Navigation – Plan du site
Varia

Muro Leccese nell’età del Ferro. Forma e organizzazione insediativa di un abitato indigeno della Puglia meridionale

Francesco Meo
p. 81-104

Résumés

Il contributo focalizza l’attenzione su uno dei principali contesti indigeni della Puglia meridionale, Muro Leccese, al fine di realizzare un’analisi spaziale dell’abitato dell’età del Ferro e di inquadrare le dinamiche di sviluppo del centro. L’ultimo ventennio di ricerche archeologiche in numerose aree del paese moderno, unito alla bibliografia storica, restituisce il quadro di un villaggio di capanne organizzate per nuclei abitativi sparsi su un territorio di 70 ettari che vive tra la metà dell’VIII e la metà del VI secolo a.C., momento nel quale si registra una trasformazione interna all’insediamento stesso. Dall’ubicazione dei ritrovamenti si evince come il villaggio avesse forma differente rispetto alla città cinta da mura nel IV secolo a.C., con il grande lacus che svolge un ruolo determinante nell’impianto delle abitazioni. La notevole estensione del sito consente di proporre un ruolo dominante nel comprensorio dell’entroterra idruntino già dall’età del Ferro anche se ancora poco chiare sono le dinamiche che hanno reso possibile uno sviluppo così rapido, avvenuto nell’arco di circa mezzo secolo. Il confronto con Oria, altro sito della Puglia meridionale per il quale sono state finora proposte dimensioni superiori ai 50 ettari, consente una riflessione sulla differente occupazione del territorio e sulle diverse dinamiche di crescita dei due insediamenti.

Haut de page

Texte intégral

1Muro Leccese, il cui nome antico è tutt’oggi sconosciuto, è un abitato messapico (fig. 1) a continuità di vita del quale restano numerose evidenze archeologiche relative alla fase di IV-III secolo a.C., momento nel quale è uno dei centri dominanti della Messapia meridionale e raggiunge un’estensione di oltre 100 ettari. Le imponenti mura, costruite a struttura piena per tutta la loro lunghezza di 4 km, segnano ancora fortemente il territorio e, in alcuni tratti, costituiscono anche il limite del feudo comunale.

Fig. 1 – Carta degli insediamenti della Puglia meridionale nel corso dell’età del Ferro.

Fig. 1 – Carta degli insediamenti della Puglia meridionale nel corso dell’età del Ferro.

Da Semeraro 2015, fig. 1.

  • 1 Giardino 2003; 2008; Giardino, Meo 2011; 2016; Giardino et al. 2014; Giardino – Bianco – Meo 2015. (...)
  • 2 Avvenuti verosimilmente durante il bellum Sallentinum¸ per le fonti letterarie ad esso relative v. (...)
  • 3 Giardino – Meo 2013a; 2013b; c.d.s.; Meo 2015; 2017a; 2017b; 2017c.

2La lunga storia di Muro può essere divisa in tre momenti principali: un villaggio dell’età del Ferro dall’VIII alla metà del VI secolo a.C.; un insediamento articolato, con abitazioni in muratura, dalla metà del VI al terzo quarto del IV secolo a.C.; la sua riorganizzazione, con la costruzione dell’imponente cinta muraria, tra il tardo IV e il III secolo a.C.1, quando la sconfitta contro i Romani comporta la distruzione dell’abitato in seguito a violenti scontri2. Nonostante la fase più recente abbia comportato l’obliterazione di quelle precedenti e una notevole riorganizzazione del centro, una serie di indagini archeologiche sistematiche ha consentito di raccogliere numerose informazioni relative ai primi momenti di frequentazione del sito, alcune delle quali sono già state presentate con un differente grado di dettaglio3. Il presente contributo intende focalizzare l’attenzione proprio sulla prima fase di vita dell’insediamento, al fine di realizzare un’analisi spaziale dei nuclei abitativi e di inquadrare le dinamiche di sviluppo del centro dell’età del Ferro per giungere a un possibile confronto con gli altri insediamenti coevi della Puglia meridionale.

Ubicazione degli scavi e dei ritrovamenti dell’età del Ferro avvenuti nel XX secolo

  • 4 Presentazione preliminare in Giardino – Meo 2013a da tesi di laurea di Catrina Altimare dal titolo (...)

3I primi ritrovamenti relativi alla fase protostorica di Muro Leccese risalgono agli anni ’10 e ’20 del secolo scorso e sono stati effettuati dallo storico locale Pasquale Maggiulli. Sebbene egli utilizzi toponimi ormai in disuso, le ricerche d’archivio e il coinvolgimento diretto della cittadinanza e dell’ufficio tecnico comunale consentono di ubicarli con un buon livello di precisione4, e ciò risulta di fondamentale importanza per poter realizzare un’approfondita analisi spaziale dell’insediamento.

  • 5 Maggiulli 1913, p. 4-5.

4Fondo Vignali (fig. 2.1): nella prima metà degli anni ’10, Maggiulli è incuriosito dal rinvenimento fortuito di un pithos situliforme, che ritiene sia appartenuto «ad un’epoca molto primitiva», in un’area che egli stesso ubica all’esterno delle mura messapiche5. L’identificazione del terreno, che si trova immediatamente a Est dell’attuale località Palombara, è stata possibile grazie alla collaborazione del geometra Alberto Maggiulli, discendente diretto di Pasquale.

Fig. 2 – Muro Leccese. Ubicazione delle aree di scavo in rapporto all’area cinta dalle mura di IV secolo a.C.

Fig. 2 – Muro Leccese. Ubicazione delle aree di scavo in rapporto all’area cinta dalle mura di IV secolo a.C.

Elaborazione C. Bianco.

  • 6 Ivi, p. 5-8.
  • 7 Ivi, p. 8-10.

5Fondi Puti e Pero (fig. 2.2-3): nello stesso periodo del ritrovamento nel fondo Vignali viene rinvenuto, nel corso di lavori edilizi nel fondo Puti, adiacente verso occidente all’abitato e all’interno della cinta muraria, un livello con «ceramica primitiva» che copre il banco roccioso al di sotto di un primo strato di «cocci messapici»6. Un ulteriore ritrovamento viene effettuato nel vicino fondo Pero, posto all’esterno della cinta muraria, dove alcuni contadini portano alla luce del vasellame ad impasto databile all’età del Ferro durante il lavoro nei campi7. Sebbene non ci sia memoria storica del fondo Puti, il fondo Pero è stato identificato come un ampio terreno posto a un km a Ovest delle mura, sull’attuale via per Scorrano, e il cui limite orientale giungeva quasi a ridosso di esse. Poiché Maggiulli scrive che i due fondi sono vicini, è verosimile che, con il toponimo «Pero», Maggiulli indicasse un’area non troppo distante dalla cinta muraria, e che il ritrovamento provenisse da un punto non lontano da quest’ultima.

  • 8 Maggiulli 1913, p. 13-14.
  • 9 Maggiulli 1924, p. 6-7. Nel corso di questi scavi Maggiulli rinviene anche alcune olle con all’int (...)

6Fondi Cifulella e Vernularo (fig. 2.4-5): in seguito a nuovi rinvenimenti fortuiti, lo stesso Maggiulli ottiene il permesso di realizzare uno scavo archeologico nel fondo Cifulella dall’allora Soprintendente Quintino Quagliati. La descrizione dello scavo è molto dettagliata: al di sotto dei blocchi tipici della fase messapica e di uno strato di argilla, egli rinviene un terreno ricco di carboni dal quale proviene ceramica dell’età del Ferro (fig. 3). Ma lo scavo non restituisce soltanto frammenti fittili; Maggiulli, infatti, rinviene «impronte di tronchi privi di corteccia» e «qualche buco, dove indubbiamente erano stati infissi i sopradetti tronchi d’albero». Alla luce dei ritrovamenti, egli ritiene di aver rinvenuto un fondo di capanna, leggermente infossato e di forma lenticolare. L’ampliamento dell’esplorazione nel vicino fondo Vernularo consente di individuare un vero e proprio nucleo costituito da più abitazioni8, che egli ritiene possa essere un «villaggetto protostorico», simile a quello in località Puti (fig. 2.2). Una descrizione così dettagliata non lascia dubbi sul rinvenimento di un nucleo di capanne e, grazie alla puntuale ubicazione del toponimo, risulta di estremo interesse ai fini della ricostruzione insediativa del centro. Il fondo Cifulella e l’omonima contrada vengono interessati dall’espansione dell’abitato avviata dagli anni ’20 del secolo scorso. Grazie al coinvolgimento dell’ufficio tecnico comunale, l’area di scavo è stata identificata nella parte sudoccidentale dell’abitato moderno, tra la scuola elementare Ettore D’Amore e la scuola secondaria in Via Martiri d’Otranto, nei pressi dell’attuale via Cristoforo Colombo9.

Fig. 3 – Scavo realizzato da Pasquale Maggiulli nel fondo Cifulella.

Fig. 3 – Scavo realizzato da Pasquale Maggiulli nel fondo Cifulella.

Da Maggiulli 1924.

  • 10 Maggiulli 1924, p. 8.

7Fondo Pusciardisa (fig. 2.6): si tratta di una località citata da Pasquale Maggiulli poiché da essa provengono materiali e strutture simili a quelli del fondo Cifulella (fig. 2.4), ubicata nei pressi della parte occidentale del circuito murario di IV secolo a.C., tra le attuali via della Resistenza e via Nazario Sauro10.

8Per avere ulteriori notizie sull’età del Ferro a Muro Leccese bisogna attendere gli anni ’80 del secolo scorso, momento nel quale viene avviata una notevole espansione edilizia nella parte nordorientale del paese moderno.

  • 11 D’Andria 1981, p. 121; una selezione di materiali è in D’Andria 1995, p. 476, fig. 9.
  • 12 D’Andria 1981, p. 121-122; 1985, p. 357.

9Via San Francesco (fig. 2.7): nel 1981, Francesco D’Andria segnala qui la presenza, al di sotto di strutture a blocchi di IV-III secolo a.C., di tracce di focolari e di capanne assieme a ceramica iapigia e protocorinzia (fig. 4)11. L’archeologo inquadra tali rinvenimenti nell’ambito dell’espansione degli insediamenti e del conseguente aumento delle importazioni di vasellame di produzione greca che si registra nella Puglia meridionale dalla seconda metà dell’VIII secolo a.C.12

Fig. 4 – Frammenti di produzione corinzia rinvenuti a Muro Leccese.

Fig. 4 – Frammenti di produzione corinzia rinvenuti a Muro Leccese.

Da D’Andria 1995, fig. 9.

  • 13 Andreassi 1986, p. 379-380.

10Località Palombara (fig. 2.8): Nella prima metà degli anni ’80, la Soprintendenza Archeologica della Puglia sospende dei lavori di sbancamento edilizio avviati nella porzione orientale dell’abitato ellenistico, e, in seguito all’acquisizione del terreno da parte del Comune, avvia delle indagini archeologiche sistematiche negli anni 1984-1986. Gli scavi portano al rinvenimento di resti di «almeno una capanna con zoccolo di pietrame ed elevato stramineo» assieme a matt-painted ware monocroma e bicroma associata a ceramica di produzione greca di importazione13.

  • 14 Ciongoli 1989.

11Via San Marco (fig. 2.9): anche in quest’area viene segnalato il rinvenimento di materiali e livelli dell’età del Ferro14.

  • 15 Ciongoli 1995.

12Via XXIV Maggio – località Cunella (fig. 2.10): nella prima metà degli anni ’90 la Soprintendenza Archeologica della Puglia realizza dei saggi preventivi alla lottizzazione di un terreno, l’attuale località Cunella. Le indagini portano alla sua acquisizione da parte del Comune e consentono di verificare la presenza di livelli dell’età del Ferro15.

Le ricerche archeologiche nel nuovo millennio

  • 16 Tra il 2000 e il 2015 le indagini archeologiche nell’abitato messapico sono state condotte sotto l (...)
  • 17 L’Ufficio Archeologico comunale, diretto da Teresa Oda Calvaruso, ha operato tra il 2003 e il 2007 (...)

13Lo sviluppo delle indagini archeologiche sistematiche condotte nell’ultimo ventennio a Muro Leccese sia dal Dipartimento di Beni Culturali dell’Università del Salento16, sia grazie all’istituzione dell’Ufficio Archeologico comunale17, consente ora di avere a disposizione una quantità di informazioni tale da poter approfondire sensibilmente il grado di conoscenza della fase iapigia dell’insediamento e di poter proporre un confronto con altri centri coevi della Puglia meridionale.

14Le aree nelle quali gli scavi dell’Università del Salento hanno restituito materiali e strutture pertinenti all’età del Ferro sono le località Cunella e Palombara, il Borgo Terra e la proprietà Natali; si tratta, in quasi tutti i casi, di campagne di scavo pluriennali e in estensione.

  • 18 Dati preliminari sulle strutture sono stati presentati in Giardino – Meo 2013a, p. 305-307; Meo 20 (...)
  • 19 Lo scavo è stato condotto nel 2005 e nel 2011.
  • 20 Una tecnica simile si ritrova lungo l’arco ionico della Basilicata, in contesti come l’Incoronata (...)

15Località Cunella (fig. 2.10): la documentazione più consistente viene certamente da questa località, dove le indagini archeologiche si sono concentrate tra il 2001 e il 201518. In quest’area, ora musealizzata, sono state individuate due capanne. La prima, di forma ellittica, è impiantata direttamente sul banco roccioso che risulta relativamente liscio e ha una superficie di ca. 55 mq, con asse maggiore di ca. 10 m e asse minore di ca. 7 m (fig. 5)19. L’ingombro della struttura è ricostruibile grazie alle numerose buche da palo nelle quali dovevano essere infissi i pali lignei del muro perimetrale; nella parte interna, il piano di roccia è stato invece scavato per creare verosimilmente una cavità per la conservazione delle derrate alimentari, probabilmente coperta originariamente da un tavolato ligneo20. Poco più a nord della capanna è una cisterna scavata nella roccia, collegata ad essa per mezzo di una canaletta, utilizzata per la raccolta delle acque piovane.

Fig. 5 – Tracce di capanna con buche da palo individuate nel banco roccioso, in località Cunella.

Fig. 5 – Tracce di capanna con buche da palo individuate nel banco roccioso, in località Cunella.

Elaborazione C. Bianco.

  • 21 Le indagini archeologiche sono state effettuate a più riprese tra il 2006 e il 2012.

16Della seconda abitazione è invece solo possibile ipotizzare l’estensione, poiché essa è stata portata alla luce al di sotto dei livelli arcaico ed ellenistico sovrapposti (fig. 6). In un’area di circa 12 mq è stato infatti individuato un piano pavimentale realizzato con pietre di piccolissime dimensioni legate con bolo che presenta una lieve pendenza da est verso ovest21. Due saggi eseguiti nei punti nei quali la pavimentazione non era conservata hanno consentito di verificare come, in questo punto, il banco roccioso non fosse regolare e che, per consentire l’impianto dell’abitazione, esso sia stato regolarizzato creando un piano con del terreno vegetale. Due brevi lacerti di muri realizzati con pietrame informe consentono di ipotizzare la larghezza della capanna, pari a ca. 4 m, e che essa occupasse una superficie di 20-25 mq; essa avrebbe dunque una dimensione inferiore rispetto a quella individuata poco più a sud, sul banco roccioso affiorante. A pochi metri a nordest del piano pavimentale, in un punto in cui la roccia è affiorante, è stato invece rinvenuto un probabile piano di cottura realizzato in concotto.

Fig. 6 – Località Cunella (2.10). Piano pavimentale dell’età del Ferro rinvenuto sotto le strutture arcaica ed ellenistica.

Fig. 6 – Località Cunella (2.10). Piano pavimentale dell’età del Ferro rinvenuto sotto le strutture arcaica ed ellenistica.

Foto F. Meo.

  • 22 Maggiulli 1913, p. 4-5.
  • 23 Andreassi 1986, p. 379-380.
  • 24 Giardino – Lombardo 2011, p. 21, fig. 49; Meo 2016b, p. 66-67, fig. 9.

17Località Palombara (fig. 2.11-12): alcuni saggi stratigrafici hanno premesso di documentare la presenza di livelli dell’età del Ferro nell’area compresa tra i rinvenimenti del Maggiulli del 191322 e gli scavi della Soprintendenza degli anni ’80 del secolo scorso, dai quali erano emerse delle strutture capannicole23. I tre saggi realizzati a ridosso delle mura di IV secolo a.C. nel 2006-2007 hanno messo in luce una intensa frequentazione tardo-arcaica dell’area; in uno di essi (fig. 2.11) è particolarmente evidente come le mura di età ellenistica vadano a ridefinire l’abitato sovrapponendosi a un’abitazione della fase precedente (fig. 7)24. Al di sotto dei livelli arcaici è stato, ancora una volta, rinvenuto un terreno di colore marrone scuro ricco di resti antracologici e materiale ceramico databile tra la metà dell’VIII e la metà del VI secolo a.C. Anche in un saggio realizzato nel 2016 in un ambiente ellenistico messo in luce dagli scavi della Soprintendenza nel 1986 (fig. 2.12) è emerso, al di sotto del battuto pavimentale, lo stesso terreno che ha restituito una notevole quantità di materiale di VII secolo a.C. (fig. 8).

Fig. 7 – Località Palombara (2.11). Abitazione tardo-arcaica tagliata dalle mura di IV secolo a.C., sotto la quale sono stati rinvenuti livelli dell’età del Ferro.

Fig. 7 – Località Palombara (2.11). Abitazione tardo-arcaica tagliata dalle mura di IV secolo a.C., sotto la quale sono stati rinvenuti livelli dell’età del Ferro.

Foto L. Giardino.

Fig. 8 – Località Palombara (2.12). Saggio eseguito nel 2016 in un ambiente messo in luce dagli scavi del 1986.

Fig. 8 – Località Palombara (2.12). Saggio eseguito nel 2016 in un ambiente messo in luce dagli scavi del 1986.

Foto F. Meo.

  • 25 Calvaruso – Carluccio – Sabato 2007; Meo 2017a; 2017b.

18Borgo Terra (fig. 2.13-14): anche nel borgo medievale, il cui scavo è stato realizzato nel 2006-2007, sono state rinvenute tracce del villaggio dell’età del Ferro, nonostante tutte le aree indagate risultassero compromesse dai sottoservizi moderni o da alcune strutture medievali e post-medievali come i silos25. Oltre al solito terreno di colore marrone scuro che copre direttamente il banco roccioso o il terreno vegetale, ricco di resti antracologici, tracce di bruciato e materiale ceramico databile all’età del Ferro, tra i vicoletti del borgo sono emerse anche delle strutture: in Vico Terra (fig. 2.13), è stato rinvenuto un muretto realizzato con pietrame informe che poggia sul terreno vegetale (fig. 9a), nei pressi del quale erano anche i resti di un fornello in concotto, una pietra da macina e un piano pavimentale costituito da pietre e frammenti di ceramica ad impasto di piccole dimensioni; in via Isonzo, la strada che costeggia attualmente il Palazzo del Principe (fig. 2.14), sono state invece rinvenute due buche da palo scavate nel banco roccioso (fig. 9b). La distanza tra le due aree consente di ipotizzare la presenza di altrettante capanne, appartenenti verosimilmente allo stesso nucleo abitativo.

Fig. 9 – Borgo Terra (2.13-14). Resti di strutture dell’età del Ferro rinvenuti durante lo scavo dell’abitato medievale.

Fig. 9 – Borgo Terra (2.13-14). Resti di strutture dell’età del Ferro rinvenuti durante lo scavo dell’abitato medievale.

Foto M. Rizzo.

  • 26 Una piccola selezione di materiali è edita in Giardino – Meo 2013a, p. 304, fig. 7-8. Sebbene lo s (...)

19Proprietà Natali (fig. 2.15): lo scavo realizzato in questa proprietà privata risulta di estremo interesse poiché essa è, al momento, l’area più settentrionale nella quale siano state rinvenute strutture pertinenti alla fase protostorica26. In uno dei due saggi compiuti nel 2012, è emerso un piano pavimentale realizzato con pietrame di piccole dimensioni (fig. 10), molto simile a quello rinvenuto pochi anni prima in località Cunella; questo pavimento era coperto da un sottile strato di terreno marrone ricco di antracoresti e materiale ceramico databile, ancora una volta, tra la fine dell’VIII e la metà del VI secolo a.C., a sua volta ben sigillato da uno spesso battuto in tufina molto depurata e da strutture a blocchi che caratterizzano la fase messapica.

Fig. 10 – Proprietà Natali (2.15). Piano pavimentale dell’età del Ferro coperto da un battuto messapico.

Fig. 10 – Proprietà Natali (2.15). Piano pavimentale dell’età del Ferro coperto da un battuto messapico.

Foto T.O. Calvaruso.

20Altrettanto importanti sono gli interventi di archeologia preventiva condotti dall’Ufficio Archeologico comunale poiché, nonostante siano limitati in estensione, sono distribuiti in diversi punti del paese moderno. Tra di essi, quelli che hanno restituito materiali e strutture dell’età del Ferro sono gli scavi nelle proprietà Natali-Bevilacqua e Spano, in via Martiri d’Otranto, via Vittorio Veneto e nei pressi della Strada Vicinale Brongo.

21Proprietà Natali-Bevilacqua (fig. 2.16): Ubicata poco distante da Cunella (fig. 2.10), questa proprietà privata è stata indagata nel 2005. Lo scavo, sebbene limitato, ha restituito, al di sotto di una serie di strati argillosi ricchi di materiale compreso tra la seconda metà del VI e gli inizi del III secolo a.C., un livello di frequentazione dell’età del Ferro costituito da un piano di roccia ben levigato (fig. 11) coperto da uno strato di terreno marrone scuro ricco di resti antracologici di piccole dimensioni e frammenti fittili ad impasto, figulini e di importazione databili tra la fine dell’VIII e la metà del VI secolo a.C.

Fig. 11 – Proprietà Natali-Bevilacqua (2.16). Piano di roccia con frequentazione dell’età del Ferro.

Fig. 11 – Proprietà Natali-Bevilacqua (2.16). Piano di roccia con frequentazione dell’età del Ferro.

Foto T.O. Calvaruso.

22Proprietà Spano (fig. 2.17): un limitato intervento condotto nel 2007 in proprietà Spano ha consentito il rinvenimento di uno strato di terreno con materiali inquadrabili nel medesimo arco cronologico del precedente intervento.

23Via Martiri d’Otranto (fig. 2.18): ubicata nella porzione sudorientale dell’abitato, l’area ha subito pesanti manomissioni già in seguito alla costruzione della cinta muraria nella seconda metà del IV secolo a.C.; ciò nonostante, all’interno delle mura è stato possibile isolare alcuni lembi di livelli pertinenti alla frequentazione dell’età del Ferro (fig. 12).

Fig. 12 – Via Martiri D’Otranto (2.18). Ubicazione dei livelli dell’età del Ferro rinvenuti tra le strutture più recenti.

Fig. 12 – Via Martiri D’Otranto (2.18). Ubicazione dei livelli dell’età del Ferro rinvenuti tra le strutture più recenti.

Foto C. Bianco.

24Via Vittorio Veneto (fig. 2.19): si tratta della strada che collega il Borgo Terra (fig. 2.13-14) alla località Cunella (fig. 2.10). Al di sotto del manto stradale, nel corso di lavori per la rete fognaria del paese, è stata rinvenuta una pavimentazione stradale messapica e, inferiormente, uno strato di colore marrone scuro ricco di materiale dell’età del Ferro.

25Strada Vicinale Brongo (fig. 2.20): di dubbia interpretazione sono i pochi materiali di VII secolo a.C. rinvenuti nel 2014 nel corso di una sorveglianza archeologica relativa all’allargamento di una vasca per la raccolta delle acque pluviali, nella parte nordoccidentale dell’abitato messapico, che ha anche consentito di riportare alla luce un altro tratto della cinta muraria di IV secolo a.C. (fig. 13); gli imponenti lavori di sbancamento realizzati negli anni ’80, al momento della prima realizzazione dell’opera, non consentono infatti di chiarire se i frammenti dell’età del Ferro facciano riferimento alla presenza di unità abitative o, più verosimilmente, siano ascrivibili all’areale di dispersione dei materiali dovuto all’occupazione continuativa del territorio.

Fig. 13 – Strada Vicinale Brongo (2.20). Tratto di cinta muraria rimesso in luce nel 2014.

Fig. 13 – Strada Vicinale Brongo (2.20). Tratto di cinta muraria rimesso in luce nel 2014.

Foto F. Meo.

Materiali e cronologia dei nuovi contesti

  • 27 Una selezione di materiali da differenti contesti è edita in Giardino – Meo 2011; 2013a; 2013b; Me (...)
  • 28 Alcuni dei materiali sono editi in Giardino – Meo 2011; 2013a; 2013b; c.d.s; Meo 2015; 2016a; 2017 (...)
  • 29 I dati sono presentati in dettaglio in Meo 2017b.
  • 30 Cfr. Caldarola 2012, p. 70, nota 8, con riferimento alla Tesi di Specializzazione di D. Spano dal (...)

26L’avvio di studi sistematici sui materiali protostorici rinvenuti nel corso dei nuovi scavi archeologici consente di avere ben chiaro l’arco cronologico di vita del villaggio di capanne di Muro Leccese. La documentazione materiale rinvenuta in tutti i contesti prima presentati è inquadrabile tra metà/fine VIII e la metà del VI secolo a.C. Si tratta principalmente di ceramica ad impasto e figulina, sia matt-painted ware, sia acroma27; le importazioni sono quasi esclusivamente di produzione corinzia e sono attestate in una quantità estremamente limitata in tutte le aree finora indagate28. Nell’unico contesto che, al momento, sia stato completamente analizzato, quello del Borgo Terra (fig. 14), la percentuale della ceramica ad impasto è di oltre il 60%, quella della figulina è di circa il 30% mentre i vasi importati raggiungono una percentuale pari a poco meno del 4% includendo anche le anfore da trasporto corinzie di Tipo A29. Sebbene per gli altri contesti l’indagine sistematica sia attualmente in corso e soltanto alcuni dei materiali siano stati oggetto di edizione, le percentuali non sono troppo distanti da quelle appena presentate. La considerevole presenza di ceramica ad impasto risulta peraltro in linea con quanto emerge anche da altri contesti abitativi coevi come la stessa Otranto30.

Fig. 14 – Borgo Terra. Quantificazione dei frammenti ceramici dell’età del Ferro divisi per classe e area di scavo.

Fig. 14 – Borgo Terra. Quantificazione dei frammenti ceramici dell’età del Ferro divisi per classe e area di scavo.

Da Meo 2017b, fig. 76; planimetria da Bruno 2017, fig. 11.

  • 31 Si tratta di contenitori ampiamente diffusi nei contesti archeologici dell’età del Ferro. Oltre a (...)
  • 32 Come per i pithoi situliformi, anche in questo caso si tratta di forme molto diffuse nel panorama (...)
  • 33 Si tratta di una tipologia ampiamente diffusa in Italia meridionale tra l’età del Bronzo finale e (...)
  • 34 Giardino – Bianco – Meo 2015, p. 362, fig. 3.
  • 35 Giardino – Meo 2013a, 306-307, fig. 11.3.
  • 36 Meo 2017b, p. 73.

27I contenitori ad impasto sono, in tutti i contesti, quasi esclusivamente pithoi situliformi di varie dimensioni31 (fig. 15.1-5) e altri vasi per la conservazione delle derrate alimentari (fig. 15.6); a essi se ne aggiungono alcuni legati al consumo dei cibi, nello specifico tazze carenate (fig. 15.7-8) e scodelle32 (fig. 15.9-11), alcune delle quali con impasto nero e orlo decorato. Ad impasto sono anche gli strumenti legati alla filatura e alla tessitura (fig. 15.12-13): fusaiole di varie forme, rocchetti con foro obliquo passante33 e pesi da telaio troncopiramidali con un foro pervio. Nonostante la considerevole attestazione di pithoi situliformi, questa forma non può essere considerata diagnostica poiché è stato verificato come essa presenti una continuità di vita fino almeno al III secolo a.C. senza variazioni significative34; interessante, invece, risulta il rinvenimento di alcuni frammenti ad impasto pertinenti a olle biconiche, rinvenuti sia in località Cunella35, sia nel Borgo Terra36.

Fig. 15 – Vasi ad impasto da Muro Leccese.

Fig. 15 – Vasi ad impasto da Muro Leccese.

Disegni C. Bianco, F. Malinconico.

  • 37 Olle e ollette sono le forme più diffuse nei centri indigeni. Forme e decorazioni presentano lievi (...)
  • 38 Si tratta di individui di notevoli dimensioni con decorazione geometrica bicroma, simili all’esemp (...)
  • 39 Per gli esemplari muresi editi: Giardino – Meo 2013a, p. 304, fig. 7; Meo 2017b, p. 73, 76 fig. 80 (...)
  • 40 Gli esemplari muresi presentano tutti decorazione monocroma; alcuni di essi sono editi in Giardino (...)
  • 41 Per l’inquadramento cronologico degli apparati decorativi della matt-painted ware il riferimento è (...)
  • 42 Esemplari simili vengono da Rocavecchia (Merico 2010-2011, fig. 89), San Vito dei Normanni (Semera (...)

28Anche la maggior parte dei vasi prodotti in ceramica figulina, acroma e matt-painted ware, sono principalmente contenitori per la conservazione di cibi; si tratta in particolare di olle, biconiche e a collo troncoconico (fig. 16.1-5), e ollette37 (fig. 16.6-9) mentre rari sono i pithoi38 (fig. 16.10). Meno attestate sono le forme legate al consumo del cibo quali brocche39 (fig. 16.11) e scodelle ad orlo rientrante decorate con motivi geometrici40 (fig. 16.12-13), per gran parte databili al VII secolo a.C. I motivi decorativi della matt-painted ware sono quasi esclusivamente monocromi, sebbene sia stata rinvenuta anche una limitata quantità di esemplari bicromi; essi sono stilisticamente inquadrabili tra il Tardo Geometrico e il Subgeometrico del Salento e soltanto alcuni di essi, rinvenuti nell’area dal Borgo Terra, possono essere retrodatati al Medio Geometrico41. Tra i contenitori figulini, si segnala il rinvenimento di un frammento di un fondo con protuberanza interna riferibile a una brocca askoide, una forma di recente identificazione la cui funzione è stata collegata con la decantazione di sostanze alcooliche liquide42.

Fig. 16 – Vasi in ceramica figulina, matt-painted ware e acroma, di VIII – metà VI secolo a.C. rinvenuti a Muro Leccese.

Fig. 16 – Vasi in ceramica figulina, matt-painted ware e acroma, di VIII – metà VI secolo a.C. rinvenuti a Muro Leccese.

Disegni C. Bianco, F. Malinconico.

  • 43 Nell’area di Borgo Terra essa è pari a pari a quasi il 50% del NMI, con 16 esemplari (Meo 2017b, p (...)
  • 44 La forma e le caratteristiche dell’argilla permettono di inquadrare tutti gli esemplari i VII e gl (...)
  • 45 Rinvenuti sia a Borgo Terra (Meo 2017b, p. 77-79), sia, più di recente, in località Palombara. Sul (...)

29I vasi di importazione sono, in tutti i contesti, in numero estremamente limitato. Di essi una considerevole percentuale43 è costituita da anfore da trasporto corinzie di tipo A44 (fig. 17). Il resto del vasellame importato consiste per lo più in vasi potori (fig. 18) che coprono un arco cronologico compreso tra la metà dell’VIII e la metà del VI secolo a.C., quasi esclusivamente di produzione corinzia. Sebbene rari, in alcune delle aree indagate sono stati rinvenuti dei vasi (hydriai, crateri a orlo verticale e boccaletti) con argilla ben depurata di colore nocciola e decorazione realizzata con fasce di colore arancio bruno, che potrebbero essere messi in relazione con fabbriche della Grecia nordoccidentale, probabilmente di Corfù o Itaca45 (fig. 18.13, 18.19).

Fig. 17 – Anfore da trasporto corinzie di tipo A da Muro Leccese.

Fig. 17 – Anfore da trasporto corinzie di tipo A da Muro Leccese.

Disegni C. Bianco.

Fig. 18 – Vasi di importazione di metà VIII – metà VI secolo a.C. rinvenuti a Muro Leccese.

Fig. 18 – Vasi di importazione di metà VIII – metà VI secolo a.C. rinvenuti a Muro Leccese.

Disegni C. Bianco, F. Malinconico.

  • 46 Esemplari di protokotylai corinzie come quello di Muro Leccese (Meo 2016a, p. 56, fig. 5a; Giardin (...)
  • 47 Le coppe del Tardo Geometrico Corinzio sono state rinvenute in località Cunella (Meo 2011, p. 16, (...)
  • 48 Esemplari simili sono stati rinvenuti sul Timpone della Motta (Jacobsen – Handberg 2010, p. 94-95) (...)
  • 49 Meo 2015, p. 191, fig. 6; 2016a, p. 56, fig. 5. Confronti dai vicini centri di Otranto (D’Andria 1 (...)
  • 50 Gli esemplari muresi (Giardino – Meo 2013b, p. 185, 187 fig. 19.8; Meo 2015, p. 191, fig. 6; 2017b (...)
  • 51 Rinvenute sia a Muro Leccese (Giardino, Meo 2013a, p. 306 fig. 13, 309 n. 18; Meo 2015, p. 191, fi (...)
  • 52 Oltre che a Muro Leccese (D’Andria 1995, 476, fig. 9d-e; Meo 2015, p. 191, fig. 6; 2016a, p. 57, f (...)
  • 53 Si tratta di una forma molto diffusa, rinvenuta in tutti i contesti muresi indagati (D’Andria 1995 (...)
  • 54 Gli esemplari di kotylai mesocorinzie sono ben attestati a Muro Leccese: Giardino – Meo 2013a, 306 (...)
  • 55 Le oinochoai muresi (Meo 2017b, p. 78-79, fig. 82.12-13) trovano confronti con: Amyx – Lawrence 19 (...)

30Nonostante il fatto che anche i vasi di importazione, così come i contenitori prodotti localmente, siano per gran parte databili al VII secolo a.C., in tutte le aree indagate sono state portate alla luce testimonianze del secolo precedente: si tratta di una protokotyle corinzia del Medio Geometrico II46 (fig. 18.1), rinvenuta in località Cunella, e di alcune coppe tipo Thapsos47 (fig. 18.2-3) e pissidi globulari48 (fig. 18.4-5) del Tardo Geometrico Corinzio. Le numerosissime attestazioni di VII secolo a.C. sono quasi esclusivamente legate alla pratica del consumo del vino: si tratta di skyphoi49 (fig. 18.6), kotylai50 (fig. 18.7-9), coppe «a filetti»51 (fig. 18.10-11), boccaletti protocorinzi52 (fig. 18.12-15) e crateri a orlo verticale53 (fig. 18.16-17). Anche i materiali della prima metà del VI secolo a.C. sono legati alla stessa pratica e si tratta quasi esclusivamente di kotylai mesocorinzie54 (fig. 18.20-23), alle quali si aggiungono alcune oinochoai trilobate dal basso collo55 (fig. 18.24).

  • 56 Sul lacus e sulla sua individuazione v. infra.

31Dalla distribuzione dei materiali rinvenuti emerge un quadro abbastanza omogeneo, poiché tutte le aree indagate risultano occupate nella seconda metà dell’VIII secolo a.C. Accanto ai vasi importati, la cui testimonianza più antica è, al momento, una protokotyle di produzione corinzia, anche i più antichi motivi decorativi della matt-painted ware sono ascrivibili al medesimo orizzonte cronologico; soltanto dall’area del Borgo Terra provengono alcuni frammenti che potrebbero essere retrodatati di pochi decenni. Una precoce occupazione di quest’area rispetto alle altre potrebbe essere messa in relazione con la vicinanza del lacus e con il suo ruolo aggregativo durante la prima fase dell’insediamento56.

  • 57 Cfr., ad esempio, Giardino – Meo 2013a, p. 305.

32Per quanto attiene, invece, alla trasformazione del villaggio di capanne in abitato con case in muratura che si registra attorno alla metà del VI secolo a.C., anche in questo caso essa avviene pressoché in contemporanea in tutte le aree oggetto d’indagine. L’impianto delle strutture arcaiche viene realizzato attraverso il livellamento di quelle precedenti e la gettata di uno spesso strato di argilla ben depurata che sigilla i livelli iapigi più superficiali57, all’interno dei quali le kotylai mesocorinzie sono il principale indicatore cronologico.

Osservazioni sulle tecniche costruttive

  • 58 D’Andria 1996, p. 409, fig. 3; Polito 2005.
  • 59 D’Andria 1996, p. 407, fig. 2.
  • 60 Burgers – Crielaard 2007, p. 115-116; 2011, p. 62, fig. 3.24-25; 2012, p. 72, fig. 4-5.
  • 61 Yntema 1988, p. 159.
  • 62 Semeraro 2015, p. 207-211.
  • 63 Burgers 1998, p. 175, fig. 88.

33Dall’insieme dei dati raccolti attraverso le recenti indagini archeologiche emerge la presenza di due differenti tecniche costruttive relative all’impianto delle capanne. Nei punti in cui il banco di roccia è affiorante e sufficientemente regolare da poter costituire un piano di calpestio, come sulla terrazza meridionale di località Cunella (fig. 2.10), in proprietà Natali-Bevilacqua (fig. 2.16) e, verosimilmente, nel nucleo individuato e descritto dal Maggiulli nel 1924 (fig. 2.4-5), l’abitazione è impostata direttamente sulla roccia che, nella parte interna, può essere anche scavata per creare un piccolo vano sotterraneo per la conservazione delle derrate alimentari. Laddove, invece, il banco roccioso risulti eccessivamente irregolare da poter fungere da piano di calpestio, esso è regolarizzato con del terreno vegetale sul quale viene creato un piano pavimentale con pietrame di piccole dimensioni, come nel caso della seconda capanna di località Cunella (fig. 2.10) e di quella individuata in proprietà Natali (fig. 2.15); più raramente, come nel caso di Borgo Terra (fig. 2.13), assieme al pietrame vengono utilizzati anche frammenti fittili di piccole dimensioni. Le abitazioni possono anche essere provviste di cisterna per la raccolta delle acque pluviali (fig. 5). La forma ovale documentata a Muro Leccese è attestata anche in altri insediamenti coevi, sia vicini come Cavallino58 e Vaste59, sia più lontani come L’Amastuola60, Oria61, San Vito dei Normanni62 e Valesio63.

  • 64 Andreassi 1986, p. 379-380.
  • 65 Tali ricostruzioni sono state realizzate nell’ambito delle esperienze dei musei diffusi e degli ec (...)

34I muri perimetrali sono conservati per un’altezza di poche decine di centimetri e sono realizzati con pietrame informe messo in opera a secco che doveva essere impermeabilizzato per mezzo di uno strato di argilla, della quale si rinvengono, in tutti i contesti indagati, alcuni frammenti di concotto. Lo stato di conservazione di queste strutture, individuate nel Borgo Terra (fig. 2.13), in località Palombara (fig. 2.8) e, ancora una volta, in località Cunella (fig. 2.10), non consente di chiarire se le capanne avessero basso zoccolo in pietra ed elevato in materiale deperibile, come ipotizzato da Giuseppe Andreassi64, o se, più verosimilmente vista la quantità di materiale lapideo a disposizione, il muro continuasse in pietrame per tutta la sua altezza, come proposto nelle ricostruzioni di Vaste e San Vito dei Normanni65 (fig. 19).

Fig. 19 – San Vito dei Normanni. Ricostruzione di una capanna dell’età del Ferro.

Fig. 19 – San Vito dei Normanni. Ricostruzione di una capanna dell’età del Ferro.

Ideazione G. Semeraro.

L’organizzazione insediativa di Muro Leccese nel quadro dei coevi contesti del Salento

  • 66 Polito 2005.
  • 67 Semeraro 2015, p. 209, fig. 5.

35L’ubicazione delle aree di rinvenimento delle strutture riferibili all’età del Ferro suggerisce che l’abitato, per il quale non è stato finora possibile identificare una cinta muraria, fosse organizzato per nuclei abitativi distribuiti sul territorio, costituiti da più capanne, che presentano al loro interno una certa gerarchia. Pur non avendo rinvenuto ancora una «capanna Pelli»66, cioè un contesto nel quale la quantità di ceramica di importazione sia di gran lunga superiore rispetto a tutti gli altri, suggerimenti in tal senso giungono dal confronto tra le due abitazioni di località Cunella: la capanna ovale di 55 mq impiantata sul banco roccioso presenta infatti una superficie che è circa il doppio della vicina abitazione di 20-25 mq individuata al di sotto dei livelli arcaico ed ellenistico (fig. 20). La situazione, pertanto, non si presenta troppo dissimile da quanto emerso a San Vito dei Normanni, dove affianco alla capanna di dimensioni maggiori (40 mq) ne sono state rinvenute tre più piccole, di 20 mq67.

Fig. 20 – Località Cunella. Ubicazione e rapporto tra le due capanne individuate.

Fig. 20 – Località Cunella. Ubicazione e rapporto tra le due capanne individuate.

Elaborazione C. Bianco.

36Tornando a Muro Leccese, l’analisi di distribuzione delle aree indagate ha consentito di individuare almeno 6 nuclei abitativi (fig. 21): quello più settentrionale è ubicato in proprietà Natali (fig. 2.15) e nei terreni circostanti; nella parte ovest del paese moderno abbiamo un nucleo nei fondi Puti (fig. 2.2), Pero (fig. 2.3) e Pusciardisa (fig. 2.6); un gruppo abitazioni doveva essere presente al di sotto del Borgo Terra (fig. 2.13-14); alcune capanne erano anche nella parte meridionale dell’abitato, tra i fondi Cifulella e Vernularo (fig. 2.4-5) e la porta sud-est delle mura messapiche di IV secolo a.C. (fig. 2.18). Ben più esplorata è la porzione orientale dell’abitato moderno, dove sono stati individuati altri due nuclei: quello più a nord comprende località Cunella (fig. 2.10) e le proprietà Natali-Bevilacqua (fig. 2.16) e Spano (fig. 2.17); quello sud è invece costituito dai resti in località Palombara (fig. 2.8, 11-12), in via S. Francesco (fig. 2.7), in via S. Marco (fig. 2.9) e nel fondo Vignali (fig. 2.1). Non è invece possibile proporre la presenza di nuclei abitativi in corrispondenza di via Vittorio Veneto (fig. 2.19) e della strada vicinale Brongo (fig. 2.20) poiché, nel corso delle indagini, non sono emerse strutture abitative o altre tracce di frequentazione ma soltanto materiale ceramico che può essere ascrivibile a un areale di dispersione.

Fig. 21 – Proposta di ubicazione dei nuclei abitativi dell’età del Ferro finora individuati a Muro Leccese.

Fig. 21 – Proposta di ubicazione dei nuclei abitativi dell’età del Ferro finora individuati a Muro Leccese.

Elaborazione C. Bianco.

  • 68 Lombardo 1994, p. 38-40. Sull’assenza di attestazioni di necropoli nel Salento cfr. anche Bietti S (...)

37L’assenza di evidenze funerarie consente di avvalorare quanto proposto da Mario Lombardo, secondo il quale, sulla base di quanto riportato da Giustino, è possibile che si praticasse l’incinerazione dei defunti e il successivo spargimento delle ceneri68.

  • 69 Sulla trasformazione delle pratiche agrarie nel corso dell’età del Ferro cfr. Semeraro 2014, p. 33 (...)

38Ogni nucleo doveva quindi presentarsi come un raggruppamento di capanne intervallate da aree destinate all’agricoltura e all’allevamento69. Tale proposta si basa sull’assenza di materiali e strutture databili all’età del Ferro in due proprietà private, Brocca e Mastrandrea (fig. 2.21-22), indagate attraverso scavi in estensione e saggi stratigrafici, ubicate nei pressi di aree nelle quali sono invece emersi livelli e abitazioni ascrivibili a questo orizzonte cronologico. Il fatto che, nonostante la successione di fasi, queste località non rientrino neanche nell’areale di dispersione dei materiali archeologici costituisce un dato significativo sul loro uso non abitativo e sulla verosimile occupazione per fini agricoli e pastorali.

39Per quanto attiene all’ubicazione dei nuclei abitativi, la loro distanza risulta, al momento, molto variabile: poche decine di metri intercorrono tra Cunella a Palombara; Borgo Terra dista da Proprietà Natali circa 100-150 metri; 300-350 sono i metri che intercorrono tra quest’ultima e Cunella; i nuclei più distanti, individuati alle estremità est-ovest e nord-sud dell’abitato, sono invece lontani oltre 1 km. Non è escluso che alcuni di essi non siano ancora stati individuati o che siano stati totalmente distrutti dalla crescita dell’abitato moderno, per cui è verosimile pensare che la distanza minima fosse abbastanza limitata, pari a poche decine di metri come nel caso di Cunella-Palombara.

  • 70 Maggiulli 1913; 1924.
  • 71 Lamboley 1999.
  • 72 Giardino 2002.
  • 73 Giardino – Meo 2013a, p. 301, fig. 4.

40Ma il posizionamento delle testimonianze archeologiche ha anche consentito di verificare come alcune di esse si trovino all’esterno del circuito murario che dal IV secolo a.C. delimita il centro, e ciò suggerisce che il villaggio iapigio avesse una forma differente e si sviluppasse più in senso est-ovest che in quello nord-sud. Sebbene per le due aree ubicate all’esterno delle mura le informazioni risalgano a circa un secolo fa70, il saggio stratigrafico in località Palombara (fig. 2.11) ha confermato come, al momento della messa in opera dei blocchi di fondazione delle mura, siano stati intercettati e tagliati livelli arcaici e iapigi. Ulteriore conferma della differente forma dell’abitato è l’assenza dei livelli dell’età del Ferro dall’area Nord della cinta muraria, dove sono state condotte delle campagne di scavo da Cosimo Pagliara nel 1984 (fig. 2.23), da Jean-Luc Lamboley tra il 1986 e il 199271 (fig. 2.24) e da Liliana Giardino nel 200072 (fig. 2.25). Anche in un limitato saggio realizzato nel corso di un intervento di pulizia in corrispondenza della porta est del circuito murario (fig. 2.26) non sono stati individuati livelli o materiali dell’età del Ferro73.

  • 74 La proposta di individuazione del lacus di Muro Leccese è stata avanzata dallo scrivente nell’ambi (...)
  • 75 D’Andria 1997, p. 275-278.

41In un territorio pianeggiante qual è quello di Muro Leccese, inoltre, l’abitato non si impianta nelle aree lievemente più elevate ma viene verosimilmente privilegiata la vicinanza alle riserve idriche, fondamentali in un territorio come quello salentino nel quale i corsi d’acqua scarseggiano. Una depressione naturale in un’area conosciuta dagli abitanti di Muro Leccese come «L’Avisu», termine con il quale in dialetto locale si indica una voragine, un inghiottitoio, è oggi inserita nell’abitato moderno come sede della villa comunale. Essa era utilizzata ancora alla metà del secolo scorso per convogliare le acque piovane, così come testimoniato anche da una carta dell’Istituto Geografico Militare del 1948 (fig. 22). Dalla foto aerea dell’IGM del 1955 si evince come la depressione dovesse giungere a ridosso del centro storico del paese ed essere, dunque, ben più estesa dell’odierna villa (fig. 23a); già nella foto aerea del 1970 è infatti evidente come una parte dell’area sia stata nel frattempo occupata da abitazioni (fig. 23b). Sulla base di tali dati è stato di recente proposto che quest’area fosse il lacus del centro messapico74, non dissimile da quelli di Oria e di Cavallino75. Per quanto attiene a Muro Leccese, tuttavia, se si inserisce il lacus nella distribuzione insediativa del villaggio dell’età del Ferro (fig. 24) non può non colpire lo stretto rapporto topografico e funzionale che si coglie tra il bacino e la distribuzione dei singoli nuclei abitativi. Ciò conduce a ipotizzare che il lacus possa essere stato determinante già per la formazione di questo primo insediamento.

Fig. 22 – L’area del lacus nella carta dell’IGM in scala 1:25000 del 1948.

Fig. 22 – L’area del lacus nella carta dell’IGM in scala 1:25000 del 1948.

Elaborazione F. Meo.

Fig. 23 – L’area del lacus dalle foto aeree del 1955 e del 1970 e la graduale riduzione della sua superficie.

Fig. 23 – L’area del lacus dalle foto aeree del 1955 e del 1970 e la graduale riduzione della sua superficie.

Elaborazione F. Meo.

Fig. 24 – Interpolazione delle altimetrie su DTM con ubicazione dei ritrovamenti dell’età del Ferro in rapporto al circuito murario di IV secolo a.C.

Fig. 24 – Interpolazione delle altimetrie su DTM con ubicazione dei ritrovamenti dell’età del Ferro in rapporto al circuito murario di IV secolo a.C.

Elaborazione C. Bianco.

  • 76 D’Andria 2012.
  • 77 Semeraro 2016, p. 354-356, fig. 3.

42Oltre a ribadire il ruolo di questo bacino idrico nella formazione dell’abitato, l’analisi spaziale consente di verificare come le aree nelle quali sono state rinvenute strutture siano distribuite su una superficie di circa 70 ettari, mentre l’areale di dispersione del materiale archeologico giunge addirittura a coprire un’area di quasi 90 ettari. Il dato risulta di estremo interesse poiché rappresenta un’assoluta novità per l’ambito territoriale del Salento meridionale (fig. 25). Solo pochi anni fa, in un contributo di sintesi sul Salento nell’età del Ferro pubblicato da Francesco D’Andria all’interno del volume degli atti del cinquantesimo Convegno Internazionale di Studi sulla Magna Grecia76, emerge chiaramente come il grado di conoscenza dei ventisei centri abitati dell’età del Ferro individuati nel Salento meridionale non fosse ancora sufficiente per poter realizzare un vero e proprio confronto tra di essi; nella maggior parte dei casi è infatti possibile soltanto segnalarne l’esistenza, mentre per i pochi villaggi fino ad allora indagati la superficie stimata non è mai superiore ai 10 ettari. In un recentissimo aggiornamento realizzato da Grazia Semeraro, invece, Taranto, Oria, Cavallino e, sulla base delle prime pubblicazioni, Muro Leccese sono i soli centri della Puglia Meridionale datati tra la metà dell’VIII e il VII secolo a.C. a risultare superiori ai 30 ettari77.

Fig. 25 – Carta degli insediamenti della Puglia meridionale di VIII-VII secolo a.C. con indicazione dei valori dimensionali finora noti.

Fig. 25 – Carta degli insediamenti della Puglia meridionale di VIII-VII secolo a.C. con indicazione dei valori dimensionali finora noti.

Elaborazione da D’Andria 2010, fig. 1 e Semeraro 2015, fig. 1.

  • 78 Yntema 1993, p. 157; Semeraro 2014, p. 332.
  • 79 Burgers 2015, p. 196.
  • 80 Ivi, p. 197.
  • 81 Semeraro 2015, p. 211, fig. 8.
  • 82 Ivi, p. 208, fig. 4.

43Al netto delle conoscenze delle ricerche archeologiche, un’area di 70 ettari risulta eccezionale anche se la si confronta con quella degli insediamenti della parte settentrionale del Salento, dove le ricognizioni realizzate dalla Vrije Universiteit di Amsterdam hanno permesso di proporre soltanto per Oria un’area di dispersione dei materiali che raggiunge i 90 ettari circa78, mentre tutti gli altri presentano estensioni estremamente più contenute: per Muro Tenente, Muro Maurizio, Valesio e San Pancrazio-Li Castelli esse sono comprese tra 15 e 28 ettari79; per L’Amastuola80, Castelluccio di Cisternino81 e San Vito dei Normanni82 risultano ancora inferiori.

  • 83 Sebbene anche per Taranto sia possibile ipotizzare un territorio superiore ai 50 ettari (Semeraro  (...)
  • 84 Per una sintesi sull’occupazione del territorio di Oria cfr. Mastronuzzi 2013, p. 13-15.
  • 85 Burgers 2015, p. 197.

44Accostando quelli che, allo stato attuale delle conoscenze, sono due insediamenti che già nell’età del Ferro presentano estensione superiore ai 50 ettari83, le situazioni di Oria e Muro Leccese risultano profondamente differenti, e non solo dal punto di vista orografico dato che Oria sorge sulle pendici meridionali delle Murge brindisine mentre Muro Leccese in una vasta pianura. Le più antiche tracce di occupazione del territorio di Oria, infatti, risalgono alla fase preistorica84 e la crescita riscontrata nel periodo protostorico, in particolare dall’età del Ferro, è stata letta nell’ottica di una gerarchizzazione degli insediamenti e di una preminenza di questo sugli altri vicini di dimensioni minori85. Il villaggio di Muro Leccese, invece, non soltanto non presenta una frequentazione riferibile all’età del Bronzo, ma è finora assente anche ogni traccia di IX secolo a.C.; pare infatti che il villaggio di VIII secolo a.C. si sia esteso su un’area così ampia nel giro di pochissimi decenni, con tutti i nuclei abitativi che sarebbero nati quasi in contemporanea.

  • 86 D’Andria 1981, p. 121-122; 1985, p. 357.

45Sebbene non si possa escludere che alcuni nuclei più antichi non siano stati individuati a causa della sovrapposizione del paese moderno, è importante sottolineare come in tutte le aree indagate l’orizzonte cronologico dei materiali rinvenuti, sia di quelli d’importazione, sia di quelli di produzione locale, appaia omogeneo e non risulti mai precedente all’VIII secolo a.C. I materiali importati più antichi sono infatti tutti ascrivibili a un orizzonte cronologico di seconda metà del secolo e alla medesima cronologia riportano anche i motivi decorativi della matt-painted ware, che soltanto nell’area del Borgo Terra potrebbero essere leggermente più antichi. Pur ipotizzando che trascorra qualche decennio tra lo stanziamento dei primi nuclei di capanne e il momento nel quale gli abitanti acquistano manufatti importati, resta comunque l’assenza di materiali di produzione locale precedenti all’VIII secolo a.C., ed è pertanto molto probabile che l’impianto del villaggio sia avvenuto proprio nel corso di quel secolo, verosimilmente nell’ambito di quell’espansione demografica, riconosciuta da tempo da Francesco D’Andria, che porta alla nascita di un considerevole numero di insediamenti in tutta la Puglia meridionale, in particolare nella seconda metà del secolo86. È verosimile pensare che la vicinanza di Otranto abbia consentito una rapida, seppure inizialmente limitata, diffusione dei vasi di produzione corinzia già dalla metà dell’VIII secolo a.C., pochissimi decenni dopo la nascita dell’abitato.

  • 87 Burgers 2015, p. 198.

46In un recentissimo contributo, Gert-Jan Burgers ha ribadito come, nel corso di questo secolo, gli indigeni fossero impegnati nell’espansione degli abitati esistenti, nell’occupazione di nuovi territori e nella bonifica di aree prima non utilizzate87. Muro Leccese potrebbe rientrare nella seconda categoria, quella cioè dei centri di nuova fondazione, ma, alla luce della presenza del grande bacino/lacus, non è improbabile rientri nella terza, quella di abitati che, come Valesio, vengono impiantati in luoghi particolarmente fertili per la coltivazione di cereali e l’allevamento del bestiame. Potrebbe dunque essere stata questa fertilità a consentire una crescita così rapida di un sito di nuova fondazione.

47Tutto ancora da indagare è, invece, il ruolo che un centro così esteso può aver svolto nel Salento meridionale a partire verosimilmente dalla fine dell’VIII secolo a.C. e, in particolare, nei secoli successivi, dato che tutte le aree nelle quali è documentata l’età del Ferro hanno restituito anche una frequentazione di età arcaica.

  • 88 Burgers 1998, p. 53-94.
  • 89 Burgers 2015, p. 198.
  • 90 Yntema 2013, p. 50-52. L’archeologo ritiene anche che all’incremento dei siti interni corrisponda (...)

48Burgers ha proposto, sulla base delle ricognizioni archeologiche effettuate e della distribuzione dei materiali rinvenuti88, che Muro Tenente, distante soltanto circa 10 km da Oria, sia stato fondato ex-novo in un territorio che molto probabilmente apparteneva a essa89. Tale ipotesi si può inquadrare in quel processo di colonizzazione agricola delle aree interne precedentemente disabitate e di sedentarizzazione di gruppi seminomadi dediti all’allevamento al quale ha fatto recentemente riferimento Douwe G. Yntema per giustificare la crescita del numero di villaggi durante questo periodo90.

  • 91 D’Andria 1990, p. 51-56.
  • 92 Malkin 1998, p. 8; D’Andria 2012, p. 554, 556.
  • 93 D’Andria 1990, p. 21-28; Mastronuzzi – Melissano – Spano 2008, p. 103.

49Considerando lo stesso areale, nel raggio di una decina di kilometri da Muro Leccese rientra soltanto Vaste, distante 8 km. La situazione murese è però profondamente differente rispetto a quella del territorio oritano poiché la vicina Vaste viene impiantata qualche decennio prima di Muro Leccese91. Pur non escludendo la possibilità che quest’ultimo centro sia divenuto egemone per l’area interna del Salento sudorientale già a partire dall’età del Ferro, resta da capire perché e come un sito di nuova fondazione cresca così rapidamente mentre Vaste non abbia nell’VIII-VII secolo un simile sviluppo e resti un abitato di dimensioni che, almeno allo stato attuale delle ricerche, sembrano più contenute. Sarebbe anche interessante comprendere il rapporto del centro dell’età del Ferro con la vicina Otranto, quel port of trade92 distante circa 15 km che ha restituito una documentazione archeologica ben più antica, risalente all’età del Bronzo93, e che, proprio per il ruolo che gioca nell’ambito del Mediterraneo, non avrà mai bisogno di avere una particolare estensione territoriale. Non è escluso che la rapida crescita di Muro Leccese sia stata favorita, tra i vari fattori, anche dalla vicinanza a questo importante insediamento costiero. Certamente tale crescita non deve essere dipesa esclusivamente dalla prossimità a Otranto poiché anche Vaste è distante da questo centro una quindicina di kilometri ma il suo sviluppo appare più contenuto.

50È in ogni caso evidente come le dinamiche insediative di quest’ambito territoriale siano ancora poco note e, per una loro piena comprensione, siano necessarie approfondite indagini, impostate attraverso la contestualizzazione puntuale di materiali e strutture rinvenuti nei singoli contesti e la successiva analisi spaziale degli abitati.

Haut de page

Bibliographie

Amyx – Lawrence 1975 = D.A. Amyx, P. Lawrence, Archaic Corinthian Pottery and the Anaploga Well. Corinth VII, 2, Princeton, 1975.

Andreassi 1986 = G. Andreassi, L’attività archeologica in Puglia nel 1985, in Neapolis. Atti del XXV Convegno Internazionale di Studi sulla Magna Grecia, Taranto 3-7 ottobre 1985, Taranto, 1986, p. 371-397.

Arthur – Bruno – Alfarano 2017 = P. Arthur, B. Bruno, S. Alfarano (a cura di), Archeologia urbana a Borgo Terra, Muro Leccese, I, Firenze, 2017.

Baratti 2012 = F. Baratti, Ecomusei, paesaggi e comunità. Esperienze, progetti e ricerche nel Salento, Milano, 2012.

Bietti Sestieri 2010 = A.M. Bietti Sestieri, L’Italia nell’Età del Bronzo e del Ferro. Dalle palafitte a Romolo (2200-700 a.C.), Roma, 2010.

Boersma – Yntema 1987 = J. Boersma, D.G. Yntema, Valesio. Storia di un insediamento apulo dall’età del ferro all’epoca tardoromana, Fasano, 1987.

Bruno 2017 = B. Bruno, Lo scavo della Terra, in Arthur – Bruno – Alfarano 2017, p. 25-43.

Buchner – Ridgway 1993 = G. Buchner, D. Ridgway (a cura di), Pithekoussai I. La necropoli: tombe 1-723 scavate dal 1952 al 1961, Roma, 1993.

Burgers 1998 = G.-J. Burgers, Constructing Messapian landscapes: settlement dynamics, social organization and culture contact in the margins of Graeco-Roman Italy, Amsterdam, 1998 (Dutch Monographs on the Ancient History and Archaeology, 18).

Burgers 2015 = G.-J. Burgers, Territorio, insediamenti e dinamiche sociali nel Salento tra IX e VII secolo a.C., in Saltini Semerari – Burgers 2015, p. 193-203.

Burgers – Crielaard 2007 = G.-J. Burgers, J.P. Crielaard, Greek colonists and indigenous populations at L’Amastuola, southern Italy, in BABesch, 82, 2007, p. 87-124.

Burgers – Crielaard 2011 = G.-J. Burgers, J.P. Crielaard (a cura di), Greci e indigeni a L’Amastuola, Mottola, 2011.

Burgers – Crielaard 2012 = G.-J. Burgers, J.P. Crielaard, Greek colonists and indigenous populations at L’Amastuola, southern Italy II, in BABesch, 87, 2012, p. 69-106.

Caldarola 2012 = R. Caldarola, Ricerche archeologiche a Vaste, fondo Melliche. L’età del Ferro, in R. D’Andria, K. Mannino (a cura di), Gli allievi raccontano I, Galatina, 2012, p. 65-78.

Caldarola 2015 = R. Caldarola, Il villaggio dell’età del Ferro (IX-VII sec. a.C.), in G. Mastronuzzi, V. Melissano (a cura di), Museo Archeologico di Vaste. Catalogo, Maglie, 2015, p. 49-53.

Calvaruso – Carluccio – Sabato 2007 = T.O. Calvaruso, G. Carluccio, A. Sabato, Gli abitanti più antichi, in Archeologia urbana a Borgo Terra 2006-2007, Mesagne, 2007, p. 4.

Cinquantaquattro 2012 = T.E. Cinquantaquattro, Processi di strutturazione territoriale: il caso di Taranto, in Alle origini della Magna Grecia. Atti del L Convegno Internazionale di Studi sulla Magna Grecia, Taranto, 1-4 ottobre 2010, Taranto, 2012, p. 487-522.

Ciongoli 1989 = G.P. Ciongoli, Muro Leccese (Lecce), zona 167, via San Marco, in Taras, 9,1-2, 1989, p. 218-219.

Ciongoli 1995 = G.P. Ciongoli, Muro Leccese (Lecce). 2. Via XXIV Maggio, in Taras, 15-1, 1995, p. 92.

Coldstream 2003 = J.N. Coldstream, Geometric Greece. 900-700 BC, Londra-New York, 2003.

Corretti – Dinielli – Merico 2010 = A. Corretti, G. Dinielli, M. Merico, Roca. Indizi di attività cerimoniali dell'età del Ferro, in Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa. Classe di Lettere e Filosofia, s. 5, 2.2, suppl., 2010, p. 160-180, 258-264.

D’Andria 1979 = F. D’Andria, Salento arcaico: la nuova documentazione archeologica, in Salento Arcaico. Atti del Colloquio Internazionale, Lecce, 5-8 aprile 1979, Galatina, 1979, p. 15-25.

D’Andria 1981 = F. D’Andria, Osservazioni sui materiali arcaici di Vaste, in Studi di Antichità, 2, 1981, p. 109-122.

D’Andria 1985 = F. D’Andria, Documenti del commercio arcaico tra Ionio e Adriatico, in Magna Grecia, Epiro e Macedonia. Atti del XXIV Convegno Internazionale di Studi sulla Magna Grecia, Taranto 5-10 ottobre 1984, Napoli, 1985, p. 321-378.

D’Andria 1990 = F. D’Andria (a cura di), Archeologia dei Messapi. Catalogo della mostra, Bari, 1990.

D’Andria 1995 = F. D’Andria, Corinto e l’Occidente: la costa adriatica, in Corinto e l’Occidente. Atti del XXXIV Convegno Internazionale di Studi sulla Magna Grecia, Taranto, 7-11 ottobre 1994, Napoli, 1995, p. 551-592.

D’Andria 1996 = F. D’Andria, La casa in Messapia, in F. D’Andria, K. Mannino (a cura di), Ricerche sulla casa in Sicilia e Magna Grecia. Atti del Colloquio, Lecce, 23-24 giugno 1992, Galatina, 1996, p. 403-438.

D’Andria 1997 = F. D’Andria, Gnatia Lymphis Iratis Exstructa. L’acqua negli insediamenti della Messapia, in S. Quilici Gigli (a cura di), Uomo, acqua e paesaggio. Atti dell’Incontro di studio sul tema irregimentazione delle acque e trasformazione del paesaggio antico, S. Maria Capua Vetere, 1996, Roma, 1997, p. 269-279.

D’Andria 2005a = F. D’Andria, Le trasformazioni dell’insediamento, in D’Andria 2005b, p. 35-43.

D’Andria 2005b = F. D’Andria (a cura di), Cavallino: pietre, case e città della Messapia arcaica, Ceglie Messapica, 2005.

D’Andria 2010 = F. D’Andria (a cura di), Parco dei guerrieri, Lecce, 2010.

D’Andria 2012 = F. D’Andria, Il Salento nella prima Età del Ferro (IX-VII sec. a.C.): insediamenti e contesti, in Alle origini della Magna Grecia. Atti del L Convegno Internazionale di Studi sulla Magna Grecia, Taranto, 1-4 ottobre 2010, Taranto, 2012, p. 551-592.

D’Andria 2013 = F. D’Andria, Castrum Minervae nobilissimum in età arcaica, in F. Raviola, M. Bassani, A. Debiasi, E. Pastorio (a cura di), L’indagine e la rima. Scritti per Lorenzo Braccesi, Roma, 2013, p. 407-425 (Hesperia, 30).

D’Andria 2017 = F. D’Andria, Dinamiche relazionali e identitarie nell’orizzonte iapigio di età arcaica. Percorsi di ricerca, in Ibridazione e integrazione in Magna Grecia: forme, modelli, dinamiche. Atti del LIV Convegno Internazionale di Studi sulla Magna Grecia, Taranto, 25-28 settembre 2014, Taranto, 2017, p. 287-303.

De Juliis – Galeandro – Palmentola 2006 = E.M. De Juliis, F. Galeandro, P. Palmentola, La ceramica geometrica della Messapia, Bari, 2006 (Archaeologica, 2).

De La Genière 1980 = J. de La Genière, Amendolara (Cosenza). La necropoli di Mangosa, in NSc, 34, 1980, p. 305-393.

Descœudres – Robinson 1993 = J.-P. Descœudres, E. Robinson, La ‘Chiusa’ alla Masseria del Fano. Un sito messapico arcaico presso Salve in Provincia di Lecce, Lecce, 1993.

Dunbabin 1962 = T.J. Dunbabin (a cura di), Perachora. The sanctuaries of Hera Akraia and Limenia. Excavations of the British School of Archaeology at Athens 1930-1933. II. Pottery, ivories, scarabs, and other objects from the votive deposits of Hera Limenia, Oxford, 1962.

Giardino 2002 = L. Giardino (a cura di), Muro Leccese. La città messapica senza nome. Dal libro di Pasquale Maggiulli del 1922 al parco archeologico del 2000, Maglie, 2002.

Giardino 2003 = L. Giardino, Muro Leccese, in M. Guaitoli (a cura di), Lo sguardo di Icaro. Le collezioni dell’Aerofototeca Nazionale per la conoscenza del territorio, Roma, 2003, p. 336-338.

Giardino 2008 = L. Giardino, L’attività archeologica a Muro Leccese, in A. Pranzo (a cura di), Salento. Architetture antiche e siti archeologici, Lecce, 2008, p. 164-167.

Giardino 2010 = L. Giardino, Muro Leccese (Puglia, Italia). Forme abitative indigene alla periferia delle colonie greche. Il caso di Policoro, in H. Tréziny (a cura di), Grecs et indigènes de la Catalogne à la mer Noire. Actes des rencontres du programme européen Ramses2 (2006-2008), Aix-en-Provence, 2010, p. 349-369 (BiAMA, 3).

Giardino – Bianco – Meo 2015 = L. Giardino, C. Bianco, F. Meo, Muro Leccese (Puglia, Italia). Forme e funzioni delle ceramiche d’uso quotidiano in un centro messapico tra IV e III secolo a.C., in R. Roure (a cura di), Contacts et acculturations en Méditerranée Occidentale. Hommages à Michel Bats. Actes du colloque, Hyères 15-18 septembre 2011, Aix-en-Provence, 2015, p. 357-365 (BiAMA, 15).

Giardino et al. 2014 = L. Giardino, P. Fabbri, M.T. Giannotta, L. Masiello, Gruppi gentilizi in Messapia tra VI e III sec. a.C. Le sepolture di Muro Leccese (Puglia, Italia), in J.M. Álvarez, T. Nogales, I. Rodà (a cura di), Centre and periphery in the ancient world. Proceedings of the 18th International Congress of Classical Archaeology, Merida 13-17 maggio 2013, Merida, 2014, p. 419-424.

Giardino – Lombardo 2011 = L. Giardino, M. Lombardo, L’abitato arcaico, in Giardino – Meo 2011, p. 20-25.

Giardino – Meo 2011 = L. Giardino, F. Meo (a cura di), Prima di Muro. Dal villaggio iapigio alla città messapica, Lecce, 2011.

Giardino – Meo 2013a = L. Giardino, F. Meo, Un decennio di indagini archeologiche a Muro Leccese. Il villaggio dell’età del Ferro e l’abitato arcaico, in G. Andreassi, A. Cocchiaro, A. Dell’Aglio (a cura di), Vetustis novitatem dare. Temi di antichità e archeologia in ricordo di Grazia Angela Maruggi, Taranto, 2013, p. 299-319.

Giardino – Meo 2013b = L. Giardino, F. Meo, Attestazioni di pratiche rituali di età arcaica nell’abitato messapico di Muro Leccese (Le), in L. Giardino, G. Tagliamonte (a cura di), Archeologia dei luoghi e delle pratiche di culto. Atti del Convegno, Cavallino 26-27 gennaio 2012, Bari, 2013, p. 165-203 (Bibliotheca Archaelogica, 32).

Giardino – Meo 2016 = L. Giardino, F. Meo (a cura di), Muro Leccese. Alla scoperta di una città messapica, Lecce, 2016.

Giardino – Meo c.d.s. = L. Giardino, F. Meo, The Messapian Settlement of Muro Leccese in the Archaic period. Transformations and continuities, in F. D’Andria, G. Semeraro (a cura di), Gli insediamenti indigeni dell’Italia Meridionale e della Sicilia in età arcaica. Cavallino. Dieci anni di ricerche nel Museo Diffuso, Atti del Convegno Internazionale, Cavallino 26-27 marzo 2015, in corso di stampa.

Gleba 2008 = M. Gleba, Textile production in pre-roman Italy, Oxford, 2008 (Ancient Textiles Series, 4).

Grasso 1998 = L. Grasso, Stipe votiva del santuario di Demetra a Catania. Kotylai e coppe corinzie figurate, Palermo, 1998.

Grelle – Silvestrini 2013 = F. Grelle, M. Silvestrini, La Puglia nel mondo romano. Storia di una periferia. Dalle guerre sannitiche alla guerra sociale, Bari, 2013 (Pragmateiai, 24).

Jacobsen – Handberg 2010 = J.K. Jacobsen, S. Handberg (a cura di), Excavation on the Timpone della Motta Francavilla Marittima (1992-2004) I. The Greek Pottery, Bari, 2010 (Bibliotheca Archaeologica, 21).

Koehler 1979 = C.G. Koehler, Corinthian A and B Transport Amphoras, Ann Arbor, 1979.

Lombardo 1992 = M. Lombardo, I Messapi e la Messapia nelle fonti letterarie greche e latine, Galatina, 1992.

Lombardo 1994 = M. Lombardo, Tombe, necropoli e riti funerari in ‘Messapia’: evidenze e problemi, in Studi di Antichità, 7, 1994, p. 25-45.

Lamboley 1999 = J.-L. Lamboley, Muro Leccese. Sondages sur la fortification nord, Roma, 1999 (Collection de l’École française de Rome, 259).

Maggiulli 1913 = P. Maggiulli, Scoperte di epoche primitive in Muro Leccese, Parma, 1913.

Maggiulli 1924 = P. Maggiulli, Fondi di capanna in Muro Leccese, Lecce, 1924.

Malkin 1998 = I. Malkin, Ithaka, Odysseus and the Euboeans in the eighth century, in M. Bats, B. D’Agostino (a cura di), Euboica. L’Eubea e la presenza euboica in Calcidica e in Occidente. Atti del Convegno Internazionale, Napoli, 13-16 novembre 1996, Napoli, 1998, p. 1-10 (Collection du Centre Jean Bérard, 16).

Mastronuzzi 2013 = G. Mastronuzzi, Il luogo di culto di Monte Papalucio ad Oria. 1. La fase arcaica, Bari, 2013 (BACT, 12).

Mastronuzzi – Melissano – Spano 2008 = G. Mastronuzzi, V. Melissano, D. Spano, Ricerche sulla fase arcaica di Otranto (Le): il cantiere Mitello, in Studi di Antichità, 12, 2008, p. 97-149.

Meo 2011 = F. Meo, Il villaggio iapigio, in Giardino – Meo 2011, p. 14-19.

Meo 2015 = F. Meo, Ceramiche di importazione greca a Muro Leccese (VIII-VI sec. a.C.). Una nota, in Studi di Antichità, 13, 2015, p. 181-190.

Meo 2016a = F. Meo, La vita quotidiana nel villaggio iapigio, in Giardino – Meo 2016, p. 53-60.

Meo 2016b = F. Meo, La vita quotidiana nella città messapica, in Giardino – Meo 2016, p. 61-68.

Meo 2017a = F. Meo, L’età del Ferro (metà VIII-metà VI secolo a.C.), in Arthur – Bruno – Alfarano 2017, p. 63-65.

Meo 2017b = F. Meo, La ceramica di età Messapica, in Arthur – Bruno – Alfarano 2017, p. 80-86.

Meo 2017c = F. Meo, La ceramica dell’età del Ferro, in Arthur – Bruno – Alfarano 2017, p. 73-79.

Merico 2010-2011 = M. Merico, Roca e le comunità del Salento fra età tardo-protostorica e alto arcaismo, Tesi di Dottorato, Università del Salento, Lecce, 2010-2011.

Orlandini 2000 = P. Orlandini, Nuovi documenti di ceramica corinzio-geometrica dagli scavi dell’Incoronata, in Damarato. Studi di antichità classica offerti a Paola Pelagatti, Milano, 2000, p. 195-198.

Pancrazzi 1979 = O. Pancrazzi (a cura di), Cavallino I. Scavi e ricerche 1964-1967, Galatina, 1979.

Polito 2005 = C. Polito, La capanna Pelli, in D’Andria 2005b, p. 46-47.

Saltini Semerari – Burgers 2015 = G. Saltini Semerari, G.-J. Burgers (a cura di), Early Iron Age communities of Southern Italy, Roma, 2015 (Papers of the Royal Netherlands Institute in Rome, 63).

Semeraro 2009 = G. Semeraro, Castelluccio e il sistema abitativo dall’età del Ferro all’età arcaica, in G.-J. Burgers, G. Recchia (a cura di), Ricognizioni archeologiche sull’altopiano delle Murge. La carta archeologica del territorio di Cisternino, Foggia, 2009, p. 73-87.

Semeraro 2014 = G. Semeraro, Le comunità indigene delle Murge salentine, in G. Greco, B. Ferrara (a cura di), Segni di appartenenza e identità nel mondo indigeno, Napoli, 2014, p. 329-343 (Quaderni del Centro Studi Magna Grecia, 18).

Semeraro 2015 = G. Semeraro, Organizzazione degli abitati e processi di costruzione delle comunità locali nel Salento tra IX e VII sec. a.C., in Saltini Semerari – Burgers 2015, p. 205-219.

Semeraro 2016 = G. Semeraro, Nuovi orizzonti per nuove comunità. Qualche riflessione sui processi di definizione delle società arcaiche della Puglia meridionale durante l’Età del Ferro, in L. Donnelan, V. Nizzo, G.-J. Burgers (a cura di), Contexts of early colonization, Roma, 2016, p. 351-370 (Papers of the Royal Netherlands Institute in Rome, 64).

Semeraro – Monastero 2011 = G. Semeraro, A. Monastero (a cura di), Itinerario di visita del Castello di Alceste (S. Vito dei Normanni – BR), San Vito dei Normanni, 2011.

Van Compernolle 1994 = T. Van Compernolle, Primo contributo alla carta archeologica di Soleto (Lecce), in Studi di Antichità, 7, 1994, p. 327-354.

Yntema 1988 = D.G. Yntema, Oria (Brindisi) – Traces of an archaic dwelling in ‘Contrada Paretone’, in Studi di Antichità, 5, 1988, p. 149-160.

Yntema 1990 = D.G. Yntema, The matt-painted pottery of southern Italy, Galatina, 1990.

Yntema 1999 = D.G. Yntema, Le ceramiche, in A. Nitti (a cura di), Muro Tenente centro messapico nel territorio di Mesagne. Le ricerche olandesi 1992-1997, Manduria, 1999, p. 81-105.

Yntema 2001 = D.G. Yntema, Pre-Roman Valesio. Excavations of the Amsterdam free university at Valesio, province of Brindisi, southern Italy. Volume I: The Pottery, Amsterdam, 2001.

Yntema 2013 = D.G. Yntema, The archaeology of south-east Italy in the first millennium BC. Greek and native societies of Apulia and Lucania between the tenth and the first century BC, Amsterdam, 2013.

Haut de page

Notes

1 Giardino 2003; 2008; Giardino, Meo 2011; 2016; Giardino et al. 2014; Giardino – Bianco – Meo 2015. L’aggettivo «iapigio» fa riferimento al territorio corrispondente grosso modo all’attuale Regione Puglia fino all’età del Ferro, mentre l’aggettivo «messapico» viene utilizzato per designare il territorio della Puglia meridionale a partire dall’età arcaica.

2 Avvenuti verosimilmente durante il bellum Sallentinum¸ per le fonti letterarie ad esso relative v. Lombardo 1992, p. 84 n. 146 (Livio), 146-147 n. 272 (Floro), 165 n. 301 (Giustino), 261 in riferimento alle restanti; Grelle – Silvestrini 2013, p. 115-125.

3 Giardino – Meo 2013a; 2013b; c.d.s.; Meo 2015; 2017a; 2017b; 2017c.

4 Presentazione preliminare in Giardino – Meo 2013a da tesi di laurea di Catrina Altimare dal titolo Cartografia storica di Muro Leccese (Le) e posizionamento di vecchi ritrovamenti, discussa nell’anno accademico 2001-2002.

5 Maggiulli 1913, p. 4-5.

6 Ivi, p. 5-8.

7 Ivi, p. 8-10.

8 Maggiulli 1913, p. 13-14.

9 Maggiulli 1924, p. 6-7. Nel corso di questi scavi Maggiulli rinviene anche alcune olle con all’interno ossa umane combuste (p. 12) attraverso le quali ipotizza, sulla scia di quanto era stato rinvenuto poco prima a Timmari, la pratica dell’incinerazione e della successiva inumazione dei defunti entro urne cinerarie (v. anche D’Andria 1981, p. 121). In realtà, nessuna delle indagini archeologiche in alcun centro della Puglia meridionale ha, al momento, rinvenuto alcuna area di necropoli dell’età del Ferro (per le pratiche funerarie di questo periodo v. infra quanto proposto da Mario Lombardo) ed è pertanto verosimile che queste olle potessero contenere ossa di bambini deposti, come nel caso di Cavallino, sotto i pavimenti all’interno delle capanne (D’Andria 1981, p. 122).

10 Maggiulli 1924, p. 8.

11 D’Andria 1981, p. 121; una selezione di materiali è in D’Andria 1995, p. 476, fig. 9.

12 D’Andria 1981, p. 121-122; 1985, p. 357.

13 Andreassi 1986, p. 379-380.

14 Ciongoli 1989.

15 Ciongoli 1995.

16 Tra il 2000 e il 2015 le indagini archeologiche nell’abitato messapico sono state condotte sotto la Direzione Scientifica di Liliana Giardino, docente di Urbanistica del mondo classico dell’Università del Salento, dapprima nell’ambito di un Protocollo d’Intesa stipulato nel 1999 tra il Comune di Muro Leccese, la Soprintendenza per i Beni Archeologici della Puglia e il Dipartimento di Beni Culturali dell’Università del Salento e, dal 2012, in regime di concessione di scavo. Nel 2006-2007, il Borgo Terra è stato oggetto di ricerche archeologiche, condotte sotto la Direzione Scientifica di Paul Arthur, docente di Archeologia Medievale dell’Università del Salento. A partire dal 2016 le indagini archeologiche nell’abitato messapico di Muro Leccese sono condotte in regime di concessione sotto la Direzione Scientifica dello scrivente.

17 L’Ufficio Archeologico comunale, diretto da Teresa Oda Calvaruso, ha operato tra il 2003 e il 2007 con il compito di realizzare interventi di archeologia preventiva anche in proprietà private che hanno consentito di ampliare notevolmente il quadro relativo alle conoscenze dell’abitato messapico.

18 Dati preliminari sulle strutture sono stati presentati in Giardino – Meo 2013a, p. 305-307; Meo 2016a, p. 58-60.

19 Lo scavo è stato condotto nel 2005 e nel 2011.

20 Una tecnica simile si ritrova lungo l’arco ionico della Basilicata, in contesti come l’Incoronata e Policoro, dove viene scavato il terreno argilloso (Giardino 2010, p. 476-479 con bibliografia precedente). Sulle connessioni tra Siritide e Metapontino e l’area salentina cfr. Orlandini 2000; D’Andria 2012, p. 573-574.

21 Le indagini archeologiche sono state effettuate a più riprese tra il 2006 e il 2012.

22 Maggiulli 1913, p. 4-5.

23 Andreassi 1986, p. 379-380.

24 Giardino – Lombardo 2011, p. 21, fig. 49; Meo 2016b, p. 66-67, fig. 9.

25 Calvaruso – Carluccio – Sabato 2007; Meo 2017a; 2017b.

26 Una piccola selezione di materiali è edita in Giardino – Meo 2013a, p. 304, fig. 7-8. Sebbene lo scavo nei pressi della strada vicinale Brongo (fig. 2.20) sia più a nord rispetto alla proprietà Natali, durante le indagini non sono state rinvenute tracce di strutture abitative ma soltanto materiale ceramico che potrebbe essere collegato all’areale di dispersione.

27 Una selezione di materiali da differenti contesti è edita in Giardino – Meo 2011; 2013a; 2013b; Meo 2016a; 2017b.

28 Alcuni dei materiali sono editi in Giardino – Meo 2011; 2013a; 2013b; c.d.s; Meo 2015; 2016a; 2017b.

29 I dati sono presentati in dettaglio in Meo 2017b.

30 Cfr. Caldarola 2012, p. 70, nota 8, con riferimento alla Tesi di Specializzazione di D. Spano dal titolo Otranto. Il cantiere 3 e le fasi della prima età del ferro.

31 Si tratta di contenitori ampiamente diffusi nei contesti archeologici dell’età del Ferro. Oltre a quelli già editi da Muro Leccese, rinvenuti in località Cunella (Giardino – Meo 2013, p. 306-307, fig. 11.1-2) e nel Borgo Terra (Meo 2017b, p. 75, fig. 78), numerosi sono i confronti con altri siti dell’area salentina: Pancrazzi 1979, p. 128-131, fig. 40.1 e 41.2 (da Cavallino); D’Andria 1990, p. 28, fig. 27 (da Otranto); Descœudres – Robinson 1993, p. 213, 259-260, fig. 187 (da Li Fani); Yntema 2001, p. 22-25, forma A01, n. 2-7 (da Valesio). Sul loro reimpiego per sepolture ad enchytrismoi v. Semeraro 2015, p. 207, fig. 3 (da Oria).

32 Come per i pithoi situliformi, anche in questo caso si tratta di forme molto diffuse nel panorama dei contesti insediativi protostorici. Oltre a quelle rinvenute a Muro Leccese (Giardino – Meo 2013a, p. 306, fig. 11; Meo 2017b, p. 75, fig. 78), esemplari vengono, ad esempio, anche da Cavallino (Pancrazzi 1979, p. 132-133, fig. 42), Li Fani (Descœudres – Robinson 1993, p. 237-239, 279, fig. 232, datate all’età del Ferro), Muro Tenente (Yntema 1999, p. 83-86, fig. 56, esemplare datato entro la metà del VII secolo a.C.), Valesio (Yntema 2001, p. 26-27, 29 forma A03, n. 12, esemplari datati entro la metà del VII secolo a.C.).

33 Si tratta di una tipologia ampiamente diffusa in Italia meridionale tra l’età del Bronzo finale e l’età del Ferro; v. a riguardo Gleba 2008, p. 145, fig. 100, n. 1. A Muro Leccese sono stati rinvenuti sia in località Cunella (Meo 2011, p. 19, fig. 41; Giardino – Meo 2013a, p. 306-307, fig. 11.6), sia nel Borgo Terra (Meo 2017b, p. 73). Alcuni esemplari sono editi anche da contesti coevi di Cavallino (Pancrazzi1979, p. 190-191, fig. 74.1, 5-6, 16).

34 Giardino – Bianco – Meo 2015, p. 362, fig. 3.

35 Giardino – Meo 2013a, 306-307, fig. 11.3.

36 Meo 2017b, p. 73.

37 Olle e ollette sono le forme più diffuse nei centri indigeni. Forme e decorazioni presentano lievi modifiche nel corso del tempo. Cfr. Yntema 1990, fig. 51-55, 58-60, 64, 68-72, 74-79, 84-86, con esemplari provenienti da Taranto-Borgo Nuovo, Otranto, San Pancrazio Salentino, Mesagne, Leuca, Valesio, Cavallino. Quelli muresi sono editi in Giardino – Meo 2013a, p. 304 fig. 7, 306 fig. 12; Meo 2016a, p. 55, fig. 4; 2017b, p. 76, fig. 80.

38 Si tratta di individui di notevoli dimensioni con decorazione geometrica bicroma, simili all’esemplare di Cavallino (D’Andria 2005a, p. 37), datato al VI secolo a.C. Uno dei pithoi muresi è edito in Meo 2016a, p. 54, fig. 3.

39 Per gli esemplari muresi editi: Giardino – Meo 2013a, p. 304, fig. 7; Meo 2017b, p. 73, 76 fig. 80. Sebbene la maggior parte dei motivi decorativi via ascrivibile al Tardo Geometrico del Salento, una di esse trova confronti, per forma e decorazione, con esemplari rinvenuti a Otranto (D’Andria 1990, p. 32. n. 53), Taranto-Borgo Nuovo (Yntema 1990, p. 61, fig. 44) e Valesio (Boersma – Yntema 1987, p. 40, fig. 7.2), datati al Medio Geometrico del Salento; l’esemplare risulta pertanto riferibile alle prime fasi di vita dell’abitato di Muro Leccese.

40 Gli esemplari muresi presentano tutti decorazione monocroma; alcuni di essi sono editi in Giardino – Meo 2013a, p. 304, fig. 7; Meo 2017b, p. 76, fig. 80. Scodelle simili sono state rinvenute in numerosi contesti tra i quali Castelluccio di Cisternino (Semeraro 2009, p. 78, fig. 8, datata al Tardo Geometrico), Lecce-Piazzetta Epulione (D’Andria 2005a, p. 36, presentata con materiali di seconda metà VIII-VII secolo a.C.), Otranto (Yntema 1990, p. 83, fig. 56-57 – 730-690 a.C. e p. 97, fig. 73 – 690-650 a.C.), Soleto (Van Compernolle 1994, p. 329, fig. 2.3-4) e Valesio (Yntema 2001, p. 44, 46, fig. 35, 38-39, datati a fine VIII-inizi VII secolo a.C.).

41 Per l’inquadramento cronologico degli apparati decorativi della matt-painted ware il riferimento è costituito da Yntema 1990, in particolare p. 47-108, con un parziale aggiornamento in De Juliis – Galeandro – Palmentola 2006.

42 Esemplari simili vengono da Rocavecchia (Merico 2010-2011, fig. 89), San Vito dei Normanni (Semeraro 2016, p. 360, fig. 6) e Vaste (D’Andria 2012, p. 573, fig. 16). Sulla funzione di tale forma v. Semeraro 2016, p. 359-360.

43 Nell’area di Borgo Terra essa è pari a pari a quasi il 50% del NMI, con 16 esemplari (Meo 2017b, p. 77).

44 La forma e le caratteristiche dell’argilla permettono di inquadrare tutti gli esemplari i VII e gli inizi del VI sec. a.C. Per la cronologia: Koehler 1979, pl. 1-3.

45 Rinvenuti sia a Borgo Terra (Meo 2017b, p. 77-79), sia, più di recente, in località Palombara. Sulla problematica relativa all’identificazione delle aree di produzione di tali testimonianze v. anche Meo 2015, p. 192-193. È recente la verosimile attribuzione di un numero limitato di hydriai e crateri con orlo verticale a fasce, realizzati in argilla nocciola rosata, rinvenuti a Vaste, a tali fabbriche: D’Andria 2012, p. 577-580, con riferimento a quanto già proposto in D’Andria 1985, p. 359-365.

46 Esemplari di protokotylai corinzie come quello di Muro Leccese (Meo 2016a, p. 56, fig. 5a; Giardino – Meo c.d.s.) sono state rinvenuti anche nei vicini insediamenti di Otranto e Vaste: D’Andria 1990, p. 37-38, ns. 75-81; p. 53-54, ns. 16-18.

47 Le coppe del Tardo Geometrico Corinzio sono state rinvenute in località Cunella (Meo 2011, p. 16, fig. 17; Giardino – Meo 2013a, p. 306, 309, fig. 13.2; Meo 2016a, p. 56, fig. 5b) e nel Borgo Terra (Giardino – Meo 2013a, p. 304, fig. 8. Meo 2017b, p. 78, fig. 82.5). Esemplari simili provengono da siti vicini quali Cavallino-proprietà Pelli (D’Andria 1979, p. 22-23, tav. 22) e Rocavecchia (Corretti – Dinielli – Merico 2010, p. 264, fig. 240, 242). Per la datazione v. anche Buchner – Ridgway 1993, p. 366, tav. 116.

48 Esemplari simili sono stati rinvenuti sul Timpone della Motta (Jacobsen – Handberg 2010, p. 94-95) ma anche in contesti del medesimo ambito culturale come Vaste (D’Andria 1995, p. 489, fig. 22; Caldarola 2015, p. 51).

49 Meo 2015, p. 191, fig. 6; 2016a, p. 56, fig. 5. Confronti dai vicini centri di Otranto (D’Andria 1990, p. 44-45; uno degli esemplari è in esposizione al Museo Storico Archeologico dell’Università del Salento) e Vaste (D’Adria 1990, p. 55, n. 29).

50 Gli esemplari muresi (Giardino – Meo 2013b, p. 185, 187 fig. 19.8; Meo 2015, p. 191, fig. 6; 2017b, p. 78, fig. 82) trovano confronto con esemplari rinvenuti a Cavallino, nella capanna in proprietà Pelli (D’Andria 1990, 207, nn. 20-21), datati al Protocorinzio Antico. Per l’inquadramento cronologico v. anche: Dunbabin 1962, p. 67-70, tav. 25-27 (da Perachora); Buchner – Ridgway 1993, p. 188-189 tav. 59.5-7, 193 tav. 60.1, 198 tav. 61.2, 201 tav. 62.2, 399 tav. 129.2, 425 tav. 133.2, 467 tav. 137.2, 484 tav. 143.3, 5, 496 tav. 146.2, 566 tav. 168.2, 628 tav. 180.2, 638 tav. 192.2 (da Pithecusa); Coldstream 2003, p. 152, fig. 55d (da Corinto) e 55e (da Cuma).

51 Rinvenute sia a Muro Leccese (Giardino, Meo 2013a, p. 306 fig. 13, 309 n. 18; Meo 2015, p. 191, fig. 6; Meo 2017b, p. 77-78, fig. 82), sia in contesti vicini di VII secolo a.C. come Valesio (Yntema 2001, p. 107, n. 162) Per la datazione dei reperti v. anche: de La Genière 1980, p. 328-331, fig. 28 (dalla necropoli di Mangosa ad Amendolara).

52 Oltre che a Muro Leccese (D’Andria 1995, 476, fig. 9d-e; Meo 2015, p. 191, fig. 6; 2016a, p. 57, fig. 7; 2017b, p. 78, fig. 82), i boccaletti sono stati rinvenuti a Cavallino, in proprietà Pelli (D’Andria 1990, p. 206, nn. 12-15), a Lecce-piazzetta Epulione (D’Andria 2012, p. 563, fig. 9), a Otranto (D’Andria 1990, p. 40-42, nn. 98-103), a Taranto-S. Domenico (Cinquantaquattro 2012, p. 497-498, fig. 10), a Valesio (Yntema 2001, p. 104, 106, n. 155-157) e a Vaste, nel fondo Melliche (D’Andria 1995, p. 490, fig. 23; 2012, p. 577, 579-580, fig. 23-25; Caldarola 2012, p. 74, fig. 7). Per l’attestazione della forma in contesti cultuali v. D’Andria 2013, p. 414, 422-423, fig. 9.15-17 (da Castro).

53 Si tratta di una forma molto diffusa, rinvenuta in tutti i contesti muresi indagati (D’Andria 1995, 476, fig. 9f; Giardino – Meo 2013a, 185, 187, fig. 19.10; Meo 2015, p. 191, fig. 6; 2017b, p 78, fig. 85.11), che trova riscontro nei numerosi siti dell’età del Ferro scavati: Cinquantaquattro 2012, p. 496-497, fig. 8.11, 9.2 (materiale da Taranto-S. Domenico); D’Andria 1985, p. 362-363, fig. 25-26; 1990, p. 56, n. 32; 2012, p. 577-578, fig. 22 (da Vaste, fondo Melliche); D’Andria 1985, p. 362-363, figg. 25-26; Matronuzzi – Melissano – Spano 2008, p. 121-123, fig. 21 (da Otranto); Yntema 2001, p. 110-111, n. 167 (da Valesio).

54 Gli esemplari di kotylai mesocorinzie sono ben attestati a Muro Leccese: Giardino – Meo 2013a, 306 fig. 13.4-7, 309; 2013b, p. 186-187, fig. 19.13; Meo 2017b, p. 77). Per una panoramica sulle varianti v. Grasso 1998 (dal Santuario di Demetra a Catania).

55 Le oinochoai muresi (Meo 2017b, p. 78-79, fig. 82.12-13) trovano confronti con: Amyx – Lawrence 1975, pl. 49, n. An 186, 188, pl. 53, n. An 106, 113; pl. 54 n. An 102; in particolare con numerosi esemplari rinvenuti nella necropoli Pithecusana datati al Corinzio Originale (Buchner – Ridgway 1993, p. 243 tav. 190.1, 251 tav. 193.1, 345 tav. 286.1, 352 tav. 293.1). Una oinochoe di produzione corinzia è stata rinvenuta anche a Vaste (Caldarola 2015, p. 51).

56 Sul lacus e sulla sua individuazione v. infra.

57 Cfr., ad esempio, Giardino – Meo 2013a, p. 305.

58 D’Andria 1996, p. 409, fig. 3; Polito 2005.

59 D’Andria 1996, p. 407, fig. 2.

60 Burgers – Crielaard 2007, p. 115-116; 2011, p. 62, fig. 3.24-25; 2012, p. 72, fig. 4-5.

61 Yntema 1988, p. 159.

62 Semeraro 2015, p. 207-211.

63 Burgers 1998, p. 175, fig. 88.

64 Andreassi 1986, p. 379-380.

65 Tali ricostruzioni sono state realizzate nell’ambito delle esperienze dei musei diffusi e degli ecomusei (Baratti 2012) sviluppate nel Salento. Per Vaste cfr. D’Andria 2010, p. 30; per S. Vito dei Normanni cfr. Semeraro – Monastero 2011, par. 11.

66 Polito 2005.

67 Semeraro 2015, p. 209, fig. 5.

68 Lombardo 1994, p. 38-40. Sull’assenza di attestazioni di necropoli nel Salento cfr. anche Bietti Sestieri 2010, p. 332-346.

69 Sulla trasformazione delle pratiche agrarie nel corso dell’età del Ferro cfr. Semeraro 2014, p. 331-332.

70 Maggiulli 1913; 1924.

71 Lamboley 1999.

72 Giardino 2002.

73 Giardino – Meo 2013a, p. 301, fig. 4.

74 La proposta di individuazione del lacus di Muro Leccese è stata avanzata dallo scrivente nell’ambito del Convegno Internazionale Gli insediamenti indigeni dell’Italia Meridionale e della Sicilia in età arcaica. Cavallino. Dieci anni di ricerche nel Museo Diffuso (Giardino – Meo c.d.s.).

75 D’Andria 1997, p. 275-278.

76 D’Andria 2012.

77 Semeraro 2016, p. 354-356, fig. 3.

78 Yntema 1993, p. 157; Semeraro 2014, p. 332.

79 Burgers 2015, p. 196.

80 Ivi, p. 197.

81 Semeraro 2015, p. 211, fig. 8.

82 Ivi, p. 208, fig. 4.

83 Sebbene anche per Taranto sia possibile ipotizzare un territorio superiore ai 50 ettari (Semeraro 2016, p. 355), si è ritenuto opportuno non includerla nel discorso in quanto la fondazione dell’apoikia alla fine dell’VIII secolo a.C. determina una cesura rispetto alla fase precedente.

84 Per una sintesi sull’occupazione del territorio di Oria cfr. Mastronuzzi 2013, p. 13-15.

85 Burgers 2015, p. 197.

86 D’Andria 1981, p. 121-122; 1985, p. 357.

87 Burgers 2015, p. 198.

88 Burgers 1998, p. 53-94.

89 Burgers 2015, p. 198.

90 Yntema 2013, p. 50-52. L’archeologo ritiene anche che all’incremento dei siti interni corrisponda l’abbandono degli insediamenti costieri. Francesco D’Andria ha fatto tuttavia notare che siti come Otranto e Castro continuano a operare non solo durante l’età del Ferro ma anche nella fase successiva (D’Andria 2017, p. 289).

91 D’Andria 1990, p. 51-56.

92 Malkin 1998, p. 8; D’Andria 2012, p. 554, 556.

93 D’Andria 1990, p. 21-28; Mastronuzzi – Melissano – Spano 2008, p. 103.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 – Carta degli insediamenti della Puglia meridionale nel corso dell’età del Ferro.
Crédits Da Semeraro 2015, fig. 1.
Titre Fig. 2 – Muro Leccese. Ubicazione delle aree di scavo in rapporto all’area cinta dalle mura di IV secolo a.C.
Crédits Elaborazione C. Bianco.
Titre Fig. 3 – Scavo realizzato da Pasquale Maggiulli nel fondo Cifulella.
Crédits Da Maggiulli 1924.
Titre Fig. 4 – Frammenti di produzione corinzia rinvenuti a Muro Leccese.
Crédits Da D’Andria 1995, fig. 9.
Titre Fig. 5 – Tracce di capanna con buche da palo individuate nel banco roccioso, in località Cunella.
Crédits Elaborazione C. Bianco.
Titre Fig. 6 – Località Cunella (2.10). Piano pavimentale dell’età del Ferro rinvenuto sotto le strutture arcaica ed ellenistica.
Crédits Foto F. Meo.
Titre Fig. 7 – Località Palombara (2.11). Abitazione tardo-arcaica tagliata dalle mura di IV secolo a.C., sotto la quale sono stati rinvenuti livelli dell’età del Ferro.
Crédits Foto L. Giardino.
Titre Fig. 8 – Località Palombara (2.12). Saggio eseguito nel 2016 in un ambiente messo in luce dagli scavi del 1986.
Crédits Foto F. Meo.
Titre Fig. 9 – Borgo Terra (2.13-14). Resti di strutture dell’età del Ferro rinvenuti durante lo scavo dell’abitato medievale.
Crédits Foto M. Rizzo.
Titre Fig. 10 – Proprietà Natali (2.15). Piano pavimentale dell’età del Ferro coperto da un battuto messapico.
Crédits Foto T.O. Calvaruso.
Titre Fig. 11 – Proprietà Natali-Bevilacqua (2.16). Piano di roccia con frequentazione dell’età del Ferro.
Crédits Foto T.O. Calvaruso.
Titre Fig. 12 – Via Martiri D’Otranto (2.18). Ubicazione dei livelli dell’età del Ferro rinvenuti tra le strutture più recenti.
Crédits Foto C. Bianco.
Titre Fig. 13 – Strada Vicinale Brongo (2.20). Tratto di cinta muraria rimesso in luce nel 2014.
Crédits Foto F. Meo.
Titre Fig. 14 – Borgo Terra. Quantificazione dei frammenti ceramici dell’età del Ferro divisi per classe e area di scavo.
Crédits Da Meo 2017b, fig. 76; planimetria da Bruno 2017, fig. 11.
Titre Fig. 15 – Vasi ad impasto da Muro Leccese.
Crédits Disegni C. Bianco, F. Malinconico.
Titre Fig. 16 – Vasi in ceramica figulina, matt-painted ware e acroma, di VIII – metà VI secolo a.C. rinvenuti a Muro Leccese.
Crédits Disegni C. Bianco, F. Malinconico.
Titre Fig. 17 – Anfore da trasporto corinzie di tipo A da Muro Leccese.
Crédits Disegni C. Bianco.
Titre Fig. 18 – Vasi di importazione di metà VIII – metà VI secolo a.C. rinvenuti a Muro Leccese.
Crédits Disegni C. Bianco, F. Malinconico.
Titre Fig. 19 – San Vito dei Normanni. Ricostruzione di una capanna dell’età del Ferro.
Crédits Ideazione G. Semeraro.
Titre Fig. 20 – Località Cunella. Ubicazione e rapporto tra le due capanne individuate.
Crédits Elaborazione C. Bianco.
Titre Fig. 21 – Proposta di ubicazione dei nuclei abitativi dell’età del Ferro finora individuati a Muro Leccese.
Crédits Elaborazione C. Bianco.
Titre Fig. 22 – L’area del lacus nella carta dell’IGM in scala 1:25000 del 1948.
Crédits Elaborazione F. Meo.
Titre Fig. 23 – L’area del lacus dalle foto aeree del 1955 e del 1970 e la graduale riduzione della sua superficie.
Crédits Elaborazione F. Meo.
Titre Fig. 24 – Interpolazione delle altimetrie su DTM con ubicazione dei ritrovamenti dell’età del Ferro in rapporto al circuito murario di IV secolo a.C.
Crédits Elaborazione C. Bianco.
Titre Fig. 25 – Carta degli insediamenti della Puglia meridionale di VIII-VII secolo a.C. con indicazione dei valori dimensionali finora noti.
Crédits Elaborazione da D’Andria 2010, fig. 1 e Semeraro 2015, fig. 1.
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Francesco Meo, « Muro Leccese nell’età del Ferro. Forma e organizzazione insediativa di un abitato indigeno della Puglia meridionale », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité, 131-1 | -1, 81-104.

Référence électronique

Francesco Meo, « Muro Leccese nell’età del Ferro. Forma e organizzazione insediativa di un abitato indigeno della Puglia meridionale », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 131-1 | 2019, mis en ligne le 30 juin 2019, consulté le 19 février 2020. URL : http://journals.openedition.org/mefra/7404 ; DOI : https://doi.org/10.4000/mefra.7404

Haut de page

Auteur

Francesco Meo

Dipartimento di Beni Culturali, Università del Salento –francesco.meo@unisalento.it

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals