilievo – nel nostro caso si conservano le lettere NK12 – e di un unguentario incolore, soffiato in matrice, a testa gianiforme (fig. 9).13 Tra gli esemplari più tardi, databili tra la fine del III e il IV secolo, segnaliamo, inoltre, quattro fondi d’oro: uno, relativo ad un bicchiere con pareti a depressioni, con iscrizione ben leggibile IVLIA / FRVCTA / BIBE; uno, pertinente ad un piatto o coppa con piede a listello applicato, con iscrizione PROCVLEIAN / EGAVDEAS; uno con due colombe affiancate appena leggibili e iscrizione DIC̣[- - -]; uno con iscrizione [-]N[-] / VIT[-]; inoltre un fondo di grande coppa o piatto con piede applicato e decorazione, dipinta tra due strati di vetro, raffigurante una scena di venatio nella quale un personaggio che l’abbigliamento connota come un gladiatore è sopraffatto da un orso e in alto l’iscrizione ZESES (fig. 10). Tra i vetri tardoantichi esposti nel museo figurano infine due esemplari decorati con incisioni: una coppa con rappresentazione di Cristo nimbato recante la croce monogrammata, tra una palma e un cesto con pani, rinvenuta nella domus del Protiro (fig. 11, in alto),14 e un frammento di coppa della cui decorazione si conservano solo parte di un basso edificio a cupola e la metà superiore di una figura forse identificabile con Iside, poiché la testa sembra caratterizzata da parrucca e basileion, ridotto ad una semplice abrasione triangolare (fig. 11, in basso).15 I due esemplari sono realizzati da due atelier diversi, con ogni probabilità urbani, attivi intorno alla metà/seconda metà del IV secolo, i cui prodotti sono attestati per la maggior parte a Roma. La tecnica impiegata dal primo atelier è generalmente definita a rilievo negativo, in quanto le asportazioni di vetro più o meno ampie e profonde, realizzate all’esterno, risaltano plasticamente se viste dall’interno, il lato dell’osservazione, poiché si tratta quasi sempre di forme aperte.16 Il secondo atelier rinuncia al modellato plastico, abbandonando l’organicità e la correttezza formale a favore di un trattamento non naturalistico: la decorazione è realizzata con linee sottili e spezzate per i profili delle figure e alcuni particolari, e con abrasioni per campire l’interno.17 Al primo atelier si riferiscono anche la serie dei vetri incisi rinvenuti a Porto, nel cd. Xenodochio di Pammachio, ora basilica portuense18 e nelle aree limitrofe, e un esemplare da Ostia (scavi GIGOM) (fig. 12). Al secondo atelier va invece attribuita la coppa che rappresenta il riscatto del corpo di Ettore, rinvenuta in lavori di sterro nell’Isola Sacra, presso S. Ippolito,19 il cui recente disegno consente ora di appezzare meglio molti particolari (fig. 13). In questo esemplare è rappresentata, con mezzi molto semplici ma capaci di raggiungere una forte concentrazione emotiva, la scena del riscatto del corpo di Ettore: una delle scene più toccanti dell’Iliade, che fin dal VI secolo a.C. ha ispirato ceramografi e toreuti e che, come molti altri temi del ciclo troiano, ebbe notevole fortuna nell’imagerie tardoantica, nell’ambito della quale i temi classici rivivono e rivestono un ruolo culturale importante.20

Fig. 4 – Principali forme documentate a Ostia e a Portus tra la fine del I secolo a.C. e il II secolo d.C.

Fig. 4 – Principali forme documentate a Ostia e a Portus tra la fine del I secolo a.C. e il II secolo d.C.

Disegno B. Lepri.

Fig. 5 – Principali forme documentate a Ostia e a Portus tra il II e gli inizi del IV secolo d.C.

Fig. 5 – Principali forme documentate a Ostia e a Portus tra il II e gli inizi del IV secolo d.C.

Disegno B. Lepri.

Fig. 6 – Principali forme documentate a Ostia e a Portus tra il tardo III e il VI secolo d.C.

Fig. 6 – Principali forme documentate a Ostia e a Portus tra il tardo III e il VI secolo d.C.

Disegno B. Lepri.

Fig. 7 – Placchetta a due strati, inv. 5182 e listelli con decorazione floreale, inv. 5191 a sin., 5337 a d.

Fig. 7 – Placchetta a due strati, inv. 5182 e listelli con decorazione floreale, inv. 5191 a sin., 5337 a d.

Foto B. Lepri.

Fig. 8 – Fondi di bottiglie quadrangolari con bollo greco, inv. 5219 e latino, inv. 5394 e fondo di bicchiere o flacone con marchio, inv. 5539.

Fig. 8 – Fondi di bottiglie quadrangolari con bollo greco, inv. 5219 e latino, inv. 5394 e fondo di bicchiere o flacone con marchio, inv. 5539.

Foto B. Lepri.

Fig. 9 – Da sin. a d. e dall’alto in basso: bottiglia decorata con filamenti applicati, inv. 5532, bicchiere e calice decorati con filamenti applicati, inv. 5392 e 5391, skyphos con iscrizione in alto rilievo, inv. 5395, unguentario a testa gianiforme, inv. 5168.

Fig. 9 – Da sin. a d. e dall’alto in basso: bottiglia decorata con filamenti applicati, inv. 5532, bicchiere e calice decorati con filamenti applicati, inv. 5392 e 5391, skyphos con iscrizione in alto rilievo, inv. 5395, unguentario a testa gianiforme, inv. 5168.

Foto B. Lepri.

Fig. 10 – Fondi d’oro, inv. da sin. a d. e dall’alto in basso: 5181, 5529, 5531, 5202; fondo con decorazione dipinta, inv. 5180.

Fig. 10 – Fondi d’oro, inv. da sin. a d. e dall’alto in basso: 5181, 5529, 5531, 5202; fondo con decorazione dipinta, inv. 5180.

Foto B. Lepri.

Fig. 11 – In alto coppa in vetro inciso con raffigurazione di Cristo, inv. 5201; in basso coppa in vetro inciso raffigurante forse Iside, inv. 562.

Fig. 11 – In alto coppa in vetro inciso con raffigurazione di Cristo, inv. 5201; in basso coppa in vetro inciso raffigurante forse Iside, inv. 562.

Disegno L. Saguì.

Fig. 12 – Piatto in vetro inciso da Ostia, scavi GIGOM, inv. 12693.

Fig. 12 – Piatto in vetro inciso da Ostia, scavi GIGOM, inv. 12693.

Disegno L. Saguì.

Fig. 13 – Coppa in vetro inciso con raffigurazione del riscatto del corpo di Ettore, inv. 18867.

Fig. 13 – Coppa in vetro inciso con raffigurazione del riscatto del corpo di Ettore, inv. 18867.

Disegno L. Saguì.

4Dunque, molte sono le forme di vetro note a Ostia e Porto, tutte attestate anche a Roma, dove esisteva certamente una fiorente produzione. Ma è mai esistita una produzione di vetro a Ostia? Si tratta di un argomento del quale finora non ci si era mai occupati, anche perché mancavano elementi per suffragare l’esistenza di un’attività artigianale di questo tipo e, tutto sommato, si è sempre data per scontata la provenienza del vetro ostiense da Roma.

5Grazie ai recenti lavori ai quali abbiamo accennato possiamo ora rispondere alla domanda: a Ostia e a Porto, almeno tra il III secolo e la metà del V, si è lavorato il vetro. Ce lo dicono gli indicatori di produzione, che sono numerosi e di vario tipo. Cosa intendiamo per indicatori di produzione, oltre naturalmente ai forni, ai quali accenneremo in seguito? Passiamoli brevemente in rassegna, illustrando il materiale ostiense. I colletti sono il principale elemento diagnostico della soffiatura, una tecnica che, ricordiamo, si diffonde in Occidente a partire dalla metà del I secolo d.C. Come indica il termine, i colletti sono i resti del vetro che aderisce alla canna nel momento in cui il recipiente viene soffiato; dopo che il recipiente è stato staccato dalla canna e prima di procedere alla soffiatura di un nuovo contenitore, il colletto viene eliminato con un colpo secco e purtroppo si riduce spesso in frammenti. I colletti possono avere due forme: cilindrica (cylindrical moil) o a coperchio (lid moil) (fig. 14). Quelli cilindrici sono lo scarto di forme soffiate tout court, perché, una volta staccato dalla canna, il recipiente poteva essere lavorato lasciando l’imboccatura stretta o allargandola, mentre quelli a coperchio sono il risultato di forme aperte, perché il distacco veniva fatto più in basso, in modo da corrispondere proprio all’apertura del recipiente. Il problema nell’identificazione di questi indicatori sta nel fatto che, ad un occhio inesperto, i colletti del primo tipo possono essere scambiati per colli di unguentari, magari un po’ più rozzi, quelli del secondo tipo, se considerati con la parte inferiore, più larga rivolta verso l’alto, per orli di coppe.

Fig. 14 – Colletti di forma cilindrica (1) e a coperchio (2).

Fig. 14 – Colletti di forma cilindrica (1) e a coperchio (2).

Rielaborazione da Amrein 2001, p. 23, fig. 12.

6Altri indicatori sono le masse di vetro grezzo destinate alla fusione, che le officine acquistavano in pezzi di varia grandezza, e vari materiali derivanti dalla lavorazione, quali gocce, provini (gocce che terminanti con un prolungamento molto sottile, esito del test di viscosità fatto dall’artigiano sul vetro in fusione) e filamenti risultanti dall’applicazione di elementi decorativi.

7È chiaro che un colletto, una goccia, un provino non rappresentano da soli un elemento dirimente ai fini dell’identificazione di un atelier in quanto, trattandosi tra l’altro di materiali di piccole dimensioni, potrebbero derivare da riporti effettuati anche da zone lontane. Tuttavia, quando gli indicatori sono molteplici e differenziati, tracciando l’intero ciclo produttivo o una sua buona parte, costituiscono una testimonianza forte della presenza di officine nell’area. È questo il caso, per Ostia, delle regiones III e V, più sporadicamente IV e, per Portus, dell’area del cosiddetto Palazzo Imperiale.

8A Ostia i sondaggi più proficui dal nostro punto di vista sono quello relativo al n. 23 della fig. 2 e, in minore misura, a quelli circostanti. Nella fig. 15 vediamo una selezione degli indicatori più significativi e meglio leggibili rinvenuti in queste aree e in quella dell’officina nei pressi del Palazzo Imperiale a Portus.

Fig. 15 – Indicatori di produzione da Ostia (a sin.) e da Portus (a d.).

Fig. 15 – Indicatori di produzione da Ostia (a sin.) e da Portus (a d.).

Foto B. Lepri.

9Sia nel caso di Ostia che in quello di Portus i dati stratigrafici e le caratteristiche intrinseche del vetro consentono di riferire le attività produttive più antiche e più intense alla prima metà del III secolo. E in entrambi i casi i siti con maggiori testimonianze mostrano anche una interessante coincidenza topografica: a Ostia siamo nella regio III, nell’area del porto fluviale e del cosiddetto Palazzo Imperiale, a Portus nell’area, anche qui, del cosiddetto Palazzo Imperiale, e sempre lontano dalle aree più abitate, come si addice agli impianti che fanno uso di fuoco.

10Un accenno, adesso, ai forni. Gli indicatori di produzione, se diversificati e concentrati come nei casi ai quali abbiamo accennato, dovrebbero presupporre la presenza di almeno un forno. Nei sondaggi dell’American Academy e del Deutsches Archäologisches Institut non sono stati rinvenuti forni, anche se abbiamo qualche resto di strutture relative alle arti del fuoco, ma va sottolineato che si tratta di sondaggi di piccole dimensioni. Quando gli scavi sono fatti in estensione le probabilità sono ovviamente maggiori: è questo il caso di Portus, dove appunto, in associazione con più di 1 kg di indicatori (il peso, in questi casi, ha la sua importanza), sono stati rinvenuti i resti di un forno della prima metà del III secolo.

11Un altro caso fortunato di associazione tra indicatori di produzione e forno ci riporta a Ostia, ma ad un periodo successivo. Siamo infatti tra la fine del IV e la prima metà del V secolo, non più nella regio III ma nella V.

  • 21 Lo scavo è ancora inedito. Notizie preliminari sono nei siti web https://www.philhist.uni-augsburg (...)
  • 22 Saguì 2007, p. 219, fig. 3-4.
  • 23 CIL XV, I, 371. Ringraziamo la collega Franca Taglietti per la non facile identificazione.
  • 24 Rottloff 2000.
  • 25 Verità – Santopadre – Lepri c.s.
  • 26 Lepri c.s.

12Nell’insula tra la taberna dei Pescivendoli e il Macellum gli scavi dell’Università di Augsburg, condotti da Valentin Kockel e Salvatore Ortisi tra il 1997 e il 2000, hanno portato alla luce un forno21 le cui modeste dimensioni (cm 30 × 66) non devono stupire, poiché in queste strutture si svolgeva una lavorazione di tipo secondario, che utilizzava masse di vetro ottenute da una fusione preliminare delle materie prime. Questa fusione, che chiamiamo appunto primaria, avveniva in forni di tutt’altro tipo e in impianti enormi, prevalentemente distribuiti sulla costa siro-palestinese e in Egitto. Un confronto, vicino anche cronologicamente a quello di Ostia, è il forno rinvenuto a Roma, nell’esedra della Crypta Balbi.22 Per questa piccola struttura è stata possibile la conservazione in situ, grazie ad una copertura che protegge l’intera esedra, mentre il forno di Ostia, che si sarebbe deteriorato in breve tempo, è stato rimosso e depositato in magazzino. La datazione del forno del Macellum risulta dai dati stratigrafici; non rilevante è il bollo sul laterizio che costituisce la base del prefurnio, relativo alle figlinae Oceanae Maiores (età severiana).23 Numerosi scarti e indicatori di produzione (oltre 300) erano concentrati nell’area circostante la struttura.24 La loro recente analisi indica che l’officina si approvvigionava da due diversi siti levantini e dall’Egitto, che non utilizzava vetro riciclato, al contrario di quanto avveniva comunemente in questo periodo, e che il vetro grezzo veniva tenuto distinto in base alla provenienza dai tre centri primari25. Resta dubbia la pertinenza a questo stesso forno di altri indicatori, rinvenuti in zone non lontane dall’area del Macellum, quali quelli provenienti dal Foro della Statua eroica e dal portico del Foro26 e del grande blocco di vetro grezzo da noi rinvenuto nel magazzino ostiense (fig. 16). Di quest’ultimo, le cui dimensioni sono veramente considerevoli, almeno secondo la nostra esperienza, così come il peso, pari a circa 3 kg, abbiamo potuto ricostruire la provenienza dal cortile del caseggiato del Larario, dunque non molto lontano dal forno del Macellum.

Fig. 16 – Blocco di vetro grezzo dal cortile del caseggiato del Larario, inv. 13871.

Fig. 16 – Blocco di vetro grezzo dal cortile del caseggiato del Larario, inv. 13871.

Foto B. Lepri.

13A questo punto potrebbe sorgere una domanda: è possibile risalire alle forme prodotte nei luoghi che abbiamo individuato? La risposta non è semplice in quanto gli oggetti difettosi, ma dai quali potremmo risalire ugualmente alle forme, venivano di norma rifusi nell’officina stessa. D’altra parte, quelli ben riusciti erano ovviamente avviati alla distribuzione. Nel caso di forme di uso comune, abbondanti sul sito, possiamo quindi più logicamente presumere una produzione locale. A Ostia le forme più diffuse nella media età imperiale sono quelle rappresentate alla fig. 5. Una felice eccezione a quanto abbiamo detto, cioè all’assenza di forme sia finite sia difettose in presenza di forni, è costituita dall’atelier di Portus. Qui le forme in assoluto più comuni nel II e III secolo, coppe o ollette e bicchieri in vetro incolore, come la maggior parte delle forme di questo periodo, lisci o con una semplicissima decorazione ottenuta con un filamento applicato, tutte forme di facile realizzazione, sono presenti con percentuali altissime, che superano il 90% rispetto al vetro rinvenuto. E qui abbiamo anche le stesse forme che, pur se in versioni difettose, devono essere fortunatamente sfuggite al riciclo (fig. 17).

Fig. 17 – Atelier di Portus: forme mal riuscite e possibili confronti con le forme più comuni nel II-III secolo.

Fig. 17 – Atelier di Portus: forme mal riuscite e possibili confronti con le forme più comuni nel II-III secolo.

Disegno e foto B. Lepri.

 

14Nonostante il nostro lavoro sia ancora in una fase iniziale, il quadro della produzione vetraria in ambito ostiense appare dunque molto promettente. Ci auguriamo che uno studio metodologicamente corretto sui reperti dei futuri scavi archeologici, unito a quello dei materiali conservati nei depositi, raramente segnalati se non per particolari aspetti estetici e altrimenti destinati all’oblio, possa dimostrarlo. I tempi per dedicare al vetro una maggiore attenzione sono del resto ormai maturi.

Haut de page

Bibliographie

Amrein 2001 = H. Amrein, L’atelier de verriers d’Avenches. L’artisanat du verre au milieu du Ier siècle après J.-C., Losanna, 2001.

Arslan 1997 = E.A. Arslan (a cura di), Iside. Il mito il mistero la magia, Milano, 1997.

Arveiller-Dulong – Nenna 2011 = V. Arveiller-Dulong, M.-D. Nenna, Les verres antiques du Musée du Louvre, III. Parures, instruments et éléments d’incrustation, Parigi, 2011.

Calza – Floriani Squarciapino 1962 = R. Calza, M. Floriani Squarciapino, Museo ostiense, Roma, 1962.

Caron 1993 = B. Caron, A roman figure-engraved glass bowl, in MetrMusJ, 28, 1993, p. 47-55.

Caron 1997 = B. Caron, Roman figure-engraved glass in the Metropolitan Museum of Art, in MetrMusJ, 32, 1997, p. 19-50.

Carta – Pohl – Zevi 1978 = M. Carta, I. Pohl, F. Zevi, Ostia. La taberna dell’Invidioso. Piazzale delle Corporazioni, Portico Ovest: saggi sotto i mosaici, Roma, 1978 (Notizie degli scavi di antichità, Suppl., 32).

CSMVA 1 = D. Foy, M.-D. Nenna (a cura di), Corpus des signatures et marques sur verres antiques 1. La France, Aix-en-Provence-Lione, 2006.

CSMVA 2 = D. Foy, M.-D. Nenna (a cura di), Corpus des signatures et marques sur verres antiques 2, Aix-en-Provence-Lione, 2006.

CSMVA 3 = D. Foy, M.-D. Nenna (a cura di), Corpus des signatures et marques sur verres antiques 3, Aix-en-Provence-Lione, 2011.

Floriani Squarciapino 1952 = M. Floriani Squarciapino, Coppa cristiana da Ostia, in BdA, 37, 1952, p. 204-210.

Floriani Squarciapino 1952/1953-1953/1954 = M. Floriani Squarciapino, Vetri incisi portuensi del Museo Sacro del Vaticano, in RPAA, 27, 1952/1953-1953/1954, p. 255-269.

Floriani Squarciapino 1961 = M. Floriani Squarciapino, Ostia. Scoperte in occasione di lavori stradali tra la via Guido Calza e la via dei Romagnoli, in NSA, 1961, p. 145-177.

Floriani Squarciapino 1976 = M. Floriani Squarciapino, Il riscatto del corpo di Ettore in un vetro portuense, in In memoria di Giovanni Becatti, Studi Miscellanei, 22, 1976, p. 73-83.

Foy 2015 = D. Foy, Les marques sur les récipients en verre découverts en Gaule. Indices de production et de relations commerciales (milieu du Ier s. - Ve s. apr. J.-C), in Gallia, 72-2, 2015, p. 351-401.

Fremersdorf 1975 = F. Fremersdorf, Antikes, Islamisches und Mittelalterliches Glas sowie kleinere Arbeiten aus Stein, Gagat und verwandten Stoffen in den Vatikanischen Sammlungen Roms, Città del Vaticano, 1975.

Goldstein 1979 = S.M. Goldstein, Pre-roman and early roman glass in the Corning Museum of Glass, Corning-New York, 1979.

Hill – Nenna 2003 = M. Hill, M.-D. Nenna, Glass from Ain et-Turba and Bagawat necropolis in the Kharga Oasis, Egypt, in Annales du 15e Congrès de l’Association Internationale pour l’Histoire du Verre, New York-Corning 2001, Nottingham, 2003, p. 88-92.

Keay – Earl – Felici 2011 = S. Keay, G. Earl, F. Felici, Excavations and survey at the Palazzo Imperiale 2007-9, in S. Keay, L. Paroli (a cura di), Portus and its hinterland: recent archaeological research, Londra, 2011, p. 67-91 (Archaeological Monographs of the British School at Rome, 18).

Keay 2012 = S. Keay (a cura di), Rome, Portus and the Mediterranean, Londra, 2012 (Archaeological Monographs of the British School at Rome, 21).

Kockel – Ortisi 2000 = V. Kockel, S. Ortisi, Ostia. Sogenanntes Macellum (VI 5,2). Vorbericht über die Ausgrabungen der Universität Augsburg 1997/98, in MDAI(R), 107, 2000, p. 351-363.

Lepri – Magyar c.s. = B. Lepri, Z. Magyar, The glass, in L. Lavan, M. Mulryan (a cura di), Public space in late antique Ostia: excavations and survey 2008-2012, c.s.

Maiorano – Paroli 2013 = M. Maiorano, L. Paroli (a cura di), La Basilica Portuense. Scavi 1991-2007, Firenze, 2013.

Martin – Heinzelmann 2000 = A. Martin, M. Heinzelmann, The joint AAR-DAI research project at Ostia: 1998 and 1999 seasons, in MAAR, 45, 2000, p. 277-283.

Martin et al. 2002 = A. Martin, M. Heinzelmann, E.C. De Sena, M.G. Granino Cecere, The urbanistic project on the previously unexcavated areas of Ostia (DAI-AAR 1996-2001), in MAAR, 47, 2002, p. 259-304.

Mattiuzzo 2014 = L. Mattiuzzo, Vetri, in S. Falzone, A. Pellegrino (a cura di), Scavi di Ostia XV, Insula delle Ierodule (c.d. casa di Lucceia Primitiva: III, IX, 6), Roma, 2014, p. 320-324.

Ostia I = Ostia I. Le Terme del Nuotatore. Scavo dell’ambiente IV, Roma, 1968 (Studi Miscellanei, 13).

Ostia II = Ostia II. Le Terme del Nuotatore. Scavo dell’ambiente I, Roma, 1970 (Studi Miscellanei, 16).

Ostia III = A. Carandini, C. Panella (a cura di), Ostia III. Le Terme del Nuotatore. Scavo degli ambienti III, VI, VII. Scavo dell’ambiente V e di un saggio nell’area SO, Roma, 1973 (Studi Miscellanei, 21).

Ostia IV = A. Carandini, C. Panella (a cura di), Ostia IV. Le Terme del Nuotatore. Scavo dell’ambiente XVI e dell’area XXV, Roma, 1978 (Studi Miscellanei, 23).

Pannuzi et al. 2006 = S. Pannuzi, F. Cenciotti, G. Bertolani, C. Villani, A. Moro, M. Tantucci, W.B. Pantano, A. Nava, L. Reno, G. Tartaglia, E. Civitelli, R. Piatti, L. Schifi, Ostia antica. Indagini archeologiche lungo la via Ostiense (Municipio XIII), in BCAR, 107, 2006, p. 192-216.

Pannuzi – Cenciotti 2007 = S. Pannuzi, F. Cenciotti, Le indagini archeologiche lungo la via Ostiense: i rinvenimenti dal Cineland alla stazione della ferrovia Roma-Lido di Ostia antica (prima tratta), in S. Pannuzi (a cura di), Necropoli ostiensi. Lo scavo archeologico per la costruzione della linea elettrica a 150 kV in cavi interrati Lido Vecchio-Casal Palocco, Ostia, 2007, p. 31-62.

Paroli 2013 = L. Paroli, Ricerche e studi sulla Basilica Portuense, in Maiorano – Paroli 2013, p. 1-7.

Pavolini 1991 = C. Pavolini, La vita quotidiana a Ostia, Bari, 1991.

Pellegrino 1984 = A. Pellegrino, Le necropoli pagane di Ostia e Porto, Roma, 1984 (Itinerari ostiensi, 5).

Pellegrino 1999 = A. Pellegrino (a cura di), Dalle necropoli di Ostia. Riti e usi funerari, Catalogo Mostra Ostia antica, Castello di Giulio II (marzo 1998-luglio 1999), Ostia, 1999.

Storia dell’Isola Sacra 1975 = Per la storia dell’Isola Sacra. Mostra dei rinvenimenti, Roma, 1975.

Rivello 2002 = E. Rivello, Nuove acquisizioni sul deposito della Longarina (Ostia antica), in MEFRA, 114-1, 2002, p. 421-449.

Robin 2017 = L. Robin, L’exceptionnelle verrerie d’un bûcher funéraire du IIIe siècle après J.-C. de Jaunay-Clan (Vienne, France), in Annales du 20e Congrès de l’Association Internationale pour l’Histoire du Verre, Fribourg/Romont, 2015, Romont, 2017, p. 152-159.

Rottloff 2000 = A. Rottloff, Gläser und Reste von Glasverarbeitung aus Ostia, in MDAI(R), 107, 2000, p. 365-373.

Rottloff 2001 = A. Rottloff, Spätantike Repräsentationskunst in Süddeutschland. Einige Überlegungen zu den Glasschliffschalen von Augsburg, Obernburg und Pfaffenhofen, in L. Bakker (a cura di), Augsburger Beiträge zur Archäologie, 3, Augsburg, 2001, p. 123-160.

Sacco 1984 = G. Sacco (a cura di), Iscrizioni greche d’Italia. Porto, Roma, 1984.

Saguì 1996 = L. Saguì, Un piatto di vetro inciso da Roma: contributo ad un inquadramento delle officine vetrarie tardoantiche, in M.G. Picozzi, F. Carinci (a cura di), Studi in memoria di Lucia Guerrini, Roma, 1996, p. 337-358 (Studi Miscellanei, 30).

Saguì 2007 = L. Saguì, Glass in late Antiquity: the continuity of technology and sources of supply, in L. Lavan, E. Zanini, A. Sarantis (a cura di), Technology in transition A.D. 300-650, Leiden-Boston, 2007, p. 211-231.

Santa Maria Scrinari et al. 1988 = V. Santa Maria Scrinari, A. Bagnera, G. Manna, L. Paesani, Ostia antica: il cosiddetto Palazzo Imperiale. Decorazioni musive, in S. Quilici Gigli (a cura di), Archeologia Laziale, IX, Roma, 1988, p. 185-194 (Quaderni del Centro di Studio per l’Archeologia Etrusco-Italica, 16).

Shepherd 1997 = E.J. Shepherd, Il culto di Iside a Ostia, in Arslan 1997, p. 324-325.

Stern 1995 = E.M. Stern, The Toledo Museum of Art. Roman mold-blown glass. The first through sixth centuries, Roma, 1995.

Sternini 1999 = M. Sternini, La diffusione dei vetri tardoantichi e altomedievali nell’Italia meridionale: confronti col materiale di Pianabella (Ostia), in C. Piccioli, F. Sogliani (a cura di), Il vetro in Italia meridionale e insulare, Atti del Primo Convegno Multidisciplinare, Napoli, 1998, Napoli, 1999, p. 55-60.

Taborelli 1982 = L. Taborelli, Vasi di vetro con bollo monetale (Note sulla produzione, la tassazione e il commercio degli unguenti aromatici nella prima età imperiale), in Opus, 1, 1982, p. 315-340.

Taborelli 1992 = L. Taborelli, Vasi di vetro con bollo monetale: addenda I, in Opus, 11, 1992, p. 93-100.

Taborelli c.s. = L. Taborelli, Formule, nomi e bolli su contenitori in vetro, in XIX Giornate Nazionali di Studio sul Vetro, Vercelli, 2017, c.s.

Verità – Santopadre – Lepri c.s. = M. Verità, P. Santopadre, B. Lepri, A late 4th-early 5th c. AD secondary glass workshop in Ostia. An analytical investigation, c.s.

Wilson 2016 = R.J.A. Wilson, Caddeddi on the Tellaro. A late Roman villa in Sicily and its mosaics, Lovanio-Parigi-Bristol, 2016 (BABesch, Suppl., 28).

Zevi 1997 = F. Zevi, Il cosiddetto “Iseo di Porto” e la sua decorazione, in Arslan 1997, p. 322-323.

Zevi – Pohl 1970 = F. Zevi, I. Pohl, Ostia (Roma). Casa delle Pareti Gialle, salone centrale. Scavo sotto il pavimento a mosaico, in NSA, Suppl. 1, 1970, p. 43-234.

Zevi et al. 2004-2005 = F. Zevi, R. Geremia Nucci, S. Falzone, L. Moreschini, A. Leone, M. Bruno, Ostia. Sondaggio stratigrafico in uno degli ambienti della domus dei Pesci (1995 e 1996), in NSA, 2004-2005, p. 21-327.

 

Haut de page

Notes

1 Per quanto riguarda le necropoli ostiensi, che non figurano nella pianta, si vedano Floriani Squarciapino 1961; Pannuzi et al. 2006; Pannuzi – Cenciotti 2007; Pellegrino 1984; Pellegrino 1999.

2 Ostia I, p. 68-80, amb IV, strato unitario: fine II-metà III secolo (M.P. Moriconi); Ostia II, p. 71-83, amb I, strato V: età flavia (M.P. Moriconi); Ostia III, p. 363-395, saggio area SO, strati V-I: I-IV secolo (M.P. Moriconi); Ostia IV, p. 81-85, amb XVI, strato II: decenni centrali del III secolo (I. Bragantini); p. 336-343, area XXV, strati V, IV, III: età flavia-II secolo (G. Capo).

3 Martin – Heinzelmann 2000; Martin et al. 2002.

4 Kockel – Ortisi 2000.

5 Keay – Earl – Felici 2011.

6 Un sincero ringraziamento alla dott.ssa Paola Olivanti e alle signore Adriana Orlando e Patrizia Tomei, che ci hanno guidato nei meandri dei magazzini e dei giornali di scavo ostiensi.

7 Calza – Floriani Squarciapino 1962, p. 101-102; Pavolini 1991, p. 189-190, fig. 75.

8 Listelli di questo tipo, databili tra I secolo a.C. e I secolo d.C. e probabilmente prodotti in Egitto, dovevano decorare piccole strutture architettoniche, mobili o cassette: per l’esemplare inv. 5337, a fondo blu, si vedano in particolare i listelli impiegati nella decorazione a intarsio di un cofanetto di tarda età tolemaica da Tebtynis: Arslan 1997, p. 63, II.32 (D. Spagnotto); v. anche Goldstein 1979, p. 215-216, n. 612-613, 617-618. Per l’esemplare inv. 5191, a fondo nero, decorato con palmette e fiori di loto: Arveiller-Dulong – Nenna 2011, p. 391, n. 646, proveniente dall’Italia (collezione Campana).

9 I bolli greci su bottiglie di questo tipo sono molto rari in Occidente: del bollο ΖΗΘΟΣ sono noti attualmente soltanto altri due esemplari, uno da Nîmes (CSMVA 1, p. 98, F-CAR.171, tav. 21), l’altro, che conserva solo l’immagine dell’elefante, da Vidauban (Var) (CSMVA 1, p. 98, F-CAR.159, tav. 19). Per un altro bollo più o meno coevo, con nome greco sormontante un animale esotico, in questo caso un dromedario, rinvenuto in un relitto provenzale datato agli inizi del II secolo, v. CSMVA 3, p. 86, F-CAR.328, tav. 10-11; p. 259, tav. 3 e Foy 2015, p. 365-366, fig. 13. Un altro fondo di bottiglia quadrangolare, frammentario, con bollo greco ZΩΣIMIΩNOΣ, disposto in cerchio, fu rinvenuto all’Isola Sacra, presso il ponte di Matidia: Storia dell’Isola Sacra 1975, p. 16, tav. 14, n. 26 (R. Righi); Sacco 1984, p. 116-117, n. 102. Le foto non sono affatto chiare e, non essendo stato possibile rintracciare il frammento, non si può escludere l’analogia con un esemplare tardoantico da Cipro con bollo ZΩCIMOY, anch’esso in circolo: CSMVA 1, p. 213, F.MUS.088, tav. 139 = CSMVA 2, p. 389 = CSMVA 3, p. 260, tav. 6.

10 Per una sintesi sull’annoso dibattito a proposito del significato del bollo sul fondo di contenitori vitrei si veda, da ultimo, Taborelli c.s.

11 Non si tratta dei più noti bolli che riproducono un conio monetale con effigie imperiale, databili dall’età neroniana alla fine del II secolo (Taborelli 1982 e 1992), ma di un marchio che sembra raffigurare la testa di un atleta (forse un pugile?).

12 Per questo gruppo di vetri, databili tra la seconda metà del III e il IV secolo si vedano Hill – Nenna 2003, p. 90, con bibliografia e, da ultimo, Robin 2017, p. 155-157.

13 L’esemplare ostiense, riferibile ad un tipo diffuso e probabilmente prodotto nel III secolo in area siro palestinese, sembra raffigurare due volti paffuti giovanili: Stern 1995, p. 232 sqq., cat. 149-156.

14 Floriani Squarciapino 1952 e 1952/1953-1953/1954, p. 256, fig. 1; Caron 1993, p. 54, n. 7; Caron 1997, p. 37-38, fig. 55; p. 40, n. 4.

15 Sulla diffusione del culto di Iside anche a Ostia fino all’età tardoantica si vedano Shepherd 1997 e Zevi 1997.

16 Rottloff 2001, in particolare p. 133-143, Werkstatt A.

17 Saguì 1996.

18 Maiorano – Paroli 2013. Questi esemplari sono pubblicati da diversi studiosi: si vedano per tutti Floriani Squarciapino 1952/1953-1953/1954 e Fremersdorf 1975, il cui catalogo presenta diverse imprecisioni. Per la provenienza dallo Xenodochio di Pammachio ci atteniamo quindi al lavoro della Floriani Squarciapino, segnalando tra parentesi i corrispondenti numeri del Fremersdorf: 783 (844), 783a (845), 785 (846), 789 (830), 791 (831), 784 (843), 790 (827), 786 (829), 787 (834). Gli esemplari sono conservati ai Musei Vaticani in quanto provenienti dagli scavi dei Torlonia, che li donarono a Pio IX insieme a molti altri reperti, comprese le suppellettili d’argento: Paroli 2013.

19 Floriani Squarciapino 1976.

20 Si veda, solo a titolo esemplificativo, il mosaico che decorava uno degli ambienti più importanti della Villa del Tellaro, in Sicilia, nel quale compare in primo piano la bilancia che mostra su un piatto 5 vasi d’oro e sull’altro il corpo irrigidito di Ettore: Wilson 2016, p. 43 sq.

21 Lo scavo è ancora inedito. Notizie preliminari sono nei siti web https://www.philhist.uni-augsburg.de/en/lehrstuehle/archaeologie/Forschung/Forschungsprojekte_Kockel/Ostia/ e http://www.fastionline.org/micro_view.php?fstcd=AIAC_465&curcol=sea_cd-AIAC_275

22 Saguì 2007, p. 219, fig. 3-4.

23 CIL XV, I, 371. Ringraziamo la collega Franca Taglietti per la non facile identificazione.

24 Rottloff 2000.

25 Verità – Santopadre – Lepri c.s.

26 Lepri c.s.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 – Ubicazione dei siti dei quali sono stati pubblicati i reperti vitrei.
Légende 1. Foro (regio I): Lepri – Magyar c.s.; 2. Foro della Statua Eroica (regio I): Lepri – Magyar c.s.; 3. Palestra delle Terme del Foro (regio I): Lepri – Magyar c.s.; 4. Taberna dell’Invidioso-Piazzale delle Corporazioni, portico Ovest (regio II): Carta – Pohl – Zevi 1978; 5. Palazzo Imperiale (regio III): Santa Maria Scrinari et al. 1988; 6. Insula delle Ierodule (regio III): Mattiuzzo 2014; 7. Casa delle Pareti Gialle (regio III): Zevi – Pohl 1970; 8. Taberna dei Pescivendoli e Insula (regio IV): Rottloff 2000; 9. Domus dei Pesci (regio IV): Zevi et al. 2004-2005; 10. Terme del Nuotatore (regio V): Ostia I-IV; 11. Basilica di Pianabella: Sternini 1999; 12. Longarina: Rivello 2002.
Titre Fig. 2 – Saggi DAI-AAR ● e Università di Augsburg, con localizzazione del forno ✽.
Crédits Rielaborazione da Martin et al. 2002, p. 262, fig. 2.
Titre Fig. 3 – Portus, area del Palazzo Imperiale.
Crédits Da Keay 2012, p. 40, fig. 2.5.
Titre Fig. 4 – Principali forme documentate a Ostia e a Portus tra la fine del I secolo a.C. e il II secolo d.C.
Crédits Disegno B. Lepri.
Titre Fig. 5 – Principali forme documentate a Ostia e a Portus tra il II e gli inizi del IV secolo d.C.
Crédits Disegno B. Lepri.
Titre Fig. 6 – Principali forme documentate a Ostia e a Portus tra il tardo III e il VI secolo d.C.
Crédits Disegno B. Lepri.
Titre Fig. 7 – Placchetta a due strati, inv. 5182 e listelli con decorazione floreale, inv. 5191 a sin., 5337 a d.
Crédits Foto B. Lepri.
Titre Fig. 8 – Fondi di bottiglie quadrangolari con bollo greco, inv. 5219 e latino, inv. 5394 e fondo di bicchiere o flacone con marchio, inv. 5539.
Crédits Foto B. Lepri.
Titre Fig. 9 – Da sin. a d. e dall’alto in basso: bottiglia decorata con filamenti applicati, inv. 5532, bicchiere e calice decorati con filamenti applicati, inv. 5392 e 5391, skyphos con iscrizione in alto rilievo, inv. 5395, unguentario a testa gianiforme, inv. 5168.
Crédits Foto B. Lepri.
Titre Fig. 10 – Fondi d’oro, inv. da sin. a d. e dall’alto in basso: 5181, 5529, 5531, 5202; fondo con decorazione dipinta, inv. 5180.
Crédits Foto B. Lepri.
Titre Fig. 11 – In alto coppa in vetro inciso con raffigurazione di Cristo, inv. 5201; in basso coppa in vetro inciso raffigurante forse Iside, inv. 562.
Crédits Disegno L. Saguì.
Titre Fig. 12 – Piatto in vetro inciso da Ostia, scavi GIGOM, inv. 12693.
Crédits Disegno L. Saguì.
Titre Fig. 13 – Coppa in vetro inciso con raffigurazione del riscatto del corpo di Ettore, inv. 18867.
Crédits Disegno L. Saguì.
Titre Fig. 14 – Colletti di forma cilindrica (1) e a coperchio (2).
Crédits Rielaborazione da Amrein 2001, p. 23, fig. 12.
Titre Fig. 15 – Indicatori di produzione da Ostia (a sin.) e da Portus (a d.).
Crédits Foto B. Lepri.
Titre Fig. 16 – Blocco di vetro grezzo dal cortile del caseggiato del Larario, inv. 13871.
Crédits Foto B. Lepri.
Titre Fig. 17 – Atelier di Portus: forme mal riuscite e possibili confronti con le forme più comuni nel II-III secolo.
Crédits Disegno e foto B. Lepri.
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Barbara Lepri et Lucia Saguì, « Vetri e indicatori di produzione vetraria a Ostia e a Porto », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité, 130-2 | -1, 399-409.

Référence électronique

Barbara Lepri et Lucia Saguì, « Vetri e indicatori di produzione vetraria a Ostia e a Porto », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 130-2 | 2018, mis en ligne le 03 septembre 2019, consulté le 18 septembre 2019. URL : http://journals.openedition.org/mefra/6506 ; DOI : 10.4000/mefra.6506

Haut de page

Auteurs

Barbara Lepri

Università degli Studi di Urbino, DISTUM– barbaralepri@gmail.com

Lucia Saguì

Sapienza Università di Roma – saguilucia@gmail.com

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals