Navigation – Plan du site
Varia

La ricezione del mito di Galatea in Etruria tra antiquaria, epigrafia ed iconografia

Laura Ambrosini
p. 105-121

Résumés

Questo studio si propone di analizzare la ricezione in Etruria della figura mitologica greca della Nereide Galatea (Γαλάτεια) e del suo mito, un argomento che finora non è stato indagato in modo specifico. Com’è noto, esiste un importante documento etrusco a tale riguardo: il frammento di un piatto etrusco a figure rosse (e non di una kylix, come spesso si ripete), attualmente disperso. Lo studio della documentazione pubblicata consente di migliorare l’esatta lettura delle didascalie dipinte sul piatto, di formulare ipotesi sul luogo e l’anno della scoperta, sull’attribuzione ad un’area di produzione specifica geograficamente localizzabile e di analizzare la diffusione del mito di Galatea in Etruria. Il vaso è di provenienza ignota, e il dato della vulgata della sua scoperta a Volterra è il risultato di un’interpretazione errata della documentazione; la lettura delle due iscrizioni calatea e tritun, probabilmente sovradipinte, è invece confermata; il vaso può essere attribuito forse alla produzione del Pittore di Settecamini e datato alla metà del IV secolo a.C.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 Ringrazio la Dott. Maria Grazia Bollini della Biblioteca Comunale dell’Archiginnasio di Bologna –  (...)
  • 2 Muccioli 2004; Gelli 2008, con bibl. cit.
  • 3 Bibliografia, senza pretesa di completezza: Schiassi 1814, p. 8, 24, tav. 1 (senza numero); Inghira (...)

1La ricezione in Etruria della figura mitologica greca di Galatea (Γαλάτεια)1, la Nereide figlia di Nereo e Doride della quale si innamorò il ciclope Polifemo2, è testimoniato dal frammento di un piattello etrusco a figure rosse (e non di una kylix, come spesso si ripete)3, attualmente disperso. Lo studio della documentazione edita consente di migliorare la lettura delle didascalie dipinte sul vaso, di formulare ipotesi circa il luogo e l’anno di rinvenimento, di attribuire il vaso ad un determinato ambito produttivo geograficamente localizzabile e di analizzare la diffusione del mito di Galatea in Etruria.

Le fonti documentarie

  • 4 Sappiamo però che il Passeri riteneva di avere «molta pratica della materiale antichità» (Carrador (...)
  • 5 Schiassi 1814, p. 8; Inghirami 1824, p. 521.
  • 6 Forse dopo la morte del Biancani, come si deduce da Inghirami 1815, p. 92-93, 96.
  • 7 Schiassi 1814, p. 6-7. Anche nella forma Vigna Dal Ferro. Ringrazio sentitamente la Dott. M.G. Bol (...)
  • 8 Masci 2003, p. 66, 224.
  • 9 Ivi, p. 68. Il Passeri ricorda di aver ricevuto «disegni di cose etrusche da un suo amico di Perug (...)
  • 10 Che egli ebbe da vari suoi corrispondenti o che comprò personalmente: Carradori – Gambaro 2004, p. (...)
  • 11 Masci 2008, p. 22-23, 103. Le acquisizioni da aree etrusche erano di minore rilevanza: sappiamo ch (...)
  • 12 Su F. Schiassi vedi Sassatelli 1989, p. 236-246.
  • 13 La Dott. Bollini mi ha gentilmente segnalato che «nel fondo speciale Filippo Schiassi, busta XIII, (...)
  • 14 Bibliotecario e professore emerito della regia Università di Bologna.
  • 15 Socio onorario della Regia Accademia di Belle Arti di Bologna.
  • 16 Schiassi 1814, p. 10 e 55; Sassatelli 1989, p. 240.
  • 17 Il manoscritto è conservato presso la Biblioteca Comunale dell’Archiginnasio di Bologna, Fondo Spe (...)
  • 18 Sul Pozzetti vedi Checcucci 1858 e Tiraboschi 1835, p. 17-32.
  • 19 «Di questo frammento tratta anche il prof. Schiassi nell’inviarmelo»: Inghirami 1824, p. 520, tav. (...)

2Il disegno del frammento era in possesso di Giovan Battista Passeri – purtroppo non sappiamo se egli possedesse effettivamente il frammento4 o solo il suo disegno, datogli da qualcun altro – e fu da costui consegnato a Giacomo Biancani Tazzi5 e, in seguito6, Gaetano Vignaferri (genero del Biancani) lo diede allo Schiassi affinché lo pubblicasse (fig. 1)7. Di questa fase non sappiamo altro. Il frammento fu rinvenuto, ad ogni modo, prima del 4 febbraio 1780, data della morte del Passeri. Egli, com’è noto, aveva una sua collezione che fu donata ufficialmente ai Pesaresi nel 1756 (oppure affidata in legazione ad Annibale degli Abati Olivieri Giordani), conservata nell’attuale Museo Archeologico Oliveriano di Pesaro. Da alcune lettere inviate al Gori si apprende che il Passeri acquistò molti vasi sul mercato antiquario romano dove nella prima metà del secolo circolavano vasi di produzione etrusca che dovevano giungere a Roma direttamente da siti etruschi come Chiusi, Cortona e Volterra8. Nel caso in cui, invece, il Passeri possedesse soltanto il disegno del frammento, appare difficile stabilire da chi lo ebbe. Sappiamo che il Passeri a partire dal 1742 per la preparazione dell’opera Picturae Etruscorum in Vasculis9 ricevette molti «involti» di disegni di vasi etruschi dai dintorni di Arezzo, Cortona, Chiusi, Perugia, Viterbo, Tarquinia e Blera da Anton Francesco Gori10 conservati in ben cinquantanove collezioni11. Filippo Schiassi12 descrive il frammento in due lettere13 (con disegno allegato), la prima inviata all’Abate Pompilio Pozzetti14 datata 14 dicembre 1812 e la seconda inviata a Francesco Giusti15 datata addirittura 6 novembre 180516, pubblicate nel 1814 dall’editore Giuseppe Lucchesini17. In seguito, le uniche notizie sul frammento si collocano in ambito bolognese (Museo di Antichità e Università) dove erano attivi Giacomo Biancani Tazzi, che per primo vide il disegno del frammento, Filippo Schiassi che fece pervenire il disegno da parte sua e di Gaetano Vignaferri tramite l’abate Pompilio Pozzetti18 a Francesco Inghirami. Quest’ultimo pubblicò il frammento nel 1824, riportandone la descrizione dello Schiassi19 ed un disegno (fig. 2) che riproduce quello ricevuto, con piccolissime varianti stilistiche e con l’aggiunta del colore rosso e nero. Ricapitolando, il disegno del frammento passò da Passeri al Biancani, dal Biancani al Vignaferri, dal Vignaferri allo Schiassi (e così venne pubblicato nel 1814), dallo Schiassi al Pozzetti, dal Pozzetti all’Inghirami (che ne pubblicò una versione leggermente differente e a colori). Quello che preme sottolineare in questa sede è che negli studi che si sono susseguiti dal ‘700 fino ad oggi, nessuno ha cercato e controllato il primo disegno, ma tutti si sono basati su quello posteriore, edito dall’Inghirami nel 1824.

Fig. 1 – Disegno del frammento di piattello etrusco a figure rosse.

Fig. 1 – Disegno del frammento di piattello etrusco a figure rosse.

Da Schiassi 1814, I tavola senza numero.

Fig. 2 – Disegno del frammento di piattello etrusco a figure rosse.

Fig. 2 – Disegno del frammento di piattello etrusco a figure rosse.

Da Inghirami 1824, tav. LV.8.

La provenienza

  • 20 Gerhard 1840, I, p. 39; Jahn 1847, p. 416, nota 21; Collignon 1879, p. 376; Bachofen 1958, p. 231 (...)
  • 21 Il medesimo che compare con il n. 7 nella tavola LV di Inghirami (Inghirami 1824, p. 520, tav. LV. (...)
  • 22 L’Inghirami si basa sullo scritto di Schiassi. F. Inghirami afferma che i vasi da lui raffigurati (...)
  • 23 Inghirami 1824, p. 522.
  • 24 Raoul Rochette 1833, p. 43, nota 5; Raoul Rochette 1845, p. 13, nota 1.
  • 25 Inghirami nell’introduzione alla tav. LV cita il Lanzi dicendo che «il ch. signore prof. Schiassi (...)
  • 26 Le ricerche effettuate grazie all’amichevole collaborazione dei colleghi Fabrizio Burchianti, Anna (...)

3Secondo la vulgata il frammento del vaso proviene da Volterra20. Tale notizia ci sembra frutto di un fraintendimento dei testi sia dello Schiassi che dell’Inghirami. Nel testo di Schiassi, in base alla descrizione presente, è chiaro che la frase che recita «quest’ultimo frammento fu trovato in un antico sepolcro a Volterra» non si riferisce al nostro frammento, bensì a quello riprodotto nella penultima tavola dell’edizione delle sue lettere21. Nel testo di Inghirami vengono illustrati vari frammenti raffigurati nella tav. LV (fig. 3), alcuni dei quali rinvenuti a Volterra, tuttavia non si afferma affatto che anche il n. 8 della stessa tavola (il nostro frammento di piattello) provenga da lì22. Per questo frammento si limita a sottolineare la somiglianza del ketos raffigurato sul piattello con quelli presenti in vari bassorilievi volterrani («Si paragoni la pistrice del frammento num. 8 con quelle dei bassirilievi etruschi di Volterra, e vi si troverà non poca somiglianza»)23. Raoul Rochette nel 1834 e nel 1845 affermava invece che il vaso fu rinvenuto nei pressi di Bologna nel 181724. Questa data non è plausibile perché il frammento deve essere stato rinvenuto prima del 9 novembre 1789, data della morte del Biancani (che ne vide il disegno). Anche nel caso di Raoul Rochette sembra trattarsi di un fraintendimento25. La provenienza del frammento, in base alla documentazione esistente, va considerata sconosciuta e il frammento attualmente disperso26.

Fig. 3 – Disegni di frammenti di ceramica attica a figure nere, a figure rosse ed etrusca a figure rosse.

Fig. 3 – Disegni di frammenti di ceramica attica a figure nere, a figure rosse ed etrusca a figure rosse.

Da Inghirami 1824, tav. LV.

Il vaso

  • 27 Schiassi 1814, p. 8, 24, tav. 1 (senza numero).
  • 28 Nelle kylikes etrusche a figure rosse del tipo stemless la cornice è costituita da una sottile fas (...)
  • 29 Beazley 1947, p. 56, 68-69.

4Dal disegno edito dallo Schiassi27 appaiono con una certa evidenza dettagli importanti che non sono presenti nel disegno dello stesso frammento edito dall’Inghirami nel 1824: 1) l’andamento e lo spessore del vaso in frattura consentono di stabilire che si tratta di un frammento di piattello etrusco a figure rosse con orlo estroflesso. A favore del fatto che si tratti di un piattello, e non di una kylix, sono il tipo di cornice e la sua posizione in prossimità dell’orlo28; 2) il frammento è, a sua volta, ricomposto da due frammenti di dimensioni minori. Anche se il vaso è stato incluso dal Beazley tra le Various Cups della produzione Earlier Red-Figure29, la conformazione dell’orlo e il tipo di cornice, a mio avviso, consentono di stabilire che il frammento raffigurato era pertinente ad un piattello.

  • 30 Vedi, ad esempio, lo specchio a Bruxelles (ES IV, CCLXXXIII; Icard-Gianolio – Szabados 1992, p. 79 (...)
  • 31 La presenza del chitone nella raffigurazione di Galatea (quasi sempre le Nereidi sono, invece, raf (...)
  • 32 Icard-Gianolio – Szabados 1992, p. 818, n. 461, fig. 461 la prima in alto a sinistra, su un loutro (...)
  • 33 Teti, madre di Achille, si sarebbe trasformata in ketos per sfuggire a Peleo, suo futuro sposo (Am (...)
  • 34 Ricordata anche in Val. Fl., Argon. 2, 497-505.
  • 35 Harari 2011.
  • 36 Cadario 2013, p. 213.
  • 37 Camporeale 1997, p. 85.
  • 38 Boosen 1986.

5Il frammento reca nel tondo interno la raffigurazione di una figura femminile, con busto di prospetto e testa di profilo verso destra, a cavallo di un ketos, del quale afferra una delle creste dorsali con la mano sinistra per sostenersi in equilibrio. La posizione assunta dal corpo lascia ipotizzare che la figura cavalchi il mostro marino all’amazzone, piuttosto che il corpo sia semplicemente accostato alla belva, come talora accade30. La figura femminile indossa un chitone31 con ampio kolpos alla vita, capelli a massa compatta raccolti alla nuca, dalla quale si dipartono alcune ciocche presso l’orecchio destro ed un ciuffo allungato con contorno ondulato. La posizione del braccio destro lungo il fianco rende difficile la presenza di un oggetto tra le mani delle Nereide (ad esempio un elmo, una corazza, uno schiniere o altro, a meno che non fosse dipinto in modo da sovrapporsi al chitone). È pertanto ipotizzabile che la mano destra fosse appoggiata sul dorso del ketos per aiutare la figura femminile a tenersi in equilibrio, come si può ipotizzare in base al confronto con raffigurazioni pressoché identiche32 (fig. 4). Tra la figura femminile e il ketos, nel campo, è un’iscrizione sinistrorsa che leggerei, modificando in parte la lettura di Rix e di Meiser in ET ed ET2, [c]alaṭea. Il ketos33, incrocio tra un pesce ed un serpente, presenta, come di norma, testa vagamente canina con orecchie appuntite, lo sguardo fiammeggiante e la tipica dentatura «a sega»34, la barba tipica dei serpenti ultramondani35, dorso crestato e corpo anguiforme (e pinna caudata, mancante)36. La figura femminile è preceduta da una figura virile imberbe, dall’aspetto giovanile, di profilo verso destra, con il capo reclinato all’indietro, raffigurata nell’atto di suonare una bùccina. La conchiglia tortile, adattata ad uso di tromba, attributo di tritoni ed altre divinità marine, è sostenuta con la mano destra. La piccola figura virile, con volto infantile, ha anch’essa capelli a massa compatta, dalla quale si dipartono alcune ciocche presso l’orecchio destro. Al di sopra della figura è l’iscrizione sinistrorsa tritun. La figura, che doveva probabilmente avere tronco umano e coda pisciforme37, è inquadrabile nel tipo III Boosen38. La presenza della bùccina come attributo del tritone sembra piuttosto rara, dal momento che nelle raffigurazioni del tritone in Etruria sembra prevalere come attributo un pesce (spesso il delfino). Non sappiamo se, ed eventualmente come, il piattello fosse decorato all’esterno.

Fig. 4 – Nereide su ketos su un loutrophoros del Pittore di Dario, terzo quarto del IV sec. a.C.

Fig. 4 – Nereide su ketos su un loutrophoros del Pittore di Dario, terzo quarto del IV sec. a.C.

Da Icard-Gianolio – Szabados 1992, fig. 461.

La classe

  • 39 Beazley 1947, p. 56, 68-69.
  • 40 Vedi la kylix da Grotti (Siena) già attribuita all’Officina del Pittore di Pentesilea del 440 a.C. (...)
  • 41 Ad esempio, nella celebre coppa Rodin (Martelli 1987, p. 320-321, n. 160, fig. 160 con bibl. cit.) (...)
  • 42 Beazley 1947, p. 69.

6Come anticipato, dal disegno edito dall’Inghirami appare con una certa evidenza: 1) che si tratta di un frammento di vaso etrusco a figure rosse poiché la resa del kolpos e la decorazione della bùccina, sono difficili da realizzare ad incisione sulla sovradipintura; d’altronde anche il Beazley aveva incluso il frammento nella produzione Earlier Red-Figure39; 2) le iscrizioni erano sovradipinte poiché se fossero state realizzate nella stessa tecnica del vaso, grazie al processo di cottura sarebbero diventate nere e così sarebbero state raffigurate40. Da scartare l’ipotesi che le iscrizioni sul nostro frammento fossero state graffite dopo la cottura perché in entrambi i disegni (editi nel 1814 e 1824) le lettere sarebbero state meno regolari e perché nel disegno edito nel 1814 si vede che la prima lettera alpha del nome della figura femminile si sovrappone parzialmente alla cornice dell’orlo. Pertanto, il nostro piattello recava iscrizioni sovradipinte, fatto attestato sporadicamente sulla ceramica etrusca a figure rosse41. La realizzazione delle iscrizioni con la tecnica della sovradipintura avveniva quando il vaso era ultimato e cotto: lo dimostra il fatto che nell’iscrizione tritun la prima lettera (t) si dispone nello spazio di risulta, a destra della bùccina. Analoga posizione doveva avere, probabilmente (per simmetria) la prima lettera dell’iscrizione indicante la figura femminile (forse c), da ritenersi evanide, a destra della testa del ketos. Il Beazley nel ritenere «very unlikely» questa ipotesi42, però non tiene affatto in conto l’ipotesi che l’iscrizione fosse sovradipinta.

Le iscrizioni

  • 43 Raoul Rochette 1834, p. 281. A mio avviso va del tutto accantonata l’ipotesi che possa trattarsi d (...)
  • 44 Corssen 1874, I, p. 817. W. Corssen citava tritun equiparandolo al greco Τρίτων. G. Camporeale non (...)

7Il vaso fu ritenuto particolarmente importante da Raoul Rochette nel 1834 poiché giudicato il primo esempio di un vaso dipinto ad imitazione dei vasi greci, ma con un’iscrizione etrusca. Questo dato suscitò qualche perplessità, tanto che il Müller sospettò ingiustamente dell’autenticità dell’oggetto43. Per l’iscrizione tritun44 posta sopra alla piccola figura virile non esistono problemi di lettura e di interpretazione, dal momento che da subito è stata considerata un imprestito del greco Τρίτων. L’iscrizione ascritta alla figura femminile, invece, è stata oggetto di letture differenti nel corso del tempo, tutte basate soltanto sui due disegni editi e non sull’esame autoptico del vaso che riassumiamo in questa tabella (tab. 1).

Tab. 1 – Tabella riassuntiva delle letture differenti dell’iscrizione effettuate nel corso del tempo.

1814 F. Schiassi Alacea = Thetis, dal greco ἄλς Schiassi 1814a, p. 8, 24, tav. 1 (senza numero).
1824 F. Inghirami [S]alacea, con sigma iniziale perduto Inghirami, MonEtr V.2, 1824, p. 521.
1833 F. Inghirami Teti Inghirami, MusChius 1, 1833, p. 96, tav. CIV.
1827 W.F. Rink Salacia Rink 1827, p. 139.
1828 K.O. Müller alacra, ma dubita della sua autenticità Müller 1828, IV,3,1, p. 244, nota 9.
1833 C. Cavedoni Alacia = termine latino Salacia Cavedoni 1833, p. 49, nota 6.
1833 e 1834 D. Raoul Rochette alaiva, forma etrusca per il greco Ἁλία da identificare con Thetis Raoul Rochette 1833, p. 43, nota 5; Raoul Rochette 1834, p. 281.
1836 J. de Witte alacea, interpretata come Salacia De Witte 1836, p. 101, nota 1.
1840 E. Gerhard Alacea = al greco Γαλάτεια Gerhard, AV, p. 39.
1847 O. Jahn alacea, interpretata come Salacia Jahn 1847, p. 416, nota 21.
1847, 1850, 1852 K.O. Müller alacca Müller 1847, p. 138; Müller 1850, p. 159; Müller 1852, p. 159.
1854 S. Birch (G)alatea, integrando una lettera inesistente nell'alfabeto etrusco Birch 1854, p. 221.
1867 A. Fabretti alaiva CII, n. 2524.
1878 E. Deecke alaiva, nome di Nereide che identificò ipoteticamente con il greco Ἁλαία Deecke 1878, p. 163, n. 4.
1879 M. Collignon Alacea = Galatea Collignon 1879, p. 376.
1887 K. Wernicke Galatea Wernicke 1887, p. 116, nota 3.
1924 F.R, Dreßler Galatea Dreßler 1924.
1928 E. Fiesel alaiva nome della Nereide Ἁλίη, attestato nell’Iliade (XVIII.40) e nella Teogonia di Esiodo (245). L'etrusco alaiva deriva da un gruppo costituito dal toponimo attico e beotico Ἄλαι. alaiva formazione con il suffisso etrusco che corrisponderebbe al greco Ἁλαιεύς. La v non deve necessariamente essere un digamma greco, ma la sostituzione del suffisso «etrusco-microasiatico» -va (Fiesel 1928, p. 18-19). Sul suffisso vedi De Simone 1969, p. 44-45, 55; De Simone 1972, p. 495. Fiesel 1928, p. 7-8, 10, 13, 18-19, 99.
1939 F. Windberg alaiva Windberg 1939, col. 279-280.
1947 J.D. Beazley iscrizione di lettura incerta (epsilon o digamma); «very unlikely» che una lettera (iniziale) fosse andata perduta. Beazley, EVP, p. 68-69.
1968 C. De Simone alaiva = Ἁλίη De Simone, Entleh I, p. 14, 119 (†alaiva, triton); De Simone, Entleh II, p. 17, 110, 133, 144, 319.
1986 M. Boosen Alacea = Galatea o Salacea Boosen 1986, p. 100 Anhang I 4, 106.
1990 S. Montόn Subias (s)alacea, incerta Montόn Subias 1990, p. 1001, n. 7.
1991 H. Rix [c]alaṭẹa Rix, ET, Vt 7.1.
1992 N. Icard-Gianolio, A.V. Szabados alacea Icard-Gianolio – Szabados 1992, p. 799, n. 192.
2014 G. Meiser [c]alaṭẹa ET2, Vt 7.1.

L. Ambrosini.

  • 45 Presente in Il. XVIII.40, in Hes., Th., 245 e in Apollod., 1, 11 (2,7).
  • 46 Napoli, Museo Archeologico Nazionale, n. inv. 82202 (ex 2296); ARV2, 1327, 86; Beazley 1982, 364; (...)
  • 47 Minervini 1846-1847; CIG, p. 221, n. 8362c.
  • 48 Videntur esse Nereides nuptiis celebrandis intentae: CIG, p. 221, n. 8362c; Minervini 1846-1847, p (...)
  • 49 Attestata in epoca più recente su due mosaici (Icard-Gianolio – Szabados 1992, n. 145 e 458).
  • 50 Γαλ(άτεια) o Γαλ(ήνη). Va detto che anche Γαλήνη talora compare in scene di gineceo (Comotti 1960) (...)
  • 51 A New York: Richter 1932; Montόn Subias 1990, p. 1004, n. 40, con bibl. cit. e Icard-Gianolio – Sz (...)
  • 52 Coli 1947, p. 289, con lettura errata e con la seguente traduzione «io sono la tazzina – di Galate (...)

8Sia che si tratti di alaiva = Ἁλίη che di [c]alaṭẹa = Γαλάτεια, ci sembra utile sottolineare l’assenza quasi totale di attestazioni iconografiche certe (con didascalie) di entrambi i termini. Nel primo caso, il nome greco Ἁλίη45 risulta attestato nella didascalia di una figura inquadrabile nella cerchia di Afrodite (presente nella scena), soltanto su un coperchio di lekanis a figure rosse46 dalle vicinanze di Fasano (Gnathia)47, attribuito alla maniera del Pittore di Meidias e databile alla fine del V sec. a.C.48. Nel secondo caso, il nome greco Γαλάτεια49 risulta attestato in via ipotetica50 su una lekythos del Pittore di Eretria, databile intorno al 420 a.C.51. Del tutto fuorviante, anche se va citata in questo contesto, è l’identificazione, operata nello stesso anno da Ugo Coli, del nome proprio Galatea nell’iscrizione NRIE 896 (erroneamente detta provenire da Veio)52.

  • 53 De Simone 1972, p. 496, 498. L’iscrizione presente sul frammento del piattello soddisfa infatti i (...)
  • 54 Vedi TLG III, 1954, p. 499, s.v.; Reiter 1962, p. 70; LfgrE II, 1991, s.v. (M. Schmidt).
  • 55 Rafanelli 2010, p. 43.

9A nostro avviso, per una corretta lettura ed identificazione dell’iscrizione occorre partire da un dato basilare: l’iscrizione era certamente sovradipinta, pertanto è possibile che alcune lettere siano più o meno evanidi o di difficile lettura. Ad ogni modo, tra le due letture (alaiva e [c]alaṭẹa), la prima sembra pedissequamente ligia alla lettura ed interpretazione operata dallo Schiassi, in un periodo in cui la lingua etrusca era ancora poco conosciuta. La seconda, che si deve ad H. Rix, ci sembra la migliore perché tiene conto della possibile scomparsa della lettera iniziale (c) e della difficile lettura delle lettere t ed e, che possiamo attribuire proprio al fatto che fossero parzialmente evanidi a causa della tecnica di realizzazione (sovradipintura). L’esame del primo disegno realizzato (fig. 1), a nostro avviso, conferisce validità alla lettura di Rix [c]alaṭẹa e consente una più puntuale rilettura [c]alaṭea, dal momento che la penultima lettera è chiaramente una epsilon e non può essere un digamma (fig. 2). In questo disegno si vede inoltre che la prima lettera alpha in parte si sovrapponeva alla cornice del piattello: questo rende plausibile che, nel caso in cui fosse stata presente una lettera iniziale, anch’essa, per motivi di spazio, sarebbe andata a sovrapporsi parzialmente alla cornice, anche per evitare di coprire le orecchie del ketos. È chiaro che, trattandosi di una lettera sovradipinta in colore chiaro, poteva confondersi con il fondo dell’argilla (come fa anche la prima lettera alpha). Alla lettura [c]alaṭea osta, tuttavia, la terzultima lettera che sembra molto diversa dalle altre due tau presenti nell’iscrizione tritun. L’andamento un po’ curvilineo della lettera in questione sembrerebbe escludere anche l’identificazione con la lettera iota (che si può confrontare sempre nell’iscrizione tritun). Potrebbe trattarsi, anche in questo caso, di un tau con asta verticale leggermente curva e con traversa parzialmente evanide. La lettura [c]alaṭea consente di recuperare un imprestito greco nella lingua etrusca che rientra nel gruppo A1 di de Simone, cioè tra gli imprestiti da tradizione diretta (attestati epigraficamente in etrusco) che riguardano nomi del mito greco53. Nel caso di Γαλάτεια54[c]alaṭea va evidenziata la caduta di -i- intervocalica, come nel latino Galatea. L’iscrizione [c]alaṭea è del tutto isolata in etrusco e, se è corretta l’integrazione della prima lettera, c al posto del gamma greco appare un adattamento al sistema fonologico e morfologico etrusco. Pertanto ci sembra sufficientemente provato, grazie alla convergenza e reciproca integrazione dei due criteri esterno ed interno che l’iscrizione [c]alaṭea intenda designare in etrusco non una semplice Nereide sul ketos, ma la Nereide Γαλάτεια. Le Nereidi etrusche insieme a tritoni ed ippocampi, mutuate dalla Grecia, compongono il corteggio delle divinità marine Nethuns ed Anfitrite, cui si associano di frequente anche altre figure di animali mostruosi come il ketos, drago o serpente marino55.

La ricostruzione della scena, lo schema iconografico e lo stile

  • 56 Montόn Subias 1990, p. 1001, n. 9, con bibl. cit.
  • 57 Talora con un attributo femminile (specchio, tympanon) oppure con una delle armi per Achille (Icar (...)
  • 58 Vedi, ad esempio, lo specchio a Bruxelles (ES IV, CCLXXXIII; Icard-Gianolio – Szabados 1992, p. 79 (...)
  • 59 Londra, British Museum, n. inv. 1772, 0320.435; ARV2, 1404.1; Icard-Gianolio – Szabados 1992, n. 3 (...)
  • 60 Su un kantharos a Berlino di produzione Malacena, in relazione con il Gruppo Clusium, sono raffigu (...)
  • 61 Jolivet 1984, p. 51-52 (1-4; 5-7), tav. 22.5 (Nereide con schiniere). Il ketos è definito per erro (...)
  • 62 Michetti 2003, p. 68-69, 193, n. 299, 195, fig. 9.299, tav. LXVIII.299.
  • 63 Ivi, p. 69, 255-256, n. 653-656, fig. 47.653, tav. CXXVII.653-656.
  • 64 Specchio con Nereide nuda, diademata, su ketos, di fronte ad altra figura femminile (ES I, 65; Ica (...)
  • 65 Su ketos: Bordenache Battaglia 1979, n. 29, 30, 32; Bordenache Battaglia – Emiliozzi 1990, n. 59 e (...)
  • 66 Brunn – Körte 1916, p. 42, XXXI.5 Nereide (?) alata su ketos; Icard-Gianolio – Szabados 1992, p. 7 (...)
  • 67 Icard-Gianolio – Szabados 1992, p. 819, n. 481.
  • 68 Brunn – Körte 1916, p. 44, XXXIII.11 (figura femminile ammantata su ketos); Boardman 1997, p. 734, (...)
  • 69 Icard-Gianolio – Szabados 1992, p. 813, n. 395 strigile di bronzo, 814, n. 405 attache di ansa di (...)
  • 70 Antefisse: Icard-Gianolio – Szabados 1992, p. 791, n. 49, 811, n. 363 da Falerii veteres, Sassi Ca (...)
  • 71 Stopponi 2002, p. 241.
  • 72 Numerosissimi gli esempi di coperchi di ciste nei quali sono raffigurati due kete, oppure un ketos(...)
  • 73 Infatti, compare anche da solo su specchi: ES IV, CDXXX.3 (nel campo un pesce) e 4 (nel campo una (...)
  • 74 Vedi la già citata kylix da Grotti (Siena) o il giovane arnza nella Tomba François di Vulci (Buran (...)
  • 75 Traficante 2006, p. 82.
  • 76 Da ultimo Cadario 2013, p. 212, fig. 1.
  • 77 D. AKPAΓANTINΩN (retr.), aquila stante a destra ad ali aperte, regge una lepre tra gli artigli; a (...)

10L’identificazione di Galatea sul nostro piattello etrusco è garantita da confronto con un affresco della Casa dei Capitelli Colorati di Pompei56: nella scena compare anche Polifemo, innamorato, non ricambiato, della Nereide. La scena potrebbe essere stata estrapolata da una più ampia raffigurante, appunto, l’incontro con Polifemo, oppure il corteggio delle Nereidi alle nozze di Peleo e Teti o la consegna delle armi ad Achille. A complemento dello studio del frammento riteniamo utile presentare una proposta di ricostruzione della scena raffigurata sul piattello (fig. 5): a causa del diametro interno della cornice, la scena difficilmente avrà contemplato la presenza di altre figure oltre quella femminile, il ketos e tritun; è probabile che nell’esergo fosse presente qualche pesce come riempitivo, come accade molto spesso nelle scene dei vasi apuli a figure rosse che recano le raffigurazioni di Nereidi su animali marini (kete, cavalli marini, delfini etc.)57 e anche sugli specchi etruschi58. Lo schema iconografico della Nereide sul ketos trova confronti quasi puntuali nella ceramica attica a figure rosse, soprattutto con le kylikes del tipo stemless della fine del V sec. a.C. come quella del Pittore London E 130 (fig. 6)59. Nella ceramica etrusca a figure rosse la raffigurazione di una Nereide su un ketos è piuttosto rara60: è presente su uno stamnos conservato a Parigi61 attribuito al Pittore Ceretano di Villa Giulia (stile ceretano medio, 325-315 a.C.), su una patera in ceramica argentata di produzione volsiniese da Saturnia62 e su appliques in ceramica argentata di produzione falisca63. Nereidi su un ketos in ambito etrusco, falisco e prenestino compaiono anche su specchi64, su coperchi di ciste prenestine65, su urnette di produzione perugina66, chiusina67 e volterrana68, su utensili e vasellame metallici69; infine nella coroplastica templare (antefisse e simae rampanti da Falerii veteres, Vulci, Chianciano Terme – I Fucoli e Cerveteri)70. Collegate a queste ultime sono anche le numerose testimonianze di tegole terminali con kete come acroteri laterali e simae di ambito orvietano e perugino71. Il ketos per la conformazione sinuosa del corpo a spirali, tale da riempire gli spazi, così come il cavallo marino, ben si adatta ad essere raffigurato in zone circolari come i tondi delle kylikes, i coperchi delle ciste prenestine72 o gli specchi73. Nel nostro piattello colpisce la raffigurazione del Tritone dall’aspetto quasi infantile74, contrariamente a quanto accade sia nella ceramica greca che etrusca, nelle quali è raffigurato adulto e barbato (con incertezza nell’identificazione con Nereo, o un generico tritun)75. Un possibile confronto per la figura del tritone con la bùccina è presente sul celebre cratere a calice di Assteas con Europa sul toro76 (fig. 7) e, per lo schema iconografico, col tritone raffigurato verso la fine del V sec. a.C. sull’emilitra di Akragas (420/410-406 a.C.) sul verso, in esergo77 (fig. 8).

Fig. 5 – Proposta di ricostruzione ipotetica della scena raffigurata sul piattello.

Fig. 5 – Proposta di ricostruzione ipotetica della scena raffigurata sul piattello.

Da Inghirami 1824; elaborazione di L. Attisani e L. Ambrosini.

Fig. 6 – Kylix attica a figure rosse del Pittore London E 130 decorata all’interno con una Nereide che porta uno schiniere.

Fig. 6 – Kylix attica a figure rosse del Pittore London E 130 decorata all’interno con una Nereide che porta uno schiniere.

Da Icard-Gianolio – Szabados 1992, fig. 372 (I).

Fig. 7 – Particolare del Tritone sul cratere a calice di Assteas con Europa sul toro.

Fig. 7 – Particolare del Tritone sul cratere a calice di Assteas con Europa sul toro.

Da www.theoi.com.

Fig. 8 – Emilitra di Akragas (420/410-406 a.C.). Sul verso, in esergo, il tritone dall’aspetto giovanile che suona la bùccina.

Fig. 8 – Emilitra di Akragas (420/410-406 a.C.). Sul verso, in esergo, il tritone dall’aspetto giovanile che suona la bùccina.

Da http://www.cngcoins.com/​Coin.aspx?CoinID=83947.

  • 78 Sempre raffigurate però nude; del tutto sporadica la presenza del chitone (vedi la kylix di Berlin (...)
  • 79 Già notata dall’Inghirami (Inghirami 1824, p. 520).
  • 80 Beazley 1947, p. 53-54, n. 2, 115; Cristofani 1987, p. 323, n. 166, con bibl. cit.
  • 81 Beazley 1947, p. 54, n. 3; Rossignani 1970, IV, B, tav. 7.1.
  • 82 Ivi, n. 4. Da ultima Colonna 2013, n. 76.
  • 83 Del Chiaro 1974, p. 29, n. 1, tav. XXI- XXIII, XXIX; Coen 2013, fig. 1-4, 6-7, 10 (stamnoi).
  • 84 Anche il Pittore di Settecamini: Cristofani 1987, p. 323, n. 166, da Vulci.
  • 85 Coen 2013, p. 76.

11Nonostante le affinità con le capigliature delle figure femminili presenti sulle kylikes del Gruppo Clusium78, la coda dei capelli79 mostra un’ampia linea di contorno risparmiata. Questo dettaglio è presente, ad esempio, insieme alla corporatura piuttosto massiccia della figura femminile, nelle figure del Pittore di Settecamini presenti su vasi rinvenuti a Vulci, come ad esempio Leda e Tecmessa raffigurate sullo stamnos a Parigi80, Kirke su uno stamnos a Parma81, Pasifae su una kylix a Parigi82 oltre che in alcuni vasi del Funnel Group (per lo più del Vatican Workshop)83. Inoltre, la cornice del piattello, piuttosto inusuale, potrebbe avere qualche contatto con il «motivo ad imbuto» presente nella produzione vulcente84 e in particolare in quella del Funnel Group85.

La produzione e la cronologia

  • 86 Bottini – Setari 2009, p. 30. Significativa è la presenza di Nereidi su piatti da pesce attici a f (...)
  • 87 Jolivet 1984, p. 51.
  • 88 Mercklin 1962, p. 58-59, n. 161-162, fig. 263, 274-278.
  • 89 Michetti 2003, p. 69, con bibl. cit. Stesso tema iconografico, reso con una notevole gamma cromati (...)
  • 90 Cristofani 1987, p. 46-47.
  • 91 Beazley 1947, p. 52, che riferisce l’attribuzione effettuata dall’Albizzati (Albizzati 1918); Cris (...)
  • 92 Adembri 1985, p. 19; vedi anche Michetti 2007, p. 183, con bibl. cit.
  • 93 Gilotta 2003, p. 219. L’uso del ś nella didascalia Aivaś è attestato non sull’«olla» ma sullo stam (...)
  • 94 Vedi Beazley 1947, p. 25-27, 53-54, n. 2, 55-56, 133, n. 1, 136, n. 1-2, 138, 146, ε, 147, 196, n. (...)
  • 95 Beazley 1947, p. 52, n. 1, 170, n. 4-5.
  • 96 Ivi, p. 73, n. 1, stamnos del Diespater Painter.
  • 97 Ivi, p. 127.
  • 98 Un ottimo esempio di raffigurazioni di kete ed altri animali marini è presente sull’anfora vulcent (...)

12Sembra che la scena raffigurata sul nostro piattello abbia forti connessioni con la produzione apula a figure rosse, a sua volta influenzata da quella attica86, databile tra la fine del V sec. a.C. e gli inizi del IV sec. a.C.87. In ambito tarantino (dove esistono capitelli figurati con lo stesso tema iconografico, documentati anche a Lucera)88, è stato rintracciato anche il prototipo della raffigurazione della Nereide su ketos presente nella coroplastica etrusca e falisca89. L’attribuzione del vaso a produzione vulcente effettuata da E. Fiesel sembra calzante. Particolari dettagli potrebbero far ipotizzare la sua realizzazione nell’officina del Pittore di Settecamini (o in una bottega ad essa collegata), «notevole divulgatore di episodi del mito greco, che aggiunge anche i nomi etruschizzati ai personaggi leggendari presenti nelle scene, tutte piuttosto rare, derivate dalle stesse fonti cui attinsero i tragediografi attici»90 e che recepisce l’influsso dell’opera dei due celebri ceramografi pestani Assteas e Python: all’interno di questo gruppo abbastanza numeroso di artigiani, spicca il Pittore di Settecamini. Ad una prima localizzazione della produzione del Pittore di Settecamini a Vulci91 ne è seguita una ad Orvieto92 («o a Chiusi a giudicare dall’iscrizione sull’“olla” omonima»)93. La presenza di didascalie di personaggi mitologici sovradipinte sulla produzione ceramica etrusca a figure rosse ha una particolare frequenza su vasi rinvenuti proprio a Vulci94 rispetto ai pochissimi vasi rinvenuti a Volsinii95 (uno del Pittore di Settecamini e due del Gruppo di Vanth), a Falerii veteres (ovviamente in falisco)96 e a Montediano (Volterra)97. La cronologia del piattello, in ragione del collegamento con schemi iconografici attestati sulla ceramica a figure rosse attica ed apula databile tra l’ultimo ventennio del V sec. a.C. e gli inizi del IV sec. a.C. e del confronto con la produzione vulcente98 citata, potrebbe essere circoscritta al terzo quarto del IV sec. a.C. (360-330 a.C.).

Il significato della scena raffigurata

  • 99 Il tritone porta a conclusione la grande sfilata cerimoniale (Paribeni 1966, p. 991). Dalle fonti (...)
  • 100 Nereidi su kete compaiono anche nel ratto di Europa, nell’epifania di Afrodite o nella liberazione (...)
  • 101 Icard-Gianolio – Szabados 1992, p. 822.
  • 102 La presenza delle Nereidi nei cortei nuziali però in Grecia sembra circoscritta alla documentazione (...)
  • 103 Per le scene nelle quali le Nereidi portano in processione le armi ad Achille sembra lecito pensar (...)
  • 104 Menichetti 1995, p. 99-102, 107-108, 121, riconosce in questa raffigurazione presente sulle ciste (...)
  • 105 Si è spesso evocato un rito di sostituzione nel quale il corteo nuziale sostituisce il rito funebr (...)
  • 106 Barringer 1991.

13La presenza del tritone nell’atto di suonare appare evidentemente connessa all’arrivo della Nereide: si tratta di un arrivo ufficiale, quasi da «parata», da segnalare con il suono della bùccina. Il gesto è legato ad un avvenimento, evidentemente solenne e festoso (?), tale da essere accompagnato da un sottofondo musicale. In atteggiamenti pacati e trionfali, il tritone accompagna il dio del mare e Anfitrite nel corteggio delle divinità per le nozze di Peleo e Teti99. Sembra dunque probabile che la figura femminile ([c]alaṭea) avanzi in mare con solennità per accompagnare in corteo la coppia allo sposalizio. Le principali tesi100 vedono in questa raffigurazione a) un tema squisitamente decorativo101; b) un legame con i cortei nuziali102, c) la celebrazione del passaggio di status (di guerriero?)103 e d) un richiamo al viaggio nell’aldilà104. In ambito etrusco non sembra possibile cogliere tale allusione, se non nella presenza del ketos che, a partire dall’età ellenistica compare con frequenza su urnette e sarcofagi come probabile simbolo del viaggio verso l’aldilà. La posizione del braccio destro della figura femminile presente sul piattello etrusco, a nostro avviso, lascia ipotizzare che la Nereide non avesse nulla in mano (arma o attributo) e pertanto, mi sentirei di escludere l’ipotesi che si tratti della celebrazione del passaggio di status (di guerriero?). Tra le altre ipotesi, mi sembra che non esista una contrapposizione netta poiché la raffigurazione potrebbe alludere anche all’unione della defunta con l’Ade105. Secondo la Barringer, le Nereidi sono protettrici di Europa nei suoi viaggi: il suo viaggio «reale» sul mare verso Creta e il suo viaggio «figurato» da fanciulla a donna, un viaggio che è stato concepito come un passaggio metaforico dalla vita alla morte, alla rinascita106.

Conclusioni

  • 107 Gerhard 1840, p. 39.
  • 108 Come abbiamo già rilevato, particolarmente rilevante appare il ruolo di Vulci nella diffusione di (...)
  • 109 De Simone 1995, p. 289.
  • 110 Van der Meer 1995, p. 239.
  • 111 Opportunamente C. De Simone sottolinea che non tutto ciò che è dorico è necessariamente corinzio, (...)
  • 112 De Simone 1972, p. 515-520; De Simone 1995, p. 290.

14L’esame della documentazione ha consentito di stabilire alcuni dati, a mio avviso, importanti: 1. che il frammento è pertinente ad un piattello e non ad una kylix, 2. che esso è di provenienza sconosciuta e che il dato vulgato del rinvenimento a Volterra è frutto di una erronea interpretazione della documentazione; 3. che le due iscrizioni erano sovradipinte e che lettura [c]alaṭea e tritun delle due iscrizioni è quella corretta; 4. che esso va inquadrato nell’ambito della produzione vulcente, probabilmente del Pittore di Settecamini, del terzo quarto del IV sec. a.C.; 5. che il Gerhard nel 1840 fu il primo a proporre l’equiparazione del termine etrusco da lui letto alacea al greco Γαλάτεια107. Il frammento di piattello apporta alcuni dati significativi alla conoscenza della recezione dei miti greci in Etruria e in particolare di quello di Galatea, poco diffuso nella Grecia propria, ma meglio attestato in Sicilia e Magna Grecia. Se il vaso può essere attribuito, come sembra, a produzione vulcente, ne risulta ancora più enfatizzato il ruolo svolto da questa città nella diffusione di miti greci (anche poco famosi) attraverso l’apposizione di didascalie esplicative dell’identità del personaggio mitologico raffigurato. Last but not least, l’apposizione di didascalie con il nome greco etruschizzato dei personaggi mitologici raffigurati evidenzia l’importanza che hanno avuto gli artigiani vulcenti108 nell’arricchire la lingua etrusca attraverso l’imprestito di nomi greci. Com’è noto, i nomi mitologici costituiscono tra gli imprestati greci in etrusco lo stock più cospicuo109. La presenza di tali imprestiti in una fase successiva a quella della seconda metà del VII – prima metà del VI sec. a.C. (fase «demaratea»), che ne segna forse il culmine, può essere ricondotta anche all’arrivo di artigiani dalle colonie greche d’Occidente, i cui influssi stilistici appaiono ben recepiti nella produzione vascolare etrusca. Se, in generale, la diffusione della ceramica attica (con le didascalie dei personaggi raffigurati) ha svolto senz’ombra di dubbio un ruolo di prim’ordine nella trasmissione in Etruria delle figure mitologiche greche e dei miti che li vedevano protagonisti, nel caso specifico di Γαλάτεια tale affermazione non sembra pertinente. Si tratta, infatti, di una figura piuttosto secondaria, raffigurata raramente nelle ceramiche greche finora rinvenute. Appare logico presupporre una diversa mediazione (attraverso oggetti inquadrabili nelle arti minori, come scarabei, avori o ossi o tessuti, oggetti in cuoio o in altro materiale deperibile) nella quale è possibile attribuire un ruolo importante ai Greci dell’Italia meridionale. In questo caso, le città costiere dell’Etruria meridionale, con i loro emporia, saranno state luoghi di contatto privilegiati tra Etruschi e Greci (mercanti, artigiani etc.)110. C. De Simone ha ricordato che, a livello linguistico, oltre alla fase dorica111 ed a quella ionico-attica degli imprestiti, resta da dimostrare, ad esempio, l’esistenza di una fase calcidese perché le caratteristiche formali sono in sostanza quelle di un dialetto attico (senza psilosi a differenza dello ionico)112.

Haut de page

Bibliographie

Adembri 1985 = B. Adembri, Ceramica falisca ed etrusca a figure rosse: qualche precisazione, in Contributi alla ceramica etrusca tardo-classica. Atti del Seminario, Roma, 1984, Roma, 1985, p. 17-20.

Albizzati 1918 = C. Albizzati, Una fabbrica vulcente di vasi a figure rosse, in Mélanges d’archéologie et d’histoire, 37, 1918, p. 107-178.

Ambrosini 2010 = L. Ambrosini, Sui vasi plastici configurati a prua di nave (trireme) in ceramica argentata e a figure rosse, in MEFRA, 122-1, 2010, p. 73-115.

Ambrosini 2011 = L. Ambrosini, Le gemme etrusche con iscrizioni, Pisa-Roma, 2011 (Mediterranea Supplemento, 6).

Ambrosini 2012 = L. Ambrosini, La corsa di quadrighe in Etruria. Riflessioni sulla ceramica etrusca a figure rosse prodotta a Vulci, in RIA, 67, 2012, p. 29-50.

ARV2 = J.D. Beazley, Attic red-figure vase-painters, Oxford, 1963 (2a ed.).

Bachofen 1958 = J.J. Bachofen, Die Unsterblichkeitslehre der orphischen Theologie. Römische Grablampen, a cura di E. Kienzle et al., Basilea-Stoccarda, 1958.

Barringer 1991= J.M. Barringer, Europa and the Nereids: wedding or funeral?, in AJA, 95-4, 1991, p. 657-667.

Beazley 1947 = J.D. Beazley, Etruscan vase painting, Oxford, 1947.

Beazley 1982 = L. Burn, R. Glynn, Beazley Addenda. Additional references to ABV, ARV2 & Paralipomena, Oxford, 1982.

Birch 1854 = S. Birch, Triton und Galatea, in AZ, 1854, col. 220-221.

Boardman 1997 = J. Boardman, s.v. Ketos, in Lexicon Iconographicum Mythologiae Classicae, VIII, Zurigo-Monaco, 1997, p. 731-736.

Bonfante 1997 = L. Bonfante, Corpus Speculorum Etruscorum, USA 3, Roma, 1997.

Boosen 1986 = M. Boosen, Etruskische Meer-mischwesen. Untersuchungen zu Typologie und Bedeutung, Roma, 1986.

Bordenache Battaglia 1979 = G. Bordenache Battaglia, Le ciste prenestine I, Firenze, 1979.

Bordenache Battaglia – Emiliozzi 1990 = G. Bordenache Battaglia, A. Emiliozzi, Le ciste prenestine I, Corpus 2, Roma, 1990.

Bottini – Setari 2009 = A. Bottini, E. Setari, I marmi dipinti di Ascoli Satriano, Milano, 2009.

Bruni 2013 = S. Bruni, Attorno a Praxias, in AnnFaina, 20, 2013, p. 257-337.

Brunn – Körte 1916 = G. Körte, H. von Brunn, I rilievi delle urne etrusche, III, Berlino, 1916.

Buranelli 1987 = F. Buranelli (a cura di), La Tomba Francois di Vulci. Catalogo della mostra, Città del Vaticano, 1987, Roma, 1987.

Buranelli 1992 = F. Buranelli, Divagazioni vulcenti, in La coroplastica templare etrusca fra il IV e il II secolo a.C. Atti del XVI Convegno di studi etruschi e italici, Firenze, 1988, 1992, p. 143-153.

Cadario 2013 = M. Cadario, Tritoni/Nereidi/Ketoi, in Paris – Setari – Giustozzi 2013, p. 211-215.

Calciati 1985 = R. Calciati, Corpus Nummorum Siculorum, I, Milano, 1985.

Camporeale 1966 = G. Camporeale, s.v. Tritun, in Enciclopedia dell’Arte Antica Classica e Orientale, VII, Roma, 1966, p. 995-996.

Camporeale 1997 = G. Camporeale, s.v. Tritones (in Etruria), in Lexicon Iconographicum Mythologiae Classicae, VIII, Zurigo-Monaco, 1997, p. 85-90.

Caprino 1960 = K. Caprino, s.v. Galatea, in Enciclopedia dell’Arte Antica Classica e Orientale, II, Roma, 1960, p. 754-756.

Carradori – Gambaro 2004 = E. Carradori, C. Gambaro, Antologia di lettere, in C. De Benedictis, M.G. Marzi (a cura di), L’epistolario di Anton Francesco Gori. Saggi critici, antologia delle lettere e indice dei mittenti, Firenze, 2004, p. 181-221.

Cavedoni 1833 = C. Cavedoni, Sopra alcune deità mostruose o pantee della Mitologia greca, in Poligrafo giornale di scienze lettere ed arti, 1833, p. 36-54.

Checcucci 1858 = A. Checcucci, Commentario della vita e delle opere di Pompilio Pozzetti delle scuole pie con lettere a lui indirizzate da celebri uomini e con vari elogi d’insigni scolopi in esse ricordati, Firenze, 1858.

CIG = Corpus inscriptionum Graecarum.

CII = A. Fabretti (a cura di), Corpus inscriptionum Italicarum antiquioris aevi ordine geographico digestum, Torino, 1867

Coen 2013 = A. Coen, Due vasi del Gruppo Vaticano del cd. Funnel Group nelle collezioni del Museo Archeologico Statale di Ascoli, in Orizzonti, 14, 2013, p. 75-82.

Coli 1947 = U. Coli, Saggio di lingua etrusca, Firenze, 1947.

Colivicchi 2015 = F. Colivicchi, After the fall: Caere after 273 B.C.E., in Etruscan Studies, 17-2, 2015, p. 178-199.

Colivicchi et al. 2016 = F. Colivicchi et al., New Excavations in the urban area of Caere, in Mouseion, 13-2, 2016, p. 359-450.

Collignon 1879 = M. Collignon, Étude sur le mythe de Galatée, in Actes de l’Académie nationale des sciences, belles-lettres et arts de Bordeaux, 41, 1879, p. 369-383.

Colonna 2013 = C. Colonna, De Rouge et de Noir. Les vases grecs de la collection de Luynes, Parigi, 2013.

Colonna 1994 = G. Colonna, s.v. Etrusca, Arte, in Enciclopedia dell’Arte Antica Classica e orientale, II Supplemento, Roma, 1994, p. 554-605.

Colonna 2014 = G. Colonna, Firme di artisti in Etruria, in AnnFaina, 21, 2014, p. 45-74.

Comotti 1960 = A. Comotti, s.v. Galene, in Enciclopedia dell’Arte Antica Classica e orientale, III, Roma, 1960, p. 759.

Corssen 1874 = W. Corssen, Ueber die Sprache der Etrusker, Lipsia, 1874.

Cristofani 1987 = M.  Cristofani, La ceramica a figure rosse, in Martelli 1987, p. 43-53, 313-331.

Deecke 1878 = W. Deecke, Etruskische Lautlehre aus griechischen Lehnwörtern, in Beiträge zur Kunde der indogermanischen Sprachen, II, 1878, p. 161-186.

Del Chiaro 1974 = M.A. Del Chiaro, The Etruscan Funnel group. A Tarquinian red-figured fabric, Firenze, 1974.

De Simone 1968 = C. De Simone, Die griechischen Entlehnungen im Etruskischen, 1. Einleitung und Quellen, Wiesbaden, 1968.

De Simone 1970 = C. De Simone, Die griechischen Entlehnungen im Etruskischen, 2. Untersuchungen, Wiesbaden, 1970.

De Simone 1972 = C. De Simone, Per la storia degli imprestiti greci in etrusco, in H. Temporini, W. Haase (a cura di), Aufstieg und Niedergang der römischen Welt, 1, 2. Von den Anfängen Roms bis zum Ausgang der Republik, Berlino-Boston, 1972, p. 490-521.

De Simone 1995 = C. De Simone, Le più antiche relazioni greco-etrusche alla luce dei dati linguistici, in L. Breglia Pulci Doria (a cura di), Studi in memoria di Ettore Lepore, 1. L’incidenza dell’antico. Atti del Convegno internazionale, Anacapri, 1991, Napoli, 1995, p. 283-290.

De Witte 1836 = J. de Witte, Aphrodite Colias, in Nouvelles annales, 1, 1836, p. 75-101.

Dörrie 1968 = H. Dörrie, Die schöne Galatea. Eine Gestalt am Rande des griechischen Mythos in antiker und neuzeitlicher Sicht, Monaco, 1968 (Tusculum-Schriften, 410).

Dreßler 1924 = F.R. Dreßler, s.v. Triton, in W. H. Roscher, Ausführliches Lexikon der griechischen und römischen Mythologie, V, Lipsia, 1924, col. 1191.

ES = E. Gerhard, A. Klugmann, G. Körte, Etruskische Spiegel, I-V, Berlino, 1840-1897.

ET = H. Rix (a cura di), Etruskische Texte. Editio minor I-II, Tubinga, 1991 (Script-Oralia, 23-24).

ET2 = G. Meiser (a cura di), Etruskische Texte. Editio minor, I-II, Amburgo, 2014 (2a ed.), (Studien zur historisch-vergleichenden Sprachwisssenschaft, 4).

Etruschi maestri 2015 = Gli Etruschi maestri di scrittura, società e cultura nellʼItalia antica. Catalogo della mostra, Cortona, 2015-2016, Cinisello Balsamo (MI), 2015.

Fiesel 1928 = E. Fiesel, Namen des griechischen Mythos im Etruskischen, Gottinga, 1928.

Galli 2007 = D. Galli, Valerii Flacci Argonautica I: Commento, Berlino, 2007.

Gambaro 2007 = C. Gambaro, Anton Francesco Gori Collezionista. Formazione e dispersione della raccolta di antichità, Firenze, 2007.

Gelli 2008 = E. Gelli, Euripide, Filosseno e il Ciclope di Antifane, in Prometheus, 34, 2008, p. 245-256.

Gerhard 1840 = EGerhard, Auserlesene Vasenbilder, I, Berlino, 1840.

Gilotta 2003 = F. Gilotta, Aspetti delle produzioni ceramiche a Orvieto e Vulci tra V e IV sec. a.C., in AnnFaina, 10, 2003, p. 205-240.

Harari 1980 = M. Harari, Il “Gruppo Clusium” della ceramografia etrusca, Roma, 1980.

Harari 2011 = M. Harari, Perché all’inferno cresce la barba ai draghi, in G.F. La Torre, M. Torelli (a cura di), Pittura ellenistica in Italia e in Sicilia: linguaggi e tradizioni, Atti del Convegno di studi, Messina, 2009, Roma, 2011, p. 387-397.

Harder 1998 = R.E. Harder, s.v. Galateia 1, in Der Neue Pauly. Band 4, Stoccarda, 1998, col. 741.

Icard-Gianolio – Szabados 1992 = N. Icard-Gianolio, A.V. Szabados, s.v. Nereides, in Lexicon Iconographicum Mythologiae Classicae, VI, Zurigo-Monaco, 1992, p. 785-824.

Icard-Gianolio – Szabados 2009 = N. Icard-Gianolio, A.V. Szabados, s.v. Nereides, in Lexicon Iconographicum Mythologiae Classicae. Supplementum, Zurigo-Monaco, 2009, p. 385-389.

Inghirami 1815 = F. Inghirami, All’ornatissimo signor marchese Cav. Giuseppe Pucci, in Collezione d’opuscoli scientifici e letterarj ed estratti d’opere interessanti XX, Firenze, 1815, p. 90-108.

Inghirami 1824 = F. Inghirami, Monumenti Etruschi o di Etrusco nome, V.2, Fiesole, 1824.

Inghirami 1833 = F. Inghirami, Pitture di vasi fittili, Fiesole, 1833.

Jahn 1847 = O. Jahn, Archäologische Beiträge, Berlino, 1847.

Jolivet 1984 = V. Jolivet, Corpus Vasorum Antiquorum France 33. Musée du Louvre 22, Parigi, 1984.

Jurgeit 1986 = F. Jurgeit, s.v. Ariadne/Ariatha, in Lexicon Iconographicum Mythologiae Classicae, III, Zurigo-Monaco, 1986, p. 1070-1077.

Lambrechts 1978 = R. Lambrechts, Les miroirs étrusques et prénestins des Musées Royaux d’Art et d’Histoire à Bruxelles, Bruxelles, 1978.

Lanzi 1806 = L. Lanzi, De’ Vasi antichi dipinti volgarmente chiamati Etruschi. Dissertazioni tre, Firenze, 1806.

LfgrE = B. Snell (fondato da), Lexikon des frühgriechischen Epos, Thesaurus Linguae Graecae, Band 2, Gottinga, 1991.

Mannino 2006 = K. Mannino, Vasi attici nei contesti della Messapia, 480-350 a.C., Bari, 2006.

Martelli 1987 = M. Martelli (a cura di), La ceramica degli Etruschi. La pittura vascolare, Novara, 1987.

Masci 2003 = M.E. Masci, Documenti per la storia del collezionismo di vasi antichi nel XVIII secolo. Lettere ad Anton Francesco Gori (Firenze, 1691-1757), Napoli, 2003.

Masci 2008 = M.E. Masci, Picturae Etruscorum in Vasculis. La raccolta Vaticana e il collezionismo di vasi antichi nel primo Settecento, Roma, 2008.

Menichetti 1995 = M. Menichetti, Quoius forma virtutei parisuma fuit… Ciste prenestine e cultura di Roma medio-repubblicana, Roma, 1995 (Archaeologia Perusina, 12).

Mercklin 1962 = E. Mercklin, Antike Figuralkapitelle, Berlin, 1962.

Michetti 2003 = L.M. Michetti, Le ceramiche argentate e a rilievo in Etruria nella prima età ellenistica, Roma, 2003 (MonAnt 61, Serie miscellanea, 8).

Michetti 2007 = L.M. Michetti, Le produzioni ceramiche dell’Italia meridionale dall’età tardoarcaica all’ellenismo, in M.G. Benedettini (a cura di), Il Museo delle Antichità Etrusche e Italiche. II. Dall’incontro con il mondo greco alla romanizzazione, Roma, 2007, p. 177-211.

Minervini 1846-1847 = G. Minervini, Descrizione di una patera rinvenuta nelle vicinanze di Fasano, sito dell’antica Gnathia, in Bullettino Archeologico Napoletano, 5, n. 81-1, 1846-1847, p. 81-83.

Minetti 2006 = A. Minetti, La tomba della quadriga infernale nella necropoli delle Pianacce di Sarteano, Roma, 2006.

Montón Subias 1990 = S. Montón Subias, s.v. Galateia, in Lexicon Iconographicum Mythologiae Classicae, V, Zurigo-Monaco, 1990, p. 1000-1005.

Muccioli 2004 = F. Muccioli, Filosseno di Citera, Dionisio I e la fortuna del mito di Polifemo e Galatea tra IV e III secolo a.C., in D. Ambaglio (a cura di), Συγγραφη. Materiali e appunti per lo studio della letteratura antica, 6, 2004, p. 121-147.

Müller 1828 = K.O. Müller, Die Etrusker, Breslavia, 1828.

Müller 1847 = K.O. Müller, Ancient art and its remains: or a manual of the archaeology of art, Londra, 1847.

Müller 1850 = K.O. Müller, Ancient art and its remains: or a manual of the archaeology of art, Londra, 1850.

Müller 1852 = K.O. Müller, Ancient art and its remains: or a manual of the archaeology of art, Londra, 1852.

Paribeni 1966 = E. Paribeni, s.v. Tritone, in Enciclopedia dell’Arte antica Classica e Orientale, VII, Roma, 1966, p. 989-993.

Paris – Setari – Giustozzi 2013 = R. Paris, E. Setari, N. Giustozzi (a cura di), Mostri. Creature fantastiche della paura e del mito. Catalogo della mostra, Roma, 2013-2014, Milano, 2013.

Passeri 1767-75 = G.B. Passeri, Picturae Etruscorum in Vasculis: nunc primum in unum collectae, explicationibus et dissertationibus inlustratae, Romae, Ex Typographio Johannis Zempel, 1767-1775.

Pianu 1982 = G. Pianu, Ceramiche etrusche sovradipinte, Roma, 1982 (Materiali del Museo Archeologico Nazionale di Tarquinia, 3).

Quartino 1987 = L. Quartino, Frammenti di sarcofago con thiasos marino. Ricostruzione e interpretazione, in Xenia, 14, 1987, p. 51-58.

Rafanelli 2010 = S. Rafanelli, Miti e divinità del mare, creature simbolo e fantastiche del mare, in Il mare degli Etruschi. Atti del Convegno, Piombino-Orbetello, 2009, Firenze, 2010, p. 37-61.

Raoul Rochette 1833 = D. Raoul Rochette, Monuments inédits d’antiquité figurée, grecque, étrusque et romaine. I, Cycle héroïque, Parigi, 1833.

Raoul Rochette 1834 = D. Raoul Rochette, Lettre à Monsieur le Professeur Ed. Gerhard, sur les deux vases peints, de style et de travail étrusques, in AnnInst, 6, 1834, p. 264-295.

Raoul Rochette 1845 = D. Raoul Rochette, Lettre à M. Schorn ; supplément au catalogue des artistes de l’antiquité grecque et romaine, Parigi, 1845.

Reiter 1962 = G. Reiter, Die griechischen Bezeichnungen der Farben weiss, grau und braun. Eine Bedeutungsuntersuchung, Innsbruck, 1961.

Richter 1932 = G.M.A. Richter, A Lekythos by the Eretria painter, in BMetrMus, 27-4, 1932, p. 103-109.

Rink 1827 = W.F. Rink, Recensione ad Inghirami 1824, in Heidelbergische Jahrbücher der Literatur, 9, 1827, p. 135-144.

Rossignani 1970 = M.P. Rossignani, Corpus Vasorum Antiquorum Parma II, Roma, 1970.

Santucci 2012 = A. Santucci, Il vero modo d’illustrare le antiche cose […] non è certamente lavorar sistemi, come il Passeri fece rispetto a’ vasi”: il contributo di Luigi Lanzi alla ceramologia tardo-settecentesca, in M.E. Micheli, G. Perini Folesani, A. Santucci (a cura di), 1810-2010. Luigi Lanzi: archeologo e storico dell’arte, Treia, 2012, p. 89-115.

Sassatelli 1989 = G. Sassatelli, L’Etruscheria e gli studi etruscologici, in G.A. Mansuelli, G.  Susini (a cura di), Il contributo dell’Università di Bologna alla storia della città: l’evo antico. Atti del 1o Convegno, Bologna, 1988, Bologna, p. 217-254.

Schiassi 1814 = F. Schiassi, Sopra alcuni antichi fittili dipinti. Lettere due, Bologna, 1814.

Setari 2013 = E. Setari, Il racconto mitico e l’archeologia, in Paris – Setari – Giustozzi 2013, p. 66-102.

SNG Copenhagen = Sylloge Nummorum Graecorum Copenhagen: the royal collection of coins and medals, Danish National Museum, New Jersey, 1981.

Spigo 1996 = U. Spigo, Il problema degli influssi della pittura vascolare attica nella ceramica a figure rosse siceliota, in I vasi attici ed altre ceramiche coeve in Sicilia. Atti del Convegno internazionale, Catania, Kamarina, Vittoria, Gela, 1990, Palermo, p. 51-65.

Stopponi 2002 = S. Stopponi, Da Orvieto a Perugia. Alcuni itinerari culturali, in AnnFain, 9, 2002, p. 229-265.

Terranova 2011 = C. Terranova, Ἁλία Τελχίνια. Un’indagine storico-religiosa tra Rodi ed Oropos, in Mythos, 5, 2011, p. 59-72.

Tiraboschi 1835 = G. Tiraboschi, Notizie biografiche e letterarie in continuazione della Biblioteca modonese, III, Reggio, 1835.

TLG = Thesaurus linguae Graecae.

Torelli 1985 = M. Torelli, L’arte degli Etruschi, Roma-Bari, 1985.

Traficante 2006 = V. Traficante, Recezione e risemantizzazione in Etruria di modelli iconografici della ceramografia attica: il caso di Nereo, in F. Giudice, R. Panvini (a cura di), Il greco e il barbaro e la ceramica attica: immaginario del diverso, processi di scambio e autorappresentazione degli indigeni. Atti del Convegno internazionale di studi, Catania, Caltanissetta, Gela, Camarina, Vittoria, Siracusa, 2001, 3, Roma, 2006, p. 75-84.

Van der Meer 1995 = L.B. van der Meer, Interpretatio Etrusca. Greek myths on Etruscan mirrors, Amsterdam, 1995.

Traficante 2012 = V. Traficante, I mostri marini: la rappresentazione del tritone nell’arte etrusca arcaica, in M.C. Biella, E. Giovanelli (a cura di), Il bestiario fantastico di età orientalizzante nella penisola italiana, Trento, 2012, p. 433-448.

Volkommer 1988 = R. Volkommer, s.v. Halia, in Lexicon Iconographicum Mythologiae Classicae, IV, Zurigo-Monaco, 1988, p. 40.

Wernicke 1887 = K. Wernicke, Der Triton von Tanagra, in JdI, 2, 1887, p. 114-118.

Windberg 1939 = F. Windberg, s.v. Triton, in RE, VII.A, Stoccarda, 1939, col. 245-324.

Haut de page

Notes

1 Ringrazio la Dott. Maria Grazia Bollini della Biblioteca Comunale dell’Archiginnasio di Bologna – Manoscritti e Rari – Disegni e Stampe, la Dott. Maria Grazia Alberini della Biblioteca Oliveriana di Pesaro per le informazioni utili a reperire i documenti d’archivio, la Dott. Paola Del Bianco e Gilberto Urbinati della Biblioteca Civica Gambalunga di Rimini per la scansione della fig. 1. Sono grata agli amici e colleghi Valentina Belfiore ed Andrea Ercolani per alcune indicazioni bibliografiche di linguistica greca. Prezioso, come sempre, è stato l’aiuto di Laura Attisani (ISMA, CNR) nel realizzare con la scrivente la ricostruzione ipotetica della scena raffigurata sul piattello (fig. 5). Su Galatea vedi soprattutto Dörrie 1968 (in particolare p. 21-26); Montón Subias 1990; Harder 1998.

2 Muccioli 2004; Gelli 2008, con bibl. cit.

3 Bibliografia, senza pretesa di completezza: Schiassi 1814, p. 8, 24, tav. 1 (senza numero); Inghirami 1824, p. 520-522, tav. LV.8; Rink 1827, p. 139; Müller 1828, IV, 3, 1, p. 244, nota 9; Cavedoni 1833, p. 49, nota 6; Inghirami 1833, p. 96; Raoul Rochette 1833, p. 43, nota 5; Raoul Rochette 1834, p. 281; Gerhard 1840, I, p. 39; Raoul Rochette 1845, p. 13, nota 1; Jahn 1847, p. 416, nota 21; Müller 1847, p. 138; Müller 1850, p.159; Müller 1852, p.159; Birch 1854, p. 221; CII, p. CCXIX, n. 2524, s.v. alaiva, col. 64, s.v. tritun 1854; Collignon 1879, p. 376; Wernicke 1887, p. 116, n. 3; Dreßler 1924, s.v. Triton, col. 1191; Fiesel 1928, p. 7-8, 10,13, 18-19, 99; Windberg 1939, s.v. Triton, col. 279-280; Beazley 1947, p. 56, 68-69; Bachofen 1958, p. 231; Caprino 1960, p. 756; Camporeale 1966, p. 995-996; De Simone 1968, p. 14, 119 (†alaiva, triton); De Simone 1970, p. 17, 110, 133, 144, 319; Boosen 1986, p. 100 Anhang I 4, 106; Montόn Subias 1990, p. 1001, n. 7; ET, Vt 7.1; Icard-Gianolio – Szabados 1992, p. 799, n. 192; Camporeale 1997, p. 89, n. 92; ET2, Vt 7.1.

4 Sappiamo però che il Passeri riteneva di avere «molta pratica della materiale antichità» (Carradori – Gambaro 2004, p. 215).

5 Schiassi 1814, p. 8; Inghirami 1824, p. 521.

6 Forse dopo la morte del Biancani, come si deduce da Inghirami 1815, p. 92-93, 96.

7 Schiassi 1814, p. 6-7. Anche nella forma Vigna Dal Ferro. Ringrazio sentitamente la Dott. M.G. Bollini per aver effettuato il controllo. Dal controllo effettuato negli inventari dei fondi Schiassi e Biancani dell’Archiginnasio di Bologna non risulta essere presente corrispondenza tra Passeri e Biancani e tra Vignaferri e Schiassi.

8 Masci 2003, p. 66, 224.

9 Ivi, p. 68. Il Passeri ricorda di aver ricevuto «disegni di cose etrusche da un suo amico di Perugia» (Masci 2003, p. 73 lettere Passeri V e VI). Il nostro frammento non è edito in Passeri 1767-1775.

10 Che egli ebbe da vari suoi corrispondenti o che comprò personalmente: Carradori – Gambaro 2004, p. 216.

11 Masci 2008, p. 22-23, 103. Le acquisizioni da aree etrusche erano di minore rilevanza: sappiamo che il Gori vide durante il suo primo viaggio a Volterra nel 1731 i vasi rinvenuti nei possedimenti dei Franceschini (Gambaro 2007, p. 21, nota 21).

12 Su F. Schiassi vedi Sassatelli 1989, p. 236-246.

13 La Dott. Bollini mi ha gentilmente segnalato che «nel fondo speciale Filippo Schiassi, busta XIII, fasc. 1 (Viaggio archeologico di Bologna), sottofasc. 6 (Dei fittili etruschi presso Bologna) è presente la stesura manoscritta autografa della lettera di Schiassi all’abate Pompilio Pozzetti pubblicata in Schiassi 1814, p. 5-10. La lettera contiene correzioni ed integrazioni, in seguito pubblicate nel testo stampato, in particolare per il brano in cui si parla dell’interpretazione di iscrizione e figura data da Biancani; la prima stesura è tuttavia leggibile al di sotto delle cancellature».

14 Bibliotecario e professore emerito della regia Università di Bologna.

15 Socio onorario della Regia Accademia di Belle Arti di Bologna.

16 Schiassi 1814, p. 10 e 55; Sassatelli 1989, p. 240.

17 Il manoscritto è conservato presso la Biblioteca Comunale dell’Archiginnasio di Bologna, Fondo Speciale Filippo Schiassi. Lo Schiassi «non avea ora in animo, che fossero messe fuori» (vedi anche Sassatelli 1989, p. 240).

18 Sul Pozzetti vedi Checcucci 1858 e Tiraboschi 1835, p. 17-32.

19 «Di questo frammento tratta anche il prof. Schiassi nell’inviarmelo»: Inghirami 1824, p. 520, tav. LV.8.

20 Gerhard 1840, I, p. 39; Jahn 1847, p. 416, nota 21; Collignon 1879, p. 376; Bachofen 1958, p. 231 («ehemals in Volterra»); Caprino 1960, p. 756; Camporeale 1966, p. 995-996; Beazley 1947, p. 68 (incerto); Montόn Subias 1990, p. 1001; Icard-Gianolio – Szabados 1992, p. 799, n. 192; Camporeale 1997, p. 89, n. 92; ET2 Vt 7.1. Solo il Deecke ne registrò l’origine incerta: Deecke 1878, p. 163, n. 4, 164, n. 22.

21 Il medesimo che compare con il n. 7 nella tavola LV di Inghirami (Inghirami 1824, p. 520, tav. LV.7). Va identificato senz’ombra di dubbio con un frammento di kylix del Pittore A del Tondo Group del Gruppo Clusium (Harari 1980, p. 28, n. 4, 111-112).

22 L’Inghirami si basa sullo scritto di Schiassi. F. Inghirami afferma che i vasi da lui raffigurati nelle tav. XLVII-L sono «Vasi trovati in Toscana e precisamente tutti presso Volterra», mentre quelli raffigurati nelle tav. LI-LIV, sono stati trovati in Magna Grecia. Dopo aver detto «Ho esibite altre pitture tratte dai Vasi di Volterra ma con diverso carattere di disegno» procede con il citare i vasi disegnati ai n. 7 e 5 della tav. LV. Per quanto riguarda i frammenti raffigurati nella tav. LV Inghirami precisa che i n. 1-2 furono rinvenuti a Volterra, i n. 3-4 e 6 erano conservati a Perugia; non cita però la provenienza del n. 8 (il nostro frammento di piattello).

23 Inghirami 1824, p. 522.

24 Raoul Rochette 1833, p. 43, nota 5; Raoul Rochette 1845, p. 13, nota 1.

25 Inghirami nell’introduzione alla tav. LV cita il Lanzi dicendo che «il ch. signore prof. Schiassi lo interrogò del suo parere sopra alcuni fittili ritrovati presso Bologna che era l’antica Felsina» Inghirami 1824, p. 511. F. Schiassi era corrispondente del Lanzi sul tema dei vasi: Lanzi 1806, p. 22-23, 40; Santucci 2012, p. 94, 99.

26 Le ricerche effettuate grazie all’amichevole collaborazione dei colleghi Fabrizio Burchianti, Anna Dore e Maria Grazia Alberini presso i Musei di Volterra, Bologna e Pesaro hanno dato esito negativo.

27 Schiassi 1814, p. 8, 24, tav. 1 (senza numero).

28 Nelle kylikes etrusche a figure rosse del tipo stemless la cornice è costituita da una sottile fascia risparmiata e in quelle con il piede discoidale su stelo è costituita da un meandro interrotto da croce di S. Andrea. La cornice del nostro frammento presenta una serie di linguette che terminano a tre punte (come una sorta di freccia), forse una semplificazione del motivo ad ovoli e lancette.

29 Beazley 1947, p. 56, 68-69.

30 Vedi, ad esempio, lo specchio a Bruxelles (ES IV, CCLXXXIII; Icard-Gianolio – Szabados 1992, p. 791, n. 47 e Lambrechts 1978, p. 205-210, n. 33; Boosen 1986, p. 164, n. 5).

31 La presenza del chitone nella raffigurazione di Galatea (quasi sempre le Nereidi sono, invece, raffigurate nude) è attestata nel mosaico da Zeugma/Seleukeia, casa di Poseidone, della prima metà del III sec. d.C., con iscrizione ΓΑΛΑΤΙΑ che identifica il personaggio (Icard-Gianolio – Szabados 2009, p. 388, ad. 15).

32 Icard-Gianolio – Szabados 1992, p. 818, n. 461, fig. 461 la prima in alto a sinistra, su un loutrophoros del Pittore di Dario, terzo quarto del IV sec. a.C., da Canosa conservato a Napoli, Museo Archeologico Nazionale, n. inv. 82266 (H 3225).

33 Teti, madre di Achille, si sarebbe trasformata in ketos per sfuggire a Peleo, suo futuro sposo (Ambrosini 2010, p. 92).

34 Ricordata anche in Val. Fl., Argon. 2, 497-505.

35 Harari 2011.

36 Cadario 2013, p. 213.

37 Camporeale 1997, p. 85.

38 Boosen 1986.

39 Beazley 1947, p. 56, 68-69.

40 Vedi la kylix da Grotti (Siena) già attribuita all’Officina del Pittore di Pentesilea del 440 a.C. (Torelli 1985, p. 129, fig. 79), ma da riferire a produzione etrusco settentrionale databile al 380-350 a.C. (Cristofani 1987, p. 231, fig. 178.1, 329, con bibl. cit.), con la firma dipinta Pheziu Paleś Taleś (ora letta Hezi Utaveś) «Pheziu schiavo di Paleś o Taleś» oppure «Hezi schiavo di Utave» (Bruni 2013, p. 303 e Colonna 2014, p. 60, 73, fig. 18); ET2, p. 223, AS 7.2 con bibl. cit.

41 Ad esempio, nella celebre coppa Rodin (Martelli 1987, p. 320-321, n. 160, fig. 160 con bibl. cit.), nella coppa da Populonia di Metru (Etruschi maestri 2015, p. 55, n. 16, con bibl. cit.), nel cratere del Pittore di Turmuca (Etruschi maestri 2015, p. 74-75, n. 23, con bibl. cit.), nel cratere del Pittore di Alcesti (Etruschi maestri 2015, p. 78-79, n. 25, con bibl. cit.).

42 Beazley 1947, p. 69.

43 Raoul Rochette 1834, p. 281. A mio avviso va del tutto accantonata l’ipotesi che possa trattarsi di un falso poiché per supportarla bisognerebbe inanellare una serie di concatenazioni del tutto improbabili: 1) nessuno nell’Ottocento avrebbe creato come falso il frammento di un vaso, 2) con la raffigurazione di un mito raro, 3) con didascalie in etrusco (!) mai attestate, 4) di personaggi di un mito pressoché sconosciuto in Etruria (!).

44 Corssen 1874, I, p. 817. W. Corssen citava tritun equiparandolo al greco Τρίτων. G. Camporeale non esclude che «la denominazione tritun da Τρίτων sia arrivata in Etruria dalla Grecia insieme con i tipi figurativi, cioè in un periodo anteriore a quello cui risale la coppa che la attesta (IV sec. a.C.)» (Camporeale 1997, p. 85).

45 Presente in Il. XVIII.40, in Hes., Th., 245 e in Apollod., 1, 11 (2,7).

46 Napoli, Museo Archeologico Nazionale, n. inv. 82202 (ex 2296); ARV2, 1327, 86; Beazley 1982, 364; Vollkommer 1988, p. 407, n. 1, con bibl. cit.; Icard-Gianolio – Szabados 1992, p. 816, n. 438, con bibl. cit.; Mannino 2006, p. 67, con bibl. cit.

47 Minervini 1846-1847; CIG, p. 221, n. 8362c.

48 Videntur esse Nereides nuptiis celebrandis intentae: CIG, p. 221, n. 8362c; Minervini 1846-1847, p. 82; Icard-Gianolio – Szabados 1992, p. 816, n. 438 con bibl. cit.; Terranova 2011, p. 62.

49 Attestata in epoca più recente su due mosaici (Icard-Gianolio – Szabados 1992, n. 145 e 458).

50 Γαλ(άτεια) o Γαλ(ήνη). Va detto che anche Γαλήνη talora compare in scene di gineceo (Comotti 1960) e, in ambito etrusco, calaina è il nome di una ninfa sul celebre specchio da Castelgiorgio con Pele che sorprende Thethis intenta alla toilette (ET2, Vs S.7; Icard-Gianolio – Szabados 1992, p. 805, n. 278; Bonfante 1997, n. 14, con bibl. cit.).

51 A New York: Richter 1932; Montόn Subias 1990, p. 1004, n. 40, con bibl. cit. e Icard-Gianolio – Szabados 1992, p. 809, n. 331 con bibl. prec.

52 Coli 1947, p. 289, con lettura errata e con la seguente traduzione «io sono la tazzina – di Galatea Fapenas’». L’iscrizione è ET2, Cr 2.31 (mi kalaturus φapenas / cenecu heθie acena bze), ed è stata rinvenuta a Cerveteri, Laghetto.

53 De Simone 1972, p. 496, 498. L’iscrizione presente sul frammento del piattello soddisfa infatti i criteri che concorrono all’identificazione dell’imprestito greco: 1) il criterio esterno, risultante dall’analisi archeologico-antiquaria della figura designata dal nome in questione. Il motivo iconografico della figura femminile sul ketos, rende altamente plausibile che si tratti di una Nereide; 2) il criterio interno, o propriamente linguistico, che evidenzia se la forma in questione è isolata in etrusco o trova invece una connessione in questa lingua e se il supposto imprestito dal greco è stato adattato al sistema fonologico e morfologico etrusco.

54 Vedi TLG III, 1954, p. 499, s.v.; Reiter 1962, p. 70; LfgrE II, 1991, s.v. (M. Schmidt).

55 Rafanelli 2010, p. 43.

56 Montόn Subias 1990, p. 1001, n. 9, con bibl. cit.

57 Talora con un attributo femminile (specchio, tympanon) oppure con una delle armi per Achille (Icard-Gianolio – Szabados 1992, p. 790, n. 28a, 29, 812, n. 373, 377).

58 Vedi, ad esempio, lo specchio a Bruxelles (ES IV, CCLXXXIII; Icard-Gianolio – Szabados 1992, p. 791, n. 47 e Lambrechts 1978, p. 205-210, n. 33; Boosen 1986, p. 164, n. 5) che reca nel campo una razza, due pesci ed un delfino.

59 Londra, British Museum, n. inv. 1772, 0320.435; ARV2, 1404.1; Icard-Gianolio – Szabados 1992, n. 372, fig. 372 (I); Masci 2008, p. 715-716, n. 452 già nella collezione di Mastrilli.

60 Su un kantharos a Berlino di produzione Malacena, in relazione con il Gruppo Clusium, sono raffigurate due Nereidi su cavallo marino (una con corazza e l’altra con scudo) ai lati di Herakles (Harari 1980, p. 80, n. 3, 185, tav. 61-62, con bibl. cit.; Icard-Gianolio – Szabados 1992, p. 811, n. 364).

61 Jolivet 1984, p. 51-52 (1-4; 5-7), tav. 22.5 (Nereide con schiniere). Il ketos è definito per errore «cheval marin» (Icard-Gianolio – Szabados 1992, p. 811, n. 361).

62 Michetti 2003, p. 68-69, 193, n. 299, 195, fig. 9.299, tav. LXVIII.299.

63 Ivi, p. 69, 255-256, n. 653-656, fig. 47.653, tav. CXXVII.653-656.

64 Specchio con Nereide nuda, diademata, su ketos, di fronte ad altra figura femminile (ES I, 65; Icard-Gianolio – Szabados 1992, p. 819, n. 473). Specchi con Nereide su cavallo marino: a Bruxelles (ES IV, CCLXXXIII; Icard-Gianolio – Szabados 1992, p. 791, n. 47 e Lambrechts 1978, p. 205-210, n. 33; Boosen 1986, p. 164, n. 5) nel campo una razza, due pesci ed un delfino; con elmo nella sinistra (ES V, tav. 112.2; Icard-Gianolio – Szabados 1992, p. 813-814, n. 404); a teca, con spada (Icard-Gianolio – Szabados 1992, p. 813, n. 396); a teca con scudo (Icard-Gianolio – Szabados 1992, p. 813, n. 399). Talora la figura che cavalca un cavallo marino è virile ed alata: ES I, CXIX con spada, nel campo un pesce e un delfino.

65 Su ketos: Bordenache Battaglia 1979, n. 29, 30, 32; Bordenache Battaglia – Emiliozzi 1990, n. 59 e 84.

66 Brunn – Körte 1916, p. 42, XXXI.5 Nereide (?) alata su ketos; Icard-Gianolio – Szabados 1992, p. 791, n. 48.

67 Icard-Gianolio – Szabados 1992, p. 819, n. 481.

68 Brunn – Körte 1916, p. 44, XXXIII.11 (figura femminile ammantata su ketos); Boardman 1997, p. 734, n. 39.

69 Icard-Gianolio – Szabados 1992, p. 813, n. 395 strigile di bronzo, 814, n. 405 attache di ansa di bronzo.

70 Antefisse: Icard-Gianolio – Szabados 1992, p. 791, n. 49, 811, n. 363 da Falerii veteres, Sassi Caduti; Colivicchi 2015, p. 183-187, fig. 6 e 8; Colivicchi et al. 2016, p. 396-397, fig. 31, da Cerveteri, stanza nella terrazza superiore dell’area 2, a sud-ovest dell’ipogeo di Clepsina, datata nella seconda metà del III e la fine del II sec. a.C.; Colivicchi 2015, p. 185, 187, fig. 9, con bibl. cit., altri esemplari da Cerveteri – Vigna Parrocchiale; fregio da Vulci (Buranelli 1992, p. 149, tav. V-VIa); sima rampante da Chianciano Terme – I Fucoli (Michetti 2003, p. 69 con bibl. prec.).

71 Stopponi 2002, p. 241.

72 Numerosissimi gli esempi di coperchi di ciste nei quali sono raffigurati due kete, oppure un ketos ed un cavallo marino.

73 Infatti, compare anche da solo su specchi: ES IV, CDXXX.3 (nel campo un pesce) e 4 (nel campo una razza).

74 Vedi la già citata kylix da Grotti (Siena) o il giovane arnza nella Tomba François di Vulci (Buranelli 1987, p. 99, fig. 11, 112). Per quanto rara, la raffigurazione di tritone con le sembianze giovanili è attestata su specchi (ES I, CXII e ES V, 54) e ciste prenestine (Edimburgo) (Bordenache Battaglia 1979, p. 88-89, n. 19).

75 Traficante 2006, p. 82.

76 Da ultimo Cadario 2013, p. 212, fig. 1.

77 D. AKPAΓANTINΩN (retr.), aquila stante a destra ad ali aperte, regge una lepre tra gli artigli; a destra mosca; R. Granchio; sotto tritone verso destra con bùccina, attorno sei globetti: Calciati 1985, n. 32; SNG Copenhagen, n. 71. Sembra che siano stati realizzati vari falsi di questa emissione, piuttosto rara (vedi http://www.cngcoins.com/Coin.aspx?CoinID=83947).

78 Sempre raffigurate però nude; del tutto sporadica la presenza del chitone (vedi la kylix di Berlino in Harari 1980, tav. XI.1).

79 Già notata dall’Inghirami (Inghirami 1824, p. 520).

80 Beazley 1947, p. 53-54, n. 2, 115; Cristofani 1987, p. 323, n. 166, con bibl. cit.

81 Beazley 1947, p. 54, n. 3; Rossignani 1970, IV, B, tav. 7.1.

82 Ivi, n. 4. Da ultima Colonna 2013, n. 76.

83 Del Chiaro 1974, p. 29, n. 1, tav. XXI- XXIII, XXIX; Coen 2013, fig. 1-4, 6-7, 10 (stamnoi).

84 Anche il Pittore di Settecamini: Cristofani 1987, p. 323, n. 166, da Vulci.

85 Coen 2013, p. 76.

86 Bottini – Setari 2009, p. 30. Significativa è la presenza di Nereidi su piatti da pesce attici a figure rosse rinvenuti nella regione del Mar Nero, databili tra 370-360 a.C. (Icard-Gianolio – Szabados 1992, p. 817, n. 451 con Nereidi che scortano Europa) e su piatti apuli a figure rosse databili tra 370-330 a.C. (Icard-Gianolio – Szabados 1992, p. 790, n. 28a (Nereide da sola, con delfino e specchio), 794, n. 102 (apoteosi di Herakles), 810, n. 341 e 345 (con armi), 812, n. 376 (con elmo e lancia).

87 Jolivet 1984, p. 51.

88 Mercklin 1962, p. 58-59, n. 161-162, fig. 263, 274-278.

89 Michetti 2003, p. 69, con bibl. cit. Stesso tema iconografico, reso con una notevole gamma cromatica, sul pregevole podanipter di marmo dipinto da Ascoli Satriano degli inizi del IV sec. a.C. (Bottini – Setari 2009, p. 44, n. 1; da ultima Setari 2013, p. 100).

90 Cristofani 1987, p. 46-47.

91 Beazley 1947, p. 52, che riferisce l’attribuzione effettuata dall’Albizzati (Albizzati 1918); Cristofani 1987, p. 47.

92 Adembri 1985, p. 19; vedi anche Michetti 2007, p. 183, con bibl. cit.

93 Gilotta 2003, p. 219. L’uso del ś nella didascalia Aivaś è attestato non sull’«olla» ma sullo stamnos conservato a Parigi (Adembri 1985, p. 19). Per l’aspetto «settentrionale» delle iscrizioni vedi Cristofani 1987, p. 323, n. 166 e Colonna 1994, p. 592. Per l’attribuzione a Orvieto vedi da ultima anche Minetti 2006, p. 43.

94 Vedi Beazley 1947, p. 25-27, 53-54, n. 2, 55-56, 133, n. 1, 136, n. 1-2, 138, 146, ε, 147, 196, n. 12-15. Per quanto riguarda la localizzazione della bottega del Pittore di Settecamini a Volsinii (o Chiusi), nonostante serva uno studio approfondito a riguardo, mi permetto di esprimere qualche perplessità. Innanzitutto, l’unica attestazione della grafia settentrionale su un vaso del Pittore (Aivaś), può essere spiegata in vari modi (ad esempio, vedi Ambrosini 2011, p. 107): va da sé che se l’artigiano fosse stato etrusco-settentrionale, con ogni probabilità avrebbe scritto il nome che designa Hercle sullo stamnos (l’unico da Volsinii e non da Vulci!) con la didascalia Herkle (e non Hercle). Inoltre, su 4 vasi certamente attribuibili al Pittore, ben 3 provengono da Vulci e sembrano stilisticamente affini a vasi etruschi a figure rosse prodotti nello stesso periodo, tutti rinvenuti a Vulci.

95 Beazley 1947, p. 52, n. 1, 170, n. 4-5.

96 Ivi, p. 73, n. 1, stamnos del Diespater Painter.

97 Ivi, p. 127.

98 Un ottimo esempio di raffigurazioni di kete ed altri animali marini è presente sull’anfora vulcente a San Pietroburgo (Ambrosini 2012, p. 38-39, fig. 19, con bibl. cit.).

99 Il tritone porta a conclusione la grande sfilata cerimoniale (Paribeni 1966, p. 991). Dalle fonti classiche sappiamo che le nozze di Peleo e Teti furono allietate dalla musica (Galli 2007, p. 115, v. 139). Nel corteo nuziale, il rilievo dato a Galatea rispetto alle sorelle è ricorrente nella poesia (Galli 2007, p. 113, v. 134-135, commento alle Argonautiche di Valerio Flacco).

100 Nereidi su kete compaiono anche nel ratto di Europa, nell’epifania di Afrodite o nella liberazione di Andromeda (Icard-Gianolio – Szabados 1992, p. 822).

101 Icard-Gianolio – Szabados 1992, p. 822.

102 La presenza delle Nereidi nei cortei nuziali però in Grecia sembra circoscritta alla documentazione di VI e V sec. a.C. e meno attestata nel IV sec. a.C. (Icard-Gianolio – Szabados 1992, p. 822). L’ambientazione marina delle nozze potrebbe essere, com’è già stato sottolineato dalla Quartino, un’allusione «al luogo fisico dove si celebravano le cerimonie sacre inerenti il matrimonio» (Quartino 1987, p. 54); nel caso del nostro piattello si potrebbe ipotizzare un’allusione ad una località posta sulla costa dell’Etruria tirrenica. Nel caso in cui il vaso sia stato realizzato a Vulci, come credo, il riferimento al mare sarebbe calzante. Si potrebbe pensare ad un vaso (dono nuziale?) creato per celebrare le nozze di una donna etrusca.

103 Per le scene nelle quali le Nereidi portano in processione le armi ad Achille sembra lecito pensare alla celebrazione del raggiungimento dello status di guerriero del personaggio cui il vaso è destinato, o meglio, del percorso che, nel contesto della paideia maschile, conduce dal mondo efebico alla sfera guerriera ed eroica (Icard-Gianolio – Szabados 1992, p. 820, 822). Episodio presente nel noto passo dell’Iliade, 18, 369 ss. Le armi erano state forgiate da Efesto su richiesta della madre Teti, che ella consegna con l’aiuto delle sorelle Nereidi coerentemente con la versione resa celebre dalle Nereidi di Eschilo. Pregnante la presenza di oggetti recanti tale raffigurazione in corredi tombali di bambini e giovani morti prima di aver raggiunto l’età per questo cambiamento di status. Un esempio in tal senso potrebbe essere offerto dalla tomba 884 di Locri contrada Lucifero, datata 350 a.C., pertinente ad un bambino che ha avuto come corredo due vasi di piccole dimensioni: una situla a figure rosse del Pittore di Maron decorata sul collo con corteo di Nereidi con armi (Reggio Calabria, Museo Archeologico Nazionale, n. inv. 4795, reca sul corpo menadi, sileni e satiri: Icard-Gianolio – Szabados 1992, p. 810, n. 348, con bibl. cit.) e un bariletto a figure rosse del Gruppo di Locri decorato con un efebo e una donna intenti a giocare a palla (con riferimento al gioco amoroso) (Spigo 1996, p. 53, fig. 3). Le scene alludono al mondo di coloro che sono morti prima del tempo, simbolo di una giovane esistenza troncata immaturamente.

104 Menichetti 1995, p. 99-102, 107-108, 121, riconosce in questa raffigurazione presente sulle ciste prenestine una «doppia possibilità di lettura del mito tendente ad esaltare sia la sfera femminile – in particolare relativamente alla madre Teti – sia la sfera maschile ed eroica». Il mito avrebbe delle «forti implicazioni funerarie» che «si sposano perfettamente ad una prospettiva escatologica vertente sul destino felice degli eroi rintracciabile nelle ciste prenestine» (Menichetti 1995, p. 108). Tuttavia, la presenza su oggetti così strettamente connessi alla toilette femminile sembrerebbe orientare più verso l’aspetto erotico (con riferimento al thiasos marino che accompagna sia Thethis che Afrodite). Per quanto riguarda il legame con il viaggio nell’aldilà, è noto dalle fonti antiche che le Nereidi gemettero presso il corpo di Achille, che unsero d’ambrosia e di unguenti e che vestirono con vesti immortali (Icard-Gianolio – Szabados 1992, p. 786 con le fonti letterarie citate), che insieme a Teti e alle Muse intonarono il lamento sul corpo di Achille e lo trasportarono, adagiato sul suo scudo, nell’Isola Bianca (Leuké nésos).

105 Si è spesso evocato un rito di sostituzione nel quale il corteo nuziale sostituisce il rito funebre per coloro che non avevano ancora contratto il matrimonio nella vita terrena (Quartino 1987, p. 55). Il motivo iconografico potrebbe essere stato traslato dalla sfera nuziale a quella funeraria, come è accaduto in Etruria, ad esempio per la figura di Ariadne (Ariatha) (Jurgeit 1986), sposa di Dioniso (Fufluns). Si tratterebbe, in buona sostanza, di un matrimonio con la morte.

106 Barringer 1991.

107 Gerhard 1840, p. 39.

108 Come abbiamo già rilevato, particolarmente rilevante appare il ruolo di Vulci nella diffusione di elementi culturali ellenici in territorio etrusco (Ambrosini 2012, p. 44).

109 De Simone 1995, p. 289.

110 Van der Meer 1995, p. 239.

111 Opportunamente C. De Simone sottolinea che non tutto ciò che è dorico è necessariamente corinzio, ma che può essere, ad esempio, laconico-tarantino (De Simone 1995, p. 290).

112 De Simone 1972, p. 515-520; De Simone 1995, p. 290.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 – Disegno del frammento di piattello etrusco a figure rosse.
Crédits Da Schiassi 1814, I tavola senza numero.
Titre Fig. 2 – Disegno del frammento di piattello etrusco a figure rosse.
Crédits Da Inghirami 1824, tav. LV.8.
Titre Fig. 3 – Disegni di frammenti di ceramica attica a figure nere, a figure rosse ed etrusca a figure rosse.
Crédits Da Inghirami 1824, tav. LV.
Titre Fig. 4 – Nereide su ketos su un loutrophoros del Pittore di Dario, terzo quarto del IV sec. a.C.
Crédits Da Icard-Gianolio – Szabados 1992, fig. 461.
Titre Fig. 5 – Proposta di ricostruzione ipotetica della scena raffigurata sul piattello.
Crédits Da Inghirami 1824; elaborazione di L. Attisani e L. Ambrosini.
Titre Fig. 6 – Kylix attica a figure rosse del Pittore London E 130 decorata all’interno con una Nereide che porta uno schiniere.
Crédits Da Icard-Gianolio – Szabados 1992, fig. 372 (I).
Titre Fig. 7 – Particolare del Tritone sul cratere a calice di Assteas con Europa sul toro.
Crédits Da www.theoi.com.
Titre Fig. 8 – Emilitra di Akragas (420/410-406 a.C.). Sul verso, in esergo, il tritone dall’aspetto giovanile che suona la bùccina.
Crédits Da http://www.cngcoins.com/​Coin.aspx?CoinID=83947.
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Laura Ambrosini, « La ricezione del mito di Galatea in Etruria tra antiquaria, epigrafia ed iconografia », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité, 131-1 | -1, 105-121.

Référence électronique

Laura Ambrosini, « La ricezione del mito di Galatea in Etruria tra antiquaria, epigrafia ed iconografia », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 131-1 | 2019, mis en ligne le 30 juin 2019, consulté le 19 février 2020. URL : http://journals.openedition.org/mefra/7373 ; DOI : https://doi.org/10.4000/mefra.7373

Haut de page

Auteur

Laura Ambrosini

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals