Navigation – Plan du site
Varia

L’onomastica nella ricostruzione del lessico: il caso di Retico ed Etrusco

Simona Marchesini
p. 123-136

Résumés

La recente pubblicazione nel 2015 del corpus delle iscrizioni retiche, Monumenta Linguae Raeticae, corredato di indici lessicali e inversi, ha consentito riesaminare le evidenze onomastiche emerse dall’analisi delle iscrizioni. Sono stati isolati così elementi di onomastica non retica, nello specifico venetica, celtica ed etrusca. Nel caso dell’Etrusco, l’analisi ha rivelato che le basi onomastiche erano molto più cospicue delle altre, pur non essendovi traccia di presenza stanziale di Etruschi in area Retica, se non come frequentazione e scambi culturali e commerciali. L’analisi comparativa del Retico con l’Etrusco, possibile a partire dalla scoperta, circa venti anni or sono, della relazione genealogica tra le due lingue, consente oggi di lavorare anche in senso «etimologico», pur non potendo rintracciare, nella maggior parte dei casi, l’aspetto semantico dei temi indagati. Ma dato che ogni tema onomastico è in origine un appellativo, le due lingue hanno sviluppato, a partire dalla stessa base semantica, temi onomastici simili, anche se a volte non coincidenti. La presenza di onomastica di tipo etrusco in area retica si spiega così con il lessico originariamente comune alle due lingue.

Haut de page

Texte intégral

1Negli anni recenti si sono compiuti passi sostanziali nella ricostruzione del Retico e nella sua relazione genealogica con l’Etrusco. Entrambe lingue non indoeuropee, formano assieme al Tirrenico attestato presso l’Isola di Lemnos, una comune famiglia linguistica, denominata «Tirrenico comune» (Ur-Tyrsenisch nella terminologia di H. Rix 1998). In particolare l’edizione di ben due corpora epigrafici, uno cartaceo (edito da chi scrive: Monumenta Linguae Raeticae = MLR) e l’altro online (Thesaurus Linguae Raeticae, a cura di S. Schumacher = Thes), consentono una rapida individuazione di lemmi. La pubblicazione dell’insieme di iscrizioni e l’individuazione di morfologia condivisa con l’Etrusco consente una divisio verborum sempre più affidabile e basata su base statistica.

L’ermeneutica nell’individuazione della famiglia linguistica Tirrenico Comune

  • 1 Rix 1998.

2Quando si cominciò a studiare l’epigrafia retica in modo linguisticamente «moderno», a partire da H. Rix1, ci si accorse di una serie di corrispondenze tra Etrusco e Retico, che non presentavano carattere di casualità: secondo Rix infatti, il sistema onomastico, il sistema verbale, alcune parole isolabili, ma soprattutto il sistema fonologico delle due lingue erano molto simili. Si delineava una costellazione di tratti condivisi che difficilmente poteva essere attribuita a coincidenza fortuita. Rix descrisse questa scoperta in una piccola monografia pubblicata presso gli Innsbrucker Beiträge zur Sprachforschung dal titolo «Rätisch». Era l’anno 1998.

3Per la sua analisi, Rix si basava su un corpus (redatto in lingua tedesca), pubblicato nel 1992 da Stefan Schumacher. Il corpus non conteneva fotografie, solo pochi disegni, quindi la lettura delle iscrizioni o divisio verborum proposta dall’autore non era sempre verificabile, ma costituiva una base documentaria completa dalla quale si poteva partire per una riflessione fondata sulla lingua retica. Lo stesso Schumacher riprese – confermandole – le osservazioni di Rix in un convegno tenutosi a Trento nel 1993 (pubblicato nel 1999).

  • 2 Marinetti 2000.
  • 3 Marinetti 2003 e 2005; Marinetti 2004.
  • 4 Marinetti 1990-1991.
  • 5 Marinetti 2011.
  • 6 Marinetti 1987.
  • 7 Marinetti 1992.
  • 8 Marinetti 2002.
  • 9 Marinetti – Voltolini 2013.

4Per molti anni, fino al 2012, i pochi aggiornamenti epigrafici sono stati pubblicati da Anna Marinetti. Si tratta di iscrizioni provenienti in gran parte proprio dai siti veneti dell’epigrafia retica: Montorio2, San Briccio di Lavagno, San Giorgio di Valpolicella3, Castelrotto4, Bostel di Rotzo5 o della riedizione ad esempio del noto «spiedo» da Ca’ dei Cavri6, oltre che delle iscrizioni provenienti da S. Lorenzo di Sabato in Val Pusteria7; anche il catalogo della mostra di Montebelluna-Cornuda presentava schede di iscrizioni retiche8. Alcune corna di cervo e ossi animali iscritti dall’area vicentina sono stati pubblicati recentemente nel catalogo della mostra di Padova «Venetkens»9.

5Nel 2012 è iniziato a Verona un progetto di ricerca volto alla ricognizione di tutte le iscrizioni edite e inedite di area retica, terminato nel marzo 2015 con la pubblicazione dei Monumenta Linguae Raeticae ad opera della scrivente, in collaborazione con l’archeologa trentina Rosa Roncador. Nel 2013, in parallelo, Stefan Schumacher, con un team dell’Università di Vienna, ha iniziato la redazione di un corpus online delle iscrizioni retiche. Il progetto si è da poco concluso; il database in formato wiki è in formato open source10.

6Negli ultimi anni vi sono stati dunque sensibili passi avanti nello studio di questa lingua – estesa dal Veneto occidentale, al Trentino-Alto Adige, al Tirolo, alla Bassa Engadina – dovuti anche alla scoperta di nuove iscrizioni che hanno consentito di confermare o in alcuni casi di delineare nuovi tratti linguistici del Retico, ma soprattutto di procedere con l’analisi anche su base comparativa.

  • 11 De Simone – Marchesini 2013.
  • 12 Tomedi et al. 2006.
  • 13 Recentemente D. Schürr (Schürr 2014, p. 213-214) ha riletto l’iscrizione di Demlfeld ribaltando co (...)
  • 14 Su cui cfr. De Simone 2009a.

7La pubblicazione in un volume miscellaneo del 2013 di una lamina di bronzo iscritta in 5 righe in lingua retica11, rinvenuta dagli archeologi dell’Università di Innsbruck a Demlfeld nel 200612, ha fornito nuovi spunti di ricerca e nuovi progressi di ermeneutica linguistica. La lamina, affissa probabilmente su un palo all’interno di un luogo di culto pubblico (si tratta di un rogo votivo o «Brandopferplatz», che nell’analisi di G. Tomedi potrebbe richiamare una sorta di fanum di ambito latino-italico), registra la dedica di un Kleimunte agli Avašuera, entità plurale, la cui determinazione rimane attualmente sub iudice (entità divina? umana?). I termini tecnici di tale dedica sono il nome verbale «upiku», da riferire probabilmente all’oggetto votivo dedicato, il «pertinentivo» del destinatario della dedica (prossimo ad un dativus dedicationis), cioè gli Avašuera, e l’ablativo del dedicante Kleimunte13. Da notare che la doppia espressione di nome individuale in ablativo /nome individuale in pertinentivo non lascia dubbio, nel caso in questione sulla funzione sintattica di entrambi i morfemi: uno per il dedicante, uno per il dedicato. Il verbo tauke, se accettiamo la epsilon finale (ma si veda nota 12) esprime il preterito/passato caratterizzato dal morfema -ke, presente in Etrusco, in Retico e nel Tirrenico di Lemnos14.

  • 15 Su Lemnos, si veda da ultimo Ficuciello 2013.
  • 16 De Simone 2009a.

8Nel 2009 era stata resa nota e commentata linguisticamente da Carlo de Simone una pietra iscritta proveniente dal santuario di Efestia a Lemnos15, nell’Egeo settentrionale, il cui testo costituisce un perfetto pendant linguistico della tipologia formulare di dedica come conosciamo dall’area etrusca e ora anche da quella retica. Vi si legge infatti htaonosi heloke | soromš aslaš dove htaonosi si presenta subito con un morfema di pertinentivo ad esprimere il destinatario della dedica, heloke come un tema verbale di preterito in -ke (3a persona) con probabile valore «ha innalzato», «ha eretto» (cfr. eca Velθinaθuras θaura helu tešne rasne del cippus Perusinus nel III-II sec. a.C. «questa dimora [eterna?] della famiglia Velθina [è stata] eretta in territorio pubblico»16. Per le voci soromš e aslaš, l’identificazione si presenta più difficile, non avendo questi due lemmi corrispondenze in ambito etrusco. Un’identificazione nella sfera del soggetto/complemento oggetto è assai probabile, anche perché nell’enunciato manca il soggetto o l’agente dedicante.

9Cosa hanno queste iscrizioni in comune? Cosa hanno Etrusco, Retico e Lemnio o la lingua delle iscrizioni di Lemnos in comune? Se vediamo alcune iscrizioni di dedica e di dono nelle tre lingue ci accorgiamo di come non tanto la formularità, che è simile in tante lingue antiche e moderne, ma la sua espressione morfosintattica è sostanzialmente corrispondente. Sono gli stessi i pertinentivi, i nomi verbali esprimenti l’oggetto di dedica, i preteriti verbali.

I tratti comuni emersi dalla comparazione

  • 17 Marchesini 2012, 2014a e 2014b.

10I tratti ricostruiti da Rix e confermati negli ultimi anni grazie anche alla pubblicazione di altre, nuove iscrizioni dal territorio epigrafico retico (in particolare da San Zeno, Sottopedonda in val di Fiemme, Cles e Vadena)17 riguardano non solo la morfosintassi, ma anche altri aspetti linguistici, che investono caratteri fonologici (come ad esempio mancanza della vocale velare /o/ o della serie sonora delle ostruenti), morfologici (genitivo in –s, pertinentivo in –si o –iale, ablativo in –is), morfosintattici (ad es. uso del nome verbale in –u con corrispondente sintassi di pertinentivo dell’oggetto indiretto e ablativo del donanante), tipologici (posizione dei costituenti nella frase) e antroponimici (presenza di patronimico in –nu/-na).

Il lessico comune

  • 18 Cfr. su questo aspetto Marchesini 2013b.
  • 19 Coppin 2008; Campbell 2003, p. 264; Clackson 2007, p. 18; Aikhenwald – Dixon 2001, p. 7.

11Quando cerchiamo le corrispondenze lessicali, le catene di parole «sorelle» che siamo soliti rintracciare nella comparazione di altre famiglie linguistiche, rimaniamo delusi. È da ricordare che non sempre lingue genealogicamente imparentate consentono di individuare, nel lessico, le tracce evidenti ed estese della comune origine. D’altro canto, non si può ricostruire una comune genealogia tra lingue basandosi unicamente sul lessico, spesso fuorviante e intrappolato dei «falsi amici»18. Nel caso delle lingue di frammentaria attestazione, è molto difficile individuare nei testi a disposizione le parole di uso comune come «casa», «acqua», «fuoco», «mano» etc., ovvero quel basic vocabulary individuato dalla glottocronologia che dovrebbe restituire dei riferimenti cronologici sulla separazione tra lingue19.

  • 20 Il segno a freccia , presente nell’alfabeto di Sanzeno e assente nella sua variante (più tarda) d (...)

12La maggior parte delle 300 iscrizioni retiche o delle oltre 11.000 iscrizioni etrusche riportano nomi di persona, termini di dedica privata o votiva e in casi più fortunati, come in alcuni documenti etruschi più lunghi, termini giuridici di delimitazione di territori o calendari rituali. Le iscrizioni retiche non hanno restituito nessuno di questi documenti: solo antroponimi, qualche verbo, poche altre parole di significato sconosciuto, e in gran parte marchi e sigle alfabetiche e numeriche. L’Isola di Lemnos, per parlare del Tirrenico, ha restituito la nota stele di Lemnos, l’iscrizione di Ephestia e alcune iscrizioni minori con poche lettere. Su questa base documentaria le corrispondenze lessicali si contano sulla punta delle dita. Come comparazioni proposte si possono citare ret. [e]luku > cfr. con etr. ilucu della Tabula Capuana «vittima sacrificale», «sacrificio» (?); ret. ↑al20 > cfr. etr. zal «due», ↑inake > etr. zinace/ke «ha prodotto» (con scambio semantico?); sφura > cfr. etr. spura «città» (?).

  • 21 In realtà vi sono delle possibilità di lettura alternativa per l’attestazione sulla stele di Lemno (...)

13Per le concordanze Etrusco-lingua dell’Isola di Lemnos, alcuni casi noti sono:
– tirrenico avis «anno»: cfr. etr. avils «anni»;
– tirrenico sivai «ha vissuto» (ziv-: «vivere»): cfr. etr. zivas «essendo vissuto»;
– per i numerali va ricordata la proposta, ancora discussa, di identificare il mav «cinque» della stele di Lemnos con l’etr. maχ «cinque», mentre śialχveis/śialχvis, numerale per «quaranta», è confrontabile con etr. śealχls («quaranta»)21.

  • 22 Liv., 5, 33, 5.

14Eppure, a dispetto delle attestazioni epigrafiche, le fonti antiche portano testimonianza della somiglianza tra Etrusco e Retico: ai tempi di Tito Livio l’affinità linguistica tra i due popoli era ben percepita, come riporta il passo dell’Ab Urbe condita22:

Alpinis quoque ea gentibus haud dubie origo est, maxime Raetis, quos loca ipsa efferarunt ne quid ex antiquo praeter sonum linguae nec eum incorruptum retinerent.

15Se vogliamo fare un’ipotesi sulla cronologia della separazione tra Retico ed Etrusco nell’ambito della famiglia linguistica che per ora abbiamo denominato «Tirrenico comune», dobbiamo risalire sicuramente ad un periodo precedente l’età del Bronzo. Data la continuità di tradizioni culturali e materiali che caratterizza le popolazioni dell’Italia centrale e alpina durante l’età del Ferro e ancor prima durante l’età del Bronzo, con l’eccezione forse del fenomeno delle Terramare nella pianura Padana durante la Media Età del Bronzo (1650-1350 a.C.), la comune origine della famiglia linguistica è da collocare in tempi più antichi, almeno all’età neolitica ed eneolitica, quando la maggior parte delle popolazioni europee si stanzia in quelle che diventeranno poi le successive sedi storiche. Allo stato attuale della questione, più che fare una proposta concreta sulla cronologia, possiamo solo escludere ciò che non può essere ragionevolmente sostenuto.

Lessico fossilizzato nei propria

  • 23 Rix 1998; De Simone 2013.

16In questo quadro epistemologico, in cui tutte le «vacche» lessicali sono nere, un inaspettato aiuto viene dall’onomastica, soprattutto ora che molte più voci sono state isolate all’interno delle iscrizioni. I criteri di individuazione di nomi personali all’interno delle catene continue di scrittura retica sono di triplice natura:
– la morfologia: le unità lessicali sono state isolate individuando i morfemi riconosciuti con metodo comparativo: -is per l’ablativo, -si o -ale per il pertinentivo, -s per il genitivo, presenti in tutte e tre le lingue della famiglia linguistica Tirrenico Comune;
– la morfosintassi dell’enunciato, soprattutto in casi di dedica, in cui sia presente un verbo in caso preferito -ke/-χe (i due morfemi sono isofunzionali in Retico e non opposti nella diatesi come in Etrusco)23 e un nome verbale come upiku, eluku, termine tecnico del testo di dedica, che insieme consentono di individuare destinatario della dedica e dedicante;
– comparazione con altri repertori onomastici: il confronto con i repertori onomastici più noti, in prima istanza quello etrusco, ma anche venetico e celtico, consente di identificare le basi onomastiche da cui il nome è derivato o su cui si forma.

17Questi parametri identificativi sono talvolta co-occorrenti, così che costituiscono un’evidenza «potenziata».

18Uno dei primi assunti delle scienze onomastiche è che ogni nome proprio – con l’eccezione dei nomi di lallazione – affonda le sue radici nel lessico (nomi comuni): al momento della sua costituzione, ogni nome di persona o di luogo ha un significato (si dice che è semanticamente trasparente), che poi perde nel corso della storia per diventare semanticamente opaco. Non sempre quindi, in sincronia, il portatore del nome è consapevole del suo significato.

  • 24 Per un quadro di insieme si veda Coseriu s. d.

19Questo aspetto che chiameremo «etimologico» si dimostra, nel caso di ricostruzione di lingue di frammentaria attestazione, come un utilissimo strumento di indagine. È proprio nell’onomastica dunque, considerata un po’ come la «cugina povera» del lessico in ambito comparativo, che possiamo trarre elementi utili per una ricostruzione lessicale tra lingue imparentate ma di remota scissione24.

  • 25 Untermann 1961, s.v.
  • 26 Marchesini 2012.
  • 27 Marchesini 2014a.
  • 28 Schumacher 2009.

20Analizzando per l’occasione di un convegno lionese del 2015 il repertorio di nomi stranieri in area retica, ho identificato alcuni casi:
– nomi di origine ed etimologia venetica, come ad esempio Valtikinu a Magrè, da confrontare con il venetico nome individuale/prenome Voltions, Voltiomnoi, Voltiommnoi a Este, Volsomnos a Lagole, o con i nomi aggiunti Voltiomnioi, Voltiomnia a Este, da una radice *volt-; o ancora Pitamnuale a Bressanone che trova un pendant nel venetico *Pittamnos25;
– di origine celtica sono il teonimo Taranis in val di Fiemme, dal dio celtico del tuono Tarani26; o, nell’onomastica personale Vitamu a Vadena (Pfatten, BZ)27, che può essere analizzato – come ha suggerito T. Markey – come *windaṃo < *wind-mo: cfr. celt. windo-, «bianco» o «nobile», seguito da un suffisso di superlativo -ṃo-, con il significato di «il più nobile», cfr. per un esempio parallelo lat. Clarissimus) o Esumne a Cles, da confrontare con una ricca «Sippe» onomastica celtica che va da Exobnos, Exobna a Exomnus, Exomniacus, Esopnio e varianti (prefisso privativo ex(s)- e un tema -obnos, assimilato in -omnos (assimilazione regressiva -bn- > -mn-), con il significato «paura», da cui «senza paura»;
– ad etimologia greca rimanda probabilmente Xaristu (χαρισ- (?), da confrontare forse con Χαριστώ, attestato ad es. a Mileto; cfr. LGPN VB), nome penetrato in area retica forse per tramite venetico/alto adriatico; del resto la stessa presenza greco-venetica in area retica è documentata anche dal nome di origine greca VHILONE.I. = Filonei scritto in caratteri venetici su un cavallino di avorio dal santuario di Demlfeld28;
– ad ambito latino-italico sono da riferire Remie/Remina, da confrontare con il latino Remi, o Metinu, da porre in relazione con il latino-italico Mettius, osco Metiis etc.

  • 29 Su cui cfr. anche Marchesini – Roncador 2016. Da ultimo si veda sulla necropoli e sulla questione (...)
  • 30 Sassatelli 2013.
  • 31 Marzatico 1999, 2000, 2001, 2004, e soprattutto 2012.
  • 32 Tecchiati, Rizzi 2014.

21Se andiamo alla ricerca di nomi con radice/temi etruschi, vediamo che il dato statistico cresce sensibilmente, senza che però crescano anche i dati della cultura materiale. Ovvero, se in area retica abbiamo oggetti e addirittura necropoli a forte matrice celtica, come quella di Vadena29, mancano le consistenti attestazioni di cultura materiale direttamente imputabili a una presenza etrusca. Eppure sappiamo che al di là delle Alpi doveva giungere materiale per banchetto e vino etrusco, come hanno documentato recentemente diversi contributi a carattere archeologico, ad esempio di Giuseppe Sassatelli30 o di Franco Marzatico31, per citarne alcuni. Inoltre a Stufles (Bressanone), nella casa delle Botti e delle Ruote, Umberto Tecchiati e Gianni Rizzi hanno individuato una struttura per la quale hanno proposto come ipotesi funzionale quella di un avamposto etrusco per lo smercio del vino alle popolazioni d’oltralpe (V sec. a.C.)32. Questi contatti degli Etruschi con il mondo Alpino ci fanno supporre anche la presenza, forse sporadica, di Etruschi in area retica, non tali però da giustificare la frequenza e la qualità dei temi onomastici etruschi. Nell’analisi che segue cercheremo di identificare, dove possibile, antroponimi etruschi adattati in Retico, segno di mobilità personale, da temi derivati dal lessico comune con sviluppi autonomi in entrambe le lingue.

  • 33 Untermann 1959, p. 86 n. 16.
  • 34 Rix 1998, p. 12.
  • 35 Marchesini 2013a.

22Tuttavia, prima di entrare nell’analisi dettagliata, dobbiamo ricordare alcune regole di commutazione tra le due lingue individuate fino ad oggi:
– fonologia: etr. <c>/<k> (arcaico <k> davanti a e/i in Etruria meridionale; <k> in tutte le occorrenze in Etruria settentrionale) corrisponde al retico <k> o <χ>, in cui l’oscillazione tra kappa e chi non sembra realizzare una opposizione morfologica, come dimostrano le scritture ᛒinake (MLR 64) / ᛒinaχe (MLR 59) entrambe utilizzate in diatesi attiva (cfr etr. Acvilnas: rhét. akvile, ou aχvile; etr. rec. Melca: rhét. melχa);
– onomastica: -nu per il patronimico maschile retico corrispondente a -na in etrusco. La corrispondenza, già individuata da J. Untermann33 e poi sostenuta da H. Rix34 era emersa grazie al confronto tra il suffisso latino gentilizio -no, attestato a Cles con Q. Tenagino Maximus, e il locale -nu attestato ad esempio in Valtikinu, Φutikinu etc. Da questo è derivata l’ipotesi, avanzata da Rix, di una probabile differenziazione tra maschile -nu e femminile -na, parimenti attestato nel nome aggiunto di molte iscrizioni;
– onomastica: assenza in Retico – almeno allo stato attuale della documentazione – del suffisso di mozione -i per identificare il femminile nell’onomastica35, attestato in Etrusco come probabile riflesso di contatti avvenuti tra questa lingua e quelle dei popoli italici di lingua indoeuropea.
Passiamo ora all’analisi di alcuni termini onomastici.

]akvile (MLR 143)

  • 36 Nella nuova edizione Etruskische Texte di Meiser – Rix 2014 (= ET) si legge aville.
  • 37 Sulla corrispondenza etr. Acvilna: lat. Aquilius cfr. Ampolo 1975 (sul piano storico) e de Simone (...)

23In Retico sono note al momento tre attestazioni di akvil: da Sanzeno nella forma ]aχvile (MLR 143), senza cronologia determinabile, comunque inquadrabile nella seconda età del Ferro (VI-I sec. a.C.); akvil sulla paletta di Padova (MLR 80), datata al VI-V sec. a.C. e infine la forma aχvili (MLR 273) su un bronzo da Settequerce (BZ) datato tra la fine VI e la metà del V sec. a.C. A Settequerce aχvili è seguito da Piperisnati, ancora con -i finale, in una formula onomastica contraddistinta da prenome seguito da nome aggiunto (patronimico). Dato che finora, come dicevamo sopra, non è stata individuata una ricorrenza sistematica di -i come suffisso di mozione, una possibile spiegazione è che l’iscrizione retica (come si capisce dal termine di dedica utiku) designi una donna proveniente dall’Etruria, che in quanto tale porta un nome femminile contrassegnato da mozione -i. In ambiente linguistico etrusco, si ha invece il gentilizio *Acvilna, attestato a Veii e a Volcii in tre iscrizioni di dedica, probabilmente ad opera dello stesso personaggio Avile Acvilnas (a Veii: CIE 6416 = ET, Ve 3.7 [min]e muluvenice avilịe acvilnas̓ della prima metà del VI sec. a.C.36; a Vulci CIE 11258 = ET Vc 3.4, del secondo quarto del VI secolo, mine muluvene avile acvilnas̓, e ancora a Vulci CIE 11259 = ET Vc 3.5, coevo al precedente, mine muluvenịc̣e av[ile acvil]nas̓) costruiti da una radice acvil-. L’attestazione retica ci fornisce dunque la base onomastica comune, attestata in Etrusco solo da sviluppi secondari del nome. Significativo inoltre è il fatto che in Retico il nome sia documentato tre volte in contesti diversi, mentre in Etrusco è lo stesso personaggio ad essere indicato su tre supporti diversi. La nuova evidenza retica consente forse anche di ripensare alla corrispondenza di questo nome con il gentilizio latino Aquilius (C. Aquilius Tuscus console nel 487 a.C.). Secondo le regole di interscambio onomastico il gentilizio latino fu ritenuto corrispondente all’etrusco Acvilna. L’etimologia latina aquilus «scuro»: h2ekw- e le diverse attestazioni in ambito indo-europeo come il toponimo Aquileia, il nome di fiume Aquilo, il coronimo Aquilonia presso gli Hirpini potrebbe far presupporre ad una direzione di imprestito latino> etrusco37.

Kapaśunu (MLR 151)

24Su una placchetta di bronzo in forma di pesce dall’area sacra dei Casalini di Sanzeno (TN), è praticata su due righe l’iscrizione a) laspatianuesiunne b) pipiekapaśunu. Sul retro appiattito si legge la serie di sigle Image tratto comune al gruppo cospicuo di questi piccoli oggetti, la cui ultima funzione ancora è dibattuta. Laspatianu ed Esiunne appaiono come formula onomastica invertita espressa al nominativo, in cui il patronimico in -nu Laspatianu (:*Laspatia-nu) è anteposto al nome Esiunne. La seconda formula onomastica, Pipie Kapaśunu, è invece espressa in modo regolare, con prenome seguito da patronimico. Quest’ultimo appare costruito con il suffisso -nu da una base *Kapaśu. In ambito etrusco troviamo una vera e propria famiglia onomastica derivata dal nome (originario appellativo?) *capV (V = vocale), tutte documentate in età recente.

  • 38 Su cui recentemente si veda il volume miscellaneo dedicato Bellelli – Xella 2015-2016.
  • 39 L’iscrizione è purtroppo dispersa e nota solo da un apografo del PID, che riporta i due grafemi M (...)
  • 40 Sui diminutivi etruschi, oltre ad Agostiniani 2003 si veda più recentemente anche Van Heems 2008.

25Le testimonianze etrusche presentano, oltre ad un sostantivo arcaico in -e cape, attestato nella lamina di Pyrgi nel V sec. a.C. (ein men[p]e cape mi nuna.)38, casi recenti nel cippo di Perugia nel III/II sec. a.C. (hinθa cape municlet masu), una base onomastica *capV-, da cui sono derivati i gentilizi Capane di Perugia (CIE 3695 = Pe 1.213 θana capane la), il femminile Capani (CIE 3696 aule capani la), entrambi di età recente. La vocale di Capane, essendo le voci di età recente, può essere dovuta ad anaptissi. È però da aspettarsi un’alternanza tematica già arcaica -a: -e come ad esempio in Velχa: Velχe, *Papa (attestato nelle forme papas e papaś): Pape, Tite: Tita. Si fa presente che in retico l’elemento -śu appare come terminazione di altri lemmi, purtroppo frammentari nella loro parte iniziale, come ]iśnaśu in MLR 98 dal Bostel di Rotzo (VI)39 e [- - -]śu nella sequenza ]eiluke[- - -]śu di MLR 47, su corno di cervo frammentario da Magrè (Vicenza). In entrambi i casi il morfema appare in fine di parola, per cui appare lecito considerarlo come suffisso derivativo, di valore per noi ignoto. La posizione di -śu prima del morfema -nu di patronimico ci fa ipotizzare che sia un modificatore della base, con probabile valore diminutivo/vezzeggiativo. Allo stesso modo nell’onomastica etrusca il suffisso diminutivo -za viene aggiunto alla base onomastica prima dei morfemi di funzione sintattica: cfr. Larθuzale (*Larθuza-le, con morfema di pertinentivo dopo il suffisso diminutivo -za)40.

Klanturus (MLR 22)

  • 41 Rix 1963, p. 265-267.

26Il nome è attestato su un cinturone di lamina di bronzo da Campolino/Lothen (BZ), datato tra la metà del V e la metà del III sec. a.C. L’iscrizione si legge: χai Imageφelturies kala hepruśi ahil klanturus Image. La lamina di bronzo, decorata con teoria zoomorfa, si data tra V e IV secolo a.C.; l’iscrizione incisa con tratto molto sottile sul retro della lamina, si data epigraficamente nella fase Sanzeno II, tra la metà del V e la fine del III secolo a.C. L’esecuzione poco curata del testo lungo i bordi della lamina rettangolare, con una infelice dispositio dei quattro elementi testuali, uno per lato, con sigle apposte sui lati brevi e testi più consistenti lungo i lati lunghi, tutti destrorsi, portano a supporre un testo non in fase con la decorazione del cinturone incisa sul lato esposto alla visione, assai curata ed eseguita con tratto profondo. Questo potrebbe giustificare uno sfalsamento temporale tra datazione stilistica e quella epigrafica. Per esigenze di spazio ci concentriamo sul solo nome Klanturus, che appare iscritto nel testo c), lungo il bordo inferiore della lamina. Il nome appare isolato, ed è lecito pensare che costituisse una unità testuale a sé stante, unica attestazione del lemma in ambito retico. Da un punto di vista comparativo, balza agli occhi l’uscita in -tur, come in etr. Latur, Veltur/Velθur, Śertur, *Zeltur. Da notare che i nomi uscenti in liquida l/r aggiungono una vocale -u- prima dell’aggiunta del morfema che segue (: Laturus, Velturus, Zelturus). Così avviene anche per Klantur, espresso in retico evidentemente al genitivo (: klantur-u-s). Se poi ci vogliamo alle testimonianze etrusche, attorno al tema clan «figlio» (scritto klan ad Arezzo) si è sviluppata tutta la serie onomastica che vede Clante, Clanti, e i derivati Clantinei. Clanti/Clante era già stato individuato da H. Rix41 come caso particolare di cognome, ampiamente documentato (cfr. TLE) a Volterra, Chiusi, Chianciano, Palazzolo, Camporsevoli, Perugia. L’uso come appellativo di clanti/clante è per Rix evidente in alcune iscrizioni da Chiusi e da Tuscania, dove un significato di filius adoptivus (dal nome clan, «figlio») è assai probabile; conseguentemente, dall’appellativo si è passato ad un uso cognominale, ad indicare un ramo secondario di una famiglia nata da adozione. Una volta diventato cognome, Clanti/Clante potè essere usato anche come gentilizio. La doppia uscita -i/-e è già negli appellativi (con differenziazione non chiara secondo Rix) e si ripercuote anche nell’onomastica derivata. La forma Clantinei appare come cognome femminile a Chiusi. La formazione retica in -tur a partire da una base appellativa clan è autonoma e non attestata in Etrusco. Questo potrebbe confermare una generazione locale del nome a partire dall’appellativo, piuttosto che di un individuo etrusco presente in area retica.

Klevie (MLR 51)

  • 42 Cristofani 1986.
  • 43 Su questo aspetto cfr. Marchesini 2011, p. 382-383. Sui cohering suffixes si veda ad esempio Booij (...)
  • 44 Sulla famiglia onomastica derivata da *curtu cfr. Marchesini 1997, p. 143-144.

27Il nome Klevie è attestato in un’iscrizione su corno di cervo da Magrè, loc. Castello, datata in base a contesto archeologico tra III e II sec. a.C. I due frammenti ricomposti di corno provengono da una probabile area cultuale. L’iscrizione è praticata sulla parte convessa dell’osso, secato in senso longitudinale e fornito di un foro passante ad una estremità. Il testo, scritto con ductus destrorso e cambio di verso (capovolto) da metà in poi, si legge klevieva.ḷ|tikinuasua. Sulla faccia opposta è incisa in modo assai regolare la sigla Image. Nei MLR abbiamo proposto la lettura klevie valtikinu asua. Se per il patronimico Valtikinu possiamo individuare un’etimologia venetica (cfr. supra) e la voce asua deve rimanere ad oggi sub iudice, il prenome Klevie può trovare dei pendants nell’onomastica etrusca. Qui troviamo sia la voce cleva con il suo derivato clevana, più volte attestati nel Liber Linteus (VII, 11: aisna clevana) e nella Tabula Capuana (CIE 8682: alla r. 4 si legge cim cleva acasri halχtei vacil, quindi in connessione con il numerale ci «tre») sia il gentilizio etrusco Clevsina (: *clevsi-na), più volte messo in relazione con il nome della città di Chiusi (: *Clevsi)42. Senza togliere niente alla restituzione romana di Clevsi come Clusium, si fa presente che il gentilizio Clevsina di per sé non costituisce etnico (espresso in Etrusco dai suffissi -θe/-te), ma è formato con il classico morfema patronimico («echte Gentilname» nella terminologia di H. Rix). Piuttosto è da chiedersi che tipo di formazione sia alla base del nome etrusco e come si sia formato a partire dalla base *klev- appena ricostruita come eredità comune tra le due lingue. Escludendo che il morfema -si fosse attivo come pertinentivo al momento della formazione del gentilizio (nella catena agglutinante etrusca non si costruisce pertinentivo + gentilizio ma il contrario), rimane la possibilità che il pertinentivo fosse suffisso coeso (cohering suffix)43 all’appellativo *klev-, a cui in seguito, fossilizzatosi il nome assieme al suo suffisso (con significato di «al klev») e divenuto semanticamente opaco, ha potuto aggiungere a destra il suffisso -na. La trafila deve essere stata *klev- (appellativo) > *klev-si/kleu-si (appellativo in caso pertinentivo) > *klevsi-na con suffisso -na tipico sì del patronimico ma impiegato in Etrusco anche come suffisso di derivazione o appartenenza (cfr. Φersu > φersu-na: «la maschera di Φersu»; *Curtu > Curtu-na, toponimo «Cortona»)44. Alla base del tema *klev- potrebbe stare l’appellativo contabile della tabula capuana (cim cleva), di cui ignoriamo il significato. Si confrontino, solo a scopo esemplificativo, i cognomi ital. Dal Prato (che può essere utilizzato in un sintagma nominale unito ad una preposizione: «sono stato invitato dai Dal Prato»), o Li Destri, de Pace, o Perdomini (*per-domini), Della Porta, Da Porto etc. o fr. La Tour, Larochelle, de Coubertin, Des Ormeaux etc. Non sempre il prefisso indica la provenienza geografica (da) o la discendenza patronimica (de, dei etc.), come si vede in casi come Perdomini o quelli francesi con articolo come Larochelle, in cui la preposizione o l’articolo possono avere scopo deittico/identificativo «quello di» o derivare da sintagma che esprime la gratitudine (di ambito devozionale) come in Perdomini, Graziaddio etc. L’attestazione retica del nome ha portato a riconsiderare la serie etrusca.

Latur (MLR 251); Laturusi (MLR 160)

  • 45 Marchesini 2014b, p. 135.
  • 46 Cfr. ad esempio Velθur: Velθur-u-si per i nomi in -r e Venel: Venel-u-si per quelli in -l.

28Il nome Latur è attestato in Retico sia nella forma in assolutivo (= nominativo/accusativo) nell’osso animale dal Ganglegg di Sluderno/Schluderns (BZ), datato epigraficamente alla fase II di Sanzeno, ovvero tra la fine del V e la fine del III sec. a.C. Nell’osso si legge lumene χa/XA(?) (antroponimico seguito da numerale?) su una faccia dell’osso e latur sull’altra faccia, probabile prenome. La seconda attestazione proviene da Sanzeno, dove una statuetta di bronzo di guerriero con elmo reca iscritto sulla base il testo laturusipianusapanin, da dividere in laturus pianus apanin. Per l’interpretazione di questo testo rimando a quanto ho già scritto nel 201445. Qui il tema è realizzato al caso pertinentivo, con consueta inserzione di -u tra tema e suffisso -si, tipica dei nomi in liquida, fenomeno ampiamente attestato in Etrusco46. Il pertinentivo si giustifica nell’ambito del testo di dedica, dove apanin potrebbe essere l’oggetto della dedica e Pianus il proprietario/dedicatario dell’oggetto espresso in genitivo -s. In ambito etrusco si hanno al momento due attestazioni del tema onomastico: una proviene dall’Emilia, Spina, su un vaso di ceramica datato tra la fine del IV e l’inizio del III sec. a.C. (ET, Sp 2.53 = REE 49, nr. 8, p. 240). Qui il nome Latur è usato da solo e può essere considerato prenome. L’altra attestazione è di origine incerta. Si tratta di un testo iscritto su una kylix attica a figure rosse, che reca sul fondo i due graffiti a) ia e b) laṭuri. La -i di Laturi potrebbe indicare un suffisso di mozione e quindi fare del nome una variante femminile. Uno sviluppo più tardo può essere considerato il gentilizio femminile Latrnei di Chiusi (REE 73, 113 = Cl 1.501), se formato da *laturna-i, con sviluppo -na-i > -nei in laturne-i (cfr. i gentilizi Alfnei < *alfe-na-i, Cainei < *cai-na-i). Interessante si presenta in particolare l’attestazione padana del nome, sviluppatosi in ambito settentrionale (retico ed etrusco-padano) più che in quello meridionale (etrusco proprio). Sviluppi autonomi dunque nelle due lingue.

Melka/melka (MLR 60)

29In un corno di cervo da Magrè (VI), Loc. Castello, da uno strato carbonioso pertinente ad area cultuale, sono incise in scriptio continua le due parole ritan melka. La cronologia del testo è data dal suo contesto archeologico, che si colloca tra III e II sec. a.C. La divisio verborum è accreditata dalle numerose attestazioni di rit- (oltre a ritan sono attestati: ritie in MLR 48, ritie[ in MLR 43, ritie(i)? in MLR 63, e riImageie in MLR 62), lemma di cui si ignora il significato. Si può rilevare comunque che la parola compare esclusivamente su ossi di cervo, in gran parte deposti in aree cultuali. Per melka, che segue, non siamo sicuri della valenza onomastica. Manca infatti nell’iscrizione l’espressione del patronimico, prova incontrovertibile della formula onomastica. Anche l’uso antroponimico del termine che precede appare del resto poco sicuro, ritan, che invece può essere considerato prenome nella forma in -ie, seguita in MLR 48 da un patronimico Metinu (ritie metinu triahis). Se cerchiamo un confronto in ambito etrusco, troviamo solo dei derivati recenti nell’ager Senensis come Melcatarnal a S. Quirico d’Orcia (AS 1.276 = NRIE 203 = TLE s.v.) (a.petru.melcata2rnal) e le forme contratte Melctrna ad Asciano (AS 2.12) e Melctrnei a Montalcino (CIE 311 = AS 1.217). È lecito domandarsi se il melca attestato in area retica possa costituire il precedente della forma derivata etr. Melctrna (< *melcatarna?).

]perkusiale (MLR 165)

30Il tema *perk- è noto in Retico da una sola attestazione, in un’iscrizione su frammento di corno di cervo (MLR 165); pur essendo la porzione di testo non integralmente conservata nel suo inizio, si presume, in base alle misure del corno, che la porzione mancante non fosse molto consistente. Non è comunque da escludere che prima di ]perku vi potesse essere qualche altra lettera. I confronti con alcuni temi etruschi come perknal, percalinai, percumsna, percumsnei, porta a riflettere sulla possibilità che alla base di tutta la serie onomastica, sia etrusca sia retica, si debba ricostruire una base *perc-, sulla quale, autonomamente, le due lingue hanno costruito derivazioni onomastiche. Vediamo nel dettaglio le singole attestazioni.

  • 47 Sulla distribuzione tra i suffissi di pertinentivo -si e -ale cfr. Rix 1984, p. 227. Sul pertinent (...)
  • 48 L’edizione si deve a Poetto – Facchetti 2009; cfr. anche, sulle formazioni in -sie/-sio si veda de (...)
  • 49 De Simone 1970.

31Nella forma ]perkusiale, si riconosce un suffisso di pertinentivo -ale, ampiamente documentato in Etrusco e in Retico in alternanza con -si47. La sequenza che segue al r. 2, ]like, lascia presupporre una terminazione in -ke, possibile preterito di un verbo (con uscita del tema ]li-?). A farci pensare ad un preterito è il contesto determinato dall’oggetto stesso, una porzione di osso levigato e decorato ad una estremità con una filettatura a tre solchi terminante da una serie di trattini obliqui, quindi uno strumento raffinato che può essere divenuto oggetto di dedica. La presenza di un pertinentivo giustificherebbe anche un preterito in 3a persona. Seguono delle cifre, a distanza di pochi centimetri dalla voce ]like, lette dalla scrivente come IIVỊ. La serie di possibili sigle/numerali incisi in modo assai regolare sulla faccia opposta dell’osso, levigata e piatta, lette ]ahua:huφ̣r/l, non rimanda ad alcuno dei lemmi finora isolati. Il fatto che l’iscrizione sia sul retro dell’osso levigato fa pensare che la fruizione del testo fosse diversa dal testo della faccia levigata. Molti sono i casi, in area retica, di placchette di osso, ma soprattutto di bronzo, che presentano nella faccia convessa, conformata a pesce o ad altre figure teriomorfe, un’iscrizione di dono, mentre sul retro secato o appiattito ma non levigato mostrano segni numerici o alfabetici di difficile interpretazione. Quasi tutti questi oggetti sono forati ad una estremità. Una loro identificazione come pendenti, più che placchette da fissare su un supporto ligneo, sembra a mio avviso più probabile proprio in ragione delle sigle incise sul retro piatto dei manufatti, che non sarebbero state leggibili in caso di affissione. L’individuazione in Etrusco del suffisso derivativo -sia come possibile variante di -sio, attestato nell’aryballos (probabilmente) ceretano con l’iscrizione mi mlaχ larθus elaivana araθia numasianas (metà VII sec. a.C.), permette ora di individuare in -sia- di ]perkusiale la stessa forma. Se Numasiana è da analizzare in *Numa-sia-na laddove Numasia è nome derivato da Numa (cfr. il prenome lat. Numa)48, riconosciamo in -sia un suffisso derivativo produttivo perimenti in Retico e in Etrusco. Altre evidenze di formazioni in -sia in etrusco sono:
– per 3991, TLE2: se . casni . acesial, dove Acesial, metronimico (?) si forma dal PN *Ace, attestato in Campania nella forma in genitivo Aces (CIE 8709, TLE 13, aces, V sec. a.C.);
CIE 11069, TLE 2 arisia (VI sec. a.C.) graffito sul labbro di un’olla rinvenuta a Ponte dell’Abbazia (Vulci). I gentilizi recenti Arina, Arinei (ET, AT 1.157, Larθ Ainas; CIE 1159: θana : arinei) e Arini (CIE 687 + 2342: varie attestazioni di aθ : arini) sono costruiti su una base *Ari-. Il PN Arusia, attestato già alla fine del VII sec. a Vulci (CIE 11054 mi arụsịa meitunas), costituisce un pendant al nostro ]perkusia, essendo il suffisso -sia legato a tema in -u. La designazione di persone femminili mediante suffisso derivativo -sia rispetto al maschile -sio potrebbe essere confermata ad esempio da casi come Havasianns (integrabile probabilmente in Havasiann<a>s nell’iscrizione da Blera, 660-630 a.C., mi velelias havasianns: CIE 10441), considerato a tutti gli effetti un gentilizio maschile, ma preceduto dal PN femminile Velelia. Si confrontino gli esiti latini di nomi come Veleria (<*Vale-sia : m. Valesio-, usato come prenome e come gentilizio). La base perk- ricostruibile dall’attestazione retica compare ed è assai produttiva in Etrusco già arcaico in varie formazioni, sia in uscita -k che -c, a seconda dei distretti epigrafici. Dalla forma base perc/k- si sviluppano forme in perc/k-a, perc/k-u, perc/k-e (come in perkena: Vt 3.5 = TLE s.v. VII sec. a.C., mini muluvunike pisna perkena). Molti sono i perknaś documentati a Spina nel III sec. a.C., per i quali è difficile ricostruire la vocale della base onomastica (*perca-? *perce- o *percu-). L’oscillazione tra basi onomastiche uscenti in vocali diverse è fatto noto, già studiato negli imprestiti greci in Etrusco da C. de Simone49 e in numerose trattazioni successive, cui rimandiamo. Ciò che preme qui rilevare è la corrispondenza tra una base onomastica retica *perku- e le varie forme etrusche corrispondenti.

Susinu (MLR 56)

32Da Magrè, luogo di culto in loc. Castello, proviene il corno di cervo, datato III-II sec. a.C., che reca sulla parte convessa la scritta knuse susinu. Sul lato opposto si legge il numerale IXII. Si tratta di una formula onomastica in cui Knuse può costituire il prenome, e Susinu il patronimico maschile in -nu.

33La base ricostruibile di questo nome è *susi- come mostra anche la serie etrusca, che vede attestati il gentilizio in -na Susinal al genitivo (da *susi-na a Chiusi, CIE 2824 = AS 1.500: l.teti.susinal), il gent. femminile Susinei, sempre a Chiusi (CIE 2815 = Cl 1.2284: 1susinei2pumpna3sa) e il gentilizio sempre chiusino Susine (CIE 1622 = Cl 1.746 θa.susine). Il nome retico e quelli etruschi sono di età recente. Se si tratta di un imprestito dal mondo etrusco a quello retico, il nome è comunque adattato alla morfologia retica, con sostituzione del suffisso patronimico maschile -na con quello retico -nu. Non è però da escludere anche in questo caso che entrambi i propria si siano sviluppati autonomamente da un appellativo *suse divenuto poi prenome.

Velχanu (MLR 26)

34Il patronimico maschile Velχanu costituisce uno dei nomi iscritti sulla situla in bronzo detta «Giovannelli», o «situla di Cembra», proveniente dal Dos Caslir di Cembra (TN). I testi sono iscritti sul manico (a) e sull’orlo (b, c). Sono state individuate in totale otto parole, divise in tre unità comunicative, di cui quella b) sull’orlo divisa in ulteriori tre testi, distanziati tra loro da spazi. Le singole unità testuali sono in scriptio continua. La cronologia epigrafica del nome Velχanu (testo b1) è da porre tra la fine del VI e la metà del V sec. a.C. Formalmente si tratta di un patronimico in -nu da un prenome *Velχa, finora non attestato come tale in retico. In ambito etrusco, il nome è presente nella forma Velχa (prenome), da cui Vel Velχanei (gentilizio femminile) etc. (Ta, Cl, Vs, Cr, La, Pe, Pa, Ar); Prosopogr. I.1, p. 179, Ta, IV s.; Marchesini 1997, p. 104, PN arc. a Caere, 660-630 a.C. mi velχas). È in questo caso possibile una mobilità di persone, oltre che uno sviluppo autonomo del nome a partire dal lessico.

Φelna (MLR 26)

35Sulla stessa situla descritta sopra dal Dos Caslir di Trento è attestata, nel testo c) inciso sull’orlo e datato epigraficamente alla fase I Sanzeno (tra fine VI e inizi del V sec. a.C.), la formula onomastica Φelna Vinutalina, costituita da prenome e patronimico femminile in -na. Il prenome trova corrispondenza in Etrusco, dove a Perugia è attestato nella formula onomastica di II sec. a.C. larθ φelnaś larθial (CIE 4509 = Pe 1.1270), costituita da prenome (Larθ) da due nomi aggiunti, entrambi in genitivo, individuabili come patronimico (Φelnaś) e metronimico (Larθial), ovvero nome del padre e della madre espressi in genitivo. La voce chiusina φeln di CII 805 (TLE 2. s.v.), letta ?]ḥela[? in ET (Meiser, Rix) è troppo incerta per essere qui inserita nel confronto.

Vepelie (MLR 153)

  • 50 Su Rute/Rutele e sul morfema etrusco -le/-la e varianti cfr. De Simone 2006, in particolare alle p (...)

36Il nome è attestato a Sanzeno, Loc. I Casalini, su una placchetta di bronzo a forma di due protomi di cavallo affrontate (nota come «pariglia siamese nr. 2»). Il contesto di rinvenimento è riportato dalla letteratura archeologica come un «deposito» nei pressi di un vano abitativo (Vano A). L’iscrizione si data tra la fine del VI/inizi V e la metà del V sec. a.C. Due sono le parole incise nella placchetta: erikian e vepelie. Se è impossibile individuare la natura lessicale di erikian, possibile prenome o nome comune, la forma Vepelie potrebbe trovare corrispondenza in Etrusco, dove a Spina (dall’abitato, Valle del Mezzano, piatto acromo di un orizzonte cronologico di metà/fine V sec. a.C.: REE 46, 1978, p. 289-291 a cura di M. Cristofani = ET Sp 0.4) sono attestate nella stessa iscrizione sia la forma base vep̣eś in genitivo, sia il derivato vep̣ele con suffisso diminutivo di ascendenza latino/italica in -le (cfr. per la derivazione Tite: Titele, Rute: *Rutele, attestato indirettamente da Rutelna)50. Considerando -lie una variante di -le (cfr. *Kasa-lie-na attestato nella forma Kasalienna(ia)), è facile ricostruire per il nostro Vepelie una forma base *Vepe, comune a Etrusco (padano) e Retico.

 

37La natura delle attestazioni sopra descritte non può essere riferita unicamente a presenza stanziale di etruschi nell’area retica o a fatti di moda. Come visto, nella maggior parte dei casi non si tratta di nomi semplicemente adattati a vari livelli alla fonetica o alla morfologia locale. Si tratta piuttosto di basi onomastiche comuni per le due lingue, che hanno prodotto forme secondarie in modo autonomo. Gli appellativi, o nomi comuni alla base di entrambe le lingue sono rimasti fotografati come fossili nell’onomastica personale, con valore semantico non più individuabile dagli stessi parlanti, proprio come sfugge anche a noi oggi il significato originario e l’etimologia di molti nomi personali. Questo procedimento può diventare uno strumento euristico per casi analoghi di lingue di frammentaria attestazione laddove, come spesso accade, il repertorio onomastico è la parte linguistica più cospicua delle attestazioni epigrafiche.

Haut de page

Bibliographie

Agostiniani 2003 = L. Agostiniani, Aspetti formali e semantici del suffisso di diminutivo -za in etrusco, in Studi Etruschi, 69, 2003, p. 183-193.

Agostiniani 2011 = L. Agostiniani, Pertinentivo, in Alessandria, 5, 2011, p. 17-44.

Aikhenwald – Dixon 2001 = A.Y. Aikhenwald, R.M.W. Dixon (a cura di), Areal diffusion and genetic inheritance. Problems in comparative linguistics, Oxford, 2001.

Ampolo 1975 = C. Ampolo, Gli Aquilii del V secolo a.C. e il problema dei Fasti Consolari più antichi, in La Parola del Passato, 155, 1975, p. 410-416.

Belfiore 2015-2016 = V. Belfiore, Nuovi spunti di riflessione sulle lamine di Pyrgi in etrusco, in Bellelli – Xella 2015-2016, p. 103-134.

Bellelli – Xella 2015-2016 = V. Bellelli, P. Xella (a cura di), Le lamine di Pyrgi. Nuovi studi sulle iscrizioni in etrusco e in fenicio nel cinquantenario della scoperta, in SEL, Studi Epigrafici e Linguistici sul Vicino Oriente Antico, n.s., 32-33, 2015-2016.

Booij 1995 = G. Booij, The grammar of words. An introduction to linguistic morphology, Oxford, 2005.

Booij 2000 = G. Booij, 35. Morphology and phonology, in A. Burkhardt, G. Steger, H.E. Wiegand, (a cura di), Morphologie / Morphology, Berlino-New York, 2000 (Handbücher zur Sprach- und Kommunikationswissenschaft, 17,1), p. 335-344.

Campbell 2003 = L. Campbell, How to show languages are related: methods for distant genetic relationship, in B.D. Joseph, R.D. Janda (a cura di), The handbook of historical linguistics, Oxford-Melbourne-Berlino, 2003, p. 262-282.

CIE = Corpus Inscriptionum Etruscarum, Lipsia-Firenze-Roma, 1893-

Clackson 2007 = J. Clackson, Indo-European linguistics. An introduction, Cambridge, 2007.

Coppin 2008 = B. Coppin, Automatic language similarity comparison using n-gram analysis, Diss. Queens’ College, Cambridge, 2008.

Cortsen 1938 = S.P. Cortsen, L’inscription de Lemnos, in Latomus, 2, 1938, p. 3-9.

Coseriu s. d. = E. Coseriu, Nombre Proprio [online: www.coseriu.de.]

Cristofani 1986 = M. Cristofani, G. Genucius Clevsina pretore a Caere, in Archeologia nella Tuscia, II. Atti degli Incontri di Studio 1984, Roma, 1986, p. 24-26.

De Simone 1989-1990 = C. de Simone, *Numasie/*Numasio-: le formazioni etrusche e latino-italiche in -sie/-sio-, in Studi Etruschi, 56, 1989-1990, p. 191-215.

De Simone 1989 = C. de Simone, Etrusco Acvilna latino Aquilius. Un problema di intercambio onomastico, in La Parola del Passato, 44, 1989, p. 263-280.

De Simone 2006 = C. de Simone, I ‘Rossi’ in Etruria: il nome dei Rutili, in Incidenza dell’Antico, 4, 2006, p. 111-140.

De Simone 2009a = C. de Simone, La nuova iscrizione tirsenica di Efestia, in A. Archontidou, C. de Simone, E. Greco (a cura di), Gli scavi di Efestia e la nuova iscrizione ‘tirsenica’, in Tripodes, 11, 2009, p. 3-58.

De Simone 2009b = C. de Simone, Etrusco e Tirrenico di Lemnos (stele) le forme verbali marvas ~ maras, in Mediterranea 6, 2009, Pisa-Roma, p. 9-133.

De Simone 2010 = C. de Simone, Etrusco arcaico (Caere[?], VII sec. a.C.), Numasia(na) ~ presestino Numasio-: chiuso ormai un annoso dibattito, in Oebalus, 5, 2010, p. 7-51.

De Simone 2013 = C. de Simone, Analisi Linguistica, in De Simone – Marchesini 2013, p. 55-72.

De Simone 2015 = C. de Simone, Etrusco Kuršike < *Κορσικός ed il nome latino-italico degli Etruschi: *Tursikos (< *Τυρσικός) > *tursko- > *tusco-, in Oebalus, 10, 2015, p. 205-242.

De Simone – Marchesini 2013 = C. de Simone, S. Marchesini (a cura di), La Lamina di Demlfeld, Roma-Pisa, 2013 (Mediterranea, Suppl. 8).

ET = G. Meiser H. Rix., Etruskische Texte, Editio minor, Tübingen, 2014.

Ficuciello 2013 = L. Ficuciello, Lemnos. Cultura, storia, archeologia, topografia di un isola del Nord Egeo, Atene, 2013 (Monografie della Scuola Archeologica di Atene e delle Missioni Italiane in Oriente, 20, 1/1; Lemno 1, 1).

LGPN VB = J.-S. Balzat, R.W.V. Catling, É. Chiricat, F. Marchand (a cura di), A lexicon of Greek personal names, vol. V B, Coastal Asia Minor: Caria to Cilicia, Oxford, 2013.

Marchesini 1997 = S. Marchesini, Studi onomastici e sociolinguistici sull’Etruria arcaica: il caso di Caere, Firenze, 1997.

Marchesini 2011 = S. Marchesini, Suffixkomposition und die “Word Formation Rules” (WFR) am Beispiel einer vorrömischen agglutinierenden Sprache (Etruskisch), in T. Krisch, T. Lindner (a cura di), Indogermanistik und Linguistik im Dialog. Akten der XIII. Fachtagung der Indogermanischen Gesellschaft vom 21. bis 27. September 2008 in Salzburg, Wiesbaden, 2011, p. 377-395.

Marchesini 2012 = S. Marchesini, La ricezione di elementi cultuali allogeni in ambito etico: Taranis in Val di Fiemme (TN), in C. Regoli (a cura di), Mode e Modelli. Fortuna e insuccesso nella circolazione di cose e idee, Roma, 2012 (Officina Etruscologia, 7), p. 177-190.

Marchesini 2013a = S. Marchesini, I rapporti etrusco/retico-italici nella prima Italia alla luce dei dati linguistici: il caso della “mozione” etrusca, in Rivista Storica di Antichità, 43, 2013, p. 9-31.

Marchesini 2013b = S. Marchesini, Considerazioni storico-linguistiche, in De Simone – Marchesini 2013, p. 73-89.

Marchesini 2014a = S. Marchesini, Über die rätische Inschrift aus Pfatten/Vadena im Tiroler Landesmuseum Ferdinandeum, in Wissenschaftliches Jahrbuch der Tiroler Landesmuseen, 2014, p. 203-217.

Marchesini 2014b = S. Marchesini, Nuove iscrizioni da Cles e Sanzeno (Trento), in R. Roncador, F. Nicolis (a cura di), Antichi popoli delle Alpi. Sviluppi culturali durante l’età del Ferro nei territori alpini centro orientaliAtti della giornata di studi internazionale, 1. Maggio 2010, Sanzeno, Trento, Trento, 2014, p. 127-144.

Marchesini – Roncador 2016 = S. Marchesini, R. Roncador, Celts and Raetians in the Central-eastern Alpine region during the Second Iron Age: multidisciplinary research, in I. Armit, H. Potrebica, M. Črešnar, P. Mason, L. Büster (a cura di), Cultural encounters in Iron Age Europe, Budapest, 2016, p. 267-284. 

Marinetti 1987 = A. Marinetti, L’iscrizione retica (PID 247) da Ca’ dei Cavri (Verona), in A. Aspes (a cura di), Prima della storia. Inediti di 10 anni di ricerche a Verona. Catalogo della mostra, Museo Civico di Storia Naturale, Verona, 2 luglio-30 novembre 1987, Verona, 1987, p. 131-140.

Marinetti 1990-1991 = A. Marinetti, Una iscrizione retica su un piccolo osso di animale dal Maton di Castelrotto, in Annuario Storico della Valpolicella, 1990-1991, p. 39-42.

Marinetti 1992 = A. Marinetti, Documenti epigrafici da S. Lorenzo di Sebato (Val Pusteria, Bolzano), in I.R. Metzger, P. Gleirscher (a cura di), I Reti / Die Räter, Bolzano-Bozen, 1992, p. 691-700.

Marinetti 2000 = A. Marinetti, Le iscrizioni sui materiali da Montorio (Verona), in Quaderni di Archeologia del Veneto, 16, 2000, p. 74-77.

Marinetti 2002 = A. Marinetti, Scheda 19. Spiedo, in AKEO. I tempi della scrittura. Veneti antichi. Alfabeti e documenti, Montebelluna, Museo di Storia Naturale e Archeologia, 3 dicembre 2001-26 maggio 2002. Alfabeti e caratteri, Cornuda, 2002, p. 185-186.

Marinetti 2003 = A. Marinetti, Iscrizioni retiche di San Giorgio di Valpolicella, in Quaderni di Archeologia del Veneto, 19, 2003, p. 111-117.

Marinetti 2004a = A. Marinetti, Nuove iscrizioni retiche dall’area veronese, in Rivista di Epigrafia Italica, Studi Etruschi, 70, 2004, p. 408-420. 

Marinetti 2011 = A. Marinetti, Le iscrizioni retiche dal Bostel di Rotzo (Vicenza), in Quaderni di Archeologia del Veneto, 27, 2011, p. 201-203.

Marinetti – Voltolini 2013 = A. Marinetti, D. Voltolini, Oracoli e sortilegi. 12.I.1., Corna di cervo iscritte, in M. Gamba, G. Gambacurta, A. Ruta Serafini, V. Tiné, F. Veronese (a cura di), Venetkens. Viaggio nella terra dei Veneti antichi. Catalogo della mostra, Palazzo della Ragione, Padova, 6 aprile-17 novembre 2013, Padova, 2013.

Marzatico 1999 = F. Marzatico, Apporti etrusco-italici nell’area retica, in Protostoria e storia del “Venetorum angulus”. Atti del XX Convegno di Studi Etruschi e Italici, Portogruaro – Quarto d’Altino – Este – Adria, 16-19 ottobre 1996, Pisa-Roma, 1999, p. 475-484.

Marzatico 2001 = F. Marzatico, La seconda età del Ferro, in M. Lanzinger, F. Marzatico, A. Pedrotti (a cura di), Storia del Trentino, I. La preistoria e la protostoria, Bologna, 2001, p. 479-573.

Marzatico 2004 = F. Marzatico, Prestigio, potere e lusso nel mondo alpino a sud del Brennero, dall’età del Bronzo all’età del Ferro, in F. Marzatico, P. Gleirscher (a cura di), Guerrieri, principi ed eroi fra il Danubio e il Po. Catalogo Mostra, Trento, 2004, p. 367-383. 

Marzatico 2012 = F. Marzatico, La cultura del vino nel mondo retico: aspetti ideologici e archeologici, in A. Calò, L. Bertoldi Lenoci, M. Pontaldi, A. Scienza (a cura di), Storia regionale della vite e del vino in Italia. Trentino, S. Michele All’Adige, 2012, p. 95-118.

NRIE = M. Buffa, Nuova Raccolta di Iscrizioni Etrusche, Firenze, 1935.

PID = R.S. Conway, J. Whatmough, S.E. Johnson (a cura di), The Prae Italic dialects of Italy, Cambridge (Mass.), 1933.

Poetto – Facchetti 2009 = M. Poetto, G.M. Facchetti, L’aryballos di Araθ Numasiana, in Oebalus, 4, 2009, p. 365-384.

REE = Rivista di Epigrafia Etrusca, Studi Etruschi.

Rix 1963 = H. Rix, Das etruskische Cognomen, Wiesbaden, 1963.

Rix 1984 = H. Rix, La scrittura, La lingua, in M. Cristofani (a cura di), Gli Etruschi, una nuova immagine, Firenze, 1984, p. 213-238.

Rix 1998 = H. Rix, Rätisch und Etruskisch, Innsbruck, 1998.

Roncador 2017 = R. Roncador, Celti e Reti. Interazioni tra popoli durante la Seconda età del Ferro in ambito alpino centro-orientale, Roma, 2017.

Sassatelli 2013 = G. Sassatelli, Etruschi, Veneti e Celti. Relazioni culturali e mobilità individuale, in G.M. Della Fina (a cura di), Mobilità geografica e mercenariato nell’Italia preromana. Atti del XX Convegno Internazionale di Studi sulla Storia e l’Archeologia dell’Etruria, in Atti della Fondazione per il Museo “Claudio Faina”, 20, 2013, p. 397-427.

Schumacher 2009 = S. Schumacher, Eine neue venetische Inschrift aus Ampass bei Hall in Tirol, in R. Nedoma, D. Stifter (a cura di), *h2nr, Festschrift fr Heiner Eichner, dossier in Die Sprache, 48, 2009, p. 201-208.

Schürr 2014 = D. Schürr, Etymologische Bemühungen um Fritzens (Nordtirol), in Beiträge zur Namenforschung, 49, 2014, p. 193-219.

Tecchiati – Rizzi 2014 = U. Tecchiati, G. Rizzi, La “Casa delle botti e delle ruote”: scavo di un edificio incendiato del V sec. a.C. nella piana di Rosslauf a Bressanone (BZ), in R. Roncador, F. Nicolis (a cura di), Antichi popoli delle Alpi. Sviluppi culturali durante l’età del Ferro nei territori alpini centro-orientali, Atti del Convegno, Sanzeno, 1 maggio 2010, Trento, 2014, p. 73-103.

Tomedi et al. 2006 = G. Tomedi, S. Hye, R. Lachberger, S. Nicolussi Castellan, Denkmal-schutzgrabungen am Heiligtum am Demlfeld, in Ampass 2006. Ein Vorbericht, Wattens, 2006 (ArchaeoTirol, Kleine Schriften, 5), p. 116-122.

Untermann 1959 = J. Untermann, Namenlandschaften in Oberitalien, in Beiträge zur namenforschung, 10, 1959, p. 74-108 e p. 121-159.

Untermann 1961 = J. Untermann, Die Venetischen Personennamen, Wiesbaden, 1961.

Van Heems 2008 = G. van Heems, Diminutifs, sobriquets et hypocoristiques étrusques, in P. Poccetti (a cura di), Les prénoms de l’Italie antique. Actes de la journée d’étude, Lyon, 2004, Pisa-Roma, 2008, p. 69-110.

 

Haut de page

Notes

1 Rix 1998.

2 Marinetti 2000.

3 Marinetti 2003 e 2005; Marinetti 2004.

4 Marinetti 1990-1991.

5 Marinetti 2011.

6 Marinetti 1987.

7 Marinetti 1992.

8 Marinetti 2002.

9 Marinetti – Voltolini 2013.

10 Thesaurus Inscriptionum Raeticarum: http://www.univie.ac.at/raetica/wiki/Main_Page.

11 De Simone – Marchesini 2013.

12 Tomedi et al. 2006.

13 Recentemente D. Schürr (Schürr 2014, p. 213-214) ha riletto l’iscrizione di Demlfeld ribaltando completamente il senso del testo e facendone una dedica privata: «Gegeben von Tauki, von (dem Sohn/der Tochter des?) Kleimuntei. Für die Avaśuer». La nuova lettura si basa sulla proposta che la 10° lettera della 4° riga, letta in De Simone – Marchesini 2013 come una epsilon (tauke), sia in realtà l’unione di uno iota e un sigma. L’asta obliqua della epsilon sarebbe secondo Schürr troppo lunga, mentre meglio si accorderebbe come l’ultimo tratto del sigma; non ci sarebbe spazio per le altre aste della epsilon. La proposta di Schürr è sensata e anche plausibile. Inoltre, il genitivo di un nome personale ben si accorda con il nome verbale upiku. Faccio solo presente che nella stessa lamina, una epsilon (la seconda di Kleimunteis) presenta l’ultimo tratto obliquo in basso più lungo degli altri due e una dimensione comparabile con quella della epsilon. Una crux rimane purtroppo l’effettiva posizione di un eventuale iota (di taukis) come anche la sua distanza effettiva dal segno sigma che segue. Gli altri sigma presenti nell’iscrizione sono più distanziati dalla lettera precedente o seguente. D’altro canto, a favore della lettura tauke parlano i seguenti fattori: lo spazio a disposizione in fine di riga dopo tauk- è ampio, e potrebbe giustificare un’estensione della epsilon, mentre non spiegherebbe l’accostamento eccessivo di iota+sigma. Il contesto archeologico e linguistico fa tenere distinto questo testo dagli altri due portati a confronto da Schürr. Negli altri due casi citati di upiku+genitivo del nome che segue (MLR 272 testo di Settequerce/Siebeneich e Verona, Ca’ dei Cavri MLR 290) si tratta di oggetti dedicati probabilmente in ambito privato, come si può capire dalle formule onomastiche espresse, mentre nel caso della lamina di Demlfeld il testo proviene dal contesto sacro di un Brandopferplatz, ovvero un rogo votivo. Non sappiamo cosa fosse scritto nelle prime due righe della lamina, ma è da aspettarsi la citazione dell’oggetto della dedica. Ammessa la possibilità di una lettura diversa, il punto più debole della ricostruzione e conseguente traduzione di Schürr è sulla resa sintattica del testo. Ricostruendo un genitivo in Taukis (trascritto Θaukis secondo la convezione usata da Schumacher nel suo corpus e nel Thesaurus) rimane la difficoltà di spiegare il pertinentivo che segue, Kleimunteis, reso nella traduzione «von (dem Sohn/der Tochter des?) Kleimuntei». Avremmo quindi una dedica di Tauki (genitivo), cui seguirebbe un dativo del nome aggiunto (patronimico) Kleimuntei. Vi sarebbe dunque una mancata concordanza tra prenome e nome aggiunto, oltre ad un’espressione del nome aggiunto senza i consueti morfemi –na (f.)/–nu (m.), usati in retico per costruire patronimici. La consuetudine testuale di dediche votive può prevedere sì il genitivo della persona che dedica, ma nella sintassi onomastica PN e patronimico sono sempre, in etrusco e in retico, espressi allo stesso caso, con le eccezioni del cd. «genitivo afunzionale» del nome aggiunto – e non del PN – (su cui cfr. Marchesini 2011). Infine, la designazione di un «Objektbezeichnung» di tre lettere come ultima parola del testo appare poco plausibile, dato che in molti testi retici, alla fine o all’inizio di un testo stanno sigle e marchi e non l’oggetto della dedica. Si ricorda che l’ordo verborum solitamente scelto in Retico, come in Etrusco nei testi di dedica è S(oggetto)O(ggetto)V(erbo), talvolta OSV, ma non SVO.

14 Su cui cfr. De Simone 2009a.

15 Su Lemnos, si veda da ultimo Ficuciello 2013.

16 De Simone 2009a.

17 Marchesini 2012, 2014a e 2014b.

18 Cfr. su questo aspetto Marchesini 2013b.

19 Coppin 2008; Campbell 2003, p. 264; Clackson 2007, p. 18; Aikhenwald – Dixon 2001, p. 7.

20 Il segno a freccia , presente nell’alfabeto di Sanzeno e assente nella sua variante (più tarda) di Magrè, ha probabilmente il valore di una spirante dentale, ma non sappiamo in che modo alternasse fonologicamente con il segno tau o con il theta. Nella trascrizione dei testi retici si è preferito, come per alcuni segni etruschi di valore fonologico incerto, di lasciare il segno originario, non traslitterato.

21 In realtà vi sono delle possibilità di lettura alternativa per l’attestazione sulla stele di Lemnos, come ricorda de Simone 2009b, p. 128: già Cortsen (1938, p. 3-4) aveva letto la sequenza maras mav (nella iscrizione A della stele) come *maras-m avi(ls), corrispondente al testo in B maras-m avi(ls) aomai.

22 Liv., 5, 33, 5.

23 Rix 1998; De Simone 2013.

24 Per un quadro di insieme si veda Coseriu s. d.

25 Untermann 1961, s.v.

26 Marchesini 2012.

27 Marchesini 2014a.

28 Schumacher 2009.

29 Su cui cfr. anche Marchesini – Roncador 2016. Da ultimo si veda sulla necropoli e sulla questione della presenza celtica in area retica Roncador 2017, p. 225-227.

30 Sassatelli 2013.

31 Marzatico 1999, 2000, 2001, 2004, e soprattutto 2012.

32 Tecchiati, Rizzi 2014.

33 Untermann 1959, p. 86 n. 16.

34 Rix 1998, p. 12.

35 Marchesini 2013a.

36 Nella nuova edizione Etruskische Texte di Meiser – Rix 2014 (= ET) si legge aville.

37 Sulla corrispondenza etr. Acvilna: lat. Aquilius cfr. Ampolo 1975 (sul piano storico) e de Simone 1989 e poi 2015 (sul piano linguistico).

38 Su cui recentemente si veda il volume miscellaneo dedicato Bellelli – Xella 2015-2016.

39 L’iscrizione è purtroppo dispersa e nota solo da un apografo del PID, che riporta i due grafemi M (= ś).

40 Sui diminutivi etruschi, oltre ad Agostiniani 2003 si veda più recentemente anche Van Heems 2008.

41 Rix 1963, p. 265-267.

42 Cristofani 1986.

43 Su questo aspetto cfr. Marchesini 2011, p. 382-383. Sui cohering suffixes si veda ad esempio Booij 1995, p. 155-156; Booij 2000, p. 341.

44 Sulla famiglia onomastica derivata da *curtu cfr. Marchesini 1997, p. 143-144.

45 Marchesini 2014b, p. 135.

46 Cfr. ad esempio Velθur: Velθur-u-si per i nomi in -r e Venel: Venel-u-si per quelli in -l.

47 Sulla distribuzione tra i suffissi di pertinentivo -si e -ale cfr. Rix 1984, p. 227. Sul pertinentivo si veda da ultimo Agostiniani 2011.

48 L’edizione si deve a Poetto – Facchetti 2009; cfr. anche, sulle formazioni in -sie/-sio si veda de Simone 1989-1990 e 2010, in particolare p. 28.

49 De Simone 1970.

50 Su Rute/Rutele e sul morfema etrusco -le/-la e varianti cfr. De Simone 2006, in particolare alle p. 127-136.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Simona Marchesini, « L’onomastica nella ricostruzione del lessico: il caso di Retico ed Etrusco », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité, 131-1 | -1, 123-136.

Référence électronique

Simona Marchesini, « L’onomastica nella ricostruzione del lessico: il caso di Retico ed Etrusco », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 131-1 | 2019, mis en ligne le 30 juin 2019, consulté le 19 février 2020. URL : http://journals.openedition.org/mefra/7613 ; DOI : https://doi.org/10.4000/mefra.7613

Haut de page

Auteur

Simona Marchesini

Alteritas – Interazione tra i popoli, s.marchesini@progettoalteritas.org

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals