Navigation – Plan du site
Studi ostiensi. Quarto seminario
Varia

Un accumulo di marmi di spoglio rinvenuti lungo la via Portuense antica in località Tenuta di Ponte Galeria

Matthias Bruno, Andrea Carbonara et Cinzia Morelli
p. 411-425

Résumés

Nell’area del Quartaccio, a Ponte Galeria, sondaggi archeologici preventivi alla realizzazione di Commercity-Autoporto e della Fiera di Roma tra il 1990 ed il 2009, hanno permesso di identificare il tracciato della via Campana diretta al Campus salinarum romanarum e conoscere il percorso della via Portuensis verso Portus. L’attraversamento di un’area soggetta ad attività idrotermale impose la costruzione di un viadotto che, tramite ponti arcuati, superava le depressioni del terreno. All’interno di una di queste è stato rinvenuto una grande quantità di frammenti marmorei, prevalentemente in pentelico, attribuibili ad elementi architettonici, rocchi e basi di colonna, di grandezze inaspettate. Le dimensioni eccezionali di questo materiale consentono di porlo in strettissima connessione con il Tempio di Giove Capitolino che, tra il I secolo a.C. e il I secolo d.C., subì ripetute distruzione e fu oggetto di immediate ricostruzioni.

Haut de page

Texte intégral

Le Vie Campana e Portuense antica: il contesto archeologico dei rinvenimenti

  • 1 Oggi Parco Archeologico di Ostia antica.
  • 2 Le campagne furono condotte tra il 1990 ed il 1996 in occasione dei lavori per la costruzione dell (...)
  • 3 Per una lunghezza totale di m 1.100 non continuativi.

1Tra il 1992 ed il 2009 sono state condotte dall’allora Soprintendenza per i Beni Archeologici di Ostia1 estese campagne di scavo nell’area del Quartaccio di Ponte Galeria, compresa tra l’autostrada Roma-Fiumicino ed il Tevere.2 Le indagini hanno permesso di riportare in luce un consistente tratto della via Portuense antica,3 contribuendo in maniera determinante alla conoscenza della viabilità in questo territorio in epoca repubblicana (via Campana) ed imperiale (via Portuensis) (fig. 1).

Fig. 1 – Carta delle presenze archeologiche: con la freccia azzurra è indicato il punto di rinvenimento dell’accumulo di marmi presso il ponte IX della via Portuense antica.

Fig. 1 – Carta delle presenze archeologiche: con la freccia azzurra è indicato il punto di rinvenimento dell’accumulo di marmi presso il ponte IX della via Portuense antica.

A. Carbonara, C. Morelli.

  • 4 Considerato che il presente contributo riguarda specificatamente il materiale marmoreo rinvenuto a (...)
  • 5 Nibby 1827, p. 29; Nibby 1848, p. 367-369; Lanciani 1888; Tomassetti 1900, p. 5, 12, 52-58; Ashby  (...)

2Pochi erano infatti, ad ovest del Rio Galeria, i dati noti relativamente al tracciato della via Portuensis, costruita in epoca traianea, e ancora meno quelli sul percorso di età repubblicana della sottostante via Campana,4 che raggiungeva il Campus salinarum Romanarum5 posto a nord del Tevere lungo l’antico Stagno di Maccarese.

  • 6 Nibby 1827, p. 27-28.

3Proprio per le esigue informazioni disponibili sull’andamento delle due strade, il percorso della via Portuense antica venne erroneamente identificato dagli studiosi del XIX e XX secolo con quello della via Portuense moderna, realizzata tra il 1822 ed il 1825; solo il Nibby6 vide e descrisse i resti del tracciato di epoca repubblicana ed imperiale, individuato nel punto in cui esso intercettava la via Portuense moderna correndo obliquamente rispetto ad essa.

  • 7 Arnoldus Huyzendveld et al. 2009, p. 618-619.
  • 8 La via Campana, nota dalle fonti storiche (Suet., Aug., 64) ed epigrafiche (CIL VI, 1610), è citat (...)
  • 9 Numerosi bolli laterizi raccolti negli strati di crollo delle strutture soprattutto in prossimità (...)
  • 10 Nibby 1827, p. 7-11, 18, 22-29, 56, 90; Tomassetti 1900, p. 5-7, 11, 19, 25, 33, 49; Ashby 1927, p (...)

4I recenti scavi hanno permesso di riportare in luce ed indagare ambedue i tracciati antichi evidenziando le tre principali fasi di vita di questa direttrice viaria. Come è noto,7 infatti, nel nostro territorio la realizzazione, in glareato, della via Campana8 è attribuibile ad un periodo compreso tra la fine del IV e la prima metà del III sec. a.C.; in epoca claudio-neroniana, contemporaneamente alla costruzione del primo porto imperiale, la via Campana subì estesi interventi di risistemazione e ripavimentazione, sempre in glareato, senza però che venissero apportate modifiche sostanziali nella struttura e nell’andamento; solo sotto il principato di Traiano9 fu progettata, al servizio del nuovo porto imperiale, la via Portuensis10 che correva, al di sopra della via Campana, su un monumentale viadotto.

  • 11 Tuccimei et al. 2007.

5L’area attraversata dalla via Campana e successivamente dalla via Portuensis si presentava piuttosto pianeggiante ma caratterizzata da diverse depressioni del terreno che rendevano il percorso particolarmente accidentato; inoltre all’interno delle depressioni erano presenti diverse risorgive e polle di acqua mineralizzata. Tali manifestazioni di attività idrotermale, connesse alla fuoriuscita di gas, impaludavano il terreno creando laghetti d’acqua «ribollente» circondati da vegetazione palustre11 e l’estensione areale del fenomeno, attivo già dal IX sec. a.C., era talmente ampia da non poter essere semplicemente «aggirata» dagli antichi assi viari.

  • 12 Larghezza totale m 6,80/7,00.
  • 13 I contrafforti distano tra loro da m 4,20 a m 4,50.
  • 14 L’ampiezza del tracciato carrabile, di circa m 5,30, consentiva il passaggio contemporaneo di due (...)

6Probabilmente contemporaneamente alla costruzione del Porto di Traiano, per rendere più agevole e funzionale il percorso in direzione di esso, fu realizzato il nuovo asse stradale, la via Portuensis, in sostituzione della preesistente via Campana. La nuova viabilità, adeguandosi alle problematiche condizioni del terreno fu realizzata su di un viadotto,12 sostruito da due muri di contenimento in cementizio con paramento in opera reticolata e tufelli, muniti di contrafforti esterni posti a distanze più o meno regolari13 e realizzati con la medesima tecnica edilizia (fig. 2). Il viadotto ingloba, mantenendone l’orientamento, la più antica via Campana sulla quale poggiano gli strati di preparazione della via Portuensis, costituiti da livelli di ghiaia intervallati a strati di terra limosa e pavimentati superiormente, almeno in alcuni tratti, da basoli.14

Fig. 2 – Veduta generale dello scavo di un tratto della via Portuense antica.

Fig. 2 – Veduta generale dello scavo di un tratto della via Portuense antica.

Archivio Parco Archeologico di Ostia antica.

7Nel tratto riportato in luce il viadotto è attraversato da quattordici ponti, posti a distanze irregolari e costruiti in fase con la strada, che attraversavano in quota le depressioni del terreno e permettevano il deflusso delle acque raccolte nelle depressioni stesse favorendone la dispersione nei terreni posti a nord del tracciato, sfruttando evidentemente la naturale pendenza del terreno da sud verso nord.

8Tutti i ponti sono caratterizzati da un unico fornice (fig. 3), ad eccezione dei ponti VIII e IX che ne hanno due, e presentano analoga struttura (ad eccezione del ponte IX). Sono caratterizzati da spalle in cementizio rivestite internamente da blocchi di tufo litoide disposti generalmente di testa e di taglio; al di sopra dei blocchi si imposta una volta a botte con costolature in laterizio rifinita in facciata da archi con ghiere, anch’esse in laterizio, di cui si conserva solo parte delle reni. Il piano di fondo del condotto di ogni fornice è costituito da una piattaforma cementizia legata ai due muri perimetrali di contenimento della strada.

Fig. 3 – Prospetto di uno dei ponti della via Portuense antica.

Fig. 3 – Prospetto di uno dei ponti della via Portuense antica.

Archivio Parco Archeologico di Ostia antica.

  • 15 Largo m 1,20-1,40.

9In un periodo successivo, a causa probabilmente di lesioni e collassamenti delle volte dei ponti, al centro di ogni condotto venne costruito un muro di spina in opera laterizia15 che poggiava direttamente sulla piattaforma di base lasciando aperti due canali laterali per il deflusso delle acque.

  • 16 Il ponte presenta una lunghezza di m 17.
  • 17 Larghi ognuno m 0,70 circa.

10Il ponte IX presenta caratteristiche difformi sia per dimensioni che per tipologia rispetto agli altri ponti; esso doveva superare una depressione particolarmente ampia e profonda e ciò rese necessaria la costruzione di una struttura di maggiori dimensioni,16 i cui resti, assai mal conservati, permettono solo di ipotizzare l’esistenza di almeno due fornici separati da una pila centrale in struttura piena, forse alleggerita da un occhione (fig. 4). Le fondazioni del ponte risultano caratterizzate da una struttura cementizia gettata in una cassaforma le cui impronte, su entrambi i lati, evidenziano l’uso di tavoloni verticali17 intervallati da fascine a chiudere gli interstizi.

Fig. 4 – Planimetria generale del ponte IX.

Fig. 4 – Planimetria generale del ponte IX.

Archivio Parco Archeologico di Ostia antica.

  • 18 Il bollo, di cui si sono rinvenuti diversi esemplari, è inedito e il dato cronologico è fornito da (...)

11Probabilmente a causa dell’attività idrotermale ed erosiva delle polle si resero necessari restauri e ricuciture del nucleo cementizio e del paramento: un primo intervento sulla struttura originaria di epoca traianea sembra databile già al 134 d.C., come attestano alcuni bolli laterizi rinvenuti nel riempimento della depressione ai lati del ponte.18 Sono testimoniati successivi e più consistenti interventi, tra cui almeno uno di epoca tarda che ha interessato il rifacimento del paramento nel settore centrale del ponte su entrambi i lati: la nuova cortina fu realizzata con filari di laterizi di riutilizzo poggianti su di una risega aggettante in blocchetti di tufo a loro volta poggianti sul nucleo cementizio della fondazione.

  • 19 Carbonara – Delle Sedie 2014, p. 148-149.
  • 20 I pali sono lunghi da m 1,60 a m 2,50 e presentano un diametro variabile da cm 6,5 a cm 12.
  • 21 Un’idea della tipologia del nostro ponteggio, di cui, come si è detto, si conserva solo il settore (...)

12Questo intervento comportò la messa in opera su entrambi i lati del ponte, all’interno della depressione, di una doppia palificata lignea che costituiva la struttura di base di un ponteggio: sul lato sud del ponte si sono evidenziate solo alcune impronte dei pali, mentre su quello nord si conservano 14 pali e l’impronta di almeno altri due (fig. 5).19 Un sondaggio condotto tra quattro pali ancora in posto ne ha evidenziato le dimensioni20 e la forma: essi presentano l’estremità inferiore appuntita per permettere una migliore penetrazione e presa nelle stratigrafie argillose-torbose delle depressioni, all’interno delle quali erano inseriti. Sulla sommità dei pali stessi e subito al di sotto dell’estremità superiore si sono riscontrati tagli e tracce di lavorazione, forse per l’inserimento di corde a sostegno di passerelle.21 Il ponteggio era ancorato alla piattaforma cementizia del ponte, dove si conservano ancora le impronte dell’inserimento di elementi lignei cui erano agganciati i pali.

Fig. 5 – Prospetto del lato nord del ponte IX: in numeri romani sono indicati i pali del ponteggio rinvenuto in aderenza al ponte.

Fig. 5 – Prospetto del lato nord del ponte IX: in numeri romani sono indicati i pali del ponteggio rinvenuto in aderenza al ponte.

Archivio Parco Archeologico di Ostia antica.

  • 22 Le analisi xilologiche sono state effettuate dalla Prof.ssa A. Celant.
  • 23 Le datazioni radiometriche sono state effettuate dal CEDAD (Centro di Datazione e Diagnostica) pre (...)

13Dai risultati delle analisi xilologiche effettuate su campioni lignei, si è riscontrato che i pali sono stati realizzati utilizzando prevalentemente querce caducifoglie, mentre due di essi sono stati ricavati da una quercia sempreverde e da un pruno selvatico.22 La datazione al radiocarbonio dei campioni prelevati da due pali oscilla tra il 210/230 ed il 540/560 d.C.23 Questa cronologia, messa a confronto con la tecnica costruttiva della cortina in filari di laterizi di riutilizzo con risega in tufelli rettangolari, confermerebbe una datazione piuttosto tarda.

14La via Portuensis subì nei secoli seguenti graduali e continue modifiche; gli originari tratti di pavimentazione in basoli di selce vennero asportati in maniera sistematica mettendo a nudo gli strati di preparazione, mentre le strutture perimetrali di contenimento subirono crolli e livellamenti. I ponti, i cui condotti erano stati progressivamente riempiti e sigillati da sedimenti limosi mescolati al materiale derivante dal crollo delle volte, persero la loro originaria funzione; le stesse depressioni poste intorno alla strada vennero anch’esse colmate da limo e detriti. La percorrenza sull’antico tracciato perse la sua linearità, deviando lungo percorsi che correvano all’interno ed all’esterno dell’antico viadotto, attraversando le antiche sostruzioni del viadotto le cui creste conservate recano ancora le tracce dei solchi dei carri.

15La colmatura delle depressioni a sud e a nord del ponte IX fu la stessa degli altri avvallamenti; in particolare sul lato nord del ponte insieme a strati di scaglie di tufo che si alternavano mescolandosi a sedimenti limosi e a strati di sabbia sono presenti laterizi, basoli in pietra lavica, frammenti di anfore Dressel 20 e numerosi frammenti di marmo, mentre alcuni blocchi di tufo erano adagiati lungo la sponda settentrionale e sul fondo della depressione.

  • 24 Archivio di Stato di Roma, Presidenza delle Strade, Catasto Alessandrino, mappa 433 bis II, Pianta (...)

16A seguito dei devastanti effetti causati dalle inondazioni nel 1530 e nel 1557, la via Portuensis fu definitivamente abbandonata ed i sedimenti fluviali trasportati dal Tevere ne sigillarono la struttura; ma il deposito alluvionale non dovette ricoprirla totalmente ed essa doveva essere ancora visibile in epoca successiva. Secondo un’ipotesi suggestiva, infatti, il nostro ponte IX, caratterizzato da notevoli dimensioni e da strutture poderose potrebbe essere identificato con il «Ponte rotto che segue passato P. Galeria» segnalato su una mappa del Catasto Alessandrino del 1660.24

I marmi dalla depressione del ponte IX

17Gli scavi della depressione settentrionale in corrispondenza del ponte IX della via Portuense hanno restituito una grande quantità di frammenti marmorei che sembravano costituire un gruppo unitario di elementi architettonici (fig. 6), in quanto su alcuni di questi si conservavano evidenti scanalature di colonna che avevano suggerito, in via del tutto preliminare, che il suddetto ponte potesse essere stato monumentalizzato con un arco. Questa suggestiva ipotesi ha determinato quindi la necessità di catalogare e studiare con particolare attenzione tutti i frammenti rinvenuti, che a un primo sguardo complessivo sembravano essere tuttavia quasi esclusivamente informi, molto corrosi e dilavati sia da un ipotetica usura, nonché dall’acqua delle polle presenti nella depressione medesima.

Fig. 6 – Panoramica dei frammenti marmorei recuperati nella depressione in corrispondenza del ponte IX della via Portuense antica.

Fig. 6 – Panoramica dei frammenti marmorei recuperati nella depressione in corrispondenza del ponte IX della via Portuense antica.

Archivio Parco Archeologico di Ostia antica.

  • 25 L’identificazione dei litotipi è stata effettuata macroscopicamente. Il pentelico, come è noto, è (...)

18Complessivamente sono stati catalogati 127 frammenti (tab. I), di cui la maggior parte è rappresentata inequivocabilmente da quelli in marmo pentelico, per un totale di 117 elementi, mentre altre qualità sono attestate in modo sporadico e spesso soltanto da un singolo elemento. Infatti il bardiglio delle Apuane, l’asiatico proconnesio e la particolare e rara breccia di Aleppo sono testimoniati da un unico manufatto, mentre il lunense di Carrara e il travertino di Tivoli sono rappresentati rispettivamente da quattro e tre frammenti.25 I manufatti in marmo pentelico hanno restituito inoltre la più ampia varietà tipologica, in quanto, anche se ben 76 frammenti sono informi e privi di qualsiasi superficie originaria rifinita, ben 24 elementi con una o più superfici attigue lavorate possono essere attribuiti genericamente a elementi architettonici non meglio identificati; 11 frammenti erano pertinenti a rocchi di colonna, di cui si conservano ancora tracce delle scanalature e di alcuni piani di posa o attesa. Sono attestati inoltre 3 lastroni frammentari oltre a singoli elementi di una base di colonna frammentaria, una lastra con elemento vegetale e una sottile lastra di architrave. Il bardiglio e la breccia di Aleppo sono attestati da singoli lastroni frammentari, come anche il lunense di Carrara, a cui si possono attribuire tuttavia anche un frammento informe e due altri pertinenti ad elementi architettonici non meglio identificati, tipologia presente anche nel travertino tiburtino a cui possiamo ascrivere anche un frammento di lastrone.

Marmo Informe Lastre Lastroni Elemento architettonico non id. Lastra architrave Rocchi Elemento vegetale Base di colonna Totale
1 superficie 2 - 3 superfici
Bardiglio - - 1 - - - - - - 1
Breccia di Aleppo - - 1 - - - - - - 1
Lunese 1 - 1 2 - - - - - 4
Pentelico 76 - 3 15 9 1 11 1 1 117
Proconnesio - 1 - - - - - - - 1
Travertino - - 1 2 - - - - - 3
Totale 77 1 7 19 9 1 11 1 1 127

Matthias Bruno.

  • 26 Gli elementi lavorati più significativi sono stati recuperati e dopo essere stati schedati sono or (...)
  • 27 I frammenti sono quelli identificati dagli inventari 59131, 59134, 59136, 59137 e 59141.
  • 28 Si tratta di quattro frammenti, inv. 59130, 59132, 59139, 59141.
  • 29 I rocchi frammentari ricostruibili sono quelli con i numeri d’inventario 59130, 59132, 59133, 5913 (...)
  • 30 I due rocchi, inv. 59133 e 59139, hanno un diametro pressoché identico pari a cm 179,6-179,8. Segu (...)
  • 31 Si tratta dei diametri ricostruiti dai frammenti inv. 59138, con misura pari a cm 155 circa, e inv (...)
  • 32 Il rocchio con diametro minore rispetto a tutti gli altri è quello del frammento inv. 59132.
  • 33 Il frammento, inv. 59143, conserva parte del toro inferiore, con altezza massima pari a cm 18,5 ci (...)

19I manufatti frammentari rinvenuti presentano nella loro sostanziale eterogeneità, determinata dalle cinque differenti qualità marmoree e dalla singola litica, una caratteristica unitarietà ed omogeneità rappresentata dalla preponderante attestazione del marmo pentelico. Se la grande quantità di frammenti informi, con superfici fortemente levigate dal ruscellamento delle acque che non hanno consentito la conservazione di superfici lavorate, ben 41 frammenti sono attribuibili ad elementi lavorati e definiti. Ad eccezione dei tre lastroni, 38 sono riferibili ad elementi architettonici di varie tipologie, la cui più rappresentativa, con 11 elementi frammentari, è quella pertinente a rocchi scanalati di colonna. Di grande importanza sono però anche il frammento di base di colonna, chiaramente di grandi dimensioni, l’elemento con resti di decorazione vegetale e la lastra di architrave di grandezza contenuta.26 Degli undici frammenti di rocchi scanalati cinque conservano superfici troppo esigue delle scanalature per poterne ricostruire la dimensione e il profilo originario,27 quattro hanno preservato parte del piano di posa o di attesa,28 mentre sei conservano superfici sufficienti delle scanalature o dei listelli per proporre una ricostruzione grafica del loro profilo originario.29 Questo doveva essere scandito, come di consueto, da 24 scanalature a profilo concavo distinte da listelli a dorso piatto, come attestato per intero nel rocchio inv. 59139 e parzialmente in altri due, inv. 59130 (fig. 7) e 59135. La ricostruzione grafica dei diametri dei rocchi scanalati ha consentito di evidenziare tre possibili gruppi di appartenenza, determinati dalla dimensione del diametro del rocchi originari (fig. 8): il primo si aggira su diametri tra cm 170 e 180,30 il secondo varia tra cm 155 e 165,31 mentre quello minore, rappresentato da un unico esemplare raggiunge cm 127 circa.32 Dimensionalmente affine ai rocchi maggiori è il frammento di grande base di colonna, di cui si conserva solo parte del toro inferiore, delimitato superiormente da un listello, dal quale si origina la scotia di separazione collocata tra i due tori.33 La ricostruzione della sezione trasversale della base di colonna (fig. 9), che verosimilmente si può ritenere attica, ha dimensioni colossali: il plinto misura cm 260 di larghezza e cm 31 circa di altezza; il toro inferiore raggiunge un’altezza di cm 24 circa, mentre quello superiore è di poco maggiore ai cm 20 ed entrambi sono separati da un’ampia scotia di circa 13 cm di altezza; infine, il piano superiore ha un diametro ricostruito di cm 207 circa. Il frammento, inv. 59140, conserva invece parte di un elemento vegetale, costituito da un calicetto di due piccole foglie d’acanto contrapposte, tra le quali sembrerebbe originarsi uno stelo con superficie stondata, che potrebbe essere attribuito forse ad un fregio a girali. Questo elemento si distingue da tutti gli altri non solo dal punto di vista tipologico, ma anche da quello cronologico, in quanto sembrerebbe riferibile ad un orizzonte tardo repubblicano da collocare al massimo entro il 30 a.C., a differenza degli altri, la cui datazione sembrerebbe oscillare, in considerazione delle caratteristiche qualitative, dimensionali e tipologiche, tra il I sec. a.C. e quello successivo.

Fig. 7 – Rocchio frammentario in marmo pentelico, inv. 59130, recuperato dallo scavo della depressione in corrispondenza del ponte IX della via Portuense antica.

Fig. 7 – Rocchio frammentario in marmo pentelico, inv. 59130, recuperato dallo scavo della depressione in corrispondenza del ponte IX della via Portuense antica.

Archivio Parco Archeologico di Ostia antica.

Fig. 8 – Sezioni ricostruttive di sei differenti rocchi di colonna.

Fig. 8 – Sezioni ricostruttive di sei differenti rocchi di colonna.

M. Bruno.

Fig. 9 – Disegno ricostruttivo del profilo della base con indicazione, in sezione, del frammento in marmo pentelico, inv. 59143.

Fig. 9 – Disegno ricostruttivo del profilo della base con indicazione, in sezione, del frammento in marmo pentelico, inv. 59143.

M. Bruno.

20I marmi apuani, rappresentati dal bianco lunense e dal grigio bardiglio, sono attestati non solo da frammenti di lastroni in entrambe le qualità, ma da due elementi architettonici non identificati in lunense e un frammento informe della medesima qualità. Se non sussistono elementi datanti tipologici, l’impiego del marmo apuano in senso lato presenta come terminus post quem la metà del I sec. a.C., trovando successivamente un vastissimo impiego nella marmorizzazione augustea dell’Urbe con un uso che si protrae fino all’epoca traianea, quando risulta essere di fatto il marmo bianco architettonico esclusivo per la realizzazione del grandioso complesso forense. A partire da Adriano, infatti, l’impiego del lunense verrà lentamente soppiantato da quello del marmo asiatico proconnesio, che diventa il marmo architettonico per eccellenza non soltanto a Roma ma in tutto l’impero romano. Ed è a questo ambito cronologico che deve essere ascritto l’unico frammento di lastra rinvenuto nell’accumulo dei marmi rinvenuti in prossimità del ponte IX della via Portuense.

  • 34 Il frammento di lastrone, inv. 59144, misura cm 25,5 di lunghezza, cm 16 di larghezza e presenta u (...)
  • 35 Per l’ambito laziale si rimanda a Bianchi – Bruno 2014, p. 106-109, 140. La Breccia di Aleppo è no (...)

21Di particolare interesse è, infine, l’inaspettato rinvenimento di un unico frammento in marmo policromo identificato con la breccia d’Aleppo, impiegato per uno spesso lastrone di rivestimento.34 Questa pietra rara, non particolarmente diffusa, è nota a partire dell’epoca giulio-claudia in ambito laziale e l’uso si protrae probabilmente fino all’epoca flavia, quando ve ne sono diverse attestazioni anche in alcuni centri di ambito vesuviano.35

Considerazioni sull’accumulo dei marmi dal ponte IX

22Questo particolare accumulo di 127 frammenti marmorei dalla depressione presso il ponte IX della inducono ad un’attenta riflessione ed analisi del ritrovamento che potrebbe non avere alcun vincolo cronologico con l’attiguo viadotto della via Portuense di epoca traianea, che ripropone il tracciato dell’antica via Campana di epoca giulio-claudia. Il gruppo più cospicuo è rappresentato da frammenti in marmo pentelico, di cui la maggior parte è informe, altri sono riferibili a elementi architettonici ben definiti, quali ad esempio rocchi o base di colonna, mentre altri sono di più incerta interpretazione. Le dimensioni originarie ricostruite dimostrano come almeno sei rocchi di colonna frammentari, inv. 59130, 59132, 59133, 59135, 59138 e 59139, ma anche il frammento di base attica di colonna, inv. 59143, siano stati di rara grandezza colossale, incompatibili con un eventuale struttura architettonica destinata a monumentalizzare il ponte stesso del viadotto, indicando cosi in altro luogo la provenienza e la messa in opera originaria degli elementi architettonici rinvenuti. Le dimensioni gigantesche rimandano immediatamente all’ambito urbano, dove è da supporre evidentemente l’originario edificio di provenienza, anche se devono essere tenute in debita considerazione la vicina Ostia, Portus e le presenze monumentali lungo l’alveo del Tevere. Come detto in precedenza, il contesto dell’accumulo, alla luce anche dell’impossibilità del recupero di elementi stratigrafici datanti ricavabili dallo scavo del riempimento della depressione, sembra da un lato molto organico con la preponderante e quasi esclusiva presenza di elementi in marmo pentelico, che rappresentano all’incirca il 92 % del totale, apparentemente unitario anche dal punto di vista cronologico, con alcune eccezioni costituite dall’elemento forse con fregio vegetale, inv. 59140, databile entro e non oltre l’epoca tardo repubblicana, dal frammento di lastra in marmo proconnesio, chiaramente della piena età imperiale, e dal frammento di lastrone in Breccia di Aleppo, inv. 59144, ascrivibile nell’ambito del I secolo d.C.

23Sono tuttavia le dimensioni gigantesche dei rocchi e della base di colonna a costituire degli indizi fondamentali alla loro comprensione, non solo in relazione alla loro provenienza, al loro impiego originario e alla relativa cronologia, ma anche alle ragioni che devono aver determinato il successivo accumulo nella depressione lungo l’arteria stradale che si dirige dall’entroterra verso la costa. Le dimensioni eccezionali ricostruite degli elementi architettonici ci obbligano a volgere lo sguardo verso l’Urbe, dove è nota la presenza di grandiosi edifici templari sin dall’epoca più remota, senza poter però escludere a priori la città di Ostia e Portus e le zone nelle immediate vicinanze dell’alveo del Tevere, a causa del luogo di rinvenimento dell’accumulo.

I monumenti di Ostia, Porto, Ponte Galeria e i giganti dell’Urbe

  • 36 Sul tempio si rimanda a Pensabene 2007, p. 135-144, e a Geremia Nucci 2013.
  • 37 A questo edificio vengono attribuiti due elementi architettonici ancora in loco. Si tratta di un r (...)
  • 38 Sul Capitolium si veda in particolare Albo 2002 e, inoltre, Pensabene 2007, p. 250-257.

24Ad Ostia i grandi edifici templari, sino ad oggi noti, sono il tempio di Roma e Augusto e il Capitolium al Foro cittadino, mentre nella Regio III ricordiamo il grande tempio presso i Navalia, probabilmente dedicato ai Dioscuri. Tutti e tre i complessi templari possono essere tuttavia esclusi, in quanto il tempio di Roma e Augusto, di epoca tardo augustea tiberiana, è stato realizzato completamente in marmo lunense e, tra l’altro, gli elementi architettonici conservati, tra cui ricordiamo alcuni rocchi e basi di colonna, non sono dimensionalmente compatibili con i nostri.36 Per i medesimi motivi può essere escluso il grande tempio al centro del terrazzamento dei Navalia, riferibile al secondo quarto del I d.C., i cui pochi frammenti architettonici conservati in situ sono nuovamente in marmo lunense e tipologicamente e dimensionalmente incompatibili.37 Il Capitolium ostiense, della piena età adrianea, possedeva al contrario una grandiosa facciata su alto podio scandita da un colonnato con fusti scanalati in marmo frigio ed elementi architettonici in marmo proconnesio, incompatibili, quindi, soprattutto per le qualità marmoree impiegate.38

  • 39 La zona indagata relativa con le prospezioni è l’area 12 interessata dalle prospezioni, si veda in (...)
  • 40 La base attica di colonna si presenta con profili semirifiniti caratteristici degli elementi archi (...)

25A Porto un grande edificio non meglio definito, con facciata di circa 20 m e una profondità di circa 16 m, si doveva trovare al centro di un’ampia piazza poco lontano dal lato orientale del bacino esagonale, come evidenziato dalle prospezioni geofisiche,39 ma che rimane ignoto anche per la totale mancanza e rinvenimento di elementi architettonici ad esso attribuibili. Una grande base di colonna in marmo proconnesio giacente in prossimità dell’angolo occidentale del bacino, nelle vicinanze dei grandi magazzini severiani, non è riferibile ad un contesto monumentale ben preciso, ma sembrerebbe piuttosto un manufatto di cava d’importazione lì abbandonato in modo del tutto casuale.40

  • 41 I rocchi di colonna misurano cm 89 di diametro e il capitello cm 70: Vittori – Vori 1999, p. 50-51

26In località Quartaccio a Ponte Galeria, sulla riva destra del Tevere, è stato rinvenuto un complesso repubblicano a cui possono essere attribuiti alcuni elementi architettonici, tra cui ricordiamo quattro rocchi di colonna e la metà inferiore di un capitello corinzio tutti in travertino. Anche in questo caso i manufatti rinvenuti non sono compatibili né per dimensione, tantomeno per qualità litica utilizzata.41

  • 42 In generale sull’edificio si veda Coarelli 1999, p. 185-187. Vitr., 3, 2, 7, descrive l’edificio d (...)
  • 43 Santangeli Valenzani 1996; Pensabene 2013, p. 88-91; da ultimo Pensabene 2018.
  • 44 Cassatella 1999.
  • 45 Kockel 1995; Ganzert 1996.
  • 46 Packer 1995; Bianchi – Meneghini 2002.

27Bisogna quindi guardare a Roma, dove nel corso dei secoli diversi giganti furono realizzati. Il tempio di Quirino fu costruito agli inizi del III secolo a.C. sul Quirinale, diptero, ottastilo e di ordine dorico, con un numero complessivo di 76 colonne.42 Nulla sappiamo però a riguardo del materiale impiegato, che probabilmente nella sua ricostruzione del 16 a.C., doveva essere il lunense, il marmo architettonico per eccellenza di epoca augustea. Il grandioso tempio di Serapide sul Quirinale, costruito da Caracalla, periptero, sine postico e dodecastilo con colonne altissime che inferiormente misuravano m 2 circa, risale all’epoca severiana. Di questo rimangono ancora nei giardini di palazzo Colonna alle pendici del colle alcuni enormi frammenti della trabeazione, tuttavia in marmo proconnesio, che consentono di escluderlo per l’esclusivo uso del marmo architettonico asiatico.43 Il tempio di Serapide era secondo per dimensioni solo al complesso di Venere e Roma di epoca adrianea, il cui edificio pseudo periptero fu realizzato interamente in marmo proconnesio, con colonne scanalate composte da rocchi sovrapposti coronate da capitelli corinzi, che consentono di scartare anche questo complesso monumentale.44 Non lontano, nel Foro di Augusto, si trovava invece l’imponente tempio di Marte Ultore, dedicato nel 2 a.C.,45 con facciata ottastila di colonne scanalate a rocchi con capitelli corinzi, costruito nella migliore tradizione augustea nel candido marmo delle Alpi Apuane, usato anche per l’intero Foro di Traiano e per capitelli ed elementi di trabeazione del grandioso tempio del Divo Traiano, dedicato da Adriano ed esaltato dall’impiego di fusti in granito del Mons Claudianus di rara altezza.46 Anche in questo caso, l’uso del marmo italico non risulta compatibile con la qualità marmorea del gruppo principale dei nostri frammenti. Di fatto un unico tempio sembrerebbe avere caratteristiche compatibili, per qualità marmorea impiegata e dimensioni architettoniche attestate, con quelle ricostruite dai frammenti rinvenuti lungo la via Portuense. Si tratta nello specifico del tempio di Giove Capitolino, le cui poderose fondazioni ancora oggi offrono un immediato riflesso della sua grandiosa realtà architettonica e che verrà trattato di seguito separatamente.

Il tempio di Iuppiter Optimus Maximus Capitolinus

  • 47 Per un quadro storico riassuntivo sul tempio si veda De Angeli 1996 e Tagliamonte 1996.
  • 48 Dion. Hal., Ant. Rom., 4, 62, 5.
  • 49 Plin., Nat., 36, 45. Sull’Olympieion in generale si rimanda a Santaniello 2011, dove, tra l’altro, (...)
  • 50 Suet., Dom., 1; Tac., Hist., 3, 72.
  • 51 Tac., Hist., 4, 53.
  • 52 Suet., Vesp., 8, 8.
  • 53 Cass. Dio., 66, 24; Plut., Publ., 15, 3.
  • 54 Suet., Dom., 5.
  • 55 Plut., Publ., 15, 4.
  • 56 Danti 2016, in part. p. 215-217, con schede di dettaglio dei disegni degli elementi rinvenuti a cu (...)

28Il tempio di Giove Capitolino, il più importante di Roma, si trovava nella parte meridionale del Campidoglio e ha subito tra il I secolo a.C. e il I d.C. diverse distruzioni e ricostruzioni.47 Costruito da Tarquinio Prisco intorno al 575 a.C., fu distrutto la prima volta da un incendio nel 83 a.C.48 La sua prima ricostruzione fu iniziata da Silla, il quale, secondo Plinio fece portare a Roma alcune colonne per il ripristino del tempio capitolino dall’Olympieion di Atene, la cui costruzione ancora non era stata ultimata.49 Il tempio capitolino fu invece terminato e inaugurato nel 69 a.C. da Q. Lutazio Catulo e si conservò indenne fino all’epoca flavia, quando fu nuovamente distrutto da un devastante incendio durante le guerre tra Vespasiano e Vitellio.50 Immediatamente venne intrapresa la ricostruzione del tempio da parte dell’imperatore Vespasiano che diede l’incarico a Lucio Vestino, che convocò gli aruspici per avere indicazioni divinatorie riguardanti la riedificazione.51 Come ci ricorda Tacito, gli dei erano contrari ad un cambiamento del luogo, determinando così la ricostruzione del tempio nel medesimo sito del precedente, con lo stesso numero di colonne e articolato internamente sempre con tre celle distinte. Gli aruspici consigliarono, inoltre, di gettare nelle paludi le rovine del tempio distrutto. Ancora secondo Tacito, al tempio fu data una maggiore altezza rispetto a quello precedente, unica modifica che poteva di fatto essere consentita. Alla sgombero delle rovine partecipò, secondo Svetonio, lo stesso imperatore Vespasiano, prendendo parte personalmente alla rimozione delle macerie.52 A pochi anni di distanza, intorno all’80 d.C., il tempio capitolino fu nuovamente distrutto da un incendio, che interessò, tra l’altro, molti altri edifici dell’Urbe.53 L’ultima ricostruzione fu intrapresa da Domiziano,54 che, come è noto, ricostruì molti altri monumenti cittadini sui quali fece scrivere sempre solo il suo nome, senza menzionare quello del costruttore originario. Plutarco ci ricorda che le colonne destinate alla ricostruzione del tempio furono intagliate in marmo pentelico, perfettamente proporzionate, che le vide ed ammirò ad Atene, ma quando furono portate a Roma, dove furono rilavorate e lisciate, persero in bellezza apparendo troppo sottili ed esili.55 Alcuni frammenti di rocchi di colonna, di lesena e di capitelli in marmo pentelico sono stati rinvenuti agli inizi del secolo scorso e sono stati attribuiti alla ricostruzione domizianea del tempio capitolino.56

29Il quadro così rapidamente delineato evidenzia una realtà e una vita tormentata del più importante tempio di Roma, che dopo la sua prima costruzione in epoca regia, subì nell’arco di circa 160 anni, tra l’83 a.C. e l’82 d.C., ben tre distruzioni e tre repentine ricostruzioni. Di particolare interesse sono però alcuni punti particolari menzionati nelle fonti appena citate. L’uso del marmo pentelico, con colonne prelevate dall’Olympieion di Atene per la ricostruzione sillana, analogamente a quelle del ripristino domizianeo, viste ad Atene e rilavorate a Roma. Questo elemento qualitativo fondamentale è accompagnato a quello dimensionale, compatibile con quello dell’ordine architettonico del grande tempio ateniese dedicato a Giove Olimpio, da cui, almeno per Plinio, furono prelevate da Silla le colonne da riutilizzare nella ricostruzione urbana. Tuttavia un punto cardine è ricordato, come abbiamo visto, nella seconda ricostruzione del tempio successivo alla distruzione subita nel 69 d.C. da parte delle truppe di Vitellio. Gli aruspici, interpellati da Lucio Vestino, consigliarono di gettare le rovine del tempio nelle paludi, in quanto, forse, le favisse originarie del tempio, dovevano essere ormai colme anche con i detriti della prima distruzione dell’83 a.C. Sorge quindi spontanea la domanda su quali fossero le paludi a cui si riferirono gli aruspici durante la prima ricostruzione di epoca flavia.

Conclusioni

  • 57 Tac., Ann., 15, 43.
  • 58 Questa ipotesi viene ripresa dagli studi di Costantino Maes, bibliotecario, cultore della materia (...)

30Voler abbinare il nostro accumulo con le rovine del tempio di Iuppiter Optimus Maximus Capitolinus era parso sin dall’inizio un azzardo, che però lentamente ha acquisito sempre maggiore vigore, corroborato non solo dai dati qualitativi, rappresentati dalla prevalenza assoluta dei frammenti in marmo pentelico, ma anche da quelli metrologici, con rocchi e base di colonna di grandissime dimensioni, la cui provenienza originaria poteva soltanto essere individuata e ricercata in un complesso gigantesco dell’Urbe, a cui si addice, per l’appunto, molto bene quello del grande tempio del Campidoglio. Un ulteriore dato storico, riferitoci sempre da Tacito, sembra infine dirimere qualsiasi dubbio, quando lo storico narra che Nerone, dopo il devastante incendio di Roma del 64 d.C., destinò le paludi di Ostia a ricettacolo delle macerie della città distrutta che dovevano essere lì trasportate dalle navi che portavano a Roma il grano e al ritorno avrebbero percorso il Tevere cariche di macerie da scaricare nelle suddette aree acquitrinose.57 Doveva essere quindi ormai una consuetudine consolidata di riversare le macerie nelle paludi ostiensi, quando solo pochi anni dopo, gli aruspici, in seguito alla distruzione vitelliana del Tempio Capitolino, intimarono di scaricare le sacre vestigia danneggiate nelle paludi senza specificarne la collocazione geografica, in quanto ormai nota e assodata.58

  • 59 Maes 1900, p. 113 sq.

31L’accumulo dei marmi, anche se pareva al momento del rinvenimento di notevole quantità, con frammenti di varie dimensioni, da medio piccole a grandi, non può tuttavia rappresentare la totalità delle macerie del tempio capitolino eventualmente riversate nelle paludi ostiensi, che il Maes suggeriva di scavare in modo estensivo alla ricerca dei «tesori» sepolti del Capitolium.59 È evidente che, se appartenenti al tempio capitolino, le macerie costituiscano solo una parte infinitesimale delle volumetrie asportate del tempio distrutto dall’incendio del 69 d.C. e che le altre siano state scaricate altrove o, cosa probabilmente più plausibile, recuperate in fase di smantellamento e destinate ad essere riciclate in vari modi. Non deve inoltre stupire la presenza di alcuni materiali seriori, tra cui ricordiamo soprattutto il frammento di lastra in marmo proconnesio, introdotto in ambito urbano non prima della piena età adrianea, che possono essere confluiti nel contesto portuense in periodo successivo, mentre il grande lastrone frammentario in Breccia di Aleppo, in uso a partire dall’epoca giulio-claudia, potrebbe addirittura aver costituito parte del rivestimento pavimentale o parietale del tempio capitolino. Non rappresenta inoltre un’incongruenza cronologica il rinvenimento del materiale «vespasianeo» in una depressione con polla d’acqua in corrispondenza del ponte IX della Via Portuense di epoca traianea, in quanto, come evidenziato dalle indagini archeologiche, l’asse viario degli inizi del II secolo d.C. fu realizzato esattamente al di sopra della precedente via Campana di epoca medio-repubblicana e claudio-neroniana. La polla, quindi, poteva essere già presente in questa prima fase e il riversamento del materiale marmoreo, funzionale a rinforzare la stabilità laterale della strada, può essere avvenuto durante la ricostruzione post vitelliana, trovandosi poi ancora nella medesima polla attraversata successivamente dal nuovo viadotto traianeo.

32La suggestione iniziale che faceva intravvedere una possibile attinenza del materiale frammentario in pentelico dell’accumulo della via Portuense al Tempio di Iuppiter Optimus Maximus Capitolinus sembrerebbe basarsi su solidi elementi storici, architettonici ed archeologici. L’attribuzione dei frammenti alle macerie del tempio scaricate nelle paludi ostiensi dopo il secondo incendio all’epoca di Vitellio ne attribuirebbe la pertinenza all’edificio ricostruito da Silla ed inaugurato da Q. Lutazio Catulo nel 69 a.C., per il quale la versione pliniana suggerirebbe l’uso di colonne dell’Olympieion di Atene, che, nel caso fosse veritiera, potrebbero aver trovato qui la loro ultima giacitura.

Haut de page

Bibliographie

Albo 2002 = C. Albo, Il Capitolium di Ostia. Alcune considerazioni sulla tecnica edilizia ed ipotesi ricostruttiva, in MEFRA, 114-1, 2002, p. 363-390.

Arnoldus Huyzendveld et al. 2009 = A. Arnoldus Huyzendveld, A. Carbonara, C. Ceracchi, C. Morelli, La viabilità nel territorio portuense, in V. Jolivet, C. Pavolini, M.A. Tomei, R. Volpe (a cura di), Suburbium II. Il suburbio di Roma dalla fine dell’età monarchica alla nascita del sistema delle ville (V-II secolo a.C.), Roma, 2009 (CEF, 419), p. 599-619.

Ashby 1927 = Th. Ashby, The Roman campagna in the classical times, Londra, 1927.

Bianchi – Bruno 2014 = F. Bianchi, M. Bruno, Lucus Feroniae. Mosaici e pavimenti marmorei, Roma, 2014.

Bianchi – Meneghini 2002 = E. Bianchi, R. Meneghini, Il cantiere costruttivo del Foro di Traiano, in Cantieri antichi. Giornata di Studio tenuta il 25 ottobre 2001, in MDAI(R), 109, 2002, p. 397-414.

Camporeale 1997 = G. Camporeale, Il sale e i primordi di Veio, in G. Bartoloni (a cura di), Le necropoli arcaiche di Veio. Giornata di studio in memoria di Massimo Pallottino, Roma, 1997, p. 197-199.

Carbonara – Delle Sedie 2014 = A. Carbonara, A. Delle Sedie, Siti archeologici principali e Via Portuense antica, in L. Caravaggi, C. Morelli (a cura di), Paesaggi dell’archeologia invisibile. Il caso del distretto portuense, Macerata, 2014, p. 108-159.

Cassatella 1999 = A. Cassatella, Venus et Roma, Aedes Templum, in E.M. Steinby (a cura di), LTUR, V, Roma, 1999, p. 121-123.

Castelli et al. 2008 = R. Castelli, A. Facciolo, M. Gala, M.C. Grossi, M.L. Rinaldi, D. Ruggeri, S. Sivilli, Scavi e ritrovamenti, in L. Caravaggi, O. Carpenzano (a cura di), Interporto Roma-Fiumicino. Prove di dialogo tra archeologia, architettura e paesaggio, Firenze, 2008, p. 69-86.

Cébeillac Gervasoni – Morelli 2014 = M. Cébeillac Gervasoni, C. Morelli, Les conductores du Campus Salinarum Romanarum, in MEFRA, 126-1, 2014. DOI : 10.4000/mefra.2075

Coarelli 1999 = F. Coarelli, Quirinus, Aedes, in E.M. Steiny (a cura di), LTUR, IV, Roma, 1999, p. 185-187.

Danti 2016 = A. Danti, Il tempio di Giove Capitolino: contributi per la più recente storia degli studi e scavi, in C. Parisi Presicce, A. Danti (a cura di), Campidoglio, mito, memoria, archeologia, Roma, 2016, p. 209-218.

De Angeli 1996 = S. De Angeli, Iuppiter Optimus Maximus Capitolinus, Aedes (fasi tardo-repubblicane e di età imperiale), in E.M. Steinby (a cura di), LTUR, III, Roma, 1996, p. 148-153.

Di Giuseppe – Serlorenzi 2009 = H. Di Giuseppe, M. Serlorenzi, La via Campana: aspetti topografici e rituali, in V. Jolivet, C. Pavolini, M.A. Tomei, R. Volpe (a cura di), Suburbium II. Il suburbio di Roma dalla fine dell’età monarchica alla nascita del sistema delle ville (V-II secolo a.C.), Roma, 2009 (CEF, 419), p. 573-598.

Freyberger 1990 = Kl. Freyberger, Stadtrömische Kapitelle aus der Zeit von Domitian bis Alexander Severus, Magonza, 1990.

Ganzert 1996 = J. Ganzert, Der Mars-Ultor-Tempel auf dem Augustusforum in Rom, Magonza, 1996.

Geremia Nucci 2013 = R. Geremia Nucci, Il Tempio di Roma e Augusto a Ostia, Roma, 2013 (Supplementi e monografie della Rivista «Archeologia Classica», 10).

Giovannini 2001 = A. Giovannini, Les salines d’Ostie, in J.-P. Descœudres (a cura di), Ostia port et porte de la Rome antique (Catalogo della Mostra, Ginevra 2001), Ginevra, 2001, p. 36-38.

Grossi et al. 2009 = M.C. Grossi, C. Morelli, D. Citro, A. Facciolo, M. Gala, S. Medaglia, M.L. Rinaldi, D. Ruggeri, S. Sivilli, Un’estesa struttura idraulica di prima età imperiale nel territorio di Maccarese (Fiumicino-Roma), in FOLD&R FastiOnLine Documents & Research, 2009.

Grossi et al. 2015 = M.C. Grossi, S. Sivilli, A. Arnoldus Huyzendveld, A. Facciolo, M.L. Rinaldi, D. Ruggeri, C. Morelli, A complex relationship between human and natural landscape: a multidisciplinary approach to the study of the roman saltworks in “Le Vignole-Interporto” (Maccarese, Fiumicino-Roma), in R. Brigand, O. Weller (a cura di), Archaeology of salt: approaching an invisible past, Leida, 2015, p. 83-101.

Heinzelmann 2001 = M. Heinzelmann, Ostia, Regio III. Untersuchungen in den unasugegrabenen Bereichen des Stadtgebietes. Vorbericht zur dritten Grabungskampagne 2000, in MDAI(R) 108, 2001, p. 313-328.

Keay – Millett – Strutt 2005 = S. Keay, M. Millett, K. Strutt, The survey results. The geophysical and tophographical survey, in S. Keay, M. Millett, L. Paroli, K. Strutt (a cura di), Portus. An archaeological survey of the Porto of imperial Rome, Roma, 2005 (Archaeological Monographs of The British School at Rome, 15), p. 71-135.

Kockel 1995 = V. Kockel, Forum Augustum, in E.M. Steinby (a cura di), LTUR, II, Roma, 1995, p. 289-295.

Lanciani 1888 = R. Lanciani, Il Campus salinarum Romanarum, in BCAR, 1888, p. 83-91.

Lazzarini 2007 = L. Lazzarini, Poikiloi Lithoi, Versiculores Maculae: I marmi colorati della Grecia antica, Venezia, 2007.

Maes 1900 = C. Maes, Tutte le rovine, le memorie storiche, le ricchezze del Tempio di Giove Capitolino (Capitolium) sommerse e giacenti nelle paludi d’Ostia, in Capitolium, Roma, 1900, p. 63-120.

Morelli 2008 = C. Morelli, Tracce dei sistemi territoriali e ambientali antichi, in L. Caravaggi, O. Carpenzano (a cura di), Interporto Roma-Fiumicino. Prove di dialogo tra archeologia, architettura e paesaggio, Firenze, 2008, p. 69-86.

Morelli 2014 = C. Morelli, L’Ager Portuensis. La dimensione territoriale dei contesti archeologici, in L. Caravaggi, C. Morelli (a cura di), Paesaggi dell’archeologia invisibile. Il caso del distretto portuense, Macerata, 2014, p. 52-71.

Morelli 2016 = C. Morelli, Il Campus salinarum Romanarum e l’Ager Portuensis: il contesto territoriale, in G. Olcese, C. Coletti (a cura di), Ceramiche da contesti repubblicani del territorio di Ostia, Roma, 2016 (Immensa Aequora, 4), p. 69-80.

Morelli – Olcese – Zevi 2004 = C. Morelli, G. Olcese, F. Zevi, Scoperte recenti nelle saline portuensi (Campus Salinarum Romanarum) e un progetto di ricerca sulla ceramica di area ostiense in età repubblicana, in A. Gallina Zevi, R. Turchetti (a cura di), Méditerranée occidentale antique : les échanges, Soveria Mannelli, 2004 (ANSER, 3), p. 43-55.

Morelli – Forte 2014 = C. Morelli, V. Forte, Il Campus Salinarum Romanarum e l’epigrafe dei conductores: il contesto archeologico, in MEFRA, 126-1, 2014. DOI : 10.4000/mefra.2059

Morelli et al. 2011 = C. Morelli, A. Carbonara, V. Forte, M.C. Grossi, A. Arnoldus Huyzendveld, La topografia romana dell’Agro Portuense alla luce delle nuove indagini, in S. Keay, L. Paroli (a cura di), Portus and its hinterlands: recent archaeological research, Oxford, 2011 (Archaeological Monographs of the British School at Rome, 18), p. 261-285.

Nibby 1827 = A. Nibby, Della Via Portuense e dell’antica città di Porto, Roma, 1827.

Nibby 1837 = A. Nibby, Analisi storico-topografico-antiquaria della Carta de’ dintorni di Roma, III, Roma, 1837 (1a ed.).

Nibby 1848 = A. Nibby, Analisi storico-topografico-antiquaria della Carta de’ dintorni di Roma, II, Roma, 1848 (2a ed.).

Packer 1995 = J. Packer, Forum Traiani, in E.M. Steinby, LTUR, II, Roma, 1995, p. 348-356.

Pellegrino – Bedello Tata 1985 = A. Pellegrino, M. Bedello Tata, Contributo allo studio della necropoli romana della Via Portuense in località Fiumicino, in Archeologia Laziale, VII, Roma, 1985 (Quaderni del Centro di studio per l’archeologia etrusco-italica, 11), p. 224-232.

Pensabene 2007 = P. Pensabene, Ostiensium marmorum. decus et decor. Studi architettonici, decorativi e archeometrici, Roma, 2007 (Studi Miscellanei, 33).

Pensabene 2013 = P. Pensabene, I marmi nella Roma antica, Roma, 2013.

Pensabene 2018 = P. Pensabene, Il tempio gigantesco del Quirinale, in M.G. Picozzi (a cura di), Palazzo Colonna. Giardini. La storia e le antichità, Roma, 2018, p. 45-72.

Petriaggi 1991 = R. Petriaggi, La viabilità tra Roma e Porto, in Viae Publicae Romanae (Catalogo della Mostra, Roma 1991), Roma, 1991, p. 75-76.

Petriaggi et al. 1995 = R. Petriaggi, G. Bonacci, A. Carbonara, M.C. Vittori, M.L. Vivarelli. P. Vori, Scavi a Ponte Galeria: nuove acquisizioni sull’acquedotto di Porto e sulla topografia del territorio portuense, in Archeologia laziale, XII, Roma, 1995 (Quaderni del Centro di studi per l’archeologia etrusco italica, 23), p. 361-373.

Petriaggi – Vittori – Vori 2001 = R. Petriaggi, M.C. Vittori, P. Vori, Un contributo alla conoscenza del tracciato della Via Portuense e della viabilità tra Roma e Porto, in Urbanizzazione delle campagne nell’Italia antica, Roma, 2001 (Atlante tematico di topografia antica, 10), p. 139-150.

Platner – Ashby 1929 = S. Platner, Th. Ashby, A topographical dictionary of ancient Rome, Oxford, 1929.

Radke 1981 = G. Radke, Viae publicae Romanae, Bologna, 1981.

Rea 2004 = R. Rea, L’ipogeo di Trebio Giusto sulla via Latina: scavi e restauri, Roma, 2004.

Santangeli Valenzani 1996 = R. Santangeli Valenzani, Hercules et Dionysus, Templum, in E.M. Steinby (a cura di), LTUR, III, Roma, 1996, p. 25-26.

Santaniello 2011 = E. Santaniello, L’Olympieion, in E. Greco (a cura di), Topografia di Atene. Sviluppo urbano e monumenti dalle origini al III secolo d.C., tomo 2: Colline sud-occidentali – Valle dell’Ilisso, Atene-Paestum, 2011, p. 458-463.

Scheid 1976 = J. Scheid, Note sur la Via Campana, in MEFRA, 88, 1976, p. 639-657.

Scheid 2004 = J. Scheid, Via Campana, s.v., in V. Fiocchi Nicolai, M.G. Granino Cecere, Z. Mari (a cura di), LTUR. Suburbium, II, Roma, 2004, p. 56-58.

Serlorenzi 2002 = M. Serlorenzi, Via Portuense. Rinvenimento di un nuovo tratto della via antica, in BCAR, 103, 2002, p. 359-364 .

Serlorenzi et al. 2004 = M. Serlorenzi, B. Amatucci, A. Arnoldus Huyzendveld, A. De Tomassi, H. Di Giuseppe, C. La Rocca, G. Ricci, E. Spagnoli, Nuove acquisizioni sulla viabilità dell’Agro Portuense. Il rinvenimento di un tratto della via Campana e della via Portuense, in BCAR, 105, 2004, p. 47-114.

Serlorenzi – Di Giuseppe 2011 = M. Serlorenzi, H. Di Giuseppe, La Via Campana: spunti di riflessione sul contesto topografico e ambientale, in S. Keay, L. Paroli (a cura di), Portus and its hinterland: recent archaeological research, Oxford, 2011 (Archaeological Monographs of the British School at Rome, 18), p. 287-300.

Tagliamonte 1996 = G. Tagliamonte, Iuppiter Optimus Maximus Capitolinus, Aedes, Templum (fino all’a. 83 a.C.), in E.M. Steinby (a cura di), LTUR, III, Roma, 1996, p. 144-148.

Tölle-Kastenbein 1994 = R. Tölle-Kastenbein, Das Olympieion in Athen, Cologna, 1994.

Tomassetti 1900 = G. Tomassetti, Della Campagna Romana nel Medio Evo. Illustrazione della Via Portuense, Roma, 1900.

Tomassetti 1977 = G. Tomassetti, La Campagna Romana Antica, Medioevale e Moderna (nuova edizione aggiornata a cura di L. Chiumenti, F. Bilancia), VI, Città di Castello, 1977.

Tuccimei et al. 2007 = P. Tuccimei, M. Soligo, A. Arnoldus-Huyzendveld, C. Morelli, A. Carbonara, M. Tedeschi, G. Giordano, Datazione U/Th di depositi carbonatici intercalati ai resti della via Portuense antica (Ponte Galeria, Roma): attribuzione storico-archeologica della strada e documentazione cronologica dell’attività idrotermale del fondovalle tiberino, in FOLD&R FastiOnLine Documents & Research, 97, 2007, p. 1-9.

Vittori – Vori 1999 = M.C. Vittori, P. Vori, Un complesso repubblicano sulla riva destra del Tevere in località Quartaccio (Ponte Galeria), in Atti del II Colloquio Internazionale su Ostia Antica (Roma, 8-11 novembre 1998), in MNIR, 58, 1999, p. 48-52.

 

Haut de page

Notes

1 Oggi Parco Archeologico di Ostia antica.

2 Le campagne furono condotte tra il 1990 ed il 1996 in occasione dei lavori per la costruzione dell’Autoporto-Commercity e a seguire nel 2001 all’interno del Centro di Accoglienza di Ponte Galeria ed infine negli anni 2002-2009 nell’ambito dei sondaggi preventivi alla realizzazione della Fiera di Roma.

3 Per una lunghezza totale di m 1.100 non continuativi.

4 Considerato che il presente contributo riguarda specificatamente il materiale marmoreo rinvenuto all’interno di una delle depressioni del terreno che i due tracciati viari attraversavano, si forniranno solo brevi cenni sulle problematiche costruttive e tecniche relative ad essi, peraltro già ampiamente editi (si vedano note 8 e 10).

5 Nibby 1827, p. 29; Nibby 1848, p. 367-369; Lanciani 1888; Tomassetti 1900, p. 5, 12, 52-58; Ashby 1927, p. 31; Camporeale 1997; Giovannini 2001; Morelli – Olcese – Zevi 2004; Castelli et al. 2008; Morelli 2008; Grossi et al. 2009; Morelli et al. 2011; Morelli 2014; Morelli – Forte 2014; Cébeillac Gervasoni – Morelli 2014; Grossi et al. 2015; Morelli 2016.

6 Nibby 1827, p. 27-28.

7 Arnoldus Huyzendveld et al. 2009, p. 618-619.

8 La via Campana, nota dalle fonti storiche (Suet., Aug., 64) ed epigrafiche (CIL VI, 1610), è citata anche nella Notitia e nel Curiosum urbis Romae (Appendici). Ashby 1927, p. 19-31, 219; Platner – Ashby 1929, p. 561, s.v. via Campana; Nibby 1837, p. 598-601; Tomassetti 1900, p. 5-7, 19, 25-29; Scheid 1976; Tomassetti 1977, p. 303; Radke 1981, p. 108-110; Petriaggi 1991; Petriaggi et al. 1995, p. 361; Petriaggi – Vittori – Vori 2001, p. 145; Serlorenzi 2002; Serlorenzi et al. 2004; Scheid 2004; Morelli 2008; Arnoldus Huyzendveld et al. 2009; Di Giuseppe – Serlorenzi 2009; Serlorenzi – Di Giuseppe 2011; Morelli et al. 2011; Morelli 2014; Carbonara – Delle Sedie 2014; Morelli 2016.

9 Numerosi bolli laterizi raccolti negli strati di crollo delle strutture soprattutto in prossimità del ponte V ne attestano la costruzione all’età traianea (CIL XV, 1373).

10 Nibby 1827, p. 7-11, 18, 22-29, 56, 90; Tomassetti 1900, p. 5-7, 11, 19, 25, 33, 49; Ashby 1927, p. 219, 227; Platner – Ashby 1929, p. 566; Scheid 1976; Tomassetti 1977, p. 303-496; Radke 1981, p. 110; Pellegrino – Bedello Tata 1985; Petriaggi 1991; Petriaggi et al. 1995; Petriaggi – Vittori – Vori 2001; Serlorenzi 2002; Serlorenzi et al. 2004; Morelli 2008; Arnoldus Huyzendveld et al. 2009; Morelli et al. 2011; Morelli 2014; Carbonara – Delle Sedie 2014; Morelli 2016.

11 Tuccimei et al. 2007.

12 Larghezza totale m 6,80/7,00.

13 I contrafforti distano tra loro da m 4,20 a m 4,50.

14 L’ampiezza del tracciato carrabile, di circa m 5,30, consentiva il passaggio contemporaneo di due carri permettendo anche il passaggio di pedoni.

15 Largo m 1,20-1,40.

16 Il ponte presenta una lunghezza di m 17.

17 Larghi ognuno m 0,70 circa.

18 Il bollo, di cui si sono rinvenuti diversi esemplari, è inedito e il dato cronologico è fornito dalla menzione del terzo consolato di Lucio Giulio Urso Serviano; Arnoldus Huyzendveld et al. 2009, p. 611-613.

19 Carbonara – Delle Sedie 2014, p. 148-149.

20 I pali sono lunghi da m 1,60 a m 2,50 e presentano un diametro variabile da cm 6,5 a cm 12.

21 Un’idea della tipologia del nostro ponteggio, di cui, come si è detto, si conserva solo il settore di base, è offerta dal ben noto affresco dell’ipogeo di Trebio Giusto sulla via Latina, in cui è rappresentata un’impalcatura lignea per la costruzione di un edificio in mattoni: Rea 2004.

22 Le analisi xilologiche sono state effettuate dalla Prof.ssa A. Celant.

23 Le datazioni radiometriche sono state effettuate dal CEDAD (Centro di Datazione e Diagnostica) presso l’Università degli Studi di Lecce.

24 Archivio di Stato di Roma, Presidenza delle Strade, Catasto Alessandrino, mappa 433 bis II, Pianta delle strade fuori di Porta Portese da Pozzo Pantaleo verso la Magliana e verso Porto; Petriaggi – Vittori – Vori 2001, p. 149, n. 20, fig. 11.

25 L’identificazione dei litotipi è stata effettuata macroscopicamente. Il pentelico, come è noto, è caratterizzato da un cristallo medio piccolo, brillante e di aspetto saccaroide e con una tonalità bianca. Le tipiche venature cloridriche e micacee, frequentissime nei manufatti in esame, ne consentono una pressoché sicura identificazione. Il marmo lunense, al contrario ha un cristallo più piccolo, mostra una maggiore compattezza, ma la tonalità del bianco appare spenta, a differenza del proconnesio, un marmo a grana medio grande, con cristalli ben visibili e di tonalità bianco grigia. La breccia di Aleppo presenta una facies ben definita, con prevalenti clasti grigiastri ed altri minori più peculiari gialli, su fondo rossiccio, che ne consentono la pressoché certa identificazione. Non sussistono ovviamente problemi identificativi per il caratteristico lapis tiburtinus.

26 Gli elementi lavorati più significativi sono stati recuperati e dopo essere stati schedati sono ora conservati nel deposito dell’Infrastruttura negli scavi di Ostia Antica. Questi sono rispettivamente undici frammenti di rocchi scanalati, inv. 59130-59139, 59141, un frammento con superficie liscia ed elemento vegetale, inv. 59140, un elemento architettonico con tre superficie attigue di cui una leggermente convessa, inv. 59142 un frammento di grande base di colonna, inv. 59143 e il frammento di lastra di architrave, inv. 59129. Tutti gli altri manufatti rinvenuti, informi, di minor particolarità e interesse, sono stati ricollocati all’interno della depressione presso il ponte IX e successivamente rinterrati.

27 I frammenti sono quelli identificati dagli inventari 59131, 59134, 59136, 59137 e 59141.

28 Si tratta di quattro frammenti, inv. 59130, 59132, 59139, 59141.

29 I rocchi frammentari ricostruibili sono quelli con i numeri d’inventario 59130, 59132, 59133, 59135, 59138 e 59139.

30 I due rocchi, inv. 59133 e 59139, hanno un diametro pressoché identico pari a cm 179,6-179,8. Segue un terzo, inv. 59130, con il diametro che si aggira intorno ai cm 170,6.

31 Si tratta dei diametri ricostruiti dai frammenti inv. 59138, con misura pari a cm 155 circa, e inv. 59135, ampio circa 165 cm.

32 Il rocchio con diametro minore rispetto a tutti gli altri è quello del frammento inv. 59132.

33 Il frammento, inv. 59143, conserva parte del toro inferiore, con altezza massima pari a cm 18,5 circa, e del listello di separazione con la scotia, alto cm 2,8 circa. Il profilo della scotia è accennato e si conserva per un tratto esiguo, tuttavia sufficiente per determinarne il profilo.

34 Il frammento di lastrone, inv. 59144, misura cm 25,5 di lunghezza, cm 16 di larghezza e presenta uno spessore variabile tra i cm 4,5 e 8.

35 Per l’ambito laziale si rimanda a Bianchi – Bruno 2014, p. 106-109, 140. La Breccia di Aleppo è nota anche da alcune redazioni pavimentali di Ercolano e Pompei: Lazzarini 2007, p. 140, tab. 1.

36 Sul tempio si rimanda a Pensabene 2007, p. 135-144, e a Geremia Nucci 2013.

37 A questo edificio vengono attribuiti due elementi architettonici ancora in loco. Si tratta di un rocchio intagliato per tre quarti insieme all’attiguo blocco parietale e di una base composita di colonna dimensionalmente incompatibile con quella da noi ricostruita, in proposito si rimanda a Heinzelmann 2001, p. 318-319 e Pensabene 2007, p. 248-250.

38 Sul Capitolium si veda in particolare Albo 2002 e, inoltre, Pensabene 2007, p. 250-257.

39 La zona indagata relativa con le prospezioni è l’area 12 interessata dalle prospezioni, si veda in proposito Keay – Millett – Strutt 2005, p. 112, 115, fig. 5.34.

40 La base attica di colonna si presenta con profili semirifiniti caratteristici degli elementi architettonici semilavorati da esportazione dalle cave del proconnesio. Il manufatto è inedito.

41 I rocchi di colonna misurano cm 89 di diametro e il capitello cm 70: Vittori – Vori 1999, p. 50-51.

42 In generale sull’edificio si veda Coarelli 1999, p. 185-187. Vitr., 3, 2, 7, descrive l’edificio definendolo di ordine dorico, mentre Cass. Dio., 54, 19, 4, ci ricorda la quantità delle colonne.

43 Santangeli Valenzani 1996; Pensabene 2013, p. 88-91; da ultimo Pensabene 2018.

44 Cassatella 1999.

45 Kockel 1995; Ganzert 1996.

46 Packer 1995; Bianchi – Meneghini 2002.

47 Per un quadro storico riassuntivo sul tempio si veda De Angeli 1996 e Tagliamonte 1996.

48 Dion. Hal., Ant. Rom., 4, 62, 5.

49 Plin., Nat., 36, 45. Sull’Olympieion in generale si rimanda a Santaniello 2011, dove, tra l’altro, si ricorda che non furono asportate le colonne già erette, bensì, come proposto da alcuni studiosi, partizioni architettoniche non ancora impiegate oppure colonne minori dell’ordine interno del tempio, Santaniello 2011, in part. p. 462. In proposito si veda anche Tölle-Kastenbein 1994, p. 49, 152.

50 Suet., Dom., 1; Tac., Hist., 3, 72.

51 Tac., Hist., 4, 53.

52 Suet., Vesp., 8, 8.

53 Cass. Dio., 66, 24; Plut., Publ., 15, 3.

54 Suet., Dom., 5.

55 Plut., Publ., 15, 4.

56 Danti 2016, in part. p. 215-217, con schede di dettaglio dei disegni degli elementi rinvenuti a cura di P. Chini, in Danti 2016, p. 225-227, cat. III.2.9-III.2.13. Alberto Danti pubblica invece un frammento di foglia di acanto di capitello di lesena di grandi dimensioni inedito, Danti 2016, p. 228, cat. III.2.14, attribuendolo alla fase domizianea. La cronologia di questo elemento deve essere forse riconsiderata con maggiore attenzione, mostrando fortissime analogie con i capitelli del Tempio di Antonino e Faustina al Foro Romano, in proposito si rimanda a Freyberger 1990, p. 59-60, tav. 18.c. Un grande frammento di base attica di colonna, inv. TM 10594, compatibile dimensionalmente con un elemento del tempio capitolino, è stata schedata alcuni anni or sono nei depositi del Teatro di Marcello, nei quali sono confluiti materiali rinvenuti anche durante gli sventramenti di periodo fascista delle pendici del Campdoglio.

57 Tac., Ann., 15, 43.

58 Questa ipotesi viene ripresa dagli studi di Costantino Maes, bibliotecario, cultore della materia e appassionato di storia romana, il quale pubblicò nel 1900 uno studio sulle le rovine del tempio di Giove Capitolino sommerse e giacenti nelle paludi d’Ostia: Maes 1900.

59 Maes 1900, p. 113 sq.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 – Carta delle presenze archeologiche: con la freccia azzurra è indicato il punto di rinvenimento dell’accumulo di marmi presso il ponte IX della via Portuense antica.
Crédits A. Carbonara, C. Morelli.
Titre Fig. 2 – Veduta generale dello scavo di un tratto della via Portuense antica.
Crédits Archivio Parco Archeologico di Ostia antica.
Titre Fig. 3 – Prospetto di uno dei ponti della via Portuense antica.
Crédits Archivio Parco Archeologico di Ostia antica.
Titre Fig. 4 – Planimetria generale del ponte IX.
Crédits Archivio Parco Archeologico di Ostia antica.
Titre Fig. 5 – Prospetto del lato nord del ponte IX: in numeri romani sono indicati i pali del ponteggio rinvenuto in aderenza al ponte.
Crédits Archivio Parco Archeologico di Ostia antica.
Titre Fig. 6 – Panoramica dei frammenti marmorei recuperati nella depressione in corrispondenza del ponte IX della via Portuense antica.
Crédits Archivio Parco Archeologico di Ostia antica.
Titre Fig. 7 – Rocchio frammentario in marmo pentelico, inv. 59130, recuperato dallo scavo della depressione in corrispondenza del ponte IX della via Portuense antica.
Crédits Archivio Parco Archeologico di Ostia antica.
Titre Fig. 8 – Sezioni ricostruttive di sei differenti rocchi di colonna.
Crédits M. Bruno.
Titre Fig. 9 – Disegno ricostruttivo del profilo della base con indicazione, in sezione, del frammento in marmo pentelico, inv. 59143.
Crédits M. Bruno.
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Matthias Bruno, Andrea Carbonara et Cinzia Morelli, « Un accumulo di marmi di spoglio rinvenuti lungo la via Portuense antica in località Tenuta di Ponte Galeria », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité, 130-2 | -1, 411-425.

Référence électronique

Matthias Bruno, Andrea Carbonara et Cinzia Morelli, « Un accumulo di marmi di spoglio rinvenuti lungo la via Portuense antica in località Tenuta di Ponte Galeria », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 130-2 | 2018, mis en ligne le 03 septembre 2019, consulté le 19 septembre 2019. URL : http://journals.openedition.org/mefra/6598 ; DOI : 10.4000/mefra.6598

Haut de page

Auteurs

Matthias Bruno

Parco Archeologico di Ostia Antica – matthiasbruno@libero.it

Andrea Carbonara

Parco Archeologico di Ostia Antica – andreacarbonara@tiscali.it

Articles du même auteur

Cinzia Morelli

Parco Archeologico di Ostia Antica – cinzia.morelli@beniculturali.it

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals