Navigation – Plan du site
Studi ostiensi. Quarto seminario
Epigrafia

Nuova iscrizione di Publio Claudio Abascanto, liberto delle Tre Gallie

Fausto Zevi
p. 367-374

Résumés

P. Claudio Abascanto, schiavo e poi liberto delle Tres Galliae, tra gli ultimi Antonini e l’età severiana vive a Ostia, dove contrae più matrimoni e ha vari figli alcuni dei quali, morti in giovane età, vengono da lui commemorati con statue e altri onori nel santuario ostiense della Magna Mater. La nuova iscrizione aiuta a meglio stabilire i suoi legami familiari e mette in evidenza la speciale devozione per la Grande Dea di Abascanto, quinquennale del corpus dei dendrofori.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 Herz 1989; analogamente Rieger 2004, spec. p. 147 sq.
  • 2 Con qualche modifica dello stemma proposto dal Wickert, CIL XIV Suppl., p. 615.
  • 3 Tran 2006.

1La storia di P. Claudio Abascanto, schiavo delle Tre Gallie poi liberato, residente ad Ostia, è stata studiata anni fa da P. Herz1 come esempio di un successo, pur nella modestia dei risultati conseguiti, nel quadro della mobilità sociale che l’impero consentiva. L’iscrizione che qui si presenta non apporta novità sostanziali, ma induce a modificare il suo stemma familiare come ricostruito sinora, accrescendo nel contempo un dossier abbastanza eccezionale nel contesto epigrafico ostiense: sono pochi, infatti, i cittadini di Ostia che contino un tale numero di attestazioni epigrafiche, e in genere appartengono agli ordini superiori della società. Va da sé che questa «presenza» così rappresentativa, si esplica soprattutto nella sfera privata e, come vedremo, in quella dei collegi religiosi e del culto, come era da attendersi data l’origo del personaggio e quindi l’impossibilità di adire a cariche pubbliche. I testi che lo riguardano sono da tempo noti e nella quasi totalità assunti nel XIV volume del CIL. Già il Dessau aveva suggerito alcuni sagaci accostamenti; il Wickert, nel suo Supplementum Ostiense dello stesso volume del CIL, ha proposto una prima ricostruzione della prosopografia familiare del personaggio; ma è stato soprattutto Herz, nell’articolo citato, a riconsiderare l’insieme dei documenti,2 e delle sue conclusioni si è avvalso anche N. Tran nel suo libro Les membres des associations romaines,3 uscito ormai più di dieci anni fa. Non è tuttavia inopportuna una riflessione ulteriore sui comportamenti personali e sulla religiosità del nostro personaggio.

  • 4 Stando alla Historia Augusta, la peste (e subito prima, l’invasione dei Marcomanni) era stata acco (...)
  • 5 Sul valore di alumnus in contesto ostiense v. da ultimo Caldelli 2017, con bibl.
  • 6 Meiggs 1973, p. 229.

2Abascanto ebbe una vita non breve e fu attivo a Ostia forse per un trentennio tra gli anni finali di Marco Aurelio e quelli centrali di Settimio Severo. I più antichi documenti che lo concernono sembrano essere CIL XIV, 328 e 327, due iscrizioni funerarie, la prima delle quali su un cippo posto a Modestia Epigone anima dulcissima, che Abascantus Galliarum dice de se benemerenti; sul fianco figura la data, il 23 Giugno del 177 – e, dato il periodo, tra le possibili cause di morte, va contemplata anche la peste dell’età antonina.4 Abascanto vi compare dunque come schiavo delle (tre) Gallie; in mancanza di nozze legittime, Epigone, morta ancor giovane, potrebbe esser stata sua contubernale. CIL XIV, 327 invece era su un sarcofago figurato con una coppia di centauri marini sorreggenti la targa iscritta, posto da P. Claudius Abascantus, trium Galliarum libertus, a C. Modestius Theseus suo alumnus dulcissimus5 che visse solo 8 anni, 5 mesi e 19 giorni. Meiggs6 riteneva si trattasse di un figlio di Modestia adottato da Abascanto; Herz suppone invece che fosse figlio di Modestia e di Abascanto stesso e in questa direzione potrebbe indirizzarci anche il nuovo documento di cui diremo. Sul margine superiore dell’iscrizione era incisa una data, V idus decembres, su cui dovremo tornare. Ora, ragiona Herz, se la madre era morta nel 177, il figlio di otto anni non può esser vissuto oltre il 185, e forse morì prima: in ogni caso, potremmo dire che la manomissione di P. Claudius Abascantus ebbe luogo fra il 177 e il 185. Nato forse prima della metà del II secolo, Abascanto, ormai libertus trium Galliarum, continuò a risiedere a Ostia anche dopo la sua liberazione. Già il cippo marmoreo eretto a Modestia quando era ancora schiavo dimostra la disponibilità di un peculio non minimo; il sarcofago figurato acquistato per il piccolo Modestio è indizio di qualche possibilità economica di cui piacerebbe conoscere l’origine, anche perché forse getterebbe luce sulla ragione dell’invio a Ostia di un proprio schiavo da parte del concilium delle Tres Galliae, e probabilmente anche della scelta di Abascanto di stabilirvisi dopo aver ottenuto la libertà.

  • 7 CIL XIV, p. 2, qui anche riferimenti al ms. vaticano di G. Amati.
  • 8 Paschetto 1912, p. 528 sq.
  • 9 Ostia, Deposito 20; inv. n. 19889. Misura cm. 6 /7 × 116 × 36,5; lett. 1,5.
  • 10 A meno che quest’ultimo non fosse morto nel frattempo: un ulteriore evento della concitata sequenz (...)

3Il cippo di Modestia Epigone proviene dagli scavi Cartoni, mentre il sarcofago di Teseo, poi al Museo Torlonia, si trovava inizialmente a palazzo Cartoni; il ms. di Amati conferma infatti per ambedue la provenienza dagli scavi dei fratelli Cartoni, effettuati negli anni 1824-25, maximo cum proventu inscriptionum,7 nella necropoli ostiense di Pianabella, segnatamente presso S. Ercolano;8 scavi che avranno incontrato e spogliato il sepolcro dei Modestii, madre e figlio, eretto probabilmente dallo stesso Abascanto, non sappiamo se vicino al suo proprio. Da quest’ultimo deve invece provenire l’iscrizione che presentiamo, trovata però in città, «reimpiegata a rovescio come soglia nella sala con pavimento a intarsio marmoreo, nel Caseggiato di fronte alla via della Fortuna Annonaria, angolo via degli Augustali, avanti alla fullonica (R.V, is. X, n. 1)». Si tratta di una lastra di marmo bianco a grossi cristalli, grezza sulla superficie superiore con una marca di cava con numerazione del blocco, che aveva funzione di coperchio di sarcofago o di loculo (fig. 1-3); l’iscrizione9 è incisa sulla fronte, nello spessore della lastra. Il testo su due righe, che alle due estremità della prima reca le lettere D(is) M(anibus), suona: P(ublio) Cl(audio) P(ubli) fil(io) Modestio Firmo, Abascantus et Arria filio dulcissimo qui vixit anno uno et dies VIIII / eucelsit (per excessit?) vita X kal(endas) Februar(ias), cioè il 23 Gennaio. Il figlio di Abascanto è ormai di nascita libera; quanto alla moglie Claudia Arria, personaggio che ritroveremo, porta come cognome un gentilizio largamente presente a Ostia. Anche il piccolo defunto ha due gentilizi, il secondo dei quali in funzione cognominale. La stessa circostanza è stata rilevata da Herz a proposito di altri figli di Abascanto: egli ritiene che il secondo gentilizio-cognome fosse assunto dal nome della madre (costume che al tempo troverebbe a Ostia vari confronti) e pone in risalto come la trasmissione del gentilizio materno mettesse in evidenza lo spettro delle parentele acquisite e quindi l’allargamento dei rapporti sociali di Abascanto. Ma, almeno nel nostro caso, non sembra essere così, perché il gentilizio Modestius, che il piccolo reca in funzione cognominale, è quello dell’alumnus dulcissimus cui abbiamo accennato; che il riferimento sia proprio a lui e alla sua presumibile madre Modestia Epigone, è più che certo, perché in tutto il corpus epigrafico ostiense il gentilizio Modestius/Modestia compare solo tre volte, e sono appunto i tre nostri personaggi, Modestia Epigone, C. Modestio Teseo e P. Claudio Modestio Firmo. Né sembra ipotizzabile l’adozione di un figlio di Modestia, morta quando Abascanto era ancora schiavo; a meno di non evocare lo scenario, improbabile anche se non impossibile, di una liberazione di Abascanto intervenuta immediatamente dopo la morte di Modestia e subito seguita dal matrimonio con Arria e dalla adozione dell’ultimo figlio di Modestia appena nato, che avrebbe perciò conseguito uno status giuridico diverso da quello del fratello.10 Ma, per non perderci in congetture complicate e indimostrabili, limitiamoci a constatare il comportamento peculiare di Abascanto, che in funzione di cognome attribuisce costantemente ai suoi figli un secondo gentilizio (ma il fenomeno riguarda anche la moglie), non necessariamente quello materno; nella fattispecie, sembrerebbe proprio che, dando al piccolo Firmo il cognome Modestio, da un gentilizio che nel contesto ostiense non destava particolare risonanza, si volesse soprattuto conservare la memoria di Modestio Teseo da poco scomparso. Ugualmente va sottolineato come ritorni anche qui la indicazione della data di morte: un costume raro, per lo meno a Ostia, ma vedremo che per le date Abascanto dimostra una puntigliosa attenzione.

Fig. 1 – Iscrizione inedita di P. Claudio Abascanto (Inv. 19889).

Fig. 1 – Iscrizione inedita di P. Claudio Abascanto (Inv. 19889).

© Soprintendenza Archeologica di Roma e Ostia 2011. Foto: F. Marini Recchia, con autorizzazione del Parco archeologico di Ostia.

Fig. 2 – Particolare della parte sinistra (Inv. 19889).

Fig. 2 – Particolare della parte sinistra (Inv. 19889).

© Soprintendenza Archeologica di Roma e Ostia 2011. Foto: F. Marini Recchia, con autorizzazione del Parco archeologico di Ostia.

Fig. 3 – Particolare della parte destra (Inv. 19889).

Fig. 3 – Particolare della parte destra (Inv. 19889).

© Soprintendenza Archeologica di Roma e Ostia 2011. Foto: F. Marini Recchia, con autorizzazione del Parco archeologico di Ostia.

  • 11 La variante introdotta da Herz riguarda P. Claudius Horatius (?) Abascantianus (CIL XIV, 324), che (...)

4Una novità, rispetto a quanto precedentemente noto, è che (Claudia) Arria risulta essere moglie di Abascanto; laddove finora, nello stemma proposto da Wickert (CIL XIV p. 615, additamentum al n. 326), e ripreso, con qualche modifica, da Herz,11 Claudia Arria veniva considerata moglie del figlio di Abascanto (il P. Claudio Veratio Abascantiano di CIL XIV, 326, r. 5); dalla loro unione sarebbe nato P. Claudius Arrius Ve[ratius], prolungando così la discendenza di Abascanto per due generazioni. In realtà, come vedremo, le testimonianze note vanno ricompattate e riportate al solo Abascanto e alla sua movimentata vita familiare.

  • 12 Il Dessau ha supposto che ad Abascanto vada riferita anche CIL XIV, 71, mancante del nome dell’ono (...)
  • 13 Ostia, Gall. Lapidaria, inv. 11199.
  • 14 Meiggs 1973, p. 362) suppone che egli abbia eretto la statua in occasione della sua seconda quinqu (...)

5Gli altri testi del nostro dossier non provengono da necropoli. Emerge qui infatti un tratto dominante della personalità di Abascanto, la devozione alla Magna Mater, e, correlatamente, la sua appartenenza al collegio dei dendrofori, del quale fu due volte quinquennale.12 Cominciamo dalla testimonianza più tarda, CIL XIV, 324:13 Abascanto innalza ad un suo figlio una statua nel Campo della Magna Mater a Ostia,14 ottenendone il permesso da M. Antius Crescens Calpurnianus pontifex Volcani et aedium sacrarum (un clarissimus, al consolato proprio in quegli anni), il quale, come avverte l’iscrizione sul fianco della base, statuam poni in campo Matris Deum infantilem permisi; segue la data, il 203, 9 giorni prima delle calende di Aprile, cioè il 24 Marzo. Dovrebbe trattarsi del dies natalis del bambino; ma non mi pare sia stato rilevato che il 24 Marzo è una data centrale nel ciclo delle feste della Magna Mater, il giorno del sangue e della morte di Attis, del compianto e della veglia funebre, cui seguirà, il giorno seguente, la gioia della resurrezione degli Hilaria. Ora, l’iscrizione dedicatoria sulla fronte suona: P(ublio) Cl(audio) P(ubli) f(ilio) Horat(io; eventualmente –iano; già il Dessau, al n. 328, escludeva un completamento della parola come Horatia tribu) Abascantiano fil(io) dulcissimo P(ublius) Cl(audius) Abascantus pater, q(uin)q(ennalis) II corp(oris) dendrophorum ostiens(ium). Tran osserva giustamente che l’espressione filio dulcissimo «semble indiquer que l’hommage s’adresse à un défunt» (e ora lo conferma il ricorrere della espressione nel nuovo testo epigrafico) e che la statua sia stata eretta post mortem mi sembra indubbio; qualche dubbio invece mi sembra lecito circa il valore della data della dedica, che potrebbe esser stata scelta non in rapporto con il genetliaco, ma con la festa di Attis nel calendario cultuale della Magna Mater. Anche Claudio Orazio porta un gentilizio come cognome, da cui Herz (sempre in base al principio: gentilizio cognominale = gentilizio della madre) ha dedotto un matrimonio di Abascanto con una Orazia; anche se il caso testé presentato di Claudio Modestio, figlio di Claudia Arria, dimostra che l’inferenza non è rigorosamente necessaria.

  • 15 CIL XIV, 325 con add. p. 614: Ostia inv. n. 11836. Cfr. Vermaseren 1986, 110 s. n. 363.
  • 16 Cfr. ad es. CIL XIV, 431 e AE 1987, 198-199: suggerimenti di F. van Haeperen, che ringrazio.
  • 17 Rieger 2004, p. 148, 170, 294.
  • 18 Il 19 Settembre cade il genetliaco di A. Pio, ma nel contesto non mi pare abbia rilevanza.
  • 19 Dagli scavi Petrini, anni 1801-1804.
  • 20 N. Laubry suggerisce, exempli gratia, una integrazione come: nomina eorum qui pecuniam collegio de (...)
  • 21 Come in CIL XIV, 37 (cannofori), 69 (dendrofori).
  • 22 F. van Haeperen fa osservare che la celebrazione del dies natalis poteva riguardare anche viventi, (...)
  • 23 Ma vedi la n. prec.

6Comunque, non mi sembra motivato il dubbio di Herz (seguito da Rieger) su chi fosse il maggiore tra i figli di Abascanto a noi conosciuti: certo non Orazio, per il quale nel 203 viene eretta una statua infantile, semmai il Veratius di cui diremo subito. Nello stesso santuario ostiense, infatti, proprio accosto al tempio della dea, sono stati trovati i frammenti di quella che il Visconti definiva «una grandissima base, la quale, nella sua interezza, misurava ben due metri»;15 sul fianco, c’è un’iscrizione dove il medesimo pontifex Volcani et aedium sacrarum, M. Antius Crescens Calpurnianus, concede il permesso di innalzare due statue purché senza danno di quelle preesistenti. Dell’iscrizione della fronte restano le righe finali concernenti, così pare, l’eventuale inosservanza nel versamento di somme (o meglio dell’utilizzazione delle relative usurae) ad una certa data (VIII idus Ianuarias, il 6 gennaio) e della conseguente attribuzione delle somme stesse alla res publica Ostiensis, secondo una procedura attestata ad Ostia in più casi;16 questa clausola è preceduta dal nome in genitivo (quanto meno viene integrato così) P(ubli) Cl(audi) Vera[ti Abascantiani]. Il cognome Abascantianus non ha bisogno di commento; quanto all’altro che precede, se si eccettua la Rieger17 che lo trascrive Veratus (cognome sconosciuto all’epigrafia ostiense) tutti gli studiosi lo considerano genitivo di Veratius, gentilizio non comune ma attestato a Ostia: secondo Herz, anche in questo caso si tratterebbe del nome di un’altra moglie di Abascanto. Sul plinto della base è una data, XIII kal(endas), purtroppo incompleta: è perduta l’indicazione del mese,18 cui segue la coppia consolare del 194, ripetuta anche sul fianco in rapporto alla concessione del pontefice di Vulcano. Siamo quasi un decennio prima dell’ iscrizione precedente: se ad Orazio Abascantiano nel 203 venne dedicata una statua infantile, difficilmente avrà avuto più di nove o dieci anni, e forse nel 194 non era neppure nato; non pare dubbio, dunque, che Veratio Abascantiano fosse maggiore per età, ed è improbabile che, come generalmente si suppone e si ripete, la statua che, sulla «grandissima base», si accompagnava alla sua, fosse quella del fratello Orazio, visto che a quest’ultimo verrà dedicata nello stesso santuario una statua indipendente; semmai, si dovrà pensare al fratello Claudio Arrio Veratio di cui diremo. Ma per noi è interessante anche CIL XIV, 32619 cui Wickert ha aggiunto un ulteriore frammento (cfr. Add. p. 613), una tavola contenente i nomina eorum qui pecuni[am- - -] / et quibus dieb(us) natalis e[orum - - -]. Il significato è chiaro20 e il testo elenca, mese per mese, le date dei genetliaci, coi relativi personaggi e le somme versate: come ben vide il Dessau, della somma versata (in sesterzi), la rendita annuale (annotata invece in denarii) era destinata a celebrare la ricorrenza. In calce alla lastra, in lettere più grandi, compare P(ublius) Claudius, trium provinc[iarum libertus Abascantus] come colui che ha approntato tabulam marmoream. La tavola conserva la sola colonna di sinistra (di quella di destra resta appena qualche lettera), con i genetliaci da Gennaio a Maggio: l’elenco si apre (e con particolare evidenza: occupa due righe, le 4-5) col nome di P(ublius) Cl(audius) Veratius Abascantianus, che cade VIII idus Ianuarias, il 6 gennaio. Per quasi tutti i personaggi elencati la somma versata è di 2000 sesterzi, che rendono 60 denari; per uno solo è 3000 sesterzi, con una rendita di 90 denari; ma due della lista, e anzi quasi certamente tre, versano invece una somma tripla delle altre, 6000 sesterzi, con 180 denari di rendita, e i tre sono due figli e la moglie di Abascanto, nell’ordine P. Claudio Veratio Abascantiano che, lo abbiamo visto, compie gli anni a Gennaio; ad Aprile (r. 15) P(ublius) Claudius Arrius Veratius, e il 29 Maggio (r. 21) Claudia Arria, unica donna in tutto l’elenco, che è detta mater – secondo l’opinione comune per distinguerla da un’ omonima figlia, ma mi chiedo se non sia piuttosto un appellativo onorifico nell’ambito del collegio.21 Non sappiamo se nella metà mancante della lastra, che conteneva i mesi da Giugno a Dicembre, figurassero anche altri membri della famiglia di Abascanto. Abbiamo visto che il compleanno di Claudio Veratio Abascantiano cadeva il 6 gennaio: ebbene, è la medesima data indicata in relazione alle somme menzionate nella base CIL XIV, 325, che abbiamo appena visto; al Dessau non è sfuggita la coincidenza di data, né la possibilità che in CIL XIV, 325 e 326 fosse menzionata la medesima somma: de hac ipsa sex milium nummum conlatione agi suspicatus sum, concludendo giustamente che ambedue i documenti dovevano riferirsi ai dendrofori. Se ne deve inferire che la celebrazione del dies natalis di Veratio Abascantiano avvenisse al cospetto della sua immagine statuaria presso il tempio della Magna Mater, e che quindi, probabilmente, nel 194 d.C. il personaggio non doveva essere più in vita: un terminus cronologico importante per la storia familiare di Abascanto.22 Dunque, così come sarà più tardi per il piccolo Claudio Orazio Abascantiano, la base con due statue CIL XIV, 326, eretta nel 194 nel recinto della Magna Mater, deve rappresentare in primo luogo l’espressione del cordoglio paterno (e una speranza di rinascita?) per i due figli, Veratio Abascantiano, probabilmente il maggiore, e Claudio Arrio Veratio (che porta bensì a cognome il gentilizio della madre, ma anche un secondo gentilizio-cognome che indica una diversa relazione parentale: anche in questo caso un richiamo al fratello premorto?) al quale ultimo deve allora appartenere la data che si legge, incompleta, all’inizio di CIL XIV, 325 [- - - die]s IIII Kal[endas - - -], e che, messa in relazione con CIL XIV, 326, r. 15, dovremmo restituire, in ambedue i testi: IIII Kalendas Maias. Se la celebrazione del dies natalis da parte dei dendrofori riguardava solo personaggi defunti (ma non è affatto certo), anche Claudia Arria dovrebbe essere morta in quello stesso giro di anni o poco dopo;23 in ogni caso la data di CIL XIV, 326 non è sicura per la mancanza della parte destra della lastra che rende la lista incompleta.

  • 24 L’ipotesi alternativa (suggeritami da N. Laubry), cioè che il matrimonio con Claudia Arria abbia p (...)

7Se, alla luce anche del nuovo testo epigrafico, volessimo ricostruire la successione di mogli e madri dei figli di Abascanto seguendo la prospettiva di Herz, avremmo prima il rapporto con Modestia, ancora negli anni ’70 del secolo (e comunque prima del 177, anno della sua morte), da cui sarebbe nato il figlio Modestius Theseus, morto prima del 185; e per ultimo il presunto matrimonio con una Horatia madre di Horatius (?) Abascantianus (CIL XIV, 324), ancora bambino nel 203. Fra questi due estremi si collocherebbero altri due legami matrimoniali, uno, con una Veratia, da cui avrebbe avuto Veratius Abascantianus, l’altro, attestato dalla nostra iscrizione, con Claudia Arria,24 che avrebbe generato forse una figlia e almeno due figli maschi (uno dei quali, il nostro Firmo, morto a un anno) ma che avrebbero ripreso rispettivamente il nome di Modestius e quello di Veratius, quest’ultimo abbinato ad Arrius dal gentilizio materno. Comunque sia, Abascanto, più che uno spregiudicato arrampicatore sociale, pronto, nella sua ascesa, a passare da un matrimonio all’ altro, potrebbe esser stato solamente un marito e un padre particolarmente sfortunato. Quanto ad Horatius (o Horatianus) di CIL XIV, 324, si dovrebbe immaginare una quarta moglie Horatia, sposata da Abascanto nei suoi anni maturi, già verso la fine del secolo.

  • 25 Meiggs 1973, p. 362.
  • 26 Tran 2006, p. 129.
  • 27 Ostia, Gall. Lapidaria, inv. n. 11186.
  • 28 Bloch 1953, p. 264.
  • 29 Meiggs 1973, p. 504 sq.: in particolare egli contesta la restituzione del nome di M. Acilio Prisco (...)

8Il resto della storia di Abascanto è solo argomento di congetture: vorremmo conoscere l’origine della sua ricchezza, che normalmente viene ricondotta ad attività di commercio o di affari peraltro non identificabili: «probably made money in trade or business»,25 ricchezza esibita con ogni mezzo, statue, iscrizioni, celebrazioni anniversarie di portata tripla rispetto a tutti gli altri. Come dice Tran, la documentazione «ne laisse entrevoir que l’image qu’Abascantus a souhaité laisser de lui-même. Or, il s’agit d’une image de réussite sociale»26 – ma niente di più concretamente afferrabile. Ma va ribadito che il teatro di tale «réussite sociale» è sempre il culto della Magna Mater col collegio dei dendrofori. Ai testi già citati va aggiunta infatti l’importante lastra CIL XIV, 28127, un elenco di patroni e di quinquennali di un collegio riconosciuto come quello dei dendrofori proprio perché vi figura Abascanto quinquennalis iterum, oltre che per il suo ritrovamento, negli scavi Visconti del 1867, insieme con CIL XIV, 280 che menziona appunto i dendrofori. Mentre i quinquennali sono personaggi che non sembrano aver rivestito altre cariche al di fuori del collegio, tra i patroni compaiono tutti i clarissimi della aristocrazia ostiense del II secolo, gli Egrili Plariani, i Larci Lepidi, i Fabi Agrippini; vi compare però anche, come quinto ed ultimo, C. Iulius Istorius Octavianus (il nome peraltro è stato sicuramente aggiunto, alia manu, all’elenco dei primi quattro) il quale, con la denominazione abbreviata C. Iulius Octavianus patr(onus) ritorna nella penultima riga della colonna di destra (anche qui aggiunto, insieme con l’ultimo nome, alia manu). Ottaviano è uno dei personaggi il cui dies natalis viene celebrato in CIL XIV, 326, con la rendita di un versamento di 2000 sesterzi; questo conferma che CIL XIV, 281 deve esser stata incisa alla fine del II secolo, dando ragione a Wickert e a Bloch,28 i quali, diversamente da Meiggs che, restituendo diversamente le lacune dei loro nomi, li ritiene contemporanei,29 considerano l’elenco dei patroni come il risultato di aggiornamenti successivi.

  • 30 Ma non va dimenticato che a Lione era nato lo stesso imperatore Claudio, altra e concomitante poss (...)
  • 31 Meiggs 1973, p. 362.
  • 32 Desbat 2005.
  • 33 È l’iscrizione CIL XIII, 1751 = D. 4131 = Vermaseren 1986, p. 133 sq., n. 386, lungamente consider (...)
  • 34 Ovvero attestare la scelta un giorno legato al culto di Mater Magna per «celebrare» il figlio defu (...)

9Herz ha spiegato il nomen di Abascanto, P. Claudius, riconducendolo al gentilizio di Druso Maggiore, cui risaliva la fondazione dell’ara del concilium delle tre Gallie,30 mentre il prenome Publius forse richiamava publicus, e dunque la sua originaria qualifica di servus publicus, distinguendolo così dai tanti Ti. Claudii discendenti di liberti imperiali. Ma sfugge del tutto la ragione per la quale il concilium delle Gallie aveva inviato, o comunque disponeva a Ostia di propri schiavi: il caso è unico. La straordinaria devozione di Abascanto per la Magna Mater può essere un portato della sua origo: come dice Meiggs,31 Abascanto «may have been a devotee of Cybele’s cult in Gaul». A Lione, dove era il concilium delle Gallie, il culto della Magna Mater aveva effettivamente la più grande rilevanza; anche se ormai sembra definitivamente dimostrato che non ha a che fare con la dea il grande tempio dietro il teatro, contiguo ad una sorta di spazio triangolare che richiamava il campo di Ostia, e che una consolidata convinzione ha lungamente attribuito a Cibele.32 Tuttavia le testimonianze epigrafiche restano significative, e, in particolare, proprio a Lione conosciamo una assai precoce attestazione di taurobolio effettuato nel 160 d.C. pro salute di Antonino Pio in un contesto certamente pubblico;33 a Ostia il più antico taurobolio finora noto, in onore di M. Aurelio, Commodo Cesare e Faustina risale a prima del 175, più o meno al tempo in cui Abascanto venne a Ostia. Nei suoi comportamenti, colpisce soprattutto il ricorrere di date, date di morte (di rado presenti altrove nell’epigrafia funeraria ostiense), date di nascita, e forse anche date corrispondenti a festività della Magna Mater. A proposito di queste ultime, ritorno sulla data che figurava in prima riga nell’iscrizione CIL XIV, 327, quella del fanciullo Modestio Teseo, V idus decembres, cioè l’8 Dicembre. La soluzione più semplice è che, come in altri casi del nostro dossier, rappresenti la data di morte del piccolo defunto, ma mi dà da pensare una coincidenza finora non rilevata: sul fianco della già ricordata iscrizione di Lione commemorante il taurobolio del 160, figura la dicitura: cuius mesonyctium factum est V idus decembres, essendo il mesonyctium una cerimonia notturna, apparentemente connessa con il taurobolio, dei cui contenuti non sappiamo nulla. Si tratta, anche qui, di una semplice coincidenza, ovvero la data potrebbe indicare una cerimonia di iniziazione del fanciullo?34 Concludo senza una risposta precisa, e la questione rimane in sospeso al pari di altre che circondano il nostro libertus trium Galliarum, del quale tuttavia non è stato forse inutile riaprire il dossier per ripercorrere le tappe della sua esistenza ad Ostia.

Haut de page

Bibliographie

Bloch 1953 = H. Bloch, Ostia. Iscrizioni rinvenute tra il 1930 e il 1939, in NSA, 1953, p. 239-306.

Caldelli 2017 = M.L. Caldelli, Schiavi e padroni ad Ostia: alcune riflessioni su un rapporto sociale ambivalente, in M. Dondin-Payre, N. Tran (a cura di), Esclaves et maîtres dans le monde romain, Roma, 2017 (CEF, 527), p. 253-267.

Desbat 2005 = A. Desbat, Histoire des recherches : comment est née l’hypothèse d’un sanctuaire de Cybèle, in A. Desbat (a cura di), Lugdunum. Naissance d’une capitale, Gollion, 2005, p. 97-100, p. 123-126.

Duthoy 1969 = R. Duthoy, The taurobolium, its evolution and terminology, Leida, 1969 (EPRO, 10).

Herz 1989 = P. Herz, Claudius Abascantus aus Ostia. Die Nomenklatur eines libertus und sein sozialer Aufstieg, in ZPE, 76, 1989, p. 167-174.

Meiggs 1973 = R. Meiggs, Roman Ostia, 2a ed., Oxford, 1973.

Paschetto 1912 = L. Paschetto, Ostia colonia Romana, Roma, 1912 (Atti Pont. Acc. Rom. Arch., 10).

Pensabene 2017 = P. Pensabene, Scavi del Palatino 2. Culti, architetture e decorazioni, Roma, 2017 (Studi Miscellanei 39, 1-2).

Rieger 2004 = A.-K. Rieger, Heiligtümer in Ostia, Monaco di Baviera, 2004.

Tran 2006 = N. Tran Les membres des associations romaines, Roma, 2006 (CEF, 367).

Van Haeperen 2006 = F. van Haeperen, Fonctions des autorités politiques et religieuses romaines en matière de « cultes orientaux », in C. Bonnet, J. Rüpke, P. Scarpi (a cura di), Religions orientales – Culti misterici. Neue Perspektiven, nouvelles perspectives, prospettive nuove, Stoccarda, 2006, p. 39-51.

Vermaseren 1986 = M.J. Vermaseren, Corpus Cultus Cybelae Attidisque (CCCA) V, Leida-Boston, 1986.

Haut de page

Notes

1 Herz 1989; analogamente Rieger 2004, spec. p. 147 sq.

2 Con qualche modifica dello stemma proposto dal Wickert, CIL XIV Suppl., p. 615.

3 Tran 2006.

4 Stando alla Historia Augusta, la peste (e subito prima, l’invasione dei Marcomanni) era stata accompagnata, per volontà di Marco Aurelio, dal richiamo a Roma di sacerdoti di tutte le religioni: tantus autem timor belli Marcomannici et undique sacerdotes Antoninus acciverit, peregrinos ritus impleverit, Romam omni genere lustraverit, retardatusque bellica profectione sic celebravit et Romano ritu lectisternia per septem dies. Tanta autem pestilentia fuit ut vehiculis cadavera sint exportata… et multa milia pestilentia consumpsit… etc. (vita Marci, 13); e poco oltre: instante adhuc pestilentia et deorum cultum diligentissime restituit… (ivi, 21,6). È possibile ipotizzare che Abascanto sia giunto ad Ostia al seguito di qualche personalità chiamata proprio per offrire un concorso alle provvidenze in campo religioso (nel caso, relative al culto della Magna Mater) per allontanare l’epidemia?

5 Sul valore di alumnus in contesto ostiense v. da ultimo Caldelli 2017, con bibl.

6 Meiggs 1973, p. 229.

7 CIL XIV, p. 2, qui anche riferimenti al ms. vaticano di G. Amati.

8 Paschetto 1912, p. 528 sq.

9 Ostia, Deposito 20; inv. n. 19889. Misura cm. 6 /7 × 116 × 36,5; lett. 1,5.

10 A meno che quest’ultimo non fosse morto nel frattempo: un ulteriore evento della concitata sequenza di avvenimenti che dovremmo ipotizzare nel giro di un solo anno.

11 La variante introdotta da Herz riguarda P. Claudius Horatius (?) Abascantianus (CIL XIV, 324), che Wickert considerava figlio di Abascanto e di Veratia, e Herz invece nato da un successivo matrimonio di Abascanto con una Horatia. Herz inoltre completa il nome di P. Claudius Arrius Ve[- - -] di CIL XIV, 326 (r. 15) come Ve[ratianus] in luogo di Ve[ratius]. Lo stemma di Herz è riportato da Tran 2006, p. 130.

12 Il Dessau ha supposto che ad Abascanto vada riferita anche CIL XIV, 71, mancante del nome dell’onorato, che era quinquennalis iterum e patrono dei dendrofori. Tuttavia a me pare faccia ostacolo all’identificazione la circostanza che questa iscrizione reca la data consolare del 196, laddove Abascanto nella posteriore CIL XIV, 324 (v. oltre), del 203, non ha il titolo di patronus.

13 Ostia, Gall. Lapidaria, inv. 11199.

14 Meiggs 1973, p. 362) suppone che egli abbia eretto la statua in occasione della sua seconda quinquennalitas; ma l’inferenza non mi sembra necessaria, e la circostanza deve essere stata piuttosto la morte del giovane figlio.

15 CIL XIV, 325 con add. p. 614: Ostia inv. n. 11836. Cfr. Vermaseren 1986, 110 s. n. 363.

16 Cfr. ad es. CIL XIV, 431 e AE 1987, 198-199: suggerimenti di F. van Haeperen, che ringrazio.

17 Rieger 2004, p. 148, 170, 294.

18 Il 19 Settembre cade il genetliaco di A. Pio, ma nel contesto non mi pare abbia rilevanza.

19 Dagli scavi Petrini, anni 1801-1804.

20 N. Laubry suggerisce, exempli gratia, una integrazione come: nomina eorum qui pecuniam collegio dendrophorum dederunt et quibus diebus natalis eorum celebrandus sit. Ringraziamenti per questo e altri utili suggerimenti.

21 Come in CIL XIV, 37 (cannofori), 69 (dendrofori).

22 F. van Haeperen fa osservare che la celebrazione del dies natalis poteva riguardare anche viventi, con l’obbligo di continuarla anche dopo la morte: un caso molto indicativo è quello del patrono et quinquennale perpetuo dei dendrofori, C. Iulius Cocilius Hermes (come risulta chiaramente da AE 1987 n. 198 del 256 d.C.), il cui nome è presente anche in CIL XIV, 326, r. 22 con la stessa data VI kal. Iunias.

23 Ma vedi la n. prec.

24 L’ipotesi alternativa (suggeritami da N. Laubry), cioè che il matrimonio con Claudia Arria abbia preceduto quello con Veratia, ha certamente il vantaggio di riportare la nascita del piccolo Claudio Modestio Firmo della nostra iscrizione più vicino ai tempi di Modestia Epigone e Modestio Teseo, spiegando meglio la ripresa del loro gentilizio. Ma ne risulterebbe che P. Claudio Arrio Veratio sarebbe figlio di Veratia, con una ripresa del gentilizio della precedente moglie di suo padre, ciò che a me sembra fare difficoltà (il caso di Modestio Teseo potrebbe essere diverso). Tuttavia la questione resta aperta.

25 Meiggs 1973, p. 362.

26 Tran 2006, p. 129.

27 Ostia, Gall. Lapidaria, inv. n. 11186.

28 Bloch 1953, p. 264.

29 Meiggs 1973, p. 504 sq.: in particolare egli contesta la restituzione del nome di M. Acilio Prisco Egrilio Plariano, personaggio solidamente ancorato all’età traianeo-adrianea.

30 Ma non va dimenticato che a Lione era nato lo stesso imperatore Claudio, altra e concomitante possibile motivazione del nome del liberto delle Tre Gallie.

31 Meiggs 1973, p. 362.

32 Desbat 2005.

33 È l’iscrizione CIL XIII, 1751 = D. 4131 = Vermaseren 1986, p. 133 sq., n. 386, lungamente considerata, nella storia degli studi, come il primo taurobolio noto nel culto della Mater Magna, segno anzi di una riforma nel culto intervenuta con Antonino Pio (cfr. Duthoy 1969, n. 126, p. 116: «about 160 the taurobolium was incorporated in the cult of Cybele»); ma ora una dedica beneventana ad Attis e Minerva, con menzione di un taurobolio (AE 1994, n. 538) sembra risalire ad età traianea (Van Haeperen 2006, p. 42). Nel testo lionese, la menzione di un Vaticanum, che, pur riferendosi alla toponimia del posto, ovviamente rimanda alla località romana, indica che dovevano svolgersi analoghe cerimonie a Roma, dove peraltro le testimonianze sicure sono molto più tarde. Per una recentissima disamina dei culti romani si veda Pensabene 2017, spec. p. 57 sq., 65 sq., 75 sq., che fra l’altro sottolinea (p. 75, n. 314) «l’importanza del periodo di Claudio per il rilancio del culto metroaco».

34 Ovvero attestare la scelta un giorno legato al culto di Mater Magna per «celebrare» il figlio defunto, come mi suggerisce F. van Haeperen; tuttavia in questo caso si tratta di una iscrizione propriamente funeraria.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 – Iscrizione inedita di P. Claudio Abascanto (Inv. 19889).
Crédits © Soprintendenza Archeologica di Roma e Ostia 2011. Foto: F. Marini Recchia, con autorizzazione del Parco archeologico di Ostia.
Titre Fig. 2 – Particolare della parte sinistra (Inv. 19889).
Crédits © Soprintendenza Archeologica di Roma e Ostia 2011. Foto: F. Marini Recchia, con autorizzazione del Parco archeologico di Ostia.
Titre Fig. 3 – Particolare della parte destra (Inv. 19889).
Crédits © Soprintendenza Archeologica di Roma e Ostia 2011. Foto: F. Marini Recchia, con autorizzazione del Parco archeologico di Ostia.
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Fausto Zevi, « Nuova iscrizione di Publio Claudio Abascanto, liberto delle Tre Gallie », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité, 130-2 | -1, 367-374.

Référence électronique

Fausto Zevi, « Nuova iscrizione di Publio Claudio Abascanto, liberto delle Tre Gallie », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 130-2 | 2018, mis en ligne le 03 septembre 2019, consulté le 19 septembre 2019. URL : http://journals.openedition.org/mefra/6661 ; DOI : 10.4000/mefra.6661

Haut de page

Auteur

Fausto Zevi

Accademia dei Lincei – fausto.zevi@uniroma1.it

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals