Navigation – Plan du site
Varia

Le tombe con marchi del sepolcreto di via Sabotino a Bologna

Dominique Briquel et Luana Kruta Poppi
p. 137-175

Résumés

Durante degli scavi d’emergenza condotti dalla Soprintendenza Archeologica nel 1971 in via Sabotino a Bologna, fu scoperta un’area funeraria con circa trenta tombe di cui si sono conservati 27 corredi databili dall’ VIII all’inizio del VI sec. a.C. Le tombe sono inedite ad eccezione di alcune fotografie e di una pianta inattendibile, pubblicate nel 2012 in uno studio generale sulle necropoli villanoviane di Bologna. Inoltre parte dei materiali della tomba 11, quelli restaurati, sono stati presentati nella Mostra “Donne dell’Etruria Padana dall’VIII al VII sec. a.C.” tenutasi presso il Museo civico archeologico di Castelfranco Emilia nel 2015 e figurano nel suo catalogo. Nell’attesa della pubblicazione dell’insieme, sembra opportuno dare indicazioni sui 38 graffiti scoperti in 13 tombe. Essi completano lo studio classico di Sassatelli del 1985, dove furono esaminati 442 graffiti inclusi i 150 marchi provenienti dal ripostiglio di San Francesco a Bologna, senza però poter prendere in considerazione il loro contesto archeologico. Come si può aspettare, molti di questi graffiti sono semplici croci o marche a forma di tridente; tuttavia, uno presenta un interesse maggiore: una fusaiola, trovata in una tomba del periodo 675-650 a.C. comporta infatti l’inizio di un alfabeto del tipo evoluto (aev), privo delle lettere inusitate nella lingua etrusca (b o d) e seguendo gli standards grafici dell’Etruria del Nord, con l’uso della k invece della c. Sarebbe dunque l’esempio più antico di un tale alfabeto.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 La stretta relazione topografica tra i diversi rinvenimenti delle necropoli occidentali della Bolo (...)
  • 2 Via Tofane si trova fuori Porta S. Isaia, a un centinaio di metri prima della Certosa. La stele mo (...)
  • 3 Cf. Bull. Inst., 1875, p. 48-49; NSA, 1893, p. 177-181.
  • 4 Grenier 1907, p. 352-452. La pianta degli scavi eseguiti da Grenier nel 1906 nel terreno Grabinski (...)

1Il gruppo di tombe fu rinvenuto nell’Aprile 1971 in un terreno in costruzione che si affaccia su via Sabotino al n. 30 (di fronte al n. 37, Catalogo urbano Foglio 78) una strada moderna ricavata dalla tombazione del Canale di Reno, parallela nord alla storica via S. Isaia (oggi A. Costa) lungo cui si snodavano i grandi sepolcreti villanoviani esplorati dall’ultimo trentennio del XIX sec.: sul lato sud Benacci e De Luca, su quello nord Arnoaldi, Stradello Certosa (attuale via Crocetta)1. Quest’ultima strada, perpendicolare est a via Sabotino, separa questo nucleo di tombe da quello di via Tofane, dove fu rinvenuta una celebre stele decorata2. Topograficamente la necropoli di via Sabotino si situa sul margine nord di un sito già noto dalla letteratura archeologica dell’ultimo decennio dell’Ottocento, quando fu ritrovata nell’allora proprietà Grabinski ex Tagliavini un’altra stele decorata, unitamente ad alcuni resti scheletrici di inumati e a qualche incinerazione in dolio3. La medesima fisionomia fu osservata e confermata negli scavi del Grenier che, nel 1906, riprese le ricerche nella proprietà, nel frattempo passata di mano e divenuta Meniello. La trincea Nord degli scavi Grenier4, perpendicolare al Canale di Reno, a quanto risulta dalla pianta conservata nell’Archivio del Museo Archeologico di Bologna, si fermò a 71 metri da esso, mentre nell’intervento moderno, determinato dalla costruzione di un edificio sul fronte strada, si segnala, in una lettera al soprintendente, che lo sbancamento fu praticato fino a m. 3,20 da via Sabotino cioè fino all’immediata prossimità del canale.

  • 5 La tomba 4 è un’incinerazione in dolio coperto da una lastra di calcare e da una corona di sassi c (...)

2I lavori furono seguiti per conto della Soprintendenza nell’Aprile 1971 dall’assistente di scavo S. Sani, che segnò e numerò la collocazione delle tombe messe in luce sulla pianta dei plinti dell’edificio in costruzione: ne risultano 23 (ma la posizione delle 21, 22 e 23 non fu segnata). A queste tombe se ne aggiungono due sovrapposte, che portano lo stesso numero delle sovrastanti con l’aggiunta dalla dicitura «bis» (la 13bis e la 17bis). Un altro caso di sovrapposizione riguarda la tomba 12, situata sopra un’incinerazione in dolio, che non fu presa in conto perché distrutta dal mezzo meccanico. Altre quattro sepolture erano «irriconoscibili o non numerabili» secondo le annotazioni sugli stamponi fotografici (n. 23272-76, 23321, 23336 SAER). I corredi conservati corrispondono dunque a 25 tombe su un totale di una trentina di tombe reperite. La tipologia dei sepolcri comprende inumazioni e incinerazioni. I resti ossei delle prime, probabilmente rotte dal mezzo meccanico, come sembra riconoscibile in qualche fotografia, sono stati raccolti soltanto in minimissima parte. Di una tomba, la 6, resta l’indicazione «a inumazione» sullo stampone (n. 23298, 23299), ma il corredo che porta questo numero corrisponde invece a un’incinerazione femminile in dolio. A sua volta, la tomba 4, anch’essa un’incinerazione femminile in dolio, presenta, frammisti al corredo, parti di un osso lungo e di una costola5. L’unico corredo associato a un’inumazione con resti scheletrici di una certa consistenza (parti di scheletro, di cranio e denti d’infante) è quello della tomba 18. La presenza di alcune perline di ambra e pasta vitrea, di un anellino, di una catenella e la foggia di una fibula a navicella con staffa allungata permettono di attribuirla a una bambina deposta nella prima metà del VII sec. a.C. Tra le incinerazioni, la maggior parte è in dolio. Quelle, invece, deposte in fossa, mai di grandi dimensioni, sono in due casi doppie e presentano due ossuari con corredi personali distinti per genere. Netta è la prevalenza di tombe femminili e tra esse eccelle la tomba 11 per la ricchezza del corredo personale e dei servizi accompagnanti.

3In mancanza di un giornale di scavo, alcune informazioni si ricavano da una corrispondenza tra S. Sani e il Soprintendente G.V. Gentili e dalla serie di fotografie sopranominate, che illustrano gli scassi delle trincee e qualche tomba in corso di recupero. Cronologicamente, il gruppo sepolcrale presenta alcuni elementi dell’ultimo quarto dell’VIII sec. a.C., copre tutto il VII sec. e, sporadicamente, s’inoltra nel VI sec., oltrepassando il limite convenzionale del Villanoviano IV B2.

  • 6 Locatelli – Malnati 2012.
  • 7 Grenier 1907, p. 417-427.
  • 8 La documentazione bolognese degli scavi antichi offriva esempi estremamente limitati di tombe biso (...)
  • 9 Tovoli 1982, p. 222 e 1989, p. 27: «Le deposizioni sono rigorosamente individuali, infatti unico è (...)

4Una pianta generale attribuita alla necropoli di via Sabotino in cui vengono sottolineate associazioni di tombe per «insiemi famigliari» o per gruppi «afferenti a una tomba principale», è stata pubblicata in uno studio recente sull’Orientalizzante felsineo6. Tuttavia, questa pianta non corrisponde, né per il numero di tombe né per la loro distribuzione, al posizionamento delle sepolture annotate dall’assistente di scavo S. Sani. Il grande numero di scheletri inumati che vi sono disegnati, in mezzo ai quali figurano le tombe a incinerazione, non trova conferma né nei materiali conservati, né in alcun’altra documentazione. Quanto ai raggruppamenti famigliari/sociali, nello studio citato nessun cenno è fatto alla diversa tipologia delle incinerazioni: a fossa, a pozzetto, a dolio, a quelle sovrapposte o a quelle con due ossuari. L’importanza archeologica delle sovrapposizioni tombali si commenta da sé, specialmente se si vuole ricordare che all’inizio del 900 il Grenier7, proprio in un terreno prossimo a quello Meniello, il fondo Melenzani Ruggeri, aveva messo in luce – caso unico a Bologna – tre tombe sovrapposte che permisero di identificare tre distinte fasi del Villanoviano bolognese. Ancora, in questo piccolo gruppo sepolcrale di via Sabotino, sono presenti ben due tombe a incinerazione doppie, con ossuari distinti; un’altra, femminile, è associata a un’infante e per un’altra ancora il sospetto è molto forte8. Poiché nella letteratura, anche recente9, è ribadito per la Bologna villanoviana l’uso tipico ed esclusivo dell’incinerazione individuale distinta per genere, è evidente l’importanza di questo dato. Per questi elementi di fatto, non opinabili, che non sono stati presi in conto, si deve ritenere che l’attribuzione della pianta in questione alla necropoli di via Sabotino, sia totalmente errata.

  • 10 La tomba è stata esposta nella mostra di Castelfranco Emilia nel 2015 (Kruta Poppi – Neri 2015).
  • 11 Il catalogo dei graffiti e contrassegni di epoca villanoviana della regione di Bologna è stato red (...)
  • 12 Sassatelli 1985, p. 100: «I bronzi e le ceramiche che recano questi graffiti sono riferibili a un (...)
  • 13 Per l’inizio ci si riferisce al biconico con segni incisi della tomba 21 Benacci-Caprara che dovre (...)

5Il presente contributo prende in considerazione i corredi di 13 tombe in cui sono stati rinvenuti 38 marchi e graffiti. Trattandosi di tombe inedite, ad eccezione della tomba 11, esposta parzialmente nel 2015 con i soli materiali restaurati in una mostra nel museo archeologico di Castelfranco Emilia10, è sembrato opportuno dare spazio alla descrizione dei corredi, che saranno illustrati nella totalità nello scopo di una precisazione cronologica del fenomeno che vede la comparsa dei primi elementi di scrittura a Bologna, raccolti da G. Sassatelli11, dalla fine del Villanoviano III al Villanoviano IV B2, cioè in cronologia assoluta dal primo quarto del VII al primo quarto del VI sec. a.C.12. Questi termini cronologici, di cui si possono discutere gli estremi13, esprimono probabilmente la massima concentrazione del fenomeno piuttosto che la sua estensione. All’interno della griglia temporale utilizzata nella raccolta Sassatelli, inoltre, numerosissimi materiali con contrassegni hanno un contesto incerto o perduto e sono seriati sulla cronologia di massima della necropoli da cui provengono, piuttosto che sul valore crono-tipologico del singolo pezzo che, nel caso del vasellame d’impasto da mensa, può avere una durata particolarmente lunga, puntualizzabile solo dalle sue associazioni. Da qui l’interesse dei corredi con marchi delle tombe di via Sabotino che aggiungono un contributo nuovo alla problematica della comparsa della scrittura a Bologna.

Tomba 1

  • 14 Lesine similari sono state trovate anche nella tomba 2 di Casalecchio di Reno (Kruta Poppi 2010, p (...)

6Incinerazione portata alla luce dalla pala meccanica; probabilmente in dolio, come pare dedursi dalle foto di scavo (neg. n. 23273, 23274, 23275). Sembra attribuibile a una donna per la presenza di un ago da cucire di bronzo. Al corredo personale, di cui restano soltanto parte di una fibuletta di ferro con arco ingrossato e ribassato tendente alla sanguisuga e un anellino di filo di bronzo, si aggiunge un altro utensile: una lesina di verga di bronzo a sezione quadrangolare, con le due estremità appuntite di diversa sezione14. Entrambi gli utensili, ago e lesina, sono piegati ritualmente e defunzionalizzati. Il servizio ceramico comprende: oltre a diversi frammenti di terracotta riferibili a due bicchieri, una situla e altri due vasi da mensa che presentano entrambi una marca sul fondo. La presenza di motivi a stampiglia determina una datazione almeno al secondo quarto del VII sec. a.C.

  • 15 Per alcuni segni confrontabili, Sassatelli 1985, p. 130, tav. 24, n. 314, 326.

7n. 1.1: tazza di terracotta marrone scuro con ansa ad anello sormontante l’orlo. Labbro diritto assottigliato, collo leggermente concavo, corpo troncoconico, fondo piano. Altezza: 8 cm; diametro: 7,7 alla bocca, 4,8 cm per il fondo. Un contrassegno è stato inciso a crudo con un tratto largo e netto, sotto il fondo, al centro. La forma è quella di una croce centrale, formata da due linee perpendicolari di 3,2 e 3 cm, inoltre, un tratto obliquo è stata inciso nel mezzo di uno dei quadranti15 (fig. 1).

Fig. 1 – Contrassegno su una tazza della tomba 1 (n. 1.1).

Fig. 1 – Contrassegno su una tazza della tomba 1 (n. 1.1).

K. Watanabe.

8n. 1.2: scodella di terracotta nerastra, forma svasata, orlo con labbro allargato e leggermente obliquo verso l’interno, fondo piano un po’ concavo. Altezza: 7 cm; diametro: 24,2 al livello dell’orlo, 7,3 cm per il fondo (fig. 2). Una marca è stata incisa dopo cottura con tratto stretto e profondo sull’esterno del fondo, al centro. A forma di croce, è formata da due linee perpendicolari di 5,1 et 5 cm; tre delle loro estremità si prolungano fino al margine della base; un tratto obliquo, più corto dei quattro bracci della croce, è stato inoltre inciso in uno dei quadranti, pressappoco nel mezzo. Una forma confrontabile, anch’essa con marca, è stata trovata nella tomba 17 (n. 17.3). Tuttavia, il contrassegno è molto diverso e apposto prima della cottura.

Fig. 2 – Marca incisa su una scodella della tomba 1 (n. 1.2).

Fig. 2 – Marca incisa su una scodella della tomba 1 (n. 1.2).

K. Watanabe.

  • 16 Forte 1994, p. 163-164.

9Una croce centrale impressa sull’esterno del fondo di una scodella monoansata è stata notata anche in un’incinerazione femminile dalla necropoli di Castenaso (Bo), tomba 24, datata sulla tipologia delle fibule alla seconda metà dell’VIII sec. a.C.16.

10I due vasi del corredo della tomba 1 che si sono conservati, sono dunque entrambi marcati da segni analoghi, sebbene una delle marche sia stata tracciata a crudo mentre l’altra dopo la cottura. Sembra evidente che, riproducendo sul vaso senza marche un segno identico a quello apposto al momento della fabbricazione sul vaso marcato, si è voluto distinguere questi due elementi del corredo funebre singolarizzandoli con la presenza dello stesso contrassegno. Questo teoricamente può essere stato applicato sul vaso non marcato prima della deposizione nella tomba ma è almeno altrettanto probabile che il segno sia stato tracciato al momento della deposizione e che abbia perciò il valore di una consacrazione funeraria.

Tomba 7

  • 17 Carancini 1975, p. 366-368; Kruta Poppi 1977, fig. 4,2; Pare 1998, p. 306, fig. 4, 87; Kruta Poppi (...)

11Incinerazione doppia in fossa quadrata di dimensioni medio/piccole (neg. n. 23295-23306, Arch. Fot. SAER). Dei due ossuari d’impasto, biconici, pressappoco della stessa forma e dimensione, quello con imboccatura più larga che conserva sulla massima espansione entrambe le anse del tipo a bastoncello semicircolare, appare situato nel mezzo della fossa, mentre l’altro, con una sola ansa a bastoncello a V – quella simmetrica è stata spezzata ritualmente in antico – occupa uno degli angoli. Mancando nelle fotografie le indicazioni dell’orientamento e non essendo stati mantenuti distinti i corredi dei due cinerari, le osservazioni possibili sono soltanto deduttive. L’insieme dei materiali, che comprende 16 fibule di bronzo, quasi tutte a coppie, un fermatrecce in doppio filo di bronzo avvolto a spirale, due anelli di bronzo, uno spillone di bronzo a testa composita e alcuni vasetti accessori di terracotta (un’anforetta, un bicchiere monoansato, una tazzina d’impasto nero monoansata decorata da solcature a stecca e una scodella con un contrassegno), permette di distinguere archeologicamente il genere degli incinerati e la loro cronologia. La presenza di un fermatreccia, monile tipicamente femminile, e di uno spillone «tipo Bassi»17, peculiare ed esclusivo dell’area bolognese in contesti funerari soprattutto maschili, sembrerebbero indicare corredi di genere opposto. Alla parure femminile vanno sicuramente attribuite le fibule ad arco composito: quattro in filo di bronzo con arco ribassato rivestito di perle di pasta vitrea, un’altra simile con grani d’ambra infilati sull’arco e due fibule con perla d’ambra con costolatatura mediana e dischetti d’osso. Tra le fibule restanti, due sono di bronzo a navicella romboidale, due a navicella con sezione a spigoli marcati da apofisi, sei a sanguisuga.
La tipologia della tomba, a fossa quadrata di dimensioni medio/piccole, è particolarmente diffusa nella seconda metà dell’VIII sec. a.C., allo stesso modo delle fibule con staffe corte o appena allungate parallele all’arco, che suggeriscono una datazione tra la fine dell’VIII e l’inizio del VII sec. a.C.

12n. 7: scodella larga e carenata su piede basso, bordo arrotondato, leggermente rientrante verso l’interno; impasto nerastro con inclusioni (alt.: 8 cm; diam.: 19,2 cm alla maggior larghezza, 7,1 cm al piede) (fig. 3). Un contrassegno è stato inciso dopo cottura sotto il piede al centro della sua parte cava. Il segno è stretto e profondo. Questa marca è composta da una parte superiore a forma di triangolo isoscele rovesciato con vertice in basso, leggermente girato verso sinistra, e con l’angolo superiore destro che non compare, completato sulla destra da un piccolo tratto obliquo che risale da sinistra verso destra, di 1 cm di altezza e 1 cm di larghezza; da une parte inferiore separata, formata da un breve segmento obliquo che sale verso destra (1,4 cm) e il cui punto di partenza a sinistra si trova 1 cm al disotto della base della parte superiore del graffito. Si può difficilmente pensare alla legatura di una c con una u (formata, nel caso, da un’asta verticale e da una traversa a partire da un punto sopra l’estremità inferiore di quest’asta), che risulterebbe perciò detroversa e avrebbe ricorso al c, che sembra non essere in uso in questa regione. Uno dei graffiti del piatto della tomba 9 (n. 9 b) ha una struttura paragonabile alla parte superiore di questo contrassegno, con un triangolo a sinistra affiancato a destra da un segmento obliquo che parte dalla sua base (ma in questo caso tracciato in senso discendente).

Fig. 3 – Graffito della scodella della tomba 7 (n. 7).

Fig. 3 – Graffito della scodella della tomba 7 (n. 7).

K. Watanabe.

13Si può segnalare in questa tomba anche la presenza di un’anforetta con due piccole anse verticali, decorata sul ventre da un serie di quattro motivi identici, incisi con una punta sottile e poco marcata, che si alternano a delle cuppelle circondate da un cerchio di punti. Di un’altezza e di una larghezza di 1,5 cm, hanno la forma di una n rovesciata con le aste oblique, un corto segmento obliquo che sale e scende alternativamente, graffito partendo dal mezzo delle aste oblique esterne, si prolunga in un solo caso fino a toccare il tratto obliquo centrale. Siamo di fronte ad un elemento decorativo tracciato dopo cottura con un procedimento identico a quello dei graffiti propriamente detti. Come questi corrisponde forse al desiderio di caratterizzare l’oggetto in modo particolare (fig. 4).

Fig. 4 – Motivi incisi sull’anforetta della tomba 7.

Fig. 4 – Motivi incisi sull’anforetta della tomba 7.

K. Watanabe.

Tomba 9

  • 18 Zuffa 1976, p. 252-259, da primo.
  • 19 Poli 2007, p. 179, scheda 116.
  • 20 Tovoli 1989, p. 254, n. 71.

14Deposizione in dolio (neg. n. 23307-23310). Il corredo personale recuperato è composto da sette fibule: quattro di bronzo con arco a navicella molto chiusa e staffa allungata parallela all’arco, una delle quali porta, come pendaglio, un anello di bronzo a capi sovrapposti. Altre tre fibule presentano un arco composito di verghetta di bronzo rivestita da elementi d’osso con castone. La presenza di questo tipo di fibule e i due utensili per la filatura/tessitura, generalmente riconosciuta di pertinenza femminile18, permettono di attribuire la sepoltura a una donna, probabilmente una domina di cui costituivano gli strumenti da lavoro. Si tratta di una fusaiola troncoconica di terracotta bruna, decorata sulla faccia maggiore leggermente bombata da tre occhi di dado impressi e di una conocchia interamente di bronzo, costituita da un gambo di lamina a sezione circolare rastremata alle estremità, desinente in una capocchia a bulbo con apice a ombrellino. Questa foggia, molto rara a Bologna, è ben conosciuta a Verucchio sia nella necropoli Moroni che in quella delle Pegge19 in contesti di prima metà di VII sec. a.C. Del servizio da mensa restano: il manico ricurvo e aperto in verga di bronzo di un attingitoio di fattura tipicamente bolognese, con attacco trilobato e terminazione trapezoidale20, un coperchietto a calotta di terracotta bruna con presa lacunosa ad anello, un piatto con un doppio graffito e qualche frammento di un vaso situliforme decorato a fasce stampigliate a file alternate di cerchielli concentrici, di croci greche e di sagome schematiche di uomini con braccia e gambe divaricate. Questo motivo a stampiglia che inizia dal secondo quarto del VII sec. a.C. ci porta a situare la deposizione tra il secondo quarto e la metà del VII sec. a.C.

15n. 9a e b: piatto carenato d’impasto su piede ad anello, orlo a tesa. Altezza: 4,7 cm; diametro: 17 cm al livello dell’orlo, 6,4 cm per il piede. Due graffiti incisi l’uno sul fianco esterno della vasca (9a), l’altro sul suo fondo (9b) eseguiti dopo cottura con tratto sottile e regolare, identico nei due casi (fig. 5).

Fig. 5 – Graffiti sul piatto della tomba 9 (n. 9a e b).

Fig. 5 – Graffiti sul piatto della tomba 9 (n. 9a e b).

K. Watanabe.

  • 21 Su questo tipo di graffito, tra i più frequenti, Sassatelli 1985, p. 111-112, tav. 10-11 (croci se (...)

16Il n. 9a si presenta come due croci a bracci pressappoco uguali disposte verticalmente, distanti di 5 cm; quella di destra presenta un piccolo segmento leggermente obliquo che taglia il braccio destro poco prima della sua estremità (alt. 3,1 cm; largh. 9,9 cm). Per altri graffiti a forma di croce, vedere n. 12.1, 2, 3, 22.2b, c; per una croce con segmento che taglia uno dei bracci, n. 11.2, per delle croci con aggiunti tratti supplementari, n. 1.1, 2, 11.4, 6, 7, 17.3, e n. 23.1c, d che rientra piuttosto nel tipo della svastica21.

  • 22 Esempi in Sassatelli 1985, p. 101-103, tav. 2-4, Sassatelli 1994, p. 216-217, tav. 47-48.

17Nel caso del n. 9b, il graffito può definirsi come un contrassegno formato a sinistra da un triangolo isoscele con vertice in basso, affiancato sulla destra da un segmento obliquo che parte dall’estremità superiore a destra della base di questo triangolo rovesciato, scendendo da sinistra a destra (alt. 2 cm, lung. totale 9 cm). Così definito, questo graffito può richiamare il n. 7, applicato su un altro tipo di vaso e in altra posizione. Tuttavia, nel caso del n. 9, si potrebbe forse considerarlo una lettera a, segno che si incontra frequentemente. Ma in questo caso, la lettera sarebbe stata tracciata in senso sinistroverso e avrebbe la sua traversa obliqua risalente nel senso della scrittura e non discendente come è normale nell’area padana – così come nel resto dell’Etruria, al di fuori di Caere, unica città ad avere generalizzato la forma della a con la traversa che risale nel senso della scrittura. Soprattutto in quest’epoca, nell’area padana, la a è sempre formata da due tratti obliqui rettilinei22.

18Il piatto è analogo a esemplari delle tombe 16, 17 e 22, che portano dei graffiti tracciati dopo cottura e situati ugualmente sulla tesa del piatto (n. 16 a, 17.1, 22.1); un altro piatto confrontabile della tomba 22 porta dei graffiti non soltanto in questa posizione ma anche all’interno della vasca e all’esterno sotto il piede (n. 22.2 a, b, c, d); un piatto su piede della tombe 12 presenta un contrassegno a crudo al centro della vasca (n. 12.2: croce obliqua accompagnata da un tratto verticale). In diversi casi sui piatti delle tombe 16, 17 e della n. 22.2c, il contrassegno è ugualmente composto da più elementi separati.

Tomba 11

  • 23 Kruta Poppi – Neri 2015, p. 67-102.
  • 24 Le offerte di vegetali, uova e carni, sono documentate in alcune sepolture di Bologna e del territ (...)

19È la tomba più ricca della necropoli23. Definita nelle foto di scavo del tipo «a pozzetto» (neg. Arch. Foto SAER n. 23319, 23320, 23322, 23323), sembra corrispondere piuttosto a una tomba a dolio con copertura di ciottoli crollata all’interno. Del dolio di grandi dimensioni si conservano soltanto alcuni grossi frammenti, d’impasto rosso chiaro in superficie, nerastro all’interno, caratterizzati da una decorazione sovradipinta a strisce parallele intersecantesi, ottenute con una pittura diluita rosso scuro, ossidata in alcuni punti fino a diventare bruna. Costituisce un unicum a Bologna. L’ossuario biconico con orlo a tesa svasata, collo a profilo concavo, spalla pronunciata e arrotondata, ventre rastremato e fondo piano, probabilmente senza anse, è decorato a registri allo stesso modo del suo coperchio a scudo, con fasce di differenti motivi meandriformi a stampiglia e a pseudo intaglio che si alternano a file di «anatrelle» stilizzate. È accompagnato da un servizio di una cinquantina di pezzi di vasellame collegabile alla funzione del banchetto/simposio, in cui, con qualche eccezione, si ripetono in numero le stesse forme e, talvolta, gli stessi decori. Vi si distinguono: due vasi/sostegno a diaframma, due grandi olle (probabilmente contenitori di vino collegabili ai sostegni), una serie di situliformi, una serie di anforette con coperchio, una grande coppa su alto piede. Completano il servizio da tavola numerosi vasi accessori d’impasto (piatti, scodelle, bicchieri, tazzette…) oltre a due attingitoi in lamina di bronzo, uno, tipicamente felsineo con vasca emisferica ombelicata e manico aperto con attacco triangolare fissato alla vasca e terminazione a pelta sormontata da due apici laterali, l’altro, non ricostruito, a forma di bottiglia. Su alcuni vasi sono stati praticati, probabilmente durante la cerimonia funebre, dei fori intenzionali sul fondo per la libazione ad infera. Due piattelli e una tazzetta contenevano piccoli resti di cibo tra cui una sorta di biscotto carbonizzato di cui si attende ancora l’analisi, una vertebra di luccio, alcune nocciole. La presenza di un uovo di cigno reale, più che una valenza alimentare, ha un significato simbolico/religioso di rinascita dopo la morte24. Come doni che possono aver accompagnato nella vita la domina di questa tomba, vanno probabilmente interpretate due tazzette/attingitoio d’impasto, con ansa sopraelevata all’orlo, disegnate nel 1996 ma oggi non più reperibili, particolarmente interessanti perché per decorazione e per forma sono estranee alla produzione bolognese. L’una, decorata da una metopa a falsa cordicella con tre anatrelle incise all’interno, trova confronti a Vetulonia e in Etruria centro-meridionale, l’altra, con ansa bifora crestata a cinque spigoli, costolature verticali sulla carena e solcature concentriche sul fondo interno da cui dipartono raggi, è una tipica tazzetta di ambiente laziale il cui modello risale ancora alla seconda metà dell’VIII e perdura fino al primo quarto del VII sec. a.C.

  • 25 Gli spilloni si rinvengono nelle necropoli di Bologna villanoviana, soprattutto in tombe maschili, (...)
  • 26 Quest’utensile, di discussa interpretazione pratica, è definito nella letteratura archeologica di (...)

20Il corredo ornamentale personale è particolarmente ricco di manufatti d’ambra (25 oggetti: 16 fibule, 4 perle, 2 pendenti a forma di pesce, un servizio da toilette in tre pezzi con impugnatura rivestita da segmenti d’ambra modanati; altre 18 fibule portano alcuni elementi d’ambra, in maggior parte incastonati, 2 di esse – Inv. 272037, 272039 – presentano la perla d’ambra che riveste centralmente l’arco, configurata a forma di felino accovacciato retrospiciente). Il totale delle fibule identificate, di bronzo o composite con elementi d’osso e/o di pasta vitrea è di 62. Completano l’abbigliamento personale 3 paia di bracciali, 2 di ferro, 2 di bronzo e 2 ageminati bronzo/ferro, una fascetta di bronzo decorata a giorno da un meandro semplice ondulato, un fermatrecce di bronzo, un gambo di spillone con probabile capocchia di pasta vitrea «tipo Bassi»25, numerosi anellini di bronzo sciolti o formanti catenelle conglomerate (non restaurate), formavano probabilmente una parure ornamentale personale. Lo strumentario da lavoro comprende un «fuso composito» di bronzo, lamina di bronzo e osso26, 13 fusaiole di terracotta e 2 di pasta vitrea.

  • 27 Kruta Poppi 2015, p. 22-28.

21La capeduncola di bronzo per attingere i liquidi per le libazioni, i resti di una cistella di bronzo (parte dell’orlo, il manico mobile con attacchi configurati a protomi di serpente) e un grande coltello di bronzo con impugnatura fusa a noduli modanati desinente in un occhiello a «flabello», sono probabilmente da collegare a delle funzioni rituali. Il coltello, infatti, nelle tombe femminili, sottolineava probabilmente più che delle attività pratiche (spartizione delle carni nel banchetto o il distacco della tela dal telaio) la capacità giuridica della domina di compiere sacrifici rituali27.

  • 28 Per l’inversione della stampiglia a segmento di meandro, cfr. vaso a diaframma inv. 272027 Soprint (...)
  • 29 Il primo utilizzo del punzone a barretta rettangolare è stato individuato da me e dalla dott. K. W (...)

22Il vasellame, pressoché tutto lavorato a tornio, nel servizio principale è decorato sull’intera superficie con stampiglie geometriche, fortemente impresse con asporto di materia. Comprende, oltre al cinerario e al suo coperchio a scudo, i vasi d’apparato del servizio da banchetto: due vasi sostegno a diaframma su cui poggiavano due olle biansate con coperchio, una grande coppa su alto piede modanato e stampigliato, due grandi situliformi, una serie di anforette con coperchi. L’omogeneità degli impasti, delle forme e delle decorazioni spinge ad attribuirlo, se non a una sola mano, almeno a un’unica bottega. Questa ipotesi è avallata anche dal fatto che si sono potute riconoscere e isolare su alcuni pezzi delle discontinuità nei motivi decorativi28, delle inversioni oppure dei concatenamenti difettosi delle stampiglie, ottenuti con un unico punzone: una semplice barretta rettangolare, probabilmente di metallo, di circa 0,8 cm di lunghezza per 0,3 di larghezza, che usata abilmente in verticale e in orizzontale ha dato luogo a svariati decori scalariformi e a meandri, in apparenza complessi29. Il corredo accessorio invece ha un aspetto più disparato, comprende vasellame vario, di differente fattura: piattelli, bicchieri, tazze, scodelle, olle… sovente in coppia. Numerosi vasi da mensa sono stati frantumati ritualmente, alcuni presentano dei fori rotondi praticati con grande accuratezza sul fondo per delle dispersioni di liquidi a scopo rituale.

23La sepoltura, che mostra nel corredo personale l’adesione alla moda orientalizzante, nonostante qualche elemento più antico, è databile all’Orientalizzante Medio, cioè tra il secondo e terzo quarto del VII sec. a.C. Questa tomba contiene sette vasi o frammenti di vaso su cui sono state incise delle marche, prima o dopo la cottura. Si tratta innanzitutto dei due esemplari seguenti:

  • 30 Sassatelli 1985, p. 104, tav. 6, n. 243, 301, 348 per degli esempi con piccoli tratti che tagliano (...)

24n. 11.1: frammento di un’ansetta a bastoncello di tazzina d’impasto color beige (alt. 1,15 cm; diam. 0, 87 cm), su cui è iscritto nel senso della lunghezza, profondamente e dopo cottura, un segno a forma della lettera z (di tipo ⌶), munito di due tratti che tagliano l’asta un po’ al di sopra e un po’ al di sotto delle sue estremità; questi tratti sono leggermente curvi e un po’ inclinati. Graffiti confrontabili con il nostro sono documentati nel repertorio di G. Sassatelli del 198530. Questo caso è l’unico nella nostra serie in cui il graffito è stato inciso su un’ansa (fig. 6).

Fig. 6 – Graffito su ansa, tomba 11 (n. 11.1).

Fig. 6 – Graffito su ansa, tomba 11 (n. 11.1).

K. Watanabe.

25n. 11.2: frammento di parete di vaso, forse piatto o scodella, con graffito a forma di croce in cui uno dei bracci, più lungo, è tagliato da un piccolo segmento. Questo graffito entra nella serie delle croci munite di elementi complementari (e ricorda una delle due croci diritte che formano il graffito n. 9a), (fig. 7).

Fig. 7 – Graffito a forma di croce, tomba 11 (n. 11.2).

Fig. 7 – Graffito a forma di croce, tomba 11 (n. 11.2).

K. Watanabe.

26Una serie di tre scodelle basse carenate con breve orlo rientrante e fondo piano leggermente concavo, portano delle marche apposte prima della cottura sotto la base; nei tre casi le marche sono differenti:

  • 31 Preferiamo chiamare in questo modo (e non u) questo tipo di segno che in taluni casi potrebbe corr (...)

27n. 11.3: scodella bassa di terracotta beige-rossastra, lucidata (alt. 4,5 cm, diam. 6,8-15,8 cm), con base piatta. Sul fondo esterno è stato inciso con tratto largo e calcato un segno a forma di V31 (largh. 1,7 cm), sormontato da un segmento orizzontale pressocché diritto (lung.1,7 cm). L’altezza totale del graffito è di 2,1 cm (fig. 8).

Fig. 8 – Graffito a forma di V, scodella della tomba 11 (n. 11.3).

Fig. 8 – Graffito a forma di V, scodella della tomba 11 (n. 11.3).

K. Watanabe.

  • 32 Sassatelli 1985, p. 128, tav. 22, n. 205, 245, 307; cfr. n. 4 con piccolo tratto perpendicolare, n (...)

28n. 11.4: scodella bassa di color beige rossastro all’esterno, nero all’interno, lucidata (alt.: 6 cm; diam.: 16,7 alla massima espansione, di 16,2 all’orlo, di 6 cm alla base, leggermente concava). Al di sotto di questa, al centro, è stata incisa a crudo, con tratto largo e profondo, una croce di 4 cm di altezza, in cui il braccio orizzontale destro misura 2 cm, mentre quello orizzontale sinistro è stato deteriorato. Quest’ultimo era provvisto all’estremità di un piccolo tratto obliquo (1 cm) che saliva verso l’alto e che si dirigeva verso destra. Croci completate in maniera analoga da piccoli tratti obliqui si incontrano nei graffiti della regione padana32 (fig. 9).

Fig. 9 – Croce incisa su una scodella della tomba 11 (n. 11.5).

Fig. 9 – Croce incisa su una scodella della tomba 11 (n. 11.5).

K. Watanabe.

  • 33 I soli esempi di c che Sassatelli ammette tra i graffiti della regione (e ancora in modo ipotetico (...)

29n. 11.5: scodella bassa di color beige annerito da macchie di cottura, lucidata (alt.: 6,2 cm; diam.:17,2 cm alla massima espansione, 16,2 all’imboccatura, 6,2 alla base, piatta). Al disotto di essa, in posizione leggermente decentrata è stata incisa a crudo, con tratto largo e forte, una marca (alt.: 2,5 cm; largh.: 1 cm) a forma di arco di cerchio. Poiché la lettera c non è utilizzata in questa regione e non si riscontra nemmeno negli abbecedari ritrovati, ci si guarderà dall’interpretarla rinviando a questo tipo di lettera33 (fig. 10).

Fig. 10 – Marca incisa su una scodella della tomba 11 (n. 11.5).

Fig. 10 – Marca incisa su una scodella della tomba 11 (n. 11.5).

K. Watanabe.

  • 34 Nel sepolcreto Arnoaldi, questo tipo di olle sono state usate talvolta come cinerari: Gozzadini 18 (...)

30Quattro altri marchi incisi a crudo compaiono su frammenti di vasi d’altro tipo. Si tratta di una coppia identica di olle ovoidali di ceramica d’impasto color arancio con chiazze brune, a pareti relativamente spesse34 (1,1 e 1,2 cm), di cui una soltanto è stata parzialmente ricomposta. L’imboccatura presenta un orlo rientrante, ampio labbro estroflesso, breve gola e spalla sottolineata da un cordone che si allarga in quattro pseudo prese a linguetta simmetriche. Il fondo è leggermente convesso nella faccia interna. Entrambe le basi sono iscritte esternamente con tratto largo e presentano lo stesso genere di motivo:

31n. 11.6: frammento di fondo di olla d’impasto rosso arancio (10 × 11 cm), con porzione di parete (alt.: 5,5 cm; diam. della base: 12,2 cm. Una grande marca (7,5 × 6,8 cm), è stata tracciata prima della cottura sul fondo. Ha la forma d’una croce, con bracci di 8 e 7,2 cm, le cui estremità sono state collegate da due segmenti diritti di 6,4 et 4,5 cm, mentre due tratti obliqui di 5,5 et 4,4 cm, sono stati tracciati a partire da due delle estremità dei bracci. Questo tipo di segno entra nella categoria delle croci munite di elementi supplementari, ma non si conoscono paralleli esatti (fig. 11).

Fig. 11 – Croce incisa su un’olla della tomba 11 (n. 11.6).

Fig. 11 – Croce incisa su un’olla della tomba 11 (n. 11.6).

K. Watanabe.

32n. 11.7: frammento di fondo di vaso analogo a n. 11.6 (6,1 × 3,6 cm). Si distingue una marca tracciata a crudo, analoga a quella del vaso precedente con i resti di una croce di cui sono conservate le estremità dei bracci e l’inizio di due segmenti che partono da queste estremità. La conservazione parziale del contrassegno impedisce tuttavia di sapere se la sua forma fosse esattamente la stessa del vaso precedente (fig. 12).

Fig. 12 – Croce incisa su un fondo di vaso della tomba 11 (n. 11.7).

Fig. 12 – Croce incisa su un fondo di vaso della tomba 11 (n. 11.7).

K. Watanabe.

33Inoltre due graffiti si ritrovano su altri tipi di vasi:

  • 35 Sassatelli 1985, p. 129, tav. 23, con 12 esempi (due dei quali ripetuti due volte sullo stesso vas (...)

34n. 11.8: fondo di una coppa d’impasto su piede anulare (diam.: 9,5). Vi è stata incisa dopo cottura una specie di svastica, leggermente decentrata. I bracci della croce centrale misurano 4,4 e 4,1 cm, mentre uno dei quattro brevi segmenti perpendicolari (risp. 0,6, 1,2, 0,8 e 1,5 cm) è stato tracciato in una direzione inversa rispetto agli altri. Un tratto obliquo, più sottile, taglia questa svastica. Questo segno rientra nella serie, assai numerosa, delle svastiche note nella zona padana35, ma con alcune particolarità (inversione di uno dei segmenti, aggiunta di un tratto trasversale) (fig. 13).

Fig. 13 – Svastica incisa sul fondo di una coppa della tomba 11 (n. 11.8).

Fig. 13 – Svastica incisa sul fondo di una coppa della tomba 11 (n. 11.8).

K. Watanabe.

  • 36 Sassatelli 1985 (p. 125, tav. 20: n. 6, 148, 149, 177, 385, 399). Preferiamo utilizzare la designa (...)

35n. 11.9: frammento di una parete di olla di grandi dimensioni, di forma triangolare (lati di 5, 7 e 5,5 cm). Porta un graffito inciso dopo cottura, con tratto assai largo. È composto di un segno a tridente, con aggiunta di un piccolo tratto all’estremità del braccio di destra, e, di sotto, di ciò che pare essere il resto di un secondo segno a tridente, rovesciato rispetto al primo. Rientra nella categoria definita da G. Sassatelli come «contrassegni modellati sulla lettera chi» e assomiglia a sei marchi analoghi ritrovati nella zona36 (fig. 14).

Fig. 14 – Graffito inciso su una parete di olla della tomba 11 (n. 11.9).

Fig. 14 – Graffito inciso su una parete di olla della tomba 11 (n. 11.9).

K. Watanabe.

Tomba 12

36Incinerazione in fossa quadrata (negativi n. 23324-23326 SAER), in cui si riconoscono l’ossuario e cinque vasi accessori; sovrastava la tomba 12 bis distrutta dal mezzo meccanico (neg. n. 23336 SAER). L’ossuario biconico con anse semicircolari a bastoncello di cui una spezzata ritualmente, restaurato e reintegrato, d’impasto ben cotto marron rossiccio (alt.: 29,5; diam. mass.: 27 cm) con spalla rigonfia marcata da costolature oblique appena accennate, presenta sul collo troncoconico un labbro svasato su cui sono stati graffiti dei segni. La presenza di un ago da cucire, di una grossa fusaiola globulare di terracotta (diam.: 4 cm), probabile peso/volano di un fuso di legno (perduto), oltre ad alcune fibulette con arco composito di cui una con perla d’ambra, suggeriscono la presenza di un individuo di genere femminile. Il corredo da mensa comporta un numero maggiore di vasi di quanto si poteva dedurre dal cliché fotografico. Il corredo personale comprende anche quattro fibule di bronzo frammentate del tipo con arco a navicella romboidale a sezione aperta e staffa appena allungata, decorate a fasci di linee incrociate, diffuse in area etrusco-laziale nell’Orientalizzante arcaico tra fine VIII e i primi del VII sec. a.C. La stessa datazione può ritenersi anche per Bologna mentre invece in area atestina il tipo ha una diffusione più recente.

  • 37 Combinazione di un graffito a forma di croce con tratti verticali posti lateralmente dalla stessa (...)
  • 38 Un cinerario con segni incisi sembra provenga dalla tomba 21 della necropoli Benacci Caprara, sepo (...)

37n. 12.1: urna cineraria biconica (alt.: 29,5 cm; largh.: 27 cm al livello delle anse, 18 cm all’imboccatura; diam.: 10 cm alla base). L’orlo dell’urna, con labbro svasato verso l’esterno, presenta sulla faccia interna, dirimpetto all’ansa mancante, un graffito tracciato dopo cottura con tratto netto e regolare. Di una larghezza totale di 3,7 cm, per un’altezza dei tratti di 1,7 cm a destra, 1,3 cm al centro, 1,2 cm a sinistra, è composto da un tratto isolato graffito in profondità che segna la mezzeria dell’orlo cui fa seguito alla distanza di 1,6 cm un gruppo costituito da due tratti verticali e da una croce verticale con una traversa orizzontale più corta e spostata verso il basso37. Una combinazione di croce (tuttavia disposta in obliquo) con tratti si ritrova su due altri vasi di questa tomba, in un caso con un tratto unico posto accanto (n. 12.2), mentre, nell’altro, due tratti inquadrano la croce da una parte e dall’altra (n. 12.3); una croce obliqua inquadrata da tratti si trova nel n. 22.2 (in questo caso la marca è accompagnata da un segno a forma di chi). Per le croci diritte, vedere il n. 9a. È l’unico graffito di questa necropoli che compare su un’urna cineraria biconica38 (fig. 15).

Fig. 15 – Graffito inciso su un’urna cineraria biconica della tomba 12 (n. 12.1).

Fig. 15 – Graffito inciso su un’urna cineraria biconica della tomba 12 (n. 12.1).

K. Watanabe.

  • 39 Graffiti dello stesso tipo in Sassatelli 1985, p. 120, tav. 16, n. 258, 284, p. 121, tav. 17, no 4 (...)

38n. 12.2: piatto su piede ad anello in terracotta marron-rossiccia. Un graffito è stato inciso sotto la base del vaso già cotto, con un tratto sottile e tesa piatta (alt.: 4, 8 cm; diam.: 17 cm all’orlo, 8,2 cm al piede). Una marca è stata apposta prima della cottura al centro della vasca con tratto largo e poco profondo. È composta da una croce obliqua a forma di X i cui tratti misurano 2 e 3 cm, affiancata da un piccolo tratto verticale (alt.: 1,5 cm)39. Il corredo da mensa della tomba comprende due altri piatti su piede a tromba, analoghi ma sprovvisto di marchi (fig. 16).

Fig. 16 – Graffito inciso su un piatto su piede della tomba 12 (n. 12.2).

Fig. 16 – Graffito inciso su un piatto su piede della tomba 12 (n. 12.2).

K. Watanabe.

  • 40 Graffito confrontabile in Sassatelli 1985, p. 120, tav. 16, n. 271 (cfr. n. 163, con un secondo tr (...)

39n. 12.3: tazza a vasca profonda, con orlo appena rientrante, munita di un’unica ansa verticale; terracotta color marrone scuro (alt.: 9,7cm; diam.: 10,5 alla massima espansione, 6,7 cm alla base). Un graffito è stato inciso sotto la base del vaso già cotto, con tratto sottile (lungh.: 2,4 cm), ed è composto da una croce obliqua, a forma di X i cui tratti misurano 1,7 cm, inquadrata da due segmenti verticali, l’uno a destra di 0,7 cm, l’altro a sinistra sormontato da un breve tratto inclinato di un’altezza totale di 1,1 cm40. Il graffito è analogo, per la parte superiore, a quello della tomba 17 e richiama quello del vaso precedente, ma quest’ultimo presenta un solo tratto verticale ed è stato realizzato prima della cottura (fig. 17).

Fig. 17 – Graffito inciso su una tazza della tomba 12 (n. 12.3).

Fig. 17 – Graffito inciso su una tazza della tomba 12 (n. 12.3).

K. Watanabe.

40n. 12.4: frammento di scodella di terracotta marrone. (diam.: 17 cm, base di 7,5 cm). Marca tracciata sul fondo della vasca, a crudo con tratto largo, composto da tre segmenti di 4,9, 4,2, 4,2 cm, per una larghezza totale di 4,2 cm da un lato, 3,2 cm dall’altro. Può essere paragonato con il graffito n. 15, con un segmento unico, ma tracciato dopo cottura. Tre altre scodelle non presentano nessun segno (fig. 18).

Fig. 18 – Marca incisa su un frammento di scodella della tomba 12 (n. 12.4).

Fig. 18 – Marca incisa su un frammento di scodella della tomba 12 (n. 12.4).

K. Watanabe.

Tomba 13 bis

  • 41 Un piccolo pendaglio simile, a forma di ascia, è appeso a una fibula a sanguisuga con staffa lunga (...)

41Deposizione femminile, probabile incinerazione, situata sotto la tomba a dolio13, data per distrutta (di quest’ultima, attribuibile dai resti ceramici alla fine del Villanoviano, restano soltanto frammenti del dolio e di alcuni vasi stampigliati di diversa forma ma di decorazione similare, probabilmente parte di un servizio). Della tomba 13bis restano solo oggetti del corredo personale, l’instrumentum e un elemento di bronzo del servizio da mensa. Gli ornamenti personali comprendono un grosso bracciale di verga di bronzo costolata, con le estremità rastremate sovrapposte, una decina di fibule di bronzo, in maggior parte del tipo a navicella – con diversa sezione, staffa allungata e arco decorato a incisioni lineari intersecantesi –, due fibule a sanguisuga e una con arco rivestito da dischi digradanti d’ambra. Quattro ciondoli erano probabilmente appesi a delle fibule: un anello, una minuscola ascia (senza appicaglio)41, un nettaunghie, tutti di bronzo e una conchiglietta marina.

  • 42 Il tipo, che secondo Tovoli 1989, p. 253, non ha una larga diffusione a Bologna (due esemplari dal (...)

42L’instrumentum comprende una piccola fusaiola, due aghi da cucire di bronzo con grossa cruna, una conocchia di lamina di bronzo, un’asta di bronzo spezzata a sezione rettangolare con punte alle estremità, probabili bulini, e frammenti contorti di una lama di ferro. Sembrerebbe attribuibile, a causa dei pendaglietti, a una giovane donna. Dal punto di vista cronologico, la presenza di una conocchia di lamina bronzea costituisce un elemento di prestigio che caratterizza le tombe femminili di spicco tra la fine dell’VIII e la prima metà del VII sec. a.C. non solo dell’Etruria padana ma anche dell’Etruria propria, del Piceno e del Veneto. Di una cinquantina d’anni anteriore alla tomba 13, la 13bis è quindi databile entro la prima metà del VII sec. a.C., probabilmente nei decenni iniziali. Il servizio da mensa comprende una capeduncola a forma di bottiglia di bronzo (in frammenti, non ricostruita) con manico ricurvo e aperto42 che porta, sull’estremità a flabello, la marca.

  • 43 Sassatelli 1985, p. 103, tav. 4, n. 12, 13; vedere le osservazioni p. 113.

43n. 13 bis: ansa di attingitoio di bronzo, ricurva e desinente all’estremità in un flabello di 1,8 cm di larghezza, la cui base, a 5 cm dall’estremità è ornata da due corna con pomello terminale, per una larghezza di 1,5 cm. Sull’espansione flabelliforme il metallo è stato inciso con un tratto tracciato nettamente, a partire da un segmento dritto di 1 cm perpendicolare al bordo esterno, prolungato ad angolo retto verso sinistra da un altro segmento diritto di 1,1 cm che parte dalla sua estremità. Una marca della stessa forma appare su due esempi forniti da G. Sassatelli, ugualmente su oggetti di bronzo43. Come egli stesso fa osservare, si può pensare a dei gamma con una forma angolare condizionata dalla difficoltà di tracciare tratti curvi sul metallo, ma l’ipotesi di un segno senza valore alfabetico è almeno altrettanto valida. Nella nostra serie è la sola marca tracciata su un supporto di metallo (fig. 19).

Fig. 19 – Marca incisa su un ansa della tomba 13 bis (n. 13 bis).

Fig. 19 – Marca incisa su un ansa della tomba 13 bis (n. 13 bis).

K. Watanabe.

Tomba 14

44La tomba conteneva un’inumazione di un individuo giovane di cui restano alcune ossa. La presenza di una fibula a drago di bronzo, con coppia di antenne desinenti a globetto e fermapieghe lenticolare, permette di attribuirla a un soggetto maschile al cui corredo personale si aggiungono un braccialetto di verga quadrangolare di bronzo a capi sovrapposti e tre spilloni di bronzo a capocchia composta da due calottine di bronzo. Il corredo accompagnante comprende due strumenti: una paletta trapezoidale di ferro, con codolo a spina, e la lama di bronzo di un coltello a dorso costolato, inarcato verso la punta. A questo si aggiungono alcuni vasi da mensa: un’olla lenticolare a collo diritto, con due espansioni laterali simmetriche munite di foro passante per un’ansa mobile, un bicchiere troncoconico, una probabile situletta (mancano la spalla e l’orlo) decorata dalla base da una larga fascia a solcature parallele sormontata da un’altra, più stretta, composta da due file di triangoli campiti affrontati, delimitanti una linea spezzata e due tazze, di cui una con marca impressa sulla base. L’insieme del corredo, nonostante alcuni elementi, come gli spilloni tipo Arnoaldi e la paletta di ferro, noti già nella fase finale dell’VIII sec., è databile nel secondo quarto/metà del VII sec., per la presenza della fibula a drago con globetti, fossile guida sia della cronologia Frey che Carancini.

45n. 14: tazza di terracotta beige/rossiccia a pareti oblique che si restringono leggermente all’imboccatura senza orlo distinto, fondo piatto (alt.: 10 cm; diam.: 14 cm nella massima espansione, 13 cm all’orlo, 8, 5 cm alla base). Sotto la base è stata impressa, con tratto assai largo e prima della cottura, una marca composta da tre segmenti indipendenti di 2, 2,7 e 2 cm, disposti a ventaglio a forma di tridente, per una larghezza totale di 3,5 cm. La marca è leggermente decentrata rispetto al fondo. Un vaso analogo trovato nella stessa tomba non porta nessuna marca (fig. 20).

Fig. 20 – Marca incisa su una tazza della tomba 14 (n. 14).

Fig. 20 – Marca incisa su una tazza della tomba 14 (n. 14).

K. Watanabe.

  • 44 Sassatelli 1985, p. 119, 123, et p. 116-118, pl. 13-15. Ma, in un’epoca più recente, nella serie d (...)

46Un segno a tridente, ma con almeno uno dei tratti obliqui che raggiungono l’asta centrale che si prolunga verso il basso, si trova su dei vasi delle tombe 16, 17 e 22, combinato però con altri segni (due tratti verticali d’un lato e una sorta di croce dall’altro nel n. 16a, une serie di tre tratti verticali sormontanti nel n. 17.1, un segno a croce obliqua tra due segmenti obliqui nel n. 22.2c; cfr. anche la specie di doppio segno a tridente del n. 11.9, su un frammento di olla); tuttavia si tratta di forme di vasellame differenti (piatti su piede basso) e anche la posizione del segno è diversa (faccia interna della tesa del piatto). Come scrive G. Sassatelli, «il chi è il segno più largamente attestato», presente, per esempio, su 45 delle 156 marche del deposito di San Francesco44.

Tomba 15

47Incinerazione in dolio distrutta dallo scavatore posizionata sotto la tomba 16. Del dolio in terracotta marron-rossastra, rimangono solo alcuni frammenti di parete cordonata con una grossa presa a pomello con cuppella centrale. Lo scarso materiale raccolto sembra probabilmente riferibile a due deposizioni femminili distanti tra loro di qualche decennio. Si distinguono infatti due gruppetti di fibule, l’uno costituito da tre fibule di una foggia particolarmente in voga all’inizio del VII sec. a.C. con arco di verghetta di bronzo rivestita da segmenti d’osso decrescenti con castoni circolari d’ambra e staffa corta parallela all’arco; l’altro comprendente due fibule di bronzo, identiche tra loro, con arco a navicella decorato da fascio di incisioni convergenti, separate da file di cuppellette, staffa allungata desinente a «cucchiaino», un modello questo che appare piuttosto intorno alla metà del VII sec. Suggeriscono la presenza di due individui anche i diametri dei bracciali di bronzo a capi sovrapposti, tre del diametro interno rispettivamente di 7,5 cm, 7,7 cm, 7,8 cm, uno del diametro di 4 cm. Entrambi, sicuramente di genere femminile per la presenza di due fusaiole, avevano quasi sicuramente dei legami famigliari. Tra lo scarso vasellame accompagnante si distinguono quattro piatti su piede, tre scodelle e una situla decorata a fasce sovrapposte stampigliate che alternano file di grossi cerchielli concentrici, di serpentelli e di triangoli campiti disposti seguendo una linea spezzata. Questo vaso porta un graffito sotto il fondo. È la sola forma di questo tipo che presenta una marca.

  • 45 Graffiti che si riducono a un tratto dritto in Sassatelli 1994, p. 232, tav. 62, n. 64, 176, 177, (...)

48n. 15: situla decorata a fasce stampigliate sovrapposte (alt.: 21 cm, diam. mass.: 21 cm al livello della spalla, 16 cm al livello dell’imboccatura, 7 alla base). Porta, decentrato su un lato, un graffito realizzato dopo cottura con un tratto ben marcato, largo a un’estremità e assottigliato in seguito; ha la forma d’un segmento praticamente dritto (lungh.: 2,3 cm). La forma della marca è la più elementare possibile ma il suo tracciato è sicuramente intenzionale45 (fig. 21).

Fig. 21 – Marca incisa su una situla della tomba 15 (n. 15).

Fig. 21 – Marca incisa su una situla della tomba 15 (n. 15).

K. Watanabe.

Tomba 16

  • 46 Le stesse fibule ad arco fortemente ribassato si ritrovano nella Melenzani-Ruggeri tomba 1, anch’e (...)
  • 47 Spilloni di questo tipo di diversi materiali provengono da tombe del periodo orientalizzante di Ve (...)
  • 48 Il tipo, con varianti tipologiche, comparirebbe per la prima volta nel Golasecca II B, 575-500 a.C (...)

49È una delle tombe più recenti del gruppo sepolcrale di via Sabotino. Un’annotazione di scavo segnala che era situata sopra la 15 distrutta dal mezzo meccanico. Si tratta di un’incinerazione in un dolio/cinerario d’impasto, di forma biconica tozza, presenta un’ansa rotta in antico e la caratteristica risega sulla spalla degli ossuari del villanoviano tardo. Il corredo personale è femminile e comporta sette fibule di bronzo dello stesso tipo46 ad arco sottile, appiattito e fortemente ribassato, decorato su tre esemplari da trattini diagonali incisi, uno spillone di bronzo a capocchia globosa47 leggermente conica e un pendaglio a corpo globulare del tipo a forma di cestello cordiforme48. È questo l’elemento recenziore del corredo che spinge a una datazione probabile verso il pieno VI sec. a.C. Il corredo d’accompagnamento comprende resti di un manufatto di forma globulare di lamina di bronzo in minuti frammenti, oltre a vasellame d’impasto: una scodella e due piatti, su uno dei quali sono stati tracciati tre graffiti.

50n. 16a, b, c: piatto su basso piede ad anello, d’impasto color nero a profilo troncoconico, orlo distinto con risega, larga tesa (alt.: 6,8 cm; diam.: 19,2 cm al livello dell’orlo, 6,9 cm per il piede). Porta delle marche incise dopo cottura con tratto netto e regolare in tre punti diversi: sulla parte interna della tesa, sul basso nella faccia esterna della vasca, sotto il piede (fig. 22).

Fig. 22 – Marche incise su un piatto della tomba 16 (n. 16a, b, c).

Fig. 22 – Marche incise su un piatto della tomba 16 (n. 16a, b, c).

K. Watanabe.

  • 49 Per un graffito confrontabile, Sassatelli 1885, p. 134, tav. 27, n. 322; sui graffiti con base a c (...)

5116a: la tesa del piatto è suddivisa da quattro coppie di cuppelle disposte simmetricamente a due a due, due tratti verticali opposti e perpendicolari alla tesa sono stati tracciati come se ne marcassero il diametro, l’uno a destra di una coppia di cuppelle, l’altro a sinistra; a 2,5 cm da quest’ultimo è stato tracciato un altro tratto verticale della medesima lunghezza dei precedenti. A partire da questi due tratti si trovano, su una lunghezza totale di 10,2 cm, due altri segni. Il primo a forma di tridente con la base girata verso il centro del piatto, alt.: 3,2 cm; largh.: 3 cm), presenta il tratto di destra un po’ arrotondato tagliato da un tratto diritto; segue una sorta di croce verticale (alt.: 2,4 cm; largh.: 3 cm) con uno dei bracci orizzontali munito di un breve segmento verticale e la traversa verticale con un tratto leggermente obliquo, che entra nella categoria, ben fornita, delle croci con elementi grafici supplementari49.

5216b: sull’esterno della vasca si osserva una marca formata da un semplice tratto vertIcale di 2,8 cm.

  • 50 Sassatelli 1985, p. 108, tav. 8, con 15 esempi (tra cui uno solo ha un segno a forma di S arrotond (...)

5316c: sotto il piede ad anello nella parte cava al centro, è stato inciso in graffito a forma di S angolosa a tre tratti (alt.: 1,8 cm; largh.: 0,5 cm) che, se viene considerato come una lettera s, sarebbe orientato in senso sinistroverso. Questo tipo di segno si incontra sia in senso destroverso che sinistroverso50.

Tomba 17

  • 51 Negativi fot. SAER n. 2334, 2335, 2337.
  • 52 Carancini 1969, fig. 1, 1; Morigi Govi 1970, fig. 20, II tipo.

54Incinerazione recuperata in sezione di parete51, al disopra della tomba 17 bis, anch’essa a incinerazione. L’ossuario di terracotta beige-rossastra con macchie di cottura, biconico con collo a profilo concavo, ansa a maniglia insellata con duplice foro circolare impostata sulla spalla (variante dell’ansa lobata tipica del Villanoviano IV B152), presenta dal cono superiore alla spalla, una decorazione stampigliata in cui si susseguono tre doppi giri di serpentelli alternati a un doppio giro di cerchielli concentrici e a due file di anatrelle stilizzate di cui quelle sulla spalla sono poste in verticale. Il suo coperchio, a scudo, è anch’esso stampigliato con gli stessi motivi a file sovrapposte che partono da un doppio giro di triangoli campiti con vertici opposti e sfalsati. Il corredo comprende due coltelli: frammenti di un coltello/rasoio di bronzo tipo Arnoaldi, di cui restano una porzione della lama e l’estremità del manico ad occhiello semicircolare schiacciato, e un’altra lama di coltellaccio di ferro in cinque frammenti. Mancano gli elementi del corredo personale mentre è relativamente numeroso quello da mensa, composto da un situliforme e da un vaso/sostegno stampigliati, una grande olla lenticolare con collo diritto e orlo con due espansioni simmetriche verticali a linguetta con foro passante per la sospensione, quattro piatti su alto piede, un piatto su piede ad anello, due tazze, una scodella. Poiché questa tomba sovrasta una sepoltura databile, per il suo corredo, verso la metà del VII sec. a.C., si può considerarla successiva di circa 20/30 anni. Tre dei vasi da mensa portano dei graffiti e sono:

55n. 17.1: piatto di terracotta nera con vasca cava a tesa larga inclinata verso l’interno (alt.: 7,3 cm; diam.: 23 cm al livello dell’orlo e 9 cm per il piede). La tesa porta un graffito disposto su due linee, tracciato dopo cottura con tratto fine e regolare. La linea superiore presenta, su 1,9 cm di larghezza, tre segmenti paralleli verticali di 2,3 cm di altezza; la linea inferiore porte un segno a tridente, con tratto verticale al centro, che si prolunga sotto due tratti obliqui; l’altezza è di 1,8 cm, con 0,5 cm al disotto del punto di partenza dei tratti obliqui che misurano 1,5 cm a sinistra, 1,7 cm a destra, per una larghezza totale di 1,5 cm. Delle marche compaiono nella stessa posizione su dei vasi confrontabili. I n. 9a e b e il n. 16a presentano ugualmente dei segni complessi che combinano molteplici elementi (fig. 23).

Fig. 23 – Graffito su un piatto della tomba 17 (n. 17.1).

Fig. 23 – Graffito su un piatto della tomba 17 (n. 17.1).

K. Watanabe.

  • 53 Nel n. 22. c, abbiamo un esempio di combinazione di un tridente con, sopra, altri segni (una croce (...)
  • 54 Sassatelli 1985, p. 120, fig. 16, n. 143 (graffito proveniente dal deposito di S. Francesco).
  • 55 Ivi, n. 144 (quattro tratti orizzontali sovrastanti), e n. 262 (tre tratti verticali posizionati a (...)
  • 56 Sassatelli 1985, p. 121, fig. 17, n. 357 (segno a forma di croce verticale con a sinistra tre trat (...)

56Questo graffito offre la combinazione (che si ritrova sul n. 22.2c ed anche, con un tridente senza prolungamento verso il basso del tratto centrale, sul n. 16a) di un segno a tridente e di altri segni – qui una serie di tre tratti paralleli verticali disposti al di sopra53. Una marca identica è stata segnalata da G. Sassatellli54 e il principio della giustapposizione di un segno a tridente con dei tratti semplici, disposti differentemente55 o in combinazione con altri segni56, si può notare in altri casi.

57n. 17.2: tazza di terracotta bruna con orlo arrotondato, labbro svasato, spalla compressa, vasca lenticolare, fondo leggermente concavo, ansa a nastro impostata sull’orlo e sulla spalla (alt.: 5,2 cm; diam. al collo 10 cm, 11,8 cm alla massima espansione, 3,6 cm alla base). Una marca composta da due segmenti curvi accostati e opposti di 2,5 e 2,3 cm è stata incisa dopo cottura con un tratto netto. Nella nostra serie, una scodella della tomba 11 presenta sotto il piede una marca di segmento d’arco di cerchio (n. 11.5) e un piatto su piede ad anello della tomba 22 reca sulla tesa un segno formato anch’esso da due segmenti di archi di cerchio opposti e intersecantesi (n. 22.1). Né la lista pubblicata da G. Sassatelli nel 1985 né quella dei graffiti di Marzabotto forniscono nessun confronto (fig. 24).

Fig. 24 – Marca incisa su una tazza della tomba 17 (n. 17.2).

Fig. 24 – Marca incisa su una tazza della tomba 17 (n. 17.2).

K. Watanabe.

  • 57 La marca più prossima potrebbe essere quella che figura a p. 121, fig. 17, n. 396, con una croce o (...)

58n. 17.3: scodella troncoconica d’impasto marrone/nerastro con labbro leggermente obliquo verso l’interno, base piatta, deformata (alt.: 7,2 cm da un lato, 9,2 cm dall’altro; diam.: 23,2 cm al livello dell’orlo, 7,5 cm alla base). La base presenta una marca impressa prima della cottura. Ottenuta con un tratto largo e poco profondo, è composta da una grande croce obliqua con dei bracci di 6,2 e 3,8 cm, completati in basso, tra i bracci, da un segmento dritto di 2,2 cm, in alto da un segmento di 2,4 cm che si curva all’incontro con il braccio obliquo della croce, a sinistra, prolungandosi di seguito sulla destra con un corto segmento diritto. Senza essere identica, la forma di questa marca richiama un po’ quelle che appaiono su due basi frammentate di olle d’impasto arancio della tomba 11, ugualmente eseguite prima della cottura e con tratto analogo (n. 11.6, 7). Lo studio di G. Sassatelli non presenta segni realmente confrontabili57 (fig. 25).

Fig. 25 – Marca su una scodella della tomba 17 (n. 17.3).

Fig. 25 – Marca su una scodella della tomba 17 (n. 17.3).

K. Watanabe.

Tomba 19

  • 58 Le rosette formate da una cuppella centrale circondata da cuppellette più piccole riprendono model (...)
  • 59 Questa forma, già nota nel Villanoviano III (Tovoli 1989, tav. 35, 3 e tav. 59, 4), trova un confr (...)
  • 60 La presenza di un elemento di genere diverso può anche essere interpretata come un’offerta, cfr. n (...)
  • 61 Alla luce dei nuovi dati antropologici emersi dalla revisione delle necropoli Lavatoio, Lippi, Le (...)

59Incinerazione doppia, purtroppo senza alcuna fotografia della tomba, se non, sulla pianta, l’indicazione «scheletro» accanto al n. 19. I due ossuari, entrambi biconici, differiscono molto nelle proporzioni. Il maggiore, di terracotta beige-rossastra (alt.: 36,5 cm, diam. all’orlo: 25,1 cm; diam. mass.: 35,5 cm), è monoansato con un’ansa a maniglia insellata e sul collo è decorato a pseudo pettine da una doppia fascia di linee incise parallele che inquadra un meandro continuo, ottenuto con la stessa tecnica. Quello minore, di terracotta nera, deforme e senza decorazione, ha un’ansa a bastoncello impostata sulla massima espansione, mentre l’altra è rotta ritualmente, (alt.: 29-31 cm, diam. all’orlo: 20 cm; diam. mass.: 26 cm). Entrambi sono muniti di un coperchio a scudo molto bombato al centro, l’unico ricostruito, riferibile per le sue dimensioni al cinerario maggiore, è decorato da un cordone plastico applicato che disegna uno zig-zag a tre punte. Non sono stati conservati gli eventuali resti antropici incinerati, né distinti i contenuti dei due ossuari. I corredi contano nell’insieme una quarantina di pezzi tra elementi ornamentali, instrumentum e servizio da tavola. Quest’ultimo comprende due situle di terracotta, troncoconiche a fondo piano, stampigliate sulla spalla e fino a tre quarti del corpo da file sfalsate di cerchielli puntati al centro che si alternano con file di doppi cerchielli puntati e di anatrelle campite a reticolo, mentre la base e la parte bassa del corpo sono marcate da solcature a stecca; una scodella, quattro bicchieri troncoconici con labbro rientrante decorato da solcature plastiche, al di sotto di queste, un esemplare presenta una fascia con sagome di anatrelle impresse alternate a rosette58. Completano il servizio da mensa tre tazzette di cui una a vasca globulare schiacciata e fondo ombelicato59 e un’altra, frammentata, su piede ad anello a vasca molto aperta con all’interno solcature concentriche (tipo anche questo che perdura dall’ultimo quarto dell’VIII sec. a.C. per tutta la prima metà del VII sec.), quattro piattelli frammentati, un frammento di vaso/sostegno stampigliato e una coppa su piede a tromba con marca incisa. Da annotare: un bicchiere troncoconico con la base intenzionalmente forata per libazioni cerimoniali ad infera e soprattutto una fusaiola che sembra portare un inizio di alfabeto. Quanto agli oggetti d’ornamento personale, nove fibule di bronzo appartengono al tipo a navicella a staffa corta, con arco di diversa sezione decorato da incisioni, una più piccola invece, è a navicella di ferro con staffa allungata, tre sono del tipo a sanguisuga liscia, due a sanguisuga con arco decorato da incisioni e puntini impressi. Due fibule sono ad arco rivestito, una, con staffa lunga, porta sull’arco ribassato due perle ovoidali d’ambra, dell’altra restano solo un segmento d’osso con un incasso circolare per il castone d’ambra e l’ago inserito in una staffa lunga desinente a cucchiaino. Quest’ultime due sono tipi indubbiamente femminili e la presenza di una donna è ribadita dai frammenti di un probabile porta orecchini di filo di bronzo oltre che da un gruppetto di sei fusaiole. Completano i corredi un coltellaccio di ferro con codolo in quattro frammenti e uno spillone di bronzo con capocchia a disco e collo fuso modanato, mancante dell’elemento apicale. Lo spillone di metallo è generalmente un attributo del costume maschile60, mentre le fibule di bronzo a navicella e a sanguisuga possono essere indifferentemente attribuite sia a uomini che a donne. In mancanza di possibili precisazioni antropologiche sul genere, va notata la differenza dei due ossuari, l’uno nettamente prevalente per dimensioni e per esecuzione sull’altro sicché si può dire che la rappresentazione simbolica di uno dei defunti sembra enfatizzata rispetto all’altro61. Secondo i criteri archeologici, i corredi suggeriscono più scenari: si può ipotizzare la presenza di un maschio (a cui andrebbero attribuiti lo spillone, il coltello e alcune fibule) e di una donna giovanissima, poiché, a parte le fusaiole che possono essere indizio di un’attività di tessitura a tavolette, mancano tutti gli strumenti per la tessitura a telaio che qualificano la donna come domina). Si potrebbe anche supporre una doppia sepoltura femminile ma, in questo caso, lo spillone sarebbe un’offerta. Il dato di una presenza femminile ancora nell’età dell’apprendimento, è confermato dalla piccola fusaiola con i segni alfabetici incisi, di cui si scriverà più avanti, che mostra come la paideia delle giovinette non si limitava all’acquisizione alle pratiche artigianali ma comprendeva ormai anche la scrittura.
Mancando tutti i dati che permettono di disquisire sulla contemporaneità o meno delle due deposizioni, gli elementi datanti dell’insieme dei corredi suggeriscono una collocazione della tomba nel secondo quarto/metà del VII sec. a.C.

  • 62 La simbologia dell’occhio a cui viene sovente attribuito soltanto un valore apotropaico è invece e (...)
  • 63 Per Chiusi: Minetti 2004; per la tomba di Poggio alla Sala (Siena): catalogo della mostra Dore – M (...)

60Notevole, perché è un unicum a Bologna, un ciottolo fluviale nerastro di forma ovoidale è stato adattato a formare un occhio con l’alloggio circolare centrale per la pupilla, probabilmente d’ambra, accuratamente scavato e trapanato. Porta sul margine annerito un grumo di bronzo fuso che dimostra un contatto con questo metallo sul rogo. Ci si può domandare se si tratti della traccia di una sua eventuale montatura come pendente62, o se l’occhio – tuttavia manca il secondo – facesse parte degli elementi di antropizzazione del cinerario, come si ritrova nelle tombe orientalizzanti di Chiusi e anche nella tomba di Poggio alla Sala (Siena)63. Da segnalare anche un bicchiere troncoconico con la base intenzionalmente forata per libazioni cerimoniali ad infera.

  • 64 Sassatelli 1985, p. 104, pl. 5, n. 19, n. 322, 296.

61n. 19.1: coppa d’impasto color beige annerito, su piede a tromba, labbro a tesa leggermente inclinato verso l’interno (alt.: 11 cm; diam. alla bocca: 16 cm; al piede: 6,6 cm). Quest’ultimo, porta, al centro e a 3,3 cm dal bordo, una marca (alt.: 1,5 cm; largh.: 1,3 cm), tracciata dopo cottura con tratto netto. È composta da un segmento verticale (1,5 cm), sormontato all’estremità più lontana dal bordo da un tratto ondulato (1,3 cm); un altro tratto (0,6 cm) leggermente curvo, è disegnato, parallelamente al primo, da un solo lato dell’asta a partire da un punto situato verso l’altra estremità di questo segmento. Questo tipo di segno presenta una certa somiglianza con alcune zeta documentate nella serie di graffiti padani64. Un segno che si avvicina ancor più alla forma normale della z appare su un frammento d’ansa rinvenuto nella tomba 11. In questo caso, il segno è completato da due brevissimi tratti obliqui situati dalla parte dell’asta verticale opposta a quella che presenta un tratto obliquo che parte da essa (fig. 26).

Fig. 26 – Marca su una coppa della tomba 19 (n. 19.1).

Fig. 26 – Marca su una coppa della tomba 19 (n. 19.1).

K. Watanabe.

62n. 19.2: la serie delle sei fusaiole di terracotta sopracitate, di cui una è iscritta, è composta da modelli tutti differenti. La più grande (alt.: 3,7 cm; diam.: 4 cm) è a forma di tronco di cono svasato, fortemente allargato alla base che è arrotondata e decorata da una serie di punti; la seconda (alt.: 2,2 cm; diam.: 1,9 cm) a forma troncoconica appuntita, porta un decoro di strie sulla circonferenza e una serie di tacche sulla base arrotondata; la terza, inornata (alt.: 1,5 cm; diam.: 3 cm) è a forma di cono largo e schiacciato; la quarta, inornata (alt.: 2,3 cm; diam.: 2,6 cm), a forma di tronco di cono appuntito; la quinta, più piccola (alt.: 1,3 cm; diam.: 1,8 cm), a forma di tronco di cono appuntito, non presenta decorazione.

63La fusaiola iscritta si presenta sotto la forma di un tronco di cono di 2 cm di altezza (0,8 cm per la parte arrotondata della base) per 3,7 cm di diametro, con un foro centrale di 0,3 cm di diametro. È di pasta beige estremamente friabile, con superficie polverulenta, che rende molto difficile la lettura dell’iscrizione incisa sulla base attorno al foro centrale. I tratti sono poco netti, poco profondi e alcuni, che restano indefinibili, possono essere stati accidentali. Questo non impedisce che vi si possano riconoscere tre linee, e probabilmente il resto di una quarta, che partono dal foro centrale verso l’esterno dividendo la superficie della base in quattro quadranti. Su uno dei quattro settori così delimitati, i piccoli tratti che vi si distinguono non si prestano a nessuna interpretazione. Gli altri tre, al contrario, sembrano essere stati iscritti ciascuno con una lettera dando una successione, in senso orario, di un primo quarto marcato da una a, di un secondo marcato da una e, di un terzo marcato da una digamma di forma F. Di queste lettere, la a sarebbe relativamente netta, con un’asta obliqua rettilinea a sinistra assai ben conservata, un’asta obliqua rettilinea a destra meno ben conservata ma ancora nettamente visibile; della traversa invece, che scende da sinistra a destra, è riconoscibile soltanto l’abbozzo del suo tracciato, a contatto con l’asta di destra. La e, al contrario, è chiara; la sua asta di sinistra non sborda dai punti di partenza dei piccoli tratti obliqui superiori e inferiori; i tre tratti obliqui, inclinati verso sinistra, sono leggermente curvi, e quello centrale è più piccolo degli altri; l’individuazione di quello che sarebbe una v, dopo il tratto di divisione in quattro quadranti della superficie della base, è particolarmente evanescente: sembra tuttavia possibile riconoscere un’asta verticale a sinistra della quale si vedrebbero piccoli tratti obliqui inclinati verso sinistra partendo dall’estremità superiore e dalla metà di quest’asta (fig. 27).

Fig. 27 – Alfabetario su una fusaiola della tomba 19 (n. 19.2): a. disegno, b. fotografia.

Fig. 27 – Alfabetario su una fusaiola della tomba 19 (n. 19.2): a. disegno, b. fotografia.

Disegno K. Watanabe, foto L. Kruta-Poppi.

  • 65 Per l’ipotesi che la suddivisione in quadranti, avvicinata al sistema delle caselle quadrangolari (...)
  • 66 Sulla questione degi alfabeti etruschi rimane fondamentale Pandolfini – Prosdocimi 1990 (qui Alf), (...)

64La lettura che possiamo ritenere è dunque a e v, con ciascuna lettera iscritta isolatamente e al centro di uno dei settori in cui è stata divisa la superficie dell’oggetto65. L’interpretazione che si può dare di tale iscrizione è quella dell’inizio di una serie alfabetica partendo da un alfabeto conforme alla pratica corrente della scrittura e quindi privo delle lettere morte come la b e la d conservate negli abbecedari completi ma senza uso concreto per annotare la lingua etrusca – essendo questa sprovvista dei fonemi corrispondenti, le occlusive sonore [b] e [d]; inoltre l’assenza della c mostra che avremmo da fare con un alfabeto di tipo settentrionale in cui la c non è impiegata per la notazione dell’occlusiva velare sorda [k], questo fonema essendo reso in questa zona dalla k fin dalle più antiche attestazioni della scrittura in queste regioni66.

  • 67 Sassatelli 1985, p. 109, con p. 102, tav. 3, n. 337 e 372 = Haack 6 e 7; anche Haack 4, 5, nei qua (...)
  • 68 Per esempi posteriori nella zona, Sassatelli 1985, n. 165 = Haack 8 (Bologna), De Marinis, Giusepp (...)

65Lo stato del documento non permette di sapere se una quarta lettera sia stata iscritta nell’ultimo quadrante: in questo caso ci si attenderebbe la zeta, quarta lettera di questo tipo d’alfabeto nella scrittura corrente settentrionale, e la serie sarebbe stata a e v z. Ma si può avanzare un’altra ipotesi: l’ultimo quadrante non sarebbe stato occupato dalla quarta lettera dell’alfabeto, la z, ma dall’ultima, il chi di forma Ψ. Si incontrano infatti sequenze di serie alfabetiche di tipo ridotto che, dopo le lettere situate all’inizio dell’alfabeto, si concludono con questa lettera situata alla fine. Esempi si leggono su un fondo di bucchero del VI sec. a.C., di provenienza sconosciuta ma di modello meridionale (Alf II.10 = ThLE 93 = ET OA 9.1), dove le quattro lettere acev sono seguite da χ e, o a Spina, su un fondo di coppa a vernice nera del III sec. (Alf III.34 = ThLE 83 = ET Sp 9.1), dove si trovano le tre lettere aeχ, conformemente questa volta al sistema settentrionale. Si è quindi voluto simbolizzare la serie completa delle lettere dell’alfabeto, passando immediatamente all’ultima. Questo modo di esprimere l’insieme della sequenza alfabetica si ritrova, in modo ancor più sintetico, nel gruppo , composto da due sole lettere, la prima e l’ultima. Ora questa abitudine è antica e, nella zona padana, è attestata dall’inizio del VII sec. a.C.: a Bologna, due vasi della tomba 38 Benacci Caprara e 808 Benacci, del Villanoviano III67 presentano già queste sequenze 68. Non si può dunque escludere nel nostro caso la possibilità che la serie scritta sia stata aevχ.

  • 69 ThLE 62 = ET Cl 9.4, fine VI sec. (Chianciano).
  • 70 CIE 11061 = Alf II.3 = ThLE 47 = ET Vc 9.1, primo quarto VI sec. (Vulci). La presenza in questa ci (...)
  • 71 Alf III.25 = ThLE 79 = ET Pa 9.1 = Haack 29, fine V sec. (San Polo D’Enza).
  • 72 ThLE 70, VI/V s. (Ponsacco); Alf III.24 = ThLE 78 = ET, Pa 9.3 = Haack 28, metà V sec. (San Martin (...)
  • 73 Alf II.1 = ThLE 69, fine VII-inizio VI sec. (Massarosa); Alf III.6 = ThLE 58, fine VI sec. (Populo (...)
  • 74 Alf II.12 = ThLE 65 = ET Per 9.1, seconda metà VI sec. (Perugia), 19 lettere; Alf III.1 = ThLE 53  (...)
  • 75 Tale tipo di abbecedario era finora conosciuto per il VII sec. soltanto nella zona meridionale. T. (...)

66Ad ogni modo, rispetto ai segni utilizzati nella pratica della scrittura, siamo di fronte a un abbecedario di tipo ridotto, che si limita a una parte delle lettere, senza potere determinare se si tratta delle quattro prime lettere o delle tre prime lettere e dell’ultima. Tali abbecedari sono assai frequenti. Limitandoci a quelli che presentano la sequenza ae – e quindi omettono la c – e appartengono per conseguenza al tipo settentrionale, possiamo citare un esempio con le sei lettere aevzhθ69, uno con le cinque lettere aevzh70, uno con le quattro lettere aevz71; sei sono costitui dalle tre lettere aev72; almeno undici, forse tredici sono ridotti alle due lettere ae73. Questi tipi di abbecedari sono i più attestati nella zona: a fronte di questi 20 o 22 esempi di serie ridotte (a cui si aggiunge quello che abbiamo citato con la sequenza aeχ e quelli ridotti alla prima e all’ultima lettera, cioè di tipo ), si possono citare soltanto otto casi in cui l’alfabeto di tipo ridotto settentrionale è scritto con più di sei lettere74. Rinviando quindi in maniera comoda a serie alfabetiche complete, questi alfabetari si adattavano inoltre particolarmente a supporti di piccola taglia come la nostra fusaiola. Ad ogni modo, il nostro documento attesta che modelli di abbecedari ridotti alle sole lettere effettivamente utilizzate per annotare la lingua erano apparsi dalla metà del VII sec. nella parte settentrionale del mondo etrusco75, poiché la nostra serie risponde alle norme grafiche che erano in uso da quest’epoca in questo settore. Permette, inoltre, di far risalire sensibilmente la data della comparsa di questo tipo di abbecedario in questa zona: infatti, il più antico finora conosciuto – quello di Massarosa (Alf II.1 = ThLE 69, con sequenza ae) – non è anteriore alla fine del secolo.

  • 76 Bagnasco Gianni 2000, p. 64-82. L’autrice sviluppava le idee avanzate in Scheid – Svenbro 1994 sul (...)
  • 77 Bagnasco Gianni 2000, p. 68, con fig. 6.
  • 78 CIE 6662-6667; ved. Bagnasco Gianni 2000, p. 67, con fig. 7, Camporeale 2015, p. 20, con fig. 2.
  • 79 Bartoloni 1997, p. 100.
  • 80 Una volta isolatamente e cinque volte all’interno di uno dei quadrati dentro i quali è stata suddi (...)
  • 81 CIE 10159 = ET, Ta 3.1. Per le proposte d’interpretazione, che non intendiamo discutere qui, veder (...)

67Il fatto che il supporto della nostra iscrizione sia una fusaiola merita anche di ritenere l’attenzione. G. Bagnasco Gianni si è interessata a questo tipo di supporto di scrittura notando che se ne conosce un numero di esemplari che, per i periodi più antichi della nostra documentazione epigrafica, è tutt’altro che trascurabile76. Un altro abbecedario parziale di tipo pratico che risponde alle norme di scrittura settentrionali, quello di Vulci (CIE 11061 = Alf II.3 = ThLE 47 = ET Vc 9.1) che porta la sequenza aevzh databile al primo quarto del VI sec., era anch’esso iscritto su una fusaiola. E abbiamo due esempi nettamente più antichi di lettere scritte su questo tipo d’oggetto, che figurano tra le più antiche attestazioni della conoscenza della scrittura nel mondo etrusco. Al secondo quarto del VII sec., infatti, si può attribuire una fusaiola ritrovata nella tomba del «Circolo degli Avori» di Marsiliana d’Albegna che ha restituito il celebre abbecedario: la fusaiola porta incisa sul lato una lettera z. Un altro esempio pressoché contemporaneo ci riporta a Bologna: ritrovata senza contesto nella necropoli De Lucca, questa fusaiola porta una serie di lettere a angolari (cinque o forse sette) che terminano con un segno a croce77. Poiché la necropoli si situa per lo più nel Villanoviano III, la fusaiola può essere genericamente attribuita alla prima metà del VII sec. Altri oggetti come un gruppo di rocchetti di terracotta della tomba 870 di Casale del Fosso a Veio78 si aggiungono alle fusaiole, anch’essi legati alla tessitura e alla sfera femminile a cui quest’attività fa capo. La defunta deposta nella tomba ostentava un corredo caratterizzato principalmente dall’attività della tessitura79: infatti comprendeva ben diciotto rocchetti. Su sei di essi è incisa la lettera a80. Siamo qui proprio agli inizi dell’uso della scrittura in Etruria, poiché questi oggetti datano della fine dell’VIII sec.: sono dunque contemporanei a un documento, la kotyle Jucker di Tarquinia, che porta un’iscrizione, generalmente considerata la più antica pervenutaci81.

  • 82 Bagnasco Gianni 2000, p. 68.
  • 83 Cristofani 1975 (da completare con Cristofani 1984).
  • 84 Da ultimo Benelli 2013a e b, Briquel 2014, Maras 2016.
  • 85 Sull’importanza dell’attività della tessitura e della filatura nella raffigurazione della donna et (...)
  • 86 Come è stato giustamente sottolineato in Camporeale 2015, p. 21.
  • 87 Il fatto che in Etruria le donne si siano impadronite molto presto della tecnica della scrittura e (...)

68G. Bagnasco Gianni aveva sviluppato, a partire da questa significativa presenza di segni alfabetici su oggetti tipicamente femminili e legati al ruolo della donna nelle attività tessili, l’idea che sia esistita in epoca antica nel mondo etrusco «una responsabilità femminile nella gestione dei meccanismi della scrittura»82 e che non si deve soltanto pensare all’uso, magistralmente messo in evidenza da M. Cristofani in un articolo del 197583 e poi approfondito da molti studiosi84, della scrittura nel contesto del circuito del dono cerimoniale aristocratico. Esisteva anche un uso della scrittura in ambiente familiare che riguardava le donne, come si evince dalla presenza di lettere su oggetti come fusaiole o rocchetti; siccome la filatura è attività caratteristica della matrona etrusca, in quanto lanifica mulier85, neanche questo è estraneo al significato sociale della scrittura86. Anche se non si accetta l’ipotesi avanzata dalla Bagnasco Gianni su una priorità femminile nell’acquisizione e nell’insegnamento della scrittura in Etruria – che certo può essere discussa –, non si deve trascurare il fatto che, agli inizi della scrittura etrusca, anche le donne hanno giocato un ruolo –, e la fusaiola della tomba 19 ci conferma che, a una data piuttosto alta nel VII sec. a.C., una giovinetta associava l’abilità dello scrivere a quella del tessere87.

Tomba 22

69Incinerazione deposta in una fossa irregolarmente quadrangolare (SAER negativi n. 23338-23341, Aprile 1971), con l’ossuario in posizione centrale circondato da un corredo ceramico da mensa di circa una decina di pezzi.

  • 88 L’armilla di verga di bronzo a capi sovrapposti sembra essere un elemento del costume femminile, c (...)
  • 89 Gambacurta – Ruta Serafini 2007, p. 46.
  • 90 Questo tipo di ansa, con varianti morfologiche, compare ad esempio sul cinerario della tomba 2 di (...)

70Il cinerario biconico, d’impasto marrone scuro, è di dimensioni abbastanza piccole (alt.: 23 cm; diam. max.: 27 cm), di forma evoluta (cono superiore a pareti concave e largo orlo esoverso, spalla convessa aggettante, sormontata da una presa verticale a maniglia insellata con due fori passanti, cono inferiore schiacciato, base piatta; diam. 7 cm). È decorato sul cono superiore, a partire dell’orlo, da gruppi di incisioni praticate con un pettine a sei punte che disegnano una fascia a meandri spezzati, sovrapposta a un’altra più alta che scende fino alla spalla, costituita da elementi angolari continui, contrapposti e marginati. Questo motivo, ripetuto anche sul coperchio a scudo del cinerario, disegna una doppia decorazione concentrica intorno a uno spazio circolare centrale suddiviso a croce che evoca la raffigurazione di un sole raggiato. Nella fornitura da mensa si distinguono un vaso sostegno decorato a fasce sovrapposte da motivi geometrici excisi (semicerchi, motivi angolari contrapposti, linee spezzate continue, linee odulate, elementi di meandro, meandri continui) e un’olletta globulare che probabilmente gli era associata. Completano il servizio uona scodella troncoconica a labbro rietrante, due bicchieri di cui uno troncoconico con labbro rientrante decorato a solcatura parallele, qualche tazzina frammentata e quattro-cinque piatti su basso piede ad anello. Due di essi presentano delle cuppelle sulla tesa e due dei graffiti. Il corredo personale comprende un’armilla di verga di bronzo a capi sovrapposti modanati88 e cinque fibule ad arco rigonfio e staffa leggermente allungata: due a navicella di bronzo con fasci di linee incise sull’arco (a mandorla in una, a gruppi di linee perpendicolari e intersecantesi tra loro nell’altra), due ad arco composito (una di segmenti d’osso con castoni d’ambra, l’altra con arco di segmenti d’ambra. Gli ornamenti, il bracciale come le fibule, sono tipici del costume femminile. Questa femminilità è ribadita anche dagli unici elementi distintivi di status, tre fusaiole biconiche d’impasto che stanno a sottintendere l’attività della filatura89. La tipologia dell’ossuario con ansa insellata bifora ha una durata abbastanza lunga nel VII sec. a partire dalla fine del primo quarto90. La sua decorazione arcaicizzante a motivi rigorosamente geometrici realizzati a pettine, l’insieme del corredo ornamentale e di quello ceramico, privi di qualsiasi riferimento a tematiche «orientalizzanti», suggeriscono una datazione della tomba che non oltrepassa la metà del VII sec. a.C., probabilmente al secondo quarto.

71Dei due piatti che portano dei graffiti, il primo presenta un graffito unico, mentre il secondo è marcato da graffiti in quattro posizioni diverse, cosa che non si riscontra in nessun altro caso della nostra serie.

72n. 22.1: piatto su basso piede ad anello con larga tesa piatta inclinata verso l’interno d’impasto grigio scuro (alt.: 6,7 cm; diam.: 23 cm al bordo; 8 cm al piede). Una marca è stata applicata dopo cottura con un tratto profondo sulla faccia superiore della tesa (posizione che si ritrova, su materiali comparabili, nei n. 9 a, b, 16 a, 17.1 e, in questa stessa tomba 22, per 22.2 b). Questa marca (alt.: 2 cm; largh.: 1,5 cm), è costituita da due segmenti ad arco di cerchio opposti tra di loro e affiancati, che, a differenza di quelli della marca della tazza della tomba 17, non si toccano. Uno dei segmenti è completato da un piccolo uncino che scende verso destra (fig. 28).

Fig. 28 – Marca su un piatto della tomba 22 (n. 22.1).

Fig. 28 – Marca su un piatto della tomba 22 (n. 22.1).

K. Watanabe.

73n. 22.2: piatto su basso piede ad anello, con larga tesa inclinata verso l’interno, d’impasto grigio beige (alt.: 4,8 cm; diam. all’orlo: 22 cm; al piede: 9,6 cm). Marche graffite dopo cottura sono state apposte, con tratto sottile e netto, in quattro posizioni diverse: al centro della vasca all’interno, sull’orlo piatto esterno, sulla faccia esterna della scodella, sotto il piede, nella parte cava (fig. 29).

Fig. 29 – Graffiti su un piatto della tomba 22 (n. 22.2a, b, c e d).

Fig. 29 – Graffiti su un piatto della tomba 22 (n. 22.2a, b, c e d).

K. Watanabe.

7422.2a: la marca tracciata al centro della vasca è un segno a tridente (alt.: 2,7 cm; largh.: 5,2 cm); l’asta centrale si prolunga leggermente oltre il punto di partenza dei due tratti obliqui, che presentano il punto di partenza sull’asta leggermente sfalsato con quello di sinistra più lungo e meno inclinato di quello di destra. Un altro segno a tridente appare, sullo stesso vaso, come uno degli elementi della marca graffita sull’esterno della vasca. Per i graffiti di questo tipo, vedere tomba 14.

7522.2b: la marca tracciata sulla faccia interna dell’orlo ha la forma d’una croce obliqua, senza elementi complementari, formata da due linee non perfettamente rettilinee di 2,5 et 2,6 cm. Per i segni a croce, vedere tomba 9.

7622.2c: la marca incisa sulla parete esterna del vaso si presenta, come per il piatto della tomba 17 (ma che, in questo caso, era graffita sulla faccia interna della tesa) su due linee e combina un segno a tridente con altri segni disposti sulla linea superiore per un’altezza totale di 3,5 cm. Mentre per il piatto della tomba 17 erano stati tracciati sulla linea superiore tre piccoli tratti verticali paralleli, nel caso di questo piatto si tratta di un’associazione di un segno a croce obliqua, con traverse di 1,6 e 2,4 cm che non formano un vero e proprio angolo retto, completate a destra da un segmento obliquo che risale da sinistra a destra e il cui inizio si situa appena a destra dell’estremità inferiore destra della croce, a sinistra di un altro segmento obliquo che risale da sinistra a destra, più lungo e meno inclinato e più lontano dalla croce. Il segno a tridente della linea inferiore è munito di un’asta centrale che scende leggermente al di sotto del punto di partenza di due tratti obliqui, di cui quello di sinistra è più lungo e meno inclinato di quello di destra; i loro punti di partenza si discostano dall’asta centrale molto poco per il tratto obliquo di sinistra, di più per quello di destra.

  • 91 Può essere comparato in certa misura con il n. 262, p. 120, tav. 16 di Sassatelli 1985, che presen (...)

7722.2d: la marca situata sotto il piede del vaso, al centro, forma una sorta di Y, per una lunghezza totale di 4,1 cm di cui 3,5 cm per l’asta verticale sotto il punto di partenza dei tratti obliqui che misurano, 1,3 cm per quello di sinistra, 1,2 cm per quello di destra. Il tratto obliquo di destra non tocca direttamente l’asta verticale, che, a sua volta, inizia poco sopra il punto di partenza dei tratti obliqui, ed è tagliato vicino a questo punto da un segmento orizzontale di 2,2 cm, spostato verso destra; un breve tratto obliquo che risale da destra a sinistra è stato inciso a sinistra dell’estremità inferiore dell’asta centrale. Questo contrassegno non compare nè nei graffiti padani repertoriati da G. Sassatelli né in quelli di Marzabotto, ma si può eventualmente considerarlo come un segno a tridente mal riuscito, con l’asta centrale molto lunga e praticamente interrotta al punto di partenza dei due tratti obliqui, e fornita di tratti supplementari (il trattino in basso a sinistra e quello che taglia l’asta alla sua estremità superiore)91.

Tomba 23

78Purtroppo, non abbiamo nessuna notizia o fotografia che ci permette di stabilire la struttura della tomba. Il suo corredo, che presenta nella parure personale alcuni elementi qualitativamente di spicco, è quasi sicuramente incompleto, specialmente nella fornitura dei vasi accessori.

  • 92 L’ossuario, restaurato, manca di orlo; dimensioni: altezza 29,5 cm, diam max. 27,5, diam. all’imbo (...)
  • 93 Restaurata, orlo arrotondato, labbro rientrante, vasca troncoconica, fondo piano. Alt. 6 cm, diam (...)
  • 94 Lo stesso sistema costituito da un unico elemento modanato con la sospensione a forma di cilindret (...)
  • 95 Si confrontano con 2 esemplari simili provenienti dalla tomba Sabotino 11. I cosidetti bottoncini, (...)
  • 96 Trova confronto a Verucchio nella tomba 85 (Moroni – Gentili 1985, p. 236, n. 57) e nella Semprini (...)
  • 97 Agglomerati di oggetti in bronzo, uniti e frantumati già al momento della deposizione come espress (...)

79Si tratta di un’incinerazione documentata dalla presenza di un ossuario biconico biansato92, d’impasto beige-marrone, decorato sul collo da motivi meandriformi incisi a «pettine», marginati da due fasci di linee orizzontali, con solcature diagonali sulla spalla convessa aggettante. È presente anche una scodella d’impasto marrone poco cotto, a profilo continuo93, possibile vaso di copertura. Il corredo personale è composto da una decina di fibule, la maggior parte ad arco di verghetta di bronzo rivestito e composito, con segmenti d’ambra, d’ambra e osso, o d’osso ad inserti d’ambra. Tra le fibule di bronzo, di piccole dimensioni e a staffa appena allungata parallela all’arco, si distinguono una fibula a navicella tipo Arnoaldi, decorata sull’arco da fasci contrapposti di linee incise ad angoli multipli, una fibuletta con arco a sanguisuga con fermapieghe laterali e un’altra ad arco ingrossato ribassato. Spiccano alcuni elementi d’ambra lavorati che si distaccano dalla produzione corrente: quattro pendenti da collana in ambra costituiti da perle modanate a forma di T con l’elemento orizzontale costituito da un cilindretto pervio e quello verticale da una serie di globetti sovrapposti, desinenti in un elemento cordiforme94, quattro bottoncini d’ambra a calotta convessa e appicagnolo cilindrico pervio95, un bottoncino troncopiramidale d’ambra con due fori alla base96. Un altro pendaglietto è ottenuto da una conchiglietta marina. Del restante corredo metallico rimane soltanto un agglomerato di oggetti di bronzo, ferro97 e osso da cui si sono distaccati quattro frammenti coperti di ossido, parte di un’asticella di ferro spezzata in diverse parti, forse un fuso. Il servizio ceramico accompagnante presenta due vasi situliformi d’impasto, a orlo ingrossato, collo cilindrico, spalla tesa, ventre troncoconico e fondo piano, decorati a stampiglia, l’uno con file sovrapposte non marginate di doppi cerchielli concentrici, motivi ornitomorfi e antropomorfi, l’altro con file di cerchielli doppi e tripli, marginati al centro da una doppia fascia di solcature orizzontali. La base di quest’ultimo vaso presenta un graffito. Numerosi contrassegni sono stati tracciati sopra un’olla d’impasto tenero nero, ultimo elemento dell’insieme, che porta la stessa decorazione a pettine del cinerario e presenta tracce fuligginose al suo interno.

  • 98 Chianciano 1986, scheda 69, n. A7. A Bologna la stessa forma caratterizza anche dei bicchieri che (...)
  • 99 In ambiente paleoveneto, in tombe tra la seconda metà dell’VII e la fine del VI sec., è frequente (...)
  • 100 Locatelli – Malnati 2012.

80L’impressione generale è di una tomba con corredo incompleto, probabilmente ricca in origine. La deposizione è sicuramente femminile come lo provano gli elementi di collana e le fibule d’ambra o ad arco composito. L’olla sopracitata è di una foggia che inizia alla fine dell’VIII sec. a.C. in Etruria98 e si prolunga nei primi decenni del VII sec. Il fatto che sia stata oggetto di innumerevoli apposizioni di segni complessi rivela un’attenzione inusuale, sicché ci si può interrogare se questo contenitore non sia stato utilizzato come ossuario per una sepoltura di bambina, secondo un uso noto a Bologna e diffuso soprattutto in ambito atestino99. Il pendaglietto di conchiglia allo stesso modo delle piccole dimensioni di alcune fibule troverebbe giustificazione. La tomba nella lista di Locatelli e Malnati100 è stata datata all’orientalizzante antico, probabilmente a causa dell’aspetto «arcaicizzante» del biconico. Tuttavia, le stampiglie antropomorfe presenti sopra una delle situle, allo stesso modo della tipologia delle fibule di bronzo – una delle quali presenta un arco a navicella con decorazione a mandorla – suggeriscono una datazione leggermente più bassa, al secondo quarto o alla metà del VII sec. a.C.

81n. 23a, b, c, d: olla d’impasto nero poco cotto, a corpo troncoconico e labbro rientrante decorato da solcature parallele (alt.: 18 cm; diam. alla bocca 18 cm; alla massima espansione: 20,5 cm; alla base piatta: 10,5 cm); porta la stessa decorazione del cinerario: una fascia di meandri incisi a pettine a più punte, marginata da un fascio di linee orizzontali tracciate a pettine; al di sotto, nella parte risparmiata dalla decorazione, sono stati tracciati con tratto netto e marcato tre graffiti; inoltre un contrassegno complesso è stato tracciato sotto la base (fig. 30).

Fig. 30 – Graffiti incisi su un’olla della tomba 23 (n. 23a, b, c e d).

Fig. 30 – Graffiti incisi su un’olla della tomba 23 (n. 23a, b, c e d).

K. Watanabe.

  • 101 Tuttavia, non si deve necessariamente pensare che sia stato ispirato da questo tipo di lettera. Ol (...)

8223a: la più semplice delle marche tracciate sul ventre ha la forma di un grande u di forma Y rovesciato101, formato a sinistra da un tratto di 6 cm, relativamente sinuoso, dal quale parte a destra a 1 cm al di sotto del vertice un tratto dritto (3,5 cm), formando un angolo acuto sotto l’estremità.

  • 102 Il valore di lettera u del segno è, anche qui, molto dubbia. Si può anche considerarla come una va (...)
  • 103 Si potrà però difficilmente pensare a un segno ispirato dalla forma della lettera a. L’inegualità (...)

8323b: il ventre dell’olla porta un contrassegno confrontabile, che comporta ugualmente una sorta di u di forma Y disposto orizzontalmente102, che sarebbe formato da un tratto dritto (2,1 cm) al lato del quale, verso destra, un altro tratto dritto forma un angolo acuto, con i lati più lunghi (3,6 cm) che si prolungano nettamente verso il basso. Inoltre, un breve tratto (1,5 cm) è tracciato parallelamente a sinistra della parte inferiore di questo tratto obliquo. I due tratti sono tagliati da una lunga traversa (6 cm) che conferisce a questo contrassegno l’aspetto di una a103.

  • 104 Sassatelli 1985, p. 129, pl. 23, con n. 3, 157-159, 171-174, 224, 236, 313, 346, 408. Tutti questi (...)

8423c: il contrassegno più visibile che quest’olla porta sul ventre si può definire una grande svastica destrogira, formata a partire da una croce diritta i cui quattro bracci (cominciando da quello orizzontale di sinistra) misurano rispettivamente 3,4 cm, 3,5 cm, 3,5 cm e 2,1 cm, mentre gli elementi perpendicolari che li completano sono rispettivamente di 2,3 cm, 1,1 cm, 1,2 cm et 1,5 cm. Inoltre, questi elementi della base della svastica sono forniti (ad eccezione di quello in basso) di un tratto perpendicolare supplementare, di 3,6 cm per quello di sinistra, 1,1 cm per quello in alto, 1,4 cm per quello di destra; un tratto perpendicolare di 3,6 cm è stato tracciato verso sinistra, partendo dall’estremità del braccio superiore di questa svastica, in senso inverso, dunque, rispetto al suo andamento generale destrogiro. Ciò non vieta di definire questo segno come una svastica, malgrado la sua complicazione. Rientra dunque nella serie, assai nutrita, di graffiti di tale categoria, benché gli esemplari attestati nella zona padana siano sempre di forma molto più semplice rispetto a ciò che è stato tracciato sulla nostra olla104. L’aggiunta di trattini supplementari l’ha fatta diventare un unicum.

8523d: lo stesso vaso porta sotto la base un ultimo graffito complesso che combina due parti distinte. Sulla parte che definiremo come la sinistra, si trova ancora una volta una sorta di Y rovesciato che ricorda il primo di quelli che abbiamo segnalato sul ventre. Di un’altezza totale di 3,8 cm, è composto da un’asta verticale sulla quale si innesta, a 2 cm dal vertice, un segmento obliquo con il quale forma un angolo acuto; inoltre, un piccolo tratto orizzontale di 1,5 cm sormonta quest’asta. Sulla destra di questo segno, al centro del fondo, si trova un altro contrassegno che richiama gli altri due graffiti sul ventre. Vi si possono riconoscere gli elementi di una svastica (con i bracci della croce destra di base che misurano, partendo da quello orizzontale sinistro, 1,2 cm, 2,3 cm, 1,7 cm e 1,2 cm): ma questa sarebbe incompleta, perché gli elementi perpendicolari della croce di destra centrale mancherebbero in basso e a sinistra mentre ne sono provvisti quelli della parte alta e di destra, sicché la svastica sarebbe questa volta sinistrogira, con in alto e a destra elementi perpendicolari, rispettivamente di 1 cm verso sinistra, e di 1,7 cm verso l’alto. Come per la svastica sul ventre dell’olla, gli elementi della 23d, là dove compaiono, sono stati anch’essi completati da tratti perpendicolari: quello in alto con un tratto di 1 cm (non del tutto perpendicolare) che si dirige verso l’alto, quello di destra con un tratto di 1 cm che si dirige verso destra. Questa croce a forma di almeno metà svastica è stata completata, oltre che da un piccolo tratto orizzontale nello spazio che la separa dalla cima della sorta di Y rovesciato di sinistra, da un tratto obliquo di 3 cm di lunghezza, inclinato da sinistra a destra, che taglia questa croce un po’ al di sopra e un po’ a destra del suo centro, prolungandosi in basso a destra, su 1,6 cm, oltre il punto dove taglia il braccio orizzontale della croce, per terminare all’altezza dell’estremità inferiore della croce. È significativo che questa parte del contrassegno richiami quindi l’ultima marca apposta sulla pancia del vaso, una sorta di a con una lunghissima traversa orizzontale. Si può dunque pensare che ciò che è stato inciso sotto la base è stato ispirato dagli elementi che erano stati aggiunti, sotto forma di graffiti, alla decorazione del vaso, modificandoli e combinandoli in una nuova maniera. L’insieme di questi graffiti, applicati contemporaneamente sul corpo del vaso e sotto la base, risponderebbe dunque alla stessa volontà di decorare e d’individualizzare l’oggetto.

Osservazioni d’insieme

86Lo scavo della necropoli ha quindi messo in luce 29 oggetti con marchi, distribuiti in 13 tombe con diversa concentrazione, visto che tre ne contenevano due (1, 19, 22), una tre (17), un’altra quattro (12), infine la tomba 11 ne ha fornito nove. Tuttavia, la maggioranza delle tombe contiene soltanto un oggetto marcato (tombe 7, 9, 13bis, 14, 15, 16, 23). Il numero totale di contrassegni è superiore (si possono contare 38 marchi distinti), poichè quattro oggetti portanto più graffiti, in diverse posizioni: due (n. 9), tre (n. 16) o quattro (n. 22.2 e 23).

87Questi marchi sono documentati soltanto in un caso su un materiale diverso dalla terracotta: dalla tomba 13bis proviene un manico di bronzo sul quale si vede una marca. La materia del supporto richiama i oggetti con graffitti del deposito di San Francesco. I marchi sulle terrecotte sono stati eseguiti sia prima che dopo la cottura. Alla prima categoria, che fa parte del processo di fabbricazione dell’oggetto, appartengono dieci vasi: nella tomba 1 la tazza ad ansa verticale n. 1.1, nella tomba 11 tre scodelle a bordo rientrante (n. 11.3, 4, 5) e due vasi a fondo piatto e pareti oblique (n. 11.6, 7), nella tomba 12 un piatto a tesa larga con marca (n. 12.2) e una scodella a bordo svasato (n. 12.4), nella tomba 14 una grande tazza (n. 14) e nella tomba 17 una scodella confrontabile con quelle della tomba 11 con marca analoga (n. 17.3). Soltanto i marchi dei n. 12.2 e 4 sono stati incisi all’interno, sul fondo, invece che sotto la base.

  • 105 Quindi un totale di 28 marchi, tenuto conto degli oggetti che ne portano più di uno (n. 1.2, 7, 9a (...)

88Per gli altri 19 oggetti (incluso il bronzo n. 13 bis, la fusaiola n. 19.2 e l’ansa n. 11.1)105, i graffiti sono stati eseguiti successivamente e indicano quindi una volontà di contrassegnare l’oggetto che corrisponde non alla sua fabbricazione ma al suo uso, senza che sia possibile precisare se questa operazione sia stata effettuata durante il suo periodo di utilizzo o nel momento della deposizione nella tomba.

  • 106 Lasciamo a parte il n. 19.2, che si trova su una fusaiola.
  • 107 Non è possibile decidere a quale tipo preciso di vaso appartenevano l’ansa n. 11.1, il fondo n. 11 (...)

89Quando prendiamo in considerazione la tipologia dei vasi106, la forma che ricorre più frequentemente è costituita da piatti su piede a tesa larga, che in sei casi dei 22 vasi la cui forma è identificabile107 portano dei graffiti (uno solo, il n. 12.2 è stato inciso prima della cottura): appartengono a questa serie i n. 9, 12.2, 16, 17.1, 22.1 e 2. Un’altra categoria, più generale, comprende vasi di tipi diversi, ma apparentati: tutti di forma aperta, con fondo piatto o quasi piatto e senza bordo marcato. Raggruppa i 7 vasi seguenti: i due esemplari di olle n. 11.6 e 7 e quello analogo della tomba 17 (n. 17.3) con marchi dello stesso tipo, le tre scodelle a bordo rientrante della tomba 11 (n. 11.3, 4, 5) che portano marchi differenti tra loro, e l’esemplare comparabile della tomba 14 (n. 14); si può notare che tutti i marchi sono incisi prima della cottura. Possono essere avvicinati a una coppa d’impasto a bordo rientrante, questa volta con piede segnato (n. 7), con marchio inciso dopo la cottura, e a due scodelle col bordo svasato, n. 1.2 e 12.4, con graffiti incisi dopo e prima della cottura. Seguono tre tazze ad ansa unica, n. 1.1, 12.3 e 17.2, con graffiti incisi una volta prima della cottura, due volte dopo; due situle decorate, n. 15 e 23, con graffiti incisi dopo la cottura. Altri tipi sono rappresentati da un esemplare unico (sempre con graffito inciso dopo la cottura): oltre al frammento di ansa rotonda n. 11.1, l’ossuario biconico (n. 12.1) e una coppa su alto piede (n. 19.1).

  • 108 Le eccezioni sono n. 12.2 e 4, ove i marchi sono situati all’interno della vasca.
  • 109 Negli ultimi tre casi, oltre ai marchi sotto il piede, questi vasi ne portano nel centro della vas (...)

90La posizione dei graffiti sui vasi varia. Sui piatti a tesa larga, la superficie del bordo poteva essere facilmente utilizzata, sempre per incisioni eseguite dopo la cottura, e cinque di questi piatti portano una marca (che può essere complessa e composta da più elementi) in questa posizione (n. 9a e b, 16a, 17.1, 22.1, 22.2b), due di loro ne portano due (n. 16) o tre (n. 22.2) in un altra posizione, un piatto soltanto non presenta un contrassegno in questa posizione, ma soltanto all’interno della vasca (si tratta del n. 12.2, che inoltre è l’unico dei piatti ad avere un graffito inciso prima della cottura). Un’altra categoria di vasi possiede un orlo a tesa larga che offre la stessa possibilità: l’ossuario biconico; però uno soltanto presenta in questa posizione una marca, fatta da più elementi, una croce e tre tratti (n. 12.1). Soltanto i vasi aperti potevano ricevere una marca all’interno della vasca: è il caso di tre di loro, il piatto a larga tesa n. 12.2 e la tazza a bordo rientrante n. 14, entrambi con una marca incisa prima della cottura, mentre il piatto a larga tesa n. 22.2, porta uno dei graffiti incisi dopo cottura sul fondo della vasca (n. 22.2a). Quattro presentano dei graffiti incisi dopo cottura sulla parete esterna: i due piatti a larga tesa n. 16 e 22.2, con rispettivamente tre e quattro marchi (uno sempre sul bordo), presentano in questa posizione i graffiti n. 16 b e 22.2c, l’olla n. 23, sulla pancia della quale si vedono, sotto la parte decorata, tre contrassegni differenti (n. 23a, b, c); si possono aggiungere il frammento di parete di un vaso di grande dimensione n. 11.9 e la tazza n. 17.2 col graffito sotto l’inizio dell’ansa. La marca, sotto il frammento di ansa rotonda n. 11.1, si trovava in una posizione simile. Il posizionamento più frequente è tuttavia sulla base del vaso, fatto questo, che rendeva i marchi invisibili quando l’oggetto era appoggiato normalmente sopra un piano, i marchi invece erano ben in evidenza se l’oggetto era appeso a una parete. Ne troviamo 16 esempi, e in particolare 8 dei 10 casi di graffiti incisi prima della cottura: n. 1.1, 11.3, 4, 5, 6, 7, 14, 17.3108. Otto graffiti eseguiti dopo la cottura si trovano nella stessa posizione: n. 1.1, 7, 11.8, 12.3, 15, 16c, 22.2d, 23d109.

91I segni utilizzati per questi marchi possono essere ridotti a semplici tratti. Un tratto corto isolato si trova sul fondo della situla n. 15 e sul lato della scodella del piatto n. 16 (16b), che presenta altri tre graffiti, meno elementari, sul bordo e sotto il piede. Sono stati incisi dopo la cottura. Al contrario è una marca di prima della cottura quella che figura sulla scodella n. 12.4, questa volta sotto forma di tre tratti paralleli. Dei tratti accompagnano ugualmente altri elementi, entrando in marche più complesse. In questa categoria si possono citare sei casi, tutti incisi dopo cottura all’eccezione del n. 12.3: un gruppo di tre tratti si trova sopra un segno a tridente sulla tesa del piatto n. 17.1, un gruppo di due tratti sopra un segno a tridente seguito da una variante di croce e più avanti da un altro tratto sulla tesa del piatto n. 16 (in 16a), un tratto seguito da due altri e una croce dritta sull’orlo dell’ossuario n. 12.1, un tratto accompagnato da una croce obliqua sotto il piede del piatto a tesa n. 12.2, due tratti che inquadrano una croce obliqua sotto la tazza n. 12.3, una composizione analoga di due tratti, questa volta obliqui, che inquadrano una croce obliqua affiancata da un segno a tridente nel graffito n. 22.2c sulla parete di un piatto a tesa larga.

92In tre casi, il segno è composto da uno o due tratti curvi: la scodella n. 11.5 porta una marca incisa prima della cottura, una specie di c; il segno inciso dopo cottura sulla parete della tazza n. 17.2 è formato da due archi di cerchio accostati, come quello inciso, ugualmente dopo cottura, sulla tesa del piatto su piede n. 22.1: i due tratti curvi sono questa volta divisi e uno di loro è prolungato da un breve segmento obliquo.

  • 110 Questo piatto porta altri marchi differenti, incisi anch’essi dopo cottura, sul bordo e sulla pare (...)
  • 111 Sembra molto dubbioso che si possano riconoscere la lettera u nel 23a e nel 23b, o la lettera a ne (...)

93Alcuni marchi possono essere interpretati come lettere, dato la somiglianza con segni dell’alfabeto etrusco di questa epoca. A parte il segno a tridente, che ha la forma del chi etrusco, pochi graffiti appartengono a questa categoria. Il più evidente è probabilmente il segno a forma di s trilineare angolare che si vede sotto il piede del piatto n. 16 – e questo è uno dei documenti più recenti della serie110. Si può ugualmente ipoteticamente riconoscere una zeta nella croce a doppia traversa un po’ inclinata che figura sul frammento d’ansa n. 11.1, e riconoscerla, ma in modo molto più dubbioso, anche in uno degli elementi della marca complessa che si vede sul vaso ad alto piede n. 19.1, in prossimità di due trattini obliqui. Un segno a forma di V, inciso prima della cottura e sormontato da un piccolo tratto orizzontale, si trova sotto la base della scodella a bordo rientrante n. 11.3: si potrebbe trattare di una lettera u, ma, se si deve dare un significato preciso a tale segno – il che non è per niente sicuro –, non si può escludere una interpretazione come marca numerica dato che, in etrusco, questo segno (in principio rovesciato) ha il valore di 5 – un doppio valore che ritroveremo anche per il segno a tridente111.

  • 112 Sassatelli 1985, p. 119 e 123.

94Il segno di gran lunga più frequente è quello a tridente, che ha la forma della lettera chi dell’etrusco: lo troviamo in sei dei nostri graffiti, in accordo con la constatazione generale fatta da G. Sassatelli112. È presente nella nostra serie sia isolato che in combinazione con altri elementi. Occupa da solo il centro della vasca del piatto a tesa n. 22.2 – che presenta anche altre marche, tra le quali una che comporta ugualmente un segno a tridente, in combinazione con altri segni, sul bordo, sulla parete e sotto il piede – e la base piatta del n. 14, unico esempio di una marca incisa prima della cottura. Invece, è associato a tratti o croci in tre altri casi, su piatti a larga tesa su piede: tre trattini su una linea sovrastante sul n. 17.1, due trattini inclinati che inquadrano una croce obliqua, ugualmente sovrapposti, sul n. 22.2 c, due tratti di lato e una specie di croce davanti un altro tratto, più distante, sul n. 16a. Sembra apparire ancora, sotto una forma raddoppiata, sul frammento di parete n. 11.9.

  • 113 Nelle iscrizioni che offrono esempi del segno etrusco per 50, questo segno è normalmente rovesciat (...)
  • 114 Il piatto n. 22.2 porta due graffiti con un segno a tridente – un tridente semplice sul fondo dell (...)
  • 115 Sassatelli 1985, p. 123.
  • 116 Se i marchi incisi prima della cottura possono far pensare a conti di produzione, per i graffiti i (...)

95Il segno a tridente, come il V con valore di 5, è utilizzato in Etruria come segno numerico per la cifra 50 – ma, in ambedue i casi, il segno numerico è inverso rispetto alla lettera113. La presenza congiunta di altri elementi che possono avere ugualmente un valore numerico – il tratto con valore di unità, la croce con valore di 10 – può essere un argomento a favore di questa interpretazione come cifra piuttosto che come lettera, almeno in certi casi114. Testimonia in questo senso anche il fatto che i segni che hanno o possono avere un significato numerico – segni a tridente, croci, tratti, eventualmente V – sono molto più frequenti di quelli che non l’hanno – nella nostra serie la s o, eventualmente, la z. G. Sassatelli è arrivato alla stessa conclusione nel suo articolo del 1985115, anche se non ci permette di sapere cosa sarebbe stato conteggiato116. Resta sempre possibile un valore di marca senza referenza precisa a una lettera o a una cifra: ci troviamo di fronte a segni semplicissimi, che possono essere usati in molteplici contesti senza necessariamente rinviare a valori alfabetici o numerici.

96Un altro tipo di segno, anch’esso suscettibile di avere un valore numerico (in questo caso quello di 10), ma che probabilmente è una marca, più spesso senza valore specifico, è la croce: è anche presente sul maggior numero di esemplari, soprattutto se si aggiungono ai sei casi di croci semplici, quelli altrettanto numerosi di croci provviste d’un tratto supplementare.

97Tra le croci semplici, una soltanto è isolata: fa parte dei quattro graffiti del piatto a larga tesa su piede n. 22.2 dove è inciso sulla tesa (n. 22.2b). Nei cinque altri casi, è accompagnata da altri segni: una seconda croce, dritta anch’essa, ma con un trattino orizzontale che taglia il braccio orizzontale nel graffito del piatto n. 9a, due tratti verticali seguiti da un terzo accanto alla croce verticale incisa sul bordo dell’ossuario n. 12.1, un tratto verticale per la croce dritta che è stata incisa prima della cottura nella vasca del piatto n. 12.2, due tratti verticali da una parte e l’altra della croce analoga, incisa stavolta dopo cottura, sotto il piede della tazza n. 12.3, due tratti obliqui inquadrano la croce obliqua che sormonta un segno a croce nel graffito n. 22.2c, inciso dopo la cottura.

98Croci più elaborate con l’aggiunta di tratti supplementari si incontrano in due casi isolati, identici, l’una, incisa prima della cottura, l’altra dopo – probabilmente per imitazione della precedente –, sotto il piede dei n. 1.1 e 1.2 e quella, ugualmente isolata, incisa prima della cottura, sotto la scodella n. 11.4. La croce presenta, nei due primi casi, un tratto che parte dal centro e divide uno dei quadranti, nell’ultimo un piccolo segmento obliquo tracciato a partire dall’estremità di un braccio. Due croci incise dopo la cottura presentano una delle traverse tagliata da un trattino verticale: è il caso della seconda croce (destra) del graffito n. 9a e del n. 11.2. Il segno che si trova accanto al segno a tridente del graffito complesso n. 16a, sul bordo del piatto su piede a tesa larga, può essere interpretato come una croce dritta arricchita da un tratto orizzontale supplementare abbastanza lungo che parte dalla parte superiore del suo asse verticale.

99Nella categoria d’insieme delle croci possono entrare anche i marchi incisi prima della cottura sotto le basi dei vasi n. 11.6, 11.7 e 17.3 che possono essere considerati come croci arricchite da tratti complementari. Inoltre, abbiamo tre esempi di svastiche: quella sotto il piede della coppa n. 11.8 e due varianti di svastica incise dopo cottura sull’olla n. 23, sulla pancia (n. 23c) e sotto il piede (n. 23d).

  • 117 L’interpretazione dei no 9 b, 13 bis, 19.1 (in parte) e 23 a e b partendo da lettere – che sarebbe (...)
  • 118 Sassatelli 1985, p. 110, tav. 9, in le «Lettere t-u» con 20 esempi per delle u che hanno la forma  (...)
  • 119 Segno collocato in Sassatelli 1985, tav. 20, nella serie dei «contrassegni modellati sulla lettera (...)
  • 120 Sassatelli 1985, p. 132, tav. 25.
  • 121 Ivi, p. 126, tav. 21 («Contrassegni»). Segni identici nel n. 426 e 427.
  • 122 Ivi, p. 112, tav. 11.
  • 123 Ivi, p. 121, tav. 17 («Contrassegni con probabile valore numerale»).
  • 124 Ivi, p. 101, tav. 1; commento p. 107.

100Al contrario, conviene considerare a parte dei marchi come i n. 7, 9b, 13 bis, 19.1, 22.2d, 23a e b, che non fanno parte di una categoria ben definita e non trovano equivalenti negli esempi raccolti da G. Sassatelli per l’area bolognese all’epoca villanoviana117. In generale, si può dire che i graffiti di via Sabotino testimoniano una certa originalità rispetto al «corpus» che abbiamo preso come riferimento. Si può osservare, in particolare, che non si ripetono i segni già annotati nella necropoli Tagliavini/Meniello che corrisponde allo stesso settore funerario (rispettivamente i n. 286-289 e 290-292). Nel primo gruppo, il n. 286 rimanda a quello che Sassatelli stimava essere una lettera V118, marca che ricorda la nostra n. 11.3 – quest’ultima è tuttavia provvista di un tratto orizzontale supplementare; il n. 287 è un segno a forma di croce a sei bracci che, nel caso fosse interpretato come una cifra, corrisponderebbe alla notazione etrusca per la cifra 100119: la nostra serie non presenta nulla di simile; il n. 288, assai complesso, è stato collocato nella categoria dei «graffiti di due o più lettere»120 e vi si può riconoscere un K sinistroverso, a destra, ma affiancato a sinistra da due elementi che difficilmente possono essere interpretati come lettere: immediatamente a sinistra, due brevi segmenti orizzontali sovrapposti, a livello della metà del K, più lontano; una sorta di piccolo angolo retto aperto sulla sinistra, con un tratto orizzontale e un altro verticale risalente verso l’alto: nulla che richiami quello che abbiamo; lo stesso vale per il n. 289, specie di u, con bracci verticali provvisti di due piccole appendici oblique discendenti, secondo un modello noto da altri esempi121. Per quanto riguarda i tre graffiti della necropoli Tagliavini, il n. 290 è un segno a croce122, un tipo di marca estremamente frequente, ben rappresentato nella necropoli di via Sabotino come altrove, ma, al di fuori del solo caso del n. 22.2b, sempre in combinazione con altri segni; il n. 291 corrisponde a l’associazione di due segni a tridente123, tipo di marca che non esiste nella nostra serie; per quanto riguarda il n. 292, tracciato dopo cottura su un piccolo piatto databile all’ultimo quarto del VII sec.124, si tratta di una combinazione di due lettere aś, unici resti di un’iscrizione che doveva corrispondere a «un nome col morfema del possessivo la cui notazione segue le norme settentrionali». Le nostre tombe di via Sabotino non ci hanno fornito nessun graffito che possa essere considerato un’iscrizione propriamente detta, compreso il n. 19.2 che appartiene alla categoria particolare degli abbecedari.

Conclusioni

101La raccolta Sassatelli comprende 442 graffiti, inclusi i 150 oggetti marcati del deposito di S. Francesco. Rispetto a questo termine di paragone, la consistenza numerica dei marchi e graffiti della piccola necropoli di via Sabotino non è del tutto trascurabile: quasi il 10% rispetto all’insieme dei graffiti bolognesi, quasi il 14% se li confrontiamo con quelli provenienti dalle diverse necropoli, ad esclusione del deposito di S. Francesco, complesso chiuso di 14838 manufatti di bronzo in cui gli oggetti con marchi rappresentano il 10,1% dell’insieme.

  • 125 Infatti, tra le 13 tombe con marchi, le presenze maschili, riconoscibili secondo i criteri archeol (...)
  • 126 Cfr. nt. 76.
  • 127 Cuozzo 1998.

102Le tombe nelle quali i segni sono presenti sono in maggior parte femminili125 e sembrano contenere non solo individui adulti ma spesso anche deposizioni infantili. Tra di esse, particolarmente significativa, anche per la sua cronologia abbastanza alta, è la tomba 19, dove la presenza di una fusaiola iscritta con lettere di un alfabetario abbreviato, testimonia della paideia di una giovinetta, già avviata anche alla pratica del filato. Si può dire, parafrasando la Bagnasco Gianni126, che la scrittura a Bologna, ai suoi inizi, sembra soprattutto un affare di donne. Si potrebbe pensare che questo sia la conseguenza di a una deformazione dovuta alla dimensione ridotta del campione esaminato, ma anche M. Cuozzo rileva, nel suo studio della necropoli di Pontecagnano127, che le innovazioni passano piuttosto attraverso l’epigrafia funeraria di donne e di bambini, nelle cui sepolture sono state trovate le più antiche iscrizioni. Certo, ai segni della nostra raccolta si può dare solo raramente un valore di lettere o di numeri e, più generalmente, sarebbe rischioso di parlare di questi segni come di scrittura in senso proprio. Tuttavia, lo sviluppo di marche di questo tipo appare in concomitanza con l’affermarsi della scrittura ed esprime l’intenzionalità dell’individuo, che marca un oggetto iscrivendolo con un segno, sia o no questo segno legato alla scrittura.

103In generale, le tombe di via Sabotino appaiono di una ricchezza media, con una presenza frequente, di nuovo in tombe femminili, di utensili legati ad attività manuali e riferibili soprattutto al ciclo della produzione dei tessuti: filatura, tessitura, cucito e ricamo. L’unica tomba veramente di spicco è la n. 11, ricca incinerazione di una domina con 140 oggetti di corredo, tra cui 62 fibule e 25 monili d’ambra oltre a un servizio da toeletta sontuosamente immanicato d’ambra. Nel VII sec. a.C., essendo la scrittura, o l’apposizione di marche su oggetti personali, un utensile ancora raro e da esibire, possiamo anche includerla tra i simboli di prestigio della sepoltura, unitamente alle forniture rare e preziose che seguono la moda orientalizzante.

  • 128 Bagnasco Gianni 2008.
  • 129 Bagnasco Gianni – Gobbi – Soccimaro 2009.
  • 130 Heurgon 1973, p. 555-556; la sua spiegazione era stata giudicata «del tutto inadeguata» nel contes (...)

104Questi segni sono caratterizzati talvolta anche da una loro messa in scena sul corpo del vaso, che dà loro una «eloquenza visiva». Si vedano, per esempio, i graffiti apposti sull’olla della tomba 23, in cui i cruciformi, nel gioco delle aggiunte di tratti multidirezionali sui bracci dispiegati, si trasformano in svastiche, ora destrogire, ora sinistrogire. Come scrive la Bagnasco Gianni: «L’attenzione posta all’impaginazione dei segni e la ricerca di orientarli nello spazio, nei quadranti in cui il vaso veniva suddiviso, doveva rendere agli occhi dell’osservatore antico questi segni meno “neutri” e connotarli di più precise valenze semantiche»128. Il gruppo di ricerca da lei diretto con A. Gobbi e N.T. de Grummond, ricollega i segni crociati con aggiunte e i raggiati rinvenuti in ambito funerario a concetti di sacralità129. La valenza magico/religiosa che già Heurgon nel 1973 aveva supposto per i graffiti di Aleria e che era stata giudicata inadeguata130, si ripropone, aggiungendosi alle altre numerose allusioni funebri a un’altra vita (si pensi per esempio alla presenza di un uovo di cigno reale nella tomba 11). Tuttavia, questi marchi polisemantici possono essere il frutto di interventi con finalità diversissime: per quelli apposti prima della cottura può trattarsi di pezzi conteggiati e marcati nelle botteghe di fabbricazione, per quelli graffiti dopo cottura può trattarsi di marchi di proprietà (come probabilmente è il caso per la piccola ansa di tazzina su cui è intagliata una z della tomba 11.1, o per la s sul fondo esterno di un piatto della tomba 16 c ) oppure di offerte deposte in memoria durante la cerimonia funebre marcate da segni considerati augurali.

  • 131 Vedere sopra nota 38.
  • 132 Sassatelli1984 e 1985; Colonna 1986, p. 57-66.
  • 133 Carancini 1969.
  • 134 Sassatelli 1985, p. 137, nt. 14.
  • 135 Si ringrazia la dott. Keiko Watanabe per i suoi disegni e la sua gentilezza. Ringraziamo anche Chr (...)

105Secondo alcuni autori, il fenomeno della scrittura a Bologna farebbe la sua prima apparizione già dalla metà dell’VIII sec. a.C., o addirittura nella prima metà131; invece, secondo Sassatelli e Colonna132 si situa alle soglie del VII sec. a.C. È a quest’epoca che si datano le prime testimonianze di marche nelle tombe di via Sabotino n. 7, 12. Il maggior numero di segni si concentra nel secondo quarto e intorno alla metà del VII sec. (tombe n. 1, 9, 13 bis, 14, 19, 22, 23). Nella prima metà del VII sec. è collocabile anche la tomba n. 15, mentre la n. 11 è una tomba tipica dell’Orientalizzante medio, tra la fine del secondo e il terzo quarto del VII sec. Nell’ultimo quarto del VII-inizio VI sec., la tomba n. 17 sembra caratteristica del Villanoviano IV B2. La tomba più recente, la n. 16, con un corredo ceramico di chiara tradizione villanoviana, si situa decisamente nel pieno VI sec. a.C., nel cosiddetto Villanoviano IVC di Carancini133. Questa sequenza costituisce una novità per Bologna, dove, quando Sassatelli scriveva134, nessun graffito era stato trovato nell’ultima fase del Villanoviano IV, nel momento di transizione alla fase Certosa135.

Tabl. 1 – Tabella riassuntiva dei segni.

Tabl. 1 – Tabella riassuntiva dei segni.

Chr. Bailly.

Haut de page

Bibliographie

Amann 2000 = P. Amann, Die Etruskerin. Geschlechtverhältnis und Stellung der Frau im frühen Etrurien (9.-5. Jh. v. Chr.), Vienna, 2000.

Bagnasco Gianni 1999 = G. Bagnasco Gianni, L’acquisizione della scrittura in Etruria. Materiali a confronto per la ricostruzione del quadro storico e culturale, in Atti del Seminario 23-24 Febbraio 1998, Milano, 1999, p. 85-106.

Bagnasco Gianni 2000 = G. Bagnasco Gianni, L’etrusco dalla A alla 8. L’acquisizione della scrittura da parte degli Etruschi, Milano, 2000.

Bagnasco Gianni 2008 = G. Bagnasco Gianni, Rappresentazioni dello spazio «sacro» nella documentazione epigrafica etrusca di età orientalizzante, in X. Duprè i Raventos, S. Ribichini, S. Verger (a cura di), Saturnia Tellus. Definizione dello spazio consacrato in ambiente etrusco, italico, fenicio-punico, iberico e celtico. Atti del Convegno (Roma 2004), Roma, 2008, p. 267-281.

Bagnasco Gianni – Gobbi – Soccimarro 2009 = G. Bagnasco Gianni, A. Gobbi, N. Soccimarro, Segni eloquenti in necropoli e abitato, in M.-L. Haack (a cura di), L’écriture et l’espace de la mort. Épigraphie et nécropoles à l’époque préromaine, Roma, 2009 (Collection de l’EFR, 502), p. 253-308.

Bartoloni 1997 = G. Bartoloni et al., Le necropoli villanoviane di Veio. Paralleli e differenze, in Le necropoli arcaiche di Veio. Giornata di studio in memoria di Massimo Pallottino, Roma, 1997, p. 89-100.

Benelli 2013a = E. Benelli, La naissance de l’écriture, in Étrusques. Un hymne à la vie, Parigi, 2013, p. 62-64.

Benelli 2013b = E. Benelli, L’epigrafia di Cerveteri in epoca orientalizzante, in Gli Etrusci e il Mediterraneo. La città di Cerveteri, Lens-Parigi, 2013, p. 131-132.

Bermond Montanari 1965 = G. Bermond Montanari, Tomba a incinerazione da Via Tofane (BO), in Studi in onore di L. Banti, Roma, 1965, p. 51-61.

Briquel 2015 = D. Briquel, La diffusion de l’alphabet chez les Étrusques : une fonction qui va bien au-delà de la notation de la langue, in D. Briquel, Fr. Briquel Chatonnet (a cura di), Écriture et communication. Actes du 139e Congrès des Sociétés Savantes, Nîmes, mai 2014, Langages et communication. URL: http://books.openedition.org/cths/1467

Camporeale 2015 = G. Camporeale, L’arrivo dell’alfabeto in Etruria, in Gli Etruschi, maestri di scrittura. Società e cultura nell’Italia antica, Milano, 2015, p. 18-23.

Carancini 1969 = L.L. Carancini, Osservazioni sulla cronologia del Villanoviano IV a Bologna, in BPI, 20, 1969, p. 277-287.

Carancini 1975 = L.L. Carancini, Gli spilloni nell’Italia continentale, Monaco, 1975 (Prähistorische Bronzefunde, 13-2).

Casini 1997 = S. Casini, Pendagli e amuleti nella cultura di Golasecca, in Ori delle Alpi, Trento, 1997, p. 388.

Chieco Bianchi – Calzavara Capuis 1985 = A.M. Chieco Bianchi, L. Calzavara Capuis, Este, I, Roma, 1985.

Cinquantaquattro 2007 = T. Cinquantaquattro, Picentia (Pontecagnano), in Studi Etruschi, 71, 2004, p. 206-208.

Colonna 1976 = G. Colonna, Il sistema alfabetico, in L’etrusco arcaico. Atti del colloquio sul tema, Firenze, 4-5 ottobre 1974, Firenze, 1976 (Biblioteca di Studi Etruschi, 10), p. 7-24.

Cristofani 1975 = M. Cristofani, Il dono nell’Etruria arcaica, in Parola del Passato, 30, 1975, p. 132-152.

Cristofani 1984 = M. Cristofani, Iscrizioni e beni suntuari, in Opus, 3-2, 1984, p. 319-324.

Cuozzo 1998 = M.A. Cuozzo, Ideologia funeraria e competizione tra gruppi elitari nelle necropoli di Pontecagnano (Salerno) durante il periodo Orientalizzante, in M.-T. Le Dinahet, J.-F. Salles (a cura di), Nécropoles et pouvoirs. Idéologies, pratiques et interprétations. Actes du colloque Théories de la nécropole antique. Lyon, 21-25 janvier 1995, Parigi, 1998, p. 99-116.

Damiani et al. 1992 = I. Damiani, A. Maggiani, E. Pellegrini, A.C. Saltini, A. Serges, L’età del ferro nel Reggiano, Reggio Emilia, 1992.

De Marinis – Giuseppina 2004 = R. de Marinis, S. Giuseppina, I Liguri, un antico popolo europeo, Milano, 2004.

Dore 2005 = A. Dore, Il Villanoviano I-III di Bologna. Problemi di cronologia relativa e assoluta, in Oriente e Occidente: metodi e discipline a confronto, Roma, 2005, p. 255-292.

Dore – Marchesi – Minarini 2000 = A. Dore, M. Marchesi, L. Minarini (a cura di), Principi etruschi tra Mediterraneo ed Europa, Bologna, Museo Civico Archeologico, 1 ottobre 2000 – 1 aprile 2001, Catalogo della mostra, Venezia, 2000.

Von Eles – Boiardi 1994 = P. von Eles, A. Boiardi, in M. Forte, P. von Eles (a cura di), Casteldebole. La necropoli, in La pianura Bolognese nel Villanoviano, Catalogo, Firenze, 1994, p. 102-112.

Von Eles 2006 = P. von Eles, La ritualità funeraria tra età del Ferro e Orientalizzante, Atti del Convegno, Verucchio 2002, Pisa-Roma, 2006.

Von Eles 2007 = P. von Eles (a cura di), Le ore e giorni delle donne. Dalla quotidianità alla sacralità tra VIII e VII secolo a.C. Catalogo della Mostra, Verucchio, giugno 2007-gennaio 2008, Verucchio, 2007.

Esposito 2014 = A. Esposito, Sepolture dell’aristocrazia rurale nell’Imolese, tesi di dottorato, Università di Napoli Federico II, anno accademico 2013/2014. URL: http://www.fedoa.unina.it/10329/

Etruria Padana 1960 = Mostra dell’Etruria Padana e della città di Spina, Bologna 12 settembre-31 ottobre, Palazzo dell’Archiginnasio, Bologna, 1960.

Etrusker 1987 = Etrusker in der Toskana. Etruskische Gräber der Frühzeit, Malmö, 1987.

Facchetti 2002 = G.M. Facchetti, Appunti di morfologia etrusca, Firenze, 2002.

Forte 1994 = M. Forte, La necropoli di Castenaso (scavi 1972-1973), in M. Forte, P. von Eles (a cura di), La pianura bolognese nel Villanoviano. Insediamenti della prima età del Ferro, Firenze, 1994, p. 59-192.

Frey – Gabrovec 1971 = O.H. Frey, S. Gabrovec, Zur Chronologie der Hallstattzeit im Ostalpenraum, in Actes du VIII Congrès international des Sciences préhistoriques et protohistoriques, I, Beograd, 1971, p. 193-218.

Gambacurta – Ruta Serafini 2007 = G. Gambacurta, A. Ruta Serafini, Dal fuso al telaio. Profili di donne nella società di Este nell’Età del Ferro, in Von Eles 2007, p. 45-53.

Gambacurta – Ruta Serafini 2012 = G. Gambacurta, A. Ruta Serafini, Indicatori della lavorazione tessile del veneto preromano, in La lana della Cisalpina romana. Economia e società, Padova, 2012, p. 353-365.

Gentili 1985 = G.V. Gentili, Il villanoviano verucchiese nella Romagna orientale e il sepolcreto Moroni, Bologna, 1985 (Studi e documenti di Archeologia, 1).

Gentili 1987 = G.V. Gentili, Il villanoviano nella Romagna orientale con epicentro Verucchio, in Atti del Convegno «Romagna Protostorica». Celebrazioni del centenario di fondazione del Museo Renzi, S. Giovanni in Galilea, 20 ottobre 1985, Rimini, 1987, p. 7-36.

Govi 1994 = E. Govi, I graffiti, in G. Sassatelli (a cura di), Iscrizioni e graffiti della città etrusca di Marzabotto, Imola, 1994, p. 213-236.

Gozzadini 1884 = G. Gozzadini, Bologna. Nuovi scavi nel fondo S. Polo presso la città, in NSA, 1884, p. 61-83.

Grenier 1907 = A. Grenier, Fouilles de l’École française à Bologne, in MEFR, 27, 1907, p. 352-452.

Grenier 1912 = A. Grenier, Bologne villanovienne et étrusque, Parigi, 1912.

Haack 2015 = M.-L. Haack, Voir, lire et écrire l’alphabet en Étrurie préromaine : le cas de l’Étrurie padane à partir de ses abécédaires étrusques, in E. Dupraz, W. Sowa (a cura di), Genres épigraphiques et langues d’attestation fragmentaire dans l’espace méditerranéen, Rouen, 2015, p. 31-46.

Heurgon 1973 = J. Heurgon, Les graffites d’Aléria, in J. e L. Jehasse, La nécropole préromaine d’Aléria, Parigi, 1973, p. 547-575.

Kruta Poppi 1977 = L. Kruta Poppi, Una nuova stele protofelsinea da Casalecchio di Reno: Contributo ai problemi dell’Orientalizzante bolognese, in Studi Etruschi, 45, 1977, p. 63-83.

Kruta Poppi 1987 = L. Kruta Poppi, La tomba orientalizzante della stele di Casalecchio di Reno, in G. Bermond Montanari (a cura di), La formazione della città in Emilia-Romagna. Catalogo della Mostra, Bologna, 1987, p. 97-102.

Kruta Poppi 2008 = L. Kruta Poppi, Immagini di astri da simboli a figure, in Gli occhi della notte. Catalogo della Mostra, Milano, Castello Sforzesco, Milano, 2008, p. 37-49.

Kruta Poppi 2010 = L. Kruta Poppi, Le tombe di Casalecchio di Reno, via Isonzo. Una famiglia di maggiorenti di epoca orientalizzante, in Cavalieri Etruschi dalle valli del Po, Bologna, 2010, p. 195-217.

Kruta Poppi – Von Eles 1987 = L. Kruta Poppi, P. von Eles, Tombe aristocratiche dalla valle del Reno, in La formazione della città in Emilia-Romagna. Catalogo della Mostra, Bologna, 1987, p. 95-96.

Kruta Poppi – Neri 2015 = L. Kruta Poppi, D. Neri (a cura di) Donne dell’Etruria padana dall’VIII al VII sec. a.C. tra gestione domestica e produzione artigianale. Catalogo della Mostra, Castelfranco Emilia, 2015, Sesto Fiorentino, 2015.

Kruta Poppi – Neri 2015-2018 = L. Kruta Poppi, D. Neri, Osservazioni su alcune tecniche decorative nel corredo ceramico della T.11 del sepolcreto di via Sabotino a Bologna, in Pagine d’Archeologia, Musei Civici di Reggio Emilia, 4, 2015-2018, p. 1-26.

Locatelli – Malnati 2007 = D. Locatelli, L. Malnati, Indicatori di ruolo e rappresentazione della donna nell’Orientalizzante felsineo, in Von Eles 2007, p. 35-70.

Locatelli – Malnati 2012 = D. Locatelli, L. Malnati, Nuovi dati sulla fase orientalizzante nelle necropoli felsinee, in C. Rovira Hortala, F.J. Lopez Cachero, F. Mazière (a cura di), Les necropolis d’incineracio entre l’Ebre i el Tibre (segles IX-VI a.C.) : metodologia, pratique funerariès i societat, Barcelona, 2012, p. 321-340.

Mansuelli 1960 = G.A. Mansuelli (a cura di), Mostra dell’Etruria Padana e della città di Spina, Bologna 12 settembre-31 ottobre, Palazzo dell’Archiginnasio, Bologna, 1960.

Manzoli – Negrini – Poli 2015 = L. Manzoli, C. Negrini, P. Poli, Legami di vita oltre la morte: casi di deposizioni doppie e plurime, in Quaderni di Archeologia dell’Emilia-Romagna, 34, 2015, p. 75-88.

Maras 2016 = D.F. Maras, Storie di dono: l’oggetto parlante si racconta, in M.-L. Haack (a cura di), L’écriture et l’espace de la mort. Épigraphie et nécropoles à l’époque préromaine, Roma, 2016 (Collection de l’EFR, 502), p. 239-251.

Marchesi 2011 = M. Marchesi, Le sculture di età orientalizzante in Etruria Padana, Bologna, 2011.

Mengoli 2010 = D. Mengoli, San Giovanni in Persiceto (Bo), via Imbiani tombe 1 e 2, in R. Burgio, S. Campagnari, L. Malnati (a cura di), Cavalieri etruschi dalle valli del Po. Tra Reno e Panaro, la valle del Samoggia nell’VIII e VII secolo a.C., Bazzano, 2010, p. 169-179.

Minetti 2000 = A. Minetti, Le necropoli chiusine del periodo orientalizzante, in A. Rastrelli (a cura di), Chiusi etrusca, Chiusi, 2000, p. 84-95.

Morico 1994 = G. Morico, La necropoli di Villanova-Caselle di San Lazzaro, in M. Forte, P. von Eles (a cura di), La pianura bolognese nel Villanoviano. Insediamenti della prima età del Ferro, Firenze, 1994, p. 235-260.

Morigi Govi 1971 = C. Morigi Govi, Il tintinnabulo della «tomba degli ori» dell’Arsenale Militare di Bologna, in ArchClass, 23, 1971, p. 212-235.

Morigi Govi – Pincelli 1975 = C. Morigi Govi, R. Pincelli, La necropoli villanoviana di San Vitale, Bologna, 1975.

Morigi Govi – Tovoli 1979 = C. Morigi Govi, S. Tovoli, La tomba Melenzani 22. Osservazioni sul Villanoviano III a Bologna, in Studi Etruschi, 47, 1979, p. 3-26.

Pacciarelli 1989 = M. Pacciarelli, Savignano. La prima età del Ferro, in Modena dalle origini all’Anno Mille. Catalogo della Mostra, Modena, 1989, p. 133-239.

Pacciarelli 2007 = M. Pacciarelli, Identità di genere e corredi femminili nelle grandi necropoli della prima età del Ferro nell’Italia meridionale, in Von Eles 2007, p. 117-124.

Pandolfini – Prosdocimi 1990 = M. Pandolfini, A.L. Prosdocimi, Alfabetari e insegnamento della scrittura in Etruria e nell’Italia antica, Firenze, 1990 (Biblioteca di Studi Etruschi, 20).

Panichelli 1990 = S. Panichelli, Le sepolture bolognesi dell’VIII secolo a.C., in G.L. Carancini (a cura di), Miscellanea protostorica, Roma, 1990, p. 187-408.

Pare1996 = C.F.E. Pare, Beiträge zum Übergang von der Bronze- zur Eisenzeit in Mittel-Europa, Teil 1, in JRGZ, 45, 1998, p. 293-355.

Peroni et al. 1975 = R. Peroni et al., Studi sulla cronologia di Este e Golasecca, Firenze, 1975.

Peroni 1979 = R. Peroni, Osservazioni sulla cronologia della prima età del Ferro nell’Italia continentale, in V. Bianco Peroni, I rasoi nell’Italia continentale, Monaco di Baviera, 1979 (Prähistorische Bronzefunde, 8-2), p. 192-200.

Quillard 1979 = B. Quillard, Bijoux carthaginois, I, Les colliers, Louvain-la-Neuve, 1979.

Romualdi 1987 = A. Romualdi, Populonia. Tomba dei carri, in Etrusker 1987, p. 217.

Sassatelli 1984 = G. Sassatelli, Graffiti alfabetici e contrassegni nel villanoviano bolognese, in Emilia Preromana, 9-10, 1981-1982, p. 147-225.

Sassatelli 1985 = G. Sassatelli, Nuovi dati sulla diffusione dell’alfabeto in Etruria Padana, in La Romagna tra VI e IV sec. a.C. nel quadro della protostoria dell’Italia centrale. Convegno di Bologna, 23-24 ottobre 1982, 1985 (Atti della deputazione di storia patria per le province di Romagna, 36), p. 99-141.

Sassatelli 1994 = G. Sassatelli, Iscrizioni e graffiti della città etrusca di Marzabotto, Bologna, 1994.

Scheid – Svenbro 1994 = J. Scheid, J. Svenbro, Le métier de Zeus : mythe du tissage et du tissu dans le monde gréco-romain, Parigi, 1994.

Silvestri 1979 = E. Silvestri, La necropoli di Castenaso-Scuole Medie della seconda metà dell’VIII secolo, in La necropoli villanoviana di Cà dell’Orbo a Villanova di Castenaso. Problemi del popolamento dal IX al VI secolo a.C. nella pianura bolognese, Bologna, 1979, p. 163-164.

Steinbauer 1999 = D.H. Steinbauer, Neues Handbuch des Etruskischen, Sankt Katharinen, 1999.

Torelli 1965 = M. Torelli, Un nuovo alfabetario etrusco da Vulci, in ArchClass, 17, 1965, p. 126-129.

Tovoli 1982 = S. Tovoli, Bologna villanoviana, in Cr. Morigi Govi, D. Vitali (a cura di), Il Museo Civico Archeologico di Bologna, Imola, 1982, p. 216-235.

Tovoli 1989 = S. Tovoli, Il sepolcreto villanoviano Benacci Caprara di Bologna, Bologna, 1989.

Venturino Gambari – Gambari 2015 = M. Venturino Gambari, F.M. Gambari, Spunti per l’interpretazione di rituali funerari particolari, in Quaderni di Archeologia dell’Emilia Romagna, 34, 2015, p. 187-192.

Wallace 2008 = R. Wallace, Zikh rasna. A manual of the Etruscan language and inscriptions, Ann Arbor-New York, 2008.

Wylin 2000 = K. Wylin, Il verbo etrusco. Ricerca morfosintattica delle forme usate in funzione verbale, Roma, 2000.

Haut de page

Notes

1 La stretta relazione topografica tra i diversi rinvenimenti delle necropoli occidentali della Bologna villanoviana, giunte a noi frazionate dalle denominazioni dei diversi proprietari dei siti, fa pensare a un’unica vasta area riservata alle pratiche funerarie, probabilmente suddivisa in raggruppamenti per insiemi largamente famigliari, che si estendeva dal torrente Ravone allo Stradello della Certosa (odierna via Crocetta).

2 Via Tofane si trova fuori Porta S. Isaia, a un centinaio di metri prima della Certosa. La stele monumentale, rinvenuta spezzata e mancante di alcuni pezzi, presenta sulle due facce due distinte fasi di lavorazione. La più antica, che porta un doppio soggetto fitomorfo di origine orientale (albero sacro con rami desinenti in palmette e lancia incisa nel fusto), fu attribuita dalla prima editrice G. Bermond Montanari (Bermond Montanari 1965, p. 56, n. 19) al Benacci II iniziale (cronologia Ducati), situabile tra gli ultimi decenni dell’VIII e la prima metà del VII secolo a.C. sulla base dei resti del corredo di una tomba sottostante sconvolta, il cui rapporto con la stele non è sicurissimo. La scrivente precisò la datazione della sepoltura e della stele al secondo venticinquennio del VII (Kruta Poppi 1977, p. 69-81), data sostanzialmente riconfermata da Marchesi 2011, p. 91-96 che l’attribuisce all’Orientalizzante Medio. La seconda fase di lavorazione, del pieno VI secolo, cancellò su entrambe le facce la parte superiore del bassorilievo più antico, suddividendo la superficie spianata in due riquadri speculari, uno dei quali è privo di decorazione, mentre sull’altro è raffigurato un cavallo che incede trainando un calesse con un personaggio praticamente illeggibile. Vi si può riconoscere un’allusione al grande viaggio ultraterreno.

3 Cf. Bull. Inst., 1875, p. 48-49; NSA, 1893, p. 177-181.

4 Grenier 1907, p. 352-452. La pianta degli scavi eseguiti da Grenier nel 1906 nel terreno Grabinski-Meniello, conservata nell’AMCB, è riprodotta in Marchesi 2011, p. 115, fig. 18. Sul sepolcreto Meniello ex Tagliavini: Grenier 1912, p. 138, 145-146.

5 La tomba 4 è un’incinerazione in dolio coperto da una lastra di calcare e da una corona di sassi come si vede negli stamponi dei negativi n. 23280 e 23281. Le ossa umane sembrerebbero provenire da una tomba sovrastante distrutta, da associare ad alcuni «frammenti attici a vernice nera da sopra tomba a pozzo» come recita il biglietto che li accompagna inserito nel corredo della 4.

6 Locatelli – Malnati 2012.

7 Grenier 1907, p. 417-427.

8 La documentazione bolognese degli scavi antichi offriva esempi estremamente limitati di tombe bisome, con l’eccezione, forse, della tomba S. Vitale 532-533 (Morigi Govi – Pincelli 1975, p. 318-319), della Guglielmini 8 e della tomba 6 Meniello III trincea (Grenier 1907, p. 407, nota 1). La revisione dei sepolcreti antichi e soprattutto gli scavi recenti hanno modificato questo quadro. L’usanza sembra iniziare nell’VIII secolo avanzato. Tra le tombe bisome, devono innanzitutto essere distinte quelle con deposizione simultanea dentro più di un ossuario o con più individui nello stesso ossuario, da quelle che presentano tracce di riapertura e dell’introduzione di un secondo ossuario più recente. Un esempio di questo caso è fornito dalla tomba 1 di Casalecchio di Reno (Kruta Poppi 2010). Un altro caso di riapertura sembra abbia interessato la tomba 1A-1B di S. Giovanni in Persiceto: Mengoli 2010. Una leggera discrepanza cronologica tra i corredi dei due ossuari sembra caratterizzare anche la succitata tomba 6 Meniello (Kruta Poppi 1977). Invece, una sepoltura doppia, configurata come tomba di coppia con deposizione probabilmente simultanea, è la 3 di Casteldebole 1987. A Casteldebole, su 34 sepolture, ben 7 presentano il doppio ossuario: von Eles e Boiardi 1994. Per la problematica generale delle tombe doppie nell’area villanoviana settentrionale, partendo da revisioni dei resti antropologici da vecchi scavi, cfr. Pacciarelli 1989, p. 133, 239.

9 Tovoli 1982, p. 222 e 1989, p. 27: «Le deposizioni sono rigorosamente individuali, infatti unico è l’ossuario… e il corredo… si riferisce a un solo individuo.» Cfr. p. 34, nt. 168. Questa individualità è ribadita anche per le sepolture sotto tumulo in Ortalli 2011, p. 67, nt. 28.

10 La tomba è stata esposta nella mostra di Castelfranco Emilia nel 2015 (Kruta Poppi – Neri 2015).

11 Il catalogo dei graffiti e contrassegni di epoca villanoviana della regione di Bologna è stato redatto da G. Sassatelli (1984). La serie comprende 442 documenti, di cui 157 sono riferibili a bronzi del deposito di San Francesco, anteriore al 680 a.C.; lo studio di questa documentazione è stato fatto da G. Sassatelli (1985). Noi ci riferiamo sistematicamente a queste pubblicazioni, benché relativamente vecchie, in quanto esse offrono un corpus di segni che corrispondono geograficamente et cronologicamente ai documenti qui studiati. Per la regione e l’area settentrionale circostante, ma per un’epoca più recente, Sassatelli 1994 (Marzabotto) et Gaucci 2018 (Adria).

12 Sassatelli 1985, p. 100: «I bronzi e le ceramiche che recano questi graffiti sono riferibili a un arco di tempo che va dalla fase finale del Villanoviano III al Villanoviano IV B2 cioè in termini di cronologia assoluta dal primo quarto del VII al primo quarto del VI»; Idem, ibidem, p. 137, nt. 13, sottolinea che il Villanoviano III viene inteso, secondo gli studi più recenti del momento, dal 750 al 680 a.C. Questi studi esprimevano allora due posizioni principali sulla cronologia, quella di Frey (1969, p. 33) e di Frey e Gabrovec in un articolo del 1971, p. 194-195, nel quale Frey riposizionava rispetto alla sua versione del 1969 il deposito di S. Francesco nel Villanoviano III che comprendeva quindi la seconda metà dell’VIII e i primi decenni del VII secolo, avendo come limite inferiore la comparsa della decorazione stampigliata e delle fibule a drago con antenne tipiche del Villanoviano IV. L’altra cronologia, derivata da Müller Karpe (1959) è ripresa da un componente della scuola peroniana, G.L. Carancini (1969), che conserva la datazione del Müller Karpe della fine del Villanoviano III al 700, e suddivide il periodo successivo in quattro fasi rialzando la cronologia del Villanoviano IV A al primo quarto del VII secolo, mentre i due periodi successivi di una cinquantina d’anni IV B1 e IV B2 coprono la metà, la fine del VII e una parte del VI a cui si aggiunge un’ulteriore fase proto-Certosa o Villanoviano IV C.; Peroni, nel 1979, riparte dalla suddivisione del Müller Karpe definendo Villanoviano III il periodo che va dal 700 al 525 a.C. ma lo spartisce in quattro fasi, la prima di venticinque anni, Villaviano IIIA, le successive, IIIB1, IIIB2, IIIC di cinquant’anni ciascuna. Senza una specificazione delle fasi, il Villanoviano III finisce dunque per essere un periodo lunghissimo, che rende poco significativa la cronologia dei pezzi che gli sono attribuiti. Su questo periodo interverranno più tardi, con nuove precisazioni, Pare 1998 e Dore 2004.

13 Per l’inizio ci si riferisce al biconico con segni incisi della tomba 21 Benacci-Caprara che dovrebbe essere datato dal corredo alla prima metà dell’VIII. Per la discussione e la bibliografia precedente, Bagnasco Gianni 2000, p. 87, fig. 1, nt. 8. Per quanto riguarda il momento terminale, per Sassatelli si ferma al primo quarto del VI (Villanoviano IV B2), per Carancini copre anche il secondo quarto (Villanoviano IV C). È evidente che la fine del Villanoviano, per quanto riguarda la scrittura, costituisce solo una cesura di comodo e che prevale la continuità con la successiva fase Certosa.

14 Lesine similari sono state trovate anche nella tomba 2 di Casalecchio di Reno (Kruta Poppi 2010, p. 213-214, cat. 458), in due tombe, 30 e 38 dalla necropoli di Castenaso-Scuole Medie della seconda metà dell’VIII secolo (Silvestri 1979 p. 84 fig. 57/8; p. 89, fig. 61/12-13), e, fuori contesto, nella necropoli Arnoaldi. Altri utensili, legati a differenti attività artigianali, provengono dalla tomba IV1893 Romagnoli (Villanoviano III) e dalla 7 Cortesi del Villanoviano IV. Altri esemplari, fin’ora inediti, sembra siano stati rinvenuti nel sepolcreto di Piazza Azzarita. Questi oggetti sono stati interpretati (Malnati 2004, p. 234) come la testimonianza dell’ascesa sociale del ceto artigiano nella Bologna del VII secolo a.C. Tuttavia nel caso della tomba 2 di Casalecchio di Reno, il defunto si configura con il suo equipaggiamento non solo come membro della classe degli equites, ma di rilevante posizione all’interno della gens, come è adombrato sanche dal bassorilievo della stele sormontante la tomba a tumulo, che porta raffigurati, accanto a temi religioso/salvifici – albero della vita e cervi pascenti – due acrobati nella posizione a ponte, che evocano il cerimoniale elitario dei giochi funebri in onore del defunto (Kruta Poppi 1977, tav. IX).

15 Per alcuni segni confrontabili, Sassatelli 1985, p. 130, tav. 24, n. 314, 326.

16 Forte 1994, p. 163-164.

17 Carancini 1975, p. 366-368; Kruta Poppi 1977, fig. 4,2; Pare 1998, p. 306, fig. 4, 87; Kruta Poppi 1910, p. 211, cat. 447, tav. XLI, 2; cfr. nota 23.

18 Zuffa 1976, p. 252-259, da primo.

19 Poli 2007, p. 179, scheda 116.

20 Tovoli 1989, p. 254, n. 71.

21 Su questo tipo di graffito, tra i più frequenti, Sassatelli 1985, p. 111-112, tav. 10-11 (croci semplici, verticali e oblique), p. 128, tav. 22, p. 130, tav. 124 (croci munite di tratti supplementari); per i graffiti di Marzabotto, d’epoca posteriore, Sassatelli 1994, p. 226-231, tav. 56-61 (croci semplici), p. 225, tav. 55, n. 195, 237, 302 (croci con un tratto supplementare; i n. 195 et 302 sono confrontabili con la nostra). Esempi di croci doppie, p. 111, tav. 10, n. 96, p. 120, tav. 16, n. 2, 190 (verticali e oblique), p. 111, tav. 10, n. 94, 95, 97 (oblique).

22 Esempi in Sassatelli 1985, p. 101-103, tav. 2-4, Sassatelli 1994, p. 216-217, tav. 47-48.

23 Kruta Poppi – Neri 2015, p. 67-102.

24 Le offerte di vegetali, uova e carni, sono documentate in alcune sepolture di Bologna e del territorio dall’VIII sec. a.C. fino a tarda epoca (Tovoli 1989, p. 29, note 190-192). Nella t. 2 di Casalecchio un piattello su piede era colmo di piccole uova di gallina (Kruta Poppi 1986, p. 102). A Casteldebole in un’incinerazione è stato rinvenuto un piattello con ossa di volatile e in una tomba a inumazione un uovo e un portauovo (von Eles – Boiardi 1994, p. 102).

25 Gli spilloni si rinvengono nelle necropoli di Bologna villanoviana, soprattutto in tombe maschili, in quelle femminili sono presenti sporadicamente e in varietà tipologiche molto limitate. Nella tomba 2, maschile, di Casalecchio di Reno (Kruta Poppi 1977), sono presenti nel corredo 3 spilloni tipo Bassi con grossa perla vitrea, 2 di essi che portano tracce di rogo, dovevano far parte del costume funebre dell’incinerato. La presenza di questo spillone in una tomba femminile potrebbe spiegarsi come un’offerta.

26 Quest’utensile, di discussa interpretazione pratica, è definito nella letteratura archeologica di volta in volta come scettro, bastone di comando, punteruolo, etc.; per lo più è considerato una conocchia composita, recentemente un fuso (Pitzalis 2010). È attestato oltre che nell’Etruria padana (Bologna, Villanova, Casteldebole, Casalecchio, Imola-Pontesanto) nell’Etruria tirrenica a Populonia (Tomba dei Flabelli di bronzo), a Tarquinia (Poggio Gallinaro tomba 8), nell’Etruria interna (necropoli di Cancelli a Cetona). Si ritrova anche nel Piceno e nel Veneto in contesti più recenti. È presente in tombe di rango, soprattutto femminili ma, sporadicamente, anche maschili (esempio Casalecchio tomba 2, in posizione periferica, Kruta Poppi 1977 e 2010) forse come offerta al marito da parte della moglie, come appare nel caso della t. 149 Casa di Ricovero di Este in cui è posato sulla cassetta litica contenente l’ossuario. La ricca conocchia composita potrebbe anche simboleggiare, senza distinzioni di genere, il controllo e la proprietà dell’intera filiera economica della lana, dalle greggi ai tessuti. Malnati e Locatelli alludono a questa possibilità riferendola però alla domina (Locatelli – Malnati 2007, p. 61).

27 Kruta Poppi 2015, p. 22-28.

28 Per l’inversione della stampiglia a segmento di meandro, cfr. vaso a diaframma inv. 272027 Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Emilia Romagna, dalla tomba 4 Sabotino, Kruta Poppi – Neri 2015-2018, p. 8, fig. 8.

29 Il primo utilizzo del punzone a barretta rettangolare è stato individuato da me e dalla dott. K. Watanabe su di un vaso a diaframma nella t. 4 Sabotino in cui, per una maldestraggine del ceramista, una fascia stampigliata con il motivo a scaletta, presenta degli elementi completamente sgranati che evidenziano un punzone della lunghezza di 1,2 cm per 0,3. Nella regione si conoscono due tombe femminili con punzoni e strumenti per la lavorazione della ceramica, la t. 1 di Casalecchio di Reno (terreno Buriani): punzone di terracotta biforcato a ipsilon con tre terminazioni di diametro decrescente, una liscia, due con doppi cerchielli concentrici a rilievo di cui uno puntato. Il punzone che per la sua forma particolare era probabilmente usato con un movimento a bilanciere, era associato a una piccola paletta e a una sgorbia di bronzo, Kruta Poppi 2000, p. 40 e 2010, p. 199-200. L’altro punzone, di bronzo, anch’esso tripartito (Macellari 2014, p. 57-59), presenta sull’estremità maggiore due cerchielli concentrici con margine esterno smerlato, mentre le altre due estremità sono state defunzionalizzate Proviene da una tomba femminile di Brescello databile come la t. 1 di Casalecchio/terreno Buriani e la 11 di via Sabotino intorno alla metà del VII sec. a.C. (Kruta Poppi – Neri 2015-2016, p. 5).

30 Sassatelli 1985, p. 104, tav. 6, n. 243, 301, 348 per degli esempi con piccoli tratti che tagliano l’asta; vedere p. 115, con l’osservazione che il tipo con tratti orizzontati è più antico. Per un altro esempio eventuale di z nella nostra serie, vedere la tomba 19.

31 Preferiamo chiamare in questo modo (e non u) questo tipo di segno che in taluni casi potrebbe corrispondere a una lettera u, ma anche, se letto in senso inverso, alla notazione etrusca per la cifra 5. I segni a forma di V sono molto frequenti (Sassatelli 1985, p. 110, tav. 9, n. 59-64, 198, 220, 229, 231, 261, 286, 321-323, 340, 439, 440).

32 Sassatelli 1985, p. 128, tav. 22, n. 205, 245, 307; cfr. n. 4 con piccolo tratto perpendicolare, n. 327, con breve tratto inclinato verso l’esterno. Nei graffiti di Marzabotto, p. 225, tav. 55, n. 197 et p. 227, tav. 57, n. 59, con delle appendici più complesse.

33 I soli esempi di c che Sassatelli ammette tra i graffiti della regione (e ancora in modo ipotetico) avrebbero la forma Γ del gamma greco (Sassatelli 1985, p. 119, con p. 103, tav. 4, n. 12, 13, con le osservazioni p. 113).

34 Nel sepolcreto Arnoaldi, questo tipo di olle sono state usate talvolta come cinerari: Gozzadini 1884, p. 63 e 67; Marchesi 2011, p. 185.

35 Sassatelli 1985, p. 129, tav. 23, con 12 esempi (due dei quali ripetuti due volte sullo stesso vaso).

36 Sassatelli 1985 (p. 125, tav. 20: n. 6, 148, 149, 177, 385, 399). Preferiamo utilizzare la designazione di segno a tridente, che non preguidica il significato del segno, che può essere una lettera chi, ma anche, se lo si legge rovesciandolo, la notazione etrusca per 50 o ancora una marca senza un particolare riferimento; a maggior ragione non ricorreremo per tali marche alla loro trascrizione con χ, che non corrisponde alla forma del chi in etrusco e nell’alfabeto greco di tipo occidentale (dove questa lettera ha la forma Ψ e non X).

37 Combinazione di un graffito a forma di croce con tratti verticali posti lateralmente dalla stessa parte in Sassatelli 1985, p. 120, tav. 16, n. 278 (un tratto; cfr. n. 258, 284 e p. 121, tav. 17, n. 400, con croce obliqua) p. 121, tav. 17, n. 357 (tre tratti, più uno a livello inferiore).

38 Un cinerario con segni incisi sembra provenga dalla tomba 21 della necropoli Benacci Caprara, sepoltura femminile databile alla prima metà dell’VIII sec. a.C., Bagnasco Gianni 1999, p. 87 e nt. 8.

39 Graffiti dello stesso tipo in Sassatelli 1985, p. 120, tav. 16, n. 258, 284, p. 121, tav. 17, no 400; cfr. p. 111, tav. 10, no 99, p. 120, tav. 16, n. 278, con croce verticale.

40 Graffito confrontabile in Sassatelli 1985, p. 120, tav. 16, n. 271 (cfr. n. 163, con un secondo tratto obliquo, su uno dei lati), p. 121, tav. 17, n. 308, 353, 396.

41 Un piccolo pendaglio simile, a forma di ascia, è appeso a una fibula a sanguisuga con staffa lunga e noduli fermapieghe, proveniente dalla tomba 24 della necropoli di via Belle Arti a Bologna, datata al secondo-terzo quarto del VII s., von Eles 2007, p. 157, n. 7.

42 Il tipo, che secondo Tovoli 1989, p. 253, non ha una larga diffusione a Bologna (due esemplari dalla tomba 39 Benacci Caprara, uno dalla tomba 10 Benacci), sembra essere presente nella necropoli Sabotino in diversi esemplari, cfr. tomba 11. Inizi nell’ultimo quarto dell’VIII sec.

43 Sassatelli 1985, p. 103, tav. 4, n. 12, 13; vedere le osservazioni p. 113.

44 Sassatelli 1985, p. 119, 123, et p. 116-118, pl. 13-15. Ma, in un’epoca più recente, nella serie dei graffiti di Marzabotto, la lettera a è più frequente (34 a e 22 segni a tridente) e il segno di forma V è pressapoco altrettanto frequente (21 esempi); gli altri segni che possono corrispondere a delle lettere sono molto meno utilizzate (8 theta, 7 segni di forma H); vedere E. Govi in Sassatelli 1994, p. 222.

45 Graffiti che si riducono a un tratto dritto in Sassatelli 1994, p. 232, tav. 62, n. 64, 176, 177, 205, 258, p. 235, tav. 65, n. 184; tav. 65, n. 185, 187, 188 per dei tratti un po’ curvi.

46 Le stesse fibule ad arco fortemente ribassato si ritrovano nella Melenzani-Ruggeri tomba 1, anch’essa femminile e datata al Villanoviano IV, la più recente delle tre tombe in stratigrafia verticale messe in luce dal Grenier nel 1909.

47 Spilloni di questo tipo di diversi materiali provengono da tombe del periodo orientalizzante di Vetulonia come quelli d’argento e di ferro del Circolo degli Acquastrini (Etrusker 1987, n. 67-69, 70-72, p. 190).

48 Il tipo, con varianti tipologiche, comparirebbe per la prima volta nel Golasecca II B, 575-500 a.C. Sui pendagli golasecchiani a cestello, con bibliografia precedente, Casini 1997, p. 388; un esemplare a fondo arrotondato da Bismantova (Damiani et al. 1992, n. 132) è datato al G II A/B. Questo tipo di pendente/amuleto è diffuso anche a Este. Un esemplare sarebbe presente anche a Marzabotto.

49 Per un graffito confrontabile, Sassatelli 1885, p. 134, tav. 27, n. 322; sui graffiti con base a croce provvista d’elementi supplementari, p. 131 e p. 128, tav. 22.

50 Sassatelli 1985, p. 108, tav. 8, con 15 esempi (tra cui uno solo ha un segno a forma di S arrotondata).

51 Negativi fot. SAER n. 2334, 2335, 2337.

52 Carancini 1969, fig. 1, 1; Morigi Govi 1970, fig. 20, II tipo.

53 Nel n. 22. c, abbiamo un esempio di combinazione di un tridente con, sopra, altri segni (una croce obliqua con un corto tratto obliquo a destra e un altro a sinistra); nel n. 11.9, probabilmente una combinazione di due segni a tridente.

54 Sassatelli 1985, p. 120, fig. 16, n. 143 (graffito proveniente dal deposito di S. Francesco).

55 Ivi, n. 144 (quattro tratti orizzontali sovrastanti), e n. 262 (tre tratti verticali posizionati a sinistra di un segno a tridente con l’asta verticale tagliata da un segmento corto).

56 Sassatelli 1985, p. 121, fig. 17, n. 357 (segno a forma di croce verticale con a sinistra tre tratti su una linea, un tratto su una linea sottostante).

57 La marca più prossima potrebbe essere quella che figura a p. 121, fig. 17, n. 396, con una croce obliqua i cui bracci circondano a destra un tratto verticale mentre, a sinistra, sono completati da un segmento diritto che si prolunga verso il basso aldilà dell’estremità del braccio obliquo della croce.

58 Le rosette formate da una cuppella centrale circondata da cuppellette più piccole riprendono modelli tipici del Tardo Protocorinzio e Transizionale. Sono tra i motivi più radicati in ambito villanoviano ed etrusco. In origine simboli astrali, si caricano nel tempo di valenze che si sovrappongono e si rimodellano sotto la spinta delle credenze di origine orientale (Kruta Poppi 2008).

59 Questa forma, già nota nel Villanoviano III (Tovoli 1989, tav. 35, 3 e tav. 59, 4), trova un confronto abbastanza puntuale con l’esemplare di Villanova-Caselle di S. Lazzaro, t. 3; cfr. Morico 1994, p. 240, n. 15, tav. III, 15, del Villanoviano IV.

60 La presenza di un elemento di genere diverso può anche essere interpretata come un’offerta, cfr. nt. 25.

61 Alla luce dei nuovi dati antropologici emersi dalla revisione delle necropoli Lavatoio, Lippi, Le Pegge e Moroni di Verucchio (Manzoli – Negrini – Poli 2015) e di quelli della necropoli tarquiniese di Villa Bruschi Falgari (Trucco 2006), il maggior prestigio di uno dei defunti nelle deposizioni doppie sembra non essere legato né all’età né al sesso, ma piuttosto da ricercare nelle dinamiche interne della famiglia gentilizia. Tuttavia vanno tenute presenti le individualità delle diverse necropoli villanoviane nelle scelte funerarie e rituali (Dore 2015, p. 196).

62 La simbologia dell’occhio a cui viene sovente attribuito soltanto un valore apotropaico è invece estremamente complessa, universale e intemporale. Il fascino per quest’organo della percezione perdura nell’arte fino ai giorni nostri (basti pensari ai monocoli di V. Guidi e alle gigantesche sculture oculari in vetro pieno di A. Barbini). Nel nostro caso, l’incastro della pupilla d’ambra rossa doveva produrre controluce l’effetto di uno sguardo fiammeggiante. Viene alla mente l’occhio di Rê, il dio solare egiziano, che esprimeva in questo modo la sua natura ignea. Semplice amuleto magico o motivo iconografico e concettuale veicolato dalla corrente «orientalizzante»?

63 Per Chiusi: Minetti 2004; per la tomba di Poggio alla Sala (Siena): catalogo della mostra Dore – Marchesi – Minarini 2000, p. 196-197, con bibl. precedente.

64 Sassatelli 1985, p. 104, pl. 5, n. 19, n. 322, 296.

65 Per l’ipotesi che la suddivisione in quadranti, avvicinata al sistema delle caselle quadrangolari che formano una griglia in cui sono iscritte le lettere dell’alfabeto nelle tavolette votive alfabetiche di Este, abbia svolto un ruolo nel processo di apprendimento della scrittura, Bagnasco Gianni 2000, p. 67-68, a proposito del gruppo di rocchetti di terracotta della tomba 870 di Casale del Fosso a Veio (vedere infra nt. 78). Sulle tavolette di Este, A. Marinetti, in Pandolfini – Prosdocimi 1990, p. 95-135, con le osservazioni di A.L. Prosdocimi, p. 206, e p. 262-267 per l’importanza della griglia.

66 Sulla questione degi alfabeti etruschi rimane fondamentale Pandolfini – Prosdocimi 1990 (qui Alf), da completare ora con il Thesaurus Linguae Etruscae (ThLE), p. 543-547, e Etruskische Texte (ET), con i documenti registrati sotto il numero 9; per l’area padana, Haack 2015 dà un elenco di 41 esempi, p. 43-46 (qui citati Haack); si aggiungerà ThLE 88, Mantova, ThLE 90 = CIE 20125, Adria; Haack 16 e 25, Marzabotto, corrisponde allo stesso oggetto; Haack 26, Marzabotto, reca la sola lettera a; Haack 30, San Polo d’Enza, è probabilmente da leggere vea: ved. ora ET2 Pa 4.3).

67 Sassatelli 1985, p. 109, con p. 102, tav. 3, n. 337 e 372 = Haack 6 e 7; anche Haack 4, 5, nei quali le lettere a e χ non sono necessariamente collegate, con discussione p. 35-36.

68 Per esempi posteriori nella zona, Sassatelli 1985, n. 165 = Haack 8 (Bologna), De Marinis, Giuseppina 2004, p. 307, n. 29, 30, 31 = Haack 10, 13, 14 (Genova); CIE 20377, 20426 (Adria).

69 ThLE 62 = ET Cl 9.4, fine VI sec. (Chianciano).

70 CIE 11061 = Alf II.3 = ThLE 47 = ET Vc 9.1, primo quarto VI sec. (Vulci). La presenza in questa città di una sequenza di tipo settentrionale veniva spiegata da G. Colonna con l’origine settentrionale della donna a cui apparteneva il corredo funebre che si sarebbe venuta a stabilire presso il marito vulcente (Colonna 1976, p. 16, nota 30).

71 Alf III.25 = ThLE 79 = ET Pa 9.1 = Haack 29, fine V sec. (San Polo D’Enza).

72 ThLE 70, VI/V s. (Ponsacco); Alf III.24 = ThLE 78 = ET, Pa 9.3 = Haack 28, metà V sec. (San Martino in Gattara); Sassatelli 1994, p. 210, n. 130 = ThLE 75 = ET Fe 9.1 = Haack 30, fine VI-inizio V sec. (Marzabotto); Alf III.27 = ThLE 82 = ET Sp 9.5 = Haack 35, inizio IV sec., Alf III.33 = ThLE 81 = ET Sp 9.4 = Haack 40, III sec. (Spina); ET Pa 9.3 = Haack 34, V sec. (Ravenna). Invece ThLE 72 = Haack 1 (Bologna), dato come aev in ThLE, è dubbio; Haack legge ae, e l’unica fonte della quale disponiamo, CII, Suppl. III, 42, scriveva ae.., indicando che il testo era interotto dopo la e («nel piede frammentario di un vaso nerastro: ae..»), senza che sia possibile assicurare che si trattava di una sequenza aev.

73 Alf II.1 = ThLE 69, fine VII-inizio VI sec. (Massarosa); Alf III.6 = ThLE 58, fine VI sec. (Populonia); Alf III.10 = ThLE 87 = Haack 31, fine VI-inizio V sec., Alf III.26 = ThLE 86 = Haack 32, e Alf III.29 = ThLE 85 = Haack 37, IV-III sec. (Spina); Sassatelli 1994, n. 8 = ThLE 73 = Haack 16-25, n. 129 = ThLE 74 = ET Fe 9.3 = Haack 19, se è completo, e, possibilmente, n. 132 = Haack 22, V sec. (Marzabotto); De Marinis – Giuseppina 2004, p. 207, n. 26 = Haack 12, V sec. (Genova); ThLE 90 = CIE 20125, CIE 20775, 20993, IV-III sec. (Adria); ThLE 92, IV sec. (Aleria).

74 Alf II.12 = ThLE 65 = ET Per 9.1, seconda metà VI sec. (Perugia), 19 lettere; Alf III.1 = ThLE 53 = ET AV 9.2, 3, seconda metà VI sec. (Magliano), almeno 17 e 9 lettere; Alf III.7, 8 = ThLE 60, 61 = ET Cl 9.1, 2, fine VI sec. (Chiusi), 13 e 14-12 lettere; Alf III.28 = ThLE 84 = ET Sp 9.2 = Haack 41, prima metà IV sec., e Alf III.32 = ThLE 80 = ET Sp 9.3 = Haack 39, III sec. (Spina), risp. 20-20 e 20 lettere; Alf III.31 = ThLE 89 = Haack 33, IV sec. (Castellazzo della Garolda), 20 lettere; Alf IV.4 = ThLE 57 = ET Vn 9.1, III sec. (Vetulonia), 18 lettere.

75 Tale tipo di abbecedario era finora conosciuto per il VII sec. soltanto nella zona meridionale. T. Cinquantaquattro ha pubblicato un oinochoe d’impasto del periodo 650-625 proveniente da Pontecagnano che reca le tre lettere a c e, cioè le tre prime lettere dell’alfabeto secondo le norme meridionali (Cinquantaquattro 2007; ora ET2 cm 9.9).

76 Bagnasco Gianni 2000, p. 64-82. L’autrice sviluppava le idee avanzate in Scheid – Svenbro 1994 sulle analogie tra tessitura e scrittura.

77 Bagnasco Gianni 2000, p. 68, con fig. 6.

78 CIE 6662-6667; ved. Bagnasco Gianni 2000, p. 67, con fig. 7, Camporeale 2015, p. 20, con fig. 2.

79 Bartoloni 1997, p. 100.

80 Una volta isolatamente e cinque volte all’interno di uno dei quadrati dentro i quali è stata suddivisa la base dell’oggetto allo stesso modo della nostra fusaiola. Sul possibile significato della presenza dei quadranti, supra nt. 65.

81 CIE 10159 = ET, Ta 3.1. Per le proposte d’interpretazione, che non intendiamo discutere qui, vedere p. es. Steinbauer 1999, p. 235-236, Wylin 2000, p. 100, nt. 199, Bagnasco Gianni 2000, p. 55-56, fig. 2, Facchetti 2002, p. 62, Wallace 2008, p. 23, fig. 2.1.

82 Bagnasco Gianni 2000, p. 68.

83 Cristofani 1975 (da completare con Cristofani 1984).

84 Da ultimo Benelli 2013a e b, Briquel 2014, Maras 2016.

85 Sull’importanza dell’attività della tessitura e della filatura nella raffigurazione della donna etrusca, Amann 2000, p. 27-32.

86 Come è stato giustamente sottolineato in Camporeale 2015, p. 21.

87 Il fatto che in Etruria le donne si siano impadronite molto presto della tecnica della scrittura era stato sottolineato in Torelli 1965.

88 L’armilla di verga di bronzo a capi sovrapposti sembra essere un elemento del costume femminile, come si rileva nelle tombe 32 e 45 Benacci Caprara (Tovoli 1989, p. 167).

89 Gambacurta – Ruta Serafini 2007, p. 46.

90 Questo tipo di ansa, con varianti morfologiche, compare ad esempio sul cinerario della tomba 2 di Casalecchio di Reno, via Isonzo, datata dalla scrivente (Kruta Poppi 1977, 1987 e 2010) a cavallo tra l’Orientalizzante antico e quello medio. Allo stesso modo Ch. Pare, che ne utilizza parte del corredo per illustrare la sua fase Bologna III A, pone la tomba 2 all’inizio del secondo quarto del VII sec. a.C. (Pare 1998). G.L. Carancini invece situava questa forma di cinerario nel Villanoviano IV B2 cioè in un momento avanzato della seconda metà del VII sec. a.C. (Carancini 1969).

91 Può essere comparato in certa misura con il n. 262, p. 120, tav. 16 di Sassatelli 1985, che presenta anch’esso una specie di Y con l’asta centrale leggermente prolungata al di sopra del punto di partenza dei tratti obliqui, tagliata da un segmento orizzontale (situato però nettamente più in basso in questo caso); questo n. 262 presenta inoltre tre tratti obliqui a sinistra di questa sorta di Y o di chi mal realizzato.

92 L’ossuario, restaurato, manca di orlo; dimensioni: altezza 29,5 cm, diam max. 27,5, diam. all’imboccatura del collo 13,5 cm, diam. alla base 9,5 cm. Per la presenza e frequenza di ossuari biansati nell’area bolognese: Tovoli 1989, p. 230-231, nt. 10.

93 Restaurata, orlo arrotondato, labbro rientrante, vasca troncoconica, fondo piano. Alt. 6 cm, diam max. 18 cm, diam. alla bocca 17,5 cm, diam. alla base 6,8 cm.

94 Lo stesso sistema costituito da un unico elemento modanato con la sospensione a forma di cilindretto orizzontale, collegato da un breve restringimento al pendente, si ritrova in una collana d’ambra dalla tomba 5 dell’Arsenale, detta «Tomba degli ori», ma in questo caso le perle pendenti sono ovaleggianti (Morigi Govi 1971). La Tomba degli ori è generalmente attribuita all’ultimo quarto del VII sec. a.C. I prototipi di questi pendenti sembrano di origine fenicia: Quillard 1979, tav. II. I pendenti sono, per lo più, costituiti da perle sferiche e sono realizzati in diversi materiali preziosi, argento, foglia d’oro, elettro, avorio, sia in Grecia che in Etruria, a Cuma e in Sicilia. Gli esemplari dall’Etruria si situano nel terzo quarto del VII sec. a.C.; cfr. Romualdi 1987, p. 217. Ad Este, nella tomba Ricovero173, tre pendenti cordiformi in osso presentano lo stesso sistema di sospensione; la tomba, datata alla fase Este III B2, parallela alla Bologna IV B2, apparteneva a una bambina (Chieco Bianchi – Calzavara Capuis 1985, p 146-147, tav. 86/11, 14, 15).

95 Si confrontano con 2 esemplari simili provenienti dalla tomba Sabotino 11. I cosidetti bottoncini, fabbricati in diverse materie, non sembrano aver avuto una funzione pratica ma soltanto decorativa come applicazioni preziose su vesti sia maschili che femminili. Diffusissimi a Verucchio fin dalla metà dell’VIII sec., si ritrovano numerosi a Novilara tra la seconda metà dell’VIII e l’inizio del VII sec., mentre a Este sono numerosissimi soprattutto nella parte finale del VII sec. a.C.; ad esempio la tomba Ricovero 149, dell’ultimo quarto del VII sec., ha restituito 170 bottoni di bronzo e un ago (Chieco Bianchi – Calzavara Capuis 1985, vol. II, p. 92). A Bologna, invece, i bottoni sembrano rari: dalla necropoli Benacci Caprara ne proviene uno d’ambra da una tomba maschile, la 33, della seconda metà dell’VIII sec. (Tovoli 1989, p. 104).

96 Trova confronto a Verucchio nella tomba 85 (Moroni – Gentili 1985, p. 236, n. 57) e nella Semprini A /1967 (Gentili 1987, p. 29).

97 Agglomerati di oggetti in bronzo, uniti e frantumati già al momento della deposizione come espressione di accumulo e di tesaurizzzione del metallo si ritrovano in diverse tombe tra la fine dell’VIII sec. e la prima metà VII sec. a.C., a Pontecchio S. Biagio nella tomba 1, a Casteldebole in tre tombe (Von Eles – Boiardi 1994, p. 202), a Casalecchio di Reno tomba 1 (Kruta Poppi 2010, p. 196-200), nel circondario di Imola nella necropoli di Pontesanto (Esposito 2014).

98 Chianciano 1986, scheda 69, n. A7. A Bologna la stessa forma caratterizza anche dei bicchieri che dall’VIII sec. perdurano per quasi tutto il VII sec. a.C.

99 In ambiente paleoveneto, in tombe tra la seconda metà dell’VII e la fine del VI sec., è frequente l’uso delle olle come vasi ossuario per bambini. Per Bologna, nella necropoli Sabatino, la tomba 8 contiene una doppia deposizione in cui i resti di un bambino sono conservati in un’olletta. Un’olla d’impasto poco cotto di questo tipo conteneva i resti delle ceneri e del corredo personale di una bambina nella tomba 4 di prima metà del VII sec. di Casalecchio di Reno/terreno Buriani, deposta sul margine del tumulo della tomba 3. Era accompagnata da una piccola fibula di bronzo con arco configurato a forma di cavallino e da un nummolite: Kruta Poppi 2010, p. 215, tav. XLIII, 5.

100 Locatelli – Malnati 2012.

101 Tuttavia, non si deve necessariamente pensare che sia stato ispirato da questo tipo di lettera. Oltre al fatto che questo u sarebbe rovesciato, i segni che si rincontrano nella regione e che si possono interpretare come u di forma Y con asta dritta (Sassatelli 1985, p. 110, pl. 9, n. 57, 58, Sassatelli 1994, p. 220, pl. 51, n. 104, 271, 285, 287) presentano una parte dell’asta situata al di sotto del punto d’incontro col tratto obliquo nettamente più lungo mentre l’angolo formato dai due tratti è molto più pronunciato.

102 Il valore di lettera u del segno è, anche qui, molto dubbia. Si può anche considerarla come una varietà di croce, con dei tratti supplementari; ma non ne esistono confronti in Sassatelli 1985.

103 Si potrà però difficilmente pensare a un segno ispirato dalla forma della lettera a. L’inegualità dei due tratti, il fatto che il tratto di destra di questa a inizierebbe molto sopra del punto di partenza dell’altro tratto, la lunghezza enorme di quello che sarebbe la traversa orizzontale, non trova nessun parallelo nei segni di tipo a che si incontrano nella regione (Sassatelli 1985, p. 101-103, tav. 2-4; cfr. Sassatelli 1994, p. 216-217, tav. 47-48; anche la traversa orizzontale del n. 13, tav. 216, che è molto lunga, non lo è fino a questo punto e sborda veramente soltanto da un lato).

104 Sassatelli 1985, p. 129, pl. 23, con n. 3, 157-159, 171-174, 224, 236, 313, 346, 408. Tutti questi segni hanno una forma di svastica semplice, che non è provvista di tratti supplementari, tranne il n. 224, in cui, tuttavia, un solo braccio è tagliato da un trattino obliquo.

105 Quindi un totale di 28 marchi, tenuto conto degli oggetti che ne portano più di uno (n. 1.2, 7, 9a, b, 11.1, 2, 8, 9, 12.1, 3, 13bis, 15, 16a, b, c, 17.1, 2, 19.1, 2, 22.1, 2a, b, c, d, 23a, b, c, d). La marca n. 1.2 sembra riprodurre quella del n. 1.1, incisa prima della cottura.

106 Lasciamo a parte il n. 19.2, che si trova su una fusaiola.

107 Non è possibile decidere a quale tipo preciso di vaso appartenevano l’ansa n. 11.1, il fondo n. 11.8 e il frammento di parete n. 11.9.

108 Le eccezioni sono n. 12.2 e 4, ove i marchi sono situati all’interno della vasca.

109 Negli ultimi tre casi, oltre ai marchi sotto il piede, questi vasi ne portano nel centro della vasca (n. 22.2a), sul bordo (n. 16a, 22.2b) sulla parete (n. 16b, 22.2c, 23a, b, c).

110 Questo piatto porta altri marchi differenti, incisi anch’essi dopo cottura, sul bordo e sulla parete esterna.

111 Sembra molto dubbioso che si possano riconoscere la lettera u nel 23a e nel 23b, o la lettera a nel 9b e nel 23b; il segno che si legge nel 13 bis difficilmente può essere considerato come una gamma.

112 Sassatelli 1985, p. 119 e 123.

113 Nelle iscrizioni che offrono esempi del segno etrusco per 50, questo segno è normalmente rovesciato rispetto alla chi, ma, nei nostri esempi, e soprattutto nel caso di graffiti come i n. 14 o 22.2a, posti al centro del fondo di un vaso, non si può scartare la possibiltà di una lettura nei due sensi. Già G. Sassatelli attribuiva un valore numerale ai chi combinati con altri marchi (Sassatelli 1985, p. 120-121, tav. 16-17, «Contrassegni con probabile valore numerale»; n. 136, 139, 141, 143, 144, 250, 262, 291, 295).

114 Il piatto n. 22.2 porta due graffiti con un segno a tridente – un tridente semplice sul fondo della vasca, in 22.2a, e uno con una croce obliqua incorniciata da due trattini obliqui sulla parete, in 22.2c –, inoltre un graffito a forma di croce obliqua sul bordo (n. 22.2b), segno che può avere il valore di 10. Se si tratta in tutti questi casi di notazioni numeriche, dal momento che sono differenti, non si capisce bene come spiegare questa diversità di notazioni.

115 Sassatelli 1985, p. 123.

116 Se i marchi incisi prima della cottura possono far pensare a conti di produzione, per i graffiti incisi dopo cottura il campo delle possibili interpretazioni è più ampio: numeri di oggetti di una serie posseduta dal proprietario, indicazione su quanto vi era contenuto, etc.

117 L’interpretazione dei no 9 b, 13 bis, 19.1 (in parte) e 23 a e b partendo da lettere – che sarebbero rispettivamente la a, la c, nella forma Γ, la u e la u oppure la a – è poco convincente.

118 Sassatelli 1985, p. 110, tav. 9, in le «Lettere t-u» con 20 esempi per delle u che hanno la forma V.

119 Segno collocato in Sassatelli 1985, tav. 20, nella serie dei «contrassegni modellati sulla lettera chi» (in particolare no 6, 148, 149, 177, 385, 393, 399), cosa che non sembra essere molto convincente per questo no 287 che, come il no 393, ha veramente la forma della cifra 100 etrusca.

120 Sassatelli 1985, p. 132, tav. 25.

121 Ivi, p. 126, tav. 21 («Contrassegni»). Segni identici nel n. 426 e 427.

122 Ivi, p. 112, tav. 11.

123 Ivi, p. 121, tav. 17 («Contrassegni con probabile valore numerale»).

124 Ivi, p. 101, tav. 1; commento p. 107.

125 Infatti, tra le 13 tombe con marchi, le presenze maschili, riconoscibili secondo i criteri archeologici di differenziazione dei corredi personali, sono pochissime: un’inumazione (tomba n. 14), tre incinerazioni – una individuale (tomba n. 17) e due doppie, di genere opposto (tombe n. 7 e 19) – nelle quali, il genere ben caratterizzato è, di nuovo, quello femminile, mentre quello maschile si distingue quasi soltanto per difetto.

126 Cfr. nt. 76.

127 Cuozzo 1998.

128 Bagnasco Gianni 2008.

129 Bagnasco Gianni – Gobbi – Soccimaro 2009.

130 Heurgon 1973, p. 555-556; la sua spiegazione era stata giudicata «del tutto inadeguata» nel contesto dei graffiti di Marzabotto (Govi 1994, p. 236).

131 Vedere sopra nota 38.

132 Sassatelli1984 e 1985; Colonna 1986, p. 57-66.

133 Carancini 1969.

134 Sassatelli 1985, p. 137, nt. 14.

135 Si ringrazia la dott. Keiko Watanabe per i suoi disegni e la sua gentilezza. Ringraziamo anche Christophe Bailly, dell'UMR 8546, per la formattazione delle tabelle.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 – Contrassegno su una tazza della tomba 1 (n. 1.1).
Crédits K. Watanabe.
Titre Fig. 2 – Marca incisa su una scodella della tomba 1 (n. 1.2).
Crédits K. Watanabe.
Titre Fig. 3 – Graffito della scodella della tomba 7 (n. 7).
Crédits K. Watanabe.
Titre Fig. 4 – Motivi incisi sull’anforetta della tomba 7.
Crédits K. Watanabe.
Titre Fig. 5 – Graffiti sul piatto della tomba 9 (n. 9a e b).
Crédits K. Watanabe.
Titre Fig. 6 – Graffito su ansa, tomba 11 (n. 11.1).
Crédits K. Watanabe.
Titre Fig. 7 – Graffito a forma di croce, tomba 11 (n. 11.2).
Crédits K. Watanabe.
Titre Fig. 8 – Graffito a forma di V, scodella della tomba 11 (n. 11.3).
Crédits K. Watanabe.
Titre Fig. 9 – Croce incisa su una scodella della tomba 11 (n. 11.5).
Crédits K. Watanabe.
Titre Fig. 10 – Marca incisa su una scodella della tomba 11 (n. 11.5).
Crédits K. Watanabe.
Titre Fig. 11 – Croce incisa su un’olla della tomba 11 (n. 11.6).
Crédits K. Watanabe.
Titre Fig. 12 – Croce incisa su un fondo di vaso della tomba 11 (n. 11.7).
Crédits K. Watanabe.
Titre Fig. 13 – Svastica incisa sul fondo di una coppa della tomba 11 (n. 11.8).
Crédits K. Watanabe.
Titre Fig. 14 – Graffito inciso su una parete di olla della tomba 11 (n. 11.9).
Crédits K. Watanabe.
Titre Fig. 15 – Graffito inciso su un’urna cineraria biconica della tomba 12 (n. 12.1).
Crédits K. Watanabe.
Titre Fig. 16 – Graffito inciso su un piatto su piede della tomba 12 (n. 12.2).
Crédits K. Watanabe.
Titre Fig. 17 – Graffito inciso su una tazza della tomba 12 (n. 12.3).
Crédits K. Watanabe.
Titre Fig. 18 – Marca incisa su un frammento di scodella della tomba 12 (n. 12.4).
Crédits K. Watanabe.
Titre Fig. 19 – Marca incisa su un ansa della tomba 13 bis (n. 13 bis).
Crédits K. Watanabe.
Titre Fig. 20 – Marca incisa su una tazza della tomba 14 (n. 14).
Crédits K. Watanabe.
Titre Fig. 21 – Marca incisa su una situla della tomba 15 (n. 15).
Crédits K. Watanabe.
Titre Fig. 22 – Marche incise su un piatto della tomba 16 (n. 16a, b, c).
Crédits K. Watanabe.
Titre Fig. 23 – Graffito su un piatto della tomba 17 (n. 17.1).
Crédits K. Watanabe.
Titre Fig. 24 – Marca incisa su una tazza della tomba 17 (n. 17.2).
Crédits K. Watanabe.
Titre Fig. 25 – Marca su una scodella della tomba 17 (n. 17.3).
Crédits K. Watanabe.
Titre Fig. 26 – Marca su una coppa della tomba 19 (n. 19.1).
Crédits K. Watanabe.
Titre Fig. 27 – Alfabetario su una fusaiola della tomba 19 (n. 19.2): a. disegno, b. fotografia.
Crédits Disegno K. Watanabe, foto L. Kruta-Poppi.
Titre Fig. 28 – Marca su un piatto della tomba 22 (n. 22.1).
Crédits K. Watanabe.
Titre Fig. 29 – Graffiti su un piatto della tomba 22 (n. 22.2a, b, c e d).
Crédits K. Watanabe.
Titre Fig. 30 – Graffiti incisi su un’olla della tomba 23 (n. 23a, b, c e d).
Crédits K. Watanabe.
Titre Tabl. 1 – Tabella riassuntiva dei segni.
Crédits Chr. Bailly.
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Dominique Briquel et Luana Kruta Poppi, « Le tombe con marchi del sepolcreto di via Sabotino a Bologna », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité, 131-1 | -1, 137-175.

Référence électronique

Dominique Briquel et Luana Kruta Poppi, « Le tombe con marchi del sepolcreto di via Sabotino a Bologna », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 131-1 | 2019, mis en ligne le 30 juin 2019, consulté le 19 février 2020. URL : http://journals.openedition.org/mefra/7545 ; DOI : https://doi.org/10.4000/mefra.7545

Haut de page

Auteurs

Dominique Briquel

École Pratique des Hautes Études, Parigi – dominique.briquel@gmail.com

Articles du même auteur

Luana Kruta Poppi

École Pratique des Hautes Études, Parigi – vkruta@sfr.fr

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals